STRABISMO. Definizione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRABISMO. Definizione"

Transcript

1 STRABISMO Definizione Lo strabismo consiste in un alterato allineamento degli assi visivi causato principalmente da un malfunzionamento dei muscoli oculari estrinseci. Le azioni dei muscoli oculari estrinseci o muscoli extraoculari dipendono dalla posizione del bulbo al momento della contrazione muscolare. L azione primaria del muscolo è rappresentata dal suo effetto principale sull occhio in posizione primaria. Le azioni secondarie sono rappresentate dagli effetti addizionali sulla posizione dell occhio. I muscoli oculari estrinseci (immagine 1) sono: - muscoli retti orizzontali: (retto laterale e retto mediale) muovono l occhio sul piano orizzontale attorno all asse verticale; - muscoli retti verticali: (retto superiore e retto inferiore) sono disposti parallelamente all asse dell orbita e si inseriscono davanti all equatore; - muscoli obliqui: (obliquo superiore o grande obliquo e obliquo inferiore o piccolo obliquo) sono inseriti dietro l equatore. Immagine 1. Posizioni cardinali di sguardo Legenda (immagine 1) OD occhio destro OS: occhio sinistro RL: muscolo retto laterale RM: muscolo retto mediale RS: muscolo retto superiore RI: muscolo retto inferiore GO: grande obliquo PO: piccolo obliquo Movimenti oculari I movimenti oculari sono di tre tipi: duzioni, versioni e vergenze. Duzioni Le duzioni sono movimenti monoculari: adduzione, abduzione, elevazione, depressione o abbassamento, intorsione o incicloduzione ed estorsione o excicloduzione. Viene definito muscolo agonista, il muscolo principale che muove l occhio in una data direzione. Sinergista è invece il muscolo che contribuisce con l agonista a realizzare un dato movimento. Antagonista è il muscolo che agisce nella direzione esattamente opposta a quella dell agonista. Quando un muscolo agonista riceve uno stimolo a contrarsi, uno stimolo inibitorio equivalente è inviato al suo antagonista (legge dell innervazione reciproca di Sherrington).

2 Versioni Le versioni sono movimenti binoculari in cui gli occhi si muovono nella stessa direzione in modo sincrono e simmetrico. Vergenze Le vergenze sono movimenti binoculari nei quali i due occhi si muovono in modo sincrono e simmetrico in direzione opposta. Due tipici movimenti di vergenza sono la convergenza e la divergenza. La prima è la capacità dei due occhi di ruotare verso l interno, mentre la seconda è la capacità dei due occhi di ruotare verso l esterno da una posizione di convergenza. L utilizzo contemporaneo dei due occhi permette la cosiddetta visione binoculare singola: immagini separate che si formano in ciascun occhio, possono essere apprezzate come singola immagine dal cervello, mediante il così chiamato processo di fusione. Oltre a favorire la visione singola, la fusione dà luogo anche alla stereopsi o visione tridimensionale. Non si nasce con la capacità di utilizzare i due occhi contemporaneamente, la visione binoculare singola infatti, si affina nei primi anni di vita e richiede tre fattori principali per svilupparsi: - una visione sufficientemente buona in entrambi gli occhi, - la capacità delle aree visive cerebrali di ottenere la fusione delle due immagini provenienti dai due occhi, - una precisa coordinazione dei due occhi in tutte le direzioni di sguardo. Per ottenere la fusione è necessaria una precisa relazione fisiologica tra le retine dei due occhi (corrispondenza retinica normale). Lo strabismo può essere latente o manifesto: una deviazione manifesta causa confusione o diplopia, ovvero visione doppia. Meccanismi compensatori Vi sono vari modi in cui il paziente può compensare la diplopia e la confusione. Tra questi ricordiamo: - la soppressione, - l ambliopia strabica, - la corrispondenza retinica anomala (CRA) e - l atteggiamento viziato o posizione anomala del capo (PAC).

3 La soppressione Un adattamento che si verifica nei bambini è lo sviluppo della soppressione, prodotta a livello subcosciente dalla corteccia visiva che trascura la visione dell occhio strabico. La soppressione è un fenomeno temporaneo che si verifica solo in visione binoculare. Coprendo l occhio fissante, la soppressione cessa immediatamente e l occhio strabico assume la fissazione. Clinicamente la soppressione può essere di tre tipi: - centrale o periferica: l immagine proveniente dalla fovea dell occhio deviato è inibita da una soppressione centrale per evitare la confusione. La diplopia è abolita da un processo di soppressione periferica in cui la percezione dell immagine a livello della periferia retinica dell occhio deviato è inibita; - monoculare o alternante: la soppressione è monoculare quando l immagine dell occhio dominante predomina sempre su quella dell occhio deviato che viene costantemente soppressa. Questo tipo di soppressione è responsabile dell ambliopia strabica. Quando la soppressione è alternante, l ambliopia non si sviluppa; - facoltativa o obbligatoria: la soppressione facoltativa si verifica solo quando gli occhi sono deviati. Quella obbligatoria è sempre presente, indipendentemente dalla posizione diritta o deviata degli occhi. Ambliopia strabica Si verifica come conseguenze di una soppressione monoculare continua dell occhio deviato. È caratterizzata da una riduzione monolaterale della vista (ambliopia) evidenziabile quando l occhio viene obbligato a fissare. Le caratteristiche dell occhio ambliopico sono: - acuità visiva ridotta, - fenomeno dell affollamento: quando le lettere sono presentate singolarmente, l acuità visiva è migliore rispetto a quando il paziente è invitato a leggere un intera fila di lettere; - test del filtro grigio: non vi è nessuna differenza nell acuità visiva di un occhio ambliope quando il paziente guarda attraverso un filtro grigio. Un occhio normale, invece, presenta una diminuzione di circa due righe dell ottotipo, mentre un occhio con una lesione organica presenta una diminuzione ancora più accentuata. Sembra che un occhio ambliope abbia un acuità visiva simile a quella di un occhio normale in condizioni di scarsa illuminazione. Oltre all ambliopia strabica esistono altri due tipi di ambliopia: - ambliopia anisometropica: si verifica nell occhio più ametrope (ovvero con il difetto refrattivo più elevato) come risultato di immagini di oggetti che cadono sulla fovea costantemente sfuocate. Spesso è presente anche un ambliopia strabica; - ambliopia da deprivazione visiva: causata da opacità dei mezzi diottrici o da ptosi che si verificano nell infanzia. Corrispondenza retinica anomala (CRA) Nella CRA gli elementi retinici dell occhio strabico assumono un rapporto anomalo con la fovea o altre aree dell occhio normale. Ciò si verifica in bambini portatori di strabismo di lunga durata nei quali si sviluppa una visione binoculare rudimentale, nonostante la presenza dello strabismo.

4 Atteggiamento viziato o posizione anomala del capo (PAC) Si verifica negli adulti che non possono sopprimere oppure nei bambini che hanno una buona visione binoculare potenziale. Lo scopo è quello di ruotare gli occhi il più lontano possibile dal campo d azione del muscolo paretico. Questo determina una rotazione della testa nella direzione del campo d azione del muscolo paretico, in modo che gli occhi ruotino automaticamente nella direzione opposta. Per compensare una deviazione orizzontale, il paziente gira la testa: se ad esempio è paralizzato uno dei muscoli che fanno ruotare gli occhi a sinistra, la testa viene girata verso sinistra e gli occhi ruotano automaticamente verso destra. Per compensare una deviazione verticale il paziente alza o abbassa il mento: in presenza di una paralisi di uno degli elevatori, il paziente alza il mento, cosicché gli occhi si abbassano. Infine, per compensare una deviazione torsionale il paziente inclina la testa su di una spalla. In presenza di una paralisi di uno degli intortori, quale l obliquo superiore destro, l occhio va in estorsione e per compensare ciò, la testa viene inclinata sulla spalla sinistra in modo da favorire un intorsione dell occhio destro. Classificazione dello strabismo Esotropia dell infanzia L esotropia, ovvero uno strabismo convergente manifesto, è la forma di esodeviazione più comune dell infanzia. Si può classificare in: - precoce (congenita); - accomodativa: refrattiva non refrattiva mista - non accomodativa: da stress da deprivazione sensoriale da insufficienza di divergenza da spasmo del riflesso per vicino secondaria da paralisi del VI nervo cranico Immagine 2. Strabismo convergente

5 Esotropia precoce (congenita) Si definisce precoce o congenita, l esotropia presente alla nascita o che si manifesta entro i 6 mesi di vita. Generalmente il bambino non presenta altra patologia, anche se questo tipo di esotropia è frequente in bambini mentalmente ritardati o con danni cerebrali (paralisi cerebrale, idrocefalo). L angolo di deviazione di questa forma di strabismo è di solito abbastanza elevato e costante, molti bambini presentano una fissazione alternante in posizione primaria ed una fissazione crociata nello sguardo laterale, usando quindi l occhio destro nello sguardo verso sinistra e l occhio sinistro nello sguardo verso destra. Tuttavia, se un occhio viene occluso per alcuni giorni, la capacità di abdurre l occhio controlaterale diventa evidente. In bambini che non hanno fissazione crociata si può sviluppare un ambiopia. All esotropia congenita inoltre, può essere associato un nistagmo (movimento oscillatorio involontario degli occhi), che generalmente è orizzontale, a volte rotatorio e che diminuisce in convergenza e soprattutto un difetto refrattivo, più precisamente un ipermetropia, spesso normale per l età del bambino, pari a circa + 1,50 diottrie. Esotropia accomodativa Un esodeviazione accomodativa è associata all attivazione del riflesso di accomodazione. L esotropia accomodativa si manifesta ad un età media di 2-3 anni, variando tra i 6 mesi ed i 7 anni. È spesso ereditaria e può essere: refrattiva, non refrattiva e mista. Esotropia accomodativa refrattiva È dovuta ad un eccessiva ipermetropia (generalmente tra + 4 e + 7 diottrie) non corretta, nella quale il tentativo di ottenere una visione chiara mediante l accomodazione provoca un esodeviazione. Il rapporto AC/A (convergenza accomodativa/accomodazione) è normale ed il rapporto lontanovicino è anch esso normale o con una differenza di non più di 10 diottrie prismatiche. Esotropia accomodativa non refrattiva È causata da un elevato rapporto AC/A; generalmente associata ad una refrazione normale per l età del paziente. La deviazione è modesta o assente nella fissazione per lontano, mentre è presente una significativa esotropia per vicino. Esotropia accomodativa mista Dovuta ad un associazione di ipermetropia e rapporto AC/A elevato. È importante sottolineare che un paziente con ipermetropia elevata e rapporto AC/A basso può avere gli occhi dritti, mentre un paziente con ipermetropia elevata associata ad un rapporto AC/A elevato ha una notevole tendenza a sviluppare un esotropia sia per lontano che per vicino.

6 La deviazione per lontano è generalmente corretta mediante occhiali, mentre sono necessarie lenti bifocali per correggere la deviazione per vicino. Esotropia non accomodativa Da stress Dovuta a rottura del meccanismo di divergenza fusionale da stress fisico o emotivo, da malattia o da invecchiamento. Normalmente è necessaria una correzione chirurgica. Da deprivazione sensoriale Lesioni organiche monoculari quali: cataratta, atrofia ottica o retinoblastoma, possono causare un esotropia associata ad ambliopia. Il trattamento prevede, se possibile, la rimozione della causa primaria, il trattamento dell ambliopia e successivamente la correzione chirurgica. Da insufficienza di divergenza L esotropia è maggiore nello sguardo per lontano. Si impiegano prismi a base temporale e occasionalmente si effettua chirurgicamente una resezione del retto esterno. Poiché questo tipo di esodeviazione è spesso osservato in forme lievi di paralisi del VI nervo cranico, questi pazienti vanno sottoposti a visita neurologica. Da spasmo del riflesso per vicino Si verifica di solito in pazienti con tendenze isteriche. È caratterizzata da episodi intermittenti di convergenza associata a spasmo accomodativo e miosi. Le versioni monoculari sono normali, nonostante ci sia una limitazione nello sguardo coniugato laterale. Secondaria Questo tipo di esotropia fa seguito ad un intervento chirurgico per esotropia. A meno che la deviazione sia molto marcata, è meglio aspettare alcuni mesi, poiché un miglioramento spontaneo non è infrequente. Paralisi del VI nervo cranico Il VI nervo cranico innerva il muscolo retto laterale o abducente, una paralisi di questo nervo è caratterizzata da una limitazione dell abduzione. In una paralisi completa non è possibile alcun movimento dalla posizione primaria, mentre in una paralisi parziale la limitazione è minore. Anche in questo caso i pazienti vanno indirizzati ad un consulto neurologico.

7 Exotropie dell infanzia L exotropia è una forma di strabismo divergente. Le exodeviazioni, inoltre, possono essere suddivise in tre gruppi a seconda del rapporto lontanovicino: - insufficienza di convergenza (deviazione maggiore per vicino), - eccesso di divergenza (deviazione maggiore per lontano) - di base (deviazione uguale per vicino e per lontano). L exotropia si può classificare in: - intermittente - costante: congenita intermittente scompensata da deprivazione sensoriale secondaria Immagine 3. Strabismo divergente Exotropia intermittente Una fluttuazione tra foria e tropia è molto più frequente nelle exo che nelle esodeviazioni. L età di insorgenza più frequente è intorno ai 2 anni. La deviazione manifesta può essere rivelata da una luce molto forte, da stanchezza, malattie o distrazione visiva. Con il tempo la deviazione tende ad aumentare, prima nella visione per lontano e poi in quella per vicino, anche se ci sono molte eccezioni. Occasionalmente la deviazione rimane costante, ma raramente diminuisce. Con gli occhi dritti i pazienti hanno una corrispondenza retinca normale. In corso di tropia si ha una emisoppressione retinica temporale oppure una CRA. L ambliopia è molto rara.

8 Exotropia costante Congenita A differenza dell esotropia infantile, rispetto alla quale è molto meno frequente, l exotropia congenita è sempre presente alla nascita. L angolo è abbastanza ampio e costante. Il bambino può utilizzare l occhio sinistro nello sguardo a sinistra e l occhio destro nello sguardo a destra (fissazione omonima) e l ambliopia è rara. Lo stato refrattivo è normale per l età. Spesso sono associate alterazioni neurologiche. Intermittente scompensata L unica possibile soluzione è la terapia chirurgica. Da deprivazione sensoriale È causata da interruzione dei riflessi binoculari da parte di lesioni acquisite, quali una cataratta o altre opacità dei mezzi diottrici, in bambini oltre i 5 anni o in adulti. Dopo il trattamento dell ambliopia si deve intervenire chirurgicamente. Secondaria Fa seguito ad un ipercorrezione di un esotropia, specialmente se associata ad ambliopia. Occasionalmente un occhio convergente e fortemente ambliopico può raddrizzarsi spontaneamente e può andare in exodeviazione. La terapia chirurgica viene effettuata per ragioni estetiche. Forme particolari di strabismo Sindrome di retrazione di Duane La sindrome di Duane è causata da un anomalia congenita del nucleo dell abducente; può essere di tre tipi: - caratterizzato da limitazione dell abduzione e da un adduzione relativamente normale, - caratterizzato da limitazione dell adduzione e da un abduzione relativamente normale, - caratterizzato da limitazione dell adduzione e dell abduzione. Il tipo più frequente è caratterizzato da assenza monolaterale dell abduzione; la condizione è bilaterale nel 15% dei casi. Al tentativo di addurre, spesso si associano una retrazione del bulbo ed una riduzione della rima palpebrale. Studi elettromiografici hanno evidenziato una minore attività del retto laterale durante il tentativo di abduzione ed un aumento durante l adduzione. La co-contrazione dei retti mediale e laterale nel tentativo di adduzione è la probabile causa della retrazione del bulbo e della riduzione della rima palpebrale.

9 Il grado di retrazione del bulbo è variabile. Nel tentativo di abdurre, la rima aumenta e il bulbo assume una posizione normale. Una caratteristica spesso associata è l elevazione dell occhio con l adduzione; in alcuni casi si può osservare un abbassamento. Talora i bambini con sindrome di Duane presentano difetti congeniti associati che coinvolgono strutture oculari, scheletriche e nervose. Sindrome di Brown o della guaina dell obliquo superiore È caratterizzata da una limitazione dell elevazione dell occhio in adduzione, ma da elevazione in abduzione normale o quasi. La prova delle duzioni forzate è positiva in posizione addotta. Gli occhi sono normalmente dritti, in posizione primaria non c è iperfunzione del muscolo obliquo superiore. Nel 10% dei casi la condizione è bilaterale. L esatta etiologia è sconosciuta; tra le possibile cause ci sono un trauma o una tenosinovite del sistema troclea-tendine dell obliquo superiore. Una terapia chirurgica va riservata a casi particolari. Strabismus fixus Condizione molto rara nella quale gli occhi sono bloccati in convergenza per la fibrosi dei retti mediali. Sindrome della fibrosi congenita È caratterizzata da una paralisi dell elevazione e da ptosi. Il paziente è incapace di elevare gli occhi sia in adduzione che in abduzione. Sindrome di Moebius Causata da un aplasia congenita dei nuclei del VI, VII e più raramente del IX e XII nervo cranico, sono risparmiati i muscoli facciali inferiori. Sono tipici un atrofia bilaterale della parte distale della lingua, una faccia inespressiva (vengono anche denominati bimbi senza sorriso), un anamnesi positiva per difficoltà di alimentazione da interessamento del nervo glossofaringeo e una cheratite da lagoftalmo. I retti orizzontali possono essere fibrotici e la prova delle duzioni forzate può essere positiva.

10 Sindrome da blocco del nistagmo Rara condizione in cui un esotropia volontaria smorza un nistagmo orizzontale. Doppia paralisi degli elevatori Caratterizzata da una paresi del retto superiore e dell obliquo inferiore dello stesso occhio; può essere associata a ptosi e occasionalmente alla sincinesia palpebra-mascella di Marcus Gunn. Quasi tutte queste forme sono congenite e causate da una lesione del nucleo del III nervo cranico.

11 Bibliografia KANSKI JACK J., Oftalmologia Clinica, 1990 BARTLEY G.B., DYER J.A., ILSTRUP D.M., Characteristics of recession-resection and bimedial recession for childhood esotropia, < Arch. Ophthalmol.>, 1985 BATEMAN J.B., PARKS M.M., WHEELER N., Discriminant analysis of congenital esotropia surgery, < Ophthalmology>, 1983 BATEMAN J.B., PARKS M.M., WHEELER N., Discriminant analysis of acquired esotropia surgery, < Ophthalmology>, 1983 HELVESTON E.M., ELLIS F.D., SCHOTT J. et al., Surgical treatment of congenital esotropia, <Am. J. Ophthalmol.>, 1983 HARDISTY H.H., ANNABLE W.L., Intermittent exotropia, < Persp. Ophthalmol.>, 1981 RICHARD J.M., PARKS M.M. Intermittent exotropia, < Ophthalmology>, 1983 HOTCHKISS M.G., MILLER N.R., CLARK A.W. et al., Unilateral Duane s retraction syndrome, < Arch, Ophthalmol.>, 1980 MILLER N.R., KIEL S.M., GREEN W.R. et al., Unilateral Duane s retraction syndrome, < Arch, Ophthalmol.>, 1982 PRESSMAN S.H., SCOTT W.E., Surgical treatment of Duane s syndrome, <Ophthalmology >, 1986 HARCOURT R.B., Dissociated vertical divergence and its treatment, < Trans. Ophthalmol. Soc. United Kingdom>, 1981 HELVESTON E.M., Options in the treatment of congenital infantile esotropia, < Trans. Ophthalmol. Soc. United Kingdom>, 1983 SCOTT W.E., REESE P.D., HIRSH C.R. et al., Surgery for large-angle congenital esotropia, <Am. J. Ophthalmol.>, 1983

LO STRABISMO I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A

LO STRABISMO I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A LO STRABISMO I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A LO STRABISMO Campagna informativa per la prevenzione delle malattie oculari che possono compromettere la visione sino a provocare

Dettagli

Strabismo Lo sviluppo della capacita' visiva Sistema sensoriale e sistema motorio

Strabismo Lo sviluppo della capacita' visiva Sistema sensoriale e sistema motorio Lo sviluppo della capacita' visiva: Il sistema visivo completa il proprio sviluppo nei primi anni di vita del bambino, grazie alla progressiva maturazione delle strutture che collegano occhio e cervello.

Dettagli

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana LO STRABISMO

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana LO STRABISMO IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana LO STRABISMO CAMPAGNA DI INFORMAZIONE DI SANITA' PUBBLICA SULLE MALATTIE CHE CAUSANO CECITA' O IPOVISIONE NELL'AMBITO DI PROGRAMMI

Dettagli

STRABISMO NEL BAMBINO AMBLIOPIA BENDAGGIO

STRABISMO NEL BAMBINO AMBLIOPIA BENDAGGIO STUDIO PEDROTTI MALATTIE DEGLI OCCHI DOMANDE FREQUENTI STRABISMO NEL BAMBINO AMBLIOPIA BENDAGGIO Via Mazzini,11 Vicenza 36100 Tel. 0444 541000 mail: info@studiopedrotti.it sito: www.studiopedrotti.it AMBLIOPIA

Dettagli

Diplopia nello strabismo concomitante

Diplopia nello strabismo concomitante Diplopia nello strabismo concomitante Costantino Schiavi U.O. di Oftalmologia Universitaria Ospedale S.Orsola-Malpighi Bologna La diplopia: dal sintomo alla diagnosi XVII Incontro di Strabologia Bosisio

Dettagli

XX INCONTRO DI STRABOLOGIA E NEUROFTALMOLOGIA. IRCCS E. Medea - Associazione La Nostra Famiglia Bosisio Parini (LC) -16 marzo 2013

XX INCONTRO DI STRABOLOGIA E NEUROFTALMOLOGIA. IRCCS E. Medea - Associazione La Nostra Famiglia Bosisio Parini (LC) -16 marzo 2013 XX INCONTRO DI STRABOLOGIA E NEUROFTALMOLOGIA IRCCS E. Medea - Associazione La Nostra Famiglia Bosisio Parini (LC) -16 marzo 2013 Riccardo Frosini Exodeviazioni definizione divergenza manifesta o latente

Dettagli

OFP - 2012 Ipermetropia e deviazione strabica 1

OFP - 2012 Ipermetropia e deviazione strabica 1 Ipermetropia e deviazione strabica 1 R. Frosini Influenza dell ipermetropia nella deviazione strabica Bosisio Parini 17 marzo 2012 Ipermetropia e deviazione strabica 2 il nostro progetto brevi cenni introduttivi

Dettagli

Screening oculistico-ortottico nei bambini in età scolare: prevenire e migliorare le cure

Screening oculistico-ortottico nei bambini in età scolare: prevenire e migliorare le cure Presidio Ospedaliero S. Liberatore Atri - Unità Operativa di Oculistica Associazione per la vista Teramo Atri ONLUS Screening oculistico-ortottico nei bambini in età scolare: prevenire e migliorare le

Dettagli

Carlo Chiesi Libero professionista, già Ricercatore SSD MED30 c/o Clinica Oculistica dell Università - Modena e Reggio Emilia

Carlo Chiesi Libero professionista, già Ricercatore SSD MED30 c/o Clinica Oculistica dell Università - Modena e Reggio Emilia 2 GLI STRABISMI Capitolo 2 Gli strabismi 95 Carlo Chiesi Libero professionista, già Ricercatore SSD MED30 c/o Clinica Oculistica dell Università - Modena e Reggio Emilia Exotropie concomitanti Per exodeviazione

Dettagli

I VIZI DI REFRAZIONE EMMETROPIA ACCOMODAZIONE. Occhio: sistema diottrico con potere refrattivo 60 D

I VIZI DI REFRAZIONE EMMETROPIA ACCOMODAZIONE. Occhio: sistema diottrico con potere refrattivo 60 D I VIZI DI REFRAZIONE Dr. Umberto Benelli U.O. Oculistica Universitaria EMMETROPIA Occhio: sistema diottrico con potere refrattivo 60 D Emmetropia: quando ad accomodazione rilasciata i raggi luminosi vanno

Dettagli

FEMTOCCHIALI. Relazione presentata il 16/92011 a Torino. La refrazione in rapporto alla MO ed alla VB. Ortottiste Cavuoti - Vanni

FEMTOCCHIALI. Relazione presentata il 16/92011 a Torino. La refrazione in rapporto alla MO ed alla VB. Ortottiste Cavuoti - Vanni FEMTOCCHIALI Relazione presentata il 16/92011 a Torino La refrazione in rapporto alla MO ed alla VB. Ortottiste Cavuoti - Vanni Visione binoculare normale Meccanismo corticale che consente di vedere una

Dettagli

Martedì della salute Torino, 2 dicembre 2014

Martedì della salute Torino, 2 dicembre 2014 Bruno Oldani, Direttore SC Oculistica, AO Mauriziano Umberto I di Torino Cinzia Orlandi, Ortottica e Assistenza Oftalmologica Martedì della salute Torino, 2 dicembre 2014 SVILUPPO DELLA VISTA NEL BAMBINO

Dettagli

DISORDINE OCULOMOTORIO COMPLESSO E MUTABILE

DISORDINE OCULOMOTORIO COMPLESSO E MUTABILE XIX Incontro di Strabologia e Neuroftalmologia CASI CLINICI strabologici e neuroftalmologici Bosisio Parini (LC), 17 marzo 2012 DISORDINE OCULOMOTORIO COMPLESSO E MUTABILE Stefano Pensiero e Fulvio Parentin

Dettagli

Condizione oculare in cui la potenza refrattiva dell occhio non è proporzionata alla distanza fra l apice corneale e la retina (lunghezza assiale)

Condizione oculare in cui la potenza refrattiva dell occhio non è proporzionata alla distanza fra l apice corneale e la retina (lunghezza assiale) Ovvero le ametropie che possiamo riscontrare nell occhio Ametropia Condizione oculare in cui la potenza refrattiva dell occhio non è proporzionata alla distanza fra l apice corneale e la retina (lunghezza

Dettagli

STUDIO PEDROTTI MALATTIE DEGLI OCCHI DOMANDE FREQUENTI STRABISMO NELL ADULTO MIOPATIA DISTIROIDEA FRATTURA BLOW-OUT DELL ORBITA STRABISMO DEL MIOPE

STUDIO PEDROTTI MALATTIE DEGLI OCCHI DOMANDE FREQUENTI STRABISMO NELL ADULTO MIOPATIA DISTIROIDEA FRATTURA BLOW-OUT DELL ORBITA STRABISMO DEL MIOPE STUDIO PEDROTTI MALATTIE DEGLI OCCHI DOMANDE FREQUENTI STRABISMO NELL ADULTO MIOPATIA DISTIROIDEA FRATTURA BLOW-OUT DELL ORBITA STRABISMO DEL MIOPE Via Mazzini,11 Vicenza 36100 Tel. 0444 541000 mail: info@studiopedrotti.it

Dettagli

www.jekoopto.webnode.it

www.jekoopto.webnode.it www.jekoopto.webnode.it K y O R D S Complesso Per vicino Sincinesia Accomodazione - convergenza Rapporto AC/A Dott.ssa Serena Santoro Optometrista Lenti a contatto multifocali nelle esotropie accomodative

Dettagli

Specificità visita oculistica pediatrica

Specificità visita oculistica pediatrica Oftalmologia pediatrica Specificità visita oculistica pediatrica Nei bambini il periodo che va dai 6 mesi fino ai 10-12 anni è decisivo per il raggiungimento della stabilità visiva I danni che si verificano

Dettagli

L OCCHIO L OCCHIO : STRUTTURA E FUNZIONAMENTO MIOPIA, IMPERMETROPIA, ASTIGMATISMO I DECIMI LE DIOTTRIE IL CRISTALLINO IL CAMPO VISIVO

L OCCHIO L OCCHIO : STRUTTURA E FUNZIONAMENTO MIOPIA, IMPERMETROPIA, ASTIGMATISMO I DECIMI LE DIOTTRIE IL CRISTALLINO IL CAMPO VISIVO L OCCHIO L OCCHIO : STRUTTURA E FUNZIONAMENTO MIOPIA, IMPERMETROPIA, ASTIGMATISMO I DECIMI LE DIOTTRIE IL CRISTALLINO IL CAMPO VISIVO L ESAME DEL FONDO OCULARE ESAME OCULISTICO DEL BAMBINO 1 L OCCHIO 2

Dettagli

VISITA DI PREVENZIONE OFTALMOLOGICA PROMOSSA DALL ASSOCIAZIONE PER L ASSISTENZA SANITARIA

VISITA DI PREVENZIONE OFTALMOLOGICA PROMOSSA DALL ASSOCIAZIONE PER L ASSISTENZA SANITARIA MEDICO SPECIALISTA IN OFTALMOLOGIA DOTT.: Luogo Visita: Data: / / VISITA DI PREVENZIONE OFTALMOLOGICA PROMOSSA DALL ASSOCIAZIONE PER L ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA AI LAVORATORI DELLE AZIENDE DEL GRUPPO

Dettagli

PROGETTO A ME GLI OCCHI 8 ANNO SCOLASTICO 2010/2011

PROGETTO A ME GLI OCCHI 8 ANNO SCOLASTICO 2010/2011 UNIONE ITALIANA CIECHI e IPOVEDENTI O.N.L.U.S. Sezione di Biella Via E. Bona 2 13900 Biella Tel. 015/30231 20355 Cell. 347 2565208 e-mail uicbi@uiciechi.it CROCE ROSSA ITALIANA Sezioni Femminili Biella

Dettagli

Analisi Visiva. Conoscere la potenzialità dell apparato ottico

Analisi Visiva. Conoscere la potenzialità dell apparato ottico Analisi Visiva "M.I.R.VI." non è una medicina e nemmeno una terapia. Lo scopo primario sta nel rieducare al naturale funzionamento l occhio e la mente. È una tecnica non invasiva: non utilizza e non prescrive

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO NELLA GESTIONE DEGLI STRABISMI PIU' FREQUENTI

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO NELLA GESTIONE DEGLI STRABISMI PIU' FREQUENTI PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO NELLA GESTIONE DEGLI STRABISMI PIU' FREQUENTI TECNICHE CHIRURGICHE M. PEDROTTI Studio associato Pedrotti - Malattie degli occhi (Vicenza) www.studiopedrotti.it CONCETTI

Dettagli

Diplopia e confusione: cosa fare?

Diplopia e confusione: cosa fare? 8 ASPETTI MEDICO-LEGALI Capitolo 8 Aspetti medico-legali 395 Emilio C. Campos Professore Ordinario di Malattie dell Apparato Visivo Direttore, Scuola di Specializzazione in Oftalmologia Alma Mater Studiorum

Dettagli

Dipartimento di Scienze Chirurgiche. Clinica Oculistica Università degli Studi di Pavia. Fondazione IRCCS Policlinico S.

Dipartimento di Scienze Chirurgiche. Clinica Oculistica Università degli Studi di Pavia. Fondazione IRCCS Policlinico S. Dipartimento di Scienze Chirurgiche Clinica Oculistica Università degli Studi di Pavia Fondazione IRCCS Policlinico S. Matteo - Pavia peb-bosisio09 (Direttore: Prof. P.E.Bianchi) 1 Strabismi restrittivi:

Dettagli

POSIZIONI ANOMALE DEL CAPO

POSIZIONI ANOMALE DEL CAPO POSIZIONI ANOMALE DEL CAPO Torcicollo oculare Posizione anomala della testa secondo tre assi : verticale orizzontale obliquo Secondo l asse orizzontale elevazione o abbassamento Secondo asse verticale

Dettagli

Ottica fisiopatologica

Ottica fisiopatologica Ottica fisiopatologica Introduzione La visione è una funzione complessa che dipende da FATTORI AMBIENTALI interazione luce-materia FATTORI ANATOMO-FISIOLOGICI oculari sistema nervoso centrale L occhio

Dettagli

COS E LA MIOPIA? QUALI SONO I SINTOMI? COME CORREGGERLA?

COS E LA MIOPIA? QUALI SONO I SINTOMI? COME CORREGGERLA? COS E LA MIOPIA? QUALI SONO I SINTOMI? COME CORREGGERLA? La miopia è un'anomalia rifrattiva, a causa della quale i raggi luminosi che provengono dall infinito non si concentrano sulla retina, ma davanti

Dettagli

Varese 20 maggio Esame ortottico. Paola Garavaglia Attilia Bianchi

Varese 20 maggio Esame ortottico. Paola Garavaglia Attilia Bianchi Varese 20 maggio 2011 Esame ortottico Paola Garavaglia Attilia Bianchi Scopo Individuare il muscolo o i muscoli paretici Premessa E indispensabile che il paziente si presenti con: Visita oculistica con

Dettagli

SVILUPPO DEL SISTEMA VISIVO

SVILUPPO DEL SISTEMA VISIVO SVILUPPO DEL SISTEMA VISIVO Tappe dello sviluppo: SVILUPPO INTRAUTERINO MATURAZIONE POST-NATALE Il normale sviluppo neurosensoriale e del sistema oculomotore post-natale necessitano di stimoli visivi adeguati

Dettagli

1.Visione_01 Ottica geometrica. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona

1.Visione_01 Ottica geometrica. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona 1.Visione_01 Ottica geometrica Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona Obiettivi Principi di refrazione delle lenti, indice di refrazione

Dettagli

Si definisce astigmatico l occhio che con l accomodazione completamente

Si definisce astigmatico l occhio che con l accomodazione completamente ASTIGMATISMO Si definisce astigmatico l occhio che con l accomodazione completamente rilassata focalizzerà l immagine di un punto posto ipoteticamente all infinito in due focali rappresentate da due linee

Dettagli

ANOMALIE PUPILLARI E DELLA ACCOMODAZIONE

ANOMALIE PUPILLARI E DELLA ACCOMODAZIONE ANOMALIE PUPILLARI E DELLA ACCOMODAZIONE Sympathetic pathway of pupillary innervation Pupullary light reflexes Il diametro pupillare è sottoposto a continue variazioni in funzione dei cambiamenti di illuminazione,

Dettagli

Ipermetropia e Lenti a Contatto. Fabio Casalboni

Ipermetropia e Lenti a Contatto. Fabio Casalboni Ipermetropia e Lenti a Contatto Fabio Casalboni Ci eravamo lasciati I vantaggi delle lenti a contatto Estetici/Psicologici Funzionali - Riduzione Aberrazioni - Movimenti oculari - Visione prossimale -

Dettagli

F.O.VE.A. FEDERAZIONE OCULISTI VERONESI ASSOCIATI

F.O.VE.A. FEDERAZIONE OCULISTI VERONESI ASSOCIATI F.O.VE.A. FEDERAZIONE OCULISTI VERONESI ASSOCIATI 5 CORSO DI AGGIORNAMENTO F.O.VE.A. STRABISMO 2000: STATO DELL'ARTE SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE STRABICO Verona, sabato 13 gennaio 2001 auditorium Centro

Dettagli

Gli occhi dei bambini

Gli occhi dei bambini Gli occhi dei bambini Osservare gli occhi del bambino per individuare se ha un difetto visivo Fondation Asile des aveugles Un dono per la vista, un dono per la vita. CCP 10-2707-0 Concezione e redazione:

Dettagli

Oculista : Ranieri Floriana Ortottista: Mancuso Annamaria Rita Tarantino Maria Pilar Le Pera

Oculista : Ranieri Floriana Ortottista: Mancuso Annamaria Rita Tarantino Maria Pilar Le Pera UNO SGUARDO AMICO screening per la prevenzione della patologia oculare in età evolutiva U.O. Oftalmologia Dir. Dott. Michele Iansiti U.O. Pedriatria di Comunità Dott. ssarosa Anfosso Premessa La prevalenza

Dettagli

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DADDY FADEL OPTOMETRISTA Nel 1866 John Langdon Down ha descritto per la prima volta la sindrome che porta il suo nome. Nel 1959 Lejeune et al. hanno

Dettagli

LEZIONE di OCULISTICA: alterazioni che interessano il bambino durante i primi anni di vita

LEZIONE di OCULISTICA: alterazioni che interessano il bambino durante i primi anni di vita Giovedì, 14 Novembre 02 Andrea Fanelli LEZIONE di OCULISTICA: alterazioni che interessano il bambino durante i primi anni di vita Il bambino che, generalmente, alla nascita non vede, tende negli stadi

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz Semeiotica della funzione visiva - I

www.fisiokinesiterapia.biz Semeiotica della funzione visiva - I www.fisiokinesiterapia.biz Semeiotica della funzione visiva - I APPROCCIO RAZIONALE AL PAZIENTE OCULISTICO AMBULATORIALE CARTELLA ANAMNESI ESAME OBBIETTIVO ESAME FUNZIONALE ACCERTAMENTI SUPPLEMENTARI PRESCRIZIONE

Dettagli

MODULO 3 Lezione 1 EXOTROPIA INTERMITTENTE

MODULO 3 Lezione 1 EXOTROPIA INTERMITTENTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO MODULO 3 Lezione 1 EXOTROPIA INTERMITTENTE Dott. Massimiliano Serafino Specialista in Oftalmologia Clinica Oculistica dell Università di Milano Ospedale San Giuseppe 1

Dettagli

F. Casalboni 1 ANISOMETROPIA

F. Casalboni 1 ANISOMETROPIA F. Casalboni 1 ANISOMETROPIA 1 - GENERALITA Il termine anisometropia indica la situazione in cui il soggetto presenta una differenza di stato refrattivo nei due occhi; nella pratica clinica è difficile

Dettagli

Caso di Paralisi del III n.c. S. D Amelio- L. Barbero- L. Indovina

Caso di Paralisi del III n.c. S. D Amelio- L. Barbero- L. Indovina Ospedale Oftalmico di Torino Dipartimento di Malattie Oculistiche Divisione di Oculistica A- Oftalmologia Infantile e Strabismo Direttore Dott. Savino D Amelio Caso di Paralisi del III n.c. S. D Amelio-

Dettagli

3. ORBITA. ESOFTALMI ED ENOFTALMI 25 Esoftalmi 25 Enoftalmi 28

3. ORBITA. ESOFTALMI ED ENOFTALMI 25 Esoftalmi 25 Enoftalmi 28 Cap00-Peduzzi 11-04-2008 15:29 Pagina V INDICE PRESENTAZIONE DELLA PRIMA EDIZIONE PREFAZIONE ALLA PRIMA EDIZIONE PREFAZIONE ALLA QUARTA EDIZIONE XI XIII XV 1. CENNI DI ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL APPARATO

Dettagli

Lombalgia e motilità oculare Nuove prospettive di riabilitazione. Rosa Anna Bisio Cristina Maria Guidi

Lombalgia e motilità oculare Nuove prospettive di riabilitazione. Rosa Anna Bisio Cristina Maria Guidi Lombalgia e motilità oculare Nuove prospettive di riabilitazione Rosa Anna Bisio Cristina Maria Guidi Esiste davvero un rapporto tra occhio e mal di schiena? posturologia Charles Bell 1774-1842 Come può

Dettagli

Esercitazioni Medicina del Lavoro LA VALUTAZIONE DEI LAVORATORI ADDETTI AL VIDEOTERMINALE

Esercitazioni Medicina del Lavoro LA VALUTAZIONE DEI LAVORATORI ADDETTI AL VIDEOTERMINALE Universita degli Studi di Milano - Bicocca Facolta di Medicina e Chirurgia Esercitazioni Medicina del Lavoro LA VALUTAZIONE DEI LAVORATORI ADDETTI AL VIDEOTERMINALE 12 MARZO 2009 Definizioni D.Lgs. 81/08

Dettagli

Esame della motilità oculare. Introduzione. Simona Simonetta Ortottista Assistente di Oftalmologia Clinica Oculistica Università degli Studi - Milano

Esame della motilità oculare. Introduzione. Simona Simonetta Ortottista Assistente di Oftalmologia Clinica Oculistica Università degli Studi - Milano 4 SEMEIOTICA Capitolo 4 Semeiotica 223 Simona Simonetta Ortottista Assistente di Oftalmologia Clinica Oculistica Università degli Studi - Milano Luciano Graceffa Ortottista Assistente di Oftalmologia Ospedale

Dettagli

Presentazione alla prima edizione. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione

Presentazione alla prima edizione. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione Romane oculistica 26-05-2004 12:12 Pagina V Indice Presentazione alla prima edizione Prefazione alla prima edizione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla terza edizione XI XIII XV XVII 1. Cenni

Dettagli

I MOVIMENTI OCULARI. Funzione CLASSIFICAZIONE. Roberto Volpe. CONDURRE LA FOVEA SUL BERSAGLIO e MANTENERLA SU DI ESSO per il tempo necessario

I MOVIMENTI OCULARI. Funzione CLASSIFICAZIONE. Roberto Volpe. CONDURRE LA FOVEA SUL BERSAGLIO e MANTENERLA SU DI ESSO per il tempo necessario Funzione I MOVIMENTI OCULARI Roberto Volpe roberto.volpe@unifi.it CONDURRE LA FOVEA SUL BERSAGLIO e MANTENERLA SU DI ESSO per il tempo necessario DIRIGERE la fovea sui vari particolari dell ambiente circostante

Dettagli

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA LA MIOPIA Si parla di miopia quando la vista da lontano è ridotta. Il miope vede bene a distanza ravvicinata, mentre le immagini lontane appaiono sfuocate. La ragione

Dettagli

I torcicolli oculari (posizioni anomale del capo) Introduzione. Monica Stoppani Istituto Scientifico San Raffaele Milano

I torcicolli oculari (posizioni anomale del capo) Introduzione. Monica Stoppani Istituto Scientifico San Raffaele Milano 7 I TORCICOLLI OCULARI Capitolo 7 I torcicolli oculari 339 Monica Stoppani Istituto Scientifico San Raffaele Milano I torcicolli oculari (posizioni anomale del capo) Introduzione È pratica comune che l

Dettagli

Emispasmo del nervo facciale

Emispasmo del nervo facciale Emispasmo del nervo facciale Cos è l emispasmo del nervo facciale? L emispasmo del nervo facciale o emispasmo facciale (EF) è un disturbo caratterizzato da una contrazione unilaterale, involontaria ed

Dettagli

Alla nostra osservazione si presenta una

Alla nostra osservazione si presenta una Caso clinico Titolo articolo anche lungo [ Come si fa ] Screening oftalmologico pediatrico Tanto più tardive sono la diagnosi e la cura tanto maggiore è il rischio di danni visivi permanenti. Salvatore

Dettagli

Il controllo dello sguardo. Capitolo 39

Il controllo dello sguardo. Capitolo 39 Il controllo dello sguardo Capitolo 39 I sistemi motori implica5 nel controllo dello sguardo I sistemi motori stabilizzano i nostri occhi nello spazio quando ci muoviamo. Come facciamo a sapere dove siamo

Dettagli

Gli occhi. bambini. dei 8/2

Gli occhi. bambini. dei 8/2 per la vostra Salute GUIDE PRATICHE Centro Unico di Prenotazione (CUP): tel. 02 86 87 88 89 Dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.00 alle 17.30 Sabato dalle 8.00 alle 12.00 Ospedale San Giuseppe Via S. Vittore,

Dettagli

Alterazioni dell oculomotricità nelle lesioni corticali. Sandra Strazzer Bosisio Parini

Alterazioni dell oculomotricità nelle lesioni corticali. Sandra Strazzer Bosisio Parini Alterazioni dell oculomotricità nelle lesioni corticali Sandra Strazzer Bosisio Parini Il sistema oculomotore Il sistema oculomotore è il sistema motorio che controlla la posizione degli occhi con 2 funzioni

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di BARI

UNIVERSITA degli STUDI di BARI UNIVERSITA degli STUDI di BARI Dipartimento di Oftalmologia ed Otorinolaringoiatria Sezione Ottica Fisiopatologica U. O. Oftalmologia II - Direttore: Prof. M. Bellizzi SINDROME DI BROWN Mario Bellizzi

Dettagli

OFP Strabismi restrittivi 1

OFP Strabismi restrittivi 1 Strabismi restrittivi 1 SOD Complessa di Oftalmologia Pediatrica Dir. Prof. Riccardo Frosini Strabismi restrittivi 2 R. Frosini Monocular elevation deficiency Bosisio Parini 21 marzo 2009 Strabismi restrittivi

Dettagli

STUDIO PEDROTTI MALATTIE DEGLI OCCHI TRATTAMENTO DELL'AMBLIOPIA

STUDIO PEDROTTI MALATTIE DEGLI OCCHI TRATTAMENTO DELL'AMBLIOPIA STUDIO PEDROTTI MALATTIE DEGLI OCCHI TRATTAMENTO DELL'AMBLIOPIA Via Mazzini,11 Vicenza 36100 Tel. 0444 541000 mail: info@studiopedrotti.it sito: www.studiopedrotti.it TRATTAMENTO DELL'AMBLIOPIA L ambliopia

Dettagli

UTILIZZAZIONE DEI VIDEOTERMINALI

UTILIZZAZIONE DEI VIDEOTERMINALI UTILIZZAZIONE DEI VIDEOTERMINALI Gianluca Sotis (UPP-CNR, Roma) Definizioni (art. 173) Videoterminale: schermo alfa numerico o grafico Per lavoratore che utilizza videoterminali si intende un soggetto

Dettagli

5. LA VISIONE BINOCULARE

5. LA VISIONE BINOCULARE 5. LA VISIONE BINOCULARE 1. LA BINOCULARITA. Uno dei più alti gradi si specializzazione raggiunti dagli esseri viventi nel loro percorso evolutivo è rappresentato dalla capacità di utilizzare cerebralmente

Dettagli

Diplopia nelle paresi e nelle paralisi del nervo abducente

Diplopia nelle paresi e nelle paralisi del nervo abducente LA DIPLOPIA dal sintomo alla diagnosi Bosisio 20 marzo 2010 Diplopia nelle paresi e nelle paralisi del nervo abducente Roberto Salati Istituto Scientifico E. Medea Bosisio Parini (Lc) La paralisi del VI

Dettagli

PRINCIPIO ESPLICATIVO DEL FUNZIONAMENTO DEI CILINDRI CROCIATI Prof. Luciano Pietropaolo

PRINCIPIO ESPLICATIVO DEL FUNZIONAMENTO DEI CILINDRI CROCIATI Prof. Luciano Pietropaolo PRINCIPIO ESPLICATIVO DEL FUNZIONAMENTO DEI CILINDRI CROCIATI Prof. Luciano Pietropaolo Viene esposto il principio su cui si basa il funzionamento dei cilindri crociati, per l analisi dell astigmatismo

Dettagli

CASO INSOLITO DI NISTAGMO: QUADRO MISCONOSCIUTO O DIAGNOSI FORTUITA

CASO INSOLITO DI NISTAGMO: QUADRO MISCONOSCIUTO O DIAGNOSI FORTUITA Bosisio Parini 14 marzo 2015 XXII INCONTRO DI STRABOLOGIA E NEUROFTALMOLOGIA CASO INSOLITO DI NISTAGMO: QUADRO MISCONOSCIUTO O DIAGNOSI FORTUITA E. Piozzi A. Del Longo S.C.Oculistica Pediatrica Azienda

Dettagli

Vedere oltre il limite. Il ruolo dell ortottista. Vedere Oltre il

Vedere oltre il limite. Il ruolo dell ortottista. Vedere Oltre il Azienda Ospedaliera Brotzu Centro Regionale per l Educazione e la Riabilitazione funzionale del paziente ipovedente. Direttore: Dott.ssa Chiara Mascia Vedere Oltre il Limite Ruolo dell Ortottista Relatore:

Dettagli

Dipartimento di Scienze Oftalmologiche e NeuroChirurgiche dell Università di Siena APPUNTI DI FISIOPATOLOGIA OCULARE: ENTROPION, ECTROPION

Dipartimento di Scienze Oftalmologiche e NeuroChirurgiche dell Università di Siena APPUNTI DI FISIOPATOLOGIA OCULARE: ENTROPION, ECTROPION Dipartimento di Scienze Oftalmologiche e NeuroChirurgiche dell Università di Siena APPUNTI DI FISIOPATOLOGIA OCULARE: ENTROPION, ECTROPION Edoardo Motolese, P.A.Motolese -Per studenti del Corso di Laurea

Dettagli

Ausili per la funzione visiva Nomenclatore Tariffario delle Protesi (DM 332/99) Estratto dall'allegato 1 - Elenco 1

Ausili per la funzione visiva Nomenclatore Tariffario delle Protesi (DM 332/99) Estratto dall'allegato 1 - Elenco 1 Ausili per la funzione visiva Nomenclatore Tariffario delle Protesi (DM 332/99) Estratto dall'allegato 1 - Elenco 1 PRESIDI AUSILI PER LA FUNZIONE VISIVA COSMETICA FAMIGLIE DI AUSILI SECONDO IL NOMENCLATORE

Dettagli

Definizione di ipovisione

Definizione di ipovisione Definizione di ipovisione L ipovisione è una condizione di ridotta capacità visiva, bilaterale ed irreversibile, tale da condizionare l autonomia dell individuo. L acutezza visiva o acuità visiva o visus

Dettagli

STRABISMO, FREQUENTE NEI PIÙ PICCOLI

STRABISMO, FREQUENTE NEI PIÙ PICCOLI STRABISMO, FREQUENTE NEI PIÙ PICCOLI Dal 2 al 3 per cento dei bambini presenta uno strabismo, che può essere congenito oppure apparire durante l infanzia. Lo strabismo non è solamente un problema di tipo

Dettagli

CASERTA, 12 settembre 2012 SOCIETA ITALIANA DI PEDIATRIA PREVENTIVA E SOCIALE La prevenzione in oftalmologia pediatrica Proposta di linee guida per la prevenzione delle malattie oculari in età pediatrica

Dettagli

Il Fattore Familiarità Prevenzione Visiva

Il Fattore Familiarità Prevenzione Visiva Il Fattore Familiarità Prevenzione Visiva E.Piozzi AMGO BOLOGNA 21/03/2015 nella Familiarità e genetica Familiarità: Genetica: situazione in cui nella storia di una famiglia ci sono stati più casi di una

Dettagli

Il sistema nervoso e la percezione (parte III) Occhio e visione

Il sistema nervoso e la percezione (parte III) Occhio e visione Il sistema nervoso e la percezione (parte III) Occhio e visione Anatomia e funzione dell occhio (I) Lo sguardo gioca un ruolo essenziale nella relazione tra individui. Nel modulare lo sguardo rispondiamo

Dettagli

(da rilasciare in copia al paziente al momento del colloquio)

(da rilasciare in copia al paziente al momento del colloquio) diagnosi o sospetto diagnostico (al momento della proposta dell intervento):.. possibili varianti nell esecuzione: L intervento viene effettuato in sala operatoria con l'ausilio di un microscopio operatorio.

Dettagli

Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso

Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso www.brunolumbroso.it IL GLAUCOMA Prof. Bruno Lumbroso CHE COS'É IL GLAUCOMA? Il glaucoma é una malattia oculare causata dall'aumento

Dettagli

Classificazione Semplificata dei gradi di ipovisione, vista fragile e relativi ausili più idonei per lontano

Classificazione Semplificata dei gradi di ipovisione, vista fragile e relativi ausili più idonei per lontano Lenti prismatiche ingrandenti ed altri ausili ottici innovativi per lontano Dr. Biagio Jurilli Ottico optometrista Centro Ipovisione Optics International FIRENZE, 19 gennaio 2014 Stazione di Santa Maria

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI OTTICA E OPTOMETRIA BENIGNO ZACCAGNINI CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN OPTOMETRIA ANNO FORMATIVO 2008/2010 TESI

ISTITUTO SUPERIORE DI OTTICA E OPTOMETRIA BENIGNO ZACCAGNINI CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN OPTOMETRIA ANNO FORMATIVO 2008/2010 TESI ISTITUTO SUPERIORE DI OTTICA E OPTOMETRIA BENIGNO ZACCAGNINI CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN OPTOMETRIA SEDE DI BOLOGNA Via Ghirardini 17, 40141 ANNO FORMATIVO 2008/2010 TESI POSSIBILITA DI RECUPERO DEL VISUS,

Dettagli

Codice Fiscale dell'utente in esame: Cognome: Nome: Codice Fiscale: Telefono fisso e/o cellulare: Email:

Codice Fiscale dell'utente in esame: Cognome: Nome: Codice Fiscale: Telefono fisso e/o cellulare: Email: Analisi della funzione visiva secondo il Data: Professionista rilevatore: Raccolta dati Utente Dati Aagnrafici dell'utente in esame Cognome: Nome: Codice Fiscale: Telefono fisso e/o cellulare: Email: Dichiarazioni

Dettagli

L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE?

L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE? L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE? RISCHI CONNESSI ALL USO DEL VDT L USO DEL VDT NON E MAI CAUSA DELL INSORGENZA DI PATOLOGIE SPECIFICHE L USO DEL VDT PUO SLATENTIZZARE O PEGGIORARE I SINTOMI

Dettagli

Risultati Esercizi volume Ottica Visuale

Risultati Esercizi volume Ottica Visuale Risultati Esercizi volume Ottica Visuale Zeri F, Rossetti A, Fossetti A, Calossi A. Capitolo 2 Es.2.1: Effettuare il calcolo del potere della cornea, attraverso la formula per lenti sottili usando i dati

Dettagli

CLASSE 2/A - ANATOMIA, FISIOPATOLOGIA OCULARE E LABORATORIO DI MISURE OFTALMICHE. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 2/A - ANATOMIA, FISIOPATOLOGIA OCULARE E LABORATORIO DI MISURE OFTALMICHE. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 2/A - ANATOMIA, FISIOPATOLOGIA OCULARE Programma d'esame CLASSE 2/A - ANATOMIA, FISIOPATOLOGIA OCULARE Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 2/A - ANATOMIA, FISIOPATOLOGIA OCULARE

Dettagli

L occhio è simile ad una sfera di circa 2.5 cm. di diametro.

L occhio è simile ad una sfera di circa 2.5 cm. di diametro. L occhio e la visione - Richiami anatomici Lo studio della funzione visiva è molto complesso in quanto si basa su conoscenze diverse: - fisica: lo stimolo specifico è la luce visibile, - anatomia e fisiologia

Dettagli

L'ortottica (dal greco orthos = dritto, regolare, e optiché = visione, vedere dritto) è un insieme di manovre semeiologiche eseguite dall'ortottista

L'ortottica (dal greco orthos = dritto, regolare, e optiché = visione, vedere dritto) è un insieme di manovre semeiologiche eseguite dall'ortottista C. L. BREDARIOL Ortottica: L'ortottica (dal greco orthos = dritto, regolare, e optiché = visione, vedere dritto) è un insieme di manovre semeiologiche eseguite dall'ortottista, mirate alla diagnosi e alla

Dettagli

La Refrazione Dr. U. Benelli

La Refrazione Dr. U. Benelli La Refrazione Dr. U. Benelli Occhio: sistema diottrico con potere refrattivo 60 D Emmetropia: quando ad accomodazione rilasciata i raggi luminosi vanno a fuoco sulla retina DIPENDE DA Curvatura Superfici

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA PARAMORFISMI

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA PARAMORFISMI LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA Dipartimento di Scienze Motorie PARAMORFISMI Si tratta di deformità in genere transitorie, correggibili volontariamente, non sostenute da alterazioni anatomiche

Dettagli

Dr.ssa Federica Piz TIFLOLOGA Federazione Nazionale delle Istituzioni Pro Ciechi ONLUS via Sette Martiri, 33 Padova tel. 049 8726507 e-mail

Dr.ssa Federica Piz TIFLOLOGA Federazione Nazionale delle Istituzioni Pro Ciechi ONLUS via Sette Martiri, 33 Padova tel. 049 8726507 e-mail Dr.ssa Federica Piz TIFLOLOGA Federazione Nazionale delle Istituzioni Pro Ciechi ONLUS via Sette Martiri, 33 Padova tel. 049 8726507 e-mail cctpadova@prociechi.org 1 Tiflodidattica Disciplina che studia

Dettagli

3. LE AMETROPIE VISIVE

3. LE AMETROPIE VISIVE 3. LE METROPIE VISIVE. CLSSIFICZIOE Si definisce ametropia la condizione oculare in cui la potenza del sistema diottrico dell occhio non è proporzionata alla distanza che separa il piano principale dal

Dettagli

4. LA CORREZIONE OFTALMICA

4. LA CORREZIONE OFTALMICA Capitolo 4 4. A COEZIOE OFTAMICA DEE AMETOPIE 1. GEEAITÀ a correzione ottica delle ametropie avviene ponendo davanti all occhio ametrope una lente correttiva di grado adeguato e nella posizione adeguata,

Dettagli

Valutazione delle funzioni visive binoculari. Mariarosa Zanasi Ortottista Libera Professionista - Modena

Valutazione delle funzioni visive binoculari. Mariarosa Zanasi Ortottista Libera Professionista - Modena 4 SEMEIOTICA Capitolo 4 Semeiotica 211 Mariarosa Zanasi Ortottista Libera Professionista - Modena Valutazione delle funzioni visive binoculari La tempestiva valutazione dello stato della funzione visiva

Dettagli

Carta dei servizi di oftalmologia

Carta dei servizi di oftalmologia INTERVISION Istituto Scientifico Carta dei servizi di oftalmologia Sommario: Centro specializzato nell approccio multidisciplinare 2 Presentazione dei servizi 3 Esame visivo completo 4 Esame visivo pediatrico

Dettagli

DIPLOPIA TORSIONALE NELLE PARESI E NELLE PARALISI DEL NERVO TROCLEARE

DIPLOPIA TORSIONALE NELLE PARESI E NELLE PARALISI DEL NERVO TROCLEARE DIPLOPIA TORSIONALE NELLE PARESI E NELLE PARALISI DEL NERVO TROCLEARE Stefano Pensiero S.C.O. di Oculistica e riabilitazione visuo-motoria I.R.C.C.S. Burlo Garofolo di Trieste XVII Incontro di Strabologia

Dettagli

Dott. Marzio Vanzini,

Dott. Marzio Vanzini, Dott. Marzio Vanzini, medico chirurgo Specialista oculista ed esperto di agopuntura Vive e lavora a Bologna Curriculum e informazioni su www.oculisticaviva.it 22 LO SVILUPPO VISIVO NEL BAMBINO Alla nascita

Dettagli

L Astigmatismo DEFINIZIONE CONOIDE DI STURM CLASSIFICAZIONE

L Astigmatismo DEFINIZIONE CONOIDE DI STURM CLASSIFICAZIONE DEFINIZIONE L Astigmatismo Roberto VOLPE roberto.volpe@unifi.it ASTIGMATISMO è un Ametropia molto frequente Il nome deriva dal Greco ove stígma indica punto e a è inteso come elemento privativo, e si traduce

Dettagli

LA FUNZIONE VISIVA IN ETA EVOLUTIVA

LA FUNZIONE VISIVA IN ETA EVOLUTIVA LA FUNZIONE VISIVA IN ETA EVOLUTIVA Dott.ssa Laura VIGNOLO CHI È L ORTOTTISTA? È il professionista sanitario appartenente all area della riabilitazione che tratta i disturbi motori e sensoriali della visione

Dettagli

Gaze disorders in cerebral palsy (anomalie dello sguardo nelle paralisi cerebrali infantili)

Gaze disorders in cerebral palsy (anomalie dello sguardo nelle paralisi cerebrali infantili) Riccardo Frosini Gaze disorders in cerebral palsy (anomalie dello sguardo nelle paralisi cerebrali infantili) XXII INCONTRO DI STRABOLOGIA E NEUROFTALMOLOGIA Bosisio Parini 2015 Paralisi cerebrali infantili

Dettagli

Matera 19-20-21 giugno

Matera 19-20-21 giugno Matera 19-20-21 giugno Movimenti saccadici, movimenti di inseguimento (riflesso ottico-cinetico) Vincenzo Marcelli I movimenti oculari di origine visiva Scopo Stabilizzazione angolo di sguardo (OKN) Variazione

Dettagli

STUDIO PEDROTTI MALATTIE DEGLI OCCHI

STUDIO PEDROTTI MALATTIE DEGLI OCCHI STUDIO PEDROTTI MALATTIE DEGLI OCCHI OFTALMOLOGIA PEDIATRICA Via Mazzini,11 Vicenza 36100 Tel. 0444 541000 mail: info@studiopedrotti.it sito: www.studiopedrotti.it OFTALMOLOGIA PEDIATRICA L occhio è la

Dettagli

Le patologie legate all'uso di videoterminali. Modulo: Danni correlati al lavoro al VDT: caratteristiche e diagnosi

Le patologie legate all'uso di videoterminali. Modulo: Danni correlati al lavoro al VDT: caratteristiche e diagnosi Le patologie legate all'uso di videoterminali Modulo: Danni correlati al lavoro al VDT: caratteristiche e diagnosi Benvenuto nel modulo "Danni correlati al lavoro al VDT: caratteristiche e diagnosi" Effetti

Dettagli

Corso di laurea triennale in Ottica e Optometria

Corso di laurea triennale in Ottica e Optometria Ateneo Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corso di laurea triennale in Ottica e Optometria A.A. 2011-2012 Programma dell insegnamento di Tecniche Fisiche per l Optometria Prof. Paolo Carelli e Laboratorio

Dettagli

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto.

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto. Il telescopio, è lo strumento ottico impiegato in astronomia, per osservare e studiare gli oggetti celesti. È generalmente separato in due componenti principali: una parte ottica (costituita dal tubo delle

Dettagli

LA FASE MONOCULARE DELL ESAME VISIVO. Relatore: Silvio Maffioletti

LA FASE MONOCULARE DELL ESAME VISIVO. Relatore: Silvio Maffioletti LA FASE MONOCULARE DELL ESAME VISIVO Relatore: Silvio Maffioletti La fase monoculare Sistemare il forottero davanti al soggetto Metterlo in bolla Regolare la distanza interpupillare Controllare la distanza

Dettagli