I covered Bonds in comparazione con le cartolarizzazioni di mutui (RMBS)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I covered Bonds in comparazione con le cartolarizzazioni di mutui (RMBS)"

Transcript

1 I covered Bonds in comparazione con le cartolarizzazioni di mutui (RMBS) Intervento del Dr. Sandro Cocco Responsabile Servizio Finanza Strategica di Banca Intesa SpA Roma,, 15 e 16 marzo 2004

2 Strumenti di gestione e finanziamento per i mutui fondiari Titoli obbligazionari unsecured destinati alla rete o al mercato internazionale Finanziamento dell impiego a lungo termine tramite la raccolta a breve Cartolarizzazione (RMBS) Cessione sul mercato secondari dei crediti Covered Bonds (Obbligazioni Garantite)

3 Obbligazioni unsecured Obbligazioni retail destinate alla rete filiali tradizionalmente emissioni per scadenze intorno a 5 anni, spesso strutturate. È limitata la reattività delle reti retail per scadenze superiori Obbligazioni unsecured destinate al mercato internazionale Si intravede una nuova tendenza delle banche italiane ad esplorare scadenze più lunghe dei 5 anni, permane tuttavia una certa difficoltà di accesso al lungo termine, legata ai bassi rating di molte banche italiane

4 Recenti titoli internazionali di banche italiane a tasso variabile 4 7 anni Data di lancio DESCRIZIONE RATINGS FRQ SPREAD Imp ort o Maturity/Call date VALUTA ORIGINA LE CAPOFILA Bloomb BLOOM BERG VITA (in anni) 28-Mar- Banca Intesa A1 A1 / A % Apr Apr- CABOT O m + 18 CA BO Sep- Banca Marche CALL Baa1 STUP poi +95 Baa % Oct Oct- IMI LEHMAN m + 36 BP EX Sep- Capitalia A2/BBB+/NA A % Oct Oct- JPM MCC UBS m + 38 IMI T Oct- Bca Pop Verona A2/A A2/A % Oct Oct- BASL CITI ML m + 19 CA BO Oct- Unicredito Aa2/AA- Aa % Oct Oct- UBM m + 11 BP EX Oct- Credito Valtellinese Baa1 Baa % Oct Oct- IMI CABOTO m + 28 IMI T Dec- Monte dei Paschi A1/A A1/A % Dec Dec- MPS LEH UBS m + 21 AK RO Dec- BNL A2 BBB+ A % Dec Dec- BBVA BASL LEH m + 25 BB VA Feb- 04 SanPaolo IMI Aa3/A* Aa % Feb Feb- 04 ABN,BC.AIMI,CDC m + 18 IMI T Mar- 04 BNL A2 BBB+ A % Mar Mar- 04 BBVA BNL CITI NOMURA m + 30 IMI T 6.99

5 Titoli di banche internazionali a tasso fisso 5 10 anni Data di Lancio DESCRIZIONE Amount COU PON MATURITY /CALL DATE VALUE DATE LEAD BID Bloom berg SPREAD VITA 06-Jan-99 DEUTSCHE BANK Aa3 Aa Jul Jan-99 DEUTSCHE FINANCE (NETHERLAN DS) BV Feb-99 COMMERZBANK Aa3 Aa Oct Feb- 99 ABN COMMERZ SG Mar-00 SNS Bank A2/A A Apr Apr-00 Barclay BNP Sep- HSH Nordbank Aa1/AA- Aa Sep Sep- CITI DB HSBC WLB May- Citigroup INC Aa1/AA- Aa May May- Citi Jan-00 COMMERZBANK A1 A Oct Feb- 00 ABN COMMERZ SGEN May-01 DEUTSCHE BANK Aa3 Aa May May- 01 DEUTSCHE Jan-01 COMMERZBANK Aa3 Aa Oct Jan-01 COMMERZ SOGEN Nov-01 Erste Bank A1/A A Dec Dec- 01 BNP JPM Mar-02 CCCI A1/A+ A Apr Apr-02 Barclays CDC Jul- Banca Monte Paschi A1 A Jul Jul- HSBC MPS Jan-04 WESTLB AG Ad1 Aa Jan Jan-04 West LB Jan-04 Unicredito Italiano Aa2/AA- Aa Jan Jan-04 JPMC UNIC

6 Nuove tendenze sui mutui ipotecari Nuove tendenze sui mutui ipotecari Fonte: Banca d Italia Nuovi Nuovi mutui mutui ipotecari ipotecari (milioni (milioni di di Euro) Euro) Tassi d Tassi d interesse medi per le famiglie (ST/MT interesse medi per le famiglie (ST/MT)

7 Potenziale di crescita dei mutui ipotecari rispetto alla crescita del mercato immobiliare italiano Indice Index totale Total dei New nuovi Mortgages mutui ipotecari (basis: 1996=100) (base: 1996=100) Indice dei prezzi degli immobili residenziali Fonte: Banca d Italia

8 Italia: molti i proprietari di case, pochi i mutuatari ipotecari Fonte: Banca d Italia Importo di mutuo per abitante Percentuale di proprietà (immobili residenziali) in Europe

9 Nuove tendenze sui mutui ipotecari Nuove tendenze sui mutui ipotecari Tassi storici dei mutui alle famiglie Fonte: Banca d Italia Jan-97 Jul-97 Jan-98 Jul-98 Jan-99 Jul-99 Jan-00 Jul-00 Jan-01 Jul-01 Jan-02 Jul-02 Jan- Jul- Jan-04 Cronologia Tassi

10 Italia Durata del mutuo Italia: la durata del mutuo Italia: 4,9% 5,1% 6,9% 4,9% 6,6% 8,7% 23,2% 22,5% 24,6% 36,6% 34,9% 32,8% 30 anni 25 anni 20 anni 15 anni 10 anni < 10 anni 26,5% 26,2% 23,4% 4,0% 4,7% 3,6% I sem 02 II sem 02 I sem La crescente domanda di mutui in Italia negli ultimi anni si è a ccompagnata ad un evidente allungamento delle scadenze dei mutui stessi. Fonte: Borsa Immobiliare

11 L Europa dei Covered Bonds Paesi nei quali una legislazione sui cb è in corso di studio Paesi dell UE con una legge sui CB già in essere Altri paesi Europei con una legge sui CB già in essere. Paesi nei quali vengono emessi CB senza specifica legislazione

12 Gli investitori mondiali sui Covered Bonds

13 Euro Jumbo Covered Bonds in essere (oltre 1 miliardo di Euro in emissione) Numero di emissioni in essere Volumi totali (Euro mld) Cédulas Hipotecarias Irish ACS Lettres de Gage Mortgage Pfandbriefe Obligations Foncières 24 46, ,50 4 4, , ,50 (settembre 20) 167,30 Fonte:ABN-Amro, Sett. 20

14 Strumenti a confronto Categorie Funding tradizionale (emissione unsecured ) RMBS Covered Bonds Bilancio ON OFF ON Liberazione di Capitale Reg. secondo Basilea I No liberazione di capitale Ponderazione 50% No liberazione di capitale Liberazione di Capitale Reg. secondo Basilea II No liberazione di capitale Ponderazione 35% No liberazione di capitale Trasferimento del rischio degli attivi collateralizzati Costo medio ponderato del funding (*) NO SI NO Euribor + 20 Euribor + 25bps Euribor + 5 bps Ipotesi di vita (media per RMBS) 5 anni 5 anni 5 anni Tempistica / difficoltà di esecuzione Bassa Alta Media (*) - Caso di banca italiana con rating A1

15 Altre differenze dei Covered Bonds vs gli RMBS PRO Maggiore flessibilità nella sostituzione degli assets non soggetti ad emissione di junior tranches costose e, spesso, di difficile vendibilità, Struttura documentale abbastanza snella, rapida e spesso codificata in programma di emissione (contro la complessa strutturazione one-off dei MBS/RMBS) Struttura priva di tranching (presente invece nell RMBS) Contrattazione in mercati più efficienti (es. EuroCreditMTS o EuroMTS) - Maggiore liquidità Normalmente, importi superiori all RMBS Gode sia della garanzia della collateralizzazione che della banca a emittente (l RMBS può contare soltanto sulla garanzia fornita dal portafoglio di attivi) CONTRO Nessun sgravio dei coefficienti patrimoniali dell emittente emittente Impossibilità per i CB di superare le soglie di emissione previste in alcuni paesi Impossibilità per i CB di superare le soglie di collateralizzazione rigidamente previste in alcuni paesi In Italia: mancanza di una legge ad hoc Il ricorso massiccio a covered bonds può nel tempo peggiorare il profilo del credito dei titoli unsecured (qualora una quantità eccessiva di attivi ipotecari sia stata sottratta al diritto dell obbligazionista ordinario e segregata a favore del solo creditore collateralizzato)

16 Principali operazioni RMBS italiane a confronto IntesaBci Sec. 2 Vela Home FE Mortgages Siena -4 Data di Closing Feb 20 Apr 20 Nov 20 Jan 2004 Valore Emissione ( ) Rating Tranche 1 Aaa/ AAA/ AAA Aaa/ AAA/ NR Aaa/ AAA/ AAA Aaa/ AAA/ AAA Tranche 2 Aaa/ AAA/ AAA Aaa/ AAA/ NR NA Aaa/ AAA/ AAA Tranche 3 Aa2/ AA/ AA Aa2/ AA/ NR A1/A/A Aa3/ AA/ AA Tranche 4 Baa2/ BBB/ BBB Baa2/ BBB/ NR Baa2/ BBB/ BBB Baa2/ BBB/ BBB Spread Tranche Tranche NA 23 Tranche ,8 45 Tranche ,8 120 Original WAL Tranche 1 1,5 3,8 8,0 1,7 Tranche 2 4,6 10,0 NA 5,6 Tranche 3 8,5 10,5 12,8 7,2 Tranche 4 8,5 10,5 12,8 7,2 Capital Structure Tranche 1 94,10% 96,47% 91,0% 92,40% Tranche 2 94,10% 96,47% NA 92,40% Tranche 3 2,00% 1,02% 6,50% 3,5% Tranche 4 3,00% 2,01% 1,50% 2,5% Credit Enhancement (Reserve/Subord.) 0,90% 0,50% 1,00% 1,60%

17 Impatto delle future modifiche regolamentari di Basilea 2: esempio per 1000 di capitale % RW % RW 13.6 A bilancio Dopo RMBS 10 Basilea 1 Basilea 2 B2 Rating Interno 17% RW

18 UK, Luglio 20: HBOS, il precursore dei Covered Bonds sintetici Halifax plc Portafoglio crediti Prezzo HBOS TREAS. HBOS SERVICES TREAS. SERVICES Corrispettivo prestito Prestito subordinato HBOS Cov. Bonds LLP Covered bond Corrispettivo emissione INVESTITORI Garanzia

19 Il modello teorico italiano di Covered Bond sintetico Portafoglio crediti BANCA MADRE EMITTENTE Prezzo SPV1 Veicolo ex L. 130 Prestito subordinato Corrispettivo prestito Covered Bond Corrispettivo emissione Ricavo Acquisto RMBS Sussidiaria estera SPV2 INVESTITORI Garanzia

20 Il modello finale? Portafoglio crediti BANCA MADRE EMITTENTE Prezzo Prestito subordinato Corrispettivo prestito SPV Veicolo ex L. 130 Covered Bond Corrispettivo emissione INVESTITORI Garanzia

Metodologia di Analisi Residential Mortgage Backed Securities. Lara Patrignani 16 Marzo 2004

Metodologia di Analisi Residential Mortgage Backed Securities. Lara Patrignani 16 Marzo 2004 Metodologia di Analisi Residential Mortgage Backed Securities Lara Patrignani 16 Marzo 2004 Agenda RMBS in Europa Metodologia di Analisi RMBS Portafoglio Immobiliare Struttura Mortgaged Covered Bonds Dimensione

Dettagli

Indirizzo Internet: http://www.dt.tesoro.it Per informazioni contattare: dt.gruppo.info@tesoro.it Dir.II - Uff. VIII

Indirizzo Internet: http://www.dt.tesoro.it Per informazioni contattare: dt.gruppo.info@tesoro.it Dir.II - Uff. VIII Indirizzo Internet: http://www.dt.tesoro.it Per informazioni contattare: dt.gruppo.info@tesoro.it Dir.II - Uff. VIII Indice Composizione dei titoli di Stato all emisione pag. 1 Composizione dei titoli

Dettagli

Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo

Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo Roma, Giugno 2007 Indice Introduzione Uso del CB: il merito di credito di partenza Uso del CB: entità/qualità

Dettagli

i dossier SECONDA PUNTATA Tutto quello che avreste voluto sapere su spread, aste, Btp e nessuno vi ha mai detto www.freefoundation.

i dossier SECONDA PUNTATA Tutto quello che avreste voluto sapere su spread, aste, Btp e nessuno vi ha mai detto www.freefoundation. 43 i dossier www.freefoundation.com SECONDA PUNTATA Tutto quello che avreste voluto sapere su spread, aste, Btp e nessuno vi ha mai detto 5 marzo 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il mercato primario

Dettagli

Le prospettive di mercato delle cartolarizzazioni. Elisa Coletti Studi e Ricerche

Le prospettive di mercato delle cartolarizzazioni. Elisa Coletti Studi e Ricerche Le prospettive di mercato delle cartolarizzazioni Elisa Coletti Studi e Ricerche Roma, 2 maggio 2 I temi principali Il mercato europeo delle cartolarizzazioni è ancora debole, ma ci sono segni di ripresa.

Dettagli

Moody s Investors Service

Moody s Investors Service IL RATING DELLE OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE ED IL FABBISOGNO DI DATI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ CREDITIZIA DEGLI ASSETS Alain Debuysscher Team Leader - Structured Finance Italy +39.02.86.337.645 alain.debuysscher@moodys.com

Dettagli

L indebitamento finanziario complessivo delle famiglie italiane (in percentuale del reddito disponibile)

L indebitamento finanziario complessivo delle famiglie italiane (in percentuale del reddito disponibile) L indebitamento finanziario complessivo delle famiglie italiane (in percentuale del reddito disponibile) 160% 150% 140% 125% 125% 120% 100% 80% 60% 61% 75% 91% 95% 40% 20% 0% Italia Francia Germania Media

Dettagli

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Seminario di confronto tra il settore bancario e l attività immobiliare Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Intervento di Andrea Ragaini Direttore Centrale GRUPPO BANCA CARIGE

Dettagli

L assicurazione del credito per le PMI Fabio Fritelli. Roma Novembre 2005

L assicurazione del credito per le PMI Fabio Fritelli. Roma Novembre 2005 L assicurazione del credito per le PMI Fabio Fritelli Roma Novembre 2005 Indice Le PMI: l asse portante dell economia italiana Vincoli finanziari per le PMI Il Mercato Europeo dei CDO Il ruolo del settore

Dettagli

Come e perché investire nei Minibond

Come e perché investire nei Minibond Come e perché investire nei Minibond 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Il mercato dei capitali in ITALIA 180% Capitalizzazione mercato azionario (%PIL) 35,0% Incidenza dei prestiti

Dettagli

PMI Mortgage Insurance Company Limited

PMI Mortgage Insurance Company Limited Gestione dei rischi e ottimizzazione del capitale PMI Mortgage Insurance Company Limited Andrea Giorio Mortgage Day Roma, 30 ottobre 2007 PMI Mortgage Insurance Company Ltd Regulated by the Irish Financial

Dettagli

Le Emissioni del Tesoro nel 2011

Le Emissioni del Tesoro nel 2011 Ministero dell'economia e delle Finanze Debito Pubblico Le Emissioni del Tesoro nel 2011 Indirizzo Internet: http://www.dt.tesoro.it Per informazioni contattare: dt.gruppo.info@tesoro.it Dir.II - Uff.

Dettagli

pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014

pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014 pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014 Quadro macro globale 60 ISM manif atturiero Usa PMI manif atturiero Germania PMI manif atturiero Cina 55 50 45 Fonte:

Dettagli

Osservatorio sul Debito della Regione Lazio. Bollettino Periodico. Febbraio 2014 - Numero 2

Osservatorio sul Debito della Regione Lazio. Bollettino Periodico. Febbraio 2014 - Numero 2 Assessorato al bilancio, Programmazione Economico-finanziaria e partecipazione Direzione Regionale Programmazione Economica, Bilancio, Demanio e Patrimonio Area Tributi, Finanza e Federalismo Osservatorio

Dettagli

Obbligazioni bancarie quotate direttamente sul MOT.

Obbligazioni bancarie quotate direttamente sul MOT. Napoli, 23 novembre 2011 Obbligazioni bancarie quotate direttamente sul MOT. Nicola Francia Responsabile prodotti quotati Italia Agenda Obbligazioni strutturate e plain vanilla: diavolo e acqua santa?

Dettagli

Giovanni Sabatini Direttore Generale ABI

Giovanni Sabatini Direttore Generale ABI BOZZA La riforma dei mini-bond. Quali opportunità per le PMI Giovanni Sabatini Direttore Generale ABI Roma, 4 marzo 2014 - Confindustria Le banche italiane ed il credit crunch Impieghi bancari alle imprese

Dettagli

BOND TARGET GIUGNO 2016

BOND TARGET GIUGNO 2016 BOND TARGET GIUGNO 2016 Fausto Artoni, Stefano Mach, Luca Lionetti Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Febbraio 2012 1 BOND TARGET GIUGNO 2016: CHE COSA E? Bond Target Giugno 2016 è un

Dettagli

Mortgage Insurance Un motore per lo Sviluppo e Innovazione dell Offerta Mutui

Mortgage Insurance Un motore per lo Sviluppo e Innovazione dell Offerta Mutui Credito alle Famiglie 2007 ABI Roma, 29 e 30 ottobre 2007 Mortgage Insurance Un motore per lo Sviluppo e Innovazione dell Offerta Mutui Corrado Pavanati Area Manager Europa Centrale AIG United Guaranty

Dettagli

Evento ABI 10 Ottobre 2013

Evento ABI 10 Ottobre 2013 Evento ABI Il punto di partenza: il debito finanziario delle aziende è di natura bancaria Finanziamenti alle imprese per provenienza (quota % sulle consistenze a fine 2012; fonte: BCE, Fed) Prestiti bancari

Dettagli

Osservatorio sul Debito della Regione Lazio. Bollettino Periodico. Febbraio 2013 - Numero 02

Osservatorio sul Debito della Regione Lazio. Bollettino Periodico. Febbraio 2013 - Numero 02 Assessorato al bilancio, Programmazione Economico-finanziaria e partecipazione Dipartimento Programmazione Economica e Sociale Direzione Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi Area Tributi, Finanza e

Dettagli

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Convegno ABI Credito alle Famiglie 2008 Mario Marangoni Banca d Italia Roma, 10 giugno 2008 1 Le regole di Basilea II per il credito immobiliare L impatto

Dettagli

Strategia di finanziamento della Repubblica Italiana L emissione sindacata del BTP trentennale. Direzione del Debito Pubblico Dipartimento del Tesoro

Strategia di finanziamento della Repubblica Italiana L emissione sindacata del BTP trentennale. Direzione del Debito Pubblico Dipartimento del Tesoro Strategia di finanziamento della Repubblica Italiana L emissione sindacata del BTP trentennale Direzione del Debito Pubblico Dipartimento del Tesoro Settembre 2003 2 Introduzione Rafforzamento del quadro

Dettagli

BOND TARGET DICEMBRE 2016

BOND TARGET DICEMBRE 2016 BOND TARGET DICEMBRE 2016 Fausto Artoni, Stefano Mach, Luca Lionetti Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Settembre 2012 1 BOND TARGET DICEMBRE 2016: CHE COSA E? Bond Target Dicembre 2016

Dettagli

L Italia nello scenario internazionale: ripartire da Golfo Persico e Mediterraneo? Giovanni Ajassa Responsabile Servizio Studi

L Italia nello scenario internazionale: ripartire da Golfo Persico e Mediterraneo? Giovanni Ajassa Responsabile Servizio Studi L Italia nello scenario internazionale: ripartire da Golfo Persico e Mediterraneo? Giovanni Ajassa Responsabile Servizio Studi Napoli, 4 dicembre 28 Crisi finanziaria e recessione globale La situazione

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) 1. A giugno 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.833 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014)

RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014) RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014) 1. A fine 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.820,6 miliardi di euro

Dettagli

IL MERCATO DEL CREDITO La ripresa inizia dai finanziamenti alle aziende

IL MERCATO DEL CREDITO La ripresa inizia dai finanziamenti alle aziende Milano 16.07.2013 Presentazione dei prezzi degli Immobili Milano e provincia presenta IL MERCATO DEL CREDITO La ripresa inizia dai finanziamenti alle aziende Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato

Dettagli

Opportunità di mercato e strategie operative nel breve periodo

Opportunità di mercato e strategie operative nel breve periodo La gestione dei rischi finanziari in tempo di crisi Opportunità di mercato e strategie operative nel breve periodo R e l a t o r e : N i c o l a F r a n c i a Obbligazioni Plain Vanilla Le obbligazioni

Dettagli

SUPPLEMENTO. (i) al prospetto di base relativo al programma di offerta e/o quotazione di obbligazioni Plain. Vanilla Tipologia Dual Currency

SUPPLEMENTO. (i) al prospetto di base relativo al programma di offerta e/o quotazione di obbligazioni Plain. Vanilla Tipologia Dual Currency SUPPLEMENTO N. 2 Sede legale in Largo Mattioli 3, Milano iscritta all Albo delle Banche con il n. 5570 Società appartenente al Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo iscritto all Albo dei Gruppi Bancari Società

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze) 1. A fine 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.830,2 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) 1. A giugno 2013 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.893 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è sempre

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze) 1. Ad agosto 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

18/10/2013-18/10/2019 ISIN:

18/10/2013-18/10/2019 ISIN: Caratteristiche principali del Prestito Obbligazionario Denominazione Strumento Finanziario Tipo investimento Emittente Rating Emittente Scheda prodotto Intesa Sanpaolo a Tasso Misto con Minimo e Massimo

Dettagli

Misurazione dei rischi nei contratti derivati

Misurazione dei rischi nei contratti derivati I nuovi scenari e i profili di rischio dei servizi di investimento Programma di Ricerca scientifica di rilevante Interesse Nazionale (PRIN) denominato MISURA Misurazione nei contratti derivati Marcello

Dettagli

Ruolo e impatto dei Mini-bond sulla gestione finanziaria delle imprese

Ruolo e impatto dei Mini-bond sulla gestione finanziaria delle imprese Milano 18 dicembre 2013 Mini-bond Meeting Ruolo e impatto dei Mini-bond sulla gestione finanziaria delle imprese Giancarlo Giudici Politecnico di Milano School of Management giancarlo.giudici@polimi.it

Dettagli

Reddito, rischio, capitale e liquidità: un corridoio stretto. ABI: Markets & Investment Banking Conference

Reddito, rischio, capitale e liquidità: un corridoio stretto. ABI: Markets & Investment Banking Conference Reddito, rischio, capitale e liquidità: un corridoio stretto ABI: Markets & Investment Banking Conference Massacesi Marco, Deputy Chief Executive Officer e CFO Banca MPS Milano, 11 Maggio 2011 L industria

Dettagli

SUPPLEMENTO. al prospetto di base relativo al programma di offerta e/o quotazione di

SUPPLEMENTO. al prospetto di base relativo al programma di offerta e/o quotazione di SUPPLEMENTO N. 1 Sede legale in Largo Mattioli 3, Milano iscritta all Albo delle Banche con il n. 5570 Società appartenente al Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo iscritto all Albo dei Gruppi Bancari Società

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

CRONOLOGIA MPS PER ARGOMENTI

CRONOLOGIA MPS PER ARGOMENTI 308 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com CRONOLOGIA MPS PER ARGOMENTI 28 gennaio 2013 a cura di Renato Brunetta CRONOLOGIA MPS 2 1990. Mps acquisita il controllo del Mediocredito Toscano

Dettagli

Lo sviluppo di un sistema automatico di valutazione del merito creditizio per l erogazione dei mutui: aspetti critici e opportunità strategiche.

Lo sviluppo di un sistema automatico di valutazione del merito creditizio per l erogazione dei mutui: aspetti critici e opportunità strategiche. Lo sviluppo di un sistema automatico di valutazione del merito creditizio per l erogazione dei mutui: aspetti critici e opportunità strategiche. L esperienza Alessandro Quadrelli, UniCredito Italiano Pietro

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) 1. A settembre 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Obiettivi del corso. Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari

Obiettivi del corso. Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari Obiettivi del corso Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari Studiare l articolazione e l organizzazione dei mercati in cui questi strumenti vengono negoziati Principali

Dettagli

Risultati di Gruppo - 2011

Risultati di Gruppo - 2011 Risultati di Gruppo - 2011 Conference Call Adolfo Bizzocchi 16 Marzo 2012 Highlights del 2011 Il Margine Finanziario è salito (+3.3% a/a) a seguito di un significativo incremento dei volumi di impiego

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2015 (principali evidenze) 1. A maggio 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.815 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Bollettino Periodico.

Bollettino Periodico. Assessorato al bilancio, Programmazione Economico-finanziaria e partecipazione Direzione Regionale Programmazione Economica, Bilancio, Demanio e Patrimonio Area Tributi, Finanza e Federalismo Bollettino

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) PRINCIPALI GRANDEZZE BANCARIE: CONFRONTO 2013 VS 2007 2007 2013 Prestiti all'economia (mld di euro) 1.673 1.851 Raccolta da clientela (mld di euro)

Dettagli

DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE

DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE (art. 54 del Regolamento Emittenti CONSOB) 19 maggio 2011 DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE (ai sensi dell'art. 54 del Regolamento Emittenti Consob) 1. COMUNICATI STAMPA

Dettagli

Cartolarizzazioni di immobili e crediti. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Cartolarizzazioni di immobili e crediti. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Cartolarizzazioni di immobili e crediti Cartolarizzazione Consiste in un operazione di conversione di assets di bilancio in titoli: consente di convertire parte delle proprie attività in titoli con la

Dettagli

Dimensionamento del mercato dei certificati in Italia

Dimensionamento del mercato dei certificati in Italia Dimensionamento del mercato dei certificati in Italia Giovanna Zanotti, Newfin, Università Bocconi Monica Masucci, EntER, Università Bocconi 8 novembre 2007 L evoluzione del mercato secondario Maggio 2006

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA IMI: APPROVATI I RISULTATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA BANCA IMI: APPROVATI I RISULTATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA BANCA IMI: APPROVATI I RISULTATI AL 31 MARZO 2015 Risultato netto consolidato di 228 milioni di euro, in aumento del 26% rispetto ai 181 milioni al 31 marzo 2014 Margine di intermediazione

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze) 1. Ad aprile 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825,8 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività 2012 Gruppo Unipol perimetro ante acquisizione Premafin Durante il 2012 le politiche di investimento hanno perseguito, in un

Dettagli

Rischio di Credito Opzioni, Futures e Altri Derivati (Capitolo 23), 8a ed., Copyright John C. Hull 2011

Rischio di Credito Opzioni, Futures e Altri Derivati (Capitolo 23), 8a ed., Copyright John C. Hull 2011 Rischio di Credito Ratings Secondo Moody s il miglior rating è Aaa, seguito da Aa, A, Baa, Ba, B, Caa, Ca e C. I corrispondenti ratings di S&P e Fitch sono AAA, AA, A, BBB, BB, B, CCC, CC e C. Le obbligazioni

Dettagli

Revisione della disciplina di vigilanza sulle Obbligazioni Bancarie Garantite

Revisione della disciplina di vigilanza sulle Obbligazioni Bancarie Garantite Revisione della disciplina di vigilanza sulle Obbligazioni Bancarie Garantite MAGGIO 2014 Pagina 1 di 6 Si fa riferimento al documento di consultazione per la revisione della disciplina di vigilanza sulle

Dettagli

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Banca Etica S.c.p.a.

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Banca Etica S.c.p.a. Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Banca Etica S.c.p.a. Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

La gestione della tesoreria anticipata. mercoledì 4 giugno 14

La gestione della tesoreria anticipata. mercoledì 4 giugno 14 La gestione della tesoreria anticipata Da Basilea 2 a Basilea 3 Credit Crunch! Ad oggi i rapporti con le banche rappresentano un area di criticità per le aziende. Con l avvicinarsi di Basilea 3 lo scenario

Dettagli

Traguardi degli ultimi 10 anni. Sezione 1.2

Traguardi degli ultimi 10 anni. Sezione 1.2 Traguardi degli ultimi 10 anni Sezione 1.2 Ricavi bancari raddoppiati e diversificati Ricavi di Gruppo ( mln) Ricavi bancari ( mln) 1.800 1.50 1.10 870 Ricavi bancari CAGR +7% 870 Credito Consumer al consumo

Dettagli

Gli interventi di finanza derivata della Regione Calabria

Gli interventi di finanza derivata della Regione Calabria Gli interventi di finanza derivata della Regione Calabria Il quadro normativo La materia è disciplinata a livello statale dall art. 41 della legge 28 dicembre 2001 n. 448 e dal relativo regolamento attuativo

Dettagli

I TREMONTI BOND. Nota tecnica. Consorzio Camerale per il credito e la finanza

I TREMONTI BOND. Nota tecnica. Consorzio Camerale per il credito e la finanza I TREMONTI BOND Nota tecnica Consorzio Camerale per il credito e la finanza Finalità I TREMONTI BOND sostenere le banche; migliorare le condizioni di accesso al credito per le imprese. Impegni per le banche

Dettagli

Policy strumenti illiquidi (Prestiti Obbligazionari)

Policy strumenti illiquidi (Prestiti Obbligazionari) Policy strumenti illiquidi (Prestiti Obbligazionari) Parma, 4 settembre 2012 Sommario 1 ASPETTI GENERALI... 2 1.1 Premessa... 2 1.2 Responsabilità del documento... 2 1.3 Destinatari... 3 1.4 Validità...

Dettagli

Documento informativo relativo ad operazioni di maggiore rilevanza ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221/2010

Documento informativo relativo ad operazioni di maggiore rilevanza ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221/2010 Banca Tercas S.p.A. Sede Legale e Amministrativa: Teramo, Corso San Giorgio n.36 Iscritta all albo delle Banche al n.5174 ABI 6060 Capogruppo del Gruppo bancario Tercas, iscritto all Albo dei Gruppi Bancari

Dettagli

Gestione del rischio di credito e del capitale nell attuale scenario di mercato

Gestione del rischio di credito e del capitale nell attuale scenario di mercato Credito alle Famiglie 2007 ABI Gionata Fiorentini Roma, 9 e 10 giugno 2008 Gestione del rischio di credito e del capitale nell attuale scenario di mercato AIG Copyright 2008 American International Group,

Dettagli

Scheda prodotto. 100% dell importo nominale sottoscritto. 1 obbligazione per un valore nominale di Euro 1.000

Scheda prodotto. 100% dell importo nominale sottoscritto. 1 obbligazione per un valore nominale di Euro 1.000 Caratteristiche principali del Prestito Obbligazionario Scheda prodotto Denominazione Strumento Finanziario Tipo investimento Emittente Rating Emittente Durata Periodo di offerta Data di Godimento e Data

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) 1. A febbraio 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.855 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2014 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2014 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2014 (principali evidenze) 1. Ad aprile 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.848 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Argomenti Le operazioni di cartolarizzazione Le operazioni di cartolarizzazione nelle banche Evoluzioni recenti 2 Le operazioni

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Risultati di Gruppo 1H2014

Risultati di Gruppo 1H2014 Risultati di Gruppo 1H214 Conference Call Adolfo Bizzocchi 8 Agosto 214 Principali evidenze del trimestre Forte sviluppo degli aggregati patrimoniali con gli Impieghi in crescita dell 4,2% nel trimestre

Dettagli

Iccrea Banca S.p.A. II SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

Iccrea Banca S.p.A. II SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Iccrea Banca S.p.A. Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007 soggetta al controllo e coordinamento

Dettagli

Risultati di Gruppo - 2012

Risultati di Gruppo - 2012 Risultati di Gruppo 212 Conference Call Adolfo Bizzocchi 18 Marzo 213 Principali evidenze del 212 Margine Finanziario, al netto di poste straordinarie, in crescita nel trimestre (+,8% QoQ) grazie al buon

Dettagli

L investimento in obbligazioni bancarie: un caso di anomalia comportamentale?

L investimento in obbligazioni bancarie: un caso di anomalia comportamentale? L investimento in obbligazioni bancarie: un caso di anomalia comportamentale? Nadia Linciano Scelte di investimento e regole di tutela Il ruolo della finanza comportamentale tra economia, psicologia e

Dettagli

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. Mercato Monetario

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. Mercato Monetario Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta Mercato Monetario Il mercato monetario è relativo allo scambio intertemporale di ingenti quantità di liquidità con un orizzonte inferiore

Dettagli

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI A cura della Dott.ssa Paola D'Angelo Manager, BP&A Finance and Business Consulting E-mail: paoladangelo@bpeassociati.it Ufficio: +39.0734.281411 Mobile: +39.393.1706394

Dettagli

Strumenti alternativi di finanziamento delle imprese

Strumenti alternativi di finanziamento delle imprese Strumenti alternativi di finanziamento delle imprese Ciro Rapacciuolo Centro Studi Confindustria Università degli studi ROMA TRE 11 Novembre 2015 Il vuoto creato dal credit crunch 2 Prestiti alle imprese:

Dettagli

Rev. Gen. 2012 COMPANY PROFILE

Rev. Gen. 2012 COMPANY PROFILE Rev. Gen. 2012 COMPANY PROFILE Dicembre 2014 Sommario 2 Profilo del Gruppo Finanziaria Internazionale 3 Securitisation e Finanza Strutturata 5 Operazioni e riconoscimenti 10 Track record 13 Contatti 16

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

Dettagli

Mitigazione del rischio PMI e interventi FEI

Mitigazione del rischio PMI e interventi FEI San Miniato, 13 maggio 2011 Alessandro Tappi Head, Guarantees & Securitisation Crisi finanziaria e gestione dei rischi negli intermediari finanziari Mitigazione del rischio PMI e interventi FEI Indice

Dettagli

- 5 - Gen-03 Feb-03 Mar-03 Apr-03 Mag-03 Jun-03 Lug-03 Ago-03 Set-03

- 5 - Gen-03 Feb-03 Mar-03 Apr-03 Mag-03 Jun-03 Lug-03 Ago-03 Set-03 - 5 - Figura 1: Tassi di interesse a breve termine sui depositi bancari e un corrispondente tasso di mercato monetario (valori percentuali in ragione d anno; tassi sulle nuove operazioni) 2,5 2,5 1,5 0,5

Dettagli

Credito sostenibile per le giovani famiglie

Credito sostenibile per le giovani famiglie Credito sostenibile per le giovani famiglie Arch Mortgage Insurance Limited Credito al Credito 26 novembre 2014 Giuliano Giovannetti, CEO 1 Arch Capital Group Assicura e riassicura vita e danni in tutto

Dettagli

Risultati di Gruppo 2013. 17 Marzo 2014

Risultati di Gruppo 2013. 17 Marzo 2014 Risultati di Gruppo 213 17 Marzo 214 Principali evidenze Margine di Intermediazione in crescita anno su anno (+2,5%) grazie al: Margine Finanziario sostanzialmente stabile, -,4% a/a, ed in significativo

Dettagli

COMUNE DI AVELLINO SETTORE FINANZIARIO. Capitolato Speciale

COMUNE DI AVELLINO SETTORE FINANZIARIO. Capitolato Speciale Allegato B COMUNE DI AVELLINO SETTORE FINANZIARIO Capitolato Speciale AFFIDAMENTO DEI SERVIZI FINANZIARI E ATTIVITA DI CONSULENZA NECESSARI ALL EMISSIONE DI BUONI OBBLIGAZIONARI COMUNALI (BOC) Art. 1 Oggetto

Dettagli

Indirizzo Internet: Per informazioni contattare: Dir.II - Uff. VIII

Indirizzo Internet:  Per informazioni contattare: Dir.II - Uff. VIII Indirizzo Internet: http://www.dt.tesoro.it Per informazioni contattare: dt.gruppo.info@tesoro.it Dir.II - Uff. VIII Indice Composizione dei titoli di Stato all emisione pag. 1 Composizione dei titoli

Dettagli

REGIONE BASILICATA RENDICONTO GENERALE PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2011 PROSPETTO DEI MUTUI E PRESTITI IN AMMORTAMENTO

REGIONE BASILICATA RENDICONTO GENERALE PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2011 PROSPETTO DEI MUTUI E PRESTITI IN AMMORTAMENTO Rinegoziati il 1 Rinegoziazione n.7 mutui contratti dal 1985 al 1989. DEXIA CREDIOP S.P.A. 23.451.218,70 13/04/2000 01/01/2000 31/12/2019 Rate semestrali posticipate calcolate al tasso annuo del 6,25%

Dettagli

QUADERNO TECNICO IL MERCATO DEI MUTUI E L ATTUAZIONE DEL PLAFOND CASSA DEPOSITI E PRESTITI

QUADERNO TECNICO IL MERCATO DEI MUTUI E L ATTUAZIONE DEL PLAFOND CASSA DEPOSITI E PRESTITI QUADERNO TECNICO IL MERCATO DEI MUTUI E L ATTUAZIONE DEL PLAFOND CASSA DEPOSITI E PRESTITI 7 maggio 2014 GR Centro Studi Acen Il tema dei mutui alle famiglie è essenziale nel sistema delle costruzioni

Dettagli

Credito. famiglie. Mortgage Day Il futuro dei mutui casa in Italia BANCARIA. alle. Roma Palazzo Altieri DESIGN: GENTIL ASSOCIATES

Credito. famiglie. Mortgage Day Il futuro dei mutui casa in Italia BANCARIA. alle. Roma Palazzo Altieri DESIGN: GENTIL ASSOCIATES Credito alle famiglie Mortgage Day DESIGN: GENTIL ASSOCIATES 15 marzo 16 Roma Palazzo Altieri BANCARIA ABI: IN ITALIA I MUTUI CRESCONO AL RITMO DEL 22% Straordinario aumento dei mutui in Italia: a gennaio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA AXA LANCIA LA SUA SECONDA OPERAZIONE DI CARTOLARIZZAZIONE DEL RISCHIO AUTO SU UN PORTAFOGLIO PANEUROPEO

COMUNICATO STAMPA AXA LANCIA LA SUA SECONDA OPERAZIONE DI CARTOLARIZZAZIONE DEL RISCHIO AUTO SU UN PORTAFOGLIO PANEUROPEO COMUNICATO STAMPA Parigi, 4 giugno 2007 LANCIA LA SUA SECONDA OPERAZIONE DI CARTOLARIZZAZIONE DEL RISCHIO AUTO SU UN PORTAFOGLIO PANEUROPEO annuncia il lancio della seconda operazione di cartolarizzazione

Dettagli

Nota informativa derivati Regione Lazio (Legge 6 agosto 2008 n. 133)

Nota informativa derivati Regione Lazio (Legge 6 agosto 2008 n. 133) Nota informativa derivati Regione Lazio (Legge 6 agosto 2008 n. 133) 1 Nota: Le stime per il triennio 2013 2015 sono basate sulle curve al 31 ottobre 2012 2 Indice Premessa... 5 Mutuo Dexia Crediop, scadenza

Dettagli

IL PASSIVO DEL BILANCIO DEL COMUNE DI MILANO (DEBITO E DERIVATI)

IL PASSIVO DEL BILANCIO DEL COMUNE DI MILANO (DEBITO E DERIVATI) IL PASSIVO DEL BILANCIO DEL COMUNE DI MILANO (DEBITO E DERIVATI) Quadro generale ed evoluzione recente Il bilancio del Comune di Milano nel corso degli ultimi anni ha sostanzialmente avuto un andamento

Dettagli

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE MINI BOND ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE CONTESTO DI RIFERIMENTO Nelle imprese italiane sono sovente riscontrabili bassi livelli di patrimonializzazione. Questo fenomeno porta quasi sempre a una

Dettagli

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Piano Economico Finanziario 2008 e previsioni anni 2009 e 2010 Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Indice Scenario & Previsioni PIANO ANNUALE 2008 1Fonti di finanziamento 2Impieghi 3Ricavi 4Costi

Dettagli

Le forme tecniche di raccolta basate su strumenti di mercato

Le forme tecniche di raccolta basate su strumenti di mercato Le forme tecniche di raccolta basate su strumenti di mercato Economia delle aziende di credito. A.A. 2008/2009 Università degli studi Roma Tre - Economia delle aziende di credito, A.A. 2008/2009 1 Indice

Dettagli

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo.

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. (adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative per l applicazione delle misure CONSOB

Dettagli

REGIONE BASILICATA. Mutui Passivi e Prestiti Obbligazionari

REGIONE BASILICATA. Mutui Passivi e Prestiti Obbligazionari REGIONE BASILICATA Mutui Passivi e Prestiti Obbligazionari PRESTITI OBBLIGAZIONARI EMESSI - ESERCIZIO FINANZIARIO Intermediario per il collocamento Importo (capitale nominale) emissione inizio Tipo di

Dettagli

HI Numen Credit Fund HEDGE INVEST INTERNATIONAL SICAV. Report Dicembre 2012

HI Numen Credit Fund HEDGE INVEST INTERNATIONAL SICAV. Report Dicembre 2012 HEDGE INVEST INTERNATIONAL SICAV Report Via Vittor Pisani 22-20124 Milano tel. +39 02 667441 - fax. +39 02 6674450 www.hedgeinvest.it POLITICA DI INVESTIMENTO L'obiettivo di HI Numen Credit Fund è generare

Dettagli

PRINCIPALI INDICATORI

PRINCIPALI INDICATORI Sedex Statistics Dicembre 213 ANDAMENTO DEGLI 2 2 18 CONTRATTI CONTROVALORE ML di euro 18 16 14 12 1 8 6 4 2 OTT NOV DIC 16 14 12 1 8 6 4 2 SEGMENTI DI MERCATO DIC 212 NOVEMBRE 213 DICEMBRE 213 NOVEMBRE

Dettagli

Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento

Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento Data 16 febbraio 2011 Delibera Consiglio d Amministrazione del marzo

Dettagli

PRINCIPALI INDICATORI

PRINCIPALI INDICATORI Sedex Statistics Marzo 214 ANDAMENTO DEGLI 2 18 CONTRATTI CONTROVALORE ML di euro 2 18 16 16 14 14 12 12 1 1 8 8 6 6 4 4 2 2 GEN FEB MAR DIC 213 FEBBRAIO 214 MARZO 214 FEBBRAIO 214 MARZO 214 GEN-MAR 214

Dettagli

TASSI AI MINIMI STORICI: LUCI ED OMBRE SUL MERCATO

TASSI AI MINIMI STORICI: LUCI ED OMBRE SUL MERCATO Convegno AIAF, Roma 27 gennaio 2015 L'Italia fuori dalla crisi nel 2015? L'azione di governo, il contesto internazionale, la sfida delle imprese TASSI AI MINIMI STORICI: LUCI ED OMBRE SUL MERCATO Maria

Dettagli

Regione Calabria NOTA INFORMATIVA. Allegata al Rendiconto generale della regione Calabria esercizio finanziario 2011

Regione Calabria NOTA INFORMATIVA. Allegata al Rendiconto generale della regione Calabria esercizio finanziario 2011 Regione Calabria NOTA INFORMATIVA SUGLI ONERI E GLI IMPEGNI DERIVANTI DA CONTRATTI RELATIVI A STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI Allegata al Rendiconto generale della regione Calabria esercizio finanziario

Dettagli