10 Informatica Metodologia Didattica Valutazione voto dello scritto voto dell orale per lo scritto: due

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "10 Informatica Metodologia Didattica Valutazione voto dello scritto voto dell orale per lo scritto: due"

Transcript

1 10 Informatica Metodologia Didattica Il metodo di insegnamento verrà articolato a seconda dei diversi momenti, delle esigenze della classe e dei particolari aspetti del programma, privilegiando, dove è possibile, le metodologie di apprendimento attivo. Verranno tenute lezioni frontali introducendo i nuovi argomenti con l analisi di situazioni concrete; quindi si procederà alla sistematizzazione teorico-formale cui seguiranno varie applicazioni. Durante le spiegazioni l'insegnante cercherà di instaurare un dialogo costante con la classe, facendo intervenire i ragazzi stessi per descrivere una particolare procedura o algoritmo, per risolvere un nuovo problema; in questo modo si cercherà di sviluppare le capacità intuitive, di analisi e di descrizione di situazioni reali. Il docente assegnerà regolarmente dei lavori da realizzare anche al computer a casa, come completamento dell attività svolta a scuola, in quanto il lavoro autonomo è fondamentale per l acquisizione di valide competenze informatiche. L insegnante potrà invitare gli studenti ad realizzare particolari algoritmi o strutture informatiche più elaborate, da illustrare poi alla classe, per migliorare le capacità organizzative, critiche ed espositive. Si potranno organizzare attività di gruppo anche per recupero e o approfondimento tra gli studenti. Verrà utilizzato il laboratorio di informatica (almeno il 50% delle ore di lezione) che è predisposto per far lavorare gli studenti in coppie su 15 computer, in modo da poter sperimentare direttamente quanto appreso teoricamente. Si utilizzerà anche la LIM nelle classi dove è presente per migliorare la qualità didattica e rendere possibile l immediata sperimentazione di quanto visto. Attività I docenti faranno partecipare gli studenti delle proprie classi alle gare delle Olimpiadi di Informatica e/o ad altre gare o concorsi, proposte dal MIUR e da altre Istituzioni, che valuteranno più opportuni all interno del percorso didattico proposto. Gli insegnanti potranno inserire nella loro programmazione uscite didattiche in laboratori e/o musei attinenti alla disciplina. Si potranno realizzare visite guidate ad imprese o aziende che operano in specifici campi legati all informatica. Mezzi e spazi I mezzi principali utilizzati per veicolare le competenze della disciplina sono il libro di testo, la lavagna tradizionale, la LIM (Lavagna Interattiva Multimediale) nelle classi dove presente e/o supporti multimediali per la presentazione di alcuni specifici argomenti. Si utilizzerà il laboratorio di informatica per far eseguire agli studenti particolari attività di apprendimento attivo. Si integreranno alcuni argomenti con dispense e schede di esercizi. Azioni di recupero L'azione di recupero sarà fatta continuamente durante l'anno scolastico, dopo ogni verifica infatti l insegnante ha dati oggettivi sul grado di comprensione ed assimilazione dei vari contenuti. Si cercherà, quindi, di intervenire, subito dopo ogni verifica scritta, riprendendo i punti meno chiari e proponendo nuovi esercizi o esercitazioni di laboratorio per superare le difficoltà riscontrate. Va tuttavia rilevato che alcuni studenti accusano più difficoltà di altri, o per uno studio discontinuo o per difficoltà varie di approccio alla materia, per questi sarà pensata un attività di sostegno in itinere (anc he partecipando al Club delle Scienze) e/o di recupero in alcuni periodi dell anno dove verranno riproposti gli argomento fondamentali cercando di favorire il coinvolgimento attivo dei ragazzi e cercando di sviluppare una maggiore autonomia ed efficacia dello studio domestico personale. Valutazione La valutazione è parte integrante della programmazione didattica in quanto fornisce i dati per guidare e migliorare il processo di insegnamento-apprendimento; i parametri disciplinari su cui essa si basa sono: conoscenza dei contenuti affrontati, capacità di analisi del problema da risolvere, capacità di modellizzare la realtà e di descrivere soluzioni, ordine e chiarezza concettuale nell esporre gli aspetti disciplinari, correttezza nell applicazione delle procedure risolutive e completezza delle soluzioni proposte, capacità di sintesi e corretto utilizzo del linguaggio specifico disciplinare. Il voto dello scritto indica in che misura lo studente è in grado di comprendere un testo ed utilizzare i termini informatici nella comunicazione scritta, in che misura è in grado di analizzare autonomamente un problema e di descriverne la risoluzione, in che misura sa applicare con coerenza le varie procedure per la costruzione di applicativi, eseguire correttamente e completamente i calcoli richiesti nei vari esercizi di informatica teorica, saper utilizzare vari pacchetti applicativi valutandone la qualità delle funzionalità offerte. Il voto dell orale indica in che misura lo studente sa rispondere con chiarezza e completezza, utilizzando consapevolmente la terminologia informatica, ai quesiti proposti, giustificando le scelte operate tra le varie alternative e in che misura lo studente riesce ad approfondire temi specifici della disciplina. Come prove per lo scritto: si eseguiranno almeno due verifiche per quadrimestre con problemi, esercizi su specifici fenomeni o test a risposta multipla. 1

2 Come prove per l orale: si avranno almeno due valutazioni per quadrimestre, i voti potranno provenire oltre che da colloqui anche da prove scritte con test a risposta multipla e/o quesiti a risposta aperta su aspetti teorici della disciplina, che saranno somministrate assieme alle verifiche valide per la determinazione del voto scritto. Verranno valutate anche alcune attività svolte in laboratorio e i lavori personali di approfondimento. Nella valutazione orale confluirà anche l interesse e la partecipazione alle lezioni, l impegno nello studio ed il regolare svolgimento dei compiti assegnati per casa. Il voto unico sarà una sintesi dei due. Le varie prove, a seconda della tipologia, avranno peso diverso nella valutazione finale. Il voto finale quindi sarà frutto di una media ponderata dei voti conseguiti durante l anno. La valutazione delle prove scritte è generalmente ottenuta con un procedimento a due fasi: 1. l'attribuzione di un punteggio sulla base di una tabella analitica delle soluzioni degli esercizi proposti che tiene conto essenzialmente delle difficoltà cognitive e della tipologia degli errori; 2. l'attribuzione del voto sulla base di una analisi statistica dei punteggi che cerca di evidenziare i risultati individuali relativamente ai risultati medi della classe. Caratteristiche del colloquio Lo studente: dimostra di non conoscere i vari argomenti e/o commette molti e gravi errori; non sa affrontare le applicazioni di base; non sa eseguire le varie attività di laboratorio e non conosce la terminologia informatica. Lo studente: dimostra di avere conoscenze frammentarie e/o commette molti e gravi errori; presenta difficoltà a completare qualsiasi applicazioni di base e/o non ha appreso gli aspetti teorici fondamentali; in laboratorio fa confusione nell'utilizzo dei vari software e non conosce il significato dei termini informatici affrontati. Lo studente: dimostra di avere conoscenze lacunose in parti importanti del programma o commette molti errori; presenta difficoltà a completare applicazione di base o denota poca coerenza nel descrivere i vari algoritmi e particolari aspetti teorici; in laboratorio sa utilizzare solo alcuni pacchetti applicativi ma non il linguaggio di programmazione e/o la conoscenza della terminologia informatica é limitata. Lo studente: dimostra di possedere conoscenze non sempre complete e/o commette qualche errore nelle applicazioni standard; manifesta incertezze a completare qualche applicazione di base o descrivere autonomamente i vari algoritmi e gli aspetti teorici fondamentali; in laboratorio sa utilizzare i pacchetti applicativi manifestando qualche incertezza nel linguaggio di programmazione e la maggior parte dei termini informatici. Lo studente: dimostra di conoscere i vari argomenti; esegue le applicazioni standard di media difficoltà ma denota incertezze nell'affrontare le parti più impegnative; conosce le applicazione di base e sa descrivere in modo essenziale i vari algoritmi e gli aspetti teorici fondamentali; al computer ed è in grado di completare, quasi autonomamente, quanto assegnato dal docente e conosce i termini informatici basilari. Lo studente: dimostra di avere conoscenze puntuali sui vari argomenti sviluppati; esegue con una sicurezza le applicazioni di media difficoltà ma denota qualche incertezza nell'affrontare punti più complessi; evidenzia capacità intuitive e descrivere, pur con qualche imprecisione, gli algoritmi sviluppati ed i vari aspetti teorici; al computer ed è in grado di completare autonomamente quanto assegnato dal docente conosce ed utilizza correttamente i termini informatici ed il linguaggio scientifico di base. Lo studente: dimostra di avere buone conoscenze applicando con sicurezza le varie procedure; evidenzia capacità intuitive e logiche nell'effettuare deduzioni e ragionamenti di livello avanzato anche se con qualche imperfezione; sa effettuare correttamente la descrizione di vari algoritmi e delle strutture utilizzate; al computer è in grado di sviluppare autonomamente attività di una certa complessità; conosce ed utilizza correttamente i termini informatici ed il linguaggio scientifico di livello intermedio. Lo studente: dimostra di saper utilizzare le conoscenze ben strutturate nell'applicare le varie procedure in modo sintetico; evidenzia capacità intuitive e logiche nell'effettuare deduzioni e ragionamenti di un certo rilievo. Ha effettuato lavori personali al computer di buon livello; sa effettuare correttamente la descrizione di vari algoritmi, conosce ed utilizza con sicurezza i termini informatici ed il linguaggio scientifico. Lo studente: dimostra di saper utilizzare al meglio le proprie conoscenze nello scegliere le strategie risolutive più sintetiche, eleganti e vantaggiose; evidenzia capacità intuitive e logiche nell'effettuare deduzioni e ragionamenti complessi. Ha effettuato lavori personali al computer di ottimo livello; conosce ed utilizza con sicurezza ed eleganza formale i termini informatici ed il linguaggio scientifico. Giudizio e Voto Nullo 1-2 Scarso 3 Gravemente Insufficiente 4 Insufficiente 5 Sufficiente 6 Discreto 7 Buono 8 Ottimo 9 Eccellente 10 2

3 Informatica Primo Biennio Nel primo biennio vengono proposti ed utilizzati gli strumenti di lavoro più comuni insieme ai concetti di base dell informatica. Lo studente è introdotto alle caratteristiche architetturali di un computer, ai concetti di hardware e software, alla codifica binaria (TI) e più in generale alla rappre sentazione dell informazione, agli elementi funzionali della macchina di Von Neumann: CPU, memoria, dischi, bus e le principali periferiche. (AC). Lo studente acquisisce il concetto di sistema operativo, le sue funzionalità di base e le caratteristiche dei sistemi operativi più comuni; il concetto di processo come programma in esecuzione, il meccanismo base della gestione della memoria e le principali funzionalità dei file system. (SO) Lo studente acquisisce gli elementi costitutivi di un documento elettronico e i principali strumenti di produzione di Office Automation. Occorre partire da quanto gli studenti hanno già acquisito nella scuola secondaria inferiore per far loro raggiungere la padronanza di tali strumenti, con particolare attenzione al foglio elettronico. (DE) Lo studente apprende la struttura e i servizi di Internet: si condurranno gli studenti a un uso efficace della comunicazione e della ricerca di informazioni, e alla consapevolezza delle problematiche e delle regole di tale uso. Oltre agli aspetti teorici e tecnici si affronterà il tema della programmazione utilizzando un software specifico per la comprensione delle strutture fondamentali di un linguaggio di programmazione e, successivamente, come linguaggio di programmazione vero e proprio il C++, e si vedranno applicazioni pratiche con vari software..(al) Alla fine del primo biennio lo studente dovrà aver acquisito le competenze di base per risolvere semplici problemi significativi e conoscere gli aspetti teorici sottostanti. Si troverà un raccordo in primis con i docenti di fisica e matematica, per affrontare le tematiche affini. Si potranno altresì organizzare attività anche con docenti di altre discipline per curare ed approfondire la parte relativa all elaborazione di testi e la ricerca di informazioni su Internet Competenze Relativamente agli argomenti trattati, alla fine del biennio, lo studente dovrà aver raggiunto le seguenti competenze: Comprendere i principali fondamenti teorici delle scienze dell informazione Acquisire la padronanza di alcuni strumenti dell Informatica Utilizzare tali strumenti per la soluzione di problemi significativi, anche connessi allo studio di altre discipline Saper codificare algoritmi per risolvere problemi Acquisire consapevolezza dei vantaggi e dei limiti degli strumenti informatici Per il raggiungimento di tali competenze, agli allievi si chiederà: di saper analizzare con attenzione i vari concetti teorici della teoria dell informazione, eseguendo semplici applicazioni per verificare la corretta acquisizione di concetti e procedure; di avere una sufficiente padronanza di uno o più linguaggi per sviluppare applicazioni semplici, ma significative, di calcolo in ambito scientifico; di saper affrontare problemi significativi evidenziando con chiarezza cosa si conosce e cosa si vuol determinare; di saper descrivere le varie parti degli algoritmi affrontati; di saper costruire algoritmi che risolvano problemi; di saper padroneggiare i più comuni strumenti software per il calcolo, la ricerca e la comunicazione in rete, la comunicazione multimediale, l'acquisizione e l'organizzazione dei dati, applicandoli in una vasta gamma di situazioni, ma soprattutto nell'indagine scientifica, e scegliendo di volta in volta lo strumento più adatto; di comprendere la struttura logico-funzionale dell hardware di un computer, tale da consentirgli la scelta dei componenti più adatti alle diverse situazioni e le loro configurazioni, la valutazione delle prestazioni, il mantenimento dell'efficienza; di conoscere i principali aspetti dei sistemi operativi sapendone descrivere, in modo schematico, proprietà e caratteristiche; di conoscere le funzioni dei vari browser, gli aspetti normativi, il malware per operare su Internet in modo efficace, sicuro e consapevole; di lavorare in gruppo con i compagni, sviluppando la capacità di mettere insieme le proprie conoscenze, abilità e strategie per risolvere problemi. Temi trattati nel primo biennio Si procederà all analisi dei primi concetti affiancando alle lezioni teoriche esercitazioni in laboratorio, sviluppando i seguenti temi che poi verranno ampliati ed approfonditi negli ultimi tre anni: 3

4 Teoria dell informazione (TI) (** Non è esplicitata nelle indicazioni ministeriali) Architettura dei Computer (AC) Sistemi operativi (SO) Algoritmi e Linguaggi di programmazione (AL) Elaborazione digitale dei Documenti (DE) Struttura di Internet e servizi (IS) Basi di dati (BD) Suddivisione degli obiettivi di apprendimento per classi La suddivisione è puramente indicativa in quanto i temi sono specifici dell intero biennio. Utilizzo dei vari applicativi di Microsoft Office (M.O.) o di LibreOffice/OpenOffice (L.O./O.O.) Classe prima Conoscenze Abilità Teoria dell Informazione (TI) Architettura dei Computer (AC) Algoritmi e Linguaggi di programmazione (AL) Sistemi Operativi (SO) Elaborazione Digitale dei documenti (DE) ECDL Struttura di Internet e Servizi (IS) Il processo di codifica e di decodifica. La codifica binaria. Codifica modulo-segno Codifica complemento a 2 I codici ASCII e Unicode. Unità di misura dell informazione. Codifica per numeri interi senza segno, numeri interi con segno, numeri decimali a virgola fissa e mobile. Esempi di codifiche di suoni e immagini. Concetti di hardware e software. Gli elementi funzionali della macchina di Von Neumann: CPU, memoria, dischi, bus interni e le principali periferiche di I/O. Struttura e funzionamento di alcuni componenti: CPU, RAM e HD. Il concetto di algoritmo. Rappresentazione degli algoritmi: diagrammi di flusso e pseudo-codifica Il concetto di variabile e di costante Teorema di Jacobini-Böhm Strutture: sequenza, selezione, iterazione. Sintassi di Scratch Operatori di confronto e aritmetici. Sistema operativo, le sue funzionalità di base e le caratteristiche dei sistemi operativi più comuni. Gestione dei processo. Gestione della memoria. Gestione delle periferiche Il FileSystem e la gestione dei file in un PC. Le tipologie dei file e le estensioni. Elementi costitutivi di un documento di testo, Word (M.O.) o Writer (L.O./O.O.) (impostazioni di carattere, di paragrafo, di pagina, di sezione), utilizzando: rientri, elenchi puntati o tabelle. Elementi costitutivi di un foglio di calcolo elettronico, Excel (M.O.) o Calc (L.O./O.O.) (utilizzando le formule matematiche di base, i riferimenti relativi e assoluti, riuscendo a costruire varie tipologie di rappresentazioni grafiche). La struttura e i servizi di Internet. Uso e caratteristiche di un browser. Conoscere le caratteristiche del servizio di posta elettronica e saper utilizzare un motore di ricerca. 4 Determinare la codifica binaria di numeri interi positivi e negativi, con o senza virgola e decodificare un numero espresso in rappresentazione binaria. Operare cambiamenti di base (2,4,8,16) con relative operazioni. Tradurre informazioni utilizzando in codice ASCII. Saper riconoscere le principali caratteristiche tecniche dei componenti di un computer. Saper valutare l opportunità di utilizzare determinate tecnologie. Rappresentare semplici algoritmi con diagrammi di flusso. Codificare algoritmi con condizioni e semplici cicli utilizzando Scratch. Saper descrivere le funzioni del sistema operativo. Saper installare un sistema operativo. Utilizzare consapevolmente il sistema operativo. Organizzare i file in cartelle Creare collegamenti Saper elaborare un documento di testo seguendo specifiche richieste. Saper costruire fogli elettronici, seguendo specifiche richieste. Saper comunicare attraverso la posta elettronica. Saper cercare in modo critico informazioni sulla rete. Sa riconoscere la gerarchia dei

5 I domini e URL domini. Classe seconda Conoscenze Abilità Teoria dell informazione (TI) Algoritmi e Linguaggi di programmazione (AL) Architettura dei Computer (AC) Elaborazione digitale dei Documenti (DE) ECDL Basi di dati (BD) La codifica floating-point La codifica di Gray Il bit di parità Concetto di risoluzione grafica Concetto di profondità di colore Alcune codifiche per le immagini. Concetto di campionamento Codifica dei suoni e dei video Concetto di compressione dell informazione La codifica di Huffman La sintassi del C++. Tutti i tipi di dati elementari del C++ Altri tipi di dati: string, array, struct, file. Algoritmi di ricerca Funzioni, definizione e chiamata. Programmazione top-down Parametri formali e parametri attuali, passaggio dei parametri per valore o per referenza. Schemi ricorsivi Uso dell oggetto Tartaruga con cicli o chiamate ricorsive Struttura interna di una CPU moderna Operazioni logiche sui dati. Circuiti logici. Dalla logica all aritmetica. Introduzione al concetto di Automa. La macchina di Turing Aspetti avanzati per i documenti di testo Word (M.O.) o Writer (L.O./O.O.) ed il foglio elettronico Excel (M.O.) o Calc (L.O./O.O.). Strumenti di presentazione: PowerPoint (M.O.) o Impress (L.O./O.O.). Caratteristiche ed uso dei DBMS Access (M.O.) o Base (O.O.) Progettare tabelle con l inserimenti di dati mediante maschere. Tipi di dati. Indici e chiave primaria Associazioni 1:1, 1:n, n:n Integrità referenziale Creazione di ricerche (query) e rapporti (report). Determinare la codifica binaria di numeri con virgola e decodificare un numero binario. Calcolare la memoria necessaria per memorizzare una immagine senza metodi di compressione. Calcolare la memoria necessaria per memorizzare tracce audio senza compressione. Calcolare il limite minimo teorico di Huffman. Calcolare la migliore codifica, dato un insieme di simboli e la probabilità di comparsa, per limitare la quantità di memoria utilizzata. Costruzione di algoritmi non elementari. Codifica di algoritmi in C++. Strutturare i programmi in sottoprogrammi mediante l uso di funzioni. Usare la tartaruga per realizzare semplici strutture grafiche iterative o ricorsive Saper ricavare le operazioni aritmetiche dai circuiti logici. Saper progettare un automa con un simulatore di ASF. Utilizzo degli automi per analizzare stringhe di caratteri. Saper utilizzare i vari software con sicurezza nel produrre vari tipi di documenti. Saper costruire presentazioni utilizzando varie tecniche di animazione. Saper impostare correttamente ricerche di diversa tipologia. Saper creare controlli su espressioni aritmetiche o logiche. Saper creare caselle combinate su maschere. Saper realizzare semplici Database 5

6 Informatica Secondo Biennio L insegnamento di informatica deve contemperare diversi obiettivi: comprendere i principali fondamenti teorici delle scienze dell informazione; acquisire la padronanza di strumenti dell informatica; utilizzare tali strumenti per la soluzione di problemi significativi in generale, ma in particolare connessi allo studio delle altre discipline; acquisire la consapevolezza dei vantaggi e dei limiti dell uso degli strumenti e dei metodi informatici e delle conseguenze sociali e culturali di tale uso. Questi obiettivi si riferiscono ad aspetti fortemente connessi fra di loro, che vanno quindi trattati in modo integrato mantenendo su di un piano paritario teoria a pratica. Nel secondo biennio si procede ad un allargamento della padronanza di alcuni strumenti e un approfondimento dei loro fondamenti concettuali, come indicato dal ministero per il primo biennio: architettura del computer (AC), sistemi operativi (SO), Internet e servizi (IS), elaborazione automatica di documenti (DE), algoritmi e linguaggi di programmazione (AL). La scelta dei temi dipende dal contesto e dai rapporti che si stabiliscono fra l informatica e le altre discipline. Sarà possibile disegnare un percorso all'interno delle seguenti tematiche: strumenti avanzati di produzione dei documenti elettronici, linguaggi di markup (XML etc), formati non testuali (bit map, vettoriale, formati di compressione), font tipografici, progettazione web (DE); introduzione al modello relazionale dei dati, ai linguaggi di interrogazione e manipolazione dei dati (BS); estensione dell uso di un linguaggio di programmazione inglobando il paradigma ad oggetti, la programmazione ad eventi associata alle interfacce grafiche (AL). Competenze Relativamente agli argomenti trattati, alla fine del biennio, lo studente dovrà aver raggiunto le seguenti competenze: Comprendere i principali fondamenti teorici delle scienze dell informazione Acquisire, anche in autonomia, la padronanza di alcuni strumenti dell Informatica Scegliere ed utilizzare tali strumenti in modo pienamente consapevole per la risoluzione di problemi significativi, anche connessi allo studio di altre discipline Saper codificare algoritmi per risolvere problemi Acquisire consapevolezza delle potenzialità offerte dai nuovi paradigmi della programmazione e dai sistemi di gestione delle basi di dati per la realizzazione di sistemi informativi Essere consapevoli delle potenzialità comunicative offerte dalle nuove tecnologie di comunicazione per il Web Acquisire consapevolezza dei vantaggi e dei limiti degli strumenti informatici Valutare conseguenze sociali e culturali di tale uso Per il raggiungimento di tali competenze, agli allievi si chiederà: di saper analizzare con attenzione i vari concetti teorici della teoria dell informazione, eseguendo applicazioni per verificare la corretta acquisizione di concetti e procedure; di avere una sufficiente padronanza di uno o più linguaggi per sviluppare applicazioni semplici, ma significative, di calcolo in ambito scientifico; di saper riconoscere ed utilizzare consapevolmente altri linguaggi per la realizzazione di pagine web o per la comunicazione con DBMS; di saper analizzare problemi significativi evidenziando con chiarezza gli elementi del dominio, le relazioni funzionali che li legano e di saper trasformare il tutto in applicazioni scritte utilizzando il paradigma ad oggetti e le funzionalità offerte dai DBMS; di saper padroneggiare i più comuni strumenti software per il calcolo, la ricerca e la comunicazione in rete, la comunicazione multimediale, l'acquisizione e l'organizzazione dei dati, applicandoli in una vasta gamma di situazioni, ma soprattutto nell'indagine scientifica, e scegliendo di volta in volta lo strumento più adatto; di saper condividere informazioni multimediali in Internet attraverso la realizzazione di pagine web o di servizi evoluti basati sulle pagine web; di lavorare in gruppo con i compagni, sviluppando la capacità di mettere insieme le proprie conoscenze, abilità e strategie per risolvere problemi. Temi trattati nel secondo biennio Si procederà all analisi dei primi concetti affiancando alle lezioni teoriche esercitazioni in laboratorio, sviluppando i seguenti temi che poi verranno ampliati ed approfonditi negli ultimi tre anni: Algoritmi e Linguaggi di programmazione (AL) Reti di computer (RC) Elaborazione digitale dei Documenti (DE) Calcolo numerico e simulazione (CS) Basi di dati (BD) 6

7 Classe terza Conoscenze Abilità Algoritmi e Linguaggi di programmazione (AL) Base di Dati (BD) Reti di computer (RC) Elaborazione digitale dei documenti (DE) La tartaruga Gli array a due o più dimensioni Le strutture I file e le principali funzioni per il loro utilizzo I Puntatori e la differenza tra memoria statica e memoria dinamica (stack e heep) Il concetto di astrazione nei linguaggi di programmazione Diagramma delle classi Le classi (sintassi per la dichiarazione di attributi e metodi) I costruttori e distruttori Le regole per la visibilità membri di una classe Le motivazioni di base per l uso di sistemi specializzati di gestione di archivi (DBMS). Le problematiche relative allo sviluppo del software : il ciclo di vita e la qualità. Conoscere i modelli di progettazione concettuale e logica degli archivi: il diagramma E/R (Entity/Relationship), il modello relazionale e le operazioni relazionali. Conoscere gli elementi di base del linguaggio SQL, con particolare riferimento alla realizzazione di query. Conosce i principali servizi offerti attualmente dalla rete. Conosce le differenze tra il paradigma Client/Server e Peer2Peer. Conosce alcune tecnologie di trasmissione dei dati attualmente utilizzate. Conosce le varie classificazioni delle reti. Conosce il concetto di protocollo di comunicazione ed il modello ISO/OSI. Conosce i principali mezzi trasmissivi usati oggigiorno. Conosce il modello TCP/IP. Conosce i principali protocolli utilizzati dalle applicazioni Internet, Sa cosa sono e come sono suddivisi gli indirizzi IP4. Linguaggio HTML. La formattazione. Elementi multimediali. Form e l interazione con l utente. Fogli di stile CSS. Formati non testuali (bitmap, 7 Sa usare consapevolmente la tartaruga per realizzare immagini geometriche. Sa dichiarare matrici bidimensionali e tridimensionali. Sa realizzare funzioni che implementano alcune operazioni del calcolo matriciale. Sa dichiarare strutture per la memorizzazione di informazioni disomogenee e le sa utilizzare. Sa salvare e caricare informazioni testuali su/da file. Sa utilizzare i puntatori per allocare memoria nello heep. Sa progettare una classe con il diagramma delle classi e la sa implementare, in tutte le sue parti, utilizzando il linguaggio C++. Sa scegliere consapevolmente il livello di visibilità di attributi e membri di una classe sulla base della soluzione implementativa adottata. Sa utilizzare il modello E/R (Entity/Relationship) per affrontare la progettazione concettuale di una semplice base di dati. Sa definire correttamente le entità e le relative associazioni. Sa trasferire il modello concettuale nel corrispondente modello logico. Sa determinare in modo appropriato le chiavi primarie ed esterne. Sa implementare piccole basi di dati con un database relazionale. Si sa orientare tra i servizi offerti dalla rete. Sa spiegare il funzionamento logico dei servizi basati sui paradigmi Client/Server e Peer2Peer. Sa valutare le caratteristiche delle offerte di connettività per un uso domestico o aziendale. Sa riconoscere le caratteristiche topologiche di una rete di computer Sa riconoscere i mezzi trasmissivi. Sa esporre il funzionamento dei protocolli TCP/IP di Internet. Sa riconoscere a quale classe appartiene un indirizzo IP Sa utilizzare i principali servizi Internet in modo critico e consapevole del loro funzionamento. Sa riconoscere i tag del linguaggio HTML Sa intervenire sul codice HTML di una semplice pagina web per modificarne l aspetto. Sa progettare e realizzare pagine web statiche utilizzando un editor per pagine web. Sa realizzare una pagina web con un form per la richiesta di informazioni.

8 Struttura di Internet e Servizi (IS) Calcolo numerico e simulazione (CS) vettoriale, formati di compressione), font tipografici. Tipi di domini DNS IP statici e IP dinamici Server Web Analisi dati sperimentali Calcolo matriciale Tabelle Pivot e filtri Sa scrivere un semplice foglio di stile CSS. Sa utilizzare le principali funzioni dei programmi di fotoritocco. Sa scegliere consapevolmente i formati di salvataggio delle immagini. Sa come registrare un dominio. Sa installare un Server Web Sa effettuare alcune semplici analisi di dati sperimentali con il foglio di calcolo. Sa effettuare alcune operazioni di calcolo matriciale utilizzando il foglio elettronico. Sa utilizzare le tabelle pivot di un foglio di calcolo per estrarre informazioni da serie di dati. Classe quarta Conoscenze Abilità Algoritmi e Linguaggi di programmazione (AL) Base di Dati (BD) Elaborazione digitale dei documenti (DE) Reti di computer (RC) Calcolo numerico e simulazione (CS) Elementi avanzati di programmazione ad oggetti: L ereditarietà Polimorfismo Overloading Funzioni Virtuali Annidamento Strutture- Classi Interfaccia Grafica Programmazione ad eventi UML Strutture dati dinamiche: Code Liste - Pile Alberi e grafi Forme normali Gestione utenti Uso e i comandi di MySQL Uso del linguaggio SQL Progettazione web: concetti e funzionalità di base. I Content Management System (CMS) Accessibilità e usabilità XLM Codifiche binarie con controllo e correzione di errori Protocolli di comunicazione Principali protocolli e dispositivi per le reti locali Programmazione lineare Rappresentazione di eventi casuali Funzioni per l analisi statistica Sa dichiarare una classe utilizzando il meccanismo dell ereditarietà. Sa utilizzare polimorfismo e overloading per dichiarare i metodi e gli operatori. Sa utilizzare alcuni schemi UML per dichiarare le classi e il legame funzionale tra gli oggetti. Sa utilizzare consapevolmente il costruttore di copia. Sa dichiarare classi con strutture annidate al proprio interno. Sa implementare una coda, una lista e una pila con le principali funzionalità. Sa leggere e riconoscere le funzionalità di un metodo di una classe albero o grafo. Sa realizzare semplici interfacce grafiche con bottoni, etichette, campi testuali e le sa gestire con la tecnica della programmazione ad eventi. Sa riconoscere se una tabella è in forma normale oppure no. Sa creare e distruggere Database. Sa operare query SQL con l'uso di CREATE, DELETE, ALTER, INSERT, UPDATE ed in particolare utilizzando SELECT. Sa assegnare nuovi utenti ad un database ed impostarne le password per l accesso. Sa installare un Server MySQL Sa progettare un semplice sito web statico utilizzando i CSS. Sa realizzare semplici siti web statici e dinamici utilizzando strumenti evoluti quali i CMS. Sa evidenziare elementi di accessibilità o di non accessibilità di un sito web. Sa esporre i principi di funzionamento delle codifiche utilizzate per il rilevamento e la correzione delle informazioni trasmesse. Sa utilizzare in modo consapevole i principali protocolli di comunicazione di Internet. Sa progettare semplici reti locali. Sa impostare e risolvere un problema dio programmazione lineare con il foglio elettronico. Sa impostare e risolvere semplici problemi statistici o di simulazione che fanno uso della generazione di numeri casuali Sa applicare le funzioni statistiche per l analisi di serie di dati 8

9 Informatica Quinto Anno E opportuno che l'insegnante - che valuterà di volta in volta il percorso didattico più adeguato alla singola classe - realizzi percorsi di approfondimento, auspicabilmente in raccordo con le altre discipline. Sono studiati i principali algoritmi del calcolo numerico (CS), introdotti i principi teorici del la computazione (CS) e affrontate le tematiche relative alle reti di computer, ai protocolli di rete, alla struttura di internet e dei servizi di rete (RC) (IS). Con l'ausilio degli strumenti acquisiti nel corso dei bienni precedenti, sono inoltre sviluppate semplici simulazioni come supporto alla ricerca scientifica (studio quantitativo di una teoria, confronto di un modello con i dati ) in alcuni esempi, possibilmente connessi agli argomenti studiati in fisica o in scienze (CS). Competenze Relativamente agli argomenti trattati, alla fine del biennio, lo studente dovrà aver raggiunto le seguenti competenze: Comprendere i principali fondamenti teorici delle scienze dell informazione Acquisire, anche in autonomia, la padronanza di alcuni strumenti dell Informatica Scegliere ed utilizzare tali strumenti in modo pienamente consapevole per la risoluzione di problemi significativi, anche connessi allo studio di altre discipline Saper codificare algoritmi anche non sequenziali per risolvere problemi Usare consapevolmente le potenzialità offerte dai nuovi paradigmi della programmazione e dai sistemi di gestione delle basi di dati per la realizzazione di sistemi informativi Essere consapevoli delle potenzialità comunicative offerte dalle nuove tecnologie di comunicazione per il Web Acquisire consapevolezza dei vantaggi e dei limiti degli strumenti informatici Valutare conseguenze sociali e culturali di tale uso Per il raggiungimento di tali competenze, agli allievi si chiederà: di saper analizzare con attenzione i vari concetti teorici della teoria dell informazione, eseguendo applicazioni per verificare la corretta acquisizione di concetti e procedure; di avere una sufficiente padronanza di uno o più linguaggi per sviluppare applicazioni semplici, ma significative, di calcolo in ambito scientifico; di saper riconoscere ed utilizzare consapevolmente altri linguaggi per la realizzazione di pagine web dinamiche che utilizzano anche i DBMS per la gestione delle informazioni; di saper analizzare problemi significativi evidenziando con chiarezza gli elementi del dominio, le relazioni funzionali che li legano e di saper trasformare il tutto in applicazioni scritte utilizzando il paradigma ad oggetti, la multiprogrammazione e la programmazione distribuita; saper progettare reti strutturate e saper implementare alcuni servizi Internet tra i più diffusi; di saper condividere informazioni multimediali in Internet attraverso la realizzazione di siti web; di lavorare in gruppo con i compagni, sviluppando la capacità di mettere insieme le proprie conoscenze, abilità e strategie per risolvere problemi. Temi trattati al quinto anno Si procederà all analisi dei primi concetti affiancando alle lezioni teoriche esercitazioni in laboratorio, sviluppando i seguenti temi che poi verranno ampliati ed approfonditi negli ultimi tre anni: Algoritmi e Linguaggi di programmazione (AL) Reti di computer (RC) Elaborazione digitale dei Documenti (DE) Calcolo numerico e simulazione (CS) Basi di dati (BD) 9

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE S.MARTA G. BRANCA Istituto Professionale per i Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera e Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Strada delle Marche,

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6.

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6. CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI Ambito Disciplinare 6 Programma d'esame CLASSE 75/A - DATTILOGRAFIA, STENOGRAFIA, TRATTAMENTO TESTI E DATI Temi

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Progetto Didattico di Informatica Multimediale

Progetto Didattico di Informatica Multimediale Progetto Didattico di Informatica Multimediale VRAI - Vision, Robotics and Artificial Intelligence 20 aprile 2015 Rev. 18+ Introduzione Le videocamere di riconoscimento sono strumenti sempre più utilizzati

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it 186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it Premessa Durante una mia visita al Palazzo Ducale di Mantova, nell ammirare i tanti capolavori che custodisce,

Dettagli