Unità 4: Interazioni efficaci nelle organizzazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Unità 4: Interazioni efficaci nelle organizzazioni"

Transcript

1 Unità 4: Interazioni efficaci nelle organizzazioni OH 1 Avere la prima diapositiva sullo schermo all'inizio dell'unità 5 min BENVENUTO E COLLEGAMENTO ALLA PRECEDENTE UNITÀ (FACOLTATIVO) Benvenuto ai partecipanti al corso. Chiedere se vi sono domande o commenti sulla precedente unità. Chiedere se è presente qualche partecipante che ha già avuto l'opportunità di implementare elementi delle precedente unità nel suo contesto professionale. 10 min INFORMAZIONI SU QUESTA UNITÀ (GESTIRE LE ASPETTATIVE DEI PARTECIPANTI - PARTE FACOLTATIVA) OH 2 e 3 Mostrare le diapositive 2 e 3 1

2 Scorrere le diapositive con l'agenda e i risultati attesi dell'unità. Collegare gli argomenti di questa unità a quelli delle unità precedenti. Nella precedente unità, è stato analizzato il concetto di resistenza. Abbiamo imparato che la resistenza è inevitabile nei processi di cambiamento. È il risultato di un campo di tensione tra il processo lineare del cambiamento organizzativo da un lato e il processo ciclico del cambiamento comportamentale dall altro. Ma se gestita positivamente, riconoscendola tempestivamente, non negandola, ascoltando e costruendo su di essa in maniera positiva, la resistenza può essere usata per garantire il successo dell implementazione del progetto di cambiamento. A tal fine, sono essenziali abilità di comunicazione e interazione efficaci. Le abilità di comunicazione e interazione sono, quindi, uno dei due punti centrali di questa unità. L altra parte (iniziale) della quarta unità presenta ai partecipanti il concetto di leadership. Nei processi di cambiamento i manager giocano ruoli molto importanti e hanno un ampio impatto sul successo del processo di cambiamento. Tuttavia, non tutti i manager sono leader. Ciò che è necessario per essere un leader (un manager che genera consenso in tutte le parti coinvolte e ottiene l impegno delle persone e dei gruppi chiave al progetto) e gestire con successo il cambiamento è spiegato nella prima parte di questa unità. Discuteremo dei fondamenti della leadership in generale nonché dei ruoli e delle funzioni dei leader nei processi di cambiamento. Se vi state confrontando con partecipanti che non stanno esattamente gestendo il cambiamento o che non ritengono di avere la gestione del processo, dire loro che impareranno che ci sono sempre delle situazioni (esplorarne alcune insieme a loro) che richiedono che essi si comportino da leader e che trarranno sicuramente beneficio dalla seconda parte dell unità. 2

3 90 min INTRODUZIONE ALLA LEADERSHIP E ALLA LEADERSHIP NEL CAMBIAMENTO (25 min) Presentazione OH 4 Presentare la diapositiva 4 Spiegare che i leader sono di estrema importanza in un processo di cambiamento. Se i leader non supportano attivamente e visibilmente il processo di cambiamento, i dipendenti e le altre parti coinvolte non daranno certamente il loro consenso al processo di cambiamento. I leader possono anche avere un impatto negativo sul processo di cambiamento: ad esempio quando non comunicano bene in merito al cambiamento. La cattiva comunicazione porterà resistenza, confusione e inefficacia. Dato che la leadership è un elemento fondamentale della gestione del cambiamento, i partecipanti impareranno innanzitutto cos è la leadership in termini generali. Dopo questa introduzione generale, verrà spiegata la leadership nel contesto del cambiamento. Spiegare che ci sono due tipi di comportamento nella leadership: comportamento orientato alla relazione oppure all attività. L orientamento all attività significa che il risultato dell attività è percepito come più importante. Un leader che si concentra più sulle attività che sulle relazioni farà grandi sforzi per garantire che il suo team abbia successo nell attività da svolgere. Per questo leader è di primaria importanza cosa si ottiene e non come lo si ottiene. Per il leader orientato all attività i mezzi sono giustificati dal fine. In alternativa, il leader che mostra un comportamento orientato alle relazioni dà importanza all interazione e alla relazione tra lui/lei e il team, nonché all interno del team. Il leader orientato alla relazione prende in considerazione le opinioni dei membri del team e cerca di fare 3

4 in modo che tutti siano soddisfatti della loro situazione lavorativa. L orientamento alla relazione significa che l attenzione viene posta sulle condizioni in cui le attività vengono svolte. Un leader orientato alla relazione può non considerare un attività un successo se, nonostante la qualità del risultato, i membri del team non hanno lavorato insieme, erano in conflitto, ecc. Spiegare che il comportamento orientato all attività non esclude il comportamento orientato alla relazione e viceversa. Per determinare lo stile di leadership dei leader occorre analizzare le loro esigenze sia del comportamento orientato all'attività sia di quello orientato alla relazione. Quando i due tipi di leadership si combinano, possiamo distinguere tra quattro stili di leadership. OH 5 Presentare la diapositiva 5 Spiegare l Ohio State Leadership Model. Un leader ha uno stile direttivo quando è altamente orientato all attività e poco alla relazione. Egli guida i membri del suo team con determinazione nella direzione che egli considera essere corretta per il raggiungimento del risultato; non presta molta attenzione alle relazioni tra i membri del team. La combinazione di comportamenti altamente orientati all attività e alla relazione porta a uno stile di leadership partecipativo. Questo tipo di leadership permetterà la partecipazione ma è ancora focalizzato sull attività da svolgere. Un leader democratico non mostra molto orientamento all attività ma è molto focalizzato sulle relazioni. Considera le opinioni dei membri del suo team e si assicura che tutti si sentano a proprio agio. Il raggiungimento di 4

5 risultati immediati con riferimento all attività è di minor importanza rispetto alla creazione di buone relazioni. Infine, i leader che non dimostrano un comportamento orientato all attività e nemmeno orientato alla relazione sono definiti leader deleganti. Trasferiscono molta della responsabilità sulle persone che gerarchicamente rispondono a lui. OH 6 Presentare la diapositiva 6 Spiegare che spesso i leader seguono uno stile particolare di leadership che adottano nella maggioranza delle situazioni. Questo non significa tuttavia che non siano capaci o disposti a usufruire di altri stili. Molti leader si spostano facilmente da un stile all altro. Nei processi di cambiamento è, infatti, importante essere in grado di usare differenti stili a seconda della situazione. Un fattore dipendente dalla situazione che può influenzare lo stile di leadership è costituito dalle esigenze dei dipendenti. I neoassunti hanno spesso bisogno di uno stile più direttivo in quanto hanno ancora molto da imparare. In questo caso uno stile delegante sarebbe meno indicato. Altri fattori situazionali quali la dimensione dell organizzazione e la cultura e struttura aziendale possono giocare un ruolo nella determinazione dello stile del leader. Ad esempio, i leader adotteranno probabilmente uno stile direttivo se sono profondamente radicate nella cultura aziendale una gerarchia rigida e il controllo delle persone. Sarà difficile per tali leader adattare il loro stile di leadership alle varie situazioni. Spiegare che la leadership situazionale è anche richiesta, in misura ancora maggiore, durante un processo di cambiamento. Come abbiamo visto nelle unità precedenti, può diminuire la motivazione delle persone e possono manifestarsi dei conflitti. In tal caso, potrebbe essere opportuno per i 5

6 leader adottare uno stile democratico che dia più importanza al recupero delle relazioni, della fiducia e della motivazione. Nei casi in cui vi è una forte motivazione ma il lavoro non stia producendo i risultati desiderati, i leader dovranno adottare uno stile più direttivo e dare alle persone istruzioni chiare. (30 min) Esercizio di gruppo (U4.1) OH 7 Presentare la diapositiva 7 Obiettivo: Identificare i differenti stili di leadership nel proprio ambiente ed essere in grado di valutarne l'efficacia. Strumenti: Lavagna a fogli mobili e evidenziatori. Procedura: Fase 1 (5 min): Dividere il gruppo in piccoli gruppi (da 3 a 4 persone massimo). Fase 2 (5 min): Permettere ai partecipanti di pensare individualmente alle domande e scrivere le loro risposte. Fase 3 (10 min): I membri del gruppo espongono agli altri ciò che hanno scritto, discutono le loro risposte e scrivono le risposte collegiali sui fogli della lavagna. Fase 4 (10 min): L'istruttore inizia una conversazione con tutto il gruppo ponendo delle domande. Chiede chi vuole condividere il proprio esempio con tutto il gruppo. Analizza l esempio proposto insieme al gruppo. Continua a ripetere la sua domanda finché non sia stato discusso almeno un esempio di ognuno degli stili di leadership. 6

7 (30 min) Presentazione OH 8 Presentare la diapositiva 8 Spiegare che la gestione e la leadership differiscono l una dall altra. Questo non significa che la gestione esclude la leadership e viceversa: sono complementari. Nei processi di cambiamento, dove il processo razionale e lineare incontra quello emotivo e ciclico, sono importanti sia la gestione che la leadership. I processi di cambiamento falliranno, tuttavia, per la mancanza di leader validi. La gestione si occupa della complessità (manager validi portano ordine e consistenza nell organizzazione), mentre la leadership si occupa del cambiamento. I veri leader impostano la direzione da seguire nei processi di cambiamento. Raccolgono un ampia gamma di dati e cercano degli schemi per creare la visione e le strategie. In questo modo, tutti i dipendenti sapranno quale direzione l organizzazione intende prendere e quali cambiamenti verranno apportati. I leader tengono anche unite le persone. Le persone sono interdipendenti; durante i processi di cambiamento diventa una sfida allineare le risorse umane e fare in modo che si muovano tutte nella stessa direzione. I leader allineano le parti coinvolte, tra le altre cose, parlando loro e cercando di far loro comprendere la visione di un futuro diverso. I leader sono anche capaci di motivare le persone. Questo è importante poiché la motivazione garantirà che le persone abbiano l energia per superare gli ostacoli. 7

8 Spiegare che una buona leadership (nei processi di cambiamento) non implica solo l orientamento all attività, ma anche e in particolare una focalizzazione sulle relazioni umane. I leader dei processi di cambiamento di successo adotteranno per lo più uno stile di leadership partecipativo o democratico (vedere l'ohio State Leadership Model). Quindi, i leader necessitano di abilità con le persone : devono sapere trattare le persone, motivarle, stimolarle e comunicare con loro. OH 9 e 10 Presentare le diapositive 9 e 10 Fare riferimento al modello Kotter presentato nell unità 3. Spiegare che questo modello fu introdotto per gestire la resistenza ma esso riflette anche i differenti compiti dei leader nei processi di cambiamento. Nella prima fase del processo di cambiamento, secondo Kotter, i leader non solo devono essi stessi vedere e comprendere il bisogno di cambiamento ma devono anche convincere tutte le parti coinvolte principali di questa necessità. Senza il supporto dei leader 8

9 dell organizzazione, gli iniziatori del processo di cambiamento non saranno in grado di convincere i loro colleghi e i partner a partecipare. Con riferimento alla seconda fase (costruire il team che guida il processo di cambiamento) è importante includere alcuni dei leader nel team di guida del cambiamento. È cruciale per la credibilità del processo di cambiamento che le persone agli alti livelli della gerarchia dell organizzazione siano percepiti come impegnati nel processo di cambiamento. Quando i leader non investono tempo ed energia nel processo di cambiamento, il cambiamento sarà percepito come non importante e le persone (nei livelli più bassi della gerarchia o esterni all organizzazione) non saranno inclini a contribuire. Sarà ovvio che la visione e la direzione di un processo di cambiamento sono solitamente definite dai leader dell organizzazione. È loro compito definire i piani per il futuro. È anche compito dei leader organizzare riunioni e usare altri canali di comunicazione per fornire chiare informazioni a tutte le parti coinvolte, durante tutte le fasi del processo di cambiamento. I leader devono anche essere di esempio e tradurre le loro parole in azioni concrete (fare ciò che dicono). In tal modo, altre persone saranno più disposte a seguire il loro esempio. I processi di cambiamento non significano nulla se non sono presenti le condizioni per iniziare azioni concrete per realizzare gli obiettivi del processo di cambiamento. I leader devono assicurare che tutti gli ostacoli per realizzare le azioni concrete siano rimossi. Per esempio, devono fornire il budget per le attività, occuparsi della formazione del personale, adattare l infrastruttura, installare nuovo software, ecc. Nella sesta fase del modello di cambiamento di Kotter, i leader entrano in gioco per pianificare gli obiettivi a breve termine. Oltre a focalizzarsi sull obiettivo a lungo termine del progetto di cambiamento, devono definire altri obiettivi intermedi più facilmente raggiungibili. Inoltre, i leader hanno la responsabilità di dare visibilità ai successi di breve termine all interno e all'esterno dell'organizzazione (ad esempio pubblicandoli nella newsletter aziendale o rilasciando un comunicato stampa) e di festeggiare questi piccoli successi. Nella settima fase, i leader devono garantire che il processo non si fermi una volta raggiunto il primo obiettivo a breve termine. Hanno in mente una prospettiva a lungo termine e devono presentarla in modo coerente e consistente a tutta l organizzazione e alle sue parti coinvolte. Infine, i leader sono importanti per consolidare i cambiamenti nell organizzazione. Quando i leader non prestano sufficiente attenzione ai cambiamenti attuati e non li integrano nelle procedure (inserirli nei sistemi organizzativi), le persone perderanno l'attenzione e l interesse e ritorneranno velocemente alle loro procedure. I leader devono essere 9

10 (15 min) Esercizio consapevoli del costante bisogno di cambiamento in un organizzazione. Un altra funzione dei leader è mostrare il legame tra gli sforzi fatti e i benefici che hanno portato all organizzazione. In tal modo, le persone si convinceranno del valore del processo di cambiamento e saranno più disposte a consolidare il cambiamento e/o a impegnarsi più facilmente in nuovi processi di cambiamento. OH 11 Presentare la diapositiva 11 Chiedere ai partecipanti di formare delle coppie. Chiedere loro di pensare al processo di cambiamento nella loro organizzazione. Farli discutere in merito alle domande e scrivere le risposte. Chiedere a tre o quattro persone di presentare i risultati della discussione. Fornire un commento. 20 min UN INTRODUZIONE AI PROCESSI DI COMUNICAZIONE: LO SCHEMA DI JOHARI Spiegare ai partecipanti che per poter gestire efficacemente le emozioni che emergono nel corso di un processo di cambiamento (le emozioni che hanno origine dal lato umano dei processi di cambiamento) è cruciale avere efficaci abilità di comunicazione. Ovviamente, i leader hanno bisogno di abilità forti di comunicazione per spiegare la visione, chiarire le azioni pianificate e motivare le persone Se non siete parte dei decisori nella gerarchia della vostra organizzazione, sperimenterete alcune o tutte le emozioni della curva del cambiamento. Avere la capacità di comunicare queste sensazioni in modo efficace e di ricevere di buon grado commenti sul proprio comportamento, migliorerà significativamente la qualità della vostra esperienza nel processo di cambiamento. 10

11 Joseph Luft e Harry Ingham, due ricercatori americani, hanno sviluppato il loro schema Johari che spiega la relazione tra due importanti processi nella comunicazione e interazione personali: commento e auto-rivelazione (comunicazione efficace, assertiva). OH 12 Presentare la diapositiva 12 Spiegare la diapositiva ai partecipanti. È meglio spiegare la diapositiva con un esempio: l interazione tra voi in quanto istruttore e uno dei partecipanti: In tale interazione vi sono molte informazioni che voi sapete di voi stessi e che il partecipante sa di voi. Probabilmente entrambi conoscete il nome dell altro e l esperienza lavorativa. Forse, visto che siete già alla quarta unità, saprete entrambi se l altro ha figli, dove vive, quali sono i suoi hobby, ecc. Queste informazioni condivise sono chiamate zona conosciuta nello schema di Johari. Tra un istruttore e un partecipante a un corso la zona conosciuta non è molto ampia: in un contesto formativo questo non è un problema. Ma immaginate cosa succederebbe se sapeste solo queste poche cose del vostro collega diretto, forse il cliente (per il quale dovrete trovare un lavoro adatto nel mercato libero del lavoro). Nell interazione tra voi in quanto istruttore e un partecipante possono esserci delle informazioni che il partecipante sa di voi ma che voi non conoscete di voi stessi. Ad esempio, siete una persona nervosa che batte sempre i piedi. Di fatto voi non vi rendete conto di battere i piedi di fronte alla classe, ma i partecipanti lo notano e quindi vi giudicano una persona nervosa e incerta. Quest'area di informazioni a voi sconosciute è chiamata il vostro punto cieco. Se il partecipante commenta il vostro comportamento nervoso ve ne renderete conto e sarete in grado di agire di conseguenza. Quindi, a fronte dei commenti forniti, le informazioni si spostano dal vostro punto cieco alla zona conosciuta. La collaborazione e la comunicazione tra voi e il partecipante migliorerà. 11

12 Nell interazione tra voi in quanto istruttore e un partecipante ci sono anche informazioni che sapete di voi stessi e che non avete condiviso con i partecipanti. Finché le informazioni non condivise restano personali (fatti o sensazioni) e non importanti per il partecipante, non avranno impatto significativo sulla vostra attività. Si verificheranno dei problemi, invece, qualora non condividiate informazioni importanti con il partecipante. Ad esempio: non vi piace che i partecipanti usino i cellulari o desiderate che pongano domande e siano interattivi. È probabile che i partecipanti usino i cellulari o evitino di fare domande, senza sapere che a voi ciò non piace e, di conseguenza, l interazione tra loro e voi risulterà compromessa. Questo tipo di informazioni è chiamato zona privata. Condividendola con altri (auto-rivelazione assertività), aiutate le persone a capirvi meglio: la zona conosciuta aumenterà e verranno favorite la comunicazione e l interazione. Nell ultimo riquadro zona inconscia risiedono le informazioni sconosciute a voi e ai partecipanti. La vostra zona inconscia non influenza l interazione con gli altri nella stessa misura degli altri riquadri dello schema Johari. È tuttavia possibile che tramite la vostra interazione con gli altri voi impariate cose che prima appartenevano al regno dell inconscio. OH 13 Presentare la diapositiva 13 Spiegare ai partecipanti che per implementare efficacemente i processi di cambiamento, è importante espandere quanto più possibile la zona conosciuta tra voi e tutte le parti coinvolte. A tal fine è cruciale mantenere un buon equilibrio tra il fare e ricevere commenti da un lato, e dall altro lato dare sufficienti informazioni in merito al processo di cambiamento, i suoi obiettivi e le vostre aspettative, preoccupazioni e sensazioni. 12

13 Nel seguito ci concentreremo sugli ultimi aspetti della comunicazione e interazione personali. 40 min FARE E RICEVERE COMMENTI (10 min) Presentazione OH 14 Presentare la diapositiva 14 Spiegare la diapositiva e fare esempi. Esempio di dire ciò che veramente si vede: Dire: Ti ho visto telefonare durante la riunione". Non dire: Non sei interessato visto che telefonavi durante la riunione. Esempio di commento concreto e specifico: Dire: Non mi piace quando telefoni durante la riunione. Non dire: Non mi piace il tuo comportamento. Esempio di commento sul comportamento che può essere cambiato: Dire: Non mi piace quando telefoni durante la riunione. Non dire: Non sopporto che tu batta le ciglia così tanto. Esempio di commento senza ritardo: Fare: Dare il commento immediatamente dopo la telefonata. Non fare: Dare il commento due giorni dopo la telefonata. OH 15 Presentare la diapositiva 15 13

14 Spiegare la diapositiva e fare esempi. Esempio di spiegazione degli effetti: Dire: Mi sembra che tu non sia interessato a me e alla mia storia quando telefoni durante le nostre conversazioni. Non dire: Non telefonare durante le nostre conversazioni. Esempio di commento descrittivo e positivo: Dire: Lo schema della tua presentazione è molto chiaro grazie alle diapositive ben fatte che hai usato. Non dire: Mi è piaciuta la tua presentazione. OH 16 Presentare la diapositiva 16 Spiegare la diapositiva, fare quanti più esempi possibile e dare alle persone l opportunità di fare domande. 14

15 Esempio di accettazione di un commento: Apprezzo che tu mi abbia fatto questo commento". Esempio di domanda per avere chiarimenti sul commento: Non capisco esattamente cosa intendi. Puoi descrivermi quale comportamento ti disturba? Esempio di reazione diretta e costruttiva: Dire: Ti ringrazio del commento. non mi rendevo conto di farlo. Non dire: Non è vero! (30 min) ESERCIZIO INTERATTIVO DI GRUPPO (U4.2) OH 17 Presentare la diapositiva 17 Obiettivo: Essere in grado di fare e ricevere commenti. Strumenti: Carta, penna e una stampa della lista dei commenti per ogni persona (U4.2) Procedura: Fase 1 (5 min): Spiegare il compito e dividere il gruppo in coppie. Fase 2 (10 min): Permettere ai partecipanti di scrivere 5 situazioni, tratte dal loro contesto professionale, nelle quali non è piaciuto il comportamento di un collega, un cliente, un superiore, un dipendente, un genitore, ecc.. Fase 3 (10 min): Una persona di ogni coppia descrive brevemente la situazione e il comportamento inopportuno del collega, cliente, superiore, ecc. Fornisce poi un commento all altro membro della coppia come se 15

16 quest ultimo fosse colui che ha manifestato il comportamento inadeguato. Il compagno deve ricevere il commento. Una volta recitate le cinque situazioni, chi ha dato e ricevuto i commenti compila la checklist e si scambiano i risultati. I ruoli vengono poi scambiati. L istruttore si muove nella classe, osserva e interviene quando necessario. Fase 4 (5 min): L istruttore avvia una conversazione con tutto il gruppo: chiede se l esercizio è stato difficile; invita i partecipanti a riassumere le loro conclusioni; fornisce un commento. 10 min CONCLUSIONE E VALUTAZIONE DELL'UNITÀ (FACOLTATIVO) Al termine di ogni unità, è buona norma riepilogare i differenti punti affrontati e offrire alle persone l'opportunità di personalizzare il contenuto dell'unità. Potete farlo in modi diversi. Una possibilità è quella di compilare la Griglia di miglioramento dell'esecuzione (Pig = Performance Improvement Grid). OH18 Presentare la diapositiva 18 Disegnare una PIG su una lavagna a fogli mobili o affiggere alla parete un grande foglio di carta (A1) con una versione stampata della PIG. Consegnare alle persone dei post-it. Chiedere di scrivere sui post-it (sulla base di ciò che hanno appreso durante questa unità) ciò che essi smetteranno, inizieranno, continueranno, cambieranno come professionisti dell inserimento lavorativo assistito, promuovendo l impiego assistito/inclusivo e cambiando la mentalità della gente affinché lo accetti. FINE DELL'UNITÀ 4 16

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Lavorare dove inizia il futuro.

Lavorare dove inizia il futuro. Lavorare dove inizia il futuro. Volete una carriera con un futuro? Allora unitevi al team di Swiss Life. 2 Lavorare dove inizia il futuro. Swiss Life investe nel futuro dei suoi collaboratori. E voi? Chi

Dettagli

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Il team Un gruppo di persone che: condividono uno scopo, hanno un obiettivo in comune collaborano, moltiplicando le loro risorse condividono i vantaggi

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati High Impact Programs 1 Chi siamo Performance Technology Solutions (PTS) è una società di consulenza organizzativa e formazione manageriale Il nostro nome deriva dalla metodologia di origine statunitense

Dettagli

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F.

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. FORMAZIONE MANAGERIALE S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. Baracca, 235/E 50127 Firenze Tel. 055.3436516

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

TEAM DEVELOPMENT GUIDARE E SVILUPPARE UN GRUPPO DI LAVORO

TEAM DEVELOPMENT GUIDARE E SVILUPPARE UN GRUPPO DI LAVORO TEAM DEVELOPMENT GUIDARE E SVILUPPARE UN GRUPPO DI LAVORO "Non posso cambiare la direzione del vento ma posso aggiustare le vele per raggiungere sempre la mia destinazione" E. SHAFAK Capacità di guidare,

Dettagli

Team e lavoro di gruppo

Team e lavoro di gruppo Team e lavoro di gruppo Team di lavoro Team Numero ridotto di persone aventi capacità complementari che si ritengono reciprocamente responsabili per scopo, obiettivi e approccio comuni. L evoluzione di

Dettagli

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor 2.5. Perché e in che modo le competenze pedagogiche sono importanti per i mentori che lavorano nella formazione professionale (VET) Tempistica Tempo totale 2 ore:

Dettagli

Programmi aperti per coach

Programmi aperti per coach Studia con noi Programmi aperti per coach I nostri corsi 1) Introduzione al Coaching / EMCC Foundation Coaching Award 2) Certificato ILM livello 7 in Executive Coaching Perché studiare con noi? 1) Sviluppi

Dettagli

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento Nei rapporti con le persone che ami, nell essere genitore, nella comunicazione, nel lavoro, nel business e nella vendita devi avere comportamenti eccezionali, saperti distinguere e usare una comunicazione

Dettagli

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari)

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Più donne per i C.d.A. e le posizioni apicali Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Regione Piemonte Torino, 2 aprile 2014 I veri Leader non nascono tali, lo diventano grazie all impegno e

Dettagli

Dopo la sessione presenziale

Dopo la sessione presenziale Dopo la sessione presenziale Consigli per riunirti con il tuo capo La settimana successiva alla sessione presenziale, avrai come obiettivo quello di riunirti con il tuo capo per esporgli le riflessioni

Dettagli

La capacità di lavorare in gruppo

La capacità di lavorare in gruppo LAVORARE IN GRUPPO La capacità di lavorare in gruppo E definito Team building la modalità di costruzione di un gruppo di lavoro coeso. Si tratta di processo di aggregazione che mira ad utilizzare al massimo

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Report Leadership Matching

Report Leadership Matching Leader: Mario Rossi Collaboratore: Francesca Colombo Questo Report è un prodotto di PDA International. PDA International è leader nell approvvigionamento di valutazioni comportamentali utilizzate per reclutare,motivare

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

GRUPPO DEI PARI E APPRENDIMENTO COOPERATIVO COME STRATEGIA COMPENSATIVA PER I BES

GRUPPO DEI PARI E APPRENDIMENTO COOPERATIVO COME STRATEGIA COMPENSATIVA PER I BES GRUPPO DEI PARI E APPRENDIMENTO COOPERATIVO COME STRATEGIA COMPENSATIVA PER I BES Ciò che i bambini sanno fare insieme oggi, domani sapranno farlo da soli ( Lev VYGOTSKJJ) IX CONVEGNO DI RIMINI SULLA QUALITA

Dettagli

www.daca.it La leadership Il concetto e gli stili di leadership

www.daca.it La leadership Il concetto e gli stili di leadership La leadership www.daca.it Il concetto e gli stili di leadership Lo studio della leadership, nell ambito specifico della letteratura sui comportamenti organizzativi, nasce e si fonda su un filone di ricerca

Dettagli

IMPARA A GESTIRE UN TEAM VINCENTE

IMPARA A GESTIRE UN TEAM VINCENTE IMPARA A GESTIRE UN TEAM VINCENTE di Claudio Belotti Self Help. Allenamenti mentali da leggere in 60 minuti Copyright 2012 Good Mood ISBN 978-88-6277-407-9 Introduzione... 5 COME TRASFORMARE UN GRUPPO

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

shapes competency development report

shapes competency development report shapes competency development report candidato/a: Max Mustermann amministrazione: 29.07.2005 rapporto creato: 19.02.2007 cut-e gmbh e-mail: info@cut-e.com große bleichen 12 tel: +49-40-3250.3890 20354

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo una prima descrizione dei sei stili di leadership, si espongono di seguito ulteriori evidenze emerse dalla

Dettagli

The Leader. Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. Emanuele Radice. Sviluppo personale - self Help

The Leader. Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. Emanuele Radice. Sviluppo personale - self Help Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. The Leader Sviluppo personale - self Help Permettimi di darti un consiglio: Scegli ora di essere tu il tuo LEADER SEMPRE! Sviluppo personale

Dettagli

La comunicazione interpersonale. Dr. Savio Stocco, psicologo e psicoterapeuta

La comunicazione interpersonale. Dr. Savio Stocco, psicologo e psicoterapeuta La comunicazione interpersonale Dr. Savio Stocco, psicologo e psicoterapeuta Comunicazione interpersonale Quella che avviene tra due persone o all interno di un gruppo definito. E immediata e prevede la

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

Modulo 2. A Caccia di Risorse

Modulo 2. A Caccia di Risorse Modulo 2 A Caccia di Risorse FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di sviluppare negli studenti la capacità di analizzare le situazioni critiche della vita quotidiana al fine di renderli consapevoli

Dettagli

RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI

RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI EMPLOYEE (PEOPLE) SATISFACTION Non bisogna mai dimenticare che i primi clienti di un organizzazione sono i collaboratori interni e che un indicatore molto importante

Dettagli

Grafico del livello di attività per 90 giorni

Grafico del livello di attività per 90 giorni Grafico del livello di attività per giorni "Gli agenti immobiliari di Successo fanno quello che gli agenti immobiliari normali non amano fare." Salvatore Coddetta. Il lavoro di agente immobiliare è quello

Dettagli

TECNICHE DI VENDITA. ESIGENZE GENERALI: diminuire lo sforzo impiegato nella vendita interpersonale e aumentare la propria capacità di persuasione.

TECNICHE DI VENDITA. ESIGENZE GENERALI: diminuire lo sforzo impiegato nella vendita interpersonale e aumentare la propria capacità di persuasione. TECNICHE DI VENDITA Essere in grado di affrontare con successo le diverse tipologie di clienti realizzando proficue vendite dipende, soprattutto, da come viene affrontato il colloquio interpersonale con

Dettagli

ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO

ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO 1- Presso il Servizio in cui operi e previsto un progetto analogo? La maggior parte dei partecipanti ha risposto in maniera negativa. Al momento, solo presso il nostro Servizio

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli Alessandro Alessandro Ricci Ricci Psicologo Psicologo Psicoterapeuta Psicoterapeuta Università Università Salesiana

Dettagli

Leadership Judgement Indicator

Leadership Judgement Indicator Leadership Judgement Indicator Michael Lock, Robert Wheeler, Nick Burnard e Colin Cooper Adattamento italiano di Palmira Faraci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice test: Data della prova: 09/01/2012

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

Dale Carnegie Un eccellente Customer Service per i tuoi clienti

Dale Carnegie Un eccellente Customer Service per i tuoi clienti Section www.dalecarnegie.it Dale Carnegie Un eccellente Customer Service per i tuoi clienti Copyright 2008 Dale Carnegie & Associates, Inc. 290 Motor Parkway, Hauppauge, New York 11788. All rights reserved.

Dettagli

Guida per i recruiter: scrivere messaggi InMail efficaci

Guida per i recruiter: scrivere messaggi InMail efficaci Guida per i recruiter: scrivere messaggi InMail efficaci I messaggi InMail di LinkedIn ti permettono di comunicare a tu per tu con i candidati migliori (e più difficili da contattare) del tuo mercato in

Dettagli

LEAN LEADERSHIP COSA SIGNIFICA?

LEAN LEADERSHIP COSA SIGNIFICA? LEAN LEADERSHIP COSA SIGNIFICA? VISIONE UMILTA LEAN LEADERSHIP? INCORAGGIAMENTO CORAGGIO VISIONE Il Compito di un Leader è portare il proprio popolo da dove si trova a dove non è mai stato - Henry Kissinger

Dettagli

COACHING. Scopri il tuo potenziale e diventa protagonista della tua vita. Socia ICF Italia (Federazione Italiana Coach)

COACHING. Scopri il tuo potenziale e diventa protagonista della tua vita. Socia ICF Italia (Federazione Italiana Coach) Coaching emotion di COACHING Non lasciare che i tuoi ricordi siano più grandi dei tuoi sogni Doug Ivester Scopri il tuo potenziale e diventa protagonista della tua vita Coachingemotion di Raffaella Rognoni

Dettagli

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement. Judgment Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.com 2014 Hogan Assessment Systems PERSONALITÀ E DECISIONI I problemi

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso)

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) A CURA DI VINCENZO FANELLI 1 IL SIGNIFICATO DI LEADERSHIP La leadership

Dettagli

I PRIVILEGI NEI PROCESSI DI VALUTAZIONE DEI PROFESSIONISTI

I PRIVILEGI NEI PROCESSI DI VALUTAZIONE DEI PROFESSIONISTI I PRIVILEGI NEI PROCESSI DI VALUTAZIONE DEI PROFESSIONISTI Luciano Flor Direttore Generale APSS Trento La Valutazione Professionale dei Medici Un contributo dalle aziende accreditate JCI Milano 19 novembre

Dettagli

1. Presentazione del programma. 3. Metodologia didattica e contenuti. 4. L organizzazione della lezione in aula sincrona

1. Presentazione del programma. 3. Metodologia didattica e contenuti. 4. L organizzazione della lezione in aula sincrona Guida didattica Programma di. Epatente 1. Presentazione del programma 2. Struttura del programma 3. Metodologia didattica e contenuti 4. L organizzazione della lezione in aula sincrona 5. Raccomandazioni

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

SCENARI PER LA VALUTAZIONE AUTENTICA: costruire rubriche con i bambini. di Riccarda Viglino

SCENARI PER LA VALUTAZIONE AUTENTICA: costruire rubriche con i bambini. di Riccarda Viglino SCENARI PER LA VALUTAZIONE AUTENTICA: costruire rubriche con i bambini di Riccarda Viglino L'insegnamento, secondo Bruner, dovrebbe avere l'obiettivo di condurre lo studente a scoprire ed imparare per

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

Formazione Manageriale e Comportamentale

Formazione Manageriale e Comportamentale Formazione Manageriale e Comportamentale La proposta formativa IAMA Consulting si suddivide in differenti aree: Formazione Manageriale e Comportamentale 1 Formazione Manageriale e Comportamentale IAMA

Dettagli

> Team Types / Leadership Styles Report. Nome: Peter Sample

> Team Types / Leadership Styles Report. Nome: Peter Sample > Team Types / Leadership Styles Report Nome: Peter Sample Data: 14 aprile 2009 Stile di Gruppo Introduzione Questo report riassume gli stili preferiti nel gruppo dal Sig. Sample sulla base del suo profilo

Dettagli

LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA COME STRUMENTO DI PERSUASIONE

LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA COME STRUMENTO DI PERSUASIONE PROGRAMMAZIONE + COMUNICAZIONE EFFICACE LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA COME STRUMENTO DI PERSUASIONE StudiAssociati 2013 Cos è l assertività? PARLEREMO DI: Perché è difficile comunicare? La forma della comunicazione

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) E necessario rispondere a tutte le domande riportate di seguito, selezionando la risposta ritenuta migliore o quella che meglio descrive

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano Guida al CRM White Paper FrontRange Solutions Pagina 1 di 18 SOMMARIO 1. Il CRM: come può migliorare il business aziendale... 3 1.1 Il CRM... 3 1.2 Quali sono i vantaggi di avere una strategia CRM?...

Dettagli

Codice di Comportamento 2015

Codice di Comportamento 2015 Codice di Comportamento 2015 Raccolta di modi di agire ai quali tendere, frutto di una ricerca e del confronto con altre società sportive, non solo nel settore pallavolo. Polisportiva D. Borgo Virgilio

Dettagli

I 12 principi della. Leadership Efficace in salone

I 12 principi della. Leadership Efficace in salone I 12 principi della Leadership Efficace in salone Leadership = capacita di condurre e di motivare Per condurre i tuoi dipendenti devono avere stima e fiducia di te. Tu devi essere credibile. Per motivare

Dettagli

Team Coaching. Firenze, 6 novembre 2012 Ordine dei Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze. Lapo Baglini - Stefania Ciani

Team Coaching. Firenze, 6 novembre 2012 Ordine dei Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze. Lapo Baglini - Stefania Ciani Introduzione al Coaching e alla Comunicazione efficace per migliorare il lavoro in team Firenze, 6 novembre 2012 Ordine dei Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze Lapo Baglini - Stefania Ciani

Dettagli

SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA

SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA Bologna Aprile 2009 L IMPORTANZA DEL MOMENTO In un mercato denso di criticità e nel medesimo tempo di opportunità, l investimento sulle

Dettagli

Efficacia nel Lavoro

Efficacia nel Lavoro Piano di Formazione Efficacia nel Lavoro Percorso Relazioni Umane Informazioni: Questo progetto formativo è dedicato alle persone, ai singoli individui che sono al centro di qualsiasi risultato ottenuto.

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali Questionario sulle abilità comunicativo relazionali a cura di Fabio Navanteri per il tutor: da leggere ai corsisti Il questionario che vi proponiamo vi permetterà di individuare alcuni tratti del vostro

Dettagli

ASL 2 SAVONESE L INFERMIERE CASE MANAGER NEL TEAM MULTIPROFESSIONALE: LEADERSHIP EFFICACE E GESTIONE DEL CONFLITTO (A CURA DI G

ASL 2 SAVONESE L INFERMIERE CASE MANAGER NEL TEAM MULTIPROFESSIONALE: LEADERSHIP EFFICACE E GESTIONE DEL CONFLITTO (A CURA DI G ASL 2 SAVONESE L INFERMIERE CASE MANAGER NEL TEAM MULTIPROFESSIONALE: LEADERSHIP EFFICACE E GESTIONE DEL CONFLITTO (A CURA DI G.PRATO PREVIDE) SAVONA, 6-7 OTTOBRE 2011 DECATHLON CONSULTING human qualities

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Imparare a. del corpo Giuseppe Falco

Imparare a. del corpo Giuseppe Falco Imparare a leggere il linguaggio del corpo Giuseppe Falco LIBRO DIGITALE Parte I http://www.comunicazionepositiva.it Giuseppe Falco Imparare a leggere il linguaggio del corpo Parte I http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

Problem Solving Therapy

Problem Solving Therapy PSICOLOGIA Problem Solving Therapy Raggiungere gli obiettivi e risolvere i problemi è una questione di metodo. Pochi semplici passi per una tecnica alla portata di tutti Dott. Roberto Cavaliere Psicologo

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 4 - FORMAZIONE DEI PREPOSTI: valutazioni e proposte

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 4 - FORMAZIONE DEI PREPOSTI: valutazioni e proposte valutazioni e proposte FORMAZIONE DEI PREPOSTI: valutazioni e proposte di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore 1. ANALISI CRITICA DELLE NORME Tra le principali innovazioni portate dal decreto

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

Dirigere Aziende di Successo

Dirigere Aziende di Successo Piano di Formazione Dirigere Aziende di Successo Progetto Finanziato dal Fondo Coordinato da e Informazioni: Per causare cambiamenti in azienda è necessario essere "allenati" nel dettaglio allo scopo di

Dettagli

Cos è la Leadership? 2. 1. SFERA Coaching Torino

Cos è la Leadership? 2. 1. SFERA Coaching Torino Cos è la Leadership? 2. 1 Questionario ASL 2. 2 Somministrazione ASL 36 coppie di affermazioni. Il compito del soggetto è quello di valutare, per ciascun item, quale delle due possibilità si avvicina maggiormente

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

EVOLUTION4COACHES: LO STRUMENTO

EVOLUTION4COACHES: LO STRUMENTO EVOLUTION4COACHES: LO STRUMENTO Dopo uno studio e una sperimentazione sul campo durata più di 4 anni, abbiamo realizzato un applicazione per tablet (inizialmente per ipad, ma con progetti futuri di sviluppo

Dettagli

IV Modulo: Modelli di funzionamento per l eccellenza territoriale

IV Modulo: Modelli di funzionamento per l eccellenza territoriale IV Modulo: Modelli di funzionamento per l eccellenza territoriale IV Unità didattica Relatore: Diego Divenuto Milano, 28-29 ottobre 2011 Programma! Il fattore umano! Leadership! Cultura e valori! Atteggiamento

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso FORMAT PROFILO DI COMPETENZA competenza chiave IMPARARE A IMPARARE Specifico formativo della competenza chiave Imparare a imparare designa la capacità di organizzare il proprio apprendimento mediante una

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

DOMENICO BODEGA. Le forme della leadership

DOMENICO BODEGA. Le forme della leadership DOMENICO BODEGA Le forme della leadership Redazione e fotocomposizione Norma, Parma ISBN 978-88-17-05823-0 Copyright 2002 RCS Libri S. p. A. Prima edizione Etas: maggio 2002 Quinta ristampa Rizzoli Etas:

Dettagli

Maria Antonietta CREA MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

Maria Antonietta CREA MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE 1 MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Ci sono diversi modelli di mangement che differiscono per: Obiettivi Struttura organizzativa Strategie di leadership 2 TRA I MODELLI DI MANAGEMENT PIÙ IMPORTANTI

Dettagli

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità RELAZIONE WORKSHOP APPRENDERE A STARE IN GRUPPO DAI 3 AI 5 ANNI Esperienza nella scuola dell infanzia con il Cooperative Learning Ins. Mancinelli Cesarina I.C. Falconara Centro Due anni di formazione mi

Dettagli

LA PROFESSIONE DEL CRISTIAN COACHING

LA PROFESSIONE DEL CRISTIAN COACHING LA PROFESSIONE DEL CRISTIAN COACHING Cos è che rende Cristiano il Coaching? Sebbene la crescita spirituale non sia il "fine ultimo" del Coaching, il coach non ha paura di affrontare problemi e questioni

Dettagli

STILI DI LAVORO IN GRUPPO

STILI DI LAVORO IN GRUPPO TEST DI PARKER STILI DI LAVORO IN GRUPPO SCOPO Il Questionario sui membri del gruppo vi aiuterà ad individuare il vostro stile come membro del gruppo. I risultati vi permetteranno di valutare i vostri

Dettagli

A) Accenni al fatto che avete frequentato la stessa Università, subito, mentre vi presentate

A) Accenni al fatto che avete frequentato la stessa Università, subito, mentre vi presentate Rispondi al questionario per scoprire quanto sei incisivo nella PERSUASIONE! Per te 10 domande selezionate dal Prof. Robert Cialdini, cattedra di Psicologia e Marketing presso l Università dell Arizona,

Dettagli

Distinguere tra bisogni di cura standard e individualizzati. Valutazione delle esigenze e traduzione di queste in azioni adeguate

Distinguere tra bisogni di cura standard e individualizzati. Valutazione delle esigenze e traduzione di queste in azioni adeguate Linee guida per la costruzione di test per la valutazione degli esiti dei percorsi di apprendimento per Coordinatori all interno delle strutture residenziali per anziani Queste linee guida sono rivolte

Dettagli

L alunno con ADHD: proposte operative

L alunno con ADHD: proposte operative L alunno con ADHD: proposte operative Laura Dentella Ilaria Rota Centro per l Età Evolutiva - Bergamo Il bambino con ADHD: Alla scuola dell infanzia Alla scuola primaria Alla scuola secondaria Sintesi

Dettagli

LA MEDIAZIONE FAMILIARE

LA MEDIAZIONE FAMILIARE LA MEDIAZIONE FAMILIARE Nel corso dell ultimo decennio, in Italia, si è organizzato un movimento di opinione con lo scopo di promuovere con un approccio conciliativo e sull esempio di esperienze internazionali

Dettagli

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10 LEZIONE DI TECNICHE E METODOLOGIE DI COACHING PROF.SSA ROBERTA TEMPONE Indice 1 Prerequisiti per attivare un team working --------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il colloquio di lavoro Workshop della durata di 2 giorni

Il colloquio di lavoro Workshop della durata di 2 giorni Il colloquio di lavoro Workshop della durata di 2 giorni Come avere successo ed ottenere il lavoro desiderato! AIUTA LE AZIENDE A SELEZIONARTI Essere consapevoli dei propri vantaggi, conoscere l azienda

Dettagli

powered by > Manager Plus Report Nome: Sig. Peter Sample

powered by > Manager Plus Report Nome: Sig. Peter Sample powered by > Manager Plus Report Nome: Sig. Peter Sample Data: 17 aprile 2009 INTRODUZIONE Questo report è destinato ai manager di linea e ai professionisti delle risorse umane. Contiene una gamma di informazioni

Dettagli

Sviluppo. della leadership Guida per l avvio di un programma

Sviluppo. della leadership Guida per l avvio di un programma Sviluppo della leadership Guida per l avvio di un programma Questa guida è stata preparata dalla Leadership Education and Training Division del Rotary International. Eventuali domande e commenti si possono

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

MENTAL COACHING ISTRUZIONI PER L USO. Aldo Chiari. 1 Tutti i Diritti Riservati Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook

MENTAL COACHING ISTRUZIONI PER L USO. Aldo Chiari. 1 Tutti i Diritti Riservati Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook MENTAL COACHING ISTRUZIONI PER L USO Aldo Chiari 1 A Drusiana, fonte di energia A Salvatore, meraviglioso mentore 2 Siamo quello che pensiamo. Tutto ciò che siamo nasce con i nostri pensieri. Noi creiamo

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli