Classe 5AIW A.S

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Classe 5AIW A.S. 2012-2013"

Transcript

1 Classe 5AIW A.S

2 Sommario Sommario... 2 C.d.C componenti - continuità - firme... 3 Profilo dell indirizzo... 4 Il Perito in Informatica... 4 Profilo della classe... 5 Analisi dei risultati del triennio... 6 Attività scolastiche ed extra-scolastiche... 7 Gruppo classe... 8 Iniziative di recupero... 9 Criteri valutazione -dal POF Criteri attribuzione del voto di comportamento - dal POF Criteri attribuzione del credito scolastico - dal POF Tabella per attribuzione credito scolastico Riconoscimento crediti formativi Griglie valutazione e criteri per le prove d esame Prima Prova Seconda prova Terza prova Tipologia B Definizione delle aree disciplinari Istituti Tecnici Industriali Indirizzo: Informatica Allegati > Consuntivi delle attività per disciplina >Simulazioni della Prima, Seconda e Terza prova scritta 2

3 C.d.Ccomponenti - continuità - firme Cognome Nome Materia Firma Salvatore Vece Lab. Elettronica X Gabriella Introzzi Matematica X X Livio Bernardini Elettronica X X X Danilo Franzini Educazione Fisica X X X Emanuela Moretti Religione X X X Gianpaolo Residori Informatica X X X Mario Venegoni Lab. Informatica X Angelo Coco Lab. Sistemi X X X Marco Marangoni Lab. Matematica e Calcolo X X Amodio Russo Calcolo X X X Miriam Menna Italiano Storia X Alessandra Peroni Sistemi X X X Laura Cartabbia Inglese X X X Vincenzo Improta Sostegno X Francesco Varsi Sostegno X 3

4 Profilo dell indirizzo Il Perito in Informatica ha competenze specifiche nel campo dei sistemi informatici, dell'elaborazione dell'informazione, delle applicazioni e tecnologie Web, delle reti e degli apparati di comunicazione; ha competenze e conoscenze che, a seconda delle declinazioni che le singole scuole vorranno approfondire, si rivolgono all'analisi, progettazione, installazione e gestione di sistemi informatici, basi di dati, reti di sistemi di elaborazione, sistemi multimediali e apparati di trasmissione dei segnali; ha competenze orientate alla gestione del ciclo di vita delle applicazioni che, sempre a seconda della declinazione che le singole scuole vorranno approfondire, possono rivolgersi al software: gestionale orientato ai servizi per i sistemi dedicati incorporati ; esprime le proprie competenze nella gestione dei progetti, operando nel quadro di normative nazionali e internazionali, concernenti la sicurezza in tutte le sue accezioni e la protezione delle informazioni (privacy); è in grado di esprimere le proprie competenze, nell'ambito delle normative vigenti, ai fini della sicurezza sul lavoro e della tutela ambientale e d'intervenire nel miglioramento della qualità dei prodotti e nell'organizzazione produttiva delle imprese; esprime le proprie competenze nella pianificazione delle attività di produzione dei sistemi, dove applica capacità di comunicare e interagire efficacemente, sia nella forma scritta che orale; nell'analisi e realizzazione delle soluzioni ha un approccio razionale, concettuale e analitico, orientato al raggiungimento dell'obiettivo, che esercita in contesti di lavoro caratterizzati prevalentemente da una gestione in team; possiede un'elevata conoscenza dell'inglese tecnico specifico del settore per interloquire in un ambito professionale caratterizzato da forte internazionalizzazione; utilizza e redige manuali d'uso 4

5 Profilo della classe La classe è composta da 19 alunni tutti maschi. Nella classe sono presenti: un allievo che presenta disturbi specifici dell apprendimento, per il quale sono state predisposte misure dispensative e compensative (come da PDP e O.M. n13 del art. 18); un allievo per il quale è stata predisposta una programmazione differenziata. Il comportamento, mantenuto per l'intero triennio, è stato corretto, l'atteggiamento per buona parte di loro è risultato generalmente attivo nei confronti dell attività scolastica anche se l'interesse è stato selettivo nei confronti delle materie a favore principalmente delle discipline professionalizzanti. La partecipazione di buona parte degli alunni alle lezioni è stata continua, e per alcuni studenti vi è stato un soddisfacente coinvolgimento nel dialogo educativo, pur mancando sovente un altrettanto puntuale e costruttivo lavoro domestico; conseguentemente il risultati sono stati a volte al di sotto delle aspettative. Il livello generale di conoscenze e competenze raggiunto dalla maggior parte degli alunni è comunque conforme al profilo di studio e si attesta mediamente su valori discreti, così come la capacità di analisi e di sintesi dei contenuti. La frequenza scolastica è stata generalmente regolare. 5

6 Analisi dei risultati del triennio Classe Numero iniziale studenti di cui inseriti ad inizio anno Inserimenti in corso d anno Promossi Non promossi

7 Attività scolastiche ed extra-scolastiche La classe ha partecipato alle seguenti attività proposte: visita di istruzione a dublino Spettacolo teatrale : L AMANTE GUERRIERO (biografia di G. D annunzio) Progetto di Educazione alla salute : incontro con l Associazione Italiana Tecnici di Atletica Leggera su lotta al doping Incontro con rappresentanti del servizio civile sulle attività e finalità di tale servizio Incontro sull orientamento post diploma Gruppi di alunni della classe hanno inoltre aderito a gare sportive di pallavolo e di calcetto tra vari istituti della provincia 7

8 Gruppo classe Cognome Nome Frequenza Attività extra-scolastiche AZAM IMRAM regolare Partecipazione open day, attività di studente tutor BETTO DAVIDE regolare Football società GTEAM oratorian American football Gallarate BIANCHI RICCARDO regolare Partecipazione open day, giovani pensatori, studente tutor CADEI MATTEO regolare Attore presso compagnia teatrale I CARLINI DI CUASSO AL MONTE CIRACI NICOLO' regolare Partecipazione open day, responsabile dell attività degli studenti tutor CIRCOSTA LORENZO con ripetenza Partecipazione giovani pensatori CRISTOFOLETTI ANDREA DE LAMA DAVIDE DE LUCA DAVIDE LIGUORI GIUSEPPE regolare regolare regolare con ripetenza Volontariato presso oratorio di Venegono Sup. - arti marziali presso Master Combat ASD Partecipazione open day, giovani pensatori, consulente web presso S.I.PRO di Marinoni Lorenzo NATOLA ANDREA regolare Partecipazione open day, stage estivo, rappresentante d istituto OSSUZIO MATTIA con ripetenza Partecipazione open day, assistente bagnanti e istruttore di nuoto presso SPORT CLUB 12 Induno Olona, rappresentante d istituto, torneo sportivo tra istituti della provincia PERONE LUCA regolare Partecipazione open day, giovani pensatori, studente tutor PESSINA MATTEO PURICELLI DENIS regolare regolare SANVITO RICCARDO regolare Giovani pensatori SECCI MATTEO TALAMONA ALESSANDRO VINCIGUERRA DAVIDE regolare regolare regolare Animatore presso oratorio di Bolladello, Stage estivo, torneo sportivo tra istituti della provincia Attività sportiva calcio presso UNION VILLA CASSANO, torneo sportivo tra istituti della provincia Attività sportiva calcio presso UNION VILLA CASSANO, torneo sportivo tra istituti della provincia,stage estivo 8

9 Iniziative di recupero Durante l anno scolastico gli studenti hanno potuto usufruire dell help scolastico pomeridiano. Le richieste sono state scarse. A fine gennaio, la scuolaha calendarizzatouna settimana di sospensione dell attività scolastica, sostituendo le normali attività didattiche con attività di recupero o ripasso orientate a tutti gli studenti. Al termine di tale periodo, sono state effettuate prove per la valutazione dell eventuale recupero delle materie insufficienti nel primo quadrimestre. La scuola prevede inoltre la possibilità, sfruttata da alcuni docenti, di proseguire il recupero in itinere, così da dare agli studenti il tempo, loro necessario, ad adeguare la preparazione ai livelli richiesti. 9

10 Criteri valutazione -dal POF - VOTO LIVELLI CONOSCENZA COMPRENSIONE APPLICAZIONE ANALISI SINTESI 1 Nullo Nessuna Nessuna Nessuna Nessuna Nessuna 2-3 Quasi nullo Pochissima Molto scarsa Non riesce ad applicare le conoscenze Non è in grado di effettuare alcuna analisi Non è capace di sintetizzare 4 Gravemente insufficiente Frammentariacon evidenti lacune Molto confusa e frammentaria Molto parziale prevalentemente scorretta Molto limitate anche di elementi semplici Disorganica e scorretta 5 Insufficiente Frammentaria e superficiale Parziale Parziale Superficiali Parziali o Imprecise 6 Sufficiente Completa degli elementi essenziali Corretta degli elementi essenziali Sostanzialmente corretta Abbastanza complete Accettabili,parzialmente autonome 7 Discreto Abbastanza completa Corretta Corretta e precisa Abbastanza complete Corrette 8 Buono Completa Completa Corretta, precisa, autonoma Complete Corrette e autonome 9-10 Ottimo- Eccellente Completa anche di contenuti complessi Completa anche di elementi complessi Autonoma e corretta in situazioni nuove Complesse e autonome Corrette e autonome in situazioni complesse 10

11 Criteri attribuzione del voto di comportamento - dal POF - Il voto di condotta si riferisce all'area degli obiettivi educativi e si propone di valutare l'aspetto comportamentale, i valori positivi condivisi dalla classe, il rispetto delle regole. Gli obiettivi educativi si riferiscono ad una crescente consapevolezza ed autocontrollo rispetto al proprio comportamento nelle diverse situazione della vita di classe. La presa di coscienza delle regole e dei valori rende possibile il nostro vivere in gruppo ed ha delle valenze civili e sociali. I criteri generali di assegnazione del voto di condotta sono i seguenti: a. frequenza b. rispetto delle persone e delle norme c. rispetto delle consegne d. comportamento e. numero di ammonizioni sul registro In particolare, per quanto riguarda l'assegnazione del 5, che sarà determinante per la non ammissione alla classe successiva, come da D.L. N 137 del , saranno presi in considerazione i seguenti comportamenti ( anche solo alcuni se particolarmente gravi): > frequenza molto discontinua ; > disturbo continuo, eccessivo durante le lezione; > uscite frequenti e prolungate dall aula. > mancato rispetto per gli impegni assunti; > gravi atti di vandalismo verso le strutture scolastiche; > atti di bullismo verso i compagni, i docenti e tutto il personale scolastico; > offese verbali o scritte verso le religioni; > furti nelle aule, nei laboratori, in palestra; > comportamento poco rispettoso verso l autorità > atteggiamento provocatorio o fortemente indifferente; > numero elevato di ammonizioni sul registro 11

12 Criteri attribuzione del credito scolastico - dal POF - Il Consiglio di Classe attribuisce ad ogni alunno, che ne sia meritevole, nello scrutinio finale di ciascuno degli ultimi tre anni di scuola, un apposito punteggio per l'andamento degli studi denominato "credito scolastico". La somma dei punteggi in tal modo ottenuti si aggiunge ai punteggi riportati nelle prove scritte ed orali degli esami di Stato. Al fine dell'attribuzione del punteggio per ciascun anno del triennio, vale anche il "credito formativo",che consiste in ogni qualificata esperienza, debitamente documentata, coerente con il piano di studi ( comprese esperienze lavorative) maturate al di fuori dell'ambito scolastico. Di seguito si riproducono tabella e note contenute nel regolamento recante disciplina degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore ( D.M. N 42 del 25 maggio 2007). Tabella per attribuzione credito scolastico Media dei voti Credito scolastico (Punti) 3 anno 4 anno 5 anno M = < M <= < M <= < M <= < M <= NOTA - M rappresenta la media dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Il credito scolastico, da attribuire nell'ambito delle bande di oscillazione indicate dalla precedente tabella, va espresso in numero intero e deve tenere in considerazione: il profitto,l assiduità della frequenza, l interesse e l impegno nella partecipazione al dialogo educativo, attività complementari e integrative, eventuali crediti formativi. L attribuzione del punteggio massimo della fascia è assegnato se > non si è incorsi in sanzioni disciplinari con sospensione dalle lezioni e/o, a giudizio del Consiglio di classe, in comportamenti non responsabili. >la media della fascia non è inferiore a 0,5 ( 6,5; 7,5; 8,5) o si verificano almeno due delle seguenti condizioni: - Frequenza con meno di 90 ore di assenze (esclusi ricoveri H, assenze > a 5 giorni continuativi autocertificati, partecipazione ad attività autorizzate dalla scuola) - Partecipazione attiva ad almeno una attività integrativa promossa dalla scuola (attestata dal docente) 12

13 - Partecipazione al dialogo educativo (disponibilità a coordinare l attività interna della classe o di gruppi di istituto; disponibilità a svolgere la funzione di tutor nei confronti dei compagni che hanno delle disabilità; 10 in condotta). - Credito formativo (vedi scheda) Il secondo punto nell ultima fascia viene assegnato a giudizio del Consiglio di Classe tenendo conto di particolari meriti sia didattici che comportamentali. Riconoscimento crediti formativi > L esperienza, effettuata nel corso dell anno scolastico o nei mesi estivi immediatamente precedente acquisita al di fuori della scuola, deve essere sempre documentata e certificata da Ente esterno, con una sintetica descrizione dell attività svolta. > Le certificazioni comprovanti attività lavorative devono sempre indicare l Ente a cui sono stati versati i contributi assistenziali e previdenziali ovvero le disposizioni normative che escludono l obbligo dell adempimento contributivo. > Si devono prendere in considerazione solo le seguenti esperienze: > Attività non occasionali e/o partecipazione a corsi seguiti che si siano protratti per un certo numero di ore. > Le attività e i corsi devono aver prodotto o fatto conseguire competenze/capacità all alunno in campo culturale o professionale o sociale o lavorativo o sportivo o in ambiti e settori della società legati comunque alla formazione della persona ed alla crescita umana/civile. > L attestazione di partecipazione alle attività complementari ed integrative non dà luogo a riconoscimento di credito formativo, perché acquisita all interno della scuola. 13

14 Griglie valutazione e criteri per le prove d esame Prima Prova 1. CORRETTEZZA DELLA SINTASSI E DELLA PUNTEGGIATURA ottima Testo scorrevole, sciolto, periodi ben strutturati 3 buona Pochi o lievi errori di forma; occasionali errori di punteggiatura 2 sufficiente Forma generalmente corretta, alcuni errori di punteggiatura 1,5 mediocre Alcuni estesi periodi scorretti; punteggiatura scorretta in più punti 1 insufficiente Errori di sintassi ripetuti; punteggiatura del tutto inadeguata 0,5 2. CORRETTEZZA LESSICALE ottima Scelta lessicale efficace ed appropriata 3 buona Correttezza di linguaggio mantenuta per ampie parti del testo 2 sufficiente Vocabolario di base a volte generico; occasionali improprietà 1 mediocre/insufficiente Lessico ristretto, approssimativo, sempre generico; ripetizioni 0,5 3. COMPETENZA IDEATIVATRACCIA A (ESECUZIONE ESERCIZI PROPOSTI) ottima Operata in forma completa 3 buona Operata quasi completamente 2 quasi sufficiente/mediocre Operata solo in parte 1 insufficiente Operata in minima parte 0,5 3. COMPETENZA IDEATIVA TRACCIA B, C e D (ADERENZA/COMPLETEZZA RISPSETTO ALLA TRACCIA) ottima Pertinente e completa in relazione all argomento 3 buona Pertinente e abbastanza esauriente in relazione all argomento 2 sufficiente Pertinente e adeguato alle richieste anche se non esauriente 1,5 quasi sufficiente/mediocre Pertinente ma incompleto rispetto alle richieste 1 insufficiente Pertinente solo in minima parte 0,5 4. ORGANIZZAZIONE DELLA STRUTTURA DEL TESTO chiara e coerente Il testo è organizzato in modo logico ed organico 3 semplice ma lineare Il testo è sufficientemente strutturato 2 confusa Il testo presenta alcune incongruenze 1,5 disorganica Il testo presenta descrizioni casualmente disposte 1 5. CAPACITA RIELABORATIVA consapevole ottiene esiti di efficacia descrittiva, informativa, argomentativa 3 apprezzabile Rispetta sostanzialmente le regole 2 modesta Capacità di descrizione, informazione, argomentazione superficiale o poco 1 non apprezzabile curata Descrizione, argomentazione generica, semplicistica, approssimativa 0,5 VALUTAZIONE COMPLESSIVA Totale /15 14

15 PUNTI PUNTI PUNTI PUNTI PUNTI Seconda prova ANALISI REQUISITI MODELLO E/R MODELLO LOGICO PUNTI QUERY SVILUPPO SOFTWARE Non chiara Non evidenzia le incongruenze 1 Strutturalmente sbagliata 0 Errato 0 Nulle o totalmente errate 0 Nullo 0 Superficiale, poco approfondita o incompleta (mancano entità e/o attributi, tipi) Incoerente nelle specifiche 1 Parzialmente corretto 1 Parzialmente corrette Corretta su E/R errato 1 Incompleto o parzialmente corretto 1 Accettabile 3 Errori nelle associazioni 1.5 Corretto 2 Incomplete 2 Corretto / Approfondito 2 Molto approfondita 4 Incompleta o Parzialmente corretta Corrette 3 Corretta ma imprecisa 3 Corretta e completa 4 Punteggio /15 15

16 Terza prova Tipologia B Quadro riassuntivo Materia 1 Materia 2 Materia 3 Materia 4 Totale - media - Punteggio /15 Indicatori per la valutazione delle domande a risposta aperta : >Comprensione del testo >Pertinenza al quesito >Conoscenza dei contenuti e forma espositiva >Capacità tecniche, operative e di elaborazione >Capacità logiche e di sintesi Indicatori per ciascuna domanda Indicatori per ciascuna domanda Punteggio Risposta esauriente, precisa e rielaborata con buona organizzazione dei contenuti e uso di 5 terminologia corretta Risposta complessivamente corretta con rielaborazione e organizzazione dei contenuti Risposta abbastanza corretta e sufficientemente esaustiva. Contenuti essenziali, esposizione semplice con qualche imprecisione. Conoscenze parziali o risposta incompleta o parzialmente scorretta. Imprecisioni nell organizzazione delle informazioni. Risposta estremamente scorretta o data in minima parte 1.5 Risposta non data, totalmente errata o incomprensibile 1 16

17 Scheda per singola materia Materia: Indicatori domanda 1 Punteggio Risposta esauriente, precisa e rielaborata con buona organizzazione dei contenuti e uso di 5 terminologia corretta Risposta complessivamente corretta con rielaborazione e organizzazione dei contenuti Risposta abbastanza corretta e sufficientemente esaustiva. Contenuti essenziali, esposizione semplice con qualche imprecisione. Conoscenze parziali o risposta incompleta o parzialmente scorretta. Imprecisioni nell organizzazione delle informazioni. Risposta estremamente scorretta o data in minima parte 1.5 Risposta non data, totalmente errata o incomprensibile 1 Indicatori domanda 2 Punteggio Risposta esauriente, precisa e rielaborata con buona organizzazione dei contenuti e uso di 5 terminologia corretta Risposta complessivamente corretta con rielaborazione e organizzazione dei contenuti Risposta abbastanza corretta e sufficientemente esaustiva. Contenuti essenziali, esposizione semplice con qualche imprecisione. Conoscenze parziali o risposta incompleta o parzialmente scorretta. Imprecisioni nell organizzazione delle informazioni. Risposta estremamente scorretta o data in minima parte 1.5 Risposta non data, totalmente errata o incomprensibile 1 Indicatori domanda 3 Punteggio Risposta esauriente, precisa e rielaborata con buona organizzazione dei contenuti e uso di 5 terminologia corretta Risposta complessivamente corretta con rielaborazione e organizzazione dei contenuti Risposta abbastanza corretta e sufficientemente esaustiva. Contenuti essenziali, esposizione semplice con qualche imprecisione. Conoscenze parziali o risposta incompleta o parzialmente scorretta. Imprecisioni nell organizzazione delle informazioni. Risposta estremamente scorretta o data in minima parte 1.5 Risposta non data, totalmente errata o incomprensibile 1 Totale per materia /15 17

18 Definizione delle aree disciplinari Si riportano le aree disciplinari, comprendenti le materie dell ultimo anno di corso, finalizzate alla correzione delle prove scritte e all espletamento del colloquio di cui al comma 8 dell art. 5 del regolamento. Da Istituti Tecnici Industriali Indirizzo: Informatica Area linguistico-storico-letteraria 1) Lingua e lettere italiane 2) Storia ed educazione civica 3) Lingua inglese Area scientifico-tecnologica 1) Matematica generale, applicata e laboratorio 2) Calcolo delle probabilità, statistica, ricerca operativa e laboratorio 3) Elettronica e laboratorio 4) Informatica generale, applicazioni tecnico-scientifiche e laboratorio 5) Sistemi, automazione e laboratorio N.B. Considerato che l educazione fisica, per finalità, obiettivi e contenuti specifici, può trovare collocazione sia nell area umanistica che in quella scientifico-tecnologica, si rimette all autonoma valutazione delle Commissioni, nel rispetto dei citati enunciati, l assegnazione della stessa all una o all altra delle aree succitate. 18

19 Consuntivo delle attività disciplinari Classe 5 A ITIS Materia: Calcolo delle probabilità, statistica e ricerca operativa Docente: Amodio Russo a.s Libri di testo: - Titolo: Inferenza statistica e ricerca operativa. Autori: Gambotto Manzone, Susara Longo. Edizione: Tramontana Ore di lezione settimanali: - 3. Obiettivi conseguiti (in termini di conoscenze, competenze, capacità) - Saper gestire le distribuzioni campionarie - Conoscere le tecniche per stimare i parametri - Saper utilizzare tecniche statistiche nelle decisioni parametriche - Saper ottimizzare e modellizzare problemi lineari Contenuti e tempi per blocco tematico - TEORIA DEI CAMPIONI (OTTOBRE NOVEMBRE) Indagini campionarie e campionamento casuale semplice; distribuzioni campionarie; parametri e stimatori; media campionaria e relativa distribuzione; distribuzione campionaria della varianza; distribuzione campionaria di somme e differenze; distribuzione campionaria delle frequenze. Allegato al documento del 15maggio 5A Indirizzo infoweb a.s

20 - TEORIA DELLA STIMA (NOVEMBRE FEBBRAIO) Proprietà degli stimatori; stima puntuale di una media; stima puntuale di un totale; stima puntuale di una differenza fra medie; stima puntuale di una frequenza; stima di intervallo della media; stima di intervallo della differenza di due medie; stima di intervallo di una frequenza; intervallo di confidenza per la varianza; la dimensione del campione; - TEST DI IPOTESI E DI SIGNIFICATIVITA (MARZO - APRILE) Ipotesi statistiche; regole di decisione; errori di prima e di seconda specie; verifica di ipotesi su una media; verifica di ipotesi su frequenze; verifica di ipotesi sulla varianza. - PROGRAMMAZIONE LINEARE (MAGGIO) Richiami su massimi e minimi di funzioni lineari; problemi di programmazione lineare in due variabili con metodo grafico. Metodi di insegnamento: Allegato al documento del 15maggio 5A Indirizzo infoweb a.s

21 lezione frontale lezione partecipata lavoro di gruppo problem-solving discussione guidata esercizi in classe attività di laboratorio Mezzi e strumenti di lavoro: libri di testo presentazioni computer - applicazioni software web Spazi: laboratorio aula Numero verifiche effettuate nell intero anno scolastico Relazioni scritte Prove orali Prove pratiche Metodi di verifica: interrogazione orale questionari a testo libero lavori di gruppo problemi a soluzione rapida relazione Allegato al documento del 15maggio 5A Indirizzo infoweb a.s

22 Consuntivo delle attività disciplinari Classe 5 A Info-Web Materia: INGLESE Docente: Laura Cartabbia a.s Libri di testo: - Angela Gallagher-Fausto Galuzzi, Grammar and Vocabulary Trainer, PearsonLongman -Carla Matassi-Marzia Menchetti, Totally Connected, CLITT Ore di lezione settimanali: - 3 Obiettivi conseguiti (in termini di conoscenze, competenze, capacità): - Al termine del percorso quinquennale gli studenti hanno conseguito risultati di apprendimento che permettono loro di padroneggiare la lingua inglese per scopi comunicativi e di utilizzare il linguaggio settoriale per interagire in ambito e contesto professionali, al livello B2 del QuadroComune Europeo di Riferimento per le Lingue (QCER). In particolare: sanno descrivere processi e situazioni con chiarezza logica e precisione lessicale; sanno sostenere una conversazione adeguata al contesto su argomenti di carattere specifico all indirizzo; sanno comprendere messaggi di vario tipo, cogliendone il significato sia implicito che esplicito; sanno intervenire nella conversazione, nel dibattito ed argomentare con l interlocutore; sanno organizzare la produzione scritta in modo funzionale, analitico e sintetico; sanno individuare il tipo di testo, rispondere a questionari, riassumere evidenziando le parti salienti di un testo, stendere relazioni su argomenti trattati e su testi analizzati; sanno comprendere testi autentici di attualità tratti dalla stampa quotidiana e periodica; Allegato al documento del 15maggio 5A Indirizzo infoweb a.s

23 sanno reperire informazioni da manuali tecnici. Contenuti e tempi per blocco tematico: - settembre/ottobre 2012: The Internet and its main protocols; -novembre/dicembre 2012: Operating Systems and Database Management System; -gennaio/febbraio 2013: Types of Networks; -marzo/maggio 2013: OSI and TCP/IP Models. Metodi di insegnamento: lezione frontale lezione partecipata lavoro di gruppo problem-solving brainstorming discussione guidata esercizi in classe attività di laboratorio flipped classroom Mezzi e strumenti di lavoro: libri di testo computer web materiale multimediale video - audio fotocopie articoli tratti da Newsweek e The Economist Allegato al documento del 15maggio 5A Indirizzo infoweb a.s

24 LIM Spazi: laboratorio linguistico aula video aula aula multimediale Numero verifiche effettuate nell intero anno scolastico Prove scritte Prove orali Prove pratiche 5 5 Metodi di verifica: interrogazione orale interrogazione scritta - orale interrogazione di gruppo questionari a risposta multipla, scelta multipla, vero-falso testi da completare lavori di gruppo Allegato al documento del 15maggio 5A Indirizzo infoweb a.s

25 PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE 5 C INFO-WEB a.s Grammar and Vocabulary Trainer REVISION: If Clauses (1 st, 2 nd and 3 rd Conditionals); Past Perfect simple/past perfect continuous; Wish con past perfect, could have + participio passato; Wish con past simple, past continuous, could; Wish con would; Passive Voice: con il present simple e il past simple; Passive Voice: con gli altri tempi verbali e i modali; Passive Voice: verbi seguiti da due complementi, by e with; Used to/be used to/get used to. Reported Speech; Reported Speech: say e tell; Reported Questions. Totally Connected Module 3: THE INFORMATION SUPERHIGHWAY Interconnected networks (pp ) A Brief History of the Internet (pp ) The World Wide Web (pp ) Internet Service Provider (69-70) HTML: Hyper Text Mark-up Language (p.71) Allegato al documento del 15maggio 5A Indirizzo infoweb a.s

26 Downloading Software (pp ) Who sends letters anymore? (pp ) From Newsgroups to Twitter (pp ) Protect Yourself (pp ) Fotocopie: Hyper-Text Transfer Protocol (HTTP) Simple Mail Transfer Protocol (SMTP) Post Office Protocol-Version 3 (POP3) Internet Message Access Protocol (IMAP) MODULE 5: OPERATING SYSTEMS Application Packages (p. 143) Database Managers (pp ) What can Database Managers do? (pp ) How do Database Managers work? (pp ) Record Design (pp ) DBMS: Database Management System (p. 152) Reviewing the Foundations of SQL (pp ) Database Inquiries (pp ) Fotocopie: Object-Oriented Programming (OOP) What is an object? What is a class? What is inheritance? MODULE 9: OUR WIRED WORLD Types of Networks (pp ) Allegato al documento del 15maggio 5A Indirizzo infoweb a.s

27 LANs: Local-area networks MANs: Metropolitan-area networks WANs: Wide-area networks SANs: Storage-area networks PANs: Personal area networks VPN: Virtual private network Intranets and Extranets Networking Devices (pp ) Topologies (pp ) Long Distance Communications (pp ) Types of Connections Wire and Wireless Media (pp ) Properties of Transmission (pp ) ISDN: Integrated Services Digital Network (pp ) Methods of Transmission (pp ) MODULE 10: OSI and TCP/IP MODELS Bandwidth (pp ) Analog vs Digital Bandwidth (pp ) Using layers to analyse problem in a flow of materials (pp ) How the ISO created the OSI (pp ) Peer-To-Peer Communication (pp ) Which OSI layer corresponds to the definition? (pp ) Fotocopie: Peer 2 Peer File Sharing Bit Torrent Allegato al documento del 15maggio 5A Indirizzo infoweb a.s

28 MODULE 12: CAREERS IN AN INFORMATION SOCIETY IT in our lives (pp ) ICT in commerce and at work (pp ) Career opportunities for IT specialists (pp ) What is the difference between résumé and CV? (pp ) IT implications of convergence (pp ) Allegato al documento del 15maggio 5A Indirizzo infoweb a.s

29 Consuntivo delle attività disciplinari Classe 5AIW Materia: matematica Docente.G.Introzzi- Codocente: M.Marangoni a.s Libri di testo: Corso base verde di matematica vol 5 plus, Bergamini, Trifone, Barozzi, ed. Zanichelli Ore di lezione settimanali: 3 Obiettivi conseguiti (in termini di conoscenze, competenze, capacità) Al compimento del percorso scolastico della scuola secondaria si è puntato sul conseguimento dei seguenti obiettivi a carattere generale: conoscenza degli argomenti con i possibili collegamenti con altre discipline Saper eseguire correttamente il calcolo Saper interpretare i risultati Saper scegliere la strategia risolutiva più appropriata Nello specifico della disciplina: Acquisire tecniche di calcolo per l estensione del concetto di integrabilità, saper definire e interpretare graficamente la convergenza di un integrale improprio, saper riconoscere l integrabilità di una funzione attraverso il criterio del confronto Saper risolvere equazioni differenziali del primo e secondo ordine di vario tipo, saper individuare l esistenza e l unicità delle soluzioni, saper applicare le equazioni differenziali a semplici modelli fisici. Capire potenzialità e limiti della somma di infiniti termini, saper riconoscere il carattere di una serie attraverso opportuni criteri, saper calcolare la somma di serie geometriche, saper calcolare raggio e intervallo di convergenza di una serie di potenze saper ricavare gli sviluppi in serie e calcolare i valori approssimati di di e di un logaritmo Contenuti e tempi per blocco tematico Ripasso e completamento del calcolo di integrali indefiniti (settembre 2012) Integrali impropri (settembre-ottobre 2112) Equazioni differenziali del primo ordine (novembre-dicembre 2012) Allegato al documento del 15maggio 5 Indirizzo INFOWEB a.s

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLEGATO A PARTE RISERVATA ALL UFFICIO AL DIRIGENTE DATA Direzione Risorse Umane e Organizzazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO PROT. N Via Verdi, 6-38100 TRENTO SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E PROVE

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli