2. L innovazione tecnologica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2. L innovazione tecnologica"

Transcript

1 2. L innovazione tecnologica Generalità Le basi Abbiamo già visto che la tecnologia può nascere prima degli studi scientifici sulla sola esperienza, o essere stimolata dagli studi scientifici. Dobbiamo ancora distinguere due origini e precisamente: l applicazione di una tecnologia può essere trascinata dalla disponibilità di una nuova tecnologia (Tecnology pull) o spinta da una esigenza di mercato (market push). Le due origini della motivazione ad innovare comportano in genere due linee diverse di sviluppo. Nel caso di Tecnology pull avremo un innovazione radicale; infatti si tratta di una nuova tecnologia e quindi diversa dalla precedente, e per avere successo deve essere pervasiva, cioè deve essere in grado di occupare in modo significativo il suo mercato. Al contrario, se l innovazione è generata dalla necessità di soddisfare un nuovo bisogno, è molto facile che si cerchi di modificare una tecnologia esistente ( innovazione incrementale) anche se non si può escludere che il nuovo bisogno renda applicabile una tecnologia esistente o stimoli lo studio di una nuova tecnologia ad hoc. Completiamo il discorso con i tipi di innovazione tecnologica possibili. Abbiamo già parlato di: Innovazioni incrementali Innovazioni radicali Ora approfondiamo altre due declarazioni: Sistemi tecnologici. Sono da intendere insiemi di tecnologie strettamente correlate fra loro; Pradigmi Tecno-economici. i paradigmi tecno-economici Quando il cambiamento tecnico associato a una tecnologia coinvolge molteplici innovazioni e sistemi tecnologici, che permeano il sistema economico nel suo insieme, si è in presenza di un paradigma (o modello) tecno-economico, e la tecnologia è detta generica o pervasiva. Esempi di tecnologie pervasive sono l elettricità e la microelettronica. Le condizioni perché un nuovo paradigma tecno-economico sia tale sono cinque: 1. una nuova gamma di prodotti, associata a un miglioramento delle caratteristiche tecniche di molti prodotti e processi, in termini di migliorata affidabilità, nuove proprietà, migliore qualità, precisione o altre prestazioni: ciò comporta l apertura di molti nuovi mercati con un forte potenziale di rapido sviluppo e la creazione di nuove industrie basate su tali prodotti; 2. riduzione dei costi di molti beni e servizi per entità rilevanti, seppure differenziate a seconda dei settori, con diffusa percezione di opportunità di nuovi investimenti redditizi; le grandi rivoluzioni, quali quella dell energia elettrica e dei calcolatori, hanno fatto risparmiare lavoro, capitale e altri input, come l energia e i materiali, accelerando il processo di dematerializzazione; 3. accettabilità sociale e politica, particolarmente rilevante agli effetti della diffusione della nuova tecnologia, se si rendono necessarie trasformazioni legislative, educative e normative, oltre che radicali modifiche nella gestione, nelle procedure, nell organizzazione del lavoro; 4. compatibilità ambientale, un corollario del punto precedente; tecnologie particolarmente rischiose o di difficile e costoso controllo risultano severamente penalizzate, nonostante possano offrire precisi vantaggi di natura economica e tecnica; 2-1

2 5. effetti pervasivi in tutto il sistema economico Nell allegato 3 è riportato il quadro dei paradigmi economici succedutisi dalla fine del 1700 ad oggi Modalità di trasferimento della tecnologia Il trasferimento della tecnologia (technology transfer) riguarda la sua migrazione dal punto di generazione ad un altro, ove viene applicata (dal laboratorio alla fabbrica, dall azienda innovatrice all azienda licenziataria, dal produttore all utente, da un Paese all altro). Dal punto di vista giuridico il termine riguarda strettamente il trasferimento dei diritti di utilizzazione della tecnologia. Agli effetti del trasferimento è significativa la classificazione della tecnologia rispetto a due parametri: l incorporazione (embodiment)e la proprietarietà (appropriation). Secondo il primo parametro la tecnologia può essere: capital embodied, cioè incorporata in un oggetto fisico (materiale, macchina ecc.); human embodied, cioè associata alla conoscenza di una persona; 2. Modalità di trasferimento della tecnologia Appropiation Enbodiment Non proprietaria Proprietaria Embodied (capital embodied) Prodotti in commercio Apparecchi non in commercio Disembodied (paper embodied) Disembodied (human embodied) Libri, pubblicazioni, metodi, metodi,norme e procedure Didattica, formazione e consulenza Brevetti, Know-How, segreti, metodi, norme, procedure interne Segreti e know-how disembodied, non incorporata, ovvero trasferibile per via scritta e orale.oggetti fisici, esperti, documenti, sono detti portatori di tecnologia (technology carrier). Dal punto di vista della proprietarietà, la tecnologia può essere: non proprietaria (o socializzata), quando fa parte del patrimonio comune delle conoscenze (es. libri) è liberamente disponibile a tutti sul mercato (beni e servizi commerciali), proprietaria (alienata), quando è controllata da un ente o una persona, che può cederla selettivamente a terzi a proprio piacimento. La tabella esemplifica le forme possibili della conoscenza che possono comporre una tecnologia. 2-2

3 Normalmente una tecnologia viene trasferita come pacchetto (technological package), comprendente cioè conoscenze in diverse forme di incorporazione e di proprietarietà. Infatti il semplice trasferimento dell informazione, in forma di documentazione, non è sufficiente per il dominio della tecnologia da parte dell utilizzatore. Ad esempio, il trasferimento tecnologico di un processo comprende l impianto fisico (tecnologia incorporata nelle macchine), la documentazione per il suo funzionamento e una licenza d uso di brevetti e/a know-how (disembodied technology) e l addestramento degli addetti (human embodied technology). Per ultimo ricordiamo che il trasferimento della tecnologia può essere classificato per origine e destinazione, cioè da chi la genera a chi la utilizza. In questo caso possiamo individuare: nell ambito della stessa impresa, ad esempio dal Centro di Ricerche alla produzione; tra imprese; tra paesi. IL CICLO DI VITA DELLA TECNOLOGIA Maturità della tecnologia L insieme delle prestazioni di una determinata tecnologia migliora nel tempo per effetto cumulato dell esperienza produttiva e degli investimenti in ricerca e sviluppo (che determinano l introduzione successiva di innovazioni incrementali di processo e prodotto) sino a saturare il potenziale di prestazione della tecnologia stessa, ovvero ad avvicinarsi asintoticamente al limite fisico delle prestazioni. L evoluzione nel tempo delle prestazioni di una tecnologia è detta ciclo di vita (v. figura 2). La posizione di una tecnologia lungo il ciclo di vita ne definisce la maturità. Si distinguono tipicamente quattro fasi della tecnologia in relazione alla maturità: 1. tecnologia embrionale; 2. tecnologia in crescita; 3. tecnologia matura; 4. tecnologia in invecchiamento. Indicatori di maturità tecnologica e dinamica delle tecnologie Vi sono dei fattori che possono fornire il grado di maturità di una tecnologia. 2-3

4 Nella fase iniziale possiamo rilevare che è elevata l incertezza sul futuro sviluppo delle applicazioni, ma è elevato lo spettro delle nuove applicazioni possibili, lo sforzo nella Ricerca è alto ed orientato principalmente alla ricerca scientifica. La barriera all accesso è elevata, infatti la tecnologia è poco diffusa e quindi poco conosciuta. La tecnologia è quindi poco disponibile. Man mano che la maturità aumenta si verificano alcuni fenomeni: l incertezza tecnologica diminuisce e le nuove applicazioni possibili si riducono; gli investimenti nella ricerca diminuiscono di intensità e si modificano verso la ricerca applicativa o ingegneristica; l aumento della diffusione porta ad una diminuzione delle barriere all accesso, la tecnologia è conosciuta e quindi più disponibile. È utile ricordare che l evoluzione dei settori è diversa dall evoluzione delle tecnologie; ad esempio la tecnologia elettronica ha cancellato quella meccanica ed elettromeccanica nel settore delle macchine per ufficio, ma questo non ha ridotto lo sviluppo di questo settore, anzi la meccanizzazione degli uffici si è ulteriormente ampliata. Nelle varie fasi di sviluppo gli indicatori subiscono un evoluzione diversa: l incertezza tecnologica presenta il suo massimo nella fase embrionale e diminuisce man mano che la tecnologia diventa più matura; la concentrazione degli sforzi in R&S raggiunge il suo punto massimo della fase di crescita, ma la composizione cambia mentre la Ricerca è massima all inizio e decresce aumentando la maturità, lo Sviluppo ingegneristico applicativo cresce raggiungendo il suo apice nella fase di piena maturità; la possibilità di nuove applicazioni è sporadica nella fase embrionale, massima nella crescita e decresce con l avanzare della maturità; L interesse brevettuale nella fase iniziale si concentra sui concetti, via via che la tecnologia procede nel suo ciclo di vita, l attenzione si sposta sui prodotti ed alla fine al processo; al crescere della maturità i prerequisiti tecnici si spostano dalle conoscenze scientifiche alle conoscenze del processo. È necessario non confondere una tecnologia con il settore che l ha generata o che la usa; la maturità di una tecnologia non ha nulla a che vedere con la maturità di un settore. Questo dell evoluzione settoriale è un discorso complesso prettamente di studio economico che risente solo in parte delle tecnologie ad esso afferenti. Ancora un osservazione: possiamo distinguere, all interno del ciclo di vita della tecnologia, molteplici cicli di vita delle singole applicazioni. Nella fase embrionale le applicazioni attive saranno minime, quelle che sono in qualche modo più facilmente raggiungibili. Anche queste presentano una curva ad S asintotica. Un argomento che verrà approfondito successivamente è quello dell origine e della destinazione dell innovazione della tecnologia. L innovazione può nascere all interno dell azienda stessa, in genere in un Laboratorio di R&S, o più facilmente da un ente o azienda dello stesso paese, ma è ancora più probabile che, se la tecnologia nuova da applicare è nelle prime fasi di maturità, debba essere acquisita da un ente di un altro paese. Le modalità di trasferimento cambiano, non solo perché sono diverse le condizioni operative, se si opera esclusivamente all interno di una impresa o se si coinvolgono interlocutori esterni, dello stesso paese o di un altro paese, ma essenzialmente perché cambiano le normative e le esigenze contrattuali legate alla disponibilità della tecnologia, cioè alle protezioni di legge sulle invenzioni. DISCONTINUITÀ TECNOLOGICA È il cambio di tecnologia per soddisfare una funzione d uso, quanto avviene con un innovazione tecnologica di tipo radicale, che determina decisivi vantaggi competitivi, rispetto alla precedente, per le aziende che la adottano, in quanto presenta potenziali di prestazioni superiori. Un 2-4

5 esempio è l orologio digitale elettronico rispetto a quello meccanico analogico. Successione delle tecnologie di illuminazione Nella figura si vede come le tecnologie di illuminazione succedutesi hanno in un secolo aumentato la resa teorica Lumen per Watt da 0,5 della candela a 100 della luce bianca. La nuova tecnologia può sostituire totalmente la vecchia, o solo parzialmente nei segmenti di mercato che ne apprezzano particolarmente i vantaggi. Proseguendo il ragionamento sulle tecnologie di illuminazione possiamo notare che oggi : le candele di paraffina hanno ridotto la loro importanza nell illuminazione, ma non sono scomparse, sono ancora in uso come luci di emergenza e per effetti di luce particolari; la lampada di Edison e quella con filamento di cellulosa sono completamente scomparse; la lampada con filamento di tugsteno è stata sostituita in certe applicazioni dalle altre lampade, ma non ha perso completamente la sua quota di mercato ed è ancora usata in molte applicazioni; lampade al sodio hanno trovato uso praticamente solo per illuminazioni di strade e piazzali; le lampade al mercurio hanno solo un uso particolare; le lampade fluorescenti, nella versione iniziale (Neon), hanno trovato applicazioni, oltre che per le insegne, per locali di tipo pubblico( scale, atri, corridoi, ecc) perché la luce era fastidiosa per lo sfarfallio ed il colore; con il miglioramento della qualità (innovazione di prodotto incrementale) sono entrate nell uso anche per l illuminazione generale di vani diversi (negozi, uffici, ed alcuni vani nelle abitazioni come le cucine); solo con l ultima generazione di lampade fluorescenti, ad elevato risparmio energetico, la qualità della luce è migliorata al punto tale da renderle sostituibili in quasi tutti gli usi alle lampade ad incandescenza; le lampade alogene ( a luce bianca) trovano impiego per illuminazione di vani con un uso di rappresentanza ( sale, saloni, locali pubblici) in cui si vuole una luce intensa e per le lampade da tavolo per la lettura. Come si vede le uniche tecnologie di illuminazione completamente scomparse sono la Lampada di Edison e quella con Filamento di Cellulosa; tutte le altre sono ancora in uso. La discontinuità tecnologica modifica la struttura del mercato dell offerta 1. Questo può avvenire su due livelli: Cambiamento degli operatori, la nuova tecnologia facilita l inserimento di nuovi produttori Alcuni produttori, già presenti sul mercato, abbandonano la vecchia tecnologia per la nuova. 1 J.M. Utterback, Radical Innovation M.I.T

6 Il primo caso si ha quando la nuova tecnologia si discosta, per contenuti conoscitivi, fortemente dalla precedente. In questo caso per usare la nuova tecnologia si devono acquisire nuovamente i Know-How necessari, se il produttore è già presente può essere avvantaggiato dal fatto di conoscere il mercato e disporre di una clientela, ma deve sicuramente superare delle resistenze interne nell introdurre l innovazione. Il nuovo entrante non deve superare le stesse resistenze ed è per lui più facile adottare la nuova tecnologia. Questo può avvenire anche per un produttore marginale con la vecchia tecnologia. Nell esempio riportato in figura si può vedere che tra i primi 10 produttori di valvole termoioniche solo RCA, 20 anni dopo, resta nei primi 10 posti della classifica di produttori di circuiti integrati, ma solo all ottavo posto. Gli altri produttori non sono riusciti a convertirsi in modo efficiente o hanno abbandonato il mercato dei componenti elettronici di quel tipo. Quando un produttore, presente sul mercato con una vecchia tecnologia, decide di adottare una nuova tecnologia si presentano due possibilità: mantenere in vita la vecchia tecnologia o abbandonarla. La scelta deve essere fatta tenendo conto di alcuni fattori tra cui: La possibilità reale di produrre con entrambe le tecnologie (ad esempio problemi di disponibilità degli spazi necessari); La diffusione presso la clientela con vecchia tecnologia; La difficoltà delle clientela a passare alla nuova tecnologia ( difficoltà oggettive quali: addestramento del personale, riorganizzazione operativa, ecc o difficoltà soggettive come problemi di immagine); Il tempo richiesto perché la nuova tecnologia soppianti la vecchia. Sulla base dei fattori emergenti le aziende potranno decidere se abbandonare immediatamente la vecchia tecnologia o tenerla invita per un certo tempo. 2-6

7 L innovazione settoriale Iniziamo l analisi dell innovazione settoriale da un elemento di analisi storica. CURVA DI APPRENDIMENTO o CURVA DI ESPERIENZA La curva di esperienza o di apprendimento (learning curve) rappresenta la riduzione del costo medio di produzione di un prodotto in funzione della quantità cumulativa prodotta: è dovuta a innovazioni di processo collegate a cambiamenti di metodi, progettazione,materiali, apparecchiature d impianto ecc. La forma generale è del tipo k = t c in cui t è il tempo trascorso e c è il costo al tempo t; la forma è riportata nella figura nelle due rappresentazioni con gli assi in scala decimale e in scala logaritmica. Nella curva di esperienza si accomunano più fattori che incidono sul livello dei costi. Più passa il tempo, diminuisce il costo pregresso, da ammortizzare, nel lancio di un nuovo prodotto Le economie di scala portano alla diminuzione dei costi fissi (e in piccola parte anche dei costi variabili) Le innovazioni incrementali di processo comportano sempre una diminuzione dei costi. Le innovazioni incrementali di prodotto comportano sempre una maggior competitività, non necessariamente una diminuzione diretta dei costi, ma di una maggior competitività che alla fine influenza il livello della scala nella produzione Le innovazioni radicali di processo comportano sempre, non necessariamente nel breve periodo, una diminuzione dei costi. Le innovazioni radicali di prodotto o producono una diminuzione diretta del costo di produzione, o nel periodo più lungo allargano il mercato e quindi incidono comunque sul costo, salvo che l innovazione sia talmente grande da modificare sostanzialmente la categoria di offerta del prodotto (esempio monitor a tubo catodico e monitor a cristalli liquidi). 2-7

8 Nella figura un esempio reale di curva di esperienza dei pneumatici dal 1921 al Il ciclo di vita di un settore Anche per un settore si può costruire una curva di vita che avrà la stessa forma ad S delle precedenti già viste, solo che al variare del tempo avremo i volumi di vendita. Anche in questo caso ci si pone il problema di individuare il grado di maturità di un settore. Noi possiamo giudicare la maturità in funzione del suo livello potenziale di sviluppo; determinato questo, dobbiamo verificare la dinamica di crescita e la sua derivata seconda, cioè se gli incrementi destagionalizzati sono in crescita o in decrescita. Se la derivata seconda è in crescita siamo nella prima parte del ciclo di vita, se decresce siamo nella seconda. A secondo del posizionamento nello stadio del ciclo di vita abbiamo alcuni fenomeni. Nella fase di decollo il numero delle aziende impegnate è basso; generalmente raggiunge il suo massimo quando il tasso di incremento delle vendite è al suo massimo, per poi tornare a diminuire. La fedeltà dei clienti è elevata nel momento iniziale (per i clienti consolidati), raggiunge il minimo nella prima fase di crescita per poi riprendere nella fase di maturazione più avanzata. La facilità di entrata è bassa nella fase iniziale (difficoltà ad avere le coscienze tecnologiche e di mercato) cresce fino a raggiungere il suo massimo nella fase di maggior crescita; alla contrazione dei tassi di crescita corrisponde ovviamente un elevazione di barriere all entrata e nella fase di maturità le barriere sono essenzialmente causate da una bassa atrattività del settore. 2-8

9 Il ciclo di vita di un settore è la somma logica dei cicli di vita dei prodotti che lo compongono. Fig. Esempi di cicli di vita di settori e prodotti Anche per i settori vi sono le possibilità di rinnovamento dei cicli di vita per modifiche al mercato a cui si rivolgono, per modifica dei prezzi relativi, per allargamento dei mercati, ecc. Maturità tecnologica e maturità settoriale Vi sono dei collegamenti logici tra maturità tecnologica e maturità di un settore? Certamente collegamenti esistono, ma non sono diretti. Un settore maturo utilizza anche tecnologie nuovissime e viceversa un settore giovane può utilizzare alla base tecnologie mature. Dobbiamo partire da un concetto: un settore utilizza molteplici tecnologie chiave e tra queste vi sono tecnologie mature, tecnologie in fase di crescita e tecnologie in fase di decollo. Nell esempio si può vedere che il settore dell' automobile, che è un settore maturo, utilizza tecnologie chiave a un diverso livello di maturità. Si passa dal motore a scoppio, che nelle sue diverse versioni è ad un livello di maturità elevato, a tecnologie in fase embrionale come i materiali ceramici e i radar di controllo. 2-9

10 Anche per i settori si presenta la possibilità di ringiovanimento (technological blending). Il ringiovanimento può essere dovuto a cause esogene al settore stesso, legato a modifiche del quadro macroeconomico, o a cause endogene che producono un mix diverso di offerta in grado di soddisfare domande che prima non potevano essere soddisfatte. Nel caso di cause endogene queste sono spesso riconducibili ad una innovazione tecnologica. È opportuno ricordare che tutte le nuove tecnologie (microelettronica, telematica, robotica) possono facilmente trovare impiego in tutti i settori tradizionali e per innovare è necessario sfruttare tutta la base delle tecnologie potenzialmente disponibili per esso,oltre a quelle già in uso. L innovazione tecnologica agisce sulla maturità di un settore: modificando i tassi di crescita; se un innovazione riduce i costi o rende più appetibili i prodotti, il risultato sarà di incrementare la domanda; modifica la domanda aprendo nuovi segmenti di mercato e cambiando la struttura, cioè la composizione della domanda stessa; modifica l offerta; abbiamo già visto che l innovazione tecnologica incide sulla presenza delle imprese nella struttura dell offerta, in particolar modo quella radicale; crea opportunità di ingresso di nuove aziende. All interno del settore l innovazione produce modifiche sulla competitività delle imprese, agendo su: Differenziazione dei prodotti, Prestazioni (qualità, affidabilità, assistenza, ecc), Prezzi di vendita. 2-10

11 Le differenze settoriali Si è già detto che l innovazione presenta differenze di sviluppo a secondo della struttura delle aziende. Indicatore di intensità Indicatore di intensità spesa per R & S R & S = Fatturato R & S endogena + incorporata tecnologica = Fatturato Cosi, poiché ogni settore presenta una struttura simile nelle aziende che lo compongono, si riscontra un diverso atteggiamento verso l innovazione. Questo può essere misurato attraverso due indici: L Istat da alcuni anni svolge un indagine sull innovazione nei settori industriali; l ultima indagine si basa sul triennio e indica che le aziende, che nel triennio hanno introdotto prodotti o processi di produzione tecnologicamente nuovi (innovazioni radicali), sono quasi la metà (49,7%) del campione, segnando un incremento notevole rispetto all indagine precedente, effettuata sul triennio , che aveva portato al risultato del 33,1%. Incidenza di imprese innovative per settore - Anni (valori percentuali) Fonte: Note Rapide anno 4 n10 L innovazione tecnologica nelle imprese industriali- Istat Roma Riscontriamo la maggior concentrazione di aziende innovative nell area della meccanica di precisione e nelle industrie in cui i processi di produzione e l inserimento di nuovi prodotti sono in continua evoluzione (industria chimica, industrie alimentari). 2-11

12 ORIGINE DELLA TECNOLOGIA TOTALE NEI PRODOTTI FINALI - Italia 1975 R&S interna R&S da altre R&S esterna branche incorporata Macchine per ufficio, strumenti di ,3 8,8 2,9 precisione, ottica e simili Prodotti chimici e farmaceutici ,1 7,2 9,7 Materiali e forniture elettriche ,2 8,3 11,5 Mezzi di trasporto ,3 15,1 9,6 Legno, mobili in legno e altri prodotti ,4 19 5,7 industriali Prodotti in gomma e materie plastiche , ,9 Media (x) ,7 36,76 13,55 Prodotti in metallo escluse macchine e ,2 39,9 10,9 mezzi di trasporto Prodotti energetici ,9 30,5 20,6 Minerali e metalli ferrosi e non ferrosi ,2 44,7 21,1 Macchine agricole e industriali ,2 53,6 13,2 Minerali e prodotti a base di minerali ,4 16,6 non metalliferi Carta, prodotti cartotecnici e della ,9 63,6 17,5 stampa, editoria Prodotti alimentari, bevande e tabacco ,6 66,3 15,1 Prodotti tessili e dell'abbigliamento, 100 1,1 76,4 22,5 pelle, cuoio e calzature Fonte: Momigliano, 1984 In questa tabella si può vedere che vi sono settori che sviluppano in proprio attività di R&S e non hanno necessità di ricevere il contributo dell innovazione tecnologica dall esterno, anzi possono essere loro stessi che forniscono innovazione ad altri settori. Vi sono poi settori che non sviluppano tecnologie,ma le ricevono da altre branche o come incorporazione nei beni acquistati. Lo passiamo verificare nella tabella seguente, elaborata da F. Momigliano Confrontando la sequenza dei settori indicati dall Istat e quelli della colonna R&S interna del Momigliano ritroviamo una similitudine: solo il settore degli alimentari risulta tra gli innovativi per l Istat, mentre per il Momigliano non risulta tra i settori che sviluppano una ricerca in proprio significativa. Questo è sicuramente spiegabile dal fatto che il grafico Istat non distingue l origine dell innovazione e misura l innovazione come percentuale di aziende sul totale, il Momigliano misura invece gli indici basati sulla spesa per l innovazione. L analisi dell Istat prosegue mostrando come le aziende di maggiori dimensioni siano più attente all innovazione e segnala che per le aziende di minore dimensione si è potuto misurare un sensibile innalzamento della propensione all innovazione passata dal 25,9% nella rilevazione del al 45,6%. I settori che hanno presentato il maggior incremento della propensione all innovazione tra il ed il sono stati : alimentari, bevande e tabacco (da 31,2% al 61%) fabbricazione di prodotti in metallo (da 33,4% al 56,7%) altre industrie manifatturiere (da 26% al 54,2%) raccolta e distribuzione dell acqua (da 21,6% al 52,2%). dimensioni (addetti) aziende innovative = >500 82,1% ,7% ,6% ,6% 2-12

13 L Istat distingue anche le aziende in due categorie, cioè l innovazione di prodotto e di processo, e mette in evidenza che il 58,5% delle imprese ha sviluppato sia innovazione di prodotto che di processo. Il 14,5% delle imprese sviluppa innovazione solo di prodotto, il 23,7% solo di processo ed il 3,4% ha sviluppato progetti che non hanno trovato applicazione nel corso del periodo di osservazione. La presenza di imprese con sole innovazioni di processo risulta rilevante in settori dove si producono beni non soggetti a rapida evoluzione, quali la raccolta e distribuzione dell acqua (77,4%), il recupero e riciclaggio dei rifiuti (75%), la lavorazione del tabacco (66,7%), la estrazione di materiali non metalliferi (57,8%), la editoria e stampa (49,9%). Le imprese che hanno innovato esclusivamente i prodotti sono relativamente più presenti nei settori nei quali operano imprese caratterizzate da un elevato grado di flessibilità nell utilizzazione degli impianti produttivi, le quali sono quindi in grado di orientare in alcuni periodi i loro investimenti esclusivamente verso lo sviluppo di nuovi prodotti. I settori che risultano più attivi nell innovazione di prodotto sono: fabbricazione di macchine ed apparecchi meccanici (28,4%), fabbricazione di macchine per ufficio (25,4%), fabbricazione di apparecchi di precisione (25,1%) e fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e per le comunicazioni (24,5%). Infine, i settori in cui si rileva una maggiore integrazione tra innovazione tecnologica di prodotto e di processo sono la raffinazione del petrolio (77,3%), la fabbricazione di autoveicoli (74,3%), la fabbricazione di articoli in plastica o in gomma (72%), la fabbricazione di prodotti chimici (71,1%), la fabbricazione di prodotti in legno (69,7%) e la fabbricazione di mobili (69%). Le imprese più grandi mostrano di svolgere un attività innovativa complessa che prevede lo sviluppo contestuale di nuovi prodotti e di nuovi processi: ciò accade per il 55,1% delle imprese con addetti, il 69,1% delle imprese con addetti e il 76,4% delle imprese con 500 addetti e oltre. Le imprese di minore dimensione hanno una maggiore propensione ad innovare solamente i prodotti o solamente i processi: ad esempio, il 15,4% delle imprese con addetti ha innovato i prodotti e il 25,6% i processi, mentre per le imprese con oltre 500 addetti tali percentuali sono rispettivamente del 10,2% e del 10,7%. Dal confronto con i dati relativi al periodo , si osserva che è aumentata la quota delle imprese che sviluppano solo innovazione di processo, si è ridotta la quota delle imprese che innovano soltanto i prodotti; la quota di quelle che innovano sia prodotti, sia processi è lievemente diminuita. Viene ad essere così confermata l immagine di un processo innovativo prevalentemente orientato alla razionalizzazione della produzione, in particolare da parte delle piccole e medie imprese, realizzato soprattutto attraverso l acquisizione di macchinari e apparecchiature informatiche. I risultati ottenuti dall indagine dell Istat, se messi a confronto con l ampia indagine svolta dall SPRU sul periodo , mostrano che vi è una diversità nell intensità d uso dell innovazione tra settori produttori e settori utilizzatori. 2 vedi M.Robinson, j.townsend, K.Pavit Sectorial patterns of production en use of innovation in the UK :

14 Nella tabella si può vedere che i settori che producono innovazione sono quelli che ne usano solo una parte, sono settori dinamici, ma ad un elevato grado di maturità come Mechanical Production and use of innovations by sector No. Of innovations produced No. of innovations used ratio Machinery ,23 Electronics ,17 Instruments ,55 Chemical, including fuels & lubes ,47 Mechanical engineering ,01 Vehicles ,86 Bricks, pottery, glass & cement (bldg. mtls.) ,41 Textiles, leather & clothing ,30 Aerospace ,81 Ferrous & non-ferrous metals ,73 Shipbuilding and offshore engineering ,22 Electrical engineering ,29 Timber, rubber, plastics & other goods ,14 Food, drink & tobacco ,78 Construction ,31 Paper ,62 Utilities ,21 Coal oil, gas & mineral extraction ,06 Business ,15 Agriculture ,12 Printing ,14 Other government services ,13 Other services ,08 Health care ,02 R&D ,02 Transport ,01 Final consumers ,00 Defence ,00 Total Source: SPRU Innovation Survey Engineering e Vehicles che presentano una produzione abbastanza elevata di innovazioni e un livello d uso della stessa dimensione. 2-14

15 DIFFUSIONE DELLA TECNOLOGIA Quando una tecnologia viene introdotta sul mercato è utilizzata da nessuno e ha un mercato potenziale di utilizzo massimo. Man mano che il tempo passa la tecnologia trova utilizzatori; presupponendo che il totale degli utilizzatori potenziali più quelli reali sia una costante, il suo mercato potenziale diminuisce ed alla fine raggiunge il suo limite con la saturazione del mercato. Ogni prodotto, soprattutto se si tratta di un bene capitale, incorpora due tipi di conoscenze: quella richiesta per la sua produzione (tecnologia di processo); quella richiesta per il suo uso (tecnologia di applicazione). La circolazione del prodotto associa evidentemente la tecnologia di applicazione, in quanto ogni acquirente impara a usare il bene. La tecnologia di processo non subisce lo stesso andamento, nella fase iniziale rimane in mano al produttore: naturalmente essa diventa automaticamente diffusa con il prodotto. Successivamente il produttore può cederla in licenza e quindi avere una diffusione controllata dal proprietario di origine, ma e se il processo di fabbricazione è facilmente comprensibile o deducibile è possibile che si sviluppino applicazioni indipendenti con procedure di reverse engineering. Nel modello tradizionale, detto modello epidemico, la diffusione è descritta da una curva logistica a S, con un avvio lento e incerto, seguito da un rapido aumento esponenziale e da una fase finale di lento avvicinamento asintotico ad un limite massimo. La forma funzionale generica è rappresentata dal seguente grafico. 2-15

16 La funzione matematica è, sempre in modo generico, la seguente: Con : V=f(n i,n di ) K=n i+ n di In cui : V è la velocità di diffusione K è il totale della popolazione n i è il numero degli infettati n di è il numero degli infettandi Un modo empirico di misurare la velocità di diffusione è il tempo trascorso per passare dal 10% al 50% delle applicazioni possibili. Nella tabella vediamo queste misurazioni effettuate per la sostituzione di alcuni prodotti. Sostituzione Tm (anni) Anno GOMMA SINTETICA / GOMMA NATURALE FIBRE SINTETICHE / NATURALI PLASTICA / CUOIO MARGARINA / BURRO ARCO ELETTRICO / MARTIN SIEMENS (accai speciali) PITTURE ALL'ACQUA / A OLIO MARTIN SIEMENS / BESSEMER (per acciai) PIGMENTI TiO 2 / PBO-ZnO PAVIMENTI IN PLASTICA / LEGNO BARCHE IN PLASTICA / LEGNO INSETTICIDI ORGANICI / INORGANICI FIBRE PER PNEUMATICI SINTETICHE / NATURALI 17, PLASTICHE / METALLO NELL'AUTO FORNO SIOF / MARTIN SIEMENS (per accai) 10, DETERGENTI /SAPONI (U.S.A) 8, DETERGENTI /SAPONI (Giappone) 8, Tm = numero di anni trascorsi per passare dal 10% al 50% Anno = anno in cui si è raggiunto il 50% Fonte :elaborazione da "Software Package for Logistic Substitution Model " - 13 dicembre 1979 I fattori che determinano la diffusione di un innovazione sul mercato, influendo sui parametri caratteristici (tempo di induzione prima della fase veloce, tassa di penetrazione sul mercato nella fase veloce), sono: redditività per l utente e per l innovatore; entità dell investimento, in paragone a quella della tecnologia da sostituire; complessità del processo di apprendimento per l utente. Come per ogni investimento, il primo fattore da tenere in considerazione sono i costi da sopportare e i benefici attesi, ma questo non è sufficiente. Anche i fattori di costo già sostenuto e da sostenere, la durata degli investimenti ( quindi il rischio finanziario) e la complessità del nuovo processo e le necessarie riorganizzazioni (rischio industriale) intervengono nella decisione. Abbiamo già detto che ogni innovazione comporta una riorganizzazione aziendale più o meno ampia. A secondo della profondità dell intervento riorganizzativo necessario, la nuova tecnologia sarà vista dell utente come banale se non necessita di riorganizzazioni significative o via via più complessa, se le riorganizzazioni necessarie si diffondono nella struttura aziendale ed agiscono in modo più profondo. 2-16

17 Un intervento banale può essere quello che prevede solamente il cambio di alcune apparecchiature, una piccola riorganizzazione spaziale delle linee produttive e un addestramento del personale. L intervento diventa più pesante se la riorganizzazione spaziale comporta la necessità di reperire nuovi spazi produttivi o se implica una modifica del personale addetto in numero o nelle competenze richieste. L innovazione può però richiedere cambiamenti anche nelle aree non legate alla produzione quali: assistenza, rete di vendita, modalità di vendita, struttura finanziaria, ecc. Queste difficoltà crescenti spiegano perché l innovazione radicale spesso favorisce i nuovi entranti che non si trovano a dover modificare una struttura aziendale esistente. Un esempio reale di cosa può comportare un innovazione radicale lo possiamo verificare con quello che è successo per il passaggio dagli anodi in grafite agli anodi di titanio platinato De Nora negli impianti elettrolitici cloro/soda. Il costo degli anodi in grafite era relativamente basso, ma la loro durata nel tempo era limitata per la corrosione. Il costo degli anodi platinati è elevato, cosi come la durata. L assistenza, per gli anodi in grafite, è praticamente inesistente e occasionale, gli anodi De Nora, necessitano di riplatinatura periodica. La De Nora per introdurre il proprio prodotto ha creato un nuovo sistema di commercializzazione; anziché vendere il proprio prodotto lo ha dato in affitto, trasformando completamente il rapporto con il cliente. I vantaggi di questo sistema sono stati: facilitazioni finanziarie per l'utente, eliminazione dell'elevato costo di investimento; rigida protezione del ritrovato; continuo arricchimento del know-how in condizioni di monopolio; nessun problema di invecchiamento della brevettuale; elevata capitalizzazione in materiali pregiati. 2-17

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Quando un pavimento è ben fatto: Un brevetto esclusivo ne preserva il valore e garantisce l igiene dell aria interna all edificio

Quando un pavimento è ben fatto: Un brevetto esclusivo ne preserva il valore e garantisce l igiene dell aria interna all edificio Costruire, ristrutturare e risanare Quando un pavimento è ben fatto: Un brevetto esclusivo ne preserva il valore e garantisce l igiene dell aria interna all edificio GEV spiega gli aspetti da considerare

Dettagli

Clienti davvero fedeli ecco come fare

Clienti davvero fedeli ecco come fare Clienti davvero fedeli ecco come fare Che avere clienti fedeli sia un balsamo per i risultati aziendali nessuno lo mette in dubbio. Il problema è che la fedeltà dei clienti, soprattutto quelli migliori,

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura La (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura Come funzionano i criteri di valutazione sulla temperatura Vi sono 5 parametri usati per la valutazione del

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Vedere ciò che non si vede

Vedere ciò che non si vede Vedere ciò che non si vede LA LUCE UV È INVISIBILE Tuttavia essa influenza l aspetto finale dei prodotti stampati. Pertanto è importante conoscere le condizioni di visualizzazione in cui sono destinati

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Eaton Macchine di processo. Affidati alla affidabilità per garantire continuità alla tua produzione.

Eaton Macchine di processo. Affidati alla affidabilità per garantire continuità alla tua produzione. Eaton Macchine di processo Affidati alla affidabilità per garantire continuità alla tua produzione. Il tempo di funzionamento non è tutto, è l unica cosa che conta. Ogni processo industriale deve soddisfare

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 25/06/2014 Circolare n. 80 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO

CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO 1 Prodotto, azienda, cliente Prodotto: bene che viene venduto da un azienda ad un cliente Impresa: attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

Uno spettroscopio fatto in casa

Uno spettroscopio fatto in casa Uno spettroscopio fatto in casa Angela Turricchia Laboratorio per la Didattica Aula Planetario Comune di Bologna, Włochy Ariel Majcher Centro di fisica teorica, PAS Varsava, Polonia Uno spettroscopio fatto

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

1. Diodi. figura 1. figura 2

1. Diodi. figura 1. figura 2 1. Diodi 1.1. Funzionamento 1.1.1. Drogaggio 1.1.2. Campo elettrico di buil-in 1.1.3. Larghezza della zona di svuotamento 1.1.4. Curve caratteristiche Polarizzazione Polarizzazione diretta Polarizzazione

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

FEDERATION EUROPEENNE DE LA MANUTENTION Gruppo di prodotto. Carrelli industriali

FEDERATION EUROPEENNE DE LA MANUTENTION Gruppo di prodotto. Carrelli industriali FEM-IT-T/N863 FEDERATION EUROPEENNE DE LA MANUTENTION Gruppo di prodotto Carrelli industriali FEM Breve guida all identificazione dei carrelli industriali non conformi 05.2012 (I) - marcatura macchina,

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Kaba PAS - Pubblic Access Solution

Kaba PAS - Pubblic Access Solution Kaba PAS - Pubblic Access Solution Fondata nel 1950, Gallenschütz, oggi Kaba Pubblic Access Solution, ha sviluppato, prodotto e venduto per oltre 30 anni soluzioni per varchi di sicurezza automatici. Oggi

Dettagli

Le applicazioni della Dome Valve originale

Le applicazioni della Dome Valve originale Le applicazioni della Dome Valve originale Valvole d intercettazione per i sistemi di trasporto pneumatico e di trattamento dei prodotti solidi Il Gruppo Schenck Process Tuo partner nel mondo Il Gruppo

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli