Statistica del turismo. Indice

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Statistica del turismo. Indice"

Transcript

1 INSEGNAMENTO DI STATISTICA DEL TURISMO LEZIONE I LE STATISTICHE SUL TURISMO PROF. GIOVANNI DI TRAPANI

2 Indice 1 INTRODUZIONE LE STATISTICHE SUL FENOMENO TURISTICO MONDIALE GLI INDICATORI DEL TURISMO IN ITALIA di 14

3 1 Introduzione Una società dell informazione come la nostra, complessa, frazionata ed in rapidissima evoluzione, esprime una forte domanda di dati statistici e/o comunque di informazioni economico-statistiche non solo da utilizzare a vari livelli decisionali dai policy makers ma dal mondo politico in generale, dagli imprenditori, dagli operatori economici e le parti sociali, dai cittadini, delle imprese. Ma una società evoluta ha bisogno di informazioni economico-statistiche indipendenti, attendibili, imparziali, trasparenti ed accessibili, in grado di descrivere le condizioni ed i cambiamenti che avvengono in essa. Gli Obiettivi della 1 lezione sono riconducibili a: Studio delle fasi di ricerca e di formazione dei dati statistici; Conoscere i produttori delle statistiche, ovvero i network nazionali ed internazionali; Orientarsi all'interno delle numerose fonti che producono dati; Il primo obiettivo: Studio delle fasi di ricerca e di formazione dei dati statistici mira ad analizzare l utilizzo diffuso della statistica descrittiva e in ogni caso dei metodi quantitativi in generale; si cercherà di sviluppare le abilità dello studente nell uso e nell interpretazione della statistica e delle statistiche. Successivamente conosceremo i principali produttori delle statistiche; ci riferiamo ai Network nazionali ed internazionali, i quali raccolgono, elaborano, e diffondono l informazione statistica; ISTAT EUROSTAT WTO Infine impareremo, nell'approccio con l'informazione statistica, l orientarsi all'interno delle numerose fonti che producono dati. Il termine "fonte" ha, infatti, una pluralità di significati: in generale si può dire che essa coincide con "qualsiasi entità che consenta di acquisire informazioni o dati che si riferiscono a fenomeni, avvenimenti o gruppi sociali, 3 di 14

4 collocati in un preciso ambito e relativi ad un dato momento temporale". Ovviamente le fonti statistiche contengono dati riguardanti la misura di caratteri qualitativi e quantitativi di un certo fenomeno. A tal scopo l Approccio che si svilupperà sarà quello di diventare produttori di statistiche sul turismo, ovvero sviluppare la capacità di utilizzare sia le rilevazioni dirette che le fonti indirette. In questo modo si imparerà a soddisfare, rispettando la rigorosità del metodo statistico, le esigenze specifiche e diverse degli utilizzatori dell informazione statistica sul turismo; costruire una rete informativa, di fonti affidabili, che assicuri una conoscenza approfondita, completa ed aggiornata del fenomeno Nostro obiettivo allora sarà quello di diffondere la cultura scientifica della statistica attraverso lo studio delle fasi di ricerca e di formazione dei dati statistici, l utilizzo diffuso della statistica descrittiva e in ogni caso dei metodi quantitativi, ma soprattutto sviluppare le abilità nell uso e nell interpretazione della statistica e delle statistiche (letture delle tabelle e dei grafici) al fine di prendere decisioni. In particolare una parte importante del corso si articola nella risoluzione di alcuni problemi, attivando cioè un approccio problem solving che necessariamente richiede una mentalità interdisciplinare acquisita nello studio di altre discipline. Al fine di affrontare con metodo lo studio di un settore molto complesso e assai variegato per le sue relazioni con tanti altri settori dell economia e della vita sociale, è necessario organizzare queste domande in modo omogeneo per esempio potremo adottare quello utilizzato dall Istituto Nazionale di Statistica il quale considera: a) le informazioni (statistiche) sugli esercizi ricettivi b) le informazioni (statistiche) sui movimenti dei clienti negli esercizi ricettivi c) le informazioni (statistiche) relative alla bilancia dei pagamenti d) le statistiche economiche sul settore del turismo e) le statistiche sui viaggi degli italiani all estero. 4 di 14

5 Questo approccio metodologico non sempre è applicabile tout court in quanto le statistiche non sempre sono organizzate in modo analitico a causa di diversi problemi che presentano alcune fonti; è il caso delle informazioni raccolte e pubblicate dall Organizzazione Mondiale del Turismo (WTO), le quali pur presentando notevoli carenze possono comunque essere suddivise almeno tra l analisi dell offerta e l analisi della domanda 5 di 14

6 2 Le statistiche sul fenomeno turistico mondiale Per capire l'importanza del fenomeno turistico a livello mondiale, e cioè la sua intensità e l importanza che esso assume in campo economico e che coinvolge anche i comparti dei trasporti e del commercio, quello dell'agricoltura in particolare l'agroalimentare, quello della ristorazione, basterà riferirsi ad alcuni dati forniti dall'organizzazione Mondiale del Turismo (WTO) Ttabella: a) gli arrivi turistici internazionali ammontavano, nel 1990, a 441 milioni mentre nel corso del 2001 si stima abbiano raggiunto i 680 milioni di arrivi di turisti internazionali, nel 2002 sono aumentati fino a 700 milioni, nel 2003 sono calati a 690, infine nel 2004 sono nuovamente cresciuti fino a 763 milioni di arrivi; b) la spesa stimata raggiunge nel 2003 i 623 miliardi di dollari. L Unione Europea rappresenta il primo mercato mondiale del turismo. Infatti, il 55% degli arrivi mondiali si concentra nei Paesi Europei, i quali introitano quasi il 53% della spesa mondiale. ANDAMENTO DEL TURISMO INTERNAZIONALE Anno 2004 Mondo Europa Italia Totale Arrivi (in milioni) 763,3 416,4 37,1 Variazione % degli arrivi ( ) +10,7% +5,0% -6,3% Spesa in miliardi di dollari 623,7 326,7 35,7 Fonte: World Tourism Organization (WTO) Il successivo grafico (a barre orizzontali) evidenzia come sia cambiata, in quasi dieci anni, la distribuzione degli arrivi internazionali per continente: se è vero che l Europa è la meta turistica più importante il peso degli arrivi in quest area è leggermente sceso a favore dell Asia Orientale, dell Africa e del Medio Oriente, mentre anche il continente americano la quota di mercato è passata dal 20% al 16,5%. ARRIVI (%) PER AREE GEOGRAFICHE Medio Oriente Europa Asia Orientale America Africa 0,00% 10,00% 20,00% 30,00% 40,00% 50,00% 60,00% 70,00% 6 di 14

7 L Italia, in virtù della sua collocazione geografica, della presenza sul suo territorio di un ingente patrimonio artistico ed architettonico, della sua storia, della sua cultura, ha un'immagine turistica molto competitiva. Tuttavia le statistiche mondiali mostrano come la concorrenza dei Paesi emergenti dell area mediterranea (in primis Spagna, Croazia, Grecia, Marocco) sia sempre più forte. A livello mondiale abbiamo visto che l andamento degli arrivi nell ultimo triennio è abbastanza irregolare: si passa da variazioni tendenziali (cioè rispetto all anno precedente) positive registrate nel 2000 e nel 2002 a variazioni negative registrate nel 2001 e Secondo alcuni studiosi il trend crescente del turismo mondiale sarebbe proseguito senza soluzione di continuità anche nel 2001 e 2003, in assenza di alcuni eventi straordinario ed imprevedibili, in primis l'attentato dell'11 settembre 2001 e del conseguente stato di tensione internazionale che si è successivamente sviluppato. Ora all interno di un fenomeno (quello turistico) che sta assumendo caratteri sempre più internazionali, ogni situazione di crisi politica (per esempio l intervento militare in Afghanistan nel 2001, quelli in Iraq nel 2003), economica (per esempio la situazione congiunturale della Germania nel corso del triennio ), sociale (per esempio la SARS del 2003) provoca ripercussioni assai importanti non tanto sull entità del fenomeno nel suo complesso quanto sulle sue modalità di espressione. Proviamo allora a ragionare sulle conseguenze che sono intervenite sul comportamento e sulle abitudini del turista con l ausilio di una puntuale analisi sviluppata da Emilio Becheri, nell' XI Rapporto sul turismo italiano, cap. I, "L'Italia e l'andamento del turismo internazionale" (pag. 27). Ci riferiamo ad Effetti Immediati; Effetti di Medio Periodo Effetti immediati sul comportamento e sulle abitudini del turista: - situazione generalizzata di incertezza e di sconforto (peraltro estesa a tutta l'economia) - fortissima crisi dei viaggi aerei, anche con il clamoroso fallimento di alcune compagnie aree (già in crisi) 7 di 14

8 - sostituzione, per quanto possibile, delle forme di trasporto aereo con quello ferroviario e stradale (con forti saggi di incremento in molti Paesi europei) - slittamento delle scelte dal medio e lungo periodo al brevissimo periodo - forte diminuzione dei viaggi a lungo raggio (intercontinentali) - forte diminuzione delle crociere - rivalutazione dei viaggi a breve e medio raggio - aumento del movimento internazionale interno all'europa che ha "nascosto" il calo delle provenienze di lungo raggio - incremento del turismo domestico Effetti di medio periodo che determinano atteggiamenti strutturali del turista: - maggiore attenzione ai localismi, alle componenti ambientali ed alle tradizioni - riconversione verso forme di turismo più autentiche - scelta a favore delle mete tradizionali - maggiore permanenza media per le forme di turismo affidabili - ricerca di destinazioni originali ma affidabili sul piano della sicurezza Riprendendo l analisi dei dati del WTO. Secondo questa fonte, l'italia nel 2004 scivola al quinto posto per numero di arrivi internazionali, corrispondente a circa il 5% del movimento turistico internazionale, alle spalle di Francia, Spagna, Stati Uniti e Cina (tabella n. 1.2). Il totale calcolato nell ultima riga riporta le frequenze cumulate, assolute (colonna 5) e relative (colonna 6), delle prime cinque nazioni nelle quali (tre delle quali di area mediterranea) si concentra oltre il 33% del turismo internazionale mondiale. Si potrà osservare la performance della Cina che è passata dal 12.o posto nel 1990, all'8.o nel 1995, all'attuale 4.o posto. PRINCIPALI METE TURISTICHE NEL MONDO Classifica Paese Arrivi 2004 % sul totale (in milioni) Francia 75,12 9, Spagna 53,60 7,0 8 di 14

9 2 2 3 Stati Uniti 46,08 6, Cina 41,76 5, Italia 37,07 4,9 TOTALE (1-5) 253,63 33,2 Fonte: World Tourism Organization (WTO) Sempre secondo il WTO, l'italia mantiene invece il quarto posto al mondo nella classifica degli introiti turistici, con oltre 35 miliardi di dollari che in termini percentuali rappresentano il 5,7% della spesa turistica mondiale (tabella n. 1.3). Anche in questo caso va rilevata la performance della Cina che è passata dal 25.o posto nel 1990, all'attuale 7.o posto. SPESA DEI TURISTI INTERNAZIONALI PER STATO DI DESTINAZIONE Classifica Paese Entr. valutarie 2004 % sul totale di destinazione (miliardi di US$) Stati Uniti 74,48 12, Spagna 45,25 7, Francia 40,84 6, Italia 35,66 5, Germania 27,66 4,4 TOTALE (1-5) 223,88 35,9 Fonte: World Tourism Organization (WTO) La lettura dei dati relative alle entrate turistiche merita tuttavia qualche approfondimento. Questa variabile è espressa in divise locali ed a prezzi costanti e in dollari statunitensi. Quest ultimo fatto condiziona notevolmente l analisi della serie storica poichè la variazione è determinata anche dall apprezzamento e deprezzamento della moneta statunitense rispetto alle altre valute, infatti spiega il WTO, l incremento tra il 2003 ed 2004, pari a 100 milioni di dollari. 9 di 14

10 3 Gli indicatori del turismo in Italia Gli ultimi elaborati dell ISTAT, evidenziano che in Italia si è superata la quota di 88 milioni di arrivi turistici, tra italiani e stranieri mentre le presenze sfiorano i 355 milioni. Tali elementi sono conseguenza delle trasformazioni della struttura sociale ed economica di molte economie locali a seguito della rivalutazione, in questi ultimi decenni, dell economia del turismo il cui sviluppo ha implicato la crescita anche di attività non necessariamente turistiche ma ad esso collegate e che ha determinato nel suo complesso un fattore fondamentale per la crescita economica, occupazionale ma anche la difesa del patrimonio ambientale, la qualità della vita. Il crescente trend della domanda turistica in Italia (arrivi, presenze, stagionalità,ecc.), confermato dal buon andamento dell'occupazione settoriale e della crescita delle imprese turistiche, si riflette positivamente anche nella Bilancia Turistica che registra il rapporto tra le valute estere entrate in Italia per l'acquisto di beni e servizi consumati dai turisti stranieri nel territorio nazionale (attivo) e la valuta nazionale spesa all'estero. Dal lato dell offerta abbiamo dunque considerato come risorse base, la capacità ricettiva esprimibile in termini di numero di esercizi, posti-letto distinti in esercizi alberghieri e di quelli complementari (i campeggi, gli agriturismi, i rifugi alpini, gli ostelli, ma anche gli alloggi privarti rilevabili, le navi di crociera ed i wagon lits, le istituzioni religiose, le residenze turistiche in proprietà). Sempre analizzando l offerta debbono essere prese in esame le risorse artistiche (musei, siti archeologici, chiese monumentali, monasteri e santuari, castelli e rocche, dimore storiche, giardini storici), le risorse ambientali (parchi naturali nazionali e regionali, riserve ed aree protette), inoltre l offerta turistica legata alla salute e benessere fisico (località e stabilimento termali, centro di benessere) e quella legata alle attività congressuali (sale e centri congressuali). Proviamo a sintetizzare in forma tabellare, con riferimento all Italia, alcune di queste informazioni. La fonte è in larga misura, l Istituto Nazionale di Statistica che costituisce l organismo pubblico che coordina l attività di raccolta, elaborazione e diffusione dei dati in Italia. Ma si possono considerare per il turismo montano gli impianti di risalita e la lunghezza delle piste di discesa e di fondo, per il turismo marino i km di costa, gli stabilimenti balneari, le capacità dei porti (esprimibili in posti-barca) e in genere degli approdi per la nautica da diporto, ma il fenomeno turistico è rappresentato anche dalla ristorazione (ristoranti e bar), dalle attività 10 di 14

11 connesse al divertimento (ritrovi e discoteche, sale e spazi cinema), dalle attività che promuovono e vendono il turismo (tour operator, agenzie di viaggio, agenzie immobiliari turistiche, uffici di informazione turistica, pro loco) ed anche dai gruppi di imprese (catene e gruppi alberghieri, consorzi e cooperative turistiche, ecc.). Dal lato della domanda oltre alle classiche statistiche sugli arrivi, presenze e provenienza possono essere considerati come indicatori turistici i visitatori dei musei e degli istituti di antichità e d arte, le giornate congressuali, il numero di partecipanti a meeting e congressi e i pernottamenti attivati, il numero dei croceristi ed i pernottamenti. Di particolare importanza risulta poi la tipologia degli arrivi e delle presenze dove per tipologia si intende le destinazioni della domanda: arrivi e presenze nelle città di interesse storico artistico, nelle località montane, in quelle lacuali, nelle località marine, in quelle termali, nei capoluoghi di provincia, nelle località collinari. Fondamentale in questa fase di studio è la conoscenza dei indicatori Il Valore aggiunto (Sistema europeo di conti, SEC 95): aggregato che consente di apprezzare la crescita del sistema economico in termini di nuovi beni e servizi messi a disposizione della comunità per impieghi finali. È la risultante della differenza tra il valore della produzione di beni e servizi conseguita dalle singole branche produttive ed il valore dei beni e servizi intermedi dalle stesse consumati (materie prime e ausiliarie impiegate e servizi forniti da altre unità produttive). Corrisponde alla somma delle retribuzioni dei fattori produttivi e degli ammortamenti. Può essere calcolato ai prezzi di base o ai prezzi di mercato. Ed il Valore aggiunto ai prezzi di mercato (Sistema europeo di conti, SEC 95): valore aggiunto ai prezzi di base aumentato delle imposte sui prodotti, IVA esclusa e al netto dei contributi ai prodotti. Al fine di far fronte ai non pochi problemi di valutazione e di comparazione che si pongono utile sarà schematizzare i principali indicatori statistici: Quota di mercato calcolata in termini di flussi (arrivi nel Paese sul totale del mondo) Quota di mercato calcolata in termini economici (entrate nel Paese sul totale del mondo) Entrate inbound/spese oubound Quota arrivi inbound sul totale turismo interno Entrate inbound sul Pil Prezzi al consumo su prezzi turistici Il primo: 11 di 14

12 Quota di mercato calcolata in termini di flussi (arrivi nel Paese sul totale del mondo) Misura la capacità di attrazione del Paese a livello internazionale Quota di mercato calcolata in termini economici (entrate nel Paese sul totale del mondo) Misura il guadagno del Paese derivante dal turismo internazionale Entrate inbound/spese oubound Misura la capacità delle entrate di coprire le spese del turismo verso l estero e quindi di mantenere un saldo positivo della bilancia turistica Quota arrivi inbound sul totale turismo interno Misura il grado di internazionalizzazione del turismo Entrate inbound sul Pil Misura l apporto del turismo internazionale alla ricchezza del Paese Prezzi al consumo su prezzi turistici Misura il costo dei beni e servizi turistici rispetto all andamento dell inflazione In definitiva un fenomeno complesso come quello turistico va descritto con l ausilio di molti dati. Ma i sistemi locali (le economie locali) si caratterizzano mediante altre componenti che ne valorizzano le specificità, caratteristiche che vanno evidenziate attraverso una "lettura" attenta del territorio che potremmo definire come analisi preliminare ad un'azione di marketing territoriale. Da un punto di vista legislativo, la legge quadro sul turismo n. 135 del 29 marzo del 2001, art 5, definisce i sistemi di offerta turistica locali (S.L.O.T) come i contesti regionali omogenei o integrati, comprendenti ambiti appartenenti anche a regioni diverse, caratterizzanti dall offerta integrata di beni culturali, ambientali e di attrazioni turistiche, compresi i prodotti dell agricoltura e dell artigianato locale, o dalla presenza diffusa di imprese turistiche singole o associate. Se dunque l offerta turistica costituisce un sistema imprenditoriale che include attività fortemente connesse al 12 di 14

13 settore turistico ed attività indirette, tale distinzione deve essere rivalutata alla luce del territorio e della sua totalità e complessità. L integrità tra attori pubblici, imprenditori direttamente ed indirettamente coinvolti nella filiera turistica, risulta essere una componente fondamentale per la comunicazione della destinazione, da considerarsi come prodotto che si diversifica per le sue peculiarità. Nonostante la destinazione sia di difficile analisi e gestione, gli attori del sistema devono essere consapevoli del fatto che uno degli elementi di raccordo è costituito essenzialmente dall immagine che il turista si è dato della fruizione del prodotto; dunque, poiché il prodotto turistico è un esperience good, il momento dell esperienza del consumatore finale assume un ruolo strategico in un ciclo che ha come goal l acquisizione e la fidelizzazione del cliente stesso. La soddisfazione di coloro che accedono alla destinazione e fruiscono del territorio e la gestione dello stesso, rappresentano punti focali per la valorizzazione di un valido ed efficace sistema di offerta locale, commercializzabile e vendibile come prodotto globale. Le statistiche sono un problema che caratterizza in modo negativo la valutazione del turismo italiano ma anche e soprattutto di quello internazionale. In Italia le modifiche che si sono realizzate su di un piano istituzionale (passaggio delle competenze alle aziende di promozione turistica e ulteriore passaggio ad una agenzia regionale) hanno causato, in non pochi casi, maggiori difficoltà nel reperimento dei dati di base. Al fine di un corretto studio del fenomeno turistico risulta fondamentale l analisi delle principali Variabili del Sistema Turismo che potremmo distinguere in GEOGRAFICHE; ISTITUZIONALI; ECONOMICHE; INFRASTRUTTURE; TURISTICHE 13 di 14

14 VARIABILI GEOGRAFICHE: Superficie territoriale, Litorale in Km, Costa balneare, Superficie forestale, Superficie aree protette VARIABILI ISTITUZIONALI: Regioni, Province, Comuni, Comunità Montane VARIABILI ECONOMICHE: Popolazione, PIL (trend), Tasso inflazione INFRASTRUTTURE; Rete autostradale, Rete ferroviaria, Aeroporti VARIABILI TURISTICHE: Agenzie viaggi, Musei, Parchi (nazionali/reg.), Riserve naturali, Centro Congressi, Stabilimento balneari, Impianti di risalita, Piste di sci, Trasporti con fune, Località termali, Parchi tematici, Enoteche 14 di 14

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

Cultura e Turismo: i dati on-line per uno sviluppo turistico basato sulla cultura (un contributo al progetto Destinazione Italia )

Cultura e Turismo: i dati on-line per uno sviluppo turistico basato sulla cultura (un contributo al progetto Destinazione Italia ) Cultura e Turismo: i dati on-line per uno sviluppo turistico basato sulla cultura (un contributo al progetto Destinazione Italia ) Hanno contribuito all elaborazione della ricerca: Elena Alessandrini,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

IL TURISMO ORGANIZZATO INCOMING. Dalla spesa del turista all analisi della filiera, all individuazione delle aree critiche

IL TURISMO ORGANIZZATO INCOMING. Dalla spesa del turista all analisi della filiera, all individuazione delle aree critiche IL TURISMO ORGANIZZATO INCOMING Dalla spesa del turista all analisi della filiera, all individuazione delle aree critiche Dalla spesa del turista all analisi della filiera, l individuazione delle aree

Dettagli

LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO

LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO Esperienze di turismo in ambiente alpino Saint Marcel 12 13 giugno 2010 Luigi CORTESE LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO Rete o sistema? Il concetto di rete è usato spesso

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Studi OCSE sul Turismo ITALIA ANALISI DELLE CRITICITÀ E DELLE POLITICHE

Studi OCSE sul Turismo ITALIA ANALISI DELLE CRITICITÀ E DELLE POLITICHE Studi OCSE sul Turismo ITALIA ANALISI DELLE CRITICITÀ E DELLE POLITICHE Studi OCSE sul Turismo: Italia ANALISI DELLE CRITICITÀ E DELLE POLITICHE Il presente studio è pubblicato sotto la responsabilità

Dettagli

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E. L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.) Milano, 25 marzo 2004 p. 1 L import-export dei diritti d autore

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI

L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI 13 L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI RAPPORTO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI FOGGIA INDICE PREMESSA 3 IL SISTEMA DELLE IMPRESE 5 IL MERCATO DEL LAVORO 18 IL COMMERCIO INTERNAZIONALE 24 IL

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014).

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014). COMUNICATO STAMPA ADRIATIC SEA FORUM: al via oggi a Dubrovnik la seconda edizione di Adriatic Sea Forum cruise, ferry, sail & yacht, evento internazionale itinerante dedicato ai settori del turismo via

Dettagli

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA Ufficio IV - Ordinamenti scolastici -

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

17016-ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI PRESENTAZIONE CORSO

17016-ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI PRESENTAZIONE CORSO 17016-ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI PRESENTAZIONE CORSO PRESENTAZIONE CORSO DOCENTI CONTENUTI MODALITA DIDATTICHE SYLLABUS MATERIALE DI RIFERIMENTO MODALITA DI ESAME 1 MODALITA ESAME

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO Pagina 1 di 7 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO DECRETO 12 febbraio 2015 Disposizioni applicative per l'attribuzione del credito d'imposta agli esercizi ricettivi, agenzie di

Dettagli

TERZO RAPPORTO SULL ECONOMIA DEL MARE

TERZO RAPPORTO SULL ECONOMIA DEL MARE TERZO RAPPORTO SULL ECONOMIA DEL MARE Con il contributo tecnico-scientifico di: TERZO RAPPORTO SULL ECONOMIA DEL MARE Il presente Rapporto, realizzato da SI.Camera per Unioncamere (coordinatore Amedeo

Dettagli

TRASPORTO MERCI SU STRADA

TRASPORTO MERCI SU STRADA TRASPORTO MERCI SU STRADA Analisi economico-statistica delle potenzialità e criticità di un settore strategico per lo sviluppo sostenibile Trasporto merci su strada è una pubblicazione a cura di: ANFIA

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI Ogni programma è preceduto da una testatina contenente, in forma sintetica, le informazioni relative al viaggio. Lo spazio a disposizione nella scheda è limitato

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Osservatorio sul turismo giovanile

Osservatorio sul turismo giovanile Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 2013 Osservatorio sul turismo giovanile A cura di Iscom Group 1/49 Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 Sommario 1 Vacanze con gli under 18... 6 1.1 Propensione

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

La carta dei servizi al cliente

La carta dei servizi al cliente La carta dei servizi al cliente novembre 2013 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi dell ICE Agenzia si ispira alle direttive nazionali ed europee in tema di qualità dei servizi e rappresenta

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli