quaderni Note informative Supplemento alla rivista Aiaf N. 62 e tecniche dell Associazione Italiana degli Analisti Finanziari Aprile 2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "quaderni Note informative Supplemento alla rivista Aiaf N. 62 e tecniche dell Associazione Italiana degli Analisti Finanziari Aprile 2007"

Transcript

1 Note informative quaderni e tecniche dell Associazione Italiana degli Analisti Finanziari Supplemento alla rivista Aiaf N. 62 Aprile 2007 Il valore degli intangibili del Segmento STAR di Borsa Italiana 131

2

3 Quaderno Aiaf n. 131 Supplemento alla Rivista Aiaf n. 62 (Aprile 2007) Il valore degli intangibili del Segmento STAR di Borsa Italiana Rapporto della Commissione Analisi fondamentale Consigliere referente Teodoro Loverdos Autori Aiaf del Quaderno Andrea Gasperini Coordinatore Quaderno, Socio Aiaf dal 1993 e Coordinatore del Gdl Mission Intangibles Responsabile Area Fidi Gruppo Banca Leonardo SpA, Milano Valeria Novellini Socio Aiaf dal 1991, membro del Gdl Mission Intangibles Analista Finanziario Il Sole 24 Ore SpA, Milano Co-autore Summit Paolo Bigotto Manager Summit, Milano Summit, è la Società di consulenza condotta da Franco D Egidio che in Italia ha sviluppato numerosi casi di Bilancio dell Intangibile secondo l approccio denominato Intellectual Capital Value tra cui Intercos, Banca Agrileasing,Teddy, Brembo presentati rispettivamente nei numeri 51, 53, 56, 59 della rivista Aiaf. Quaderni Aiaf Note informative e tecniche dell Associazione Italiana degli Analisti Finanziari Direttore Responsabile Enrico Colombi Coordinatore editoriale Franco Biscaretti di Ruffìa Progetto Grafico Armando e Maurizio Milani Fotocomposizione e stampa Quadrifolio, Milano Editore AIAF Formazione e Cultura Srl Unipersonale Reg.Trib. Mi n /3/1994 Copyright 2007 AIAF Formazione e Cultura s.r.l. Unipersonale Associazione Italiana degli Analisti Finanziari Costituita nel 1971 Consiglio Direttivo Presidente: Giampaolo Trasi Vice Presidente: Gianni Ferrari Consiglieri: Teodoro Loverdos (tesoriere), Giovanni Camera, Guido Cisternino, Dario Colombo, Luca D Onofrio, Gregorio De Felice, Anna Lambiase, Maria Isabella Mastrofini, Andrea Nattino, Giorgio Zancan Collegio dei Revisori Presidente: Sergio Lamonica; Paolo Citoni, Marco Fabruzzo (effettivi); Marcello Priori, Bianca Laura Volterra (supplenti) Collegio dei Probiviri Presidente: Luigi Piona; Francesco Cattaneo, Angela Monti (effettivi); Carlo Bugolotti, Daniela Carosio (supplenti) Sede e Segreteria Segretario Generale: Franco Biscaretti di Ruffìa Segreteria: Ivana Bravin, Katia Diani, Monica Berto, Sabrina Napoli Via Dante, Milano Tel r.a. Fax sito Internet: - Sezione Romana Responsabili: Maria Isabella Mastrofini, Andrea Nattino Segreteria: Paola Lavagetti Banca Finnat Euramerica - Palazzo Altieri Piazza del Gesù, Roma Tel Fax AIAF Formazione e Cultura Srl Unipersonale Presidente: Guido Cisternino Vice Presidente: Giampaolo Trasi Consiglieri: Franco Biscaretti di Ruffìa, Silvio Ceretti (amministratore delegato), Luca Francesco Franceschi, Andrea Gasperini, Teodoro Loverdos, Gerardo Pecoriello Organismi internazionali EFFAS European Federation of Financial Analysts Societies Secretariat: Claudia Stinnes Einsteinstrasse 5 Postfach D Dreieich - Frankfurt Tel Fax sito Internet: ACIIA Association of Certified International Investment Analysts Company Secretary:Alice Gradon Feldstrasse 80 Buelach CH 8180 Switzerland Tel Fax sito Internet: Soci Sostenitori: Alleanza Assicurazioni,Astaldi, Banca Aletti, Banca Finnat Euramerica, Banca IMI, Banca Lombarda e Piemontese, Banca Popolare Italiana, Beni Stabili, Borsa Italiana, BPU - Banche Popolari Unite, Capitalia - Gruppo Bancario, Enel, Eni, Fondiaria SAI, Intesa Sanpaolo, Italcementi, Mariella Burani Fashion Group, Pirelli, Sabaf,Telecom Italia, UniCredit 3

4

5 indice Executive Summary Premessa Introduzione 1. Sviluppo dell approccio 2. Individuazione degli obiettivi del progetto 3. Dettaglio delle attività svolte 4. Sondaggio delle aziende del Segmento STAR 4.1. CREAZIONE DI VALORE PER LE AZIENDE STAR 4.2. RELAZIONE CON GLI STAKEHOLDER 4.3.AMMINISTRAZIONE E FINANZA 4.4. COMUNICAZIONE ED INVESTOR RELATIONS MANAGER 4.5. PIANIFICAZIONE STRATEGICA 4.6. RISORSE UMANE 4.7.AGGIORNAMENTO INFORMATIVO 5. Gli intangibili del Segmento STAR nella percezione degli Analisti Finanziari 5.1. BENEFICI DERIVANTI DAGLI IMPEGNI DI APPARTENENZA AL SEGMENTO STAR 5.2.TRASPARENZA 5.3. CUSTOMER SATISFACTION: LA SODDISFAZIONE DEGLI ANALISTI FINANZIARI 5.4. LA DIMENSIONE DEL CAPITALE RELAZIONALE 5.5. L IMMAGINE AZIENDALE 5.6. PERFORMANCE E VALUTAZIONE 5.7. CREAZIONE DI VALORE PER GLI ANALISTI FINANZIARI 6. Conclusioni sulla dimensione intangibile del Segmento STAR 7. Evidenze empiriche Appendice LE CARATTERISTICHE DEL SEGMENTO STAR COMPANY PROFILE SOCIETA STAR AL 30 MARZO

6 Associazione Italiana degli Analisti Finanziari Formazione nazionale e internazionale per gli analisti finanziari Analisti senza frontiere EFFAS European Federation of Financial Analysts Societies ACIIA Association of Certified International Investment Analysts Diploma CIIA : passaporto internazionale della professione Nel 2000 l Aiaf ha partecipato alla costituzione dell ACIIA che raggruppa gli analisti finanziari operanti in Europa,Asia e Sud America al fine di creare il Diploma internazionale CIIA (Certified International Investment Analyst) destinato a diventare il passaporto internazionale della professione. Infatti, rispetto ad altri diplomi internazionali, il Diploma CIIA si distingue per una duplice preparazione: una fondamentale comune a tutti i Paesei partecipanti su tutti i temi propri della professione, mirante a valorizzare e armonizzare le diverse culture che hanno concorso alla sua formazione; una specifica per ogni Paese di appartenenza relativa ai principi contabili, alle norme fiscali, alla regolamentazione del mercato e alla deontologia. Diplomi I seguenti diplomi sono ottenibili col superamento dei relativi esami d area: - Diploma AIAF che consente l ammissione come Socio Ordinario; - Diploma CEFA (Certified Effas Financial Analyst) riconosciuto dalla Federazione Europea; - Diploma CIIA (Certified International Investment Analyst) che certifica l internazionalità della formazione professionale. N.B. Per i non soci, l ottenimento del Diploma CIIA comprende l ammissione all Aiaf. Programmi ed esami Per la preparazione agli esami sono previsti due percorsi alternativi: 1) Formazione d aula, tramite il Corso istituzionale AIAF/CIIA che è articolato come segue:area propedeutica all analisi finanziaria (40 ore),area specialistica Analisi di bilancio (74 ore),area specialistica Teoria tecnica degli investimenti (141 ore),area CIIA Final (49 ore), per un totale di 304 ore. I docenti sono circa 40, selezionati per la loro specializzazione e provenienti da società finanziarie, studi professionali, istituti di credito e università; Coordinatore del Corso è Silvio Ceretti. 2) Autoformazione per la preparazione dei tre esami Foundation, National e Final attraverso i quali si consegue il Diploma internazionale CIIA.A chi sceglie questo percorso, l Aiaf fornisce la sua assistenza mettendo a disposizione una specifica documentazione (comprensiva dei testi di esami precedenti) e offrendo ulteriore supporto attraverso facoltativi corsi di preparazione. N.B. Fino a giugno 2007, i Soci Aiaf possono accedere direttamente all esame CIIA Final, sia frequentando l Area CIIA Final del Corso istituzionale sia preparandosi autonomamente con l Autoformazione. Informazioni e iscrizioni AIAF Formazione e Cultura s.r.l. Unipersonale - Via Dante 9, Milano - Tel / Fax

7 Executive Summary La ricerca Il Valore degli Intangibili del Segmento STAR 1 nasce dalla volontà di verificare l esistenza di benefici che le aziende ottengono in relazione all appartenenza a tale segmento di Borsa Italiana analizzandone le caratteristiche strutturali specifiche ritenute alla base della generazione di valore. Dall analisi, condotta attraverso due indagini, una rivolta alle aziende che appartengono al Segmento STAR e l altra agli analisti finanziari nonché uno studio basato su dati storici / statistici finalizzato a rilevare delle evidenze empiriche a conferma dei risultati delle due indagini, è emerso come le caratteristiche del Segmento STAR risultino strettamente correlate alla dimensione delle risorse intangibili (intangibles). Oggetto d indagine è stato innanzitutto l ambito del capitale relazionale, inteso come il patrimonio di relazioni generato per le aziende STAR ed i loro stakeholder, quindi quello del capitale umano costituito dalle persone, le loro conoscenze, competenze idee e comportamenti e infine quello del capitale strutturale costituito dalle modalità operative e la capacità di trarre rilevanti benefici dall organizzazione. Dall indagine rivolta alle aziende del Segmento STAR è emerso, infatti, come l obbligo di soddisfare i requisiti e disporre dei servizi, richiesti per l appartenenza a tale segmento, produca effetti positivi nelle tre classiche dimensioni del capitale intellettuale: 1. Nella dimensione del capitale relazionale aumentano le opportunità di accesso al credito aumenta la capacità di attrarre e mantenere investitori istituzionali nel capitale migliorano le relazioni con gli analisti finanziari e con i media in termini di qualità e frequenza della comunicazione cresce la reputazione percepita da clienti e fornitori 2. Nella dimensione del capitale umano si potenzia la capacità di attrarre personale qualificato aumentano soddisfazione e motivazione di manager e collaboratori migliora l auto-percezione dell immagine interna 3. Nella dimensione del capitale strutturale effetti positivi si registrano sul fronte dell efficienza operativa dell area amministrazione e finanza, dove migliorano la tempestività e la precisione nella produzione dei report annuali e infrannuali migliorano la struttura organizzativa e la capacità di gestire la comunicazione con il mercato si incrementa la capacità di sviluppare la strategia, il controllo interno e il controllo di gestione aumenta la capacità di fare valide previsioni per il futuro utili spunti di riflessione per il miglioramento nascono dalle STAR Conferences e dai Road Show 7 Il valore degli intangibili del Segmento STAR di Borsa Italiana sono riconosciuti validi gli strumenti messi a disposizione da Borsa Italiana quali i tool di gestione degli incontri one to one per le Conferences e il sistema di comunicazione e scambio documentale (C3) Dalla seconda indagine, finalizzata a evidenziare le opinioni e percezioni degli analisti finanziari, è emerso che la dimensione intangibile ritenuta rivestire maggiore importanza è quella del capitale relazionale rappresentata dalle opportunità di contatto che gli analisti hanno con le società da cui possono trarre le informazioni che vengono elaborate e costituiscono la fonte dei loro reports. Sono inoltre apprezzati gli obblighi all informativa che le aziende del Segmento STAR devono rispettare, i vincoli di flottante e gli impegni relativi alla struttura di governance, così come la presenza di un operatore specialista che pubblica due analisi finanziare l anno e garantisce la liquidità del titolo nonché la possibilità di incontri periodici con il management delle società. Per tutti questi motivi e quindi, di fatto, per la presenza di ben determinati obblighi imposti alle società che appartengono al Segmento STAR la maggioranza degli analisti che ha risposto al questionario loro inviato è concorde sul fatto che le aziende quotate in tale segmento presentano un maggior livello di NOTA 1 Segmento Titoli con Alti Requisiti: segmento di Borsa Italiana dedicato alle società di piccole e medie dimensioni con capitalizzazione non superiore a 1 miliardo di Euro che, su base volontaria, si impegnano a rispettare requisiti più stringenti in termini di trasparenza informativa, liquidità e governo societario.

8 trasparenza ed informazioni più accessibili rispetto ad analoghe aziende quotate sul Segmento Standard di Borsa Italiana. Infine dalle evidenze empiriche emerse dal confronto tra le società del Segmento STAR e le società del Segmento Standard nel periodo le più evidenti risultanze che confermano le considerazioni fatte analizzando i questionari ricevuti si ritiene siano: l evoluzione del numero di contratti giornalieri per le aziende del Segmento STAR è stato pari al 117% a fronte del 56% delle aziende del Segmento Standard. mediamente ciascun titolo STAR chiude 285 contratti giornalieri contro i 158 conclusi da un titolo Standard (rispettivi CAGR 04-06: 76% e 57%). la crescita del controvalore scambiato per le aziende del Segmento STAR ha registrato un tasso di crescita medio annuo pari a 115% rispetto il 63% delle aziende del Segmento Standard. il dato del turnover velocity delle aziende del Segmento STAR ha raggiunto nel 2006 il valore di 115% NOTA 2 Sono trascorsi oltre 500 anni da quando il monaco francescano Luca Pacioli nell anno 1494 nella sua opera Summa de Arithmetica, Geometria, Proportioni et Proportionalità espresse le sue riflessioni, denominate metodo veneziano, sulle rilevazioni contabili in partita doppia che costituiscono ancora oggi la base dei tradizionali bilanci aziendali.da allora nonostante le modalità di rilevazioni degli eventi economici e finanziari sono state regolate da un sistema sempre più complesso ed evoluto di linee guida, suggerimenti e limiti è tuttavia sorprendente che il tradizionale bilancio di esercizio non è in grado spesso di fornire agli stakeholder un quadro sufficientemente chiaro sulla capacità delle aziende di gestire nel tempo la creazione di valore in modo sostenibile in quanto rappresenta,in larga misura,la fotografia di decisioni prese in esercizi precedenti. mentre le Standard nel medesimo anno registravano il 106%. il flottante medio del Segmento STAR risulta pari al 42% rispetto al 37% del Segmento Standard (aggiornamento al 17 gennaio 2007) le società quotate sul Segmento STAR sono state nel 2006 mediamente oggetto di 11 ricerche da parte di analisti finanziari contro le 5 dedicate mediamente alle società Standard L analisi svolta consente quindi di concludere che: 1. gli stakeholder sono in grado di percepire ed apprezzare anche la dimensione intangibile del Segmento STAR di Borsa Italiana ed in particolare: a. i comportamenti virtuosi delle aziende STAR sotto il profilo della trasparenza espressa attraverso la puntualità e la precisione della reportistica, b. l impegno nella comunicazione in occasione delle STAR Conferences e degli incontri one to one, c. le caratteristiche della struttura di corporate governance, e d. il rispetto dei requisiti di liquidità. 2. il Segmento STAR richiede requisiti più stringenti proprio in relazione a quelle aree che gli stakeholder dimostrano di apprezzare, 3. il Segmento STAR incorpora un valore intangibile che trova riscontro innanzitutto nella dimensione del capitale relazionale, nell immagine e reputazione attribuite alle aziende che vi appartengono e nel livello di soddisfazione dei vari stakeholder, 4. i servizi messi a disposizione dal Segmento STAR generano valore sia per le aziende che ne fanno parte sia per i rispettivi stakeholder. 8 Premessa Il valore di un azienda dipende in larga parte dalle risorse intangibili classificate, in accordo con le più autorevoli fonti internazionali e una diffusa schematizzazione letteraria, nelle tre classiche dimensioni del Capitale Relazionale, Umano e Strutturale. Il Capitale Relazionale lo si ritrova nelle relazioni che l organizzazione intrattiene con tutti gli stakeholder: i clienti, i fornitori, gli operatori finanziari, le agenzie di rating, le associazioni di categoria e, più in generale, il contesto economico e sociale in cui opera. Il Capitale Umano si identifica con le persone presenti nell organizzazione, le loro conoscenze, competenze, motivazione, idee e comportamenti. Il Capitale Strutturale rappresenta l insieme di tutti gli aspetti legati alla cultura, alle modalità operative, alla capacità di operare attraverso processi efficienti ed efficaci, alla capacità di trarre benefici dalla tecnologia, allo spirito di innovazione e alle capacità progettuali. La crescente consapevolezza che il valore e quindi il successo di un azienda dipende sempre più dalla capacità di gestire ed accrescere il proprio Capitale Intellettuale ha, negli ultimi anni, stimolato il livello di attenzione su questi temi, e quindi sulle risorse intangibili (intangibles). Sempre più di frequente, infatti, le aziende si preoccupano di sviluppare la capacità di identificare e misurare il proprio patrimonio intangibile. Questo compito risulta di non facile soluzione in quanto, per sua natura, il Capitale Intellettuale si articola in varie dimensioni, sfugge alle tradizionali regole della ragioneria 2 e tutte le sue componenti interagiscono fortemente in

9 un modo complesso e talvolta difficilmente prevedibile in assenza di adeguati strumenti di analisi e gestione. Le logiche di creazione di valore che ne risultano non sono univoche, ma dipendono dalla cultura dell azienda, dal settore in cui opera e dal modello di business adottato. Gli strumenti proposti per identificare, misurare e comunicare il Capitale Intellettuale delle aziende rientrano nella categoria degli Intellectual Capital Statement, che in Italia prendono il nome di Bilancio dell Intangibile 3. I benefici di questi approcci hanno una doppia valenza. La prima valenza è verso l esterno e si realizza nel momento in cui l azienda rende pubbliche le informazioni sul proprio patrimonio intangibile aumentando la trasparenza e consentendo ai vari stakeholder di operare le proprie scelte disponendo di una base informativa più ampia e quindi con maggiore consapevolezza. La seconda valenza riguarda l interno dell azienda ed è a favore del management, che viene a disporre di una serie di indicatori, molti dei quali anche non-financial 4, che facilitano la comprensione e gestione dei complicati processi di creazione di valore che ruotano intorno alle dimensioni meno tangibili del business. Le aziende che si impegnano nello sviluppare la capacità di identificare, misurare ed accrescere il proprio Capitale Intellettuale di fatto si apprestano ad operare una importantissima crescita culturale. Si tratta, infatti, di aggiungere alla tradizionale prospettiva economicofinanziaria, legata alla dimensione tangibile, quella del Capitale Intellettuale, che contempla tutte quelle risorse intangibili intorno alle quali sempre più si concentrano i processi di creazione del valore in modo sostenibile delle aziende nell odierna economia. Introduzione Lo studio Il Valore degli intangibili del Segmento STAR, commissionato da Borsa Italiana alla società Summit nel secondo semestre dell anno 2006, nasce dalla volontà di sottoporre a verifica l ipotesi che comportamenti virtuosi sotto il profilo della trasparenza e del governo societario, siano all origine di superiori performance di mercato e di migliori relazioni fra società quotate e stakeholder. A tal fine si è deciso di analizzare il Segmento STAR di Borsa Italiana che, prevedendo requisiti più stringenti proprio in relazione ad alcune variabili ritenute più sensibili per gli investitori, offre una piattaforma di analisi e confronto unica per la verifica dell ipotesi sopra menzionata 5.Al contempo, indirettamente, lo studio si pone lo scopo di identificare i benefici e i vantaggi che le aziende ottengono in relazione all appartenenza al Segmento STAR. L importanza assunta dal Segmento STAR nell ambito del mercato borsistico italiano è sottolineata dal fatto che attualmente ne fanno parte quasi 80 aziende (erano 5 all avvio dell iniziativa, 4 anni fa), per il terzo anno consecutivo, è stato il segmento più liquido in Europa per le società con capitalizzazione fino a 1 miliardo di euro, superando di circa il 30% la media dei concorrenti. Nello scorso esercizio la crescita media del fatturato delle società STAR è stata pari all 11%, quella del margine operativo lordo del 16% e quella della 9 capitalizzazione del 20%; nel mese di febbraio 2007 gli scambi medi giornalieri del segmento sono ammontati a 163,8 milioni ( contratti medi), in rialzo dell 80% rispetto al medesimo mese dell anno NOTE 3 Alcune tra le principali linee guida per l elaborazione di un Bilancio dell Intangibile vengono di seguito indicate: Linee guida danesi - Danish Ministry of Science Technology and Innovation: Intellectual Capital Statement in practice Inspiration and Good Advice (2002) Intellectual Capital Statement The New Guideline, (febbraio 2003) Analysing Intellectual Capital Statement, (3 marzo 2003) Ministero Federale dell Economia e del Lavoro tedesco: Bundesministerium für Wirtschaft und Arbeit (BMWA), Wissensbilanz: Made in Germany (2004), (www.akwissensbilanz.org/infoservice/infomateria l/leitfaden_english.pdf) Ministero Giapponese dell Economia del Commercio e dell Industria: METI, Guidelines for Disclosure of Intellectual Assets Based Management (2005), (www.meti.go.jp/policy/intellectul_assets/guidelin eforiam.pdf) 4 IASB, Management Commentary, (Discussion Paper October 2005), Indicatori che vengono utilizzati dal management per valutare i miglioramenti,con riferimento agli obiettivi che si è posta l organizzazione, quando è difficile misurare direttamente le performance. Tali indicatori possono consistere sia in una descrizione di come viene gestito il business e sia in misure quantitative che testimoniano indirettamente le performance. 5 I requisiti STAR riflettono la best practice internazionale e la frontiera dell innovazione in materia di comportamento e regole di condotta nei mercati finanziari. Si dividono in requisiti di ammissione e requisiti di permanenza e sono riconducibili a quattro principali categorie: requisiti dimensionali, requisiti di liquidità, requisiti di struttura societaria e governo societario, requisiti di trasparenza informativa analiticamente descritti in appendice.

10 Il tema, fin da subito, è apparso fortemente correlato alla dimensione degli intangibles. Infatti, fattori quali la qualità dei processi di comunicazione, dei sistemi di controllo interno e più in generale l osservanza di regole di condotta rispettose delle esigenze delle minoranze ancorché determinanti il valore di mercato di un azienda possono risultare di difficile misurazione se affrontati con i tradizionali strumenti tecnico-contabili. Per questo il processo di analisi è stato inquadrato nell ambito delle dimensioni caratteristiche del Capitale Intellettuale. Tuttavia, se da un lato la classificazione del problema da risolvere è stata evidente, dall altro lato è risultato difficile sviluppare il lavoro in base ai classici modelli di analisi del Capitale Intellettuale. Questi modelli, infatti, normalmente si fondano su un paradigma che prevede una struttura predeterminata di analisi dove si distinguono il Capitale Umano, il Capitale Strutturale e il Capitale Relazionale di una singola azienda. Il Segmento STAR, diversamente, è un aggregato di aziende che condividono regole di comportamento omogenee e non può quindi essere considerato un azienda singola; in aggiunta a ciò, le aziende che compongono tale Segmento sono numerose e molto diverse tra loro per modello di business, settore di appartenenza e dimensioni. Questa situazione ha imposto lo sviluppo di una modalità innovativa di analisi che consente di superare le logiche e i modelli tradizionali sugli intangibili individuando invece un approccio che tiene in considerazione le particolari condizioni del contesto del Segmento STAR di Borsa Italiana. 1. Sviluppo dell approccio Lo sviluppo dell approccio su cui è stato basato questo studio è partito proprio da una analisi del contesto individuando e classificando in distinti cluster gli attori coinvolti nel processo di generazione di valore. Si è giunti così a definire il gruppo di stakeholder del Segmento STAR indicati nella Figura 1. L elevato numero di elementi che compongono il contesto si è manifestato subito in modo palese ed è apparso evidente come il valore dell appartenenza al Segmento STAR potesse essere identificato attraverso un analisi delle relazioni che si sviluppano tra le aziende quotate in tale segmento di Borsa e l insieme degli stakeholder coinvolti. A seguito di questa considerazione si è deciso di procedere secondo due Figura 1 distinte direzioni di analisi. Da un lato si è approfondita la dimensione prettamente intangibile e nello specifico del Capitale Relazionale e dall altro si è scelto di indagare la dimensione quantitativa del Segmento STAR analizzando una serie di dati storici / statistici nonché le performance economiche dell aggregato di aziende che lo compongono al fine di individuare, a conferma delle indagini effettuate, oggettive evidenze empiriche. In particolare per quanto attiene l identificazione della dimensione intangibile si è deciso di effettuare due distinti sondaggi. il primo rivolto alle aziende STAR e finalizzato a rilevare la loro autopercezione sui benefici ottenibili nel momento in cui diventano parte del Segmento. Gli stakeholders del Segmento STAR 10

11 il secondo rivolto agli Analisti Finanziari per rilevare le loro opinioni in merito a tale segmento di borsa. Le analisi dei dati storico / statistici ed economici sono state effettuate raccogliendo informazioni da varie fonti 6 in merito alle seguenti dimensioni: Economico Finanziario o Ricavi o Utile o Ebitda Dati di Mercato o Capitalizzazione di mercato o Flottante oturnover velocity o Scambi medi giornalieri Ratios o Price to Book Value o Flottante Lo studio di queste variabili è stato finalizzato a individuare gli aspetti che differenziano le aziende del Segmento STAR da quelle che invece non vi appartengono (tra queste sono state considerate in particolare le aziende del Segmento Standard 7 ). 2. Individuazione degli obiettivi del progetto L analisi del contesto e la conseguente identificazione dell approccio da adottare hanno permesso di definire con precisione gli obiettivi del progetto Il Valore degli Intangibili del Segmento STAR, che si possono così riassumere: rilevare le opinioni, le percezioni e il grado di soddisfazione delle aziende in merito all appartenenza al Segmento STAR, rilevare le opinioni e i giudizi degli Analisti Finanziari in merito alle aziende che appartengono al Segmento STAR, e porre in evidenza le correlazioni tra i vincoli di appartenenza al Segmento STAR e la capacità di generare valore in modo sostenibile. 3. Dettaglio delle attività svolte Il progetto di studio ha comportato i seguenti passaggi fondamentali: Focus Group con le aziende appartenenti al Segmento STAR. In questo incontro si sono individuate le modalità attraverso le quali il Segmento STAR genera valore per le aziende che vi appartengono. Le riflessioni emerse hanno permesso di sviluppare il modello, ed in particolare la struttura degli strumenti di analisi quantitativa. Il Focus Group con le aziende del Segmento STAR si è svolto il 12 luglio 2006 e ha visto la partecipazione di otto società. Sviluppo del questionario per le aziende del Segmento STAR.Le evidenze emerse dal Focus Group sono state tradotte in un questionario strutturato per identificare con precisione le opinioni delle aziende in merito alle relazioni con gli stakeholder, gli impatti sulla struttura organizzativa interna ed il livello di soddisfazione dei servizi promossi da Borsa Italiana. Focus Group con AIAF. Questo Focus Group ha visto la partecipazione dei soci di Aiaf Valeria Novellini, analista finanziario presso il Sole 24 Ore, Andrea Gasperini, responsabile area fidi Gruppo Banca Leonardo SpA, e Franco Biscaretti di Ruffia, Segretario Generale di Aiaf. La finalità di questi incontri è stata quella di sviluppare e definire il questionario da distribuire agli analisti finanziari associati attraverso il quale esprimere un 11 giudizio articolato su diverse dimensioni di analisi in merito alle caratteristiche delle aziende appartenenti al Segmento STAR. Sviluppo del questionario degli Analisti Finanziari. In base alle prospettive precedentemente individuate si è sviluppato un questionario strutturato in domande chiuse e aperte finalizzato alla raccolta dei giudizi degli analisti finanziari ed è stato erogato via internet da Aiaf avvalendosi di un questionario elettronico ospitato sul sito Summit. Tale attività è stata preceduta da una di presentazione inviata da Aiaf ed il questionario è stato reso accessibile a tutti gli analisti finanziari associati nelle ultime due settimane del mese di Dicembre 2006 e la prima settimana dell anno 2007 riscuotendo un buon tasso di redemption (sono stati ricevuti 63 questionari). Erogazione dei questionari alle aziende del Segmento STAR. L erogazione in forma anonima dei questionari alle aziende appartenenti al Segmento STAR, preceduta da una di presentazione inviata da Borsa Italiana, è avvenuta via Internet attraverso un questionario elettronico ospitato sul sito Summit e reso accessibile durante le ultime tre settimane di Dicembre 2006 e la prima settimana dell anno La NOTE 6 Base dati Aida Bureau Van DijK, Bloomberg e modulo Company Communication Channel di Borsa Italiana. 7 Tutte quelle società che presentando un livello di capitalizzazione inferiore a milioni di Euro e non osservando i requisiti previsti per l appartenenza al segmento STAR, non rientrano appunto nel segmento STAR e nel segmento Blue Chips.

12 tabella che segue riassume il numero delle aziende coinvolte nel questionario nonché il tasso di redemption. Aziende Questionari Tasso di STAR ricevuti redemption ,0% ,6% ,7% Erogazione dei Questionari agli Analisti Finanziari. Il sondaggio ha riguardato i soci Aiaf che hanno espresso le loro opinioni in forma anonima. Analisi dei risultati dei sondaggi effettuati. I risultati dei questionari distribuiti alle aziende del Segmento STAR e agli analisti finanziari sono stati analizzati in profondità. L esito di questi studi trova posto nel presente report. Analisi dei dati statistici.al fine di individuare le possibili evidenze empiriche tra i dati storico / statistici e le performance economiche delle aziende del Segmento STAR a Creazione di valore conferma dei risultati emersi dalle indagini sono state raccolte e analizzate informazioni provenienti da varie fonti. 4. Sondaggio delle aziende del Segmento STAR In particolare il sondaggio rivolto alle aziende del Segmento STAR è stato realizzato attraverso la predisposizione di due questionari differenti. Si è infatti voluto distinguere le opinioni delle aziende che sono approdate al Segmento STAR dopo una precedente fase di quotazione alla Borsa Italiana (divenute STAR), da quelle delle aziende che invece si sono quotate direttamente all interno del Segmento (nate STAR). I due questionari sono comunque molto simili; la loro diversità consiste solo in alcune domande aggiuntive nel questionario delle divenute STAR, dove si è chiesto di esprimere un opinione sul passaggio dalla precedente fase di quotazione al Segmento STAR.Tale tipo di domanda non avrebbe avuto, di fatto, alcun senso per le nate STAR. 4.1 CREAZIONE DI VALORE PER LE AZIENDE STAR Risulta particolarmente significativo iniziare ad osservare le risposte di una specifica domanda proposta nel questionario, che chiedeva se la quotazione al Segmento STAR avesse contribuito ad accrescere il valore dell azienda. Dalle risposte ottenute emerge un quadro estremamente positivo dove il 93% delle aziende che sono divenute STAR dopo aver effettuato la quotazione, hanno dato risposta affermativa, mentre si è arrivati al 100% per l insieme di aziende che si sono quotate direttamente nel Segmento. Questo sembra essere uno dei risultati più interessanti di questo studio tale da giustificare lo sforzo supplementare cui le società del Segmento STAR sono sottoposte come condizione necessaria per aderire al segmento ad Alti Requisiti. Relazione con gli analisti finanziari H-01: Complessivamente, secondo la Sua opinione, aderire al segmento STAR ha contribuito ad accrescere il valore della Sua azienda? A-02: Ritenete che divenendo parte del segmento STAR la quantità e la qualità delle ricerche degli analisti finanziari sulla Vostra azienda siano... Grafico 1 Grafico 2 12

13 4.2 RELAZIONE CON GLI STAKEHOLDER Divenire parte del Segmento STAR comporta un significativo impatto sulle relazioni tra i vari portatori di interesse. migliorano le relazioni con gli analisti finanziari, la loro attenzione e, in particolare, la quantità e qualità delle loro ricerche sull azienda, può evolversi la relazione con gli Intermediari Finanziari, in riferimento alle possibilità di accesso al credito, cambia la capacità di attrarre / mantenere nuovi investitori, migliora la capacità di attrarre personale qualificato, si intensificano le relazioni con clienti e fornitori, l immagine esterna può essere meglio percepita, e cambia la relazione con i Media in termini di qualità e frequenza della copertura. Le prime domande di questa sezione avevano la finalità di mettere in luce il livello di soddisfazione delle Aziende STAR in merito alla loro relazione con gli analisti finanziari. Il 43% delle società divenute STAR (il 60% delle nate STAR) esprime un giudizio positivo sulla relazione in essere con gli analisti finanziari in termini di quantità e qualità delle ricerche prodotte, ritenute migliorare nel momento in cui la società è entrata a far parte del Segmento STAR. E evidente, come risulta anche dalle risposte date dagli analisti finanziari e riportate al grafico 29, la correlazione diretta che vi è con l impegno che si assumono le Aziende STAR di elaborare con una tempistica trimestrale i dati sulla situazione economica e patrimoniale ed il maggiore flusso di informazioni che attraverso la partecipazione alle Conference, ai Road Shows e agli incontro one-to-one rendono disponibili agli Analisti Finanziari per l elaborazione dei loro report. Il 61% delle società divenute STAR (il 90% delle nate STAR) esprime un giudizio positivo sulla loro relazione con gli intermediari finanziari con riferimento alla possibilità di accesso al credito, e si nota quindi come il processo di quotazione comporti mediamente anche un miglioramento delle possibilità di contatto che le società hanno con le istituzioni finanziarie. Questo avviene in due passaggi per le divenute STAR (al momento della prima quotazione e a quello successivo di passaggio al Segmento STAR) e in un unico passaggio per le aziende che sono entrate direttamente nel segmento. L 82% delle società divenute STAR (il 60% delle nate STAR) ritiene migliorata la capacità di attrarre e mantenere investitori istituzionali entrati a far parte della compagine sociale. Interessante notare che tale capacità risulta particolarmente sollecitata quando si entra a far parte del Segmento STAR. Questo effetto risulta più evidente per le aziende direttamente quotate nel Segmento. Il 68% delle società divenute STAR (l 80% delle nate STAR) ritiene molto Capacità di accesso al credito A-05: Ritenete che divenendo parte del segmento STAR la capacità di accesso al credito sia... Relazioni con gli investitori A-07: Ritenete che divenendo parte del segmento STAR la capacità di attrarre e mantenere nuovi investitori entrati nel capitale sia... Grafico 3 Grafico 4 13

14 Relazioni con personale qualificato A-10: Ritenete che divenendo parte del segmento STAR la capacità di attrarre personale qualificato sia... Relazioni con clienti e fornitori A-13: Ritenete che divenendo parte del segmento STAR la Vostra immagine e reputazione nei confronti dei clienti e dei fornitori siano... Grafico 5 Grafico 6 soddisfacente la relazione in essere con il mercato del lavoro e la capacità di attrarre personale qualificato. Tale capacità risulta in media migliorare sia in seguito al processo di quotazione, sia in relazione al passaggio al Segmento STAR. Questo effetto sembra cumularsi al momento in cui quotazione ed ingresso al Segmento STAR vengono a coincidere. Il 93% delle società divenute STAR (il 100% delle nate STAR) giudica soddisfacente la relazione in essere con i clienti ed i fornitori in termini di immagine e reputazione, ed anche in questo caso le società ritengono che tale capacità migliora quando entrano a far parte del Segmento STAR. Il 36% delle società divenute STAR (il 60% delle nate STAR) si ritiene Relazioni con i media A-16: Ritenete che divenendo parte del segmento STAR la relazione con i media, in termini di qualità e frequenza della copertura, sia... Impatto sull efficienza operativa B-03: Divenendo parte del segmento STAR come è cambiata la Vostra efficienza operativa, in termini di tempestività e precisione nella produzione della reportistica? Grafico 7 Grafico 8 14

15 Impatto sulla struttura organizzativa B-06: Divenendo parte del segmento STAR come è cambiata la Vostra struttura organizzativa? La capacità di comunicare B-10: Divenendo parte del segmento STAR come è cambiata la Vostra capacità di comunicare con il mercato? Grafico 9 Grafico 10 soddisfatto della relazione con i Media in termini di qualità e frequenza della copertura. Anche se non tutte le Aziende STAR esprimono un giudizio totalmente positivo sulla variazione dei rapporti con i Media va notato che l impatto della quotazione, su questa dimensione, è stato comunque positivo; il successivo passaggio al Segmento apporta un ulteriore beneficio. Per le nate STAR questi fenomeni si presentano, ma ovviamente gli effetti si cumulano in un solo passaggio. 4.3 AMMINISTRAZIONE E FINANZA Passare al Segmento STAR implica una evoluzione del modo di operare all interno dell area Amministrazione e Finanza, che si può ripercuotere in vari modi sulle attività aziendali: può cambiare l efficienza operativa di tale area in termini di tempestività e precisione nella produzione dei report, potrebbe essere necessaria una struttura organizzativa più articolata, può cambiare il numero dei componenti di Staff. L 85 % delle società divenute STAR (il 90% delle nate STAR) esprime un giudizio positivo sulla propria efficienza operativa, in termini di tempestività e precisione nella produzione della reportistica. Anche se alcune Aziende STAR giudicano migliorabile l efficienza operativa della propria area Amministrazione e Finanza, l effetto della quotazione risulta in media essere positivo. La maggior parte delle aziende infatti riconosce un miglioramento di efficienza operativa, tempestività e precisione della propria reportistica, sia a seguito del processo di quotazione, sia a seguito del passaggio al Segmento STAR. Risulta particolarmente interessante notare come questo fenomeno venga particolarmente percepito dalle società che sono divenute STAR. 15 Il 79% delle società divenute STAR (il 90% delle nate STAR) esprime un giudizio positivo sulla propria struttura organizzativa. Il processo di quotazione impatta mediamente in modo positivo oltre che sulla capacità operativa anche sulla stessa struttura organizzativa dell area Amministrazione e Finanza. Fenomeno analogo si ripresenta successivamente al passaggio al Segmento STAR. Il miglioramento avviene anche quando quotazione e appartenenza al Segmento si realizzano contemporaneamente. 4.4 COMUNICAZIONE E INVESTOR RELATIONS MANAGER Far parte del Segmento STAR stimola una più trasparente modalità di comunicare. può quindi cambiare la capacità di sviluppare le relazioni con il mercato. Il 61% delle società divenute STAR (il 70% delle nate STAR) è soddisfatto della propria capacità di comunicare con il

16 Impatto sulla pianificazione strategica C-01: L adeguamento ai requisiti di corporate governance relativi al segmento STAR come ha impattato sulla Vostra pianificazione strategica? Impatto sul sistema di controllo interno C-02: L adeguamento ai requisiti di corporate governance relativi al segmento STAR come ha impattato sul Vostro controllo interno (procedure interne)? Grafico 11 Grafico 12 mercato e buona parte di loro ha riconosciuto un miglioramento di tale capacità a seguito del processo di quotazione e della successiva ammissione al Segmento STAR. Il miglioramento è stato più evidente quando quotazione e ammissione al Segmento si sono verificate contemporaneamente. 4.5 PIANIFICAZIONE STRATEGICA L adeguamento ai requisiti di maggiore trasparenza, di Corporate Governance del Segmento STAR e l obbligo stesso di tempestiva presentazione dei dati trimestrali, implica un modo diverso di fare pianificazione, Impatto sul sistema di controllo di gestione C-03: L adeguamento ai requisiti di corporate governance relativi al segmento STAR come ha impattato sul Vostro controllo gestionale? Impatto sulla capacità di fare previsioni D-01: La pubblicazione trimestrale dei dati economico finanziari, secondo quanto richiesto da STAR, come ha impattato sulla Vostra capacità di fare previsioni? Grafico 13 Grafico 14 16

17 può quindi cambiare la capacità di identificare e sviluppare le strategie aziendali, cambiano probabilmente i processi di controllo e le procedure interne, può cambiare il sistema di controllo di gestione. Osservando le risposte presentate nei tre precedenti grafici si nota che l'adeguamento ai requisiti di Corporate Governance relativi al Segmento STAR ha un impatto prevalentemente positivo. Molte aziende ritengono che la capacità di effettuare la pianificazione strategica, il sistema di controllo interno e quello di gestione sono quasi sempre migliorati. Questo aspetto assume elevato interesse in quanto incide direttamente sulla capacità di competere delle società e quindi sulla loro capacità prospettica di creare valore. I positivi risultati economico-finanziari (vedi paragrafo 7) e la frequenza con cui le società STAR esprimono posizioni di leadership nei rispettivi settori di appartenenza, sembrano confermare questa assunzione. La pubblicazione trimestrale dei dati economico-finanziari, secondo le modalità richieste da Borsa Italiana, ha mediamente impattato molto positivamente sulla capacità di fare previsioni e quindi di sviluppare relazioni con i mercati finanziari. Questo beneficio si è riscontrato in modo più esteso per le aziende nate STAR. 4.6 RISORSE UMANE Il passaggio al Segmento STAR genera un positivo effetto anche sulla componente emotiva delle persone che lavorano in azienda. può influire sulla soddisfazione e sulla motivazione di managers e collaboratori, può cambiare la cultura di mercato, ha un effetto sull auto-percezione dell immagine interna. Il 50% delle aziende Nate Star percepisce un ritorno positivo della quotazione sulla soddisfazione del personale, mentre tale valore scende al 7% nelle aziende che Divengono STAR. Questo fenomeno potrebbe spiegarsi in relazione al fatto che sia prevalentemente il momento della prima quotazione ad impattate positivamente sul senso di appartenenza e quindi sulla soddisfazione delle persone che lavorano in azienda. Il passaggio successivo al Segmento STAR non riesce a generare evidentemente la medesima esperienza emotiva. Con riferimento alla dimensione delle risorse umane l impatto del passaggio al Segmento STAR è prevalentemente positivo. Soddisfazione e motivazione migliorano, così come la cultura di mercato e la percezione dell immagine aziendale interna. Questi effetti sono ancora più evidenti nel caso delle aziende nate STAR. Impatto sulle relazioni con i mercati finanziari D-02: La pubblicazione trimestrale dei dati economico finanziari, secondo quanto richiesto da STAR, come ha impattato sulle relazioni con i mercati finanziari (broker e investitori)? Impatto sulle soddisfazione e motivazione E-01: Ritenete che a seguito del passaggio della Vostra azienda al segmento STAR la soddisfazione e motivazione delle persone siano... Grafico 15 Grafico 16 17

18 Impatto sulla cultura E-02: Ritenete che a seguito del passaggio della Vostra azienda al segmento STAR la cultura di mercato e della trasparenza delle persone sia... Impatto sull immagine interna E-03: Ritenete che a seguito del passaggio della Vostra azienda al segmento STAR l immagine interna (auto percezione) dei collaboratori sia... Grafico 17 Grafico AGGIORNAMENTO INFORMATIVO I servizi offerti del Segmento STAR sono utili sotto il profilo informativo. possono nascere importanti spunti di Grafico 19 riflessione partecipando alle STAR Conferences del Segmento, i Road Shows, così come gli incontri one-to-one nell ambito delle STAR Conferences, possono rivelarsi Soddisfazione delle relazioni alle Conferences F-01: Nel corso delle conferenze organizzate da Borsa Italiana per il segmento STAR, utili spunti di riflessione nascono dall incontro con: occasioni di sviluppo delle opportunità professionali. La maggior parte delle aziende appartenenti al Segmento STAR è soddisfatta delle iniziative e dei servizi offerti da Borsa Italiana. Le Conferences sono ritenute utili per i possibili spunti di riflessione che nascono dagli incontri con gli Analisti, con le altre Aziende STAR, ma soprattutto per la possibilità di confronto con gli Investitori. I livelli di soddisfazione in merito alle Conferences e ai Road Shows sono positivi specialmente per le aziende nate STAR. Risulta buono anche il livello di gradimento dei tools di gestione e degli incontri one-to-one che avvengono in occasione delle Conferences. 5. Gli Intangibili del Segmento STAR nella percezione degli analisti finanziari Anche il questionario sulla percezione del valore degli intangibili del Segmento 18

19 Soddisfazione delle Conferences e dei Road Shows G-01: Siete soddisfatti delle conferences e dei roadshow organizzati da Borsa Italiana per la società STAR? Soddisfazione del sistema di comunicazione G-03: Siete soddisfatti del sistema di comunicazione e scambio documentale (noto come C3) offerto da Borsa Italiana alle società STAR? Grafico 20 Grafico 21 STAR inviato a tutti i soci Aiaf ha fatto indubbiamente emergere un opinione molto positiva su tale segmento e sulle società che ne fanno parte. In primo luogo occorre sfatare la comune opinione secondo cui la copertura di una società da parte degli analisti è legata alla dimensione della sua capitalizzazione di Borsa: come risulta dalle risposte date dagli analisti finanziari al questionario loro proposto (vedi grafico numero 22) se è vero che la società più seguita risulta Brembo, certamente una delle più significative per dimensione (seguita da vicino da Mariella Burani Fashion Group e Interpump Group per le quali si possono trarre le medesime considerazioni), risultano, tuttavia, oggetto di numerose coperture anche società di minori dimensioni (e capitalizzazione), quali Cairo Communication, Mirato e Sabaf; inoltre sono ben rappresentate, fra le società oggetto di copertura da parte degli analisti, aziende quotate solo di recente come Guala Closures e Bolzoni. Giova ricordare che le società STAR devono obbligatoriamente dare mandato ad un operatore specialista di operare come market maker sul titolo e di produrre almeno due ricerche all anno sulla società (oltre che partecipare a due roadshow internazionali). Questo aspetto risulta particolarmente importante se si pensa che normalmente le piccole e medie imprese faticano a ottenere, almeno inizialmente, dopo la quotazione, un adeguata copertura sul proprio titolo. Tale previsione regolamentare, quindi, riduce questo rischio e contribuisce ad attivare un circolo virtuoso che porta la stessa società ad essere oggetto di ulteriori attenzioni da parte di altri broker che, stimolati dagli studi obbligatori prodotti dallo specialista incaricato, cominciano un attività di copertura sul titolo In media ogni società quotata al Segmento STAR nell anno 2006 è stata oggetto di 11 studi (vedi Tavola 7, paragrafo 7). 5.1 BENEFICI DERIVANTI DAGLI IMPEGNI DI APPARTENENZA AL SEGMENTO STAR Si intendono i possibili vantaggi derivati dai seguenti impegni che l appartenenza al Segmento STAR comporta relativi al livello di capitalizzazione, liquidità, governo e struttura societaria e trasparenza individualmente indicati in appendice: NOTA 8 Solo una copertura continuativa (e non limitata a poche e ben determinate occasioni quali la comunicazione dei dati di bilancio/semestrali o eventi particolari) può dar luogo a una conoscenza approfondita dei meccanismi e delle logiche di business che sottendono a ogni singolo universo aziendale. Per queste ragioni le società del Segmento STAR raccolgono mediamente un numero di ricerche superiore alle società Standard.

20 Come è possibile intuire, particolare rilevanza riveste la pubblicazione della trimestrale entro 45 giorni dalla chiusura del trimestre considerato e la diffusione delle informazioni fornite anche in lingua inglese. A nostro parere si tratta di un risultato che era nelle attese, in quanto questi aspetti avvicinano maggiormente le Aziende STAR agli standard internazionali e consentendo agli analisti di aggiornare i propri studi con una tempistica accettabile 9. Inoltre la disponibilità di informazioni anche in lingua inglese consente alle Aziende STAR di poter essere seguite da analisti, fondi e case di investimento di nazionalità non italiana, ed offre quindi la possibilità di essere oggetto di interesse da parte di un pubblico di potenziali investitori molto più ampio rispetto a quelli direttamente presenti con proprie strutture nel nostro Paese. Anche il vincolo di flottante minimo per le Aziende STAR è ritenuto dagli analisti molto importante, tanto che il 70% del campione lo ritiene qualificante o molto qualificante. Questo requisito in effetti è da ritenersi essenziale per un segmento di mercato composto da aziende medio/piccole spesso di origine familiare, che in molti casi per la prima volta si aprono all ingresso di capitali esterni. NOTA 9 È noto che uno dei principali desiderata degli operatori finanziari è quello di disporre dei dati di bilancio annuali ed infrannuali con una tempistica rapida per poter aggiornare anche le stime sugli esercizi futuri su cui basare la propria valutazione, e da questo punto di vista l Italia è stata per anni carente rispetto ai principali Paesi europei; il gap è stato almeno in parte colmato anche grazie agli obblighi imposti per il Segmento STAR che hanno consentito di adeguarsi alle best practices UE. Grafico 22 Copertura delle Aziende STAR Seguite da un solo analista risultano invece essere le società: ACTELIOS,ANSALDO STS. BANCA FINNAT euramerica. BANCA IFIS. BB BIOTECH, BIESSE, CEMBRE DATALOGIC, DMAIL GROUP, DMT - Digital Multimedia Technologies, DUCATI MOTOR HOLDING EMAK, ENGINEERING, FULLSIX, GEFRAN, IMA, MARR, MONDO TV, NICE, PRIMA INDUSTRIE RENO DE MEDICI, SOGEFI, ELICA, POLTRONA FRAU,ASCOPIAVE (1) Cementir dal 19 marzo 2007 non è più quotata al Segmento STAR Grafico 23 Impegni all informativa B-01: Quanto ritiene qualificanti i seguenti impegni all informativa, che le società quotate sul segmento STAR devono soddisfare? 1 La pubblicazione della trimestrale entro 45 giorni 2 La diffusione delle informazioni, secondo lo schema predisposto da Borsa Italiana, attraverso il sito internet 3 Diffusione delle suddette informazioni anche in lingua inglese 20

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Società e Servizi di IR Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Noi Siamo una società indipendente di consulenza specializzata in Investor Relations e Comunicazione d Impresa. Siamo una giovane realtà,

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

LA QUOTAZIONE IN BORSA

LA QUOTAZIONE IN BORSA LA QUOTAZIONE IN BORSA Facoltà di Economia dell'università di Parma 20 febbraio 2012 Martino De Ambroggi L attività del broker Equity Sales & Trading Equity Research Francesco Perilli (CEO) Investment

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Corporate finance advisory and strategy consulting 1. Le priorità delle PMI italiane Quali sono

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it Quotarsi in Borsa La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana www.borsaitalia.it Indice 1. Introduzione 3 2. La decisione di quotarsi 5 3. La scelta del mercato di quotazione 9 4. I requisiti

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE INFORMAZIONI PRESENTI IN DOCUMENTI CHE CONTENGONO IL BILANCIO OGGETTO DI REVISIONE CONTABILE

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli