Capitolo 7 Istruzioni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 7 Istruzioni"

Transcript

1 Capitolo 7 Istruzioni Il Capitolo 7 affronta tutti gli aspetti importanti della potenza elettrica. Lo studio del capitolo 7 può seguire immediatamente quello del capitolo 4 o come parte di un successivo studio sui sistemi elettrici o sulle macchine elettriche. Questo capitolo sarà di particolare importanza per gli studenti di Ingegneria Aerospaziale, Civile, Industriale e Meccanica, interessati all utilizzo della potenza elettrica. Il capitolo uno studio molto flessibile; le sezioni 7.1 e 7.2 descrivono le idee-base sulla potenza AC monofase. Gli undici esempi contenuti in queste due sezioni e i box Focus sulla metodologia: Calcolo della potenza complessa per singolo carico, Focus sulla metodologia: Calcolo della potenza complessa per rifasamento, Focus sulle misurazioni: Wattmero, Focus sulle misurazioni: Fattore di potenza aiuteranno gli studenti ad impadronirsi di questi concetti. Un corso generale può usare solo questo materiale introduttivo. Le due sezioni successive riguardano i trasformatori e la potenza trifase. Sei esempi illustrano in dettaglio queste idee. Due sezioni descrittive, 7.5 e 7.6, introducono i concetti di impianto residenziale, atterramento e sicurezza, generazione e distribuzione della potenza AC. Queste sezioni possono essere studiate indipendentemente dal trasformatore e dai sistemi trifase. I problemi presentano semplici applicazioni in aggiunta agli usuali esercizi al fine di rinforzare la comprensione dei concetti fondamentali. I problemi 7.19 e presentano una varietà di problemi sul rifasamento. Il problema 7.20 presenta le penalità di fatturazione possibili quando i carichi elettrici hanno un insufficiente fattore di potenza. Due problemi (7.40 e 7.41) discutono dei metodi di test per i trasformatori, mentre i problemi 7.42 e 7.58 descrivono applicazioni avanzate; questi problemi possono essere di aiuto per un secondo corso sui sistemi elettrici. Obiettivi di apprendimento 1. Comprendere il significato di potenza istantanea e media, della notazione della potenza AC e calcolo della potenza media per circuiti AC. Calcolare il fattore di potenza di un carico complesso. 2. Apprendere la notazione della potenza complessa, calcolare la potenza apparente, attiva e reattiva per carichi complessi. Disegnare il triangolo della potenza e dimensionare il condensatore necessario per rifasare un carico. 3. Analizzare un trasformatore ideale; calcolare corrente e tensioni al primario e al secondario, oltre al rapporto spire. Determinare impedenze e sorgenti di riporto per trasformatori ideali. Comprendere il massimo trasferimento di potenza. 4. apprendere la notazione della potenza AC trifase; calcolare correnti e tensioni di carico per carichi a stella e a triangolo equilibrati. 5. Comprendere i principi di base di impianti elettrici residenziali e della sicurezza elettrica. 7.1

2 Sezione 7.1: Potenza nei circuiti AC Problema 7.1 Soluione: Valore della resistenza, R= 30 Ω, e tensione sul ferro di saldatura,. La potenza dissipata nel ferro di saldatura La potenza dissipata è: Problema 7.2 Potenza nominale, P= 1000 W, e tensione sull elemento riscaldante. Resistenza dell elemento riscaldante. La potenza dissipata è: Problema 7.3 Valore della resistenza, R= 50 Ω del resistore. La potenza dissipata nel resistore se la sorgente di corrente connessa al resistore è : La potenza media (o reale) può essere come: 7.2

3 Usando la tecnica dei fasori La corrente istantanea può essere espressa come: La potenza media è: La tensione istantanea può essere espressa come: Quindi, la potenza istantanea può essere espressa come: Quindi la potenza media è: Problema 7.4 I valori della corrente Il valore efficace di ciascuna delle seguenti correnti : La corrente in valore efficace può essere come: 7.3

4 b. Usando la tecnica dei fasori d. Usando la tecnica dei fasori Problema 7.5 Valore efficace della corrente, 4 A, valore efficace della sorgente di tensione, 110 V, ritardo tra corrente e tensione, 60. Potenza dissipata dal circuito e fattore di potenza. La potenza media assorbita dal circuito è: Il fattore di potenza è: Problema 7.6 valore efficace della sorgente di tensione, 120 V, frequenza della sorgente, 60 Hz, potenza assorbita, 1.2 kw, e fattore di potenza, 0.8. a. Corrente in valore efficace. b. Angolo di fase. c. Impedenza. d. Resistenza. 7.4

5 a. La potenza è espresso come: Quindi la corrente in valore efficace è: b. Il fattore di potenza è: Quindi, l angolo θ è: L impedenza Z è: La resistenza R è: Problema 7.7 Valore efficace di tensione e corrente dell alimentazione, 110 V and 14 A, potenza richiesta, 1 kw, efficienza di macchina, 90% e fattore di potenza, 0.8. Efficienza della macchina AC. L efficienza è: Problema 7.8 Forma d onda della sorgente di tensione. a. La tensione DC che causerebbe lo stesso effetto di riscaldamento sulla resistenza. b. La corrente media fornita ad un resistore da 10-Ω connesso alla sorgente di tensione. c. La potenza media fornita ad un resistore di 1-Ω connesso alla sorgente di tensione. 7.5

6 7.6

7 Focus sulla Metodologia Calcolo della potenza complessa per un singolo carico 1. Calcola tensione e corrente di carico in forma di fasore in valore efficace, usando i metodi di analisi per i circuiti AC presentati ne Cap. e convertendo l ampiezza in valore efficace. 2. Calcola la potenza complessa e poni 3. Disegna il triangolo delle potenze, come mostrato in Figura Se Q è negativa, il carico è capacitivo; se Q è positive, il carico è induttivo. 5. Calcola la potenza apparente, S, in unità di VA. Focus sulla Metodologia Calcolo della potenza complessa per il rifasamento 1. Calcola tensione e corrente di carico in forma di fasore in valore efficace, usando i metodi di analisi per i circuiti AC presentati ne Cap. e convertendo l ampiezza in valore efficace. 2. Calcola la potenza complessa e poni 3. Disegna il triangolo delle potenze, come mostrato in Figura Calcola il fattore di potenza del carico, pf =cos( θ). 5. Se la potenza reattiva del carico originale è positive (carico induttivo), allora il fattore di potenza può essere riportato al valore unitario collegando in parallelo al carico un condensatore, tale che If the reactive power of the original load is positive (inductive load), then the power factor can be brought to unity by connecting a parallel capacitor across the load, such that, dove Q è la reattanza del carico induttivo. Problema 7.9 Valori della tensione e della corrente. Potenza media, potenza reattiva e potenza cmplessa. 7.7

8 Problema 7.10 Valori della tensione e della corrente o dell impedenza Il fattore di potenza e stabilire se è in anticipo o in ritardo Problema 7.11 Il fattore di potenza dei valori di tensione e corrente Tipologia del carico (induttivo o capacitivo). a. capacitivo 7.8

9 b. capacitivo c. Poiché, induttivo. d. Poiché la differenza di fase è zero, resistivo. Problema 7.12 Valori della resistenza, della capacità dell induttanza e della sorgente di tensione. Potenza attiva e reattiva fornite dalle seguenti sorgenti. Problema 7.13 Valori della resistenza, delle reattanze e della sorgenti di tensione. a. Corrente attiva e reattiva per ciascuna sorgente. b. La totale potenza attiva a. Dalla figura P7.13 Sostituendo i valori per le sorgenti di tensione: Risolvendo per I 1 e I 2 7.9

10 Quindi le correnti attive e reattive sono, per ciascuna sorgente: Problema 7.14 Valori dei resistori, del condensatore, della sorgente di tensione e della frequenza. a. Fattore di potenza della sorgente. b. La corrente IS. c. La potenza apparente assorbita dal carico. d. La potenza apparente fornita dalla sorgente. e. Fattore di potenza del carico. Problema 7.15 Valori dei resistori, dell induttore, della sorgente di tensione e della frequenza,. 7.10

11 a. La potenza apparente fornita dalla sorgente. b. La potenza apparente assorbita dal carico. c. Fattore di potenza del carico. Problema 7.16 Valori dei resistori, del condensatore dell induttore, della sorgente di tensione e della frequenza,. a. La potenza apparente assorbita dal carico. b. La potenza reale fornita dalla sorgente c. Fattore di potenza del carico. Problema 7.17 Valori della resistenza, del condensatore della sorgenti di tensione. Potenza apparente, attiva e reattiva; disegnare il diagramma delle potenze. 7.11

12 Per il triangolo delle potenze, Quindi il triangolo delle potenze può essere disegnato come: Problema 7.18 Valori della resistenza, del condensatore, della sorgenti di tensione. Potenza apparente, attiva e reattiva nel caso di f = 0Hz e f = 50 Hz. Per la frequenza di 0 Hz: Per la frequenza di 50 Hz: 7.12

13 Problema 7.19 Un motore monofase connesso ad una sorgente di 220V a 50 Hz, fattore di potenza pf = 1.0, I = 20 A, and I1 = 25 A. Condensatore richiesto per dare un fattore di potenza unitario quando connesso in parallelo al carico. L ampiezza della corrente è: La sorgente di tensione può essere espressa come: Quindi il condensatore richiesto è: Problema 7.20 Correnti e tensioni richieste da un condizionatore, un frigorifero, un refrigeratore e i rispettivi fattori di potenza. Potenza richiesta da un generatore d emergenza per alimentare tutte le utenze In questo problema useremo le seguenti equazioni: Potenza attiva e reattiva assorbite dal condizionatore: Potenza attiva e reattiva assorbite dal frigorifero: Potenza attiva e reattiva assorbite dal refrigeratore: Totale potenza attiva e reattiva: 7.13

14 Quindi deveno essere fornite le seguenti potenze: Problema 7.21 Schema dell alimentazione consistente di due stazioni di potenza monofase a 25 kv, l assorbimento in potenza del treno, l alimentazione in DC per il funzionamento a bassa velocità, il fattore di potenza medio nel funzionamento AC, la resistenza specifica equivalente della linea aerea e resistenza trascurabile della rotaia. a. Il circuito equivalente. b. La corrente della locomotive in condizioni di caduta di tensione del 10%: c. La potenza reattiva. d. La potenza attiva erogata, le perdite della linea aerea e la massima distanza tra due stazioni alimentate in condizioni di caduta di tensione del 10% quando il treno si trova a metà percorso. e. Perdite della linea aerea in condizioni di caduta di tensione del 10% quando il treno si trova a metà percorso, assumendo pf = 1 (Il TGV francese è progettato con il sistema di compensazione della potenza). f. LA massima distanza tra due stazioni alimentate in condizioni di caduta di tensione del 10% quando il treno si trova a metà percorso, assumendo il funzionamento DC (1.5 kv)ad un quarto della potenza. a. Il circuito equivalente è: b. La corrente del locomotore per una caduta di tensione del 10% è: c. La potenza reattiva è: d. La potenza reale fornita è: 7.14

15 Le perdite nella linea aerea sono: La massima distanza tra due stazioni è: e. Le perdite nella linea aerea sono: La massima distanza tra due stazioni è: Problema 7.22 Lampade da 140W alimentate da una sorgente di 120-V a 60-Hz, fattore di potenza 0.65, fatturazione della sanzione, prezzi medi della fornitura e condensatori Numero di giorni di funzionamento per il quale la sanzione copre il prezzo del condensatore per la correzione del fattore di potenza. Valore del condensatore per un pf = 0.85: 7.15

16 Quindi il numero di giorni di funzionamento per il quale la sanzione copre il prezzo del condensatore è: Problema 7.23 Riferito al problema 7.22 e corrente di rete decrescentre col rifasamento. a. Valore del condensatore per fattore di potenza unitario. b. Massimo numero di lampade che può essere installato in aggiunta senza cambiare il cablaggio di rete se si usa un condensatore locale di compensazione. b. Corrente iniziale del cavo: Corrente di una lampada per pf = 1: Totale numero di lampade Quindi il numero di lampade supplementari è 7.16

17 Problema 7.24 Tensioni e corrente fornite dalla sorgente: a. Potenza fornita dalla sorgente che è dissipata come calore o lavoro dal carico. b. Potenza immagazzianta nei componenti reattivi del carico. c. Determinare se il carico è induttivo o capacitivo. Il carico è induttivo. Problema 7.25 Tensione fornita dall impianto, impedenza dell impianto e potenza dell impianto. Determina il valore di C per il quale il fattore di potenza è unitario. Nota: ZG influenza solo la differenza di fase tra VS e V0 e non quella tra V0 e Z. Per questo motivo il risultato non dipende da ZG. Se IS e V0 sono in fase, hanno lo stesso angolo di fase. Perciò dev essere: 7.17

18 Problema 7.26 Tensione fornita dall impianto e impedenza dell impianto. Determina il valore di C per il quale il fattore di potenza è corretto a 1. Analysis: Nota: ZG influenza solo la differenza di fase tra VS e V0 e non quella tra V0 e Z. Per questo motivo il risultato non dipende da ZG. Se IS e V0 sono in fase, hanno lo stesso angolo di fase. Perciò dev essere: Problema 7.27 Tensione dell impianto e corrente che lo attraversa senza il condensatore in parallelo con l impianto,, valore del condensatore in parallelo. Riduzione della corrente risultante dalla connessione del condensatore. Ipotesi: L impedenza dell impianto è molto piccola. Senza condensatore: 7.18

19 Con condensatore, essendo, né la tensione né la corrente dell impianto cambiano: Problema 7.28 Tensione dell impianto condensatore in parallelo con l impianto, e corrente che lo attraversa senza il, valore del condensatore in parallelo. Riduzione della corrente risultante dalla connessione del condensatore. Ipotesi: L impedenza dell impianto è molto piccola. Senza condensatore: Con condensatore, essendo, né la tensione né la corrente dell impianto cambiano: Problema 7.29 Valori delle tensioni e delle impedenze. Totale potenza media, potenza rattiva dissipata e potenza reattiva immagazzinata in ciascuna delle impedenze. 7.19

20 Problema 7.30 Tensione e corrente fornite dalla sorgente, a. Potenza fornita dalla sorgente e dissipata come calore o lavoro dal carico. b. Potenza immagazzinata nei componenti reattivi del carico. c. Determinare se il circuito è un carico induttivo o capacitivo Il carico è capacitivo. 7.20

21 Sezione 7.3: Trasformatori Problema 7.31 Ciascun secondario connesso ad un carico resistive da 5 kw, il primario con tensione in valore efficace di 120V. a. Potenza del primario. b. Corrente del primario. Problema 7.32 Rapporto tra secondario e primario Problema 7.33 Circuito e vg = 120 V rms. a. Totale resistenza vista dalla sorgente di tensione. b. Corrente del primario. c. Potenza del primario. 7.21

22 Dal circuito a destra: Problema 7.34 Circuito e vg = 120 V rms. a. La corrente del secondario b. L efficienza di installazione c. Il valore della resistenza di carico che può assorbire la massima potenza dall assegnata sorgente. Dal circuito in figura: c. Per il massimo trasferimento di potenza 7.22

23 Problema 7.35 Tensione e potenza che deve fornire il trasformatore all utente:, a. La corrente che il trasformatore eroga all utente. b. La massima potenza che l utente può ricevere se il carico è puramente resistive. c. La massima potenza che l utente può ricevere se il fattore di potenza è 0.8, in ritardo. d. La massima potenza che l utente può ricevere se il fattore di potenza è 0.7, in ritardo. e. Il minimo fattore di potenza per funzionare se l utente richiede 300 kw. a. Da b. Per un trasformatore ideale: Per c. Per la massima potenza è d. Per la massima potenza è e. Per il minimo fattore di potenza è 7.23

24 Problema 7.36 La tensione, la resistenza in un circuito contenente un trasformatore e il rapporto a. Corrente del primario b. c. Potenza del secondario. d. Efficienza di installazione. a. Il circuito primario è descritto in figura: La corrente al primario è: b. la tensione di uscita è: c. Per la potenza del secondario, se d. L efficienza di installazione è: Problema

25 Resistenze Rapporto-spire che fornirà il Massimo trasferimento di potenza al carico. Risulta : S eq S R = N 2R Quindi la potenza è massimizzata se: Problema 7.38 Sorgente di tensione e resistenze nel circuito. a. Massima potenza dissipata dal carico. b. Massima potenza assorbita dalla sorgente. c. Efficienza di installazione. Tutte le impedenze sono resistenze e quindi è possibile considerare i moduli di tensioni e correnti. a. Per massimizzare la potenza fornita al resistore di 8-Ω, si deve scegliere n per massimizzare la corrente di carico. Nota che: LKT alla maglia 1 LKT alla maglia 2 Riarrangiando le due equazioni di maglia: 7.25

26 Per il valore massimo della corrente di carico La massima corrente di carico è: La massima potenza dissipata dal carico è: La massima potenza assorbita dalla sorgente è: L efficienza di installazione è: Problema 7.39 Corrente e tensione fornite dal trasformatore, circuito del trasformatore. Efficienza di installazione 7.26

27 Quindi l efficienza di installazione è: Problema 7.40 Modello per il circuito di un trasformatore e i risultati di due test realizzati a : 1. Test a circuito aperto: 2. Test in corto circuito: Valore delle impedenze nel circuito equivalente Il fattore di potenza durante il test a circuito aperto è: L ammettenza dell eccitazione è data: Il fattore di potenza durante il test in corto circuito è: 7.27

28 L impedenza serie è data da: Problema 7.41 Modello per il circuito di un trasformatore da 460 kva e risultati dei due testi realizzati a 1. Test a circuito aperto: 2. Test in corto circuito: Valore delle impedenze nel circuito equivalente Il fattore di potenza durante il test a circuito aperto è: L ammettenza dell eccitazione è data: Il fattore di potenza durante il test in corto circuito è: L impedenza ha parte immaginaria quasi nulla: 7.28

29 Problema 7.42 Circuito del trasformatore monofase con regolazione di alta tensione a 5 differenti porte nell avvolgimento primario, regolazione della tensione sul secondario nell intervallo del 10% e numero di spire dell avvolgimento secondario. Numero di spire per ciascuna porta Le tensioni del secondario sono: Quindi il numero di spire per ciascuna porta è: 7.29

30 Problema 7.43 Resistenza del tubo = Ω, Resistenza del secondario = Ω, corrente al primario = 28.8 A e pf = Find: a. Numero di plot b. Reattanza del secondario c. efficienza di installazione a. La corrente al secondario è: Quindi il numero di plot è: b. La reattanza al secondario è: c. Efficienza di installazione Problema 7.44 Trasformatore monofase 6 kv/230 V, con efficienza 0.95, pf = 0.8 e potenza apparente al primario di 30 KVA a. Corrente al secondario. b. Rapporto del trasformatore a. Corrente al secondario: b. Corrente al primario 7.30

31 Quindi il rapporto del trasformatore è: 7.31

32 Sezione 7.4: Potenza trifase Problema 7.45 Ampiezza della tensione di fase di un sistema trifase bilanciato, 220 V efficace. L espressione di ciascuna fase in entrambe le coordinate rettangolari e polari. Tensioni di fase in forma polare sono: in forma rettangolare invece: Tensioni di linea in forma polare e in forma rettangolare Problema 7.46 Correnti di fase: Corrente nel conduttore del neutro La corrente nel neutro è: Problema 7.47 Sorgenti di tensione: a. Le tensioni b. Le tensioni usando c. Confrontare i risultati in a. e b. 7.32

33 c. I due calcoli sono identici. Problema 7.48 Sorgenti di tensione: e tre carichi a. Corrente nel filo di neutro b. Potenza attiva. Problema 7.49 Sorgenti di tensione: e tre impedenze a. Corrente nel filo di neutro b. Potenza attiva. 7.33

34 a. Quindi la corrente nel neutro è: b. La potenza attiva è: Problema 7.50 Forno elettrico trifase con resistenza per fase di 10 Ω, connesso a 380 V in AC trifase. a. Corrente che scorre nei resistori nella connessione a stella e a triangolo. b. Potenza del forno nelle due connessioni. a. Connessione a stella: Connessione a triangolo b. Connessione a stella: Connessione a triangolo 7.34

35 Problema 7.51 Potenza apparenet di 50 kva e tensione fornita di 380 V per un generatore sincrono. Correnti di fase; potenze attive e potenze reattive se: a. pf = b. pf = 1. a. Per pf = 0.85 b. Per pf = 1 Problema 7.52 Sorgenti di tensione: e tre impedenze. La corrente attraverso Z1, usando: a. Analisi di maglia/anello. b. Analisi nodale. c. Sovrapposizione. a. Applicando la LKT alla maglia superiore: e la frequenza Applicando la LKT alla maglia inferiore: Per ciascuna equazione di maglia 7.35

36 Quindi la corrente attraverso Z 1 è: b. Scegli come terra il punto centrale delle tre sorgenti di tensione e sia a il centro dei tre carichi. La tensione tra il nodo a e la terra è incognita. Applicando la LKC al nodo a: Riarrangiando l equazione: Applicando la LKT la corrente attraverso Z 1 è: c. Sovrapposizione non è un opportuno metodo di scelta per la sua complessità. Problema 7.53 Sorgenti di tensione: e tre impedenze e la frequenza. 7.36

37 La corrente attraverso R: Per ciascuna impedenza: Applicando la LKT alla maglia superiore: Applicando la LKT alla maglia inferiore: Per ciascuna equazione di maglia Quindi la corrente attraverso R è: Problema 7.54 Sorgenti di tensione: e tre impedenze e la frequenza 7.37

38 Le correnti Applicando la LKT alla maglia superiore: Applicando la LKT alla maglia a destra: Applicando la LKT alla maglia inferiore: Problema 7.55 Sorgenti di tensione: e impedenze. Frequenza di ciascuna delle sorgenti. Le correnti Le tensioni di linea sono: Le tensioni di fase sono: Le correnti sono: 7.38

39 Problema 7.56 Sorgenti di tensione:. Frequenza di ciascuna delle sorgenti e impedenze. a. Potenza fornita al motore b. Fattore di potenza del motore c. Motivo per il quale è comune nella pratica industriale non connettere a terra i motori di questo tipo a. La potenza fornita al motore è: b. Fattore di potenza del motore: c. Il circuito è bilanciato e nessuna corrente scorre nel neutro; quindi la connessione non è necessaria. Problema 7.57 Un motore trifase a induzione progettato non solo per il funzionamento a stella in generale ma anche per un collegamento a triangolo a tensione stellata nominale per un breve periodo. Il rapporto tra le potenze. 7.39

40 La potenza per il funzionamento a stella è: La potenza per il funzionamento a triangolo è: Quindi il rapporto tra le potenze è: 7.40

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 15 a. Sistemi trifase

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 15 a. Sistemi trifase rincipi di ingegneria elettrica Lezione 15 a Sistemi trifase Teorema di Boucherot La potenza attiva assorbita da un bipolo è uguale alla somma aritmetica delle potenze attive assorbite dagli elementi che

Dettagli

Classe 35 A Anno Accademico 2005-06

Classe 35 A Anno Accademico 2005-06 Classe 35 A Anno Accademico 2005-06 1) In un bipolo C, in regime sinusoidale, la tensione ai suoi capi e la corrente che l attraversa sono: A) in fase; B) in opposizione di fase; C) il fasore della corrente

Dettagli

Paragrafo 7.2.3: Potenza trifase

Paragrafo 7.2.3: Potenza trifase Paragrafo 7.2.3: Potenza trifase Problema 7.1 Ampiezza della tensione di fase di un sistema trifase bilanciato, 220 V efficace. L espressione di ciascuna fase in entrambe le coordinate rettangolari e polari.

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi corrente alternata trifase ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE ALTERNATA TRIFASE A cura del Prof. M ZIMOTTI DEFINIZIONI 1 2 esercizi corrente alternata trifase STS: sistema trifase simmetrico

Dettagli

Potenza elettrica nei circuiti in regime sinusoidale

Potenza elettrica nei circuiti in regime sinusoidale Per gli Istituti Tecnici Industriali e Professionali Potenza elettrica nei circuiti in regime sinusoidale A cura del Prof. Chirizzi Marco www.elettrone.altervista.org 2010/2011 POTENZA ELETTRICA NEI CIRCUITI

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE DI TEEA

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE DI TEEA COMPT PE LE VCNZE ESTVE D TEE CLSSE 4P.S. 2014-15 Per tutta la classe: l rientro verranno controllati e valutati i quaderni, saranno considerati sufficienti i lavori con almeno 15 esercizi svolti. Per

Dettagli

Rifasare per un uso efficiente dell impianto utilizzatore

Rifasare per un uso efficiente dell impianto utilizzatore Antonello Greco Rifasare vuol dire ridurre lo sfasamento fra la tensione e la corrente introdotto da un carico induttivo (figura 1); significa aumentare il valore del fattore di potenza (cosϕ) del carico

Dettagli

Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte;

Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte; Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte; Obiettivi generali. Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Laboratorio di Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte;

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E

Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E Ing. ARMANDO FERRAIOLI Ing. BIAGIO AURIEMMA Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E Rifasare un impianto elettrico significa risparmiare

Dettagli

X = Z sinj Q = VI sinj

X = Z sinj Q = VI sinj bbiamo già parlato dei triangoli dell impedenza e delle potenze. Notiamo la similitudine dei due triangoli rettangoli. Perciò possiamo indifferentemente calcolare: (fattore di potenza) Il fattore di potenza

Dettagli

Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche

Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche Sezione 9.1: Macchine elettriche rotanti Problema 9.1 Relazione tra potenza nominale e temperatura ambiente mostrata in tabella. Un motore con funziona

Dettagli

Esercizio no.2 Un carico trifase, costituito da tre resistenza collegate a stella di valore ciascuna 4Ω viene alimentato da un sistema trifase

Esercizio no.2 Un carico trifase, costituito da tre resistenza collegate a stella di valore ciascuna 4Ω viene alimentato da un sistema trifase Sistemi trifase: Esercizio no.1 Un carico trifase, costituito da tre resistenza collegate a triangolo di valore ciascuna 8Ω è alimentato con tensioni concatenate di valore VL=220V. Trovare le correnti

Dettagli

Programmazione modulare

Programmazione modulare Programmazione modulare Indirizzo: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Disciplina: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Docenti: Erbaggio Maria Pia e Iannì Gaetano Classe: IV A e settimanali previste: 6 Prerequisiti

Dettagli

Introduzione alla. distribuzione di energia elettrica e ai. sistemi trifase. Gianluca Susi, PhD

Introduzione alla. distribuzione di energia elettrica e ai. sistemi trifase. Gianluca Susi, PhD Introduzione alla distribuzione di energia elettrica e ai sistemi trifase Gianluca Susi, PhD Richiami preliminari Alternatore: macchina elettrica rotante basata sul fenomeno dell'induzione elettromagnetica,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO T.E.E.A. CLASSE IV Opzione manutentore impianti elettrici e automazione

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO T.E.E.A. CLASSE IV Opzione manutentore impianti elettrici e automazione PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO T.E.E.A. (TECNOLOGIE ELETTRICO - ELETTRONICHE ) CLASSE IV Opzione manutentore impianti elettrici e automazione 1 Modulo 1 Circuiti e reti in corrente alternata 1.1 Risoluzioni

Dettagli

Istituto Tecnico dei Trasporti e Logistica Nautico San Giorgio Genova A/S 2012/2013 Programma Didattico Svolto Elettrotecnica ed Elettronica

Istituto Tecnico dei Trasporti e Logistica Nautico San Giorgio Genova A/S 2012/2013 Programma Didattico Svolto Elettrotecnica ed Elettronica Docenti: Coppola Filippo Sergio Sacco Giuseppe Istituto Tecnico dei Trasporti e Logistica Nautico San Giorgio Genova A/S 2012/2013 Programma Didattico Svolto Classe 3A2 Elettrotecnica ed Elettronica Modulo

Dettagli

Sistemi Trifase. invece è nel senso degli anticipi (+) il sistema è denominato simmetrico inverso.

Sistemi Trifase. invece è nel senso degli anticipi (+) il sistema è denominato simmetrico inverso. Sistemi Trifase Un insieme di m generatori che producono f.e.m. sinusoidali di eguale valore massimo e sfasate tra di loro dello stesso angolo (2π/m) è un sistema polifase simmetrico ad m fasi. Se lo sfasamento

Dettagli

MACCHINE SINCRONE: POTENZA COMPLESSA, COPPIA ED ANGOLO DI CARICO 1

MACCHINE SINCRONE: POTENZA COMPLESSA, COPPIA ED ANGOLO DI CARICO 1 Zeno Martini (admin) MACCHINE SINCRONE: POTENZA COMPLESSA, COPPIA ED ANGOLO DI CARICO 9 May 2014 Abstract La macchina sincrona è completamente reversibile e può funzionare sia come generatore che come

Dettagli

6.1 Macchine sincrone generalità

6.1 Macchine sincrone generalità Capitolo 6 (ultimo aggiornamento 31/05/04) 6.1 Macchine sincrone generalità La macchina sincrona è un particolare tipo di macchina elettrica rotante che ha velocità di rotazione strettamente correlata

Dettagli

Esercizi svolti di Elettrotecnica

Esercizi svolti di Elettrotecnica Marco Gilli Dipartimento di Elettronica Politecnico di Torino Esercizi svolti di Elettrotecnica Politecnico di Torino TOINO Maggio 2003 Indice Leggi di Kirchhoff 5 2 Legge di Ohm e partitori 5 3 esistenze

Dettagli

LEZIONE DI ELETTRONICA per la classe 5 TIM/TSE

LEZIONE DI ELETTRONICA per la classe 5 TIM/TSE LEZIONE DI ELETTRONICA per la classe 5 TIM/TSE MODULO : Analisi dei circuiti lineari in regime sinusoidale PREMESSA L analisi dei sistemi elettrici lineari, in regime sinusoidale, consente di determinare

Dettagli

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSI DI LAUREA MAGISTRALI DI INGEGNERIA ELETTROTECNICA ED ENERGETICA

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSI DI LAUREA MAGISTRALI DI INGEGNERIA ELETTROTECNICA ED ENERGETICA SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSI DI LAUREA MAGISTRALI DI INGEGNERIA ELETTROTECNICA ED ENERGETICA LIBRETTO DELLE LEZIONI DEL CORSO MACCHINE ELETTRICHE MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI Anno Accademico 2014-2015

Dettagli

Premessa. L angolo ϕ può essere rappresentato graficamente come appare nelle figure seguenti.

Premessa. L angolo ϕ può essere rappresentato graficamente come appare nelle figure seguenti. Premessa Il fattore di potenza, che viene indicato come coseno dell angolo ϕ, viene determinato dalle caratteristiche del carico che si comporta come un assorbitore di energia reattiva, in quadratura con

Dettagli

CALCOLO ELETTRICO DELLE LINEE ELETTRICHE

CALCOLO ELETTRICO DELLE LINEE ELETTRICHE CALCOLO ELETTRICO DELLE LINEE ELETTRICHE Appunti a cura dell Ing. Stefano Usai Tutore del corso di ELETTROTECNICA per meccanici e chimici A. A. 2001/ 2002 e 2002/2003 Calcolo elettrico delle linee elettriche

Dettagli

Corso di elettrotecnica Materiale didattico. Cenni sui sistemi trifase

Corso di elettrotecnica Materiale didattico. Cenni sui sistemi trifase Corso di elettrotecnica Materiale didattico. Cenni sui sistemi trifase A. Laudani 19 gennaio 2007 Le reti trifase sono reti elettriche in regime sinusoidale (tutte le variabili di rete hanno andamento

Dettagli

Capitolo 10 Macchine elettriche speciali

Capitolo 10 Macchine elettriche speciali Capitolo 10 Macchine elettriche speciali Sezione 10.1: Motori DC senza spazzole Problema 10.1 Macchina sincrona bifase a sei poli a magnete permanente. L ampiezza della tensione di fase a circuito aperto

Dettagli

Macchine elettriche. La macchina sincrona. Corso SSIS 2006-07. 07 prof. Riolo Salvatore

Macchine elettriche. La macchina sincrona. Corso SSIS 2006-07. 07 prof. Riolo Salvatore Macchine elettriche La macchina sincrona 07 prof. Struttura Essa comprende : a) albero meccanico collegato al motore primo b) circuito magnetico rotorico fissato all albero (poli induttori) i) c) avvolgimento

Dettagli

Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte;

Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Obiettivi generali. Laboratorio di Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Manuale di Elettrotecnica e Automazione, Hoepli;

Dettagli

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito I fenomeni energetici connessi al passaggio della corrente in un circuito, possono essere distinti

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica

Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica Il rifasamento degli impianti elettrici viene realizzato quando il fattore di potenza raggiunge un valore tale da introdurre svantaggi

Dettagli

Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte.

Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte. Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte. Obiettivi generali. L insegnamento di Elettrotecnica, formativo del profilo professionale e propedeutico, deve fornire agli allievi

Dettagli

ABB SACE. Sistemi di rifasamento per l efficienza energetica

ABB SACE. Sistemi di rifasamento per l efficienza energetica ABB SACE Sistemi di rifasamento per l efficienza energetica Tipi di carico Tre categorie di carichi Resistivi R Ohm Ω Induttivi L Henry H Capacitivi C Farad F Carichi industriali La maggior parte dei carichi

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

Le macchine elettriche

Le macchine elettriche Le macchine elettriche Cosa sono le macchine elettriche? Le macchine elettriche sono dispositivi atti a: convertire energia elettrica in energia meccanica; convertire energia meccanica in energia elettrica;

Dettagli

L avviamento dei motori asincroni

L avviamento dei motori asincroni L avviamento dei motori asincroni Un problema rilevante è quello dell avviamento dei motori. Nei motori asincroni infatti, durante l avviamento, circolano nel motore correnti notevoli sia perché la resistenza

Dettagli

S9 Informatica (Ingegneria Elettrica)

S9 Informatica (Ingegneria Elettrica) S9 Informatica (Ingegneria Elettrica) S 9.1 Il Web 2.0 rappresenta la moderna evoluzione di Internet rispetto al Web 1.0, caratterizzato dalla rappresentazione solo statica di testi e di immagini. Il Web

Dettagli

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI Capitolo3:Layout 1 17-10-2012 15:33 Pagina 73 CAPITOLO 3 GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI OBIETTIVI Conoscere le grandezze fisiche necessarie alla trattazione dei circuiti elettrici Comprendere la necessità

Dettagli

Calcolo del rifasamento

Calcolo del rifasamento Rifasamento Dato un sistema (mono/trifase) avente potenza attiva P, con un certo f.d.p. e alimentato con una tensione concatenata V, si può osservare che: fissata la potenza attiva P, la potenza apparente

Dettagli

MODELLIZZAZIONE DI UNA LINEA ELETTRICA

MODELLIZZAZIONE DI UNA LINEA ELETTRICA MODEIZZAZIONE DI UNA INEA EETTRICA Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 005/006 Facoltà d Ingegneria dell Università degli

Dettagli

Scheda di progettazione generale (UFC effettivamente svolte) UNITÀ DIDATTICHE 1. Elettromagnetismo 2. Le macchine elettromagnetiche

Scheda di progettazione generale (UFC effettivamente svolte) UNITÀ DIDATTICHE 1. Elettromagnetismo 2. Le macchine elettromagnetiche Elettrotecnica-Elettronica AREA DI RIFERIMENTO Professionale Docenti: INGROSSO Pasquale DANZA Salvatore Libro di testo adottato: Gaetano Conte, Corso di Elettrotecnica ed Elettronica per l articolazione

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO Elettrotecnica e Automazione (I.T.I.S.) MATERIA Elettrotecnica ANNO DI CORSO Quinto

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO Elettrotecnica e Automazione (I.T.I.S.) MATERIA Elettrotecnica ANNO DI CORSO Quinto INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Generalità sulle macchine elettriche. 2 Macchine elettriche statiche. 3 Macchine elettriche asincrone. 4 Macchine elettriche sincrone. 5 Macchine elettriche in corrente

Dettagli

Norme di rappresentazione grafica di reti e impianti elettrici. Classificazione dei materiali d interesse in relazione alle proprietà elettriche

Norme di rappresentazione grafica di reti e impianti elettrici. Classificazione dei materiali d interesse in relazione alle proprietà elettriche IPIA PLANA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SEDE PROGRAMMA DI TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI CLASSE 3A MANUTENTORI E ASSISTENZA TECNICA PROF S. SECCIA CONTENUTI Norme di rappresentazione grafica

Dettagli

Soluzione del prof. Paolo Guidi

Soluzione del prof. Paolo Guidi Soluzione del prof. Paolo Guidi Lo schema elettrico del sistema formato dalla dinamo e dal motore asincrono trifase viene proposto in Fig. 1; Il motore asincrono trifase preleva la tensione di alimentazione

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

Lezione 16. Motori elettrici: introduzione

Lezione 16. Motori elettrici: introduzione Lezione 16. Motori elettrici: introduzione 1 0. Premessa Un azionamento è un sistema che trasforma potenza elettrica in potenza meccanica in modo controllato. Esso è costituito, nella sua forma usuale,

Dettagli

Definizione di mutua induzione

Definizione di mutua induzione Mutua induzione Definizione di mutua induzione Una induttanza produce un campo magnetico proporzionale alla corrente che vi scorre. Se le linee di forza di questo campo magnetico intersecano una seconda

Dettagli

Zeno Martini (admin)

Zeno Martini (admin) Zeno Martini (admin) TRE CORTOCIRCUITI IN BASSA TENSIONE 18 October 2009 Generalità L'argomento è un classico degli impianti. Conoscere la corrente di cortocircuito è di fondamentale importanza per il

Dettagli

Generatore di forza elettromotrice f.e.m.

Generatore di forza elettromotrice f.e.m. Generatore di forza elettromotrice f.e.m. Un dispositivo che mantiene una differenza di potenziale tra una coppia di terminali batterie generatori elettrici celle solari termopile celle a combustibile

Dettagli

[simbolo della grandezza elettrica] SIMBOLO ELETTRICO E FOTO GRANDEZZA ELETTRICA NOME CATEGORIA UNITA DI MISURA

[simbolo della grandezza elettrica] SIMBOLO ELETTRICO E FOTO GRANDEZZA ELETTRICA NOME CATEGORIA UNITA DI MISURA NOME SIMBOLO ELETTRICO E FOTO CATEGORIA GRANDEZZA ELETTRICA [simbolo della grandezza elettrica] UNITA DI MISURA Accumulatore, batteria, pila E un in tempo; per specificare questa categoria si parla comunque

Dettagli

V= R*I. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro.

V= R*I. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro. PREMESSA: Anche intuitivamente dovrebbe a questo punto essere ormai chiaro

Dettagli

CAPITOLO 6 ANALISI IN REGIME PERMANENTE. ( ) = Aexp( t /τ) ( ) 6.1 Circuiti dinamici in regime permanente

CAPITOLO 6 ANALISI IN REGIME PERMANENTE. ( ) = Aexp( t /τ) ( ) 6.1 Circuiti dinamici in regime permanente CAPITOLO 6 ANALISI IN REGIME PERMANENTE 6.1 Circuiti dinamici in regime permanente I Capitoli 3 e 4 sono stati dedicati, ad eccezione del paragrafo sugli induttori accoppiati, esclusivamente all analisi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO T.E.E. CLASSE IV. (opzione: Manutentore meccanico)

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO T.E.E. CLASSE IV. (opzione: Manutentore meccanico) Materia: TECNOLOGIA ELETTRICO ELETTRONICA E APPLICAZIONI - 201/15 ( ore/settimana programmate su 30 settimane/anno, di cui 2 ore/settimana di compresenza) 120 ore/anno PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO T.E.E.

Dettagli

Impianti di rifasamento automatici in presenza di armoniche. Problemi e soluzioni. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 1

Impianti di rifasamento automatici in presenza di armoniche. Problemi e soluzioni. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 1 Impianti di rifasamento automatici in presenza di armoniche. Problemi e soluzioni. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 1 Cosa significa rifasare Per molti tipi di utilizzatori (motori, lampade

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

PROGRAMMA PRELIMINARE DI TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI

PROGRAMMA PRELIMINARE DI TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "G. VERONESE - G. MARCONI" SEZIONE ASSOCIATA G. MARCONI Via T. Serafin, 15-30014 CAVARZERE (VE) Tel. 0426/51151 - Fax 0426/310911 E-mail: ipsiamarconi@veronesemarconi.it

Dettagli

Azionamenti elettronici PWM

Azionamenti elettronici PWM Capitolo 5 Azionamenti elettronici PWM 5.1 Azionamenti elettronici di potenza I motori in corrente continua vengono tipicamente utilizzati per imporre al carico dei cicli di lavoro, nei quali può essere

Dettagli

Programmazione Individuale

Programmazione Individuale Programmazione Individuale A.S. 2015/2016 MATERIA: Tecnologie Elettriche, Elettroniche, Automazione ed Applicazioni DOCENTE: Cisci Giuseppe Serra Carmelo CLASSE: 3 Serale DATA:15/12/2015 SEDE CENTRALE:

Dettagli

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura Classe Nome I.T.I.S. Magistri Cumacini Cognome Data ESERCIZIO 1 Un conduttore di un circuito trifase di sezione 4 mm 2 è interessato da una corrente di corto circuito di valore efficace 10 ka per un tempo

Dettagli

GARA NAZIONALE OPERATORI ELETTRICI Prova teorica di Elettrotecnica ed Applicazioni

GARA NAZIONALE OPERATORI ELETTRICI Prova teorica di Elettrotecnica ed Applicazioni ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO PIER ANGELO FIOCCHI Via Belfiore n.4-23900 LECCO - Tel. 0341-363310 - Fax.0341-286545 Sito web: www.istitutofiocchi.it E-mail: segreteriafiocchi@genie.it

Dettagli

Introduzione alla. distribuzione di energia elettrica e ai. sistemi trifase. Gianluca Susi, PhD

Introduzione alla. distribuzione di energia elettrica e ai. sistemi trifase. Gianluca Susi, PhD Introduzione alla distribuzione di energia elettrica e ai sistemi trifase Gianluca Susi, PhD Richiami preliminari Alternatore: macchina elettrica rotante basata sul fenomeno dell'induzione elettromagnetica,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN - CATANIA

ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN - CATANIA ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN - CATANIA A. S. 2012-2013 ELETTROTECNICA, ELETTRONICA, AUTOMAZIONE CLASSE 3 Sez. C Prof. Fiorio Walter - Prof. Distefano Antonino LIVELLO DI PARTENZA: La classe

Dettagli

Università del Salento Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Industriale Appello di FISICA GENERALE 2 del 27/01/15

Università del Salento Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Industriale Appello di FISICA GENERALE 2 del 27/01/15 Università del Salento Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Industriale Appello di FISICA GENERALE 2 del 27/01/15 Esercizio 1 (9 punti): Una distribuzione di carica è costituita da un guscio sferico

Dettagli

Sistemi Elettrici. Debora Botturi ALTAIR. http://metropolis.sci.univr.it. Debora Botturi. Laboratorio di Sistemi e Segnali

Sistemi Elettrici. Debora Botturi ALTAIR. http://metropolis.sci.univr.it. Debora Botturi. Laboratorio di Sistemi e Segnali Sistemi Elettrici ALTAIR http://metropolis.sci.univr.it Argomenti Osservazioni generali Argomenti Argomenti Osservazioni generali Componenti di base: resistori, sorgenti elettriche, capacitori, induttori

Dettagli

Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore. Lucia FROSINI

Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore. Lucia FROSINI Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia E-mail: lucia@unipv.it 1 Avviamento del

Dettagli

Potenze nei sistemi trifase

Potenze nei sistemi trifase 58 L espressione generale della potenza istantanea per un sistema trifase a quattro fili è immediatamente deducibile da quella del quadripolo: p(t) = v 1 (t) i 1 (t) + v 2 (t) i 2 (t) + v 3 (t) i 3 (t)

Dettagli

Transitori del primo ordine

Transitori del primo ordine Università di Ferrara Corso di Elettrotecnica Transitori del primo ordine Si consideri il circuito in figura, composto da un generatore ideale di tensione, una resistenza ed una capacità. I tre bipoli

Dettagli

INDICE ARGOMENTI TRATTATI N 3-89 PARTE PRIMA ELETTROTECNICA 5 8

INDICE ARGOMENTI TRATTATI N 3-89 PARTE PRIMA ELETTROTECNICA 5 8 DA PAG. PAG. INDICE LEZIONE ARGOMENTI TRATTATI N 3-89 PARTE PRIMA ELETTROTECNICA 5 8 9 11 1 ELETTROSTATICA. Cariche elettriche, campo elettrico, capacità elettrica, condensatore, Farad e sottomultipli.

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Statale Cigna - Garelli - Baruffi Sede: IPSIA "F. Garelli" Via Bona n 4 12084 Mondovì (CN) tel.

Istituto d Istruzione Superiore Statale Cigna - Garelli - Baruffi Sede: IPSIA F. Garelli Via Bona n 4 12084 Mondovì (CN) tel. Istituto d Istruzione Superiore Statale Cigna - Garelli - Baruffi Sede: IPSIA "F. Garelli" Via Bona n 4 12084 Mondovì (CN) tel. 0174/42611 A. s. 2014 / 15 Corso: MANUTENZIONE ASSISTENZA TECNICA Materia:

Dettagli

PIANO DI LAVORO COMUNE

PIANO DI LAVORO COMUNE PIANO DI LAVORO COMUNE Anno Scolastico 2014 2015 Materia: Elettrotecnica ed Elettronica Classe: 4^ elettrotecnici Data di presentazione: 16-09-2014 DOCENTE FIRMA Cottini Marzio Maulini Stefano Pagina 1

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Capitolo 4 (ultimo aggiornamento 14/05/04) 4.1 Considerazioni sul trasporto della energia elettrica a distanza ed importanza del trasformatore

Capitolo 4 (ultimo aggiornamento 14/05/04) 4.1 Considerazioni sul trasporto della energia elettrica a distanza ed importanza del trasformatore Capitolo 4 (ultimo aggiornamento 14/05/04) 4.1 Considerazioni sul trasporto della energia elettrica a distanza ed importanza del trasformatore Il trasformatore è una macchina elettrica statica, il cui

Dettagli

Appunti tratti dal videocorso di Elettrotecnica 1 del prof. Graglia By ALeXio

Appunti tratti dal videocorso di Elettrotecnica 1 del prof. Graglia By ALeXio Appunti tratti dal videocorso di Elettrotecnica 1 del prof. Graglia By ALeXio Parte b Bipoli elettrici - potenza entrante Tensione e corrente su di un bipolo si possono misurare secondo la convenzione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO T.E.E. CLASSE IV. (opzione: Manutentore Termoidraulico)

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO T.E.E. CLASSE IV. (opzione: Manutentore Termoidraulico) Materia: TECNOLOGIA ELETTRICO ELETTRONICA E APPLICAZIONI - 201/15 ( ore/settimana programmate su 30 settimane/anno, di cui 2 ore/settimana di compresenza) 120 ore/anno PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO T.E.E.

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

Progetti di impianti elettrici

Progetti di impianti elettrici Impianti elettrici vol. 2 (codice J597) di Maurizio Giannoni e Paolo Guidi Progetti di impianti elettrici A completamento degli argomenti trattati nel primo e nel secondo volume di Impianti elettrici,

Dettagli

Sez 2a FUNZIONAMENTO. 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30. c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia

Sez 2a FUNZIONAMENTO. 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30. c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia Sez 2a FUNZIONAMENTO CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30 c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia Unità cinetica o PGM Funzionamento normale: l

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI IN CORRENTE ALTERNATA

MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI IN CORRENTE ALTERNATA RICHIAMI SUI SISTEMI TRIFASE E SUI TRASFORMATORI - Ripasso generale sui sistemi trifase. - Ripasso generale sulle misure di potenza nei sistemi trifase. - Ripasso generale sui trasformatori monofase e

Dettagli

Scheda tecnica n. 33E - Rifasamento di motori elettrici di tipo distribuito presso la localizzazione delle utenze.

Scheda tecnica n. 33E - Rifasamento di motori elettrici di tipo distribuito presso la localizzazione delle utenze. Scheda tecnica n. 33E - Rifasamento di motori elettrici di tipo distribuito presso la localizzazione delle utenze. 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria di intervento 1 : Vita

Dettagli

Tabella 1 dati di targa del trasformatore

Tabella 1 dati di targa del trasformatore Ingegnere sezione Industriale - I sessione 205 TEMA N. - Diploma di Ingegneria Elettrica Macchine Elettriche Un trasformatore trifase, le cui caratteristiche di targa sono indicate nella Tabella, alimenta

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Modulo SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Programmazione Moduli Didattici Indirizzo Trasporti e Logistica Ist. Tec. Aeronautico Statale Arturo Ferrarin Via Galermo, 172 95123 Catania (CT) Codice M PMD

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

CORSO DI SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ELETTRONICA A.S. 2014-2015 CLASSE III ELN

CORSO DI SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ELETTRONICA A.S. 2014-2015 CLASSE III ELN 1. ATOMO MODULI Modelli atomici; Bohr-Sommerfield; Teoria delle bande e classificazione dei materiali; 2. CORRENTE, TENSIONE, RESISTENZA Corrente elettrica; Tensione elettrica; Resistenza elettrica, resistori,

Dettagli

Generatore di Forza Elettromotrice

Generatore di Forza Elettromotrice CIRCUITI ELETTRICI Corrente Elettrica 1. La corrente elettrica è un flusso ordinato di carica elettrica. 2. L intensità di corrente elettrica (i) è definita come la quantità di carica che attraversa una

Dettagli

PROPRIETÀ DEI CIRCUITI DI RESISTORI

PROPRIETÀ DEI CIRCUITI DI RESISTORI CAPITOLO 5 PROPRIETÀ DEI CIRCUITI DI RESISTORI Nel presente Capitolo, verrà introdotto il concetto di equivalenza tra bipoli statici e verranno enunciati e dimostrati alcuni teoremi (proprietà) generali

Dettagli

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4 INTRODUZIONE L obiettivo principale del progetto è dimostrare come ridefinire le strategie di gestione dei quadri elettrici disponendo di un network telematico in grado di monitorare e storicizzare tutti

Dettagli

Produzione e distribuzione di en. Elettrica

Produzione e distribuzione di en. Elettrica (persona fisica) (persona giuridica) Produzione e distribuzione di en. Elettrica SCHEMA DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DELL IMPIANTO ALLE REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA collegamento a terra degli impianti elettrici

SICUREZZA ELETTRICA collegamento a terra degli impianti elettrici SICUREA ELERICA collegamento a terra degli impianti elettrici classificazione dei sistemi elettrici in basa al collegamento a terra sistemi, -C,-S,I corrente di impiego collegamenti equipotenziali guasto

Dettagli

MATERIA: TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE ED APPLICAZIONI

MATERIA: TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE ED APPLICAZIONI MATERIA: TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE ED APPLICAZIONI PROGRAMMA SVOLTO ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 INSEGNANTE: MARCO LAGASIO CLASSE: V A MANUTENTORI FINALITA DELLA DISCIPLINA: Il corso si è proposto

Dettagli

REATTANZE INDUTTIVE DI LINEA Filtri elettrici di potenza per l automazione industriale

REATTANZE INDUTTIVE DI LINEA Filtri elettrici di potenza per l automazione industriale INDUCTIVE COMPONENTS Tensione di rete Corrente di linea Tensione di rete Corrente di linea REATTANZE INDUTTIVE DI LINEA Filtri elettrici di potenza per l automazione industriale Reattanze induttive per

Dettagli

10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm

10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm Capitolo 10 Correnti elettriche 10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm Esercizio 10.1.1 Un centro di calcolo è dotato di un UPS (Uninterruptible Power Supply) costituito da un insieme di 20

Dettagli

ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica

ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica ELETTRODINAMICA + Correnti + Campi Magnetici + Induzione e Induttanza + Equazioni di Maxwell

Dettagli

A BCDEFBCD A AA F AA A A A A

A BCDEFBCD A AA F AA A A A A ABCDEFBCD AAAFAA AAAA AA A AABCDECFDACDDD BBECDCDBBCEC AADDD DCDCDDCDBAD CFCFAADCFACDCD DDCD CEADCEEDDDCDADCE DD CADDDCDDCCBDD DDCBDB DEEDCBECDDA ACBCCECFBD DDBDDCBCCDACA ACCDDDDDC CDDBDDDBABDDD AAECBFCDDFB

Dettagli

Variatori di potenza per carichi elettrici, max 30 KW pausa/impulso 24 V AC

Variatori di potenza per carichi elettrici, max 30 KW pausa/impulso 24 V AC 4 936 Variatori di potenza per carichi elettrici, max 30 KW pausa/impulso 24 V AC SEA412 Impiego I variatori di potenza statica si utilizzano per il controllo delle resistenze elettriche negli impianti

Dettagli

Macchina sincrona (alternatore)

Macchina sincrona (alternatore) Macchina sincrona (alternatore) Principio di funzionamento Le macchine sincrone si dividono in: macchina sincrona isotropa, se è realizzata la simmetria del flusso; macchina sincrona anisotropa, quanto

Dettagli

Corso di Elettrotecnica

Corso di Elettrotecnica Anno Accad. 2013/2014, II anno: Corso di Laurea in Ingegneria Elettrica Corso di Elettrotecnica (prof. G. Rubinacci) Diario delle Lezioni Materiale didattico di riferimento: Circuiti M. De Magistris e

Dettagli

Applicazioni dell amplificatore operazionale

Applicazioni dell amplificatore operazionale Capitolo 10 Applicazioni dell amplificatore operazionale Molte applicazioni dell amplificatore operazionale si basano su circuiti che sono derivati da quello dell amplificatore non invertente di fig. 9.5

Dettagli

CAPITOLO 15 SERVIZIO ELETTRICO. Cap. 15 1

CAPITOLO 15 SERVIZIO ELETTRICO. Cap. 15 1 CAPITOLO 15 SERVIZIO ELETTRICO Cap. 15 1 IL PROBLEMA Fornire energia sotto forma di elettricità ad utenze disperse all interno del lay-out di impianto. Il servizio deve: erogare la potenza necessaria nel

Dettagli

Norma CEI 11-1 Campo di applicazione e definizioni

Norma CEI 11-1 Campo di applicazione e definizioni Norma CEI 11-1 Campo di applicazione e definizioni di Gianluigi Saveri 1. Campo di applicazione La nona edizione della Norma CEI 11-1, derivata dal documento di armonizzazione europeo HD 637, è entrata

Dettagli