Lezione 2 del 20 febbraio L economia del benessere: il ruolo dello Stato nell economia. Orietta Dessy

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione 2 del 20 febbraio 2008. L economia del benessere: il ruolo dello Stato nell economia. Orietta Dessy orietta.dessy@unibocconi."

Transcript

1 Lezione 2 del 20 febbraio 2008 L economia del benessere: il ruolo dello Stato nell economia Orietta Dessy

2 Introduzione Oggi richiameremo brevemente i fondamenti dell economia del benessere (Richiami teorici di economia del benessere necessari per spiegare le motivazioni teoriche dell intervento pubblico) Perché è così rilevante occuparsi dello Stato, della sua organizzazione e del suo intervento in economia? Perché la presenza dello Stato nella nostra vita quotidiana è molto più pervasiva di quanto si possa immaginare La Scienza delle finanze o Economia pubblica è la disciplina economica che studia il ruolo dello stato nelle economie di mercato Questa disciplina si occupa quindi di come uno stato copre le sue spese prelevando risorse dai cittadini ma anche di come lo Stato interviene in ambito economico, analizza gli effetti economici delle sue azioni, la sua organizzazione e i meccanismi decisionali che lo regolano.

3 Prima dello stato.. Immaginate una società senza regole per la convivenza civile Come si svolgeranno le relazioni fra i soggetti? Legge del più forte (Bellum omnium contra omnes) Definizione di regole => Contratto sociale cacciatori di Balene Nella realtà dei sistemi economici moderni, gli Stati non si limitano a stabilire le regole del gioco Esempi di attività svolte dallo Stato: Definizione di una cornice di regole Definizione di un sistema fiscale per il prelievo coattivo Produzione di servizi di interesse collettivo Attività di regolamentazione

4 Il settore pubblico LE FUNZIONI DEL BILANCIO PUBBLICO: Allocazione Redistribuzione Stabilizzazione

5 L allocazione Persegue modalità efficienti (cioè che minimizzano le distorsioni prodotte della intervento pubblico) di offerta dei beni (e servizi) pubblici e di prelievo fiscale attraverso Produzione pubblica: di tutti quei beni che il privato non produrrebbe mai (beni pubblici) Regolamentazione di attività private: per garantire la concorrenza dei mercati

6 La redistribuzione Sono interventi volti alla deliberata correzione della distribuzione delle risorse che si realizza con il libero scambio, ma che non necessariamente corrisponde a criteri di equità. E realizzata dal mercato attraverso: trasferimenti monetari (sussidi etc..) offerta di servizi reali (trasferimenti in kind) imposte (progressività del sistema tributario)

7 La stabilizzazione Regola il livello dell attività economica, garantendo il pieno impiego e il controllo dell inflazione attraverso: la manovra delle spese e delle imposte misure che incentivano l attività produttiva

8 L economia del benessere Nella maggior parte delle economie la produzione e la distribuzione dei beni è affidata principalmente al settore privato e si ha la convinzione che un economia di mercato sia più efficiente di un economia in cui l intervento pubblico è ampio. Ma allora, da dove origina la necessità dell intervento pubblico? Ce lo spiegherà la cosidetta economia del benessere Anticipiamo che lo Stato interviene per: 1. assicurare l esistenza e il funzionamento del mercato 2. correggere le molteplici carenze derivanti dai fallimenti del mercato 3. assicurare una distribuzione equa del reddito o della ricchezza e a garantire la presenza di beni meritori. Ma per comprendere l intervento pubblico, bisogna analizzare successi e fallimenti dei mercati privati e ricordare cosa è un mercato in concorrenza perfetta

9 L equilibrio di mercato Che cos è il mercato: luogo (fisico e non) in cui, attraverso lo scambio di beni e servizi si realizzano gli interessi individuali Esempi di mercati: mercati dei beni, mercati finanziari, mercato del lavoro Un mercato è in equilibrio quando: la quantità domandata di un certo bene o servizio è uguale a quella offerta

10 Mercato in equilibrio L incrocio tra le curve rappresenta un punto di equilibrio, perché a quel prezzo (e solo a quello) i venditori possono vendere le quantità che trovano conveniente mettere sul mercato, e i compratori possono comprare le quantità che corrispondono ai loro bisogni che possono essere soddisfatti (data la loro capacità di spesa)(ovvero massimizzano la loro utilità sotto il loro vincolo di bilancio). È un equilibrio concorrenziale, perché i consumatori cercano il produttore che vende al prezzo più basso, e i venditori cercano il consumatore disposto a pagare il prezzo più elevato.

11 L analisi delle scelte sociali L analisi delle scelte sociali riguarda la scelta degli obiettivi socialmente desiderabili Gli obiettivi socialmente desiderabili hanno a che fare con: Il grado di sviluppo di una società La capacità della società di garantire adeguate condizioni di vita ai cittadini La capacità della società di garantire condizioni di partenza simili per tutti i suoi cittadini Sulla base delle enunciazioni teoriche generali formulate al momento delle scelte sociali, è quindi necessario effettuare scelte istituzionali, cioè scegliere le istituzioni che si ritengono più adatte a raggiungere gli obiettivi sociali prefissati

12 L analisi delle scelte istituzionali In particolare, in questa fase il punto di partenza è la scelta relativa al ruolo economico che devono giocare lo Stato ed il mercato I principali criteri sulla base dei quali effettuare tale scelta sono: L efficienza L equità Le domande che ci poniamo sono infatti: Il mercato da solo è in grado di essere efficiente e di assicurare l equità? Ossia, l equilibrio che si raggiunge sul mercato è una situazione efficiente ed equa? E, anche ammettendo che lo sia, è questa una situazione che si verifica per tutti i mercati e in ogni istante (ossia, i mercati sono completi )? Oppure è necessaria una qualche forma di intervento pubblico che regoli, organizzi, aiuti il mercato a raggiungere tali obiettivi di efficienza ed equità? Per rispondere a queste domande dobbiamo definire più precisamente: Cosa si intende per efficienza Cosa si intende per equità In particolare, riguardo l efficienza, è possibile distinguere tra: Efficienza produttiva Efficienza allocativa

13 L efficienza Efficienza produttiva (efficienza x ): data una certa quantità di input, si tratta di massimizzare la quantità di output scegliendo le tecniche produttive più efficienti Efficienza allocativa: dato un certo ammontare di risorse (distribuite prima che lo scambio abbia inizio= dotazioni iniziali), si tratta di massimizzare il benessere generale di una collettività di individui (criterio paretiano) Il criterio paretiano di efficienza allocativa afferma che: Un insieme di individui migliora il proprio benessere passando da una situazione a alla b se contemporaneamente almeno un individuo migliora il proprio benessere passando da a b Nessun individuo peggiora il proprio benessere passando da a a b

14 Ottimo Paretiano Dal criterio paretiano appena enunciato deriva il concetto di ottimo paretiano La situazione a è considerata ottima in senso paretiano se: comunque ci si sposta dalla situazione a non si migliora la posizione di alcuno... senza peggiorare quella di qualcun altro In altri termini, un ottimo paretiano è una situazione nella quale: è impossibile, mediante una diversa utilizzazione delle risorse produttive o dei beni prodotti rendere migliore la posizione di un componente della collettività senza peggiorare la posizione di almeno uno degli altri

15 L equilibrio concorrenziale è un ottimo paretiano Ci chiediamo ora se il mercato è in grado di raggiungere l efficienza nel senso paretiano Ossia, ci chiediamo se l equilibrio che si raggiunge su un mercato è un ottimo paretiano Per rispondere, dobbiamo però prima chiarire meglio: Quali sono le caratteristiche del mercato a cui ci riferiamo Cosa si intende per equilibrio L equilibrio a cui si fa riferimento è un equilibrio di concorrenza perfetta Si ha un Equilibrio di concorrenza se: per ogni bene e servizio scambiati, esiste un prezzo tale per il quale l eccesso di domanda è nullo ossia la quantità di un bene o servizio domandato sul mercato stesso è uguale alla quantità offerta dello stesso bene o servizio La principale conseguenza dell equilibrio di concorrenza è che non esistono in ogni istante del tempo mercati in cui ci sia: Domanda non soddisfatta Offerta eccedente

16 La concorrenza perfetta Sino ad ora abbiamo definito il concetto di equilibrio Specifichiamo ora meglio cosa intendiamo per equilibrio concorrenziale L aggettivo concorrenziale perfetta fa riferimento al concetto di concorrenza Una situazione di concorrenza perfetta è caratterizzata da: Omogeneità dei beni Ampia numerosità degli operatori Assenza di intesa, accordi, cartelli tra di essi Libertà di entrata e uscita dal mercato Perfetta informazione La conseguenza principale della concorrenza perfetta è che: Le imprese non hanno un influenza diretta sul prezzo che si forma sul mercato, ossia il prezzo è considerato per l impresa come un dato esterno, determinato dalle condizioni di mercato (domanda e offerta)

17 La completezza dei mercati Abbiamo anche detto che le condizioni di concorrenza perfetta debbono essere verificati non solo per alcuni, ma per tutti i mercati Se l equilibrio di concorrenza è verificato per tutti i mercati, si dice che i mercati sono completi (completezza dei mercati) Perché vi sia completezza dei mercati è necessario che: Non esistano effetti esterni (esternalità) per i quali non esiste un mercato nella produzione o consumo dei beni Non esistano beni per i quali non è possibile fissare un prezzo (beni pubblici) Non vi sia incertezza/asimmetria informativa

18 Il primo teorema fondamentale dell economia del Benessere Sono state date le definizioni di: Efficienza paretiana Equilibrio concorrenziale Completezza dei mercati E ora possibile stabilire un nesso tra efficienza ed equilibrio di concorrenza Tale relazione prende il nome di primo teorema fondamentale dell economia del benessere: Il Primo teorema dell economia del Benessere In concorrenza perfetta e con mercati completi, un equilibrio concorrenziale, se esiste, è un ottimo paretiano

19 Il primo teorema fondamentale dell economia del Benessere La principale implicazione del Teorema è che, in certe condizioni, il mercato è da solo in grado di assicurare l efficienza (in senso paretiano) Tale concetto è strettamente in relazione con la visione classica dell economia, secondo la quale il libero svolgimento dei processi di mercato permette, tramite una mano invisibile, di soddisfare al meglio gli interessi collettivi, tramite il perseguimento degli interessi individuali (A. Smith, 1776) In questa visione, il ruolo degli operatori pubblici (dello Stato): quasi assente, o puramente residuale, ad esempio: garantire la sicurezza diritti di proprietà

20 Critiche al primo teorema dell economia del benessere Perché il teorema sia valido è necessario che: Vi sia perfetta concorrenza I mercati siano completi Tali condizioni sono molto stringenti; è sufficiente infatti, perché il teorema non sia più valido, che, ad esempio: ci siano situazioni di mercato non concorrenziali oligopoli; monopoli; accordi di cartello non ci sia informazione completa, perché il compratore non ha le stesse informazioni del venditore. Esempi: compravendita di un auto usata stipula di un contratto di assicurazione sulla vita alcuni beni abbiano effetti esterni, cioè non rilevanti per chi scambia i beni sul mercato, ma rilevanti per la collettività. Esempi: una fabbrica che inquina effetto positivo di un campo di fiori coltivato per un vicino apicoltore

21 Critiche al primo teorema: l equità Inoltre, una situazione di equilibrio concorrenziale può però essere caratterizzata da una sgradevole distribuzione delle risorse Ossia, pur rispondendo al criterio di efficienza, è possibile che un equilibrio concorrenziale non soddisfi il criterio di equità Infatti, il concetto di ottimo paretiano non è desiderabile necessariamente Esempio: un regime schiavistico può raggiungere un ottimo paretiano, nel senso che si potrebbe raggiungere una situazione in cui non è possibile migliorare la situazione si qualcuno (lo schiavo) senza peggiorare quella di qualcun altro (il padrone) Ciò ovviamente non vuol dire che quella sia una situazione desiderabile dal punto di vista della organizzazione complessiva del sistema socio-economico In altri termini, al concetto di ottimo paretiano non è necessariamente associato un giudizio di valore sulla desiderabilità della situazione che esso rappresenta

22 EFFICIENZA PARIETANA: il grafico M e N sono due ottimi Paretiani. U B C è un allocazion e inefficiente M C N Frontiera delle utilità: Indica per ogni livello di utilità di A il livello massimo di utilità attribuibile a B. Rappresenta l insieme dei punti di ottimo paretiano raggiungibili dai soggetti presenti all interno del sistema. Sono tutte allocazioni pareto efficienti Allocazione inefficiente: non sono state rispettate le condizioni di efficienza nello scambio e nella produzione U A

23 EFFICIENZA PARIETANA U B Quale allocazione scegliere sulla base di quale principio? A B Frontiera delle utilità Allocazioni paretoefficiente U A

24 Equità e secondo teorema dell economia del benessere Secondo alcuni, un pianificatore sociale (un policy maker) può però raggiungere posizioni di maggiore equità, sempre utilizzando i meccanismi di mercato Secondo teorema dell economia del benessere E infatti dimostrabile che, in presenza di mercati completi e se sono rispettate alcune condizioni sulle funzioni di utilità individuali e sulle funzioni di produzione: ogni allocazione Paretoefficiente può essere ottenuta come equilibrio di un sistema di mercati concorrenziali attraverso un opportuna ridistribuzione delle risorse

25 Principali implicazioni dei due teoremi Sulla base dei due Teoremi fondamentali dell Economia del benessere si potrebbe dunque concludere che: - Tramite i meccanismi di mercato si riesce a raggiungere l efficienza, in senso paretiano Sono due i principali motivi per l intervento pubblico: 1. il mercato da solo non raggiunge un allocazione pareto efficiente (i fallimenti del mercato) 2. Lo Stato può intervenire, rispettando i meccanismi di mercato, per garantire anche l equità distributiva: attraverso una redistribuzione fisica delle risorse oppure tramite appropriate forme di tassazione o sussidi, che influenzino la dotazione iniziale degli individui

26 I fallimenti del mercato Le principali condizioni necessarie perché Teoremi dell economia del benessere sono: siano validi i L esistenza di mercati in situazione di concorrenza perfetta L esistenza di mercati completi Nel caso in cui tali condizioni non risultino rispettate, si parla di fallimenti del mercato

27 L intervento e i fallimenti di mercato Si ha un fallimento di mercato tutte le volte che gli equilibri del settore privato conducono ad allocazioni non sulla frontiera dell efficienza. La presenza di fallimenti di mercato è una condizione necessaria, per un intervento del settore pubblico, ma può non essere una condizione sufficiente In tutti i casi è necessario dimostrare che le perdite di efficienza associate all'intervento pubblico sono inferiori a quelle del settore privato Ma perché il settore pubblico può far meglio del settore privato? In un paese democratico lo Stato è l'unico depositario dell'uso della coercizione; all'interno dei vincoli stabiliti dalle leggi, lo Stato può costringere gli agenti economici a svolgere determinati atti economici

28 Cause fallimento: assenza di concorrenza. Libertà di entrata e uscita Anche la condizione di libertà di entrata e uscita dal mercato è spesso violata, ad esempio nel caso di: Presenza di forti barriere all entrata perché è necessario sostenere dei forti costi per accedere al mercato stesso (ad esempio di pubblicità) Perché sono necessari forti investimenti iniziali (ad esempio, la costruzioni di reti) Perché è necessaria una specifica autorizzazione per entrare in un dato mercato (ad esempio, licenze, albi professionali, etc.) Esistenza di barriere all uscita Perché l uscita dal mercato implica il sostenimento di forti costi In questi casi, si dice che i mercati risultano non contendibili

29 Concorrenza perfetta: ampia numerosità degli operatori Uno dei requisiti della concorrenza perfetta è l ampia numerosità degli operatori Tale requisito è spesso non rispettato in quanto: Molti mercati sono caratterizzati dalla presenza di pochi operatori (oligopoli) o addirittura di un solo operatore (monopolio) Queste situazioni possono essere determinate da: forti economie di scala, ossia, situazioni in cui ciascuna impresa per abbassare i costi deve produrre grandi quantità di un prodotto (è il caso, ad esempio, delle industrie chimiche, automobilistiche, elettrodomestici, etc.)

30 Cause fallimento: l assenza di concorrenza Altri esempi: Monopoli di fatto (un impresa si trova ad essere l unica ad offrire un dato bene o servizio sul mercato) Monopoli naturali (la produzione di un bene o servizio richiede tali economie di scala che è realizzabile da un solo operatore: ad esempio, la trasmissione di energia o acqua, i trasporti ferroviari, o altre public utilities su una rete nazionale) Monopoli legali (quando l esistenza di un monopolio è fissata per legge: si pensi, sino a tempi recenti, al monopolio dei tabacchi) A conseguenza di tali situazioni, le imprese: hanno una influenza significativa sul prezzo dei prodotti scambiati, e quindi violano l ipotesi di concorrenza perfetta Necessità di intervento pubblico a tutela della concorrenza (Antitrust).

31 Concorrenza perfetta: assenza di comportamenti collusivi Per avere concorrenza perfetta è richiesta l assenza di comportamenti collusivi tra le imprese, ma: In situazioni di oligopolio, è molto probabile che le imprese assumano comportamenti di tipo strategico influenzati: da quelli delle altre imprese del mercato, ad esempio per fissare i prezzi, violando così la concorrenza perfetta da precisi accordi (di cartello) con le altre imprese, violando ancora la concorrenza perfetta

32 I fallimenti microeconomici del mercato: la completezza dei mercati D altra parte, i presupposti alla base del Primo e Secondo Teorema possono essere violati anche perché i mercati non sono completi, ossia se per alcuni beni o servizi non esiste un mercato Ciò può avvenire principalmente a causa di: Esistenza di esternalità Esistenza di beni pubblici Costi di transazione e asimmetria informativa

33 I fallimenti del mercato: Le esternalità E il caso delle esternalità, cioè di comportamenti di individui o imprese che influenzano il benessere di altri individui o i profitti di altre imprese ma che non passano per il sistema dei prezzi. Ovvero le funzioni di utilità dei consumatori o le funzioni di produzione delle imprese contengono variabili decisionali appartenenti ad altri soggetti: ad esempio, i beni consumati da un soggetto influenzano i livelli di utilità di altri. I rimedi classici a questo problema sono molteplici e sostanzialmente volti ad internalizzare le esternalità: si creano dei meccanismi o degli incentivi che portino gli operatori a prendere decisioni che tengano conto anche dei costi esterni. Tra gli altri ricordiamo: La regolamentazione (per esempio delle emissioni inquinanti delle imp.) le imposte pigouviane (pari al costo marginale esterno) Teorema di Coase: attribuire i diritti ai soggetti coinvolti della creazione di mercati ad hoc (ad esempio quello dei permessi ad inquinare, Protocollo di Kyoto)

34 Cause fallimenti dei mercati: beni pubblici puri I beni pubblici puri sono beni il cui consumo è non rivale e non escludibile. Per tali beni il settore privato non ha sufficienti incentivi alla produzione. In generale il mercato porterebbe alla sottoproduzione di tali beni. NB: Si parla di non rivalità perché più soggetti possono consumare la stessa unità del bene. Si parla di non escludibilità perché non è tecnicamente possibile o è troppo costoso escludere coloro che non sono disposti a contribuire alla produzione del bene dal consumo dello stesso Esempi: la difesa nazionale, ordine pubblico, sistema giuridico. Tutti i cittadini consumano la stessa unità del bene. E impossibile escludere chi non ha pagato le tasse dal consumo.

35 Beni pubblici impuri Beni tariffabili sono beni escludibili (a costi non proibitivi) ma non rivali: (almeno fino ad un certo punto ) Esempio: servizi di istruzione, autostrade si può escludere chi non ha pagato per il servizio, impedendo l accesso alla scuola (autostrada) più studenti (automobilisti) possono seguire la stessa lezione (utilizzare la stessa autostrada) La congestione: c è un limite fisico al n di consumatori che deriva dalla dimensione delle aule (delle corsie autostradali) 2) Beni comuni : Beni rivali che non sono facilmente escludibili Alcuni esempi: 1) Strade comunali dei centri cittadini un automobile in più su queste strade pregiudica la possibilità di passaggio per un altra l esclusione di automobilisti per evitare congestione è difficile (il progresso tecnologico consente oggi di fare fronte a questo problema 2) Riserva di pesca I servizi da essa resi sono rivali (ciò che peschi tu non posso prenderlo io) ma pongono spesso problemi di escludibilità

36 Problemi dei beni pubblici Secondo voi, un imprenditore privato che vuole massimizzare i suoi profitti produrrebbe un bene pubblico puro? La risposta è no! Se l imprenditore vuole massimizzare i suoi profitti è evidente che non produrrà un bene pubblico puro: una volta che è stato prodotto, infatti, può essere consumato da tutti, senza che nessuno debba pagare un prezzo Il free-riding è il comportamento opportunistico che nasce in seguito alle caratteristiche peculiari dei beni pubblici puri: ogni agente economico egoista preferisce che sia qualcun altro a fornire il bene pubblico Se tutti ragioniamo così, tuttavia, il bene pubblico non verrà mai fornito E un tipico caso nel quale il mercato si rivela un meccanismo NON ottimale per allocare le risorse SOLUZIONE AL PROBLEMA DEI BENI PUBBLICI Pubbliche La fornitura pubblica diretta: emergono problemi di asimmetria informativa del tipo selezione avversa tra Stato (Principale) e cittadino (Agente) Private Le imprese nonprofit (Weisbrod, 1988): Il ruolo dell altruismo, della reciprocità, del senso di giustizia

37 Cause del fallimenti di mercato: asimmetrie informative Informazione asimmetrica: una delle parti dello scambio ha informazioni che l altra parte non osserva SELEZIONE AVVERSA (Adverse Selection): una parte non osserva una caratteristica del bene che viene scambiato (informazione nascosta) RISCHIO MORALE (Moral Hazard ): una parte non osserva le azioni dell altra e tali azioni influenzano l esito dello scambio (azione nascosta)

38 Un esempio di selezione avversa: I mercati assicurativi Due tipi di rischi : alti e bassi Il premio equo da applicare alle polizze sarebbe: per i rischi bassi e per i rischi alti Il problema è che l assicuratore non sa distinguere prima della stipula i 2 tipi di soggetti Se nel mercato i soggetti a basso rischio sono il 20%, il prezzo a cui l assicuratore sarà disposto ad offrire le polizze sarà: P = 0,20 x (1000) + 0,80 x (2000) = 1800 Tuttavia, al prezzo P = 1800 solo individui ad alto rischio chiederanno di essere assicurati (c è stata una selezione avversa)! Non ci sarà quindi alcun assicuratore disposto ad offrire polizze!

39 Moral Hazard Consideriamo un assicurazione contro il rischio di furto (es. bicicletta) Come cambia il comportamento dell assicurato prima e dopo aver stipulato la polizza? CASO (A): l assicuratore può osservare come si comporta il soggetto e conoscere quindi il suo grado di attenzione grado di attenzione alto => premio basso grado di attenzione basso => premio alto se non ci sono problemi di asimmetria informativa, I contratti sono contingenti al grado di attenzione

40 Moral Hazard (2) CASO (B): l assicuratore non può osservare (senza incorrere in costi eccessivi) come si comporta il soggetto e conoscere quindi il suo grado di attenzione il premio non può essere contingente al grado di attenzione se assumiamo che il prestare attenzione è un attività costosa, i soggetti tenderanno a modificare il proprio comportamento una volta assicurati (es. saranno meno attenti a non lasciare la bici incustodita) ( rischio morale )

41 Moral Hazard (3) Ciò significa che la probabilità ( p) che il furto avvenga è determinata endogenamente (dipende cioè dal comportamento dell assicurato) Se la stipula di una polizza riduce il grado di attenzione dell assicurato, p, il rischio in cui incorre l assicuratore e i suoi profitti attesi L assicuratore potrebbe, ancora una volta, decidere di non offrire contratti assicurativi: osserviamo quindi un malfunzionamento del mercato imputabile a differenze nell informazione a disposizione delle parti dopo la stipula del contratto POSSIBILI SOLUZIONI ALLE ASIMMETRIE INFORMATIVE: Pubbliche: Copertura di alcuni rischi (es. infortuni sul lavoro, i sistemi di sicurezza sociale prevedono forme assicurative per grandi fenomeni: malattie, invalidità, disoccupazione, vecchiaia) Private: Segnalazione (es. fornitura di garanzie sulle auto usate) Clausole contrattuali particolari (es. introduzione di una franchigia)

42 I beni meritori Beni (o bisogni) meritori quei beni/servizi che lo Stato ritiene debbano essere comunque prodotti (o tenuti), indipendentemente dal funzionamento del mercato Lo Stato in questi casi può intervenire con regolamentazione o azioni dirette, ad esempio per quanto riguarda: La sicurezza dei cittadini (il codice della strada; codici antiinfortunistici) Istruzione Sanità (divieti o limiti al consumo per alcune sostanze) Obbligo di conservazione del paesaggio, dei beni artistici, etc Produzione pubblica (o sovvenzione) di eventi culturali (musica, cinema, teatro, etc.)

43 L equità Ma, se un mercato perfettamente competitivo soddisfa tutte le condizioni per l efficienza di Pareto, Quale è la ragione dell intervento pubblico? Abbiamo visto che può essere un problema di equità! L allocazione delle risorse generata dai mercati, pur se efficiente, può tuttavia essere considerata non equa: Il principio di pareto, infatti, è insufficiente a garantire l equità Abbiamo visto che tale concezione del mercato è ottimistica perché non sempre le ipotesi sono verificate Tale concezione del mercato è insufficiente perché: 1) non considera individui altruisti; 2) non spiega fenomeni di disequilibrio (es. disoccupazione o il razionamento del credito); 3) presuppone l accettazione della distribuzione dei redditi esistente

44 Effetti intervento pubblico: E' possibile intervenire nel sistema economico senza interferire con il suo funzionamento, cioè senza perdite di efficienza? Solo se si usano strumenti non distorsivi L intervento pubblico cerca di correggere l insufficienza dei mercati, attraverso la ridistribuzione delle risorse guidato da ragioni di equità La ridistribuzione delle risorse implica dei trasferimenti (positivi o negativi) tra soggetti (Lump-sum) Nella realtà é difficile pensare a trasferimenti di questo tipo. In genere la ridistribuzione avviene attraverso imposte sul lavoro, sul capitale o sui consumi Ma tali imposte hanno effetti distorsivi (i soggetti modificano le proprie scelte); gli effetti distorsivi sono tanto maggiori, quanto maggiore è il grado di ridistribuzione Esiste infatti un Trade-off tra equità ed efficienza: interventi nel sistema economico inducono a perdite di efficienza

45 Come seglie una società? La teoria delle scelte collettive: A tal fine utilizziamo le funzioni di benessere sociale Il benessere di una società dipende dal benessere dei suoi membri. Per semplicità ipotizziamo una società formata da sue individui, A e B. Possiamo definre la funzione di utilità della società formata da A e B come W=F [U A ; U B ] Poiché F(.) è definita su U(.), rispetta le preferenze individuali e il principio dell'individualismo E consente i confronti interpersonali

46 Curve di indifferenza sociali Descrivono l insieme delle combinazioni dell utilità di diversi individui, rispetto alle quali la società è indifferente (curve di isobenessere: combinazioni di utilità individuali cui è associato lo stesso benesere sociale) Le curve di indifferenza assumono forme diverse, in dipendenza delle diverse funzioni del benessere sociale Sulla base di quali giudizi di valore svolgere i confronti interpersonali delle utilità? In prima approssimazione, essi possono essere derivati dalle teorie della giustizia distributiva Nella realtà, è il legislatore, che rappresenta in uno Stato democratico la volontà popolare, ad esprimere questi giudizi

47 Funzione del benessere sociale Utilitarista (Bentham): W = U A + U B il benessere della collettività è rappresentato dalla somma del benessere dei suoi componenti, trascurando il modo incui esso è distribuito tra gli individui. Il benessere della società aumenta se tutti stanno meglio, anche se solo chi è ricco

48 Funzione del benessere sociale di Bentham: il grafico U B -1 U A

49 Funzione del benessere sociale Rawlsiana: W = min (U A ; U B ) Il benessere della collettività dipende dal benessere dei suoi componenti più poveri. Incrementi dell utilità di chi sta meglio non modificano il benessere della collettività

50 Ugualitaria Il benessere collettivo è massimo quando ogni individuo della collettività gode dello stesso livello di benessere U A = U B

51 La funzione del benessere sociale U A Ugualitaria C.. B A..D 45 0 U B A > B > D = C

52 Funzioni del benessere sociale : Rawls U B 45 U A

53 Funzioni del benessere sociale : formula generale U B Esiste anche un tipo di curve di indifferenza sociale che sta in mezzo tra le curve à la Benthame quelle à la rawls 45 U A

54 Utilizzo delle curve di indifferenza sociale per ordinare due allocazioni U B C Possiamo dire che A è socialmente preferibile rispetto a B Usando le curve di indifferenza sociale è B A possibile scegliere l allocazione preferita lungo la frontiera delle allocazioni pareto-efficienti e trovare le politiche U A da perseguire

55 OLTRE L ECONOMIA DEL BENESSERE uno spunto per riflettere Secondo l economista indiano Amartya Sen, il benessere (well-being) può essere considerato solo come allargamento dello spazio delle libertà individuali, nel senso dell opportunità di scegliere e realizzare un proprio progetto di vita. La teoria seniana si basa su due concetti chiave: Funzionamenti: tutti i modi in cui i bisogni vengono soddisfatti (es. essere nutriti, vestiti, etc) Capabilities: l insieme dei funzionamenti attivabili da un individuo, misura della realizzazione della sua libertà. La libertà è quindi intesa come l insieme delle opportunità reali offerte a una persona per condurre un tipo di vita ritenuto di valore Per esempio la libertà dipende anche dall analfabetismo. L analfabeta non ha per esempio la libertà di leggere i giornali e scambiare idee in forma scritta. Poiché il pensiero è influenzato dalla capacità di leggere e scrivere, essere analfabeti condiziona la libertà di pensare. L analfabetismo quindi, è mancanza di libertà Lo sviluppo umano è visto come estensione delle capacità di funzionamento di un individuo

56 Misura della dimensione dell intervento pubblico nell economia Dati aggregati raccolti da ISTAT, consultabili su: Spesa delle AP per funzione

57 Spesa complessiva delle Amministrazioni Pubbliche per funzione - Anni (in milioni di euro) FUNZIONI Servizi generali Difesa Ordine pubblico e sicurezza Affari economici Protezione dell'ambiente Abitazioni e assetto del territorio Sanità Attività ricreative, culturali e di culto Istruzione Protezione sociale Totale

58 Tavola 1 - Spesa complessiva delle Amministrazioni Pubbliche per funzione - Anni (composizione percentuale) FUNZIONI Servizi generali 21,3 20,6 20,0 19,2 18,6 18,5 17,5 Difesa 2,5 2,5 2,8 3,1 3,0 3,0 2,8 Ordine pubblico e sicurezza 4,3 4,1 4,1 4,1 4,1 4,1 3,9 Affari economici 6,7 9,9 9,5 9,3 9,0 8,8 12,6 Protezione dell'ambiente 0,9 0,9 1,1 1,1 1,1 1,1 1,0 Abitazioni e assetto del territorio 2,0 1,7 0,4 1,7 1,7 1,6 1,7 Sanità 12,9 13,0 13,3 13,0 13,9 14,3 14,0 Attività ricreative, culturali e di culto 1,7 1,6 1,6 1,6 1,7 1,7 1,6 Istruzione 9,9 9,6 9,9 9,9 9,4 9,5 8,8 Protezione sociale 37,8 36,1 37,3 37,0 37,5 37,4 36,1 Totale 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0

59 Tavola 1 - Spesa complessiva delle Amministrazioni Pubbliche per funzione - Anni (incidenza percentuale sul PIL) FUNZIONI Servizi generali 9,8 9,9 9,5 9,4 8,9 9,1 8,8 Difesa 1,2 1,2 1,3 1,5 1,5 1,5 1,4 Ordine pubblico e sicurezza 2,0 1,9 2,0 2,0 2,0 2,0 2,0 Affari economici 3,1 4,8 4,5 4,5 4,3 4,3 6,4 Protezione dell'ambiente 0,4 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 Abitazioni e assetto del territorio 0,9 0,8 0,2 0,8 0,8 0,8 0,8 Sanità 6,0 6,2 6,3 6,3 6,7 6,9 7,1 Attività ricreative, culturali e di culto 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 Istruzione 4,6 4,6 4,6 4,8 4,5 4,6 4,5 Protezione sociale 17,4 17,4 17,7 18,0 18,0 18,1 18,2 Totale 46,2 48,1 47,4 48,6 48,0 48,6 50,5

60 Possibile estensione Esiste un ciclo politico della spesa per funzione della PA? da verificare

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA A.A. 2008-2009 ANNA TEMPIA 2 LEZIONE LE RAGIONI DELL INTERVENTO PUBBLICO (PARTE SECONDA) BIBLIOGRAFIA: P.

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Economia del benessere

Economia del benessere Economia del benessere 1 Mercato e Stato Il problema principale che si pone è come e in quali condizioni i risultati economici che possono essere conseguiti attraverso il mercato garantiscono il rispetto

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia I motivi dell intervento dello

Dettagli

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico?

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? Davide Natale Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? 1) Perché il mercato fallisce? Il mercato fallisce prevalentemente a causa della presenza di tre fenomeni, che

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian)

Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian) Introduzione al Corso Nozioni Propedeutiche di base: Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian) Matematica generale Metodo e Finalità dell Apprendimento:

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Le ragioni dell intervento pubblico

Le ragioni dell intervento pubblico Le ragioni dell intervento pubblico 1. COME VALUTARE GLI ESITI DEL MERCATO PRIVATO E DELL INTERVENTO PUBBLICO (L OTTIMO SOCIALE) 2. QUANDO IL MERCATO REALIZZA L OTTIMO SOCIALE 3. QUANTO IL MERCATO FALLISCE

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila

Università degli Studi dell Aquila Università degli Studi dell Aquila Esame di Microeconomia 9 crediti 3 settembre 2014 Docente: Giuseppe Pace ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO) e matricola sulla griglia.

Dettagli

LA LEGGE DELLA DOMANDA CURVE DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA. Il Mercato LA CURVA DI DOMANDA 28/01/13

LA LEGGE DELLA DOMANDA CURVE DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA. Il Mercato LA CURVA DI DOMANDA 28/01/13 28/01/13 Università degli Studi di Verona Dipartimento di Scienze Economiche Il Mercato CURVE DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA Ø Un mercato è costituito dall insieme dei compratori e dei venditori di un bene

Dettagli

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Economia Pubblica Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline I Richiami di Economia del Benessere Economia di mercato e Intervento pubblico

Dettagli

POLITICA ECONOMICA A.A. 2008/2009. Linda Meleo l.meleo@libero.it. lezione 4

POLITICA ECONOMICA A.A. 2008/2009. Linda Meleo l.meleo@libero.it. lezione 4 POLITICA ECONOMICA A.A. 2008/2009 Linda Meleo l.meleo@libero.it lezione 4 1 LA LEZIONE PRECEDENTE Esternalità Di produzione e di consumo; Negative e positive. Misure per internalizzare gli effetti delle

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) I beni pubblici Alberto Zanardi Fallimenti del

Dettagli

La Concorrenza Monopolistica

La Concorrenza Monopolistica La Concorrenza Monopolistica Caratteristiche Molteplicità di imprese Libertà di entrata (entreranno imprese finché vi sarà possibilità di profitti positivi). L entrata di nuove imprese favorisce i consumatori

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca I sistemi sanitari tra mercato e intervento pubblico Tutti i sistemi

Dettagli

Indice generale. Presentazione dell edizione italiana XIII Presentazione della terza edizione XV Prefazione XVII Ringraziamenti XXI

Indice generale. Presentazione dell edizione italiana XIII Presentazione della terza edizione XV Prefazione XVII Ringraziamenti XXI Pagine di apertura VII XXII 26-05-2003 14:45 Pagina VII Presentazione dell edizione italiana XIII Presentazione della terza edizione XV Prefazione XVII Ringraziamenti XXI Capitolo 1 L economia di mercato

Dettagli

Antonella Laino Il monopolio naturale

Antonella Laino Il monopolio naturale A13 477 Antonella Laino Il monopolio naturale Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978-88-548-4809-2

Dettagli

Economia Pubblica il Monopolio Naturale

Economia Pubblica il Monopolio Naturale Economia Pubblica il Monopolio Naturale Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Outline il Monopolio Naturale Il problema del Monopolio Naturale

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Capitolo 7. Efficienza e scambio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 7. Efficienza e scambio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 7 Efficienza e scambio Pareto-efficienza L efficienza in senso economico ha una definizione ristretta che prende il nome da un economista italiano (Vilfredo Pareto) una allocazione è efficiente

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Economia e politica di gestione del territorio. [1:cap.4]

Economia e politica di gestione del territorio. [1:cap.4] Economia e politica di gestione del territorio Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie (L.M.) A.A. 2013-2014 Lezione n.5: Efficienza ed Equità [1:cap.4] Docente: Antonio Lopolito tel. 0881-589.417

Dettagli

Corso di Economia Applicata

Corso di Economia Applicata Corso di Economia Applicata a.a. 2007-08 II modulo 12 Lezione Asimmetrie informative e Adverse Selection Soluzioni per l Adverse Selection? selezione (screening ) segnalazione razionamento le soluzioni

Dettagli

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1]

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1] Economia e politica di gestione del territorio Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie (L.M.) A.A. 2013-2014 Lezione n.2: Il ruolo del settore pubblico in un'economia mista [1:cap.1] Docente: Antonio

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Equazione quantitativa della moneta

Equazione quantitativa della moneta Moneta e inflazione Equazione quantitativa della moneta Gli individui detengono moneta allo scopo di acquistare beni e servizi QUINDI la quantità di moneta è strettamente correlata alla quantità che viene

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale;

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Introduzione all informazione asimmetrica Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Informazione imperfetta Virtualmente ogni transazione economica

Dettagli

Introduzione all economia

Introduzione all economia Introduzione all economia 4.X.2005 Macro e microeconomia La teoria economica è divisa in due sezioni principali: la microeconomia e la macroeconomia La microeconomia studia il comportamento dei singoli

Dettagli

Dispensa 4. June 11, 2009

Dispensa 4. June 11, 2009 Dispensa 4 June 11, 2009 1 Il mercato dei bidoni Il problema della selezione avversa è dovuto al fatto che l agente detiene informazioni private (delle quali il principale non è a conoscenza) prima della

Dettagli

Economia Industriale

Economia Industriale Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Economia A.A. 2005/2006 Economia Industriale Dott. Massimiliano Piacenza Lezione 3 Monopolio e regola dell elasticità Monopolio naturale e regolamentazione

Dettagli

PIL : produzione e reddito

PIL : produzione e reddito PIL : produzione e reddito La misura della produzione aggregata nella contabilità nazionale è il prodotto interno lordo o PIL. Dal lato della produzione : oppure 1) Il PIL è il valore dei beni e dei servizi

Dettagli

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Economia

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Concetti introduttivi

Concetti introduttivi Concetti introduttivi L Economia studia come gli individui, le imprese, il governo e le altre organizzazioni nella società, formulino le proprie scelte e come queste scelte determinino l utilizzo delle

Dettagli

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Corso di Laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia Introduzione allo studio dell Economia I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA (Capitolo 1) Il termine economia... Deriva da una parola greca che significa

Dettagli

Lezione 1 Introduzione

Lezione 1 Introduzione Lezione 1 Introduzione Argomenti Cosa è l Economia politica I principi fondamentali dell Economia politica Cosa studia l Economia politica Perché studiare l Economia politica 1.1 COSA È L ECONOMIA POLITICA

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 18: Informazione incompleta (moral hazard) David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Elementi di economia Economia dell informazione

Elementi di economia Economia dell informazione Elementi di economia Economia dell informazione Dott.ssa Michela Martinoia michela.martinoia@unimib.it Corso di laurea in Scienze del Turismo e Comunità Locale A.A. 2014/15 Informazione completa Significa

Dettagli

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

NOME STUDENTE: @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@

NOME STUDENTE: @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ Universita' Politecnica delle Marche Corso di laurea di primo livello in Economia, Mercati e Gestione d'impresa Anno accademico 2008-2009 ESAME DI POLITICA ECONOMICA - Appello_3 [1] NOME STUDENTE: ******************************************************************************

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

Economia e politica di gestione del territorio. mercato [1:cap.3]

Economia e politica di gestione del territorio. mercato [1:cap.3] Economia e politica di gestione del territorio Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie (L.M.) A.A. 2013-2014 Lezione n.4: I fallimenti del mercato [1:cap.3] Docente: Antonio Lopolito tel. 0881-589.417

Dettagli

INFORMAZIONE ASIMMETRICA

INFORMAZIONE ASIMMETRICA Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2010/2011 INFORMAZIONE ASIMMETRICA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 7: Informazione incompleta Francesca Severini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) f.severini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Esternalità. Capitolo 10. Harcourt, Inc. items and derived items copyright 2001 by Harcourt, Inc. Efficienza e fallimenti di mercato

Esternalità. Capitolo 10. Harcourt, Inc. items and derived items copyright 2001 by Harcourt, Inc. Efficienza e fallimenti di mercato Esternalità Capitolo 10 Efficienza e fallimenti di mercato La mano invisibile di Adam Smith fa sì che consumatori e venditori, guidati dal proprio interesse, siano portati a massimizzare il benessere totale

Dettagli

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata CAPITOLO 1 Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata Esercizio 1.1. Si consideri un mercato per un determinato bene. La curva di offerta delle imprese è Q S = 60 + p, quella di domanda dei consumatori

Dettagli

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA A.A. 2008-2009 ANNA TEMPIA 6 LEZIONE CENNI AL DECENTRAMENTO FISCALE (PARTE SECONDA) BIBLIOGRAFIA: P. Bosi

Dettagli

RENDIMENTI DI SCALA CRESCENTI

RENDIMENTI DI SCALA CRESCENTI 1 U C I I M - Torino Associazione Cattolica Insegnanti Dirigenti Formatori Sezione di Torino Ettore PEYRON Corso di ECONOMIA PUBBLICA 2007 Aggiornamento per docenti di Scienza delle Finanze della scuola

Dettagli

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica.

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Lezione 9 Informazione Asimmetrica Informazione e mercati competitivi Mercati perfettamente competitivi: tutti gli agenti sono pienamente informati circa i beni scambiati e sul funzionamento del mercato.

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia L oggetto di studio della scienza

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali ECONOMIA MODULO TEORIA A.A. 2013/2014 IL O Fabio Clementi E-mail: fabio.clementi@unimc.it

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Lezione 4. Offerta, domanda e analisi di politica economica

Lezione 4. Offerta, domanda e analisi di politica economica Lezione 4. Offerta, domanda e analisi di politica economica Lo Stato può modificare l esito di mercato in due modi fondamentali: regolamentandone l attività (prezzi o quantità massimi o minimi) imponendo

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

massimizzazione del benessere sociale

massimizzazione del benessere sociale POLITICA ECONOMICA A.A. 2011-2012 Prof. Francesca Gastaldi TEORIA DELL ECONOMIA DEL BENESSERE (1930-1950) che studia il funzionamento di una economia di produzione e di scambio domandandosi quale debba

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza economica

Equilibrio generale ed efficienza economica Equilibrio generale ed efficienza economica Analisi dell equilibrio generale Efficienza nello scambio Equità ed efficienza Panoramica sull efficienza nei mercati concorrenziali Perché i mercati falliscono

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

Politica economica: Lezione 16

Politica economica: Lezione 16 Politica economica: Lezione 16 II canale: M - Z Crediti: 9 Corsi di laurea: Nuovo Ordinamento (DM. 270) Vecchio ordinamento (DM. 590) Politica Economica - Luca Salvatici 1 Tipi di beni Beni di ricerca

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

L INFORMAZIONE ASIMMETRICA

L INFORMAZIONE ASIMMETRICA Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2011/2012 L INFORMAZIONE ASIMMETRICA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

LA POLITICA MICROECONOMICA I

LA POLITICA MICROECONOMICA I capitolo 6-1 LA POLITICA MICROECONOMICA I LA POLITICA MICROECONOMICA MIRA A REALIZZARE OBIETTIVI DI EFFICIENZA ED EQUITA OPERANDO (A SECONDA DEI CASI) PER: ASSICURARE ESISTENZA E FUNZIONAMENTO DEI MERCATI

Dettagli

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE ------------------------------------------------------------------------------ 3 2 L EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

Dettagli

I fallimenti del mercato

I fallimenti del mercato Esternalità I fallimenti del mercato Esternalità Quando una transazione tra un compratore e un venditore condiziona direttamente una terza parte, l effetto che questa subisce viene detto esternalità. In

Dettagli

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative Capitolo 17 Mercati con asimmetrie informative Argomenti discussi Incertezza sulla qualità nel mercato dei bidoni Segnalazione Moral Hazard (azzardo morale) Micro F. Barigozzi 2 Perchè il mercato fallisce

Dettagli

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 8 La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Argomenti trattati nel capitolo I mercati in concorrenza perfetta La massimizzazione del profitto

Dettagli

Schema 11 La Privatizzazione

Schema 11 La Privatizzazione Schema 11 La Privatizzazione La fornitura di beni e servizi da parte del settore pubblico può assumere la forma di diversi mix di finanziamento (pubblico/pri vato) e produzione (pubblica/privata) cfr.

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

L efficienza del mercato

L efficienza del mercato L efficienza del mercato I mercantilisti, Smith e il mercato Prima di Smith, era ampiamente diffusa l idea che il migliore raggiungimento dell interesse pubblico richiedesse un intervento attivo dello

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Relazioni verticali Introduzione Vantaggi e svantaggi dell integrazione

Dettagli

Le altre forme di mercato

Le altre forme di mercato CL Medicina Veterinaria Anno Accademico 2014-15 Le altre forme di mercato 1 Critiche alla forma di mercato della concorrenza perfetta La forma di mercato della concorrenza perfetta (che è alla base di

Dettagli

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Corso di POLITICA ECONOMICA

Corso di POLITICA ECONOMICA Corso di POLITICA ECONOMICA Giuseppe Croce Università La Sapienza - sede di Latina a.a. 2013-14 Queste slides non sostituiscono in alcun modo i testi consigliati per la preparazione dell esame ma intendono

Dettagli

3. Asimmetrie informative

3. Asimmetrie informative Lezione seconda parte seconda Beni pubblici e altre cause di fallimento del mercato 1 3. Asimmetrie informative 3.1 rischio 3.2 assicurazione 3.3 asimmetrie informative 2 1 3.1 rischio Una situazione rischiosa

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2015/16 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania, Margherita Scoppola e Francesco Aiello) 6-1

Dettagli

Economia Politica. Indicate Nome e Cognome, Numero di matricola e Corso di Laurea su ogni foglio.

Economia Politica. Indicate Nome e Cognome, Numero di matricola e Corso di Laurea su ogni foglio. 7 novembre 2013 1) Supponete che la domanda di appartamenti a Cagliari sia p = 1000 5q, mentre l o erta sia q = 100. Trovate l equilibrio nel mercato degli appartamenti e disegnate il gra co. Supponete

Dettagli

A. Domande a Risposta Multipla (max 12 punti)

A. Domande a Risposta Multipla (max 12 punti) Esame di Politica Economica 2 appello Sessione Estiva A.A. 2010-2011 NOME E MATRICOLA: ISTRUZIONI: Utilizzate gli spazi indicati per le risposte Fogli addizionali possono essere consegnati solo con indicazione

Dettagli

Fallimenti del mercato: Il monopolio

Fallimenti del mercato: Il monopolio Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Fallimenti del mercato: Il monopolio Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Concorrenza imperfetta La concorrenza

Dettagli

I beni pubblici. Fallimenti del mercato

I beni pubblici. Fallimenti del mercato I beni pubblici Fallimenti del mercato Introduzione Esistono beni che non vengono offerti da imprese private ma, in misura ed in modi diversi, vengono offerti dal settore pubblico. Es. la difesa nazionale,

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Sintesi Introduzione all Economia

Sintesi Introduzione all Economia Sintesi Introduzione all Economia L esame di Economia Politica Le lezioni Lunedì ore 11-13 e 15-17; mercoledì ore 13-15 Integrazione lezioni: 6 ottobre (aula 6 ore 11.00); 13 ottobre (San Paolo ore 11.00).

Dettagli

Come affrontare i monopoli naturali

Come affrontare i monopoli naturali Come affrontare i monopoli naturali Il problema del monopolio naturale è che se anche l impresa volesse fissare il prezzo a un livello pari al costo marginale (efficienza sociale), produrrebbe in perdita

Dettagli

Esame di Politica Economica 1 appello Sessione Estiva A.A. 2009-2010

Esame di Politica Economica 1 appello Sessione Estiva A.A. 2009-2010 Esame di Politica Economica 1 appello Sessione Estiva A.A. 2009-2010 NOME E MATRICOLA: ISTRUZIONI: Utilizzate gli spazi indicati per le risposte Fogli addizionali possono essere consegnati solo con indicazione

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Politica Economica Europee Stefano Papa spapa@uniroma1.it Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Economica Università di Roma Sapienza Da produttività

Dettagli

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller.

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. Contenuti L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (7) Esistono quindi delle imperfezioni dei mercati. Le imperfezioni dei mercati

Dettagli

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione. ELORTO DL PR ON LINE DI ECONOMI DEI CONTRTTI 5.7. ssicurazione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività di screening di una compagnia assicurativa (per definizione neutrale

Dettagli

Capitolo 33: Beni Pubblici

Capitolo 33: Beni Pubblici Capitolo 33: Beni Pubblici 33.1: Introduzione In questo capitolo discutiamo le problematiche connesse alla fornitura privata dei beni pubblici, concludendo per l opportunità dell intervento pubblico in

Dettagli