Analisi delle esportazioni settoriali e degli investimenti diretti italiani in Cina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi delle esportazioni settoriali e degli investimenti diretti italiani in Cina"

Transcript

1 Analisi delle esportazioni settoriali e degli investimenti diretti italiani in Cina novembre 2012

2 INDICE 1. ANALISI SETTORIALE DELLE ESPORTAZIONI ITALIANE Meccanica e componenti Semilavorati industriali Moda e accessori Automotive e mezzi di trasporto Agroalimentare e bevande Arredamento INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI IN CINA INVESTIMENTI DIRETTI CINESI IN ITALIA 19 2

3 1. ANALISI SETTORIALE DELLE ESPORTAZIONI ITALIANE Nel 2011 l Italia ha esportato in Cina per 17,7 miliardi di USD (+25,6%), rappresentando il 21º fornitore con una quota dell 1%. Nello stesso anno l Italia ha acquistato dalla Cina per 33,7 miliardi di USD (+8,3%), costituendo l ottavo cliente con una quota dell 1,8%. Nel complesso l interscambio ha raggiunto 51,4 miliardi di USD, posizionandosi al terzo posto dopo Germania e Francia e precedendo quello con gli USA. Nei primi nove mesi del 2012 l Italia ha venduto in Cina per 12,4 miliardi di USD (-8,2%), diminuendo la propria quota allo 0,9% per effetto soprattutto del calo delle vendite nel settore meccanica che analizzeremo a seguire. ESPORTAZIONI Valori in milioni USD7, Quota di % Export Var % mercato Italia 10/11 ITALIA 17,573 1, ,6 21 Meccanica 8, Semilavorati 4, Moda e Accessori 1, Mezzi di Trasporto Agroalimentare Arredamento Barche diporto Altro 1, GENNAIO-SETTEMBRE 2012 Quota di % Export Var % mercato Italia 11/12 TOTALE ITALIA 12,350 0, ,2 22 Meccanica 5, Semilavorati 3, Moda e Accessori 1, Mezzi di Trasporto Agroalimentare Arredamento Barche diporto Altro Fonte: China Customs - Elaborazione ICE Shanghai 3

4 1.1 Meccanica e componenti Nel 2011 l Italia ha esportato macchinari in Cina per 9 miliardi di USD (+19,2%), rappresentando il 10º fornitore con una quota dell 1,4%. Il settore ha costituito il 50,6% del totale delle vendite italiane in Cina. Nei primi nove mesi del 2012 l Italia ha venduto in Cina macchinari per 5,7 miliardi di USD (-20,4%), diminuendo sia la propria quota all 1,2% che l incidenza sulle vendite totali italiane in Cina, scesa al 46,1%. Considerando le prime cinque voci nel 2012 sono in crescita le vendite di macchinari elettrici (+7%), di macchine utensili (+3%), mentre sono in pesante flessione le macchine tessili (-23%), le macchine per imballaggio (-47%) e i componenti meccanici (-43,6%). Nella Cina orientale sono presenti i grandi nomi della meccanica italiana come Marcegaglia, Danieli, Radici, Carraro, ecc., ma anche aziende piccole, leader di nicchia, come Nordmeccanica e Marposs. Valori in milioni USD,573 ESPORTAZIONI MECCANICA E COMPONENTI 2011 Quota Settoriale % Export da Italia Var % 10/11 TOTALE 8, Macchinari Elettrici 1, Macchine utensili Macchine tessili Macchine per Imballaggio Componenti meccanici Altro 4,288 5,311 4

5 GENNAIO-SETTEMBRE 2012 Quota Settoriale % Export da Italia Var % 11/12 TOTALE 5, Macchinari Elettrici 1, Macchine utensili Macchine Tessili Macchine per Imballaggio Componenti meccanici Altro 2,530 2, Fonte: China Customs Elaborazione ICE Shanghai Punti di forza e debolezza La tecnologia italiana gode di ottima reputazione e siamo fra i leader in quasi tutte le industrie, con quote sopra la media nazionale. Il sistema distributivo e ben sviluppato, affidato ad agenti professionali che operano da decenni e curano anche l assistenza post-vendita, quindi entrare nel mercato non e particolarmente difficile. Al momento le imprese italiane soffrono notevolmente per l accesso al credito che limita la competitivita sul mercato rispetto ai concorrenti esteri e la ridotta capacita di investimento sulle reti distributive e sull assistenza post-vendita. 5

6 1.2 Semilavorati industriali Nel 2011 l Italia ha esportato in Cina semilavorati per 4,7 miliardi di USD (+19,2%), rappresentando il 18º fornitore con una quota dell 1,3%. Il settore ha costituito il 26,6% del totale delle vendite italiane in Cina. Nei primi nove mesi del 2012 l Italia ha venduto in Cina per 3,5 miliardi di USD (+1,5%), mantenendo stabile la quota all 1,3% e aumentando leggermente l incidenza sulle vendite totali italiane in Cina al 28,7%. Considerando le voci piu importanti del comparto nel 2012 e in forte crescita la chimica-farmaceutica (+19,4%), mentre tutti gli altri semilavorati sono in contrazione, con perdite sensibili per plastica-gomma e pellami. Le societa del comparto piu strutturate sono quelle dei tessuti come Loro Piana, Zegna, Albini, ecc. Per gli altri prodotti le imprese operano soprattutto attraverso trading e intermediari. ESPORTAZIONI SEMILAVORATI Valori in milioni USD17, Quota % Export Var % Settoriale da Italia 10/11 TOTALE 4, Chimica e farmaceutica 1, Metalli Plastica e gomma Pelli Tessuti e filati Pasta di legno Marmi e pietre

7 GENNAIO-SETTEMBRE 2012 Quota % Export Var % Settoriale da Italia 11/12 TOTALE 3, Chimica e farmaceutica 1, Metalli Plastica e gomma Tessuti e filati Pelli Pasta di legno Marmi e pietre Fonte: China Customs Elaborazione ICE Shanghai Punti di forza e debolezza I semilavorati italiani godono di buona reputazione e sono collocati nella fascia alta del mercato (vedi tessuti e pellami) per soddisfare bisogni specifici dell industria manifatturiera cinese. Il sistema distributivo e ben sviluppato, affidato ad intermediari ed agenti professionali che operano da decenni e, pertanto, entrare nel mercato non e particolarmente difficile. 7

8 1.3 Moda e accessori Nel 2011 l Italia ha esportato in Cina moda e accessori per 1,9 miliardi di USD (+68,1%), rappresentando il 4º fornitore con una quota del 7,6%. Il settore ha costituito il 10,8% del totale delle vendite italiane in Cina. Nei primi nove mesi del 2012 l Italia ha venduto in Cina per 1,7 miliardi di USD (+27,5%), incrementando la quota al 9,5% e anche l incidenza sulle vendite totali italiane in Cina al 14%. La posizione come fornitore sale al 2º posto. Le varie voci del comparto nel 2012 sono tutte in forte crescita con incrementi compresi fra il 22 e il 34% con relativi aumenti delle quote di mercato. Si tratta di risultati positivi ma nettamente inferiori rispetto a quelli del Presenti praticamente tutti i grandi nomi della moda italiana (compresi gioielli), meno attivi in forma diretta le calzature/pelletteria e la cosmetica. ESPORTAZIONI MODA E ACCESSORI Valori in milioni USD17, Quota % Export Var % Settoriale da Italia 10/11 TOTALE 1, Pelletteria Tessile-abbigliamento Calzature Gioielleria e bigiotteria Occhiali Accessori Cosmetici

9 GENNAIO-SETTEMBRE 2012 Quota % Export Var % Settoriale da Italia 11/12 TOTALE 1, Pelletteria Tessile-abbigliamento Calzature Gioielleria e bigiotteria Occhiali Accessori Cosmetici Fonte: China Customs Elaborazione ICE Shanghai Punti di forza e debolezza In questo settore l immagine del Made in Italy e elevatissima, grazie soprattutto agli sforzi compiuti dai grandi brand nell ultimo decennio. La concorrenza internazionale e fortissima ed e crescente alla la sfida da parte dei produttori domestici nella fascia medio-alta. Il sistema distributivo e ancora poco sviluppato con un numero limitato di operatori locali, interessati ai marchi affermati e poco disposti a puntare sui brand emergenti. Sostanziale inesistenza dei negozi plurimarchio. Sono necessari investimenti iniziali notevoli e le maggiori possibilita sono nei settori di nicchia e in alcuni progetti per lanciare delle piattaforme plurimarchio. 9

10 1.4 Automotive e mezzi di trasporto Nel 2011 l Italia ha esportato in Cina per 475 milioni di USD (+0,7%), rappresentando l 11º fornitore con una quota dell0 0,7%. Il settore ha costituito il 2,7% del totale delle vendite italiane in Cina. Nei primi nove mesi del 2012 l Italia ha venduto in Cina per 346 milioni di USD (+4%), con quota allo 0,6% e incidenza sulle vendite totali italiane in Cina salita al 2,8%. La posizione e arretrata al 13 º posto. ESPORTAZIONI VEICOLI, MEZZI DI TRASPORTO E PARTI Valori in milioni USD TOTALE ITALIA 17, Quota % Export Var % Settoriale da Italia 10/11 TOTALE ,7 11 Autoveicoli Mezzi commerciali Mezzi a due ruote Parti e accessori GENNAIO-SETTEMBRE 2012 Quota % Export Var % Settoriale da Italia 11/12 TOTALE Autoveicoli Mezzi commerciali Mezzi a due ruote Parti e accessori Fonte: China Customs Elaborazione ICE Shanghai 10

11 Punti di forza e debolezza Il settore va analizzato da diverse angolazioni: autovetture segmento medio: il recente lancio della Fiat Viaggio, preceduto dalla promozione della 500, e la premessa per un rientro importante del gruppo nel mercato cinese dell autovettura e di una definitiva affermazione del marchio dopo la parentesi non positiva della JV nel Jiangsu; auto di lusso: con Ferrari e Maserati l Italia e gia fra i leader nel segmento anche se occorre investire ancora molto nel brand awarness e nella fidelizzazione dei consumatori, molto giovani e con scarsa esperienza. Nel settore rientrano anche le moto, Ducati per l Italia, che sta investendo molto nel mercato ancora caratterizzato da una limitata passione per le due ruote; veicoli commerciali: qui Fiat e di nuovo impegnata in modo importante con il Daily Iveco e con la produzione di camion di medie dimensione a Chongqing. La posizione italiana in questi due segmenti e soddisfacente ma ancora migliorabile; componenti: importante la presenza di diverse imprese italiane nel settore della componentistica auto e veicoli commerciali come Brembo, Magneti Marelli, Teksid, ecc. Queste imprese operano tanto come fornitrici del Gruppo Fiati che degli altri costruttori stranieri e cinesi operanti sul mercato. 11

12 1.5 Agroalimentare e bevande Nel 2011 l Italia ha esportato in Cina per circa 300 milioni di USD (+46,7%), rappresentando il 25º fornitore (in realta il 2º dopo la Francia per i prodotti trasformati di qualita ) con una quota dello 0,4%. Il settore ha costituito l 1,7% del totale delle vendite italiane in Cina. Nei primi nove mesi del 2012 l Italia ha venduto in Cina per circa 216 milioni di USD (+9%), registrando una contrazione della quota allo 0,3% e un incidenza sulle vendite totali italiane in Cina dell 1,8%. La posizione come fornitore scende al 29º posto. Nel 2012 per la prima volta il vino (79 milioni, +10,3%) supera la cioccolata (57 milioni, -2%). In leggera crescita l olio di oliva (+6), terza voce del nostro export settoriale. Nel complesso l Italia e il primo fornitore di cioccolato e pasta, il secondo di olio di oliva, acque minerali e vini frizzanti, il terzo per vini imbottigliati e caffe. Ad eccezione del vino, dove la Francia ci distanzia notevolmente, in tutti gli altri prodotti l Italia ha posizioni di punta con quote rispettabili. Fra gli investimenti italiani il piu importante e quello di Perfetti per la produzione di gomme e caramelle, seguito a distanza da Beretta e Senfter per i salumi. Importante l impegno di Ferrero che distribuisce prodotti importati e non ha stabilimenti in Cina. Presenti alcuni importatori italiani e oltre 70 ristoranti. Valori in milioni USD ESPORTAZIONI AGROALIMENTARI 2011 Quota Settoriale % Export da Italia Var % 10/11 TOTALE Cioccolato Vino Olio extra vergine di oliva Prodotti da forno Pasta Altri 41 12

13 GENNAIO-SETTEMBRE 2012 Quota Settoriale % Export da Italia Var % 11/12 TOTALE Vino Cioccolato Olio extra vergine di oliva Prodotti da forno Pasta Altri 30 Fonte: China Customs Elaborazione ICE Shanghai Punti di forza e debolezza Le principali criticita riguardano: volumi di vendita ancora troppo modesti (non solo per l Italia ma in generale); catena distributiva lunga e frammentata; limitato numero di importatori con portafoglio aperto ; complessita e durata delle operazioni doganali. A fronte di questo la cucina italiana gode di ottima immagine, viene associata al benessere ed alla gioia di vivere, anche se ancora c e scarsa conoscenza dei prodotti e dei marchi Immagine ancora forte della Francia e marketing aggressivo da parte di Australia e USA. Grandi opportunita per l Italia offerte dallo sviluppo della ristorazione (quella italiana e la piu diffusa a Shanghai dopo l offerta asiatica) e dal turismo che crea consumatori di ritorno. 13

14 1.6 Arredamento Nel 2011 l Italia ha esportato in Cina per 221 milioni di USD (+46%), rappresentando il 4º fornitore con una quota dell 8%. Il settore ha costituito l 1,2% del totale delle vendite italiane in Cina. Nei primi nove mesi del 2012 l Italia ha venduto in Cina per circa 172 milioni di USD (+3,4%), con quota stabile e un incidenza sulle vendite totali italiane in Cina dell 1,4%. La posizione e anch essa stabile. Nel 2012 continuiamo ad essere i primi fornitori di mobili, i secondi di letti e materassi e miglioriamo una posizione sull illuminazione (dal 6º al 5º posto). La presenza piu importante, sia dal punto di vista produttivo che distributivo, e Natuzzi. Presenti anche Contempo, Chateau D Ax, alcune showroom italiane e molti brand all interno di showroom gestire da cinesi. ESPORTAZIONI ARREDAMENTO Valori in milioni USD17,573 Quota % Export 2011 Settoriale da Italia Var % 10/11 TOTALE Mobili Sedie Illuminazione Letti e Materassi Altro 4 GENNAIO-SETTEMBRE 2012 Quota % Export Var % Settoriale da Italia 11/12 TOTALE Mobili Sedie Illuminazione Letti e Materassi Altro 3 Fonte: China Customs Elaborazione ICE Shanghai 14

15 Punti di forza e debolezza Nei bisogni cinesi l arredamento della casa con prodotti di qualita e di marchio e ancora residuale. Nella casa si vive poco, non si ricevono amici e quindi anche la possibilita di ostentazione e limitata. Il sistema distributivo non e molto sviluppato con pochi operatori locali disposti a rischiare sui marchi stranieri. Le aziende piu grandi aprono proprie showroom, per le piu piccole esistono pochi distributori plurimarchio. Temibile concorrenza locale in tutti i sub-comparti con forti problemi di copiatura e imitazione del design italiano. Necessita di investimenti iniziali con maggiori possibilita di ingresso nei settori di nicchia e con opportunita offerte dal contract e dai progetti per club e residenze di lusso. 15

16 2. INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI IN CINA Nel 2011 gli IDE in Cina hanno raggiunto i 116 miliardi di USD, in crescita del 9,7% rispetto al Con 70,5 miliardi di USD, Hong Kong, si conferma ancora al primo posto tra i paesi investitori con una quota del 60,7% sul totale. Seguono le Isole Vergini (9,7 mld USD), Giappone (6,3 mld) Singapore (6,1), Corea del Sud (2,5) USA (2,4), Isole Cayman (2,2) e Taiwan (2,2). Milioni USD FLUSSI INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI IN CINA Graduatoria per paese Total 90, , ,009 Total 90, , ,009 1 Hong Kong 46,075 60,566 70, Paesi Bassi Isole Vergini 11,298 10,447 9, Bermuda Giappone 4,104 4,083 6, Macao Singapore 3,604 5,428 6, Regno Unito Corea del Sud 2,700 2,692 2, Svizzera USA 2,554 3,017 2, Lussemburgo Isole Cayman 2,581 2,498 2, Canada Taiwan 1,880 2,475 2, Seychelles Samoa 2,020 1,773 2, Italia Mauritius 1, , Malesia Germania 1, , Barbados Francia 653 1, Australia Fonte: China Statistical Yearbook

17 Nel 2011 in Cina il valore totale degli IDE in Cina dalla Ue e stato di 5,8 miliardi di USD in calo dello 0,7% rispetto al La Germania si posiziona al 1º posto con 1,1 miliardi di USD scavalcando Francia (768 mln di USD) e Paesi Bassi (761 mln di USD) che lo scorso anno erano rispettivamente al primo e secondo posto. Nel 2011 i flussi di IDE dell Italia in Cina hanno raggiunto 387 milioni di USD. L Italia e scesa al 21º posto a livello mondiale (era 16º nel 2010) e al 6º posto tra i paesi UE (era 5 º nel 2010). Il periodo gennaio-settembre 2012 vede un flusso di IDE italiani pari a 191 milioni di USD. Per quanto riguarda lo stock, secondi i dati della Banca d Italia, nel 2010 gli investimenti italiani in Cina hanno raggiunto 6,271 miliardi di Euro di cui il 45% nel settore industriale e il 55% in quello dei servizi. Da evidenziare gli stock consistenti nel settore metallurgia-meccanica (1,281 miliardi di Euro), macchinari elettrici (484 milioni), chimica-famaceutica (431 milioni), commercio (340 milioni) e tessile-abbigliamento (228 milioni). Si tratta in sostanza, come gia evidenziato in precedenza, anche dei settori chiave che caratterizzano le esportazioni italiane verso la Cina. 17

18 STOCK INVESTIMENTI ITALIANI IN CINA NEL 2010 Industria estrattiva 4 Industria manifatturiere Alimentari 49 Tessili, dell'abbigliamento, del legno e carta 228 Chimiche, farmaceutiche, dei minerali non metalliferi 431 Metallurgiche e dei metalli, dei macchinari Dei mezzi di trasporto 365 Elettroniche, delle macchine elettriche e altre 484 Elettricità, gas, acqua 17 Costruzioni 7 Servizi Commercio 340 Trasporti e comunicazioni 21 Alberghi e ristoranti 4 Intermediazione finanziaria e assicurativa Altri servizi TOTALE Fonte: Relazione Annuale Banca d Italia 2011 Milioni di Euro 18

19 3. INVESTIMENTI DIRETTI CINESI IN ITALIA Secondo i dati dello Statistical Bulletin of China s Outward Foreign Direct Investment 2010, pubblicato dal locale Ministero del Commercio, l Italia rimane una destinazione marginale degli investimenti diretti cinesi: i flussi registrati nel triennio ammontano a 64,32 milioni di USD Flussi 7,63 8,10 5,00 46,05 13,27 Stock 74,41 127,13 133,60 191,68 223,80 Lo stock di IDE cinesi in Italia finora accumulatosi ammonta a 223,8 milioni di USD, pari all 1,8% degli IDE cinesi diretti nell UE, che a sua volta conta soltanto per il 3,9% dello stock di investimento estero globale della Cina. In dettaglio, nel 2010 l Italia si e collocata al nono posto tra i paesi UE per stock di investimenti cinesi, dopo il Lussemburgo (5.786,75 milioni USD), la Germania (1.502,29), la Svezia (1.479,12), il Regno Unito (1.358,35), i Paesi Bassi (486,71), l Ungheria (465,7), la Spagna (247,76) e la Francia (243,62). Da rilevare anche come mentre il flusso degli IDE cinesi in Italia nel triennio e cresciuto ad una media annua del 21%, la media per il complesso dell Unione Europea e stata pari al 157%. Esiste comunque un buon potenziale di attrazione dei capitali cinesi nell Italia dei distretti produttivi, dove l investitore puo mirare all acquisizione di tecnologie, di marchi, di reti commerciali, di culture manageriali e godere della presenza di economie di scala a livello locale (ad esempio il distretto automobilistico piemontese, dove la Changan Automobile Group e la Anhui Jinghuai Group hanno investito in attivita di design e ricerca e sviluppo, o il distretto varesino delgi elettrodomestici, dove si e insediata la Haier). 19

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia. in occasione di:

Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia. in occasione di: Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia in occasione di: 1 Agenda 1 PROGETTO EXPO IS NOW! 2 PROGETTO CIBUS E' ITALIA PADIGLIONE CORPORATE FEDERALIMENTARE/FIERE DI PARMA 3

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

I. T. A. L. I. A. Geografie del nuovo made in Italy I QUADERNI DI SYMBOLA

I. T. A. L. I. A. Geografie del nuovo made in Italy I QUADERNI DI SYMBOLA I. T. A. L. I. A. Geografie del nuovo made in Italy I QUADERNI DI SYMBOLA Coordinamento Marco Fortis, Vice Presidente della Fondazione Edison e Docente all Università Cattolica di Milano; Claudio Gagliardi,

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

L Italia nell economia internazionale

L Italia nell economia internazionale Sistema Statistico Nazionale L Italia nell economia internazionale Rapporto ICE 2012-2013 ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Sistema Statistico

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

TRASPORTO MERCI SU STRADA

TRASPORTO MERCI SU STRADA TRASPORTO MERCI SU STRADA Analisi economico-statistica delle potenzialità e criticità di un settore strategico per lo sviluppo sostenibile Trasporto merci su strada è una pubblicazione a cura di: ANFIA

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE

CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE COMUNICATO STAMPA Claudia Buccini +39 02 63799210 claudia.buccini@eur.cushwake.com CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE Causeway Bay a Hong Kong

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei.

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Alessia Amighini (Università del Piemonte Orientale) Versione preliminare Intervento al convegno Innovare per

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Bergamo, 6 maggio 2013 GLI ADEMPIMENTI DOGANALI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE Dott.ssa

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008 CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA IL SISTEMA CONFAPI Costituita nel 1947, Confapi è cresciuta insieme alla PMI italiana ed è oggi uno dei protagonisti della vita economica

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE INDICE 1. Crescita aziendale e contesto esterno 2. Crescita aziendale e contesto interno 3. Crescita quantitativa e sviluppo qualitativo 4. Le dimensioni rilevanti dello sviluppo qualitativo 5. Le modalità

Dettagli

La Svizzera in cifre.

La Svizzera in cifre. ab Edizione 2014 / 2015 Addetti per divisione economica 20 8 La Svizzera in cifre. UBS Partner di Svizzera Turismo Addetti per settori Settore primario Agricoltura 12 Settore secondario Industria, artigianato

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Introduzione... 3. Gli autori di questa ricerca... 5. Executive summary... 7. Le medie imprese italiane... 8. Il motore dell economia italiana...

Introduzione... 3. Gli autori di questa ricerca... 5. Executive summary... 7. Le medie imprese italiane... 8. Il motore dell economia italiana... Section title Indice Introduzione... 3 Gli autori di questa ricerca... 5 Executive summary... 7 Le medie imprese italiane... 8 Il motore dell economia italiana...10 Crescere nonostante tutto...12 Il cuore

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI

L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI 13 L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI RAPPORTO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI FOGGIA INDICE PREMESSA 3 IL SISTEMA DELLE IMPRESE 5 IL MERCATO DEL LAVORO 18 IL COMMERCIO INTERNAZIONALE 24 IL

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Esportare la dolce vita. Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati Ostacoli, punti di forza e focus Cina

Esportare la dolce vita. Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati Ostacoli, punti di forza e focus Cina Esportare la dolce vita Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati Ostacoli, punti di forza e focus Cina Il rapporto è stato realizzato da: Alessandro Gambini, Manuela Marianera, Luca Paolazzi (Centro

Dettagli

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali 4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali di Maurizio Gambuzza e Maurizio Rasera * La conclusione del 2011 ha portato con sé molte delusioni. La sua prima metà aveva fatto sperare

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

LOTTA A CONTRAFFAZIONE

LOTTA A CONTRAFFAZIONE LOTTA A CONTRAFFAZIONE ED ABUSIVISMO COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE VADEMECUM2012 FEDERAZIONEMODAITALIA Via Durini, 14 20122 Milano www.federazionemodaitalia.it COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE 1. Chi produce

Dettagli

LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.)

LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.) cap 01 libro finanza 22-04-2005 11:22 Pagina 13 CAPITOLO PRIMO LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.) INTRODUZIONE Le piccole e medie

Dettagli

Eaton Macchine di processo. Affidati alla affidabilità per garantire continuità alla tua produzione.

Eaton Macchine di processo. Affidati alla affidabilità per garantire continuità alla tua produzione. Eaton Macchine di processo Affidati alla affidabilità per garantire continuità alla tua produzione. Il tempo di funzionamento non è tutto, è l unica cosa che conta. Ogni processo industriale deve soddisfare

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO CHI SIAMO Sagitter One é la compagnia specializzata nel fornire soluzioni all avanguardia nel mercato dell ospitalità, della promozione agroalimentare, del marketing territoriale e dell organizzazione

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

FOCUS CINA SPEDIZIONI E SOLUZIONI LOGISTICHE PER IL MERCATO CINESE

FOCUS CINA SPEDIZIONI E SOLUZIONI LOGISTICHE PER IL MERCATO CINESE FOCUS CINA SPEDIZIONI E SOLUZIONI LOGISTICHE PER IL MERCATO CINESE TUVIA IN CINA Il Gruppo TUVIA è presente in Cina dal 2008 con uffici diretti a Shanghai, Pechino e Hong Kong. PECHINO Oltre alle filiali,

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli