Unità 4: Interazioni efficaci nelle organizzazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Unità 4: Interazioni efficaci nelle organizzazioni"

Transcript

1 Unità 4: Interazioni efficaci nelle organizzazioni OH 1 Avere la prima diapositiva sullo schermo all'inizio dell'unità 5 min BENVENUTO E COLLEGAMENTO ALLA PRECEDENTE UNITÀ (FACOLTATIVO) Benvenuto ai partecipanti al corso. Chiedere se vi sono domande o commenti sulla precedente unità. Chiedere se è presente qualche partecipante che ha già avuto l'opportunità di implementare elementi delle precedente unità nel suo contesto professionale. 10 min INFORMAZIONI SU QUESTA UNITÀ (GESTIRE LE ASPETTATIVE DEI PARTECIPANTI - PARTE FACOLTATIVA) OH 2 e 3 Mostrare le diapositive 2 e 3 1

2 Scorrere le diapositive con l'agenda e i risultati attesi dell'unità. Collegare gli argomenti di questa unità a quelli delle unità precedenti. Nella precedente unità, è stato analizzato il concetto di resistenza. Abbiamo imparato che la resistenza è inevitabile nei processi di cambiamento. È il risultato di un campo di tensione tra il processo lineare del cambiamento organizzativo da un lato e il processo ciclico del cambiamento comportamentale dall altro. Ma se gestita positivamente, riconoscendola tempestivamente, non negandola, ascoltando e costruendo su di essa in maniera positiva, la resistenza può essere usata per garantire il successo dell implementazione del progetto di cambiamento. A tal fine, sono essenziali abilità di comunicazione e interazione efficaci. Le abilità di comunicazione e interazione sono, quindi, uno dei due punti centrali di questa unità. L altra parte (iniziale) della quarta unità presenta ai partecipanti il concetto di leadership. Nei processi di cambiamento i manager giocano ruoli molto importanti e hanno un ampio impatto sul successo del processo di cambiamento. Tuttavia, non tutti i manager sono leader. Ciò che è necessario per essere un leader (un manager che genera consenso in tutte le parti coinvolte e ottiene l impegno delle persone e dei gruppi chiave al progetto) e gestire con successo il cambiamento è spiegato nella prima parte di questa unità. Discuteremo dei fondamenti della leadership in generale nonché dei ruoli e delle funzioni dei leader nei processi di cambiamento. Se vi state confrontando con partecipanti che non stanno esattamente gestendo il cambiamento o che non ritengono di avere la gestione del processo, dire loro che impareranno che ci sono sempre delle situazioni (esplorarne alcune insieme a loro) che richiedono che essi si comportino da leader e che trarranno sicuramente beneficio dalla seconda parte dell unità. 2

3 90 min INTRODUZIONE ALLA LEADERSHIP E ALLA LEADERSHIP NEL CAMBIAMENTO (25 min) Presentazione OH 4 Presentare la diapositiva 4 Spiegare che i leader sono di estrema importanza in un processo di cambiamento. Se i leader non supportano attivamente e visibilmente il processo di cambiamento, i dipendenti e le altre parti coinvolte non daranno certamente il loro consenso al processo di cambiamento. I leader possono anche avere un impatto negativo sul processo di cambiamento: ad esempio quando non comunicano bene in merito al cambiamento. La cattiva comunicazione porterà resistenza, confusione e inefficacia. Dato che la leadership è un elemento fondamentale della gestione del cambiamento, i partecipanti impareranno innanzitutto cos è la leadership in termini generali. Dopo questa introduzione generale, verrà spiegata la leadership nel contesto del cambiamento. Spiegare che ci sono due tipi di comportamento nella leadership: comportamento orientato alla relazione oppure all attività. L orientamento all attività significa che il risultato dell attività è percepito come più importante. Un leader che si concentra più sulle attività che sulle relazioni farà grandi sforzi per garantire che il suo team abbia successo nell attività da svolgere. Per questo leader è di primaria importanza cosa si ottiene e non come lo si ottiene. Per il leader orientato all attività i mezzi sono giustificati dal fine. In alternativa, il leader che mostra un comportamento orientato alle relazioni dà importanza all interazione e alla relazione tra lui/lei e il team, nonché all interno del team. Il leader orientato alla relazione prende in considerazione le opinioni dei membri del team e cerca di fare 3

4 in modo che tutti siano soddisfatti della loro situazione lavorativa. L orientamento alla relazione significa che l attenzione viene posta sulle condizioni in cui le attività vengono svolte. Un leader orientato alla relazione può non considerare un attività un successo se, nonostante la qualità del risultato, i membri del team non hanno lavorato insieme, erano in conflitto, ecc. Spiegare che il comportamento orientato all attività non esclude il comportamento orientato alla relazione e viceversa. Per determinare lo stile di leadership dei leader occorre analizzare le loro esigenze sia del comportamento orientato all'attività sia di quello orientato alla relazione. Quando i due tipi di leadership si combinano, possiamo distinguere tra quattro stili di leadership. OH 5 Presentare la diapositiva 5 Spiegare l Ohio State Leadership Model. Un leader ha uno stile direttivo quando è altamente orientato all attività e poco alla relazione. Egli guida i membri del suo team con determinazione nella direzione che egli considera essere corretta per il raggiungimento del risultato; non presta molta attenzione alle relazioni tra i membri del team. La combinazione di comportamenti altamente orientati all attività e alla relazione porta a uno stile di leadership partecipativo. Questo tipo di leadership permetterà la partecipazione ma è ancora focalizzato sull attività da svolgere. Un leader democratico non mostra molto orientamento all attività ma è molto focalizzato sulle relazioni. Considera le opinioni dei membri del suo team e si assicura che tutti si sentano a proprio agio. Il raggiungimento di 4

5 risultati immediati con riferimento all attività è di minor importanza rispetto alla creazione di buone relazioni. Infine, i leader che non dimostrano un comportamento orientato all attività e nemmeno orientato alla relazione sono definiti leader deleganti. Trasferiscono molta della responsabilità sulle persone che gerarchicamente rispondono a lui. OH 6 Presentare la diapositiva 6 Spiegare che spesso i leader seguono uno stile particolare di leadership che adottano nella maggioranza delle situazioni. Questo non significa tuttavia che non siano capaci o disposti a usufruire di altri stili. Molti leader si spostano facilmente da un stile all altro. Nei processi di cambiamento è, infatti, importante essere in grado di usare differenti stili a seconda della situazione. Un fattore dipendente dalla situazione che può influenzare lo stile di leadership è costituito dalle esigenze dei dipendenti. I neoassunti hanno spesso bisogno di uno stile più direttivo in quanto hanno ancora molto da imparare. In questo caso uno stile delegante sarebbe meno indicato. Altri fattori situazionali quali la dimensione dell organizzazione e la cultura e struttura aziendale possono giocare un ruolo nella determinazione dello stile del leader. Ad esempio, i leader adotteranno probabilmente uno stile direttivo se sono profondamente radicate nella cultura aziendale una gerarchia rigida e il controllo delle persone. Sarà difficile per tali leader adattare il loro stile di leadership alle varie situazioni. Spiegare che la leadership situazionale è anche richiesta, in misura ancora maggiore, durante un processo di cambiamento. Come abbiamo visto nelle unità precedenti, può diminuire la motivazione delle persone e possono manifestarsi dei conflitti. In tal caso, potrebbe essere opportuno per i 5

6 leader adottare uno stile democratico che dia più importanza al recupero delle relazioni, della fiducia e della motivazione. Nei casi in cui vi è una forte motivazione ma il lavoro non stia producendo i risultati desiderati, i leader dovranno adottare uno stile più direttivo e dare alle persone istruzioni chiare. (30 min) Esercizio di gruppo (U4.1) OH 7 Presentare la diapositiva 7 Obiettivo: Identificare i differenti stili di leadership nel proprio ambiente ed essere in grado di valutarne l'efficacia. Strumenti: Lavagna a fogli mobili e evidenziatori. Procedura: Fase 1 (5 min): Dividere il gruppo in piccoli gruppi (da 3 a 4 persone massimo). Fase 2 (5 min): Permettere ai partecipanti di pensare individualmente alle domande e scrivere le loro risposte. Fase 3 (10 min): I membri del gruppo espongono agli altri ciò che hanno scritto, discutono le loro risposte e scrivono le risposte collegiali sui fogli della lavagna. Fase 4 (10 min): L'istruttore inizia una conversazione con tutto il gruppo ponendo delle domande. Chiede chi vuole condividere il proprio esempio con tutto il gruppo. Analizza l esempio proposto insieme al gruppo. Continua a ripetere la sua domanda finché non sia stato discusso almeno un esempio di ognuno degli stili di leadership. 6

7 (30 min) Presentazione OH 8 Presentare la diapositiva 8 Spiegare che la gestione e la leadership differiscono l una dall altra. Questo non significa che la gestione esclude la leadership e viceversa: sono complementari. Nei processi di cambiamento, dove il processo razionale e lineare incontra quello emotivo e ciclico, sono importanti sia la gestione che la leadership. I processi di cambiamento falliranno, tuttavia, per la mancanza di leader validi. La gestione si occupa della complessità (manager validi portano ordine e consistenza nell organizzazione), mentre la leadership si occupa del cambiamento. I veri leader impostano la direzione da seguire nei processi di cambiamento. Raccolgono un ampia gamma di dati e cercano degli schemi per creare la visione e le strategie. In questo modo, tutti i dipendenti sapranno quale direzione l organizzazione intende prendere e quali cambiamenti verranno apportati. I leader tengono anche unite le persone. Le persone sono interdipendenti; durante i processi di cambiamento diventa una sfida allineare le risorse umane e fare in modo che si muovano tutte nella stessa direzione. I leader allineano le parti coinvolte, tra le altre cose, parlando loro e cercando di far loro comprendere la visione di un futuro diverso. I leader sono anche capaci di motivare le persone. Questo è importante poiché la motivazione garantirà che le persone abbiano l energia per superare gli ostacoli. 7

8 Spiegare che una buona leadership (nei processi di cambiamento) non implica solo l orientamento all attività, ma anche e in particolare una focalizzazione sulle relazioni umane. I leader dei processi di cambiamento di successo adotteranno per lo più uno stile di leadership partecipativo o democratico (vedere l'ohio State Leadership Model). Quindi, i leader necessitano di abilità con le persone : devono sapere trattare le persone, motivarle, stimolarle e comunicare con loro. OH 9 e 10 Presentare le diapositive 9 e 10 Fare riferimento al modello Kotter presentato nell unità 3. Spiegare che questo modello fu introdotto per gestire la resistenza ma esso riflette anche i differenti compiti dei leader nei processi di cambiamento. Nella prima fase del processo di cambiamento, secondo Kotter, i leader non solo devono essi stessi vedere e comprendere il bisogno di cambiamento ma devono anche convincere tutte le parti coinvolte principali di questa necessità. Senza il supporto dei leader 8

9 dell organizzazione, gli iniziatori del processo di cambiamento non saranno in grado di convincere i loro colleghi e i partner a partecipare. Con riferimento alla seconda fase (costruire il team che guida il processo di cambiamento) è importante includere alcuni dei leader nel team di guida del cambiamento. È cruciale per la credibilità del processo di cambiamento che le persone agli alti livelli della gerarchia dell organizzazione siano percepiti come impegnati nel processo di cambiamento. Quando i leader non investono tempo ed energia nel processo di cambiamento, il cambiamento sarà percepito come non importante e le persone (nei livelli più bassi della gerarchia o esterni all organizzazione) non saranno inclini a contribuire. Sarà ovvio che la visione e la direzione di un processo di cambiamento sono solitamente definite dai leader dell organizzazione. È loro compito definire i piani per il futuro. È anche compito dei leader organizzare riunioni e usare altri canali di comunicazione per fornire chiare informazioni a tutte le parti coinvolte, durante tutte le fasi del processo di cambiamento. I leader devono anche essere di esempio e tradurre le loro parole in azioni concrete (fare ciò che dicono). In tal modo, altre persone saranno più disposte a seguire il loro esempio. I processi di cambiamento non significano nulla se non sono presenti le condizioni per iniziare azioni concrete per realizzare gli obiettivi del processo di cambiamento. I leader devono assicurare che tutti gli ostacoli per realizzare le azioni concrete siano rimossi. Per esempio, devono fornire il budget per le attività, occuparsi della formazione del personale, adattare l infrastruttura, installare nuovo software, ecc. Nella sesta fase del modello di cambiamento di Kotter, i leader entrano in gioco per pianificare gli obiettivi a breve termine. Oltre a focalizzarsi sull obiettivo a lungo termine del progetto di cambiamento, devono definire altri obiettivi intermedi più facilmente raggiungibili. Inoltre, i leader hanno la responsabilità di dare visibilità ai successi di breve termine all interno e all'esterno dell'organizzazione (ad esempio pubblicandoli nella newsletter aziendale o rilasciando un comunicato stampa) e di festeggiare questi piccoli successi. Nella settima fase, i leader devono garantire che il processo non si fermi una volta raggiunto il primo obiettivo a breve termine. Hanno in mente una prospettiva a lungo termine e devono presentarla in modo coerente e consistente a tutta l organizzazione e alle sue parti coinvolte. Infine, i leader sono importanti per consolidare i cambiamenti nell organizzazione. Quando i leader non prestano sufficiente attenzione ai cambiamenti attuati e non li integrano nelle procedure (inserirli nei sistemi organizzativi), le persone perderanno l'attenzione e l interesse e ritorneranno velocemente alle loro procedure. I leader devono essere 9

10 (15 min) Esercizio consapevoli del costante bisogno di cambiamento in un organizzazione. Un altra funzione dei leader è mostrare il legame tra gli sforzi fatti e i benefici che hanno portato all organizzazione. In tal modo, le persone si convinceranno del valore del processo di cambiamento e saranno più disposte a consolidare il cambiamento e/o a impegnarsi più facilmente in nuovi processi di cambiamento. OH 11 Presentare la diapositiva 11 Chiedere ai partecipanti di formare delle coppie. Chiedere loro di pensare al processo di cambiamento nella loro organizzazione. Farli discutere in merito alle domande e scrivere le risposte. Chiedere a tre o quattro persone di presentare i risultati della discussione. Fornire un commento. 20 min UN INTRODUZIONE AI PROCESSI DI COMUNICAZIONE: LO SCHEMA DI JOHARI Spiegare ai partecipanti che per poter gestire efficacemente le emozioni che emergono nel corso di un processo di cambiamento (le emozioni che hanno origine dal lato umano dei processi di cambiamento) è cruciale avere efficaci abilità di comunicazione. Ovviamente, i leader hanno bisogno di abilità forti di comunicazione per spiegare la visione, chiarire le azioni pianificate e motivare le persone Se non siete parte dei decisori nella gerarchia della vostra organizzazione, sperimenterete alcune o tutte le emozioni della curva del cambiamento. Avere la capacità di comunicare queste sensazioni in modo efficace e di ricevere di buon grado commenti sul proprio comportamento, migliorerà significativamente la qualità della vostra esperienza nel processo di cambiamento. 10

11 Joseph Luft e Harry Ingham, due ricercatori americani, hanno sviluppato il loro schema Johari che spiega la relazione tra due importanti processi nella comunicazione e interazione personali: commento e auto-rivelazione (comunicazione efficace, assertiva). OH 12 Presentare la diapositiva 12 Spiegare la diapositiva ai partecipanti. È meglio spiegare la diapositiva con un esempio: l interazione tra voi in quanto istruttore e uno dei partecipanti: In tale interazione vi sono molte informazioni che voi sapete di voi stessi e che il partecipante sa di voi. Probabilmente entrambi conoscete il nome dell altro e l esperienza lavorativa. Forse, visto che siete già alla quarta unità, saprete entrambi se l altro ha figli, dove vive, quali sono i suoi hobby, ecc. Queste informazioni condivise sono chiamate zona conosciuta nello schema di Johari. Tra un istruttore e un partecipante a un corso la zona conosciuta non è molto ampia: in un contesto formativo questo non è un problema. Ma immaginate cosa succederebbe se sapeste solo queste poche cose del vostro collega diretto, forse il cliente (per il quale dovrete trovare un lavoro adatto nel mercato libero del lavoro). Nell interazione tra voi in quanto istruttore e un partecipante possono esserci delle informazioni che il partecipante sa di voi ma che voi non conoscete di voi stessi. Ad esempio, siete una persona nervosa che batte sempre i piedi. Di fatto voi non vi rendete conto di battere i piedi di fronte alla classe, ma i partecipanti lo notano e quindi vi giudicano una persona nervosa e incerta. Quest'area di informazioni a voi sconosciute è chiamata il vostro punto cieco. Se il partecipante commenta il vostro comportamento nervoso ve ne renderete conto e sarete in grado di agire di conseguenza. Quindi, a fronte dei commenti forniti, le informazioni si spostano dal vostro punto cieco alla zona conosciuta. La collaborazione e la comunicazione tra voi e il partecipante migliorerà. 11

12 Nell interazione tra voi in quanto istruttore e un partecipante ci sono anche informazioni che sapete di voi stessi e che non avete condiviso con i partecipanti. Finché le informazioni non condivise restano personali (fatti o sensazioni) e non importanti per il partecipante, non avranno impatto significativo sulla vostra attività. Si verificheranno dei problemi, invece, qualora non condividiate informazioni importanti con il partecipante. Ad esempio: non vi piace che i partecipanti usino i cellulari o desiderate che pongano domande e siano interattivi. È probabile che i partecipanti usino i cellulari o evitino di fare domande, senza sapere che a voi ciò non piace e, di conseguenza, l interazione tra loro e voi risulterà compromessa. Questo tipo di informazioni è chiamato zona privata. Condividendola con altri (auto-rivelazione assertività), aiutate le persone a capirvi meglio: la zona conosciuta aumenterà e verranno favorite la comunicazione e l interazione. Nell ultimo riquadro zona inconscia risiedono le informazioni sconosciute a voi e ai partecipanti. La vostra zona inconscia non influenza l interazione con gli altri nella stessa misura degli altri riquadri dello schema Johari. È tuttavia possibile che tramite la vostra interazione con gli altri voi impariate cose che prima appartenevano al regno dell inconscio. OH 13 Presentare la diapositiva 13 Spiegare ai partecipanti che per implementare efficacemente i processi di cambiamento, è importante espandere quanto più possibile la zona conosciuta tra voi e tutte le parti coinvolte. A tal fine è cruciale mantenere un buon equilibrio tra il fare e ricevere commenti da un lato, e dall altro lato dare sufficienti informazioni in merito al processo di cambiamento, i suoi obiettivi e le vostre aspettative, preoccupazioni e sensazioni. 12

13 Nel seguito ci concentreremo sugli ultimi aspetti della comunicazione e interazione personali. 40 min FARE E RICEVERE COMMENTI (10 min) Presentazione OH 14 Presentare la diapositiva 14 Spiegare la diapositiva e fare esempi. Esempio di dire ciò che veramente si vede: Dire: Ti ho visto telefonare durante la riunione". Non dire: Non sei interessato visto che telefonavi durante la riunione. Esempio di commento concreto e specifico: Dire: Non mi piace quando telefoni durante la riunione. Non dire: Non mi piace il tuo comportamento. Esempio di commento sul comportamento che può essere cambiato: Dire: Non mi piace quando telefoni durante la riunione. Non dire: Non sopporto che tu batta le ciglia così tanto. Esempio di commento senza ritardo: Fare: Dare il commento immediatamente dopo la telefonata. Non fare: Dare il commento due giorni dopo la telefonata. OH 15 Presentare la diapositiva 15 13

14 Spiegare la diapositiva e fare esempi. Esempio di spiegazione degli effetti: Dire: Mi sembra che tu non sia interessato a me e alla mia storia quando telefoni durante le nostre conversazioni. Non dire: Non telefonare durante le nostre conversazioni. Esempio di commento descrittivo e positivo: Dire: Lo schema della tua presentazione è molto chiaro grazie alle diapositive ben fatte che hai usato. Non dire: Mi è piaciuta la tua presentazione. OH 16 Presentare la diapositiva 16 Spiegare la diapositiva, fare quanti più esempi possibile e dare alle persone l opportunità di fare domande. 14

15 Esempio di accettazione di un commento: Apprezzo che tu mi abbia fatto questo commento". Esempio di domanda per avere chiarimenti sul commento: Non capisco esattamente cosa intendi. Puoi descrivermi quale comportamento ti disturba? Esempio di reazione diretta e costruttiva: Dire: Ti ringrazio del commento. non mi rendevo conto di farlo. Non dire: Non è vero! (30 min) ESERCIZIO INTERATTIVO DI GRUPPO (U4.2) OH 17 Presentare la diapositiva 17 Obiettivo: Essere in grado di fare e ricevere commenti. Strumenti: Carta, penna e una stampa della lista dei commenti per ogni persona (U4.2) Procedura: Fase 1 (5 min): Spiegare il compito e dividere il gruppo in coppie. Fase 2 (10 min): Permettere ai partecipanti di scrivere 5 situazioni, tratte dal loro contesto professionale, nelle quali non è piaciuto il comportamento di un collega, un cliente, un superiore, un dipendente, un genitore, ecc.. Fase 3 (10 min): Una persona di ogni coppia descrive brevemente la situazione e il comportamento inopportuno del collega, cliente, superiore, ecc. Fornisce poi un commento all altro membro della coppia come se 15

16 quest ultimo fosse colui che ha manifestato il comportamento inadeguato. Il compagno deve ricevere il commento. Una volta recitate le cinque situazioni, chi ha dato e ricevuto i commenti compila la checklist e si scambiano i risultati. I ruoli vengono poi scambiati. L istruttore si muove nella classe, osserva e interviene quando necessario. Fase 4 (5 min): L istruttore avvia una conversazione con tutto il gruppo: chiede se l esercizio è stato difficile; invita i partecipanti a riassumere le loro conclusioni; fornisce un commento. 10 min CONCLUSIONE E VALUTAZIONE DELL'UNITÀ (FACOLTATIVO) Al termine di ogni unità, è buona norma riepilogare i differenti punti affrontati e offrire alle persone l'opportunità di personalizzare il contenuto dell'unità. Potete farlo in modi diversi. Una possibilità è quella di compilare la Griglia di miglioramento dell'esecuzione (Pig = Performance Improvement Grid). OH18 Presentare la diapositiva 18 Disegnare una PIG su una lavagna a fogli mobili o affiggere alla parete un grande foglio di carta (A1) con una versione stampata della PIG. Consegnare alle persone dei post-it. Chiedere di scrivere sui post-it (sulla base di ciò che hanno appreso durante questa unità) ciò che essi smetteranno, inizieranno, continueranno, cambieranno come professionisti dell inserimento lavorativo assistito, promuovendo l impiego assistito/inclusivo e cambiando la mentalità della gente affinché lo accetti. FINE DELL'UNITÀ 4 16

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Proprietà semplici della comunicazione Un essere umano è coinvolto fin dall inizio della sua esistenza in un complesso

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE Se sei una persona depressa le informazioni che verranno di seguito fornite ti aiuteranno a capire meglio la tua depressione e ad iniziare a fare qualcosa per affrontarla.

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

ma quanto è antico quest osso?

ma quanto è antico quest osso? ATTIVITÀ: ma quanto è antico quest osso? LIVELLO SCOLARE: primo biennio della scuola secondaria di secondo grado PREREQUISITI: lettura e costruzione di grafici, concetti di base di statistica modello atomico,

Dettagli

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS La LEADERSHIP nei piccoli gruppi Uno degli aspetti più studiati nella dinamica di gruppo è, probabilmente, la leadership, vale a dire l esercizio del comando, la funzione di guida che una persona assume

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando?

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando? Nationale Plattform Naturgefahren PLANAT Plate-forme nationale "Dangers naturels" Plattaforma nazionale "Pericoli naturali" National Platform for Natural Hazards c/o BAFU, 3003 Berna Tel. +41 31 324 17

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

CURSOS AVE CON TUTOR

CURSOS AVE CON TUTOR CURSOS AVE CON TUTOR DOMANDE PIÙ FREQUENTI (FAQ) A che ora ed in quali giorni sono fissate le lezioni? Dal momento in cui riceverai le password di accesso al corso sei libero di entrare quando (24/24)

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Corso formazione genitori - FISDE

Corso formazione genitori - FISDE Corso formazione genitori - FISDE FISDE Tutti i diritti sono riservati E vietata la riproduzione diretta o indiretta, totale o parziale, temporanea o permanente. che cosa fa di un problema un problema?

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli