Osservatorio & Ricerca. La BUSS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Osservatorio & Ricerca. La BUSS"

Transcript

1 La BUSS LA Il mercato del lavoro veneto nel terzo trimestre IN SINTESI IL CONTESTO ECONOMICO IL LAVORO DIPENDENTE IL LAVORO INTERMITTENTE IL LAVORO DOMESTICO IL LAVORO PARASUBORDINATO DATI DI SINTESI SULLE CRISI AZIENDALI I DISOCCUPATI Nota metodologica sul SILV...35 embre 212

2 1. IN SINTESI Nel terzo trimestre 212 le aspettative sull evoluzione della congiuntura economica nazionale e regionale non sono migliorate. Le previsioni sul pil regionale per il 212 sono state ulteriormente riviste al ribasso: le ultime disponibili, rilasciate a ottobre, preconsuntivano un calo del 2,1%, che consoliderebbe alla fine del 212 una perdita di sette punti di pil (1,5 md. di euro a punto) rispetto al 27. Si sono continuate a registrare flessioni significative nella produzione industriale; le imprese manifatturiere sono diminuite; il volume di mancati pagamenti tra le imprese è aumentato; anche per l export - variabile per la quale l aggiornamento è al secondo trimestre - i segnali disponibili sono di rallentamento. Per il 213 le previsioni sul pil regionale indicano una poco gratificante stabilità sui livelli di attività del 212 (+,1%). Questo quadro macroeconomico non può che avere implicazioni problematiche per l andamento della domanda di lavoro. Al 3 settembre 212 rispetto al 3 settembre 211 i posti di lavoro dipendente in Veneto risultano diminuiti di circa 2. unità. Si tratta di effetti di trascinamento determinati dall andamento negativo dei trimestri precedenti, a cavallo tra 211 e 212. Per il terzo trimestre infatti si è registrato un saldo migliore rispetto a quello del corrispondente trimestre del 211, che potrebbe essere assunto come un indicatore di inversione del trend iniziato nel luglio 211 di caduta dell occupazione dipendente. Due elementi inducono peraltro a non enfatizzare ancora questo risultato. Innanzitutto esso è stato ottenuto non grazie ad una crescita delle assunzioni, che sono di nuovo diminuite (dato tendenziale), ma grazie alla diminuzione delle cessazioni, che attesta l irrigidimento complessivo del mercato del lavoro (meno contratti a termine e meno dimissioni). In secondo luogo si è registrato un importante impatto della l. 92/212 che ha indotto un numero consistente di spostamenti di lavoratori temporanei, soprattutto dal lavoro intermittente ma anche dal lavoro parasubordinato, verso l area dei tradizionali rapporti di lavoro dipendente (soprattutto a tempo determinato ma anche a tempo indeterminato, in entrambi i casi molto spesso a part time). Al netto di questo effetto di regolarizzazione il trend dell occupazione dipendente avrebbe ancora un carattere riflessivo. Che il quadro generale stenti ancora a trovare la via del miglioramento è documentato dall andamento di quasi tutti gli indicatori relativi alla domanda di ammortizzatori sociali: risulta in crescita il ricorso tanto alla cassa integrazione (ad eccezione della cigs) e alle sospensioni indennizzate nell artigianato quanto quello alla disoccupazione ordinaria, alla disoccupazione a requisiti ridotti, all indennità di mobilità ordinaria e all indennità di mobilità in deroga. E vero che non risultano in aumento i flussi complessivi di nuovi ingressi nella condizione di disoccupazione ma nel contempo sono diminuiti i flussi di uscita. La Bussola. embre 212 2/35

3 2. IL CONTESTO ECONOMICO Secondo le stime di Prometeia rese pubbliche a ottobre 212, il prodotto interno lordo del Veneto nel 212 diminuirà del 2,1%. In tal modo salgono a 7 i punti di pil persi rispetto al 27: infatti nel biennio erano stati persi circa 9 punti di pil, mentre nel biennio successivo ne erano stati recuperati 4. Ricordiamo che un punto di pil equivale a 1 miliardo e mezzo di euro: il reddito del Veneto rispetto al 27 è diminuito a prezzi costanti 2 di circa 9 miliardi mentre l incremento a valori nominali è risultato pari allo,7% (+1 miliardo). Le aspettative per il 213 sono di un livello di attività stabile rispetto al 212 (+,1%). La risalita ai livelli del 27 è indicata per il : un decennio dopo l inizio della crisi. Dato l incremento della popolazione, proseguito anche negli anni osservati, la dinamica del pil pro capite è ancora più sfavorevole. In termini reali il livello attuale (circa 23. euro a prezzi 2) corrisponde a quello del Graf. 2.1 Andamento del Pil (in mld. di ). Veneto, Pil a prezzi correnti Pil a prezzi concatenati (rif. anno 2) Fonte: elab. Veneto Lavoro su dati Istat-Prometeia (agg. ottobre 212) Graf. 2.2 Andamento del Pil procapite (in mgl. di ). Veneto e Italia A prezzi concatenati (rif. anno 2) Veneto Italia Veneto Veneto Italia Italia A prezzi correnti Fonte: elab. Veneto Lavoro su dati Istat-Prometeia (agg. ottobre 212) Veneto Veneto Italia Italia Veneto Italia La Bussola. embre 212 3/35

4 L indagine congiunturale di Unioncamere sulla produzione dell industria manifatturiera registra nuovamente dati negativi: la variazione tendenziale è risultata pari a -4,5% per le imprese con oltre 9 addetti e pari a -7% per le imprese più piccole. E il quarto trimestre consecutivo di dinamica tendenziale negativa per le imprese con oltre 9 addetti; il sesto per quelle di dimensioni inferiori. Graf Produzione manifatturiera in Veneto Var. tendenziali 1 trim. 2-3 trim , 8, 6, 4, 2,, -2, -4, -6, -8, -1, -12, -14, -16, -18, -2, -22, -24, Imprese con 1 addetti e più Imprese fino a 9 addetti 1 / 2 / 3 / 4 / 1 /1 2 /1 3 /1 4 /1 1 /2 2 /2 3 /2 4 /2 1 /3 2 /3 3 /3 4 /3 1 /4 2 /4 3 /4 4 /4 1 /5 2 /5 3 /5 4 /5 1 /6 2 /6 3 /6 4 /6 1 /7 2 /7 3 /7 4 /7 1 /8 2 /8 3 /8 4 /8 1 /9 2 /9 3 /9 4 /9 1 /1 2 /1 3 /1 4 /1 1 /11 2 /11 3 /11 4 /11 1 /12 2 /12 3 /12 Fonte: elab. Veneto Lavoro su dati Unioncamere del Veneto I dati Istat attestano che nel secondo trimestre 212 il valore delle esportazioni del Veneto è risultato pari a circa 12,8 miliardi, un livello di poco inferiore a quello del secondo trimestre 211 (ottanta milioni in meno). Il valore dell export veneto nel 212 dovrebbe rimanere sul medesimo livello raggiunto a fine 211 e quindi attestarsi a poco sopra i 5 miliardi (livello già raggiunto nel 28-29, nel periodo immediatamente precedente la deflagrazione della crisi). Graf Veneto. Andamento dell'export. 1 trim. 2-2 trim. 212 e previsioni 212 (val. ass. in ml. di ) Dato trimestrale (scala di sinistra) Dato annuale (scala di destra) / 2 / 3 / 4 / 1 /1 2 /1 3 /1 4 /1 1 /2 2 /2 3 /2 4 /2 1 /3 2 /3 3 /3 4 /3 1 /4 2 /4 3 /4 4 /4 1 /5 2 /5 3 /5 4 /5 1 /6 2 /6 3 /6 4 /6 1 /7 2 /7 3 /7 4 /7 1 /8 2 /8 3 /8 4 /8 1 /9 2 /9 3 /9 4 /9 1 /1 2 /1 3 /1 4 /1 1 /11 2 /11 3 /11 4 /11 1 /12 2 /12 3 /12 4 / Fonte: elab. Veneto Lavoro su dati Istat e Prometeia (agg. ottobre 212) La Bussola. embre 212 4/35

5 . Il rallentamento della crescita dell export ha determinato il raffreddamento dell unica componente della domanda che nell ultima fase ha mostrato qualche dinamicità. Il dato aggregato non rende giustizia alla varietà delle situazioni locali-settoriali, come si può ben osservare analizzando il trend delle esportazioni per i distretti industriali veneti, quasi equamente divisi tra situazioni di crescita dell export e altre di contrazione. Tab Veneto. Andamento dell export per distretto industriale. 21, 211 e 1 sem. 212 Distretto Provincia Specializzazione Export (mil. di ) Var. % export (a) '12 Rilevanza Distretto (b) Calzatura sportiva di Montebelluna Treviso Calzature sportive ,6 4,8-8,7 8,6 Calzatura veronese Verona Calzature ,3 3,4-7,6 4,4 Calzature del Brenta Padova Calzature , 16,8-4,7 4, Calzature del Brenta Venezia Calzature ,5 13,2 6, 1,1 Carni di Verona Verona Carni e salumi ,4 17,2 21,2 2,6 Ceramica artistica di Bassano del Grappa Vicenza Ceramica artistica ,2-1,3 1,9,3 Concia di Arzignano Vicenza Concia ,6 14,4 2,6 12, Dolci e pasta veronesi Verona Prodotti da forno e farinacei ,7 7,1 19,1 1,4 Dolci e pasta veronesi Verona Altri prodotti alimentari ,5 11,2 16,7 2, Elettrodomestici di Inox valley Treviso Elettrodomestici ,5 1, 4,9 6,7 Grafico veronese Verona Grafico ,2 18,6-7,6 1,1 mo e granito di Valpolicella Verona mo e granito ,5 5,2 4,2 4, Materie plastiche di Treviso, Vicenza, Padova Padova Manuf. plastica per consumo ,8 1,1-2,6 4,1 Materie plastiche di Treviso, Vicenza, Padova Treviso Manuf. plastica per consumo ,4 12,2-3,9 3,4 Materie plastiche di Treviso, Vicenza, Padova Vicenza Manuf. plastica per consumo ,1 9,2-4,4 3,2 Meccanica strumentale di Vicenza Vicenza Macchine utensili e per il legno ,3 4,8 5,8 2,6 Meccanica strumentale di Vicenza Vicenza Macch. ind. Alim., sist.moda, mat.plast ,8 25,9-5, 5,9 Mobile d'arte del bassanese Vicenza Mobile d'arte ,1 5,1-2,9 2,1 Mobile del Livenza e Quartiere del Piave Treviso Mobili camera e soggiorno ,2 4,9 3, 13,3 Mobili in stile di Bovolone Verona Mobili in stile ,3-5, 11,4 1,1 Occhialeria di Belluno Belluno Occhialeria ,1 1,9 n.a. 64,4 Oreficeria di Vicenza Vicenza Oreficeria ,2 7,6 6,3 9,1 Termomeccanica scaligera Verona Termosifoni, caldaie ,8-3,2-11,1 2,6 Termomeccanica scaligera Verona Scalda acqua elettrici ,4 6,9-6,8 1,9 Termomeccanica scaligera Verona Fornaci, bruciatori ,8 23,6 -,3 9,1 Tessile e abb. di Schio-Thiene-Valdagno Vicenza Filati in lana ,4 11, 4,7,6 Tessile e abb. di Schio-Thiene-Valdagno Vicenza Tessuti in lana , 12,8-8,9 1,4 Tessile e abb. di Schio-Thiene-Valdagno Vicenza Abbigliamento ,8 4,5 9,1 6,6 Tessile e abb. di Schio-Thiene-Valdagno Vicenza lieria esterna ,3 2,2 12,8,8 Tessile e abb. di Treviso Treviso Tessuti in cotone ,1-4,6-15,9 1,5 Tessile e abb. di Treviso Treviso Abbigliamento ,4-1,2-3,3 6, Tessile e abb. di Treviso Treviso lieria esterna ,1-8,8 1,9 1,1 Vetro artistico di Murano Venezia Vetro artistico ,8 6,6 7,6 2,7 Vini del veronese Verona Vino ,5 1,2 13,9 8,2 Vino prosecco di Conegliano-Valdobbiadene Treviso Vino ,7 21,4 8,8 3,3 Nota: le variazioni sono calcolate su dati provvisori. (a) Variazioni % tendenziali. (b) La rilevanza dei distretti è qui definita come il rapporto percentuale tra le esportazioni provinciali di una determinata produzione e l export provinciale di manufatti e beni agricoli. Questo indicatore, calcolato per il 21, rappresenta una misura sintetica dell importanza ricoperta, all interno di una provincia, dalle esportazioni di una determinata produzione distrettuale. Esso, pertanto, non tiene conto della rilevanza complessiva di un distretto in quanto non considera il fatturato realizzato sul territorio italiano (che non è disponibile a livello provinciale). Fonte: elab. Intesa Sanpaolo su dati Istat La Bussola. embre 212 5/35

6 Secondo i dati Infocamere (Movimprese) il numero di imprese attive extra-agricole al 3 settembre 212 risulta in Veneto inferiore a quello rilevato alla medesima data dell anno precedente: imprese attive contro Per le imprese manifatturiere la fase è ancora di decremento (-1.56 imprese in un anno) e lo stesso si registra, con ancora maggiore evidenza, per le costruzioni (-2.278). Tab Imprese attive per settore. Veneto, 3 trim trim trim. 3 trim. 3 trim. 1 trim. 2 trim. 3 trim. Agricoltura e pesca Attività manifatturiere Alimentari Tessile abbigliamento Cuoio e pelli Legno e arredamento Metalmeccanico Altri manifatturiero Costruzioni Servizi Commercio Altri servizi Altri Totale Totale extra-agricole Fonte: elab. Veneto Lavoro su dati Infocamere Secondo i dati Euler Ermes Italia, i mancati pagamenti delle imprese italiane cresciuti anche in Veneto in misura molto forte nel 211 (+2%), sono ancora aumentati nell anno in corso (+12%), per effetto dei problemi di liquidità che interessano molte imprese. L importo medio dei mancati pagamenti è peraltro decrescente. -dic 211/ gen-dic 21 Tab. 2.3 Mancati pagamenti delle imprese. Veneto e Italia, Frequenza (n. mancati pagamenti) -mar 212/ -giu 212/ gen-mar 211 gen-giu 211 Variazioni tendenziali Severità (importi medi mancati pagamenti) -dic 211/ -mar 212/ -giu 212/ gen-dic 21 gen-mar 211 gen-giu 211 -set 212/ gen-set 211 -set 212/ gen-set 211 Veneto 2% 5% 9% 12% 3% -1% -5% -2% Italia Domestic 42% 38% 32% 25% 17% 19% 4% % Export % 18% 1% 5% 7% 23% % 9% Fonte: elab. Veneto Lavoro su dati Euler Ermes La Bussola. embre 212 6/35

7 3. IL LAVORO DIPENDENTE 3.1 La dinamica delle posizioni di lavoro dipendente 1 Nel terzo trimestre 212 il saldo tra assunzioni e cessazioni è risultato pari a -5.9 posizioni di lavoro: si tratta di un dato fisiologicamente negativo, tenendo conto della rilevanza della stagionalità turistica e quindi della numerosità dei contratti a termine che vengono conclusi a fine stagione. Una valutazione più sostanziale viene dal confronto con il saldo del terzo trimestre 211: allora il risultato era stato ben più negativo (-12.1). In effetti nel terzo trimestre 212 il mercato del lavoro veneto ha evidenziato un miglioramento dovuto essenzialmente alla contrazione tendenziale delle cessazioni (-8%) 2 e non tanto ad uno sviluppo della domanda di lavoro: le assunzioni infatti sono diminuite del 5% sul 211 (e sono risultate di poco superiori a quelle dell anno di minimo, vale a dire il 29). Tab. 3.1 Veneto. Posizioni di lavoro dipendente* Flussi di assunzioni e di cessazioni e saldi trim. 212 (val. in migliaia) Assunzioni Cessazioni Saldo Saldo annuo (ultimi quattro trimestri) 3 28 Totale 747,2 736, 11,2 29 Totale 59,1 633,8-43,7 21 Totale 628,6 636,2-7,6 211 Totale 66,7 67,4-9, trim. 144,3 126,2 18,1-24,1 2 trim. 156,6 146,9 9,6-41,1 3 trim. 157,8 174,7-16,9-52,4 4 trim. 131,5 185,9-54,4-43, trim. 147,7 118,2 29,5-32,2 2 trim. 168,5 145,7 22,8-19,1 3 trim. 172,4 176,5-4,1-6,2 4 trim. 14, 195,8-55,8-7, trim. 167,1 129,5 37,6,5 2 trim. 185,6 163, 22,6,3 3 trim. 171,2 183,3-12,1-7,7 4 trim. 136,8 194,6-57,8-9, trim. 155,5 123,9 31,5-15,8 2 trim. 162,9 15,8 12,1-26,3 3 trim. 162,2 168,1-5,9-2,1 1. Le posizioni di lavoro dipendente sono costituite dai rapporti di lavoro, sia a tempo pieno che a tempo parziale, alle dipendenze delle imprese e delle istituzioni. Sono inclusi dunque i contratti a tempo indeterminato, a tempo determinato, di somministrazione e di apprendistato (a quest ultima fattispecie sono aggregati anche i (residui) contratti di formazione lavoro nonché i contratti di inserimento). Restano esclusi i rapporti con contratto di lavoro intermittente e i rapporti di lavoro domestico, di cui si darà conto separatamente nel par. 4 e nel par In modo particolare sono diminuite le cessazioni per dimissioni (-22%). Su base annua le cessazioni per dimissioni sono passate dalle circa 2. registrate nella fase pre crisi alle circa 15. annue nel triennio ; nel 212 si attesteranno su un livello ancora inferiore, attorno alle 12. unità. 3. Si tratta ovviamente di un anno mobile, formato di volta in volta dagli ultimi quattro trimestri. La Bussola. embre 212 7/35

8 La riduzione del valore del saldo trimestrale comporta che su base annua - tra il primo ottobre 211 e il 3 settembre il saldo è risultato negativo per 2.1 posizioni di lavoro: questa è dunque la misura aggiornata al 3 settembre 212 della contrazione tendenziale delle posizioni di lavoro su base annua Graf. 3.1 Veneto. Posizioni di lavoro dipendente* Variazioni cumulate rispetto al 3 giugno 28. Dati giornalieri giu-8 lug-8 ago-8 set-8 ott-8 nov-8 dic-8 gen-9 feb-9 mar-9 apr-9 mag-9 giu-9 lug-9 ago-9 set-9 ott-9 nov-9 dic-9 gen-1 feb-1 mar-1 apr-1 mag-1 giu-1 lug-1 ago-1 set-1 ott-1 nov-1 dic-1 gen-11 feb-11 mar-11 apr-11 mag-11 giu-11 lug-11 ago-11 set-11 ott-11 nov-11 dic-11 gen-12 feb-12 mar-12 apr-12 mag-12 giu-12 lug-12 ago-12 set-12 Graf. 3.2 Veneto. Posizioni di lavoro dipendente* Variazioni tendenziali a 12 mesi. Dati giornalieri giu-9 lug-9 ago-9 set-9 ott-9 nov-9 dic-9 gen-1 feb-1 mar-1 apr-1 mag-1 giu-1 lug-1 ago-1 set-1 ott-1 nov-1 dic-1 gen-11 feb-11 mar-11 apr-11 mag-11 giu-11 lug-11 ago-11 set-11 ott-11 nov-11 dic-11 gen-12 feb-12 mar-12 apr-12 mag-12 giu-12 lug-12 ago-12 set-12 La Bussola. embre 212 8/35

9 L analoga variazione tendenziale misurata al 3 giugno 212 era negativa e di maggiore entità (-26.3). 4 In sostanza nel terzo trimestre 212 sembra essersi invertita la dinamica congiunturale negativa. Il trend calante dell occupazione, ripartito a luglio 211, sembra essersi bloccato a distanza di un anno e si è avviato un recupero che i dati dei prossimi trimestri si incaricheranno di mostrare quanto duraturo. Ovviamente su base annua il saldo è negativo per gli effetti di trascinamento dovuti alla dinamica dei trimestri precedenti. Per una rappresentazione dettagliata del trend in corso su base giornaliera è utile osservare il graf. 3.1 e il graf Entrambi utilizzano, come informazione di base, i saldi giornalieri tra assunzioni e cessazioni. Il primo grafico illustra la variazione rispetto al 3 giugno 28 5 delle posizioni di lavoro in essere ogni giorno del periodo osservato: tale variazione è ottenuta cumulando i saldi giornalieri. Il secondo grafico - costruito a partire dal precedente - illustra la variazione delle posizioni di lavoro su base tendenziale annua: in altre parole si misura la variazione delle posizioni di lavoro in ciascun giorno dell anno osservato rispetto al medesimo giorno dell anno precedente, tracciando l evolversi della tendenza nell arco di un anno (mobile). Tab. 3.2 Veneto. Posizioni di lavoro dipendente* Variazioni sull anno precedente, secondo diverse misure Variazioni sul corrispondente periodo dell anno precedente Al 3 settembre (1) Media terzo trimestre (2) Media annua (ultimi quattro trimestri) (2) 29-52,4-45,6-15,3 21-6,2-14,6-31, ,7-1,7-1, ,1-21,2-16,6 (1) Ovvero: variazione tra l ultimo giorno del trimestre in esame e l 'ultimo giorno del medesimo trimestre dell'anno precedente. (2) Medie calcolate a partire da dati giornalieri. Il miglioramento del profilo tendenziale trova riscontro e conferma anche utilizzando altri possibili metodi di misura della variazione dell occupazione dipendente. In tab. 3.2 sono poste a confronto tre diverse misure: 1. la variazione tra le posizioni di lavoro in essere all ultimo giorno del trimestre in esame e quelle corrispondenti del medesimo giorno nell anno precedente 6 ; 2. la variazione tra la media (costruita su dati giornalieri) delle posizioni di lavoro in essere nel primo trimestre dell anno osservato e la media del medesimo trimestre nell anno precedente; 3. la variazione tra la media (costruita su dati giornalieri) delle posizioni di lavoro in essere in un anno mobile (1 ottobre 3 settembre) e la media del medesimo periodo nell annualità precedente. La misura costruita sul dato puntuale al 3 settembre (-2.1) è meno negativa di quella basata sulla media trimestrale (-21.2), indicando che il trend di miglioramento si è avviato di recente. Il saldo su base annua rimane ancora negativo (-16.6) e, anche se il trend di miglioramento proseguirà nel quarto trimestre, è del tutto improbabile che possa essere recuperato entro la fine del 212. Il contributo alle dinamiche indicate fornito dalle diverse categorie di lavoratori distinti secondo le principali caratteristiche anagrafiche (genere, cittadinanza), la provincia di lavoro, la tipologia contrattuale e il 4. La differenza tra questo valore e quello rilasciato nell edizione di settembre della Bussola (-29.7) è dovuta ai progressivi e continui assestamenti della base dati amministrativa di riferimento. 5. Qualche giorno prima, il 26 giugno, è stato il momento in cui le posizioni di lavoro dipendente in Veneto hanno raggiunto il loro massimo storico. 6. Per costruzione tale misura coincide con il saldo tra assunzioni e cessazioni nel medesimo intervallo di tempo. La Bussola. embre 212 9/35

10 settore di impiego è desumibile dall articolazione del saldo annuo (1 ottobre settembre 212) documentata in tab Le dinamiche di più lungo periodo, che documentano l evolversi delle posizioni di lavoro lungo tutto l arco della crisi, a partire dal giugno 28, sono rappresentate nei grafici successivi, basati sui saldi mensili cumulati. Tab. 3.3 Veneto. Posizioni di lavoro dipendente*. Saldo annuo (ultimi 4 trim.) per genere, cittadinanza, provincia, settore e contratto (val. in migliaia) Maschi Femmine Italiani Stranieri Totale Totale -15,9-4,2-16,4-3,7-2,1 - Per settore Agricoltura,9,5,8,6 1,4 Industria -15,9-6,4-16,2-6,2-22,3 - Estrattive -,1, -,1, -,1 - Made in Italy -3,1-3,8-5,8-1,2-6,9 - Ind. alimentari, -,4 -,3 -,1 -,4 - Ind. tessile-abb. -,3-1,8-2,2,2-2,1 - Ind. conciaria -,2,1,1 -,2 -,1 - Ind. calzature, -,2 -,2, -,2 - Legno/mobilio -2,1-1, -2,3 -,8-3,1 - Ind. vetro -,2 -,1 -,2 -,1 -,2 - Ind. ceramica,,,,, - Ind. marmo -,2, -,1 -,1 -,2 - Oreficeria -,1 -,2 -,3, -,3 - Occhialeria -,1 -,2 -,2 -,1 -,3 - Altro made in Italy,,,,, - Metalmeccanico -4,1-1,7-3,8-2, -5,8 - Altre industrie -1,7 -,7-1,9 -,5-2,4 - Utilities -,1, -,1,, - Costruzioni -6,8 -,3-4,6-2,5-7, Servizi -,9 1,7-1, 1,8,8 - Comm.-tempo libero 1,9 1,5 1,6 1,8 3,4 - Commercio dett.,3 -,5 -,4,2 -,1 - Servizi turistici 1,6 1,9 2, 1,6 3,6 - Ingrosso e logistica -2,1 -,5-2,3 -,2-2,6 - Comm. ingrosso -1, -,2-1,2, -1,2 - Trasporti e magazz. -1,1 -,3-1,1 -,2-1,3 - Servizi finanziari -,5 -,4 -,8 -,1 -,9 - Terziario avanzato -,1, -,1, -,1 - Servizi alla persona -,4 1,8 1,,4 1,4 - Pubblica amm. -,6 -,3 -,9, -,9 - Istruzione,2 1,1 1,3, 1,3 - Sanità/servizi sociali -,1 1,,7,2,9 - Riparazioni e noleggi -,2, -,2, -,3 - Altri servizi,3,1,2,3,4 - Altri servizi,2 -,7 -,3 -,2 -,5 - Servizi vigilanza,1,,2 -,1,1 - Servizi di pulizia,1 -,6 -,4 -,1 -,5 - Servizi di noleggio,,,,, - Attività immobiliari -,1, -,1, -,1 - Per contratto Tempo indeterminato -4,2 5,2-1,6 2,6 1, Apprendistato -2,3-2,1-3,2-1,2-4,4 Tempo determinato -5,6-5, -8, -2,7-1,7 Somministrazione -3,7-2,4-3,7-2,4-6,1 - Per provincia Belluno -1, -,7-1,3 -,3-1,7 Padova -3,2 -,4-2,9 -,7-3,6 Rovigo -,9 -,2-1,1,1-1,1 Treviso -3,9-1,9-3,7-2, -5,7 Venezia -2,7,4-2,3, -2,3 Verona -1,9 -,4-2,6,3-2,2 Vicenza -2,4-1,1-2,5-1, -3,5 La Bussola. embre 212 1/35

11 La riduzione delle posizioni di lavoro osservata nell ultima annualità ha interessato specialmente la componente italiana (-16.4) ma anche per gli stranieri il bilancio è risultato negativo (-3.7). La diminuzione dei posti di lavoro ha interessato per circa l 8% la componente maschile (-15.9) (graf. 3.3, graf. 3.4). Analizzando le dinamiche settoriali (cfr. il graf. 3.5 e il graf. 3.6) emerge che la contrazione delle posizioni lavorative è concentrata nell industria che ha perso in un anno 22.3 posti di lavoro. Nel dettaglio dei principali comparti industriali (graf. 3.7, graf. 3.8) si osserva che molto rilevante è stata la contrazione nelle costruzioni (-7. unità) mentre nell ambito del manifatturiero, i risultati principali, tutti negativi, sono quelli del metalmeccanico (-5.8 unità), del legno-mobilio (-3.1), del tessile-abbigliamento (-2.1). Il settore dei servizi ha evidenziato una tendenza modestamente positiva (+8 posizioni di lavoro). Ciò è dovuto essenzialmente alla dinamica evidenziata nei servizi turistici (+3.6), la quale riflette peraltro soprattutto il processo di inclusione ( regolarizzazione ) nel perimetro del lavoro dipendente degli (ex) occupati con contratto a chiamata, come altrove documentato 7 (graf. 3.9, graf. 3.1). Per quanto riguarda le posizioni lavorative distinte per tipologia contrattuale (graf. 3.11, graf. 3.12), nell ultimo anno sono diminuiti i posti di lavoro assegnati con contratti a tempo determinato (-1.7), di somministrazione (-6.1) e di apprendistato (-4.4). Risultano invece in aumento i contratti a tempo indeterminato (+1.): tale variazione è stata determinata essenzialmente dalla riduzione delle cessazioni, riduzione dovuta in parte alla minor mobilità degli adulti, in parte alle minori uscite dal lavoro a seguito delle modifiche delle norme di accesso al pensionamento. 7 Cfr. il n. 41 della collana Misure, dedicato a Monitoraggio legge 92/212. L impatto sul lavoro intermittente (www.venetolavoro.it) La Bussola. embre /35

12 Graf Veneto. Posizioni di lavoro dipendente* Variazioni rispetto al 3 giugno 28. Saldi mensili cumulati. ere e cittadinanza Italiani - Maschi Italiani - Femmine Stranieri - Maschi Stranieri - Femmine Graf Veneto. Posizioni di lavoro dipendente* Variazioni tendenziali a 12 mesi. Saldi mensili cumulati. ere e cittadinanza Italiani - Maschi Italiani - Femmine Stranieri - Maschi Stranieri - Femmine La Bussola. embre /35

13 Graf Veneto. Posizioni di lavoro dipendente* Variazioni rispetto al 3 giugno 28. Saldi mensili cumulati. Principali macro-settori Agricoltura Industria Servizi Graf Veneto. Posizioni di lavoro dipendente* Variazioni tendenziali a 12 mesi. Saldi mensili cumulati. Principali macro-settori Agricoltura Industria Servizi La Bussola. embre /35

14 Graf Veneto. Posizioni di lavoro dipendente* Variazioni rispetto al 3 giugno 28. Saldi mensili cumulati. Principali settori dell industria Ind. alimentari Sistema moda Metalmeccanico Legno/mobilio Costruzioni Graf Veneto. Posizioni di lavoro dipendente* Variazioni tendenziali a 12 mesi. Saldi mensili cumulati. Principali settori dell industria Ind. alimentari Sistema moda Metalmeccanico Legno/mobilio Costruzioni La Bussola. embre /35

15 Graf Veneto. Posizioni di lavoro dipendente* Variazioni rispetto al 3 giugno 28. Saldi mensili cumulati. Principali settori del terziario Commercio dett. Servizi turistici Servizi alle imprese Pubblica Amm. Istruzione Sanità/Servizi sociali Terziario avanzato/fin. Servizi di vigilanza Graf Veneto. Posizioni di lavoro dipendente* Variazioni tendenziali a 12 mesi. Saldi mensili cumulati. Alcuni settori del terziario Commercio dett. Servizi turistici Servizi alle imprese Pubblica Amm. Sanità/Servizi sociali Terziario avanzato/fin. Servizi di vigilanza La Bussola. embre /35

16 1. Graf Veneto. Posizioni di lavoro dipendente* Variazioni rispetto al 3 giugno 28. Saldi mensili cumulati per contratto T. indeterminato Apprendistato T. determinato Somministrato Graf Veneto. Posizioni di lavoro dipendente* Variazioni tendenziali a 12 mesi. Saldi mensili cumulati per contratto T. indeterminato Apprendistato T. determinato Somministrato La Bussola. embre /35

17 1. Graf Veneto. Posizioni di lavoro dipendente* Variazioni cumulate rispetto al 3 giugno 28. Saldi mensili cumulati. Province di Treviso, Venezia, Verona e Vicenza Treviso Venezia Verona Vicenza Graf Veneto. Posizioni di lavoro dipendente* Variazioni tendenziali a 12 mesi. Saldi mensili cumulati. Province di Treviso, Venezia, Verona e Vicenza Treviso Venezia Verona Vicenza La Bussola. embre /35

18 4. Graf Veneto. Posizioni di lavoro dipendente* Variazioni rispetto al 3 giugno 28. Saldi mensili cumulati. Province di Belluno, Padova e Rovigo Rovigo Belluno Padova Graf Veneto. Posizioni di lavoro dipendente* Variazioni tendenziali a 12 mesi. Saldi mensili cumulati. Province di Belluno, Padova e Rovigo Rovigo Belluno Padova La Bussola. embre /35

19 Sotto il profilo territoriale si distinguono agevolmente, per caratteristiche strutturali e demografiche, tre gruppi di province (grafici 3.13, 3.14, 3.15, 3.16): a. le due province di ridotte dimensioni demografiche, Belluno e Rovigo: entrambe evidenziano un saldo negativo anche nell ultima annualità; hanno perso rispettivamente 1.7 e 1.1 posti; b. le due province più industrializzate, Treviso e Vicenza: la prima evidenzia anche nell ultima annualità considerata il saldo più negativo (-5.7) tra tutte le province venete; c. le tre province caratterizzate in senso metropolitano/terziario, vale a dire Venezia, Verona e Padova: il saldo anche per esse è negativo, compreso tra le 2 e le 4. unità. 3.2 Approfondimenti sulla domanda (assunzioni) di lavoro dipendente Nel terzo trimestre 212 sono state realizzate dalle unità locali delle imprese e delle istituzioni attive in Veneto assunzioni (tab. 3.4), circa 9. in meno rispetto al corrispondente trimestre del 211 (-5,3%). Tab Veneto, posizioni di lavoro dipendente* Assunzioni e trasformazioni per anno/trimestre e tipologia contrattuale trim. 2 trim. 3 trim. 4 trim. 1 trim. 2 trim. 3 trim. VALORI ASSOLUTI (in migliaia) A. Assunzioni Tempo indeterminato 169,5 16, 1,8 12,6 31,3 24,5 26,9 19,8 25,3 19,7 25,8 Apprendistato 57,5 37,3 41, 41, 9,8 12,8 1,4 8, 9,5 1,4 7,9 Tempo determinato 45,1 364,4 378,5 394,5 93, 116,6 11,3 83,6 92,2 15,9 1,7 Somministrazione 115,1 82,4 18,3 122,6 32,9 31,7 32,6 25,4 28,5 26,8 27,7 Totale 747,2 59,1 628,6 66,7 167,1 185,6 171,2 136,8 155,5 162,9 162,2 B. Trasformazioni a tempo indet. 56,7 53,8 54,9 57,4 14,5 14,1 13,9 14,9 13,4 11,8 12,4 Variazioni percentuali sull anno precedente e sullo stesso trim. anno precedente A. Assunzioni Tempo indeterminato -37,5-4,9 1,7 3,4-1,3 13,3-9,6-19,3-19,5-4,1 Apprendistato -35,1 9,7,2 12,5 7,4-7,1-12, -3, -18,3-23,7 Tempo determinato -1,1 3,9 4,2 1,5 1,3-5,6 2,6 -,9-9,2 -,6 Somministrazione -28,4 31,4 13,2 34,1 21,6 7,9-7,6-13,6-15,4-15, Totale -21, 6,5 5,1 13,1 1,2 -,7-2,3-6,9-12,3-5,3 B. Trasformazioni a tempo indet.. -5,2 2,1 4,7 9,9 1, 3,3-3, -7,8-16,3-11,1 Pur continuando ad interessare tutte le tipologie contrattuali, la variazione tendenziale negativa è risultata particolarmente intensa per le assunzioni con contratto di apprendistato (-23,7%) e per il lavoro somministrato (-15%). La contrazione è risultata più contenuta per i contratti a tempo indeterminato (- 4,1%) e, soprattutto, per quelli a tempo determinato (-,6%). Come nei mesi precedenti, il volume delle trasformazioni è risultato anche nel terzo trimestre del 212 in contrazione rispetto allo stesso periodo dell anno precedente: in totale esse sono risultate 12.4, circa 2.6 in meno rispetto al 3 trim. 211 (-11,1%). Nonostante la diminuzione registrata, le trasformazioni continuano a rappresentare una quota rilevante (circa un terzo) dell insieme delle modalità di accesso al tempo indeterminato (assunzioni + trasformazioni). La Bussola. embre /35

20 Tab Veneto, posizioni di lavoro dipendente* Assunzioni per trimestre e settore trim. 2 trim. 3 trim. 4 trim. 1 trim. 2 trim. 3 trim. Valori assoluti (in migliaia) Agricoltura 49,4 49,3 5,1 5, 12,2 13,6 17,7 6,4 12,7 13, 19,1 Totale industria 23,1 15,9 181,1 19,1 56, 49, 48,6 36,4 45,9 37,4 39, - Estrattiva,5,2,3,3,1,1,1,1,1,, - Made in Italy 72,5 54,8 62,6 65,8 18,2 16,4 17, 14,2 16,9 13,8 15,1 - Metalmeccanico 78,2 37, 54,6 6,9 19,1 15,7 15,9 1,2 14,1 1,6 11,9 - Altre industrie 24,8 17, 2,9 22, 7, 5,5 5,6 3,8 5,4 4,1 4,3 - Utilities 4,1 4,3 4,4 4,3 1, 1,4 1,,9,8 1,1,7 - Costruzioni 5,1 37,6 38,1 36,9 1,6 9,9 9,1 7,3 8,6 7,8 6,9 Totale servizi 467,8 389,9 397,5 42,6 98,9 122,9 14,9 93,9 96,9 112,5 14,2 - Comm. e tempo libero 188,6 162,9 162,7 166,1 32,6 63,2 35,8 34,4 34, 57,8 42,7 - Ingrosso e logistica 74,1 52,8 58,8 62,3 17,2 17,8 14,8 12,4 13,5 13, 11,9 - Servizi finanziari 6,8 4, 3,3 3,5 1,4,9,7,6,8,6,5 - Terziario avanzato 34,1 2,3 21,2 21,3 6,6 4,6 4,7 5,5 5,9 4,5 3,5 - Servizi alla persona 136,5 118,5 114,8 125, 29,6 23,8 39,5 32,1 32,8 25, 36,1 - Altri servizi 27,7 31,5 36,6 42,4 11,5 12,7 9,3 8,9 9,9 11,4 9,4 Totale 747,2 59,1 628,6 66,7 167,1 185,6 171,2 136,8 155,5 162,9 162,2 Variazioni percentuali sull anno precedente e sullo stesso trim. anno precedente Agricoltura, 1,5 -,2 6,6 2,6-3,1-9,1 4,5-4,6 7,8 Totale industria -34,4 2, 5, 2,7 1,5,1-12,6-18,1-23,7-19,9 - Estrattiva -5,3 46,6-25,7 2,5-11,8-49, -37,4 21,7-52,2-1, - Made in Italy -24,4 14,3 5, 1,1 1,3 3, -3,9-7, -16, -11,4 - Metalmeccanico -52,7 47,7 11,6 44,7 21,5 2,6-21,2-26,5-32,4-25,6 - Altre industrie -31,7 23,5 5, 19,3 11,,2-14,5-23, -25,9-22,4 - Utilities 6,2 2,3-2,5-9, 5,8-4,9-3,4-18,7-21,1-25,9 - Costruzioni -24,9 1,3-3,3 1,2-2,7-7,9-14,1-19, -21,6-23,6 Totale servizi -16,6 2, 5,8 1, 1,9 -,7 3, -2, -8,5 -,7 - Comm. e tempo libero -13,7 -,1 2,1-2,6 12,7 -,9-6,9 4,2-8,5 19,2 - Ingrosso e logistica -28,8 11,5 5,8 21,9 16,3-1,6-13,3-21,7-26,8-19,6 - Servizi finanziari -41,1-17,3 5,9 38,8 1,5-1,8-24,2-39,6-3,2-25,4 - Terziario avanzato -4,4 4,5,4,8-14,1 -,6 17,5-9,7-1,8-25,2 - Servizi alla persona -13,2-3,1 8,9 17,3 5,5-1,6 19,7 1,7 5,2-8,6 - Altri servizi 13,7 16,3 15,8 2,7 18,7 6,3 16,5-14,3-1,,1 Totale -21, 6,5 5,1 13,1 1,2 -,7-2,3-6,9-12,3-5,3 Quanto alla domanda di lavoro per settore (tab. 3.5), è possibile osservare come la dinamica tendenziale si mantenga negativa per tutti i comparti industriali ed anche per la maggioranza delle attività del terziario. Rispetto allo stesso trimestre dell anno precedente, nel comparto industriale le contrazioni maggiori si registrano nel settore metalmeccanico (-25,6%), nelle utilities (-25,9%), nelle costruzioni (-23,6%) e nelle altre industrie (-22,4%). Nel settore dei servizi contrazioni rilevanti si registrano in relazione alle attività finanziare e al terziario avanzato (rispettivamente -25,4% e -25,2%). In controtendenza, vale a dire con una domanda di lavoro in crescita, risultano le assunzioni nel settore del commercio e tempo libero (+19,2%), mentre si mantengono pressoché stabili le assunzioni riferite alle attività catalogabili tra gli altri servizi (+,1%). Quanto alle caratteristiche anagrafiche dei soggetti destinatari delle assunzioni (tab. 3.6), come già nei trimestri precedenti le variazioni tendenziali risultano più negative per i maschi (-8,6%) che per le donne (- 1,8%), mentre per quanto riguarda la cittadinanza la contrazione registrata interessa pressoché in pari misura gli italiani e gli stranieri (rispettivamente -5,5% e -4,8%). Per quanto riguarda le classi di età, si registra una dinamica positiva per gli over 55 (+12,4%), mentre per i giovani e per gli adulti le variazioni continuano ad essere in entrambi i casi negative (-6,4% e -6,1%). La Bussola. embre 212 2/35

21 Tab Veneto, posizioni di lavoro dipendente* Assunzioni per trimestre, genere, cittadinanza e classe d età trim. 2 trim. 3 trim. 4 trim. 1 trim. 2 trim. 3 trim. Valori assoluti (in migliaia) Totale 747,2 59,1 628,6 66,7 167,1 185,6 171,2 136,8 155,5 162,9 162,2 Maschi 383,2 292, 324,5 339,1 88,9 97, 87,3 65,9 77,4 8,5 79,7 Femmine 364,1 298,1 34,2 321,6 78,2 88,6 84, 7,8 78,1 82,4 82,5 Italiani 55,4 431,9 455,6 476,1 121,5 129,2 123,2 12,1 114,3 113,7 116,4 Stranieri 196,8 158,2 173, 184,6 45,5 56,4 48, 34,7 41,1 49,2 45,8 Giovani (< 3 anni) 31,5 225, 236,8 241,3 58,2 71,1 62,9 49,1 51,5 6,1 58,8 Adulti (3-54 anni) 41,6 335,3 361,2 386, 1,1 14,7 99,8 81,3 95,2 93,5 93,7 Anziani (55 anni e più) 35,2 29,8 3,6 33,4 8,7 9,7 8,6 6,3 8,7 9,2 9,7 Variazioni percentuali sull anno precedente e sullo stesso trim. anno precedente Totale -21, 6,5 5,1 13,1 1,2 -,7-2,3-6,9-12,3-5,3 Maschi -23,8 11,1 4,5 16,7 9,9-1,6-7,6-13, -17, -8,6 Femmine -18,1 2,1 5,7 9,2 1,5,2 3,3 -,1-7,1-1,8 Italiani -21,5 5,5 4,5 11,5 9,4-1,4-1,4-5,9-12,1-5,5 Stranieri -19,6 9,4 6,7 17,5 11,9 1,1-4,7-9,7-12,7-4,8 Giovani (< 3 anni) -25,4 5,3 1,9 12,3 8,3-3,8-9,1-11,5-15,4-6,4 Adulti (3-54 anni) -18,3 7,7 6,9 14,2 11,,7 1,5-4,9-1,7-6,1 Anziani (55 anni e più) -15,3 2,7 9, 6,3 14,5 6,4 8,2, -5,7 12,4 La riduzione delle assunzioni si è accompagnata ad una riduzione della media di giornate di lavoro previste per i contratti a termine. Confrontando le durate previste per le assunzioni registrate nei primi nove mesi del 212 con quelle previste per le assunzioni del corrispondente periodo del 211 (tab. 3.7), è possibile osservare che: a. i rapporti di lavoro di durata prevista inferiore ai 7 giorni sono quasi stabili (in decremento le assunzioni di un giorno ma in leggero aumento quelle inferiori a una settimana); b. quelli di durata compresa tra una settimana e un anno evidenziano un decremento pari al -2% nel caso dei contratti fino a 3 giorni e pari al -9% per quelli di durata superiore; c. le assunzioni con durate superiori all anno fanno registrare una contrazione pari al -16%, mentre quelle con durata indeterminata (vale a dire i contratti a tempo indeterminato) diminuiscono del 14%. Si registra inoltre un continuo incremento delle assunzioni part-time rispetto al totale di quelle a tempo indeterminato (tab. 3.8): nel terzo trimestre del 212 la quota di part time ha raggiunto il 49%; nello stesso trimestre dell anno precedente essa risultava del 3%. Questo incremento congiunturale del part time pur innestandosi su una corrispondente tendenza di lungo periodo - è largamente effetto delle regolarizzazioni dei contratti di lavoro a chiamata. La Bussola. embre /35

22 Tab Veneto. Assunzioni per contratto e per durata prevista. Dati , primi 3 trimestri Durata prevista Indeterminata 1 giorno 2-7 gg. 8-3 gg. 2-6 mesi 6-12 mesi Oltre un anno Totale Tempo indeterminato Apprendistato Tempo determinato Somministrazione Totale Variazioni % 211/21 5% 28% 2% 8% 7% -6% 5% 7% 212/211-14% -7% 2% -2% -9% -7% -16% -8% Nota: i contratti di apprendistato secondo le recenti modifiche normative sono definiti come contratti a tempo indeterminato, ad eccezione dell apprendistato stagionale; viene comunque ancora specificata la durata del periodo formativo. Per consentire il confronto con i dati degli anni precedenti in tabella i contratti di apprendistato di durata indeterminata sono stati aggregati ai contratti di durata superiore all anno. Tab Veneto. Assunzioni con contratto a tempo indeterminato per tipologia di orario Part time Full time N.d. Totale Quota % part time su tot. ass. 28 Totale 47,2 12,3 2,1 169,5 28% 29 Totale 34,9 7, 1,1 16, 33% 21 Totale 34,5 65,4 1, 1,8 34% 211 Totale 35,4 66,7,5 12,6 34% 29 1 trim. 1,4 22,9,4 33,7 31% 2 trim. 8,2 16,4,4 25, 33% 3 trim. 8, 16,3,1 24,4 33% 4 trim. 8,3 14,5,1 22,9 36% 21 1 trim. 1,6 19,3,4 3,3 35% 2 trim. 8,2 16,4,3 24,8 33% 3 trim. 7,8 15,7,2 23,8 33% 4 trim. 7,9 14,,1 21,9 36% trim. 1,8 2,4,1 31,3 35% 2 trim. 8,6 15,8,1 24,5 35% 3 trim. 8,1 18,7,2 26,9 3% 4 trim. 7,8 11,9,1 19,8 39% trim. 9,7 15,4,1 25,3 39% 2 trim. 8,2 11,4,1 19,7 42% 3 trim. 12,5 13,1,2 25,8 49% La Bussola. embre /35

23 4. IL LAVORO INTERMITTENTE Per effetto della nuova regolazione introdotta con la l. 92/212 le straordinarie performance del lavoro intermittente osservate negli ultimi anni hanno subito, nel terzo trimestre 212, una significativa battuta d arresto. Le assunzioni con tale tipologia contrattuale sono diminuite del 32% rispetto al terzo trimestre 211 (passando da circa 18.3 a 12.5); le cessazioni sono aumentate del 56% (da meno di 2. sono passate ad oltre 3.) e si è registrata una, inedita, contrazione dei rapporti di lavoro intermittente in essere, pari ad oltre il 2% (da oltre 8. a poco più di 6.) (tab. 4.1). L analisi delle informazioni disponibili ha consentito di osservare che in quasi il 3% dei casi alle cessazioni dei rapporti di lavoro intermittente ha fatto seguito un assunzione nella medesima impresa con contratto di lavoro a tempo indeterminato (5%) oppure a tempo determinato (4%), in genere con orario a part-time. 8 Tab Veneto. Lavoro intermittente. Assunzioni, cessazioni e saldi per tipologia di contratto (val. in migliaia) trim. 2 trim. 3 trim. 4 trim. 1 trim. 2 trim. 3 trim. Assunzioni Tempo indeterminato 9,8 17,6 22,5 24,3 5,6 6,4 5,5 6,9 8,1 7,2 3, Tempo determinato 9,3 25,3 38,5 5,2 8,6 16,6 12,8 12,2 14,2 21,5 9,5 Totale 19,1 42,9 61, 74,5 14,1 23, 18,3 19,1 22,4 28,6 12,5 Cessazioni Tempo indeterminato 8, 1,9 15,5 19,7 4,6 4,5 4,7 5,9 5,1 5,3 1,8 Tempo determinato 7,6 18,7 31,2 43, 6,7 9,3 14,7 12,4 9, 13,3 19,4 Totale 15,7 29,6 46,7 62,6 11,3 13,7 19,4 18,2 14, 18,6 3,1 Saldo Tempo indeterminato 1,8 6,7 7,1 4,7,9 1,9,8 1, 3,1 1,9-7,8 Tempo determinato 1,7 6,6 7,3 7,2 1,9 7,4-1,8 -,2 5,2 8,1-9,9 Totale 3,5 13,3 14,3 11,9 2,8 9,3-1,,8 8,3 1, -17,6 Tab Veneto. Lavoro intermittente. Assunzioni per caratteristiche anagrafiche dei lavoratori e settore (val. in migliaia) trim. 2 trim. 3 trim. 4 trim. 1 trim. 2 trim. 3 trim. Totale 19,1 42,9 61, 74,5 14,1 23, 18,3 19,1 22,4 28,6 12,5 Maschi 7,8 18,8 27, 34,4 6,6 1,6 8,6 8,7 1,5 13,1 5,9 Femmine 11,3 24,1 34, 4,1 7,6 12,4 9,8 1,4 11,9 15,6 6,7 Italiani 15,8 35,1 48, 57,8 1,9 17,8 14,2 15, 17,2 22,2 1,2 Stranieri 3,3 7,7 13, 16,7 3,3 5,2 4,2 4,1 5,2 6,4 2,3 Giovani (< 3 anni) 11,5 23,3 32,5 38,1 6,6 11,9 9,9 9,7 1,1 14,2 7, Adulti (3-54 anni) 6,2 15,6 23, 29,5 5,7 9, 6,9 7,8 9,7 11,9 4,4 Anziani (55 anni e più) 1,4 4, 5,5 6,9 1,8 2,1 1,5 1,5 2,5 2,5 1,1 Agricoltura-Industria 1,1 2,8 4,7 6,5 1,5 1,8 1,7 1,5 2, 2,,9 Servizi 18, 4,1 56,3 68, 12,6 21,2 16,6 17,5 2,3 26,7 11,6 di cui: - Comm. dettaglio 1,5 3,5 5,3 6,6 1,1 1,9 1,4 2,1 2, 2,5 1, - Servizi turistici 14,4 3,7 41,7 49, 8,9 15,9 12,1 12,2 14,4 19,9 8,2 - Ingrosso e logistica,6 1,9 3,2 4,3 1, 1,1 1,3 1, 1,5 1,2,7 8 Per un dettagliato approfondimento sulle dinamiche registrate si rimanda all analisi recentemente pubblicata nella collana Misure di Veneto Lavoro, n. 41, Monitoraggio legge 92/212. L impatto sul lavoro intermittente. La Bussola. embre /35

24 Quanto alle assunzioni effettuate nel terzo trimestre del 212, subordinate alla nuova regolamentazione entrata in vigore a partire dal 18 luglio, non si osservano, nell insieme, scostamenti di particolare rilievo rispetto ai tratti distintivi rilevati nei mesi precedenti (tab. 4.2). Esse interessano in misura leggermente superiore le donne, riguardano soprattutto gli italiani e, rispetto alle classi d età, in modo particolare i più giovani. Le assunzioni con contratto di lavoro intermittente nel 93% dei casi sono attribuibili alle imprese del comparto turistico-alberghiero. 7. Graf Veneto. Posizioni di lavoro intermittente. Variazioni rispetto al 3 giugno 28. Saldi mensili cumulati Graf Veneto. Posizioni di lavoro intermittente. Variazioni tendenziali a 12 mesi. Saldi mensili cumulati La Bussola. embre /35

25 Le posizioni lavorative attivate a partire dal 28 e ancora in essere al 3 settembre 212 risultano pari a quasi 48. unità. Dopo il valore massimo raggiunto alla fine del mese di giugno 212 (circa 65. contratti attivi tra quelli iniziati dopo il 1 gennaio 28), lo stock di rapporti di lavoro aperti è diminuito di circa un terzo, erodendo completamente la ancora significativa crescita registrata nei primi mesi del 212 (graf. 4.1 e, per le variazioni tendenziali, graf. 4.2). 5. IL LAVORO DOMESTICO Le assunzioni con contratto di lavoro domestico stipulate nel terzo trimestre 212 sono state 6.2 e in gran parte (5.4) hanno interessato lavoratori stranieri (tab. 5.1). Rispetto al medesimo trimestre dell anno precedente, il volume delle assunzioni è risultato mantenersi su livelli di assoluta stabilità. Si segnala che a fronte di una leggera contrazione delle assunzioni degli stranieri (-2%) si registra una crescita significativa degli italiani (+13%). Nell insieme, la tenuta delle assunzioni e la leggera contrazione delle cessazioni registrata soprattutto a carico della componente straniera (-15%) hanno determinato, per il terzo trimestre 212, un saldo occupazionale leggermente positivo (+2 unità) e la complessiva tenuta occupazionale di questo comparto. Tab. 5.1 Veneto. Lavoro domestico. Assunzioni, cessazioni e saldi per cittadinanza (val. in migliaia) trim. 2 trim. 3 trim. 4 trim. 1 trim. 2 trim. 3 trim. Assunzioni Italiani 2,4 3,2 3, 3,3,9,8,7,9 1,2,9,8 Stranieri 21, 41,3 23,3 24,6 6,5 6,1 5,5 6,5 7,1 6,4 5,4 Totale 23,5 44,5 26,3 27,9 7,4 6,9 6,2 7,4 8,4 7,3 6,2 Cessazioni Italiani 2,1 1,2 1,8 2,5,4,6,7,8,6,7,7 Stranieri 12,7 13,8 2,5 22,7 5, 5,7 6,2 5,8 6, 5,8 5,3 Totale 14,8 15,1 22,3 25,2 5,4 6,2 6,9 6,6 6,6 6,4 6, Saldo Italiani,3 2, 1,2,9,5,2,,1,6,3,1 Stranieri 8,3 27,4 2,8 1,9 1,5,5 -,7,7 1,1,6,1 Totale 8,6 29,4 4, 2,7 2,,7 -,7,8 1,7,9,2 La crescita, rispetto al giugno 28, dello stock di posizioni attive di lavoro domestico risulta particolarmente intensa (+42.), trainata dalle ricadute della regolarizzazione del settembre 29 di cui sono evidenti gli effetti (retroattivi) ad aprile del medesimo anno. Dopo l esaurimento degli effetti della regolarizzazione, il trend di crescita delle posizioni lavorative nel lavoro domestico è proseguito fino ai primi mesi del 211. E, dopo una battuta d arresto nei mesi centrali del 211, risulta essere di nuovo ripreso all inizio del 212 e continua a protrarsi anche nella seconda metà dell anno (graf. 5.1 e graf. 5.2) Secondo i dati Inps, i lavoratori domestici regolari in Veneto sono arrivati nel 29 a superare le 76. unità: erano 54. nel 28. Nel 21 - ultimo dato disponibile - risultavano scesi a 7.5, di cui 6. stranieri. I dati Inps segnalano dunque un calo degli occupati regolari nel settore già nel 21 mentre i dati Silv segnalano ancora un espansione. Occorre tener presente che per il lavoro domestico la divergenza tra posizioni di lavoro e occupati può essere significativa e spiegare (almeno parzialmente) le divergenze nei trend delle due fonti. Oltre a ciò può aver rilievo la mancata comunicazione della cessazione dei rapporti di lavoro domestico nei dati Silv (di provenienza Inps), evenienza tuttora non rara. La Bussola. embre /35

26 45. Graf Veneto. Posizioni di lavoro domestico. Variazioni rispetto al 3 giugno 28. Saldi mensili cumulati Graf Veneto. Posizioni di lavoro domestico. Variazioni tendenziali a 12 mesi. Saldi mensili cumulati La Bussola. embre /35

27 6. IL LAVORO PARASUBORDINATO Nel terzo trimestre 212 la domanda di lavoro parasubordinato ha evidenziato, su base tendenziale, una rilevante contrazione (19%) che si va ad aggiungere a quella già registrata per il trimestre precedente (- 1%) (tab. 6.1). Tale contrazione può essere ricondotta agli effetti della nuova (e più restrittiva) regolazione introdotta con la l. 92/212 per diverse tipologie contrattuali riconducibili all ambito del lavoro parasubordinato. Gli effetti sono particolarmente evidenti nel calo delle nuove attivazioni contrattuali (dal 18 luglio soggette alla nuova normativa) soprattutto per le collaborazioni a progetto (passate dalle 9.8 del terzo trimestre 211 alle 7.5 del 212; - 23%) e i (già pochi) rapporti di associazione in partecipazione (- 17%). Non si registra, per contro, un incremento delle cessazioni che nel complesso rimangono stabili rispetto allo stesso periodo dell anno precedente, con l eccezione delle associazioni in partecipazione, dove le conclusioni contrattuali sono incrementate del 24%. Il lavoro parasubordinato, nel suo insieme, ha fatto registrare nel terzo trimestre 212 una contrazione occupazionale di circa 4. posizioni lavorative, quasi interamente attribuibile alle collaborazioni a progetto (-3.7) per riflesso della rilevante diminuzione delle attivazioni di nuovi contratti. Tab. 6.1 Veneto. Lavoro parasubordinato. Assunzioni, cessazioni e saldi per tipologia di rapporto (val. in migliaia) trim. 2 trim. 3 trim. 4 trim. 1 trim. 2 trim. 3 trim. Assunzioni Progetto / Co.co.co. 39,8 39,9 42,5 41,6 12, 9, 9,8 1,8 13,5 8,2 7,5 Mini co.co.co. 14,9 16,8 14, 8, 1,9 2,2 2,1 1,8 2, 1,5 1,9 Ass. in partecipazione 2,4 2,1 2,3 2,3,7,6,5,5,9,6,4 Altro,2 3,9 5,6 7,9 1,6 2, 2, 2,4 2, 2, 1,8 Totale 57,4 62,8 64,3 59,8 16,2 13,8 14,3 15,6 18,4 12,4 11,6 Cessazioni Progetto / Co.co.co. 42,1 41, 42, 42,5 6,2 1,9 11,4 13,9 6,6 11,6 11,3 Mini co.co.co. 14,6 16,8 14, 8, 1,4 2,2 2, 2,4 1,1 1,5 1,9 Ass. in partecipazione 1,8 1,9 1,9 2,2,5,5,4,8,6,5,6 Altro,2 3,6 5,3 7,7 1,4 1,9 1,9 2,5 1,8 1,9 1,9 Totale 58,7 63,4 63,2 6,3 9,5 15,5 15,7 19,6 1,2 15,5 15,6 Saldo Progetto / Co.co.co. -2,3-1,1,5 -,9 5,8-2, -1,6-3,1 6,9-3,4-3,7 Mini co.co.co.,3,,,,5,,1 -,6,8,, Ass. in partecipazione,6,2,4,1,2,2, -,2,3,1 -,2 Altro,,3,3,3,1,1,1 -,1,2,1 -,1 Totale -1,4 -,5 1,1 -,5 6,6-1,7-1,4-4, 8,2-3,1-4, Osservando nel dettaglio le caratteristiche dei rapporti di collaborazione a progetto attivati nel terzo trimestre del 212 (tab. 6.2) si riscontra che la contrazione ha interessato pressoché tutti i lavoratori e tutti i comparti lavorativi. Diminuzioni leggermente al di sopra della media si registrano per i lavoratori più giovani (under 3) e nel settore industriale (-3%). Il comparto dei servizi, e in particolar modo il settore dei servizi alla persona, continua a rappresentare il principale ambito di utilizzo di questa tipologia contrattuale. La Bussola. embre /35

LAVORO 1/6. POSIZIONI DI LAVORO DIPENDENTE V.a. III trim. '11* (migliaia) Var. % '10/'11*

LAVORO 1/6. POSIZIONI DI LAVORO DIPENDENTE V.a. III trim. '11* (migliaia) Var. % '10/'11* LA SITUAZIONE DELL ECONOMIA DEL VENETO LAVORO 1/6 POSIZIONI DI LAVORO DIPENDENTE V.a. III trim. '11* (migliaia) Assunzioni 521,2 6,9% 6,5% -20,6% Cessazioni 478,6 8,7% 0,4% -13,6% ASSUNZIONI DI LAVORO

Dettagli

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012)

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) report marzo 2013 IX congresso regionale Veneto Dal lavoro rinasce il futuro Dolo (Venezia) 4-5 aprile 2013 - 2 - Il quadro

Dettagli

Osservatorio & Ricerca

Osservatorio & Ricerca IL MERCATO DEL LAVORO VENETO NEL PRIMO TRIMESTRE 2015 Maggio 2015... Maggio 2015 IL PUNTO SULLA CONGIUNTURA ECONOMICA E DEL MERCATO DEL LAVORO pag. 6 1. IL LAVORO DIPENDENTE pag. 9 2. ALTRE TIPOLOGIE DI

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 1 trimestre 2014 a cura del NETWORK SECO Maggio 2014 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA

OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA NUMERO 14 DATI 2009 E PRIMO TRIMESTRE 2010 Modena, 22 Giugno 2010 1 LA DOMANDA DI LAVORO: GLI ADDETTI ALLE UNITA LOCALI DELL INDUSTRIA E SERVIZI

Dettagli

Il mercato del lavoro in provincia di Padova

Il mercato del lavoro in provincia di Padova Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova Il mercato del lavoro in provincia di Padova Anno 2011 e I semestre 2012 1 ottobre 2012 A cura di Anna Basalisco 1 Fonti proprie - Cubi OLAP

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 2013 a cura del NETWORK SECO marzo 2014 Il Network SeCO è costituito da:

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 2014 a cura del NETWORK SECO Febbraio 2015 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

I frequentati dintorni del lavoro dipendente

I frequentati dintorni del lavoro dipendente I frequentati dintorni del lavoro dipendente di Letizia Bertazzon Che cosa si intende per dintorni del lavoro dipendente? Definizione per esclusione 1) Quello che non è lavoro dipendente o rappresenta

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 2 trimestre 2015 a cura del NETWORK SECO Settembre 2015 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 1 trimestre 2015 a cura del NETWORK SECO Giugno 2015 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Venezia, 10 novembre 2008 COMUNICATO STAMPA Indagine congiunturale di Unioncamere del Veneto sulle imprese manifatturiere III trimestre 2008 L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Trimestre negativo

Dettagli

BOLLETTINO TRIMESTRALE SUI DATI DELL OCCUPAZIONE IN PROVINCIA DI TREVISO

BOLLETTINO TRIMESTRALE SUI DATI DELL OCCUPAZIONE IN PROVINCIA DI TREVISO Giugno 2015 Sintesi +4,2% ordinativi estero +1,7% produzione (1 trim. 2015) +4,6% le esportazioni (2014 su 2013) 30.860 nuove assunzioni di tipo dipendente nel 1 trim 2015; 26.420 nel 1 trim. 2014; 3.190

Dettagli

LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO 2015

LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO 2015 VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO MISURE/62 Luglio Introduzione Nel il mercato

Dettagli

OSSERVATORIO ECONOMICO AGROALIMENTARE

OSSERVATORIO ECONOMICO AGROALIMENTARE OSSERVATORIO ECONOMICO AGROALIMENTARE GLI OCCUPATI NEL SETTORE AGRICOLO VENETO NEL 2014 Report 2014 1 INDICE: 1. La fotografia della situazione secondo l indagine sulle Forze lavoro dell Istat 2. Un analisi

Dettagli

BOLLETTINO DEL LAVORO N.3/2013 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini

BOLLETTINO DEL LAVORO N.3/2013 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini BOLLETTINO DEL LAVORO N.3/2013 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini Il Centro studi Politiche del lavoro e società locale della

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Flash Industria 4.2011

Flash Industria 4.2011 15 febbraio 2011 Flash Industria 4.2011 Nel quarto trimestre 2011, sulla base dell'indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato una flessione del -1,4 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 Udine, 20 novembre 2015 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

Saldi delle posizioni lavorative dal 30 giugno 2008 per genere e cittadinanza

Saldi delle posizioni lavorative dal 30 giugno 2008 per genere e cittadinanza LA GRANDE CRISI RACCONTATA DAI NUMERI di Maurizio Gambuzza Saldi delle posizioni lavorative dal 3 giugno 28 per genere e cittadinanza 5-5 -1-15 -2-25 Uomini italiani Donne italiane Uomini stranieri Donne

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Giugno 21 In breve Il quadro del mercato del lavoro lombardo rimane nel complesso debole, sebbene con qualche segnale di miglioramento.

Dettagli

BOLLETTINO TRIMESTRALE SUI DATI DELL OCCUPAZIONE IN PROVINCIA DI TREVISO

BOLLETTINO TRIMESTRALE SUI DATI DELL OCCUPAZIONE IN PROVINCIA DI TREVISO Febbraio 2015 Sintesi +0,6% produzione;+1,6% fatturato (3 tr14) +3,8% le esportazioni (primi 9 mesi 2014 su 13) 27.040 nuove assunzioni di tipo dipend. nel 3 trim 20-14; 26.405 nel 3 tr.2013 +2,4% assunzioni

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Giugno 213 In breve Nel I trimestre 213 permangono le criticità del mercato del lavoro lombardo. Il quadro ancora negativo dell economia

Dettagli

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia Settore Sviluppo e Lavoro - Servizi alla Persona e all'impresa Servizi per l Impiego della Provincia di Pavia Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia 2 trimestre 2015 Premessa Il report sul mercato

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO 26 marzo. 2013 MONITORAGGIO DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO (legge n. 92/2012) Prime evidenze empiriche sulle forme contrattuali 1. INTRODUZIONE Il Ministero del Lavoro ha affidato all Isfol il compito

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013 Alcuni indicatori economici Focus sull artigianato nella provincia di Vicenza Dati a supporto della mobilitazione nazionale Rete Imprese

Dettagli

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro Provincia di LECCO POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro IL LAVORO RIPARTE? Marzo 2014 Il rapporto di ricerca

Dettagli

Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana

Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana Consuntivo 1 semestre e luglio-agosto Ufficio Studi Novembre Indice 1. Considerazioni generali....3 2. Il fatturato di vendita della Grande

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 Trieste, 19 febbraio 2016 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

Movimprese III trimestre 2015. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana

Movimprese III trimestre 2015. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Movimprese III trimestre 2015 Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Firenze, Novembre 2015 Indice CAPITOLO 1: IL QUADRO GENERALE CAPITOLO 2: TIPOLOGIE

Dettagli

Flash Industria 3.2011

Flash Industria 3.2011 08 novembre 2011 Flash Industria 3.2011 Nel terzo trimestre 2011, sulla base dell'indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato una crescita del +2,0 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

IL LAVORO DELLE DONNE IN TEMPO DI CRISI NELLA REGIONE VENETO

IL LAVORO DELLE DONNE IN TEMPO DI CRISI NELLA REGIONE VENETO IL LAVORO DELLE DONNE IN TEMPO DI CRISI NELLA REGIONE VENETO IL LAVORO DELLE DONNE IN TEMPO DI CRISI NELLA REGIONE VENETO a cura di Veneto Lavoro giugno 2012 2 SOMMARIO INTRODUZIONE...5 PARTE PRIMA L

Dettagli

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna Venerdì 9 Ottobre 2015 Si intravede qualche segnale di ripresa, ma i principali indicatori economici rimangono

Dettagli

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali 4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali di Maurizio Gambuzza e Maurizio Rasera * La conclusione del 2011 ha portato con sé molte delusioni. La sua prima metà aveva fatto sperare

Dettagli

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI 1 trimestre 201 Allegato Statistico Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica Maggio 201 1. Gli indicatori congiunturali Nel primo trimestre 201 le imprese

Dettagli

CONSUMI&PREZZI. Congiuntura Confcommercio. Ufficio Studi aprile 2010, numero 4

CONSUMI&PREZZI. Congiuntura Confcommercio. Ufficio Studi aprile 2010, numero 4 CONSUMI&PREZZI Conntura Confcommercio 4 Ufficio Studi ile 2010, numero 4 CONSUMI&PREZZI Conntura Confcommercio Ufficio Studi ile 2010, numero 4 L Inatore dei Consumi Confcommercio (ICC) segnala a braio

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

BOLLETTINO DEL LAVORO N.2/2015 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini

BOLLETTINO DEL LAVORO N.2/2015 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini BOLLETTINO DEL LAVORO N.2/2015 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini Il Centro studi Politiche del lavoro e società locale della

Dettagli

economico congiunturale

economico congiunturale indicatori Economica Numero 6 novembre-dicembre 55 Osservatorio economico congiunturale indicatori ll punto sull economia della provincia di 56 Economica Numero 6 novembre-dicembre I RISULTATI DI BILANCIO

Dettagli

CONTRATTI COLLETTIVI E RETRIBUZIONI CONTRATTUALI

CONTRATTI COLLETTIVI E RETRIBUZIONI CONTRATTUALI 29 aprile 2013 Marzo 2013 CONTRATTI COLLETTIVI E RETRIBUZIONI CONTRATTUALI Alla fine di marzo 2013 i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore per la parte economica corrispondono al 59,2% degli

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca. I CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO. AGGIORNAMENTO AL 30 settembre 2015

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca. I CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO. AGGIORNAMENTO AL 30 settembre 2015 VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO. AGGIORNAMENTO AL 30 settembre MISURE/64 1 Ottobre Introduzione Nel la regolazione del mercato del lavoro è stata oggetto

Dettagli

Nota introduttiva. 1 Veneto Lavoro, Unità di crisi aziendali, settoriali e territoriali. 1

Nota introduttiva. 1 Veneto Lavoro, Unità di crisi aziendali, settoriali e territoriali. 1 Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga e APPROFONDIMENTO del consuntivato decretato della Cigd. 30 aprile 2013 1 Nota introduttiva Alla data del 30 aprile 2013,

Dettagli

Benevento. Settembre 2013. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Benevento. Settembre 2013. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche Benevento Settembre 213 Principali indicatori Società, lavoro e ricchezza indicatori Indicatori strutturali La provincia nella regione Economia e competitività Indicatori strutturali Valore aggiunto e

Dettagli

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 7 Maggio 2015 La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Tab. 1 - Domande cigd per provincia, sede legale aziendale, tipologia di impresa, num. massimo lavoratori coinvolti e fabbisogno. Valori assoluti.

Tab. 1 - Domande cigd per provincia, sede legale aziendale, tipologia di impresa, num. massimo lavoratori coinvolti e fabbisogno. Valori assoluti. Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga e APPROFONDIMENTO del consuntivato decretato della Cigd. 30 giugno 2013 1 Nota introduttiva Alla data del 30 giugno 2013,

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo. Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 2009

Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo. Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 2009 Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 009 Gli indicatori strutturali Nel I semestre 009 la crisi colpisce soprattutto l occupazione maschile Tasso

Dettagli

3. LA DINAMICA TRIMESTRALE DELLE IMPRESE ATTIVE

3. LA DINAMICA TRIMESTRALE DELLE IMPRESE ATTIVE 3. LA DINAMICA TRIMESTRALE DELLE IMPRESE ATTIVE L analisi in chiave congiunturale della demografia delle imprese deve essere presa con cautela: le decisioni relative all avvio o alla cessazione di un attività

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Settembre 213 In breve Il recente rafforzamento del ciclo internazionale ha portato qualche primo debole segnale di inversione di tendenza

Dettagli

I SERVIZI MANTENGONO IL TREND DI CRESCITA :+0,6% NEGATIVO L ANDAMENTO DELLE VENDITE AL DETTAGLIO:-1%

I SERVIZI MANTENGONO IL TREND DI CRESCITA :+0,6% NEGATIVO L ANDAMENTO DELLE VENDITE AL DETTAGLIO:-1% Venezia, 26 dicembre 2008 COMUNICATO STAMPA Indagine congiunturale Unioncamere del Veneto sulle imprese del commercio e dei servizi III trimestre 2008 I SERVIZI MANTENGONO IL TREND DI CRESCITA :+0,6% NEGATIVO

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Il settore metalmeccanico in provincia di Padova Al 30 giugno 2011

Il settore metalmeccanico in provincia di Padova Al 30 giugno 2011 Il settore metalmeccanico in provincia di Padova Al 30 giugno 2011 Collana Rapporti N. 631 INDICE 3 - Presentazione e sintesi 4 Parte 1^ Insediamenti produttivi a pag. 1.1- Totale provincia di Padova

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

Applicazioni contrattuali

Applicazioni contrattuali 28 agosto Luglio CONTRATTI COLLETTIVI E RETRIBUZIONI CONTRATTUALI Alla fine di luglio i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore per la parte economica riguardano il 6% degli occupati dipendenti

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015.

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. Questa mattina, nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il direttore, Massimo

Dettagli

STATO DI FATTO E DINAMICHE

STATO DI FATTO E DINAMICHE STATO DI FATTO E DINAMICHE Veneto e Treviso. Unità locali del totale economia DINAMICA RECENTE DEL TOTALE ECONOMIA ( numero indice 2012=100 ) VARIAZIONE PER MACROSETTORE 2012 2014 TREVISO 100,5 100 99,5

Dettagli

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Risultati dell Indagine Excelsior realizzata dal sistema camerale sulla domanda di lavoro delle imprese per l anno 2010 Servizio Documentazione

Dettagli

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE Campania 2 2015 Tra aprile e giugno 2015, le imprese italiane prevedono di stipulare 282.000 nuovi contratti di lavoro,

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA Presentazione dei dati del 4 Studio sullo stato dell occupazione nella provincia di Messina a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA 1 Nell ormai consueto

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO PICCOLE

Dettagli

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil La congiuntura italiana N. 6 LUGLIO 2015 Secondo i dati congiunturali più recenti la lieve ripresa dell attività economica nel primo trimestre sta proseguendo. Tuttavia le indicazioni degli indicatori

Dettagli

L economia della Liguria

L economia della Liguria L economia della Liguria Genova, 15 novembre 2011 Il contesto: la situazione 2010 VARIAZIONI ANNUALI DEL PIL (valori percentuali) VARIAZIONI ANNUALI DEGLI OCCUPATI (valori percentuali) 4 1 2 1,7 1,3 0,5

Dettagli

Gennaio 2014. Osservatorio Fertilizzanti

Gennaio 2014. Osservatorio Fertilizzanti Gennaio 2014 Osservatorio Fertilizzanti Frisio D. G., Casati D., Ferrazzi G. Osservatorio Economico Colture Vegetali - Dipartimento di Economia Management e Metodi Quantitativi - Università degli Studi

Dettagli

L economia trevigiana

L economia trevigiana 24 ottobre 2014 L economia trevigiana nella prima metà del 2014 LO SCENARIO MACROECONOMICO I TEMI MACROECONOMICI DI FONDO Tensioni geopolitiche e svalutazioni in alcune economie emergenti hanno determinato

Dettagli

L EDILIZIA IN VENETO

L EDILIZIA IN VENETO Dal declino al nuovo ciclo delle 3R: Ristrutturazioni Riqualificazioni Rigenerazioni Luca Romano Direttore Local Area Network Villa Braida Mogliano Veneto 16 maggio 2014 IL PATRIMONIO EDILIZIO E LA CRESCITA

Dettagli

Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Sett Ott Nov Dic Tot. Tabella 1. Andamento richiesta energia elettrica negli anni 2013, 2014 e 2015

Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Sett Ott Nov Dic Tot. Tabella 1. Andamento richiesta energia elettrica negli anni 2013, 2014 e 2015 Marzo, 2016 Quadro energetico 1 La situazione dell energia elettrica in Italia nel 2015 in rapporto al 2014 presenta alcuni elementi caratteristici opposti rispetto al confronto tra 2014 e 2013: il timido

Dettagli

Contratti collettivi, retribuzioni contrattuali e conflitti di lavoro Giugno 2009

Contratti collettivi, retribuzioni contrattuali e conflitti di lavoro Giugno 2009 TP PT Per 0 Luglio 20 collettivi, retribuzioni contrattuali e conflitti di lavoro Giugno 20 Alla fine di giugno 20 i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore relativamente alla sola parte economica,

Dettagli

Articoli Selezionati ... 1 ... 2

Articoli Selezionati ... 1 ... 2 Articoli Selezionati VENETO 14/11/15 Gazzettino 4 Veneto, l'industria cresce ( +1,5%) ma rallenta. Boom micro imprese 14/11/15 Nuova Venezia 13 Veneto, l'industria cresce ma decelera nel terzo trimestre

Dettagli

L economia della Lombardia

L economia della Lombardia Presentazione Rapporto Cremona giugno 15 giugno 2015 2015 Sala Maffei - Camera di Commercio, Cremona 15 giugno 2015 La congiuntura la contabilità nazionale Le prime stime indicano (finalmente) segnali

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Aspetti epidemiologici nella regione del Veneto

Aspetti epidemiologici nella regione del Veneto Lavoratore Autonomo SANO SICURO INFORMATO Padova 23 novembre 2012 Aspetti epidemiologici nella regione del Veneto Roberto Agnesi Michela Veronese Lucia Calciano La crisi economica - PIL La crisi economica

Dettagli

Aggiornamento luglio 2009

Aggiornamento luglio 2009 - Ufficio Studi - Aggiornamento luglio 2009 Confartigianato Imprese Piemonte Via Andrea Doria, 15-10123 Torino - Tel. 011/8127500 011/8127416 Fax 011/8125775 www.confartigianato.piemonte.it e-mail: info@confartigianato.piemonte.it

Dettagli

Pierfrancesco Pacini. Pisa, 30 giugno g 2014

Pierfrancesco Pacini. Pisa, 30 giugno g 2014 Relazione sull andamento dell economiaeconomia pisana nel 2013 Pierfrancesco Pacini Pisa, 30 giugno g 2014 Economia internazionale Andamento del PIL nel 2013 (variazioni i i % a valori costanti) Fonte:

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

Le lancette dell economia bolognese. Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013

Le lancette dell economia bolognese. Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013 Le lancette dell economia bolognese Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013 Aggiornamento: 7 aprile 2014 Indice Le principali tendenze dell'economia italiana pag. 3 L'andamento economico locale

Dettagli

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 25 Ottobre 2006 Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 L Istat rende disponibili le serie storiche degli investimenti per branca proprietaria

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

LUNGO IL TUNNEL Economia e mercato del lavoro in provincia di Milano

LUNGO IL TUNNEL Economia e mercato del lavoro in provincia di Milano Settore Formazione e Lavoro LUNGO IL TUNNEL Economia e mercato del lavoro in provincia di Milano 24 giugno 2013 a cura dell Osservatorio Mercato del Lavoro 1 Ringraziamenti Ermes Cavicchini per la stesura

Dettagli

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL ARTIGIANATO E LA PICCOLA IMPRESA IN LIGURIA L Osservatorio Congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa in Liguria

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO a cura dell I.R.S. (Istituto per la Ricerca Sociale) di Milano per conto della Camera di Commercio I.A.A. e della Provincia di Bergamo (estratto

Dettagli

L'occupazione in FVG Dati al IV trimestre 2012

L'occupazione in FVG Dati al IV trimestre 2012 L'occupazione in FVG Dati al IV trimestre 2012 a regionale REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Assessore regionale alle finanze, patrimonio e programmazione, ambiente, energia e politiche per la montagna

Dettagli

Forze di lavoro in provincia di Treviso (in migliaia). Anni

Forze di lavoro in provincia di Treviso (in migliaia). Anni L ANDAMENTO OCCUPAZIONALE IN PROVINCIA DI TREVISO di Maurizio Rasera VICINI ALLA FINE? Forze di lavoro in provincia di Treviso (in migliaia). Anni 2007-2010 2007 2008 2009 2010 Var. ass. 2010-2007 Popolazione

Dettagli