V Convegno Internazionale Medico Cura Te Stesso Sopravviverà la medicina all abbandono della clinica? giugno 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "V Convegno Internazionale Medico Cura Te Stesso Sopravviverà la medicina all abbandono della clinica? 25 27 giugno 2009"

Transcript

1 QUALITY OF LIFE: SCORE OR MEANING? MEASURING QUALITY OF LIFE: FOR WHOM AND WHAT S FOR? Patricia A. Ganz Vice-Chairman Dept. Health Services UCLA School of Public Health, Los Angeles, USA E un grandissimo piacere per me essere qui con voi oggi per parlare sul tema della qualità della vita, come la misuriamo e come può essere applicato questo concetto. Il miglioramento della qualità della vita è sempre stato un risultato implicito nell assistenza medica e già lo avete sentito dai miei colleghi che hanno parlato prima di me. Negli ultimi cent'anni l'aspettativa di vita è migliorata ma contemporaneamente abbiamo avuto un aumento delle malattie croniche, a seconda dei vari stadi di anzianità. Nonostante che il livello economico sia aumentato la gente continua a soffrire come faceva in passato di malattie infettive o di lesioni degenerative. In questa situazione la gente vive con le malattie croniche e dobbiamo anche tenere conto della qualità della loro vita che è molto più importante che non la durata della vita. Siamo stati molto più interessati a misurare questi aspetti della vita a partire dalla fine degli anni 40 quando l OMS ha cominciato a tenere in considerazione le condizioni di vita delle persone. Negli anni 70 negli Stati uniti si è cercato di capire come gli individui che avevano vari tipi di assicurazione medica potessero raggiungere una migliore qualità di vita. Questo ha portato alla creazione di strumenti o di questionari che possano essere utilizzati per interrogare le persone in merito alla loro funzionalità, al loro stile di vita. Nel mio campo come specialista negli anni 80 abbiamo cominciato a prendere in considerazione come le cure riguardanti il trattamento dei tumori influenzassero la qualità di vita delle persone che venivano sottoposte ad esse essendo queste talvolta molto tossiche. Negli anni 90 quando abbiamo cominciato a testare diverse terapie e diverse cure per il cancro ci è stato possibile inserire nelle sperimentazioni cliniche questo tipo di questionari, per capire se un trattamento contro il cancro potesse migliorare la qualità della vita. La definizione di qualità di vita data dall OMS è la base di una misurazione che può essere fatta. L'importanza di questa definizione è che la salute non è solo l'assenza di una malattia ma anche implica un benessere fisico, mentale e sociale. Possiamo pensare che la qualità della vita sia globale e che implichi la qualità del nostro ambiente e delle nostre situazioni politiche; anche questo nella misura in cui influisce sul nostro Associazione Medicina e Persona 1

2 benessere. Tuttavia in medicina siamo più interessati all impatto diretto delle nostre cure sulle malattie e quindi parliamo di una qualità della vita connessa allo stato di salute. L'importanza di fare questo tipo di valutazione è capire l'esperienza che il paziente sta vivendo. Da ricerche precedenti sappiamo che questa è molto diversa da quella che può apparire al medico. Ad esempio non possiamo valutare quanto dolore un paziente possa percepire, è il paziente che ce lo deve dire perché questa è una sensazione soggettiva. Come possiamo utilizzare questi rapporti in modo che ci aiutino a comprendere l esperienza soggettiva della malattia? Possiamo imparare insieme al paziente e utilizzare queste informazioni per pazienti futuri e per le cure future che andremo così a implementare. Se troviamo che un certo trattamento può avere degli esiti inattesi, possiamo cercare un'altra cura. Anche per i sopravviventi di una patologia come il cancro, c'è la possibilità di migliorare la qualità della loro vita futura. Quindi per noi è importante renderci conto che la qualità della vita ha aspetti multifattoriali. E una valutazione soggettiva da parte della persona stessa, non da parte della famiglia e neppure da parte del professionista medico e costituisce parte integrante della persona. In questo diagramma potete vedere diversi aspetti della qualità della vita, ad esempio i nostri trattamenti contro il cancro possono generare sintomi quali ad esempio l'anoressia oppure la nausea. Questo lo possiamo capire da quello che il paziente ci dice e possiamo tentare di migliorarli. Associazione Medicina e Persona 2

3 Questa immagine è importante perché ci dice che in diversi studi il paziente può valutare la propria qualità di vita, è in grado meglio di noi di prevedere la propria vita. Facendo la semplice domanda cosa pensa della sua salute, come la valuta? Eccellente, ottima, buona, discreta o scadente?. Il paziente integra il proprio supporto sociale, la propria salute fisica e mentale. Questo è un modo molto migliore di valutare la sopravvivenza di qualsiasi valutazione medica. Ci sono diversi strumenti che possiamo utilizzare per misurare la qualità della vita: alcuni possono essere generici e tali da consentirci un raffronto tra le varie malattie, altri specifici,possono essere focalizzati su una determinata malattia (come nel caso del cancro o delle malattie cardiache). Guardando una valutazione globale del benessere con queste varie domande, e tenendo in considerazione anche le componenti della qualità della vita, possiamo capire la valutazione che dà il paziente. Ad esempio il paziente A ha problemi funzionali che sono molto importanti mentre il paziente B ha invece dei problemi psicologici e socio funzionali, però entrambi hanno la stessa qualità di vita globale. Se non avessimo chiesto loro quali sono gli elementi che costituiscono la qualità della vita, non sapremmo come valutavano la loro condizione. Qui va inserita la figura della bilancia Associazione Medicina e Persona 3

4 Questo è un esempio di come vari questionari possano portare in evidenza i diversi aspetti della qualità della vita: il questionario A prende in esame gli aspetti sociali e psicologici mentre il questionario E evidenzia gli aspetti fisici e funzionali. A seconda di quale questionari andiamo a scegliere valuteremo le diverse informazioni che ricaveremo. ci fa vedere se utilizziamo un unico questionario nei pazienti affetti da ipertensione, artriti, malattie gastrointestinali o malattie cardiache. Ci sono veramente delle differenze curiose tra gli aspetti della funzionalità della qualità della vita. Ad esempio un paziente che ha subito un attacco cardiaco ha un calo molto potente nella propria funzionalità fisica, mentre il paziente affetto da artrite ha il dolore più acuto. Associazione Medicina e Persona 4

5 Quali sono gli esiti che sono veramente importanti per i pazienti? Possiamo parlare di un unico tipo di paziente affetto da cancro? Ci sono diverse caratteristiche personali che possono influenzare la persona: il sesso, lo stato civile, le risorse personali, le credenze religiose.. etc. Ci possono essere poi delle variabili diverse connesse alla malattia, al cancro, e queste ovviamente possono influenzare come la persona valuta la propria qualità di vita; ci possono essere dei problemi di salute preesistenti; ci possono essere delle situazioni diverse legate al sistema sanitario che possono influire sul tipo di cura a cui le persone vogliono sottoporsi. Ad esempio ci sono due donne affette da cancro al seno: ad una, più giovane, di 35 anni con due bambini piccoli rispettivamente di 3 e 5 anni è stato diagnosticato un grosso tumore al seno con una prognosi decisamente scadente. La sua decisione è stata quella di essere trattata con una mastectomia e con una chemioterapia molto intensiva seguita da una terapia radiante. L'altra è una donna più anziana, vedova, che ha avuto una insufficienza cardiaca tuttora in trattamento. È stata fortunata ad avere un cancro molto piccolo del seno e si è sottoposta a una mastectomia parziale ed ha deciso di non sottoporsi ad una terapia di radiazioni. Queste due donne hanno la stessa malattia però hanno una situazione personale e medica diversa e ovviamente la loro visione della cura è diversa. Un altro esempio, sono due pazienti affetti da leucemia: la prima è una donna di 20 anni che dopo un ciclo di terapia, raggiunge la remissione e quindi decide di proseguire e di sottoporsi a trapianto di midollo osseo. Il secondo è un uomo più anziano, in buona salute, a cui viene diagnosticata una leucemia dopo il riscontro di un anemia piuttosto forte e una trombocitopenia. Ha deciso di non sottoporsi a nessun altro tipo di terapia per la sua leucemia. Vediamo di nuovo la stessa malattia in due persone diverse. Un altro esempio, parliamo di due pazienti affetti da cancro al polmone: una donna giovane che ha un tumore che non può essere tolto chirurgicamente e quindi deve decidere di accettare una terapia aggressiva combinata con chemioterapia e radioterapia. È molto felice perché il tumore si è ridotto e può continuare a lavorare. L altro è un uomo di sessant'anni che ha lo stesso tipo di tumore e che riceve lo stesso tipo di trattamento, però a fronte di questo ha delle complicazioni molto gravi, fino a necessitare di ossigenoterapia. Il risultato di questa cura è perciò per lui una menomazione molto grave. Quindi non possiamo parlare di un unico tipo di paziente affetto da cancro. Come possiamo sviluppare una concordanza quando i pazienti sono così diversi tra di loro e possono decidere di sottoporsi a cure diverse? Quello che però non possiamo pretendere è che tutti i pazienti decidano di scegliere tutti lo stesso tipo di trattamento e di ottenerne l'esito Associazione Medicina e Persona 5

6 desiderato. Quindi è molto importante valutare ogni persona come un individuo e valutare anche le sue personali priorità; ciò richiede una grande capacità di comunicazione. I risultati di maggiore interesse, rispetto al trattamento contro il cancro, sono in genere focalizzati sulla malattia; per questo vediamo se il tumore si riduce, se il paziente ha un tasso di sopravvivenza migliore e possiamo considerare tutti questi aspetti in forma statistica. Però molto più importanti appaiono i risultati focalizzati sul paziente: la qualità della sua vita, della sua morte,se è possibile prevenire oppure curare gli effetti collaterali acuti dei trattamenti, se possiamo promuovere una riabilitazione e anche una guarigione, tenere sotto controllo gli effetti tardivi della terapia e se possiamo migliorare la qualità della cura e dell'assistenza prestata. Quindi la domanda diventa: come possiamo evidenziare i risultati dal punto di vista del paziente? Abbiamo bisogno di concentrarci su quei trattamenti che i dati della medicina basata sull evidenza dicono essere i migliori contro la malattia. Però in pratica poi, quando trattiamo quel particolare paziente dobbiamo anche tener conto delle sue preferenze personali, specialmente quando esistono diverse opzioni di cure a pari risultati. Ad esempio un intervento meno demolitivi al posto di una mastectomia, cioè una cura che preservi rispetto al trattamento aggressivo, oppure fare una chemioterapia al posto dell'intervento chirurgico laringeo in modo che il paziente affetto da questo tipo di tumore possa preservare la sua voce. Per mettere in evidenza questi risultati importanti per il paziente dobbiamo anche avere il tempo per comunicare con il paziente sia riguardo alla sua malattia sia all esito auspicato del trattamento. Ovviamente dobbiamo anche formare ed educare gli operatori sanitari a esplicare questo ruolo di comunicatori. Quindi come possiamo prendere in esame la qualità della cura rispetto ai trattamenti per aumentare la sopravvivenza al cancro? Che cosa abbiamo imparato e in che direzione stiamo andando? Negli Stati uniti più di uno su tre si sentirà nel corso della vita formulare una diagnosi di cancro; abbiamo oltre 11 milioni di persone che hanno una storia personale di cancro e ciò equivale a ad una popolazione maggiore di quella della città di Los Angeles (quindi moltissime persone). Così la nostra generation del Baby Boomers che è del 65, avrà un aumento del cancro al seno, alla prostata e al colon-retto. Sono certa che la stessa situazione si è evidenziata anche in Italia. Alcuni dati che riguardano i sopravviventi al cancro: la maggior parte di loro ha superato i 65 anni e questo vuol dire che stanno vivendo di più con il cancro; i cancri più comuni sono quelli al seno, alla prostata e all intestino. Circa 14% di coloro che sono sopravvissuti al cancro sono stati curati più di vent'anni fa quando queste cure erano molto più complicate e tossiche., Si Associazione Medicina e Persona 6

7 esercitava una chirurgia molto più ampia ed estesa, la radioterapia era anch essa più tossica. Quindi successivamente questi pazienti dovevano pagare molte conseguenze a causa di queste terapie. La sopravvivenza oggi e migliore oltre che maggiore. Come siamo arrivati a questo punto? Ovviamente tramite lo screening abbiamo una diagnosi molto più precoce, abbiamo nuovi farmaci e modalità nuove di terapia (terapie a modalità combinata, chemioterapie cosiddette ad alte dosi che con il trapianto delle staminali riescono a prevenire meglio le ricadute). Tutto questo ha anche un costo umano pe il paziente, in termini di tempo, di denaro, in termini di relazioni interpersonali ed esistenziali. Per moltissime persone il cancro ora è diventato una malattia cronica, non è certo più paragonabile ad un intervento chirurgico, non è come essere sottoposti ad una appendicectomia. Uno studio nazionale effettuato negli Stati Uniti realizzato a intervalli di alcuni anni considera le risposte delle persone che hanno avuto un cancro rispetto ad un campione di persone che non lo hanno avuto. I sopravvissuti molto spesso considerano che la loro salute persino scadente ed hanno molte più difficoltà nella vita quotidiana. Questo diagramma fa vedere il percorso della cura contro il cancro; la casella gialla indica l'area dei sopravvissuti. Negli Stati Uniti circa 1 milione di persone entrano a far parte di questa casella ogni anno. La fase dei sopravvissuti al trattamento anticancro è un po' dimenticata: essi sono preoccupati di avere una ricaduta e degli effetti collaterali tardivi della terapia in cui sono stati sottoposti. Ci sono alcune linee guida su questi pazienti. C'è anche l'aspetto che gli operatori sanitari mancano spesso di formazione su questi temi e per poter curare questo gruppo crescente di individui. Associazione Medicina e Persona 7

8 Molti sopravviventi non sono consci del rischio e non hanno fatto dei piani su come potranno essere curati in seguito. Ovviamente tutto questo fa sì che ci siano delle difficoltà su come intervenire e come prevenire i possibili problemi tardivi. La nostra relazione è focalizzata sul fatto di poter disporre di piani di cura per i sopravviventi che possano migliorare ad esempio la comunicazione tra il paziente e i medici o gli assistenti sanitari. La domanda che ci poniamo è : perché il cancro è diverso da altre malattie croniche? Perché le cure sono molto complicate, spesso molto tossiche, implicano il coinvolgimento di vari tipi di specialisti per cui sono molto costose e molto spesso sono coordinate in maniera scadente? Magari in Italia è diverso, però negli Stati uniti quello che succede è che il paziente entra nel sistema di cura contro il cancro e molto spesso viene isolato dall'assistenza sanitaria di base. In questa situazione ci sono delle difficoltà di comunicazione tra i vari medici. So che in Italia le cose sono migliori perché avrete dei sistemi elettronici migliori per la conservazione delle cartelle cliniche, però negli Stati Uniti non abbiamo niente di tutto ciò che funzioni veramente. Ho incontrato alcuni medici italiani che si occupano appunto dell'assistenza ai lunghi sopravviventi visto che voi siete più all'avanguardia rispetto a noi perché utilizzate questi metodi elettronici. Abbiamo ancora una sfida da affrontare perché abbiamo una popolazione che invecchia molto rapidamente e quindi avremo un numero molto superiore dei sopravviventi di cui occuparci nel prossimo futuro. Come possiamo erogare quest assistenza? Abbiamo bisogno di concentrarci su: cure palliative: spesso pensiamo che questa sia la fine della fase delle cure mentre è il trattamento che si concentra sul controllo dei sintomi. Se pensate ad un paziente curato per il cancro, egli può non avere alcuna evidenza della malattia ed avere diversi sintomi che dobbiamo alleviare. I sopravviventi possono avere dolore, accusare stanchezza, depressione, limitazioni fisiche, cambiamenti cognitivi, disfunzioni sessuali, sintomi connessi alla menopausa e cambiamenti che riguardano anche l aspetto fisico. Abbiamo bisogno di trovare dei medici che ci aiutano a gestire questo genere di sintomi. Non è sufficiente dire al paziente dovrebbe essere felice perché è ancora vivo. Che cosa dire ad una giovane donna che non potrà avere figli a seguito della terapia anticancro a cui si è sottoposta? sulla prevenzione: dobbiamo essere attenti alle conseguenze delle terapie anticancro che utilizziamo. Per esempio la possibile comparsa di cataratta, di Associazione Medicina e Persona 8

9 osteoporosi oppure di malattie cardiache. Dobbiamo sottolineare lo stile di vita che aiuta a prevenire una recidiva del cancro sulla promozione della salute: molti pazienti a cui è stato diagnosticato un cancro, dopo si preoccupano solo del fatto che possono avere una ricaduta, mentre in effetti molti di loro moriranno invece a causa di malattie cardiache. Quindi abbiamo bisogno di mettere in pratica l'erogazione dell'assistenza sanitaria nei confronti dei sopravviventi. Come minimo dobbiamo fornire agli operatori un riepilogo di tutte le cure cui sono stati sottoposti e che tipo di effetti tardivi potrebbero essere previsti. Abbiamo bisogno di fornire un piano di assistenza anche per chi coordina questo piano, abbiamo bisogno di migliorare la comunicazione tra medici e pazienti per migliorare al massimo la loro qualità di vita. Alcuni risultati e alcuni metodi possono essere utilizzati per tenere sotto controllo la malattia, per istituire delle nuove terapie che possono essere necessarie oppure per implementare sistemi di mantenimento e promozione della salute. Ad esempio smettere di fumare, tenere sotto controllo il peso, praticare attività fisica. Ovviamente abbiamo anche bisogno di gestire la psicologia sociale, la depressione che possono verificarsi nel paziente. Quindi se possiamo implementare questi piani di assistenza sanitaria a favore dei sopravviventi possiamo integrare la qualità della vita con la qualità della cura. Grazie. Associazione Medicina e Persona 9

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ Tesi di laurea La Sclerosi Multipla: disturbi cognitivi, dell'umore e d'ansia Relatore Prof.ssa

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer Gruppo di studio SIGG LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA VITA la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer evelina bianchi Firenze 53 Congresso nazionale SIGG 2008 Firenze 53 congresso SIGG evelina

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS)

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Werner Wassermann, datore di lavoro La signora L. lavora da noi da tanto tempo. È stata capo reparto e noi, ma anche gli altri collaboratori

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

DALLA TERAPIA ANTICONCEZIONALE ALLA TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA Monica Menichetti Medico Ginecologo ASL11 UOC ostetricia e ginecologia Empoli

DALLA TERAPIA ANTICONCEZIONALE ALLA TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA Monica Menichetti Medico Ginecologo ASL11 UOC ostetricia e ginecologia Empoli DALLA TERAPIA ANTICONCEZIONALE ALLA TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA Monica Menichetti Medico Ginecologo ASL11 UOC ostetricia e ginecologia Empoli il riconoscimento delle differenze biologiche tra uomo e donna

Dettagli

Ministro Lorenzin alla Giornata nazionale per la ricerca sul cancro

Ministro Lorenzin alla Giornata nazionale per la ricerca sul cancro Ministro Lorenzin alla Giornata nazionale per la ricerca sul cancro Il discorso pronunciato dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin alla Cerimonia di Celebrazione della Giornata Nazionale per la Ricerca

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Collana PROMUOVERE IL BENESSERE PSICOLOGICO A cura di Dott.ssa Sabina Godi 5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Roberto è un uomo di 40, lavora come impiegato in una azienda farmaceutica. Da ormai 20 anni

Dettagli

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005)

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Documento a cura della Dr. Maria Vincenza Liguori Settore Epidemiologia Ambientale Direttore Dr. Laura

Dettagli

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA Antonio Nicolucci Direttore Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia, Consorzio Mario Negri Sud Coordinatore Data

Dettagli

Percorso raccomandato:

Percorso raccomandato: Percorso raccomandato: 1) Ottenere una diagnosi accurata. 2) Crescere il paziente come un bambino o una bambina (il consiglio dei medici è di grande aiuto in questa fase). 3) Ottenere informazioni dettagliate

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO

LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO ASPETTI BIOETICI, LIVELLI ASSISTENZIALI E RETE DEI SERVIZI Rovereto, 16 ottobre 2009 Auditorium Melotti MaRT L assistenza al morente Massimo Petrini Centro di

Dettagli

Malattia incurabile: domande incalzanti

Malattia incurabile: domande incalzanti Malattia incurabile: domande incalzanti Quando si è colpiti da una grave malattia che non concede speranze di guarigione, sorgono inevitabilmente molte domande, la maggior parte delle quali emotivamente

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

DIFFERENZA DI GENERE E MEDICINA

DIFFERENZA DI GENERE E MEDICINA DIFFERENZA DI GENERE E MEDICINA L ONU, l Europa e l OMS raccomandano che il determinante genere sia tenuto presente nella programmazione delle politiche sanitarie. L ONU ha inserito la medicina di genere

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

La salute emotiva della donna: i percorsi di sostegno psicologico dopo le diagnosi ospedaliere traumatiche. Dr.ssa Laura Cinzia Castro

La salute emotiva della donna: i percorsi di sostegno psicologico dopo le diagnosi ospedaliere traumatiche. Dr.ssa Laura Cinzia Castro La salute emotiva della donna: i percorsi di sostegno psicologico dopo le diagnosi ospedaliere traumatiche Dr.ssa Laura Cinzia Castro L'IMMAGINE CORPOREA L immagine corporea è un elemento chiave dell identità

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

L avversario invisibile

L avversario invisibile L avversario invisibile Riconoscere i segni della depressione www.zentiva.it www.teamsalute.it Cap.1 IL PERICOLO NELL OMBRA Quei passi alle mie spalle quelle ombre davanti a me il mio avversario la depressione

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

Sintesi dell'intervento della Dott.ssa Eva Buiatti Agenzia Regionale di Sanità della Regione Toscana - Firenze

Sintesi dell'intervento della Dott.ssa Eva Buiatti Agenzia Regionale di Sanità della Regione Toscana - Firenze Sintesi dell'intervento della Dott.ssa Eva Buiatti Agenzia Regionale di Sanità della Regione Toscana - Firenze Sono un'epidemiologa e lavoro all'agenzia Regionale Sanitaria della Regione Toscana. Il complicato

Dettagli

Grazie dell attenzione

Grazie dell attenzione Grazie dell attenzione http://www.registri-tumori.it/pdf/aiom2012/i_numeri_del_cancro_2012.pdf In Italia circa 2.250mila persone (4% del totale della popolazione) vivono avendo avuto una precedente

Dettagli

Studio di ricerca clinica sul dolore da endometriosi. Il dolore che Lei sente è reale... anche se gli altri non possono vederlo.

Studio di ricerca clinica sul dolore da endometriosi. Il dolore che Lei sente è reale... anche se gli altri non possono vederlo. Studio di ricerca clinica sul dolore da endometriosi Il dolore che Lei sente è reale... anche se gli altri non possono vederlo. A822523 Lo studio SOLSTICE verrà condotto in circa 200 centri di ricerca

Dettagli

D O L O R E T O T A L E

D O L O R E T O T A L E D O L O R E T O T A L E R E T E T E R A P I A D E L D O L O R E PIERPAOLO BETTETO PH.D. M I P R E S E N T O uno che ha affrontato la malattia in modo sereno e combattivo 2004 Adenocarcinoma T4M2N1 G2 (sec.cccap)

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012 Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione Ricerca quantitativa settembre 2012 Questa ricerca COMMISSIONATA AD ASTRARICERCHE DA LILT NEL SETTEMBRE 2012 REALIZZATA TRA L'11 E

Dettagli

Sviluppo di un tumore

Sviluppo di un tumore TUMORI I tumori Si tratta di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e che colpiscono organi e tessuti differenti Caratteristica di tutti i tumori è la proliferazione incontrollata di cellule

Dettagli

La sessualità e la dimensione corporea: il ruolo dello psicologo. d.ssa Elena Duglio S.S. Valenza Dipartimentale di Oncologia Ospedale Civile Tortona

La sessualità e la dimensione corporea: il ruolo dello psicologo. d.ssa Elena Duglio S.S. Valenza Dipartimentale di Oncologia Ospedale Civile Tortona La sessualità e la dimensione corporea: il ruolo dello psicologo d.ssa Elena Duglio S.S. Valenza Dipartimentale di Oncologia Ospedale Civile Tortona La psiconcologia nella realtà locale Fase diagnostica

Dettagli

Assemblea coordinamento donne Cesena

Assemblea coordinamento donne Cesena Cesena 11-12-2014 Assemblea coordinamento donne Cesena Il motivo per cui oggi ci troviamo qui è legato al fatto che le donne pensionate della CGIL stanno preparando l assemblea Regionale, poi nel 2015

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

10 VALUTAZIONE DELLE ANALISI

10 VALUTAZIONE DELLE ANALISI 10 VALUTAZIONE DELLE ANALISI ECONOMICHE Questa valutazione economica può aiutarvi? 1 Esistono prove valide che gli interventi sono efficaci? 2 Di quale tipo di analisi economica si tratta? Studio costo-conseguenze

Dettagli

Carcinoma prostatico

Carcinoma prostatico SIUrO Società Italiana di Urologia Oncologica Alessandro Bertaccini, Sergio Bracarda, Roberta Ceccarelli, Adriana Gelmini Carcinoma prostatico Guida per il paziente e i suoi familiari Introduzione di Giuseppe

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

SPAZIOMENTE. Studio di Psicoterapia e Psicologia del Benessere. Cibo Mente Corpo. DimagriMente. Dott.ssa Paola Carosi. Dott.ssa Alessandra Siniscalchi

SPAZIOMENTE. Studio di Psicoterapia e Psicologia del Benessere. Cibo Mente Corpo. DimagriMente. Dott.ssa Paola Carosi. Dott.ssa Alessandra Siniscalchi SPAZIOMENTE Studio di Psicoterapia e Psicologia del Benessere Cibo Mente Corpo Dott.ssa Paola Carosi Dott.ssa Alessandra Siniscalchi Perché questo corso? Quest argomento storicamente è sempre stato affrontato

Dettagli

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso Anna Contardi e Monica Berarducci Aipd Associazione italiana persone down AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso imparare A conoscere se stessi, Gli AlTri, le proprie emozioni collana Laboratori per

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Caratteristiche dell indagine

Caratteristiche dell indagine L indagine condotta dall Associazione Vivere senza dolore Negli ultimi mesi si è parlato spesso di dolore in vari contesti, dove è stato possibile ascoltare la voce di esperti, medici, politici, aziende

Dettagli

Regione Veneto ULSS N 9 - Treviso 1 Dipartimento di Medicina SERVIZIO DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA. Responsabile Dott. A.

Regione Veneto ULSS N 9 - Treviso 1 Dipartimento di Medicina SERVIZIO DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA. Responsabile Dott. A. Regione Veneto ULSS N 9 - Treviso 1 Dipartimento di Medicina SERVIZIO DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA Responsabile Dott. A. Paccagnella Una breve premessa Se sfogliamo un giornale femminile, viaggiamo

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Il programma si compone di due ricerche internazionali sulle valutazioni legate all assistenza degli individui affetti da tali patologie.

Il programma si compone di due ricerche internazionali sulle valutazioni legate all assistenza degli individui affetti da tali patologie. Keeping Care Complete Sintesi dei risultati internazionali Keeping Care Complete ha l obiettivo di esaminare e creare consapevolezza circa le questioni emotive e sociali associate al trattamento e all

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

Malattia inguaribile e adesso?

Malattia inguaribile e adesso? Malattia inguaribile e adesso? Quando si è colpiti da una grave malattia che non concede speranze di guarigione, sorgono inevitabilmente molte domande difficili e importanti: > Quanto tempo mi rimane?

Dettagli

La PdV nella cura della depressione dell anziano. Marzia Corigliano

La PdV nella cura della depressione dell anziano. Marzia Corigliano La PdV nella cura della depressione dell anziano Marzia Corigliano Sempre più numerosi sono gli anziani che conservano un buono stato di salute fisica e mentale ma in questa fascia di età aumentano le

Dettagli

CAPITOLO 1 indice. Tumore della mammella pag. 27 Tumore della cervice uterina pag. 30 Melanoma pag. 31 Linfomi pag. 31. bibliografia pag.

CAPITOLO 1 indice. Tumore della mammella pag. 27 Tumore della cervice uterina pag. 30 Melanoma pag. 31 Linfomi pag. 31. bibliografia pag. CAPITOLO 1 indice le neoplasie nell anziano pag. 5 Valutazione del paziente anziano pag. 7 Aspetti generali del trattamento pag. 10 Tumori del colon-retto pag. 11 Tumori della mammella pag. 13 Tumori del

Dettagli

Dr.ssa Maria Giulia Nanni Prof. Luigi Grassi

Dr.ssa Maria Giulia Nanni Prof. Luigi Grassi Dr.ssa Maria Giulia Nanni Prof. Luigi Grassi Sezione di Clinica Psichiatrica, Dipartimento di Scienze Biomediche e Chirurgico Specialistiche, Università di Ferrara; U.O.Clinica Psichiatrica - Dipartimento

Dettagli

Le problematiche della donna nel terzo millennio. La medicina di genere

Le problematiche della donna nel terzo millennio. La medicina di genere Le problematiche della donna nel terzo millennio La medicina di genere Il genere è un determinante della salute perché coinvolge uomo/donna dallo sviluppo infantile alla senescenza La salute della donna

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE ex. Art. 3 Rete solidale e collaborazioni internazionali del DM del 21 luglio 2006 Programma straordinario

Dettagli

LE CURE PALLIATIVE NEI TUMORI DELLA TESTA E DEL COLLO. Ornella Carminati

LE CURE PALLIATIVE NEI TUMORI DELLA TESTA E DEL COLLO. Ornella Carminati LE CURE PALLIATIVE NEI TUMORI DELLA TESTA E DEL COLLO Ornella Carminati RIFLESSIONI AD ALTA VOCE Quindi relax! I dati di letteratura servono da spunto per qualche considerazione da condividere con gli

Dettagli

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97.

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97. L Associazione Laura Coviello è nata nel 1996, indipendente e senza fini di lucro, con lo scopo di aiutare i malati leucemici con informazioni mirate e specifiche e sostenere il Centro Trapianti di Midollo

Dettagli

MI CHIAMO GIANCARLO FURLO' E SONO UN MMG.(MEDICO DI MEDICINA GENERALE)

MI CHIAMO GIANCARLO FURLO' E SONO UN MMG.(MEDICO DI MEDICINA GENERALE) BUONASERA A TUTTI E GRAZIE PER L'INVITO E L'OPPORTUNITA' CHE MI AVETE DATO DI RIFLETTERE SUL MIO LAVORO E DI CONDIVIDERE CON VOI QUESTE RIFLESSIONI IN RELAZIONE AL MANDATO DI QUESTA SERATA CHE E' RICOMINCIARE

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

Porre domande può essere d aiuto: Un aiuto per le persone in cura palliativa

Porre domande può essere d aiuto: Un aiuto per le persone in cura palliativa National Community Education Initiative Porre domande può essere d aiuto: Un aiuto per le persone in cura palliativa Asking Questions Can Help: An aid for people seeing the palliative care team Italian

Dettagli

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie Roma, 25 Novembre 2014 Tiziana Sabetta Nulla rende più fragile e vulnerabile una famiglia dell esordio di una malattia

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia. Sergio Fava Oncologia medica Legnano

Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia. Sergio Fava Oncologia medica Legnano Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia Sergio Fava Oncologia medica Legnano Oncologia Medica E'una disciplina che derivata dalla Medicina Interna e dalla Oncologia

Dettagli

Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia

Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia Dottor Gino Aldi Psicoterapeuta Partecipante Sostenitore fondazione Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia Definiamo la salute La salute è uno stato

Dettagli

Il diritto al supporto psicologico

Il diritto al supporto psicologico V Giornata nazionale del malato oncologico Roma, 13-16 maggio 2010 Il diritto al supporto psicologico Patrizia Pugliese UOSD Psicologia IFO Il diritto al supporto psicologico: quali presupposti? Dalla

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Direzione Sanitaria PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente nel sesso femminile, in tutte le fasce

Dettagli

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C ALLEGATO 5 Cod. paz.: Data compilazione / / Centro Clinico QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C Lo scopo di questa ricerca è quello di comprendere meglio i problemi legati all assunzione

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

L impatto dei trattamenti oncologici sulla qualità di vita dei pazienti

L impatto dei trattamenti oncologici sulla qualità di vita dei pazienti Con il patrocinio di: Sondaggio L impatto dei trattamenti oncologici sulla qualità di vita dei pazienti DATI PERSONALI Età (in anni compiuti): Sesso - Maschio - Femmina Comune: Provincia:. Stato civile:

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DELLA SANITA

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DELLA SANITA LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DELLA SANITA Fact sheet n.3 ksdbfsm ASIHFncj Molti dei fattori che contribuiscono di più alla genesi delle disuguaglianze sociali nella salute non sono di competenza

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

Depressione? In generale Il ruolo femminile

Depressione? In generale Il ruolo femminile Depressione? In generale Il ruolo femminile A tutti capita di sentirsi tristi di tanto in tanto. È un esperienza che tutti, prima o poi, provano. Se le attività che vi piacevano prima ora non vi piacciono

Dettagli

Approccio al paziente con dolore e rilevazione del dolore

Approccio al paziente con dolore e rilevazione del dolore Management del dolore post operatorio in Chirurgia Generale e Specialistica Siena 22 24 novembre 2010 Approccio al paziente con dolore e rilevazione del dolore A. Annesanti Istituto Italiano di Bioetica

Dettagli

SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO. Impatto sulla Medicina Generale

SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO. Impatto sulla Medicina Generale SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO Impatto sulla Medicina Generale SCOPI DEGLI SCREENING ONCOLOGICI Uno screening è un esame sistematico della popolazione per individuare le persone affette da una

Dettagli

TESTAMENTO BIOLOGICO

TESTAMENTO BIOLOGICO GRUPPOGIOVANILE CHIESA CRISTIANA EVANGELICA ADI, Torino via spalato 9\b TESTAMENTO BIOLOGICO DEFINIZIONI 1 EUTANASIA: qualsiasi atto compiuto da medici o da altri, avente come fine quello di accelerare

Dettagli

Premessa. Presentazione Ricerca

Premessa. Presentazione Ricerca Premessa In ambito sanitario, come nell ambito sociale, la soddisfazione del cliente rappresenta il punto di riferimento sotteso al concetto di: QUALITA. Al riguardo la letteratura sulla qualità dei Servizi

Dettagli

A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione

A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione Il ruolo del chirurgo generale in chirurgia oncologica dell'adolescente

Dettagli

NOVITà. Indicazione pediatrica. Guida per i genitori

NOVITà. Indicazione pediatrica. Guida per i genitori NOVITà Indicazione pediatrica Guida per i genitori Che cos è la vaccinazione antiallergica? 3 n Rinocongiuntivite allergica: una condizione diffusa 3 n La vaccinazione antiallergica 4 Che cos è GRAZAX?

Dettagli

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Psichiatria Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Rimini, 20-22 novembre 2015 Agenda Il percorso di Senior Italia FederAnziani Obiettivi del Dipartimento Psichiatria Contesto

Dettagli

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore, non il piacere

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore, non il piacere Focus su... Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di, non il piacere Aristotele 2 Il può essere definito come un campanello d allarme che ci avverte quando qualcosa nel nostro organismo non funziona

Dettagli

4 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

4 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta 4 novembre 2004 a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta E' stato stimato che in Italia il 2% circa della popolazione è affetta da anoressia e bulimia. A questa percentuale, comunque, va aggiunto

Dettagli

STUDIO CONOSCITIVO L industria delle donne

STUDIO CONOSCITIVO L industria delle donne STUDIO CONOSCITIVO L industria delle donne Sintesi dei risultati di ricerca Milano, 13 aprile 2011 SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA All interno dei propri progetti di sensibilizzazione del mondo della

Dettagli

Helsana Assicurazioni SA, Lucerna

Helsana Assicurazioni SA, Lucerna Helsana Assicurazioni SA, Lucerna Il datore di lavoro Sandra Meier La signora F. è impiegata nella nostra azienda al servizio clienti. Lavora alla Helsana da oltre 20 anni. L ho conosciuta nel 2006 al

Dettagli

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CICLICO FS- BORSA ATTENZIONE: ATTENDI QUALCHE SECONDO PER IL CORRETTO CARICAMENTO DEL MANUALE APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CHE UTILIZZO PER LE MIE ANALISI - 1 - www.fsborsa.com NOTE SUL

Dettagli

MENOPAUSA. scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi.

MENOPAUSA. scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi. MENOPAUSA scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi. Nel climaterio le ovaie producono meno ESTROGENI L OVAIO MODIFICAZIONI NELLA VITA RIPRODUTTIVA FEMMINILE MENOPAUSA Inizio della menopausa

Dettagli

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro.

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro. Polipi precancerosi I polipi sono piccole escrescenze dovute ad una proliferazione eccessiva delle cellule sane della mucosa intestinale che può causare lo sviluppo di polipi cosiddetti adenomatosi (anche

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

PAROLE E FRASI EVOCATIVE

PAROLE E FRASI EVOCATIVE Continuiamo con il nostro viaggio nella comunicazione che ipnotizza ed attrae. Quante volte magari vi siete soffermati a d ascoltare qualcuno che parlava perché diceva qualcosa di interessante? E quante

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

IL RUOLO DELL'INFERMIERE IN UN OSPEDALE SENZA DOLORE. Suor Antonella Guarini

IL RUOLO DELL'INFERMIERE IN UN OSPEDALE SENZA DOLORE. Suor Antonella Guarini IL RUOLO DELL'INFERMIERE IN UN OSPEDALE SENZA DOLORE Suor Antonella Guarini O.M.S....definisce il dolore : esperienza sensoriale ed emotiva spiacevole, associata ad un danno tissutale potenziale e reale,

Dettagli