Relazione finale attività in piattaforma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione finale attività in piattaforma"

Transcript

1 Neoassunti2015 Relazione finale attività in piattaforma GRAZIA SERRONI Codice fiscale: SRRGRZ77S48L259V

2 Neoassunti2015 Portfolio del docente Il portfolio del docente costituisce la documentazione da presentare al comitato di valutazione per la discussione finale dell anno di prova. Dati del docente neoassunto Nome: GRAZIA Cognome: SERRONI Codice fiscale: SRRGRZ77S48L259V Dati del tutor accogliente Nome: LIUDMILA Cognome: BUGLAKOVA Codice fiscale: BGLLML54A45Z135W 2

3 Portfolio del docente #1. Curriculum formativo Le esperienze che ho fatto in passato significative per la mia professionalità. Esperienza 1 Ambito della esperienza: Formazione docenti neoassunti Anno di inizio: 2015 Durata (in mesi): 5 Breve descrizione: Corsi di formazione seguiti durante l'anno di prova Incontro d'accoglienza: Il nuovo profilo dell'insegnante e prospettive future; Insegnare oggi; perché sembra così difficile?; valenza della formazione in ingresso e ricaduta sulla professionalità docente. Laboratori formativi: La classe 2.0; Bisogni Educativi speciali e disabilità. Convegno: Autismo oggi e domani. L'educazione all'autonomia dal nido alla vita adulta per persone con autismo. Incontro conclusivo: Portfolio del docente Cosa ho imparato?: Il percorso di formazione dell anno di prova si è articolato attraverso la possibilità di scegliere corsi afferenti a diversi aspetti della didattica. La partecipazione ai corsi sopracitati è stato il risultato di una scelta oculata in base al desiderio e alla necessità di approfondire determinate tematiche. Il punto di partenza di tale percorso è stato l incontro iniziale organizzato dall U.S.P.di Bologna in cui, attraverso vari interventi, si è riflettuto sul difficile ruolo che, in un epoca di cambiamenti, riveste oggi l insegnante che si trova a dover gestire situazioni plurime,per cui ogni docente è tenuto a riflettere sulla propria professionalità, sulle proprie competenze mettendo in discussione se 3

4 stesso e il proprio operato, continuando ad aggiornarsi e a formarsi.di qui è ricaduta la mia scelta di seguire corsi sull ambiente di apprendimento, sulle nuove tecnologie, sui B.E.S., sull Handicap. In particolare il corso La classe 2.0 mi ha permesso di avvicinarmi ad alcune applicazioni di Google (come le Apps for Education, la Google Classroom) e di riflettere sull impatto che il mondo digitale può avere sulla didattica; ad esempio cambia l' ambiente di apprendimento nella gestione dei tempi, della metodologia, dell approccio ai contenuti didattici. I corsi sui B.E.S. e la Conferenza sull autismo hanno offerto spunti di riflessione su come attuare una didattica inclusiva, partendo dal presupposto che una didattica per BES può essere confacente a tutti e non viceversa Come ha inciso sulla mia professionalità?: Riflessioni conclusive. Facendo un bilancio dei corsi frequentati in quest anno, rifletto su come questi ambiti di formazione siano notevolmente intrecciati gli uni agli altri; l obiettivo che mi porrò per il futuro è quello di cercare di creare un ambiente di apprendimento inclusivo, sperimentando, quando possibile, l utilizzo di nuove tecnologie e di metodologie cooperative, curando, in primis l instaurarsi di relazioni sane sia tra insegnante e discenti che tra gli alunni stessi. Esperienza 2 Ambito della esperienza: Corso di formazione: Le indicazioni fanno rete. Lab 1 rete 1 L ambiente di apprendimento I annualità Anno di inizio: 2014 Durata (in mesi): 5 Breve descrizione: Il corso fa parte dei laboratori sulle Indicazioni Nazionali organizzati dalle scuole del Circondario imolese. Coordinatrice del corso è stata l ins.daniela Iuppo (I.C. n. 6 Imola),esperta esterna dott. Ssa Valentina Giovannini, ins. della scuola Città Pestalozzi (Firenze).Il corso si è articolato nel seguente modo: totale 20 ore in presenza di cui 10 di progettazione e 10 di sperimentazione e/o osservazione nelle proprie classi; 5 ore circa di lavoro individuale dedicate alla documentazione: stesura di griglie di osservazione, diari di bordo, documentazione digitale. Partendo dalla lettura delle Indicazioni Nazionali, guidati dalla dott.ssa Giovannini, abbiamo riflettuto sull ambiente inteso come 4

5 setting e come metodologia; abbiamo focalizzato la nostra scelta su quest ultimo aspetto; abbiamo deciso di elaborare progetti che avessero come metodologia il cooperative learning e che si ponessero come obiettivo trasversale la competenza del problem solving. Cosa ho imparato?: Il corso mi ha permesso di approfondire, sperimentare e osservare metodologie cooperative e inclusive, riflettendo anche su come lo spazio fisico in cui avviene l apprendimento può essere funzionale all apprendimento stesso, se strutturato e organizzato in modo efficace secondo la metodologia didattica che l insegnante intende utilizzare. In modo particolare ho approfondito la metodologia del cooperative learning e ho potuto riflettere sugli aspetti positivi di impostare una didattica mettendo al centro una competenza. Inoltre, il corso ha offerto interessanti spunti su come documentare il proprio lavoro, sul monitoraggio attraverso l elaborazione di schede di valutazione e autovalutazione oggettive. Valido momento di confronto è stata la creazione di una piattaforma on line in cui cui è stato raccolto e documentato tutto il lavoro svolto da noi insegnanti. Come ha inciso sulla mia professionalità?: Punti di forza del laboratorio, che hanno inciso sulla mia professionalità, sono stati in primis la collaborazione tra insegnanti di diverse scuole e di diversi ordini; la possibilità di poter progettare, condividere ed osservare le proprie lezioni con gli altri. In modo particolare ho potuto rilevare come questo tipo di didattica attiva e cooperativa sia particolarmente inclusiva, per cui, nel corrente anno scolastico, ho attivato alcuni progetti e laboratori, destinati alle mie classi, attinenti a questo intenso percorso di formazione; il corso mi ha dato uno stimolo a continuare a lavorare secondo quest ottica. Esperienza 3 Ambito della esperienza: Ambito lavorativo: insegnamento sul sostegno Anno di inizio: 2008 Durata (in mesi): 10 Breve descrizione: I incarico annuale sul sostegno presso l'istituto Comprensivo n 7 di Imola - Scuola Secondaria di I Grado "L.Orsini", classe di concorso AD00 Cosa ho imparato?: Durante il primo anno di insegnamento sul sostegno non solo ho potuto 5

6 sperimentare le conoscenze pregresse ma ho avuto l opportunità di iniziare a costruire la mia professionalità in tale ambito; il contesto scolastico in cui mi sono trovata (l I.C.n 7 di imola) ha favorito tutto ciò. Aspetti formativi sono stati senza dubbio i seguenti: l accoglienza del docente referente del sostegno: la docente, in tale occasione, mi ha dato consigli sia dal punto di vista didattico che burocratico (redazione del P.EI., partecipazione alle diverse riunioni, gruppi operativi etc.) la possibilità di potersi confrontare in momenti istituzionali e non con l intera equipe del sostegno; la possibilità di essere compresenti ad altri insegnanti di sostegno nelle aulette speciali essere stata assegnata ad una classe in cui era presente anche un altra insegn. di sostegno Da tutto ciò ho imparato che molteplici sono gli approcci che si possono avere nei confronti dei propri alunni; ho potuto riflettere sulla diversità degli interventi educativi. Come ha inciso sulla mia professionalità?: Tutti gli aspetti citati hanno inciso profondamente sulla mia professionalità ; la possibilità di lavorare in una scuola in cui fossero presenti alunni con diverse tipologie di handicap seguiti da insegnanti esperti e, soprattutto, la possibilità di poter insegnare e a tempo stesso osservare è stato un grande arricchimento professionale. Esperienza 4 Ambito della esperienza: Ambito universitario: specializzazioni all'insegnamento Anno di inizio: 2004 Durata (in mesi): 30 Breve descrizione: S.I.C.S.I Scuola Interuniversitaria campana per la specializzazione all insegnamento (classi A051- A043/50) S.I.S. abilitazione all insegnamento di sostegno nelle classi delle scuole secondarie Tirocinii diretti e indiretti Cosa ho imparato?: 6

7 La frequenza della S.i.s è stata un occasione importante per la conoscenza e l approfondimento di un ampio ventaglio di metodologie didattiche, per la riflessione del ruolo o, meglio, dei diversi ruoli che può assumere l insegnante, non solo trasmettitore del sapere, ma anche facilitatore dell apprendimento, mediatore di conflitti. Particolarmente utili sono state le esperienze dei tirocinii diretti (svolti a scuola) e indiretti (svolti all Università col supporto di un insegnante tutor). Come ha inciso sulla mia professionalità?: Il tirocinio diretto mi ha permesso non solo di poter osservare l attività didattica dell insegnante tutor ma anche di sperimentare per la prima volta in classe un Unità d apprendimento; il tirocinio indiretto è stato un valido momento di riflessione e, soprattutto, di confronto con i colleghi del corso, grazie al supporto e agli stimoli fornitici di volta in volta dall insegnante tutor. Durante i tirocini ho preso coscienza anche dell importante ruolo che riveste l insegnante di sostegno il quale non solo deve affidarsi alla propria sensibilità ma deve avere anche una ferma volontà di aggiornare costantemente le proprie conoscenze sulla patologia che deve di volta in volta affronatre. La S.I.S. e le attività di tirocinio mi hanno permesso, per la prima volta, di fondere le conoscenze teoriche con la pratica didattica. Esperienza 5 Ambito della esperienza: Laurea in lettere moderne Anno di inizio: 1996 Durata (in mesi): 60 Breve descrizione: Laurea in lettere moderne, indirizzo filologico letterario Cosa ho imparato?: Il conseguimento della laurea rappresenta un percorso di vita e di studi strettamente connesso all attività di insegnante, sia per i contenuti disciplinari acquisiti e approfonditi, sia per aver avuto la possibilità di poter seguire lezioni caratterizzate da svariati stili di didattica (frontale e/o laboratoriale). Come ha inciso sulla mia professionalità?: La partecipazione a seminari e a laboratori opzionali sono stati momenti particolarmente formativi in quanto mi hanno permesso, come alunna, di costruire in modo attivo il mio sapere in un contesto di ricerca, 7

8 sperimentazione, confronto tra docenti e discenti. Tutto l iter universitario ha profondamente inciso sulla mia professionalità, per cui rappresenta senza dubbio l impalcatura sulla quale continuo a costruire le competenze necessarie per l attività di insegnante. 8

9 Portfolio del docente #2. Attività didattica Descrizione e documentazione di un attività didattica che ho realizzato in collaborazione con il tutor accogliente. A) PROGETTAZIONE - ATTIVITÀ PROGETTUALE Titolo dell'attività: Progetto "La cellula" Sintesi dell'attività: Il progetto La cellula è destinato all alunna I.E. e ai compagni della classe IC; partendo dal laboratorio I.D. Ludico comunicativo tenuto dall esperto esterno,educatore Daniele Trombetti, l insegnante di sostegno, in accordo con l insegnante di scienze, ha elaborato il seguente progetto, svoltosi nei mesi di Marzo,di Aprile e Maggio. La finalità è quella di favorire l inserimento nel gruppo classe dell alunna I.E. e di consolidare competenze civili nel gruppo classe. Scopo del progetto è quello di creare un cartellone sulla cellula da utilizzare in classe come supporto grafico al attività di scienze. All interno si distingue una fase, con obiettivi specifici, dedicata all alunna H. I.E. che cura la documentazione digitale elaborando un powerpoint da mostrare alla classe come restituzione finale dell'attività svolta. La stesura del progetto è stata condivisa non solo con l insegnante curricolare ma anche con l ins.di sostegno Ludmila Buglakova, docente tutor che ha poi ha osservato una fase nell ambito dell osservazione Peer to peer. Nome file caricato: Scheda di progettazione_la cellula.doc B) PROGETTAZIONE - RIFLESSIONE SULLA PROGETTAZIONE Ideazione. Come hai costruito la progettazione? Da cosa sei partito? Hai individuato alcune attività che tengono conto delle diversità presenti in classe? Ti sei mosso nell'ottica della personalizzazione? Il progetto elaborato è un ampliamento e arricchimento del laboratorio ID ludico comunicativo. I laboratori ID, guidati da esperti esterni, hanno come finalità l integrazione degli alunni h nel gruppo classe; inoltre, basandosi su attività pratiche, favoriscono l apprendimento sfruttando diversi tipi di canali. Il progetto in questione è nato dall esigenza di creare un momento di integrazione dell'alunna h col gruppo classe, coinvolgendola attraverso il ruolo 9

10 di coordinatrice. Una fase del progetto, come accennato in precedenza, è stata calibrato e personalizzato su E. prevedendo delle ore di lavoro individuale per lo studio dell'argomento dal testo facilitato "Scienze facili, ed. Erikson" e per l'elaborazione del power point relativo alla documentazione; in tal modo l'alunna ha migliorato le proprie competenze digitali ed ha affrontato lo studio dell'argomento in modo piacevole, con una maggiore motivazione. La classe ha partecipato a turno, a gruppi di 4 (l alunna h era sempre presente); attraverso un lavoro cooperativo gli studenti hanno elaborato dei cartelloni sulla cellula utilizzati poi come supporti grafici alla lezione di scienze; ogni componente del gruppo ha dato il proprio apporto secondo le proprie attitudini. Concetti chiave e nuclei tematici.quali sono i concetti chiave/nuclei tematici della disciplina che hai pensato di affrontare? Hai inserito nella progettazione aspetti interdisciplinari? Per gli insegnanti di sostegno oltre a rispondere alla domanda precedente. Hai previsto che la tua progettazione si connetta a quella del docente di classe in un attività inclusiva? IL progetto si è sviluppato attorno all argomento di scienze relativo ai Viventi e non viventi, affrontando, in modo particolare, la struttura delle cellule animali e vegetali; è stato svolto in accordo con l insegnante di scienze come integrazione alle sue lezioni.la modalità laboratoriale ha coinvolto altre discipline: arte, per l aspetto grafico, tecnica: per l uso del P.C.; italiano: per la stesura del diario di bordo. Obiettivi e competenze. Indica a quali aree delle indicazioni nazionali/linee guida hai fatto riferimento nella progettazione della tua attività e della scelta dell'ambiente di apprendimento. Nell ideare questo progetto ho fatto riferimento al concetto di Ambiente di apprendimento tratto delle Indicazioni nazionali; la metodologia adottata (attività cooperativa), ha permesso a tutti gli alunni di lavorare secondo le proprie attitudini; inoltre il laboratorio svoltosi in una piccola aula e per piccoli gruppi (tutti intorno allo stessa isola di banchi), ha permesso ad ognuno di esprimere le proprie emozioni,di confrontarsi sulle difficoltà incontrate. Il 10

11 prodotto finale, ottenuto dall unione del lavoro individuale di tutti, è stato il risultato di un attività cooperativa in cui ognuno ha dato il proprio apporto. Valutazione. Quali strumenti di valutazione hai previsto per la tua attività (prove strutturate, prove tradizionali, verifiche autentiche, compiti, rubriche di osservazione, ecc.)? Ho previsto forme di valutazione attraverso l osservazione delle restituzioni verbali e grafiche degli alunni, l osservazione della presentazione creata come documentazione e forme di autovalutazione: riflessioni sulle risposte emotive degli alunni (interesse, entusiasmo, domande.) attraverso la redazione del diario di bordo. Ruolo del tutor. Come il tutor ha contribuito alla tua progettazione e come l'esperienza specifica di progettazione documentata pensi abbia influito sulla tua professionalità? Il tutor ha condiviso il progetto dalla fase iniziale (ideazione) alla fase della realizzazione attraverso l osservazione di alcuni momenti. L idea di utilizzare un laboratorio ID e di conferire ad esso un senso ancora più profondo è stata accolta con entusiasmo dalla tutor la quale ha contribuito all elaborazione del progetto con suggerimenti relativi alle modalità di svolgimento e di coinvolgimento del gruppo classe. L esperienza dell osservazione da parte della tutor è stata valida anche per avere delle conferme su come stesse procedendo l attività. Infine, per quanto concerne l aspetto relativo alla documentazione, l utilizzo di griglie di valutazione, diari di bordo, filmati ha certamente una valenza formativa: seppur richieda un certo impegno, aiuta soprattutto a valutare e monitorare se stessi e la propria didattica: ripercorrere il progetto attraverso documenti creati e valutati a posteriori spinge all autocritica e all autoriflessione e, quindi, a migliorare! C) DOCUMENTAZIONE MATERIALE DIDATTICO Materiali utilizzati dal docente durante la lezione 11

12 Titolo:Materiale facilitato: unità d'apprendimento "Viventi e non viventi" tratto dal testo "Scienze facili, ed. Erikson" Descrizione: Il materiale è stato utilizzato dall'insegnante di sostegno nelle ore di didattica individuale. Tipologia di upload: file Materiali prodotti dagli studenti nell'attività Titolo:Cartelloni cellula animale e cellula vegetale Descrizione: I cartelloni delle cellule sono il prodotto finale del lavoro svolto a piccoli gruppi dagli alunni Tipologia di upload: gallery Documentazione dell'attività Titolo:Presentazione - documentazione progetto Descrizione: la presentazione in power point è stata creata dall'alunna I.E. ed ha lo scopo di documentare l'attività e di approfondire la conoscenza sull'argomento riorganizzando le varie fasi dell'attività. Tipologia di upload: file Titolo:Presentazione digitale del progetto a cura dell'alunna I.E. Descrizione: il power point è stato elaborato dall'alunna I. E. ; ha una duplice finalità: approfondire lo studio della cellula riorganizzando il lavoro svolto e lasciare una documentazione del progetto. Tipologia di upload: file Riflessioni a caldo sull'attività Titolo:Diario di bordo Descrizione: gli alunni hanno creato un diario di bordo in cui hanno descritto la fase dell'attività, le difficoltà incontrate e le emozioni provate. Il diario è stato coordinato dall'alunna I. E. che aveva una postazione al P.C. e intervistava i compagni. Tipologia di upload: file D) RIFLESSIONE COMPLESSIVA SULL ATTIVITA' Quali elementi che avevi previsto nella progettazione sono stati modificati durante l'esperienza? 12

13 L'esperienza è stata realizzata in gran parte secondo quanto era stato progettato; in corso d'opera ho deciso di circoscrivere l'elaborazione della presentazione - documentazione alla sola fase relativa alla creazione della cellula animale. Quali sono state le ragioni del cambiamento? (eventi imprevisti, stimoli costruttivi emersi durante la lezione, domande degli studenti, una non adeguata previsione dei tempi, una non adeguata valutazione delle difficoltà che avrebbero incontrato gli studenti...). Le ragioni del cambiamento sono state le seguenti: - a causa di alcuni imprevisti, alcuni incontri sono stati posticipati, per cui il tempo per la rielaborazione totale sarebbe potuto non essere sufficiente - c'era l'esigenza di terminare in tempo in modo da poter proiettare il power point in classe per una restituzione del lavoro alla presenza dell'insegnante di scienze. - era la prima volta che l'alunna utilizzava questo programma - la documentazione voleva essere indicativa del lavoro svolto (attività, modalità...) per cui proporre una documentazione di 2 attività simili sarebbe stato superfluo Gli obiettivi previsti sono stati tutti raggiunti? Se no, quali non sono stati raggiunti o sono stati raggiunti in modo diverso da quanto previsto? Gli obiettivi previsti sono stati tutti raggiunti. Quali attività hanno avuto maggiore successo? L'esperienza è stata molto gradita dal gruppo classe, come rilevato dal diario di bordo gli alunni hanno apprezzato la possibilità di poter lavorare in un piccolo gruppo, in modo raccolto; le emozioni più ricorrenti che hanno dichiarato sono state "tranquillità" "sentirsi a proprio agio". Attraverso il linguaggio grafico pittorico anche gli alunni più deboli hanno familiarizzato con concetti e termini che potevano risultare difficili, ampliando il proprio lessico in modo ludico. Il momento della restituzione alla classe del lavoro fatto ha avuto molto 13

14 successo; esso è stato scandito in due parti: - restituzione dei cartelloni: ho spiegato alla classe che i cartelloni saranno poi conservati in biblioteca e potranno essere utilizzati da altri alunni che studieranno questo argomento - proiezione del power point: i ragazzi erano incuriositi e soprattutto questa restituzione alla classe è servita all'alunna I.E. a rinforzare la propria autostima, ad affrontare l'insicurezza di parlare in pubblico. La valutazione ha fornito informazioni adeguate sugli apprendimenti? Se no, perchè? La valutazioneper tutta la classe è stata fatta "a caldo" tenendo contro del diario di bordo. I contenuti trattati sono stati valutati dall'insegnante di scienze in verifiche scritte e orali più ampie sull'argomento dei viventi e non viventi. Per quanto concerne l'alunna I.E. è stato valutato molto positivamente dall'insegnante di scienze l'esposizione orale col supporto del power point. Considerando il livello di partenza dell'alunna, le difficoltà in ambito linguistico (di lettura, comprensione, povertà lessicale...), attraverso questo progetto l'alunna ha fatto notevoli progressi : - ha compreso la successione temporale dell'attività; ha migliorato - la lettura (ha più volte provato per registrare la propria voce che accompagnava le slide) -le competenze grafico-pittoriche - le competenze digitali - ha rinforzato l'autostima - ha trovato modalità adeguate per comunicare ed entrare in relazione con i compagni. Come miglioreresti l'attività? Con particolare riferimento alla progettazione iniziale e alla rispondenza dell'attività con le linee guida/indicazioni nazionali Il principio guida del progetto è stato essenzialmente il concetto di ambiente di apprendimento, inteso sia come setting che come metodologia. La metodologia cooperativa ha tra i suoi punti di forza l'inclusione; in una prospettiva di continuità con il prossimo anno, in eventuali nuovi progetti, cercherò di coinvolgere maggiormente gli alunni anche nella fase della rielaborazione finale, valorizzando le competenze di ognuno, in modo da 14

15 promuovere sempre più la collaborazione tra studenti e favorire l'integrazione nel gruppo classe di E. Come le osservazioni del tutor hanno contribuito a vedere sotto una luce diversa la tua azione e come l'esperienza specifica documentata pensi possa influire sulla tua futura modalità di agire in classe? Le osservazioni del tutor, del progetto e di altre ore di didattica individuale sono state preziose per avere un confronto sulla mia attività professionale ; in modo costruttivo abbiamo riflettuto su come impostare e valorizzare al meglio i laboratori I.D., su quali fossero le strategie da utilizzare in relazione al P.E.I., sul ruolo dell'insegnante di sostegno all'interno della classe. L'esperienza specifica documentata mi ha dato modo di soffermarmi a riflettere ancora di più ; cercherò di promuovere all'interno del mio Istituto progetti che possano coinvolgere gli alunni in modo pratico, per favorire l'apprendimento e l'inclusione di tutti. Sarà importante e sarebbe auspicabile coinvolgere anche altri docenti in un'ottica di collaborazione tra insegnanti della stessa classe. 15

16 Portfolio del docente #3. Bilancio delle competenze Una riflessione sulle mie competenze attuali e su quelle che vorrei sviluppare in futuro.. COMPETENZE ATTUALI AMBITO RELATIVO ALL'INSEGNAMENTO - ASPETTI DIDATTICI Le domande che più hanno ispirato la mia riflessione sono state: Ritieni di aver affrontato i contenuti fondamentali della tua disciplina in relazione alla classe e al contesto? Oppure qualche contenuto poteva essere maggiormente approfondito o ridotto? Hai pensato che vi fossero dei concetti più complessi da affrontare nella didattica? Quali attenzioni hai posto affinché l alunno potesse superare gli ostacoli di apprendimento generati dalla complessità di questi concetti? In quali occasioni e per quali obiettivi hai proposto compiti complessi o attività che connettono le conoscenze alla loro applicazione in situazioni reali? Come gestisci i feed back (restituzioni sui compiti, osservazioni su processi, co-analisi del lavoro ) e quali modalità si sono rivelate più efficaci per la riflessione da parte degli studenti? Come hai coinvolto l alunno nel monitorare e/o valutare il proprio apprendimento? Come hai sostenuto e motivato l apprendimento? Hai realizzato situazioni di cooperazione fra studenti? Come le hai organizzate? Una riflessione sulle mie competenze attuali nell'ambito dell'insegnamento: Per poter fare un bilancio delle competenze didattiche di quest'anno occorre considerare il punto di partenza: il P.EI. Il piano educativo individualizzato è stato progettato dopo un'attenta lettura della documentazione relativa alla mia alunna (diagnosi funzionale, P.D.P., verbali dei gruppi operativi degli anni precedenti...). Per un'iniziale conoscenza dell'alunna, che ha frequentato 16

17 quest'anno la classe prima, sono stati utili anche i colloqui con gli educatori, insegnanti della primaria e genitori. Dopo un periodo di osservazione, in collaborazione con gli altri docenti, ho elaborato il P.E.I. Partendo dalla diagnosi funzionale ho declinato obiettivi e contenuti; in corso d'anno i contenuti sono stati maggiormente semplificati; la maggior parte delle attività hanno fatto riferimento ad esperienze concrete (lab. di cucina per matematica e scienze, uso dell'euro). L'alunna, pur seguendo un piano individuale, ha svolto la maggior parte delle verifiche scritte in classe; le interrogazioni orali sono state programmate. Per motivarla sono partita soprattutto dai suoi interessi creando collegamenti con i laboratori I.D.; dato che era molto attratta dal P.C. l'ho usato come premio o rinforzo. Il suo inserimento nel gruppo classe è stato graduale; utili sono stati i laboratori ID che sono stati svolti soprattutto nella seconda parte dell'anno; in queste occasioni gli alunni hanno svolto attività cooperative ed è stato favorito l'inserimento di E. nel gruppo classe. AMBITO RELATIVO ALLA PARTECIPAZIONE SCOLASTICA - ASPETTI PROFESSIONALI Le domande che più hanno ispirato la mia riflessione sono state: Quali progetti hai elaborato con i colleghi? Quali problemi sono stati affrontati collettivamente e a quali risultati siete giunti? Hai preso in carico la conduzione di alcune riunioni? Quali e perché? Una riflessione sulle mie competenze attuali nell'ambito della partecipazione scolastica: Durante il corrente a.s. ho elaborato alcuni progetti con i colleghi e con la collaborazione delle educatrici.oltre al progetto sulla cell. ne ho svolto un altro sull affettività nella classe IB. Quest ultimo è nato in seguito alla discussione avvenuta durante uno dei primi consigli di classe in cui noi docenti ci confrontavamo sulle difficoltà relazioni all interno della classe e sulla mancanza di autocontrollo di diversi alunni; ho proposto un progetto per questa classe sulla gestione dei conflitti coinvolgendo l educatrice (che è laureata in psicologia) ed alcuni colleghi. IL progetto è stato utile per creare una finestra di dialogo con i ragazzi, per suggerire loro strategie di 17

18 autocontrollo e per migliorare le relazioni. Entrambi i progetti, basati su metodologie cooperative, sono stati documentati e inseriti nel sito della scuola. In un ottica di Innovazione e sperimentazione, durante il Collegio delle Indicazioni nazionali, ho presentato il progetto del lab. 1 della rete 1 delle Indicazioni Nazionali (a. s. 2014/2015), condividendo con i colleghi il percorso di studio e sperimentazione svolto. Per quanto riguarda le relazioni con i genitori ho sempre curato il rapporto con loro,contattandoli per una prima conoscenza,aggiornandoli sull'andamento dei propri figli; occasioni importanti sonos senza dubbio i gruppi operativi, in queste occasioni ho cercato di essere sempre molto chiara e precisa nei riguardi dei genitori ed ho valorizzato i consigli dei neuropsichiatri. AMBITO RELATIVO ALLA FORMAZIONE - ASPETTI FORMATIVI Le domande che più hanno ispirato la mia riflessione sono state: In quale situazione ritieni di avere favorito l'apprendimento attraverso l'utilizzo di tecnologie/linguaggi digitali? Come hai valutato l'efficacia di quanto proposto? Quali situazioni hanno sollecitato la tua capacità di sostenere i valori etici per creare una comunità che dialoga ed evita pregiudizi? Avevi mai fatto fino ad oggi un bilancio delle competenze? La partecipazione a percorsi di ricerca/formazione (università, enti vari, reti di scuole ) ti ha permesso di sviluppare la tue competenze professionali? Una riflessione sulle mie competenze attuali nell'ambito della formazione: In ambito didattico ho utilizzato le tecnologie soprattutto nella lezione individuale con i miei alunni e nei piccoli gruppi (in cui erano presenti alunni DSA e BES) per la creazione di mappe e per la stesura di testi al P.C.; infine nell'ambito dei progetti per la documentazione di essi (video, presentazioni). In classe ho cercato di promuovere valori di rispetto e solidarietà, creando momenti strutturati o attraverso discussioni, letture e attività svolte soprattutto durante le ore di supplenza nelle mie classi. In genere, alla fine di ogni percorso importante (laurea, sis, master) e a conclusione di ogni anno mi sono sempre soffermata a riflettere, a fare un bilancio; quando scrivo le relazioni finali da presentare ai gruppi operativi e al 18

19 Consiglio di classe faccio una verifica reale di come è andato l'anno scolastico, cercando di capire cosa è stato proficuo nella mia didattica e cosa avrei dovuto modificare. Fino ad oggi, però, non potevo progettare per il futuro, non sapendo se l'anno successivo sarei potuta tornare e continuare a seguire quegli stessi alunni; sapendo che d'ora in poi potrò contare su una maggiore continuità, fare un bilancio delle competenze è ancora più importante. Lo strumento adoperato quest'anno, la piattaforma Indire, è stato molto valido perché, attraverso domande stimolo, mi ha aiutata a fare un'analisi ancora più precisa della mia attività, coinvolgendo aspetti della vita scolastica che altrimenti avrei tralasciato di analizzare. SVILUPPO DELLE COMPETENZE COMPETENZE DA SVILUPPARE IN FUTURO Le tre dimensioni di competenza che vorrei approfondire, in un futuro prossimo, per la mia crescita professionale: Coinvolgere gli studenti nel loro apprendimento e nel loro lavoro Lavorare in gruppo Curare la propria formazione continua La motivazione delle mie scelte: In un futuro prossimo, per la mia crescita professionale, vorrei approfondire e consolidare alcune competenze: nell'ambito delle competenze relative all'insegnamento ritengo sia importante trovare strategie didattiche che mettano al centro gli studenti (come lo scaffolding...) e promuovere l'inclusione attraverso metodologie coopertaive; nell'ambito delle competenze relative alla partecipazione scolastica, credo che un insegnante di sostegno debba in primo luogo saper lavorare in gruppo per poter coinvolgere gli insegnanti curricolari nelle proprie iniziative; infine, per quanto riguada le competenze relative alla propria formazione cercherò di curare la formazione continua si nell'ambito specifico del sostegno che negli altri ambiti attinenti alla professione docente. 19

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi)

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi) RIFLESSIONE SULLA PROGETTAZIONE Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Fare Scienze con un approccio innovativo: l Apparato Circolatorio. Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

ambito a. Organizzazione delle situazioni di apprendimento ho scelto di sviluppare i seguenti indicatori:

ambito a. Organizzazione delle situazioni di apprendimento ho scelto di sviluppare i seguenti indicatori: 1 INTRODUZIONE Prima di predisporre il Bilancio delle Competenze, sento la necessità di ripercorrere brevemente il mio percorso lavorativo, che non si è svolto solo in ambito scolastico. Dalla prima metà

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA SECONDARIA DI CURNO LA CELLULA Docenti: Ilaria Topan Vi allego le schede relative ad un'attività che

Dettagli

1 Circolo Didattico di Sondrio - Commissione per l handicap Progetto A piccoli passi

1 Circolo Didattico di Sondrio - Commissione per l handicap Progetto A piccoli passi QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE SULLA QUALITÁ DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA Questo questionario è rivolto a tutte le insegnanti della scuola e vuole essere un occasione di riflessione sulle variabili di

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE Il presente questionario autovalutativo si pone come strumento per consentire ai docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado una rilettura critica

Dettagli

PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621. Annualità 2012 / 2013. Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467

PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621. Annualità 2012 / 2013. Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467 PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621 Annualità 2012 / 2013 Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467 Questionari Gradimento Soddisfazione Monitoraggio corsi PON CORSI ANALIZZATI 4 S o g g e t t i I n t e

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS PROGETTO DI TIROCINIO L istituzione del nuovo Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015 ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015 RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE INTEGRAZIONE ED INCLUSIONE SCOLASTICA Prof.ssa Mariagrazia Mastrangelo Durante

Dettagli

Certificazione Modulo II - Essential. Scheda Anagrafica. email Test Center Provincia. Scheda metodologico - didattica

Certificazione Modulo II - Essential. Scheda Anagrafica. email Test Center Provincia. Scheda metodologico - didattica Scheda Integrata Metodologico - Strategica Laboratoriale Certificazione Modulo II - Essential Scheda Anagrafica Skill Card Cognome Nome N 0 Materia d'insegnamento Ordine scuola Istituto email Test Center

Dettagli

Quadro degli Interventi dell IC9 di Bologna per gli alunni con BES

Quadro degli Interventi dell IC9 di Bologna per gli alunni con BES Per ciascuna materia o ambito di studio sono state individuate le abilità e le conoscenze fondamentali che l allievo deve acquisire, affinché sia mantenuta la validità effettiva del corso di studi, ma

Dettagli

Progettare esperienze per generare competenze

Progettare esperienze per generare competenze Progettare esperienze per generare competenze L insegnamento della matematica nella prospettiva della ricerca-azione Ins. Facondina Salvatore Premessa (dalle Nuove Indicazioni) Obiettivo della scuola è

Dettagli

Relazione finale. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

Relazione finale. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Relazione finale Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto English Podcast è stato finalizzato alla registrazione di file audio o video di lezioni in

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare

PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare Sottogruppo coordinato da Fortunata Capparo (verbale 2 incontro - 18 /11 2002) L ispettore Gandelli ha iniziato l incontro

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE COMPLETO DI ASOLA (MN) Via Raffaello Sanzio 4, Asola (MN) tel. 0376/710279 : fax 0376/720953 www.istitutocomprensivoasola.gov.it

Dettagli

ORIENTAMENTI OPERATIVI PER LE ATTIVITÀ DI OSSERVAZIONE IN CLASSE

ORIENTAMENTI OPERATIVI PER LE ATTIVITÀ DI OSSERVAZIONE IN CLASSE ORIENTAMENTI OPERATIVI PER LE ATTIVITÀ DI OSSERVAZIONE IN CLASSE La proposta sperimentale di tutoring in classe utilizza principalmente i seguenti due filoni di ricerca: - la peer review intesa come apprendimento

Dettagli

IL PIANO ANNUALE PER L'INCLUSIVITA' - PAI

IL PIANO ANNUALE PER L'INCLUSIVITA' - PAI I.C. 2 SAN GIOVANNI LUPATOTO SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Sede centrale Via Ugo Foscolo 13 San Giovanni Lupatoto (VR) Tel.045 546418 fax 045 9251311 mail: vric8ad009@istruzione.it pec :

Dettagli

FORMULARIO. Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DEL PROGETTO. dei nostri luoghi

FORMULARIO. Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DEL PROGETTO. dei nostri luoghi Ministero dell Istruzione, dell Università e Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Direzione Generale Piazza delle Regioni - 85100 Potenza Prot. AOODRBA 1482 Potenza, 13 marzo 2014 FORMULARIO

Dettagli

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta Piano di Integrazione di Istituto Valido per il triennio scolastico 2015 / 2018 PREMESSA Con il Progetto d Istituto per l Integrazione Scolastica degli

Dettagli

Relazione finale. Fasi I fase: attività di brainstorming problematizzazione, formulazione di ipotesi, ricerca di soluzioni

Relazione finale. Fasi I fase: attività di brainstorming problematizzazione, formulazione di ipotesi, ricerca di soluzioni Russi Grazia Classe F1 a.s. 2008/09 Tutor: Silvia Rossi Titolo: Ambiente e territorio Relazione finale Contenuti Il progetto ha lo scopo di sviluppare nei ragazzi il senso di appartenenza nei confronti

Dettagli

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa Realizzazione di un full adder a due bit 08/11/2010 Premessa A causa di un mancato

Dettagli

Protocollo di Accoglienza per alunni che presentano Bisogni Educativi Speciali

Protocollo di Accoglienza per alunni che presentano Bisogni Educativi Speciali Protocollo di Accoglienza per alunni che presentano Bisogni Educativi Speciali FINALITA 1 Questo documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata di informazione riguardante l accoglienza

Dettagli

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA ALLEGATO A Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA 1. Titolo del progetto NON DIMENTICHIAMO! 2. Dati della scuola Denominazione: ISTITUTO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità VALORE DI RIFERIMENTO Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità Democrazia, non violenza e pace (società):

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON LA VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON Attivazione struttura cooperativa ALZATI E CONDIVIDI QUALI SONO I PROBLEMI CHE INCONTRO NELLA VALUTAZIONE? CRITICA ALLA VALUTAZIONE TRADIZIONALE

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

Il tutoring peer to peer

Il tutoring peer to peer Il tutoring peer to peer Peer to peer 9 ore in presenza, alle quali deve essere aggiunta 1 ora dedicata alla rielaborazione dell'esperienza anche su piattaforma on-line interamente a carico delle scuole

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

1. Titolo del progetto No LIMits L approccio tecnologico come modalità di integrazione delle diversità

1. Titolo del progetto No LIMits L approccio tecnologico come modalità di integrazione delle diversità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo GROSSETO 2 Giovanni Pascoli Piazza F.lli Rosselli, n. 14-58100 Grosseto Centralino: tel. 0564/22132 - Fax 0564/21871 E-mail:

Dettagli

Scuola-Città Pestalozzi

Scuola-Città Pestalozzi Scuola-Città Pestalozzi HANDImatica2014 Bologna - 29 novembre I.C. Centro Storico Pestalozzi (FIRENZE) INNOVAZIONE DIDATTICA E ORGANIZZAZIONE FLESSIBILE A SOSTEGNO DEI DIVERSI MODI DI APPRENDERE Relatrice

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015 Scuola secondaria primo e secondo grado ORIENTARE è Porre l individuo in grado di prendere coscienza di sé e progredire con i suoi studi e la sua professione,

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

PRESENTAZIONE INS. GRILLO TERESA

PRESENTAZIONE INS. GRILLO TERESA SEMINARIO NAZIONALE PER L ACCOMPAGNAMENTO DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABANO TERME 29-30 MAGGIO 2014 PRESENTAZIONE INS. GRILLO

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI CHIMICA STRUMENTALE

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI CHIMICA STRUMENTALE Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI CHIMICA STRUMENTALE A.S. 2013/2014 CLASSE

Dettagli

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento 1 PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA Motivazioni e criteri di riferimento La formazione completa degli insegnanti sul piano universitario rimanda alla necessità di tenere presente che nel definire

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 - Fax 0965/673650 COD. MEC. RCIC875006- Cod. Fisc. 92081250802

Dettagli

Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO SCHEDA PROGETTO POF ARTICOLAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO DI ISTITUTO DELLA SEZ. /PLESSO DI DELLA/E CLASSE/I Anno Scolastico

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (D.M. 12 luglio 2011)

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (D.M. 12 luglio 2011) ISTITUTO COMPRENSIVO LAZZARO SPALLANZANI DI SCANDIANO Viale della Rocca, 8 - Scandiano (RE) - Tel/Fax 0522-857593 e-mail: reic85400a@istruzione.it www.icspallanzani.gov.it PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Dettagli

Si richiamano i punti salienti del D.M. n. 850 del 27/10/2015, in allegato alla presente comunicazione:

Si richiamano i punti salienti del D.M. n. 850 del 27/10/2015, in allegato alla presente comunicazione: Magenta, 10.11.2015 Circ. n. 58 Al personale docente in anno di formazione in servizio presso l ICS Via S. Caterina Ai docenti con funzione di tutori neo - assunti Oggetto: indicazioni su attività di formazione

Dettagli

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e SEMINARIO RESIDENZIALE Percorso di formazione per i rappresentanti in Consulta Provinciale degli Studenti Centro Don Chiavacci Crespano del Grappa 3-4 novembre 2015 A.S. 2015/2016 Premessa A conclusione

Dettagli

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Anno Scolastico 2012/2013 [[[Nessun bambino può essere considerato straniero, laddove ci si occupa di educazione, di trasmissione di valori, di conoscenze

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA "Per un'inclusione consapevole degli alunni diversamente abili" A.S.2014/15

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Per un'inclusione consapevole degli alunni diversamente abili A.S.2014/15 ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO STATALE "RENATO FUCINI" Scuola Infanzia-Primaria e Secondaria di I grado di Monteroni d' Arbia e Murlo Viale delle Rimembranza, 127- tel. 0577/375118- fax 0577/372049 email

Dettagli

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 ANALISI DELLA SITUAZIONE/DELLE SITUAZIONI SPECIFICHE CUI SI RIVOLGE IL PROGETTO Per quanto concerne le

Dettagli

Presentazione dei lavori laboratoriali

Presentazione dei lavori laboratoriali Presentazione dei lavori laboratoriali «Progetto NEVERSTOPLEARNING» Istituto Tecnico Tecnologico Statale Alessandro Volta Dott.ssa Raffaella Gentile Psicologa Insegnante organizzazione: gli insegnanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MADDALENA-BERTANI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO 1.DATI RELATIVI ALL ALUNNO

ISTITUTO COMPRENSIVO MADDALENA-BERTANI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO 1.DATI RELATIVI ALL ALUNNO ISTITUTO COMPRENSIVO MADDALENA-BERTANI SCUOLA PRIMARIA... CLASSE... Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO 1.DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome Diagnosi specialistica 1 Tipologia del disturbo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

Modalità operative per l ingresso, l accoglienza e il percorso scolastico degli alunni DSA

Modalità operative per l ingresso, l accoglienza e il percorso scolastico degli alunni DSA Doc.: PQ14 Rev.: 1 Data: 13/05/14 Pag.: 1 di 8 Modalità operative per l ingresso, l accoglienza e il percorso scolastico degli alunni DSA EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA DA: Cazzaniga Laura Romeo Massimiliano

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

Corso di specializzazione per il sostegno Progetto di tirocinio (CF 06/03/12)

Corso di specializzazione per il sostegno Progetto di tirocinio (CF 06/03/12) Modulo di specializzazione per l attività didattica di sostegno nell ambito del Corso di laurea in Scienze della formazione primaria a.a. 2011/12 Finalità generali Divenire consapevoli della molteplicità

Dettagli

Scheda Integrata Metodologico - Strategica Trasmissiva

Scheda Integrata Metodologico - Strategica Trasmissiva Scheda Integrata Metodologico - Strategica Trasmissiva Certificazione Modulo II - Essential Scheda Anagrafica Skill Card Cognome Nome N 0 Materia d'insegnamento Ordine scuola Istituto email Test Center

Dettagli

FORMIS - QUESTIONARIO DOCENTI

FORMIS - QUESTIONARIO DOCENTI Note. A. DATI ANAGRAFICI A.1 Sesso (segna con una X l alternativa scelta) A. 1.1 M [ ] A. 1.2 F [ ] A.2 Età (segni con una X l alternativa scelta) A.2.1 fino a 29 [ ] A.2.2 da 30 a 39 [ ] A.2.3 da 40 a

Dettagli

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2 Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti 1 Il Progetto è nato dall esigenza di sperimentare nuove strategie per implementare nei ragazzi il desiderio di avvicinarsi

Dettagli

Questionario PAI Personale Scolastico

Questionario PAI Personale Scolastico Questionario PAI Personale Scolastico La paziente e partecipata analisi del contesto locale porta ad evidenziare punti di vista diversi che possono generare ipotesi risolutive di problemi. Per questo motivo

Dettagli

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO ITIS "LEONARDO DA VINCI" PISA a.s. 2012-2013 PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO Sezioni del documento Finalità Piano Didattico Personalizzato Indicazioni per

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola)

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) Docente di: scuola infanzia scuola primaria scuola secondaria I Professionalità dei docenti Programmazione e valutazione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area EUCAZIONE CITTADINANZA COSTITUZIONE

Dettagli

Le risorse destinate all IC Ponte di Nona Vecchio consistono in Euro 5.691,03. Euro 35,00/h per i docenti fuori orario scolastico per alunni e docenti

Le risorse destinate all IC Ponte di Nona Vecchio consistono in Euro 5.691,03. Euro 35,00/h per i docenti fuori orario scolastico per alunni e docenti \Progetto Area a rischio e lotta alla dispersione scolastica A.S. 2013/14 Le risorse destinate all IC Ponte di Nona Vecchio consistono in Euro 5.691,03 I Criteri adottati nell utilizzo delle risorse sono:

Dettagli

Allegato 2. Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE

Allegato 2. Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE Allegato 2 Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE Il progetto è stato modificato rispetto alla griglia di progettazione presentata a giugno. Il tempo che è stato possibile

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Pietro Leopoldo di Lorena Granduca di Toscana SCUOLE STATALI INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO Pietro Leopoldo di Lorena Granduca di Toscana SCUOLE STATALI INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO A.S. A.S. 2013-2014 CURRICOLO VERTICALE PER ALUNNI CON DISABILITÀ La scuola è luogo di apprendimento e di costruzione dell identità personale, civile e sociale. Nessuno, questo è l obiettivo, deve rimanere

Dettagli

Istituti d Istruzione, Formazione e Formazione. Professionale di Rovereto

Istituti d Istruzione, Formazione e Formazione. Professionale di Rovereto Istituti d Istruzione, Formazione e Formazione Professionale di Rovereto Protocollo di accoglienza per l inserimento degli studenti di lingua madre non italiana a cura della Rete di Rovereto Indice: LEGITTIMITÀ

Dettagli

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Autismo a Bergamo. intervento di PATRIZIA GRAZIANI Dirigente Ufficio Scolastico Territoriale Bergamo

Autismo a Bergamo. intervento di PATRIZIA GRAZIANI Dirigente Ufficio Scolastico Territoriale Bergamo Autismo a Bergamo 2001 2013 "Il punto di vista del mondo scolastico: come si è attrezzata la scuola negli ultimi dieci anni per dare risposte adeguate ai bisogni speciali degli alunni con autismo" intervento

Dettagli

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ALL ISC 05 Ed 1 -Rev 1 del 08/2011 SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO N 5705/0 SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA- INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E SEDI ASSOCIATE Il

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO

PROGETTO ORIENTAMENTO PROGETTO Istituto Comprensivo F. De Andrè San Frediano a Settimo ANNO SCOLASTICO 2015 2016 REFERENTE Prof. Maurizio Anna Maria PROGETTO CLASSI PRIME a. s. 2015/2016 REFERENTE: Prof.ssa Maurizio DESTINATARI

Dettagli

Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO

Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO Diploma On Line secondo anno 2006/07 Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO Corsista: Orazio Rapisarda classe C1 Il progetto scaturisce dall opportunità di lavorare con un gruppo di alunni che avevano

Dettagli

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO 4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO Il sistema scolastico deve essere efficace ed efficiente affinché l alunno raggiunga il successo formativo e sia in grado di decodificare ed interagire in modo

Dettagli

Progetto RISAS - Rete Istituti Scolastici per Alunni Stranieri

Progetto RISAS - Rete Istituti Scolastici per Alunni Stranieri ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE «G.GALILEI» Via della Concordia, 92 61100-PESARO-tel.0721/283030 fax 0721/450756 - e-mail: info@icsgalilei.it INSIEME Scuola, famiglie,integrazione Seminario Nazionale Ancona,

Dettagli

Scuola primaria classe.. Referente DSA o coordinatore di classe

Scuola primaria classe.. Referente DSA o coordinatore di classe Istituzione scolastica. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Scuola primaria classe.. Referente DSA o coordinatore di classe 1.DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome Data e luogo

Dettagli

Protocollo accoglienza alunni BES-DSA

Protocollo accoglienza alunni BES-DSA Protocollo accoglienza alunni BES-DSA Accogliere gli alunni con BES o DSA significa fare in modo che essi siano parte integrante del contesto scolastico assieme agli altri alunni; significa assicurare

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE a. s. 2015-2016 Scuola Primaria e Secondaria di 1 grado

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE a. s. 2015-2016 Scuola Primaria e Secondaria di 1 grado Prot. n 2475/A36 San Costantino Cal. 29.04.2015 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE a. s. 2015-2016 Scuola Primaria e Secondaria di 1 grado Il Coordinatore del G.L.I. 1 PARTE I Obiettivi di miglioramento dell

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'Istituto Comprensivo di SIZIANO, per concretizzare l'inclusione scolastica degli alunni disabili, si propone di coinvolgere genitori, insegnanti, operatori scolastici e sanitari attraverso incontri,

Dettagli

Istituto Comprensivo Paolo Borsellino di Montecompatri PROGETTO ACCOGLIENZA FELICI DI STARE INSIEME

Istituto Comprensivo Paolo Borsellino di Montecompatri PROGETTO ACCOGLIENZA FELICI DI STARE INSIEME Istituto Comprensivo Paolo Borsellino di Montecompatri PROGETTO ACCOGLIENZA FELICI DI STARE INSIEME Il progetto accoglienza è condotto all'interno di tutto l'istituto con le stesse finalità, diversificandosi,

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

1. Rendere visibili agli occhi degli allievi i loro avanzamenti rispetto all obiettivo prestabilito attraverso un feedback progressivo

1. Rendere visibili agli occhi degli allievi i loro avanzamenti rispetto all obiettivo prestabilito attraverso un feedback progressivo Esempio 1 Docente che ha bisogno di acquisire nuove competenze Area delle competenze relative all INSEGNAMENTO (DIDATTICA): Organizzazione delle situazioni di apprendimento: 1. (PRIMARIA, SECONDARIA, compreso

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD

SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD TITOLO DELL ATTIVITA 1 Do you click clever? ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTI SILVIA BENONI (arte) MICHELE BERTOLDO (matematica) ELISABETTA DANZI/ ILARIA SIMONCELLI

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione Le nostre proposte per un percorso educativo di qualità Roma, 10 Aprile 2015 sala Da Feltre Intervento Claudia Lichene, insegnante di scuola dell infanzia

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015 I S T I T U T O O M N I C O M P R E N S I V O SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822

Dettagli

IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA

IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA Il ruolo del docente di conversazione in lingua straniera non è quello di dare modelli fonologicamente o formalmente corretti in lingua, ma è quello di contribuire

Dettagli

Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione

Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione A cura di Chiara Dicorato Rita Cioffi 19/01/12 Le otto

Dettagli

RELAZIONE FINALE 1 ANNO DOL Progetto BIM BUM BAM.SPOT. 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

RELAZIONE FINALE 1 ANNO DOL Progetto BIM BUM BAM.SPOT. 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti RELAZIONE FINALE 1 ANNO DOL Progetto BIM BUM BAM.SPOT 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Questa esperienza didattica ha preso spunto dallo studio del fenomeno

Dettagli

Scheda Integrata Metodologico - Strategica WebQuest

Scheda Integrata Metodologico - Strategica WebQuest Scheda Integrata Metodologico - Strategica WebQuest Certificazione Modulo II - Essential Scheda Anagrafica Skill Card Cognome Nome N 0 Materia d'insegnamento Ordine scuola Istituto email Test Center Provincia

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli