Dalle origini a metà del XVII secolo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dalle origini a metà del XVII secolo"

Transcript

1 Dalle origini a metà del XVII secolo

2 INDICE INDICE... 2 INTRODUZIONE... 4 CAP. 1 - LA MISURAZIONE DEL TEMPO PRIMA DELL'OROLOGIO LA RIPARTIZIONE DEL TEMPO PRIMA DELL AVVENTO DELL OROLOGIO... 9 CAP. 2 - L'OROLOGIO MECCANICO E LE SUE ORIGINI L'OROLOGIO MECCANICO E LA SUA INVENZIONE LE TESTIMONIANZE PIÙ ANTICHE Le testimonianze letterarie TIPI DI OROLOGIO ALTRE NOTIZIE SUGLI OROLOGI E LE SUCCESSIVE EVOLUZIONI CAP. 3 - IL FUNZIONAMENTO DELL'OROLOGIO IL CONOIDE LA SUONERIA IL QUADRANTE CAP. 4 - ECONOMIA E SOCIETÀ I FATTORI CHE HANNO FACILITATO LO SVILUPPO LE CORPORAZIONI La formazione e la divisione del lavoro Una bottega di orologiai nel XV secolo GLI EFFETTI ECONOMICI E SOCIALI CAP. 5 - GLI OROLOGI A MILANO LA CHIESA DI SANT'EUSTORGIO LA CHIESA DI SAN GOTTARDO LA TORRE DEI GIURECONSULTI L'OSPEDALE MAGGIORE LA TORRE DEL FILARETE LEONARDO DA VINCI

3 5.7 ALTRI OROLOGI Il Duomo di Milano Chiesa di San Lorenzo a Genova Altre brevi notizie...70 APPENDICE GLI OROLOGIAI DI MILANO TRA IL 300 E IL APPENDICE GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI APPENDICE GLI STRUMENTI DI LAVORO DELL'ORO NELL'ENCYCLOPEDIE DI DIDEROT E D'ALEMBERT BIBLIOGRAFIA

4 INTRODUZIONE La presente ricerca, oltre ad introdurre la storia dell orologio meccanico e a studiarne il funzionamento - analizzando le cause che hanno influito sulla sua invenzione e sul suo sviluppo - intende investigare i misuratori del tempo di Milano in epoca medioevale e nella prima età moderna ricostruendone la storia e quella dei loro costruttori. Altro elemento da rilevare è che gli orologiai non avevano la consuetudine di firmare le loro creazione o di indicare la data di creazione, infatti il più antico orologio che è giunto fino a noi con l'indicazione dell'anno di costruzione risale al 1530 ed è stato costruito in Germania del sud. I limiti incontrati riguardano principalmente la scarsa bibliografia relativa al caso specifico di Milano, accentuati dalla mancanza di esemplari originali e dalla scarsità di fonti iconografiche oltre che tecniche. Mancanze a cui si è cercato in parte di ovviare con le informazioni disponibili per l'orologeria straniera e ritrovando tracce dell avvento di questa grande invenzione anche nella letteratura e in diversi passi poetici. Proprio da questa fonte è possibile anche avere alcune informazione supplementari relative, per esempio, all'orologio milanese della chiesa di San Gottardo 1. Il poeta Francesco Petrarca ( ), in una lettera scritta a Milano, dove visse fino al 1361, ad un suo amico, fa un cenno agli orologi della città affermando, con un certo umorismo, che sono talvolta provvidenziali perché, segnalando ad ospiti indesiderati o noiosi il trascorrere del tempo, pongono termine alla loro sgradevole visita. Ciò si riferisce ad un aneddoto della sua vita, quando si era stabilito presso S. Ambrogio, ed un frate, da lui chiamato Bonalus, gli portò da Firenze una lettera di un suo amico Nelli: questo soggetto si fermò ad intrattenere il letterato, che ne fu infastidito e ne venne salvato dal suono delle campane di San Gottardo2. Ma tralasciando l'aneddoto, in cui comunque si fa riferimento all'orologio e al trascorrere del tempo, il fatto di maggior interessante di tale racconto è la nozione che la segnalazione oraria fosse udibile anche ad una notevole distanza. Procedendo lungo quest analisi non si può in ogni caso prescindere dal fenomeno culturale tempo ed dal modo in cui fu in grado di influenzare la vita umana, le 1 Relativamente ad un approfondimento sull'orologio della chiesa di San Gottardo Cfr. Cap. 5, di questa stessa tesi. 2 A. Foresti, Aneddoti della vita di Petrarca, Brescia, 1928, pp

5 variazione che la nascita e lo sviluppo di una nuova tecnologia hanno indotto e, sicuramente non ultimi, gli aspetti più tecnologici di questi meccanismi. Il periodo scelto per compiere quest analisi spazia principalmente dal 1306, data della messa in opera dell'orologio della chiesa di S. Eustorgio, il primo di cui si abbia notizia, e il 1656, anno in cui venne inventato da C. Huyghens ( ) l'orologio a pendolo, almeno secondo i più recenti studi del settore3. Dall analisi bibliografica e da una purtroppo scarso materiale conservato presso l Archivio di Stato d Milano si è potuto con sicurezza desumere quanto fosse considerevole lo sviluppo dell orologeria nella città di Milano, ma limitatamente al periodo tardo medioevale, cioè agli albori dell'orologeria. È indubbio infatti che il settore venne gravemente danneggiato sia dalla situazione politica che da quella economica, entrambe causa della perdita dei principali committenti: i signori della città. Erano infatti in questo periodo le famiglie Visconti prima e degli Sforza poi a sostenere il settore dell'orologeria, mantenendo un orologiaio di corte e finanziando la realizzazione di gran parte dei meccanismi a noi conosciuti. A tale riguardo sembra quindi di fondamentale importanza rilevare che sia stato proprio il periodo tra il 1300 e il 1500, cioè quello legato al dominio cittadino delle signorie, quello in cui furono messi in opera il maggior numero di nuovi orologi, mentre nei secoli successivi le notizie riportate si riferiscono, almeno fino alla metà del XVI secolo, quasi esclusivamente a riparazioni o rifacimenti di apparecchi già esistenti. Lo sviluppo tecnologico degli orologi, decisamente importante, fu inoltre probabilmente influenzato anche da questioni relative ai rapporti con il resto dell'europa. L'iniziale massiccia presenza di tecnici tedeschi in città, tra i più esperti, aveva sicuramente favorito il settore orologiaio milanese, influenzandolo anche da un punto di vista tecnico, che sarà quindi danneggiato dalla riforma luterana e dalla conseguente difficoltà di rapporti, anche tecnici, con gli stati tedeschi. Non si può inoltre trascurare l'internazionalizzazione del settore, che porta anche gli orologiai milanesi a viaggiare e a scegliere luoghi dove i committenti siano più benevoli: si ha notizia di tecnici lombardi, per fare alcuni esempi, a Genova, Roma e Windsor. 3 G. Brusa, L'arte dell'orologeria in Europa Sette secoli di orologi meccanici, Busto Arsizio,

6 È infatti interessante osservare come nel periodo trattato si passi da una fase gloriosa per la scuola italiana di orologeria, dal 300 al 500 circa, al suo decadimento e all'avvento di una netta supremazia tedesca nel settore, inizialmente almeno da un punto di vista quantitativo, nel XVI secolo. A riprova di ciò si può addurre che i più importanti centri di produzione orologiaia del Cinque e Seicento fossero stranieri: Norimberga, Augusta, Parigi e Ginevra. Nel corso del XVII secolo, non si può infatti fare a meno di constatare che l'italia uscì via via dal novero dei grandi paesi produttori di orologi, come dimostra il fatto che tra gli apparecchi giunti fino ai nostri giorni si ha una sovrabbondanza di orologi tedeschi e una quasi totale mancanza di quelli italiani. Ad ulteriore spiegazione della scarsezza di esemplari vanno però indicate anche la constatazione che gli orologi italiani vennero distrutti a causa della povertà della Penisola, così da recuperarne il metallo utilizzato per costruirli, ed inoltre la questione del logoramento derivante dall'uso. Altra caratteristica peculiare del periodo è che i progressi che vi si possono rintracciare, derivano solamente dalla capacità pratica, dall'esperienza acquisita sul campo dagli artigiani e non prodotta da ricerche scientifiche di matematici od altri studiosi, come viceversa avverrà nel periodo successivo. Si iniziò infatti a dar peso alla ricerca scientifica solo nei secoli successivi, quando cominciarono ad essere introdotti anche macchinari nuovi, più complessi per la produzione dei meccanismi. A partire dalla seconda metà del XVII secolo anche i matematici inizieranno a interessarsi al settore e a fornire soluzioni a problemi come la forma dei denti delle ruote, che non sarebbero mai state raggiunte dalla semplice pratica del mestiere, ma fu solo a partire dal secolo successivo che elementi come: l'attrito degli ingranaggi, l'influenza della temperatura sugli stessi e il loro corretto funzionamento iniziarono ad essere presi in considerazione come rilevanti per il corretto funzionamento degli orologi, arrivando quindi anche all utilizzo dei lubrificanti. 6

7 CAP. 1 - LA MISURAZIONE DEL TEMPO PRIMA DELL'OROLOGIO Fin dall'antichità l'uomo provò il bisogno di trovare un mezzo, un metodo per poter calcolare il trascorrere del tempo. Per dare una risposta a questa sua necessità inventò vari strumenti di cui qui si tratterà brevemente. Secondo le prime testimonianze, che risalgono al VI secolo a.c., i greci iniziarono ad utilizzare i primi ed ancora abbastanza rudimentali strumenti, le meridiane, forse originariamente un'invenzione del filosofo Anassimandro (610 ca-546 a.c.), anche se ancora prima del tempo di Augusto (63-14 a.c.), avevano già raggiunto una perizia sufficiente a costruire una torre ottagonale dell'orologio, chiamata Horologium, costruita nei pressi dell'area del mercato di Atene, un orologio pubblico azionato ad acqua dotato di una banderuola.4 Oltre ai tipi ancora adesso esistenti, cioè da muro, ne furono prodotti anche esemplari portatili, interessante prova del fatto che l'uomo desiderò sempre poter calcolare il tempo, anche in viaggio. Questo tipo di contatempo venne molto usato e sviluppato nelle città ove successivamente si diffuse l'arte dell'orologeria, appunto per regolare questi apparecchi e controllarne il funzionamento. Al riguardo vi è da osservare che, nel 1614, venne pubblicata a Milano l'opera De gli Horologi solari nelle superficie piane, di Muzio Oddi ( ). Vennero anche impiegati altri strumenti, più evoluti, le clessidre, un tempo note come orologio a sabbia, che evitavano l'inconveniente di non poter essere usate di notte, viceversa esistente per la meridiana. Le clessidre potevano basare il loro funzionamento sia sullo scorrere dell'acqua che su quello della sabbia, anche se erano preferibili le seconde, perché meno fragili e più durature. Ne esisteva anche un genere particolare, noto come le "ore", generalmente usate nelle chiese, nel quale erano presenti quattro ampolle, ognuna della durata di un quarto d'ora. 4 Orologio dotato di un palo, appoggiato sull'acqua all'interno do in tubo, affondava progressivamente durante il giorno e l'acqua defluiva attraverso un foro, mentre sul palo si leggevano le ore indicate da appositi segni. (A.R. Burn, Storia dell'antica Grecia, Milano, Mondadori, 1991, pag.426) 7

8 In una fase successiva, e cioè a partire da circa il II secolo a.c., vengono creati dall'alessandrino Ctesibio i primi orologi ad acqua, ispirati per quanto riguarda il loro funzionamento, alle clessidre a sabbia, gli stessi che poi, nei secoli medievali, saranno ampiamente sviluppati dai popoli arabi. Quest'arte, nonostante le sue origini, non era sconosciuta all'occidente, ove ad esempio, nel primo medioevo, Pacifico arcidiacono di Verona (IX secolo), che secondo la sua lapide costruì un orologio visibile anche durante la notte, e Gerberto ( , papa Silvestro II), costruirono degli orologi quasi sicuramente azionati dall'acqua, anche se, essendo indicati appunto con questo termine, una volta si supponeva che fossero dei "prototipi" dei successivi orologi meccanici, cosa che ormai si è generalmente propensi a negare. Anche nell'impero d'oriente si sviluppò il settore dell'orologeria ad acqua, Costantino VII Porfirogenito ( ) possedeva un piccolo orologio d argento per la notte ed un altro di bronzo 5. Sia l'imperatore che i viaggiatori fecero poi più volte cenno all'orologio di Santa Sofia, che misurava il giorno in 24 ore di seguito, indicate tramite l'uso di automi, ognuno dei quali si mostrava ad un ora diversa. Tutti elementi che ugualmente si ritroveranno nel nostro paese vari secoli dopo. Un altro esempio interessante è costituito dal regalo che nel secolo IX (forse nell anno 807) Aronne (Arun al-raschild, il re di Persia, ca ) inviò all'imperatore Carlo Magno ( ), un orologio azionato ad acqua dotato di ruote in ottone, e con un convegno sonoro per segnare le ore (mediante dodici sfere di bronzo, che successivamente, e con numero proporzionato cadevano al termine di ogni ora, colpendo una campana). Anche un altro imperatore occidentale ben più recente, Federico II ( ), ricevette nel 1232 da al-ashraf (Al-Ashraf Musa Abu'l-Fath al-muzaffar ad-din) sultano di Damasco un orologio astronomico, un palnetario6 (il dono era così particolare che venne commemorato anche con una lapide trilingue posta nel duomo di Palermo presso la Cappella Palatina), in cui erano riprodotti i moti del sole, dei pianeti e della 5 P. Pazzi (a cura di), Dizionario Avreo Orefici, Argentieri, gioiellieri, diamantai, pietrai, orologiai, tornitori d avorio nei territori della repubblica veneta, Treviso, 1998, pag Un esempio ancora più antico di orologio che mostra i moti degli astri è quello del Meccanismo di Antikythera, risalente probabilmente al I secolo a.c. (http://www.giovannipastore.it/antikythera.htm e 8

9 luna. Non risulta che neppure questo fosse un orologio meccanico, quindi si può legittimamente supporre che fosse ancora azionato ad acqua. Nel complesso quindi, prima dell'invenzione dell'orologio meccanico, erano già in uso contatempo di varia natura, alcuni dei quali sono talvolta ancora in uso ai giorni nostri e che continueranno ad essere impiegati a lungo assieme ai nuovi apparecchi, spesso assieme a loro, in funzione di regolatori. Per quanto riguarda quest'ultimo tipo di orologi si deve osservare, che esisteva un orologio cinese costruito nel 1088 e che già utilizzava un meccanismo abbastanza simile alla verga, che si azionava sfruttando il peso dell'acqua raccolta in appositi recipienti di cui era dotato. Quasi sicuramente però, l'ignoto inventore della verga non ebbe modo di conoscere il meccanismo precedentemente citato. Nel 1270 nei Libres del saber de astronomia, di Alfonso X il Saggio re di Castiglia ( ), viene descritto un orologio azionato dal mercurio in sostituzione dell'acqua: non vi si fa però ancora alcun cenno all'orologio meccanico. Nel complesso i contatempo che vennero sviluppati, costituirono semplicemente uno svago delle classi elevate o di studiosi che si interessavano di astronomia, scienza per la quale erano particolarmente utili, ma non indussero grandi cambiamenti economici o sociali, od alla nascita di specifiche professioni, come avvenne dal XIV-XV secolo con l'orologio meccanico. 9

10 1.1 La ripartizione del tempo prima dell avvento dell orologio Un primo modo di ripartire il giorno era quello in uso già al tempo dei greci e dei romani che consisteva nel dividere la giornata in due parti, di lunghezza variabile in base alla stagione, quella del giorno e quella della notte, pratica che si mantenne sotto altre forme anche in epoche successive. Nell'era cristiana poi, le varie fasi fondamentali della giornata erano indicate dalle preghiere quotidiane. Queste costituirono a lungo uno dei punti di riferimento per l'intera società, quindi compresi i laici, per calcolare il passare del tempo e le varie fasi del giorno, ancorché in modo abbastanza approssimativo dipendendo ovviamente dalle stagioni oltre che dall'osservazione del moto del sole. Lo scorrere del tempo era segnalato dal suono delle campane degli istituti religiosi: questo fece nascere quello che viene chiamato "tempo sonoro" da J. Le Goff7. Tutto ciò è indicativo della supremazia del potere religioso nell'organizzazione sociale e della loro funzione religiosa. Il punto di partenza per il calcolo della giornata era il tramonto, quindi gli svegliarini, gli "antenati" dell'orologio meccanico utilizzati dai frati per sapere il momento in cui segnalare l'avvento dell'ora della preghiera, andavano periodicamente regolati in base al periodo dell anno in cui si era (circa ogni 15 giorni si doveva spostare la lancetta per calcolare le ore del giorno a partire dal tramonto). Questo creava degli ulteriori problemi perché l occaso del sole, il momento in cui parte l orologio italiano (la fine del crepuscolo civile), non è facilmente calcolabile. Per quanto riguarda le città, poi, la difficoltà aumentava ulteriormente: era necessario salire su di una torre, appunto per poter avere maggiore visibilità. Il tipo di calcolo impiegato portò quindi all'adozione delle ore temporali o diseguali, segno di un'epoca in cui non si provava uno spiccato bisogno di precisione, necessità maggiormente sentita nelle società economicamente più sviluppate. Con l orologio meccanico, viceversa, si affermarono progressivamente le ore medie, già in precedenza impiegate dagli astronomi, anche se si deve segnalare che le prime continuarono ad essere impiegate fino all'inizio del XIX secolo. 7 J. Le Goff, I riti, il tempo, il riso, Roma-Bari, 2003, pag

11 Queste ore medie erano in uso già in precedenza, almeno tra gli astronomi, e venivano calcolate tramite altri contatempo come le clessidre o delle apposite candele. Per tutto questo periodo, come ancora adesso si fa, le ore canoniche vennero annunciate al momento del loro scadere (Hora compiuta), viceversa per le frazioni si utilizzava il metodo della Hora incipita, che prevedeva l'attribuzione della parte di ora trascorsa sempre a quella in corso, e non alla successiva come ormai si usa fare. Proprio le citate ore canoniche, generalmente costituite da quelle prevista dalla regola di San Benedetto (regola monastica che ebbe larghissima diffusione in tutto l'occidente, anche tramite i monasteri cistercensi), scandirono la vita dell'europa per svariati secoli, indicando i momenti fondamentali del giorno. Oltre a scandire le ore dei religiosi regolavano infatti (Tabella sottostante) anche l attività e la vita dei laici. 11

12 agosto Luglio Giugno Settembre Maggio Ottobre Aprile Novembre Marzo Dicembre Mesi Febbraio Gennaio Laudi o lodi: al primo 6,15 5,30 5 4,45 4,15 3,45 albore Ora prima: dal sorgere 7, ,30 5 4, ,30 9 9,45 8,30 8, , ,15 15,30 15,45 16, , ,30 Ore canoniche del sole (il momento in cui i laici si destavano), segnalata con 3 colpi di campana * (circa le ore 6:00) Ora terza: da metà del mattino, segnalata con 2 colpi di campana * (circa le ore 9:00) Ora sesta: a partire dal mezzogiorno, segnalata con 1 colpo di campana, detto "il tocco" * (circa le ore 12:00) Ora nona (Bassa Ora): da metà pomeriggio fino al tramonto, segnalata con 2 colpi di campana * (circa le ore 15:00) Vespri (Dodicesima ora o Lucernare): dal tramonto del sole (il momento in cui terminava la giornata lavorativa dei laici), 12

13 segnalata con 3 colpi di campana * (circa le ore 18:00) Compieta 17, , ,30 2,15 2,45 4 3,30 2,30 1 (Completorium) quando diventa buio, circa un ora dopo il tramonto, segnalata con 4 colpi di campana * (circa le ore 19:00) Mattutino o notturno (Ottava ora): trascorsi gli otto dodicesimi della notte (circa le ore 5:00) Fonte: rielaborazione da A. Simoni, Orologi italiani dal cinquecento all'ottocento, Milano,

14 CAP. 2 - L'OROLOGIO MECCANICO E LE SUE ORIGINI Tra la fine del 1200 e l inizio del 300 venne scoperto il dispositivo che rese possibile la creazione dell orologio meccanico, un meccanismo di tale importanza che veniva ancora utilizzato nell orologeria del XIX secolo. Il suo creatore, come quello dei primi orologi, è purtroppo a noi ancora ignoto. Si ha però un disegno di un primitivo scappamento nel taccuino di appunti di Villard de Honnecourt ( circa). Lo scappamento è sostanzialmente l'applicazione invertita del principio usato per sollevare i secchi d'acqua nel pozzo. In Italia il termine horologium od horilogium nei testi in latino, che significa "che conta le ore", veniva generalmente impiegato per indicare qualsiasi strumento del genere: questo fatto portò varie volte a dei fraintendimenti sul senso da attribuire alle notizie riportate, facendo ipotizzare che questo meccanismo fosse di conseguenza anche conosciuto in precedenza. Alcuni studiosi hanno, ad esempio, erroneamente supposto che lo scappamento fosse un'invenzione degli arabi, forse risalente addirittura al secolo VIII, poi importata in Europa durante l'epoca delle crociate: al riguardo vi è da osservare il fatto che già nel X secolo nel mondo islamico venivano usati i pesi per azionare i calendari automatici, gli stessi che costituiscono la forza motrice dell'orologio meccanico ai suoi albori. Altri studiosi viceversa hanno affermato che fosse un'invenzione dell'arcidiacono italiano Pacifico, vissuto nel IX secolo. Tutte queste tesi sono comunque ormai generalmente respinte dagli studiosi. Gli originari orologi meccanici, ai loro albori, erano fatti senza molta perizia ed è anche questo uno dei motivi per cui non ne sono giunto quasi nessuno fino ai giorni nostri. Un altro motivo della scarsezza di esemplari è il fatto che erano costruiti utilizzando metalli ritenuti all'epoca abbastanza preziosi, come ferro e bronzo, il che ha indotto i loro successivi proprietari a riciclarne in altro modo i materiali nei periodi di crisi, anche perché, in caso ad esempio di morte del custode, l'orologio diveniva inutilizzabile, abbisognando di perenni controlli e revisioni. Questo era il motivo per cui si doveva assumere un custode che se ne occupasse a tempo pieno, spesso costituito dal suo stesso costruttore, ed anche in questo caso la loro vita non era poi molto lunga. 14

15 Ad esempio è stato considerato quasi eccezionale il funzionamento per un periodo di 23 anni di seguito di un orologio pubblico meccanico di Barcellona nel XIV secolo. Un altro esempio, anche se più particolare, è quello dell'astrario del Dondi, appartenente alla grande famiglia di orologiai italiani, che fu portato guasto all'imperatore Carlo V nel 1529 e nessuno fu in grado di ripararlo: dopo questa notizia se ne perdono le tracce dal che si può dedurre che venne smantellato. Gli orologi del XIV secolo tendenzialmente erano a maglio e dotati di una campana, la quale veniva appunto colpita dal primo un numero di volte pari all'ora, e non erano ancora dotati di quadrante e lancette. Prima di procedere oltre nell'analisi della sua storia, ne forniamo una definizione: è una macchina destinata a misurare il trascorre del tempo. Questo apparecchio viene azionato da un peso o da una molla (organo motore) che muove una successione di ruote dentate (treno) che agisce su un congegno di distribuzione (scappamento) governato da un regolatore (bilanciere o pendolo). Il motore uniforme di tale macchina è sincronizzato al tempo medio e un quadrante o una suoneria (od entrambi) ne indicano il progresso. La parola orologio è formata dalle parole greche: hora (ora) e legein (dire). 15

16 2.1 L'orologio meccanico e la sua invenzione È interessante osservare che il peso motore, gli ingranaggi, lo scappamento il quadrante e le ruote dentate, alcune delle principali componenti dell orologio meccanico, furono inventati prima della sua comparsa, alcuni, come per esempio le ruote dentate, fin dai tempi di Erone (I sec. a.c.). Un orologio meccanico è una macchina in cui: 1 un peso o una molla (organo motore) muove 2 una successione di ruote dentate (treno) che agiscono su 3 un congegno di distribuzione (scappamento) governato da 4 un regolatore (bilanciere o pendolo) 5 un quadrante o una suoneria che ne indicano il progresso. L'orologio meccanico, ai suoi primordi, era più importante per le sue potenzialità di sviluppo che come mezzo per calcolare effettivamente il trascorrere del tempo a causa della sua forte imprecisione. Gli studiosi generalmente concordano nel ritenere che la nascita dell'orologio meccanico non sia anteriore al 1200, anzi, probabilmente risale alla seconda metà di questo secolo. Le testimonianze pervenuteci dei primi anni di quel secolo parlano già dell'esistenza di orologi funzionanti con l'utilizzo di acqua e pesi (orologi idraulici) piuttosto complessi, ma non chiariscono se esistevano già orologi funzionanti esclusivamente a pesi, cioè quelli che vengono definiti meccanici. I primi avevano delle dimensioni ragguardevoli, tendenzialmente comprese tra i 60 centimetri circa ed i 2 metri e mezzo di larghezza e venivano sorretti da intelaiature che erano generalmente fatte in legno od in ferro battuto. La loro origine la si può rintracciare, come precedentemente accennato, negli horologia nocturna o svegliarini, specie di orologi utilizzati dai monaci durante la notte 16

17 per calcolare il trascorrere del tempo, che indicavano suonando una piccola campana e, in quelli più evoluti, impiegando un quadrante. Foto 1 - Un esemplare di svegliarino Fonte: B. Hutchinson, Orologi Antichi, Milano, 1982, pag. 80. Questi apparecchi, ancora abbastanza primitivi, avevano un problema: funzionavano solo per spazi limitati di tempo, non per il ciclo completo delle 24 ore del giorno, e quindi andavano periodicamente ricaricati. Sul quadrante, quando ne erano dotati, potevano esservi dei fori, ove porre dei piuoli, in corrispondenza dei momenti in cui recitare la messa. A favore della tesi che costituissero i predecessori dell'orologio da torre, vi è da prendere in considerazione il fatto che era ben più facile e meno costoso sperimentare i nuovi meccanismi su apparecchi di piccole dimensioni come questi. L'invenzione degli orologi la si deve attribuire probabilmente ai fabbri, spesso fabbricanti di serrature, quindi già dotati di competenze sulla realizzazione di ingranaggi e sulla miniaturizzazione, dotati di una spiccata abilità, che divennero poi i primi orologiai. Si può osservare il fatto che in Francia i fabbricanti di serrature erano anche fabbricanti di orologi, almeno fino al 1629, quando perdono tale privilegio. 17

18 L'orologio meccanico era abbastanza indipendente, per quanto riguarda il suo funzionamento, dalla temperatura ambientale, il che costituiva un grosso vantaggio rispetto a quello ad acqua, ove il liquido, almeno nei climi più freddi, rischiava di ghiacciare, impedendone così il regolare funzionamento ed anche dal sole, da cui dipendeva la possibilità d'impiego della meridiana. Tutti questi fattori costituiscono le ragioni che consentirono una sua diffusione abbastanza rapida in tutta l'europa. Gli orologi medievali erano un lusso, erano rari e costosi, difatti le testimonianze pervenuteci riguardano solo grandi signori, istituti religiosi e corporazioni particolarmente fiorenti, di cui se ne ornano le sedi, divengono quasi simboli del potere di chi li detiene. Nella prima fase del loro sviluppo, non costituivano ancora degli strumenti indispensabili alla vita umana, difatti nelle campagne, a differenza delle città, ci si mosse ancora per lungo tempo in base al tempo sacro. Questo stato di cose perdurò anche nel XVI e nel XVII secolo, quando gli orologi continuarono ad essere degli oggetti preziosi, prodotti da artigiani altamente specializzati. Gli orologi a scappamento non erano lubrificati, questo è un uso che venne introdotto solo nel XVII secolo, dopo l'introduzione del pendolo, quando l'attrito che si produceva tra i vari organi meccanici, inizia a costituire un problema, limitandone la possibilità di precisione, che col passare del tempo aumenta. L'abilità di un maestro orologiaio si misurava in base al numero di funzioni che era capace di inserire negli orologi da lui prodotti, anche per questo i Dondi sono entrati nella storia del settore, vista la molteplicità delle funzioni svolte dai loro astrari. L'orologeria si sviluppò inizialmente presso i maggiori centri siderurgici europei, poiché presupponeva la presenza di capacità nel settore metallurgico tra i lavoratori della zona e forniva la materia prima. Queste due situazioni rivestono un particolare interesse per il caso in analisi, perché nella città qui trattata, Milano, entrambe queste precondizioni, erano soddisfatte. Sulle origini di questo meccanismo, D.J. de Sella sostiene addirittura la teoria che gli orologi fossero impiegati per osservare il moto degli astri, sostenendo così che i primi veri orologiai fossero i Dondi e l'abate benedettino Richard of Wallingford (1291/21336), autore dell'astrario Albion. A sostegno di questa tesi vi è da osservare che l'orologio di Giovanni Dondi non suonava le ore. 18

19 Questa teoria è respinta e contrastata da D.S. Landes, il quale sostiene la derivazione dell'orologio astronomico dal comune orologio meccanico e non viceversa. A sostegno di Landes si può addurre che Giovanni Dondi dell Orologio 8 ( ), nel descrivere nel suo manoscritto del 1364, il Tractatus astrarii o L Astrario, la tecnica di costruzione adoperata per il suo orologio astronomico di Padova, costituito da più di 200 pezzi, parte dal presupposto che siano già noti gli orologi comuni, che cioè svolgevano la sola funzione di segnare lo scorrere del tempo, tanto da affermare: "Se il lettore di questo manoscritto non riesce a portare a termine da solo la costruzione di questo orologio, smetta pure la lettura". G. Dondi iniziò a costruirlo nel 1338 e lo portò a termine solo nel 1344, quindi in una fase in cui l'orologio comune si era già affermato. Secondo l'amati questo orologio venne in realtà costruito in base ai progetti del Dondi da Antonio da Padova. Sempre secondo il Landes, le necessità della religione cattolica, il bisogno di sapere con una certa precisione il momento della giornata in cui si è, per assolvere ai doveri della preghiera, che erano collocate in periodi definiti della giornata, a differenza delle altre grandi religioni del periodo (ebraismo e islam), costituì uno sprone fondamentale per la creazione di questo apparecchio. Nei monasteri sono infatti introdotti i primi tipi di apparecchi per il calcolo meccanico del tempo, le svegliarine, orologi molto semplici, dotati di una piccola campana, per segnalare il momento in cui si dovevano svolgere le funzioni religiose. Questi apparecchi si diffusero molto in seguito alla larga adozione della regola Benedettina. Questo innovativo meccanismo, aveva tendenzialmente un'altezza compresa tra i 25 ed i 30 cm, talvolta fatti quasi interamente di ottone compresi gli ingranaggi, è costituita da un peso9 in caduta verticale, originariamente fatto in pietra e poi di ghisa, che costituisce il motore del meccanismo. Questa innovazione fu probabilmente adottata a causa della più facile lavorazione di questa lega rispetto al ferro. Questi, prima di essere meccanici, erano idraulici e, oltre alla campana spesso erano dotati di un quadrante. La sua invenzione fu facilitata dal fatto che la sua tecnica di costruzione è la stessa di quella impiegata per gli astrolabi. 8 Questo personaggio, fu anche medico personale di Carlo IV di Boemia ( ), esempio di multidisciplinarietà. 9 Questo poté anche raggiungere una massa tale da mettere in crisi la torre campanaria, come accadde a Venezia nel

20 Originariamente, per la sua ricarica, che doveva avvenire manualmente per ben due volte al giorno, si usavano le ruote di carica, costituite da un cricchetto sul bariletto, intorno al quale veniva avvolta la fune. Vennero, in una fase successiva, rimpiazzate da un più pratico ingranaggio a manovella. 2.2 Le testimonianze più antiche Tutti gli apparecchi fin qui analizzati comparvero più o meno contemporaneamente in vari luoghi del continente europeo, Italia, Francia, Germania ed Inghilterra, anche se in realtà le notizie relative alla loro costruzione furono spesso successive. Le prime testimonianze certe sull'esistenza dell'orologio meccanico, sono comunque costituite spesso da cronache religiose inglesi, tanto che, alcuni studiosi, hanno avanzato l'ipotesi che l orologio meccanico fosse stato inventato proprio in quel paese. Se ne ritrovano le prime notizie: negli annali dei priorati di Dunstable (1283) negli annali della cattedrale di Exeter (1284) negli annali della cattedrale di San Paolo a Londra (1288) negli annali del priorato della cattedrale di Norwich (1290) negli annali dell abbazia di Ely (1291) negli annali della cattedrale di Canterbury (1292) negli annali della cattedrale di Salisbury (1306)10 negli annali della cattedrale di Cambray, in Francia, del 1318 o forse Tra il 1322 e il 1325 si hanno testimonianze della costruzione ed installazione di un orologio astronomico con automi nella cattedrale di Norwich, in Inghilterra. Questa è la più antica testimonianza esplicita di un orologio meccanico dotato di un quadrante. L esemplare più antico giunto fino a noi è invece molto probabilmente quello di Salisbury, risalente al 1386 (anche se nel corso dei secoli ha subito innumerevoli modifiche). Ovviamente anche la Penisola italiana vanta diverse testimonianze relative alla presenza di orologi, le più antiche sono: 10 Probabilmente è il primo orologio dotato di un'indicazione acustica delle ore in 2 x

Dalle origini a metà del XVII secolo

Dalle origini a metà del XVII secolo Dalle origini a metà del XVII secolo INDICE INDICE...2 INTRODUZIONE...4 CAP. 1 - LA MISURAZIONE DEL TEMPO PRIMA DELL'OROLOGIO...7 1.1 LA RIPARTIZIONE DEL TEMPO PRIMA DELL AVVENTO DELL OROLOGIO...9 CAP.

Dettagli

GLI OROLOGI DEL MUSEO DELL OROLOGERIA PESARINA

GLI OROLOGI DEL MUSEO DELL OROLOGERIA PESARINA GLI OROLOGI DEL MUSEO DELL OROLOGERIA PESARINA SVEGLIARINI MONASTICI Svegliarino costruito nel 1993 Questi orologi risalgono al XIII secolo furono brevettati per sostituire i svegliatori ad acqua in uso

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Museo della pergamena, del libro e del documento d archivio. 6 - La storia della conoscenza

Museo della pergamena, del libro e del documento d archivio. 6 - La storia della conoscenza Museo della pergamena, del libro e del documento d archivio 6 - La storia della conoscenza La misura del tempo Quando gli uomini hanno voluto misurare il tempo, in tutte le epoche e in tutte le parti del

Dettagli

L orologio meccanico. Perché?

L orologio meccanico. Perché? L orologio meccanico Daniele Marini Dipartimento di Informatica e Comunicazione Perché? Il rapporto tra l artigiano e lo scienziato Scoperte scientifiche e ingegneria evolutiva Un prodotto commerciale

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa).

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa). L età comunale può essere suddivisa in due periodi: 1. periodod affermazione daffermazione(da metà XII secolo agli inizi del Trecento); 2. periodo di crisi (dai primi decenni del Trecento al 1378 circa).

Dettagli

Cartografia, topografia e orientamento

Cartografia, topografia e orientamento Cartografia, topografia e orientamento Mappa tratta dall archivio dei musei vaticani ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 1 Orbita terrestre e misura del tempo Tutti sappiamo che la terra non

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano Corso di Astronomia I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano attorno alla Terra con orbite circolari.

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA C a l e n da r i o 2 0 1 2 Nel 1481 il neoeletto vescovo di Pavia, Ascanio Sforza, presentò un progetto di ampliamento e rinnovo delle due cattedrali gemelle di Santo Stefano

Dettagli

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano.

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano. 2. Storia, politica, filosofia e arte nel Rinascimento Un esempio di prospettiva: L ultima cena di Leonardo L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento

Dettagli

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014 CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: nr. 2 moduli di storia nr. 2 moduli di geografia

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

Dante Alighieri. Classi seconde. Scuola secondaria Galileo Galilei

Dante Alighieri. Classi seconde. Scuola secondaria Galileo Galilei Dante Alighieri Classi seconde Scuola secondaria Galileo Galilei Dante Alighieri La vita Dante Alighieri nasce a Firenze nel 1265 in questa casa La famiglia appartiene alla piccola nobiltà cittadina La

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Non dimentichiamoci di Dio

Non dimentichiamoci di Dio Angelo Scola Non dimentichiamoci di Dio Libertà di fedi, di culture e politica Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06129-2 Prima edizione: marzo 2013 Prefazione

Dettagli

RASSEGNA STAMPA DEL 7 Magio 2015

RASSEGNA STAMPA DEL 7 Magio 2015 Provincia di Napoli Ufficio Stampa e Comunicazione RASSEGNA STAMPA DEL 7 Magio 2015 METROPOLIS METROPOLIS CRONACHE DEL VESUVIANO Boscoreale, restaurato l antico orologio della casa municipale Nell ambito

Dettagli

L Italia nei secoli XIV e XV

L Italia nei secoli XIV e XV L Italia nei secoli XIV e XV Con le sue città, i suoi commerci, la sua cultura, l Italia di fine Medio Evo costituisce forse la più alta espressione delle civiltà europea, ma allo stesso tempo è insidiata

Dettagli

IMPARO A... ...collocare nel tempo

IMPARO A... ...collocare nel tempo AVVIAMENTO ALLO STUDIO DELLA STORIA 17 AVVIAMENTO ALLO STUDIO DELLA STORIA 1 IMPARO A......collocare nel tempo ordine cronologico Immagina che il tuo album di fotografie sia caduto a terra e che le foto

Dettagli

Note per l'insegnante

Note per l'insegnante LA STAMPA Note per l'insegnante 1. Abbiamo realizzato molti disegni illustrativi del testo perché abbiamo pensato che sarebbe bello che fossero i bambini ad illustrare i testi 2. I titoli posti come domande

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI»

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» 1 Caterina Samà via Gregorio Aracri, 24, Squillace 88069 (CZ), 0961 912117 / 338 1791895 e-mail : caterinasama@libero.it Al Magnifico Rettore dell

Dettagli

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

Successivamente anche Breguet si occupò ( e non poteva essere diversamente) di orologi automatici. Egli era a conoscenza dell orologio di Perrelet,

Successivamente anche Breguet si occupò ( e non poteva essere diversamente) di orologi automatici. Egli era a conoscenza dell orologio di Perrelet, L'automatico Un po di storia. La nascita dell automatico si può far risalire alla prima metà del 700 per opera di Abraham-Louis Perrelet. Perrelet nacque a Le Locle nel 1729 e si occupò fin da giovane

Dettagli

Nella professione tecnica la mediocrità non è consentita

Nella professione tecnica la mediocrità non è consentita QUANDO LA TECNICA SI FA ARTE Nella professione tecnica la mediocrità non è consentita Leonardo Ing. Tec. I disegni tecnici di Leonardo riflettono le proprie capacità ingegneristiche. Oggi appaiono con

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

1. Siamo a Firenze nel secolo. Adesso leggi l'inizio della storia della famiglia dei Medici e rispondi alle domande

1. Siamo a Firenze nel secolo. Adesso leggi l'inizio della storia della famiglia dei Medici e rispondi alle domande La Firenze dei medici: la famiglia e il Rinascimento Il luogo è Firenze, ma di quale secolo parliamo? Guarda queste tre immagini legate al titolo e decidi a quale secolo si riferiscono: a) XIX sec. d.

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Viaggio tra musei di Milano Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Chiesa di Santa Maria delle Grazie L'edificio rappresenta una tra le più importanti realizzazioni del Rinascimento ed

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo.

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La parola BIBBIA deriva da una parola greca (biblia) che vuol dire I LIBRI. Possiamo dire, infatti che la Bibbia è una BIBLIOTECA perché raccoglie 73 libri.

Dettagli

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM 28-11-2011 0:18 Pagina 125 Parte seconda Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM

Dettagli

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di La popolazione Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di trasformare il cibo in lavoro. Data l

Dettagli

Umanesimo, Stampa e Rivoluzione scientifica

Umanesimo, Stampa e Rivoluzione scientifica Umanesimo, Stampa e Rivoluzione scientifica 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Orizzontali 2. Formulò alcune importanti leggi dell'astronomia 4. E' il padre della teoria geocentrica 5. E' il primo libro stampato 6. E'

Dettagli

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola Unità dal volto antico Le radici archeologiche dell immagine dell Italia Dialogo con il mondo della scuola Un nome, una terra Italia: casa comune fin dall antichità di Luca Mercuri Archeologo della Soprintendenza

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Lezione 2: come si descrive il trascorrere del tempo

Lezione 2: come si descrive il trascorrere del tempo Lezione 2 - pag.1 Lezione 2: come si descrive il trascorrere del tempo 2.1. Il tempo: un concetto complesso Che cos è il tempo? Sembra una domanda tanto innocua, eppure Sembra innocua perché, in fin dei

Dettagli

Sadi Carnot e le macchine termiche. Primi progetti : Giovanni Branca 1629. Un motore perpetuo. Prime macchine a vapore. Evoluzione

Sadi Carnot e le macchine termiche. Primi progetti : Giovanni Branca 1629. Un motore perpetuo. Prime macchine a vapore. Evoluzione Fin dall'antichità i fenomeni termici erano stati utilizzati per produrre movimenti, in particolare utilizzando il vapore: famosi sono i congegni inventati da Erone di Alessandria Sadi Carnot e le macchine

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE Istituto di Istruzione Superiore G. Curcio Ispica I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. Angelo Carpenzano Dispensa di Informatica per il Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Sommario Sommario... I numeri...

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

VIGNA DI LEONARDO CASA DEGLI ATELLANI

VIGNA DI LEONARDO CASA DEGLI ATELLANI CASA DEGLI ATELLANI Casa degli Atellani è un palazzo quattrocentesco risalente all epoca di Ludovico il Moro. E situato a pochi passi dalla Chiesa di Santa Maria delle Grazie, dove è esposto uno dei dipinti

Dettagli

Dai comuni alle signorie Dalle signorie ai principati

Dai comuni alle signorie Dalle signorie ai principati Dai comuni alle signorie Dalle signorie ai principati 1000-1454 ITC Custodi, gennaio 2012 1 La nascita dei comuni Le città dell Europa centrale, che erano sottoposte a un signore, a un conte o a un vescovo,

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

Admiral s Cup Legend 46 Minute Repeater Acoustica Accordo maggiore

Admiral s Cup Legend 46 Minute Repeater Acoustica Accordo maggiore Admiral s Cup Legend 46 Minute Repeater Acoustica Accordo maggiore Mai prima d'ora un Minute Repeater aveva marcato il tempo mediante accordi invece di note semplici. È il prodigio realizzato dal sontuoso

Dettagli

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli

1 Sistema additivo e sistema posizionale

1 Sistema additivo e sistema posizionale Ci sono solamente 10 tipi di persone nel mondo: chi comprende il sistema binario e chi no. Anonimo I sistemi di numerazione e la numerazione binaria 1 Sistema additivo e sistema posizionale Contare per

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Individuare le tracce e usarle come fonti per produrre conoscenze sul proprio passato, della generazione degli adulti e della comunità di appartenenza.

Dettagli

MAPPA CONCETTUALE LA LEVA

MAPPA CONCETTUALE LA LEVA 1 MAPPA CONCETTUALE LA LEVA Definizione Legge di equilibrio Storia I tre generi Leva vantaggiosa Leva indifferente Leva svantaggiosa 1 genere 2 genere 3 genere esempi esempi esempi esempi nel corpo umano

Dettagli

L influenza reale di una progettazione sensibile. Casi Studio.

L influenza reale di una progettazione sensibile. Casi Studio. L influenza reale di una progettazione sensibile. Casi Studio. CONTINUA L INTRODUZIONE 1. L Architettura Feng Shui, è dunque un bacino di conoscenza sintetizzato in questo paradigma delle tre vie, che

Dettagli

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù.

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù. RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I U A OBIETTIVI GENERALI OBIETTIVI SPECIFICI CONTENUTI/ ATTIVIT À COMPETENZE PERIODO UA n 1 Unici e speciali Cogliere la diversità tra compagni ed amici come valore e ricchezza.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

Macchine e capitale (prima parte)

Macchine e capitale (prima parte) Macchine e capitale (prima parte) 4 Febbraio 2015 1 Nascita del macchinario Connessione tra divisione del lavoro e macchine (Ch.Babbage) è di rilievo analizzare la proporzione che esiste tra lavoratori

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

Leggere parole in schema: i testi misti

Leggere parole in schema: i testi misti Saeda Pozzi Leggere grafici e tabelle Esercizio 1 Osserva il grafico delle temperature di Bologna dell esercizio 2, si tratta di un grafico a colonne, detto istogramma, e lavora con un tuo compagno discutendo

Dettagli

Percorso di Storia e Geografia. per la classe seconda della Scuola Primaria. Insegnante: Di Nucci Nicoletta

Percorso di Storia e Geografia. per la classe seconda della Scuola Primaria. Insegnante: Di Nucci Nicoletta Percorso di Storia e Geografia per la classe seconda della Scuola Primaria Insegnante: Di Nucci Nicoletta Questo percorso è stato svolto nelle classi seconde, nell anno scolastico 2007/2008. In teoria

Dettagli

Maestro orologiaio e inventore

Maestro orologiaio e inventore 02 Maestro orologiaio e inventore Passione per la scienza, amore per l orologeria Autentico artista, François-Paul Journe esplora la misura del tempo per soddisfare il suo bisogno di creare. E da quel

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. PRESENTAZIONE Giornalino sul FATTO DA I BAMBINI DELLA 4^B CON L AIUTO DELL INS.TE (PISCHEDDA ELISABETTA) DELLA SCUOLA ELEMENTARE ITALO CALVINO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BEINASCO ANNO SCOLASTICO 2005/2006

Dettagli

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre Cos è l infinito? Infinito: che è assolutamente privo di determinazioni spaziali o temporali. l infinito è molto difficile da immaginare nel suo complesso: possiamo avere un accenno ammirando un cielo

Dettagli

OROLOGI SOLARI: 26/03/2005 Ing. Mauro Maggioni

OROLOGI SOLARI: 26/03/2005 Ing. Mauro Maggioni OROLOGI SOLARI: ASTRONOMIA e ARTE 26/03/2005 Ing. Mauro Maggioni IL SOLE e le OMBRE - Durante il corso del giorno il Sole compie un tragitto apparente nel cielo - Ciò significa che è possibile relazionare

Dettagli

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono con voi» Mt 28,16-20 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Matteo (28,16-20) In quel tempo, gli undici

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

LA PRIMA TESTIMONIANZA

LA PRIMA TESTIMONIANZA LA PRIMA TESTIMONIANZA Nonostante che le frequenti emigrazioni ci abbiano impedito di collegare e unire in maniera omogenea i vari nuclei familiari, si può affermare che i Papei vissuti fra la fine del

Dettagli

Progetto ARACNE Laboratorio di Eccellenza Certificato LICEO CLASSICO MARIO PAGANO (CB)

Progetto ARACNE Laboratorio di Eccellenza Certificato LICEO CLASSICO MARIO PAGANO (CB) Progetto ARACNE Laboratorio di Eccellenza Certificato LICEO CLASSICO MARIO PAGANO (CB) Il termine ENERGIA deriva dal tardo latino energīa, che a sua volta deriva dal greco ἐνέργεια (energheia). L energia

Dettagli

TEMPO TEMPO. Oggi la maestra ha chiesto ai bambini e alle bambine di pensare a una frase con la parola tempo. Quante idee diverse!

TEMPO TEMPO. Oggi la maestra ha chiesto ai bambini e alle bambine di pensare a una frase con la parola tempo. Quante idee diverse! TEMPO Oggi la maestra ha chiesto ai bambini e alle bambine di pensare a una frase con la parola tempo. Quante idee diverse! OGGI IL TEMPO È BRUTTO. PER FARE QUESTO DISEGNO HO IMPIEGATO TANTO TEMPO. TANTO

Dettagli

La storia della carta stampata dal papiro a www.quotidiano.net

La storia della carta stampata dal papiro a www.quotidiano.net La storia della carta stampata dal papiro a www.quotidiano.net Uno dei primi supporti per la scrittura, che precedettero la carta, fu il papiro. Questo veniva ottenuto già verso il 3500 a.c. in Egitto,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

INDICE ITALIANO. Pag.

INDICE ITALIANO. Pag. ITALIANO INDICE CARATTERISTICHE... 64 QUADRANTE DELL OROLOGIO E FUNZIONAMENTO DEI TASTI... 66 PRIMA DI PASSARE ALL USO DELL OROLOGIO... 67 DEL TIPO CON CHIUSURA AD AVVITAMENTO... 70 RIATTIVAZIONE DELL

Dettagli

Lingua e Storia dell'arte

Lingua e Storia dell'arte Lingua e Storia dell'arte Una completa immersione nella lingua italiana, nell'arte, nella storia e nella cultura italiana Il corso completo si articola in due settimane: la prima sarà dedicata al Medioevo,

Dettagli

IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI. L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita.

IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI. L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita. IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita. Sin dalla creazione l uomo con i pochi mezzi e i pochi materiali che aveva a disposizione

Dettagli

I FUNARI del Vesuvio. Parte seconda. Di Aniello Langella. www.vesuvioweb.com

I FUNARI del Vesuvio. Parte seconda. Di Aniello Langella. www.vesuvioweb.com I FUNARI del Vesuvio 1 Parte seconda Di Aniello Langella La storia dei funari è sicuramente una storia comune a tanti luoghi di mare. Ma certamente le vicende che legano questo antico mestiere all uomo

Dettagli

VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO

VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO Martedì, 1 marzo siamo andati a Palazzo Cisterna di Torino. Questo palazzo, tanti anni fa, era di proprietà di Amedeo I di Savoia, duca d Aosta, re di Spagna e sua moglie

Dettagli

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA.

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA. LA NASCITA DELLA CHIESA (pagine 170-177) QUALI SONO LE FONTI PER RICOSTRUIRE LA STORIA DELLA CHIESA? I Vangeli, gli Atti degli Apostoli le Lettere del NT. (in particolare quelle scritte da S. Paolo) gli

Dettagli

Pubblicazioni e Ricostruzioni Storiche Federico Marangoni

Pubblicazioni e Ricostruzioni Storiche Federico Marangoni Le ricostruzioni di giochi dell Antichità e del Medioevo sono un modo nuovo e appassionante di rivivere il passato e di divertirsi in compagnia di amici e parenti. Tutti tavoli sono riproduzioni artigianali

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI L EVOLUZIONE IN PASSATO SI PENSAVA CHE LE SPECIE ANIMALI E VEGETALI CHE OGGI POPOLANO LA TERRA AVESSERO AVUTO SEMPRE LA FORMA ATTUALE. SI CREDEVA CIOE NELLA TEORIA DELCREAZIONISMO (NELLA CREAZIONE ORIGINALE)

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

VALORI MUSICALI SUONI PAUSE battere levare VALORI MUSICALI

VALORI MUSICALI SUONI PAUSE battere levare VALORI MUSICALI VALORI MUSICALI 1 Per la formazione di un qualsiasi discorso musicale occorrono due elementi essenziali, e cioè: SUONI e PAUSE Non si può comprendere una composizione musicale senza che questi elementi

Dettagli

LA VERA STORIA DELLA TELA DELL ULTIMA CENA DI GASPAR HOVIC

LA VERA STORIA DELLA TELA DELL ULTIMA CENA DI GASPAR HOVIC LA VERA STORIA DELLA TELA DELL ULTIMA CENA DI GASPAR HOVIC Di certo da oltre 400 anni, è stata ed è ancora, la tela più bella e affascinante conservata a Triggiano. Ma come già ampiamente descritto nel

Dettagli

La cupola sbagliata di Michelangelo

La cupola sbagliata di Michelangelo La cupola sbagliata di Michelangelo Repubblica 15 maggio 2008 pagina 50 sezione: CULTURA La «sì bella e terribil machina», la cupola di San Pietro secondo le parole di Giorgio Vasari che decantò il progetto

Dettagli

FIRENZE 360 ITINERARI TURISTICO DIDATTICI WEEKEND. GRUPPO (minimo 25 partecipanti) 239

FIRENZE 360 ITINERARI TURISTICO DIDATTICI WEEKEND. GRUPPO (minimo 25 partecipanti) 239 FIRENZE 360 PROGRAMMA: Dalle colline dell Oltrarno, nel silenzio bucolico di Forte Belvedere, lo sguardo raccoglie l immortale impronta rinascimentale di una città, dove tra arte e vivere quotidiano non

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

LICEO LEOPARDI LECCO 7-10 MARZO 2011

LICEO LEOPARDI LECCO 7-10 MARZO 2011 LICEO LEOPARDI LECCO 7-10 MARZO 2011 LA SICILIA CLASSICA MINITOUR SICILIA OCCIDENTALE (AEREO + TOUR 4 GIORNI/3NOTTI) Il Senso Religioso dell uomo dalle divinita pagane alla Mitologia Greca, dall arte della

Dettagli

Un orologiaio che costruisce la propria storia

Un orologiaio che costruisce la propria storia Un orologiaio che costruisce la propria storia giorno per giorno Una passione: l'orologeria 1957 > François-Paul Journe nasce a Marsiglia 1972 > Entra alla scuola d orologeria di Marsiglia 1976 > Si diploma

Dettagli

Apporti, Asporti e Regali

Apporti, Asporti e Regali Apporti, Asporti e Regali Collana: Ali d Amore N. 9 A Dilaila e alle anime candide dell Altra Dimensione A P P O R T I Gli apporti sono materializzazioni di oggetti, di animali, di piante o fiori, che

Dettagli

PROGETTAZIONE B.I.M.

PROGETTAZIONE B.I.M. PROGETTAZIONE B.I.M. Building Information Modeling INTRODUZIONE: Negli ultimi anni, in architettura, ingegneria e nel mondo delle costruzioni è avvenuto un radicale cambiamento negli strumenti e nei metodi

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

Reiner Knizia TADSCH MAHAL UN GIOCO DI INFLUENZA E DI POTERE IN INDIA

Reiner Knizia TADSCH MAHAL UN GIOCO DI INFLUENZA E DI POTERE IN INDIA Reiner Knizia TADSCH MAHAL UN GIOCO DI INFLUENZA E DI POTERE IN INDIA E in gioco il controllo dell India all inizio del 18 secolo. Il regime dei Gran Mogol, che durava da 200 anni, sta crollando, anche

Dettagli

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO I LABORATORI Visita guidata al Museo della durata complessiva di circa 45 minuti con un momento di approfondimento di fronte ad alcune opere, selezionate sulla

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli