Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.izslt.it Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana"

Transcript

1 Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana SEDE CENTRALE Roma/Capannelle via Appia Nuova, Roma telefono

2 Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana

3 Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana SEDE CENTRALE ED AMMINISTRATIVA Roma Via Appia Nuova, 1411 tel fax Roma mail http//www.izslt.it CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente Pier Luigi Marrucci Vice Presidente Alfonso Pascale Consiglieri Luigi Botti Luciano Ralli Giovanni Zotta COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Presidente Mario Bacherini Componenti Roberta De Felice Roberto Maruffi DIREZIONE AZIENDALE Direttore Generale Nazareno Renzo Brizioli Direttore Sanitario Francesco Maria Cancellotti Direttore Amministrativo Franco Brugnola NUCLEO DI VALUTAZIONE Filippo Maria Aulenta Antonio Bucci Giorgio Catellani Nello Mercuri Giorgio Valentini SEZIONI DIAGNOSTICHE Arezzo Via U. della Faggiuola, Arezzo tel.0575/22263; fax 0575/23850; Firenze Provincie di Firenze, Prato e Pistoia Via di Castelpulci, S. Martino alla Palma (FI) tel. 055/721308; fax 055/ ; Grosseto V.le Europa, Grosseto tel. 0564/456249; fax 0564/ Latina Provincie di Latina e Frosinone Via Congiunte dx Loc. Chiesuola Latina tel. 0773/489218; fax 0773/479817; Recapito Accettazione Frosinone: Via Armando Fabi - Città della Salute tel. e fax 0775/ Pisa Provincie di Pisa, Lucca, Massa e Livorno Via Lucchese, Pisa tel.050/553563; fax 050/550615; Rieti Via Tancia, Rieti tel.0746/201642; fax 0746/201642; Siena V.le Toselli, Siena tel. 0577/41352; fax 0577/271015; Viterbo Strada Terme Viterbo tel. 0761/250147; fax 0761/251794; Sede distaccata di Guidonia Via della Tenuta del Cavaliere 1 c/o Centro Direzionale CAR Guidonia Montecelio (RM) tel. 06/60501 fax.06/

4 Presentazione pag. 7 La mission pag. 9 Gli obiettivi pag. 10 Le prestazioni a pagamento pag. 10 Per chi lavoriamo pag. 10 Le risorse umane e strumentali pag. 11 Cenni storici pag. 11 L organizzazione pag. 13 I Centri di Referenza pag. 14 La politica della Direzione Generale pag. 15 La qualità pag. 15 La valutazione della soddisfazione del cliente pag. 15 I reclami pag. 15 La formazione pag. 16 La documentazione pag. 17 L attività di ricerca pag. 18 L ambito internazionale pag. 20 Norme per il prelievo e l invio dei campioni pag. 21 Sanità animale pag. 22 Sicurezza alimentare: alimenti destinati all uomo e agli animali pag. 23 Diagnostica: sanità e benessere animale pag. 25 Legenda pag. 26 Bovini e bufalini pag. 27 Canidi pag. 31 Caprini pag. 35 Conigli e lepri pag. 40 Equidi pag. 42 Felidi pag. 46 Insetti e acari pag. 49 Ovini pag. 49 Pesci pag. 53 Rettili pag. 54 Suidi pag. 55 Volatili pag. 58 Chimica clinica ed ematologia pag. 62 Esami tossicologici su esche e reperti ambientali pag. 63 Esami tossicologici su organi e tessuti pag. 64 Sicurezza alimentare: alimenti destinati all uomo e agli animali... pag. 65 Legenda pag. 66 Acqua pag. 67 Additivi per alimenti pag. 68 Alimenti per l infanzia pag. 69 Alimenti uso umano e animale pag. 72 Alimenti zootecnici pag. 72 Campioni ambientali da superfici pag. 75 Carni pag. 76 Cereali e farine pag. 78 Grassi e oli alimentari lavorati pag. 79 Latte e derivati del latte pag. 80 Liquidi biologici per sostanze indesiderate pag. 83 Miele e prodotti dell alveare pag. 84 Paste alimentari e prodotti di pasticceria pag. 85 Preparazioni di carni e preparazioni di pesce pag. 86 Preparazioni alimentari varie pag. 89 Prodotti dietetici pag. 90 Prodotti della macinazione malto-amidi pag. 92 Prodotti ittici pag. 93 Prodotti e preparazioni di origine vegetale pag. 95 Uova e derivati pag. 96 NUMERI UTILI pag. 97 INDICE 4 5

5 È con piacere che, in qualità di Direttore Generale, presento la Carta dei Servizi dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana, in quanto essa costituisce l adempimento di un dovere di trasparenza nei confronti di tutti coloro che si avvalgono dei servizi delle nostre strutture. Nella Carta ho ritenuto di elencare le informazioni fondamentali sull organizzazione, sulla mission e sulle scelte strategiche dell Istituto, sempre nella considerazione che esso rappresenta un elemento della rete degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali Italiani. In premessa reputo importante ricordare rapidamente quali sono le attività fondamentali degli Organi istituzionali. La gestione dell Ente compete al Direttore Generale il quale, tra le proprie funzioni, ha la rappresentanza legale e la responsabilità della ricerca scientifica, oltre a quella di nomina del Direttore Sanitario, del Direttore Amministrativo e del Collegio dei Revisori, predispone il piano triennale di attività ed il bilancio pluriennale di previsione, il piano annuale di attività ed il bilancio preventivo economico annuale nonché il bilancio di esercizio. Deve proporre inoltre il Regolamento per l ordinamento interno dei Servizi dell Istituto e le relative dotazioni organiche. Il Direttore Generale assume tutti gli atti relativi alla gestione giuridica ed economica del personale, stipula i contratti, le convenzioni ed autorizza le spese nell ambito degli stanziamenti di bilancio, presentando al Consiglio di Amministrazione la relazione annuale sull attività svolta. Al Consiglio di Amministrazione è affidata la predisposizione dello Statuto, l adozione del Regolamento e le relative dotazioni organiche nonché la definizione degli indirizzi generali per la programmazione pluriennale. Il Consiglio adotta il piano triennale di attività, il bilancio pluriennale di previsione, il piano annuale di attività, il bilancio preventivo economico annuale ed il bilancio di esercizio. Ritengo inoltre doveroso portare a conoscenza dei nostri utenti che dall inizio del 2005 l Istituto ha avviato la revisione della propria organizzazione secondo quanto previsto dal Regolamento di organizzazione interna, approvato dalle Regioni competenti nel corso del Questo processo, che ci impegnerà nel tempo, non dovrà essere una semplice rivisitazione del sistema attuale, ma dovrà mettere in discussione il modo in cui è articolata la struttura dei laboratori centrali e periferici, al fine di accrescerne potenzialità e capacità di risposta, adeguandole alle richieste ed ai bisogni che emergono dal territorio. In questo percorso la rappresenta uno strumento che contiene le possibili ed opportune informazioni per consentire a chiunque di utilizzare al meglio i nostri servizi e, di conseguenza, a noi di lavorare secondo i principi della Qualità, fornendo i referti diagnostici nei tempi più celeri Presentazione 6 7

6 possibili, secondo quanto viene indicato specificamente per ciascuna prova. Altresì è importante comunicare che l Istituto ha adottato un proprio Codice etico dei diritti e dei doveri morali che definisce le responsabilità etico-sociali di ogni partecipante all organizzazione aziendale. Il Codice etico garantisce la gestione equa ed efficace dei rapporti e delle relazioni umane. Conseguentemente obiettivo dell Istituto è una forma di comunicazione sociale, strumento di trasparenza e di divulgazione all esterno delle scelte e dei risultati raggiunti, dando conto del proprio operato in modo da evidenziare il proprio ruolo responsabile ed efficace nei confronti dei cittadini. Va inoltre sottolineato che negli ultimi anni le nuove tecnologie, potenziate anche attraverso l attività di ricerca svolta dai laboratori, ci hanno permesso di offrire ulteriori servizi diagnostici. Ciò, ritengo, porterà un contributo importante alla tutela della salute umana ed animale, alla verifica della salubrità dei prodotti animali destinati all uomo e alla qualità delle produzioni caratteristiche delle Regioni Lazio e Toscana. Come si evince dalla, all Istituto sono stati recentemente assegnati, dallo Stato e dalle due Regioni di competenza, nuovi compiti da realizzarsi attraverso strutture quali laboratori di referenza e laboratori o centri dedicati a specifiche tematiche. Tali incarichi, che vengono ad aggiungersi a quelli già acquisiti in precedenza e che derivano dall applicazione delle norme comunitarie, nazionali e regionali, relative alla sanità animale, all igiene degli allevamenti e produzioni animali ed alla sicurezza alimentare, se da un lato ci gratificano particolarmente in quanto riconoscono la validità ed il livello scientifico di questo Istituto, dall altro ci impegnano ad un ulteriore sforzo per sfruttare al meglio le potenzialità umane e strumentali disponibili onde adempiere ai mandati assegnati. Intendo infine rivolgere il mio ringraziamento a tutto il personale dell Istituto che contribuisce con l attività quotidiana a mantenere un elevato livello di qualità nonchè l efficienza delle nostre prestazioni. Un apprezzamento particolare va a Stefano Bilei, Antonella Bozzano, Stefania Bugattella, Eleonora De Angelis, Marcella Guarducci, Silvana Guzzo, Gabriella Loffredo, Arianna Miconi, Francesca Pierfederici, Paola Scaramozzino, Luana Sibilia, Alessandra Tardiola, Romano Zilli, che hanno dato un contributo fondamentale nella stesura della. Infine intendo ringraziare tutti coloro che con fiducia si rivolgono a noi. Un saluto Il Direttore Generale Nazareno Renzo Brizioli COSA FACCIAMO L'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana è un ente sanitario di diritto pubblico dotato di autonomia amministrativa, gestionale e tecnica. Esso opera nell'ambito del Servizio Sanitario Nazionale come strumento tecnico-scientifico dello Stato e delle Regioni di competenza, garantendo in particolare ai rispettivi Servizi Veterinari territoriali, le prestazioni e la collaborazione necessaria per l'espletamento delle funzioni in materia di igiene e sanità pubblica veterinaria. Fa parte della rete degli Istituti Zooprofilattici Italiani, costituita, complessivamente, da 10 Istituti distribuiti su tutto il territorio nazionale. Le attività di laboratorio e di ricerca dell Istituto sono finalizzate a supportare le azioni del Servizio Sanitario Nazionale ai fini della salvaguardia dei cittadini attraverso: la tutela della sanità e del benessere animale; l igiene degli allevamenti e delle produzioni animali; la sicurezza degli alimenti di origine animale. Nell ambito delle aree descritte sono svolti i seguenti compiti: diagnostica delle malattie infettive e diffusive degli animali e delle zoonosi; analisi di laboratorio e supporto tecnico-scientifico per l attuazione dei piani di profilassi, risanamento ed eradicazione delle malattie infettive e diffusive degli animali e delle zoonosi; analisi di laboratorio e supporto tecnico-scientifico per lo svolgimento delle attività di controllo sugli alimenti di origine animale e sui mangimi; consulenza, assistenza, informazione e formazione agli allevatori, ai produttori e trasformatori di alimenti di origine animale, anche ai fini della qualificazione delle produzioni animali, inclusi i prodotti locali; formazione e aggiornamento permanente di personale specializzato del Servizio Sanitario Nazionale, di operatori del settore agricolo, zootecnico e alimentare, di consumatori e studenti; collaborazione e cooperazione tecnica e scientifica con istituzioni ed organismi regionali, nazionali ed internazionali, nell ambito di progetti regionali, nazionali, comunitari ed internazionali; sorveglianza epidemiologica applicata ai settori della sanità animale, all igiene delle produzioni zootecniche e degli alimenti di origine animale, con la formulazione di programmi che prevedono l analisi e la valutazione del rischio e la gestione delle emergenze; studio di tecniche alternative all utilizzo del modello animale nella sperimentazione; ricerca sperimentale sulla eziologia, patogenesi e profilassi delle malattie infettive e diffusive degli animali, sulle materie di igiene degli allevamenti e produzioni zootecniche, sulle metodiche e sulle tecniche per il controllo della sicurezza degli alimenti e dei mangimi ed in genere nel campo della sanità pubblica veterinaria, in coerenza con gli obiettivi e le linee guida individuate dal Ministero della Salute e dall Unione Europea. Sono eseguiti mediamente ogni anno circa 2 milioni di esami di laboratorio di batteriologia, virologia, istologia, sierologia, parassitologia, chimica e biologia molecolare. La mission 8 9

7 GLI OBIETTIVI Garantire un elevato livello di sicurezza alimentare costituisce la priorità strategica fondamentale della UE, la quale, mediante l emanazione del Libro Bianco, ha tracciato gli obiettivi da perseguire. Da questo documento sono poi scaturiti i Regolamenti che fissano le norme per assicurare la sicurezza delle produzioni alimentari, coinvolgendo sempre più i produttori nella responsabilità diretta; per quanto riguarda invece i controlli da parte dell autorità ufficiale viene evidenziata la necessità di interventi mirati alla riduzione del rischio, nell ambito della filiera, mediante la sua analisi e valutazione. In particolare il Regolamento CE 178/2002 istituisce l Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) ed invita tutti gli Stati membri a creare una struttura similare che si interfacci con quella europea. L Italia ha istituito il Comitato interministeriale che ha il compito di raccogliere tutti gli elementi utili ad effettuare analisi, valutazione e gestione del rischio ed interfacciarsi poi con l EFSA. Ai laboratori pubblici deputati al controllo ufficiale sono affidate le analisi sui prodotti alimentari; agli Istituti Zooprofilattici sono attribuiti i compiti di controllo dei prodotti di origine animale destinati all alimentazione umana e dei mangimi per gli animali. L Istituto Zooprofilattico delle Regioni Lazio e Toscana ha recepito queste indicazioni, inserendole costantemente nel corso degli anni nei propri obiettivi, al fine anche di potenziare le strutture esistenti che possano poi soddisfare le richieste del territorio e di attivare e sviluppare metodologie in grado di affrontare le diverse problematiche. La tutela del cittadino, attraverso la garanzia di salubrità degli alimenti, si realizza attraverso indagini di laboratorio, ricerche specifiche, piani di controllo peculiari destinati alla tutela della sanità degli animali allevati ed al rispetto dei parametri che testimoniano la stato del loro benessere. Infatti anche questi controlli sono finalizzati ad accertare l idoneità dal punto di vista igienico e qualitativo dei prodotti da cui poi derivano alimenti salubri. Queste azioni si possono sviluppare in modo efficiente e rivelarsi efficaci grazie alla collaborazione con le diverse componenti del Servizio Sanitario Nazionale e con i veterinari libero professionisti che operano nelle aziende zootecniche, in tutte le diverse fasi della produzione ( Dal campo alla tavola ). Il rapporto con le suddette componenti deve essere costante e deve vedere impegnate le molteplici strutture organizzative dell Istituto. Ciò rende possibile individuare i problemi e le loro soluzioni nei tempi più rapidi e nel rispetto di strategie condivise. LE PRESTAZIONI Le prestazioni a favore dei programmi di Sanità Pubblica Veterinaria, richiesti da Stato e Regioni sono erogate a titolo gratuito. Le analisi condotte nell interesse dei privati, anche nell ambito di programmi di autocontrollo aziendale, sono rese a pagamento secondo specifico tariffario, consultabile sul sito PER CHI LAVORIAMO Tutte le azioni tese a garantire la salute degli animali ed il loro benessere, la salubrità degli alimenti di origine animale hanno quale obiettivo principale la tutela dei cittadini nonché la corretta comunicazione agli stessi sulle attività svolte e sui risultati raggiunti. Per realizzare questi obiettivi, pilastri definiti dall UE e recepiti dal nostro Paese, l Istituto deve operare in collaborazione con: - Unione Europea; - Ministero della Salute; - Regione Lazio; - Regione Toscana; - Aziende Sanitarie Locali del Lazio e della Toscana; - Organismi diversi del Servizio Sanitario Nazionale; - Ministero delle Politiche Agricole e Forestali; - allevatori; - veterinari libero professionisti; - produttori di alimenti; - produttori di mangimi; - associazioni di consumatori. LE RISORSE: UMANE E STRUMENTALI Le attività dell'istituto sono garantite grazie all'azione interdisciplinare delle diverse figure professionali coinvolte; veterinari, biologi, chimici, agronomi, tecnici di laboratorio, periti chimici, periti agrari, programmatori ed esperti in sistemi informativi, nonché personale amministrativo con differenti qualifiche. Attualmente il numero totale del personale in servizio presso la Sede Centrale e le Sezioni Diagnostiche Territoriali ammonta a circa 420 unità. L Istituto dispone di una dotazione strumentale e tecnologica avanzata per un valore patrimoniale superiore a 9 milioni di Euro. DA DOVE VENIAMO La fondazione dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana risale al 1914 su iniziativa del Ministero per l Agricoltura e le Foreste, come Sezione Zooprofilattica annessa all Istituto Zootecnico Laziale situato in località Capannelle, nel Comune di Roma, dove tuttora è ubicato. Nasce, in analogia agli altri Istituti Zooprofilattici, come struttura sanitaria di assistenza tecnica agli allevatori. Nel 1935 il Prof. Vittorio Zavagli è incaricato dalla Direzione Generale di Sanità, con la qualifica di Aiuto, di potenziare l organizzazione dell Ente, che assume la denominazione di Stazione Zooprofilattica Sperimentale di Roma, sotto il controllo della Giunta Amministrativa della Prefettura di Roma. Il Territorio di competenza è individuato nella Regione Lazio. Durante questo periodo l attività della Stazione registra un importante sviluppo delle attività e contemporaneamente un incremento del riconoscimento e della fiducia da parte dalle organizzazioni agricole regionali. Nel 1941 è avviata la produzione del vaccino antiaftoso per far fronte alle ingenti richieste del Lazio, di tutta l Italia centro-meridionale e delle Isole. Nel 1952 è aggiunta la Toscana al territorio di giurisdizione e l Ente assume la denominazione di Istituti Zooprofilattici Sperimentali del Lazio e della Toscana con Cenni storici 10 11

8 le sedi di Roma e Pisa, quest ultima guidata sino al 1976 dal Prof. Aldo Ceccarelli. Vengono poi istituite altre sedi periferiche, sino ad arrivare al numero attuale di nove (Arezzo, Cassino, Firenze, Grosseto, Latina, Pisa, Rieti, Siena, Viterbo). Con la legge 23 giugno 1970, n. 503 Ordinamento degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali, gli Istituti Zooprofilattici Sperimentali (IIZZSS) divengono Enti Pubblici sottoposti alla vigilanza del Ministero della Sanità. Il rapporto sempre più organico degli IIZZSS con le regioni verrà sancito dalla legge n.745 del 1975, Trasferimento di funzioni statali alle regioni e norme di principio per la ristrutturazione regionalizzata degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali. Direttore facente funzione dell Istituto dal 1972 al 1976 è il Prof. Enzo Fontanelli, ricordato per il valore scientifico e la particolare attenzione espressa nei confronti del personale. Dal 1976 al 1994 l Istituto è guidato dal Prof. Mariano Aleandri che, con competenza e passione, ne caratterizza profondamente l assetto e le attività ed è stata la figura che ne ha rilanciato l immagine e l azione in maniera determinante, incrementando la gamma delle attività e inserendo numerosi giovani laureati in varie discipline scientifiche. Dal 1994 al 2001 il Dr. Riccardo Forletta e poi il Dr. Gianluca Autorino, in qualità di direttori facenti funzione, contribuiscono in maniera significativa all ammodernamento tecnico-strutturale ed organizzativo dell Istituto; nel 1998 l Istituto consegue l accreditamento (ACCREDIA n. 0201) secondo la norma UNI CEI EN Nel 1999 le Regioni Lazio e Toscana recepiscono con relative Leggi Regionali, il Decreto Legislativo 30 giugno 1993, n. 270 sul riordinamento degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali che definisce un diverso assetto organizzativo degli Istituti Zooprofilattici, anche a seguito del processo di aziendalizzazione avviato nella Sanità Pubblica con il Decreto Legislativo 30 dicembre, n. 502 Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell art. 1 della legge 23 ottobre 1992, n Tale contesto legislativo consente la nomina, da parte delle due Regioni, del Direttore Generale dell Istituto nella persona del dr. Nazareno Renzo Brizioli e la nomina dei membri del Consiglio di Amministrazione composto dal Presidente Pier Luigi Marrucci, dal Vicepresidente Fausto Di Fazio e dai Consiglieri Luigi Botti, Loris Strufaldi e Giovanni Zotta. Tali organi sono stati insediati nel febbraio A ciò è seguita la nomina, da parte del Direttore Generale, del Direttore Sanitario, dr. Antonio Fagiolo e del Direttore Amministrativo, dr. Antonio Cirillo. Nell aprile 2006 è avvenuta la riconferma del Direttore Generale Dr. Nazareno Renzo Brizioli e la nomina dei membri del nuovo Consiglio di Amministrazione nelle persone del presidente Pier Luigi Marrucci, del Vicepresidente Alfonso Pascale e dei Consiglieri Luigi Botti, Luciano Ralli e Giovanni Zotta. A ciò è seguita la nomina, da parte del Direttore Generale, del Direttore Sanitario dr. Francesco Maria Cancellotti e del Direttore Amministrativo dr. Franco Brugnola. Staff Accettazione, refertazione e sportello dell'utente Biotecnologie (1) Controllo di gestione Formazione, comunicazione e documentazione Osservatorio epidemiologico Qualità e tutela dei lavoratori Ricerca, sviluppo e cooperazione internazionale Area territoriale Direzione Generale Direzione Sanitaria Direzione Amministrativa Supporto tecnico sanitario Confezionamento Lavanderia Stabulari Terreni colturali Sezioni diagnostiche laboratori laboratori laboratori laboratori laboratori Arezzo Cassino* Firenze Grosseto Latina laboratori Pisa (2) laboratori laboratori laboratori Rieti Siena Viterbo Area centrale Direzioni operative Diagnostica generale Diagnostica specialistica (3) Diagnostica malattie virali e leptospirosi (4) Sierologia Controllo igiene della produzione e trasformazione del latte (5) Produzioni zootecniche Controllo degli alimenti Sviluppo e sicurezza delle produzioni ittiche Chimica Area tecnico-sanitaria Area amministrativa Direzione acquisizione beni e servizi Direzione affari generali e legali Direzione economico finanziaria Direzione gestione risorse umane Direzione tecnica e patrimoniale laboratori laboratori laboratori laboratori laboratori laboratori laboratori laboratori laboratori L organizzazione 1. Centro di referenza nazionale per la ricerca di OGM 2. Centro di referenza nazionale per l'anemia Infettiva equina 3. Centro di referenza nazionale sull'antibioticoresistenza 4. Centro di referenza nazionale per le malattie degli equini 5. Centro di referenza nazionale per la qualità del latte e dei prodotti derivati degli ovini e dei caprini * In fase di realizzazione Aree tematiche Sanità animale Igiene degli allevamenti, delle produzioni e benessere animale Sicurezza alimentare Organigramma secondo Regolamento approvato con Deliberazione del CdA n.14 del 20 ottobre

9 I CENTRI DI REFERENZA LA QUALITÁ I centri di referenza Sono attivi presso l Istituto cinque Centri di Referenza Nazionale, per le Malattie degli Equini (Sede Centrale di Roma) per l Anemia Infettiva Equina (Sezione di Pisa) per l Antibioticoresistenza (Sede Centrale di Roma) per la ricerca di Organismi Geneticamente Modificati (OGM) (Sede Centrale di Roma) per la Qualità del Latte e dei prodotti derivati degli Ovini e dei Caprini (Sede Centrale di Roma) I Centri di Referenza Nazionale sono strutture di eccellenza per l intero sistema sanitario nazionale. Essi rappresentano uno strumento operativo di elevata e provata competenza, nei settori della sanità animale, dell igiene degli alimenti e dell igiene zootecnica e che, operando secondo le funzioni previste dalla normativa nazionale, hanno il compito di confermare, ove previsto, la diagnosi effettuata da altri laboratori; attuare la standardizzazione delle metodiche di analisi, avviare idonei ring test tra gli IIZZSS, utilizzare e diffondere i metodi ufficiali di analisi, predisporre piani d intervento, collaborare con altri centri di referenza comunitari o di paesi terzi, fornire al Ministero della Salute assistenza e informazioni specialistiche. Sono inoltre operativi i seguenti centri regionali: Regione Lazio (sede Centrale di Roma) Centro di Riferimento per gli Enterobatteri Patogeni Osservatorio Epidemiologico Veterinario Regionale Centro Latte Qualità Laboratorio Diossine e contaminanti ambientali Centro Studi per l Analisi del Rischio Alimentare Laboratorio agenti zoonosici speciali Regione Toscana Centri Latte Qualità (Firenze e Grosseto) Osservatorio Epidemiologico Veterinario (Siena) Laboratorio per l Ittiopatologia e l Acquacoltura (Pisa) La Direzione Generale dell Istituto considera la Qualità uno degli obiettivi principali da perseguire, in quanto mette al centro del sistema il cliente che si rivolge al servizio per avere una risposta ai suoi bisogni, sia in termini di informazione che di vera e propria prestazione erogata. Porre al centro il cliente, sia esso pubblico o privato, significa far sì che questo abbia la massima soddisfazione dalle risposte che ottiene, significa costruire una forza attrattiva verso la struttura, costruire un immagine dell Istituto adeguata ai tempi ed efficace. Per dare concretezza a tale obiettivo l Istituto ha conseguito l accreditamento secondo la norma EN Criteri generali per il funzionamento dei laboratori di prova nel 1998 con il SINAL, Sistema Nazionale per l Accreditamento dei laboratori di prova e successivamente nel 2002, secondo la norma UNI CEI EN ISO/IEC Requisiti generali per la competenza dei laboratori di prova e di taratura, avendo quest ultima norma sostituito la precedente. L accreditamento consente di erogare servizi ed esami ufficialmente riconosciuti dall UE e dai Paesi Terzi. Nel 2004 inoltre, l attività di formazione svolta dall Istituto, ha ottenuto la certificazione secondo la norma UNI EN ISO 9001 (2000) - Sistemi di gestione per la qualità. Aver raggiunto l'accreditamento e la certificazione rappresenta un importante risultato che costituisce soprattutto un punto di partenza e che impegna indistintamente tutti gli operatori nel mantenimento e nel miglioramento di quanto raggiunto. LA VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE L espressione del grado di soddisfazione del cliente rispetto alle attività di laboratorio e più in generale dell organizzazione si realizza attraverso la compilazione di un modulo disponibile presso la Direzione Operativa accettazione, refertazione e sportello dell utente, presso la Direzione Operativa controllo dell igiene, della produzione e della trasformazione del Latte e presso l accettazione delle Sezioni Diagnostiche, in contenitori denominati Questionario di gradimento. I moduli compilati dal cliente sono trasmessi al Servizio Assicurazione Qualità, che ogni sei mesi li elabora, li analizza e se necessario identifica le conseguenti azioni correttive. I RECLAMI I clienti che si ritengono insoddisfatti del servizio ricevuto, possono effettuare un reclamo per iscritto, sia utilizzando uno specifico modulo disponibile presso le strutture sopra indicate che su carta libera. Il reclamo deve essere consegnato al personale dell Ente. Il Responsabile della unità operativa oggetto del reclamo, lo esamina e lo analizza quindi risponde al cliente per iscritto. Inoltre, adotta, in accordo con il Responsabile Qualità dell Istituto e con l approvazione del Direttore Generale, i provvedimenti e le eventuali azioni correttive ritenute necessarie. La politica della Direzione Generale 14 15

10 LA FORMAZIONE L Istituto, in virtù del mandato istituzionale e della propria mission, considera strategica l attività della formazione e la utilizza come uno strumento essenziale per favorire lo sviluppo culturale e professionale del personale proprio e del SSN, nonché per informare e aggiornare l utenza in merito a problematiche e temi relativi alla sanità pubblica veterinaria ed alla sicurezza alimentare. Le attività di formazione sviluppate dall Istituto possono essere distinte in interventi diretti al personale interno ed in iniziative rivolte a figure professionali ed organismi esterni all Ente. La formazione indirizzata al personale dell Istituto si sviluppa in maniera coerente e funzionale alla politica dell Ente, tesa alla costruzione di un sistema qualità conforme alle norme ISO 9000 e 17025, alla evoluzione del processo di aziendalizzazione, alla diffusione della cultura e della prassi della sicurezza sui luoghi di lavoro, alla alfabetizzazione informatica, al miglioramento delle competenze del personale nell ambito organizzativo-gestionale, della progettazione, della ricerca scientifica, ecc. Sin dai primi periodi l attività di formazione è stata condotta tramite una metodologia scientifica riconosciuta attualmente valida dagli esperti del settore, che consiste nelle seguenti fasi: analisi di contesto e dei fabbisogni formativi; progettazione, realizzazione, verifica e valutazione dell intervento. Il mandato relativo all attività di formazione svolta a favore di figure ed enti esterni all Istituto si fonda sull art. 3 del D. L.vo , n. 270, Riordinamento degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali, che recita: Gli Istituti Zooprofilattici Sperimentali operano nell ambito del Servizio Sanitario Nazionale, garantendo ai Servizi Veterinari delle Regioni e delle Provincie autonome e delle Unità Sanitarie Locali le prestazioni e la collaborazione tecnico-scientifica necessaria all espletamento delle funzioni in materia di igiene e sanità pubblica veterinaria, nonché sull art. 4: Gli Istituti Zooprofilattici Sperimentali provvedono: omissis... f) all aggiornamento di veterinari ed alla formazione di altri operatori. Su questa base sono progettati e realizzati gli interventi formativi che principalmente coinvolgono le seguenti figure professionali: veterinari e tecnici della prevenzione delle aziende sanitarie locali veterinari liberi professionisti altri operatori sanitari del S.S.N. o liberi professionisti operatori del settore agricolo-zootecnico operatori del settore alimentare personale sanitario, tecnico e amministrativo dell Istituto studenti. Molteplici le tematiche trattate, in genere rispondenti all attualità nel campo della sanità pubblica: malattie infettive, igiene degli alimenti, igiene degli allevamenti e delle produzioni animali, legislazione sanitaria, argomenti organizzativo-gestionali, ecc. Vengono poi organizzati momenti informativi e formativi nei confronti di tematiche emergenti quali ad esempio T.S.E., influenza aviare, diossina, afta epizootica, blue tongue, anagrafe zootecnica, ecc. L Istituto è riconosciuto come provider di formazione (n. di registrazione 501) dal Ministero della Salute per il sistema E.C.M. (Educazione Continua in Medicina). L Istituto sostiene presso le proprie strutture anche la formazione teorico-applicativa di tirocinanti e di ospiti volontari. Dal 2004 il settore Formazione del Reparto Formazione e Documentazione è stato accreditato dal CERMET ai sensi della ISO UNI EN 9001:2000. LA DOCUMENTAZIONE La Biblioteca centrale dell'istituto dispone di oltre 100 periodici in abbonamento su supporto cartaceo ed accede alla totalità della letteratura scientifica disponibile in formato elettronico, relativi a discipline biomediche, veterinarie, zootecniche, amministrative e manageriali, nonché di circa 4000 volumi. Numerosi sono inoltre i documenti di letteratura grigia (tesi di laurea, materiale didattico di corsi e convegni, rapporti, ecc.), atti di La politica della Direzione Generale 16 17

11 convegni e materiale audiovisivo specifico (CD-Rom, videocassette, audiocassette, diapositive) a disposizione dell'utenza, sia interna che esterna. Condivide il catalogo collettivo dei periodici IIZZSS. Inoltre, ha accesso alle seguenti banche dati per l effettuazione di ricerche bibliografiche e per il reperimento di articoli scientifici per via elettronica: : CABI, ANABS (Analitycal Abstracts), ASFA (Aquatic Sciences and Fisheries Abstracts), Sciencedirect di Elsevier, Medline, BioMed Central. Sono offerti all'utenza interna e esterna i seguenti servizi: consultazione prestito di monografie ricerche bibliografiche document delivery (fornitura di documenti) addestramento all uso delle risorse elettroniche per il reperimento di documenti e informazioni scientifiche fotoriproduzione Inoltre pubblica e distribuisce i seguenti prodotti: rassegna specialistica a periodicità mensile su Sanità pubblica veterinaria e Sicurezza alimentare bollettino legislativo a periodicità quindicinale. Ulteriori informazioni circa i servizi erogati dal centro di documentazione dell Istituto e delle modalità per accedervi, sono disponibili all indirizzo web: L ATTIVITÀ DI RICERCA L attività di ricerca scientifica caratterizza alla radice l essenza degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali, come si evince sia dalla loro denominazione, sia dall impianto normativo che dal 1970 ai giorni nostri ne ha orientato lo sviluppo. Inizialmente la ricerca fu di carattere essenzialmente applicativo, considerata la natura di questi Enti, fortemente integrati nel territorio e nati come supporto tecnico-scientifico al settore delle produzioni zootecniche. Tale connotazione si è andata modificando con il trascorrere del tempo. A decorrere dall inizio degli anni 90 ha preso forma, sulla scia di quanto nel frattempo si verificava nel contesto scientifico internazionale ancor prima che nazionale, un ulteriore articolazione della ricerca in due grandi ambiti, che sono definiti ricerca corrente e ricerca finalizzata. La ricerca corrente é svolta in modo "permanente" dall'istituto in base a specifiche linee prioritarie di indirizzo emanate dal Ministero della Salute. La ricerca finalizzata è invece soggetta a bandi specifici emessi dal Ministero della Salute, cui l'istituto può concorrere in base alle proprie competenze. Dal 1995 ad oggi, l Istituto è impegnato in molteplici progetti di ricerca corrente e finalizzata finanziati in misura preponderante dal Ministero della Salute e in secondo ordine dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, dall Unione Europea e dalle Regioni Lazio e Toscana. Fra gli argomenti di punta si segnalano le Encefalopatie Spongiformi Trasmissibili (o Malattie da Prioni), le Biotecnologie (con particolare riferimento agli Organismi Geneticamente Modificati ), l Antibioticoresistenza, i requisiti di qualità e la salubrità dei prodotti di origine animale destinati all alimentazione umana e la ricerca epidemiologica. Nell ambito della sanità animale, rilevante l impegno sulle malattie degli equini, per le quali è attivo presso l Istituto il Centro Nazionale di Referenza. Si segnala, inoltre, anche il lavoro svolto sulle infezioni virali di altre specie animali, sulle infezioni batteriche, nonché sulla diffusione di alcuni artropodi riconosciuti potenziali vettori di agenti infettivi di malattia per l uomo e/o per gli animali. Sulla sicurezza alimentare, numerosi i progetti di ricerca aventi per oggetto la valutazione della presenza di residui e dei rischi microbiologici connessi al consumo di alimenti di O.A. Diverse le matrici alimentari oggetto di studio: carni e derivati, pollame, pesci e molluschi, uova, miele, latte e derivati, prodotti rispetto ai quali si sono sviluppate negli ultimi anni anche ricerche sulla tracciabilità. Lo studio delle molteplici problematiche inerenti la produzione, l igiene, la salubrità e la qualità del latte e dei prodotti lattiero-caseari è tradizione consolidata in Istituto, che soprattutto in riferimento alla specie ovina, ha maturato una competenza riconosciuta a livello nazionale. Negli ultimi tempi si è inoltre registrata una crescente attenzione nei confronti dei mangimi, considerati i numerosi rischi sanitari ad essi associati, come anche verso altre tematiche di primaria attualità, quali il Benessere Animale, le Produzioni Biologiche e le Terapie non Convenzionali. Attività di ricerca sono state sviluppate anche nei confronti degli animali selvatici (cetacei, rapaci, ecc.), sia sotto il profilo sanitario, sia in relazione al ruolo di questi ultimi quali potenziali sentinelle o bioindicatori di contaminazione ambientale. Un numero consistente di progetti riguarda poi la messa a punto ed il perfezionamento di metodiche e tecniche diagnostiche di laboratorio. Di recente infine, l Istituto ha cominciato a sviluppare alcune attività sperimentali in territori in parte diversi dalle tradizionali aree di intervento, quali ad esempio i settori della formazione e dell informazione, rispecchiando così il crescente interesse che si registra nei confronti di queste due grandi tematiche anche in ambito internazionale. L attività di ricerca illustrata rappresenta, in molti casi, il prodotto di collaborazioni maturate con tutta una serie di istituzioni ed organismi nazionali di diversa natura, quali gli altri II.ZZ.SS., l Istituto Superiore di Sanità, varie Facoltà Universitarie italiane ed estere (Medicina Veterinaria, Medicina e Chirurgia, Scienze Biologiche, Scienze Agrarie, Chimica, ecc.), l Istituto Sperimentale per la Zootecnia, le Aziende U.S.L. ed altri organismi ed istituzioni. Intensi i rapporti di collaborazione che intercorrono con organismi internazionali, relativamente a diverse tematiche ed argomenti: malattie virali (equini, selvatici), biotecnologie (OGM; ecc.), malattie batteriche (salmonellosi, rickettsiosi, paratubercolosi) e protozooarie (leishmaniosi), antibioticoresistenza, entomologia, chimica, gestione del rischio, controlli di qualità, di metodi di laboratorio, ecc. La politica della Direzione Generale 18 19

12 L AMBITO INTERNAZIONALE L Istituto è ente di rilevanza regionale e nazionale, ma anche il contesto internazionale lo vede impegnato su vari fronti. Da anni esso è infatti attivo come partner in diversi progetti internazionali, finanziati dall Unione Europea nei settori della Sanità Animale e della Sicurezza Alimentare, in collaborazione con altri enti di ricerca ed istituti esteri, europei e non. Numerosi sono anche gli interventi nel campo della cooperazione internazionale: partecipa infatti a progetti finanziati sia dall Unione Europea che da altri organismi sovranazionali. Tale attività contribuisce ad incrementare il livello di esperienza tecnico-scientifica del personale, permette di accedere a risorse economiche aggiuntive e soprattutto, consente di fornire il proprio apporto al progetto globale di integrazione europea e al miglioramento del livello tecnico-scientifico e sanitario dei Paesi in via di sviluppo

13 SANITÁ ANIMALE I campioni biologici per l esecuzione di esami per la sanità animale, devono essere consegnati presso i locali dell accettazione accompagnati da richiesta medico-veterinaria nella quale sono riportati i dati del proprietario, l anamnesi e gli esami richiesti. Presso tale struttura il personale, in base alla analisi richiesta e alla tipologia di matrice valuta l idoneità dei campioni. Campioni di sangue per esami sierologici: non emolizzati con coagulo, o di siero refrigerato o congelato; per emoparassiti: addizionati con anticoagulante e conferiti entro 72 ore dal prelievo; per parametri chimico-clinici e dosaggi ormonali: non emolizzati con coagulo o di siero refrigerato entro 24 ore dal prelievo o siero congelato; (per la determinazione della glicemia: conferiti entro 3 ore dal prelievo se sangue in toto); per esame emocromocitometrico: addizionati con anticoagulante (EDTA o Litio) conferiti entro le 24 ore dal prelievo. per la determinazione della VES: conferiti entro 1 ora dal prelievo in provette specifiche in dotazione presso l Istituto; per la determinazione del genotipo: addizionati con EDTA e conferiti entro 3-4 giorni dal prelievo e conservati a temperatura di refrigerazione; per esami batteriologici o virologici: addizionati con anticoagulante e inviati immediatamente dopo il prelievo. Campioni di organo per esami batteriologici: in contenitori sterili a temperatura ambiente a tenuta ermetica se il prelievo è eseguito da poche ore o refrigerati o congelati; per esami istologici: raccolti in giornata o fissati in formalina (vol. campione/liquido fissante 1:10). per esami virologici: in contenitori sterili a tenuta ermetica mantenuti a temperatura di refrigerazione se consegnati entro 24 ore dal prelievo, altrimenti a temperatura di congelamento. Feci e urine per esami batteriologici e parassitologici: in contenitori con tappo a vite, sterili per batteriologia e virologia. per esami virologici: in contenitori sterili a tenuta ermetica mantenuti a temperatura di refrigerazione se consegnati entro 24 ore dal prelievo, altrimenti a temperatura di congelamento. Tamponi e lavaggi prepuziali per esami virologici: in terreno di trasporto per colture cellulari o in soluzione fisiologica antibiotata (2ml) in contenitori sterili a tenuta ermetica mantenuti a temperatura di refrigerazione se consegnati entro 24 ore dal prelievo, altrimenti a temperatura di congelamento; per esami batteriologici standard: in comune terreno di trasporto per Metrite equina contagiosa (CEM) tamponi uretrali o utero-vaginali equini: se in terreno di trasporto con carbone attivo (colore nero) entro 48 ore dal prelievo o entro 2 ore senza terreno di trasporto; per Trichomonas sp. lavaggio prepuziale bovino: se in soluzione di lavaggio fornita dall Istituto Zooprofilattico a temperatura ambiente. Liquidi biologici per esami batteriologici: refrigerati a + 4 C e conferiti entro 24 ore. per esami virologici: in contenitori sterili a tenuta ermetica mantenuti a temperatura di refrigerazione se consegnati entro 24 ore dal prelievo, altrimenti a temperatura di congelamento. Cadaveri per esame anatomo-patologico: in contenitori o sacchi a tenuta recapitati nel più breve tempo possibile dalla morte. Liquido seminale equino per esami virologici: refrigerato, o congelato se conferito dopo 24 ore; in ogni caso in contenitori a tenuta ermetica, e in quantità minima di 20ml. SICUREZZA ALIMENTARE: ALIMENTI DESTINATI ALL UOMO E AGLI ANIMALI I campioni ufficiali di alimenti per l alimentazione umana ed animale prelevati in base alla normativa vigente da organismi di controllo come Aziende Sanitarie Locali, Posti di Ispezione Frontaliera, Carabinieri per la Sanità, ecc., devono pervenire all Istituto Zooprofilattico nel più breve tempo possibile dal prelievo. Al momento del conferimento dei campioni si procede al controllo della temperatura di consegna nei casi in cui è previsto il trasporto a temperatura controllata ai sensi della normativa vigente. La temperatura di consegna viene verificata anche quando è richiesta l esecuzione delle seguenti prove: istamina (per alimenti freschi), glassatura e stato di conservazione. Al fine della verifica della temperatura di trasporto è richiesta la presenza all interno del frigorifero portatile di un contenitore con acqua per temperatura di refrigerazione ed alcool per temperatura di congelamento. La temperatura massima di trasporto prevista per legge per le varie tipologie di alimenti è riportata nella tabelle 1 e 2. Sanità animale e sicurezza alimentare 22 23

14 MODALITÁ DI CAMPIONAMENTO Il numero di aliquote ed unità campionarie sono previste dalla specifica normativa vigente per le diverse tipologie di alimenti sono riportate nella tabella n.2 CAMPIONI NON IDONEI I campioni non idonei sono eliminati dopo 60 giorni dal ricevimento se non ritirati dal richiedente e comunque dopo che il prelevatore è stato contattato e avvisato della non idoneità del campione. Il campione non è idoneo nei seguenti casi: Campioni in condizione di conservazione non conforme; Campioni ufficiali mancanti di aliquote o delle unità campionarie previste, campioni chiusi in modo che possano essere manomessi o senza cartellino; Campionamento non eseguito secondo la normativa vigente; Campioni non accompagnati da idonea documentazione compilata in ogni sua parte. I campioni che non pervengono accompagnati dalla documentazione prevista sono mantenuti presso l Accettazione e non sono inviati al laboratorio fino all invio da parte del prelevatore della documentazione mancante o della sua integrazione. Tabella 1 ALIMENTI CONGELATI E SURGELATI Tipologia alimento Temperatura massima tollerabile Gelati - 15 C Prodotti della pesca congelati o surgelati - 18 C Altri surgelati - 18 C Carni congelate - 12 C Burro o altre sostanze grasse congelate - 18 C Frattaglie, uova sgusciate, pollame e selvaggina congelata - 10 C Altri congelati - 10 C Diagnostica Diagnostica: sanità e benessere animale Tabella 2 ALIMENTI FRESCHI Tipologia alimento Temperatura di trasporto Latte crudo dalla produzione al centro di raccolta + 8 C Latte crudo dal centro di raccolta al trattamento termico da 0 a + 4 C Latte trattato termicamente sfuso da 0 a + 4 C Latte trattato termicamente confezionato da 0 a + 4 C Prodotti lattiero caseari da 0 a + 4 C Burro da 0 a + 4 C Prodotti della pesca freschi da 0 a + 4 C Carni da - 1 a + 7 C Pollame e conigli da -1 a + 4 C Selvaggina e frattaglie da -1 a + 3 C Molluschi eduli lamellibranchi in confezione + 6 C Gli aggiornamenti della normativa saranno disponibili sul sito:

15 LEGENDA aa assorbimento atomico agid agar gel immudiffusion alt alanine aminotransferase ast aspartate aminotransferase BHV bovine herpes virus BVD bovine viral diarrohea ck creatine kinase EBHS european brown hare syndrome EHV equine herpes virus elisa enzymatic linked immunosorbent assay EMCV encephalomiocarditis virus favn fluorescent antibody virus neutralization fdc fissazione del complemento FIV feline immunodeficiency virus gc-ecd gas chromatography - electron capture detector gc-fid gas chromatography - flame ionisation detector gc-ms gas chromatography-mass spectrometry gc-npd gas chhromatography - nitrogen phosphorus detector ggt gamma glutamyl transpeptidase hplc high performance liquid chromatography hplc-dad high performance liquid chromatography - diode array detector IBR infectious bovine rminotracheitis icp inductively coupled plasma if immunofluorescenza IHN infectious haematopoietic necrosis ipa alcool isopropilico lc-ms/ms liquid chromatography - tandem mass-spectrometry ldh lactate dehydrogenase MCM morbo coitale maligno nefa non-esterified fatty acid pcr polimerasi chain reaction pi3 parainfluenza 3 rbpt rose bengal plate test tlc thin layer chromatography TSE trasmissible spongiform encephalopaty uv ultravioletto uv-vis ultavioletto - visibile VHS viral haemorragic septicaemia Tempi I tempi sono calcolati in giorni lavorativi (dal lunedì al venerdì). I tempi di risposta degli esami anatomo-patologici da cadaveri congelati sono da intendersi dal momento dello scongelamento. I tempi di risposta per le eventuali prove generate dall esame anatomo-patologico sono calcolati dalla fine dell esecuzione dell esame autoptico. I tempi di risposta per antibiogramma si intendono a partire dal giorno dell'identificazione del germe isolato da sottoporre a prova Nota: In caso di particolari emergenze i tempi massimi indicati potrebbero non essere rispettati. Tempo standard Tempo intercorrente fra l accettazione del campione presso il laboratorio che effettuerà la prova e l emissione del rapporto di prova, quando l esito della prova risulti negativo, nel 75% delle emissioni del rapporto di prova. Non è compreso, in questo tempo, quello impiegato per il trasferimento dalla U.O. che riceve e/o accetta il campione al laboratorio che effettuerà la prova, quando essi hanno sede diversa, valutabile in media in 3 giorni. Non è compreso neppure il tempo necessario all esecuzione delle prove di conferma, quando il risultato non risulti negativo o abbia bisogno di successive indagini. Quando su un campione sono richieste più prove, il tempo standard da considerare è quello della prova che prevede il tempo standard più lungo. Sono fatti salvi ritardi dipendenti da fattori esterni e dalla concomitanza di giorni festivi. Tariffario e prove accreditate Il tariffario aggiornato ed i riferimenti delle prove accreditate Accredia, sono disponibili al sito: BOVINI E BUFALINI Agenti mastidogeni latte esame colturale 4 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Adenovirus feci/intestino colture cellulari 15 rm feci/intestino microscopia elettronica 10 rm organi colture cellulari 15 rm tampone diagnostico colture cellulari 15 rm tampone diagnostico microscopia elettronica 10 rm Agenti batterici prova quantitativa urine esame colturale 4 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Agenti batterici patogeni feci/tampone rettale esame colturale 5 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt feto e annessi esame colturale 7 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt liquidi biologici esame colturale 5 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Agenti micotici patogeni feci/tampone rettale esame colturale 10 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt feto e annessi esame colturale 10 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt liquidi biologici esame colturale 10 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt organi esame colturale 10 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt tampone diagnostico esame colturale 10 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Analiti di chimica clinica urine prova chimico - fisica 3 rm-ar-ri Antibiogramma isolato batterico diffusione in agar 3 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Bacillus anthracis organi esame colturale 3 rm-lt-si-gr-ar-ri-vt-fi organi esame microscopico 1 rm-lt-si-pi-gr-ar-ri-vt-fi pelli per la trasformazione esame colturale 5 rm-lt-fi-ar-ri-vt sangue esame colturale 3 rm-lt-gr-ar-ri-vt-fi sangue esame microscopico 1 rm-lt-pi-gr-ar-ri-vt-fi Blue Tongue sangue con anticoagulante pcr 23 rm sangue/siero elisa per anticorpi 12 rm-lt-pi-gr-fi-ar-vt Brucella spp. feto e annessi esame colturale 15 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt latte esame colturale 4 settimane rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt organi esame colturale 4 settimane rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt sangue con anticoagulante esame colturale 4 settimane rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt sangue/siero fdc 6 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt sangue/siero rbpt 3 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt BVD feto e annessi elisa per antigene 18 rm organi elisa per antigene 18 rm sangue con anticoagulante elisa per antigene 18 rm sangue/siero elisa per antigene 18 rm sangue/siero elisa per anticorpi 12 rm-ri Diagnostica: sanità e benessere animale 26 27

16 BOVINI E BUFALINI (segue) Clostridium spp. organi esame colturale 7 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt sangue esame colturale 7 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt C. perfringens+alfa-beta-epsilon-tossina feci/intestino elisa per antigene 8 rm-fi fluidi biologici elisa per antigene 8 rm-fi Campylobacter spp. feci esame colturale 5 rm-lt-pi-gr-fi-ar-ri-vt feto e annessi esame colturale 7 rm-lt-pi-gr-fi-ar-ri-vt lavaggio prepuziale esame colturale 7 rm-lt-pi-gr-fi-ar-ri-vt organi esame colturale 5 rm-lt-pi-gr-fi-ar-ri-vt Chlamydophila spp. feto e annessi if diretta 3 rm-pi feto e annessi immunocromatografico rapido 3 rm-si-gr-ri-fi organi if diretta 3 rm-pi organi immunocromatografico rapido 3 rm-si-gr-ri-fi sangue/siero elisa per anticorpi 6 rm-si-gr-fi-ar-ri-vt tampone diagnostico if diretta 3 rm-pi tampone diagnostico immunocromatografico rapido 3 rm-si-gr-ri-fi Coronavirus feci/intestino microscopia elettronica 10 rm feci/intestino elisa per antigene 18 rm Cryptosporidium feci/intestino elisa per antigene 8 rm-ri-vt feci/intestino esame microscopico 4 rm-lt-pi-ar-ri-vt Dermatofiti cute e annessi cutanei esame colturale 15 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri Ectoparassiti cute e annessi cutanei esame microscopico 3 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Emoparassiti sangue con anticoagulante esame microscopico 3 rm-lt-si-pi-gr-ar-ri-vt Enteroparassiti feci mc master 3 rm-si-pi-ar-ri-vt feci/intestino esame microscopico 2 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt feci flottazione 2 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Enterovirus bovino feci/intestino microscopia elettronica 10 rm Esame anatomo-patologico cadavere anatomo-patologica 3 rm-lt-pi-gr-fi-ar-ri-vt feto e annessi anatomo-patologica 3 rm-lt-pi-gr-fi-ar-ri-vt organi anatomo-patologica 3 rm-lt-pi-gr-fi-ar-ri-vt Esame citologico cute e annessi cutanei esame microscopico 4 rm-gr-vt essudato/muco esame microscopico 4 rm-gr-vt neoformazione esame microscopico 4 rm-gr-vt Esame istologico neoformazione ematossilina - eosina 10 rm organi ematossilina - eosina 10 rm Escherichia coli (e.h.e.c., e.p.e.c., e.t.e.c.) feci/intestino esame colturale 5 rm-lt-pi Escherichia coli k99+ feci/intestino elisa per antigene 18 rm Febbre Q sangue/siero elisa 6 rm BHV4 feto e annessi colture cellulari 15 rm organi colture cellulari 15 rm tampone diagnostico colture cellulari 15 rm BOVINI E BUFALINI (segue) IBR feto e annessi colture cellulari 15 rm organi colture cellulari 15 rm sangue/siero elisa per anticorpi ge deleto 12 rm sangue/siero elisa per anticorpi 12 rm sangue/siero sieroneutralizzazione 18 rm tampone diagnostico colture cellulari 15 rm Klebsiella pneumoniae essudato/muco esame colturale 5 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Leptospira bratislava sangue/siero microagglut. in campo oscuro 12 rm Leptospira canicola sangue/siero microagglut. in campo oscuro 12 rm Leptospira copenhageni sangue/siero Leptospira grippothyphosa sangue/siero microagglut. in campo oscuro 12 rm microagglut. in campo oscuro 12 rm Leptospira hardjo sangue/siero microagglut. in campo oscuro 12 rm Leptospira icterohaemorrhagiae sangue/siero microagglut. in campo oscuro 12 rm Leptospira pomona sangue/siero microagglut. in campo oscuro 12 rm Leptospira saxkoebing sangue/siero microagglut. in campo oscuro 12 rm Leptospira tarassovi sangue/siero microagglut. in campo oscuro 12 rm Leucosi latte elisa per anticorpi 7 rm-lt-pi-ri-vt sangue/siero elisa per anticorpi 7 rm-lt-pi-gr-fi-ri-vt sangue/siero agid 6 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Listeria monocytogenes feto e annessi esame colturale 7 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt organi esame colturale 7 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri Listeria spp. feto e annessi esame colturale 7 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-vt organi esame colturale 7 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Morbo d'aujeszky encefalo colture cellulari 15 rm Mycobacterium spp. essudato/muco esame colturale 8 settimane rm-vt feci ziehl neelsen 3 rm-lt-pi-fi-ar-vt organi esame colturale 8 settimane rm-vt organi ziehl neelsen 3 rm-lt-pi-fi-ar-vt tampone diagnostico esame colturale 8 settimane rm-vt Mycobacterium avium essudato/muco esame colturale 5 settimane rm-vt organi esame colturale 5 settimane rm-vt tampone diagnostico esame colturale 5 settimane rm-vt Diagnostica: sanità e benessere animale 28 29

17 BOVINI E BUFALINI (segue) BOVINI E BUFALINI (segue) Mycobacterium paratuberculosis feci dna map test 7 rm-vt feci esame colturale 90 rm-vt organi dna map test 7 rm-vt organi esame colturale 90 rmvt organi ziehl neelsen 7 rm-lt-si-pi-gr-ar-ri-vt-fi latte dna map test 7 rm-vt latte esame colturale 90 rm-vt sangue/siero elisa per anticorpi 5 rm-si-pi-gr-fi-ri-vt sangue/siero agid 3 rm-gr-si Mycobacterium tuberculosis/bovis essudato/muco esame colturale 12 settimane rm-vt organi esame colturale 12 settimane rm-vt sangue con anticoagulante gamma-interferon 4 rm tampone diagnostico esame colturale 12 settimane rm-vt Mycoplasma spp. latte esame colturale 9 rm-lt-si-gr-fi-ar-ri-vt organi esame colturale 10 rm-lt-si-gr-fi-ar-ri-vt sangue/siero elisa per anticorpi 4 rm-ri tampone diagnostico esame colturale 10 rm-lt-si-gr-fi-ar-ri-vt Neospora spp. sangue/siero elisa per anticorpi 6 rm-ri Pasteurella spp. essudato/muco esame colturale 5 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Pestivirus feto e annessi pcr 10 rm organi pcr 10 rm Pi3 organi colture cellulari 15 rm sangue/siero elisa per anticorpi 12 rm tampone diagnostico colture cellulari 15 rm Pseudomonas aeruginosa essudato/muco esame colturale 5 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Rabbia cadavere/encefalo if antigene 7 rm cadavere/encefalo prova biologica 32 rm Rotavirus feci/intestino agglutinazione al lattice 12 rm feci/intestino elisa per antigene 18 rm feci/intestino microscopia elettronica 10 rm Salmonella spp. feci/tampone rettale esame colturale 5 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt feto e annessi esame colturale 5 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt sangue e altri fluidi biologici esame colturale 5 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Strongili polmonari feci baermann 4 rm-lt-pi-ar-ri-vt Toxoplasma spp. sangue/siero elisa 5 rm Trematodi feci sedimentazione 3 rm-lt-pi-gr-ar-ri-vt-fi Tritrichomonas foetus lavaggio prepuziale esame colturale 7 rm-lt-si-pi-fi-ar-vt-gr TSE tronco encefalico elisa per antigene 3 rm-fi tronco encefalico immunoistochimica 8 rm Virus resp. sinciziale bovino polmone colture cellulari 15 rm tampone diagnostico colture cellulari 15 rm Yersinia spp. feci esame colturale 4 settimane rm-lt-pi-gr-ar-ri-vt-fi organi esame colturale 4 settimane rm-lt-pi-gr-fi-ar-ri-vt CANIDI Adenovirus organi colture cellulari 15 rm tampone diagnostico colture cellulari 15 rm tampone diagnostico microscopia elettronica 10 rm sangue elisa sierologico (igg) 12 rm Agenti batterici prova quantitativa urine esame colturale 4 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri Agenti batterici patogeni feci/tampone rettale esame colturale 5 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt liquidi biologici esame colturale 5 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Agenti micotici patogeni feci esame colturale 10 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt liquidi biologici esame colturale 10 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt organi esame colturale 10 rm-lt-si-pi-gr-fi-aar-ri-vt tampone diagnostico esame colturale 10 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Analiti di chimica clinica urine prova chimico - fisica 3 rm Anaplasma phagocytophilum sangue/siero elisa per anticorpi 7 rm Antibiogramma isolato batterico diffusione in agar 3 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Bacillus anthracis organi esame microscopico 1 rm-lt-si-pi-gr-ar-ri-vt organi esame colturale 3 rm-lt-si-gr-ar-ri-vt sangue esame colturale 3 rm-lt-si-gr-ar-ri-vt sangue esame microscopico 1 rm-lt-si-pi-gr-ar-ri-vt Diagnostica: sanità e benessere animale 30 31

18 CANIDI (segue) CANIDI (segue) Bordetella bronchiseptica essudato/muco esame colturale 5 rm-lt-pi-gr-fi-ri organi esame colturale 5 rm-lt-pi-gr-fi-ar-ri tampone diagnostico esame colturale 5 rm-lt-pi-gr-fi-ri Borrelia spp. sangue/siero elisa per anticorpi 12 rm Brucella canis sangue/siero rbpt 5 rm-si-ar-ri-vt Brucella spp. feto e annessi esame colturale 15 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt latte esame colturale 4 settimane rm-lt-si-pi-gr-ar-ri-vt organi esame colturale 4 settimane rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt sangue con anticoagulante esame colturale 4 settimane rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt sangue/siero fdc 6 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt sangue/siero rbpt 3 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Clostridium spp. organi esame colturale 7 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt sangue esame colturale 7 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt C. perfringens+alfa-beta-epsilon-tossina feci/intestino elisa per antigene 8 rm-fi fluidi biologici elisa per antigene 8 rm-fi Campylobacter spp. feci esame colturale 5 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-vt organi esame colturale 5 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-vt Chlamydia spp. feci if diretta 3 rm-pi feci immunocromatografico rapido 3 rm-si-pi-gr-ri-fi feto e annessi if diretta 3 rm-pi feto e annessi immunocromatografico rapido 3 rm-si-pi-gr-ri-fi organi if diretta 3 rm-pi organi immunocromatografico rapido 3 rm-si-pi-gr-ri-fi sangue/siero fdc 6 rm-si tampone diagnostico if diretta 3 rm-pi tampone diagnostico immunocromatografico rapido 3 rm-si-pi-gr-ri-fi Cimurro liquido cefalo rachidiano sieroneutralizzazione 43 rm organi if antigene 9 rm sangue/siero sieroneutralizzazione 18 rm sangue/siero elisa (igm) 18 rm Coronavirus feci/intestino immunoelettromicroscopia 10 rm Dermatofiti cute e annessi cutanei esame colturale 15 rm-lt-gr-fi-ri-vt Dirofilaria immitissangue con anticoagulante knott 3 rm-pi-ar-ri sangue/siero elisa per anticorpi 6 rm Ectoparassiti cute e annessi cutanei esame microscopico 3 rm-lt-si-pi-gr-ar-ri-vt-fi Ehrlichia canis sangue/siero if indiretta (igg) 4 rm-lt-ar sangue/siero if indiretta (igm) 4 rm-ar Emoparassiti sangue con anticoagulante esame microscopico 3 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Enteroparassiti feci/intestino esame microscopico 2 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt feci flottazione 2 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Esame anatomo-patologico cadavere anatomo-patologica 3 rm-lt-pi-gr-fi-ar-ri-vt feto e annessi anatomo-patologica 3 rm-lt-pi-gr-fi-ar-ri-vt organi anatomo-patologica 3 rm-lt-pi-gr-fi-ar-ri-vt Esame citologico cute e annessi cutanei esame microscopico 4 rm-vt essudato/muco esame microscopico 4 rm-vt neoformazione esame microscopico 4 rm-vt Esame istologico neoformazione ematossilina - eosina 10 rm organi ematossilina - eosina 10 rm Escherichia coli (e.h.e.c., e.p.e.c.) feci/intestino esame colturale 5 rm-lt-pi-fi Herpesvirus feto e annessi colture cellulari 15 rm organi colture cellulari 15 rm tampone diagnostico colture cellulari 15 rm Klebsiella pneumoniae essudato/muco esame colturale 5 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt tampone diagnostico esame colturale 5 rm-lt-si-pi-gr-ar-ri-vt-fi Leishmania spp. Biopsia d'organo esame colturale 15 rm biopsia d'organo esame microscopico 4 rm-pi-fi organi esame microscopico 4 rm-pi-fi organi esame colturale 15 rm sangue/siero if indiretta (igg) 4 rm-lt-si-pi-fi-ar-vt sangue/siero if indiretta (igm) 4 rm Leptospira bratislava sangue/siero microagglut. In campo oscuro 12 rm Leptospira canicola sangue/siero microagglut. In campo oscuro 12 rm Leptospira copenhageni sangue/siero microagglut. In campo oscuro 12 rm Leptospira grippothyphosa sangue/siero microagglut. In campo oscuro 12 rm Leptospira hardjo sangue/siero microagglut. In campo oscuro 12 rm Leptospira icterohaemorrhagiae sangue/siero microagglut. In campo oscuro 12 rm Leptospira pomona sangue/siero microagglut. In campo oscuro 12 rm Leptospira saxkoebing sangue/siero microagglut. In campo oscuro 12 rm Diagnostica: sanità e benessere animale 32 33

19 CANIDI (segue) CANIDI (segue) Leptospira tarassovi sangue/siero microagglut. In campo oscuro 12 rm Listeria monocytogenes organi esame colturale 7 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Morbo d'aujeszkyencefalo colture cellulari 15 rm sangue/siero elisa per anticorpi ge deleto 18 rm Mycobacterium spp essudato/muco esame colturale 8 settimane rm-vt organi esame colturale 8 settimane rm-vt organi ziehl neelsen 3 rm-lt-pi-ar-vt-gr-fi tampone diagnostico esame colturale 8 settimane rm-vt Mycobacterium avium essudato/muco esame colturale 5 settimane rm-vt organi esame colturale 5 settimane rm-vt tampone diagnostico esame colturale 5 settimane rm-vt Mycobacterium tuberculosis/bovis essudato/muco esame colturale 12 settimane rm-vt organi esame colturale 12 settimane rm-vt tampone diagnostico esame colturale 12 settimane rm-vt Mycoplasma spp. organi esame colturale 10 rm-lt-si-gr-fi-ri-vt tampone diagnostico esame colturale 10 rm-lt-si-gr-fi-ri-vt Neospora spp. sangue/siero elisa per anticorpi 6 rm Papillomatosi neoformazioni cutanee microscopia elettronica 10 rm Parvovirus feci/intestino immunoelettromicroscopia 10 rm feci/intestino agglutinazione al lattice 12 rm organi colture cellulari 15 rm sangue elisa sierologico (igg) 12 rm Pasteurella spp. essudato/muco esame colturale 5 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt organi esame colturale 5 rm-lt-si-gr-fi-ar-ri-vt Pseudomonas aeruginosa essudato/muco esame colturale 5 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Rabbia cadavere/encefalo if antigene 7 rm cadavere/encefalo prova biologica 32 rm Rabbia - dosaggio anticorpi sangue/siero sieroneutralizzazione (favn) 19 rm Rickettsia gruppo sf sangue/siero if indiretta (igm) 6 rm sangue/siero if indiretta (igg) 6 rm Rotavirus feci/intestino agglutinazione al lattice 12 rm feci/intestino microscopia elettronica 10 rm Salmonella spp. Feci/tampone rettale esame colturale 5 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt feto e annessi esame colturale 5 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt sangue e altri fluidi biologici esame colturale 5 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Toxoplasma spp. sangue/siero if indiretta (igm) 5 rm sangue/siero if indiretta (igg) 5 rm Trypanosoma spp. sangue con anticoagulante esame microscopico 2 rm-pi-ar Yersinia spp. Feci esame colturale 5 rm-lt-pi-gr-fi-ar-ri-vt organi esame colturale 5 rm-lt-pi-gr-fi-ar-ri-vt CAPRINI Agenti mastidogeni latte esame colturale 4 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Agenti batterici - prova quantitativa urine esame colturale 4 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri Agenti batterici patogeni feci/tampone rettale esame colturale 5 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt feto e annessi esame colturale 7 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt liquidi biologici esame colturale 5 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Agenti micotici patogeni feci esame colturale 10 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt feto e annessi esame colturale 10 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt liquidi biologici esame colturale 10 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt organi esame colturale 10 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt tampone diagnostico esame colturale 10 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Analiti di chimica clinica urine prova chimico - fisica 3 rm Anaplasma phagocytophilum sangue/siero elisa per anticorpi 7 rm Antibiogramma isolato batterico diffusione in agar 3 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Artrite Enecefalite Caprina (caev) sangue/siero elisa sierologico 12 rm Diagnostica: sanità e benessere animale 34 35

20 CAPRINI (segue) CAPRINI (segue) Bacillus anthracis organi esame microscopico 1 rm-lt-si-pi-gr-ar-ri-vt-fi organi esame colturale 3 rm-lt-si-gr-ar-ri-vt-fi pelli per la trasformazione esame colturale 5 rm-lt-ar-ri-vt-fi sangue esame colturale 3 rm-lt-si-gr-fi-ar-ri-vt sangue esame microscopico 1 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Blue Tongue sangue con anticoagulante pcr 23 rm sangue/siero elisa per anticorpi 12 rm-lt-pi-gr-fi-ar-vt Border disease feto e annessi elisa per antigene 18 rm feto e annessi pcr 10 rm organi elisa per antigene 18 rm organi pcr 10 rm sangue/siero elisa per anticorpi 12 rm Brucella spp. feto e annessi esame colturale 15 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt latte esame colturale 4 settimane rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt organi esame colturale 4 settimne rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt sangue con anticoagulante esame colturale 4 settimane rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt sangue/siero fdc 6 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt sangue/siero rbpt 3 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Clostridium spp. organi esame colturale 7 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt sangue esame colturale 7 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt C. perfringens+alfa-beta-epsilon-tossina feci/intestino elisa per antigene 8 rm-fi fluidi biologici elisa per antigene 8 rm-fi Campylobacter spp. feci esame colturale 5 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt feto e annessi esame colturale 7 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt organi esame colturale 7 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Chlamydia spp. feci if diretta 3 rm-pi feci immunocromatografico rapido 3 rm-si-pi-gr-ri-fi feto e annessi if diretta 3 rm-pi feto e annessi immunocromatografico rapido 3 rm-si-pi-gr-ri-fi organi if diretta 3 rm-pi organi immunocromatografico rapido 3 rm-si-pi-gr-ri-fi sangue/siero elisa per anticorpi 6 rm-si-gr-fi-ar-vt tampone diagnostico if diretta 3 rm-pi tampone diagnostico immunocromatografico rapido 3 rm-si-pi-gr-ri-fi Coronavirus feci/intestino microscopia elettronica 10 rm Cryptosporidium feci/intestino elisa per antigene 4 rm-vt feci/intestino esame microscopico 4 rm-pi-ar-ri-vt Dermatofiti cute e annessi cutanei esame colturale 15 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Ectima contagiosocute e annessi cutanei microscopia elettronica 10 rm Ectoparassiti cute e annessi cutanei esame microscopico 3 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Emoparassiti sangue con anticoagulante esame microscopico 3 rm-lt-si-pi-gr-ar-ri-vt Enteroparassiti feci mc master 3 rm-si-pi-ar-ri-vt feci/intestino esame microscopico 2 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt feci flottazione 2 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Esame anatomo-patologico cadavere anatomo-patologica 3 rm-lt-pi-gr-fi-ar-ri-vt feto e annessi anatomo-patologica 3 rm-lt-pi-gr-ar-ri-vt organi anatomo-patologica 3 rm-lt-pi-gr-fi-ar-ri-vt Esame citologico cute e annessi cutanei esame microscopico 4 rm-gr-vt essudato/muco esame microscopico 4 rm-gr-vt neoformazione esame microscopico 4 rm-gr-vt Esame istologico neoformazione ematossilina - eosina 10 rm organi ematossilina - eosina 10 rm Escherichia coli (e.h.e.c., e.p.e.c., e.t.e.c.) feci/intestino esame colturale 5 rm-lt-pi Escherichia coli k99+ feci/intestino elisa per antigene 18 rm Febbre Q sangue/siero elisa 6 rm Herpesvirus feto e annessi colture cellulari 15 rm sangue/siero sieroneutralizzazione 18 rm tampone diagnostico colture cellulari 15 rm Klebsiella pneumoniae essudato/muco esame colturale 5 rm-lt-si-pi-gr-fi-ar-ri-vt Leptospira bratislava sangue/siero microagglut. In campo oscuro 12 rm Leptospira canicola sangue/siero microagglut. In campo oscuro 12 rm Leptospira copenhageni sangue/siero microagglut. In campo oscuro 12 rm Leptospira grippothyphosa sangue/siero microagglut. In campo oscuro 12 rm Leptospira hardjo sangue/siero microagglut. In campo oscuro 12 rm Leptospira icterohaemorrhagiae sangue/siero microagglut. in campo oscuro 12 rm Diagnostica: sanità e benessere animale 36 37

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971 INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971 Qualifica I Fascia Amministrazione ASL CASERTA (EX ASL 1 e 2) Incarico attuale Dirigente ASL I fascia - Unità Operativa Veterinaria

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Regolamento per la determinazione dei criteri per il calcolo del valore di mercato degli animali abbattuti

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Piano Nazionale riguardante il Controllo Ufficiale DeGLI ADDITIVI ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Paolo Stacchini Dipartimento di Sanità Pubblica veterinaria e Sicurezza Alimentare

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

NASCITA: DATA DI NASCITA: 11/08/'63 RESIDENZA: via Ugo Foscolo n 18-00040 Castel Gandolfo - (Rm) STATO CIVILE: Separato SERVIZIO

NASCITA: DATA DI NASCITA: 11/08/'63 RESIDENZA: via Ugo Foscolo n 18-00040 Castel Gandolfo - (Rm) STATO CIVILE: Separato SERVIZIO Via Ugo Foscolo 18 Castel Gandolfo - Marino - Roma Tel.: 3351572723 e-mail fbusico@inwind.it CURRICULUM VITAE DATI PERSONALI NOME: Fabio COGNOME: Busico LUOGO DI Roma NASCITA: DATA DI NASCITA: 11/08/'63

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 "Revisione del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 191, recante attuazione della direttiva 2002/98/CE che stabilisce norme di qualita' e di sicurezza per

Dettagli

CURRICULUM VITAE. alex.nanni1@gmail.com alex.nanni@auslrn.net Maschio 06 ottobre 1980 Novafeltria (PU)

CURRICULUM VITAE. alex.nanni1@gmail.com alex.nanni@auslrn.net Maschio 06 ottobre 1980 Novafeltria (PU) INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono E-mail Sesso Data e luogo di nascita Nazionalità ALEX NANNI alex.nanni1@gmail.com alex.nanni@auslrn.net Maschio 06 ottobre 1980 Novafeltria (PU) Italiana

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA ROMA

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA ROMA ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA ROMA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n..243. del 21.05.2013 OGGETTO: Elenco dei fornitori e dei prestatori di servizi di fiducia

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Corretta prassi e biosicurezza nell allevamento bovino A.R.A. Associazione Regionale Allevatori dell SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

ogni giorno in prima linea

ogni giorno in prima linea Servizio itosanitario Emilia-Romagna ogni giorno in prima linea proteggere le coltivazioni, le alberature, i parchi e le aree verdi dell'emilia-romagna da organismi nocivi fornire un supporto specialistico

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PROPOSTA TECNICA Genova, Giugno 2009 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO...4 2.1 LE NORME CONTRATTUALI... 4 2.2 LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE BLUE TONGUE INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PARTE 1 DATA DI COMPILAZIONE / / CODICE IDENTIFICATIVO DEL FOCOLAIO NOME E COGNOME DEL VETERINARIO (STAMPATELLO)

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api Dott Andrea Maroni Ponti Ufficio II Ministero della salute DGASAFV Malattie denunciabili

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Armonizzazione della documentazione. Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici

Armonizzazione della documentazione. Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici ACCREDIA L ente italiano di accreditamento Armonizzazione della documentazione dei Dipartimenti ACCREDIA Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici Adelina Leka - Funzionario

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

Prelievo e Trapianto di Cornee

Prelievo e Trapianto di Cornee Prelievo e Trapianto di Cornee Protocollo operativo Edizione giugno 2014 http://www.piemonte.airt.it/documenti/protocolli.html Regione Piemonte e Valle d Aosta Centro Regionale Trapianti Coordinamento

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G Avviso Avviso pubblico, per titoli e colloquio, per la copertura a tempo determinato di n. 12 posti di Dirigente medico - Area medica e delle specialità

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA OGGETTO DELIBERA N. 4 DEL 09/01/06 REG. CE N 1257/99 PIANO DI SVILUPPO RURALE - ANNUALITÀ 2006 - PRESA D`ATTO DELLE PREVISIONI FINANZIARIE DI PROVINCE E COMUNITÀ MONTANE

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

ALLEGATO DOC. 1 BOZZA DI LAVORO SCHEMA DI REGOLAMENTO ECM

ALLEGATO DOC. 1 BOZZA DI LAVORO SCHEMA DI REGOLAMENTO ECM ALLEGATO DOC. 1 BOZZA DI LAVORO SCHEMA DI REGOLAMENTO ECM (LA BOZZA DI LAVORO E STATA PREDISPOSTA DALLA SEGRETERIA SULLA BASE DEL DOCUMENTO CRITERI E MODALITA PER L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER E LA FORMAZIONE

Dettagli