Business Plan Training

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Business Plan Training"

Transcript

1 ABCD Business Plan Training Università Ca' Foscari - Venezia, 14 Aprile 2005

2 Il BUSINESS PLAN: cosa può darvi l intervento di oggi Una sequenza logica e coerente di attività per affrontare in maniera organica la stesura o l analisi di un business plan Alcuni (ma non tutti) gli strumenti tecnici e le logiche per la valorizzazione dei principali elementi di un BP Le chiavi per interpretare i collegamenti esistenti tra le varie parti di un BP.qualche trucchetto per evitare gli errori più comuni.o almeno per evitare che gli altri li scoprano 2

3 Introduzione al BUSINESS PLAN Cos è e a cosa serve Chi lo usa e perché I contenuti L analisi dell azienda Il settore di riferimento L analisi competitiva Le proiezioni economico-finanziarie Question & Answer 3

4 Cos è e a cosa serve Cos è Documento che sintetizza i contenuti, le caratteristiche e le attese future di un iniziativa, un progetto o un attività Può riguardare l intera azienda, parte di essa o progetti specifici A cosa serve Puo essere utilizzato per: Lanciare una nuova iniziativa Farsi prestare dei soldi Vendere o acquistare un azienda o parte di essa Come strumento per individuare obiettivi e controllare gli andamenti 4

5 Chi lo usa e perchè Quale è l obiettivo Spiegare un progetto da sottoporre... Chi lo usa internamente all azienda a terze parti Lancio di nuovi rodotti/mercati Nuovi investimenti Spiegare agli azionisti Nuovo socio industriale o finanziario Venture capital Banche (es per finaziamenti) Sempre più spesso il Business plan formalizza un progetto imprenditoriale da presentare all esterno della società 5

6 I contenuti: Il processo logico del Business Plan MERCATO 100 CONCORRENTI 50 STRUTTURA ECONOMICO FINANZIARIA Market share % A B C D Quale è la struttura del mercato? Profitability % Growth % Come avviene la competizione? Total costs Discretionary costs Savings potential Low Medium High Quali sono la struttura dei costi e quella finanziaria? TREND ACROECONOMICI % change in GDP year on year (1) (2) Quali sono gli impatti dovuti a fattori macroeconomici? PROIEZIONI ECONOMICO FINANZIARIE Percent growth Quali sono le assumptions alla base dei risultati attesi? 6 Market Company FORECAST OPERATIONS & ORGANIZZAZIONE Operations e l organizzazione sono coerenti con gli scenari futuri?

7 Focus Focus sull interno sull interno Focus Focus sull esterno sull esterno Focus Focus sui sui numeri numeri I contenuti L indice tipo del Business Plan 1. Executive summary 2. La società 3. Il settore di riferimento dell Azienda 4. L ambiente competitivo 5. Le proiezioni economico-finanzierie 6. Allegati 7

8 Il focus del corso Comprendere: la società, la strategia, i prodotti, i 1. Executive summary segmenti di riferimento 2. La società il Business model dell azienda i risultati economico finanziari 1. Descrizione della società storici 2. La struttura societaria (azionisti, partecipazioni) 3. Mission, vision e strategia 4. I prodotti / servizi offerti 5. I mercati serviti 6. Il Business Model (attività interne, esterne, distributori, ) 7. Le operations (stabilimenti, logistica, ) 8. L organizzazione 9. Risultati Economico-Finanziari recenti (valori e trend) Focus sull interno 8

9 Il focus del corso (cont.) 3. Il settore di riferimento dell Azienda 1. La struttura del settore 2. Principali caratteristiche (dimensioni, trend, ) 3. I driver 4. I principali indicatori macro-economici Comprendere: il settore in termini di domanda, offerta e dinamiche l ambiente competitiv posizionamento e vantaggi competitivi 5. I segmenti che compongono il settore (dimensioni, trend, ) 6. Le attese per il futuro (valore, cambiamenti attesi, ) 4. L ambiente competitivo 1. L evoluzione del settore e del segmento in cui opera l Azienda 2. I principali concorrenti 3. Il posizionamento dell Azienda 4. SWOT Focus sull esterno 9

10 Il focus del corso (cont.) 3. Il settore di riferimento dell Azienda 1. La struttura del settore 2. Principali caratteristiche (dimensioni, trend, ) 3. I driver 4. I principali indicatori macro-economici Comprendere: il settore in termini di domanda, offerta e dinamiche l ambiente competitiv posizionamento e vantaggi competitivi 5. I segmenti che compongono il settore (dimensioni, trend, ) 6. Le attese per il futuro (valore, cambiamenti attesi, ) 4. L ambiente competitivo 1. L evoluzione del settore e del segmento in cui opera l Azienda 2. I principali concorrenti 3. Il posizionamento dell Azienda 4. SWOT Focus sull esterno 10

11 Focus Focus sull interno sull interno Focus Focus sull esterno sull esterno Focus Focus sui sui numeri numeri L indice tipo del Business Plan 1. Executive summary 2. La società 3. Il settore di riferimento dell Azienda 4. L ambiente competitivo 5. Le proiezioni economico-finanzierie 6. Allegati 11

12 Il focus del corso Comprendere: la società, la strategia, i prodotti, i 1. Executive summary segmenti di riferimento 2. La società il Business model dell azienda i risultati economico finanziari 1. Descrizione della società storici 2. La struttura societaria (azionisti, partecipazioni) 3. Mission, vision e strategia 4. I prodotti / servizi offerti 5. I mercati serviti 6. Il Business Model (attività interne, esterne, distributori, ) 7. Le operations (stabilimenti, logistica, ) 8. L organizzazione 9. Risultati Economico-Finanziari recenti (valori e trend) Focus sull interno 12

13 L analisi dell Azienda OBIETTIVI Identificare le variabili chiave per l Azienda: Prodotti/mercati serviti Canali di vendita Segmenti di business in cui opera Business Model Attuale strategia aziendale Struttura storica di P/L, B/S, CF Trend in atto nei risultati dell Azienda Driver che determinano i risultati Definire quali variabili approfondire Identificare quali variabili modellizzare 13

14 L analisi dell Azienda: I Prodotti e i Mercati A cosa serve: Capire l azienda, la sua organizzazione, i suoi risultati Con quali strumenti: Analisi del portafoglio prodotti Analisi delle vendite Segmentazione per aree di business Analisi ABC 14

15 L analisi dell Azienda: I Prodotti e i Mercati ESEMPLIFICATIVO Per prima cosa bisogna analizzare i prodotti venduti e i mercati geografici serviti per individuare i più rilevanti Ricavi per Prodotto Eyewear 56.8m Knitwear 91.9m 14% 9% Perfumes 26.1m 4% 73% Ricavi per mercato geografico Far East 45.8m 4% North America 7% 73.3m 11% 34% Rest of the World 24.5m 44% Italy 294.7m Apparel and accessories 493.4m Rest of Europe 230.0m I dati e le informazioni riportate potrebbero non corrispondere a verità 15

16 L analisi dell Azienda: I Prodotti e i Mercati ESEMPLIFICATIVO...e capire con quale canale vengono venduti i prodotti Ricavi per canale di vendita: es. 1 Ricavi per canale di vendita: es. 2 Wholesale 90% Wholesale Channel >5,000 Independent stores 60 Franchised stores VENDITE CONSUMER 87% 13% Grossisti Retail Channel 2% Royalties 8% Retail 32 Directly Operated Stores 6 Outlets Grande Gruppi di distribuzione acquisto Canale corto Negozi tradizionali Canale lungo I dati e le informazioni riportate potrebbero non corrispondere a verità 16

17 L analisi dell Azienda: I Prodotti e i Mercati ESEMPLIFICATIVO e a quali clienti Ricavi per Cliente Top 10 Customers account for 80% of Revenues 40 Prodotto 1 m Prodotto Cliente A Cliente C Cliente E Cliente G Cliente I Cliente B Cliente D Cliente F Cliente H Quale è la dimensione più rilevante per la nostra azienda? I dati e le informazioni riportate potrebbero non corrispondere a verità 17

18 L analisi dell Azienda: I segmenti di business ESEMPLIFICATIVO Che bisogni soddisfano i miei prodotti e con quali modalità (tecnologia produttiva, organizzazione, )? LINEE DI BUSINESS Business A Business B Business C Produzione Cloro / Soda Mercurio Diaframma GDE per Cloro Soda FUNZIONI D USO Deposizione metalli Trattamento acque Recupero metalli Elettroclorazione Galvanica alta vel. Galvanica classica Tratt. Organici e Sali metallici Primario bassa densità di corrente Primario alta densità di corrente GDE per H2O2 Recupero metalli 18 I dati e le informazioni riportate potrebbero non corrispondere a verità

19 L analisi dell Azienda: Il business model A cosa serve: Il Business model serve per capire Come la società compete sul mercato individuando: i Fattori Critici di Successo (FCS) del settore i punti di forza e di debolezza della società Con quali strumenti: Industry map Value chain 19

20 L analisi dell Azienda: Il business model Automotive components ESEMPLIFICATIVO L Industry Map evidenzia gli elementi in gioco per capire a che punto della filiera si trova l Azienda Suppliers Cast Iron Scrap Steel Other raw materials Tier 2 Tier 1 Brake Foundry parts suppliers: Main players: Fuchosa, Intermet, Condals, Fytasa Brake Systems Production Companies Main players: Continental Teves, Bosch, TRW Others 2% AZIENDA Vehicles Producers Original Equipment Manufacturers (OEMs) I dati e le informazioni riportate potrebbero non corrispondere a verità 20

21 L analisi dell Azienda: Il business model ESEMPLIFICATIVO Il business model del settore individua le attività tipiche Style and Design, Product development Maisons or licensors produce the samples of the seasonal collection Sales to clients During the sales campaigns the company takes the orders in its showrooms Operating cycle Style and Design Product Developm. Sourcing Production Distribution Preparation Production and distribution Based on sales orders, the company starts the production and the distribution Stores DOS Franchising Outlet Independent Retail channel Wholesale channel Products are sent to the stores at the beginning of each sales season Final customers Product are sold to the final customers I dati e le informazioni riportate potrebbero 21

22 L analisi dell Azienda: Il business model ESEMPLIFICATIVO per comprendere cosa fa l Azienda, i fattori critici di successo e i punti di forza e debolezza Operating system in a typical fashion company Style and Design Product Developm. Sourcing Production Distribution Key activities Style definition Fabric selection Sketch preparation Fitting definition Prototype realization Raw material and finished product sourcing Inbound quality Control Production planning and orders Façonniers management Delivery to stores Warehouse management Key success factors Style in line with market expectations and trends Timing Good balance Quality of between stylists supplies guidelines and consistent with industrial collection feasibility features Balanced collections Respect planning of deliveries Strict control on façonniers activities phasing Timing Promptness and completeness of delivery to stores Warehouse optmization I dati e le informazioni riportate potrebbero non corrispondere a verità 22

23 L analisi dell Azienda: Il business model ESEMPLIFICATIVO È cruciale capire quali attività sono interne e quali vengono esternalizzate (quindi capire la tipologia dei costi) Value chain of a typical boat industry company Engineering & Design Tooling Fiberglass lay-up Mechanical components Electrical components Assembly line Fit & Finishing Fasi di produzioni interne Fasi di produzione outsourced I dati e le informazioni riportate potrebbero non corrispondere a verità 23

24 L analisi dell Azienda: La strategia A cosa serve: Definire gli obiettivi Individuare le iniziative che la società ha intrapreso per raggiungere gli obiettivi fissati Con quali strumenti: Linee guida strategiche Matrice BCG 24

25 L analisi dell Azienda: La strategia La strategia serve ad identificare gli obiettivi dell Azienda e come intende raggiungerli Who? Segments Targeted Prodotti Mercati Su quali segmenti la società si focalizza? Canali What? Activities/ Programs Cosa ho fatto per portare a termine la sua strategia? How? Process, Systems, Policies and Procedures Com è mi sono strutturato e in che modo ho portato avanti il mio progetto strategico? 25

26 L analisi dell Azienda: La strategia EFFICIENZA Proseguirà la riduzione del ciclo di vita dei prodotti OEM nel settore dell elettronica con effetti di tensione sui prezzi lungo la curva di maturità Tale tensione sui prezzi verrà ribaltata sugli EMS Si rivelano determinanti per il mantenimento della redditività: Il presidio del processo produttivo per l incremento dell efficienza La capacità di contenere il capitale circolante Il gruppo ABC, sulla base della conoscenza del mercato maturata ha identificato i driver principali che hanno poi determinato le linee strategiche LINEE STRATEGICHE Bilanciare il portafoglio clienti e segmenti di sbocco Penetrare nuove aree geografiche Cercare e mantenere relazioni di lungo termine con i clienti Affermarsi come produttori di apparati Essere technology leader Migliorare la performance operativa QUALITA del SERVIZIO Continuerà ad essere un elemento fondamentale per operare sul mercato EMS la qualità del servizio reso al cliente, inteso come: Certificazione di Prodotto / Processo (1) Qualità del prodotto (1) Capacità produttiva elevata (1) Tempi di consegna delle lavorazioni (1) ESEMPLIFICATIV Un modo sintetico di proporre i propri obiettivi strategici.. Time to market per la progettazione ed industrializzazione (1) AMPIEZZA del SERVIZIO Proseguirà la tendenza dell OEM verso l utilizzo di lavorazioni esterne di assemblaggio e collaudo, spinta dalla necessità di ridurre la complessità organizzativa ed il time to market L evoluzione del mercato OEM continuerà a richiedere al produttore un sempre maggior numero di servizi ad alto valore aggiunto che rafforzeranno sempre più la co-makership tra clienti e fornitori I dati e le informazioni riportate potrebbero non corrispondere a verità MASSA CRITICA Il potersi porre come interlocutori per l acquisizione dei rami d azienda produttivi collocati sul mercato dagli OEM è destinato a divenire una variabile critica per poter crescere rapidamente A tal fine saranno necessarie adeguate capacità finanziarie e manageriali, nonché opportune dimensioni organizzative 26 TECNOLOGIE IMPIEGATE Il possesso e la capacità di gestire le tecnologie più aggiornate continuerà a costituire un fattore chiave per gli operatori EMS in condizione primaria per competere su prezzi e qualità di servizio

27 L analisi dell Azienda: La strategia.. È spesso utile confortare gli orientamenti strategici con analisi strutturate Matrice BCG o similari Alto Membrana recoating Segmenti su cui investire prioritariamente Water Treatment Recupero Metalli ESEMPLIFICATIVO Segmenti dove disinvestire Tasso di Crescita annua del mercato GDE per Hydrochloric Acid ** Desalination and Power Waste water ** treatment (O2) Consolidare la posizione GDE per Fuel Cells Other Electrochlorination Plating Protezione Copper foil Catodica (recoating) Clorato Zincatura Diaframma Basso (negativo) Alta Mercurio I dati e le informazioni riportate potrebbero non corrispondere a verità Quota di mercato relativa 27 1 Bassa

28 L analisi dell Azienda: I risultati economico-finanziari A cosa serve: Evidenziare le performance storiche Spiegare gli impatti economico-finanziari di eventi straordinari Creare una base di riferimeno su cui cotruire le proiezioni future Con quali strumenti: Profit&Loss Balance Sheet Cash flow 28

29 Risultati Economico-Finanziari recenti (valori e trend) I link fra i tre documenti di sintesi Profit and Loss Balance Sheet Investments Working Capital Financial costs Net Profit EBIT Depreciation and Provisions Tax Cash Flow 29 Investments/Disposal Debt structure Financing Equity Dividends Il cash flow è la conseguenza matematica di P/L e B/S

30 Risultati Economico-Finanziari recenti (valori e trend) Overview Profit and Loss Summary profit and loss accounts Year ended 31 December Company Alfa 1 Sales 2 Change in stock of finish goods and WIP 3 Other operating income 1+2+3=A Value of production 4 Cost of materials 5 Production external costs 6 Production personnel costs 4+5+6=B Cost of good sold A-B=C Gross profit 7 Selling variable costs C-7=D Gross margin 8 G&A Personnel costs 9 Other G&A expenses D-8-9=E EBITDA 10 Depreciation and amortisation E-10=F EBIT 11 Other income (costs) non ordinary 12 Financial income (costs) F+11+12=G Profit (loss) before tax 13 Taxation G-13=H Net profit (loss) 30 Output CARATTERISTICO dell azienda: ciò che viene venduto Input utilizzati dell azienda: ciò che serve per produrre costi variabili Costi variabili che servono per vendere i prodotti Costi di struttura costi fissi Earnings Before Interest Tax Depreciation and Amortisation Earnings Before Interest and Tax Ricavi e costi non relativi all attività CARATTERISTICA E il proxi più vicino alla capacità dell azienda di generare cassa

31 Risultati Economico-Finanziari recenti (valori e trend) Overview Balance Sheet Summary balance sheets Year ended 31 December Company Alfa 1 Intangible assets 2 Tangible assets 3 Investments 1+2+3=A Fixed assets 4 Stocks 5 Trade Receivables 6 Trade Payables 4+5+6=B Operating Working Capital 7 Other Assets/Liabilities 8 Provisions B+7+8=C Net capital employed 9 Cash 10 Short term debt 11 Financing liabilities (long term) =D Net financial position 12 Shareholder's equity 13 Reserves 14 Minority interests =E Equity D+E=F Source of Financing 31 Attivo fisso con impiego pluriennale: immobili, stabilimenti, impianti investimenti finanziari brevetti etc. Capitale circolante operativo Crediti vs clienti+magazzino-debiti vs fornitori Altre poste (bilancio di attivo e passivo): Ratei e risconti Fondi per accantonamenti Debiti e liquidità entro 12 mesi: Debiti da pagare oltre i 12 mesi (mutui,..) Capitale proprio Ovviamente C=F

32 isultati Economico-Finanziari recenti (valori e trend) verview Cash Flow ummary cash flow statements Cash flows from operating activities 1 EBITDA 2 Change in Operating Working Capital 3 Change in Other assets and Liabilities 4 Change in Provisions 5 Taxes omma(1:6)=a Operating Cash Flow Cash flows from investing activities 6 Capital expenditure 7 Acquisitions and disposals A+6+7=B Operating Cash Flow net of investments Cash flows from financing activities 8 Dividends and change in net Equity 9 Changes in financing liabilities 10 Interest income (payments) B =C Net Cash Flow 11 Cash at beginning of period 12 Cash at end of period 12-11=D Net increase/(decrease) in cash P/L B/S B/S B/S P/L B/S B/S B/S B/S P/L B/S B/S B/S Attenzione alle variazioni di Capitale Circolante operativo: Se aumenta assorbe cassa Se diminuisce libera cassa Variazione dei Fondi accantonamento (TFR e Rischi) Flussi di cassa generati dalla gestione operativa Attenzione agli investimenti necessari in capacità produt. Movimenti di equity e finanziari es dividendi, aumento di capitale, nuovo mutuo, Flussi di cassa NETTO cioè quanti soldi ha generato nell anno 32

33 L analisi dell Azienda: I risultati economico finanziari e i trend in atto - Profit and Loss A cosa serve: Misurare i ritorni e/o le perdite economiche della società in un certo periodo di tempo Individuare come la società sta performando dal punto di vista delle vendite e dei costi Con quali strumenti: Conto economico gestionale Conto economico percentualizzato Analisi dei trend CAGR 33

34 L analisi dell Azienda: I risultati economico finanziari e i trend in atto - Profit and Loss L analisi dei Profit and Loss recenti individua cosa sta succedendo all Azienda ESEMPLIFICATIV Come hanno fatto le vendite a crescere tanto? Summary profit and loss account Actual m m m m m m Sales growth rate of sales 19.0% 29.8% 15.6% 6.8% 12.0% EBITDA EBITDA in % of sales 18.5% 20.2% 18.0% 15.5% 16.0% 15.9% EBIT EBIT in % of sales 11.5% 12.6% 11.3% 8.1% 8.5% 8.5% dati e le informazioni riportate potrebbero non corrispondere a verità Perchè al società ha perduto tanta marginalità in 2 anni? 34

35 L analisi dell Azienda: I risultati economico finanziari e i trend in atto - Profit and Loss cosa sta succedendo in termini di vendite ESEMPLIFICATIVO Net Sales by Italy and Export 2002 Italian Net Sales evolution by segment ( million) 66.2 m = 100% Export 12.0 m 18% 82% Italy 54.2 m Delta Attenzione a quei segmenti che pur perdendo poco a livello %, impattano molto sui risultati dell azienda CAGR Net Sales B.U. 3 B.U. 2 B.U. 1 Total % -7.0% -2.0% -3.6% I dati e le informazioni riportate potrebbero 35

36 L analisi dell Azienda: I risultati economico finanziari e i trend in atto - Profit and Loss con le sue cause ESEMPLIFICATIVO Price-Volume evolution ( ) 5% Prezzo CAGR Il fatturato di questi segmenti si è ridotto esclusivamente per una contrazione dei volumi - B.U. 2 B.U. 1 Total 4% 3% 2% 1% Si comincia a capire le dinamiche del business - 10% - 8% - 6% -4 % - 2% B.U. 3 0% 1% - Volume CAGR Segmento si è ridotto sia per minori volumi che per minor prezzo di vendita - 2% - dati e le informazioni riportate potrebbero non corrispondere a verità 36

37 L analisi dell Azienda: I risultati economico finanziari e i trend in atto - Profit and Loss in termini di costi ESEMPLIFICATIVO Consolidated profit and loss account 12 months 12 months 12 months Actual Actual Actual m % m % m % Net revenues % % % Cost of goods sold (224.8) (42.7)% (265.4) (40.5)% (253.2) (37.9)% Gross margin % % % Sales & Marketing (135.7) (25.8)% (161.1) (24.6)% (190.0) (28.4)% General & Administrative (117.2) (22.2)% (153.1) (23.4)% (152.6) (22.8)% EBITDA % % % Amortisation & Depreciation (26.9) (5.1)% (42.6) (6.5)% (104.3) (15.6)% EBIT % % (31.9) (4.8)% Net financial results (16.2) (3.1)% (25.1) (3.8)% (37.5) (5.6)% Extraordinary results (4.8) (0.9)% (3.6) (0.5)% (5.1) (0.8)% Result before taxes % % (74.6) (11.2)% Income taxes (0.1) (0.0)% % % Profit/(Loss) for the period % % (72.9) (10.9)% Perchè si è ridotto il COGS Sono state rinnovate le licenze è stata richiesta piu pubblicità!! Che hanno fatto? Fino a ieri stavo facendo soldi, cosa sta succedendo? I dati e le informazioni riportate potrebbero non corrispondere a verità 37

38 L analisi dell Azienda: I risultati economico finanziari e i trend in atto - Profit and Loss e le relative cause Componenti COGS (Costo dei beni venduti) ESEMPLIFICATIVO External Costs Manufacturing Costs % on Net Sales 48% 53% 52% 32% 30% 30% % 4% % % Consume of material % 149 Contracted work 48% % 4% % % 44 15% 47 Total Manpower Production Variable Costs 6% 3% 6% Other Costs Depreciation 6% 3% 6% 15% ati e le informazioni riportate potrebbero non corrispondere a verità Attenzione: i costi dell acciao sono molto aumentati!! 38 Maggiore produttività o minor personale?.

39 L analisi dell Azienda: I risultati economico finanziari e i trend in atto Balance Sheet A cosa serve: Monitorare l andamento del capitale circolante e degli investimenti Capire la struttura finanziaria dell azienda Con quali strumenti: Struttura del B/S Analisi degli indici Key issue analysis 39

40 L analisi dell Azienda: I risultati economico finanziari e i trend in atto Balance Sheet analisi del Balance Sheet individua l attuale struttura finanziaria e e dinamiche caratteristiche dell Azienda Balance Sheet (2004) 2001 m 2002 m Intangible fixed assets Tangible fixed assets Financial fixed assets Total fixed assets Inventories Trade receivables Trade payables (146.2) (162.5) Other net assets (liabilities) Net working capital Leaving indemnity provision (12.0) (14.2) Net capital employed Net indebtedness Shareholders' equity m (200.0) (15.4) ESEMPLIFICATIV La società ha acquisito un importante brand I clienti stanno pagando in ritardo.o le vendite sono aumentate? è inevitabile che il capitale richiesto per finanziare le attività e gli investimenti aumenti!! I dati e le informazioni riportate potrebbero non corrispondere a verità 40

41 L analisi dell Azienda: I risultati economico finanziari e i trend in atto Balance Sheet con un focus sulle dinamiche del circolante ESEMPLIFICATIV Andamento capitale circolante ( ) Jun Sep Dec Mar Jun Sep Dec Mar Jun 2004 % del capitale circolante on sales Jun 2002 Sep Dec Mar Jun Sep Dec Mar Jun = Crediti verso clienti Scorte Debiti verso fornitori Capitale circolante Sales Capitale circolante Il circolante segue una stagionalità!! L azienda ha ridotto l incidenza del capitale circolante sulle vendite dati e le informazioni riportate potrebbero non corrispondere a verità 41

42 L analisi dell Azienda: I risultati economico finanziari e i trend in atto Balance Sheet sulle dinamiche degli investimenti ESEMPLIFICATIVO Andamento capex ( , 000 ) % on Net Sales 8.4% 14.1% 19.5% 53, , ,5 3,7 6, ,2 5,8 55,4 3,1 8, Acquisition Land & Buildings R&D Plants Tools and Equipments L azienda ha investito molto sulla crescita? con nuovi edifici e terreni per ospitare il nuovo stabilimento e nove attrezzature e impianti per produrre I dati e le informazioni riportate potrebbero non corrispondere a verità 42

43 analisi dell Azienda: I risultati economico nanziari e i trend in atto Balance Sheet e sulle dinamiche finanziarie ESEMPLIFICATIVO Profitability indicators ( ) Financial indicators ( ) m 30% 20% 10% 0% -10% -20% -30% -40% -50% 13% 12% 11% 12% 12% 5% 8% 9% 10% 6% 2% 2% (5.3%) (1.0%) (42.1%) Capital employed: Capital employed: Fixed m m Asset Equity 29% 51% 44% 36% NWC NFP 71% 49% 56% 64% EBITDA on Revenues ROI (EBIT/Capital Employed) ROE (Net Profit/Net Equity) 2000 NFP/EBITDA 6.0x NFP/Net Cash Flow n.a. NFP/EQUITY 2.5x x 3.9x 2.1x x 5.0x 2x x 4.4x 1.8x I dati e le informazioni riportate potrebbero non corrispondere a verità Miglioramento della posizione finanziaria netta 43

44 L analisi dell Azienda: I risultati economico finanziari e i trend in atto Cash Flow A cosa serve: Capire se l azienda è stata in grado di generare cash Con quali strumenti: Riclassificazione per causa Analisi delle poste più significative Analisi delle variabili caratteristiche del business (es. Circolante, Investimenti, Acquisizioni, ) 44

45 L analisi dell Azienda: I risultati economico finanziari e i trend in atto Cash Flow Se e quanta cassa ha generato e assorbito la società? ESEMPLIFICATIV Cash flow ( ) Net Debt beginning of year (154,862) (132,829) (155,004) EBITDA 100, , ,843 Operating Working Capital (8,841) 5,083 8,231 Change in other asset&liabilities 1,468 (6,773) (188) Total provisions 709 3,301 (571) Taxes (20,719) (20,462) (22,814) Operating Cash Flow 73,208 83,410 95,500 Capital expenditures (53,407) (101,069) (138,621) Acquisition and disposals 12,148 2,798 33,994 Operating Cash Flow net of investment 31,949 (14,861) (9,127) Financial revenues/(cost) (6,262) (3,174) (6,928) Dividends and change in net equity (7,224) (3,098) (8,494) Others 2,590 (1,043) (2,665) Net Cash Flow 21,053 (22,176) (27,214) Net Debt year-end (133,809) (155,004) (182,218) Tenere sempre sotto controllo il capitale circolante occhio agli investimenti! gli effetti dell esposizione finanziaria! Riesco a ripagare il debito? Come? I dati e le informazioni riportate potrebbero non corrispondere a verità 45

46 Focus Focus sull interno sull interno Focus Focus sull esterno sull esterno Focus Focus sui sui numeri numeri L indice tipo del Business Plan 1. Executive summary 2. La società 3. Il settore di riferimento dell Azienda 4. L ambiente competitivo 5. Le proiezioni economico-finanzierie 6. Allegati 46

47 Il focus del corso (cont.) 3. Il settore di riferimento dell Azienda 1. La struttura del settore 2. Principali caratteristiche (dimensioni, trend, ) 3. I driver 4. I principali indicatori macro-economici Comprendere: il settore in termini di domanda, offerta e dinamiche l ambiente competitiv posizionamento e vantaggi competitivi 5. I segmenti che compongono il settore (dimensioni, trend, ) 6. Le attese per il futuro (valore, cambiamenti attesi, ) 4. L ambiente competitivo 1. L evoluzione del settore e del segmento in cui opera l Azienda 2. I principali concorrenti 3. Il posizionamento dell Azienda 4. SWOT Focus sull esterno 47

48 L analisi del settore OBIETTIVI Definire il mercato potenziale, il mercato obiettivo e le relative dimensioni Analizzare l andamento del mercato e del segmento in cui opera l Azienda Cercare di scoprire come potrebbe andare in futuro 48

49 L analisi del settore: Le dimensioni del mercato A cosa serve: Identificare il mercato nel quale la società compete Individuare il potenziale di crescita della società e di alcuni suoi segmenti in particolare Con quali strumenti: Analisi e dimensionamento 49

50 L analisi del settore: Le dimensioni del mercato ESEMPLIFICATIVO In quale mercato opera l Azienda?.. Global fashion and luxury market value Global luxury market by product line market value: 100 billion North America 39% Latin America 5% Europe 36% Africa/Middle East 3% Asia Pacific 17% Apparel Other Accessories 8% 17% 32% 18% Jewels and watche 25% Perfumes and cosmetics Market CAGR % % % I dati e le informazioni riportate potrebbero non corrispondere a verità 50

51 L analisi del settore: Le dimensioni del mercato ESEMPLIFICATIVO Quale è il mercato target dell Azienda? L Azienda compete nel solo settore Apparel e vende solo in Europa 2003 market value: 130 billion Other 8% 17% Accessories 7 47 Apparel 32% 18% Jewels and watches 51 25% Nord America Latin America Europe Africa Asia World Perfumes and cosmetics quindi il mercato obiettivo vale circa 15 bn (il 32% del mercato Europa) (ammesso che la distribuzione dei prodotti sia uguale il tutto il mondo) I dati e le informazioni riportate potrebbero non corrispondere a verità 51

Financial Statement 2012

Financial Statement 2012 Financial Statement 2012 SACMI GROUP CONSOLIDATED BALANCE SHEET FOR THE YEAR 2012 Attività in Assets A) Crediti verso soci per versamenti dovuti B) Immobilizzazioni I) Immateriali 1) Costi di impianto

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni IL BUSINESS PLAN Il Business Plan definizioni Il business plan, o piano di impresa, riassume i contenuti, le caratteristiche e le aspettative future di un iniziativa, di un progetto o di un attività Può

Dettagli

Investor Group Presentation

Investor Group Presentation Investor Group Presentation Lugano September 19th, 2014 «La prima parte del viaggio - Fact Sheet 2008-2014» (1/2) L acquisizione di DataService a metà 2007 guidata da Tamburi Investment Partner è origine

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

PITECO: RICAVI E MARGINALITÀ IN CONTINUA CRESCITA AL 30 GIUGNO 2015

PITECO: RICAVI E MARGINALITÀ IN CONTINUA CRESCITA AL 30 GIUGNO 2015 PITECO: RICAVI E MARGINALITÀ IN CONTINUA CRESCITA AL 30 GIUGNO 2015 Ricavi pari a 6,1 milioni (+9% rispetto al 30.6.2014) EBITDA pari a 2,6 milioni (+13% rispetto al 30.6.2014), EBITDA margin pari al 42,6%

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Introduzione al Business Planning. Beppe Tresso Ipla S.p.A.

Introduzione al Business Planning. Beppe Tresso Ipla S.p.A. Introduzione al Business Planning Beppe Tresso Ipla S.p.A. Cos è il Business Plan È un documento che riassume i contenuti, le caratteristiche e le aspettative future di un iniziativa, un progetto o un

Dettagli

Lezione 19. Perché i report. Distorsioni comportamentali. Il reporting. what you measure) Le distorsioni comportamentali

Lezione 19. Perché i report. Distorsioni comportamentali. Il reporting. what you measure) Le distorsioni comportamentali Lezione 19 Il reporting Perché i report 1. Orientamento dei comportamenti (You get what you measure) Le distorsioni comportamentali 2. Apprendere dagli errori Il feedback La correzione avviene solo se:

Dettagli

I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale. Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona

I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale. Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona 1. 2. 3. 4. 5. La logica e i contenuti del Piano Le assumptions

Dettagli

Lezione 22. Il reporting

Lezione 22. Il reporting Lezione 22 Il reporting Perché i report Orientamento dei comportamenti (You get what you measure) Le distorsioni comportamentali Apprendere dagli errori Il feedback La correzione avviene solo se: 1. gli

Dettagli

PRESENTAZIONE SOCIETÀ

PRESENTAZIONE SOCIETÀ PRESENTAZIONE SOCIETÀ 1 L atelier dell occhiale Uno dei principali player nel segmento lusso dell Eyewear Eccellenza nel design Competenza sul prodotto ed eccellenza qualitativa Capacità di interpretare

Dettagli

SCHEMI di un BILANCIO «IAS/IFRS»

SCHEMI di un BILANCIO «IAS/IFRS» SCHEMI di un BILANCIO «IAS/IFRS» Linee guida per il contenuto e per la struttura dei prospetti di stato patrimoniale e conto economico e del prospetto delle variazioni di patrimonio. di Alessio Iannucci

Dettagli

Beni Stabili: il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008

Beni Stabili: il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Beni Stabili: il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Reddito Operativo 44,2 milioni di euro (42,7 milioni di euro 1 Q 2007) Risultato netto di Gruppo 5,9 milioni di euro (7,3 milioni di euro nel 1

Dettagli

CORSO DI RAGIONERIA GENERALE ED APPLICATA LETTERE A- D

CORSO DI RAGIONERIA GENERALE ED APPLICATA LETTERE A- D CORSO DI RAGIONERIA GENERALE ED APPLICATA LETTERE A- D PROF. FRANCESCO CAPALBO A.A. 2012/2013 ANALISI DI BILANCIO Le slide sono destinate ad uso esclusivo degli studenti che hanno seguito le lezioni dell

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

Fare clic per modificare gli stili del testo dello schema Secondo livello Terzo livello Quarto livello Quinto livello.

Fare clic per modificare gli stili del testo dello schema Secondo livello Terzo livello Quarto livello Quinto livello. 2008 Q1 results 2008 Q1 - Highlights [change vs 2007 Q1] y-1 exchange rate Sales: 756 M (+0.6%) Operating income: 46 M (+1.2%) Operating margin: 6.1% Vs 6.1% Net Financial Indebtedness: 498 M Vs 542 M

Dettagli

Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012

Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012 COMUNICATO STAMPA Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012 Il Consiglio di Amministrazione di IVS Group S.A.

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

valori in milioni di Euro esercizio 2005 esercizio 2004 var. %

valori in milioni di Euro esercizio 2005 esercizio 2004 var. % Milano, 30 marzo 2006 TOD S S.p.A.: eccellenti risultati nell esercizio 2005 (Ricavi: +19,5%, EBITDA: +27%, EBIT: +34%, utile netto: +39%). Dividendo 2005: 1 Euro per azione, più che raddoppiato rispetto

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3%

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Milano, 11 novembre 2015 TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione

Dettagli

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Premessa Il metodo DCF Come noto il metodo DCF (Discounted cash flow) si è affermato da tempo, soprattutto nella prassi

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

Il Nuovo Mercato incontra i Partners Dai nuovi progetti di business alla quotazione. Le problematiche organizzative e manageriali

Il Nuovo Mercato incontra i Partners Dai nuovi progetti di business alla quotazione. Le problematiche organizzative e manageriali Il Nuovo Mercato incontra i Partners Dai nuovi progetti di business alla quotazione Le problematiche organizzative e manageriali Milano, 30 maggio 2001 Agenda Sessione I INTRODUZIONE 3 Sessione II MANAGEMENT

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti Milano, 12 novembre 2014 TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti Approvato dal Consiglio di Amministrazione il

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013 Milano, 13 novembre 2013 TOD S S.p.A. Solida crescita dei ricavi all estero (Greater China: +28%, Americhe: +14%). Confermata l ottima redditività del Gruppo (margine Ebitda: 26,5%). Aumentate le disponibilità

Dettagli

Tutti i diritti riservati

Tutti i diritti riservati CAPITOLO 6 - LE RIMANENZE E IL COSTO DEL VENDUTO Problema 6.1W, X, Y e Z The completed table is shown below. Each deduction involves the basic inventory equation. Ending inventory = Beginning Inventory

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre 2015.

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre 2015. Milano, 13 maggio TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre. Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013 Sant Elpidio a Mare, 14 maggio TOD S S.p.A. Forte crescita dei ricavi all estero (Cina: +55,4%, Americhe: +31%). Italia: -26,7%. Solida crescita nei DOS (+16,8%). Confermata l ottima redditività del Gruppo,

Dettagli

MATCHING MOMENT 22-23 GIUGNO 2012 SOCIO GIOVANBATTISTA TESTOLIN

MATCHING MOMENT 22-23 GIUGNO 2012 SOCIO GIOVANBATTISTA TESTOLIN MATCHING MOMENT 22-23 GIUGNO 2012 SOCIO GIOVANBATTISTA TESTOLIN CHI SIAMO ATTIVITA & INTERESSI Consulente Strategia e Organizzazione Interessato a sviluppare attività con focus sulla Sostenibilità in forma

Dettagli

Presentazione Conference call Risultati 3Q 2010. Bologna, 11 Novembre 2010

Presentazione Conference call Risultati 3Q 2010. Bologna, 11 Novembre 2010 Presentazione Conference call Risultati 3Q 2010 Bologna, 11 Novembre 2010 2 Disclaimer This presentation contains forwards-looking information and statements about IGD SIIQ SPA and its Group. Forward-looking

Dettagli

INDICE CENNI STORICI E MISSION PRODOTTI E BREVETTI ANALISI DEL PORTER E SWOT ANALISI ECONOMICO-FINANZIARIA ANALISI STRATEGICA

INDICE CENNI STORICI E MISSION PRODOTTI E BREVETTI ANALISI DEL PORTER E SWOT ANALISI ECONOMICO-FINANZIARIA ANALISI STRATEGICA INDICE CENNI STORICI E MISSION STRUTTURA AZIENDALE PRODOTTI E BREVETTI ANALISI DEL PORTER E SWOT ANALISI ECONOMICO-FINANZIARIA ANALISI STRATEGICA CENNI STORICI Primi anni 90: Mario Moretti Polegato brevetta

Dettagli

La redazione del Piano d Impresa Efficace. {Marghera 31 ottobre 2012}

La redazione del Piano d Impresa Efficace. {Marghera 31 ottobre 2012} La redazione del Piano d Impresa Efficace {Marghera 31 ottobre 2012} 1 Fonti Presentazione realizzata da con materiale proprio e di 2 Introduzione al Business Planning {Read the Map, Plan the Road} 3 Cos

Dettagli

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego alessandro.perego@polimi.it Milano, Matching 2009, 23 Novembre 2009 Non-solo-distribuzione La logistica non è solo distribuzione fisica

Dettagli

Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends

Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends AGENDA Premessa : contesto e definizione di performance Metriche Impatti Conclusioni Il contesto "una provocazione" Quanto

Dettagli

Riclassificazione di bilancio

Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio a. Cos è b. Finalità c. Criteri 2 1 a. Cos è Operazione di predisposizione dei dati di bilancio per l analisi economico-finanziaria e patrimoniale

Dettagli

Introduzione al Business Plan. Come analizzare un Business Plan

Introduzione al Business Plan. Come analizzare un Business Plan Business Plan Indice degli argomenti Introduzione al Business Plan Come analizzare un Business Plan L analisi di sensitivity 1 Business Plan: cosa è e a cosa serve Cosa è documento che sintetizza i contenuti,

Dettagli

9. Strategia delle Operazioni

9. Strategia delle Operazioni 9. Strategia delle Operazioni LIUC - Facoltà di Economia Aziendale Corso di gestione della produzione e della logistica Anno accademico 2009-2010 Prof. Claudio Sella OBJECTIVES Concetto di strategia delle

Dettagli

AIM INVESTOR DAY. II Edizione. Palazzo Mezzanotte 15 aprile 2015

AIM INVESTOR DAY. II Edizione. Palazzo Mezzanotte 15 aprile 2015 AIM INVESTOR DAY II Edizione Palazzo Mezzanotte 15 aprile 2015 0 Agenda INDICE Chi siamo pag. 2 Business model pag. 3 I nostri punti di forza pag. 4 Strategia pag. 10 Business Plan 2015-2017 pag. 12 Dividend

Dettagli

IL BUSINESS PLAN E IL PIANO OPERATIVO VERSIONE PER LE SCUOLE

IL BUSINESS PLAN E IL PIANO OPERATIVO VERSIONE PER LE SCUOLE Il presente documento è stato redatto da UniCredit SpA esclusivamente con finalità educative nell ambito del Programma In-formati per la presentazione in aula dei relativi contenuti. L utilizzo ai fini

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria.

TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria. Milano, 14 maggio TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria. Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

2006 IBM Corporation

2006 IBM Corporation La polarizzazione del mercato Polarizzazione del mercato consumer Bell Curves Crescita e valore percepito Well Curves Mass Competitive Spectrum Targeted Gli specialisti di settore devono possedere value

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

NewCo. Business Plan

NewCo. Business Plan NewCo Business Plan 1 NewCo... 1 Business Plan... 1 Executive Summary... 3 Customer Value Proposition... 4 Demand Pull... 4 Technology Push... 4 Enterpreneurial Team... 5 Market Analysis... 6 Macro analisi

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI MODULO I Unità didattica 5: Framework IASC 5.3. Caratteristiche qualitative e descrizione degli elementi che costituiscono l informativa di bilancio Le caratteristiche

Dettagli

Vita Società Editoriale S.p.A. Il Consiglio di Amministrazione approva il Bilancio semestrale consolidato al 30 giugno 2011

Vita Società Editoriale S.p.A. Il Consiglio di Amministrazione approva il Bilancio semestrale consolidato al 30 giugno 2011 Vita Società Editoriale S.p.A. COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva il Bilancio semestrale consolidato al 30 giugno 2011 Fatturato consolidato a 2,2 mln euro nel I semestre 2011, +34%

Dettagli

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014 IL BUSINESS PLAN PER TUTTI 25 giugno 2014 Elaborazione del Modello di Greitner Esempio di Mappa strategica Massimizzazione del profitto Remunerazione adeguata dei soci Economico Finanziaria Aumento della

Dettagli

Retail & Consumer Summit 2011

Retail & Consumer Summit 2011 www.pwc.com/it Retail & Consumer Summit 2011 La gestione della discontinuità e del cambiamento: sfide e opportunità 11 ottobre 2011 1 1 Discontinuità nei consumi: come sta cambiando il comportamento d

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0246-44-2015

Informazione Regolamentata n. 0246-44-2015 Informazione Regolamentata n. 0246-44-2015 Data/Ora Ricezione 23 Ottobre 2015 14:23:44 MTA - Star Societa' : SOGEFI Identificativo Informazione Regolamentata : 64513 Nome utilizzatore : SOGEFIN01 - ALBRAND

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Gruppo Salini Costruttori TRIMESTRALE SETTEMBRE 2011

Gruppo Salini Costruttori TRIMESTRALE SETTEMBRE 2011 TRIMESTRALE SETTEMBRE 2011 Situazione Contabile Consolidata INDICE INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Cariche Sociali pag. 3 INFORMAZIONI SULLA GESTIONE Note di commento all andamento gestionale del trimestre

Dettagli

EXECUTIVE SUMMARY COME PRESENTARE BREVEMENTE LA PROPRIA IDEA D IMPRESA. Nicola Redi. 2015 Nicola Redi

EXECUTIVE SUMMARY COME PRESENTARE BREVEMENTE LA PROPRIA IDEA D IMPRESA. Nicola Redi. 2015 Nicola Redi EXECUTIVE SUMMARY COME PRESENTARE BREVEMENTE LA PROPRIA IDEA D IMPRESA Nicola Redi Cos è una banca? 26 maggio 2015 Università di Sassari 2 Una cassaforte 26 maggio 2015 Università di Sassari 3 Il tuo consulente

Dettagli

Impostazione dell equazione

Impostazione dell equazione Impostazione dell equazione In base all equazione generale ATTIVO = PASSIVO si giunge allo stesso risultato impostando: Equazione di Equilibrio Dove: X=(A-P0-R0)/(1-i) X = Fabbisogno finanziario a breve

Dettagli

Mediobanca Conference

Mediobanca Conference Mediobanca Conference London September 15-16, 2008 2008 H1 - Highlights [change Vs. 2007 H1] y-1 exchange rate Quarto Sales: livello 1,525 M (-1.4%*) Operating income**: 89 M (+1.9%) Operating income:

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

Ricavi consolidati 2015 pari a 268,8 milioni di Euro, rispetto ai 251,5 milioni di Euro dell esercizio 2014 (+7% a cambi correnti)

Ricavi consolidati 2015 pari a 268,8 milioni di Euro, rispetto ai 251,5 milioni di Euro dell esercizio 2014 (+7% a cambi correnti) COMUNICATO STAMPA AEFFE: Approvati I Risultati Dell 2015 San Giovanni in Marignano, 10 Marzo 2016 Il Consiglio di Amministrazione di Aeffe Spa - società del lusso, quotata al segmento STAR di Borsa Italiana,

Dettagli

Supply Chain Management

Supply Chain Management Supply Chain Management Cosa è la Supply chain "il Supply Chain Management è un approccio integrato, orientato al processo per l'approvvigionamento, la produzione e la consegna di prodotti e servizi ai

Dettagli

Tendenze del mercato e loro impatto nella innovazione della Supply Chain

Tendenze del mercato e loro impatto nella innovazione della Supply Chain TRACE-ID 2011 Tendenze del mercato e loro impatto nella innovazione della Supply Chain Milano, 10 novembre 2011 Agenda Scenario macroeconomico: alcuni spunti Fare clic sull'icona per inserire una tabella

Dettagli

FORMULAZIONE, ANALISI E VERIFICA DELLA FATTIBILITÀ DEI PIANI DI RISANAMENTO E ATTUABILITÀ (*) DELL ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO

FORMULAZIONE, ANALISI E VERIFICA DELLA FATTIBILITÀ DEI PIANI DI RISANAMENTO E ATTUABILITÀ (*) DELL ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO FORMULAZIONE, ANALISI E VERIFICA DELLA FATTIBILITÀ DEI PIANI DI RISANAMENTO E ATTUABILITÀ (*) DELL ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO FOCUS: RIPRISTINO DELLE CONDIZIONI DI CONTINUITÀ AZIENDALE Solidità

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO Riclassificati e indici

ANALISI DI BILANCIO Riclassificati e indici ANALISI DI BILANCIO Riclassificati e indici 1 Sommario Introduzione Introduzione La Riclassificazione del Conto Economico La Riclassificazione dello Stato Patrimoniale L Analisi di Bilancio tramite Quozienti

Dettagli

TOD S S.p.A. Crescita dei ricavi e miglioramento della redditività nel secondo trimestre 2013 (ricavi: +8,4%, EBITDA: +15,9%)

TOD S S.p.A. Crescita dei ricavi e miglioramento della redditività nel secondo trimestre 2013 (ricavi: +8,4%, EBITDA: +15,9%) Sant Elpidio a Mare, 7 agosto 2013 TOD S S.p.A. Crescita dei ricavi e miglioramento della redditività nel secondo trimestre 2013 (ricavi: +8,4%, EBITDA: +15,9%) Approvata dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EXPORT

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EXPORT Ricerca INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EPORT Sintesi dell intervento di David Pambianco 6 novembre 2012 La ricerca è preceduta da due

Dettagli

INNOVATIVE LIGHTING SOLUTION

INNOVATIVE LIGHTING SOLUTION INNOVATIVE LIGHTING SOLUTION TENDENZE E NOVITA DEL SETTORE DEI LED: LE OPPORTUNITÀ DELL ENERGY SAVING INDUSTRIALE CORRADO GIANCASPRO CEO GREENLED INDUSTRY SPA ENERGY SAVING: WHAT'S THE MATTER LIGHTING

Dettagli

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli)

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) IL BUSINESS PLAN Piano di marketing del prodotto x per Una sintesi finale! STRATEGIA AZIENDALE - MKG ANALITICO anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) Esterna: clienti, bisogni e desideri ambiente competitivo

Dettagli

NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE. Dott. Fabio CIGNA

NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE. Dott. Fabio CIGNA NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE INDICATORI FINANZIARI DI RISULTATO Dott. Fabio CIGNA Gli indicatori di risultato finanziari: Stato Patrimoniale e Conto Economico riclassificati Analisi degli indicatori

Dettagli

L assicurazione per i rischi creditizi

L assicurazione per i rischi creditizi L assicurazione per i rischi creditizi Marco Castiglione Partnership Channel Manager Euler Hermes Italia Un Gruppo leader presente in 5 Continenti e in oltre 50 Paesi Dati 2012 Società del Gruppo Allianz

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

IL PROCESSO DI INVESTIMENTO DI UNA SGR IMMOBILIARE THE INVESTMENT PROCESS OF AN ASSET MANAGEMENT COMPANY

IL PROCESSO DI INVESTIMENTO DI UNA SGR IMMOBILIARE THE INVESTMENT PROCESS OF AN ASSET MANAGEMENT COMPANY Maria Giuditta Losa MRICS, Responsabile Funzione Valutazioni Serenissima SGR S.p.A. Milano, 11 Aprile 2014, Camera di Commercio Gli Impatti degli effetti della riforma catastale sulla valorizzazione di

Dettagli

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo L'importanza del Business Plan Elementi tecnici ed economici Maurizio Longo A cosa serve un Business Plan A richiedere un finanziamento in Banca E poi??? Il BP è uno strumento dinamico che serve per capire

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Rendiconto Finanziario GIA-L03

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Rendiconto Finanziario GIA-L03 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria prof. Stefano Pedrini Rendiconto Finanziario GIA-L03 Analisi dei flussi di cassa Attraverso l analisi dei flussi di cassa (o del cash flow) è possibile

Dettagli

Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Business Plan 2 aprile 2012-18:00 Facoltà di Economia Catania Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Aurelio Alizzio E C O N O M I A E G

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

Sales Force Effectiveness: da controllo a pianificazione e governo Settembre 2011

Sales Force Effectiveness: da controllo a pianificazione e governo Settembre 2011 Sales Force Effectiveness: da controllo a pianificazione e governo Settembre 2011 2011 Health Business Improvement Il materiale contenuto in questo documento si considera a supporto della discussione tra

Dettagli

Parimenti una gestione delle scorte in maniera non oculata può portare a serie ripercussioni sul rendimento sia dei mezzi propri che di terzi.

Parimenti una gestione delle scorte in maniera non oculata può portare a serie ripercussioni sul rendimento sia dei mezzi propri che di terzi. Metodo per la stima del ROE e del ROI in un azienda operante nel settore tessile abbigliamento in funzione delle propria struttura di incasso e pagamento e della gestione delle rimanenze di magazzino.

Dettagli

Duplice finalità Interna Esterna

Duplice finalità Interna Esterna Business Plan Cos è? Il Business Plan è uno strumento operativo finalizzato a definire un idea imprenditoriale in termini di tempistica, fattibilità concreta, opportunità economica e compatibilità finanziaria

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 47,3 MLN DI EURO (+22%)

COMUNICATO STAMPA RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 47,3 MLN DI EURO (+22%) COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 31 MARZO 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA E RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI IN FORTE CRESCITA RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * :

Dettagli

Progetto di Bilancio 2004

Progetto di Bilancio 2004 Progetto di Bilancio 2004 Magenta, 30 marzo 2005 Esercizio 2004 Dati consolidati Ricavi netti: 471 milioni di euro, rispetto ai 542 milioni di euro a fine 2003 (-13%). Margine operativo lordo: 45,2 milioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Treviso, 31 luglio 2015 COMUNICATO STAMPA De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Il Consiglio di Amministrazione di De Longhi S.p.A. ha approvato i risultati consolidati del primo semestre

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015.

COMUNICATO STAMPA. Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015. COMUNICATO STAMPA Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015. Fatturato consolidato a Euro 450,5 milioni, in crescita del 29,0% rispetto allo

Dettagli

Fatturato consolidato a Euro 25,7 milioni (+29,3%); MOL a Euro 3,6 milioni (+38,7%); risultato operativo a Euro 2,6 milioni (+47,3%).

Fatturato consolidato a Euro 25,7 milioni (+29,3%); MOL a Euro 3,6 milioni (+38,7%); risultato operativo a Euro 2,6 milioni (+47,3%). COMUNICATO STAMPA Reply S.p.A.: Approvati dal CdA i risultati del primo trimestre 2004. Fatturato consolidato a Euro 25,7 milioni (+29,3%); MOL a Euro 3,6 milioni (+38,7%); risultato operativo a Euro 2,6

Dettagli

Analisi critica del piano di investimento: i flussi di cassa prospettici

Analisi critica del piano di investimento: i flussi di cassa prospettici Analisi critica del piano di investimento: i flussi di cassa prospettici di Guidalberto Gagliardi PricewaterhouseCoopers Transaction Services esame critico di un piano di investimento presuppone una profonda

Dettagli

Soul Fashion srl Company Profile

Soul Fashion srl Company Profile Soul Fashion srl Company Profile azienda Soul Fashion srlè un azienda giovane e fortemente motivata, focalizzata nel realizzare una linea di abbigliamento incentrata su forme, colori, tessuti e dettagli

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici prof. Michele Meoli 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici Sommario della lezione

Dettagli

GRADO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EXPORT

GRADO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EXPORT GRADO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EPORT Intervento di David Pambianco Martedì, 6 novembre 2012 Palazzo Mezzanotte Piazza degli

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Cessione del quinto. La profittabilità di lungo periodo come driver per lo sviluppo industriale. Convegno ABI - Assofin Credito alle Famiglie 2008

Cessione del quinto. La profittabilità di lungo periodo come driver per lo sviluppo industriale. Convegno ABI - Assofin Credito alle Famiglie 2008 Cessione del quinto La profittabilità di lungo periodo come driver per lo sviluppo industriale Convegno ABI - Assofin Credito alle Famiglie 2008 Il mercato e l industria in Italia e in Europa Roma, 9 giugno

Dettagli

Sommario. 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio

Sommario. 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio 1.1. Premessa... 3 1.2. L evoluzione dell analisi di bilancio... 3 1.3. Utilità e limiti dell analisi di bilancio... 6 1.4. Gli strumenti di analisi...

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

FASTWEB: dopo la decisione dell AGCOM sulle tariffe di terminazione annuncia la guidance 2008 Un altro anno di solida crescita industriale

FASTWEB: dopo la decisione dell AGCOM sulle tariffe di terminazione annuncia la guidance 2008 Un altro anno di solida crescita industriale FASTWEB: dopo la decisione dell AGCOM sulle tariffe di terminazione annuncia la guidance 2008 Un altro anno di solida crescita industriale Milano, 21 dicembre 2007 In seguito alla decisione dell AGCOM

Dettagli

I progetti prendono forma. Milano, 13 novembre 2000

I progetti prendono forma. Milano, 13 novembre 2000 I progetti prendono forma Milano, 13 novembre 2000 1 Dott. Massimo PROSDOCIMI Banca Commerciale Italiana Struttura dell offerta Ing. Giuseppe MORFINO Presidente Profilo del Gruppo Ing. Luigi VISCONTI Amministratore

Dettagli

Beyond NPV & IRR: touching on intangibles

Beyond NPV & IRR: touching on intangibles Economic Evaluation of Upstream Technology Beyond NPV & IRR: touching on intangibles Massimo Antonelli Alberto F. Marsala Nicola De Blasio Giorgio Vicini Vincenzo Di Giulio Paolo Boi Dean Cecil Bahr Lorenzo

Dettagli

Temi della lezione. 1 Il metodo di valutazione dei multipli di borsa: introduzione. 2 Principali fasi di applicazione del metodo

Temi della lezione. 1 Il metodo di valutazione dei multipli di borsa: introduzione. 2 Principali fasi di applicazione del metodo Temi della lezione 1 Il metodo di valutazione dei multipli di borsa: introduzione 2 Principali fasi di applicazione del metodo 3 Il caso Fiorucci: selezione dei comparables 4 Il caso Fiorucci: selezione

Dettagli

Sintesi 9 mesi 2010. 18 M oneri non ricorrenti vs. 15 M nei 9 mesi 09. 9 mesi 09. Var % 9 mesi 10. Ricavi 1.491 1.498 0,5% EBIT 134 141 5,1%

Sintesi 9 mesi 2010. 18 M oneri non ricorrenti vs. 15 M nei 9 mesi 09. 9 mesi 09. Var % 9 mesi 10. Ricavi 1.491 1.498 0,5% EBIT 134 141 5,1% 1 Sintesi 9 mesi 2010 9 mesi 09 9 mesi 10 Var % Ricavi 1.491 1.498 0,5% Positivo impatto della valuta e della curva di consegna delle collezioni. EBIT gest. Ord. 149 159 6,6% Completamento Piano Riorganizz.:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007:

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * : 1.071,9 MLN DI EURO (+17%) RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 164 MLN DI EURO;

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli