Grappa. Capitolo 25. L essenza del graspo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Grappa. Capitolo 25. L essenza del graspo"

Transcript

1 Capitolo 25 Grappa L essenza del graspo rappa, termine derivato dal G latino raspus, che significa uva, o, come ritengono alcuni, dal longobardo krapa. È un prodotto "sensuale", morbido, di gran classe, amato dagli uomini come dalle donne, diventato quasi uno status symbol. Ma non sono lontani gli anni in cui il distillato di vinaccia altre caratteristiche: era burbero, rurale, duro, consumato prevalentemente dalla popolazione maschile del Nord in particolare dei Paesi alpini, là dove era nata la tradizione distillare la vinaccia. Il momento di rottura, o per meglio dire di inversione di tendenza nel modo di concepire la grappa, avviene negli anni 70, quando il distillato made in Italy per eccellenza inizia a rivaleggiare con i distillati provenienti dai Paesi anglosassoni, I whisky e il gin. E si lascia coinvolgere in una corsa all inseguimento" dei consumatori, attraverso grandi investimenti pubblicitari e nuove metodologie di marketing, a dire il vero non sempre azzeccate, campagne pubblicitarie realizzate in quel tempo sono i considerate di grande impatto, ma all'epoca i risultati non sono quelli desiderati: la grappa diventa un prodotto neutro ed indecifrabile, perdendo quelle caratteristiche di distillato selvaggio legato alla civiltà contadina, mai dimenticata, dei nostri padri e dei nostri nonni. E le vendite invece di crescere diminuiscono, addirittura si riducono della metà. Ma i motivi della debacle non sono solo questi. È infatti d'obbligo ricordare che proprio negli anni 70 nascono le tendenze salutistiche, con la condanna senza appello dei Associazione italiana barmen e sostenitori Testi di Gianni Anselmo prodotti alcolici. Inoltre, la crisi economica si fa sentire e l'aumento delle imposte determina una caduta di competitivita del prezzo. Il settore è in seria difficoltà. inizia allora un momento di riflessione da parte dei produttori più lungimiranti (pochi a dire il vero) che, analizzando tutte le cause e le circostanze del fallimento delle loro strategie, arrivano a porre le basi per rinascita della grappa a partire proprio dalla fine li anni 70.

2 IL RINASCIMENTO GRAPPA DELLA La qualità diventa il principale obiettivo. Nuove aziende cercano nuove strade produttive, nuovi percorsi rivoluzionari. È il caso della distilleria Nonino di Percoto (Ud), che nel 1973 inizia a produrre la prima grappa di singolo vitigno, distillando separatamente le vinacce dell'uva Picolit, un vitigno autoctono friulano, che sembrava praticamente scomparso. A partire dai primi anni 80 si assiste a un'evoluzione dell'immagine della grappa, che riflette il cambiamento attuato a livello produttivo dai distillatori. Le grappe messe in commercio sono sempre più raffinate, con caratteristiche di morbidezza, delicatezza, profumi e sapori che ricordano il vitigno di origine delle vinacce utilizzate. Bisogna arrivare al 1997 per vedere finalmente una normativa che riesca a mettere ordine nel settore. È il Decreto Legge 16 luglio 1997 n. 297 che crea una nuova carta d'identità per la grappa. In particolare, viene esplicitamente dichiarato che la denominazione "grappa" è riservata esclusivamente all'acquavite di vinaccia ottenuta da materie prime ricavate da uve prodotte e vinificate in Italia, distillate in impianti ubicati entro i confini del territorio nazionale. Tra le novità più rilevanti: l'introduzione di norme relative all'invecchiamento; la creazione dell'indicazione geografica tipica l'indicazione sull'etichetta del nome del vitigno, quando la grappa viene prodotta per almeno l 85% da materie prime della suddetta varietà (ma può riportare anche due nomi di vitigno, citandoli in ordine decrescente, quando il secondo sia utilizzato almeno nella misura del 15%).può essere inoltre indicato il blasone di un vino Docg, Doc e Igt, qualora le materie prime provengano da uve utilizzate nella produzione del suddetto vino. Rispetto alla grappa standard, che ha una gradazione minima di 37,5% voi, le grappe a Igt devono avere una gradazione minima di 40% vol. La grappa è l unico distillato che si ottiene da sostanze solide, e non da liquidi, le vinacce, quindi estremamente difficile da ottenere. L'INVECCHIAMENTO II Decreto Legge 16 luglio 1997 n. 297 ha creato una nuova carta d'identità per la grappa. Tra le novità più importanti introdotte ci sono quelle relative all'invecchiamento. Si può chiamare grappa "vecchia" o "invecchiata" quella che soggiorna in recipienti di legno non rivestiti per almeno 12 mesi, "riserva" o "stravecchia" se la durata dell'invecchiamento si protrae per 18 mesi. Per periodi uguali o superiori a quelli prescritti il produttore potrà blasonare il distillato indicando l'arco temporale dell'invecchiamento in etichetta, in mesi e/o anni.

3 L ' A C Q U A V I T E D'UVA: UN D I S T I L L A T O DI C L A S S E Nata nel 1984, inventata dalla distilleria Nonino. Può essere considerata la sorella minore, ma di maggior classe, della grappa. Viene ottenuta dalla distillazione dell'uva intera, buccia, succo e polpa, con l'esclusione del raspo. Giannola Nonino, che, con il marito Benito e le figlie Cristina, Antonella ed Elisabetta ha inventato UÈ, il primo distillato d'uva prodotto in Italia, ci illustra quali sono i segreti di questa acquavite di pregio. "Per ottenere una grande acquavite d'uva dice è indispensabile: selezionare i vitigni, in base alla caratteristica degli stessi (fruttato, aromatico o neutro) e alla zona maggiormente vacata; decidere il momento otti-male della vendemmia in base al punto di maturazione più idoneo; utilizzare uve sane, vendemmiate a giusta maturazione, raccolte a mano nelle ore fresche della giornata e portate immediatamente in distilleria. Subito dopo la pigiatura avrà inizio la fermenta-zione avviata con l'aggiunta di enzimi e lieviti altamente selezionati in base alla varietà dell'uva stessa. A Fermentazione avvenuta, con la trasformazione degli zuccheri in alcool, la fase successiva è la distillazione vera e propria: dovrà avvenire con alambicchi discontinui, e, una volta ultimata, è seguita dall'analisi per l'idoneità da parte del laboratorio delle dogane. Solo a questo punto si provvede a ridurre la gradazione con l'aggiunta di acqua distillata, alla filtrazione e all'imbottigliamento". Sulla scia di Nonino anche altri distillatori hanno iniziato a produrre l'acquavite d'uva. Per esempio Italo Maschio, della Bonaventura Maschio, distillerìa di Gaiarine, in provincia di Treviso, che ha lanciato Prime Uve, un armonico e profumatis-simo distillato di frutta di alta qualità, realizzato con la collaborazione, per la parte vinicola, dell'istituto Sperimentale di Viticoltura di Conegliano e, per la parte enologica, con l'università di Udine. Composizione della grappa acqua ( % ) ; alcol etilico ( % ) alcol metilico ( max 1 ml per 100 ml di alcol anidro ) alcoli superiori ( max 500 mg per 100ml di alcol anidro ) esteri ( da 100 a 600 mg per 100 ml di alcol anidro ) ; aldeidi ( da 100 a 200 mg per 100 ml di alcol anidro ) ; acidi ( da 50 a 1000 mg per 100 ml di alcol anidro ). Per la produzione della grappa si parte dalle vinacce che si possono suddividere in tre categorie: Vergini: vinacce che non hanno subito fermentazione, provenienti da vinificazioni in bianco. Per la produzione, abbisognano di una iniziale fermentazione, prima di essere immesse nell alambicco. La fermentazione dura circa giorni al ripario dell aria in piccoli contenitori. Si aggiungono lieviti selezionati diluiti in un mosto ricavato dalla premitura delle bucce stesse. Fermentate: vinacce che hanno subito il processo di fermentazione insieme con il mosto, quindi una macerazione, che consente di contenere un humus alcolico, che potrà essere estratto dalla distillazione. Semifermentate: vinacce che hanno subito una breve fermentazione in sede di macerazione e quindi più deboli in tenore alcolico.

4 Le vinacce contengono mediamente il 3-4 % di alcool il che fa rendere la produzione di grappa secondo lo schema sotto raffigurato Nella produzione è consentito l uso di fecce liquide naturali di vino, nella misura massima di 25 kg per 100 kg di vinacce. La quantità di 4% 4% 7% Mosto Raspi Vinaccioli Bucce 85% Produzione della Grappa Insilamento delle vinacce La produzione industriale della grappa, negli appositi impianti, avviene per almeno 4-5 mesi all'anno, perciò la vinaccia fresca può essere distillata solo per brevi periodi. Quindi, si rende necessario un insilamento della restante vinaccia per la successiva produzione. Tecnicamente la distillazione della vinaccia fresca fornisce una grappa migliore, in quanto con l'insilamento avvengono reazioni biochimiche che producono composti che non sempre sono fattori di qualità. Le vinacce sono insilate in vasche di cemento, in silos di cemento, in contenitori di ferro rivestiti con resine epossidiche o in tini di legno. Tutti questi contenitori devono essere puliti, indenni da muffe e da sostanze organiche inacetite. L'insilamento della vinaccia avviene dopo l'operazione di pressatura, perché, già dopo poche ore dalla separazione dal mosto, essa può subire alterazioni tali da compromettere l'ottenimento di buoni risultati. Nei contenitori la vinaccia deve essere disposta a strati e pressata il più possibile affinchè non rimangano sacche d'aria. Inoltre, gli strati superficiali di vinaccia devono essere protetti dal contatto con l'aria mediante l'uso di teli di materiale plastico. Distillazione La distillazione della grappa, avviene sia in alambicchi continui, che discontinui. La particolarità di questi attrezzi però consiste nella fonte di calore, in effetti abbiamo gli alambicchi a Vapore: le vinacce sono disposte in cestelli bucati su più livelli attrevarsati dai vapori acquei prodotti da una caldaia esterna, che si arricchiranno man mano di alcool per poi ricondensarsi nella serpentina fredda. Bagnomaria: usata solitamente per le vinacce asciutte, a cui si aggiunge dell acqua per facilitare la distillazione. I distillatori a fuoco diretto si differenziano a seconda che le vinacce siano sommerse nella acqua oppure poste su una griglia sopraelevata.

5 Negli alambicchi a vinacce sommerse vi è un cesto che contiene le vinacce e ne impedisce il contatto con il fondo e con le pareti, e quindi evita loro il surriscaldamento. Nel distillatore a vinacce emerse, la caldaia viene divisa in due sezioni da una griglia di rame; in quella inferiore si metterà l'acqua, mentre in quella superiore, vengono poggiate le vinacce. Inoltre il vapore idroalcolico subisce una parziale deflemmazione, dovendo attraversare la massa spugnosa costituita dalla vinaccia. Per ottenere un buon prodotto bisogna partire da vinacce umide e non molto sfruttate, ben bagnate di mosto. La produzione ideale sarebbe quella di distillare le vinacce appena prodotte, ma siccome la vendemmia avviene in un limitatissimo periodo dell anno, le vinacce vengono poste in silos sottovuoto, per poterle conservare integre fino al momento della produzione, allungando i tempi di produzione industriali. La distillazione deve essere effettuata a meno di 86 per cento in volume. Per poter essere messa in commercio ad un titolo alcolumetrico minimo di 37,5% Impianto di distillazione discontinuo a bagnomaria trentino. La vinaccia, riscaldata dal vapore è tenuta in movimento da un braccio agitatore. Collegata si trova la colonna di concentrazione e rettifica, grazie alla quale è possibile lavorare con una singola distillazione. I vapori alcolici che riescono a giungere in testa alla colonna, vengono estratti e condensati. Tramite la misurazione del grado alcolico si distinguono le teste e le code, che sono inviate alla base della colonna per essere nuovamente distillate e per il seguente scarico delle fecce (si chiamano borlande). Rettificazione La distillazione non darebbe luogo a molti problemi se nella vinaccia gli elementi volatili fossero esclusivamente acqua ed alcol. Invece questa materia prima contiene una moltitudine di elementi volatili che se passano nella grappa in quantità moderate, conferiscono tipicità e finezza, mentre se superano un certo limite la deprezzano e la rendono fisiologicamente dannosa. La rettificazione è quell'operazione che permette di separare le sostanze volatili di pregio da quelle meno pregiate. Mentre negli impianti industriali, formati da colonne a piatti, la rettificazione avviene in modo continuo, nella distillazione di tipo artigianale si esegue, invece, dividendo la grappa, in fase di distillazione, in tre frazioni: teste, corpo, code.

6 Le teste sono formate dalle sostanze volatili che hanno un punto di ebollizione inferiore a quello dell'alcol etilico. Nella distillazione discontinua rappresentano la prima frazione di liquido che esce dal refrigerante. Con l'esatta separazione della frazione di testa si allontanano gran parte dell'alcol metilico e dell'acetato di etile, che in un distillato è il responsabile dell'odore acetoso. Il corpo o cuore è formato dai composti che hanno un punto di ebollizione compreso tra 78.4 e 100 C. Se non vi sono state alterazioni, questi composti non nuociono alla grappa, anzi fanno parte del suo bagaglio tipico. Il corpo è la frazione centrale del processo di distillazione ed è la più importante perché contiene la maggior quantità di alcol etilico e la minor percentuale di sostanze indesiderate. Nel corpo, oltre all'alcol etilico, sono presenti altri alcoli, esteri e l'isovaleraldeide. Riduzione del grado alcolico La grappa prodotta può avere una gradazione alcolica di C, e se non è destinata all'invecchiamento o se non la si vuole consumare con tale ricchezza alcolica, si effettua una riduzione del grado alcolico mediante taglio con acqua. Esistono delle tabelle che indicano quanti litri d'acqua bisogna aggiungere alla grappa in esame per portarla alla gradazione desiderata. Per esempio, per portare 100 litri di grappa da 40 a 55 si devono aggiungere 38.5 litri d'acqua. Con la riduzione del grado alcolico, alcuni composti solubili in miscele ricche di alcol si insolubilizzano diventando facilmente separabili con una semplice filtrazione, o con una chiarificazione. Tutto questo è un vantaggio per la stabilità della grappa nel tempo, perché si eliminano grandi quantità di acidi quali il miristico, il laurico, lo stearico, l'oleico, il linoleico, il linolenico ed i relativi esteri formati con l'alcol etilico, metilico e amilico e di acetale che s'idrolizza. L'acqua che si aggiunge per ottenere la Le code sono formate dai costituenti volatili che bollono oltre i 100 C e che si raccolgono nell'ultima parte del distillato. Nella distillazione non si raggiungono mai queste temperature, ma molti di questi composti chimici sono abbastanza solubili nei vapori alcolici caldi ed in parte sono trascinati anche se non sono solubili negli stessi vapori. Gli acidi, soprattutto l'acido acetico che conferisce un sapore pungente alla grappa, devono essere separati con molta attenzione perché sono in grado di arrivare nel distillato anche se nessuno di loro ha un punto di ebollizione inferiore ai 100 C. Le code, quindi rappresentano la terza frazione di distillato. Già quando la temperatura di processo supera i 90 C, inizia l'inquinamento delle sostanze altobollenti, che sarà tanto più elevato quanto più violenta è l'ebollizione. riduzione del grado alcolico non deve essere dura. Infatti, se contenesse sali poco solubili in ambiente alcolico, questi ne comprometterebbero la stabilità originando con facilità intorbidimenti e depositi. La legge impone l'impiego di acqua distillata. Chiarificazione Quest'operazione, insieme alla refrigerazione ed alla filtrazione, serve per eliminare quei difetti del distillato, che si sono originati nel tempo per insolubilizzazione di vari componenti, i quali vanno ad intorbidire la grappa. Questa, inoltre, per vari motivi può presentare difetti che devono essere eliminati. Per la chiarificazione s'impiegano prodotti organici o minerali che, dopo averli sospesi in acqua, s'introducono lentamente nel distillato ed hanno la proprietà di flocculare trascinando sul fondo le impurità presenti. Il trattamento è molto efficace, ma bisogna tener presente che i prodotti usati asportano anche notevoli quantità di profumi, deprezzando la grappa trattata.

7 Refrigerazione Questa fase ha lo scopo di favorire l'insolubilizzazione degli oli di flemma in modo da poterli separare mediante filtrazione. La grappa viene portata ad una temperatura variabile tra i - 10 C ed i - 20 C per almeno 48 ore e poi si filtra con setti in grado di trattenere gli oli insolubilizzati. Filtrazione Serve a rendere la grappa limpida trattenendo i flocculi di chiarificante che non sono precipitati ed altre sostanze sospese che accidentalmente possono essere presenti. La filtrazione può essere eseguita con filtri a carta o con filtri a pressione che impiegano coadiuvanti di filtrazione oppure con strati filtranti preformati. Per le piccole e medie produzioni si utilizzano filtri a pressione che impiegano strati filtranti. In genere, per ottenere una buona qualità del filtrato, occorre utilizzare strati a media e bassa permeabilità. Terminato il rito della distillazione la grappa può andare incontro sostanzialmente a due destini diversi: essere consumata giovane o passare all'invecchiamento. Anche nel primo caso e' comunque consigliabile un periodo di "affinamento" per consentire al distillato di stabilire al suo interno tutti gli equilibri necessari a ritrovare quell'armonia di aromi che va inevitabilmente persa nella fase pur sempre "shoccante" della distillazione. L'affinamento: si conduce generalmente all'interno di grandi contenitori inerti (vetro e acciaio sono i migliori e i più diffusi) per un periodo di alcuni mesi. Un affinamento direttamente in bottiglia non e' egualmente efficace sia per la massa di liquido troppo ridotta sia perché la gradazione alcolica in bottiglia sarebbe ormai quella tipica del consumo (dal 40 al 50% d'alcool), poco adatta per favorire le "reazioni" di cui parlavamo sopra, le quali avvengono preferenzialmente nel distillato a "tutto grado" (ossia la gradazione alcolica all'uscita dell'alambicco, tipicamente compresa tra 70 e 80% d'alcool). L'invecchiamento: si compie all'interno di contenitori in legno di diverse dimensioni e costruiti con svariate essenze legnose. In questo caso la capacita elevata non e' per nulla necessaria (quel che conta e' il rapporto contatto/superficie tra liquido e legno, rapporto che aumenta con il diminuire della capacita') infatti il legno non si comporta come un materiale inerte ma cede al distillato molte sostanze naturali aromatiche (es. la vaniglia) e coloranti. Compito del legno è quello di cedere determinati composti polifenolici quali la quercina, querecitrina, e altri tannini che conferiscono il tipico colore e la classica struttura organolettica. Il legno inoltre cede emicellulose e lignina che si idrolizzano trasformandosi in zuccheri, ammorbidendo gradevolmente il sapore. Sotto questo aspetto, oltre al rovere che è il legno più usato nella costruzione dei fusti, danno ottimi risultati il frassino ed il ciliegio. Nonostante alcune aziende aggiungono trucioli di legno o particolari sostanze chimiche, il risultato non è mai allo stesso livello di quello ottenuto facendo invecchiare la grappa nelle botti di legno L'invecchiamento produrrà le attese caratteristiche organolettiche esclusivamente se saranno rispettati tre fattori: Cessione di sostanze gradevoli da parte del legno. Ossigenazione del distillato Giusto tempo di permanenza nel recipiente.

8 Classificazione delle grappe Le grappe, per convenzione, vengono distinte in quattro categorie : Grappe giovani : sono quelle conservate in contenitori diversi dal legno dove hanno affinato le loro caratteristiche, che però non risultano arricchite da componenti diversi da quelli che avevano al momento della distillazione. Grappe invecchiate : sono quelle che hanno soggiornato per un periodo più o meno lungo in fusti di legno di rovere, frassino o altre essenze legnose, acquistando caratteristiche diverse da quelle che avevano al momento della nascita. Grappe aromatiche : derivano da varietà di uve il cui particolare aroma viene trasmesso al distillato ( grappe di moscato, di malvasia ecc. ). Grappe aromatizzate : sono quelle ottenute per mezzo della macerazione con piante officinali, che conferiscono alla grappa un determinato aroma ( grappa alla ruta, alla genziana ecc. ).le varietà' sono moltissime e i risultati organolettici a volte incoraggianti. Occorre pero' ricordare che la quantità di zucchero aggiunto a queste grappe non deve mai eccedere il 2% (questa e' in ogni caso la regola generale per ogni tipologia di grappa) pena la perdita della denominazione "grappa", a favore di quella "liquore a base di grappa". Grappa aromatizzata e metodi di produzione Le grappe aromatizzate rappresentano una parte molto importante nell'ambito dei distillati di vinaccia; perché le grappe oltre ad assumere delle piacevoli qualità organolettiche, acquistano dall'erba officinale impiegata, le virtù terapeutiche associate a quest'ultima. Le sostanze chimiche, contenute nelle erbe, che sono in grado di essere solubilizzate dalla miscela idroalcolica, possono essere così suddivise : Gli zuccheri, che terapeuticamente, oltre ad esercitare una azione energetica sull'organismo, hanno una discreta proprietà regolatrice sull'intestino. Gli acidi organici, che sono rappresentati per la maggior parte dagli acidi malico, ossalico, citrico, succinico, tartarico. I fenoli, rappresentati dai tannini, dagli antrachinoni e dai composti floroglucinici; le loro proprietà terapeutiche riguardano una azione astringente, purgante, e tenifuga. Le saponine triterpeniche, che favoriscono la diuresi, l'espettorazione e la sudorazione Gli steroidi, che comprendono i glucosidi e le saponine steroidiche. I primi utili negli scompensi cardiacaci, mentre le seconde hanno effetti analoghi a quelli delle saponine triterpeniche. Gli alcaloidi, che stimolano la respirazione, aumentano la sudorazione e la salivazione, ed agiscono in vario modo sul sistema nervoso, digerente e cardiocircolatorio. Le essenze, che hanno una grande importanza dal punto di vista organolettico. Le resine, che svolgono sull'organismo umano funzioni importanti a livello dell'apparato respiratorio e digerente

9 Sia la grappa "affinata" che quella "invecchiata" prima della immissione al consumo viene ridotta di grado mediante la semplice diluizione con acqua (possibilmente di fonte), alla quale segue una filtrazione su cellulosa naturale condotta a bassa temperatura, finalizzata a trattenere quelle parti oleose eventualmente sfuggite in fase di distillazione. Imbottigliamento e confezionamento seguono immediatamente a l l a f i l t r a z i o n e e costituiscono l'ultima operazione della catena produttiva prima del consumo. La più diffusa è senz'altro la "bianca", dunque non invecchiata, distillata da vinaccia di uve a bacca rossa o b i a n c a e n o n necessariamente di un unico vitigno. Sempre "bianca" può essere una grappa ottenuta da vinaccia di uve aromatiche rosse o bianche (es. il Brachetto e il Moscato) o da vitigni bianchi non aromatici. La buona grappa bianca si distingue per l'aspetto assolutamente cristallino, l'olfatto etereo, pulito, 1' assenza di profumi che non siano che quelli delle uve d' origine. Una nota molto apprezzata è la cosiddetta "floreale", a volte presente in grappe di alta qualità, per ottenere le quali si procede ad una distillazione della vinaccia freschissima e ancora grondante di mosto/vino (questi ultimi sono spesso ricchi di sostanze volatili, c h e p r o f u m a n o letteralmente di fiori e sono trasferibili nel distillato, a patto che le operazioni di distilleria siano condotte da valenti grappaiali). Nel caso di vitigni aromatici il "ricordo" dell'uva è ancora più marcato e basta la degustazione di una buona grappa di moscato per rendersi esattamente conto del senso di questa affermazione. Più' difficile invece descrivere le caratteristiche organolettiche tipiche di un distillato di mono vitigno non aromatico: spesso non esistono veri segni distintivi ed il particolare prestigio riconosciuto a certi distillati è più da ricondursi al blasone del vitigno di origine che non a reali peculiarità' gustoolfattive. La grappa invecchiata o stravecchia o riserva può' essere ottenuta da tutte le varietà di vinacce descritte sopra, per quanto le grappe più adatte all'invecchiamento siano quelle distillate da v i n a c c e r o s s e "importanti" (es. i nebbioli piemontesi, gli amarene, ecc.). Da un punto di vista o r g a n o l e t t i c o 1 ' invecchiamento modifica profondamente il profilo di un distillato, conferendo morbidezza e rotondità, toni vanigliati e a volte speziati, oltre al citato colore dorato. Il sentore di frutta secca e' uno dei descrittori olfattivi più usati per definire le sensazioni derivanti dalla degustazione di una grappa invecchiata. Il legno, naturalmente, non deve mai prevalere sull'aroma del distillato: cosi' come avviene per i vini, questo sarebbe considerato un difetto. Perciò siamo piuttosto scettici sull'impiego di legni molto profumati (es. mandorlo) che da un lato regalano sensazioni gustoolfattive interessanti, ma per contro mortificano la personalità del distillato.

10 Valutazione organolettica della grappa Per esaminare in modo completo la qualità di una grappa, occorre fare una valutazione sia gustativa, sia olfattiva e visiva. Per quanto riguarda l'esame visivo si considerano due aspetti : la limpidezza e la tonalità del colore. La limpidezza è un requisito fondamentale per una grappa che viene posta in commercio. Eventuali velature o sospensioni polverose sono indice di una cattiva lavorazione. La tonalità del colore dà una prima indicazione sulla categoria di appartenenza della grappa. Le grappe giovani sono bianche cristalline; quelle invecchiate hanno un colore variabile dal bianco ad un bianco - giallognolo. Le grappe aromatizzate sono colorate dal pigmento contenuto nella pianta infusa. Così, ad esempio, le grappe alla ruta hanno riflessi verdognoli, le grappe al mirtillo hanno una colorazione rossa - violacea. L'esame olfattivo si fa in base alle sensazioni derivanti dagli elementi volatili contenuti nella grappa. La loro presenza è notevole, tale da rendere difficile questa fase dell'esame organolettico. Le sensazioni olfattive derivano da tre gruppi di composti chimici : aldeidi, esteri e alcoli. Le aldeidi conferiscono un profumo erbaceo che superata una certa intensità si trasforma da caratteristica di pregio in difetto marcato. I composti più rappresentati come quantità e come soglia di percezione sono l'acetaldeide e l'isovaleraldeide. Gli esteri conferiscono sensazioni diverse a seconda del loro peso molecolare. Al gruppo più volatile corrisponde un profumo leggero di solvente o di fruttato. A quello a medio peso molecolare un profumo di frutta esotica, mentre gli esteri ad alto peso molecolare danno una sensazione oleosa, rancida, non gradevole. Il lattato di etile conferisce una sensazione gradevole che ricorda il lampone, ma solo se è presente in piccole concentrazioni. Gli alcoli superiori conferiscono una sensazione alcolica. Se contenuti entro determinati limiti apportano alla grappa un carattere positivo e tipicizzante. L'esame gustativo si esegue introducendo in bocca una piccola quantità di grappa che viene deglutita. In successione si avvertirà: la sensazione alcolica, il gusto dolce, l'acido, l'amaro e globalmente le sensazioni tattili. Infine, aprendo leggermente la bocca ed inspirando aria si potranno analizzare le sensazioni gusto - olfattive. I sapori presenti in una grappa sono il dolce, l'acido e l'amaro; il resto delle sensazioni gustative è rappresentato dalle sensazioni tattili. Il dolce è conferito dal gruppo degli alcoli e dal saccarosio che può essere addizionato a norma di legge fino al 2%. Il sapore acido viene conferito dagli acidi volatili passati durante la distillazione nella grappa, che se presenti in piccole quantità danno corpo al distillato e risultano pertanto gradevoli. L'amaro, se avvertito nettamente, indica una presenza elevata degli acidi butirrico e propionico, e rappresenta un difetto perché crea disarmonia. Invece, se questo sapore resta quasi impercettibile, crea un gradevole contrasto con il sapore dolce. I polifenoli estratti dal legno durante l'invecchiamento creano una sfumatura amara, gradevole. Il gusto di una grappa si definisce piatto se manca di acidità, secco se scarso di componenti dolci, corto se le sensazioni tattilo - gustative svaniscono velocemente. rotondo se vi è buona armonia tra tutte le componenti.

11 Esistono altri tipi di esami organolettici che trovano pratica applicazione. Spesso si usa diluire la grappa con acqua a 40 C fino a portarla a di alcol prima di assaggiarla. Questo procedimento è utile per ricercare eventuali difetti, ma non è molto attendibile. Infatti la diluizione riduce la concentrazione di tutti i costituenti cambiando l'equilibrio peculiare della grappa. Un altro sistema di valutazione consiste nell'annusare il bicchiere appena vuotato o nell'annusare una strisciolina di carta bibula immersa nella grappa in esame. Il sistema utilizzato da sempre dai distillatori consiste nel versare un po di grappa sul palmo della mano, che viene strofinata forte e annusata. Questo metodo è utilizzato per scoprire elementi nascosti, ma non serve per dare un giudizio globale sulla grappa. La differenza più importante esistente Riepilogo delle disposizioni di legge Tipologie: Grappa: grappa ottenuta da diversi vitigni o miscelata con varie grappe. Monovitigno: prodotta con non meno dell 85% da vinacce di un solo vitigno. Il riferimento a non più di due vitigni deve essere in ordine ponderale decrescente, non è consentita l indicazione di vitigni con presenza inferiore al 5% Doc. Docg, tra la grappa ed il vino, è costituita dalla gradazione alcolica che nella grappa oscilla tra i 40 ed i 60, mentre nel vino varia da 10 a 20. L'alcol a concentrazioni così elevate provoca sulle mucose orali una sensazione bruciante, rendendo difficile l'analisi delle altre componenti gustative.la grappa non si beve come il vino: essa viene sempre consumata fuori dai pasti ed a piccoli sorsi, per cui i parametri di valutazione sono diversi. Un'ultima osservazione riguarda il bicchiere più adatto per degustare la grappa. Si usa il " tulipano piccolo " o il tipo " INAO ridotto ". Altre forme di bicchiere che concentrano o disperdono i profumi sono senza dubbio da scartare. La grappa va degustata a temperatura ambiente, sui C. Igt Indicazione geografica: gradazione minima 40% Grappa di Barolo Grappa piemontese o del Piemonte Grappa lombarda o della Lombardia Grappa trentina o del Trentino Grappa friulana o del Friuli Grappa veneta o del Veneto Sudtiroler grappa/grappa dell Alto Adige Vecchia o invecchiata: grappa che ha subito un invecchiamento non inferiore a 12 mesi in recipienti di legno Riserva o stravecchia: grappa invecchiata almeno 18 mesi in recipienti di legno È ammessa l aggiunta di Sostanze aromatizzanti Piante aromatiche e frutta Zuccheri nel limite massimo di 20 grammi-litro Caramello solo per le grappe invecchiate almeno 12 mesi.

12 Le alterazioni della grappa Alterazioni della limpidezza e del colore: Velatura o sospensioni Questo difetto si manifesta quando la grappa è stata diluita con acqua contenente sali di calcio, che, in ambiente fortemente alcolico, si sono insolubilizzati. Sospensioni si possono avere anche quando la riduzione del grado alcolico causa l'insolubilizzazione dei componenti a più elevato peso molecolare. Questi difetti è possibile eliminarli tramite filtrazione con coadiuvanti stretti o strati filtranti, oppure mediante una chiarificazione con complessi depuranti - chiarificanti. Colorazione gialla Si ha quando l'alambicco o i recipienti cedono ferro. Il rimedio consiste in una chiarificazione ed in una ridistillazione. Colorazione azzurrognola In tal caso l'alambicco cede sali di rame. Il rimedio è come il caso precedente. Alterazioni all'olfatto: Odore di muffa Quando le vinacce, usate per la distillazione, sono affette da muffe. Odore acetoso La causa di questo difetto è da ricercare nelle vinacce diventate acetiche oppure in una non corretta separazione della testa per cui la grappa contiene forti quantità di acetato di etile e di acetaldeide. Il rimedio consiste in una ridistillazione con attenta separazione delle teste. Odore di uova marce In questo caso le vinacce hanno subito fermentazioni anomale con produzione di idrogeno solforato e di mercaptani. Per ovviare a questo inconveniente, si aggiunge solfato di rame e si effettua una ridistillazione. Alterazioni al gusto: Gusto di legno Questo difetto si riscontra quando la grappa subisce cessioni di tannini troppo elevate o di tannini poco nobili a seguito di un invecchiamento troppo lungo o in botti nuove o costruite con legno non adatto. La correzione consiste in una chiarificazione con gelatina liquida. Gusto amaro Quest'alterazione deriva da una cattiva conservazione delle vinacce che porta alla formazione di acido butirrico e propionico, i quali non vengono allontanati durante la distillazione. Per evitare questo si deve effettuare un trattamento con chiarificanti depuranti ed una ridistillazione. Gusto acido Si riscontra quando la separazione dei composti di coda non è stata corretta. Allora, occorre effettuare una disacidificazione con carbonato di calcio e ridistillazione. Altre alterazioni : Bassa gradazione alcolica La causa è da ricercare in una cattiva deflammazione. Si rimedia tramite una ridistillazione. Acidità elevata Essa è dovuta al fatto che le vinacce distillate erano acetiche. Quindi, bisogna disacidificare con carbonato di calcio e ridistillare. Alto contenuto in alcol metilico Questo difetto è dovuto ad una cattiva conservazione delle vinacce e ad una imperfetta rettificazione. Il rimedio consiste in una ridistillazione.

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Decreto n. 5389 del 1 agosto 2011 Attuazione dell articolo 17 del regolamento (CE) n. 110/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 gennaio 2008, concernente la definizione, la designazione,

Dettagli

RISOLUZIONE ECO 3/2004 LIVELLO DI BASE RICHIESTO PER IL CONFERIMENTO DI DIPLOMA AI PROFESSIONISTI COINVOLTI NELLE PRATICHE ENOLOGICHE

RISOLUZIONE ECO 3/2004 LIVELLO DI BASE RICHIESTO PER IL CONFERIMENTO DI DIPLOMA AI PROFESSIONISTI COINVOLTI NELLE PRATICHE ENOLOGICHE LIVELLO DI BASE RICHIESTO PER IL CONFERIMENTO DI DIPLOMA AI PROFESSIONISTI COINVOLTI NELLE PRATICHE ENOLOGICHE L ASSEMBLEA GENERALE, su proposta della Commissione III «Economia», sulla base dei lavori

Dettagli

Come intervenire in cantina sul prodotto al fine di determinare determinate caratteristiche e/o eliminarne difetti. Anna Piotti

Come intervenire in cantina sul prodotto al fine di determinare determinate caratteristiche e/o eliminarne difetti. Anna Piotti Come intervenire in cantina sul prodotto al fine di determinare determinate caratteristiche e/o eliminarne difetti Anna Piotti Partire da un uva di qualità e sana Utilizzare ragionevolmente la solforosa

Dettagli

Grappa di Moscato. Alambicco discontinuo a bagnomaria. Distillazione. Vergine di Moscato (uve a bacca bianca) fermentata in appositi contenitori.

Grappa di Moscato. Alambicco discontinuo a bagnomaria. Distillazione. Vergine di Moscato (uve a bacca bianca) fermentata in appositi contenitori. Grappa Grappa: : si ottiene distillando la vinaccia d uva (buccia e viticcioli) Acquavite Acquavite: : si ottiene distillando l uva intera fermentata risultando così più elegante e fruttata di una grappa.

Dettagli

Bruno Pistoni consulente enogastronomico

Bruno Pistoni consulente enogastronomico DA MOSTO A VINO La vinificazione vera e propria inizia con la trasformazione del mosto in vino, ma è frequente parlare di vinificazione già al momento della vendemmia. Questa viene fatta quando i grappoli

Dettagli

Disciplinare. Marchio di qualità con indicazione di origine. Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige. Grappa. per il settore

Disciplinare. Marchio di qualità con indicazione di origine. Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige. Grappa. per il settore Marchio di qualità con indicazione di origine Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige Disciplinare per il settore Grappa Decreto del Direttore della Ripartizione Economia n. 833 del 26.11.2014 pagine 1

Dettagli

LE GEMME Verdicchio Dei Castelli di Jesi D.O.C. Classico

LE GEMME Verdicchio Dei Castelli di Jesi D.O.C. Classico LE GEMME Verdicchio Dei Castelli di Jesi D.O.C. Classico 2014 22.000 bottiglie 100% Verdicchio Fermentazione in bianco a temperatura controllata in contenitori d acciaio e successivo affinamento in vasche

Dettagli

OenoHow vino rosso in 10 step

OenoHow vino rosso in 10 step OenoHow vino rosso in 10 step 1Ricevimento uve Le uve devono essere: Sane (minor presenza di muffa e altri patogeni) più integre possibile (per evitare eccessi di feccia) raccolte da meno tempo possibile

Dettagli

Roero Arneis D.O.C.G.

Roero Arneis D.O.C.G. Cascina San Pietro Vorremmo essere compagni del gusto e del piacere ogni giorno; ecco perchè accanto alla Selezione Bricco del Conte, proponiamo un articolata gamma di vini che sappiano accompagnare gli

Dettagli

L Azienda. Gli ultimi riconoscimenti

L Azienda. Gli ultimi riconoscimenti L Azienda Gli Spinola sono una delle famiglie più antiche d Europa e il Castello di Tassarolo, costruito nel 12 secolo, era una volta uno stato proprio, con la propria zecca, ancora esistente, e la propria

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012

RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012 RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012 PRATICHE ENOLOGICHE SPECIFICHE PER I VINI AROMATIZZATI, LE BEVANDE A BASE DI PRODOTTI VITIVINICOLI E LE BEVANDE A BASE DI VINO L'ASSEMBLEA GENERALE CONSIDERATA la risoluzione

Dettagli

Caratteristiche dei vitigni e riconoscimento delle uve. - caratteristiche botaniche della specie Vitis vinifera

Caratteristiche dei vitigni e riconoscimento delle uve. - caratteristiche botaniche della specie Vitis vinifera Modulo n. 1 Caratteristiche dei vitigni e riconoscimento delle uve - caratteristiche botaniche della specie Vitis vinifera Durata in ore 20 - fasi fenologiche della vite, dalla gemma al grappolo maturo

Dettagli

La Vinicola Broni SpA P.Iva 00794080150 Via Circonvallazione 93, 27043 Broni (Pavia) - Italy T. +39 0385 51528 F. +39 0385 54396 www.vinicolabroni.

La Vinicola Broni SpA P.Iva 00794080150 Via Circonvallazione 93, 27043 Broni (Pavia) - Italy T. +39 0385 51528 F. +39 0385 54396 www.vinicolabroni. BARBERA La Barbera è uno dei vitigni piú coltivati nel comprensorio dell Oltrepò. Ha un tenore zuccherino che varia dal 16 al 20-22% in peso a seconda delle UVE BASE: Barbera 100% GRADAZIONE ALCOOLICA:

Dettagli

TESI DI LAUREA IN ECONOMIA AGRARIA PRODUZIONE E COMMERCIO DELLA GRAPPA IL CASO AZIENDALE DISTILLERIE POLI A BASSANO DEL GRAPPA

TESI DI LAUREA IN ECONOMIA AGRARIA PRODUZIONE E COMMERCIO DELLA GRAPPA IL CASO AZIENDALE DISTILLERIE POLI A BASSANO DEL GRAPPA U N I V E R S I T A D E G L I S T U D I D I V E R O N A FACOLTA DI ECONOMIA E COMMERCIO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO DIPARTIMENTO DI ECONOMIA, SOCIETA ED ISTITUZIONI SEZIONE DI POLITICA ECONOMICA

Dettagli

Vini da dessert: dalla Vigna al Bicchiere di Romano Satolli Oristano, 19 giugno 2007

Vini da dessert: dalla Vigna al Bicchiere di Romano Satolli Oristano, 19 giugno 2007 Vini da dessert: dalla Vigna al Bicchiere di Romano Satolli Oristano, 19 giugno 2007 Il Dessert è una portata, solitamente ma non sempre dolce, che viene tipicamente servita alla fine del pasto. La parola

Dettagli

VINO NOBILE DI MONTEPULCIANO

VINO NOBILE DI MONTEPULCIANO VINO NOBILE DI MONTEPULCIANO 100 % Prugnolo Gentile (clone Sangiovese) Medio impasto a strati renoso, tufaceo, argilloso 6000 piante per Ha. 40 Hl / Ha 14,00 % Vol. Il Vino Nobile di Montepulciano Antico

Dettagli

VITICOLTORI SULL ISOLA D ISCHIA. seconda decade di Settembre. Valori indicativi alcool: 13,00% vol. vendemmia. Colore: Giallo Paglierino

VITICOLTORI SULL ISOLA D ISCHIA. seconda decade di Settembre. Valori indicativi alcool: 13,00% vol. vendemmia. Colore: Giallo Paglierino PITHECUSA BIANCO INDICAZIONE GEOGRAPHICA TIPICA - EPOMEO ISCHIA Varietà uve: Fiano & Biancolella Zona di produzione: IGT Epomeo Sistema di allevamento: Gouyot ( 5/6gemme per ceppo ) Epoca di vendemmia:

Dettagli

Terre di Orazio GRAPPA DI MOSCATO

Terre di Orazio GRAPPA DI MOSCATO Terre di Orazio GRAPPA DI MOSCATO Prodotto per distillazione delle migliori vinacce dell uva dei vitigni di Moscato di Basilicata sulle Colline di Venosa. Colore: E' di colore bianco paglierino per il

Dettagli

L analisi sensoriale applicata al miele

L analisi sensoriale applicata al miele L analisi sensoriale applicata al miele 1. Generalità sull analisi sensoriale L analisi sensoriale è un metodo per determinare le caratteristiche organolettiche dei prodotti alimentari attraverso il ricorso

Dettagli

Viticoltori in Carpesica

Viticoltori in Carpesica Viticoltori in Carpesica Viticoltori in Carpesica Fare vino è agricoltura antica, un complesso insieme di scienza e arte, di fortuna e semplice duro lavoro. Succede d'immedesimarsi con la vigna per sentire

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

Mimmo Paone. Bianco Alcamo DOC. Cabernet Sauvignon IGT

Mimmo Paone. Bianco Alcamo DOC. Cabernet Sauvignon IGT 11,5 Bianco Alcamo DOC Zona di produzione: Alcamo Trapani Uve: Cataratto e Graganico coltivati in Sicilia Colore: Giallo con riflessi verdi. Profumo: Molto intenso abbastanza persistente, fine floreale

Dettagli

La Cooperativa La Crotta di Vegneron nasce nel 1980 con la finalità di valorizzare la viticoltura delle zone di Chambave e Nus.

La Cooperativa La Crotta di Vegneron nasce nel 1980 con la finalità di valorizzare la viticoltura delle zone di Chambave e Nus. RAPPE TORIA La Cooperativa La Crotta di Vegneron nasce nel 1980 con la finalità di valorizzare la viticoltura delle zone di Chambave e Nus. Le produzioni conosciute ed apprezzate sin dal Medio Evo erano

Dettagli

Schede tecniche LA SOURCE

Schede tecniche LA SOURCE Schede tecniche LA SOURCE s.a.s di Celi Stefano & C. Società Agricola - C.F. e P. IVA 01054500077 Loc. Bussan Dessous, 1-11010 Saint-Pierre (AO) - Cell: 335.6613179 - info@lasource.it Documento scaricato

Dettagli

SCHEDE TECNICHE - LE PIANE - BOCA

SCHEDE TECNICHE - LE PIANE - BOCA I VINI I nostri vini partono da una meticolosa selezione in vigna durante la vendemmia con personale altamente istruito che fa arrivare in cantina solo i grappoli migliori già ripuliti di ogni acino imperfetto.

Dettagli

LE ACQUE DISTILLATE. La distillazione

LE ACQUE DISTILLATE. La distillazione LE ACQUE DISTILLATE La distillazione La distillazione è un operazione tecnica per ottenere la separazione dei liquidi, di una miscela omogenea, basandosi sulla differenza del punto di ebollizione dei suoi

Dettagli

NOSIOLA MUELLER THURGAU CHARDONNAY

NOSIOLA MUELLER THURGAU CHARDONNAY NOSIOLA Morbida, è l emblema della grappa della Valle dei Laghi per il vitigno da cui deriva. Tenue e delicata viene distillata con metodo tradizionale a bagnomaria negli alambicchi di rame del mastro

Dettagli

BARBERA D ALBA VITIGNO: Barbera 100%

BARBERA D ALBA VITIGNO: Barbera 100% BARBERA D ALBA VITIGNO: Barbera 100% d Alba sottozona Castelletto. Terreno di medio potata Guyot, su colline di forte pendenza (40%) esposte a sud-est. RESA PER ETTARO: 60 ettolitri. VINIFICAZIONE: La

Dettagli

BARBERA DEL MONFERRATO D.O.C. FRIZZANTE

BARBERA DEL MONFERRATO D.O.C. FRIZZANTE CATALOGO VINI BARBERA D'ASTI G. BARBERA DEL MONFERRATO FRIZZANTE BARBERA D'ASTI G. "TRADIZIONE" Questo BARBERA ha buona intensità olfattiva, Dal frutto dell operosità dei colore rubino limpido ed Di colore

Dettagli

Carta Vini. Datemi libri, frutta, vino, un buon clima e un pò di musica fuori dalla porta, suonata da qualcuno che non conosco.

Carta Vini. Datemi libri, frutta, vino, un buon clima e un pò di musica fuori dalla porta, suonata da qualcuno che non conosco. Carta Vini Datemi libri, frutta, vino, un buon clima e un pò di musica fuori dalla porta, suonata da qualcuno che non conosco. John Keats CASTORE Cincinnato Bellone Lazio IGT Bianco Uva: Bellone 100% VIGNETI:

Dettagli

DAL 1950, COLTIVIAMO LA PASSIONE PER LA QUALITÀ

DAL 1950, COLTIVIAMO LA PASSIONE PER LA QUALITÀ MERLOT COLORE: rubino molto intenso e profondo con sfumature violacee. PROFUMO: intenso, talvolta etereo con note di ciliegia e frutta di sottobosco, a volte si sentono delle leggere sfumature erbacee.

Dettagli

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi Laboratorio di chimica Prof. Aurelio Trevisi Corpi formati da due o più tipi di materia, cioè da due o più sostanze, formano i miscugli. Un miscuglio è omogeneo quando le sostanze che lo formano, cioè

Dettagli

Soluzioni allergen free per una chiarifica razionale dei mosti e dei vini, secondo la Dir. 2007/68/CE

Soluzioni allergen free per una chiarifica razionale dei mosti e dei vini, secondo la Dir. 2007/68/CE Chiarificanti P Soluzioni allergen free per una chiarifica razionale dei mosti e dei vini, secondo la Dir. 2007/68/CE A seguito dell entrata in vigore della direttiva comunitaria 2007/68/CE, i vini che

Dettagli

SORRETTOLE TIPOLOGIA: Chianti d.o.c.g. SUPERFICE VIGNETO: ettari 4,5 ESPOSIZIONE E PENDENZA: Sud, 25-30 %(3,5 ha) NordEst 25% (1 ha). ANNO D IMPIANTO: 1999 e 2003. UVAGGIO: Sangiovese 80 % Colorino 10

Dettagli

2) Pressatura La separazione del mosto avviene con pressatura soffice e veloce, per ridurre il contatto del mosto con le parti solide.

2) Pressatura La separazione del mosto avviene con pressatura soffice e veloce, per ridurre il contatto del mosto con le parti solide. T Questo metodo prevede la presa di spuma in grossi recipienti ermeticamente chiusi a tenuta di pressione. Inventato dall astigiano Martinotti, il metodo è stato brevettato in Francia nel 1907 dall ing.

Dettagli

IRPINIA FIANO D.O.P. Irpinia Fiano vino bianco D.O.P. Uve: Fiano 100%, vigneti aziendali.

IRPINIA FIANO D.O.P. Irpinia Fiano vino bianco D.O.P. Uve: Fiano 100%, vigneti aziendali. IRPINIA FIANO D.O.P. Irpinia Fiano vino bianco D.O.P. Fiano 100%, vigneti aziendali. pressatura soffice, fermentazione a temperatura controllata in acciaio e affinamento in bottiglia. colore giallo verdolino,

Dettagli

MISCUGLI E TECNICHE DI SEPARAZIONE

MISCUGLI E TECNICHE DI SEPARAZIONE MISCUGLI E TECNICHE DI SEPARAZIONE Classe 1^A Grafico Questo documento è solo una presentazione e non deve ritenersi completo se non è accompagnato dalla lezione in classe. Prof. Zarini Marta CLASSIFICAZIONE

Dettagli

ENIO OTTAVIANI VINI E VIGNETI EMILIA ROMAGNA

ENIO OTTAVIANI VINI E VIGNETI EMILIA ROMAGNA ENIO OTTAVIANI VINI E VIGNETI EMILIA ROMAGNA ENIO OTTAVIANI VINI E VIGNETI ENIO OTTAVIANI SKYWINE by MAURO DRUDI / 500 / 1 MADA TIPOLOGIA BIANCO: Chardonnay Rubicone I.G.P. IL SAPORE DEL SOLE Alla Società

Dettagli

autocertificazione e prezzo sorgente il vino

autocertificazione e prezzo sorgente il vino autocertificazione e prezzo sorgente il vino IL PRODUTTORE Nome produttore/azienda e ragione sociale: Vergano Mauro Indirizzo: Via Brofferio, 106 14100 ASTI (AT) Telefono: 0141 324704 Fax: 0141 324704

Dettagli

L Olio Extravergine di Oliva, un alimento di qualità non un semplice condimento

L Olio Extravergine di Oliva, un alimento di qualità non un semplice condimento L Olio Extravergine di Oliva, un alimento di qualità non un semplice condimento Le cose da dire sull olio sono tante, durante i miei corsi di degustazione le persone rimangono affascinate nel conoscere

Dettagli

SCHEDE TECNICHE. Via Antonello da Messina Lotto n 7 98049 Villafranca Tirrena - Messina Tel. +39 0903378556 - Fax +39 090337162 www.cantinemadaudo.

SCHEDE TECNICHE. Via Antonello da Messina Lotto n 7 98049 Villafranca Tirrena - Messina Tel. +39 0903378556 - Fax +39 090337162 www.cantinemadaudo. SCHEDE TECNICHE CERASUOLO DI VITTORIA Denominazione di Origine Controllata e Garantita Dal colore rosso ciliegia e dal profumo fruttato, il suo sapore asciutto ed armonico si abbina con tutti i caratteri

Dettagli

MARSALA FINE I.P. D.O.P.

MARSALA FINE I.P. D.O.P. MARSALA FINE I.P. D.O.P. Marsala Provincia di Trapani, agro di Marsala e Mazara del Vallo Meccanizzata Grillo, Catarratto, Inzolia Invecchiamento Oltre 1 anno in botti di rovere 17% vol. Ambra intenso

Dettagli

Rosso Piceno D.o.c. Abbinamenti consigliati: ideale per carni saporite, affettati, formaggi stagionati, paste ripiene. Tenore alcolico: 12,50 vol.

Rosso Piceno D.o.c. Abbinamenti consigliati: ideale per carni saporite, affettati, formaggi stagionati, paste ripiene. Tenore alcolico: 12,50 vol. Rosso Piceno D.o.c. Uvaggio: Montepulciano (60%) Sangiovese (25%) Merlot (15%) Sistema di allevamento: cordone speronato Resa per ettaro : 70-80 q.li di uva Epoca vendemmia: Fine settembre/primi di ottobre

Dettagli

Distilleria Artigianale

Distilleria Artigianale Distilleria Artigianale V i a D a m i a n o C h i e s a 6 / b - 3 8 0 1 0 T o s s d i T o n ( T N ) T e l. e F a x 0 4 6 1. 6 5 7 0 1 5-3 4 9. 6 1 0 7 5 6 5 w w w. d i s t i l l e r i a f e d r i z z i.

Dettagli

Borgo Conventi. Collio. Isonzo. Un trinomio inscindibile fatto di qualità, tradizione e passione.

Borgo Conventi. Collio. Isonzo. Un trinomio inscindibile fatto di qualità, tradizione e passione. Fondata nel 1975 a Farra d Isonzo, in provincia di Gorizia, Borgo Conventi deve il suo nome ai numerosi conventi che si trovavano nella zona fin da tempi antichissimi. Da subito, Borgo Conventi, con vigneti

Dettagli

Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC Classico

Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC Classico Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC Classico Nome: Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC Classico Denominazione: Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC Classico Colore: colore giallo paglierino Profumo: fruttato

Dettagli

Rosso, dolce, dall'inebriante profumo di rosa, cannella e visciola

Rosso, dolce, dall'inebriante profumo di rosa, cannella e visciola A L E A T I C O D E L L E L B A Rosso, dolce, dall'inebriante profumo di rosa, cannella e visciola Storia e Tradizione Il vitigno Scriveva Gallesio, illustre botanico, nel 1839: Qualunque sia il luogo

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI PROVVEDIMENTO 8 luglio 2009 IL CAPO DIPARTIMENTO

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI PROVVEDIMENTO 8 luglio 2009 IL CAPO DIPARTIMENTO MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI PROVVEDIMENTO 8 luglio 2009 Iscrizione della denominazione «Aceto Balsamico di Modena», nel registro delle denominazioni di origine protette e

Dettagli

4a Lezione-schede I VINI SPUMANTI - BOLLICINE

4a Lezione-schede I VINI SPUMANTI - BOLLICINE SCHEMA PER LA VALUTAZIONE DEGLI SPUMANTI METODO CLASSICO Per le Bollicine l approccio all analisi organolettica e sensoriale parte innanzitutto dalla coltivazione delle uve necessarie per la produzione

Dettagli

F.LLI SPERI PEDEMONTE (VALPOLICELLA) - VERONA

F.LLI SPERI PEDEMONTE (VALPOLICELLA) - VERONA VALPOLICELLA CLASSICO Vino rosso secco Valpolicella Vallata di Negrar, San Pietro in Cariano, Fumane Corvina Veronese 60%, Rondinella 30%, Molinara 10% COLORE: Rosso rubino brillante caratteristico dei

Dettagli

ALTA GAMMA T o p q u a l i t y

ALTA GAMMA T o p q u a l i t y ALTA GAMMA T o p q u a l i t y DISTILLATO 50 PURO 100% RHUM AGRICOLE 50 SELECTION KIRSCH 50 SELECTION WILLIAMS 50 La sapiente miscela di rhum artigianali della Jamaica e Martinica, espressione del caldo

Dettagli

: prima decade di ottobre con diradamento dei grappoli all invaiatura

: prima decade di ottobre con diradamento dei grappoli all invaiatura SCHEDE PRODOTTO PIROMÁFO La parola di origine greca piromáfo letteralmente significa combattente il fuoco. Localmente questo termine viene utilizzato per indicare un terreno resistente alla siccità. Anche

Dettagli

Boroli, radici profonde

Boroli, radici profonde Boroli, radici profonde Nei primi anni novanta Silvano ed Elena Boroli sentono la necessità di intraprendere qualcosa di nuovo, qualcosa che riavvicini alla natura, fuori dai ritmi forsennati della vita

Dettagli

Fattoria Sardi Giustiniani. Lucca. Versilia

Fattoria Sardi Giustiniani. Lucca. Versilia Giustiniani Lucca La fattoria si trova in centro Italia, nel nord-ovest della Toscana, più precisamente nella campagna incastrata tra le Alpi Apuane, l Appenino ed il mar Tirreno a soli 5 km dalle mura

Dettagli

metodi di estrazione e preparazione

metodi di estrazione e preparazione metodi di estrazione e preparazione distillazione a vapore Estrazione per pressione a freddo (spremitura) Estrazione per enfleurage Estrazione per solventi Estrazione delle resine Estrazione con anidride

Dettagli

Prodotti e servizi per il catering

Prodotti e servizi per il catering DIVISIONE FOOD SERVICE Prodotti e servizi per il catering Oli vegetali di semi Oli di Oliva ed Extravergini di Oliva Aceti di vino e Balsamico di Modena Passate, concentrati e pelati di pomodoro Consegna

Dettagli

VINI BIANCHI SPUMANTI. ITALIAVINI S.A.S. di A.TERRENO & C. Via Mazzini, 8 13836 Cossato (BI) mail: info@italiavini.net www.italiavini.

VINI BIANCHI SPUMANTI. ITALIAVINI S.A.S. di A.TERRENO & C. Via Mazzini, 8 13836 Cossato (BI) mail: info@italiavini.net www.italiavini. VINI BIANCHI SPUMANTI ITALIAVINI S.A.S. di A.TERRENO & C. Via Mazzini, 8 13836 Cossato (BI) mail: info@italiavini.net www.italiavini.net Asti DOCG Spumante Si presenta come il più tipico e piacevole spumante

Dettagli

Affinchè possa esprimere al meglio le proprie caratteristiche, deve essere servito alla temperatura di 6/8 C.

Affinchè possa esprimere al meglio le proprie caratteristiche, deve essere servito alla temperatura di 6/8 C. Prestigioso spumante ottenuto da uve Pinot Nero e Chardonnay, rigorosamente selezionate in fase di vendemmia. Spumantizzato con il metodo classico o tradizionale, viene affinato in cantina per almeno 5

Dettagli

INFORMAZIONI PER L ORDINE

INFORMAZIONI PER L ORDINE HI 83748 Acido tartarico, specifico per analisi enologiche L acido tartarico è caratteristico dell uva. Il suo contenuto è variabile e tende ad essere più basso nelle regioni meridionali dove le temperature

Dettagli

Vini Rossi BARBERA D ASTI SUPERIORE D.O.C. LA LUNA E I FALO

Vini Rossi BARBERA D ASTI SUPERIORE D.O.C. LA LUNA E I FALO Ristorante La Sosta La nostra proposta di vini in bottiglia Vini Rossi BARBERA D ASTI SUPERIORE D.O.C. LA LUNA E I FALO (13,5 % vol.) Cantina Terre Da Vino, Barolo 15,50 Da vigneti di oltre 30 anni che

Dettagli

ANDAR PER VINI A TARZO. 22 APRILE 2013 il prosecco

ANDAR PER VINI A TARZO. 22 APRILE 2013 il prosecco ANDAR PER VINI A TARZO 22 APRILE 2013 il prosecco CA del BRENT Vigneti: 5 ettari, diversa età Vitigni: Glera, Chardonnay Cabernet-Sauvignon, Marzemino Produzione: diverse tipologie di vini bianchi e rossi

Dettagli

col di luna BELLENDA SAS VIA GIARDINO, 90 CARPESICA TV TEL +39 0438 920 025 FAX +39 0438 920 015 WWW.BELLENDA.IT INFO@BELLENDA.IT

col di luna BELLENDA SAS VIA GIARDINO, 90 CARPESICA TV TEL +39 0438 920 025 FAX +39 0438 920 015 WWW.BELLENDA.IT INFO@BELLENDA.IT BELLENDA SAS VIA GIARDINO, 90 CARPESICA TV TEL +39 0438 920 025 FAX +39 0438 920 015 WWW.BELLENDA.IT INFO@BELLENDA.IT col di luna OFFICINAPHOTODESIGN.COM col di luna FARE VINO È AGRICOLTURA ANTICA, UN

Dettagli

Origine e Composizione Cristallizzazione Difetti Produzione smielatura e confezionamento Analisi Sensoriale Assaggi

Origine e Composizione Cristallizzazione Difetti Produzione smielatura e confezionamento Analisi Sensoriale Assaggi Prodotti dell alveare. Produzione e loro caratteristiche. Miele, cera,polline,propoli,pappa reale, Riconoscimento di alcuni mieli con l analisi sensoriale. ROVERETO 2015 Graziano Comper Miele: Origine

Dettagli

Bio. Italia leader del bio in Europa: un miliardo di export, tre di giro d'affari BIO IN ITALIA

Bio. Italia leader del bio in Europa: un miliardo di export, tre di giro d'affari BIO IN ITALIA Bio I P R O D O T T I C H E STRIZZANO L OCCHIO ALL AMBIENTE BIO IN ITALIA Italia leader del bio in Europa: un miliardo di export, tre di giro d'affari I consumi alimentari scendono del 3,7% ma i prodotti

Dettagli

www.aziendaagricolapriore.it

www.aziendaagricolapriore.it www.aziendaagricolapriore.it 1904 da allora 3 generazione della famiglia Mingotti si sono succedute con passione alla guida dell Azienda Agricola Priore. Oggi l attività è diretta da Bruno e Alessandro

Dettagli

Pacherhof. Müller Thurgau 2014. Alto Adige Valle Isarco DOC. Vitigno: Müller Thurgau. Origine: Novacella / Valle Isarco.

Pacherhof. Müller Thurgau 2014. Alto Adige Valle Isarco DOC. Vitigno: Müller Thurgau. Origine: Novacella / Valle Isarco. Müller Thurgau 2014 Vitigno: Müller Thurgau Altitudine: 720 m Caratteristica: vino bianco dal colore giallo paglierino con riflessi verdognoli. Al naso è delicato con note erbacee e di noce moscata. Il

Dettagli

Come Valutare il Vino La nostra interpretazione dell Analisi Organolettica e Sensoriale (1)

Come Valutare il Vino La nostra interpretazione dell Analisi Organolettica e Sensoriale (1) Come Valutare il Vino La nostra interpretazione dell Analisi Organolettica e Sensoriale (1) L analisi Organolettica e Sensoriale. Scopo dell analisi organolettica e sensoriale è quello di valutare un prodotto

Dettagli

A sud-ovest di Vicenza, nel mezzo della pianura veneta, sorgono i Colli Berici, stupende colline di origine vulcanica, la cui terra generosa ed il

A sud-ovest di Vicenza, nel mezzo della pianura veneta, sorgono i Colli Berici, stupende colline di origine vulcanica, la cui terra generosa ed il A sud-ovest di Vicenza, nel mezzo della pianura veneta, sorgono i Colli Berici, stupende colline di origine vulcanica, la cui terra generosa ed il clima mite sono l ideale per la coltivazione della vite,

Dettagli

Il VINO. I vini dall odore hanno il lor pregio e dal sapore, dalla limpidezza e dal colore

Il VINO. I vini dall odore hanno il lor pregio e dal sapore, dalla limpidezza e dal colore Il VINO I vini dall odore hanno il lor pregio e dal sapore, dalla limpidezza e dal colore E poco e spesso tu berrai nel pranzo, ma nulla poi berrai da pranzo a cena. Tu nel cenar pria di mangiar berrai,

Dettagli

Alcol come bevanda e per produzione di bevande. Per uso farmaceutico, antisettico e disinfettante

Alcol come bevanda e per produzione di bevande. Per uso farmaceutico, antisettico e disinfettante USO E CONSUMO DELL ALCOOL Alcol come bevanda e per produzione di bevande Per profumeria, essenze, cosmetici Per l industria chimica Per le analisi chimiche Come carburante Per uso farmaceutico, antisettico

Dettagli

Olio Extra Vergine di Oliva etichetta VIRIDE AURUM

Olio Extra Vergine di Oliva etichetta VIRIDE AURUM Catalogo prodotti 2014 Olio Extra Vergine di Oliva etichetta VIRIDE AURUM Gran Cru della produzione aziendale, l eccelenza rappresentata da un blend figlio di una ricercata e limitata produzione, destinata

Dettagli

Selezione "Bricco del Conte "

Selezione Bricco del Conte Selezione "Bricco del Conte " A volte un nome può aver ragione. Significare tutto e subito, con l immediatezza comunicativa senza fronzoli che certe denominazioni sanno naturalmente possedere. Bricco del

Dettagli

Fenomeni fisici. ESPERIENZA n 1. Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio.

Fenomeni fisici. ESPERIENZA n 1. Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio. ESPERIENZA n 1 Fenomeni fisici Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio. Osserviamo dello zucchero al microscopio. Esso si presenta in forma di piccoli granelli trasparenti,

Dettagli

Dopo un anomalo andamento climatico che ha caratterizzato l estate italiana, in questi giorni sta iniziando la vendemmia anche in Valtellina.

Dopo un anomalo andamento climatico che ha caratterizzato l estate italiana, in questi giorni sta iniziando la vendemmia anche in Valtellina. OPERAZIONI DI VENDEMMIA Dopo un anomalo andamento climatico che ha caratterizzato l estate italiana, in questi giorni sta iniziando la vendemmia anche in Valtellina. Il 2014 è stata un annata problematica

Dettagli

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol.

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol. Riconoscimento della denominazione di origine controllata dei vini Moscato di Pantelleria, Passito di Pantelleria e Pantelleria - D.P.R. 11 agosto 1971 1,2 Art. 1. Denominazione e vini. La denominazione

Dettagli

Flysch di Cormons Marne ed arenarie Chardonnay 1962-1971 - 1991-1998 9000 Guyot

Flysch di Cormons Marne ed arenarie Chardonnay 1962-1971 - 1991-1998 9000 Guyot Chardonnay Vigneto a Rosazzo, sottozona dei Friuli Colli Orientali Chardonnay 1962-1971 - 1991-1998 9000 Vendemmia manuale in cassette. Diraspatura e successiva crio- macerazione a temperature vicino agli

Dettagli

L Azienda. Gli ultimi riconoscimenti

L Azienda. Gli ultimi riconoscimenti L Azienda MALVIRÀ, vecchio nome piemontese della casa dove si trovava fino a qualche anno fa la cantina, deve la sua origine alla posizione del cortile che invece di trovarsi a sud come vuole la tradizione,

Dettagli

C A G N U L A R I - I S O L A D E I N U R A G H I I. G. T.

C A G N U L A R I - I S O L A D E I N U R A G H I I. G. T. C A G N U L A R I - I S O L A D E I N U R A G H I I. G. T. Zona di produzione: Vigneti siti nelle colline calcaree del comune di Usini con viti allevate ad alberello. Tecnica di Produzione: Vinificazione

Dettagli

Bombino Bianco IGP OPERATORE CONTROLLATO N. 33438 ORGANISMO DI CONTROLLO AUTORIZZATO DAL MIPAAF IT-BIO-004 AGRICOLTURA UE/NON UE

Bombino Bianco IGP OPERATORE CONTROLLATO N. 33438 ORGANISMO DI CONTROLLO AUTORIZZATO DAL MIPAAF IT-BIO-004 AGRICOLTURA UE/NON UE Bombino Bianco IGP Bombino Bianco dagli aromi delicati e fragranti esprime al meglio le caratteristiche e tipicità del vitigno Bombino Bianco. Il grado di maturazione avanzata delle uve e la bilanciata

Dettagli

TRAMINER AROMATICO "GLÉRE"

TRAMINER AROMATICO GLÉRE TRAMINER AROMATICO "GLÉRE" Vendemmia - 2009 Provenienza - vigneti di Camino al Tagliamento (Udine) Tipo di terreno - alluvionale, sassoso Uve - 100% Traminer Aromatico Friuli D.O.C. Grave Vinificazione

Dettagli

BIRRA ARTIGIANALE DESCRIZIONE DEL PROCESSO PRODUTTIVO 1. MATERIE PRIME. 2. TRATTAMENTO MATERIE PRIME. 3. MISCELAZIONE.

BIRRA ARTIGIANALE DESCRIZIONE DEL PROCESSO PRODUTTIVO 1. MATERIE PRIME. 2. TRATTAMENTO MATERIE PRIME. 3. MISCELAZIONE. BIRRA ARTIGIANALE DESCRIZIONE DEL PROCESSO PRODUTTIVO 1. MATERIE PRIME. 2. TRATTAMENTO MATERIE PRIME. 3. MISCELAZIONE. 4. CONVERSIONE (SACCARIFICAZIONE). 5. ESTRAZIONE (FILTRAZIONE). 6. BOLLITURA - LUPPOLATURA.

Dettagli

Cercavano qualcosa di diverso. Eccoli: ora, loro, sono sulla porta della mia cantina. la CANTINA i MONOVITIGNO i CRU.

Cercavano qualcosa di diverso. Eccoli: ora, loro, sono sulla porta della mia cantina. la CANTINA i MONOVITIGNO i CRU. Cercavano qualcosa di diverso. e ora, loro, sono sulla porta della mia cantina. Ora loro si sorprendono. Cercavano qualcosa d altro, e lo hanno trovato. Nei luoghi più diversi, da Milano ad Amburgo a Venezia.

Dettagli

BENACO BRESCIANO I.G.T. PASSITO SOL DORE

BENACO BRESCIANO I.G.T. PASSITO SOL DORE i Ç WÉÄv BENACO BRESCIANO I.G.T. PASSITO SOL DORE Provenienza: Lombardia Varietà delle uve: Trebbiano di Lugana, Chardonnay Descrizione: morbido dal perfetto equilibrio con la componente acido/sapida,

Dettagli

Villa Girardi. Amarone. Bardolino Classico

Villa Girardi. Amarone. Bardolino Classico CARTA DEI VINI 15% Amarone Vino rosso secco Zona di produzione: Valpolicella Classica Doc Uve: Corvina veronese, Rondinella e Molinara Vinificazione: 3 anni in botti di rovere di Slavonia da 35 hl Colore:

Dettagli

Passione e... Tradizione. L amore per i vini. Colli Piacentini -Vini D.O.C.

Passione e... Tradizione. L amore per i vini. Colli Piacentini -Vini D.O.C. Colli Piacentini -Vini D.O.C. Passione e... Tradizione L amore per i vini Cantine Bacchini: vini per passione e per tradizione Dal 1964 le Cantine Bacchini sono tra i protagonisti della scena enologica

Dettagli

Salento Rosato IGP. ABBINAMENTO: Piatti di pesce importanti, cucina mediterranea, carni bianche. Produzione media 10.000 bottiglie.

Salento Rosato IGP. ABBINAMENTO: Piatti di pesce importanti, cucina mediterranea, carni bianche. Produzione media 10.000 bottiglie. Salento Rosato IGP NOME: Il nome del vino deriva dal tipico colore del rosato Cerasuolo, color ciliegia, chiamata appunto "Cerasa". UVE DI PROVENIENZA: Da uve selezionate Negroamaro, coltivate nel vigneto

Dettagli

Ci sono. luoghi della memoria che ti riportano in. un mondo antico

Ci sono. luoghi della memoria che ti riportano in. un mondo antico Ci sono luoghi della memoria che ti riportano in un mondo antico Ortona è stata per secoli una delle più vaste aree di produzione vitivinicola del Centro Sud ed è per questo che la sua uva racconta sempre

Dettagli

VALDOBBIADENE PROSECCO SUPERIORE D.O.C.G. MILLESIMATO

VALDOBBIADENE PROSECCO SUPERIORE D.O.C.G. MILLESIMATO GLI SPUMANTI VALDOBBIADENE PROSECCO SUPERIORE D.O.C.G. MILLESIMATO Spumante Extra Dry COD. PSMIL01 Vino bianco spumante D.O.C.G. Valdobbiadene 11% Vol. Veneto (Valdobbiadene) Prosecco Vino dal colore giallo

Dettagli

VALTÈNESI: DEFINIZIONE DELLE PECULIARITÀ ORGANOLETTICHE

VALTÈNESI: DEFINIZIONE DELLE PECULIARITÀ ORGANOLETTICHE Progetto: VALTÈNESI: DEFINIZIONE DELLE PECULIARITÀ ORGANOLETTICHE Definizione delle caratteristiche e delle peculiarità dei Vini di Valtènesi. Indagini organolettiche e valutazione delle attitudini enologiche

Dettagli

Appunti del modulo di tecnologia enologica

Appunti del modulo di tecnologia enologica Appunti del modulo di tecnologia enologica Difetti ed alterazioni ZEPPA G. Università degli Studi di Torino Alterazioni dei vini (meglio prevenire che curare.!!) Zeppa G. Università degli Studi di Torino

Dettagli

NICOLA ZANETTI. Berta DISTILLERIE

NICOLA ZANETTI. Berta DISTILLERIE DISTILLERIE Riserva del Fondatore Paolo Grappa invecchiata 20 anni Vitigno Provenienza della vinaccia Sistema di distillazione Legni utilizzati Tostatura legno Capacità bottiglie cl. 70 45% vol. Barbera

Dettagli

PROVE DI CHIARIFICA su mosto di uve Trebbiano di Lugana

PROVE DI CHIARIFICA su mosto di uve Trebbiano di Lugana DEGUSTAZIONE 10/03/11 PROVE DI CHIARIFICA su mosto di uve Trebbiano di Lugana Si è svolta questa prova su mosto di uve bianche (Trebbiano di Lugana) al fine di indagare come cinque diversi chiarificanti

Dettagli

Prosecco Extra Dry DOC Treviso. Si consiglia di servirlo a 6-8 gradi centigradi. Prosecco DOC Treviso

Prosecco Extra Dry DOC Treviso. Si consiglia di servirlo a 6-8 gradi centigradi. Prosecco DOC Treviso Passione Tradizione Rispetto La Cantina del Terraglio conta circa 300 soci che da oltre cinquant anni producono con dedizione uve di qualità provenienti da terreni delle province di Treviso e Venezia.

Dettagli

Enrico Vaudano e Figli Viale Renzo Cattaneo,5 14010 Cisterna d Asti Italia Tel.0141/979175 Fax0141/986942 Email:info@enricovaudano.

Enrico Vaudano e Figli Viale Renzo Cattaneo,5 14010 Cisterna d Asti Italia Tel.0141/979175 Fax0141/986942 Email:info@enricovaudano. ROERO ARNEIS docg vitigno Arneis. descrizione prezioso bianco del Roero; viene vinificato a bassissima temperatura per esaltarne al massimo l aroma colore giallo paglierino con riflessi verdognoli profumo

Dettagli

Esempio di monografia:droga vegetale. FU XI ed.

Esempio di monografia:droga vegetale. FU XI ed. FU XI ed. Esempio di monografia:droga vegetale FU XI ed. Esempio di monografia FU XI ed. Esempio di monografia FU XI ed. Esempio di monografia FU XI ed. Preparazioni a base di droghe vegetali SOLIDE (polveri)

Dettagli

Il processo produttivo, detto birrificazione o brassaggio partendo da materiale grezzo comprende diverse fasi:

Il processo produttivo, detto birrificazione o brassaggio partendo da materiale grezzo comprende diverse fasi: Aspetti generali Il processo produttivo, detto birrificazione o brassaggio partendo da materiale grezzo comprende diverse fasi: Maltificazione Ammostatura Filtrazione (I) Cottura del mosto Fermentazione

Dettagli

2.2.5. Macerazione Fig. 61: Vino rosso opzioni per la lavorazione delle uve. 2.2.7. Chiarifiche e Stabilizzazioni

2.2.5. Macerazione Fig. 61: Vino rosso opzioni per la lavorazione delle uve. 2.2.7. Chiarifiche e Stabilizzazioni 2.2.3. Processo di vinificazione 2.2.4. Fermentazione 2.2.5. Macerazione Fig. 61: Vino rosso opzioni per la lavorazione delle uve La stato di salute delle uve, unitamente alla oscenza delle caratteristiche

Dettagli

PC 145 PRIMO ASSAGGIO. wine & grape

PC 145 PRIMO ASSAGGIO. wine & grape 155 156 wine & grape PC 145 PRIMO ASSAGGIO elegante confezione Natalizia composta da: 1 bottiglia di Grappa Bottega prodotta secondo la tradizione con grappoli d uva ricchi di mosto e distillata in piccoli

Dettagli

CH 3 COOCH 2 CH 2 CH (CH 3) 2

CH 3 COOCH 2 CH 2 CH (CH 3) 2 PIAN Lauree Scientifiche (HIMIA) Università degli Studi di Napoli Federico II SAPRI ED ARMI: GLI ESTERI Sintesi dell essenza di banana (acetato di isopentile) L acetato di isopentile (o acetato di isoamile)

Dettagli

SCHEDA TECNICA. Alkoomi. Australia Frenkland River, Sud-Est dell Australia

SCHEDA TECNICA. Alkoomi. Australia Frenkland River, Sud-Est dell Australia Frankland River Shiraz PROVENIENZA Australia Frenkland River, Sud-Est dell Australia 100% Shiraz ALCOOL 14.00 % ZUCCHERO 5.60 g/l 0.30 g/l VINIFICAZIONE: Breve macerazione in vasche d acciaio dopo la spremitura,

Dettagli