Better worry than sorry, l ottimizzazione della struttura organizzativa del trasporto aereo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Better worry than sorry, l ottimizzazione della struttura organizzativa del trasporto aereo"

Transcript

1 Facoltà di Scienze Statistiche ed Economiche Dipartimento di Contabilità Nazionale e Analisi dei Processi Sociali Cattedra di Sociologia dell Organizzazione Better worry than sorry, l ottimizzazione della struttura organizzativa del trasporto aereo e le strategie socio tecniche possono ridurre le cause degli incidenti aerei? CANDIDATO: RELATORE: Marco Meniero Chiar.mo Prof. Francesco Consoli Matr ANNO ACCADEMICO 2007/2008 0

2 A tutte le vittime degli incidenti aerei e ai miei cari 1

3 INDICE Abstract pag 5 Introduzione pag 7 Capitolo I: dalla nascita del volo alla gestione del flusso del traffico aereo 1.1 La storia: sviluppo della gestione del traffico aereo dagli albori del volo fino alla nascita dell Ente Nazionale Assistenza al Volo pag 12 Capitolo II: gestori della sicurezza del trasporto aereo 2.1 Introduzione pag International Civil Aviation Organization pag Eurocontrol pag Ente Nazionale per l Aviazione Civile pag I cambiamenti apportati dalla riforma all E.N.A.C. pag Ispettorato per la Sicurezza del Volo (Aeronautica Militare) pag Agenzia Nazionale Sicurezza Volo pag I servizi del traffico aereo pag Principali Enti preposti alla gestione dei servizi del traffico aereo pag Ente Nazionale Assistenza al Volo S.p.A. pag Aeronautica Militare pag 40 2

4 Capitolo III: principali teorie sociologiche sugli errori organizzativi e la cultura della sicurezza 3.1 Introduzione pag Incidents, accidents e disastri aerei pag Principali teorie sociologiche sulle cause degli incidenti pag I principali modelli organizzativi e socio-tecnici pag La cultura della sicurezza pag 57 Capitolo IV: due incidenti aerei che hanno cambiato il mondo aeronautico 4.1 Introduzione pag Tenerife pag Linate pag Fallimenti delle difese del sistema pag Fallimenti latenti pag Linate, un crimine dei colletti bianchi? pag 73 Capitolo V: archivi e dati statistici 5.1 Normative sugli archivi con gli eventi di pericolo pag Importanza e caratteristiche di un buon sistema di riporto pag Dati statistici pag Archivio dell Aeronautica Militare pag Archivio dell A.N.S.V. pag 96 3

5 5.3.3 Casi gravi che riguardano i servizi dell assistenza al volo: gli airprox e le runway incursion (traffico civile) pag Considerazioni pag 106 Capitolo VI: conclusioni 6.1 Conclusioni pag 110 Bibliografia 7.1 Autori pag Manuali, pubblicazioni e norme giuridiche pag Articoli pag Web grafia pag 122 4

6 Gestire la sicurezza è come una guerra senza vittorie finali. La lotta contro i pericoli non ha mai fine (James Reason) Abstract This work was born from my personal experience nearby the Control Tower of the Military Airport San Giusto of the 46 Aerial Brigade and from the need of a daily comparison with the systems and the security procedures of the Air Traffic. The duty of an air traffic controller is of producing security in a always changeable and variegated conditions of the air traffic. This front-line competence exacts the search and continuous study for more and more exacting techniques in order to individualize and to annul the latent mistakes of the system. The aim of this study is to pay attention on the evolution of the air security and in particular of the human factors. The history of the complex organizations has always been measured with human mistakes problem, but are the disasters caused by human factors? Or does the organizational structure fail? The study of the answer is the main theme of the organization sociology. Human mistake is the main factor in the most part of accidents, anyway arranging that this mistake is sign of negligence or incompetence is wrong. So it s necessary to understand which the reasons of the mistake made by the front line operator in his fulfilment of a work on, or for, an airplane on duty in order to avoid potential catastrophic consequence are. This work show both the system complexities and the social-technical links which influence on organizational mechanism of the air-traffic management: The first chapter runs over the main stages of the air traffic history again, from the first heavier means of the air flight to the modern organizations of the assistance to the flight 5

7 services management. These are described in the second chapter with particular attention to corporations responsible for Air Traffic Service. The third chapter focuses the attention on the safety culture, and in particular on the policy of the Military Aeronautic useful to its diffusion. Both the main sociological theories on the accidents causes, and the main organizational models are described. The modern thought on flight accidents causes is based on the presupposition that these are the final result of a series of factors, each necessary but not enough to cause them. These factors often are consequences of wrong decisions taken in several levels in the aeronautic system (human factor). Some are evident and are the final cause of flight cause; others are latent conditions created in the organizational processes and in supervision. The latent conditions, normally not perceived as dangerous, create the right conditions in order that an eventual mistake made could develop in accident. We could affirm that an accidents is the direct consequence of these conditions. The fourth chapter describes the two most dangerous accidents in aeronautical world: Tenerife end Linate. The work show the highly improbable combinations of highly improbable events could really happen flowing into unforeseeable disasters. The structural lacks on the organizational drawing machine are shown: from the colletti bianchi responsibility to the mistakes of the final operators. The Linate airport disaster is a good example of an accidents caused by organizational system failure with an high mediatic impact. The Linate event has been the result of a criminal behaviour; a crime producted by negligence of the organizative system, but also by negligence and by cerelessness of the societies vertices of the airport system. How has it been possible that a structure whose society target is to produce safety could instead fail and create a disaster? The several causes are 6

8 on the top of the drawning machine analyzing all the actors who partecipate in the air traffic control management and their links in the management mechanism. The picture emerging is an extremely complex structure, in an always changing and in an persistentexam of itself. The fifth and the last chapter is dedicated to statistic data on the inconvenient of the flights in Italy. The systematic exam of all events classified in the archives is determinative in the optics of prevention and definition of the right measures of improving safety. At the beginning of treatment describes the normative which rules the archives report; then the vantages of the voluntary bearing system and the desirable carachteristic for a more efficient report are shown. Data relatives to military and civil traffic from the respective archives follows with particular attention paid to airprox and to civil runway incursion, which represents criticism areas, which organizations have to more and more raise safety levels. 7

9 Introduzione Questo lavoro nasce dall esperienza personale presso la Torre di Controllo dell Aeroporto Militare San Giusto della 46 Brigata Aerea 1 e dall esigenza di un confronto quotidiano con i sistemi e le procedure di sicurezza del Traffico Aereo. Il compito di un controllore di volo è quello di produrre sicurezza in condizioni di traffico aereo sempre mutevole e variegato. Tale competenza di tipo front-line esige la ricerca e lo studio continuo di tecniche sempre più esigenti al fine di individuare ed annullare gli errori latenti del sistema. Lo scopo di questo studio è quello di porre l attenzione sull evoluzione della sicurezza aerea con particolare riferimento agli human factors. La storia delle organizzazioni complesse si è sempre misurata con il problema degli errori umani, ma i disastri sono causati da fattori umani 2? O forse è la struttura organizzativa a fallire? Lo studio della risposta è il tema centrale della sociologia dell organizzazione 3. L errore umano è il fattore predominante nella maggior parte degli incidenti, tuttavia concludere che tale errore sia indice di negligenza o incompetenza sarebbe sbagliato. Quindi è necessario capire quali siano le ragioni soggiacenti all errore compiuto dall operatore front-line nella sua esecuzione di un compito su, o per, un aeromobile in servizio 4 per evitarne le conseguenze potenzialmente catastrofiche. 1 scalo internazionale Galileo Galilei di Pisa 2 Per fattore umano s intende l insieme degli elementi tipici dell attività umana (gestione, supervisione, ambiente di lavoro, impegno in prima linea) che sono causa diretta o latente di incidenti. (Col. Pil Enrico Carrettani, Istituto superiore Sicurezza Volo) 3 Maurizio Catino, Da Chernobyl a Linate, (retrocopertina), 2002, Ed. Carocci 4 Aeromobile in servizio: aeromobile in volo oppure dal momento in cui il personale di terra o l equipaggio incominciano ad allestirlo in vista di un volo determinato, fino allo scadere delle 24 ore successive all atterraggio; (Andreani da Recenti sviluppi normativi internazionali nella repressione di atti illeciti contro la sicurezza dell aviazione civile, 1972, (pag. 540) 8

10 Questo lavoro vuole evidenziare sia le complessità del sistema, sia le interazioni sociotecniche che influiscono sui meccanismi organizzativi della gestione del traffico aereo: Il primo capitolo ripercorre le fasi cruciali della storia del traffico aereo, dal primo volo di un mezzo più pesante dell aria fino ad arrivare alle organizzazioni moderne della gestione dei servizi di assistenza al volo. Le quali sono descritte nel secondo capitolo con particolare attenzione agli enti responsabili della fornitura dei servizi A.T.S. (Air Traffic Service). Il terzo capitolo focalizza l attenzione sulla cultura della sicurezza (Safety Culture), ed in particolar modo sulla policy dell Aeronautica Militare atta alla sua diffusione. Vengono poi descritte sia le principali teorie sociologiche sulle cause degli incidenti 5, sia i modelli organizzativi più rappresentativi 6. Il pensiero moderno sulle cause degli incidenti di volo si fonda sul presupposto che gli stessi siano il risultato finale di una serie di fattori, ciascuno necessario ma di per sé non sufficienti a causarli. Spesso questi fattori sono le conseguenze di decisioni fallaci presi a vari livelli nel sistema aeronautico (human factor). Alcuni sono evidenti e sono la causa ultima degli incidenti di volo; altri sono condizioni latenti createsi nei processi organizzativi e di supervisione. Le condizioni latenti, normalmente non percepite come pericolose, creano le condizioni favorevoli affinché un eventuale errore commesso possa evolversi inevitabilmente in incidente 7. Si potrebbe affermare che l incidente sia una conseguenza diretta di queste condizioni. Il quarto capitolo descrive i due incidenti più gravi del mondo aeronautico: Tenerife e Linate. 5 Vedi Reason, Weick, Rasmussen 6 Vedi Perrow, Bruggink, Edwards, Hawkins, Turner, Segan 7 I.C.A.O. Doc. 9859, AN/460 Safety Management Manual, first edition 2006 Cap

11 Il lavoro mostra come le combinazioni altamente improbabili di eventi altamente improbabili possano realmente accadere sfociando in catastrofi imprevedibili. Vengono altresì analizzate mancanze strutturali su tutta la filiera organizzativa: dalle responsabilità dei colletti bianchi fino agli errori degli operatori finali. La tragedia dell aeroporto di Linate è un esempio lampante di incidente causato dai fallimenti del sistema organizzativo con forte impatto mediatico. L evento di Linate è stato l esito di un comportamento criminale; un crimine prodotto dalla fallacità del sistema organizzativo, ma anche dalla trascuratezza e dall incuria dei vertici delle aziende del sistema aeroportuale. Ma come è possibile che una struttura il cui target aziendale è produrre sicurezza possa invece fallire e generare un disastro? Le molteplici cause vanno ricercate a monte della filiera analizzando tutti gli attori che partecipano nella gestione del controllo del traffico aereo e le loro interazioni nel meccanismo di gestione. Il quadro che emerge è una struttura estremamente complessa, in continuo mutamento ed in persistente esame di se stessa. Il quinto ed ultimo capitolo non poteva che essere riservato ai dati statistici sugli inconvenienti di volo in Italia. L esame sistematico di tutti gli eventi classificati negli archivi è determinante nell ottica di prevenzione e di definizione delle misure idonee al miglioramento della sicurezza. Inizialmente la trattazione descrive la normativa che disciplina gli archivi di riporto; successivamente vengono esposti i vantaggi del sistema di rilevazione volontaria e le caratteristiche auspicabili per un riporto più efficiente. Seguono i dati relativi al traffico militare e civile tratti dai rispettivi archivi con particolare attenzione agli airprox e alle runway incursion civili, settori che rappresentano delle vere a proprie aree di criticità, in cui le organizzazioni devono innalzare maggiormente i livelli della sicurezza. 10

12 Per svolgere questo studio mi sono avvalso dei dati statistici dell Agenzia Nazionale Sicurezza Volo e dell Ispettorato per la Sicurezza del Volo dell Aeronautica Militare, ai quali vanno i ringraziamenti per aver fornito le competenze necessarie. Ulteriori ringraziamenti vanno al Col. Pil. Marco Ristori della 46 Brigata Aerea di Pisa per aver fornito i dati richiesti ed i preziosi consigli, al Maresciallo Fabrizio Mazzi dell Ufficio Sicurezza Volo di Roma, alla dott.ssa A. Cicogna dell E.N.A.C. ed agli amici e colleghi che lavorano con me presso la Torre di Controllo dell Aeroporto G. Galilei di Pisa. 11

13 Capitolo I L evoluzione della società ha da sempre implicato una crescente complessità delle strutture e dei sistemi che ne fanno parte, tra cui le imprese e le organizzazioni. Introdurre sistemi più complessi all interno di un organizzazione significa esporla a un maggiore numero di rischi i quali a loro volta possono sfociare in crisi (Perrow, 1999) 1.1 La storia: sviluppo della gestione del traffico aereo dagli albori del volo fino alla nascita dell E.N.A.V. S.p.A. Da sempre, una delle più grandi aspirazioni umane è stata quella della conquista del volo. Dall epoca delle leggende della mitologia 8 a quella delle ricerche di Leonardo da Vinci, numerosi sono stati i tentativi per sollevarsi dalla terra e raggiungere il cielo. Data storica è il 17 dicembre 1903, quando un mezzo più pesante dell aria, il Flyer 1, pilotato dai fratelli Orville e Wilbur Wright, si levò in volo sulle dune di Kill Devill Hill nel North Carolina. I due fratelli, riuscirono ad alzarsi tre metri da terra per dodici secondi compiendo un volo lungo 36 metri, troppo modesto, dirà poi lo stesso Orville, se paragonato a quello degli uccelli. Più tardi, il raduno di Reims, organizzato in Francia nell agosto del 1909 consacrò l aeroplano come protagonista di manifestazioni sportive. L evento rappresentò l inizio di una gara tecnologica che sarebbe andata avanti per anni, alimentata dallo stimolo della competizione e dal pionierismo di pochi temerari 9. 8 Una su tutte è la legenda dedalea, cha dalla Grecia si diffuse in tutta Europa: Icaro, figlio di Dedalo, racchiuso nel labirinto di Creta, si fabbrica delle ali con penne e lino attaccate con cera e si lancia in alto sul mare, ma il sole col suo calore scioglie la cera facendolo precipitare in mare

14 La Grande Guerra cancellò ben presto gli stimoli iniziali e fu teorizzato l utilizzo dell aeroplano solo come strumento bellico (primo utilizzo italiano fu il 23 ottobre 1911 con una ricognizione durante la guerra di Libia). Alla fine delle ostilità fu inaugurata la prima rotta civile: Londra Parigi che poteva trasportare solamente un passeggero oltre i pacchi postali 10. Nel maggio del 1917 con la Torino Roma e nel successivo mese di giugno con la Napoli - Palermo Napoli, gli italiani si distinsero nell istituire collegamenti aeropostali regolari. Successivamente, per avvicinarsi alle isole e all'albania, fu istituito un servizio della "Posta Aerea Transadriatica sulle rotte Brindisi Valona e Venezia - Trieste Pola Fiume. All'Olanda, con la KLM, va il primato per il primo servizio regolare passeggeri inaugurato il 17 maggio 1920 con un De Havilland D.H. 16 sulla linea Amsterdam - Londra (pilota H. Shaw) 11. Nelle nazioni dove l'aviazione aveva potuto svilupparsi si cominciò a dar vita ad un embrione di organizzazione per l'assistenza al volo che oggi può apparire, per il suo carattere artigianale, fuori della realtà perché le attività dirette ad assistere i voli non erano tra di esse coordinate, ma basate su criteri esclusivi per soddisfare singole esigenze. Il 28 Marzo 1923 vene istituita la Regia Aeronautica Italiana. Negli anni successivi i mezzi aerei vennero utilizzati per porre le nazioni all attenzione del mondo: furono organizzate trasvolate oceaniche di grande impatto mediatico e competizioni per abbattere primati su primati (es. Coppa Schneider). I voli erano sporadici e quindi ancora non si poteva parlare di concetti tipo flusso di traffico aereo o di gestione del traffico aereo. 10 Dott. Gregory Alegi: Storia dell Aeronautica Militare

15 Dagli inizi degli Anni Trenta e sino alla seconda guerra mondiale nel campo della radionavigazione aerea si evidenziano due scuole: quella americana, basata sui radiosentieri a media frequenza, e quella europea, basata sulla radiogoniometria interna (radiogoniometro 12, radiobussola a bordo e radiofari al suolo) o esterna (radiogoniometro al suolo). Le due forme di radionavigazione favorivano la formazione delle aerovie 13. Già nel 1939 negli Stati Uniti v'erano oltre 27 mila miglia di aerovie servite da radiosentieri ed in essi si affermò una nuova branca della navigazione aerea, il "controllo del traffico aereo". Nel 1939 questo servizio comprendeva cinquantadue torri di controllo aeroportuali ed undici centri di controllo di rotta. I collegamenti radio T-B-T 14 avvenivano in radiofonia ad alta frequenza (HF 15 ). Durante le Seconda Guerra Mondiale l impiego degli aeromobili fu massiccio e lo sviluppo di tecnologie aeronautiche fu inarrestabile. Durante questo periodo storico, gran parte delle risorse scientifiche ed industriali nel campo radiotecnico fu concentrata sulle necessità dell'aviazione militare al fine di soddisfare le varie esigenze, dal volo ogni tempo 16 al supporto operativo in campo strategico e tattico. Durante il conflitto furono compiuti considerevoli progressi che portarono all'impiego delle altissime 12 Strumento che sfrutta la radiogoniometria, ovvero un sistema di rilevamento che utilizza onde di tipo radio allo scopo di determinare la direzione di una stazione. 13 Aerovia: una regione di controllo, o parte di essa, a forma di corridoio, equipaggiata da radioassistenze alla navigazione 14 T-B-T: comunicazioni tra aeromobili e personale al suolo, letteralmente terra bordo - terra 15 H.F. : Hight frequency, radio frequenze di tipo alto da a KHz (da Manuale dei servizi del traffico aereo) 16 In gergo aeronautico indica la capacità di volare notte e giorno anche in condizioni meteorologiche avverse 14

16 frequenze VHF 17 ed UHF 18, alla realizzazione ed all'impiego dei sistemi V.O.R 19. ed I.L.S 20., del radar di rotta e del G.C.A 21. Alla fine della guerra gli Stati Uniti avevano sviluppato sistemi a beneficio dell'aviazione militare, mentre per l'aviazione civile non era stato fatto nulla. Affinché le innovazioni sviluppate per il traffico militare potessero essere sfruttate anche dall'aviazione civile fu promosso un sistema di controllo comune che prevedeva l'impiego del V.O.R. e dell'i.l.s. Tale impiego non soddisfaceva le esigenze dell'aviazione civile in quanto l'utilizzo di tali apparecchiature avrebbe favorito un numero limitato di aeromobili civili e militari poiché gli apparati per V.O.R. ed I.L.S. erano costosi ed ingombranti, per questo motivo i numerosi proprietari di aeromobili e l'associazione Piloti erano a favore del G.C.A 22. Nel 1947 il Congresso Americano incaricò una commissione speciale (Comitato SC31) per mettere ordine nel caos degli interessi dei proprietari di aeromobili privati e commerciali. Nel 1950 il rapporto finale della commissione sottolineava che nel 1946 le compagnie di trasporto aereo avevano avuto una serie di cancellazioni dei voli e di ritardi dovute alle cattive condizioni atmosferiche causando un elevata perdita di introiti. I rapporto ribadiva inoltre che le necessità economiche e della difesa nazionale richiedevano un sistema 17 V.H.F.: Very High frequency, radio frequenze molto alte da 30 a 300 MHz (da Manuale dei servizi del traffico aereo) 18 U.H.F.: Ultra High frequency, radio frequenze ultra alte da 300 a MHz (da Manuale dei servizi del traffico aereo) 19 V.O.R.: V.H.F. omnidirectional radio range, radiosentiero omnidirezionale in onde V.H.F. che permette la navigazione secondo le regole IFR e l avvicinamento su una pista d atterraggio mediante procedure radio assistite che forniscono informazioni al pilota sulla radiale e direzione dell aeromobile (da Manuale dei servizi del traffico aereo) 20 I.L.S.: Instrument Landing System, sistema d atterraggio strumentale (da Manuale dei servizi del traffico aereo) 21 G.C.A.: Ground Controlled Approach, sistema di avvicinamento controllato da terra (da Manuale dei servizi del traffico aereo) 22 Tratto dalla Prefazione di Eligio Paschina dell'opera "Radiazioni per volare " di Giuseppe D'Avanzo 15

17 comune di radioassistenza al volo, specificando che questo sistema poteva essere usato da chiunque senza particolare addestramento per la transazione dal vecchio al nuovo, e che "nel caso di emergenza nazionale, i piloti civili, se ben addestrati, costituivano una riserva immediatamente disponibile per le esigenze militari della nazione". Anche in merito al sistema di controllo del traffico aereo da realizzare il rapporto elencava una serie di principi che affermavano l'importanza di un sistema di aeronavigazione sicuro, efficiente in qualsiasi condizione meteorologica. Nel 1955 entrò in campo anche la Casa Bianca la quale, a seguito delle raccomandazioni di una nuova commissione d'indagine - la Commissione Harding - nel 1956 avrebbe proposto la nomina di Edward Curtis ad assistente particolare del Presidente degli U.S.A. per l'aviazione, con l'incarico di definire un programma tecnico ed economico atto a soddisfare nel miglior modo possibile le esigenze dell'aviazione per i futuri venti anni. Il Rapporto Curtis puntò sostanzialmente alla modernizzazione delle strutture organizzative federali, dei servizi e degli aeroporti. Il Rapporto metteva in evidenza come, a differenza degli altri servizi aeronautici, gli aeroporti dovevano essere costruiti e gestiti tecnicamente e finanziariamente da enti locali, pur potendo beneficiare di sovvenzioni governative. Questa filosofia di decentralizzazione dei servizi aeroportuali, che si contrapponeva a quelle di centralizzazione dei servizi della navigazione (controllo del traffico aereo, telecomunicazioni e meteorologia) veniva ritenuta la più logica per due motivi: il primo in riferimento alle caratteristiche della gestione tecnica degli aeroporti, la quale deve rispondere alle esigenze locali che non potrebbero essere meglio soddisfatte che da 16

18 organismi locali; secondariamente per ragioni di ordine finanziario, in quanto gli aeroporti sono e saranno sempre il più costoso dei servizi del trasporto aereo 23. Alla fine degli anni Cinquanta negli U.S.A. erano stati iniziati gli studi e le sperimentazioni per l'automazione del controllo del traffico aereo. I primi sistemi sperimentali erano basati soprattutto su dispositivi elettromeccanici per la stampa e l'aggiornamento automatico delle strip 24 e sulla presentazione radar. La valutazione finale di questo sistema fu fatta presso il centro sperimentale di Atlanta senza che lo stesso riscuotesse grandi entusiasmi. Nello stesso Centro era stato contemporaneamente sperimentato un sistema 25 per il controllo automatico degli avvicinamenti. Agli inizi degli stessi anni Sessanta, l'automazione del controllo del traffico aereo negli U.S.A. divenne operativa con gli elementi tipici del centro di calcolo, la stampa automatica delle strip, la presentazione radar con bright display 26. L'elemento che distingueva questo sistema dagli altri sistemi operativi o allo studio, era il display orizzontale di grandi dimensioni sul quale operavano contemporaneamente il controllore del traffico civile e quello del traffico militare, conseguendo in tal modo una soluzione ottimale del controverso problema del coordinamento fra le diverse attività di volo definibili civili e militari. 23 Tratto dalla Prefazione di Eligio Paschina dell'opera "Radiazioni per volare " di Giuseppe D'Avanzo 24 strip: striscia progresso volo, striscia di carta usata per la presentazione dei dati dei voli sul bancone progresso volo (da Manuale sei Servizi del traffico Aereo) 25 Sistema AN/GSN-11 che permetteva, con l'ausilio del radar e dei calcolatori, di controllare simultaneamente diciotto aeromobili e guidarli fino all'atterraggio, con istruzioni trasmesse automaticamente in fonia o per iscritto mediante radiotelescrivente. 26 Indicatore luminoso a presentazione sintetica alfa-numerica 17

19 Contemporaneamente a quest'evoluzione in atto negli U.S.A., altra si svolgeva in Europa e nel Mediterraneo ove nel periodo precedente alla seconda guerra mondiale l'organizzazione degli spazi aerei era basata sulle "circoscrizioni di assistenza al volo", nel cui ambito appositi centri - denominati Centrali di Assistenza al Volo - provvedevano ad "assistere" gli aeromobili in volo con la tecnica radiogoniometrica (da bordo e dal suolo) e dei collegamenti T-B-T. Nel periodo precedente alla seconda guerra mondiale, fra i paesi europei la Germania fu quella che maggiormente sviluppò la navigazione radio-assistita, verosimilmente anche per soddisfare le esigenze del volo strumentale delle proprie aviazioni civile e militare, molto attive, nelle particolari condizioni meteorologiche in cui esse dovevano operare. Pur basandosi sempre sulle tecniche radiogoniometriche per la navigazione a breve e medio raggio, la Germania fu il primo paese del mondo ad affrontare e a risolvere il problema dell'avvicinamento e dell'atterraggio strumentale con le procedure progenitrici del moderno I.L.S. I sistemi di navigazione erano basati sulla radiogoniometria 27 da terra in alta frequenza e su radiofari a media frequenza di grande potenza, con segnali pluridirezionali. Questi ultimi furono utilizzati soprattutto per la radioguida dei velivoli impegnati nelle incursioni sulla Gran Bretagna. In Germania gli esperimenti con le tecniche radar avevano avuto inizio già nel 1937, contemporaneamente o quasi all'inghilterra. Forse per la mancanza di un adeguato programma tecnico e di ricerca, e forse anche per disaccordi fra le tre forze armate, lo sviluppo operativo del radar in Germania, in relazione ai risultati tecnologici 27 Radiogoniometria: tecnica che sfrutta la misurazione delle onde radio per fornire aiuti alla navigazione aerea 18

20 conseguiti, fu relativamente limitato e, nelle applicazioni per l'aeronautica in particolare, quasi trascurabile 28. Diverso fu lo sviluppo di queste tecnologie in Inghilterra ove, nel periodo precedente alla seconda guerra mondiale, v'era un'organizzazione per l'assistenza al volo conforme a quella delle altre nazioni europee. Decisivo, quale apporto alle successive vicissitudini della guerra, e spettacolare dal punto di vista tecnico e scientifico, fu in quel periodo lo sviluppo del radar. In Inghilterra il radar ebbe origine da uno studio di Watson Watt, presentato nel 1935 al Comitato Scientifico della Difesa Aerea. Alla fine del 1936 un gruppo di tecnici guidati dallo stesso Watson Watt aveva realizzato il ricetrasmettitore ed il tubo a raggi catodici in grado di presentare le informazioni di rilevamento e di distanza. Fu quindi messa a punto la prima stazione sperimentale costiera e già nel 1940 esisteva una cortina di rilevamento radar a difesa delle coste britanniche. Nello stesso 1940 la scoperta del magnetron a cavità risonanti permise di operare con potenze cento volte superiori a quelle iniziali 29. Il radar assicurò un determinante apporto operativo all'aviazione inglese nella famosa "Battaglia d'inghilterra" e successivamente nella difesa contro i missili V-1 germanici. L'ulteriore sviluppo del radar e delle tecniche connesse diede poi luogo alla realizzazione dell'i.f.f. 30, progenitore del radar secondario, ed a tutta una serie di sistemi radar per la navigazione. 28 Tratto dalla Prefazione di Eligio Paschina dell'opera "Radiazioni per volare " di Giuseppe D'Avanzo I.F.F.: Identification Friend or Foe ; sistema Radar che permette di individuare e classificare un velivolo come amico o nemico mediante dei codici classificati. 19

21 In analogia al resto dell'europa, a partire dalla fine degli Anni Trenta il traffico aereo sull'italia era assistito da dieci Centrali di Assistenza al Volo (C.A.V.), che provvedevano al relativo servizio nell'ambito delle rispettive "circoscrizioni di traffico". Le C.A.V. comprendevano un Centro Meteorologico Regionale e un Centro Regionale delle Comunicazioni, nel quale erano raggruppati tutti i mezzi di navigazione (radiogoniometri e radiofari) ed i collegamenti fra punti fissi e T-B-T. In questo periodo nacquero gli Ufficiali del Traffico Aereo. Questi, seguivano ed assistevano il traffico carteggiando i rilevamenti su una carta Mercatore a grande scala, con l'aiuto di piccoli contrappesi muniti di un filo con molla (cosiddetti "topolini") e centrati su ogni posizione radiogoniometrica al suolo, con interposto un rapportatore trasparente orientato sul Nord magnetico della località. Sul Mediterraneo in particolare, solo a guerra già avanzata fu dato un certo sviluppo anche alla radionavigazione da bordo con l'utilizzo dei radiofari a media frequenza al suolo e con l'installazione sull'aeromobile del radiogoniometro (in un primo tempo, presso ogni Stormo, uno ogni tre aeromobili). In tale area l'impiego dei radiofari non ebbe tuttavia grande sviluppo, anche perché ogni tanto s'era costretti a disattivarli per evitare che fossero utilizzati dagli aeroplani avversari per giungere sulle nostre basi, il che avveniva quasi regolarmente, specie quando le nostre formazioni erano impegnate sui loro obiettivi. Con la fine della guerra e l'avvento dell' I.C.A.O. cominciarono a circolare le prime informazioni sulle nuove tecniche e sui nuovi sistemi di radionavigazione impiegati dagli Alleati, che furono divulgate in occasione della 3^ Conferenza britannica svoltasi a Londra nel Per l'italia parteciparono i colonnelli De Vincenti e Publio Magini i quali dopo il rientro concentrarono il loro impegno nella divulgazione del nuovo "sapere" con la

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 enav.it Web conference 02/12/2014 Documenti fonte REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 923/2012 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2012 + determinazioni ENAC ad esito

Dettagli

Il controllo del traffico Aereo

Il controllo del traffico Aereo Il controllo del traffico Aereo Dispensa a cura di Giulio Di Pinto (MED107) Rev. 03 - Mar/11 1 Il controllo del traffico aereo (ATC - Air Traffic Control) è quell'insieme di regole ed organismi che contribuiscono

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

DITRA Dipartimento di Ingegneria dei Trasporti Dispense del corso di Trasporti Aerei del Prof. L. La Franca - a.a. 2006/2007 ASSISTENZA AL VOLO

DITRA Dipartimento di Ingegneria dei Trasporti Dispense del corso di Trasporti Aerei del Prof. L. La Franca - a.a. 2006/2007 ASSISTENZA AL VOLO Sommario Servizi di assistenza al volo traffico aereo GAT e OAT...2 Suddivisione e tipologie degli spazi aerei...6 La suddivisione operativa degli spazi aerei...10 La separazione fra gli aeromobili...12

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

SERVIZI DI SORVEGLIANZA ATS

SERVIZI DI SORVEGLIANZA ATS Capitolo 25 SERVIZI DI SORVEGLIANZA ATS Elab. L. Zattoni G. Bo INDICE 1 Introduzione al sistema di sorveglianza ATS 1.1 Premessa 1.2 Note storiche 1.3 Sistemi di sorveglianza impiegati in campo ATC 1.3.1

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

Emergenze e Contingency

Emergenze e Contingency Capitolo 23 Emergenze e Contingency Elab. F. Mancinelli CAPITOLO 23 PROCEDURE DI EMERGENZA 1.1 GENERALITÀ Il termine emergenza evoca l idea di un evento disastroso, e può far pensare alla probabilità che

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014)

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Introduzione L'obiettivo primario della società di partecipazione

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

GeMUN Genoa ModelUnited Nations

GeMUN Genoa ModelUnited Nations GeMUN Genoa ModelUnited Nations 1 Indice Checos èilgemun...3 PerchéprenderpartealGeMUN...4 ProssimieventiMUNaGenova...5 Laconferenzainpratica...6 Lastrutturadellaconferenza...7 StoriadelGeMUN...8 2 Che

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

LE LIBERTÀ DELL ARIA

LE LIBERTÀ DELL ARIA DOC TRA 04 LE LIBERTÀ DELL ARIA Il forte sviluppo del mezzo aereo per il trasporto di persone e merci aveva, già prima della 2^ Guerra Mondiale, evidenziato una serie di problemi tecnici e politici relativamente

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

La sicurezza delle centrali nuclear

La sicurezza delle centrali nuclear La sicurezza delle centrali nuclear Milano, 5 maggio 2011 Giuseppe Bolla, Senior Advisor Fondazione EnergyLab EnergyLab - Laboratorio dell Energia Il sistema integrato di gestione in campo nu La sicurezza

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli