IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA"

Transcript

1 IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1

2 PIANO INDUSTRIALE DELLA BANCA: DEFINIZIONE DOCUMENTO CHE OPERA DA RIFERIMENTO COSTANTE PER LA VERIFICA DI COERENZA DELLE AZIONI STRATEGICHE E DEI RISULTATI ELEVATA FORMALIZZAZIONE E CON CONTENUTI NORMATIVI TABLEAU DE BORD PER IL MANAGEMENT STRUMENTO DI COMUNICAZIONE NEI CONFRONTI DEI DIVERSI STAKEHOLDER E VERSO LA COMUNITA FINANZIARIA Ci interessa analizzare la struttura e i contenuti del piano industriale utilizzando come riferimento dove possibile casi concreti a) per una lettura ragionata dei passaggi chiave che definiscono le relazioni Strategia-Azioni- Risultati b) per arrivare ad una buona comprensione di documenti analoghi Lettura: Borsa Italiana, Guida al Piano Industriale, Listing Guides, Luglio 2003 (download da pagina corso ) 3 PIANO INDUSTRIALE DELLA BANCA: FINALITA UNA PRIMA FINALITA : FORNIRE UNA GUIDA SULLE SCELTE OPERATIVE RILEVANTI UNA SECONDA FINALITA : OBBLIGARE IL MANAGEMENT A FOCALIZZARSI SULLA CREAZIONE DI VALORE NEL MEDIO TERMINE UNA TERZA FINALITA : VERIFICARE LA COERENZA DELLA STRATEGIA RISPETTO AL PROFILO DI RISCHIO DEL BUSINESS E AL POSSIBILE EMERGERE DI RISCHI STRATEGICI UNA QUARTA FINALITA : FORMALIZZARE IL CONFRONTO CON IL MERCATO UNA QUINTA FINALITA : DEFINIRE IL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE RISPETTO ALLE PERFORMANCES RAGGIUNTE 4 2

3 PIANO INDUSTRIALE DELLA BANCA: CONTENUTI DOCUMENTO PREVISIONALE DI MEDIO PERIODO CHE DEFINISCE A PARTIRE DALLE STRATEGIE CORRENTI A LIVELLO CORPORATE E DI BUSINESS UNIT (AREE STRATEGICHE D AFFARI O ASA) OBIETTIVI STRATEGICI INTENZIONI STRATEGICHE DEL MANAGEMENT AZIONI RICHIESTE E RELATIVE TEMPISTICHE EVOLUZIONE DEGLI ELEMENTI CRUCIALI (KEY VALUE DRIVERS) IN GRADO DI INFLUENZARE IL VALORE DELLA BANCA (SHAREHOLDER VALUE) RISULTATI ATTESI 5 LE COMPONENTI DEL PIANO INDUSTRIALE AD OGGI IN PROSPETTIVA STRATEGIA REALIZZATA POSIZIONE ATTUALE Impostazione strategica attuale Performance realizzate per ASA (BU) Fabbisogni e opportunità di rinnovamento strategico PRESUPPOSTI 6 3

4 LE COMPONENTI DEL PIANO INDUSTRIALE AD OGGI STRATEGIA REALIZZATA POSIZIONE ATTUALE Impostazione strategica attuale Performance realizzate per ASA (BU) Fabbisogni e opportunità di rinnovamento strategico IN PROSPETTIVA INTENZIONI STRATEGICHE SCELTE DEL MANAGEMENT Ruolo vs. competitors Value proposition Creazione di vantaggio competitivo COME CREARE VALORE PRESUPPOSTI MISURE DI VALORE (EVA) 7 LE COMPONENTI DEL PIANO INDUSTRIALE AD OGGI IN PROSPETTIVA STRATEGIA REALIZZATA POSIZIONE ATTUALE Impostazione strategica attuale Performance realizzate per ASA (BU) Fabbisogni e opportunità di rinnovamento strategico PRESUPPOSTI INTENZIONI STRATEGICHE SCELTE DEL MANAGEMENT Ruolo vs. competitors Value proposition Creazione di vantaggio competitivo COME CREARE VALORE MISURE DI VALORE (EVA) ACTION PLAN LEGAME TRA STRATEGIE PASSATE E INTENZIONI Investimenti richiesti Tempistica Impatto economico e finanziario Impatto delle azioni su organizzazione Azioni su portafoglio prodotti Azioni su vecchi/nuovi target di clientela Responsabilità del management Condizioni e vincoli 8 4

5 LE COMPONENTI DEL PIANO INDUSTRIALE AD OGGI IN PROSPETTIVA STRATEGIA REALIZZATA INTENZIONI STRATEGICHE ACTION PLAN IPOTESI POSIZIONE ATTUALE Impostazione strategica attuale Performance realizzate per ASA (BU) Fabbisogni e opportunità di rinnovamento strategico PRESUPPOSTI SCELTE DEL MANAGEMENT Ruolo vs. competitors Value proposition Creazione di vantaggio competitivo COME CREARE VALORE MISURE DI VALORE (EVA) LEGAME TRA STRATEGIE PASSATE E INTENZIONI Investimenti richiesti Tempistica Impatto economico e finanziario Impatto delle azioni su organizzazione Azioni su portafoglio prodotti Azioni su vecchi/nuovi targets di clientela Responsabilità del management Condizioni e vincoli SU KVD E SU DATI PROSPETIICI Grandezze macro Sviluppo volumi Sviluppo ricavi Dinamica costi Struttura finanziaria 9 LE COMPONENTI DEL PIANO INDUSTRIALE AD OGGI IN PROSPETTIVA STRATEGIA REALIZZATA INTENZIONI STRATEGICHE ACTION PLAN IPOTESI DATI FINANZIARI PROSPETTICI POSIZIONE ATTUALE Impostazione strategica attuale Performance realizzate per ASA (BU) Fabbisogni e opportunità di rinnovamento strategico PRESUPPOSTI SCELTE DEL MANAGEMENT Ruolo vs. competitors Value proposition Creazione di vantaggio competitivo COME CREARE VALORE MISURE DI VALORE (EVA) LEGAME TRA STRATEGIE PASSATE E INTENZIONI Investimenti richiesti Tempistica Impatto economico e finanziario Impatto delle azioni su organizzazione Azioni su portafoglio prodotti Azioni su vecchi/nuovi targets di clientela Responsabilità del management Condizioni e vincoli SU KVD E SU DATI PROSPETIICI Grandezze macro Sviluppo volumi Sviluppo ricavi Dinamica costi Struttura finanziaria DATI COERENTI CON STRATEGIE E ACTION PLAN Riferiti a BU/ASA Su aree geografiche Su tipologie di clienti/prodotti 10 5

6 DESTINATARI DEL PIANO PROPRIETA DI COMANDO Top Management Middle Management I destinatari del piano industriale come strumento di comunicazione AZIONISTI DI MINORANZA INVESTITORI ISTITUZIONALI CONTROPARTI DI MERCATO FINANZIATORI CLIENTI/FORNITORI ORGANISMI DI VIGILANZA ORGANISMI DI CONTROLLO ALTRI SOGGETTI 11 STRUTTURA E CONTENUTO AMBIENTE COMPETITIVO E SITUAZIONE DEL SETTORE SITUAZIONE ATTUALE POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA BANCA IN TERMINI DI PRODOTTI E SERVIZI OFFERTI, SISTEMA DEI PREZZI REVISIONE DELLA STRATEGIA? EVOLUZIONE E NUOVI OBIETTIVI STRATEGICI CAMBIAMENTI DA REALIZZARE EFFETTIIN TERMINI DI VALORE ESPRESSI COME INDICATORI DI SINTESI? 12 6

7 STRUTTURA E CONTENUTO REVISIONE DELLA STRATEGIA EVOLUZIONE E NUOVI OBIETTIVI STRATEGICI CAMBIAMENTI DA REALIZZARE COMPOSIZIONE E STRUTTURA DEL GRUPPO STRUTTURA ORGANIZZATIVA E COMPOSIZIONE DEL MANAGEMENT FILOSOFIA GESTIONALE COMPOSIZIONE DEL PORTAFOGLIO DI BUSINESS (E RISCHI CONNESSI) RELAZIONI DI CLIENTELA EFFETTI IN TERMINI DI VALORE ESPRESSI COME INDICATORI DI SINTESI FABBISOGNI FINANZIARI E MODALITA DI COPERTURA CREAZIONE E ARTICOLAZIONE DEL VALORE GENERATO DISAGGREGAZIONE IN VALORI ECONOMICI, FINANZIARI E PATRIMONIALI SISTEMA DI INDICATORI PROSPETTI ECONOMICI PROSPETTI FLUSSI FINANZIARI 13 ALCUNE DEFINIZIONI INTENZIONI STRATEGICHE VALUE PROPOSITION KEY VALUE DRIVERS 14 7

8 ALCUNE DEFINIZIONI INTENZIONI STRATEGICHE Scelte dichiarate dal management in ordine alle aree di attività vocazionali della banca e al suo posizionamento rispetto alla concorrenza con l obiettivo di creare valore; riguardano: La strategia corporate Le scelte in termini di ASA (Area Strategica di Affari) Le strategie delle singole BU rispetto alle ASA ai fini della creazione di valore VALUE PROPOSITION KEY VALUE DRIVERS 15 ALCUNE DEFINIZIONI INTENZIONI STRATEGICHE Scelte dichiarate dal management in ordine alle aree di attività vocazionali della banca e al suo posizionamento rispetto alla concorrenza con l obiettivo di creare valore; riguardano: La strategia corporate Le scelte in termini di ASA (Area Strategica di Affari) Le strategie delle singole BU rispetto alle ASA ai fini della creazione di valore VALUE PROPOSITION L insieme dei benefici proposti alla clientela potenziale e idonei a differenziare l impresa dalla concorrenza in termini di prodotti/servizi offerti e di prezzi corrisposti, o di altri valori intangibili (inclusi reputazione, competenze.) Motivazioni che portano i clienti a scegliere i prodotti servizi della banca (rapporto prezzo/beneficio) Evidenza di vantaggi competitivi rispetto ai competitors KEY VALUE DRIVERS 16 8

9 ALCUNE DEFINIZIONI INTENZIONI STRATEGICHE Scelte dichiarate dal management in ordine alle aree di attività vocazionali della banca e al suo posizionamento rispetto alla concorrenza con l obiettivo di creare valore; riguardano: La strategia corporate Le scelte in termini di ASA (Area Strategica di Affari) Le strategie delle singole BU rispetto alle ASA ai fini della creazione di valore VALUE PROPOSITION L insieme dei benefici proposti alla clientela potenziale e idonei a differenziare l impresa dalla concorrenza in termini di prodotti/servizi offerti e di prezzi corrisposti, o di altri valori intangibili (inclusi reputazione, competenze.) Motivazioni che portano i clienti a scegliere i prodotti servizi della banca (rapporto prezzo/beneficio) Evidenza di vantaggi competitivi rispetto ai competitors KEY VALUE DRIVERS 17 ALCUNE DEFINIZIONI INTENZIONI STRATEGICHE Scelte dichiarate dal management in ordine alle aree di attività vocazionali della banca e al suo posizionamento rispetto alla concorrenza con l obiettivo di creare valore; riguardano: La strategia corporate Le scelte in termini di ASA (Area Strategica di Affari) Le strategie delle singole BU rispetto alle ASA ai fini della creazione di valore VALUE PROPOSITION L insieme dei benefici proposti alla clientela potenziale e idonei a differenziare l impresa dalla concorrenza in termini di prodotti/servizi offerti e di prezzi corrisposti, o di altri valori intangibili (inclusi reputazione, competenze.) Motivazioni che portano i clienti a scegliere i prodotti servizi della banca (rapporto prezzo/beneficio) Evidenza di vantaggi competitivi rispetto ai competitors KEY VALUE DRIVERS Fattori che nel medio periodo consentono di generare valore politiche di localizzazione/crescita efficienza operativa struttura finanziaria. 18 9

10 STRUTTURA DEL PIANO INDUSTRIALE EXECUTIVE SUMMARY 1 RISULTATI RAGGIUNTI E POSIZIONAMENTO ATTUALE OBIETTIVI DEL PIANO E IMPATTO SULLA CREAZIONE DI VALORE ASSUNZIONI MACROECONOMICHE ALLA BASE DEL PIANO AZIONI SULLE SINGOLE ASA SERVIZI AL DETTAGLIO ASSET MANAGEMENT E WEALTH MANAGEMENT CORPORATE E INVESTMENT BANKING 2 INTERVENTI/IMPATTO SULLE RISORSE E SULLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA PROIEZIONE DEI RISULTATI ATTESI (A LIVELLO CORPORATE ED A LIVELLO BUSINESS UNITS) 19 IL CASO DEL GRUPPO BPM BANCA TERRITORIALE A VOCAZIONE REGIONALE FOCALIZZATA SUI MERCATI AL DETTAGLIO SERVIZI AI PRIVATI AL DETTAGLIO (COMMERCIAL BANKING) ASSET MANAGEMENT E WEALTH MANAGEMENT PRIVATE BANKING PRESENTE NEI MERCATI DELLA MEDIA IMPRESA OFFERTA DI SERVIZI DI CORPORATE E INVESTMENT BANKING 20 10

11 STRUTTURA DEL GRUPPO BPM (2014) credito al Consumo investment banking banca rete retail banking e corporate banking online banking asset asset management management & & wealth wealth management management investment banking 21 IL CASO DEL GRUPPO BANCA ETRURIA GRUPPO BANCARIO A VOCAZIONE REGIONALE FOCALIZZATO SUL BUSINESS DI BANCASSURANCE RAMO DANNI RAMO VITA E PREVIDENZA CON UNA SPECIALIZZAZIONE NELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE E FINANZIAMENTO DEL SETTORE ORAFO (DISTRETTO) 22 11

12 STRUTTURA DEL GRUPPO BANCA ETRURIA (2014) Fabbriche prodotto (assicurazioni) banca rete retail banking e corporate banking asset asset management management & & wealth wealth management management investment banking 23 STRUTTURA DEL PIANO INDUSTRIALE EXECUTIVE SUMMARY RISULTATI STORICI POSIZIONAMENTO OBIETTIVI DEL PIANO CREAZIONE DI VALORE ASSUNZIONI MACRO ACTION PLAN 24 12

13 EXECUTIVE SUMMARY (PIANO BPM) E UNA OVERVIEW DEI CONTENUTI PRINCIPALI DEL PIANO DELINEA LE LINEE DI AZIONE GENERALI SINTETIZZA I PRINCIPALI KEY VALUE DRIVERS ESPONE LE AZIONI PROPOSTE ANTICIPA I RISULTATI ATTESI (DATI FINANZIARI) KVD ASA dal piano strategico BPM EXECUTIVE SUMMARY (PIANO BPM) PRINCIPALI KEY VALUE DRIVERS BASE DI CLIENTELA (CRESCITA PER LINEE INTERNE) EFFICIENZA OPERATIVA AZIONI PROPOSTE SVILUPPO DELLA BASE DI CLIENTELA ESISTENTE NELLE ASA COMMERCIAL/WEALTH MANAGEMENT INCREMENTI DI PERFOMANCE (PRODUTTIVITA E REDDITIVITA AGGIUSTATA PER IL RISCHIO) NELLE ASA CORPORATE & INVESTMENT BANKING RECUPERI DI EFFICIENZA OPERATIVA (VERSANTE COSTI) RISULTATI ATTESI (DATI FINANZIARI) INCREMENTO DI VALORE PER GLI AZIONISTI (ROE/EVA/PAYOUT) INCREMENTI REDDITIVITA (COMPOUNDED AVERAGE GROWTH RATE DELL UTILE NETTO) 26 13

14 STRUTTURA DEL PIANO INDUSTRIALE EXECUTIVE SUMMARY RISULTATI STORICI POSIZIONAMENTO OBIETTIVI DEL PIANO CREAZIONE DI VALORE ASSUNZIONI MACRO ACTION PLAN 27 RISULTATI E POSIZIONAMENTO DELINEANO I DATI FINANZIARI STORICI A CONSUNTIVO (SE POSSIBILE PER SINGOLA BUSINESS UNIT) EVIDENZIANO LA STRATEGIA REALIZZATA A LIVELLO CORPORATE (SE POSSIBILE PER SINGOLA BUSINESS UNIT) DIFFERENTI INDICATORI DI PERFORMANCE REDDITUALE E CONFRONTO CON OBIETTIVI PROGRAMMATI INDICATORI DI EFFICIENZA INDICATORI DI REDDITIVITA INDICATORI DI VOLUME 28 14

15 RISULTATI E POSIZIONAMENTO RISULTATI A CONSUNTIVO dal piano strategico BPM /18 29 RISULTATI E POSIZIONAMENTO RISULTATI A CONSUNTIVO dal piano strategico Banca Etruria

16 RISULTATI E POSIZIONAMENTO RISULTATI A CONSUNTIVO dal piano strategico Banca Etruria RISULTATI E POSIZIONAMENTO DELINEANO I DATI FINANZIARI STORICI A CONSUNTIVO (SE POSSIBILE PER SINGOLA BUSINESS UNIT) EVIDENZIANO LA STRATEGIA REALIZZATA A LIVELLO CORPORATE (SE POSSIBILE PER SINGOLA BUSINESS UNIT) SINTESI DELLE AZIONI REALIZZATE CON RIGUARDO A: POLITICHE COMMERCIALI POLITICHE DEL RISCHIO INTERVENTI ORGANIZZATIVI POLITICHE DI «EFFICIENTAMENTO» INTERVENTI DI RAZIONALIZZAZIONE ORGANIZZATIVA SULLA STRUTTURA 32 16

17 RISULTATI E POSIZIONAMENTO SINTESI DELLE AZIONI REALIZZATE dal piano strategico BPM /18 33 RISULTATI E POSIZIONAMENTO SINTESI DELLE AZIONI REALIZZATE dal piano strategico BPM /

18 RISULTATI E POSIZIONAMENTO SINTESI DELLE AZIONI REALIZZATE dal piano strategico BPM /18 35 RISULTATI E POSIZIONAMENTO DELINEANO I DATI FINANZIARI STORICI A CONSUNTIVO (SE POSSIBILE PER SINGOLE BU) EVIDENZIANO LA STRATEGIA REALIZZATA A LIVELLO CORPORATE (SE POSSIBILE PER SINGOLA BUSINESS UNIT) POSIZIONAMENTO GEOGRAFICO E SVILUPPO DELLA RETE TERRITORIALE IMPATTO SULLE QUOTE DI MERCATO SULL AREA DI RIFERIMENTO (PER BANCHE-RETE DEL GRUPPO) 36 18

19 RISULTATI E POSIZIONAMENTO POSIZIONAMENTO GEOGRAFICO E SVILUPPO DELLA RETE TERRITORIALE dal piano strategico MPS RISULTATI E POSIZIONAMENTO QUOTE DI MERCATO SULL AREA DI RIFERIMENTO (PER BANCHE- RETE DEL GRUPPO) dal piano strategico MPS

20 STRUTTURA DEL PIANO INDUSTRIALE EXECUTIVE SUMMARY RISULTATI STORICI POSIZIONAMENTO OBIETTIVI DEL PIANO CREAZIONE DI VALORE ASSUNZIONI MACRO ACTION PLAN 39 OBIETTIVI DEL PIANO E IMPATTO SULLA CREAZIONE DI VALORE EVIDENZIA GI EFFETTI ATTESI SUI VOLUMI E LE DIVERSE CONFIGURAZIONI DI PERFORMANCE ATTESA FOCALIZZAZIONE SULL EVOLUZIONE DEI VOLUMI 40 20

21 OBIETTIVI DEL PIANO INDUSTRIALE EVOLUZIONE DEGLI IMPIEGHI dal piano strategico Banca Etruria OBIETTIVI DEL PIANO INDUSTRIALE EVOLUZIONE DELLA RACCOLTA dal piano strategico Banca Etruria

22 OBIETTIVI DEL PIANO E IMPATTO SULLA CREAZIONE DI VALORE DEFINISCE IN DETTAGLIO GLI OBIETTIVI DI VALORE PER GLI AZIONISTI MARGINE DI INTERESSE E MARGINE DI INTERMEDIAZIONE RICAVI DA COMMISSIONI ROE ADJUSTED = RISULTATO NETTO A LIVELLO CORPORATE RISK ADJUSTED/EQUITY EVA = UTILI OPERATIVI NETTO IMPOSTE COSTO DEL CAPITALE (CAPITALE DI DEBITO + CAPITALE DI RISCHIO) EARNING PER SHARE (EPS) = UTILE GENERATO IN RAPPORTO AL NUMERO DI AZIONI IN CIRCOLAZIONE PAYOUT RATIO = RAPPORTO TRA DIVIDENDI DISTRIBUITI E UTILE NETTO (QUOTA UTILE DISTRIBUITO) 43 OBIETTIVI DEL PIANO INDUSTRIALE ANDAMENTO DELLA REDDITIVITA dal piano strategico Banca Etruria

23 STRUTTURA DEL PIANO INDUSTRIALE EXECUTIVE SUMMARY RISULTATI STORICI POSIZIONAMENTO OBIETTIVI DEL PIANO CREAZIONE DI VALORE ASSUNZIONI MACRO ACTION PLAN 45 LE ASSUNZIONI MACROECONOMICHE DI BASE LA DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI REDDITUALI E DI SVILUPPO DEL PIANO SI FONDA SU ALCUNI PRESUPPOSTI LE PROSPETTIVE ECONOMICHE GENERALI E L EVOLUZIONE DELLE PRINCIPALI VARIABILI REALI LA PROBABILE EVOLUZIONE DEGLI AGGREGATI MONETARI E CREDITIZI E LE TENDENZE DEI MERCATI BANCARI IL QUADRO MACROECONOMICO PREVISIONALE PRESENTA ALCUNE ASSUNZIONI DI BASE ENTRO CUI SI INTENDE REALIZZARE LA STRATEGIA AZIENDALE LE ASSUNZIONI PRINCIPALI RIGUARDANO LE IPOTESI DI CRESCITA DEL PIL (DOMESTICO E AREA UE) L ANDAMENTO ATTESO DEL TASSO DI INFLAZIONE (DOMESTICO E AREA UE) INDICATORI DI ATTIVITA PRODUTTIVA (INVESTIMENTI E PRODUZIONE INDUSTRIALE) LE TENDENZE ATTESE DELLA POLITICA MONETARIA (TASSI UFFICIALI BCE E TASSI DI MERCATO MONETARIO) CON RIFERIMENTO AI MERCATI BANCARI (INTERNI) LE PREVISIONI RIGUARDANO EVOLUZIONE DEGLI AGGREGATI E DELLE MASSE AMMINISTRATE (IMPIEGHI, DEPOSITI E VOLUMI DI RISPARMIO GESTITO) L EVOLUZIONE ATTESA DEI MARGINI DI CONTO ECONOMICO E DEL RISULTATO DI GESTIONE PER IL TOTALE SISTEMA BANCARIO ANDAMENTO ATTESO DEI TASSI SU IMPIEGHI E PROVVISTA 46 23

24 ASSUNZIONI MACRO dal piano strategico BPM /18 47 ASSUNZIONI MACRO dal piano strategico BPM /

25 STRUTTURA DEL PIANO INDUSTRIALE EXECUTIVE SUMMARY RISULTATI STORICI POSIZIONAMENTO OBIETTIVI DEL PIANO CREAZIONE DI VALORE ASSUNZIONI MACRO ACTION PLAN 49 I CONTENUTI DEL PIANO: ACTION PLAN ESPRIME LE DIRETTRICI SECONDO CUI SI REALIZZA IL PIANO STRATEGICO INSIEME DI AZIONI RELATIVE A: AMMONTARE, TIPOLOGIA, TEMPISTICA DEGLI INVESTIMENTI ED EFFETTI SULLE GRANDEZZE PATRIMONIALI IMPATTO ORGANIZZATIVO SUL DISEGNO DEL GRUPPO SUL MODELLO DI BUSINESS SULLA STRUTTURA DEL MANAGEMENT SU FABBISOGNI E DISTRIBUZIONE DEL PERSONALE SUL SISTEMA DI RESPONSABILITA DEL MANAGEMENT SU PORTAFOGLI DI PRODOTTI/SERVIZI E SU TARGET DI CLIENTELA SUI CANALI DISTRIBUTIVI E SU POLITICHE/STRUTTURA COMMERCIALI IMPATTO IN TERMINI ECONOMICO-FINANZIARI TEMPISTICA STIMATA PER LA REALIZZAZIONE 50 25

26 I CONTENUTI DEL PIANO: ACTION PLAN AZIONI PREVISTE SULL ASA COMMERCIAL BANKING AZIONI DI SVILUPPO COMMERCIALE CRITERI E LINEE DI INTERVENTO DEL CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT INTERVENTI SU CLIENTI ESISTENTI E NUOVA CLIENTELA POTENZIALE (PROSPECT) INDIVIDUAZIONE DI SEGMENTI ATTRATTIVI SPECIFICHE AZIONI STIME DI CRESCITA INERZIALE E/O CONSEGUENTI ALLE AZIONI DI SVILUPPO AMPLIAMENTO DELLA GAMMA PRODOTTI E INDICAZIONI OBIETTIVI DI CRESCITA OBIETTIVI ATTESI VOLUMI DI INTERMEDIAZIONE RISULTATI REDDITUALI 51 LINEE DI SVILUPPO: AREA CREDITI dal piano strategico BPM /

27 LINEE DI SVILUPPO: AREA CREDITI dal piano strategico BPM /

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Guida al Piano Industriale. Listing Guides

Guida al Piano Industriale. Listing Guides Guida al Piano Industriale Listing Guides Ai lavori hanno partecipato (Luglio 2003): BORSA ITALIANA (Luca Lombardo, Nunzio Visciano, Andrea Scremin) DELOITTE & TOUCHE CORPORATE FINANCE (Guido Vesin, Raffaella

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan INDICE GENERALE 1. Il Business Plan 1.1 La funzione del Business Plan 1.2 Consigli per la predisposizione 2. L articolazione del Business Plan 2.1 L Executive summary

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 15 17.01.2014 La valutazione degli intangibili Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie Diversi sono i motivi per i quali un azienda può avere

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

Consulenza Finanziaria Indipendente

Consulenza Finanziaria Indipendente Consulenza Finanziaria Indipendente Investire per il lungo periodo GROUP Via Traversa Pistoiese 83-59100 Prato Tel: +39 0574 613447 email: info@kcapitalgroup.com www.kcapitalgroup.com L industria del risparmio

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5

La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5 La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5 La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale SCHEMA DI SINTESI 1. Che cos è la pianificazione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Da oggi i Certificates si sottoscrivono anche online!

Da oggi i Certificates si sottoscrivono anche online! un All interno intervista esclusiva a Pietro Poletto di Borsa Italiana 44 GENNAIO 12 GENNAIO 12 CERTIFICATES BNP PARIBAS Investire con un click Innovative soluzioni di investimento per cogliere le opportunità

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE te eti Vendita eting Strategico As nter Sviluppo Reti Vendita ting Operativo Marketing Strategic ssessment Center Sviluppo Reti Vendita M eti Vendita Marketing Operativo Marketing Strategic Marketing Strategico

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli