2. L innovazione tecnologica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2. L innovazione tecnologica"

Transcript

1 2. L innovazione tecnologica Generalità Le basi Abbiamo già visto che la tecnologia può nascere prima degli studi scientifici sulla sola esperienza, o essere stimolata dagli studi scientifici. Dobbiamo ancora distinguere due origini e precisamente: l applicazione di una tecnologia può essere trascinata dalla disponibilità di una nuova tecnologia (Tecnology pull) o spinta da una esigenza di mercato (market push). Le due origini della motivazione ad innovare comportano in genere due linee diverse di sviluppo. Nel caso di Tecnology pull avremo un innovazione radicale; infatti si tratta di una nuova tecnologia e quindi diversa dalla precedente, e per avere successo deve essere pervasiva, cioè deve essere in grado di occupare in modo significativo il suo mercato. Al contrario, se l innovazione è generata dalla necessità di soddisfare un nuovo bisogno, è molto facile che si cerchi di modificare una tecnologia esistente ( innovazione incrementale) anche se non si può escludere che il nuovo bisogno renda applicabile una tecnologia esistente o stimoli lo studio di una nuova tecnologia ad hoc. Completiamo il discorso con i tipi di innovazione tecnologica possibili. Abbiamo già parlato di: Innovazioni incrementali Innovazioni radicali Ora approfondiamo altre due declarazioni: Sistemi tecnologici. Sono da intendere insiemi di tecnologie strettamente correlate fra loro; Pradigmi Tecno-economici. i paradigmi tecno-economici Quando il cambiamento tecnico associato a una tecnologia coinvolge molteplici innovazioni e sistemi tecnologici, che permeano il sistema economico nel suo insieme, si è in presenza di un paradigma (o modello) tecno-economico, e la tecnologia è detta generica o pervasiva. Esempi di tecnologie pervasive sono l elettricità e la microelettronica. Le condizioni perché un nuovo paradigma tecno-economico sia tale sono cinque: 1. una nuova gamma di prodotti, associata a un miglioramento delle caratteristiche tecniche di molti prodotti e processi, in termini di migliorata affidabilità, nuove proprietà, migliore qualità, precisione o altre prestazioni: ciò comporta l apertura di molti nuovi mercati con un forte potenziale di rapido sviluppo e la creazione di nuove industrie basate su tali prodotti; 2. riduzione dei costi di molti beni e servizi per entità rilevanti, seppure differenziate a seconda dei settori, con diffusa percezione di opportunità di nuovi investimenti redditizi; le grandi rivoluzioni, quali quella dell energia elettrica e dei calcolatori, hanno fatto risparmiare lavoro, capitale e altri input, come l energia e i materiali, accelerando il processo di dematerializzazione; 3. accettabilità sociale e politica, particolarmente rilevante agli effetti della diffusione della nuova tecnologia, se si rendono necessarie trasformazioni legislative, educative e normative, oltre che radicali modifiche nella gestione, nelle procedure, nell organizzazione del lavoro; 4. compatibilità ambientale, un corollario del punto precedente; tecnologie particolarmente rischiose o di difficile e costoso controllo risultano severamente penalizzate, nonostante possano offrire precisi vantaggi di natura economica e tecnica; 2-1

2 5. effetti pervasivi in tutto il sistema economico Nell allegato 3 è riportato il quadro dei paradigmi economici succedutisi dalla fine del 1700 ad oggi Modalità di trasferimento della tecnologia Il trasferimento della tecnologia (technology transfer) riguarda la sua migrazione dal punto di generazione ad un altro, ove viene applicata (dal laboratorio alla fabbrica, dall azienda innovatrice all azienda licenziataria, dal produttore all utente, da un Paese all altro). Dal punto di vista giuridico il termine riguarda strettamente il trasferimento dei diritti di utilizzazione della tecnologia. Agli effetti del trasferimento è significativa la classificazione della tecnologia rispetto a due parametri: l incorporazione (embodiment)e la proprietarietà (appropriation). Secondo il primo parametro la tecnologia può essere: capital embodied, cioè incorporata in un oggetto fisico (materiale, macchina ecc.); human embodied, cioè associata alla conoscenza di una persona; 2. Modalità di trasferimento della tecnologia Appropiation Enbodiment Non proprietaria Proprietaria Embodied (capital embodied) Prodotti in commercio Apparecchi non in commercio Disembodied (paper embodied) Disembodied (human embodied) Libri, pubblicazioni, metodi, metodi,norme e procedure Didattica, formazione e consulenza Brevetti, Know-How, segreti, metodi, norme, procedure interne Segreti e know-how disembodied, non incorporata, ovvero trasferibile per via scritta e orale.oggetti fisici, esperti, documenti, sono detti portatori di tecnologia (technology carrier). Dal punto di vista della proprietarietà, la tecnologia può essere: non proprietaria (o socializzata), quando fa parte del patrimonio comune delle conoscenze (es. libri) è liberamente disponibile a tutti sul mercato (beni e servizi commerciali), proprietaria (alienata), quando è controllata da un ente o una persona, che può cederla selettivamente a terzi a proprio piacimento. La tabella esemplifica le forme possibili della conoscenza che possono comporre una tecnologia. 2-2

3 Normalmente una tecnologia viene trasferita come pacchetto (technological package), comprendente cioè conoscenze in diverse forme di incorporazione e di proprietarietà. Infatti il semplice trasferimento dell informazione, in forma di documentazione, non è sufficiente per il dominio della tecnologia da parte dell utilizzatore. Ad esempio, il trasferimento tecnologico di un processo comprende l impianto fisico (tecnologia incorporata nelle macchine), la documentazione per il suo funzionamento e una licenza d uso di brevetti e/a know-how (disembodied technology) e l addestramento degli addetti (human embodied technology). Per ultimo ricordiamo che il trasferimento della tecnologia può essere classificato per origine e destinazione, cioè da chi la genera a chi la utilizza. In questo caso possiamo individuare: nell ambito della stessa impresa, ad esempio dal Centro di Ricerche alla produzione; tra imprese; tra paesi. IL CICLO DI VITA DELLA TECNOLOGIA Maturità della tecnologia L insieme delle prestazioni di una determinata tecnologia migliora nel tempo per effetto cumulato dell esperienza produttiva e degli investimenti in ricerca e sviluppo (che determinano l introduzione successiva di innovazioni incrementali di processo e prodotto) sino a saturare il potenziale di prestazione della tecnologia stessa, ovvero ad avvicinarsi asintoticamente al limite fisico delle prestazioni. L evoluzione nel tempo delle prestazioni di una tecnologia è detta ciclo di vita (v. figura 2). La posizione di una tecnologia lungo il ciclo di vita ne definisce la maturità. Si distinguono tipicamente quattro fasi della tecnologia in relazione alla maturità: 1. tecnologia embrionale; 2. tecnologia in crescita; 3. tecnologia matura; 4. tecnologia in invecchiamento. Indicatori di maturità tecnologica e dinamica delle tecnologie Vi sono dei fattori che possono fornire il grado di maturità di una tecnologia. 2-3

4 Nella fase iniziale possiamo rilevare che è elevata l incertezza sul futuro sviluppo delle applicazioni, ma è elevato lo spettro delle nuove applicazioni possibili, lo sforzo nella Ricerca è alto ed orientato principalmente alla ricerca scientifica. La barriera all accesso è elevata, infatti la tecnologia è poco diffusa e quindi poco conosciuta. La tecnologia è quindi poco disponibile. Man mano che la maturità aumenta si verificano alcuni fenomeni: l incertezza tecnologica diminuisce e le nuove applicazioni possibili si riducono; gli investimenti nella ricerca diminuiscono di intensità e si modificano verso la ricerca applicativa o ingegneristica; l aumento della diffusione porta ad una diminuzione delle barriere all accesso, la tecnologia è conosciuta e quindi più disponibile. È utile ricordare che l evoluzione dei settori è diversa dall evoluzione delle tecnologie; ad esempio la tecnologia elettronica ha cancellato quella meccanica ed elettromeccanica nel settore delle macchine per ufficio, ma questo non ha ridotto lo sviluppo di questo settore, anzi la meccanizzazione degli uffici si è ulteriormente ampliata. Nelle varie fasi di sviluppo gli indicatori subiscono un evoluzione diversa: l incertezza tecnologica presenta il suo massimo nella fase embrionale e diminuisce man mano che la tecnologia diventa più matura; la concentrazione degli sforzi in R&S raggiunge il suo punto massimo della fase di crescita, ma la composizione cambia mentre la Ricerca è massima all inizio e decresce aumentando la maturità, lo Sviluppo ingegneristico applicativo cresce raggiungendo il suo apice nella fase di piena maturità; la possibilità di nuove applicazioni è sporadica nella fase embrionale, massima nella crescita e decresce con l avanzare della maturità; L interesse brevettuale nella fase iniziale si concentra sui concetti, via via che la tecnologia procede nel suo ciclo di vita, l attenzione si sposta sui prodotti ed alla fine al processo; al crescere della maturità i prerequisiti tecnici si spostano dalle conoscenze scientifiche alle conoscenze del processo. È necessario non confondere una tecnologia con il settore che l ha generata o che la usa; la maturità di una tecnologia non ha nulla a che vedere con la maturità di un settore. Questo dell evoluzione settoriale è un discorso complesso prettamente di studio economico che risente solo in parte delle tecnologie ad esso afferenti. Ancora un osservazione: possiamo distinguere, all interno del ciclo di vita della tecnologia, molteplici cicli di vita delle singole applicazioni. Nella fase embrionale le applicazioni attive saranno minime, quelle che sono in qualche modo più facilmente raggiungibili. Anche queste presentano una curva ad S asintotica. Un argomento che verrà approfondito successivamente è quello dell origine e della destinazione dell innovazione della tecnologia. L innovazione può nascere all interno dell azienda stessa, in genere in un Laboratorio di R&S, o più facilmente da un ente o azienda dello stesso paese, ma è ancora più probabile che, se la tecnologia nuova da applicare è nelle prime fasi di maturità, debba essere acquisita da un ente di un altro paese. Le modalità di trasferimento cambiano, non solo perché sono diverse le condizioni operative, se si opera esclusivamente all interno di una impresa o se si coinvolgono interlocutori esterni, dello stesso paese o di un altro paese, ma essenzialmente perché cambiano le normative e le esigenze contrattuali legate alla disponibilità della tecnologia, cioè alle protezioni di legge sulle invenzioni. DISCONTINUITÀ TECNOLOGICA È il cambio di tecnologia per soddisfare una funzione d uso, quanto avviene con un innovazione tecnologica di tipo radicale, che determina decisivi vantaggi competitivi, rispetto alla precedente, per le aziende che la adottano, in quanto presenta potenziali di prestazioni superiori. Un 2-4

5 esempio è l orologio digitale elettronico rispetto a quello meccanico analogico. Successione delle tecnologie di illuminazione Nella figura si vede come le tecnologie di illuminazione succedutesi hanno in un secolo aumentato la resa teorica Lumen per Watt da 0,5 della candela a 100 della luce bianca. La nuova tecnologia può sostituire totalmente la vecchia, o solo parzialmente nei segmenti di mercato che ne apprezzano particolarmente i vantaggi. Proseguendo il ragionamento sulle tecnologie di illuminazione possiamo notare che oggi : le candele di paraffina hanno ridotto la loro importanza nell illuminazione, ma non sono scomparse, sono ancora in uso come luci di emergenza e per effetti di luce particolari; la lampada di Edison e quella con filamento di cellulosa sono completamente scomparse; la lampada con filamento di tugsteno è stata sostituita in certe applicazioni dalle altre lampade, ma non ha perso completamente la sua quota di mercato ed è ancora usata in molte applicazioni; lampade al sodio hanno trovato uso praticamente solo per illuminazioni di strade e piazzali; le lampade al mercurio hanno solo un uso particolare; le lampade fluorescenti, nella versione iniziale (Neon), hanno trovato applicazioni, oltre che per le insegne, per locali di tipo pubblico( scale, atri, corridoi, ecc) perché la luce era fastidiosa per lo sfarfallio ed il colore; con il miglioramento della qualità (innovazione di prodotto incrementale) sono entrate nell uso anche per l illuminazione generale di vani diversi (negozi, uffici, ed alcuni vani nelle abitazioni come le cucine); solo con l ultima generazione di lampade fluorescenti, ad elevato risparmio energetico, la qualità della luce è migliorata al punto tale da renderle sostituibili in quasi tutti gli usi alle lampade ad incandescenza; le lampade alogene ( a luce bianca) trovano impiego per illuminazione di vani con un uso di rappresentanza ( sale, saloni, locali pubblici) in cui si vuole una luce intensa e per le lampade da tavolo per la lettura. Come si vede le uniche tecnologie di illuminazione completamente scomparse sono la Lampada di Edison e quella con Filamento di Cellulosa; tutte le altre sono ancora in uso. La discontinuità tecnologica modifica la struttura del mercato dell offerta 1. Questo può avvenire su due livelli: Cambiamento degli operatori, la nuova tecnologia facilita l inserimento di nuovi produttori Alcuni produttori, già presenti sul mercato, abbandonano la vecchia tecnologia per la nuova. 1 J.M. Utterback, Radical Innovation M.I.T

6 Il primo caso si ha quando la nuova tecnologia si discosta, per contenuti conoscitivi, fortemente dalla precedente. In questo caso per usare la nuova tecnologia si devono acquisire nuovamente i Know-How necessari, se il produttore è già presente può essere avvantaggiato dal fatto di conoscere il mercato e disporre di una clientela, ma deve sicuramente superare delle resistenze interne nell introdurre l innovazione. Il nuovo entrante non deve superare le stesse resistenze ed è per lui più facile adottare la nuova tecnologia. Questo può avvenire anche per un produttore marginale con la vecchia tecnologia. Nell esempio riportato in figura si può vedere che tra i primi 10 produttori di valvole termoioniche solo RCA, 20 anni dopo, resta nei primi 10 posti della classifica di produttori di circuiti integrati, ma solo all ottavo posto. Gli altri produttori non sono riusciti a convertirsi in modo efficiente o hanno abbandonato il mercato dei componenti elettronici di quel tipo. Quando un produttore, presente sul mercato con una vecchia tecnologia, decide di adottare una nuova tecnologia si presentano due possibilità: mantenere in vita la vecchia tecnologia o abbandonarla. La scelta deve essere fatta tenendo conto di alcuni fattori tra cui: La possibilità reale di produrre con entrambe le tecnologie (ad esempio problemi di disponibilità degli spazi necessari); La diffusione presso la clientela con vecchia tecnologia; La difficoltà delle clientela a passare alla nuova tecnologia ( difficoltà oggettive quali: addestramento del personale, riorganizzazione operativa, ecc o difficoltà soggettive come problemi di immagine); Il tempo richiesto perché la nuova tecnologia soppianti la vecchia. Sulla base dei fattori emergenti le aziende potranno decidere se abbandonare immediatamente la vecchia tecnologia o tenerla invita per un certo tempo. 2-6

7 L innovazione settoriale Iniziamo l analisi dell innovazione settoriale da un elemento di analisi storica. CURVA DI APPRENDIMENTO o CURVA DI ESPERIENZA La curva di esperienza o di apprendimento (learning curve) rappresenta la riduzione del costo medio di produzione di un prodotto in funzione della quantità cumulativa prodotta: è dovuta a innovazioni di processo collegate a cambiamenti di metodi, progettazione,materiali, apparecchiature d impianto ecc. La forma generale è del tipo k = t c in cui t è il tempo trascorso e c è il costo al tempo t; la forma è riportata nella figura nelle due rappresentazioni con gli assi in scala decimale e in scala logaritmica. Nella curva di esperienza si accomunano più fattori che incidono sul livello dei costi. Più passa il tempo, diminuisce il costo pregresso, da ammortizzare, nel lancio di un nuovo prodotto Le economie di scala portano alla diminuzione dei costi fissi (e in piccola parte anche dei costi variabili) Le innovazioni incrementali di processo comportano sempre una diminuzione dei costi. Le innovazioni incrementali di prodotto comportano sempre una maggior competitività, non necessariamente una diminuzione diretta dei costi, ma di una maggior competitività che alla fine influenza il livello della scala nella produzione Le innovazioni radicali di processo comportano sempre, non necessariamente nel breve periodo, una diminuzione dei costi. Le innovazioni radicali di prodotto o producono una diminuzione diretta del costo di produzione, o nel periodo più lungo allargano il mercato e quindi incidono comunque sul costo, salvo che l innovazione sia talmente grande da modificare sostanzialmente la categoria di offerta del prodotto (esempio monitor a tubo catodico e monitor a cristalli liquidi). 2-7

8 Nella figura un esempio reale di curva di esperienza dei pneumatici dal 1921 al Il ciclo di vita di un settore Anche per un settore si può costruire una curva di vita che avrà la stessa forma ad S delle precedenti già viste, solo che al variare del tempo avremo i volumi di vendita. Anche in questo caso ci si pone il problema di individuare il grado di maturità di un settore. Noi possiamo giudicare la maturità in funzione del suo livello potenziale di sviluppo; determinato questo, dobbiamo verificare la dinamica di crescita e la sua derivata seconda, cioè se gli incrementi destagionalizzati sono in crescita o in decrescita. Se la derivata seconda è in crescita siamo nella prima parte del ciclo di vita, se decresce siamo nella seconda. A secondo del posizionamento nello stadio del ciclo di vita abbiamo alcuni fenomeni. Nella fase di decollo il numero delle aziende impegnate è basso; generalmente raggiunge il suo massimo quando il tasso di incremento delle vendite è al suo massimo, per poi tornare a diminuire. La fedeltà dei clienti è elevata nel momento iniziale (per i clienti consolidati), raggiunge il minimo nella prima fase di crescita per poi riprendere nella fase di maturazione più avanzata. La facilità di entrata è bassa nella fase iniziale (difficoltà ad avere le coscienze tecnologiche e di mercato) cresce fino a raggiungere il suo massimo nella fase di maggior crescita; alla contrazione dei tassi di crescita corrisponde ovviamente un elevazione di barriere all entrata e nella fase di maturità le barriere sono essenzialmente causate da una bassa atrattività del settore. 2-8

9 Il ciclo di vita di un settore è la somma logica dei cicli di vita dei prodotti che lo compongono. Fig. Esempi di cicli di vita di settori e prodotti Anche per i settori vi sono le possibilità di rinnovamento dei cicli di vita per modifiche al mercato a cui si rivolgono, per modifica dei prezzi relativi, per allargamento dei mercati, ecc. Maturità tecnologica e maturità settoriale Vi sono dei collegamenti logici tra maturità tecnologica e maturità di un settore? Certamente collegamenti esistono, ma non sono diretti. Un settore maturo utilizza anche tecnologie nuovissime e viceversa un settore giovane può utilizzare alla base tecnologie mature. Dobbiamo partire da un concetto: un settore utilizza molteplici tecnologie chiave e tra queste vi sono tecnologie mature, tecnologie in fase di crescita e tecnologie in fase di decollo. Nell esempio si può vedere che il settore dell' automobile, che è un settore maturo, utilizza tecnologie chiave a un diverso livello di maturità. Si passa dal motore a scoppio, che nelle sue diverse versioni è ad un livello di maturità elevato, a tecnologie in fase embrionale come i materiali ceramici e i radar di controllo. 2-9

10 Anche per i settori si presenta la possibilità di ringiovanimento (technological blending). Il ringiovanimento può essere dovuto a cause esogene al settore stesso, legato a modifiche del quadro macroeconomico, o a cause endogene che producono un mix diverso di offerta in grado di soddisfare domande che prima non potevano essere soddisfatte. Nel caso di cause endogene queste sono spesso riconducibili ad una innovazione tecnologica. È opportuno ricordare che tutte le nuove tecnologie (microelettronica, telematica, robotica) possono facilmente trovare impiego in tutti i settori tradizionali e per innovare è necessario sfruttare tutta la base delle tecnologie potenzialmente disponibili per esso,oltre a quelle già in uso. L innovazione tecnologica agisce sulla maturità di un settore: modificando i tassi di crescita; se un innovazione riduce i costi o rende più appetibili i prodotti, il risultato sarà di incrementare la domanda; modifica la domanda aprendo nuovi segmenti di mercato e cambiando la struttura, cioè la composizione della domanda stessa; modifica l offerta; abbiamo già visto che l innovazione tecnologica incide sulla presenza delle imprese nella struttura dell offerta, in particolar modo quella radicale; crea opportunità di ingresso di nuove aziende. All interno del settore l innovazione produce modifiche sulla competitività delle imprese, agendo su: Differenziazione dei prodotti, Prestazioni (qualità, affidabilità, assistenza, ecc), Prezzi di vendita. 2-10

11 Le differenze settoriali Si è già detto che l innovazione presenta differenze di sviluppo a secondo della struttura delle aziende. Indicatore di intensità Indicatore di intensità spesa per R & S R & S = Fatturato R & S endogena + incorporata tecnologica = Fatturato Cosi, poiché ogni settore presenta una struttura simile nelle aziende che lo compongono, si riscontra un diverso atteggiamento verso l innovazione. Questo può essere misurato attraverso due indici: L Istat da alcuni anni svolge un indagine sull innovazione nei settori industriali; l ultima indagine si basa sul triennio e indica che le aziende, che nel triennio hanno introdotto prodotti o processi di produzione tecnologicamente nuovi (innovazioni radicali), sono quasi la metà (49,7%) del campione, segnando un incremento notevole rispetto all indagine precedente, effettuata sul triennio , che aveva portato al risultato del 33,1%. Incidenza di imprese innovative per settore - Anni (valori percentuali) Fonte: Note Rapide anno 4 n10 L innovazione tecnologica nelle imprese industriali- Istat Roma Riscontriamo la maggior concentrazione di aziende innovative nell area della meccanica di precisione e nelle industrie in cui i processi di produzione e l inserimento di nuovi prodotti sono in continua evoluzione (industria chimica, industrie alimentari). 2-11

12 ORIGINE DELLA TECNOLOGIA TOTALE NEI PRODOTTI FINALI - Italia 1975 R&S interna R&S da altre R&S esterna branche incorporata Macchine per ufficio, strumenti di ,3 8,8 2,9 precisione, ottica e simili Prodotti chimici e farmaceutici ,1 7,2 9,7 Materiali e forniture elettriche ,2 8,3 11,5 Mezzi di trasporto ,3 15,1 9,6 Legno, mobili in legno e altri prodotti ,4 19 5,7 industriali Prodotti in gomma e materie plastiche , ,9 Media (x) ,7 36,76 13,55 Prodotti in metallo escluse macchine e ,2 39,9 10,9 mezzi di trasporto Prodotti energetici ,9 30,5 20,6 Minerali e metalli ferrosi e non ferrosi ,2 44,7 21,1 Macchine agricole e industriali ,2 53,6 13,2 Minerali e prodotti a base di minerali ,4 16,6 non metalliferi Carta, prodotti cartotecnici e della ,9 63,6 17,5 stampa, editoria Prodotti alimentari, bevande e tabacco ,6 66,3 15,1 Prodotti tessili e dell'abbigliamento, 100 1,1 76,4 22,5 pelle, cuoio e calzature Fonte: Momigliano, 1984 In questa tabella si può vedere che vi sono settori che sviluppano in proprio attività di R&S e non hanno necessità di ricevere il contributo dell innovazione tecnologica dall esterno, anzi possono essere loro stessi che forniscono innovazione ad altri settori. Vi sono poi settori che non sviluppano tecnologie,ma le ricevono da altre branche o come incorporazione nei beni acquistati. Lo passiamo verificare nella tabella seguente, elaborata da F. Momigliano Confrontando la sequenza dei settori indicati dall Istat e quelli della colonna R&S interna del Momigliano ritroviamo una similitudine: solo il settore degli alimentari risulta tra gli innovativi per l Istat, mentre per il Momigliano non risulta tra i settori che sviluppano una ricerca in proprio significativa. Questo è sicuramente spiegabile dal fatto che il grafico Istat non distingue l origine dell innovazione e misura l innovazione come percentuale di aziende sul totale, il Momigliano misura invece gli indici basati sulla spesa per l innovazione. L analisi dell Istat prosegue mostrando come le aziende di maggiori dimensioni siano più attente all innovazione e segnala che per le aziende di minore dimensione si è potuto misurare un sensibile innalzamento della propensione all innovazione passata dal 25,9% nella rilevazione del al 45,6%. I settori che hanno presentato il maggior incremento della propensione all innovazione tra il ed il sono stati : alimentari, bevande e tabacco (da 31,2% al 61%) fabbricazione di prodotti in metallo (da 33,4% al 56,7%) altre industrie manifatturiere (da 26% al 54,2%) raccolta e distribuzione dell acqua (da 21,6% al 52,2%). dimensioni (addetti) aziende innovative = >500 82,1% ,7% ,6% ,6% 2-12

13 L Istat distingue anche le aziende in due categorie, cioè l innovazione di prodotto e di processo, e mette in evidenza che il 58,5% delle imprese ha sviluppato sia innovazione di prodotto che di processo. Il 14,5% delle imprese sviluppa innovazione solo di prodotto, il 23,7% solo di processo ed il 3,4% ha sviluppato progetti che non hanno trovato applicazione nel corso del periodo di osservazione. La presenza di imprese con sole innovazioni di processo risulta rilevante in settori dove si producono beni non soggetti a rapida evoluzione, quali la raccolta e distribuzione dell acqua (77,4%), il recupero e riciclaggio dei rifiuti (75%), la lavorazione del tabacco (66,7%), la estrazione di materiali non metalliferi (57,8%), la editoria e stampa (49,9%). Le imprese che hanno innovato esclusivamente i prodotti sono relativamente più presenti nei settori nei quali operano imprese caratterizzate da un elevato grado di flessibilità nell utilizzazione degli impianti produttivi, le quali sono quindi in grado di orientare in alcuni periodi i loro investimenti esclusivamente verso lo sviluppo di nuovi prodotti. I settori che risultano più attivi nell innovazione di prodotto sono: fabbricazione di macchine ed apparecchi meccanici (28,4%), fabbricazione di macchine per ufficio (25,4%), fabbricazione di apparecchi di precisione (25,1%) e fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e per le comunicazioni (24,5%). Infine, i settori in cui si rileva una maggiore integrazione tra innovazione tecnologica di prodotto e di processo sono la raffinazione del petrolio (77,3%), la fabbricazione di autoveicoli (74,3%), la fabbricazione di articoli in plastica o in gomma (72%), la fabbricazione di prodotti chimici (71,1%), la fabbricazione di prodotti in legno (69,7%) e la fabbricazione di mobili (69%). Le imprese più grandi mostrano di svolgere un attività innovativa complessa che prevede lo sviluppo contestuale di nuovi prodotti e di nuovi processi: ciò accade per il 55,1% delle imprese con addetti, il 69,1% delle imprese con addetti e il 76,4% delle imprese con 500 addetti e oltre. Le imprese di minore dimensione hanno una maggiore propensione ad innovare solamente i prodotti o solamente i processi: ad esempio, il 15,4% delle imprese con addetti ha innovato i prodotti e il 25,6% i processi, mentre per le imprese con oltre 500 addetti tali percentuali sono rispettivamente del 10,2% e del 10,7%. Dal confronto con i dati relativi al periodo , si osserva che è aumentata la quota delle imprese che sviluppano solo innovazione di processo, si è ridotta la quota delle imprese che innovano soltanto i prodotti; la quota di quelle che innovano sia prodotti, sia processi è lievemente diminuita. Viene ad essere così confermata l immagine di un processo innovativo prevalentemente orientato alla razionalizzazione della produzione, in particolare da parte delle piccole e medie imprese, realizzato soprattutto attraverso l acquisizione di macchinari e apparecchiature informatiche. I risultati ottenuti dall indagine dell Istat, se messi a confronto con l ampia indagine svolta dall SPRU sul periodo , mostrano che vi è una diversità nell intensità d uso dell innovazione tra settori produttori e settori utilizzatori. 2 vedi M.Robinson, j.townsend, K.Pavit Sectorial patterns of production en use of innovation in the UK :

14 Nella tabella si può vedere che i settori che producono innovazione sono quelli che ne usano solo una parte, sono settori dinamici, ma ad un elevato grado di maturità come Mechanical Production and use of innovations by sector No. Of innovations produced No. of innovations used ratio Machinery ,23 Electronics ,17 Instruments ,55 Chemical, including fuels & lubes ,47 Mechanical engineering ,01 Vehicles ,86 Bricks, pottery, glass & cement (bldg. mtls.) ,41 Textiles, leather & clothing ,30 Aerospace ,81 Ferrous & non-ferrous metals ,73 Shipbuilding and offshore engineering ,22 Electrical engineering ,29 Timber, rubber, plastics & other goods ,14 Food, drink & tobacco ,78 Construction ,31 Paper ,62 Utilities ,21 Coal oil, gas & mineral extraction ,06 Business ,15 Agriculture ,12 Printing ,14 Other government services ,13 Other services ,08 Health care ,02 R&D ,02 Transport ,01 Final consumers ,00 Defence ,00 Total Source: SPRU Innovation Survey Engineering e Vehicles che presentano una produzione abbastanza elevata di innovazioni e un livello d uso della stessa dimensione. 2-14

15 DIFFUSIONE DELLA TECNOLOGIA Quando una tecnologia viene introdotta sul mercato è utilizzata da nessuno e ha un mercato potenziale di utilizzo massimo. Man mano che il tempo passa la tecnologia trova utilizzatori; presupponendo che il totale degli utilizzatori potenziali più quelli reali sia una costante, il suo mercato potenziale diminuisce ed alla fine raggiunge il suo limite con la saturazione del mercato. Ogni prodotto, soprattutto se si tratta di un bene capitale, incorpora due tipi di conoscenze: quella richiesta per la sua produzione (tecnologia di processo); quella richiesta per il suo uso (tecnologia di applicazione). La circolazione del prodotto associa evidentemente la tecnologia di applicazione, in quanto ogni acquirente impara a usare il bene. La tecnologia di processo non subisce lo stesso andamento, nella fase iniziale rimane in mano al produttore: naturalmente essa diventa automaticamente diffusa con il prodotto. Successivamente il produttore può cederla in licenza e quindi avere una diffusione controllata dal proprietario di origine, ma e se il processo di fabbricazione è facilmente comprensibile o deducibile è possibile che si sviluppino applicazioni indipendenti con procedure di reverse engineering. Nel modello tradizionale, detto modello epidemico, la diffusione è descritta da una curva logistica a S, con un avvio lento e incerto, seguito da un rapido aumento esponenziale e da una fase finale di lento avvicinamento asintotico ad un limite massimo. La forma funzionale generica è rappresentata dal seguente grafico. 2-15

16 La funzione matematica è, sempre in modo generico, la seguente: Con : V=f(n i,n di ) K=n i+ n di In cui : V è la velocità di diffusione K è il totale della popolazione n i è il numero degli infettati n di è il numero degli infettandi Un modo empirico di misurare la velocità di diffusione è il tempo trascorso per passare dal 10% al 50% delle applicazioni possibili. Nella tabella vediamo queste misurazioni effettuate per la sostituzione di alcuni prodotti. Sostituzione Tm (anni) Anno GOMMA SINTETICA / GOMMA NATURALE FIBRE SINTETICHE / NATURALI PLASTICA / CUOIO MARGARINA / BURRO ARCO ELETTRICO / MARTIN SIEMENS (accai speciali) PITTURE ALL'ACQUA / A OLIO MARTIN SIEMENS / BESSEMER (per acciai) PIGMENTI TiO 2 / PBO-ZnO PAVIMENTI IN PLASTICA / LEGNO BARCHE IN PLASTICA / LEGNO INSETTICIDI ORGANICI / INORGANICI FIBRE PER PNEUMATICI SINTETICHE / NATURALI 17, PLASTICHE / METALLO NELL'AUTO FORNO SIOF / MARTIN SIEMENS (per accai) 10, DETERGENTI /SAPONI (U.S.A) 8, DETERGENTI /SAPONI (Giappone) 8, Tm = numero di anni trascorsi per passare dal 10% al 50% Anno = anno in cui si è raggiunto il 50% Fonte :elaborazione da "Software Package for Logistic Substitution Model " - 13 dicembre 1979 I fattori che determinano la diffusione di un innovazione sul mercato, influendo sui parametri caratteristici (tempo di induzione prima della fase veloce, tassa di penetrazione sul mercato nella fase veloce), sono: redditività per l utente e per l innovatore; entità dell investimento, in paragone a quella della tecnologia da sostituire; complessità del processo di apprendimento per l utente. Come per ogni investimento, il primo fattore da tenere in considerazione sono i costi da sopportare e i benefici attesi, ma questo non è sufficiente. Anche i fattori di costo già sostenuto e da sostenere, la durata degli investimenti ( quindi il rischio finanziario) e la complessità del nuovo processo e le necessarie riorganizzazioni (rischio industriale) intervengono nella decisione. Abbiamo già detto che ogni innovazione comporta una riorganizzazione aziendale più o meno ampia. A secondo della profondità dell intervento riorganizzativo necessario, la nuova tecnologia sarà vista dell utente come banale se non necessita di riorganizzazioni significative o via via più complessa, se le riorganizzazioni necessarie si diffondono nella struttura aziendale ed agiscono in modo più profondo. 2-16

17 Un intervento banale può essere quello che prevede solamente il cambio di alcune apparecchiature, una piccola riorganizzazione spaziale delle linee produttive e un addestramento del personale. L intervento diventa più pesante se la riorganizzazione spaziale comporta la necessità di reperire nuovi spazi produttivi o se implica una modifica del personale addetto in numero o nelle competenze richieste. L innovazione può però richiedere cambiamenti anche nelle aree non legate alla produzione quali: assistenza, rete di vendita, modalità di vendita, struttura finanziaria, ecc. Queste difficoltà crescenti spiegano perché l innovazione radicale spesso favorisce i nuovi entranti che non si trovano a dover modificare una struttura aziendale esistente. Un esempio reale di cosa può comportare un innovazione radicale lo possiamo verificare con quello che è successo per il passaggio dagli anodi in grafite agli anodi di titanio platinato De Nora negli impianti elettrolitici cloro/soda. Il costo degli anodi in grafite era relativamente basso, ma la loro durata nel tempo era limitata per la corrosione. Il costo degli anodi platinati è elevato, cosi come la durata. L assistenza, per gli anodi in grafite, è praticamente inesistente e occasionale, gli anodi De Nora, necessitano di riplatinatura periodica. La De Nora per introdurre il proprio prodotto ha creato un nuovo sistema di commercializzazione; anziché vendere il proprio prodotto lo ha dato in affitto, trasformando completamente il rapporto con il cliente. I vantaggi di questo sistema sono stati: facilitazioni finanziarie per l'utente, eliminazione dell'elevato costo di investimento; rigida protezione del ritrovato; continuo arricchimento del know-how in condizioni di monopolio; nessun problema di invecchiamento della brevettuale; elevata capitalizzazione in materiali pregiati. 2-17

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

TAV. A.2.1 - VALORE DELLE IMPORTAZIONI ED ESPORTAZIONI PER MERCE - CLASSIFICAZIONE MERCI PER ATTIVITA' ECONOMICA (CPATECO) - CAGLIARI

TAV. A.2.1 - VALORE DELLE IMPORTAZIONI ED ESPORTAZIONI PER MERCE - CLASSIFICAZIONE MERCI PER ATTIVITA' ECONOMICA (CPATECO) - CAGLIARI TAV. A.1.1 - VALORE DELLE ED PER - CLASSIFICAZIONE MERCI PER ATTIVITA' ECONOMICA (CPATECO) - SARDEGNA 2002 2003 2004 2005 2006 2007 (a) AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 117.278 120.905 123.364 112.785

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

I SETTORI A RISCHIO DI DEFAULT. A cura dell Ufficio Studi Lince Giugno 2009

I SETTORI A RISCHIO DI DEFAULT. A cura dell Ufficio Studi Lince Giugno 2009 I SETTORI A RISCHIO DI DEFAULT A cura dell Ufficio Studi Lince Giugno 2009 1 La crisi internazionale dei mercati ha avuto effetti negativi sui conti delle imprese italiane a partire dall ultimo trimestre

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA CRISI ECONOMICA SULLE PMI ITALIANE ED ADEGUAMENTO DEGLI STUDI DI SETTORE

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA CRISI ECONOMICA SULLE PMI ITALIANE ED ADEGUAMENTO DEGLI STUDI DI SETTORE VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA CRISI ECONOMICA SULLE PMI ITALIANE ED ADEGUAMENTO DEGLI STUDI DI SETTORE 1 2 Analisi dell'andamento delle operazioni attive 2008 rispetto al 2007 206 Studi di Settore In

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 22 luglio 2015 Maggio 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Allo scopo di fornire informazioni statistiche integrate, a partire dalla diffusione odierna, il comunicato è arricchito di un paragrafo

Dettagli

Il commercio estero dell Italia con la Cina: bilancia commerciale, specializzazione merceologica e operatori all esportazione Anni 2000-2005

Il commercio estero dell Italia con la Cina: bilancia commerciale, specializzazione merceologica e operatori all esportazione Anni 2000-2005 25 settembre 2006 Il commercio estero dell Italia con la Cina: bilancia commerciale, specializzazione merceologica e all esportazione Anni 2000-2005 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244

Dettagli

2. LA PERFORMANCE DELLE IMPRESE E LA RELAZIONE TRA MANIFATTURA E SERVIZI NELLA CONGIUNTURA DEL 2013-2014

2. LA PERFORMANCE DELLE IMPRESE E LA RELAZIONE TRA MANIFATTURA E SERVIZI NELLA CONGIUNTURA DEL 2013-2014 2. La performance delle imprese e la relazione tra manifattura e servizi nella congiuntura del 213-214 23 2. LA PERFORMANCE DELLE IMPRESE E LA RELAZIONE TRA MANIFATTURA E SERVIZI NELLA CONGIUNTURA DEL

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 19 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE INDAGINE ANNUALE SUL SISTEMA DEI CONTI DELLE IMPRESE L indagine sul Sistema dei Conti delle Imprese (SCI) condotta dall ISTAT, già indagine sul prodotto lordo, fornisce

Dettagli

QUANTO INNOVANO REALMENTE LE PMI?

QUANTO INNOVANO REALMENTE LE PMI? QUANTO INNOVANO REALMENTE LE PMI? INFORMAZIONI SULL AZIENDA Pagina 1 1. Dimensione del fatturato in euro (con riferimento al Bilancio 2013) Fino a 2 milioni di euro di fatturato Oltre 2 milioni e fino

Dettagli

Introduzione 10 INTRODUZIONE

Introduzione 10 INTRODUZIONE Introduzione Il Rapporto 2002 sull Economia romana consente di trarre qualche considerazione positiva sull andamento del sistema produttivo e del tessuto sociale dell area romana. Come si vedrà, da questa

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 3 TRIMESTRE Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41100 Modena Tel. 059 208423 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

I modelli di crescita all estero delle PMI: il caso del distretto empolese. Andrea Manuelli - manuelli@local-global.it

I modelli di crescita all estero delle PMI: il caso del distretto empolese. Andrea Manuelli - manuelli@local-global.it I modelli di crescita all estero delle PMI: il caso del distretto empolese Andrea Manuelli - manuelli@local-global.it 1 RIFLESSIONI GENERALI 2 Internazionalizzazione e dimensione di impresa Tradizionalmente,

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 dicembre 2015 Ottobre 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A ottobre il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra un incremento del 2,0% rispetto a settembre, con variazioni

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI 10 gennaio 2013 Anno 2010 GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Nel 2010, la spesa per investimenti ambientali delle imprese industriali 1 è risultata pari a 1.925

Dettagli

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione 2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione La creatività è uno dei principali driver della competitività del nostro sistema produttivo. Le imprese che investono in creatività e nelle capacità individuali

Dettagli

Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008

Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008 5 gennaio 2011 Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. +39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera. Elisabetta Tondini

L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera. Elisabetta Tondini L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera Elisabetta Tondini Procede anche in Umbria il processo di terziarizzazione. Dai dati strutturali alcuni segnali di cambiamento Il percorso Sul rapporto

Dettagli

Capitolo 14. Industria

Capitolo 14. Industria Capitolo 14 Industria 14. Industria Questo capitolo raccoglie informazioni sul settore dell industria in senso stretto, escluse cioè le costruzioni per le quali si rinvia all apposito capitolo. Un primo

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 giugno 2015 Aprile 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Ad aprile il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra una diminuzione dello 0,6% rispetto a marzo, con variazioni

Dettagli

La struttura economica romana

La struttura economica romana Capitolo 1 La struttura economica romana 15 LA STRUTTURA ECONOMICA ROMANA Il sistema produttivo 1 La struttura del sistema produttivo romano 1.1 La situazione nel 2001 In Italia secondo i dati dell archivio

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%)

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Pubblicato dall Istituto di Statistica il bollettino di maggio. Crescono su base annua i numeri delle aziende

Dettagli

APPENDICE RAPPORTO SULL ECONOMIA BERGAMASCA NEL 2008

APPENDICE RAPPORTO SULL ECONOMIA BERGAMASCA NEL 2008 APPENDICE RAPPORTO SULL ECONOMIA BERGAMASCA NEL 28 PROMOSSO DALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BERGAMO E DALLA PROVINCIA DI BERGAMO EDIZIONE A CURA DELLA CAMERA DI COMMERCIO

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 21 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE I dati presentati in questo capitolo provengono dalle rilevazioni annuali sui risultati economici delle imprese, condotte in base a quanto disposto dal Regolamento UE N.

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

Aspetti normativi, metodologici e definitori delle indagini

Aspetti normativi, metodologici e definitori delle indagini Aspetti normativi, metodologici e definitori delle indagini Teresa Gambuti Direzione Centrale delle Statistiche Economiche Congiunturali Indicatori di produzione dell industria Una lettura integrata delle

Dettagli

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno FABBISOGNI FORMATIVI E MERCATO DEL LAVORO Aprile 2008 Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno L economia provinciale All interno dell economia

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Distretti urbani ed extra-urbani: recenti trasformazioni delle

Distretti urbani ed extra-urbani: recenti trasformazioni delle Distretti urbani ed extra-urbani: recenti trasformazioni delle agglomerazioni industriali italiane Giovanni Iuzzolino e Marcello Pagnini (Banca d Italia) Giovedì 21 marzo 2013, Unioncamere - Roma Il lavoro

Dettagli

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI 17 gennaio 2012 Anno 2009 GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Nel 2009 la spesa complessiva per investimenti ambientali delle imprese dell industria in senso stretto

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento ANALISI DEL MERCATO COMPETITIVO ANALISI DEL MERCATO COMPETITIVO CONOSCENZE L AREA STRATEGICA D AFFARI (ASA) IN RAPPORTO ALLE STRATEGIE AZIENDALI Nella definizione del comportamento

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa

TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa Il progetto Trend: prime analisi sull efficacia dello strumento e sul patrimonio di dati acquisito Stefania Ghidorzi Cestec

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Note metodologiche AVVIAMENTI DOMANDA/OFFERTA LAVORO FORME GIURIDICHE

Note metodologiche AVVIAMENTI DOMANDA/OFFERTA LAVORO FORME GIURIDICHE Note metodologiche AVVIAMENTI Avviamenti stabili e temporanei Avviamenti stabili: avviamenti avvenuti con contratti a tempo indeterminato oppure a tempo determinato con durata uguale o superiore all anno.

Dettagli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna Marco Sassatelli Il quadro - Produzione industriale ed export - 60 Produzione Fatturato Ordini 40 20 0-20 2003 - I 2003 - II 2003 - III 2003 - IV 2004 -

Dettagli

Sistema Informativo Excelsior

Sistema Informativo Excelsior Sistema Informativo Excelsior Sintesi dei principali risultati - 2011 SOMMARIO TAVOLE STATISTICHE Appendice 1 Corrispondenza tra la classificazione di attività economica ATECO 2007 e i settori EXCELSIOR

Dettagli

3.7 Consumi energetici

3.7 Consumi energetici 3.7 Consumi energetici L impiego principale dell energia da parte dei cittadini nel territorio provinciale avviene: 1) per usi domestici e produttivi (agricoltura, industria, terziario) - Energia elettrica

Dettagli

CUBA Congiuntura Economica

CUBA Congiuntura Economica CUBA Congiuntura Economica Durante il 2011 l economia cubana ha avviato graduali riforme del sistema economico. Il tasso annuale di crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi al 2.7% nel 2011.

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

13. Consumi di energia elettrica

13. Consumi di energia elettrica 13. Consumi di energia elettrica Nell ambito dei Paesi industrializzati, e della loro tendenza a promuovere stili di sempre più orientati a comportamenti di consumo energivori, l Italia e ovviamente Roma

Dettagli

Modelli Input/Output Teoria ed Applicazioni

Modelli Input/Output Teoria ed Applicazioni Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lot_20112011 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Modelli Input/Output Teoria ed Applicazioni Introduzione Si deve all economista Wassily Leontief

Dettagli

Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata

Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata Pinuccia Calia, Ignazio Drudi La diffusione e la penetrazione dell

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-OVEST OVEST. Claudio Gagliardi e Domenico Mauriello

POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-OVEST OVEST. Claudio Gagliardi e Domenico Mauriello POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-OVEST OVEST Claudio Gagliardi e Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere Brescia, 26 febbraio 2007 L INSERIMENTO DELLE MEDIE

Dettagli

Il progetto Trend: i risultati tecnici e le prime riflessioni sull'efficacia dell'iniziativa

Il progetto Trend: i risultati tecnici e le prime riflessioni sull'efficacia dell'iniziativa Gestire l'energia per creare nuova competitività: i risultati del progetto Trend nel panorama nazionale degli strumenti per l'efficienza energetica Milano 28 ottobre 2014 Il progetto Trend: i risultati

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLO SVILUPPO LOCALE Economia Urbana

Dettagli

Ecco come varia la % dello stipendio destinata all affitto in base alla professione

Ecco come varia la % dello stipendio destinata all affitto in base alla professione MIOAFFITTO.IT Ecco come varia la % dello stipendio destinata all affitto in base alla professione Maggio 2014 05/05/2014 PERCENTUALE DELLO STIPENDIO DESTINATO AL PAGAMENTO DELL AFFITTO, DIVISO PER CATEGORIE

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

I nuovi indici dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali in base 2005

I nuovi indici dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali in base 2005 3 aprile 2009 I nuovi indici dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali in Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale tel. +39 06 4673.2244-2243 Centro di informazione

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. INTERVENTI DI FORMAZIONE CONTINUA EX L. 236/93, ART. 9, COMMA 3 Azioni di formazione aziendale PROPOSTA DI PIANO

REGIONE CAMPANIA. INTERVENTI DI FORMAZIONE CONTINUA EX L. 236/93, ART. 9, COMMA 3 Azioni di formazione aziendale PROPOSTA DI PIANO ALLEGATO C A CURA DELL AMMINISTRAZIONE Data e numero di Protocollo: Numero progressivo di arrivo: 1. Dati identificativi Proposta REGIONE CAMPANIA INTERVENTI DI FORMAZIONE CONTINUA EX L. 236/93, ART. 9,

Dettagli

Economia, lavoro e società

Economia, lavoro e società Introduzione L export della piccola impresa Daniele Nicolai 1 2 L export realizzato dalle piccole imprese (< 20 addetti) rappresenta il 13,6% del totale delle esportazioni italiane e ammonta ad oltre 38

Dettagli

Indice della produzione industriale Dicembre 2008

Indice della produzione industriale Dicembre 2008 1 febbraio 9 Indice della produzione industriale Dicembre 8 In conformità con i requisiti del programma SDDS del Fondo monetario internazionale, l'istat diffonde un calendario annuale dei comunicati stampa

Dettagli

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo 15 giugno 2 Italia Marzo 2 ha convalidato il leggero miglioramento

Dettagli

Il posizionamento dell Umbria nel commercio internazionale nel periodo 1995-2005

Il posizionamento dell Umbria nel commercio internazionale nel periodo 1995-2005 Il posizionamento dell Umbria nel commercio internazionale nel periodo 1995-2005 Novembre 2006 Il posizionamento dell Umbria nel commercio internazionale nel periodo 1995-2005 Presentazione del lavoro...

Dettagli

GLI INVESTIMENTI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE

GLI INVESTIMENTI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE 22 dicembre 2015 Anno 2013 GLI INVESTIMENTI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE Nel 2013 gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali 1 sono diminuiti

Dettagli

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 A cura dell Ufficio Studi Euler Hermes Italia FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA. CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA PER SETTORE MERCEOLOGICO. SERIE STORICA 1998-2008. Valori assoluti (milioni di KWh).

PROVINCIA DI PISTOIA. CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA PER SETTORE MERCEOLOGICO. SERIE STORICA 1998-2008. Valori assoluti (milioni di KWh). PROVINCIA DI PISTOIA. CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA PER SETTORE MERCEOLOGICO. SERIE STORICA 1998-2008. Valori assoluti (milioni di KWh). AGRICOLTURA 16,3 17,4 17,0 17,5 18,2 20,2 20,8 22,9 23,2 22,8 23,4

Dettagli

SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE. (Titolo del progetto) (Attività)

SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE. (Titolo del progetto) (Attività) SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE ALLEGATO H (Informazioni richieste dal MIUR per analisi di realizzazione e di risultato dei progetti ammessi a cofinanziamento FSE a valere sull Avviso 4384/2001

Dettagli

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA RISULTATI GENERALI L andamento dell Industria di Roma e Provincia nel quarto trimestre del 2002 è risultato sostanzialmente negativo. Con riferimento al Comune, i

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Quanto vale la cooperazione agricola italiana?

Quanto vale la cooperazione agricola italiana? Eddi Fontanari *, Carlo Borzaga ** Quanto vale la cooperazione agricola italiana? * Euricse, University of Missouri - visiting scholar. **Università degli Studi di Trento, Euricse. Negli ultimi anni l

Dettagli

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 25 Ottobre 2006 Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 L Istat rende disponibili le serie storiche degli investimenti per branca proprietaria

Dettagli

Giuria della Congiuntura

Giuria della Congiuntura Giuria della Congiuntura Centro studi e ricerche economico sociali l evoluzione congiunturale dell industria manifatturiera delle Marche risultati del 1 trimestre 2015 e previsioni per il 2 trimestre 2015

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Lombardia Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Provincia autonoma di Bolzano Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI EDUCAZIONE ECNICA Centro Territoriale Permanente per l Istruzione e la Formazione

Dettagli

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA Divisione atmosfera e impianti 1 Inquadramento del tema Per azienda agricola si intende l'unità tecnico-economica costituita da terreni, anche in appezzamenti non

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito Insolvenza Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito di Tommaso Zarbo - Dottore commercialista e Revisore contabile Il rischio di credito Il rischio di credito generato dal portafoglio

Dettagli

STRUTTURA DELL ECONOMIA ITALIANA: IL LATO DELL OFFERTA

STRUTTURA DELL ECONOMIA ITALIANA: IL LATO DELL OFFERTA STRUTTURA DELL ECONOMIA ITALIANA: IL LATO DELL OFFERTA Il Pil pro capite Per meglio misurare il tenore di vita. Per rendere confrontabili le dimensioni relative in termini di reddito effettivo e grado

Dettagli

Innovazione e imprese

Innovazione e imprese Innovazione e imprese Prof. Sandro Trento Facoltà di Economia, Università di Trento Roma, 15 settembre, Innovazione Italia Innovazione Innovazione è sinonimo di nuovo? La novità deve raggiungere il mercato

Dettagli

CHI VINCE E CHI PERDE: L INDUSTRIA ITALIANA OLTRE LA CRISI

CHI VINCE E CHI PERDE: L INDUSTRIA ITALIANA OLTRE LA CRISI CHI VINCE E CHI PERDE: L INDUSTRIA ITALIANA OLTRE LA CRISI Incontro organizzato da MIP Politecnico di Milano Roberto Monducci Istat - Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche economiche

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Centro Orientamento di Ateneo

Università degli Studi di Cagliari Centro Orientamento di Ateneo Università degli studi di Cagliari SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE (Informazioni richieste dal M.U.R. per analisi di realizzazione e di risultato dei progetti ammessi a cofinanziamento FSE

Dettagli

Applicazioni contrattuali

Applicazioni contrattuali 28 agosto Luglio CONTRATTI COLLETTIVI E RETRIBUZIONI CONTRATTUALI Alla fine di luglio i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore per la parte economica riguardano il 6% degli occupati dipendenti

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Quaderni Statistici e Informativi ISSN 1974-6822 Quaderno dei Prezzi N 8 - Dicembre 2009 Quaderni Statistici e Informativi La collana Quaderni

Dettagli

Retail & Consumer Summit 2011

Retail & Consumer Summit 2011 www.pwc.com/it Retail & Consumer Summit 2011 La gestione della discontinuità e del cambiamento: sfide e opportunità 11 ottobre 2011 1 1 Discontinuità nei consumi: come sta cambiando il comportamento d

Dettagli

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011 IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI MODENA: ANDAMENTO CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA E DEGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA (CIGS E CIGO) NEL 2011 L andamento del mercato del lavoro nella provincia

Dettagli

Il Foresight Tecnologico quale strumento di business intelligence a supporto della competitività delle imprese

Il Foresight Tecnologico quale strumento di business intelligence a supporto della competitività delle imprese XXXIV CONVEGNO ANNUALE AIDEA AZIENDE DI SERVIZI E SERVIZI PER LE AZIENDE. LA RICERCA DI UN PERCORSO DI SVILUPPO SOSTENIBILE PER SUPERARE LA CRISI. PERUGIA, 13 E 14 OTTOBRE 2011 FILONE DI RIFERIMENTO: SERVIZI

Dettagli

CAPITOLO 5 LE ATTIVITÀ ECONOMICHE

CAPITOLO 5 LE ATTIVITÀ ECONOMICHE CAPITOLO 5 LE ATTIVITÀ ECONOMICHE 5.1 - Imprese dei settori industria e servizi Al Censimento intermedio dell Industria e dei Servizi (31 dicembre1996) sono state rilevate 3.494 imprese 1 di tipo industriale

Dettagli

THE DIGITAL MANUFACTURING REVOLUTION Capitolato short. una ricerca di UNIVERSITÀ DI BRESCIA CENTRO DI RICERCA SCSM

THE DIGITAL MANUFACTURING REVOLUTION Capitolato short. una ricerca di UNIVERSITÀ DI BRESCIA CENTRO DI RICERCA SCSM THE DIGITAL MANUFACTURING REVOLUTION Capitolato short una ricerca di UNIVERSITÀ DI BRESCIA CENTRO DI RICERCA SCSM LA TERZA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE Siamo nel pieno di una nuova rivoluzione industriale,

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione e all importazione nell ottobre 2010. Prezzi in calo rispetto al mese precedente rincaro annuo dello 0,3 per cento

Indice dei prezzi alla produzione e all importazione nell ottobre 2010. Prezzi in calo rispetto al mese precedente rincaro annuo dello 0,3 per cento Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 15.11.2010, 9:15 www.ust150anni.ch 5 Prezzi N. 0352-1011-50 Indice dei prezzi alla produzione e all

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO Fondazione Manlio Masi Osservatorio nazionale per l internazionalizzazione e gli scambi NOTE DI APPROFONDIMENTO Nota 3 Il posizionamento dei prodotti italiani nei paesi nordeuropei A cura di Roberta Mosca

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI. LAZIO Tavole statistiche

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI. LAZIO Tavole statistiche INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI LAZIO Tavole statistiche Risultati del II trimestre 2015 e previsioni per il III trimestre 2015 Indice delle tavole Tavola 1 Tavola 2 Tavola 3 Tavola 4

Dettagli

OSSERVATORIO ECONOMICO del Comune di Follonica

OSSERVATORIO ECONOMICO del Comune di Follonica OSSERVATORIO ECONOMICO del Comune di Follonica CONGIUNTURA Consuntivo 2007 Previsioni 2008 II semestre 2007 Previsioni I semestre 2008 Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici - Istituto Guglielmo

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Piemonte Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Il presente Osservatorio nasce da una collaborazione CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA Alla sua elaborazione

Dettagli

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 1 % 40 35 30 25 20 15 10 5 0 % Ripartizione per classi dimensionali di fatturato

Dettagli

Giovani chimici per quale industria?

Giovani chimici per quale industria? Giovani chimici per quale industria? Fabbisogni formativi e opportunità nella chimica l Industria incontra l Università Milano, 13 aprile 2005 Vittorio Maglia Direzione Centrale Analisi Economiche - Internazionalizzazione

Dettagli

- Settori ammissibili per Linea di Intervento

- Settori ammissibili per Linea di Intervento Allegato C - Settori ammissibili per Linea di Intervento Settori ammissibili (CODICI ATECO 2007) Linee di intervento Codice Sezione C: ATTIVITA MANIFATTURIERE Limitatamente ai seguenti codici: Classe 10.52:

Dettagli