fondata nel 1950 DIRETTORE RESPONSABILE GIUSEPPE A. MARRARO COMITATO DI REDAZIONE SEGRETARIO DI REDAZIONE MARCO LUCHETTI COLLABORATORI DI REDAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "fondata nel 1950 DIRETTORE RESPONSABILE GIUSEPPE A. MARRARO COMITATO DI REDAZIONE SEGRETARIO DI REDAZIONE MARCO LUCHETTI COLLABORATORI DI REDAZIONE"

Transcript

1 fondata nel 1950 Organo Ufficiale della Società Italiana di Anestesia, Rianimazione, Emergenza e Dolore - SIARED e Giornale Scientifico dell Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri Italiani AAROI T. ROSAFIO - Abruzzo M. RICCIUTI - Basilicata F. AURICCHIO - Bolzano A. MUSITANO - Calabria M. INGROSSO - Campania P. GREGORINI - Emilia Romagna L. SILVESTRI - Friuli-Venezia Giulia N. PIROZZI - Lazio C. SPENA - Liguria C. CAPRA - Lombardia DIRETTORE RESPONSABILE GIUSEPPE A. MARRARO COMITATO DI REDAZIONE SEGRETARIO DI REDAZIONE MARCO LUCHETTI R. PAGNI - Marche R. FLOCCO - Molise G. M. BIANCHI - Piemonte G. PERCHIAZZI - Puglia G. M. PISANU - Sardegna E. SCARPUZZA - Sicilia A. PAOLICCHI - Toscana M. AZZOLINI - Trento A. MORONI - Umbria G. GIRON - Veneto COLLABORATORI DI REDAZIONE CESARE MORETTI, CLAUDIO SPADA Vol. 58, 2007 EDITRICE LA GARANGOLA PADOVA Fasc. 1

2

3 C O N T E N U T I / C O N T E N T S EDITORIALE / EDITORIAL G. A. Marraro ARTICOLI SPECIALI / SPECIAL ARTICLES Organizzazione e risultati della gestione delle emergenze intraospedaliere nella A.O. Ospedale San Carlo Borromeo di Milano / Organization and results of the management of in-hospital emergencies in San Carlo Borromeo Hospital, Milan A. Lesmo, M. Latino, M. Raffaeli, G. Guenzati, M. Marzegalli, D. Ripamonti. ARTICOLI ORIGINALI / ORIGINAL ARTICLES Dose ranging study of gabapentin for postoperative pain after myomectomy / Studio di diversi dosaggi di gabapentin nel trattamento del dolore postoperatorio dopo miomectomia Hani Abd-El fattah Said-Ahmed Relazioni tra i livelli di citochine e funzione eritropoietica nel neonato critico: studio pilota / Relationship between cytokine levels and erythropoiesis in the critical neonate R. Giretti, M. Amici, G. M. Piattellini, M. Caruselli, F. Santelli, D. Mora, S. Avenali, A. Ferretti, M. Laganà, R. Pagni Indagine sugli eventi avversi non chirurgici durante intervento di cataratta (FACO + IOL / Adverse intraoperative events unlinked to cataract surgery (PHACO/IOL) S. Barberis, M. Luchetti, A. Scialdone, C. Pagani, B. Pagnoni CASI CLINICI / CLINICAL CASES Il coma mixedematoso una rara forma di insufficienza respiratoria / Myxedema coma: a rare form of respiratory failure G. B. Venier, A. Cinetto, E. Ferrulli, P. Venerucci, E. Bernardello Transfusion-Related Acute Lung Injury (TRALI): caso clinico / Transfusion-Related Acute Lung Injury (TRALI): case report G. Benigni, M. Greco, L. Cocco, F. Cirillo, M. De Caro, R. E.Sergio Landi, R. Lomuto, E. Pace, M. Raffa Due casi di iperammoniemia e iperlattatemia indotta da sovradosaggio di acido valproico / Two cases of valproate-induced hyperammonemia and hyperlactatemia M. Azzolini, M. Pfaender ARGOMENTI ATTUALI / CURRENT TOPICS Gabapentin: è utile per il trattamento del dolore post-operatorio? / Gabapentin: is it useful for post-operative pain treatment M. Luchetti, C. Moretti, G. Marraro LIBRI RICEVUTI / BOOKS REVIEW ANNUNCIO EVENTI / UPCOMING MEETINGS Associato all USPI Unione Stampa Periodica Italiana 2007 ACTA ANAESTH. ITALICA

4 EDITORIALE / EDITORIAL Il numero presente si apre affrontando un argomento che interessa sempre più gli anestesisti rianimatori dopo le segnalazioni della letteratura internazionale sulle problematiche e i risultati ottenuti nella gestione delle emergenze intraospedaliere. Il lavoro si inserisce nella discussione in corso sulla validità della programmazione e della corretta gestione al fine di ridurre la morbilità e la mortalità. Gli articoli originali spaziano su differenti ambiti e si soffermano sulle possibilità di impiego del Gabapentin nel trattamento del dolore nel postoperatorio dopo miomectomia, sulle relazioni esistenti tra livelli di citochine e funzione eritropoietica nel neonato critico, e sugli eventi avversi di orgine anestesiologica durante gli interventi di cataratta. Sulle problematiche che possono presentarsi nell impiego clinico del Gabapentin nel trattameno del dolore post-operatorio, la rubrica tenuta da Marco Luchetti pone all attenzione del lettore un maggiore approfondimento sulla specificità del trattamento e ne evidenzia i limiti e i rischi dell uso della predetta sostanza. I casi clinici illustrano l esperienza maturata nel trattamento dell insufficienza respiratoria in un caso di coma mixedematoso, due casi di iperammonemia e iperlattatemia realizzatisi quali effetto indesiderato del sovradosaggio di acido valproico, e un caso clinico illustrante il danno polmonare acuto post-trasfusionale. La problematica posta da questo caso clinico merita, in un prossimo futuro, una più ampia revisione dell argomento in quanto potrebbe aiutare a chiarire alcuni punto oscuri che ancora esistono sull origine della ARDS in queste condizioni cliniche, quando una quantità notevole di sangue e suoi derivati viene trasfusa nel paziente critico. È presentato, infine, il programma preliminare del 5º Congresso Nazionale della SIARED che si terrà a Napoli dal 20 al 22 settembre Come per gli scorsi anni, gli argomenti proposti spaziano dall ambito specificamente anestesiologico a quello rianimatorio fornendo i maggiori avanzamenti realizzati negli ultimi anni. Relatori italiani e stranieri di fama nazionale ed internazionale saranno graditi ospiti e certamente renderanno gli eventi di estremo interesse sia dal lato scientifico che dal lato clinico. Sollecito sempre i Vostri commenti e i suggerimenti sulla rivista e in modo particolare su quanto andiamo pubblicando. Vi ricordo che la Redazione cerca di rendere quanto più vicina ai vostri desideri ed aspettative la pubblicazione. Il dialogo con i lettori rappresenta per noi il miglior modo per migliorare e implementare la nostra rivista. Il Direttore Responsabile GIUSEPPE A. MARRARO, MD 6

5 ARTICOLI SPECIALI / SPECIAL ARTICLES Organizzazione e risultati della gestione delle emergenze intraospedaliere nella A.O. Ospedale San Carlo Borromeo di Milano Organization and results of the management of in-hospital emergencies in San Carlo Borromeo Hospital, Milan ANDREA LESMO, MAURIZIO LATINO, MASSIMO RAFFAELI, GIUSEPPE GUENZATI (*), MAURIZIO MARZEGALLI (*), DONATA RIPAMONTI U.O. di Anestesia e Rianimazione, A.O. Ospedale San Carlo Borromeo, Milano (*) U.O. di Cardiologia e Unità Coronarica, A.O. Ospedale San Carlo Borromeo, Milano Riassunto. Nel tentativo di ridurre le morti da arresto cardiocircolatorio (ACC) l Ospedale San Carlo Borromeo si è adeguato alle linee guida internazionali che prevedono tempi di risposta intraospedalieri pari a 3 ±1 minuti. Dal 2001 l Azienda, sotto la guida delle U.O. di Rianimazione e di Cardiologia e Unità Coronarica, si è dotata di Defibrillatori Automatici Esterni (DAE) distribuiti capillarmente, ha organizzato un sistema di chiamata e corsi sulla Rianimazione Cardiopolmonare (RCP) rivolti a tutto il personale sanitario. Il lavoro di revisione ha considerato solo eventi occorsi al di fuori delle Unità Intensive. Si sono registrati 121 interventi DAE, 93 dei quali per ACC. In 90 casi su 93 il riconoscimento del ritmo è stato corretto. 24 sono risultate le aritmie defibrillabili, 51 PEA,17 Asistolie, 1 BAV III. Dei 24 ritmi defibrillabili 21 sono stati riconosciuti correttamente, in14 casi lo shock è stato erogato da personale del reparto, in 7 dal team ALS. 18 sono i casi di ROSC (Return of Spontaneous Circulation) e 7 sono stati i dimessi. Il personale sanitario ha percepito il progetto come un obbiettivo condiviso e si è osservata una ricaduta culturale positiva nella gestione del paziente critico. La sopravvivenza alla dimissione di questi pazienti risulta ancora bassa. L elevata incidenza di ritmi non defibrillabili indica una epidemiologia dell ACC intraospedaliero differente rispetto al territorio. Ciononostante le nostre evidenze sono incoraggianti. Un ulteriore progresso si registrerà con lo sviluppo dei Medical Emergency Team che hanno come obbiettivo una identificazione precoce delle condizioni che determinano l intervento urgente. Parole chiave: Emergenze intraospedaliere; Arresto cardiaco; Rianimazione cardiopolmonare; Defibrillazione; Defibrillatori Automatici Esterni; Medical Emergency Team. Abstract. In an attempt to reduce mortality deriving from cardiac arrest (CA), San Carlo Borromeo Hospital adopted the international guidelines which establish in-hospital response time at 3 ± 1 minutes. Since 2001, the hospital, equipped with Automatic External Defibrillators (AED) distributed in a Indirizzo per la richiesta di estratti Address for reprints Dott. ANDREA LESMO U.O. Anestesia e Rianimazione, A.O. Ospedale San Carlo Borromeo, Via Pio II Milano Tel ACTA ANAESTH. ITALICA 58, 7-22,

6 A. Lesmo, M. Latino, M. Raffaeli, G. Guenzati, M. Morzegalli, D. Ripamonti Cardiac arrest (CA) due mainly to ischemic cardiopathy is one of the major causes of death in industrialized countries ( 1, 2 ). According to US and WHO epidemiology statistics the incidence of cardiac arrest is 1/1000 inhabitants/year ( 3 ). According to ISTAT data, 45,000 sudden deaths are reported in Italy per year, accounting for 10% of the overall national mortality rate. Data provided in the literature show and enormous variation in survival rates (2%-44%) ( 1, 4, 5 ) connected with the adequacy and rapidity of medical assistance. The mortality rate rises to 100% if the patient is not resuscitated. As ventricular fibrillation is the most frequent cause of cardiac arrest, survival is connected with early cardiopulmonary resuscitation (CPR) and above all with the interruption of the arrhythmia, most frequently achieved using an electrical defibrillator. Each minute that lapses after the event reduces the patient s possibility of surwidespread manner, has organized a call system as well as courses on Cardiopulmonary Resuscitation (CR) for all health care personnel, under the responsibility of the Anesthesia and Intensive Care Unit and the Cardiology and Coronary Unit. This review paper considers only events occurring out of the Intensive Care Units. AED use was recorded in 121 cases, 93 of which were due to CA. In 90 of these 93 cases the rhythm as correctly diagnosed. 24 were defibrillatable arrhythmias, 51 PEAs, 17 Asistolias, 1 AVB III. Of the 24 defibrillatable rhythms, 21 were correctly diagnosed, in 14 cases the shock was performed by department personnel and in 7 cases by the ALS (Advance Life Support) team. 18 cases of ROSC ( Return of Spontaneous Circulation ) were recorded and 7 were discharged. The project was perceived by the staff as a shared objective and this generated a marked positive effect in terms of the management of critical patients. Survival after discharge is still low in these patients. The high incidence of non-defibrillatable rhythms indicates an in-hospital ACC epidemiology different from that of the territory in general. In spite of this our findings are encouraging. A further step forward will be made with the development of Medical Emergency Teams whose aim will be early identification of conditions which determine urgent procedures. Key words: In-hospital emergency; Cardiac arrest; Cardiopulmonary resuscitation; Defibrillation; Automatic External Defibrillator; Medical Emergency Team. Introduzione Nei paesi industrializzati l arresto cardiocircolatorio (ACC), dovuto prevalentemente a cardiopatia ischemica, costituisce una delle più importanti cause di mortalità ( 1, 2 ). Secondo i dati epidemiologici nordamericani e quelli dell OMS l arresto avrebbe un incidenza pari a 1/1000 abitanti/anno ( 3 ). Secondo le stime dell ISTAT, le morti improvvise in Italia sarebbero circa per anno, pari al 10% della mortalità italiana complessiva. Dai dati della letteratura emerge che le percentuali di sopravvivenza variano enormemente (2-44%) ( 1, 4, 5 ) in funzione della adeguatezza e della rapidità dell intervento, con una mortalità del 100% se il paziente non viene rianimato. Dal momento che la fibrillazione ventricolare rappresenta l evento che più frequentemente causa l arresto, la possibilità di sopravvivenza è legata alla rianimazione cardiopolmonare (RCP) precoce e, soprattutto, all interruzione dell aritmia, ottenibile nella maggior parte dei casi con la defibrillazione elettrica. Introduction 8

7 Organizzazione e risultati della gestione delle emergenze intraospedaliere ecc. Per ogni minuto che trascorre dopo l arresto cardiaco la possibilità di sopravvivenza del paziente diminuisce del 7-10% e i primi 10 minuti divengono fondamentali al fine di un soccorso efficace. Per fronteggiare l arresto cardiaco è quindi necessaria un idonea strategia di intervento mirato a vari livelli e, in accordo con le linee guida dell America Heart Association e dell European Resuscitation Council pubblicate nel 1992 ( 6, 7 ), tutto il personale che svolge un lavoro all interno della struttura ospedaliera dovrebbe essere addestrato alla rianimazione cardiopolmonare e all uso del DAE (Defibrillatore Automatico Esterno). La defibrillazione precoce è considerata lo standard terapeutico di una comunità ( 6, 8 ). L ospedale è considerato un luogo più a rischio di arresto cardiaco rispetto al territorio in quanto ospita persone malate e vede transitare attraverso la sua struttura un considerevole flusso di persone malate e non. I dati della letteratura riportano percentuali di sopravvivenza in caso di ACC avvenuto in ambito intraospedaliero estremamente variabili. Mentre nei reparti di terapia intensiva la percentuale di sopravvivenza è circa il 90%, nei reparti di degenza questa è notevolmente più bassa. In assenza di progetti specifici la sopravvivenza è del 15%, mentre dove vengono attuati protocolli di intervento adeguati si arriva al 34% ( 9 ). La recente 31ª Conferenza di Bethesda ( 10 ) e le linee guida internazionali in tema di rianimazione cardiopolmonare (RCP), pubblicate nel 2000 dalla AHA-ILCOR e dall European Resuscivival by 7-10% and the first 10 minutes are fundamental for a positive outcome. Therefore, an effective operating strategy aimed at all levels is required in order to address cardiac arrest, and in compliance with the guidelines of the American Heart Association and the European Resuscitation Council published in 1992 ( 6, 7 ), all hospital personnel should be trained in cardio-pulmonary resuscitation and the use of the AED (Automatic External Defibrillator). Early defibrillation is considered the therapy standard of a community ( 6, 8 ). A hospital is considered to be a place in which cardiac arrest is more likely to occur than in the rest of the territory as a hospital, by its nature, houses the sick and a large quantity of people, both ill and healthy, pass through its doors. Figures reported in the literature relating to survival in the event of cardiac arrest occurring in-hospital are extremely variable. While the survival rate for those suffering cardiac arrest in intensive care units is approx. 90%, the rate in other departments is markedly lower. In the absence of specific plans the survival rate is 15%, while it rises to 34% in facilities in which an adequate operating protocol is in place 34% (9). The recent 31 st Bethesda Conference ( 10 ) and the international guidelines covering cardiopulmonary resuscitation (CPR), published in 2000 by AHA-IL- COR and by the European Resuscitation Council ( 11, 12 ), have provided the international standards for in-hospital CPR. These guidelines state that the hospital should ensure it has a system in place able to guarantee that effective resuscitation is available throughout the facil- 9

8 A. Lesmo, M. Latino, M. Raffaeli, G. Guenzati, M. Morzegalli, D. Ripamonti tation Council ( 11, 12 ), hanno fornito gli standard internazionali per la RCP intraospedaliera. Tali linee guida sostengono che l Ospedale dovrebbe obbligatoriamente dotarsi di un sistema capace di garantire su tutta la sua superficie un efficace rianimazione in tempi brevi, con latenza massima pari a 3 ± 1 minuti tra l arresto e il primo shock elettrico se l evento si è verificato fuori dalle aree intensive. Ciò dovrebbe consentire di trattare in tempi efficaci almeno il 50% degli eventi. Gli Ospedali vengono inoltre invitati: a diffondere politiche, procedure, processi e protocolli atti a governare la rianimazione cardiopolmonare; a distribuire strategicamente attrezzature appropriate; a formare operatori adeguatamente addestrati; a predisporre un unico sistema di raccolta dati accurato considerandone anche il significato medico-legale; ad effettuare una analisi dei risultati volta a verificare correttezza e tempistica delle procedure effettuate e a identificare l opportunità di migliorare le prestazioni. Le suddette linee guida vengono considerate dalla Joint Commission for the Accreditation of Health Care Organizations (JCAHCO) requisiti per l accreditamento. Per quanto riguarda l impiego appropriato del defibrillatore, esso dipende da una corretta diagnosi. L atto medico, di fronte ad un paziente con ACC, consiste nel riconoscimento di un ritmo defibrillabile (momento diagnostico) e nell impiego del defibrillatore, quando indicato, come parte del momento terapeutico. ity without delay, with a maximum time lapse of 3 ± 1 minutes between cardiac arrest and the first electric shock, if the event takes place out of intensive care areas. This should allow at least 50% of such events to be treated in good time. It is also recommended that hospitals: spread policies, procedures, processes and protocols concerning the management of cardio-pulmonary resuscitation distribute appropriate equipment strategically train healthcare staff adequately prepare a single, accurate data gathering system, considering also the forensic science aspects carry out analysis of the results in order to assess correctness and timing of the procedures performed and to identify opportunities for improving performance in general. The aforementioned guidelines are considered requisites for accreditation by the Joint Commission for the Accreditation of Health Care Organizations (JCAHCO). Proper use of the defibrillator depends on a correct diagnosis being made. When a doctor is dealing with a patient with ACC, the first thing to do is to recognize a defibrillatable rhythm ( diagnostic aspect) and then apply the defibrillator as therapy when indicated. The Bill on the use of semi-automated defibrillators out-of-hospital was definitively approved by the Italian Parliament on 8 March Article 1 states: semi-automated defibrillators may be used out-of-hospital also by healthcare workers who are not physicians, as well as by persons who are not healthcare workers but have received specific 10

9 Organizzazione e risultati della gestione delle emergenze intraospedaliere ecc. In data 8 marzo 2001, però, è stato definitivamente approvato dalla Camera dei Deputati il Testo di legge sotto riportato: utilizzo dei defibrillatori semiautomatici in ambiente extraospedaliero che all Art 1 recita: È consentito l uso del defibrillatore semiautomatico in sede extraospedaliera anche al personale sanitario non medico, nonché al personale non sanitario che abbia ricevuto una formazione specifica nelle attività di rianimazione cardiopolmonare. Le regioni e le province autonome disciplinano il rilascio da parte delle aziende sanitarie locali e delle aziende ospedaliere dell autorizzazione all utilizzo extraospedaliero dei defibrillatori da parte del personale di cui al comma 1, nell ambito del sistema di emergenza 118 competente per territorio. L alta affidabilità dei defibrillatori semiautomatici, che riconoscono se vi è un ritmo defibrillabile, senza alcuna necessità di interpretazione dell elettrocardiogramma da parte dell operatore, con una sensibilità del 100% e una specificità tra il 97,6 e il 98,8% ( 13, 14 ), supera quindi la necessità del momento diagnostico e lascia all operatore addestrato, anche non medico, la fase terapeutica (erogazione guidata dello shock). I defibrillatori nell Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo, fino al 2000, erano utilizzati esclusivamente dai medici e specificatamente dagli anestesisti-rianimatori e dai cardiologi che hanno gestito ogni tipo di emergenza intraospedaliera. L avvento dei defibrillatori semiautomatici ha profondamente cambiato questo quadro consentendo di anticipare, training in cardio-pulmonary resuscitation; the autonomous regions and provinces shall regulate the issuing, by local health units and by hospitals, of authorization for defibrillators to be used outof-hospital by persons indicated in the aforementioned section 1, within the scope of the emergency services having competency for the territory. The great reliability of semi-automated defibrillators, able to recognize whether a rhythm is defibrillatable, without need for the interpretation of an electrocardiogram by the operator, with 100% sensitivity and specificity of between 97.6 and 98.8% ( 13, 14 ), renders the diagnostic aspect unnecessary and leaves the trained operator (not necessarily a physician) free to start the therapy (guided application of shock). Until 2000 the defibrillators in San Carlo Borromeo Hospital were used exclusively by doctors, and more specifically by the anesthesists-resuscitators and cardiologists who managed all types of in-hospital emergency. The advent of semi-automated defibrillators has led to sweeping changes being made, allowing defibrillation, the only effective solution, to be applied earlier in the Chain of Survival. In fact, once the disposable adhesive paddles have been applied to the chest of a patient in an apparent state of cardiac arrest, this equipment is able to analyze heartbeat and, should they find ventricular fibrillation or broad QRS tachycardia they charge and recommend that the operator proceed with defibrillation. With this advanced equipment the diagnostic phase as been rendered obsolete and defibrillation is today considered a 11

10 A. Lesmo, M. Latino, M. Raffaeli, G. Guenzati, M. Morzegalli, D. Ripamonti nella catena della sopravvivenza, l unico intervento risolutivo che è la defibrillazione. Infatti una volta applicate le piastre adesive monouso sul torace di un paziente in apparente arresto cardiaco, questi apparecchi sono in grado di analizzare il ritmo cardiaco ed in presenza di fibrillazione ventricolare o tachicardia a QRS largo si caricano e consigliano all operatore di procedere alla defibrillazione. È stata quindi superata anche la necessità della fase diagnostica per cui la defibrillazione viene attualmente considerata un atto terapeutico non esclusivamente medico. Data l entità del problema emergenza intraospedaliera e visto che la tempestività dell intervento, la rianimazione precoce e la defibrillazione precoce, quando richiesta, sono direttamente correlate alla sopravvivenza, nella A.O. Ospedale San Carlo Borromeo già dal 2000, grazie alla sensibilità della Direzione Medica di Presidio e della Direzione Sanitaria e alla collaborazione delle U.O. di Anestesia e Rianimazione e di Cardiologia e Unità Coronaria si è pensato che fosse necessario, anzi obbligatorio: sensibilizzare tutto il personale sanitario al problema dell arresto cardiaco e respiratorio; organizzare un sistema per l emergenza intraospedaliera, omogeneo per dotazioni strumentali, comportamenti e procedure; istituire un Corso Teorico Pratico per la gestione dell emergenza sanitaria intraospedaliera, formalizzato quale attività di formazione permanente obbligatoria; prevedere un sistema di controllo e di verifica di qualità; not exclusively medical therapy. Given the entity of the in-hospital emergency problem and given that speed is of the essence in these cases, early resuscitation and early defibrillation, when required, have been directly correlated to survival in San Carlo Borromeo Hospital since 2000, thanks to the sensibility of the Hospital Management as well as the cooperation of the Anesthesia and Intensive Care Units, Cardiology Dept and Coronary Unit who believed it was necessary, or rather, obligatory: to raise awareness of the problem of cardiac arrest and respiratory failure in all hospital staff; to organize one system to deal with in-hospital emergency, using the same equipment, behavior and procedures; to set up a theory/practical course to manage in-hospital emergency, held as mandatory, permanent training; to set up a quality control and assessment system; to set up a co-coordinating group to deal with emergencies. Methods Defibrillation is one of the procedures in the so-called chain of survival and this induced us to organize an internal BLS-D Provider following the ILCOR- AHA guidelines, and to hold this course and up-date it on numerous occasions. The theory course, lasting 4 hours, began in November 2000 and has been held on 7 occasions since then, for a total of 682 persons. The practical course, lasting 2 hours, for groups of 10 maximum, has been held in specially designated rooms, includes a practical test with cardio-pulmonary resuscitation on a dummy and 12

11 Organizzazione e risultati della gestione delle emergenze intraospedaliere ecc. istituire un gruppo di coordinamento per l emergenza. Metodi La defibrillazione è una delle procedure della cosiddetta catena della sopravvivenza e questa considerazione ci ha indotti ad istituire un corso interno BLS-D Provider secondo le linee guida ILCOR - AHA, del quale sono state predisposte riedizioni ed aggiornamenti. Il corso teorico tenuto in sala conferenze, della durata di 4 ore, è iniziato nel novembre 2000, è stato ripetuto 7 volte e ha visto, al momento attuale, la partecipazione di 682 persone. Il corso pratico della durata di 2 ore, per gruppi di 10 persone al massimo, è stato svolto invece in aule apposite, ha compreso una prova pratica che prevedeva una rianimazione cardiopolmonare su manichino e l utilizzo del DAE su manichino o con simulatore e una valutazione finale con test a domande multirisposta. Sono state effettuate 70 esercitazioni tenute da un anestesista e da un cardiologo affiancati, rispettivamente, da un infermiere professionale della Rianimazione e dell Unità Coronarica, e sono stati rilasciati complessivamente 680 attestati di partecipazione cui veniva abbinata una dispensa relativa al programma del corso. Un corso breve BLS-D di 2 ore complessive è stato svolto anche per tutto il personale medico ed infermieristico della U.O. Anestesia e Rianimazione, con lo scopo di rendere nota l organizzazione dell emergenza intraospedaliera oltre che di far conoscere e distribuire le nuove linee guida 2000 in tema non solo di BLS ma anche di ALS. the use of AED on the dummy or using a simulator, as well as a final assessment with multiple-choice test. The practical courses have been held, led by an anesthetist and a cardiologist, assisted respectively by a professional nurse from Intensive Care and from the Coronary Unit, and a total of 680 attendance certificates have been issued, along with material relating to the course syllabus. A brief, 2-hour BLS-D course has also been carried out for all medical and nursing staff of the Anesthesia and Intensive Care Unit, with the aim of communicating information concerning the organization of in-hospital emergency as well as raising awareness of and distributing the new 2000 guidelines relating to both BLS and ALS. As far as professional nurses are concerned, the aim of the course has also been to enable them to use the defibrillator in AED configuration also in Resuscitation. The nursing staff working in Emergency and Operating Theatres who attended the BLSD course and passed the exam were authorized to use the AED in those areas of the hospital, presided over by anesthetists, in which defibrillators set on AED mode but with other possible configurations and provided with more complex accessories such as paddles for internal defibrillation, pacing and 12 derivation ECG, have been placed. After an organizing meeting with all the head ward nurses, delivery of BLSD trolleys was made to all head ward nurses who had attended the course. The head ward nurses of Intensive Care and the Coronary Unit act as points of reference for the setting up and manage- 13

12 A. Lesmo, M. Latino, M. Raffaeli, G. Guenzati, M. Morzegalli, D. Ripamonti Per quanto riguarda gli infermieri professionali il corso ha avuto anche allo scopo di abilitarli all utilizzo del defibrillatore in configurazione DAE anche in Rianimazione. Il personale infermieristico in servizio in Pronto Soccorso e in Camera Operatoria, che ha partecipato al corso BLSD ed ha superato l esame è stato conseguentemente abilitato all utilizzo del DAE, tuttavia in tali aree dell Ospedale, costantemente presidiate da anestesisti, sono stati posizionati defibrillatori settati all accensione in modalità DAE ma con possibili configurazioni differenti e dotati di accessori più complessi quali placche per defibrillazione interna, pacing e ECG a 12 derivazioni. Dopo una riunione organizzativa con tutte/i le/i Caposala è iniziata la consegna alle/ai Caposala che hanno partecipato al corso, dei carrelli BLSD mentre le Caposala della Rianimazione e dell Unità Coronarica fungono da persone di riferimento per l allestimento e la gestione dei carrelli stessi. Essendo l ospedale strutturato a monoblocco su dieci piani, ciascuno con tre settori, sono stati attrezzati 10 carrelli BLS, uno per piano, sotto la diretta responsabilità del/la Capo Sala del settore in cui il carrello è collocato. Sono state inoltre dotate di identici carrelli la Radiologia, la Fisioterapia, la Dialisi ed il settore poliambulatoriale. La dotazione dei carrelli, sia dal punto di vista strumentale che farmacologico, è stata standardizzata salvo che nella U.O. di Pediatria dove si è provveduto ad attrezzare uno specifico carrello con materiale dedicato a pazienti di età pediatrica. ment of these trolleys. As the hospital is structured as one 10-floor building, each having three sectors, 10 BLS trolleys were equipped, one for each floor, under the direct responsibility of the head ward nurse of the sector in which the trolley is placed. In addition, Radiology, Physiotherapy, Dialysis and Out-patients were all equipped with a trolley each. All trolleys were equipped in a standard manner from the point of view of instruments and drugs, with the exception of the Pediatric Unit in which the trolley was equipped with material suitable for child patients. All trolleys were also provided with a sheet summarizing the times and phases of the action performed, the first part to be filled in by the staff on duty on the floor on which the event occurred, and the second part to be filled in by the ALS team. The data gathered under the Utstein protocol ( 15 ) were then reviewed by the head of the control system. In a parallel manner a dedicated call system was set up which alerts the Hospital Switchboard, whose responsibility it is to put the call through to a dedicated number in the Resuscitation Unit and then to notify the doctor on duty in the unit in which the event occurred. The doctor on duty in the unit is considered fundamental because of his/her specific knowledge of the pathology which led to the patient being hospitalized, of any other correlated pathologies and of any wishes expressed by the patient in relation to not being resuscitated. Any hitches in this system can be bypassed by calling the Intensive Care Unit 14

13 Organizzazione e risultati della gestione delle emergenze intraospedaliere ecc. Ai carrelli è allegata una scheda riassuntiva dei tempi e delle fasi dell intervento eseguito, da compilarsi nella sua prima parte a cura del personale del piano in cui si è verificato l evento e nella seconda da parte del team ALS. I dati raccolti secondo il protocollo Utstein ( 15 ) sono poi sottoposti a revisione da parte del responsabile del sistema di verifica. Parallelamente si è provveduto ad attivare un apposito sistema di chiamata che prevede l allertamento del Centralino Telefonico Aziendale che ha il compito di girare la chiamata ad un numero specificatamente dedicato della U.O. di Rianimazione e di avvisare, in seconda istanza, il medico di guardia della U.O. in cui si è verificato l evento. Questa ultima figura viene ritenuta fondamentale per le sue conoscenze specifiche relative alla patologia responsabile del ricovero, a eventuali patologie correlate o di eventuali volontà di non rianimazione espresse dal paziente stesso. Eventuali intoppi in questo sistema di chiamata possono essere bypassati rivolgendosi direttamente al numero della Rianimazione predisposto in sola chiamata e dedicato alle emergenze intraospedaliere. Il sistema di attivazione chiamata tramite centralino è stato utilizzato anche in altre emergenze per avvisare la Rianimazione e attivare il sistema ALS che fa capo in prima istanza alla Rianimazione, coinvolgendo un anestesista-rianimatore e un infermiere professionale della Rianimazione. Si è, infine, provveduto ad organizzare un sistema di manutenzione dei DAE organizzato secondo le seguenti modalità: directly on the number dedicated to inhospital emergency. The call-through-the-switchboard system is used also in other emergencies to notify the Intensive Care Unit and activate the ALS system headed by Intensive Care, involving an anesthetist-resuscitator and a professional nurse from Intensive Care. In addition, an AED maintenance system has also been set up and is organized as follows: a weekly check is made by the Head ward nurse working in the sector in which the defibrillator is located. This involves checking that the AED is working properly and that the trolley is fully equipped in line with items on a check list; maintenance after use is carried out by a member of staff from Clinical Engineering, on request; periodical mini-check is performed quarterly by a member of staff from Clinical Engineering; periodical full check is performed twice per year by qualified staff from Clinical Engineering, on request; Clinical Engineering is to be notified in the event of any malfunctioning; The first re-training course for head ward nurses and other reference staff for each unit indicated by the former was carried out in Results Up to November 2005 approx. 75% of the hospital s healthcare workers had been trained and consequently authorized to use BLSD, a highly significant figure considering the high turnover of personnel (mainly nurses) and the resulting introduction of new staff to be trained. 15

14 A. Lesmo, M. Latino, M. Raffaeli, G. Guenzati, M. Morzegalli, D. Ripamonti La verifica settimanale viene effettuata dalle/dai Caposala del settore in cui il carrello è collocato e prevede, oltre ad un semplice test di verifica del corretto funzionamento del DAE, una verifica della completa dotazione del carrello effettuato sulla scorta di una check list. La manutenzione dopo l uso viene eseguita da un incaricato della Ingegneria Clinica, su chiamata. Il controllo periodico di minima viene eseguito con cadenza trimestrale da un incaricato della Ingegneria Clinica. Il controllo periodico completo semestrale viene eseguito da personale qualificato, previa richiesta alla Ingegneria Clinica. In caso di malfunzionamento deve essere avvisata la Ingegneria Clinica. Nel 2005 è stato condotto a termine il primo corso di retrainig indirizzato alle/i Capo Sala e a figure di riferimento per ciascuna U.O. da esse/i individuate. Risultati Al Novembre 2005 è stato formato e conseguentemente abilitato al BLSD circa il 75% del personale sanitario dell Azienda, dato di estrema rilevanza se si considera il continuo ricambio del personale, prevalentemente di quello infermieristico, e la conseguente introduzione di personale nuovo da formare. Hanno partecipato alla formazione anche il personale del Servizio di Fisioterapia, il personale dei Poliambulatori e i tecnici di Radiologia. La revisione dei dati di utilizzo dei DAE non è risultata sempre agevole per la non corretta o mancata compilazione delle schede di intervento o per la mancata esecuzione del Sommario Eventi sul DAE che consentirebbe la rapida con- Staff from Physiotherapy and Out-patients and technicians from Radiology also took part in training. It has not always been easy to carry out a review of AED use, due to incorrect filling in of, or failure to fill in the intervention sheets, or due to the failure to perform Summary of Events on the AED, which would allow rapid consultation of the electrical events recorded by the application of the paddles at the end of the intervention. It has been possible to get around this obstacle thanks to the in-depth review of the AED hard disc by the person responsible for quality control. Only events occurring in non-critical areas were considered. 121 AED interventions have been recorded since the BLSD trolleys were delivered at the end of November (tab. 1). CCA occurred in 93 cases in which AED was used in semi-automatic mode and in 90 of those correct recognition of the rhythm was achieved. A false positive was recorded in the presence of sinus tachycardia with a delay in intra-ventricular conduction and HR > 150/min. Two false negatives were recorded, 1 case of low voltage FV and not inhibited pace maker spikes and one case of incorrect adhesion of the paddles. 11 patients were in respirator arrest, while 17 patients were not in circulation arrest. In the 93 cases of cardiac arrest treated with the use of AED the following were recorded: 24 Defribrillatable Arrhythmias (25.8%), 51 PEAs (Pulseless Electrical Activity) (54.8%), 17 Asistolias (18.2%) e 1 16

15 Organizzazione e risultati della gestione delle emergenze intraospedaliere ecc. sultazione degli eventi elettrici registrati dalla applicazione delle placche alla fine dell intervento. A ciò si potuto ovviare grazie ad un impegnativo lavoro di revisione dell Hard Disk del DAE curato dal responsabile della verifica di qualità. Sono stati considerati solo gli eventi avvenuti in aree non critiche. Dalla avvenuta distribuzione dei carrelli BLSD alla fine di Novembre 2005 si sono registrati 121 interventi DAE (tab. 1). 93 sono stati i casi di ACC in cui è stato utilizzato il DAE in modalità semiautomatica ed in 90 di essi si è ottenuto un corretto riconoscimento del ritmo. Si è registrato un falso positivo in presenza di tachicardia sinusale con ritardo di conduzione intraventricolare e F.C. > 150/min. Due sono stati i falsi negativi, 1 caso di FV a basso voltaggio e spikes di pace maker non inibito e 1 caso di non corretta adesione delle placche. 11 pazienti erano in arresto respiratorio mentre 17 pazienti non erano in arresto di circolo. Nei 93 casi di arresto cardiaco trattati con utilizzo del DAE si sono registrate 24 Aritmie Defibrillabili (25,8%), 51 PEA (Pulseless Electrical Activity) (54,8%), TABLE 1. Analisi degli interventi DAE. / Breakdown of AED interventions. Totale interventi DAE 121 Casi di ACC con utilizzo DAE 93 Casi di corretto riconoscimento del ritmo 90 Falsi positivi 1 Falsi negativi 2 Casi di pazienti non in ACC 17 Casi di arresto respiratorio 11 AVB III ( type III Atrio-Ventricular Block ) (1%) (tab. 2). The outcomes of the interventions performed, and reported in table 3, showed that 21 of the 24 rhythms presenting as defribrillatable were correctly recognized. In 14 cases the shocks were given by a professional nurse from the department (66.6%) while in 7 cases the shock were given directly by the ALS team (33.3%). As mentioned above, 2 false negatives and 1 false positive were recorded. ROSC (Return of Spontaneous Circulation) was achieved in 18 cases (75%) and 7 of these patients were discharged (30%) (7.7% of all AED interventions). With regard to the 51 cases of PEA (Pulseless Electrical Activity), only 2 patients were discharged (3.9%) while of the 17 asistolias no patient reached discharge. In conclusion, with regard to the type III AVB patient, a Pace Maker was required. Conclusions Assessment of our initial experience of managing emergency with the aid of BLS trolleys plus AED has shown that: the healthcare staff involved perceived the project as a shared objective. a positive effect in terms of culture was gained in the management of critical patients. added value was achieved in terms of diagnosis and therapy also when AED was used for monitoring, e.g. in cases in which AED recorded the presence of cardiac rhythm in patients in respiratory arrest or unconscious. Defribrillatable arrhythmia (FV/TV) 17

16 A. Lesmo, M. Latino, M. Raffaeli, G. Guenzati, M. Morzegalli, D. Ripamonti TABLE 2. Analisi degli interventi DAE in pazienti in ACC. / Breakdown of AED interventions in patients in ACC. Totali casi di ACC con utilizzo del DAE 93 Aritmie defibrillabili 24 (25,8%) PEA (Pulseless Electrical Activity) 51 (54,8%) Asistolie 17 (18,2%) BAV III (Blocco Atrio-Ventricolare di III tipo) 1 (1%) 17 Asistolie (18,2%) e 1 BAV III (Blocco Atrio-Ventricolare di III tipo) (1%) (tab. 2). Gli esiti degli interventi effettuati, riportati nella tab. 3, hanno mostrato che 21 su 24 ritmi di presentazione defibrillabili sono stati riconosciuti correttamente. In 14 casi lo Shock è stato erogato dall Infermiere Professionale del reparto (66,6%) mentre in 7 casi gli Shock sono stati erogati direttamente dal team ALS (33,3%). Come detto i falsi negativi sono stati 2 e in 1 caso si è registrato un falso positivo. In 18 casi si è ottenuto un ROSC ( Return of Spontaneous Circulation ) (75%) e 7 di questi pazienti sono stati dimessi (30%) (7,7% del totale degli interventi del DAE). Per contro relativamente ai 51 casi di PEA (Pulseless Electrical Activity) solo 2 pazienti sono stati dimessi (3,9%) mentre nelle 17 asistolie nessun paziente è giunto alla dimissione. Per finire, per quanto riguarda il paziente con BAV III grado, si è provveduto all impianto di un Pace Maker. Conclusioni La valutazione della nostra iniziale esperienza di gestione dell emergenza TABLE 3. Analisi dei risultati. / Breakdown of results. Ritmi defibrillabili 24 Ritmi riconosciuti correttamente 21 Shock erogati dall infermiere di reparto 14 (66,6%) Shock erogati dal team ALS 7 (33,3%) Falsi negativi 2 Falsi positivi 1 ROSC (Return of Spontaneous Circulation) 18 (75%) Dimessi 7 (30%) PEA (Pulseless Electrical Activity) 51 Dimessi 2 (3,9%) Asistolie 17 Dimessi 0 BAV III Tipo 1 Impianto di Pace Maker 1 accounted for 26% of presenting rhythms. The chances of efficacious defibrillation are high in the presence of FV/TV (18/24 in our experience) but also in the presence of rhythms not requiring shock the system may allow potentially lethal but correctable arrhythmia to be recognized ( AVB III ). Survival after discharge is still extremely low in these patients and is lower than the figures given in the literature ( 16, 17, 18 ), although it should be borne in mind that in these case studies, unlike our own, data from Intensive Care Units (in which survival is markedly higher) is included. Also in our case study, in conformity with the data in the literature, a low incidence of defibrillatable rhythms was recorded ( 19 ). 18

17 Organizzazione e risultati della gestione delle emergenze intraospedaliere ecc. che prevede l utilizzo di carrelli BLS più DAE ha evidenziato che: Il personale sanitario implicato ha percepito il progetto come un obbiettivo condiviso. Si è osservata una ricaduta culturale positiva nella gestione del paziente critico. Anche ove il DAE è stato utilizzato con funzione di monitoraggio, ad esempio nei casi in cui il DAE indicava la presenza di un ritmo cardiaco con paziente in arresto respiratorio o incosciente, si è ottenuto un valore aggiunto in termini diagnostico-terapeutici. Le aritmie defibrillabili (FV/TV) hanno costituito il 26% dei ritmi di presentazione. In presenza di FV/TV è elevata la probabilità di efficace defibrillazione (18/24 nella nostra esperienza) ma anche in presenza di ritmi non necessitanti shock il sistema può permettere il riconoscimento di aritmie potenzialmente letali ma correggibili (BAV III). La sopravvivenza alla dimissione di questi pazienti risulta ancora estremamente bassa e inferiore ai dati di letteratura ( 16, 17, 18 ) anche se va sottolineato come in queste casistiche, a differenza della nostra, siano compresi i dati delle Unità Intensive in cui la sopravvivenza è sensibilmente più elevata. Anche nella nostra casistica, in conformità con i dati della letteratura, si registrata una bassa incidenza di ritmi defibrillabili ( 19 ). L elevata incidenza di ritmi non defibrillabili indica una epidemiologia del paziente con ACC intraospedaliero differente rispetto al territorio e a questo riguardo giocano un ruolo estremamente importante le comorbilità. In numerosi interventi (70%) è risultato The high incidence of non-defibrillatable rhythms indicates an epidemiology of patients with in-hospital CCA which is different from that of the territory s a whole, and co-morbidity has an extremely important role to play in this. In numerous interventions (70%) it was difficult to reconstruct times and manner of procedure due to the fact that the ACC report sheets had not been filled out. We were able to compensate for this in part with the ECG recordings held in the AED hard disc memory which allow full recovery of the arrhythmia event. However, it remains difficult to control the quality of the performance and the results and therefore their standardization. Our experience with advanced systems is still at an early stage and is not widespread despite the fact that the guidelines stress their efficacy. The greatest difficulties lie in starting and continuing in-hospital BLSD projects due to the complexity of managing the resources. Despite this our early evidence is encouraging also in terms of benefit to culture, monitoring, and awareness of the issue, and the project achieved a highly satisfactory result, especially from paramedics. In conclusion, from many sides there has emerged a tendency to address the issue of prevention of in-hospital ACC by training staff in non-intensive care units to look for those symptoms which may predict the event. We make reference, in particular, to alterations in the state of consciousness (and we consider it particularly useful for all hospital staff to acquire confidence in making assessments using the 19

18 A. Lesmo, M. Latino, M. Raffaeli, G. Guenzati, M. Morzegalli, D. Ripamonti difficoltoso ricostruire tempi e modalità delle procedure per la mancata compilazione delle schede report di ACC. A ciò si è potuto in parte supplire con le registrazioni ECG contenute nella memoria solida dei DAE che consentono il completo recupero dell evento aritmico; risulta tuttavia difficoltoso il controllo di qualità delle prestazioni e dei risultati nonché una loro standardizzazione. Le esperienze di sistemi avanzati con DAE sono ancora iniziali e non diffuse nonostante le linee guida ne ribadiscano la efficacia. Le difficoltà maggiori risiedono nell iniziare e perseguire progetti BLSD intraospedalieri per la complessità gestionale delle risorse. Ciononostante le nostre prime evidenze sono incoraggianti anche in termini di ricaduta culturale, monitoraggio, presa di coscienza del problema e il progetto ha ottenuto una risposta molto soddisfacente soprattutto dal personale paramedico. Infine, da più parti, si tende a focalizzare l attenzione sul problema della prevenzione dell ACC intraospedaliero istruendo il personale dei reparti non intensivi alla ricerca di quei sintomi che potrebbero far prevedere l evento. Ci si riferisce, in particolare, alle alterazioni dello stato di coscienza (e riteniamo particolarmente utile che tutto il personale ospedaliero acquisisca confidenza sulla valutazione del Glasgow Coma Scale - GCS -), alle variazioni dei valori pressori, alle alterazioni del ritmo cardiaco e, perchè no, alle semplici impressioni basate sulla osservazione del paziente in base all esperienza clinica dell operatore sanitario. Glasgow Coma Scale - GCS -), variations in pressure values, alterations in cardiac rhythm and, why not, simple impressions based on observation of the patient and based on the clinical experience of the healthcare worker. In the presence of these symptoms it would be of use to be able to apply the simple M.O.V.E. protocol which recommends the following steps: M = Monitor O = Oxygen V = Vein E = ECG and which could represent a good starting point from both the prevention and operating points of view as we wait for Italian hospitals to introduce the philosophy of the MET ( Medical Emergency Team), highly developed in Australian hospitals ( 20 ). The main aim of the MET is to optimize patient management through early identification of the conditions which determine urgent intervention using the MEWS (Modified Early Warning Score) protocol ( 21, 22, 23 ). Acknowledgement Thank to: Heartfelt thanks from the working group to Dr. Guenzati for the great work done in reviewing the data recorded in the AED memories. Many thanks also to the Professional Nurses: Maurizio Besozzi, Giovanni Cristoffanini, Antonella Ferraia, Roberto Rebora of the Anesthesia and Intensive Care Unit and to Daniele Cataldo, Vito La Notte and Barbara Tiezzi of the Coronary Unit for their immense help in carrying out the practical exercises. 20

19 Organizzazione e risultati della gestione delle emergenze intraospedaliere ecc. In presenza di questi sintomi sarebbe già utile poter applicare il semplice protocollo M.O.V.E. che prevede i seguenti passi: M = Monitor O = Ossigeno V = Vena E = ECG e che potrebbe rappresentare una buona base di partenza sia dal punto di vista preventivo che operativo in attesa che anche negli ospedali italiani prenda piede la filosofia del MET (Medical Emergency Team) molto sviluppata negli ospedali Australiani ( 20 ). Obbiettivo principale dei MET è quello di ottimizzare la gestione del paziente mediante una identificazione precoce delle condizioni che determinano l intervento urgente attraverso l impiego del protocollo MEWS ( Modified Early Warning Score) ( 21, 22, 23 ). Ringraziamenti Sentiti ringraziamenti da parte del gruppo di lavoro vanno al Dott. Guenzati per l importante lavoro di revisione dei dati registrati nella memoria dei DAE. Si ringraziano, inoltre, gli Infermieri Professionali: Besozzi Maurizio, Cristoffanini Giovanni, Ferraia Antonella, Rebora Roberto della U.O. di Anestesia e Rianimazione e Cataldo Daniele, La Notte Vito, Tiezzi Barbara della Unità Coronaria per il prezioso aiuto nello svolgimento delle esercitazioni pratiche. Bibliografia 1) Myerburg RJ, Interian A Jr., Mitrani RM, Kessler KM, Castellanos A. Frequency of sudden cardiac death and profiles of risk. Am J Cardiol. 1997; 80: ) de Vreede-Swagemakers JJ, Gorgels AP, Dubis-Arbuw WI, van Ree JW, Daemen MJ, Houben LG, Wellens HJ. Out-of-hospital cardiac arrest in the 1990 s: a population based study in the Maastricht area on incidence characteristics and survival. J Am Coll Cardiol. 1997; 30: ) Chambless L, Keil V, Dobson A, Mahonen M, Kunlasmaa K, Rajakangas AM, Lowel H, Tunstall-Pedoe H. Population versus clinical view of case fatality from acute coronary heart disease: results from the WHO MONICA Project Multinational Monitoring of Trends and Determinants in Cardiovascular Disease. Circulation 1997; 96: ) Lombardi G, Gallagher J, Gennis P. Outcome of out-of.-hospital cardiac arrest in New York City. The Pre-Hospital Arrest Survival Evaluation (PHASE) Study. JAMA 1994; 271: ) Eisenberg MJ. Risk stratification for arrhythmic events: are the bangs worth the bucks? J Am Coll Cardiol. 2001; 38: ) Guidelines for cardiopulmonary resuscitation and emergency cardiac care. Emergency Cardiac Care Committee and Subcommittee, American Heart Association. JAMA 1992; 268: ) Guidelines for advanced life support. A statement by Basic Life Support Working Party of the European Resuscitation Council; Resuscitation 1992; 24: ) Leah V, Coats T. Resuscitation officers: time for standardization? Hosp Med. 1998; 59: ) McGrath RS In-House Cardiopulmonary Resuscitation After a Quarter of Century. Am Emerg Med. 1987; 16: ) Kinney KG, Boyd SY, Simpson DE. Guidelines for appropriate in hospital emergency team time management; the Brooke Army Medical Centre approach. Resuscitation 2004; 60: ) American Heart Association; International Liaison Committee on Resuscitation (IL- COR). Proceedings of the Guidelines 2000 Conference for Cardiopulmonary Resuscitation and Emergency Cardiovascular Care: An International Consensus on Science. Am Emerg Med. 2001; 37: S ) European Resuscitation Council. European Resuscitation Council Guidelines Resuscitation 2001; 48: ) Mattioni TA, Nademanee K, Brodsky M, Fisher J, Riggio D, Allen B, Welch S, Ybarra RA, Lin D, Dean E. Initial clinical experien- 21

20 A. Lesmo, M. Latino, M. Raffaeli, G. Guenzati, M. Morzegalli, D. Ripamonti ce with a fully automatic in-hospital external cardioverter defibrillator. Pacing Clin Electrphysiol. 1999; 22: ) Martinez-Rubio A, Kanaan N, Borggrefe M, Block M, Makijarvi M, Fedele F, Pappone C, Haverkamp W, Merino JL, Esquivias GB, Cinca J; European Powerheart Investigators. Advanced for treating in-hospital arrest: safety and effectiveness of a new automatic external cardioverter-defibrillator. J Am Coll Cardiol. 2003; 41: ) Cummins RO, Chamberlain D, Hazinski MF, Nadkami V, Kloeck W, Kramer L, Robertson C, Kostner R, Zaritsky A, Omato JP, Callon V, Allen M, Steen P, Connolly B, Sanders A, Idris A, Cobbe S. Recommended Guidelines for Reviewing, Reporting, and Conducting Research on In-Hospital Resuscitation: The In-Hospital Utstein Style : A Statement for Healthcare Professionals From the American Heart Association, the European Resuscitation Council, the Heart and Stroke Foundation of Canada, the Australian Resuscitation Council, and the Resuscitation Councils of Southern Africa. Circulation 1997; 95: ) Gwinnutt CL, Columb M, Harris R. Outcome after cardiac arrest in adults in UK hospitals: effect of the 1997 guidelines. Resuscitation 2000; 47: ) Cummins R, Graves J. Clinical results of standard CPR: prehospital and in-hospital. Kaye W, Bircher NG. editors. Cardiopulmonary Resuscitation. New York, NY: Churchill Livingstone, 1989; ) Tunstall-Pedoe H, bailey L, Chamberlain DA, Marsden AK, Ward ME, Ziderman DA. Survey of 3765 cardiopulmonary resuscitations in British Hospitals (the BRESUS study): methods and overall results BMJ 1992; 304: ) Peberdy MA, Kaye W, Omato JP, Larkin GL, Madkarni V, Mancini ME, Berg RA, Nichol G, Lane-Trultt T. Cardiopulmonary resuscitation of adults in the hospital; a report of 1472 cardiac arrest from National Registry of Cardiopulmonary Resuscitation. Resuscitation 2003; 58: ) Buist MD, Moore GE, Bernard SA, Waxman BP, Anderson JN, Nguyen TV. Effects of a medical emergency team on reduction of and mortality from unexpected cardiac arrests in hospital: preliminary study. BMJ 2002; 324: ) Naeem N, Montenegro H. Beyond the intensive care unit: A review of interventions aimed at anticipating and preventing in-hospital cardiopulmonary arrest. Resuscitation 2005; 67: ) Hillman K, Chen J, Cretikos M, Bellomo R, Brown D, Doig G, Finfer S, Flaouris A; MERIT study investigators. Introduction of the medical emergency team (MET) system: a cluster-randomised controlled trial. Lancet 2005; 365: ) Cretikos MA, Parr MJ. The Medical Emergency Team: 21st century critical care. Minerva Anestesiol. 2005; 71:

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce La defibrillazione precoce L'American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Abbiamo un problema? 17/10/2012 ASPETTI LEGALI NELLE ATTIVITA SUBACQUEE BOLZANO 12 OTTOBRE 2012

Abbiamo un problema? 17/10/2012 ASPETTI LEGALI NELLE ATTIVITA SUBACQUEE BOLZANO 12 OTTOBRE 2012 ASPETTI LEGALI NELLE ATTIVITA SUBACQUEE BOLZANO 12 OTTOBRE 2012 La prevenzione primaria per la sicurezza delle attività subacquee professionali: risvolti procedurali, operativi, medici ed assicurativi

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza Irene Corradino Clinical Operations Unit Fondato nel 1998 con sede a Milano Studi clinici di fase I-II in oncologia, soprattutto in Italia, Svizzera, Spagna ARO = Academic Research Organization Sponsor/CRO

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

www.areu.lombardia.it

www.areu.lombardia.it www.areu.lombardia.it OPERATORE LAICO INDICE PREMESSA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE -BASIC LIFE SUPPORT and DEFIBRILLATION - CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA SEQUENZA DEL DEFIBRILLAZIONE PRECOCE ALGORITMO

Dettagli

Se si ferma il Cuore...

Se si ferma il Cuore... Giuliano Altamura in collaborazione con Alessandro Totteri e Francesco Lo Bianco Se si ferma il Cuore...... defibrillazione precoce e la vita continua La perdita di coscienza L arresto cardiaco Il dolore

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

dell'american Heart Association Sindromi coronariche acute 17 Supporto di base delle funzioni vitali pediatriche

dell'american Heart Association Sindromi coronariche acute 17 Supporto di base delle funzioni vitali pediatriche Si nt e si d e l l e l i n e e g u i da de l 2010 dell'american Heart Association pe r R C P e d E C C Sommario Problemi principali comuni a tutti i soccorritori 1 Soccorritore non professionista RCP negli

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION

JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION PSS Worldwide is one of the most important diver training agencies in the world. It was created thanks to the passion of a few dedicated diving instructors

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

LIFEPAK CR PLUS DEFIBRILLATORE. Vivere ogni giorno in sicurezza.

LIFEPAK CR PLUS DEFIBRILLATORE. Vivere ogni giorno in sicurezza. LIFEPAK CR PLUS DEFIBRILLATORE Vivere ogni giorno in sicurezza. Sicurezza perchè La reputazione e la missione di Physio-Control sono basate sull affidabilità. Un affidabilità costruita in più di 50 anni

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

NOTIZIE della Fondazione

NOTIZIE della Fondazione NOTIZIE della Fondazione SPECIALE Defibrillatori per Imola Attraverso il Centro per lo Sviluppo Economico del Territorio Imolese la Fondazione dona 30 defibrillatori alle strutture sportive imolesi 2 CSETI

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

Potenze di 10 e il SI

Potenze di 10 e il SI Le potenze di 10 e il SI - 1 Potenze di 10 e il SI Particolare importanza assumono le potenze del numero 10, poiché permettono di semplificare la scrittura di numeri grandissimi e piccolissimi. Tradurre

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

26/03/2009 CORSO INTEGRATO DI ORGANIZZAZIONE DELL URGENZA E DEL PRIMO SOCCORSO MODULO DI MEDICINA D URGENZA. Prof Giovanni Ricevuti

26/03/2009 CORSO INTEGRATO DI ORGANIZZAZIONE DELL URGENZA E DEL PRIMO SOCCORSO MODULO DI MEDICINA D URGENZA. Prof Giovanni Ricevuti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE CORSO INTEGRATO DI ORGANIZZAZIONE DELL URGENZA E DEL PRIMO SOCCORSO

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli