Viene riportato qui di seguito il report del Convegno Nazionale del GIS Pediatrico tenutosi a Torino il 23 Ottobre 2010.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Viene riportato qui di seguito il report del Convegno Nazionale del GIS Pediatrico tenutosi a Torino il 23 Ottobre 2010."

Transcript

1 Viene riportato qui di seguito il report del Convegno Nazionale del GIS Pediatrico tenutosi a Torino il 23 Ottobre Continuità.condivisione appunti dal congresso nazionale Gis pediatrico Il 23 ottobre presso il Presidio Sanitario San Camillo di Torino si è svolto il 14 Convegno Nazionale del GIS Fisioterapia Pediatrica Continuità ospedale-territorio, territorio-ospedale in riabilitazione pediatrica: condivisione di esperienze. Continuità e condivisione sono parole che esprimono davvero il senso di quel complesso processo olistico (terapeutico, educativo e sociale) che definisce la riabilitazione pediatrica, la quale non può che concretizzarsi attraverso interventi integrati e coordinati. Su questo argomento abbiamo chiamato a confrontarsi diversi colleghi che si occupano di riabilitazione pediatrica: fisioterapisti, terapisti della neuro e psicomotricità dell età evolutiva e logopedisti, nel pieno riconoscimento che solo nel confronto e nell incontro gli operatori possono essere in continuità e migliorare gli interventi offerti ai bambini nell intento di fare la cosa giusta al momento giusto. E stata una giornata ricca sia per la partecipazione che per i contenuti. I lavori sono stati aperti dalla la relazione della Dott.ssa Log. Balbo Mossetto che ha illustrato il progetto in corso di realizzazione all interno dell AReSS (Agenzia Regionale per i Servizi Sanitari) del Piemonte La rete dei servizi socio sanitari nell assistenza in età evolutiva: 1 / 5

2 patologie croniche e complesse e disabilità. Da un indagine effettuata in questo progetto si evidenzia che, il perno che garantisce la continuità assistenziale, è rappresentato dal terapista che eroga il trattamento diretto e che a fronte di un forte impegno degli operatori, ci sia un sistema organizzativo che non sostiene e coopera poco nel cercare soluzioni più efficienti ed efficaci.. Con l intervento della Dott.ssa Ft Marta Cazzani del Sottogruppo Neonatologia, si è entrati nel merito del bambino prematuro, come esempio di paziente che necessità di un attento passaggio tra l ospedale ed il territorio. Sono stati presentati i risultati di un questionario proposto alle Neonatologie Italiane, con l intento di capire come è organizzato il follow-up del bambino ricoverato in TIN nelle diverse realtà nazionali e analizzare le modalità di invio al territorio dei bambini a rischio neurologico con patologia conclamata. L obiettivo di avere un quadro il più possibile realistico è stato parzialmente raggiunto in quanto solo 18 TIN su 29 hanno inviato risposta. Le Dott.sse Tnpee Beccaria e Borro (appartenenti rispettivamente alla Neonatologia di Cuneo e di Torino) hanno illustrato come nelle loro realtà vengano individuate le cure in base ai bisogni e come avvenga il passaggio al territorio in caso di patologia. E stato presentato dalla Dott.ssa Ft Artese il libretto Il neonato ci parla, pensato per far conoscere la peculiarità del bambino prematuro ai genitori. Esso si è rivelato uno strumento utile per facilitare il passaggio tra un luogo super protetto come la TIN ed il rientro a casa. Grande attenzione ed emozione ha suscitato il racconto di un genitore dell associazione Tincontro di Varese, che ha portato la sua esperienza rispetto ai bisogni dei genitori passati dalla Terapia Intensiva Neonatale. Ha ribadito l importanza di pianificare gli interventi in ospedale ma soprattutto quelli post-dimissione, nel momento in cui davvero si diventa genitori. E stato veramente illuminante vedere il nostro lavoro attraverso gli occhi e la sensibilità dei genitori. La Dott.ssa Log Lanzara ha illustrato il primo sviluppo del linguaggio spiegando come incoraggiare, già da subito, una prima discriminazione dei fonemi, rinforzando contemporaneamente la relazione affettiva ed il contatto oculare attraverso stimoli con voce cantata (metodo Drezancic). 2 / 5

3 La Ft Francesca Gallino ha esposto uno studio, già pubblicato su Scienza Riabilitativa, che illustra un modello di transizione ospedale e territorio, svolto all ospedale Meyer di Firenze sottolineando l importanza per quanto riguarda le procedure della standardizzazione (effettuare l invio alla struttura e non alla persona e l importanza di una modulistica dedicata), della comunicazione (tra fisioterapisti, con altre figure professionali, con le famiglie) da sostenere con documentazione scritta e dell omogeneità tra i servizi intra ed extra regionali (tipo di prestazione erogata, accessibilità dei servizi, omogeneità di formazione tra i professionisti). Questo lavoro si è concretizzato in un progetto Continuità abilitativa-riabilitativa ospedale-territorio del bambino pretermine dell ASL 3 Genovese che, proprio in virtù dell omogeneità tra i servizi regionali, è diventato successivamente il Progetto Pollicino percorsi abilitativi-riabilitativi del nato pretermine e il sostegno alla genitorialità presentato dalla Dott.ssa Ft Isa Blanchi, che ha come finalità la creazione di un indirizzo regionale comune promosso dall ARS (Azienda Sanitaria Regionale) della Regione Liguria. E stato molto interessante e stimolante vedere come queste colleghe siano riuscite nella loro realtà lavorativa, a dar vita ad un progetto aziendale capace di allargarsi a livello regionale,sfruttando l alleanza con altre figure professionali Nel pomeriggio gli allievi del Master in Fisioterapia Pediatrica dell Università degli Studi di Firenze hanno presentato un lavoro dal titolo Dal setting riabilitativo al contesto domiciliare: educazione terapeutica e supporto all aderenza, in cui hanno illustrato il concetto di educazione terapeutica e di supporto all aderenza al progetto/programma riabilitativo, sottolineando come quest ultima sia direttamente proporzionale al livello di fattibilità e di utilità percepita da parte dei genitori e quindi vada molto sostenuta. Nella restante parte del pomeriggio la Dott.ssa Colombo ha condotto l attività di gruppo Tutti insieme nella buona e nella cattiva pratica. Ha introdotto il lavoro con la metafora del treno. dove i vagoni sono i vari servizi e lo spazio di transizione è il passaggio tra questi. E uno spazio neutro, terra di nessuno, dove termina un percorso e ne inizia un altro. In questo tratto così difficile del cammino (dove tra le tante emozioni c è anche la paura) è importante dare il giusto sostegno alla famiglia e al suo bambino per evitare la discontinuità: faticose discese e risalite su vagoni diversi, che spesso non vanno nella stessa direzione. Per metterci in gioco ed alimentare la discussione sono stati presentati dei filmati autoprodotti, che mostravano modalità diverse di curare il passaggio ospedale-territorio da parte di noi fisioterapiste. Nella discussione sono emerse le difficoltà e le reazioni comuni quando ci si trova da soli a pre-occuparci di questo passaggio: imbarazzo e impotenza, buon senso e rispetto delle regole, ma anche il senso di responsabilità che sentiamo di avere nella gestione di questo passaggio, spesso non governato da alcuna procedura aziendale (come avviene per gli adulti), che ci porta a escogitare le migliori pratiche possibili. Sono emersi punti di vista, esperienze e modalità 3 / 5

4 operative differenti da zona a zona, anche nella stessa regione. Di fronte a questo quadro così disomogeneo la Dott.ssa Colombo ha cercato di riportare sempre l attenzione su noi operatori: un Servizio contiene elementi strutturali, organizzativi, operativi e relazionali. Le dimensioni operative e relazionali sono responsabilità di noi operatori. Abbiamo la possibilità ed anche la responsabilità di inviare chiari messaggi al livello strutturale e organizzativo. Curare è anche un fatto politico. Questo spazio è stato molto apprezzato da tutti partecipanti: ha offerto spunti di riflessione, ha aumentato la consapevolezza che la gestione dei percorsi di continuità sia responsabilità di tutti gli operatori. e che solo una partecipazione attiva ed integrata di tutti può garantire un sostegno di qualità ai nostri piccoli pazienti e alle loro famiglie. Ha sollecitato anche la nostra voglia di fare : possiamo studiare e, perché no, proporre alle nostre aziende procedure per il passaggio dall'ospedale al territorio a partire proprio dall'esperienza di soggetti operativi sul campo! Ed anche lo sforzo nell organizzare questo evento è stato sostenuto dalla consapevolezza che solo grazie alla condivisione, allo scambio e alla disponibilità dei colleghi (a relazionare e a partecipare numerosi ed attenti) sarebbe stato possibile realizzare tutto questo! Grazie a tutti ed anche a coloro che questo evento l hanno reso possibile: L Ortopedia Cris Srl di Torino, Progettiamo Autonomia di Reggio Emilia, l Ortopedia Novarese (Varese) ed Otto Bock Italia, tutti tecnici ortopedici che si occupano di ausili per bambini e che lavorano con le fisioterapiste del Piemonte. Concludiamo il nostro report con due pensieri i che ci ha lasciato al dott.ssa Colombo al termine del suo intervento : 4 / 5

5 ..."non credo a niente che sia facile, rapido, spontaneo, improvvisato, approssimativo. Credo alla forza di ciò che è lento, calmo, ostinato, senza fanatismi nè entusiasmi. Non credo a nessuna liberazione individuale nè collettiva che si ottenga senza il costo di un'autodisciplina, di un'autocostruzione, di uno sforzo. " Italo Calvino "...Curare è anche una politica. Può essere fatto con un rigore di cui la dolcezza è il rivestimento essenziale. Una attenzione squisita alla vita che si sveglia e si sorveglia. Una precisione costante. una sorta di eleganza negli atti, una potenza e una leggerezza, una presenza e una sorta di percezione molto attenta che osserva i minimi segni. E' una sorta di opera, di poema ( mai scritto ) che la sollecitudine intelligente compone..." Paul Valery Gabriella Carpanese Enza Pestarino Antonella Prosperi 5 / 5

CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI

CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI Franco Testore SOC Oncologia Ospedale Cardinal Massaia ASTI Rete Oncologica Piemonte e Valle d Aosta Un modello innovativo di assistenza sanitaria Il modello organizzativo La Rete tra specialisti diversi

Dettagli

QUESTIONARIO SODDISFAZIONE FAMIGLIA. Nome del bambino: Sesso: F M

QUESTIONARIO SODDISFAZIONE FAMIGLIA. Nome del bambino: Sesso: F M QUESTIONARIO SODDISFAZIONE FAMIGLIA Ministero della Salute - Centro Nazionale per la Prevenzione delle Malattie (CCM) Progetti applicativi al programma CCM 2009 Presa in carico precoce nel primo anno di

Dettagli

18 Marzo 2013 ad oggi. UP Riabilitazione Funzionale. Ottobre 2012 ad oggi. Associazione Noi per Voi per il Meyer Onlus, Firenze

18 Marzo 2013 ad oggi. UP Riabilitazione Funzionale. Ottobre 2012 ad oggi. Associazione Noi per Voi per il Meyer Onlus, Firenze C U R R I C U L U M V I T A E Cristina Taddei Dr.ssa in Fisioterapia Specialista Area Pediatrica INFORMAZIONI PERSONALI Nome Taddei Cristina Nazionalità italiana ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Nome

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI TIROCINIO FORMATIVO. Nome: Masi Eleonora. nazionalità: italiana. data di nascita: 31.05.1988

INFORMAZIONI PERSONALI TIROCINIO FORMATIVO. Nome: Masi Eleonora. nazionalità: italiana. data di nascita: 31.05.1988 C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T I V O E P R O F E S S I O N A L E INFORMAZIONI PERSONALI Nome: Masi Eleonora nazionalità: italiana data di nascita: 31.05.1988 TIROCINIO FORMATIVO Da giugno 2013:

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

Come sopravvivere in tempi di crisi insieme ai nostri pazienti?

Come sopravvivere in tempi di crisi insieme ai nostri pazienti? Franco Testore SOC Oncologia Ospedale Cardinal Massaia ASTI Come sopravvivere in tempi di crisi insieme ai nostri pazienti? Non dimenticare mai il contratto di alleanza che stipuliamo con i pazienti Considerare

Dettagli

Linee Guida Cure Domiciliari AIL

Linee Guida Cure Domiciliari AIL Linee Guida Cure Domiciliari AIL In data 21 Novembre 2008, l AIL ha realizzato il Convegno nazionale Cure Domiciliari in Ematologia: una sfida del terzo millennio,a Roma presso la sala Spazio Novecento

Dettagli

Fondazione Ariel. 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili

Fondazione Ariel. 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili Fondazione Ariel 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili La Paralisi Cerebrale Infantile Una malatti a non prevenibile In Italia, un bambino su 500 nuovi nati è affetto da

Dettagli

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment.

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. A. Genovese, M. Bassetti, S. Scaramuzza Centro per i Disturbi del Comportamento

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

PER DIVENTARE COACH PROFESSIONISTA PER INTEGRARE IL COACHING NELLA TUA PROFESSIONE PER MIGLIORARE O CAMBIARE QUALCOSA NELLA TUA VITA MEDICOACHING

PER DIVENTARE COACH PROFESSIONISTA PER INTEGRARE IL COACHING NELLA TUA PROFESSIONE PER MIGLIORARE O CAMBIARE QUALCOSA NELLA TUA VITA MEDICOACHING PER DIVENTARE COACH PROFESSIONISTA PER INTEGRARE IL COACHING NELLA TUA PROFESSIONE PER MIGLIORARE O CAMBIARE QUALCOSA NELLA TUA VITA MEDICOACHING Il COACHING E Il coaching è un metodo di formazione personale,

Dettagli

ACCADEMIA TAONUOVAVITA www.medicoaching.it

ACCADEMIA TAONUOVAVITA www.medicoaching.it PER DIVENTARE COACH PROFESSIONISTA PER INTEGRARE IL COACHING NELLA TUA PROFESSIONE PER MIGLIORAMENTI, CAMBIAMENTI, NELLA TUA VITA E NELLA TUA PROFESSIONE PER OTTENERE IL MEGLIO DA TE E DAGLI ALTRI ACCADEMIA

Dettagli

L Ambulatorio Riabilitativo Minori Dipartimento Disabili di Fondazione Sospiro:

L Ambulatorio Riabilitativo Minori Dipartimento Disabili di Fondazione Sospiro: L Ambulatorio Riabilitativo Minori Dipartimento Disabili di Fondazione Sospiro: Marilena Zacchini Referente Servizio Psicoeducativo Ambulatorio Riabilitativo Minori Dipartimento Disabili Fondazione Sospiro

Dettagli

Corso nazionale per terapisti della riabilitazione in acqua e metodo I.Po.P.

Corso nazionale per terapisti della riabilitazione in acqua e metodo I.Po.P. Corso nazionale per terapisti della riabilitazione in acqua e metodo I.Po.P. Data di pubblicazione del bando: 26 giugno 2015 Articolo 1: Attivazione del corso l Istituto per la Ricerca, la Formazione e

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

Azienda Ospedaliera Universitaria Meyer Viale Pieraccini, 24 - Firenze. Diploma di tirocinio Ospedaliero per diplomate Econome Dietiste

Azienda Ospedaliera Universitaria Meyer Viale Pieraccini, 24 - Firenze. Diploma di tirocinio Ospedaliero per diplomate Econome Dietiste C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome FINA FIORELLA BELLI Indirizzo Telefono 055 5662555 E-mail f.belli@meyer.it Nazionalità Italiana Data di nascita 01.08.1955 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

CURRICULUM DR.ssa RENATA NACINOVICH

CURRICULUM DR.ssa RENATA NACINOVICH CURRICULUM DR.ssa RENATA NACINOVICH Nata a La Spezia il 7/2/1958 Maturità classica nel 1976 con 60/60 Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1982 con 110/110 discutendo una tesi su: Aspetti psicologici della

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Docenti: Dott. Michele Coluccini m.coluccini@inpe.pisa.it

Docenti: Dott. Michele Coluccini m.coluccini@inpe.pisa.it 1 Corso Teorico Pratico: Il Laboratorio di Biomeccanica Posturale KISS- Health: Le nuove tecnologie per analizzare il movimento del corpo nella pratica clinica 20-21 Marzo 2015 Ex Convento dei Cappuccini,

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

NATI PER LEGGERE L INSERIMENTO DI NATI PER LEGGERE IN CONSULTORIO AI COSI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA E NEL SOSTEGNO POST PARTO

NATI PER LEGGERE L INSERIMENTO DI NATI PER LEGGERE IN CONSULTORIO AI COSI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA E NEL SOSTEGNO POST PARTO NATI PER LEGGERE L INSERIMENTO DI NATI PER LEGGERE IN CONSULTORIO AI COSI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA E NEL SOSTEGNO POST PARTO Dott. ssa M.C.CEFFA D..M. I. ASL NOVARA Novara 04/12/2012 GENITORI PIU

Dettagli

Struttura Semplice Dipartimentale di Neuropsichiatria Infantile 4

Struttura Semplice Dipartimentale di Neuropsichiatria Infantile 4 PROGETTO/EVENTO FORMATIVO AZIENDALE LE NUOVE FRONTIERE DEL TRATTAMENTO LOGOPEDICO IN ETÀ EVOLUTIVA: DALL APPROCCIO PREVERBALE ALLO SVILUPPO DELLE PRASSIE ORALI E VERBALI 1. INDICARE LA TIPOLOGIA DI CORSO

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

Riorganizzazione della rete per le malattie rare della Regione Lazio

Riorganizzazione della rete per le malattie rare della Regione Lazio Riorganizzazione della rete per le malattie rare della Regione Lazio Ultima revisione giugno 2011 1 Indice Premessa Gruppi omogenei di Malattie Rare Caratteristiche della rete Istituto per le MR (IMR e

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Seconda Università degli Studi di Napoli

scaricato da www.sunhope.it Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Seconda Università degli Studi di Napoli Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Seconda Università degli Studi di Napoli Attività di Interazioni con le Professioni Sanitarie a.a. 2008-2009 LAUREA IN.. SAPERE SAPER FARE SAPER ESSERE SAPER DIVENIRE

Dettagli

FILE. Esperienza nella Formazione. Fondazione FILE - Firenze

FILE. Esperienza nella Formazione. Fondazione FILE - Firenze XIX Congresso Nazionale SICP Torino 9 12 Ottobre 2012 Focus on: Fisioterapia in Cure Palliative: quali esperienze e quale formazione specifica? Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

Dettagli

Corso Introduttivo sul Modello DIR 24 e 25 maggio 2014 Roma, Italia

Corso Introduttivo sul Modello DIR 24 e 25 maggio 2014 Roma, Italia Corso Introduttivo sul Modello DIR 24 e 25 maggio 2014 Roma, Italia Descrizione del Corso: Questo corso fornirà una panoramica degli interventi possibili con il modello DIR. Il modello DIR/Floortime crea

Dettagli

Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse

Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse Giovanni Corsello, Maria Piccione Dipartimento di Promozione della Salute e Materno-Infantile

Dettagli

Franca Savia Coordinatore Infermieristico SOC Oncologia ASL VCO Torino 2 Aprile 2014

Franca Savia Coordinatore Infermieristico SOC Oncologia ASL VCO Torino 2 Aprile 2014 Franca Savia Coordinatore Infermieristico SOC Oncologia ASL VCO Torino 2 Aprile 2014 Il cancro uno tzunami Percorsi assistenziali che coinvolgono tutto il processo di accompagnamento al paziente e alla

Dettagli

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE VI Incontro Formativo LA VISIONE OLISTICA DELLA CURA: IL MALATO LA LESIONE CUTANEA CRONICA IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE Coordinatore Infermieristico Cure Domiciliari ASL

Dettagli

LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE Massimo Fabi (Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma) Innanzitutto grazie agli organizzatori di questo convegno: è davvero molto utile confrontare

Dettagli

Progetto di educazione Psicomotoria per la Scuola dell Infanzia

Progetto di educazione Psicomotoria per la Scuola dell Infanzia Progetto di educazione Psicomotoria per la Scuola dell Infanzia 1 Società Cooperativa Sociale OLINDA o.n.l.u.s. 1 Progetto di educazione Psicomotoria per la Scuola dell Infanzia 1. Premessa 2. Linee di

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Promozione della salute delle madri immigrate e dei loro bambini nella provincia di Novara.

Promozione della salute delle madri immigrate e dei loro bambini nella provincia di Novara. Convegno Regione Piemonte Le buone pratiche sanitarie e la gestione del territorio Relazione presentata a Torino il 29.9.2007 Promozione della salute delle madri immigrate e dei loro bambini nella provincia

Dettagli

OGGETTO: breve relazione di presentazione dello Studio di Psicologia Checchetto-Conte-Rosestolato, (denominato in seguito STUDIO PSYRAM )

OGGETTO: breve relazione di presentazione dello Studio di Psicologia Checchetto-Conte-Rosestolato, (denominato in seguito STUDIO PSYRAM ) OGGETTO: breve relazione di presentazione dello Studio di Psicologia Checchetto-Conte-Rosestolato, (denominato in seguito STUDIO PSYRAM ) PRESENTAZIONE DELLO STUDIO PSYRAM Lo Studio di Psicologia PSYRAM

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

La Facoltà di Medicina dell Università di Torino e la Città della Salute e della Scienza

La Facoltà di Medicina dell Università di Torino e la Città della Salute e della Scienza La Facoltà di Medicina dell Università di Torino e la Città della Salute e della Scienza Ezio Ghigo Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Torino Ruolo dell Università in Medicina Missione

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio

La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio Domenico Di Lallo Roma, 18 dicembre 2012 Indice della presentazione

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

Ministero della Salute. Piano di indirizzo per la Riabilitazione

Ministero della Salute. Piano di indirizzo per la Riabilitazione Ministero della Salute Piano di indirizzo per la Riabilitazione La riabilitazione è disciplina medica - scientificamente certa - socialmente congrua - economicamente sostenibile I numeri della riabilitazione

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI FASIE è una associazione senza scopo di lucro che persegue lo scopo di garantire ai propri assistiti trattamenti sanitari integrativi del Servizio Sanitario Nazionale. Inoltre,

Dettagli

Titolo del progetto (2) L organizzazione degli interventi di una equipe multidisciplinare nel follow-up del neonato pretermine.

Titolo del progetto (2) L organizzazione degli interventi di una equipe multidisciplinare nel follow-up del neonato pretermine. Lazio Ospedale Pediatrico Bambino Gesù (Roma) (1) Educazione e Formazione delle neo mamme di neonati nati prematuramente e trasferiti presso OPBG per complicanze nel periodo neonatale con insorgenza di

Dettagli

In data 24 settembre 1976 ha conseguito il Diploma di Educatore Specializzato, presso la Scuola per Educatori Specializzati di Torino

In data 24 settembre 1976 ha conseguito il Diploma di Educatore Specializzato, presso la Scuola per Educatori Specializzati di Torino Dott. Luisa Ferrara Residente a Oleggio (No) Nata a Brescia il 22 giugno 1953 ISTRUZIONE E FORMAZIONE In data 24 settembre 1976 ha conseguito il Diploma di Educatore Specializzato, presso la Scuola per

Dettagli

CONSIDERAZIONI IN FISIOTERAPIA PEDIATRICA

CONSIDERAZIONI IN FISIOTERAPIA PEDIATRICA ALLEGATO 1J PROGRAMMA: EVENTO RESIDENZIALE TITOLO EVENTO: APPRENDIMENTO MOTORIO E NUOVE TECNOLOGIE : CONSIDERAZIONI IN FISIOTERAPIA PEDIATRICA Tipologia formativa: CONVEGNO ID evento: M29 Sede: Auditorium

Dettagli

PER DIVENTARE COACH PROFESSIONISTA PER INTEGRARE IL COACHING NELLA TUA PROFESSIONE PER MIGLIORARE O CAMBIARE QUALCOSA NELLA TUA VITA

PER DIVENTARE COACH PROFESSIONISTA PER INTEGRARE IL COACHING NELLA TUA PROFESSIONE PER MIGLIORARE O CAMBIARE QUALCOSA NELLA TUA VITA PER DIVENTARE COACH PROFESSIONISTA PER INTEGRARE IL COACHING NELLA TUA PROFESSIONE PER MIGLIORARE O CAMBIARE QUALCOSA NELLA TUA VITA MEDICOACHING Il COACHING E Il coaching è un metodo di formazione personale,

Dettagli

SINTESI RISULTATI QUESTIONARI GENITORI. Valutazione corso counselling sulle vaccinazioni Dott.ssa Stefania Porchia Marzo 2011

SINTESI RISULTATI QUESTIONARI GENITORI. Valutazione corso counselling sulle vaccinazioni Dott.ssa Stefania Porchia Marzo 2011 SINTESI RISULTATI QUESTIONARI GENITORI Valutazione corso counselling sulle vaccinazioni Dott.ssa Stefania Porchia Marzo 2011 OBIETTIVI RILEVAZIONE SODDISFAZIONE GENITORI ULSS 3 Identificare il grado di

Dettagli

IL GIOCO IN OSPEDALE. Il poeta e la fantasia, Il contrario del gioco non è ciò che è serio, bensì ciò che è reale. Sigmund Freud,

IL GIOCO IN OSPEDALE. Il poeta e la fantasia, Il contrario del gioco non è ciò che è serio, bensì ciò che è reale. Sigmund Freud, IL GIOCO IN OSPEDALE Nell'uomo autentico si nasconde un bambino: che vuole giocare. Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1885 Il contrario del gioco non è ciò che è serio, bensì ciò che è reale.

Dettagli

Diploma di Vigilatrice di Infanzia. Infermiera Pediatrica Professionale ospedale Pediatrico Bambin Gesù Roma-1996. Diploma di Infermiere Professionale

Diploma di Vigilatrice di Infanzia. Infermiera Pediatrica Professionale ospedale Pediatrico Bambin Gesù Roma-1996. Diploma di Infermiere Professionale F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Plaja Francesca Indirizzo Telefono Cellulare 339.52.97.173 E-mail Nemo997@vodafone.it fplaja@scamilloforlanini.rm.it

Dettagli

Report soddisfazione dell utenza nei servizi educativi per la prima infanzia

Report soddisfazione dell utenza nei servizi educativi per la prima infanzia Report soddisfazione dell utenza nei servizi educativi per la prima infanzia Processo: Monitoraggio della soddisfazione dell utenza nei servizi educativi per la prima infanzia P 5.2 Pagina 1 di 8 Questionari

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 Azienda ULSS 22 Reg. Veneto Distretto Sociosanitario n.5 Villafranca di Verona ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AD INTENSITA ELEVATA RIVOLTA A PAZIENTI CON VENTILAZIONE MECCANICA:

Dettagli

Curriculum Formativo e Professionale

Curriculum Formativo e Professionale Dati personali MARINI Emanuela Nata a Monza Il 24/07/1979 Professione: Fisioterapista Curriculum Formativo e Professionale Residente in via Cavour, 96 12075 Garessio (CN) Tel. 017482032 3382293778 minu_marini@hotmail.com

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Maria Caccetta. Autismo: 5 strategie pratiche, per lavorare bene in classe. Guida Gratuita

Maria Caccetta. Autismo: 5 strategie pratiche, per lavorare bene in classe. Guida Gratuita Maria Caccetta Autismo: 5 strategie pratiche, per lavorare bene in classe Guida Gratuita Mi presento Ciao mi chiamo Maria Caccetta, sono una psicologapsicoterapeuta con formazione cognitivo-comportamentale.

Dettagli

La cura del dolore nell'anziano fragile: protocollo operativo multicentrico SIGOT di un programma di cure palliative integrato ospedale-territorio

La cura del dolore nell'anziano fragile: protocollo operativo multicentrico SIGOT di un programma di cure palliative integrato ospedale-territorio La cura del dolore nell'anziano fragile: protocollo operativo multicentrico SIGOT di un programma di cure palliative integrato ospedale-territorio Dott. Gianfranco Conati U.O.C. Geriatria Ospedale Civile

Dettagli

La prevenzione delle cadute in ospedale

La prevenzione delle cadute in ospedale La prevenzione delle cadute in ospedale Coordinatori: Tommaso Bellandi, Laura Rasero e Donatella Rizzini Supervisori: Stefania Rodella e Riccardo Tartaglia http://www.salute.toscana.it/sst/rischio-clinico.shtml

Dettagli

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3 U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Centro Disturbi Alimentari TITOLO: PROGETTO EDUCATIVO PER LA PREVENZIONE PRIMARIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) RIVOLTO A DOCENTI E ALLIEVI

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

Ospedale di Comunità

Ospedale di Comunità Casa della Salute di San Secondo Parmense Ospedale di Comunità Liguria DALL OSPEDALE AL TERRITORIO Genova 18 marzo 2014 Remo Piroli Il contesto normativo Delibera 14/03/2013 N.159 Oggetto : CASA DELLA

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA

Dettagli

CENTRO di RIABILITAZIONE ambulatoriale day hospital tempo pieno vedano olona (va)

CENTRO di RIABILITAZIONE ambulatoriale day hospital tempo pieno vedano olona (va) A S S O C I A Z I O N E A S S O C I A Z I O N E VIA DON LUIGI MONZA, 10 21040 VEDANO OLONA (VA) TEL. 0332.866080 F AX 0332.400208 WWW. LANOSTRAFAMIGLIA. IT E - MAIL: LNFVEDANO@ TIN. IT C.F. E P. IVA: 00307430132

Dettagli

Via V. Renieri 6,00142 Roma Telefono 06 5035227 338 7710067 danielabarberini@yahoo.it; daniela.barberini@cemere.it

Via V. Renieri 6,00142 Roma Telefono 06 5035227 338 7710067 danielabarberini@yahoo.it; daniela.barberini@cemere.it Formato europeo per il curriculum vitae Informazioni personali Nome BARBERINI DANIELA Indirizzo Via V. Renieri 6,00142 Roma Telefono 06 5035227 338 7710067 E-mail danielabarberini@yahoo.it; daniela.barberini@cemere.it

Dettagli

Orientamento universitario - LOGOPEDIA

Orientamento universitario - LOGOPEDIA Orientamento universitario - LOGOPEDIA LOG. DR. ANDREA SALVATORI LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI 28/01/2015 PER COMINCIARE Di cosa si occupa la Logopedia? Che cosa fa un logopedista? Con chi lavora? Come

Dettagli

Invecchiare è un privilegio e una meta della società. E anche una sfida, che ha un impatto su tutti gli aspetti della società del XXI secolo.

Invecchiare è un privilegio e una meta della società. E anche una sfida, che ha un impatto su tutti gli aspetti della società del XXI secolo. Invecchiare è un privilegio e una meta della società. E anche una sfida, che ha un impatto su tutti gli aspetti della società del XXI secolo. (Organizzazione Mondiale della Sanità) Il progetto Accettazione

Dettagli

E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili

E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili Responsabile scientifico di progetto CARLO CALTAGIRONE Università di Roma Tor Vergata

Dettagli

proposta di legge n. 455

proposta di legge n. 455 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 455 a iniziativa dei Consiglieri Busilacchi, D Anna, Badiali, Bugaro, Camela, Comi, Eusebi, Natali, Perazzoli, Pieroni, Zinni presentata in data

Dettagli

MALATTIE RARE E IL PEDIATRA DI FAMIGLIA

MALATTIE RARE E IL PEDIATRA DI FAMIGLIA DOTT. ALBERTO FERRANDO Pediatra di Famiglia Presidente della Federazione Regionale degli Ordini dei Medici della Liguria MALATTIE RARE E IL PEDIATRA DI FAMIGLIA All interno del Sistema Sanitario Nazionale

Dettagli

DOPO LA DIAGNOSI Intervento di parent-training per i genitori di pazienti affetti da Autismo o Disturbo Generalizzato di Sviluppo (D.G.S.

DOPO LA DIAGNOSI Intervento di parent-training per i genitori di pazienti affetti da Autismo o Disturbo Generalizzato di Sviluppo (D.G.S. XIII Conferenza Nazionale della Rete HPH Ospedali e Servizi Sanitari per la Promozione della Salute Reggio Emilia 24-26 settembre 2009 DOPO LA DIAGNOSI Intervento di parent-training per i genitori di pazienti

Dettagli

Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco

Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco CONSENSUS CONFERENCE Milano 21 settembre 2005 Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco Gruppo Organizzazione e Modelli Gruppo di lavoro - Andrea Mortara (ANMCO)

Dettagli

38. N.2/2011 - IO INFERMIERE

38. N.2/2011 - IO INFERMIERE L ambulatorio infermieristico: un nuovo modello organizzativo volto a rispondere alle nuove e crescenti necessità sanitarie della cittadinanza. Indagine conoscitiva condotta presso la ASL di Lecce 1 OMS,

Dettagli

ATTIVITA DI TIROCINIO

ATTIVITA DI TIROCINIO UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA VARESE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Ospedale di Circolo Fondazione Macchi CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA ATTIVITA DI TIROCINIO Studente Anno Accademico 2012-2013

Dettagli

Corso di Laurea in Fisioterapia

Corso di Laurea in Fisioterapia Corso di Laurea in Fisioterapia Corso di Laurea in Fisioterapia Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia: Prof. Massimo Clementi Presidente del Corso di Laurea: Prof. Piero Zannini PRESENTAZIONE Il

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

Springer, 2009. Vietata la riproduzione METODOLOGIE RIABILITATIVE IN LOGOPEDIA V OL. 16

Springer, 2009. Vietata la riproduzione METODOLOGIE RIABILITATIVE IN LOGOPEDIA V OL. 16 METODOLOGIE RIABILITATIVE IN LOGOPEDIA V OL. 16 Collana a cura di Carlo Caltagirone Carmela Razzano Fondazione Santa Lucia, IRCCS, Roma Elena Aimar Antonio Schindler Irene Vernero Allenamento della percezione

Dettagli

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO 12949_09 Disparità nell accesso dei malati oncologici ai trattamenti terapeutici e assistenziali 4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO ONCOLOGICO: ASSISTENZA DOMICILIARE, SOSTEGNO PSICOLOGICO E INFORMAZIONE

Dettagli

Ambulatorio per la Malformazione di Chiari Spedali Civili. U.O. Neurologia II Dr. Paolo Liberini

Ambulatorio per la Malformazione di Chiari Spedali Civili. U.O. Neurologia II Dr. Paolo Liberini Ambulatorio per la Malformazione di Chiari Spedali Civili U.O. Neurologia II Dr. Paolo Liberini L UTENTE Si rivolge al Presidio di Rete per ottenere: -Il percorso diagnostico appropriato -La certificazione

Dettagli

definisce le modalità della presa in carico da parte di una specifica struttura dell'area riabilitativa; www.ilfisiatra.it 1

definisce le modalità della presa in carico da parte di una specifica struttura dell'area riabilitativa; www.ilfisiatra.it 1 All'interno del progetto riabilitativo, il programma riabilitativo definisce le aree di intervento specifiche, gli obiettivi a breve termine, i tempi e le modalità di erogazione degli interventi, gli operatori

Dettagli

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria Dott.ssa Fiammetta Fabris Vice Direttore Generale Area Operativa UniSalute S.p.A Torino - 13 Dicembre 2013 1 UNISALUTE: SPECIALISTI

Dettagli

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici di Medicina Generale e Pediatri C.A.D. U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici Specialisti Servizio Farmaceutico

Dettagli

Il massaggio pediatrico cinese sui punti di agopuntura massaggio di un neonato bambino più grande bambini ospedalizzati

Il massaggio pediatrico cinese sui punti di agopuntura massaggio di un neonato bambino più grande bambini ospedalizzati Silvia Guerra Note introduttive/1 Nella medicina cinese, la pelle è l organo che nel neonato media tutti i processi fisiologici ed i rapporti con l esterno, assumendo grandi potenzialità terapeutiche.

Dettagli

A cura del socio dell associazione

A cura del socio dell associazione Si prega di compilare ed inviare questo questionario via mail a: pollicino@uniamo.org oppure via fax al numero: 049.8215701 entro martedì 31 luglio 2007, all attenzione della dott.ssa Oliviana Gelasio.

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: IRCCS Fondazione Stella Maris - Pisa 2) Codice di accreditamento: NZ03552 3) Albo e classe di

Dettagli

PROGETTO SLANCIO Il network delle cure per le malattie complesse

PROGETTO SLANCIO Il network delle cure per le malattie complesse PROGETTO SLANCIO Il network delle cure per le malattie complesse Il caso della SLA Paola Chesi Fondazione ISTUD Con il supporto Incondizionato di Laboratorio FIASO Le premesse: il progetto SLANCIO 2010

Dettagli

Perticone Rosalvo. Dirigente Psicologo Azienda USL3 Pistoia Toscana. r.perticone@usl3.toscana.it

Perticone Rosalvo. Dirigente Psicologo Azienda USL3 Pistoia Toscana. r.perticone@usl3.toscana.it C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Perticone Rosalvo Data di nascita 15 Settembre 1954 Qualifica Amministrazione Dirigente Psicologo Azienda USL3 Pistoia Toscana Incarico attuale

Dettagli

E.C.M. Facile A Distanza.. Convenzione Infermieri Attivi

E.C.M. Facile A Distanza.. Convenzione Infermieri Attivi Quando vuoi Dove vuoi F.A.D. Formazione A Distanza Se desideri acquisire i tuoi crediti, senza vincoli di giorni ed orari, scopri i vantaggi della Convenzione, Visita www.gruppofipes.it Richiedila subito!!

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

Lauree triennali delle professioni sanitarie. Terapista della neuro e psicomotricità della età evolutiva Educatore professionale Logopedista

Lauree triennali delle professioni sanitarie. Terapista della neuro e psicomotricità della età evolutiva Educatore professionale Logopedista Lauree triennali delle professioni sanitarie Terapista della neuro e psicomotricità della età evolutiva Educatore professionale Logopedista I.R.C.C.S. E. Medea: Polo di Eccellenza in Sanità Friendly Hospital

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

PROGETTO 2 REPORT STATO DI AVANZAMENTO

PROGETTO 2 REPORT STATO DI AVANZAMENTO (Codice Fiscale - Partita IVA: 01641020068) Sede Legale: Alessandria via Venezia, 6 Tel. 0131-306111 fax: 0131-306879 Sede Amm.va: Tortona via G.Galilei, 1 Tel. 0131-8651 fax: 0131-865348 CONSULTORIO DI

Dettagli

Festival della Città Educativa Fase del Sapere Seminario Garantire la Salute: benessere, territorio e agenzie educative Palermo, 12 gennaio 2015

Festival della Città Educativa Fase del Sapere Seminario Garantire la Salute: benessere, territorio e agenzie educative Palermo, 12 gennaio 2015 Festival della Città Educativa Fase del Sapere Seminario Garantire la Salute: benessere, territorio e agenzie educative Palermo, 12 gennaio 2015 Concetta Polizzi Università degli Studi di Palermo Dipartimento

Dettagli

Un percorso di cura verso casa.

Un percorso di cura verso casa. C ASL Monza e Brianza Un percorso di cura verso casa. Servizio di Assistenza Post-Acuta residenziale e domiciliare. In collaborazione con Mosaico Cure domiciliari Un percorso Punti di forza e obiettivi

Dettagli

Guida all'accesso ai servizi

Guida all'accesso ai servizi Residenza Sanitaria Assistenziale /Residenza Protetta G. Borea e Z. Massa Sanremo CARTA DEI SERVIZI Guida all'accesso ai servizi Periodo di riferimento 2012/2013 1 SOMMARIO INTRODUZIONE. 1.COS E LA RESIDENZA

Dettagli

SCHEDA DI ISCRIZIONE. da compilare in ogni sua parte ed inviare (con copia bonifico) a:

SCHEDA DI ISCRIZIONE. da compilare in ogni sua parte ed inviare (con copia bonifico) a: SCHEDA DI ISCRIZIONE da compilare in ogni sua parte ed inviare (con copia bonifico) a: Associazione Nazionale - Via del Parco Magnolie n. 55 - Casalnuovo di Napoli - 80013 (NA) - cell. 338.1307387 - fax

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia PREMESSA L OSA (operatore/operatrice socioassistenziale) - Ha uno statuto di professionista qualificato con Attestato

Dettagli

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore.

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. All interno di un moderno programma di rieducazione funzionale è necessario porre particolare attenzione alla fase iniziale di recupero

Dettagli