DIPARTIMENTO DI BIOINGEGNERIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIPARTIMENTO DI BIOINGEGNERIA"

Transcript

1

2

3 DIPARTIMENTO DI BIOINGEGNERIA PERSONALE Capo Dipartimento Andrea REMUZZI, Dr.Ing. Laboratorio di Biofisica Renale Capo Laboratorio Daniela MACCONI, Dr.Sci.Biol. Laboratorio di Tecnologie Biomediche Capo Laboratorio Bogdan ENE-IORDACHE, Dr.Bio.Ing. Unità di Ingegneria dei Tessuti Capo Unità Marina FIGLIUZZI, Dr.Sci.Biol. 1

4 CURRICULA Andrea Remuzzi si è laureato in Ingegneria Meccanica (indirizzo Biomedico) nel 1979 presso il Politecnico di Milano. Attività formative: 1980 Politecnico di Milano, Dipartimento di Ingegneria Biomedica; 1981 Istituto Mario Negri (Milano), Laboratorio di Farmacologia Cardiovascolare; Massachussets Institute of Technology, Mechanical Engineering Department, Cambridge, USA. Aree di interesse: fenomeni di trasporto nei sistemi biologici, modelli matematici, fisiopatologia renale, risposta cellulare allo stimolo meccanico, ingegneria dei tessuti, tecniche di trapianto di isole pancreatiche, basi di dati clinici, fluidodinamica computazionale. Dal 1984 al 1986 Ricercatore Istituto Mario Negri (Bergamo), Laboratorio di malattie renali, Capo dell Unità di Bioingegneria, Istituto Mario Negri, Capo del Laboratorio di Bioingegneria, Istituto Mario Negri, Capo del Dipartimento di Ricerca Renale, Istituto Mario Negri, dal 2000 ad oggi Capo del Dipartimento di Bioingegneria, Istituto Mario Negri. Dal 1998 professore a contratto del Dipartimento di Bioingegneria, Politecnico di Milano. Principali pubblicazioni Davies PF, Remuzzi A, Gordon EJ, Dewey CF Jr, Gimbrone MA Jr. Turbulent fluid shear stress induces vascular endothelial cell turnover in vitro. Proc Natl Acad Sci U S A Apr;83(7): PMID: Remuzzi A, Puntorieri S, Battaglia C, Bertani T, Remuzzi G. Angiotensin converting enzyme inhibition ameliorates glomerular filtration of macromolecules and water and lessens glomerular injury in the rat. J Clin Invest Feb;85(2): PMID: Noris M, Morigi M, Donadelli R, Aiello S, Foppolo M, Todeschini M, Orisio S, Remuzzi G, Remuzzi A. Nitric oxide synthesis by cultured endothelial cells is modulated by flow conditions. Circ Res Apr;76(4): PMID: Giavazzi R, Foppolo M, Dossi R, Remuzzi A. Rolling and adhesion of human tumor cells on vascular endothelium under physiological flow conditions. J Clin Invest Dec;92(6): PMID: Antiga L, Ene-Iordache B, Remuzzi A. Computational geometry for patient-specific reconstruction and meshing of blood vessels from MR and CT angiography. IEEE Trans Med Imaging May;22(5): PMID: Remuzzi A, Gagliardini E, Sangalli F, Bonomelli M, Piccinelli M, Benigni A, Remuzzi G. ACE inhibition reduces glomerulosclerosis and regenerates glomerular tissue in a model of progressive renal disease. Kidney Int Apr;69(7): Daniela Macconi si è laureata in Scienze Biologiche nel 1983 presso l Università degli Studi di Milano. Attività formative: CNR, Sezione di Neuroscienze, Farmacologia Cellulare e Molecolare, Dipartimento di Farmacologia Medica, Università di Milano; Laboratorio della Divisione di Nefrologia e Dialisi Ospedali Riuniti di Bergamo; University of Michigan, Medical School, Department of Pathology, Medical Science I, Ann Arbor Michigan, USA; Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, Bergamo. Aree di interesse: permeabilità glomerulare, progressione della malattia renale, angiotensina II, specie reattive dell ossigeno. Ruoli: 2000 ad oggi Capo Laboratorio di Biofisica Renale, Dipartimento di Ingegneria Biomedica; Capo Unità dei Mediatori dell Infiammazione di Origine Leucocitaria; ricercatrice; borsista; borsista presso il Laboratorio della Divisione di Nefrologia e Dialisi Ospedali Riuniti di Bergamo Principali pubblicazioni Macconi D, Abbate M, Morigi M, Angioletti S, Mister M, Buelli S, Bonomelli M, Mundel P, Endlich K, Remuzzi A, Remuzzi G: Permselective dysfunction of podocyte-podocyte contact upon angiotensin II unravels the molecular target for renoprotective intervention. Am J Pathol.168: , Macconi D, Bonomelli M, Benigni A, Plati T, Sangalli F, Longaretti L, Conti S, Kawachi H, Hill P, Remuzzi G, Remuzzi A. Pathophysiologic implications of reduced podocyte number in a rat model of progressive glomerular injury. Am J Pathol.168:42-54, Ruiz-Torres MP, Casiraghi F, Galbusera M, Macconi D, Gastoldi S, Todeschini M, Porrati F, Belotti D, Pogliani EM, Noris M, Remuzzi G: Complement activation: the missing link between ADAMTS-13 deficiency and microvascular thrombosis of thrombotic microangiopathies. Thromb Haemost. 93:443-52, Galbusera M, Buelli S, Gastoldi S, Macconi D, Angioletti S, Testa C, Remuzzi G, Morigi M: Activation of porcine endothelium in response to xenogeneic serum causes thrombosis independently of platelet activation. Xenotransplantation. 12:110-20, Morigi M, Macconi D, Zoja C, Donadelli R, Buelli S, Zanchi C, Ghilardi M, Remuzzi G: Protein overload-induced NFkappaB activation in proximal tubular cells requires H(2)O(2) through a PKC-dependent pathway. J Am Soc Nephrol. 13: ,

5 Macconi D, Ghilardi M, Bonassi ME, Mohamed EI, Abbate M, Colombi F, Remuzzi G, Remuzzi A: Effect of angiotensin-converting enzyme inhibition on glomerular basement membrane permeability and distribution of zonula occludens-1 in MWF rats. J Am Soc Nephrol 11:477-89, Bogdan Ene-Iordache si è laureato in Ingegneria Meccanica nel 1990 presso l Istituto di Petrolio e Gas di Ploiesti (Romania). Dopo una breve esperienza in una raffineria di petrolio, in 1992 emigra in Italia. Inizia la sua esperienza al Negri-Bergamo nel marzo 1992 come Visiting Scientist nel Laboratorio di Bioingegneria condotto da Andrea Remuzzi. Le sue principali attività sono nella ricerca renale (modelli teorici della filtrazione delle membrana glomerulare e analisi morfometrica del capillare glomerulare, analisi emodinamica e remodeling nelle fistole artero-venose per l accesso vascolare dei pazienti in dialisi) e nell ambito degli studi clinici controllati (data management e analisi per gli studi clinici controllati svolti nel Centro Aldo e Cele Daccò ). Inoltre, sta coordinando le attività di supporto alla rete informatica e i siti web del Centro Aldo e Cele Daccò. Sta collaborando per informatica applicata all attività clinica con lo staff delle Unità di Nefrologia, Diabetologia ed Ematologia degli Ospedali Riuniti. Sotto la sua supervisione si sono formati negli anni alcuni giovani studenti del Politecnico di Milano, in tesi o in stage, e dal 2003 ha l incarico di insegnamento per i corsi di Formazione Professionale della Regione Lombardia. All inizio del 2000 è diventato capo del Laboratorio di Tecnologie Biomediche creato all interno dell appena nato Dipartimento di Bioingegneria. Principali pubblicazioni Ene-Iordache B, Imberti O, Foglieni O, Remuzzi G, Bertani T and Remuzzi A. Effects of angiotensin-converting enzyme inhibition on glomerular capillary wall ultrastructure in MWF/Ztm rats. J Am Soc Nephrol 5: , Ene-Iordache B and Remuzzi A. Numerical analysis of blood flow in reconstructed glomerular capillary segments. Microvasc Res 49: 1-11, Remuzzi A and Ene-Iordache B. Capillary network structure does not affect theoretical analysis of glomerular size selectivity. Am J Physiol 268: F972-F979, Ene-Iordache B, Mosconi L, Remuzzi G, Remuzzi A. Computational fluid dynamics of a vascular access case for hemodialysis. J Biomech Eng 123(3): , Ene-Iordache B, Mosconi L, Antiga L, Bruno S, Anghileri A, Remuzzi G, Remuzzi A. Radial artery remodeling in response to shear stress increase within arteriovenous fistula for hemodialysis access. Endothelium 10(2): , Ruggenenti P, Fassi A, Ilieva AP, Bruno S, Iliev IP, Brusegan V, Rubis N, Gherardi G, Arnoldi F, Ganeva M, Ene- Iordache B, Gaspari F, Perna A, Bossi A, Trevisan R, Dodesini AR, Remuzzi G for the Bergamo Nephrologic Diabetes Complications Trial (BENEDICT) Investigators. Preventing microalbuminuria in type 2 diabetes. NEJM 351(19): , Marina Figliuzzi si è laureata in Scienze Biologiche nel 1991 presso l Università degli Studi di Milano. Attività formative: Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, Bergamo. Aree di interesse: tecniche di isolamento di isole pancreatiche da pancreas umano, bovino, di maiale e di ratto, colture cellulari, sistemi di immunoisolamento per isole pancreatiche, differenziazione di cellule progenitrici del pancreas in cellule che contengono insulina, tecniche di immunoistochimica. Ruoli: 2000 ad oggi, Capo Unità di Ingegneria dei Tessuti, Dipartimento di Ingegneria Biomedica; borsista. Principali pubblicazioni Figliuzzi M, Cornolti R, Plati T, Rajan N, Adobati F, Remuzzi G, Remuzzi A: Subcutaneous xenotransplantation of bovine pancreatic islets. Biomaterials. 26: , Figliuzzi M, Zappella S, Morigi M, Rossi P, Marchetti P, Remuzzi A: Influence of donor age on bovine pancreatic islet isolation. Transplantation. 70: , 2000 Morigi M, Micheletti G, Figliuzzi M, Imberti B, Karmali MA, Remuzzi A, Remuzzi G, Zoja C. Verotoxin-1 promotes leukocyte adhesion to cultured endothelial cells under physiologic flow conditions. Blood.: , Zoja C, Morigi M, Figliuzzi M, Bruzzi I, Oldroyd S, Benigni A, Ronco P, Remuzzi G. Proximal tubular cell synthesis and secretion of endothelin-1 on challenge with albumin and other proteins. Am J Kidney Dis.26: , Morigi M, Zoja C, Figliuzzi M, Foppolo M, Micheletti G, Bontempelli M, Saronni M, Remuzzi G, Remuzzi A. Fluid shear stress modulates surface expression of adhesion molecules by endothelial cells. Blood. 85: , Morigi M, Zoja C, Figliuzzi M, Remuzzi G, Remuzzi A. Supernatant of endothelial cells exposed to laminar flow inhibits mesangial cell proliferation. Am J Physiol. 264:C1080-3,

6 INTRODUZIONE ALLE ATTIVITA' DEL DIPARTIMENTO L'attività di ricerca del Dipartimento di Bioingegneria si basa sull'impiego di tecniche ingegneristiche per lo studio di processi fisiopatologici e lo sviluppo di strategie terapeutiche innovative. Sono attualmente attive all'interno del Dipartimento diverse linee di ricerca, sia a livello di base che di ricerca applicata. I principali strumenti utilizzati per queste ricerche consistono in modelli teorici, immagini diagnostiche, analisi istologiche, misure dirette di parametri fisico-chimici sia a livello sperimentale che clinico, tecniche di coltura cellulare e tecnologie informatiche per l'archiviazione e l'analisi dei dati. Gli studi in corso afferiscono a quattro settori della ricerca biomedica: lo studio dei meccanismi coinvolti nella progressione del danno renale nelle nefropatie croniche, studi sull'emodinamica in campo vascolare, lo sviluppo di tecniche di laboratorio per l'ingegneria dei tessuti e lo sviluppo di sistemi informativi dedicati alla gestione di dati clinici generati sia nell'ambito dei trial clinici che nella pratica clinica convenzionale. SCOPERTE/RISULTATI PRINCIPALI Messa a punto di nuovi metodi di calcolo automatico per la ricostruzione tridimensionale di aneurismi cerebrali mediante angiografia rotazionale. Dimostrazione di una relazione significativa tra parametri morfometrici del parenchima renale e la perdita di funzione renale in pazienti affetti da malattia del rene policistico. Valutazione della precisione di una nuova tecnica per la ricostruzione non invasiva, mediante immagini RM degli accessi vascolari per l'emodialisi. Dimostrazione dell'effettiva riduzione della sclerosi glomerulare e della ripopolazione di podociti glomerulari mediante antagonismo dell angiotensina II in un modello sperimentale di nefropatia cronica progressiva. Modulazione delle proteine di giunzione delle cellule epiteliali glomerulari da parte dell angiotensina II. Messa a punto di un nuovo metodo per la coltura in vitro di tessuti tridimensionali. COLLABORAZIONI NAZIONALI Dipartimento di Bioingegneria, Politecnico di Milano, Milano. Fidia Advanced Biopolymers, Abano Terme, Padova. Istituto di Fisiologia Clinica CNR, Pisa. Tecnobiomedica, Roma. Unità di Anatomia Patologica, Ospedale San Paolo, Milano. Unità di Diabetologia, Ospedali Riuniti, Bergamo. Ospedale Niguarda, Milano. 4

7 COLLABORAZIONI INTERNAZIONALI Massachussetts Institute of Technology, Cambridge MA, USA. National Alliance for Medical Imaging Computing, USA. Politecnico Federale di Zurigo, Dept. of Material Science, Zurich. Institute of Nephrology, Dept. of Cell Biology, Niigata University Graduate School of Medical and Dental Sciences. University of Toronto, Ontario, Canada. Ghent University, Ghent, Belgium. Technical University, Eindhoven, The Netherlands. University Hospital, Maastricht, The Netherlands. Centre Européen d Etudes du Diabètes, Strasburg, France PRESENZA IN COMITATI EDITORIALI Drugs of Today (Andrea Remuzzi) International Journal of Artificial Organs (Andrea Remuzzi) ATTIVITA' DI REVISIONE Kidney International Journal of the American Society of Nephrology American Journal of Physiology Renal Physiology Physiological Reviewes Medical & Biological Engineering & Computing IEEE Transactions on Medical Imaging IEEE Transactions on Biomedical Ingeneering Medical Physics Journal of Biomechanics Medical Engineering and Physics Artificial Organs International Journal of Artificial Organs Biomaterials Contemporary Clinical Trials 5

8 ORGANIZZAZIONE DI EVENTI Seminario: Perdita delle proprietà selettive del podocita indotta da Angiotensina II, 31 Gennaio, Ranica, Bergamo Seminario: Imaging vascular access: a pre- and post- operative approach, 2 Febbraio, Ranica, Bergamo Seminario: Regressione della glomerulosclerosi e rigenerazione del tessuto glomerulare in un modello di malattia renale progressiva, 17 Febbraio, Ranica, Bergamo Seminario: Diffusion e perfusion cerebrale nelle lesioni ischemiche, 23 Febbraio, Ranica, Bergamo Seminario: Evoluzione temporale della geometria della biforcazione carotidea ed implicazioni per lo sviluppo di aterosclerosi, 16 Marzo, Ranica, Bergamo Seminario: Analisi geometrica dei vasi cerebrali: applicazione allo studio degli aneurismi cerebrali, 20 Aprile, Ranica, Bergamo Seminario: Sviluppo di algoritmi per il post-processing in simulazioni CFD. Applicazione alla emodinamica computazionale degli aneurismi cerebrali, 8 Maggio, Ranica, Bergamo Seminario: Effetti del condizionamento biochimico e meccanico su costrutti vascolari ingegnerizzati, 15 Maggio, Ranica, Bergamo Corso: Corso di formazione in elaborazione digitale delle immagini per la medicina, Giugno, Ranica, Bergamo Meeting annuale: FP6 UE BARP+ - Development of a bioartificial pancreas for type I diabetic patients. PNR Luglio, Bergamo Seminario: Implementazione di uno strumento per la gestione e l analisi di dati clinici finalizzato al monitoraggio delle patologie nefrovascolari nei paesi in via di sviluppo, 20 Settembre, Ranica, Bergamo Seminario: Introduzione alla risonanza magnetica: presentazione cd, 22 Settembre, Ranica, Bergamo Seminario: Sviluppo di una metodologia per l'analisi della concatenazione genica (linkage) mediante data retrieval ed elaborazione multiallelica, 11 Ottobre, Ranica, Bergamo Seminario: Valutazione di 2 metodiche di coltura dinamica per costrutti vascolari ingegnerizzati, 7 Dicembre, Ranica, Bergamo Seminario: Sviluppo e sperimentazione di un dispositivo da laboratorio per la misura del consumo di ossigeno di cellule in coltura, 15 Dicembre, Ranica, Bergamo 6

9 PARTECIPAZIONE AD EVENTI CON CONTRIBUTI DEL DIPARTIMENTO 3rd International Symposium on Modelling of Physiological Fluids, Ranica (BG), Italia, Hemodynamics and cerebral aneurysms: the role of geometry. 5th World Congress of Biomechanics, Monaco, Germania, Flow instability in a failed brachiocephalic graft for hemodialysis: a computational study. 5th World Congress of Biomechanics, Monaco, Germania. Geometric intra-subject variability of arm vessels assessed by MRA: a challenge for quantification and modeling of the vascular access for hemodialysis. 5th World Congress of Biomechanics, Monaco, Germania. Computational geometric analysis of cerebral aneurysms and their parent vasculature from CRA. 5th World Congress of Biomechanics, Monaco, Germania. Influence of siphon bends on the flow patterns of the internal carotid artery: implications for the study of aneurysm development. 5th World Congress of Biomechanics, Monaco, Germania. Statistical and numerical investigations of cerebral aneurysms' morphology and haemodynamics. ISMRM 14th Scientific Meeting, Seattle, Washington, USA. Numerical simulation of MRI using unstructured grids. CSCBC 2006, Kingston, Ontario, Canada, Marzo Towards a new framework for simulating magnetic resonance imaging. Annual meeting of the American Society of Nephrology, San Diego, USA, Novembre ACE inhibition induced regression of glomerular lesions in spontaneously proteinuric rats is associated with icreased number of podocytes.. 25 th Workshop of the AIDIPIT Study Group, Pisa, Italia Febbraio Xenotransplantation of microencapsulated bovine pancreatic islets. CONTRIBUTI E CONTRATTI Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica Fondazione San Paolo Progetti di Ricerca FP6 UE - "BARP+ - Development of a bioartificial pancreas for type I diabetic patients". PNR Progetto di Ricerca FP6 UE-STEPS "A system approach to tissue engineering products and processes". FP

10 SELEZIONE PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE APPARSE NELL'ANNO 2006 Antiga L, Piccinelli M, Fasolini G, Ene-Iordache B, Ondei P, Bruno S, Remuzzi G and Remuzzi A. Computed tomography evaluation of ADPKD progression: a progress report. Clin J Am Soc Nephrol 1: , Arrigoni C, Camozzi D, Imberti B, Mantero S, Remuzzi A. The effect of sodium ascorbate on the mechanical properties of hyaluronan-based vascular constructs. Biomaterials 2006; 27: Arrigoni C, Camozzi D, Remuzzi A. Vascular tissue engineering Cell Transplant 2006; 15 Suppl 1: S119-S125. Dodesini AR, Lepore G, Neotti C, Ene-Iordache B, Remuzzi A and Trevisan R. Blood pressure and lipids in an Italian outpatient cohort of type 2 diabetic patients: comparison with the general population. Nutrition, Metabolism & Cardiovascular Diseases, 16(6): e1-e3, Figliuzzi M, Plati T, Cornolti R, Adobati F, Fagiani A, Rossi L, Remuzzi G, Remuzzi A. Biocompatibility and function of microencapsulated pancreatic islets. Acta Biomater Mar;2(2): Macconi D, Bonomelli M, Benigni A, Plati T, Sangalli F, Longaretti L, Conti S, Kawachi H, Hill P, Remuzzi G, Remuzzi A. Pathophysiologic implications of reduced podocyte number in a rat model of progressive glomerular injury. Am J Pathol 2006; 168: Macconi D, Abbate M, Morigi M, Angioletti S, Mister M, Buelli S, Bonomelli M, Mundel P, Endlich K, Remuzzi A, Remuzzi G. Permselective dysfunction of podocyte-podocyte contact upon angiotensin II unravels the molecular target for renoprotective intervention. Am J Pathol Apr;168(4): Morigi M, Buelli S, Zanchi C, Longaretti L, Macconi D, Benigni A, Moioli D, Remuzzi G, Zoja C. Shigatoxininduced endothelin-1 expression in cultured podocytes autocrinally mediates actin remodeling. Am J Pathol Dec;169(6): Moyle KR, Antiga L and Steinman DA. Inlet conditions for image-based CFD models: is it reasonable to assume fully-developed flow? Journal of Biomechanical Engineering, 128(3), Jun Remuzzi A, Gagliardini E, Sangalli F, Bonomelli M, Piccinelli M, Benigni A, Remuzzi G. ACE inhibition reduces glomerulosclerosis and regenerates glomerular tissue in a model of progressive renal disease. Kidney Int 2006; 69: Remuzzi G, Benigni A, Remuzzi A. Mechanisms of progression and regression of renal lesions of chronic nephropathies and diabetes. J Clin Invest Feb;116(2): Ruggenenti P, Perna A, Ganeva M, Ene-Iordache B and Remuzzi G. Impact of Blood Pressure Control and Angiotensin-Converting Enzyme Inhibitor Therapy on New-Onset Microalbuminuria in Type 2 Diabetes: a Post Hoc Analysis of the BENEDICT Trial. J Am Soc Nephrol 17: , Ruggenenti P, Ene-Iordache B, Remuzzi G. Excellent survival using kidney transplants from older donors Diabetic Microvascular Complications Today, March/April

11 ATTIVITA' DI RICERCA Laboratorio di Biofisica Renale Ricostruzione tridimensionale della rete capillare glomerulare Abbiamo recentemente dimostrato che l inibizione dell angiotensina II non solo rallenta la progressione della malattia renale, ma può indurre anche parziale regressione delle lesioni glomerulari. Per quantificare esattamente il grado di regressione delle lesioni sclerotiche e la possibile rigenerazione del capillare glomerulare indotta dalla terapia con inibitori dell enzima di conversione dell angiotensina (ACE), stiamo sviluppando tecniche di ricostruzione tridimensionale dei tessuti (3D). La struttura del capillare glomerulare permette di concentrare in un piccolo spazio una rete capillare in grado di filtrare efficacemente l'acqua plasmatica e trattenere le proteine circolanti. La valutazione delle alterazioni strutturali del capillare viene effettuata convenzionalmente mediante sezioni osservate al microscopio ottico o elettronico. Alterazioni della struttura tridimensionale della rete capillare possono influenzare in modo importante la funzione del capillare e il flusso ematico nei segmenti del capillare. Per studiare nel dettaglio la struttura di questo tessuto stiamo impiegando tecniche di microscopia basate su serie di sezioni seriate ed elaborazione digitale per la ricostruzione 3D. Come difendere il rene dall insulto dell angiotensina II agendo sui meccanismi molecolari che regolano il contatto podocita-podocita Il trattamento con farmaci che bloccano l angiotensina II (Ang II) migliora la funzione della barriera glomerulare rallentando la progressione del danno verso l insufficienza renale. I meccanismi molecolari di questa protezione non sono chiari. I podociti e, in particolare, le giunzioni intercellulari che li uniscono sono i componenti fondamentali della barriera glomerulare. Il citoscheletro svolge un ruolo fondamentale nel regolare sia la struttura che la funzione del podocita. I nostri studi condotti in vitro in podociti murini hanno permesso di stabilire che l Ang II riorganizza le fibre di actina del citoscheletro e causa la ridistribuzione della proteina zonula occludens-1 (ZO-1), un componente fondamentale della giunzione intercellulare podocita-podocita, che è associata all actina. La perdita del contatto podocitapodocita, aumenta il passaggio dell albumina attraverso il monostrato cellulare. La jasplakinolide, un farmaco che stabilizza l actina, previene sia la ridistribuzione della ZO-1 che la perdita di albumina suggerendo che la riorganizzazione del citoscheletro è strumentale per l alterata funzione del podocita. Esperimenti condotti in reni isolati e perfusi di ratto hanno confermato che la proteinuria indotta dall infusione di Ang II si associa ad alterazioni nella distribuzione glomerulare delle fibre di actina e della proteina ZO-1. Abbiamo dimostrato che gli effetti in vitro dell Ang II sono mediati dall attivazione del recettore di tipo1 attraverso segnali intracellulari quali le Src chinasi (tirosin chinasi non recettoriali) e la fosfolipasi C. I risultati di questo studio suggeriscono che interventi mirati a stabilizzare il contatto podocitapodocita o a bloccare messaggeri intracellulari deputati alla traduzione del segnale che segue l attivazione del recettore dell Ang II sono cruciali per proteggere il rene. Abbiamo dimostrato che nei ratti MWF lo sviluppo di proteinuria spontanea è associata a marcate alterazioni nella distribuzione glomerulare della proteina ZO-1 e che il trattamento con inibitori dell enzima di conversione dell angiotensina (ACE), che bloccano la sintesi di Ang II, previene la proteinuria preservando la corretta distribuzione della ZO-1 nelle giunzioni tra podocita e podocita. (In collaborazione con il Dipartimento di Medicina Molecolare). 9

12 La regressione del danno glomerulare indotta dagli inibitori dell enzima di conversione dell angiotensina (ACE) in un modello di nefropatia cronica si associa a un aumento del numero dei podociti glomerulari Numerosi studi sperimentali e clinici hanno evidenziato nelle perdita dei podociti glomerulari la causa dello sviluppo della glomerulosclerosi e della progressiva perdita della funzione renale. In questo contesto il nostro gruppo ha recentemente dimostrato, in un modello sperimentale di danno glomerulare spontaneo (ratti MWF), che la progressiva riduzione del numero di podociti, associata a ipertrofia glomerulare, causa la perdita di funzione del podocita stesso che determina massiva proteinuria e, a lungo termine, danno renale. Attraverso la ricostruzione tridimensionale della matassa del capillare glomerulare abbiamo anche documentato che il trattamento dei ratti MWF con l ACE inibitore è in grado di far regredire il danno renale e rigenerare il capillare glomerulare. Sulla base di queste scoperte abbiamo voluto studiare se la protezione e la riparazione del glomerulo indotta dall ACE inibitore fosse legata alla capacità del farmaco di modulare il numero di podociti glomerulari. Abbiamo quindi studiato gli animali a 40 settimane, età in cui sviluppano proteinuria elevata e glomerulosclerosi, e dopo 20 settimane di osservazione senza o con trattamento con l ACE inibitore Lisinopril. Un gruppo aggiuntivo di ratti Wistar di 40 settimane è stato utilizzato come controllo. I podociti sono stati identificati come cellule WT1 positive con una tecnica di immunofluorescenza e il loro numero, insieme al volume glomerulare, occupato o non dalla sclerosi, determinato mediante morfometria digitale. I risultati dello studio hanno confermato che il trattamento ritardato con alte dosi di Lisinopril oltre ad avere un effetto anti-ipertensivo, induce regressione della proteinuria e delle lesioni sclerotiche e stabilizza la funzione renale. Riduce inoltre significativamente l ipertrofia glomerulare. Il dato nuovo e del tutto inaspettato è l effetto dell ACE inibitore sul numero di podociti: non solo blocca la perdita progressiva di podociti che si osserva da 40 a 60 settimane d età, ma aumenta il numero di podociti per glomerulo al di sopra dei valori basali. Sono in corso degli studi per individuare I meccanismi che sottendono a questo fenomeno e in particolare se l aumento del numero di podociti dipende dalla proliferazione delle stesse cellule adulte o se i nuovi podociti derivano da progenitori renali o derivanti da cellule staminali del midollo. 10

13 Laboratorio di Tecnologie Biomediche Sviluppo di sistemi computerizzati per la realizzazione di Studi Clinici Controllati Nel Centro di Ricerche Cliniche per le Malattie Rare Aldo e Cele Daccò sono in corso numerosi studi clinici in collaborazione con altri gruppi di ricerca nazionali o internazionali. Queste ricerche devono essere svolte secondo le linee guida GCP (Good Clinical Practice) e richiedono un alta qualità nella raccolta e nella gestione dei dati clinici. Ogni trial clinico richiede dei case report form (CRF) cartacei per la registrazione dei dati. Tali dati devono essere poi archiviati in maniera elettronica in database appositamente predisposti. Nel nostro laboratorio abbiamo realizzato sistemi di raccolta dati per gli studi clinici, utilizzando database relazionali (RDBMS) e sviluppato programmi finalizzati all elaborazione, validazione e all estrazione dei dati per l analisi statistica. Nell ambito dello studio DEMAND è stato realizzato un sistema innovativo di raccolta dati usando CRF elettronici anziché cartacei. Il sistema è basato sull utilizzo di computer portatili in dotazione agli investigatori e permette di evitare l uso della modulistica cartacea. Recentemente abbiamo messo in funzione un applicazione di supporto per lo staff bio-medico coinvolto nel processo di isolamento di isole pancreatiche umane e il successivo trapianto nel paziente diabetico. Questa applicazione utilizza l interfaccio Web, in modo da poter facilitare l accesso del personale sia da Intranet (laboratori interni all Istituto) che da Internet (NIT, Ospedali Riuniti di Bergamo). KDDC - il centro di coordinamento e raccolta dati per i programmi di prevenzione delle patologie nefro-vascolari nei paesi in via di sviluppo Le malattie renali croniche si stanno rivelando una nuova minaccia a livello globale. La diffusione e l incidenza di queste patologie nei paesi in via di sviluppo non sono note, e questo rappresenta un ostacolo all adozione di misure preventive, l unica speranza per il futuro di questi paesi, considerando che la dialisi non è accessibile alla maggior parte della popolazione per i suoi costi elevati. La Società Internazionale di Nefrologia (ISN) attraverso la Commission for Global Advancement of Nephrology (COMGAN) ha costituito un gruppo di ricerca rivolto specificatamente ad affrontare le problematiche della prevenzione delle malattie renali nei paesi in via di sviluppo. Il coordinamento del gruppo e dei programmi di intervento è stato affidato all Istituto Mario Negri di Bergamo e ha sede presso il Centro di Ricerche Cliniche per Aldo e Cele Daccò di Ranica. L obiettivo generale del progetto è la definizione di programmi in paesi emergenti per identificare soggetti a rischio di sviluppare malattie renali nel corso della loro vita, così da definire una strategia di prevenzione su scala nazionale attraverso l intervento a livello governativo e finanziario dei Ministeri della Salute locali. Il centro di raccolta dati the Kidney Disease Data Center KDDC costituito preso il nostro Laboratorio ha implementato uno strumento informatico che permetta la raccolta facile (via e- mail) dei dati clinici provenienti dai diversi paesi, e poi di effettuare analisi statistiche in modo da ottenere report affidabili da sottoporre all attenzione del personale medico. Abbiamo già raccolto dati dai centri partecipanti di Moldova, Bolivia, Nepal e Cina, mentre altri paesi si stanno attivando per iniziare il programma (Marocco, Mongolia, Mozambico, Messico, Argentina). Sarà quindi possibile monitorare l andamento del programma nei vari centri coinvolti, mettendo in luce le necessità e le peculiarità dei singoli paesi. Ricostruzione tridimensionale e simulazione emodinamica di segmenti vascolari da indagini CT e MR L'evidenza che le placche aterosclerotiche si formano principalmente nelle ramificazioni del circolo arterioso ha portato a ipotizzare che condizioni emodinamiche "disturbate" favoriscano l'insorgenza dell'aterosclerosi. Inoltre, è stato evidenziato come anche l'iperplasia intimale, 11

14 causa di fallimento di graft e fistole arterovenose, sia localizzata in corrispondenza di zone con emodinamica complessa. Analogamente, studi sulla formazione, sulla localizzazione e sulla crescita degli aneurismi cerebrali inducono a considerare l'emodinamica come un importante fattore nello sviluppo della patologia. Data l'influenza della forma del vaso sull'emodinamica, è importante disporre di metodi accurati e veloci di ricostruzione geometrica. Le tecniche angiografiche moderne, come la tomografia assiale computerizzata (CT) e la risonanza magnetica (MR), permettono di ottenere informazioni dettagliate sulla struttura dei vasi. Nel nostro laboratorio abbiamo sviluppato tecniche per la ricostruzione tridimensionale, l'analisi geometrica, la generazione di griglie computazionali e la simulazione fluidodinamica di tratti vascolari da angiografie CT e MR. Le immagini CT e MR, trasferite dalle apparecchiature di acquisizione su calcolatore, vengono processate con algoritmi di modellazione per generare superfici tridimensionali che riproducono l'interfaccia tra parete vascolare e lume del vaso. L'accuratezza della ricostruzione è stata validata sperimentalmente. Sui modelli generati vengono poi effettuate misure accurate utilizzando algoritmi di geometria computazionale. I segmenti vascolari studiati hanno riguardato principalmente gli aneurismi cerebrali, fistole arterovenose e i loop graft per emodialisi. Le patologie indagate sono state l'aterosclerosi, l'iperplasia intimale, la formazione di aneurismi cerebrali e l'arterite di Takayasu, una malattia rara a carico del sistema vascolare. Quantificazione di strutture anatomiche da indagini CT e MR L'introduzione nella clinica di tecniche di imaging non invasive e tridimensionali, come la tomografia assiale computerizzata (CT) e la risonanza magnetica (MR), ha fornito la possibilità di analizzare la struttura anatomica di organi con elevato dettaglio. La non-invasività di tali tecniche permette di estendere l'osservazione a popolazioni di pazienti seguiti nel tempo. La valutazione dell'evolvere di patologie o dell'efficacia di trattamenti richiede spesso una quantificazione della morfologia delle strutture indagate che non può essere svolta unicamente a livello visivo. Abbiamo quindi sviluppato tecniche di quantificazione basate su immagini dotate di alta accuratezza e riproducibilità. Esse sono in corso di applicazione su pazienti affetti da rene policistico (autosomal dominant polycystic kidney disease, ADPKD) volto a testare l'efficacia e la sicurezza di alcuni trattamenti. I volumi del rene e delle sue principali componenti tessutali (cisti e parenchima) sono stati quantificati a partire da immagini CT o RM. Sviluppo di un dispositivo per il trapianto di isole pancreatiche immunoisolate Il trapianto di isole pancreatiche immunoisolate è una valida strategia per il trattamento del diabete insulino-dipendente perché le isole possono garantire un appropriata produzione di insulina e i sistemi di immunoisolamento sono in grado di prevenire il rigetto perché impermeabili alle cellule del sistema immunitario dell ospite. Nei nostri laboratori abbiamo sviluppato due sistemi di immunoisolamento per il trapianto di isole pancreatiche di origine bovina in ratti diabetici. Un sistema è costituito da un dispositivo di fibre cave affiancate parallelamente con una geometria piana che ne facilita l impianto sottocute sul dorso e il recupero. I risultati dei trapianti con i dispositivi hanno dimostrato che le isole contenute nel dispositivo sono vitali e funzionanti per un periodo di tempo di circa 20 giorni e la membrana garantisce un immunoprotezione alle isole bovine. Il secondo sistema è costituito da microcapsule di alginato, un polisaccaride derivante dalle alghe che è in grado di proteggere le isole dall attacco del sistema immunitario. Le microcapsule sono state impiantate nella cavità peritoneale di ratti diabetici. Le microcapsule contenenti isole bovine normalizzano i livelli di glucosio nel sangue per diverse settimane. Per valutare se la perdita di funzionalità delle isole contenute nei sistemi di immunoisolamento utilizzati è dovuta ad una scarsa ossigenazione, abbiamo studiato il consumo di ossigeno da parte delle isole pancreatiche all interno dei dispositivi confrontandolo con il consumo di ossigeno da parte di isole libere. I risultati hanno dimostrato che i dispositivi permettono un adeguata diffusione dell ossigeno. Gli obiettivi che 12

15 ci proponiamo sono quelli di migliorare la funzionalità dei dispositivi valutando nuove fibre con porosità maggiore che consentano una maggiore durata dei dispositivi a fibre cave e di ottimizzare i trapianti con le microcapsule valutando le condizioni ottimali per ridurre il numero di isole da trapiantare. Programma di trapianto di isole pancreatiche nel paziente diabetico insulino-dipendente Recenti studi clinici hanno dimostrato che il trapianto di isole pancreatiche in pazienti diabetici può indurre la normoglicemia evitando la somministrazione di insulina e i frequenti controlli della glicemia richiesti dal trattamento convenzionale. Questo tipo di trapianto è molto efficace se viene impiantato un numero sufficiente di isole pancreatiche. Un numero di circa isole equivalenti/kg del ricevente è necessario per raggiungere l indipendenza dall insulina, anche se sono necessari due o più trapianti per raggiungere una tale numerosità. La nostra ricerca è stata quindi finalizzata al miglioramento delle tecniche di isolamento e purificazione per ottenere il maggior numero di isole da un solo pancreas umano. Abbiamo introdotto un sistema che ci permette di mantenere l organo ad una temperatura controllata di 4 C per tutta la durata della pulizia dell organo e un sistema per perfondere il pancreas con l enzima di digestione ad una pressione controllata per evitare traumi al tessuto pancreatico. Per valutare la vitalità delle isole ottenute e quindi avere una stima precisa del numero di isole vitali che si trapianteranno utilizziamo sostanze fluorescenti, in grado di colorare di verde il citoplasma della cellula viva e di rosso il nucleo delle cellule morte. Grazie poi all analisi al microscopio confocale siamo in grado di quantificare le cellule vive o morte nelle isole. Obiettivo dei prossimi mesi è quello di valutare le condizioni migliori per il mantenimento in coltura del materiale cellulare per uso clinico. Differenziazione di cellule del pancreas precursori delle cellule beta Il diabete di tipo I è caratterizzato da distruzione autoimmnune delle cellule beta delle isole pancreatiche, con conseguente deficit di insulina e completa dipendenza dalla somministrazione di insulina esogena. La cura per il diabete di tipo I viene dal trapianto di nuove cellule beta, ma questa procedura risente della scarsità di donazioni di pancreas rispetto ai potenziali riceventi. Nei nostri laboratori abbiamo studiato la metodica per sviluppare beta-cellule sostitutive a partire da cellule progenitrici contenute nel tessuto esocrino o presenti nelle isole pancreatiche di origine bovina o di ratto. Le cellule ottenute contenenti insulina sono poche rispetto alle cellule beta contenute nelle isole pancreatiche. L obiettivo che ci proponiamo è quello di aumentare la quantità di cellule differenziate sviluppando nuove strategie per selezionare le cellule progenitrici del pancreas. Trapianto di isole pancreatiche in modelli singenici e allogenici Studi recenti hanno dimostrato che il trapianto delle isole pancreatiche può essere un alternativa efficace e più sicura al trapianto di pancreas. Nei nostri laboratori abbiamo sviluppato la metodica di isolamento di isole pancreatiche di ratto che consiste nella digestione enzimatica del pancreas e successiva purificazione. Le isole così ottenute sono trapiantate sotto la capsula renale di ratti resi diabetici con singola iniezione di streptozotocina. Utilizziamo due modelli di trapianto: singenico e allogenico. Nel trapianto singenico ratti fratelli vengono utilizzati come donatore e ricevente. In questo modello le isole trapiantate inducono nel ricevente una condizione di normoglicemia che si mantiene per mesi. Nel trapianto allogenico il donatore e il ricevente sono di ceppo differente e il trapianto delle isole sotto la capsula renale induce condizioni di normoglicemia, mantenute per lungo tempo grazie anche alla somministrazione di Ciclosporina come farmaco immunosoppressore. La messa a punto di queste tecniche ha lo scopo di sviluppare nuove strategie atte ad aumentare la sopravvivenza e la funzionalità delle isole pancreatiche. 13

16 Ingegneria del tessuto vascolare Le protesi vascolari artificiali possono essere impiegate nei pazienti solo se di calibro superiore a sei millimetri. Protesi artificiali di calibro inferiore sono soggette ad elevato rischio trombotico. Per questo motivo si sta cercando di sviluppare in laboratorio un sostituto vascolare biologico bioartificiale, ossia una protesi realizzata con le tecniche dell'ingegneria dei tessuti. Nei nostri laboratori sono in corso ricerche basate sull'utilizzo di una matrice di acido ialuronico esterificato come materiale biodegradabile per la generazione di costrutti vascolari. Abbiamo definito le condizioni di coltura e di semina sia di cellule muscolari lisce che di cellule mesenchimali del midollo. Per ottenere un adeguato condizionamento del costrutto tubolare abbiamo realizzato un nuovo tipo di bioreattore a rotazione che permette di coltivare la protesi bioartificiali in modo semplice ma efficace permettendo di limitare l apoptosi e favorire la deposizione di matrice. 14

CURRICULUM VITAE. Ariela Benigni. Biol.Sci.D., Ph.D.

CURRICULUM VITAE. Ariela Benigni. Biol.Sci.D., Ph.D. CURRICULUM VITAE Ariela Benigni Biol.Sci.D., Ph.D. Dati Personali: Nome: Ariela Benigni Data e luogo di nascita: 16 Dicembre, 1955 - Bergamo Cittadinanza: Italiana Tel. 035 42131 E-mail: ariela.benigni@marionegri.it

Dettagli

BANDI DI RICERCA ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLA SOCIETA ITALIANA DI NEFROLOGIA (Expression of interest) SEZIONE 1

BANDI DI RICERCA ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLA SOCIETA ITALIANA DI NEFROLOGIA (Expression of interest) SEZIONE 1 BANDI DI RICERCA ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLA SOCIETA ITALIANA DI NEFROLOGIA (Expression of interest) SEZIONE 1 1.1. RICERCATORE DEL PROPONENTE Nome: Ariela Cognome: Benigni Nata a: Bergamo il: 16/12/1955

Dettagli

IL FUTURO DEI TRAPIANTI NELLE CELLULE STAMINALI E NELLA CHIRURGIA RIGENERATIVA

IL FUTURO DEI TRAPIANTI NELLE CELLULE STAMINALI E NELLA CHIRURGIA RIGENERATIVA IL FUTURO DEI TRAPIANTI NELLE CELLULE STAMINALI E NELLA CHIRURGIA RIGENERATIVA Intervento del professor Carlo Umberto Casciani, commissario straordinario dell Agenzia Regionale del Lazio per i Trapianti

Dettagli

Cellule staminali e ricostruzione d'organo

Cellule staminali e ricostruzione d'organo Cellule staminali e ricostruzione d'organo Marina Morigi, Barbara Imberti Laboratorio Biologia Cellulare e Xenotrapianto, NegriBergamo Il trapianto d organo spesso rappresenta l unica scelta terapeutica

Dettagli

Competenze Laboratori (Med-CHHAB)

Competenze Laboratori (Med-CHHAB) Competenze Laboratori (Med-CHHAB) Asse Portante Tematiche Campi d azione Servizi offerti Applicazioni Polimeri Biocompatibili Preparazione e caratterizzazione chimicofisica di materiali polimerici biocompatibili

Dettagli

DIABETE diabete tipo 1 (DM1)

DIABETE diabete tipo 1 (DM1) DIABETE In questo ambito le attività di ricerca attualmente in corso nel Dipartimento sono finalizzate allo studio dei meccanismi eziopatogenetici alla base della malattia diabetica che rappresenta sempre

Dettagli

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza AVIS NAZIONALE/REGIONALE MARCHE Ancona, 31 Ottobre 2008 Il Sistema Trasfusionale tra necessità e disponibilità Le cellule staminali: una risorsa..una speranza Prof.ssa Gabriella Girelli Sapienza Università

Dettagli

Alterazioni vascolari: nuove metodologie di studio e nuovi farmaci

Alterazioni vascolari: nuove metodologie di studio e nuovi farmaci Alterazioni vascolari: nuove metodologie di studio e nuovi farmaci Lorenzo Ghiadoni, Agostino Virdis, Stefano Taddei Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Università di Pisa The Cardiovascular

Dettagli

Cellule staminali. inal GmbH SWISS BIOTECHNOLOGY. dal tuo tessuto adiposo. Salute Benessere Bellezza

Cellule staminali. inal GmbH SWISS BIOTECHNOLOGY. dal tuo tessuto adiposo. Salute Benessere Bellezza Cellule staminali dal tuo tessuto adiposo Crea la tua riserva di cellule staminali adulte non espanse per Salute Benessere Bellezza inal GmbH persona per la quale è previsto l utilizzo in non espanse,

Dettagli

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni Insufficienza renale e diabete Molte informazioni Maurizio Gallieni U.O. Nefrologia e Dialisi A.O. Ospedale San Carlo Borromeo, Milano Medscape 21/9/2012 ASN September 2012 examine the relationship of

Dettagli

DIPARTIMENTO DI BIOINGEGNERIA

DIPARTIMENTO DI BIOINGEGNERIA DIPARTIMENTO DI BIOINGEGNERIA PERSONALE Capo Dipartimento Andrea REMUZZI, Dr.Ing. Laboratorio di Biofisica Renale Capo Laboratorio Daniela MACCONI, Dr.Sci.Biol. Laboratorio di Tecnologie Biomediche Capo

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Differenziamento cellulare

Differenziamento cellulare Differenziamento cellulare Differenziamento: acquisizione progressiva di nuove caratteristiche che porta a tipi cellulari specifici (es cell muscolari, neuroni,.) Dopo la fecondazione lo zigote va incontro

Dettagli

LA RICERCA SCIENTIFICA IN MEDICINA

LA RICERCA SCIENTIFICA IN MEDICINA Associazione Culturale Micene 1 Congresso Nazionale Evoluzione della Scienza e della Tecnica LA RICERCA SCIENTIFICA IN MEDICINA Dr. Federico Selvaggi Università degli Studi G. d Annunzio Chieti/Pescara

Dettagli

STUDIO SUL FABBISOGNO DI CELLULE E TESSUTI NEL LAZIO E SULLA FATTIBILITÀ DI UN LABORATORIO GMP (GOOD MANUFACTURING PRACTICE) A ROMA.

STUDIO SUL FABBISOGNO DI CELLULE E TESSUTI NEL LAZIO E SULLA FATTIBILITÀ DI UN LABORATORIO GMP (GOOD MANUFACTURING PRACTICE) A ROMA. STUDIO SUL FABBISOGNO DI CELLULE E TESSUTI NEL LAZIO E SULLA FATTIBILITÀ DI UN LABORATORIO GMP (GOOD MANUFACTURING PRACTICE) A ROMA Sintesi Roma, 25 luglio 2013 Con l espressione Medicina Rigenerativa

Dettagli

Medicina rigenerativa e Nanomateriali

Medicina rigenerativa e Nanomateriali Medicina rigenerativa e Nanomateriali Paolo Milani Dipartimento di Fisica dell'università di Milano Focus Medicina Rigenerativa e Nanomateriali Definizione di Medicina Rigenerativa La Medicina Rigenerativa

Dettagli

Luglio 1976 Laurea in Medicina e Chirurgia - Università di Pisa, Votazione 110/110 e lode.

Luglio 1976 Laurea in Medicina e Chirurgia - Università di Pisa, Votazione 110/110 e lode. DATI PERSONALI Generalità complete Mario Carmellini Nascita: 7 Giugno 1951, Pisa Stato civile: Coniugato ( 2 figlie ed 1 figlio) Cittadinanza: Italiana Indirizzo Via del Fosso, 10 53100 Siena Lingue straniere:

Dettagli

FOTO [eventuale] anna.solini@med.unipi.it. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Università di Pisa, Pisa

FOTO [eventuale] anna.solini@med.unipi.it. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Università di Pisa, Pisa CURRICULUM VITAE FOTO [eventuale] INFORMAZIONI PERSONALI Nome SOLINI, Anna Indirizzo Via Santa Maria 49 56126 Pisa Italia Cellulare (+ 39) 339.3477197 Telefono (+ 39) 050.993482 Fax (+ 39) 050.553235 E-mail

Dettagli

Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri. Centro di Ricerche Cliniche per le Malattie Rare. Aldo e Cele Daccò

Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri. Centro di Ricerche Cliniche per le Malattie Rare. Aldo e Cele Daccò Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Centro di Ricerche Cliniche per le Malattie Rare Aldo e Cele Daccò INTRODUZIONE La diagnostica con ultrasuoni entra nella pratica medica alla metà degli

Dettagli

CORSO DI Ph.D. (Dottorato di Ricerca) SPECIALISTA IN RICERCA FARMACOLOGICA TECNICO IN RICERCA BIOCHIMICA

CORSO DI Ph.D. (Dottorato di Ricerca) SPECIALISTA IN RICERCA FARMACOLOGICA TECNICO IN RICERCA BIOCHIMICA La CORSO DI Ph.D. (Dottorato di Ricerca) SPECIALISTA IN RICERCA FARMACOLOGICA TECNICO IN RICERCA BIOCHIMICA La Formazione al Mario Negri L Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri è un organizzazione

Dettagli

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015 Servizi di Ricerca a Terzi Luglio 2015 Chi siamo Vera Salus Ricerca S.r.l. (VSR) è una target discovery biotech company che mette a disposizione le proprie competenze e la propria strumentazione in qualità

Dettagli

Laboratorio di Biofisica Renale. Laboratorio di Tecnologie Biomediche. Unità di Ingegneria dei Tessuti. Marina FIGLIUZZI, Dr.Sci.Biol.

Laboratorio di Biofisica Renale. Laboratorio di Tecnologie Biomediche. Unità di Ingegneria dei Tessuti. Marina FIGLIUZZI, Dr.Sci.Biol. D I P A R T I M E N T O D I B I O I N G E G N E R I A P E R S O N A L E Capo Dipartimento Andrea REMUZZI, Dr.Ing. Laboratorio di Biofisica Renale Capo Laboratorio Daniela MACCONI, Dr.Sci.Biol. Laboratorio

Dettagli

Obiettivo: tutelare sempre il diritto della madre a conservare il proprio sangue del cordone ombelicale per uso autologo e al tempo stesso garantire

Obiettivo: tutelare sempre il diritto della madre a conservare il proprio sangue del cordone ombelicale per uso autologo e al tempo stesso garantire Obiettivo: tutelare sempre il diritto della madre a conservare il proprio sangue del cordone ombelicale per uso autologo e al tempo stesso garantire la possibilità di donare tale sangue per uso allogenico

Dettagli

INTRODUZIONE CORSO DI ECOGRAFIA E ECO-COLOR-DOPPLER RENALE

INTRODUZIONE CORSO DI ECOGRAFIA E ECO-COLOR-DOPPLER RENALE INTRODUZIONE La diagnostica con ultrasuoni entra nella pratica medica alla metà degli anni settanta. Da allora ai giorni nostri abbiamo assistito ad una rapidissima evoluzione tecnologica che ha consentito

Dettagli

Nome Mario Marazzi Cavaliere al Merito della Repubblica italiana. mario.marazzi@ospedaleniguarda.it. ITALIANA 01 Febbraio 1951 a Lodi (LO)

Nome Mario Marazzi Cavaliere al Merito della Repubblica italiana. mario.marazzi@ospedaleniguarda.it. ITALIANA 01 Febbraio 1951 a Lodi (LO) F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Mario Marazzi Cavaliere al Merito della Repubblica italiana Indirizzo Azienda Ospedaliera Niguarda Ca Granda

Dettagli

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Aggiornato il 6 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA...

Dettagli

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo Esperto in processi innovativi di sintesi biomolecolare applicata a tecniche di epigenetica Materiale Didattico Biologia applicata alla ricerca bio-medica immagine Docente: Di Bernardo MEDICINA RIGENERATIVA

Dettagli

EPITHELIAL TO MESENCHYMAL TRANSITION (EMT) IN DEVELOPMENT AND DISEASES. Cristina Valacca 18 Maggio 2012

EPITHELIAL TO MESENCHYMAL TRANSITION (EMT) IN DEVELOPMENT AND DISEASES. Cristina Valacca 18 Maggio 2012 EPITHELIAL TO MESENCHYMAL TRANSITION (EMT) IN DEVELOPMENT AND DISEASES Cristina Valacca 18 Maggio 2012 DEFINIZIONE L'EMT è un processo biologico che consente a una cellula epiteliale di iniziare numerosi

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

IL RUOLO DEL DATA MANAGER

IL RUOLO DEL DATA MANAGER Bergamo, 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche. Nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca IL RUOLO DEL DATA MANAGER Dr Maria Luisa Ferrari Ematologia

Dettagli

RIVELLESE ANGELA ALBAROSA Via G. Miranda n. 22, 80131 Napoli, Italia. rivelles@unina.it. Università degli Studi Federico II, Napoli

RIVELLESE ANGELA ALBAROSA Via G. Miranda n. 22, 80131 Napoli, Italia. rivelles@unina.it. Università degli Studi Federico II, Napoli F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo RIVELLESE ANGELA ALBAROSA Via G. Miranda n. 22, 80131 Napoli, Italia Telefono 39-081-7462154 Fax 39-081-5466152 E-mail rivelles@unina.it

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree in Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9)

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree in Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9) La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 202-203. Per ulteriori informazioni si rimanda al numero telefonico : 032 660 63 Sig.ra Stefania Perasso. Corso

Dettagli

Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente

Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica: l alternativa alla chirurgia Negli ultimi venti anni la Radiologia Interventistica si è guadagnato il prezioso ruolo

Dettagli

Dr.ssa CRISTINA BIANCHI. A.) Curriculum vitae et studiorum B.) Curriculum attività didattica C.) Curriculum attività scientifica

Dr.ssa CRISTINA BIANCHI. A.) Curriculum vitae et studiorum B.) Curriculum attività didattica C.) Curriculum attività scientifica Dr.ssa CRISTINA BIANCHI A.) Curriculum vitae et studiorum B.) Curriculum attività didattica C.) Curriculum attività scientifica A. CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Nome: Cristina Bianchi Luogo e data di nascita:

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 360. Istituzione del diploma di specializzazione in neuroradiologia

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 360. Istituzione del diploma di specializzazione in neuroradiologia Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 360 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BIANCHI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 6 MAGGIO 2008 Istituzione del diploma di specializzazione in neuroradiologia

Dettagli

30.000 DONAZIONI, 10.000 UNITÀ, 500 TRAPIANTI: 20 ANNI DELLA MILANO CORD BLOOD BANK

30.000 DONAZIONI, 10.000 UNITÀ, 500 TRAPIANTI: 20 ANNI DELLA MILANO CORD BLOOD BANK UNA VITA CHE NASCE RIGENERA LA VITA 30.000 DONAZIONI, 10.000 UNITÀ, 500 TRAPIANTI: 20 ANNI DELLA MILANO CORD BLOOD BANK 8 giugno 2013 ore 9.00 Auditorium del Palazzo dei Congressi Provincia di Milano Via

Dettagli

silvia.natalucci@est.asi.it 2007-oggi Agenzia Spaziale Italiana Assegnista di ricerca con mansioni di

silvia.natalucci@est.asi.it 2007-oggi Agenzia Spaziale Italiana Assegnista di ricerca con mansioni di Curriculum Vitae Informazioni personali Nome Cognome Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero Telefonico dell ufficio Fax dell ufficio E-mail istituzionale Silvia Natalucci Assegnista di Ricerca

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree magistrali in biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9)

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree magistrali in biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9) La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 00-0. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Scienze Biomediche. Cattedra di Ematologia Centro Trapianti Midollo Osseo

Dipartimento Medicina Interna e Scienze Biomediche. Cattedra di Ematologia Centro Trapianti Midollo Osseo Nome ed Indirizzo Mangoni Marcellina ( Lina) Via Ruggero da Parma 3 43100 Parma Qualifica professionale Prof. Associato II Fascia Med /15 Dipartimento Medicina Interna e Scienze Biomediche Cattedra di

Dettagli

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta I TRAPIANTI - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta facilmente ad amplificazione e distorsione da parte dei mass-media. - Per trapianto si intende la

Dettagli

NANOTECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CURA DEL CERVELLO

NANOTECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CURA DEL CERVELLO NANOTECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CURA DEL CERVELLO Tre punti chiave: 1. POTENZIALE DELLE NANOTECNOLOGIE IN AMBITO DIAGNOSTICO E TERAPEUTICO 2. COSA INTENDIAMO PER NANOMEDICINA 3. COME SVILUPPARE NANOFARMACI

Dettagli

FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE

FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE Roma, 14 aprile 2015 TERAPIE CELLULARI Giuseppina Bonanno Pol. A. Gemelli Università Cattolica Sacro Cuore

Dettagli

in diabetologia Costruzione della evidence-based medicine 11 Aprile 2013 Fondazione IRCCS Ca Granda - Ospedale Maggiore Policlinico, Milano

in diabetologia Costruzione della evidence-based medicine 11 Aprile 2013 Fondazione IRCCS Ca Granda - Ospedale Maggiore Policlinico, Milano Regione Lombardia Costruzione della evidence-based medicine in diabetologia 11 Aprile 2013 Fondazione IRCCS Ca Granda - Ospedale Maggiore Policlinico, Milano Razionale La cura del diabete di tipo 2 si

Dettagli

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4 Anemia e nefropatia Stadi 1 4 Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L iniziativa della National Kidney Foundation (NKF-KDOQI ) sviluppa linee

Dettagli

Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente

Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Distrofia dei cingoli Le diverse distrofie dipendono da mutazioni

Dettagli

ADHD, DAT ed autoimmunità: un possibile marker diagnostico e un innovativo target per il trattamento. Relatore Prof.

ADHD, DAT ed autoimmunità: un possibile marker diagnostico e un innovativo target per il trattamento. Relatore Prof. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Neuropsichiatria Infantile Direttore Prof. Paolo Curatolo ADHD, DAT ed autoimmunità: un possibile

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

Dalla Diagnostica per Immagini all Imaging Molecolare

Dalla Diagnostica per Immagini all Imaging Molecolare Dalla Diagnostica per Immagini all Imaging Molecolare L imaging Molecolare è l insieme di metodiche che consentono di ottenere contemporaneamente informazioni morfologiche e funzionali per la caratterizzazione

Dettagli

Ricerca. si cura meglio dove si fa ricerca

Ricerca. si cura meglio dove si fa ricerca Ricerca si cura meglio dove si fa ricerca Si cura meglio dove si fa ricerca Il grande impegno del Centro CARDIOLOGICO Monzino nella ricerca permette di ottenere risultati che tempestivamente possono essere

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza ITI ENRICO MEDI Programmazione Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza L insegnamento di Igiene, Anatomia, Fisiologia e Patologia, in particolare, vuol far acquisire agli alunni:

Dettagli

Tecnologie per lo studio. delle cellule staminali

Tecnologie per lo studio. delle cellule staminali Tecnologie per lo studio delle cellule staminali Dr.ssa Annalisa Buffo Università degli Studi di Torino Dipartimento di Neuroscienze Introduzione: come smascherare le cellule staminali Le cellule staminali

Dettagli

Le tecnologie: schede tecniche

Le tecnologie: schede tecniche Le tecnologie: schede tecniche Il nuovo reparto di Radioterapia del Polo Oncologico Businco e Microcitemico di Cagliari si configura come un sistema altamente integrato per l implementazione di tecniche

Dettagli

Le staminali del cordone ombelicale aiutano i nostri reni

Le staminali del cordone ombelicale aiutano i nostri reni Le staminali del cordone ombelicale aiutano i nostri reni 02/10/2010 Seul (Corea del Sud) Una biologa italiana molto giovane (classe '80) ha ricevuto un importante riconoscimento per le sue fondamentali

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Consegue la Maturità Scientifica nell anno 1989 presso il Liceo Scientifico L. Da Vinci di Crema.

CURRICULUM VITAE. Consegue la Maturità Scientifica nell anno 1989 presso il Liceo Scientifico L. Da Vinci di Crema. CURRICULUM VITAE ELIANA ROVEDA Ricercatore Confermato in Scienze Tecniche Mediche Applicate - MED 50 Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di

Dettagli

Morte encefalica e mantenimento del Donor: l importanza del fattore tempo.

Morte encefalica e mantenimento del Donor: l importanza del fattore tempo. Morte encefalica e mantenimento del Donor: l importanza del fattore tempo. Sara Tomasini, Maria Concetta Lanza, Matteo Vincenzi, Massimo Neri, Marco Zanello* U.O.C. Anestesia e Rianimazione, IRCCS delle

Dettagli

RICERCA SCIENTIFICA NEL MEDITERRANEO. Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica

RICERCA SCIENTIFICA NEL MEDITERRANEO. Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica RICERCA SCIENTIFICA NEL MEDITERRANEO Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica Un nuovo distretto biotecnologico di livello internazionale nell'italia meridionale Salvatore Pasta, Ricercatore

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Medicina e Chirurgia LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Il Corso di Laurea Magistrale

Dettagli

Andamento della pressione

Andamento della pressione Il gradiente pressorio per la circolazione sanguigna è generato dalla pompa del cuore Vasi di trasporto veloce a bassa resistenza Vasi di resistenza Vasi di capacitanza Legge di Poiseuille: P = GS x R

Dettagli

PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE

PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE Segnali d allarme Gran parte delle malattie renali si possono comportare come killer silenziosi : operano indisturbate, senza sintomi, per anni e, quando i loro effetti si

Dettagli

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16 MASTER DEGREE IN MOLECULAR AND MEDICAL BIOTECHNOLOGY AA 2015/16 Classe LM-9 - Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche Come iscriversi Il Corso di Studio è ad accesso non programmato Accesso

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Ariano Rosario Telefono +390372405389 Fax +390372405382 E-mail r.ariano@ospedale.cremona.it Nazionalità italiana Data di nascita 29

Dettagli

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale)

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale) Scuola di specializzazione in Oncologia Medica Denominazione (denominazione in inglese) Area Sotto-area (solo per l area dei servizi clinici) Classe Obiettivi formativi e descrizione (da indicare quelli

Dettagli

Indirizzo Biomedica: Il ruolo

Indirizzo Biomedica: Il ruolo Indirizzo Biomedica: Il ruolo Sviluppare metodi quantitativi per l'analisi dei sistemi biologici metodi di acquisizione ed elaborazione di dati e segnali biomedici metodi di elaborazione di immagini biologiche

Dettagli

LA NUOVA TECNOLOGIA DI TERAPIA AD ONDE MILLIMETRICHE AKTom

LA NUOVA TECNOLOGIA DI TERAPIA AD ONDE MILLIMETRICHE AKTom LA NUOVA TECNOLOGIA DI TERAPIA AD ONDE MILLIMETRICHE AKTom per il trattamento integrato di qualsiasi disturbo fisico e psicologico Da 30 anni la terapia MMW EHF è studiata in Russia sulla base di centinaia

Dettagli

Silvia Pisaneschi, MD, PhD

Silvia Pisaneschi, MD, PhD FETO-PLACENTAL ENDOTHELIAL DYSFUNCTION DURING FETAL GROWTH RESTRICTION AS PRENATAL DETERMINANT OF CARDIOVASCULAR DISEASES LATER IN LIFE Silvia Pisaneschi, MD, PhD F.A.L. STRIGINI, M.D., A. M. SANCHEZ,

Dettagli

Raccolta di dati clinici, elaborazione di immagini TC e PC-MRI e analisi dei risultati di simulazioni CFD all interno del progetto icardiocloud

Raccolta di dati clinici, elaborazione di immagini TC e PC-MRI e analisi dei risultati di simulazioni CFD all interno del progetto icardiocloud Università degli studi di Pavia Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Corso di laurea in Bioingegneria Raccolta di dati clinici, elaborazione di immagini TC e PC-MRI e analisi dei

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79.

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79. CURRICULUM VITAE Dottor SERRANO FRANCESCO nato a Melito P.S. (RC) il 09-04-1960 abitante a Siderno M. in via Fiume 64 RC Cell. 348-9041758. e mail: serranofrancesco çyahoo,it Dal 01.10.1999 a tutt oggi,

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI DEFINIZIONE DI CELLULA STAMINALE Le cellule staminali si caratterizzano per le loro capacità biologiche. Capacità di automantenimento: sono in grado

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz Microangiopatia Trombotica Definizione Condizione patologica caratterizzata da: anemia emolitica, microangiopatia trombotica, trombocitopenia, manifestazioni polidistrettuali 1) Sindrome emolitico-uremica

Dettagli

finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria

finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria Genova 17 novembre 2009 Seminario finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria dott. Cristina Grandi dott. Michela Ferlenghi finanziamenti pubblici, ministeriali

Dettagli

PIANO DI STUDI. Biologia applicata agli studi medici 6. Genetica medica 5. Storia della medicina 2

PIANO DI STUDI. Biologia applicata agli studi medici 6. Genetica medica 5. Storia della medicina 2 PIANO DI STUDI Laurea Magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia (DM 70/04) LM-4 DENOMINAZIONE Primo anno di corso Biologia, genetica e scienze umane Biologia applicata agli studi medici 6 Genetica

Dettagli

Percorso assistenziale del paziente diabetico con insufficienza renale: ruolo del Nefrologo

Percorso assistenziale del paziente diabetico con insufficienza renale: ruolo del Nefrologo Percorso assistenziale del paziente diabetico con insufficienza renale: ruolo del Nefrologo Convegno Regionale AMD-SID Bologna 6 Novembre 2009 Marco Ricardi UO Nefrologia e Dialisi Ospedale Guglielmo da

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

Sanita': al via primo master italiano sulla valutazione delle tecnologie

Sanita': al via primo master italiano sulla valutazione delle tecnologie Sanita': al via primo master italiano sulla valutazione delle tecnologie Roma, 24 mar. -I metodi per misurare l efficacia delle tecnologie in sanità - Health Technology Assessment (Hta) - approdano all'università

Dettagli

LA NEFROPATIA DIABETICA

LA NEFROPATIA DIABETICA Università degli Studi di Catania LA NEFROPATIA DIABETICA Docente di Nefrologia corso di laurea e Sc. Spec nefrologia Definizione: Per Diabete mellito si intende un gruppo di patologie metaboliche caratterizzate

Dettagli

Ilaria Lista C U R R I C U L U M V I T A E E T S T U D I O R U M

Ilaria Lista C U R R I C U L U M V I T A E E T S T U D I O R U M Ilaria Lista C U R R I C U L U M V I T A E E T S T U D I O R U M 1998: 2002: 2003: TITOLI DI STUDIO si iscrive all'istituto Superiore di Educazione Fisica di Napoli. Durante il corso di studi è eletta

Dettagli

SPECIALE. Italian Health Policy Brief. Sintesi con commento

SPECIALE. Italian Health Policy Brief. Sintesi con commento Italian Health Policy Brief SPECIALE marzo 2012 Italian Health Policy Brief Due nuove classi di farmaci per il trattamento del diabete tipo 2: differenze farmacologiche e cliniche Sintesi con commento

Dettagli

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV ADULTS AND CHILDREN ESTIMATED TO BE LIVING WITH HIV/AIDS,

Dettagli

Muscoli cresciuti in laboratorio: pezzi di ricambio per tessuti danneggiati?

Muscoli cresciuti in laboratorio: pezzi di ricambio per tessuti danneggiati? Muscoli cresciuti in laboratorio: pezzi di ricambio per tessuti danneggiati? Costruito in laboratorio un tessuto capace di rimpiazzare il muscolo deteriorato e recuperarne la funzionalità persa a causa

Dettagli

VALE ORO: TESSUTO ADIPOSO

VALE ORO: TESSUTO ADIPOSO VALE ORO: TESSUTO ADIPOSO AGE CONTROL La nuova dimensione Salute Benessere Bellezza CELLULE STAMINALI DAL TESSUTO ADIPOSO - 2 - Salute, agilità fisica, fitness mentale e gioia di vivere CELLULE STAMINALI

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

CELLULE STAMINALI DA TESSUTO ADULTO

CELLULE STAMINALI DA TESSUTO ADULTO FONDAZIONE INIZIATIVE ZOOPROFILATTICHE E ZOOTECNICHE BRESCIA ASSOCIAZIONE ITALIANA COLTURE CELLULARI-ONLUS (ITALIAN BRANCH OF THE EUROPEAN TISSUE CULTURE SOCIETY) CENTRO SUBSTRATI CELLULARI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO

Dettagli

XIII Congresso Nazionale della Società Italiana di Emaferesi e Manipolazione Cellulare. Inibitori dell Enzima di Conversione

XIII Congresso Nazionale della Società Italiana di Emaferesi e Manipolazione Cellulare. Inibitori dell Enzima di Conversione XIII Congresso Nazionale della Società Italiana di Emaferesi e Manipolazione Cellulare Inibitori dell Enzima di Conversione dell Angiotensina (ACEi) e Aferesi Produttiva Maurizio Soli Servizio di Immunoematologia

Dettagli

Premio 2012 - Italia. Bioingegneria e staminali: idee per la vita. Regolamento

Premio 2012 - Italia. Bioingegneria e staminali: idee per la vita. Regolamento Premio 2012 - Italia Bioingegneria e staminali: idee per la vita Regolamento I/ Contesto Fondata nel giugno 1996, la Fondazione d Impresa Altran per l Innovazione (di seguito Fondazione ) mira a sostenere,

Dettagli

,>3"4$25:654?#4$@4:$#8$:#@6:3$948$A#3%6:9#3$

,>34$25:654?#4$@4:$#8$:#@6:3$948$A#3%6:9#3$ !"##$%&'()*++&$,-./&'-0*$1*00-$23%#4567$#568#6,6$9#$:#%4:%;4$%6:9#3"62%386:#$3"4$25:654?#4$@4:$#8$:#@6:3$948$A#3%6:9#3$?B$#A@6:653$@CB9$$ %:#D$E$>'/F*)+/GH$&I$,-J0*+$K*1*)/L&$##$ ##5M%:#DN%*'G*)$I&)$61F-'L*1$D/&O-G*)/-0+$I&)$;*-0GC$%-)*$

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE GINECOLOGICO-OSTETRICHE E SCIENZE UROLOGICHE CURRICULUM DIDATTICO-SCIENTIFICO-ASSISTENZIALE DEL PROF. ANNA RITA D ANGELO

DIPARTIMENTO DI SCIENZE GINECOLOGICO-OSTETRICHE E SCIENZE UROLOGICHE CURRICULUM DIDATTICO-SCIENTIFICO-ASSISTENZIALE DEL PROF. ANNA RITA D ANGELO DIPARTIMENTO DI SCIENZE GINECOLOGICO-OSTETRICHE E SCIENZE UROLOGICHE CURRICULUM DIDATTICO-SCIENTIFICO-ASSISTENZIALE DEL PROF. ANNA RITA D ANGELO DATI PERSONALI Nome e Cognome Annarita D Angelo Luogo e

Dettagli

Colture cellulari Modelli in vitro applicati alla nutrizione

Colture cellulari Modelli in vitro applicati alla nutrizione Colture cellulari Modelli in vitro applicati alla nutrizione ESEMPI: Valutazione dell attività biologica di fattori coinvolti nella regolazione della proliferazione cellulare e differenziazione cellulare

Dettagli

Dia 1 L ipertensione arteriosa è una patologia più frequente nella popolazione diabetica rispetto alla popolazione generale, soprattutto da quando i criteri per definire un iperteso si sono fatti più rigorosi.

Dettagli

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE DATI PERSONALI Cognome e nome MILANI LOREDANO Qualifica MEDICO CHIRURGO SPECIALISTA CARDIOLOGIA Amministrazione Incarico attuale DIRETTORE UOC DI CARDIOLOGIA OSPEDALE CIVILE

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI

F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE PERRONE FILARDI Indirizzo Via Belsito 4, Napoli Telefono +39 0815753402; +39 0817462232 Fax +39

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Per la vita di chi ti sta a cuore

Per la vita di chi ti sta a cuore Per la vita di chi ti sta a cuore Cos è il sangue cordonale? Perchè conservare le cellule staminali? Chi è FamiCord Come opera FamiCord Perchè affidarsi a FamiCord Procedure e tempistica I trapianti con

Dettagli

Regolamento sull utilizzo e la condivisione di informazioni nel Database Labnet

Regolamento sull utilizzo e la condivisione di informazioni nel Database Labnet Ferrante Lombardi Caiaffa e Associati Studio Legale Commerciale Regolamento sull utilizzo e la condivisione di informazioni nel Database Labnet Art. 1 Premesse, Oggetto e Finalità 1. Il Dipartimento di

Dettagli

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia?

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia? Dott.ssa Paola Coco Struttura Semplice Trattamento Medico Sarcomi Adulto, Dott. Daniele Morelli, Responsabile Medicina di Laboratorio Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano Sintesi della

Dettagli

Cardioprotezione e allenamento aerobico moderato. Basi molecolari in un modello murino

Cardioprotezione e allenamento aerobico moderato. Basi molecolari in un modello murino Cardioprotezione e allenamento aerobico moderato. Basi molecolari in un modello murino Marina Marini Università degli Studi di Bologna Arsenio Veicsteinas Università degli Studi di Milano, Fondazione Don

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

Tecnologie avanzate e modelli matematici a garanzia della sicurezza equivalente negli edifici storici

Tecnologie avanzate e modelli matematici a garanzia della sicurezza equivalente negli edifici storici Tecnologie avanzate e modelli matematici a garanzia della sicurezza equivalente negli edifici storici Due sono le esigenze che la relazione tenterà di conciliare: da un lato l obbligo di garantire la protezione

Dettagli

giovanni.lucignani@unimi.it www.lucignani.it

giovanni.lucignani@unimi.it www.lucignani.it FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Titolo professionale Giovanni Lucignani Professore Indirizzo Unità operativa di Medicina nucleare, Dipartimento dei Servizi diagnostici,

Dettagli