I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio"

Transcript

1 I PRODOTTI DERIVATI Lucidi a cura di Marco Di Antonio

2 CARATTERISTICHE GENERALI Rappresentano obblighi contrattuali che possono o meno tradursi in prestazioni effettive, in relazione al verificarsi di determinati eventi (contingent claims) Il loro valore dipende dalla dinamica di variabili sottostanti, contratti finanziari a struttura più semplice oggetto di scambi sul mercato a pronti (prodotti derivati) Non assolvono alla funzione di investimento/indebitamento, ma a quella di gestione del rischio (copertura o speculazione)

3 IL GROSS MARKET VALUE Il valore nozionale dei derivati non è una misurazione di rischio: corrisponde all ammontare del sottostante del contratto (debito, bond, importo ipotetico) sul quale sono calcolati i flussi dei pagamenti tra le due controparti. Un indicatore di rischio (ma gonfiato) è il gross market value, che corrisponde al valore assoluto dato dalla somma del mark-to-market positivo e negativo di tutti i contratti in essere (le somme che verrebbero pagate e ricevute dalle controparti nel caso di chiusura anticipata del derivato) Il gross credit exposure misura il mark-to-market positivo o negativo dopo il netting, cioè l annullamento di posizioni con segno opposto tra stesse controparti

4 I CONTRATTI FORWARD Che cosa è un forward (contratto a termine) Accordo in T 0 per effettuare una transazione finanziaria ad una data futura (T n ), definendo in T 0 : oggetto, prezzo, importo, scadenza Prima della scadenza T n non ci sono movimenti di cassa o titoli Alla scadenza T n, il compratore del forward (posizione lunga) deve Ritirare il titolo oggetto del contratto Pagare il prezzo concordato in T 0 il venditore del forward (posizione corta) deve Consegnare il titolo Accettare il prezzo concordato 4

5 VANTAGGI E SVANTAGGI DEI FORWARD I contratti forward sono negoziati nei mercati OTC Principale vantaggio Flessibilità: significa che i contratti possono essere definiti su misura (importi, scadenze, titoli) per le controparti Principali svantaggi Mancanza di liquidità: trovare controparte e negoziare un prezzo efficiente non è facile Rischio di solvibilità: la controparte del mio forward potrebbe fallire e mi troverei senza la copertura desiderata La necessità, a scadenza, di trasferire il sottostante e il denaro I problemi di liquidità e di solvibilità spiegano i limiti di sviluppo del mercato dei forward e nello stesso tempo spiega la nascita e lo sviluppo dei mercati dei future 5

6 I FINANCIAL FUTURES Con il contratto future, le due parti si impegnano rispettivamente a vendere (posizione short) e a comprare (posizione long) un determinato bene, definito sottostante, ad un prezzo prefissato, ad una certa data futura. Il future è un contratto simmetrico, in quanto impegna all esecuzione entrambi i contraenti

7 I MERCATI DEI FUTURES Idem (Italian Derivatives Market), EUREX (tedesco: European derivatives Exchange), Euronext-Liffe (London International Financial Futures Exchange) Quelli europei sono elettronici, quelli USA alle grida. Nell Idem si negoziano: - Il future sull indice del mercato italiano (futures su FTSE /MIB) - Il minifutures sullo stesso indice (contratto di dimensione inferiore e utilizzabile dall investitore retail) - Il futures su singoli titoli azionari - L opzione sull indice del mercato italiano (opzione su FTSE/MIB) - L opzione su singoli titoli azionari

8 I MERCATI DEI FUTURES Nell IDEM sono presenti i market makers. Solo gli intermediari membri della Borsa dei futures sono autorizzati a operare. Le negoziazioni provenienti dal pubblico sono effettuate tramite un intermediario che agisce in conto terzi, il floor broker. Ogni volta che riceve un ordine il floor broker può trattare con un altro floor broker o con un trader professionista. I dealer attivi si dividono invece in position trader (acquistano e vendono sulla base delle aspettative); day trader (liquidano le posizioni assunte nell arco di una giornata); scalper (trading molto attivo, posizioni tenute per pochi minuti; il loro profitto deriva dallo spread tra prezzo denaro bid) e prezzo lettera (ask) )

9 CONFRONTO DEI CONTRATTI FORWARD/FUTURE CON I MERCATI A PRONTI Permettono di sfruttare l effetto leva, perché il forward non obbliga a uscite monetarie e il future richiede solo il pagamento del margine iniziale; si possono ottenere quindi grandi guadagni con capitali limitati Semplificano la realizzazione di speculazioni ribassiste, più difficili se costruite tramite la vendita allo scoperto dell attività finanziaria

10 I FUTURE: ELEMENTI CARATTERISTICI CONTRATTO STANDARDIZZATO QUOTATO E NEGOZIATO SUI MERCATI REGOLAMENTATI secondo predefinite MODALITA OPERATIVE DI FUNZIONAMENTO

11 CONTRATTO STANDARDIZZATO Elementi standardizzati: scadenza, oggetto del contratto, importo unitario, orari e regole di contrattazione, modalità di liquidazione delle transazioni. Le controparti negoziano solo il prezzo Titolo sottostante: è nozionale, non esistente, con caratteristiche ideali di scadenza e tasso Vantaggi: stabilità per tutta la durata del contratto delle caratteristiche del titolo sottostante

12 MERCATI REGOLAMENTATI La clearing house opera come controparte di ogni transazione, garantisce la liquidità e la sicurezza del mercato, permette la compensazione delle posizioni, riducendo così il rischio di mancato adempimento delle controparti. Essa si tutela evitando di assumere posizioni aperte, operando solo con intermediari membri della Cassa stessa, richiedendo adeguati margini di garanzia

13 MODALITA OPERATIVE DI FUNZIONAMENTO L acquirente del contratto (short o long) versa un deposito iniziale, margine iniziale di garanzia, su un conto acceso presso la clearing house. Secondo il principio del marking to market, ogni giorno le posizioni sono chiuse e valorizzate in base all andamento dei prezzi; la posizione dell acquirente sul conto è addebitata o accreditata a seconda che il valore di mercato del contratto negoziato sia inferiore o superiore a quello del giorno precedente (margini di variazione, calcolati con riferimento all unità minima di variazione prezzo, il tick)

14 MODALITA OPERATIVE DI FUNZIONAMENTO (segue) Il contratto si estingue: alla scadenza con la consegna dei titoli consegnabili (predeterminati e simili al nozionale) phisical delivery alla scadenza mediante regolamento per cassa del differenziale di prezzo, secondo il meccanismo dei margini di variazione, sulla base del prezzo rilevato alla data di scadenza e dei profitti/perdite dell ultimo giorno di contrattazione cash settlement prima della scadenza (95% dei contratti) con la compensazione (offsetting), stipulando un contratto di segno opposto a quello da cancellare. Il risultato di questa operazione è definito dalla differenza tra i prezzi negoziati (liquidazione differenziale)

15 MODALITA DI CONTRATTAZIONE: il contratto FTSE MIB future E quotato in punti indice; ciascun punto indice ha valore pari a 5 euro; il valore del contratto è dato dal prodotto tra la quotazione del future e il valore del punto indice (es. se la quotazione è , il contratto ha dimensione pari a X 5 = euro) Il movimento minimo di prezzo (tick) è pari a 5 punti indice (25 euro) Sul contratto sono quotate contemporaneamente le 4 scadenze trimestrali di marzo, giugno, settembre e dicembre. La scadenza è il terzo venerdì del mese di scadenza e dal primo giorno di Borsa aperta successivo è quotata la nuova scadenza. Il margine iniziale versato alla cassa di Compensazione e Garanzia è pari al 9% del valore del contratto. La liquidazione è per contanti

16 Esempio del calcolo dei margini : le caratteristiche tecniche del Future su FTSE Mib CARATTERISTICA Indice sottostante Quotazione Valore del punto indice Dimensione contratto Movimento minimo thick FTSE MIB DESCRIZIONE Il contratto è quotato in punti indice Il punto indice vale 5 Euro (moltiplicatore) E data dal prodotto tra il prezzo del Future (es punti indice) x il valore del punto indice 5 punti indice (25 Euro) Scadenze negoziate Le 4 scadenze del ciclo trimestrale: marzo, giugno, settembre, dicembre Prezzo di chiusura giorn Media ponderata dei prezzi dell ultimo 10% di scambi Prezzo di regolamento Liquidazione Pari al valore dell indice FTSE MIB calcolato sui prezzi di apertura del giorno di regolamento Sistema Per contanti finanziariosulla 2010 base del prezzo di regolament 16

17 IL FUTURES SU EUROBUND A 10 ANNI NEGOZIATO PRESSO EUREX ATTIVITA SOTTOSTANTE TITOLI CONSEGNABILI VALORE NOMINALE Obbligazione a lungo termine emessa dallo Governo Tedesco con valore nominale di euro e tasso di interesse del 6% Obbligazioni emesse dal Governo tedesco con vita residua tra 8,5 e 10,5 anni. L importo dovuto alla scadenza è pari al p di liquidazione del futures moltiplicato per un fattore di conversione (al quale si aggiunge l eventuale rateo di interesse maturato dall ultima cedola staccata). Il fattore di conversione permette che il p dell obbligazione consegnata sia tale da produrre un rendimento del 6% per l acquirente 1 contratto = euro

18 IL FUTURES SU EUROBUND QUOTAZIONE DEL PREZZO VARIAZIONE MINIMA DI PREZZO (TICK) MESI DI CONSEGNA GIORNO DI CONSEGNA ULTIMO GIORNO DI NEGOZIAZIONE ORARIO DI NEGOZIAZIONE In % del valore nominale, con 2 decimali. Quindi un punto di quotazione vale euro. 100 : = 1 : X 1% di punto percentuale del valore di quotazione (es. da 100,75 a 100,76). Quindi un tick vale x 0,01 = 10 euro Marzo, giugno, settembre, dicembre Decimo giorno di calendario del rispettivo mese di consegna; se festivo, giorno successivo Secondo giorno lavorativo che precede il giorno di consegna Negoziaz elettronica: , dal lunedì al venerdì. La negoz dei contratti in scadenza termina alle dell ultimo giorno di negoziaz

19 SPECULAZIONE AL RIBASSO: vendita di futures su EuroBund il 19/8 (a 115,98) per consegna a fine settembre; chiusura dell operazione per compensazione il 23/8, con acquisto di futures a 115,93 per consegna fine settembre) DATA QUOT. VALORE +/- TICKS MG INIZ +/- MG 19/8/08 115, /8/08 115, /8/98 115, /8/08 116, /8/08 115, Totale

20 I FUTURE: L EFFETTO LEVA Rispetto al mercato a pronti, il mercato future implica un effetto leva nei confronti dell investimento iniziale: sul mercato a pronti l acquisto del titolo comporta l esborso immediato del controvalore, sul mercato future è limitato al margine iniziale di garanzia e ai successivi margini di variazione. A parità di disponibilità monetarie, ci si può quindi esporre per contratti dal valore complessivo molto elevato

21 EFFETTO LEVA Un investitore compra un futures sul titolo XY (il lotto minimo è pari a 100 azioni) a 33. Il Margine richiesto è pari a 8,25% della dimensione del contratto (prezzo x lotto acquistato) Margine iniziale pari a 272,25 = 33*100*8,25% Il capitale inizialmente versato è quindi pari a 272,25 a fronte di un investimento di (33 x 100) leva controvalore capitale versato ,15 12volte 21

22 EFFETTO LEVA A fine giornata il prezzo del future sale a = 34 Decidete di vendere il vostro future, guadagnando 100 = ( ) Il vostro investimento di 272,25 ha quindi generato un rendimento altissimo ren dim ento utile capitale versato ,15 Anziché acquistare un future avreste potuto acquistare 100 azioni XY a 33 e rivenderle a 34, ma in questo caso avreste avuto bisogno di molto più capitale da investire e il rendimento sarebbe stato decisamente inferiore. ren dim ento utile capitale versato ,74% 3,03% Su derivato Sulla posizione a pronti

23 I FUTURE COME STRUMENTO DI COPERTURA DI ESPOSIZIONI A PRONTI Investimento in titoli (posizione long sul mercato a pronti) Vendita di contratti future (posizione short in futures)

24 I FUTURE COME STRUMENTO DI COPERTURA DI ESPOSIZIONI A PRONTI (segue) L efficacia della copertura risulta più elevata quando si protegge il valore di portafogli di BTP che fanno parte del paniere di titoli consegnabili. In tal caso esiste un elevata correlazione tra i prezzi dei BTP in portafoglio e il prezzo del contratto future. Se i titoli da coprire non rientrano nel paniere è necessario analizzare, con tecniche statistiche appropriate, la correlazione esistente tra il prezzo future e i prezzi dei titoli da coprire.

25 I FUTURE COME STRUMENTO DI SPECULAZIONE La presenza di un contratto future permette agli speculatori di prendere posizione sull andamento del prezzo dell attività quotata con grande facilità. Gli operatori che prevedono un aumento dei prezzi aprono posizioni in acquisto (long), nella speranza di poter chiudere la posizione aperta con una successiva vendita eseguita a prezzi più elevati.

26 LE OPZIONI Il contratto di opzione conferisce all acquirente (buyer), dietro pagamento di un premio, il diritto ad acquistare (opzione call) o a vendere (opzione put) alla controparte (writer) un determinato titolo o valuta (underlying security), ad un prezzo prefissato (prezzo di esercizio o strike price), ad una certa data (opzione europea) o in ogni momento entro una certa data (opzione americana)

27 OPZIONI: CARATTERISTICHE L acquirente ha la facoltà, ma non l obbligo, di dare esecuzione al contratto; al contrario, il venditore dell opzione deve dare esecuzione al contratto, se richiesto dall acquirente, al prezzo pattuito. Il contratto e il relativo rischio comportato sono dunque asimmetrici.

28 OPZIONI: L ASIMMETRIA L acquirente dell opzione ha un costo certo (il premio) e guadagni potenzialmente illimitati (nel caso della call) o al massimo pari al prezzo put del titolo (nel caso della put). Il venditore dell opzione ha un ricavo certo (il premio) e perdite potenzialmente illimitate (nel caso della call) o al massimo pari al prezzo put del titolo (nel caso della put)

29 Pay off IL PAY OFF DI UNA CALL: acquirente Acquisto di una opzione call su azione Alfa: strike price = 140 premio = in the money out of the money 250 p a scadenza opzione at the money 150 = = p call=break even price

30 Pay off IL PAY OFF DI UNA CALL:venditore Vendita di una opzione call su azione Alfa: strike price = 140 premio = p a scadenza opzione

31 IL PAY OFF DI UNA PUT: aquirente Pay off 130= Acquisto di una opzione put su azione Alfa: strike price = 140 premio = 10 in the money 30= at the money 0= out of the money p a scadenza opzione 130 = = p put=break even price

32 IL PAY OFF DI UNA PUT: venditore Pay off Vendita di una opzione put su azione Alfa: strike price = 140 premio = 10 FATELO VOI!!!! p a scadenza opzione

33 OPZIONI: UTILIZZO La scelta se esercitare o meno l opzione dipende dal premio pagato, dal prezzo di esercizio, dal prezzo corrente dell attività sottostante l opzione. Nell opzione call si definisce prezzo call, o punto di pareggio, il prezzo strike maggiorato del premio. In quella put, il prezzo put, o punto di pareggio, è dato dal prezzo strike diminuito del premio.

34 OPZIONI: UTILIZZO (segue) Le scelte dell acquirente di un opzione call: prezzo di mercato (pm) < prezzo di esercizio (pe): abbandono del contratto e perdita del premio pagato pm = pe: indifferenza tra abbandono ed esercizio e perdita del premio pagato pm > pe e < prezzo call (pc): esercizio dell opzione e perdita pari alla differenza tra prezzo call e prezzo di mercato pm > pe e > pc: esercizio dell opzione e utile potenzialmente illimitato pari alla differenza tra prezzo di mercato e prezzo call

35 OPZIONI: UTILIZZO (segue) Le scelte dell acquirente di un opzione put: prezzo di mercato (pm) > prezzo di esercizio (pe): abbandono del contratto e perdita del premio pagato pm = pe: indifferenza tra abbandono ed esercizio e perdita del premio pagato pm < pe e > prezzo put (pp): esercizio dell opzione e perdita pari alla differenza tra prezzo di mercato e prezzo put pm < pe e < pp: esercizio dell opzione e utile pari alla differenza tra prezzo put e prezzo di mercato

36 IL VALORE INTRINSECO DELLE OPZIONI VALORE CALL PUT AMERI Max Max > 0 In the money < 0 Out of the money = 0 At the money CANA EURO PEA (p spot p strike; 0) Max (p termine p strike) / (1 + it); 0) (p strike p spot; 0) Max (p strike p termine) / (1 + it); 0)

37 IL VALORE DELLE OPZIONI Se nel momento della valutazione il p a termine vigente è maggiore dello strike, il detentore di una call può assicurarsi un rendimento minimo vendendo a termine al p a termine. Se alla scadenza il p del titolo è superiore allo strike price, il detentore esercita l opzione, paga lo strike, rivende il titolo al p a termine e incassa il payoff. Se invece il prezzo del titolo è inferiore, l opzione non viene esercitata, il titolo da vendere a termine viene acquistato sul mercato a un p inferiore e il rendimento per il detentore è ancora maggiore

38 ILVALORE DELLE OPZIONI Il valore di una opzione europea out of the money non è nullo perché esiste la possibilità che dal momento della valutazione a quello della scadenza il p del sottostante cambi e l opzione diventi in the money. Il valore temporale di una opzione in the money dipende invece non dalla speranza di esercizio, ma viceversa dalla facoltà di abbandono. In tale ipotesi, riferendosi a una call, si ipotizza che il detentore abbia venduto a termine il sottostante (a un p a termine superiore allo strike) garantendosi il pay off minimo. Si scommette allora sulla possibilità che il p corrente del sottostante scenda, così da non esercitare l opzione alla scadenza, acquistare il sottostante sul mercato e aumentare il pay off. Se invece alla scadenza il p del titolo è superiore allo strike price, il detentore esercita l opzione, paga lo strike, rivende il titolo al p a termine e incassa il pay off previsto

39 ILVALORE DELLE OPZIONI Il valore temporale dell opzione è influenzato: positivamente (call) o negativamente (put) dal p corrente dell azione negativamente (call) o positivamente (put) dal livello del p di esercizio Sempre positivamente dalla durata residua e dalla volatilità del p del sottostante (aumenta la probabilità che il p di mercato salga sopra lo strike nella call o scenda sotto lo strike nella put) In modo variabile dal livello del tasso di interesse privo di rischio

40 LE OPZIONI COME STRUMENTO DI SPECULAZIONE Le opzioni consentono di aprire posizioni speculative, ponendo contemporaneamente un tetto massimo alle eventuali perdite subite nel caso in cui non si realizzino le aspettative espresse. Lo speculatore che si attende un rialzo dei prezzi di uno strumento finanziario compra opzioni call, lo speculatore ribassista compra opzioni put. Se le aspettative non si verificano, la perdita massima è uguale al premio.

41 LE OPZIONI COME STRUMENTO DI COPERTURA Le opzioni possono essere utilizzate anche come strumento di copertura. Ad es., l importatore che deve pagare un debito in dollari compra un opzione call su dollari con scadenza uguale a quella del contratto, ponendo un tetto massimo all esborso futuro per l acquisto di valuta (pari alla somma del prezzo di esercizio e del premio), ma beneficiando di eventuali ribassi del dollaro

42 LA COPERTURA: UN ESEMPIO (1) Situazione: portafoglio azionario di 2,1 milioni di euro e aspettative di ribasso della borsa nei prossimi tre mesi; si vuole evitare di vendere per evitare l imposta sui capital gain maturati, perchè dopo i tre mesi la Borsa potrebbe risalire, per usufruire di eventuali inattesi rialzi della Borsa. Indice FTSE/MIP a quota

43 LA COPERTURA: UN ESEMPIO (2) Soluzione: acquisto posizione lunga su opzioni put sull indice FTSE/MIB, scadenza a 3 mesi e p di esercizio: Tenendo conto che il moltiplicatore dell opzione sull indice FTSE/MIB negoziata all Idem è di 2,5 euro, si comprano 30 opzioni put (2.1 milioni, il totale del portafoglio da proteggere, diviso x 2,5 euro)

44 LA COPERTURA: UN ESEMPIO (3) Risultato: le aspettative dell investitore sono corrette e alla fine del terzo mese l indice è sceso del 15%, a , così come il portafoglio azionario, che ora vale (perdita di euro sul proprio portafoglio). L investitore liquida le opzioni put acquistate; il loro valore intrinseco a scadenza è di euro: ( ) x 2,5 x 30

45 INVESTIMENTO DIRETTO O IN OPZIONI : UN ESEMPIO (1) Un soggetto dispone di euro da investire in azioni Alfa, in ipotesi che il p corrente sia 5 euro ed esistano opzioni call a 3 mesi con strike price a 5 euro e premio di 0,20 e. Egli ha a disposizione due alternative: a) Acquistare azioni ( / 5) b) Acquistare opzioni call ( / 0,20)

46 INVESTIMENTO DIRETTO O IN OPZIONI : UN ESEMPIO (2) Se il p delle azioni Alfa alla scadenza dell opzione è aumentato del 15% e si trova a 5,75, il risultato è: a) = x (1,15) b) = x (5,75 5,00)

47 INVESTIMENTO DIRETTO O IN OPZIONI : UN ESEMPIO (3) Se invece il p delle azioni Alfa alla scadenza dell opzione è diminuito del 15%, scendendo a 4,25, il risultato è: a) = (- 15% x ) b) : l opzione non viene esercitata e perdo l intero il premio pagato

48 LE OPZIONI NEGOZIATE NEI MERCATI REGOLAMENTATI ITALIANI Opzioni sull indice di Borsa FTSE/MIB Quotate in punti indice e con un valore nozionale pari al prodotto tra il prezzo di esercizio (in punti indice) e il valore di ciascun punto dell indice FTSE/MIB, che è di 2,5 euro. Così, ad es., la dimensione del contratto con p di esercizio pari a punti è data da: x 2,5 = euro Il premio applicato a ciascun contratto è dato dal valore del premio unitario per il valore del punto indice (es. il premio del contratto con p di esercizio pari a punti indice e premio dell opzione pari a 700 punti indice è dato da: 700 x 2,5 = euro) Sono negoziabili contratti aventi scadenze mensili e trimestrali (marzo, giugno, settembre, dicembre). In ciascuna seduta sono contemporaneamente quotate le 3 scadenze trimestrali e le 2 scadenze mensili più vicine. Per ciascuna scadenza e per ciascun contratto call e put vengono negoziati almeno 15 p di esercizio (1 at the money, 7 in the money e 7 out of the money), con intervalli di 500 punti indice. La liquidazione avviene per cash settlement : es. se compro call con strike ( x 2,5 = ) e premio 1.750, e alla scadenza indice è ( euro) esercito l opzione e ottengo dal venditore per cassa:

49 GLI SWAPS I contratti swaps sono accordi tra due parti che si impegnano a versarsi reciprocamente dei pagamenti periodici. Si distinguono in: swap di tasso (interest rate swaps, IRS); swap di valuta (currency swaps e domestic currency swaps, DCS)

50 L IRS L IRS consiste nello scambio di flussi di interessi tra le controparti, rispetto al medesimo ammontare di capitale di riferimento, detto notional, a scadenze prestabilite. Lo strumento viene usato per mutare le caratteristiche dei flussi monetari associati ad attività e passività, modificandole da tasso fisso a tasso variabile e viceversa

51 IRS Negoziati su mercato OTC: chi desidera stipulare uno swap deve rivolgersi a una banca. Compratore di swap è il fixed rate payer (chi opera per coprirsi da rialzo tassi). Chi paga fisso (es. compratore swap) è corto sul fisso e lungo sul variabile. Il tasso variabile è Euribor a 6 mesi e lo scambio dei flussi di solito è semestrale (Euribor è tasso interbancario applicabile a controparte con rating AA, quindi è superiore ai tassi sui titoli di stato). Il mercato quota i tassi swap fissi, ritenuti di equilibrio in base alle aspettative sui tassi futuri previsti (euribor 6 mesi) e alla durata del contratto (par swap rate curve).

52 L IRS: GLI ELEMENTI DEL CONTRATTO Data di stipulazione (trade date) del contratto Capitale di riferimento (notional principal amount), che non viene mai scambiato, ma serve a conteggiare gli interessi Data di inizio (effective date), a partire dalla quale cominciano a maturare gli interessi (solitamente segue di 2 giorni quella di stipulazione) Data di scadenza (termination date) del contratto Date di pagamento (payment date), in cui vengono scambiati i flussi di interesse Valore del tasso fisso e tasso di riferimento per il tasso variabile (e sue modalità di rilevazione)

53 Le quotazioni degli irs espresse dai market makers SCADENZA DENARO LETTERA 1 Y / 6 M 3,60% 3,61% 2 Y / 6 M 3,77% 3,79% 3 Y / 6 M 4,01% 4,03%.... SCADENZA: 1 Y / 6 M: durata un anno e pagamenti semestrali QUOTAZIONE DENARO (LETTERA): tasso fisso pagato (ricevuto) dal market maker acquirente (venditore) di IRS e ricevuto (pagato) dal venditore (acquirente) di IRS

54 L IRS: UN ESEMPIO DI UTILIZZO Impresa A con indebitamento a tasso variabile teme aumento dei tassi di interesse e stipula IRS con impresa B che ha esigenze opposte (A compra IRS perché è fixed rate payer). A si impegna a pagare a B un tasso fisso e a ricevere in cambio un tasso variabile; di fatto il tasso variabile di A viene pagato al creditore di A da B e quello fisso di B viene pagato da A. Alle date previste le due parti si scambiano solo il differenziale di interessi, rapportato al notional.

55 L IRS COME STRUMENTO DI COPERTURA L IRS può essere utilizzato per immunizzarsi dalla variazione dei tassi (hedging). Ad esempio, se si detengono in bilancio attività a tasso fisso, cui si contrappongono passività a tasso variabile, si possono trasformare le attività in attività a tasso variabile acquistando un IRS con tasso fisso pari al tasso delle attività.

56 L IRS COME STRUMENTO SPECULATIVO L Irs può essere utilizzato con finalità speculative, assumendo una posizione sui tassi di interesse volta a trarre vantaggio da variazioni attese degli stessi. Ad es., scambio di fisso con variabile se si ipotizza un rialzo dei tassi, di variabile con fisso in caso di attese ribassiste. Lo strumento genera una perdita se l andamento dei tassi è opposto a quello ipotizzato.

57 IL FORWARD RATE AGREEMENT (FRA) Con la stipula di un FRA l acquirente si impegna a pagare gli interessi che maturano a partire da una data futura (ad esempio tra 6 mesi) per un periodo di tempo determinato (ad esempio 3 mesi) su un capitale e a un tasso prefissati al momento della stipula del contratto (tasso fisso); il venditore allo stesso tempo si impegna a pagare gli interessi calcolati in base al tasso rilevato alla data futura (tasso variabile). Quello descritto è un FRA 6-9 (inizio tra 6 mesi e fine tra 9 mesi). Il regolamento degli obblighi delle due controparti avviene per differenza.

58 L INTEREST RATE CAP Un cap è un accordo in base al quale, a fronte del pagamento di un premio, l acquirente ha diritto di ricevere dal venditore, per la durata del contratto e alle scadenze prestabilite, la differenza, se positiva, tra un flusso di interessi calcolato in base ad un tasso variabile di riferimento e quello calcolato con riferimento ad un tasso prefissato dal contratto (strike rate). Se alle scadenze la differenza è negativa non si ha alcuno scambio.

59 L INTEREST RATE FLOOR Un floor è un contratto in base al quale, a fronte del pagamento di un premio, l acquirente ha il diritto di ricevere dal venditore, per la durata del contratto e alle scadenze stabilite, la differenza, se positiva, tra un flusso di interessi calcolato a tasso fisso (strike rate) ed uno a tasso variabile, entrambi riferiti ad un capitale nozionale di riferimento. Se la differenza è negativa o o nulla, non si ha alcuno scambio.

60 L INTEREST RATE COLLAR Il collar è dato dall acquisto (vendita) di un cap e dalla contemporanea vendita (acquisto) di un floor, con floor rate inferiore al cap rate. E definito acquirente del collar chi acquista il cap e vende il floor. L acquirente del collar riceve gli interessi quando il tasso di riferimento è superiore al cap rate, mentre paga gli interessi quando il tasso di riferimento è inferiore al floor rate. Se il tasso di riferimento è compreso tra il floor rate e il cap rate non avviene nessuno scambio

61 DERIVATI DI CREDITO I derivati di credito (credit derivative) sono derivati relativamente nuovi che offrono dei payoff legati a titoli già in circolazione, essenzialmente quelli che presentano un rischio di credito. Negli ultimi 10 anni, il mercato dei derivati di credito si è sviluppato a un ritmo straordinario e il capitale nozionale ammonta ormai a migliaia di miliardi di dollari. Il più famoso tra i derivati di credito è il credit default swap, che funziona più o meno come un assicurazione. Con tale derivato, una parte che vuole coprire il rischio di credito paga un premio ricorrente e fisso in cambio di un pagamento eventuale innescato da un credit event come il default o il downgrading di una determinata società. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed. 61

62 Chi migliora DA Il sole 24 ore del Data Prezzo acquisto Argentina , Peugeot , Chi peggiora Variazione in punti base Grecia , Austria , Il rischio di default è collegato ad un emittente obbligazionario, per un prestito di durata quinquennale,emesso in euro e di ranking senior. Per i titoli sovrani, invece, il prestito è emesso in dollari USA, per durata 5 anni e ranking senior. I valori sono espressi in punti base ed indicano percentualmente il costo della copertura dal rischio per valore nozionale dell asset sottostante. Se, per esempio il valore facciale dei titoli sottoscritti è di euro ed il valore del CDS è di 200 punti base, vuol dire che il sottoscrittore deve pagare ogni anno euro (2%) per assicurarsi dal rischio di insolvenza dell emittente

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Francesca Querci Università di Genova Strumenti derivati e copertura dei rischi finanziari d impresa nel nuovo contesto di

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta Le opzioni (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta 1 Disclaimer La pubblicazione del presente documento non costituisce attività di sollecitazione del pubblico risparmio da parte di Borsa Italiana S.p.A.

Dettagli

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 LE OPZIONI - Definizione Le opzioni sono contratti finanziari che danno al compratore il diritto, ma non il dovere, di comprare,

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004 Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale c Carmine Trecroci 2004 1 Tassi di cambio a pronti e a termine transazioni con consegna o regolamento immediati tasso di cambio a pronti (SR, spot exchange

Dettagli

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo Danilo unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS Definizione Modalità di utilizzo Elementi di valutazione: valore minimo e valore temporale Relazione di parità Copyright SDA

Dettagli

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6 focus modulo 3 lezione 45 Il mercato dei capitali e la Borsa valori Gli strumenti derivati: caratteristiche generali Alcune tipologie di strumenti derivati 1. Il future su Ftse Mib A seconda dello strumento

Dettagli

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Futures Swaps Opzioni 1 Famiglie (retail) Imprese (corporate) BISOGNI Gestione liquidità Investimento del risparmio PRODOTTI c/c di corrispondenza (bancario

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT Il Forward Rate Agreement (F.R.A.) è un contratto su tassi di interesse in base al quale due controparti si impegnano a scambiare ad una data futura prestabilita un certo ammontare

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Strumenti OTC per la gestione del rischio di tasso e di cambio Copyright SDA Bocconi 2007 Prof. Michele Rutigliano 1 Strumenti

Dettagli

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Futures Swaps Opzioni 1 Famiglie (retail) Imprese (corporate) BISOGNI PRODOTTI Gestione liquidità c/c di corrispondenza (bancario o postale) e strumenti di

Dettagli

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 211 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato è uno strumento finanziario il cui rendimento

Dettagli

Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio

Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio BORSA ITALIANA S.p.A. Derivatives Markets Private Investors Business Development Relatore: Gabriele Villa Disclaimer La pubblicazione del presente

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Gestione dei rischi PROGRAMMA. 1) Nozioni di base di finanza aziendale. 2) Opzioni. 3) Valutazione delle aziende. 4) Rischio di credito

Gestione dei rischi PROGRAMMA. 1) Nozioni di base di finanza aziendale. 2) Opzioni. 3) Valutazione delle aziende. 4) Rischio di credito PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale 2) Opzioni 3) Valutazione delle aziende 4) Rischio di credito Gestione dei rischi 5) Risk management 6) Temi speciali di finanza aziendale Argomenti trattati

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa Struttura Cilindrica

Dettagli

Fronteggiamento dei rischi della gestione

Fronteggiamento dei rischi della gestione Fronteggiamento dei rischi della gestione Prevenzione (rischi specifici) Impedire che un determinato evento si manifesti o limitare le conseguenze negative Assicurazione (rischi specifici) Trasferimento

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU DIVISE OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano La gestione e la ristrutturazione del debito 1 Evoluzione nella gestione del debito: Dalla semplice amministrazione del rimborso del debito, stabilendo piano ammortamento, quote capitale, interessi passivi,

Dettagli

Derivati: principali vantaggi e utilizzi

Derivati: principali vantaggi e utilizzi Derivati: principali vantaggi e utilizzi Ugo Pomante, Università Commerciale Luigi Bocconi Trading Online Expo Milano 28, Marzo 2003 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures Le opzioni Strategie

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa struttura

Dettagli

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO MPI PERCORSO FUNZIONALE CREDIO DISPENSA DEI DOCENI MAERIALI INEGRAIVI A SUPPORO DELLE LEZIONI CURAORE: C. ZARA LA GESIONE DEL RISCHIO DI ASSO DI INERESSE Questo materiale è a disposizione esclusiva degli

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI 1 Indice Definizione di contratto finanziario Contratti finanziari bilaterali e multilaterali Contratto di debito Contratto di partecipazione Contratto assicurativo Contratto

Dettagli

ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI 12 gennaio 2005 I. PREMESSA Sono prodotti finanziari derivati (o, più semplicemente, derivati) quei prodotti il cui valore varia in relazione all andamento

Dettagli

20160414v01. Manuale Derivati 1

20160414v01. Manuale Derivati 1 Manuale Derivati 1 Manuale Derivati 2 Indice 1. Introduzione... 3 2. Attivazione servizio... 3 3. Borse... 3 4. Rischi dell operatività in opzioni e futures... 3 4.1 Conoscere è importante...3 4.2 Rischi

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa

Dettagli

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R. APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.S F.R.A IL FORWARD RATE AGREEMENT E IL CONTRATTO TRAMITE IL QUALE LE PARTI

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI ELEMENTI INFORMATIVI DI BASE CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I principali prodotti derivati

Dettagli

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I contratti derivati nelle gestioni assicurative 1 I derivati e le assicurazioni L assunzione di posizioni

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Prof. Manuela Geranio, Università Bocconi Prof. Giovanna Zanotti, Università Bocconi Assolombarda, 1 Aprile 2008, Milano Agenda I. Obiettivi

Dettagli

1. Modalità di pagamento. 1.1 Regolamento con bonifico. 1.2 Regolamento con rimessa documentaria. 1.3 Regolamento con apertura di credito documentario

1. Modalità di pagamento. 1.1 Regolamento con bonifico. 1.2 Regolamento con rimessa documentaria. 1.3 Regolamento con apertura di credito documentario 1. Modalità di pagamento Per il regolamento degli ordini l esportatore può richiedere diverse forme di pagamento che presentano vari profili di rischio. Nell ottica del cliente tali modalità hanno diversi

Dettagli

STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI

STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI Le due principali categorie in cui si dividono le opzioni sono: opzioni call, assegna la facoltà di acquistare o non acquistare l'attività sottostante

Dettagli

Dott. Domenico Dall Olio

Dott. Domenico Dall Olio Responsabile didattico per il progetto QuantOptions Le basi delle opzioni www.quantoptions.it info@quantoptions.it 1 Opzioni: long call definizione e caratteristiche di base Le opzioni sono contratti finanziari

Dettagli

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it Dipaimento di Ingegneria dell Impresa Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi A cura di: Ing. Fiorella Sciangula sciangula@ing.uniroma2.it 1 Opzioni: variabili Prezzo Spot, o valore

Dettagli

Gestione del rischio tasso

Gestione del rischio tasso CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Gestione del rischio tasso Dott. Corso Pecori Giraldi 25 ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Rischio tasso nei clienti dei PB

Dettagli

Perizia contratti derivati NUOVA B.B. Sas

Perizia contratti derivati NUOVA B.B. Sas Perizia contratti derivati NUOVA B.B. Sas Contratto n 1 Banca CRT IRS Plain Vanilla Caratteristiche Strumento Derivato Data Sottoscrizione 04/09/2000 Nominale 516.456,90 Data iniziale 06/09/2000 Scadenza

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse Giugno 2003 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE Documento Aristeia n. 26 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE SOMMARIO: 1. Introduzione 2.

Dettagli

BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE. Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE

BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE. Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine giugno 2005 La Banca d Italia comunica

Dettagli

Centrobanca - Direzione Derivati OTC

Centrobanca - Direzione Derivati OTC 1 AGENDA La copertura del rischio di tasso con CAP o IRS La copertura del rischio di cambio con PLAFOND La copertura del rischio Materie Prime con lo SWAP 2 RISCHIO TASSO: COSA STIAMO PROPONENDO? Stiamo

Dettagli

La struttura dell intervento

La struttura dell intervento Gli strumenti derivati: aspetti economicio c Pierpaolo Ferrari Brescia, 10 ottobre 2008 1 La struttura dell intervento 1) La definizione di strumenti derivati 2) Le tipologie di strumenti derivati 3) Le

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI ABSTRACT PRINCIPI SULLE OPZIONI!A cura di Mauro Liguori!Seminario del 7 giugno 2003!V. delle Botteghe Oscure, 54 -Roma DEFINIZIONE DI OPZIONE OPZIONE DIRITTO DI ACQUISTARE

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità Intervento nell ambito del Ciclo di Seminari Glocus - FareFuturo L Innovazione nei Territori Roma, 23 ottobre

Dettagli

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo I derivati creditizi Giuseppe Squeo 1 Il trasferimento del rischio di credito L attività di impiego, sia sotto forma di prestito che di acquisto obbligazioni, comporta un rischio di credito collegato sia

Dettagli

Il materiale didattico di seguito riportato, disponibile online, sostituisce il paragrafo 23.5.2

Il materiale didattico di seguito riportato, disponibile online, sostituisce il paragrafo 23.5.2 Il materiale didattico di seguito riportato, disponibile online, sostituisce il paragrafo 23.5.2 Vaalore della call/azione al 15 marzo 2014 Ipotizziamo di aver acquistato 1 azione FIAT al prezzo di 5,5.

Dettagli

FINANZA AZIENDALE AVANZATO. Le opzioni e l option theory. Lezioni 14 e 15

FINANZA AZIENDALE AVANZATO. Le opzioni e l option theory. Lezioni 14 e 15 FINANZA AZIENDALE AVANZATO Le opzioni e l option theory Lezioni 14 e 15 I derivati asimmetrici ono contratti/prodotti che fissano le condizioni a cui POTRA aver luogo la compravendita futura dell attività

Dettagli

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Roma, 3 giugno 2015 Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine dicembre La Banca d Italia

Dettagli

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1 IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO Capitolo 11 MEF Lezione 5 1 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTA DOMANDA? Nella relazione annuale di Microsoft per il 2009, si poteva

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Tassi di interesse Per ciascuna divisa, sono regolarmente quotati diversi

Dettagli

Le operazioni d indebitamento strutturate con derivati

Le operazioni d indebitamento strutturate con derivati Le operazioni d indebitamento strutturate con derivati Allegato al Bilancio di Previsione per l esercizio finanziario 2013 Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 67 del 26 27 luglio 2013

Dettagli

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE Lezione 2 IL MKT DEI CAMBI E il mkt nel quale si vendono ed acquistano valute estere. Funzioni del mkt dei cambi 1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale

Dettagli

I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici

I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici Studio Gallone I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici Scaletta Argomenti Gli strumenti finanziari derivati: definizioni Pagina 3 Diffusione

Dettagli

FLOOR - INTEREST RATE FLOOR. Opzione su tassi d interesse

FLOOR - INTEREST RATE FLOOR. Opzione su tassi d interesse Scheda Prodotto FLOOR IMPORTANTE: Le caratteristiche del prodotto sotto riportato hanno pura finalità informativa e non riportano né approfondiscono tutti gli elementi di rischiosità connessi al prodotto

Dettagli

I tassi interni di trasferimento

I tassi interni di trasferimento Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione AGENDA TIT unici e TIT multipli La determinazione dei tassi interni di trasferimento Le caratteristiche

Dettagli

Matteo Trotta, Vice-Direttore Ufficio Studi e Ricerche Consultique

Matteo Trotta, Vice-Direttore Ufficio Studi e Ricerche Consultique Matteo Trotta, Vice-Direttore Ufficio Studi e Ricerche Consultique OBIETTIVO DERIVATI La copertura dai rischi finanziari L attività di impresa è caratterizzata da una serie di rischi finanziari, principalmente

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Credit spread products I credit spread products

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione

Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione Verona, 14/03/2006 Dr. Marco Rubini 1 Indice dell intervento Rischi finanziari a cui è sottoposta l azienda e modalità di copertura; Criteri

Dettagli

Twin Win. Opportunità generate da ogni oscillazione del mercato.

Twin Win. Opportunità generate da ogni oscillazione del mercato. Twin Win. Opportunità generate da ogni oscillazione del mercato. Banca IMI è una banca del gruppo Banca IMI offre una gamma completa di servizi alle banche, alle imprese, agli investitori istituzionali,

Dettagli

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali La modalità di determinazione dei Margini Iniziali Ufficio RM Versione 1.0 Sommario Premessa... 3 1. Tipologie di Margini Iniziali... 3 2. Il Calcolo dei Margini Iniziali Ordinari... 4 3. La Determinazione

Dettagli

Quesiti livello Application

Quesiti livello Application 1 2 3 4 Se la correlazione tra due attività A e B è pari a 0 e le deviazioni standard pari rispettivamente al 4% e all 8%, per quali dei seguenti valori dei loro pesi il portafoglio costruito con tali

Dettagli

Gino Gandolfi SDA BOCCONI

Gino Gandolfi SDA BOCCONI I DERIVATI SU TITOLI AZIONARI Gino Gandolfi SDA BOCCONI DERIVATI AZIONARI I derivati sono particolari attività finanziarie il cui valore dipende da uno strumento terzo, detto anche attività sottostante

Dettagli

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca del Valdarno Credito Cooperativo

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca del Valdarno Credito Cooperativo Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca del Valdarno Credito Cooperativo ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo Settembre 2013 1 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLE OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA

Dettagli

CONTRATTI E TASSI SWAP

CONTRATTI E TASSI SWAP CONTRATTI E TASSI SWAP FLAVIO ANGELINI Sommario. In queste note vengono definite, analizzate e valutate le tipologie più comuni di contratti interest rate swap e si discute l importanza che i tassi swap

Dettagli

LA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO DEGLI ENTI PUBBLICI

LA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO DEGLI ENTI PUBBLICI LA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO DEGLI ENTI PUBBLICI A cura di Gian Nereo Mazzocco Verona, 11 febbraio 2006 La ristrutturazione del debito In base al D.M. 1.12.2003 n. 389 sono consentite le seguenti operazioni:

Dettagli

La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali

La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali Ufficio RM Versione 2.1 Indice Premessa... 3 a) Ambito... 3 b) Obiettivi... 3 1. Metodologia di calcolo

Dettagli

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2)

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) Novembre 2011 Università della Terza Età 1 Le Obbligazioni Le obbligazioni sono titoli di credito autonomo, rappresentativi di prestiti contratti presso il pubblico

Dettagli

SeDeX. Covered Warrant e Leverage Certificate

SeDeX. Covered Warrant e Leverage Certificate SeDeX Covered Warrant e Leverage Certificate Prodotti con effetto leva per accrescere il potenziale del proprio portafoglio. SeDeX Introduzione Questi prodotti amplificano al rialzo e al ribasso le performance

Dettagli

RISOLUZIONE N. 58/E. OGGETTO: Operazioni di asset swap su Obbligazioni Generali 6,5% 2010. Interpello art. 11 legge 27-7-2000, n. 212 XY S.p.A.

RISOLUZIONE N. 58/E. OGGETTO: Operazioni di asset swap su Obbligazioni Generali 6,5% 2010. Interpello art. 11 legge 27-7-2000, n. 212 XY S.p.A. RISOLUZIONE N. 58/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 marzo 2003 OGGETTO: Operazioni di asset swap su Obbligazioni Generali 6,5% 2010. Interpello art. 11 legge 27-7-2000, n. 212 XY S.p.A.

Dettagli

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale 6 parte Prof. Giovanna Lo Nigro # 1 I titoli derivati # 2 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl Argomenti trattati Tipologie

Dettagli

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets SeDeX, MOT ed EuroMOT Mauro Giangrande Borsa Italiana Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 2 Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 3 Mercato SeDeX SeDeX: il mercato telematico dei securitised derivatives SeDeX è il mercato

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Gli strumenti finanziari derivati 2 Gli strumenti

Dettagli

Opportunità di mercato e strategie operative nel breve periodo

Opportunità di mercato e strategie operative nel breve periodo La gestione dei rischi finanziari in tempo di crisi Opportunità di mercato e strategie operative nel breve periodo R e l a t o r e : N i c o l a F r a n c i a Obbligazioni Plain Vanilla Le obbligazioni

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

Reverse Convertible OPPURE

Reverse Convertible OPPURE Rischio Rischio Rischio Investor Education Emissioni L ingegnerizzazione di una : I diversi profili Covered Warrant.8.1.12.1.16.8.1.12.1.16 Obbligazioni Strutturate 2 Rendimento.16.1.12.1.8 Rendimento.16.1.12.1.8

Dettagli

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012 La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo 17 Maggio 2012 DEFINIZIONE DELL UNIVERSO INVESTIBILE UNIVERSO INVESTIBILE AZIONARIO OBBLIGAZIONARIO L acquisto di una azione o simil strumento

Dettagli