RILEVAMENTO DI OGM NON AUTORIZZATI ED AGGIORNAMENTO DELLE ATTIVITA DEL CROGM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RILEVAMENTO DI OGM NON AUTORIZZATI ED AGGIORNAMENTO DELLE ATTIVITA DEL CROGM"

Transcript

1 Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana 3 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma Novembre 2011 DANIELA VERGINELLI RILEVAMENTO DI OGM NON AUTORIZZATI ED AGGIORNAMENTO DELLE ATTIVITA DEL CROGM Centro di Referenza Nazionale per la ricerca di OGM Laboratorio Nazionale di Riferimento per gli alimenti e mangimi GM

2 Argomenti trattati OGM NEL MONDO OGM AUTORIZZATI OGM NON AUTORIZZATI DIFFICOLTA DI RILEVAZIONE OGM NON AUTORIZZATI RASFF SISTEMI DI RILEVAZIONE OGM NON AUTORIZZATI CROGM E GLI OGM NON AUTORIZZATI

3 OGM nel mondo Negli ultimi 10 anni le piante GM sono aumentate in media del 10% Ad oggi sono state approvati 195 eventi nel mondo (fonte ISAA) Attualmente 90 nuovi eventi sono in stati avanzati di sviluppo, autorizzazione ed in via di commercializzazione (http://www.isaaa.org/gmapprovaldatabase/default.asp)

4 OGM autorizzati Le procedure di immissione di OGM sul mercato differiscono da Paese a Paese Questo comporta anche differenze nel tempo necessario per la procedura di autorizzazione

5 Autorizzazione asincrona Potremmo avere un evento GM autorizzato in un Paese mentre in un altro potrebbe non essere ancora autorizzato Oppure potrebbe essere autorizzato per un uso limitato in un Paese mentre in un altro potrebbe essere autorizzato per altri usi

6 OGM non autorizzati (UGM) Nessuna soglia di tolleranza Gli UGM nell ambiente od in commercio possono avere due differenti origini: Un OGM autorizzato in un Paese per motivi commerciali può trovarsi in un Paese con un diverso stato di autorizzazione o essere autorizzato per usi diversi Immesso sul mercato senza essere stato autorizzato in nessun Paese

7 UGM: Reg.. 619/2011 (del 24/06/2011) Limite tecnico allo 0,1% Autorizzazione in corso o scaduta Si applica ad alimenti destinati agli animali Definisce metodi di campionamento ed analisi se X%-U > LMRR (0,1%) notifica immediata al RASFF

8 Eventi ricadenti nell ambito del Reg.619/2011 (Da DG SANCO GM FOOD AND FEED yna/gm_register/index_en.cfm) Name of the product LL RICE62 Bayer CropScience / Cotton Dow Agro Sciences Unique identifier ACS-OSØØ2-5 DAS x DAS-21Ø23-5 EFSA Application Number EFSA-GMO-UK EFSA-GMO-NL Date of valid EFSA application or opinion published EFSA Opinion Published 30/11/2007 EFSA Opinion Published 15/06/2010 Date EURL method published Certified Ref. Material 09/06/2006 AOCS 21/04/2006 IRMM 3272 maize Syngenta SYN-E EFSA-GMO-UK Valid EFSA application 6/07/ /11/2008 IRMM soybean Optimum GAT soybean Pioneer DP EFSA-GMO-UK ESA Opinion published 26/07/ /02/2009 IRMM soybean High Oleic soybean GM- FAD2-1 Pioneer DP EFSA-GMO-NL Valid EFSA application 22/10/ /02/2009 IRMM A soybean Bayer ACS-GM006-4 EFSA-GMO-NL EFSA Opinion published 10/05/ /01/2009 AOCS maize GAT maize Pioneer DP EFSA-GMO-UK Valid EFSA application 12/11/ /01/2009 IRMM MIR162 maize Syngenta SYN-IR162-4 EFSA-GMO-DE Valid EFSA application 24/08/ /03/2011 AOCS MON87701 soybean Monsanto MON-877Ø1-2 EFSA-GMO-BE EFSA Opinion published 26/07/ /07/2011 AOCS

9 Impatto sul mercato europeo Il numero sempre maggiore di nuovi semi GM intensificherà gli effetti dell autorizzazione asincrona (nel 2015 supereranno i 120 eventi!) Quindi in futuro il numero di eventi non approvati diventerà molto alto Avremo un numero elevato di respingimenti di semi con eventi non autorizzati rilevati a bassa concentrazione (LLP=low level presence) Impatto negativo sul commercio internazionale (Newsrelease JRC Bruxelles 3 September 2009)

10 Storia degli UGM in alimenti e mangimi UGM Mais Starlink (Ott. 2000) AS INCIDENTI Autorizzato per uso mangimistico trovato negli alimenti AS= Autoriz. asincrona NA=Non autoriz. (Ruttink et al., Anal. Bioanal.Chem Mar;396(6): ) Papaya GM (Feb.2004) AS Mais Bt10 (Mar. 2005) NA Patata GM (Dic.2005) NA Riso Bt63 (Ag. 2006) NA Mais ev. 32 (Feb.2007) NA Riso LL62 (Mag.2007) AS Soia A (Ag. 2007) AS Importata dagli USA trovata in Germania priva di autoriz. Syngenta vendeva in USA Bt10 al posto del Bt11 (autoriz.). Trovato in Giappone ed in Europa Trovata in Polonia proveniente dagli USA, priva di autoriz. Trovato in Germania proveniente dalla Cina, privo di autorizzazione Dow Agroscience ha volontariamente ritirato alcuni ibridi contenenti l evento Trovato in EU proveniente dagli USA, privo di autoriz. Trovata in Austria proveniente dagli USA, priva di autoriz. Lino FP967 (Sett.2007) NA Riso Kefeng6 KMD1 (2011) NA Autorizzato in USA e Canada, trovato in EU Trovati in vari paesi Europei provenienti dalla Cina, privi di autorizzazione

11 Quali eventi non autorizzati abbiamo trovato? La maggior parte degli UGM sono eventi autorizzati in una giurisdizione o per un tipo di uso (mais Starlink, MIR604, DAS59122, MON810; papaya 55 1 /63 1; soia A ) Solo alcuni sono privi di autorizzazione (mais 32 sister, mais Bt10, riso LL601, riso Bt63, Kefeng6, KMD1)

12 RASFF: RAPID ALERT SYSTEM FOR FOOD AND FEED Il sistema di allerta rapido (Reg. 178/2002) Il RASFF è il sistema di allerta rapido europeo che raccoglie, settimanalmente, le notifiche, presentate dagli Stati membri, dei casi non conformi dal punto di vista della sicurezza alimentare.

13 RASFF Si distinguono due tipi di notifiche: 1. Notifiche di allerta che riguardano prodotti che presentato un rischio serio e per i quali è richiesta un azione immediata (es. ritiro/respingimento) 2. Notifiche di informazione che riguardano prodotti che presentano un rischio, ma per i quali non è necessaria un azione immediata da parte degli altri membri del network

14 RASFF Portal INSERIRE PAG RASF

15 Difficoltà di rilevazione degli UGM Mancanza di notizie riguardanti l evento Mancanza di materiale di riferimento Assenza di metodi per la rilevazione Scarsa armonizzazione

16 La rilevazione degli UGM APPROCCIO INDIRETTO: Si basano su sistemi di screening di routine ricercando elementi in comune con gli autorizzati (P35S, TNOS, PAT, BAR ) che necessitano di ulteriori analisi evento specifiche che escludano la presenza degli eventi autorizzati

17 Approccio matrice Si intende l applicazione della combinazione di vari metodi di screening e la verifica dei risultati ottenuti con i dati tabulati per la presenza/assenza di singoli eventi autorizzati. Nel caso in cui i risultati non concordino con i dati tabulati, si può ipotizzare la presenza di eventi non autorizzati (A. Holst-Jensen Biotecnology Advances 27 (2009) )

18 Un esempio di approccio matrice (1) (A. Holst-Jensen Biotecnology Advances 27 (2009) )

19 Un esempio di approccio matrice (1) (A. Holst-Jensen Biotecnology Advances 27 (2009) )

20 Un esempio di approccio matrice (2) A=Autorizzato P=Autoriz in corso wp=segnale debole S=teorico R=Mater. di riferimento (Waiblinger et al., Anal Bioanal Chem 396(6): )

21 Approccio matrice CROGM (1) SPECIE Eventi P35S F3 NOS NPTII PAT CP4- EPSPS CTP- CP4EPSP S BAR P-UBI CRYA 1Ac CRYA 1Ab NA NA (reg. 619/2011) M a i s S o i a BT BT BT DAS DAS GA MIR MON MON M863xM MON MON NK T MIR LY DAS A A DP DP MON MON MON

22 Approccio matrice CROGM (2) *Wang at., Eur Food Res Technol (2011) 232: *Reiting at., Journal of Consumer Protection and Food Safety vol n SPECIE Eventi P35S F3 NOS NPTII PAT C o t o n e R i s o C o l z a CP4- EPSPS CTP- CP4EPS PS BAR P-UBI CRYA1A c CRYA1A b 3006x GHB LL MON MON MON MON LLrice LLrice Bt63* Kefeng6* KMD1* GT MS RF T Rf Rf Ms TOPAS 19/2 (HCN10, HCN92) Patata EH Barbab. H

23 Errori possibili: ERRORE DI TIPO I: FALSI POSITIVI IMPURITA BOTANICHE ORGANISMO DONATORE (virus, batteri ) ERRORE DI TIPO II: FALSI NEGATIVI Elemento in comune con eventi autorizzati Elemento con risposta diversa nei vari OGM (es. cryiab per Bt176, Mon810 e Bt11) Evento sconosciuto Da: Overview on the detection, interpretation and reporting on the presence of unauthorised genetically modified materials EUROPEAN COMMISSION JOINT RESEARCH CENTRE 1/09/2011

24 Da: Overview on the detection, interpretation and reporting on the presence of unauthorised genetically modified materials EUROPEAN COMMISSION JOINT RESEARCH CENTRE 1/09/2011 Albero decisionale

25 Limiti dell approccio matrice L evento sconosciuto deve contenere almeno un elemento di screening L evento sconosciuto può rimanere nascosto da quelli autorizzati se possono spiegare i risultati dello screening I risultati ottenuti potrebbero indicare la presenza multipla di più eventi autorizzati nel campione Può fornire risultati di difficile interpretazione se l evento è presente a bassi livelli Non permette l evidenza finale della presenza di eventi non autorizzati/autorizzati Necessità di identificare e quantificare l evento

26 Sistemi di rilevazione OGM non autorizzati APPROCCIO DIRETTO: Metodi evento/costrutto specifici (riso Kefeng6, riso KMD1, riso BT63, riso LL601, mais BT10) SONO MOLTO LIMITATI

27 Strategie per ovviare i limiti approccio matrice: PCR QUANTITATIVE DIFFERENZIALI Si paragona il numero delle molecole rilevate di un elemento di screening al numero di copie genomiche misurate per gli eventi autorizzati rilevati che lo contengono (determinati mediante PCR evento-specifica) Una differenza significativa potrebbe indicare un evento sconosciuto Approccio utile per trovare eventi sconosciuti mascherati da quelli autorizzati (Cankar, K., et al., (2008). Anal. Biochem.376 (2): )

28 Strategie per ovviare i limiti approccio matrice: Anchor PCR Analisi di screening (P35S, TNOS) Amplificazione di sequenze che fiancheggiano P35S e TNOS mediante una prima Anchor PCR Tre PCR successive ognuna marcata con una sonda fluorescente diversa Successivo sequenziamento dei tre ampliconi Caratterizzazione mediante elettroforesi capillare Comparazione dei profili trovati con una collezione di eventi noti (Ruttink et al., Anal Bioanal Chem 2010 Mar;396(6): )

29 Fluorescent Anchor PCR

30 Alternative possibili Analisi dei microarray Sequenziamento del DNA

31 Analisi dei microarray ad alta densità (1) Vengono scaricate le sequenze dei vettori più comunemente usati negli OGM (es. con P35S, NPTII, TNOS ) Le sonde sono disegnate contenenti le sequenze complementari a quelle individuate Il DNA genomico totale dopo essere stato marcato viene messo a contatto con i microarray (amplificazione non selettiva) Analisi bioinformatica per identificare i positivi

32 Microarray a DNA o DNA chip

33 Analisi dei microarray ad alta densità (2) I positivi vengono identificati in 3 step successivi: 1.Si selezionano le sonde con il segnale più alto (probabili positivi) 2.Si selezionano finestre contenenti più sonde positive (veri positivi) 3.Conferma delle finestre mediante PCR o sequenziamento (Tengs et al., (2007) BMC Biotechnology 7: 91)

34 Sequenziamento del DNA e Sottrazione computazionale Si isola mrna da un campione, si converte in cdna mediante trascrizione inversa Si sequenzia il cdna Si sottrae la sequenza ottenuta da tutte le sequenze conosciute (o da una libreria di cdna non GM o da un database di sequenze non GM) Si lascia una piccola collezione di sequenze che non appartengono all organismo Eventualmente si conferma mediante PCR e sequenziamento (Tengs et al., (2009) BMC Biotechnology 9: 87)

35 Il nostro lavoro

36 RILEVAZIONE RISO LL601/LL62 Estrazione con metodica del CTAB precipitante Monitor Phospholipase D (PLD) Screening P35S::bar (dopo eventuale P35S; TNOS) PCR real time qualitativa LL601 PCR real time qualitativa LL62 (http://gmo-crl.jrc.ec.europa.eu/llrice601update.htm)

37 RILEVAZIONE RISO Bt63 Estrazione con metodica del CTAB precipitante Monitor Phospholipase D (PLD) Screening P35S; TNOS PCR real time qualitativa costrutto-specifica Bt63 (modificato rispetto al metodo originale) (Maede et al., Eur Food Res Technol. 224; ) (http://gmocrl.jrc.ec.europa.eu/doc/bt63_rice_verification_report_final.pdf)

38 RILEVAZIONE RISO KEFENG6/KMD1 Estrazione con metodica del CTAB precipitante Monitor Phospholipase D (PLD) Screening P35S::BAR; (P35S; TNOS;NPTII); PUBI-CRY; PCR real time qualitativa evento-specifica Kefeng6 (Per evento KMD1 non abbiamo mat. Riferimento) (Event-specific qualitative and quantitative detection of transgenic rice Kefeng-6 by characterization of the transgene flanking sequence. Wang et al., Eur Food Res Technol (2011) 232: ) (Development of an event-speciwc Real-time PCR detection method for the transgenic Bt rice line KMD1 Babekova et al., Eur Food Res Technol 2008)

39 RILEVAZIONE LINO FP967 Estrazione con Fast ID Genomic DNA Extraction Kit Monitor Stearoyl-Acyl Carrier Protein Desaturase 2 (SAD) PCR real time qualitativa TNOS costrutto specifica per il lino FP967 (http://gmo-crl.jrc.ec.europa.eu/doc/flax-cdctriffidflaxjrc pdf)

40 RILEVAZIONE MAIS LY018, DAS (E32) Estrazione con metodica del CTAB precipitante Monitor High Mobility Group (HMG) Screening P35S; TNOS; PAT; (CP4-EPSPS; CTP-CP4EPSPS) Tipizzazione in PCR Real Time evento specifiche (http://gmo-crl.jrc.ec.europa.eu)

41 CROGM: le nostre procedure (1) SCHEMA DI ACCREDITAMENTO FLESSIBILE! POS VIR 031 INT REV.3 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI: MONITOR PCR POS VIR 032 INT REV.1 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI: SCREENING POS VIR 033 INT REV.2 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI: TIPIZZAZIONE MAIS POS VIR 034 INT REV.2 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI: TIPIZZAZIONE SOIA POS VIR 035 INT REV.2 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI: TIPIZZAZIONE COTONE POS VIR 036 INT REV.1 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI: TIPIZZAZIONE COLZA POS VIR 037 INT rev.1 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI: TIPIZZAZIONE BARBABIETOLA DA ZUCCHERO

42 CROGM: le nostre procedure (2) SCHEMA DI ACCREDITAMENTO FLESSIBILE! POS VIR 040 INT rev.0 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI: QUANTIFICAZIONE MAIS POS VIR 041 INT rev.0 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI: TIPIZZAZIONE RISO POS VIR 042 INT rev.0 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI: TIPIZZAZIONE PATATA POS VIR 061 INT rev.6 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI: QUANTIFICAZIONE SOIA PG VIR 001 rev.9 RICEVIMENTO, ANALISI, CONSERVAZIONE E SMALTIMENTO DI CAMPIONI UFFICIALI PRELEVATI PER LA RICERCA DI ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM) PG VIR 007 rev.1 VALIDAZIONE E VERIFICA DI METODI PCR PER LA RICERCA QUALITATIVA E QUANTITATIVA DI ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM)

43 RIEPILOGO POS CROGM PROVE TOTALI PROVA PCR specie-specifica (7 AC + 1 in AC) 8 target PCR di screening (6 AC + 2 in AC) 8 TIPIZZAZIONE mais GM (12 AC + 5 in AC) TIPIZZAZIONE soia GM (3 AC + 4 in AC) 7 TIPIZZAZIONE colza GM (4 AC) 4 TIPIZZAZIONE cotone GM (4 AC + 1 in AC) 5 TIPIZZAZIONE barbabietola da zucc. GM (1 AC) 1 PCR QUANTITATIVA mais GM (11 AC+ 1 in AC) 12 PCR QUANTITATIVA soia GM (1 AC + 2 in AC) 3 PCR QUANTITATIVA colza GM (4 non AC) 4 PCR QUANTITATIVA cotone GM (4 non AC) 4 PCR QUANTITATIVA barbab. zucc. GM (1 non AC) 1

44 CONCLUSIONI Gli OGM sono sempre più numerosi sul mercato, con un numero sempre maggiore di eventi sconosciuti o parzialmente conosciuti Gli scambi commerciali tra paesi con iter legislativi diversi fa aumentare la presenza di UGM Si dovrebbe incrementare la ricerca degli UGM Le analisi attuali sono spesso troppo costose e talvolta poco specifiche (approccio matrice) E necessario lo sviluppo di nuove tecniche analitiche più efficienti (microarrays, sequenziamento, sensori elettrochimici, spettrometria di massa) E necessario un armonizzazione dei metodi e un maggiore scambio di informazioni.per diminuire le conseguenze negative sul mercato internazionale

45 Bibliografia (1) Cankar, K., et al., (2008). Detection of nonauthorizedgenetically modified organisms using differential quantitative polymerase chain reaction: application to 35S in maize. Anal. Biochem.376 (2): ; Holst Jensen A. Biotecnol Adv. (2009) Testing for genetically modified organisms (GMOs): Past, present and future perspectives. Nov Dec;27(6): Kleter et al., (2009) Identification of potentially emerging food safety issues by analysis of reports published by the European Community's Rapid Alert System for Food and Feed (RASFF) during a four year period May; 47(5): Grohmann et al., (2011) Collaborative trial validation of aconstruct specific realtime PCR method for detection of genetically modified linseed event CDC Triffid FP967. vol. 232, no3, pp Maede et al., (2006) Detection of genetically modified rice: aconstruct specific real time PCR method based on DNA sequences from transgenic Bt rice. Eur. Food Res. Technol., 224, Newsrelease JRC Bruxelles 3 September 2009 Reiting R., Grohmann L., Dietrich Maede D. (2010) Journal of Consumer Protection and Food Safety Vol.5 N 2, , Testing cascade for the detection of genetically modified rice by real time PCR in food and its application for detection of an unauthorized rice line similar to KeFeng6 Ruttink et al., (2010) Molecular toolbox for the identification of unknown genetically modified organisms. Anal Bioanal Chem 396(6): Ruttink et al., (2010) Knowledge technology based discovery of unauthorized genetically modified organisms. Anal Bioanal Chem 396(6):1951 9

46 Bibliografia (2) Tengs et al., (2007) Microarray based method for detection of unknown genetic modifications. BMC Biotechnology 7:91 Tengs et al., (2009) Characterization of unknown genetic modifications using high throughput sequencing and computational subtraction BMC Biotechnology9:87 Tengs et al., (2010) Non prejudiced detection and characterization of genetic modifications. Food Anal. Methods 3: Waiblinger HU et al., (2010) Anal Bioanal Chem A practical approach to screen for authorised and unauthorised genetically modified plants. 396(6): Wang et al., (2011) Eur Food Res Technol Event specific qualitative and quantitative detection of transgenic rice Kefeng 6 by characterization of the transgene flanking sequence. 232: ; crl.jrc.ec.europa.eu/doc/flax CDCTriffidFlaxJRC pdf crl.jrc.ec.europa.eu/bt63update.htm crl.jrc.ec.europa.eu/llrice601update.htm crl.jrc.ec.europa.eu/e32update.htm crl.jrc.ec.europa.eu/bt10update.htm crl.jrc.ec.europa.eu/doc/ %20ENGL%20UGM%20WG%20Final.pdf

47 Grazie per l attenzione! l RINGRAZIAMENTI Cinzia Quarchioni Cristiana Fusco Cristian Alimonti Marisa Misto Pamela Bonini Stefania Peddis

XII Congresso Nazionale S.I.Di.L.V.

XII Congresso Nazionale S.I.Di.L.V. SOCIETÀ ITALIANA DI DIAGNOSTICA DI LABORATORIO VETERINARIA XII Congresso Nazionale S.I.Di.L.V. Genova Magazzini del Cotone 27-29 Ottobre 2010 VOLUME DEGLI ATTI 1 SCHEMA DI ACCREDITAMENTO FLESSIBILE APPLICATO

Dettagli

PIANO NAZIONALE SEMENTI BIOLOGICHE II BIENNIO. Attività B2 Verifica della presenza di sementi GM in agricoltura biologica

PIANO NAZIONALE SEMENTI BIOLOGICHE II BIENNIO. Attività B2 Verifica della presenza di sementi GM in agricoltura biologica PIANO NAZIONALE SEMENTI BIOLOGICHE II BIENNIO Attività B2 Rita Zecchinelli, CRA-SCS Sede di Tavazzano - Laboratorio 1 Capofila: CRA-SCS Sede di Tavazzano Laboratorio Unità operativa: Laboratorio Analisi

Dettagli

Il controllo ufficiale degli OGM nell alimentazione umana e animale sul territorio nazionale

Il controllo ufficiale degli OGM nell alimentazione umana e animale sul territorio nazionale Gruppo di Lavoro Tecnico Interregionale sul tema degli OGM istituito dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome WORKSHOP 20-21 febbraio 2008 Il controllo ufficiale degli OGM nell alimentazione

Dettagli

Prof. Nelson MARMIROLI Dipartimento di Scienze Ambientali Università degli Studi di Parma

Prof. Nelson MARMIROLI Dipartimento di Scienze Ambientali Università degli Studi di Parma Metodi avanzati di tracciabilità a supporto delle normative Europee sulla etichettatura dei prodotti contenenti o derivati da OGM. Dai centri di ricerca ai laboratori di analisi Prof. Nelson MARMIROLI

Dettagli

Metodi per il rilevamento degli OGM in matrici alimentari: principi ed i metodi di analisi basati sulla ricerca del DNA e delle proteine

Metodi per il rilevamento degli OGM in matrici alimentari: principi ed i metodi di analisi basati sulla ricerca del DNA e delle proteine Università degli Studi del Piemonte Orientale A. Avogadro CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN LEGISLAZIONE ALIMENTARE Metodi per il rilevamento degli OGM in matrici alimentari: principi ed i metodi di analisi

Dettagli

Il laboratorio ASL di Cremona nell ambito del sistema di controllo OGM in Regione Lombardia

Il laboratorio ASL di Cremona nell ambito del sistema di controllo OGM in Regione Lombardia Il laboratorio ASL di Cremona nell ambito del sistema di controllo OGM in Regione Lombardia 2 Workshop dei laboratori nazionali del controllo ufficiale OGM IZS LT, Roma, 1 dicembre 2010 Dott.ssa Cristina

Dettagli

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 POS VIR 003 INT rev. 0 del 05/02/2008 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): TERMINATORE NOS

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 POS VIR 003 INT rev. 0 del 05/02/2008 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): TERMINATORE NOS BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 Redatto: U.Marchesi Verificato Responsabile Struttura Semplice: I.M.Ciabatti Verificato RQ: M.Guarducci Approvato Responsabile di Struttura Complessa: D.amaddeo BIOTECNOLOGIE

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 13 febbraio 2015

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 13 febbraio 2015 7 D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute D.d.u.o. 4 febbraio 2015 - n. 774 Indirizzi per la realizzazione dei controlli ufficiali sulla presenza di organismi geneticamente modificati negli alimenti

Dettagli

Metodi di analisi di OGM

Metodi di analisi di OGM Metodi di analisi di OGM Roberta Onori Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale per la Qualità degli Alimenti e per i Rischi Alimentari Quadro normativo Attività Pre-marketing Indag ini sulla esposizione

Dettagli

Dott. Stefano De Martin ARPA Friuli Venezia Giulia RGQ Dipartimento di Pordenone L accreditamento dei laboratori per la sicurezza alimentare

Dott. Stefano De Martin ARPA Friuli Venezia Giulia RGQ Dipartimento di Pordenone L accreditamento dei laboratori per la sicurezza alimentare Valutazione dell incertezza di misura: esperienza di un laboratorio accreditato per gli OGM ARPA Friuli Venezia Giulia RGQ Dipartimento di Pordenone L accreditamento dei laboratori per la sicurezza alimentare

Dettagli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica Pier Sandro Cocconcelli Istituto di Microbiologia Centro Ricerche Biotecnologiche Università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza-Cremona

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI Direzione Generale della sicurezza degli alimenti e della nutrizione Ufficio VI PIANO

Dettagli

Si può ottenere un a grande quantità di copie di DNA a partire da una singola molecola di DNA stampo La reazione è semplice ed automatizzabile E

Si può ottenere un a grande quantità di copie di DNA a partire da una singola molecola di DNA stampo La reazione è semplice ed automatizzabile E Si può ottenere un a grande quantità di copie di DNA a partire da una singola molecola di DNA stampo La reazione è semplice ed automatizzabile E possibile scegliere selettivamente cosa amplificare (specificità)

Dettagli

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 12 POS VIR 001 INT rev. 0 del 05/02/2008 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): MONITOR PCR HMG

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 12 POS VIR 001 INT rev. 0 del 05/02/2008 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): MONITOR PCR HMG BIOTECNOLOGIE pag 1 di 12 Redatto: F.Gatto Verificato Responsabile Struttura Semplice: I.M.Ciabatti Verificato RQ: M.Guarducci Approvato Responsabile di Struttura Complessa: D.Amaddeo BIOTECNOLOGIE pag

Dettagli

Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici

Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici "Focus su sicurezza d'uso e nutrizionale degli alimenti" 21-22 Novembre 2005 Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici Simona

Dettagli

La diagnostica biomolecolare a supporto dei controlli ufficiali per le api regine d importazione

La diagnostica biomolecolare a supporto dei controlli ufficiali per le api regine d importazione La diagnostica biomolecolare a supporto dei controlli ufficiali per le api regine d importazione Raniero Lorenzetti Biotecnologie Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana PREMESSA

Dettagli

Roma, 30 novembre 2 dicembre 2010

Roma, 30 novembre 2 dicembre 2010 Roma, 30 novembre 2 dicembre 2010 ? FIT FOR PURPOSE SAMPLING T R A C E A B I L I T Y along Food and Feed Chain Whys and Wherefores of a reliable sampling Official control Legal disputes Coexistence Compliance

Dettagli

A proposito di... OGM (Organismi Geneticamente Modificati)

A proposito di... OGM (Organismi Geneticamente Modificati) A proposito di... OGM (Organismi Geneticamente Modificati) A proposito di... OGM (Organismi Geneticamente Modificati) a cura di: Arpav Area Tel. +39 0422 558515 Fax +39 0422 558516 e-mail: daptv@arpa.veneto.it

Dettagli

sara.graziano1985@libero.it Assegnista di ricerca Università degli Studi di Parma Dipartimento di Bioscienze

sara.graziano1985@libero.it Assegnista di ricerca Università degli Studi di Parma Dipartimento di Bioscienze Curriculum Vitae SARA GRAZIANO Informazioni personali Cognome Nome Indirizzo Telefono E-mail Cittadinanza Data di nascita Sesso Settore professionale Graziano Sara sara.graziano1985@libero.it Italiana

Dettagli

PROGETTO INTERREGIONALE SEMENTIERO E MANGIME OGM- FREE. De Pauli Piera Servizio Fitosanitario,, Chimico Agrario, analisi e certificazione

PROGETTO INTERREGIONALE SEMENTIERO E MANGIME OGM- FREE. De Pauli Piera Servizio Fitosanitario,, Chimico Agrario, analisi e certificazione PROGETTO INTERREGIONALE SEMENTIERO E MANGIME OGM- FREE Villa Chiozza, Scodovacca di Cervignano,, 9 giugno 2008 De Pauli Piera Servizio Fitosanitario,, Chimico Agrario, analisi e certificazione Servizio

Dettagli

Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi

Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi CHE COS È Il RASFF, Rapid Alert System for Food and Feed (Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi) è stato istituito per fornire un efficace

Dettagli

Test Rapidi Envirologix per l analisi di Micotossine e OGM. nicola.bortoletto@generon.it Mobile 346 5995589

Test Rapidi Envirologix per l analisi di Micotossine e OGM. nicola.bortoletto@generon.it Mobile 346 5995589 Test Rapidi Envirologix per l analisi di Micotossine e OGM nicola.bortoletto@generon.it Mobile 346 5995589 Lateral Flow (LFD) I lateral flow sono dei test molto semplici, analoghi ai test di gravidanza,

Dettagli

Cosa sono? Come? Perchè?

Cosa sono? Come? Perchè? Cosa sono? Un organismo vivente si definisce Geneticamente Modificato (OGM), secondo la legislazione nazionale e comunitaria, quando " il materiale genetico è stato modificato in modo diverso da quanto

Dettagli

Ogm e tecniche di controllo

Ogm e tecniche di controllo 28 marzo 2014, ore 15.00 Ogm e tecniche di controllo - Prof. Avv. Francesco Rossi Dal Pozzo - Università degli Studi di Milano - 1 Definizione e diffusione Ogm 1996-2013: da 1,7 milioni di ettari a 175

Dettagli

PCR - Polymerase Chain Reaction. ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993).

PCR - Polymerase Chain Reaction. ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). End point PCR vs quantitative Real-Time PCR PCR - Polymerase Chain Reaction ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). Questa tecnica, utilizzando

Dettagli

LABORATORIO PCR RICERCA O.G.M. NEGLI ALIMENTI

LABORATORIO PCR RICERCA O.G.M. NEGLI ALIMENTI Documento Informativo nr. 156 Data di emissione: 31.08.2010 Revisione n. 3 LABORATORIO PCR RICERCA O.G.M. NEGLI ALIMENTI Riferimento interno: dr. Riccardo Zuccherato - Biologo Responsabile CHELAB s.r.l.

Dettagli

Logoizs[1]... Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana

Logoizs[1]... Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Logoizs[1]... Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Annalisa Paternò 1 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma 30 Novembre 1-2-3 Dicembre OGM: lavori in

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Area: SAN. PUBBL., PROM. SALUTE, SIC. ALIM.

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Area: SAN. PUBBL., PROM. SALUTE, SIC. ALIM. REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 316 03/07/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 9640 DEL 18/06/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Area: SAN. PUBBL., PROM.

Dettagli

SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO AUTOMATICO

SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO AUTOMATICO REPARTO GENOMICA LABORATORIO ANALISI GENOMICHE SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO AUTOMATICO DOCUMENTO ILLUSTRATIVO DEL SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO ACIDI NUCLEICI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Dettagli

Controllo dei campi di mais transgenici in Emilia- Romagna

Controllo dei campi di mais transgenici in Emilia- Romagna Controllo dei campi di mais transgenici in Emilia- Romagna I Prodotti nel mondo Nel mondo, alla fine dell anno 2002, erano in campo 60 milioni di ettari di piante modificate geneticamente, di cui 39 milioni

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Terza parte: piante geneticamente modificate: produzione, legislatura, pubblico dibattito.

Biotecnologie ed OGM. Terza parte: piante geneticamente modificate: produzione, legislatura, pubblico dibattito. Biotecnologie ed OGM Terza parte: piante geneticamente modificate: produzione, legislatura, pubblico dibattito. piante OGM nel mondo. I maggiori produttori di OGM nel mondo sono USA, Argentina, Canada

Dettagli

CORSO DI GENETICA. Roberto Piergentili. Università di Urbino Carlo Bo INGEGNERIA GENETICA

CORSO DI GENETICA. Roberto Piergentili. Università di Urbino Carlo Bo INGEGNERIA GENETICA CORSO DI GENETICA INGEGNERIA GENETICA Tecniche di DNA ricombinante: gli enzimi di restrizione Le tecniche di base del DNA ricombinante fanno prevalentemente uso degli enzimi di restrizione. Gli enzimi

Dettagli

Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana

Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana IL DNA L'acido desossiribonucleico o deossiribonucleico (DNA) presente nelle cellule di

Dettagli

MANUALE DI LABORATORIO PER L ANALISI DI OGM IN MATRICI AGROALIMENTARI

MANUALE DI LABORATORIO PER L ANALISI DI OGM IN MATRICI AGROALIMENTARI MANUALE DI LABORATORIO PER L ANALISI DI OGM IN MATRICI AGROALIMENTARI MANUALE DI LABORATORIO PER L ANALISI DI OGM IN MATRICI AGROALIMENTARI A cura di Lucia Martinelli, Eugenio Benvenuto, Lorenza Dalla

Dettagli

Lezione IX-X martedì 25-X-2011

Lezione IX-X martedì 25-X-2011 Lezione IX-X martedì 25-X-2011 corso di genomica laurea magistrale Biotecnologia Industriale aula 8 orario : Martedì ore 14.00-16.00 Giovedì ore 13.00-15.00 non ci sarà lezione martedì 1 e giovedì 3 Novembre

Dettagli

Metodiche Molecolari

Metodiche Molecolari Metodiche Molecolari La rivelazione degli acidi nucleici virali è un altro saggio che può essere utilizzato sia per verificare la presenza di un virus in un determinato campione biologico, sia per studiare

Dettagli

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 SOMMARIO ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 ALLERGENI ED OVOPRODOTTI...12 2/12 ALIMENTI In un quadro di salvaguardia dei diritti dei consumatori, il piano della Regione Piemonte per il Controllo Ufficiale

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it LA TECNOLOGIA DEI MICROARRAYS

scaricato da www.sunhope.it LA TECNOLOGIA DEI MICROARRAYS LA TECNOLOGIA DEI MICROARRAYS 1 8 anni dopo: 4162 riferimenti bibliografici sui microarrays I microarrays misurano il livello di espressione degli mrna trascritti dai geni del sistema biologico di interesse

Dettagli

Il controllo dell Agenzia delle Dogane sulle sementi di mais e soia in importazione da Paesi Terzi

Il controllo dell Agenzia delle Dogane sulle sementi di mais e soia in importazione da Paesi Terzi Il controllo dell Agenzia delle Dogane sulle sementi di mais e soia in importazione da Paesi Terzi Roma, 2 Workshop dei laboratori del controllo uffficiale di OGM 30 novembre 1-2 dicembre 2010 Le Agenzie

Dettagli

Il primer utilizzato può essere specifico per il gene che si intende amplificare oppure aspecifico (oligo (dt) oppure random esameri).

Il primer utilizzato può essere specifico per il gene che si intende amplificare oppure aspecifico (oligo (dt) oppure random esameri). Retrotrascrizione l mrna viene convertito in cdna per mezzo dell enzima trascrittasi inversa (DNA polimerasi RNAdipendenti ricavate dai virus della mieloblastosi aviaria AMV o della leucemia murina di

Dettagli

Test Rapidi Envirologix per l analisi di Micotossine e OGM. nicola.bortoletto@generon.it Mobile 346 5995589

Test Rapidi Envirologix per l analisi di Micotossine e OGM. nicola.bortoletto@generon.it Mobile 346 5995589 Test Rapidi Envirologix per l analisi di Micotossine e OGM nicola.bortoletto@generon.it Mobile 346 5995589 Lateral Flow (LFD) I lateral flow sono dei test molto semplici, analoghi ai test di gravidanza,

Dettagli

Polymerase Chain Reaction - PCR

Polymerase Chain Reaction - PCR Polymerase Chain Reaction - PCR Real-Time PCR Saggio Saggio di PCR monitorato di continuo Tubi Tubi chiusi Nessuna analisi post PCR Nessuna elettroforesi Caratterizzazione del prodotto Possibilità di quantificare

Dettagli

PCR - Polymerase Chain Reaction

PCR - Polymerase Chain Reaction PCR - Polymerase Chain Reaction ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). Questa tecnica, utilizzando i principi della duplicazione del DNA,

Dettagli

POS. 1 - KIT ELISA PER LA DETERMINAZIONE DI GLUTINE NEGLI ALIMENTI

POS. 1 - KIT ELISA PER LA DETERMINAZIONE DI GLUTINE NEGLI ALIMENTI POS. 1 - KIT ELISA PER LA DETERMINAZIONE DI GLUTINE NEGLI ALIMENTI - La curva standard deve avere un range che va da ad almeno (± ) ppb (gliadina) ed avere un minimo di punti. La curva standard deve possedere

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione UFFICIO VI SICUREZZA ALIMENTARE PIANO NAZIONALE DI CONTROLLO UFFICIALE SULLA PRESENZA DI ORGANISMI GENETICAMENTE

Dettagli

LA TECNOLOGIA SANGER SEQUENCING RICERCATORE TEAM LEADER: DOTT.SSA VELCA BOTTI

LA TECNOLOGIA SANGER SEQUENCING RICERCATORE TEAM LEADER: DOTT.SSA VELCA BOTTI LA TECNOLOGIA SANGER SEQUENCING RICERCATORE TEAM LEADER: DOTT.SSA VELCA BOTTI 1953: scoperta del DNA (Watson e Crick) CENNI STORICI 1977: metodo di Sanger per il sequenziamento del DNA (pubblicazione della

Dettagli

ANALISI POST-GENOMICHE TRASCRITTOMA: CONTENUTO DI RNA DI UNA CELLULA.

ANALISI POST-GENOMICHE TRASCRITTOMA: CONTENUTO DI RNA DI UNA CELLULA. TECNICHE PER L ANALISI DELL ESPRESSIONE GENICA RT-PCR REAL TIME PCR NORTHERN BLOTTING ANALISI POST-GENOMICHE Conoscere la sequenza genomica di un organismo non è che l inizio di una serie di esperimenti

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI: TRACCIABILITA, ETICHETTATURA: LINEE GUIDA PER L INDUSTRIA ALIMENTARE

ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI: TRACCIABILITA, ETICHETTATURA: LINEE GUIDA PER L INDUSTRIA ALIMENTARE ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI: TRACCIABILITA, ETICHETTATURA: LINEE GUIDA PER L INDUSTRIA ALIMENTARE Roma, 11 marzo 2004 Realizzato in collaborazione con Federalimentare Servizi Srl 1 SOMMARIO A) FINALITÀ

Dettagli

Corso di aggiornamento

Corso di aggiornamento I n t r o d u z i o n e a l l e t e c n i c h e d i bi o l o g i a m o l e c o l a r e e l o r o a p p l i c a z i o n i ne l L a b o r a t o r i o C l i n i c o Corso di aggiornamento Milano - Sabato

Dettagli

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti Organismi Geneticamente Modificati Estratto da FederBio 2014 Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti In Italia è vietata la coltivazione di OGM, anche se non ne è

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli

Dettagli

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno Editoriale n.10 Newsletter aprile 2013 Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo alla realtà di ogni giorno Identificare la specie, un obiettivo fondamentale quando

Dettagli

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica:

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica: DNA Microarray: griglia di DNA costruita artificialmente, in cui ogni elemento della griglia riconosce una specifica sequenza target di RNA o cdna. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di

Dettagli

Anomalie. Transcrittasi inversa Codice genetico mitocondriale RNA splicing RNA editing RNA interference RNA switch Pseudogeni Trasposoni

Anomalie. Transcrittasi inversa Codice genetico mitocondriale RNA splicing RNA editing RNA interference RNA switch Pseudogeni Trasposoni Anomalie Transcrittasi inversa Codice genetico mitocondriale RNA splicing RNA editing RNA interference RNA switch Pseudogeni Trasposoni 17 Transcrittasi inversa 18 Codice genetico mitocondriale 19 Codone

Dettagli

PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b)

PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b) PRINCIPALI TIPI DI PCR a) RT-PCR: serve a valutare l espressione di un gene tramite l amplificazione dell mrna da esso trascritto PCR COMPETITIVA: serve a valutare la concentrazione iniziale di DNA o RNA

Dettagli

Servizio fitosanitario regionale

Servizio fitosanitario regionale Regione Toscana Servizio fitosanitario regionale Il laboratorio di diagnostica fitopatologica e biologia molecolare Direzione generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze Sviluppo

Dettagli

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico:

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Premesse 2 Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Su 8 molecole che presentano potenzialità terapeutiche solo 1, solitamente,

Dettagli

Verifiche qualitative dell RNA e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme. Massimo Degan, CRO Aviano (PN)

Verifiche qualitative dell RNA e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme. Massimo Degan, CRO Aviano (PN) e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme Massimo Degan, CRO Aviano (PN) perchè è importante verificare l RNA La verifica della qualità dell RNA nei saggi diagnostico-molecolari

Dettagli

Background La storia (alcune date ed eventi significativi) Il mercato ed i prodotti

Background La storia (alcune date ed eventi significativi) Il mercato ed i prodotti Background La storia (alcune date ed eventi significativi) La genetica moderna inizia nel 1865 con le leggi formulate da Mendel sull'ereditarietà dei caratteri genetici; nel 1943 il DNA viene riconosciuto

Dettagli

Report di validazione del metodo Real Time PCR per il rilevamento e la quantificazione del mais MON810 (MON-00810-6)

Report di validazione del metodo Real Time PCR per il rilevamento e la quantificazione del mais MON810 (MON-00810-6) ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270) SEDE CENTRALE - Via Appia Nuova, 1411-00178 Roma/Capannelle Tel. (06) 79099.1 (centralino) - Fax (06) 79340724

Dettagli

COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE?

COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE? COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE? A Flusso di attività B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE 0. RICHIESTA DI STUDIARE E/O INDIVIDUARE

Dettagli

Metodi: CEN/TC275/WG6/TAG4

Metodi: CEN/TC275/WG6/TAG4 Determinazione di HAV e Norovirus in molluschi bivalvi mediante Real time PCR Elisabetta Suffredini Istituto Superiore di Sanità Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Ancona

Dettagli

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 POS VIR 017 INT rev. 1 del 19/06/2009 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): MONITOR PCR LECTINA

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 POS VIR 017 INT rev. 1 del 19/06/2009 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): MONITOR PCR LECTINA BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 Redatto: F.Gatto Verificato Responsabile Struttura Semplice: I.Ciabatti Verificato RQ: M.Guarducci Approvato Responsabile di Struttura Complessa: D.Amaddeo BIOTECNOLOGIE pag 2

Dettagli

HPV & Cervico-carcinoma

HPV & Cervico-carcinoma Infezione HPV & Cervico-carcinoma Infezione HPV HPV ad alto rischio Età all infezione 80% 20% Fattori mmunologici Transitoria Infezione persistente Infezione da C. trachomatis Displasia basso grado CIN

Dettagli

Sistemi analitici per

Sistemi analitici per Convegno: Le frodi alimentari: aspetti tecnici e giuridici Rovigo 5.6.2009 Sistemi analitici per Le frodi alimentari: individuare aspetti tecnici e giuridici le frodi Metodi biomolecolari, immunoenzimatici,

Dettagli

Docente Prof. Agata Gadaleta email: agata.gadaleta@uniba.it - Tel. 080 544 2993

Docente Prof. Agata Gadaleta email: agata.gadaleta@uniba.it - Tel. 080 544 2993 Corso di Laurea: Scienze e tecnologie alimentari Corso Integrato: Biotecnologie per la qualità degli alimenti Modulo: Metodologie geneticomolecolari (6 CFU) (4 CFU Lezioni + 2 CFU Esercitazioni) Docente

Dettagli

e dei genotipi tossici

e dei genotipi tossici Metodi molecolari l per il riconoscimento dei cianobatteri e dei genotipi tossici Susanna Vichi Dip. Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria Istituto Superiore di Sanità, Roma Workshop Sorveglianza delle

Dettagli

Biologia Molecolare. CDLM in CTF 2010-2011 L analisi del genoma

Biologia Molecolare. CDLM in CTF 2010-2011 L analisi del genoma Biologia Molecolare CDLM in CTF 2010-2011 L analisi del genoma L analisi del genoma n La tipizzazione del DNA n La genomica e la bioinformatica n La genomica funzionale La tipizzazione del DNA DNA Fingerprinting

Dettagli

Risultati dell 11 test inter-laboratorio (PT11) per l identificazione. e la tipizzazione di ceppi di Escherichia coli produttori di

Risultati dell 11 test inter-laboratorio (PT11) per l identificazione. e la tipizzazione di ceppi di Escherichia coli produttori di EU Reference Laboratory for E. coli Department of Veterinary Public Health and Food Safety Unit of Foodborne Zoonoses Istituto Superiore di Sanità Risultati dell 11 test inter-laboratorio (PT11) per l

Dettagli

SEQUENZIAMENTO DEL DNA

SEQUENZIAMENTO DEL DNA SEQUENZIAMENTO DEL DNA Il metodo di Sanger per determinare la sequenza del DNA Il metodo manuale La reazione enzimatica Elettroforesi in gel denaturante di poliacrilammide Autoradiografia Il metodo automatico

Dettagli

Bioinformatica Analisi del trascrittoma. Dott. Alessandro Laganà

Bioinformatica Analisi del trascrittoma. Dott. Alessandro Laganà Bioinformatica Analisi del trascrittoma Dott. Alessandro Laganà Analisi del trascrittoma Regolazione dell espressione genica I microarray cdna microarray Oligo microarray Affymetrix Chip Analisi dei dati

Dettagli

Farine di mais 13. Biscotti al mais 5. Snack al mais 6. Mais dolce per insalate 7. Corn-flakes 2

Farine di mais 13. Biscotti al mais 5. Snack al mais 6. Mais dolce per insalate 7. Corn-flakes 2 + Polo Alimenti In un quadro di salvaguardia dei diritti dei consumatori, il piano della Regione Piemonte per il Controllo Ufficiale degli Alimenti (ex DPR 14/7/95) per l anno 2010, riguardo agli OGM,

Dettagli

Roma, 5 luglio 2013. A cura di:

Roma, 5 luglio 2013. A cura di: CENTRO NAZIONALE DI EPIDEMIOLOGIA SORVEGLIANZA E PROMOZIONE DELLA SALUTE EPIDEMIOLOGIA DELLE MALATTIE INFETTIVE VIALE REGINA ELENA, 299-00161 ROMA TEL. 0649902273 - FAX 0649387292 A cura di: Roma, 5 luglio

Dettagli

3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI

3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI 3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI Esaminati 137 campioni di frutta secca, cereali e legumi; 430 campioni di semi oleaginosi;

Dettagli

l impatto degli OGM sull impresa agricola

l impatto degli OGM sull impresa agricola l impatto degli OGM sull impresa agricola dott. Gaetano Sinatti ASSOCIAZIONE TERRE DELL ADRIATICO via C. Pisacane, 32 60019 SENIGALLIA (AN) tel. 071-7930864 http://www.adrialand.it convegno OGM TRA SCIENZA

Dettagli

Quale è il ruolo delle certificazioni nel settore alimentare con riferimento alla filiera dei cereali: quali, quante, troppe?

Quale è il ruolo delle certificazioni nel settore alimentare con riferimento alla filiera dei cereali: quali, quante, troppe? Quale è il ruolo delle certificazioni nel settore alimentare con riferimento alla filiera dei cereali: quali, quante, troppe? Simona Gullace CERTIFICAZIONE Procedura volontaria mediante la quale una terza

Dettagli

D.Lgs n. 70 del 21 marzo 2005. 3.1 - Definizioni 2. 3. Alimenti geneticamente modificati

D.Lgs n. 70 del 21 marzo 2005. 3.1 - Definizioni 2. 3. Alimenti geneticamente modificati Piano_A10_Piano regionale di controllo ufficiale sulla presenza di OGM negli alimenti (Reg. CE n.1829/2003 e Reg. CE n.1830/2003) Macroarea: Alimenti; Settore Sicurezza e Nutrizione - Anni 2015-2018 Premessa

Dettagli

Sperimenta il BioLab

Sperimenta il BioLab Progetto Sperimenta il BioLab Centro Università di Milano - Scuola per le Bioscienze e le Biotecnologie http://www.cusmibio.unimi.it/ I laboratori del Cus-Mi-Bio dedicati a "SPERIMENTA IL BIOLAB" si trovano

Dettagli

COMITATO DI ACCREDITAMENTO

COMITATO DI ACCREDITAMENTO Via P.A. Saccardo,9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Requisiti minimi per la certificazione

Dettagli

PRINCIPALI APPLICAZIONI DELLA PCR. PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b) PRINCIPALI TIPI DI PCR a)

PRINCIPALI APPLICAZIONI DELLA PCR. PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b) PRINCIPALI TIPI DI PCR a) EAZIONE A CATENA DELLA POLIMEASI (PC) PINCIPALI APPLICAZIONI DELLA PC UPPE primer LOWE primer GENE X 1. Identificazione di agenti patogeni nell uomo, negli animali o negli alimenti (batteri e virus) 2.

Dettagli

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16 MASTER DEGREE IN MOLECULAR AND MEDICAL BIOTECHNOLOGY AA 2015/16 Classe LM-9 - Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche Come iscriversi Il Corso di Studio è ad accesso non programmato Accesso

Dettagli

rappresentazione alchemica

rappresentazione alchemica La moderna diagnostica esige una impostazione sistematica del monitoraggio della qualità del dato di laboratorio, una impostazione che deve avere caratteristiche di razionalità, di globalità, di integrazione.

Dettagli

Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità

Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità Strategie innovative rispondenti ai bisogni delle imprese nel comparto degli ortofrutticoli della IV gamma STAYFRESH Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità Chiara Gorni, Donatella Allemand,

Dettagli

Metodi di analisi mutazionale

Metodi di analisi mutazionale Metodi di analisi mutazionale I metodi impiegati per l analisi di mutazioni o polimorfismi nel DNA genomico possono essere suddivise in due principali categorie: (1) metodi per individuare mutazioni note,

Dettagli

Abbreviazioni Denominazione Presidi: Ospedale SS. Trinità Ospedale Businco Ospedale Binaghi Ospedale Microcitemico

Abbreviazioni Denominazione Presidi: Ospedale SS. Trinità Ospedale Businco Ospedale Binaghi Ospedale Microcitemico ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DELLA FORNITURA PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA IN PIU LOTTI, IN MODALITA SERVICE, DI SISTEMI ANALITICI DI BIOLOGIA MOLECOLARE PER I LABORATORI ANALISI DELL AZIENDA ASL N. 8 DI

Dettagli

Quantificazione di. legionella pneumophila. mediante metodo biomolecolare

Quantificazione di. legionella pneumophila. mediante metodo biomolecolare Quantificazione di legionella pneumophila mediante metodo biomolecolare Laboratorio di Epidemiologia Genetica e Genomica di Sanità Pubblica Istituto di Igiene LABORATORIO DI EPIDEMIOLOGIA GENETICA: ATTIVITA

Dettagli

ABI-7700 User Bulletin #5

ABI-7700 User Bulletin #5 ABI-7700 User Bulletin #5 1. halogen tungsten lamp 2b. emission filters 3. intensifier 5. ccd detector 350,000 pixels 2a. excitation filters 4. sample plate www.biorad.com 3 Real-time qpcr - La fluorescenza

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Ricerca per l Innovazione in Viticoltura ed Enologia

Centro Interdipartimentale di Ricerca per l Innovazione in Viticoltura ed Enologia Il DNA come Elemento Tracciante in Spumantizzazione Centro Interdipartimentale di Ricerca per l Innovazione in Viticoltura ed Enologia Dr. Ileana Vigentini IL VINO SPUMANTE METODO CLASSICO (CHAMPENOISE

Dettagli

CONSIDERAZIONI TECNICHE SULLA PERIZIA RELATIVA AL PP 11/13 CORTE DI ASSISE DI FIRENZE

CONSIDERAZIONI TECNICHE SULLA PERIZIA RELATIVA AL PP 11/13 CORTE DI ASSISE DI FIRENZE CONSIDERAZIONI TECNICHE SULLA PERIZIA RELATIVA AL PP 11/13 CORTE DI ASSISE DI FIRENZE Dr.ssa FRANCESCA TORRICELLI Direttore SOD Diagnostica Genetica Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi Firenze mail:

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Adriano SAVOINI. Informazioni personali Stato civile: celibe. Data di nascita: 9 luglio 1954 Luogo di nascita:

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Adriano SAVOINI. Informazioni personali Stato civile: celibe. Data di nascita: 9 luglio 1954 Luogo di nascita: CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Adriano SAVOINI Informazioni personali Stato civile: celibe Nazionalità: italiana Data di nascita: 9 luglio 1954 Luogo di nascita: Posizione attuale Libero professionista,

Dettagli

Colture OGM e sicurezza alimentare: prospettiva italiana. H. Hartings CREA Unità di ricerca per la maiscoltura Bergamo

Colture OGM e sicurezza alimentare: prospettiva italiana. H. Hartings CREA Unità di ricerca per la maiscoltura Bergamo Colture OGM e sicurezza alimentare: prospettiva italiana H. Hartings CREA Unità di ricerca per la maiscoltura Bergamo EXPO - 17 settembre 2015 cosa sono gli OGM? gli OGM nel mondo (the big four) rischi

Dettagli

ERSA Agenzia Regionale per lo Sviluppo Rurale del Friuli- Venezia Giulia. Applicazioni delle biotecnologie in agricoltura: prospettive e problematiche

ERSA Agenzia Regionale per lo Sviluppo Rurale del Friuli- Venezia Giulia. Applicazioni delle biotecnologie in agricoltura: prospettive e problematiche ERSA Agenzia Regionale per lo Sviluppo Rurale del Friuli- Venezia Giulia Servizio Chimico-agrario e della Certificazione - Pozzuolo del Friuli (UD) Applicazioni delle biotecnologie in agricoltura: prospettive

Dettagli

Dal grano Creso alle scienze omiche, nuove applicazioni e strategie future

Dal grano Creso alle scienze omiche, nuove applicazioni e strategie future Dal grano Creso alle scienze omiche, nuove applicazioni e strategie future..non c'è futuro senza passato Patrizia Galeffi, PhD - ENEA Dalla ricerca nucleare alla produzione agro-alimentare: il caso del

Dettagli

Casi studio/aspetti pratici delle analisi su alimenti e della ricerca di contaminanti Lucia Chiappetta

Casi studio/aspetti pratici delle analisi su alimenti e della ricerca di contaminanti Lucia Chiappetta Casi studio/aspetti pratici delle analisi su alimenti e della ricerca di contaminanti Lucia Chiappetta LE SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER LA CARTA DI MILANO LOTTA ALLE CONTRAFFAZIONI, DIAGNOSTICA PER CONTROLLO

Dettagli

La tecnologia dei microarray

La tecnologia dei microarray La tecnologia dei microarray Introduzione per l analisi dell espressione genica: Affymetrix GeneChip spotted arrays L analisi dei dati Campi di applicazione dei microarray Introduzione I progetti di sequenziamento

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2011 DATI GENERALI DEL PROGETTO

PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2011 DATI GENERALI DEL PROGETTO PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2011 DATI GENERALI DEL PROGETTO TITOLO: Test genomici predittivi: censimento in alcune regioni italiane per l istituzione di un registro dell offerta, e promozione di

Dettagli

OGM (Organismi Geneticamente Modificati)

OGM (Organismi Geneticamente Modificati) OGM (Organismi Geneticamente Modificati) DEFINIZIONE E INQUADRAMENTO DEL PROBLEMA ALIMENTI SOTTOPOSTI A MANIPOLAZIONE GENETICA COLTIVATI ALIMENTI SOTTOPOSTI A MANIPOLAZIONE GENETICA IN COMMERCIO ETICHETTATURA

Dettagli

RD-100i. OSNA la nuova generazione nell analisi del linfonodo sentinella nel carcinoma mammario

RD-100i. OSNA la nuova generazione nell analisi del linfonodo sentinella nel carcinoma mammario RD-1i OSNA la nuova generazione nell analisi del linfonodo sentinella nel carcinoma mammario RD-1i OSNA la nuova generazione nell analisi del linfonodo sentinella nel carcinoma mammario La biopsia del

Dettagli

Applicazione di tecnologie innovative per il monitoraggio dell esposizione ambientale. Bologna, 25 Giugno 2009

Applicazione di tecnologie innovative per il monitoraggio dell esposizione ambientale. Bologna, 25 Giugno 2009 Applicazione di tecnologie innovative per il monitoraggio dell esposizione ambientale Bologna, 25 Giugno 2009 Perché innovative? Tecnologie che trovano le loro basi dal sequenziamento del genoma umano/altri

Dettagli