Risultati Esercizi volume Ottica Visuale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Risultati Esercizi volume Ottica Visuale"

Transcript

1 Risultati Esercizi volume Ottica Visuale Zeri F, Rossetti A, Fossetti A, Calossi A. Capitolo 2 Es.2.1: Effettuare il calcolo del potere della cornea, attraverso la formula per lenti sottili usando i dati di Dunne et al (1992) per maschi e femmine riportati in Tab.2.1. E possibile calcolare il potere della cornea con la formula per lenti sottili (Eq.2.1) calcolando prima il potere dei singoli diottri con la Eq.2.2. Per la superficie anteriore n=1,0 e n =1,376 Per la superficie posteriore n=1,376 e n =1,336 Secondo i dati medi di Dunn et al (1992), nei maschi r 1 =8,08 r 2 =6,65 F 1 =1,376-1,00/8, =46,53D F2=1,336-1,376/6, =-6,01D F=46,53-6,02=40,52D Secondo i dati medi di Dunn et al (1992), nelle femmine r 1 =7,93 r 2 =6,53 F1=1,376-1,00/7, =47,41D F2=1,336-1,376/6, =-6,12D F=47,41-6,12=41,29D Es.2.2: Ripetere il calcolo con i dati dell Es.2.1, ma usando in questo caso la formula per lenti spesse (considerare uno spessore corneale di 0,5 mm). In questo caso per calcolare il potere della cornea viene usata la Eq.2.3. Il potere dei singoli diottri è stato già calcolato per l Es.2.1 Quindi nei maschi: F=46,53 +(-6,01) [46,53 (-6,01) (0,0005/1,376)]=40,62D e nelle femmine: F=47,41+(-6,12) [47,41 (-6,12) (0,0005/1,376)]=41,39D Es.2.3: Calcolare il potere totale della cornea nel caso in cui ci si trovi ad aprire gli occhi sott acqua (n acqua =1,33), applicando la formula per lenti sottili ai dati medi di curvatura di Patel e collaboratori (1993), riportati in tabella 2.1. Per calcolare il potere della cornea con la formula per lenti sottili (Eq.2.1) è necessario calcolare prima il potere dei singoli diottri con la Eq.2.2. Per la superficie anteriore n=1,33 e n =1,376 Per la superficie posteriore n=1,376 e n =1,336 Secondo i dati di Patel e collaboratori (1993) r 1 = 7,68 mm e r 2 = 5,81 mm Quindi: F 1 =1,376-1,33/7, =5,56D F2=1,336-1,376/5, =-6,88D F=5,56-6,88=-1.32D Es.2.4: Effettuare il calcolo del potere del cristallino, attraverso la formula per lenti

2 spesse considerando: - un raggio della prima superficie di 13 mm - un raggio della seconda superficie di -7,8 mm - uno spessore del cristallino di 4 mm - un indice di rifrazione del cristallino di 1,42 e un indice di rifrazione di acqueo e vitreo di 1,336. Viene prima calcolato il potere dei singoli diottri con la Eq.2.2. Per la superficie anteriore n=1,336 e n =1,42 Per la superficie posteriore n=1,42 e n =1,336 F 1 =1,42-1,336/ =6,46D F2=1,336-1,42/-7, =10,77D Il calcolo del potere totale del cristallino si effettua applicando la Eq.2.3. F=6,46 +(10,77) [6,46 (10,77) (0,004/1,42)]=17,03D Es.2.5: Il cristallino non accomodato dell occhio schematico di Rabbetts-Bennetts possiede le seguenti caratteristiche: r 1 =11,0 mm r 2 =-6,47 n=1,422 t=3,70 mm Sapendo che l indice di rifrazione dell umor acqueo e del vitreo è uguale ed equivale a 1,336, calcola la differenza nel potere equivalente del cristallino quando, durante l accomodazione, il raggio anteriore diventa di +7,00 mm, quello posteriore di -5,50 e lo spessore 3,93 mm. Viene prima calcolato il potere dei singoli diottri nella condizione non accomodata con la Eq.2.2. Per la superficie anteriore n=1,336 e n =1,422 Per la superficie posteriore n=1,422 e n =1,336 F 1 =1,422-1,336/ =7,82D F2=1,336-1,422/-6, =13,29D Il calcolo del potere totale del cristallino si effettua applicando la Eq.2.3. F=7,82 +(13,29) [7,82 (13,29) (0,0037/1,422)]=21,08D Viene poi calcolato il potere dei singoli diottri nella condizione accomodata con la Eq.2.2. Ancora una volta per la superficie anteriore n=1,336 e n =1,422 e per la superficie posteriore n=1,422 e n =1,336 F 1 =1,422-1,336/7, =12,29D F2=1,336-1,422/-5, =15,64D Si calcola il potere totale del cristallino in condizione accomodata applicando la Eq.2.3. F=12,29 +(15,64) [12,29 (15,64) (0,00393/1,422)]=27,40D La differenza di potere del cristallino tra le due condizioni, accomodata e non accomodata, è quindi: Diff=27,40-21,08= 6,32 D Es.2.6: Verifica che l angolo sotteso nel campo visivo dalla fovea sia quello indicato nel testo, sapendo che le dimensioni lineari della fovea sono per l appunto 0,3 per 0,2 mm e la distanza tra fovea (che coincide con il secondo fuoco principale; F ) e il secondo punto nodale (N ) sia uguale a 16,67 mm (è la distanza tra F e N nell occhio

3 schematico di Bennett e Rabbetts). La verifica può essere effettuata sapendo che l angolo sotteso da un oggetto al primo punto nodale (ω) equivale a quello sotteso dall immagine al secondo punto nodale (ω ). Quindi l angolo sotteso dalla fovea al secondo punto nodale (ω ) sarà uguale alla proiezione della fovea nello spazio sottesa al primo punto nodale (ω). Si può calcolare ω per il diametro maggiore (Ø max ) e minore(ø min ) della fovea sapendo che tgω =Ø/ F N effettuando il calcolo per i due diametri si trova che: ω (Ø max )=tg -1 (0,0003/0,01667)=1,03 ω (Ø max )= tg -1 (0,0002/0,01667)=0,69 Es.2.7: Calcolare la grandezza della proiezione della fovea nello spazio ad una distanza (d) di 40 cm dal primo punto nodale, sapendo che le dimensioni lineari della fovea sono 0,3 per 0,2 mm e la distanza tra fovea, coincidente con il secondo fuoco principale (F ), e secondo punto nodale (N ) è uguale a 16,67 mm (la distanza tra F e N nell occhio schematico di Bennett e Rabbetts). Anche in questo caso si può procedere al calcolo sapendo che l angolo sotteso da un oggetto al primo punto nodale (ω) equivale a quello sotteso dall immagine al secondo punto nodale (ω ). Viene calcolato inizialmente l angolo sotteso dalla fovea al secondo punto nodale (ω ) per i due diametri secondo quanto visto al precedente esercizio ω (Ø max )=tg -1 (0,0003/0,01667)=1,03 ω (Ø max )= tg -1 (0,0002/0,01667)=0,69 La proiezione della fovea (h) a 40 cm (d) dal primo punto nodale sarà calcolabile sapendo che l angolo di proiezione al primo punto nodale è uguale a ω. Quindi: h= tgω d h max = tg1,03 0,40=0,0072m h min = tg 0,69 0,40=0,0048m Capitolo 5 Es.5.1: Calcolare f e, f e e k e di un occhio ridotto non standard emmetrope con F e =66,0D. Per risolvere l esercizio si usano le equazioni Eq.5.1 e Eq.5.2 f e =-n/f e =-1/66=-15,15mm f e =n /F e =(4/3)/66=20,20mm Essendo un occhio ridotto emmetrope f e k e quindi: k e =20,20mm Es.5.2: Un oggetto sottende 1 ( w) ad un occhio ridotto standard emmetrope. Calcolare la grandezza dell immagine retinica h.

4 Per risolvere l esercizio si usa l equazione Eq.5.7 h =-0,02222 ¾ tan 1= h =-0,000291m=291µm Es.5.3: Un oggetto sottende 1 (w) ad un occhio ridotto emm etrope con Fe=+57,0D. Calcolare la grandezza dell immagine retinica h Per risolvere l esercizio si usa l equazione Eq.5.8 h =-k ¾ tan w= Visto che l occhio è emmetrope, k f e quindi: f e =n /F= (4/3)/57=0,0233 h =-0,0233 ¾ tan 1 = m=-306µm Es.5.4: Un oggetto sottende 1 ( w) ad un occhio ridotto emmetrope con Fe=+63,0D. Calcolare la grandezza dell immagine retinica (h ) Anche in questo caso per risolvere l esercizio si usa l equazione Eq.5.8 h =-k ¾ tan w= Visto che l occhio è emmetrope, k f e f e =n /F= 4/3 /63=0,0211m h =-0,0211 ¾ tan 1 = m=-277µm Es.5.5: Un oggetto sottende 20 (w) ad un occhio ridotto emmetrope con lunghezza assiale di 20 mm (k ). Calcolare la grandezza dell immagine retinica h. Anche in questo caso per risolvere l esercizio si usa l equazione Eq.5.8 h =-k ¾ tan w= L angolo w sotteso dall oggetto deve però essere trasformato in gradi. 20 =0,333 h =-0,020 ¾ tan 0,333 = m=-87µm Es.5.6: In un occhio ridotto emmetrope con lunghezza assiale di 23 mm (k ) si forma un immagine retinica (h ) di -500µm. Calcolare l angolo sotteso dall oggetto. Partendo dall Eq.5.8 si risolve l equazione per w: w=tan -1 (h (4/3) / -k ) w=tan -1 (-0,0005 (4/3) / -0,023)=1,66 Es.5.7: Il punto remoto di un occhio ridotto e a 20 cm davanti alla superficie ridotta. Se il potere dell occhio e di 65.00D, quanto sarà la sua lunghezza assiale? Si trova innanzi tutto l ametropia attraverso la Eq.5.12 K=1/k= 1/-0,20= -5,00D Viene poi calcolata la lunghezza diottrica dalla Eq.5.10 K =K+F e K =-5+65=60D e da questa la lunghezza assiale con Eq.5.13 k =n /K =4/3/60= 22,22mm

5 Es.5.8: La prima lunghezza focale di un occhio ridotto e di 17 mm e la sua lunghezza assiale di 23,00 mm. A che distanza si trova il punto remoto? Si trova innanzi tutto il potere dell occhio con la Eq.5.1 F=-n/f= F=-1/-0,017=+58,82D Viene poi calcolata la lunghezza diottrica dalla Eq.5.13 K =n /k = (4/3)/0,023=+57,97D Viene poi calcolata l ametropia attraverso la formula per l ametropia (Eq.5.10): K=K -Fe=+57,97-58,82=-0,85D E dall ametropia la distanza dal punto remoto (k) attraverso la Eq.5.12: k=n/k=1/-0,85=-1.17m Es.5.9: L ametropia di un occhio ridotto standard con ipermetropia assiale e di +5,00D. Qual è la sua lunghezza assiale? In un occhio ridotto standard con ipermetropia assiale F e F 0 Sapendo che (Eq.5.10) K =K+F e : K =+5,0+60,0=+65,0D E dalla Eq.5.13: k =(4/3) /65= 20,51mm Es.5.10: L ametropia di un occhio ridotto standard con ipermetropia refrattiva e di +5,00D. Qual e la lunghezza della seconda focale? La lunghezza della seconda focale può essere ricavata dalla Eq.5.2: f e =n /F e A sua volta il potere effettivo dell occhio viene ricavato dalla formula per l ametropia (Eq.5.10): F e =K -K Sapendo che l ipermetropia è refrattiva K K 0 Quindi: F e =60,0-5,0=+55,0D f e =4/3 /55= 24,24mm Es.5.11: Calcolare la distanza del punto remoto e la lunghezza assiale di un occhio ridotto con miopia assiale di 2.00 D. k=n/k k=1/-2,0=-0,50m K =K+F 0 K =-2,00+60,0=+58,0D k =n /K =4/3/58= 22,98mm Es.5.12: Calcolare la distanza del punto remoto e la lunghezza assiale di un occhio ridotto con ipermetropia assiale di 2.00 D. la distanza del punto remoto si calcola con l Eq.5.12 k=n/k k=1/2,0=0,50m

6 La lunghezza diottrica si calcola dalla Eq.5.10, dove il potere dell occhio coincide con quello standard essendo l ipermetropia assiale. K =K+F 0 K =2,00+60,0=+62,0D Quindi: k =n /K =4/3/62= 21,50mm Es.5.13: Calcolare la distanza del punto remoto e la lunghezza assiale di un occhio ridotto con miopia refrattiva di 2.00 D Come nel precedente esercizio, k=n/k k=1/-2,0=-0,50m Nella miopia refrattiva k =k 0 k 0 = 22,22mm Es.5.14: Calcolare la distanza del punto remoto e la lunghezza assiale di un occhio ridotto con ipermetropia refrattiva di 5.00 D. Come nel precedente esercizio, k=n/k k=1/5,0=0,20m Nella iperemtropia refrattiva k =k 0 k 0 = 22,22mm Es.5.15: Calcolare la distanza del punto remoto di un occhio con ipermetropia refrattiva di potere effettivo (F e ) pari a 56,50D. Si userà la formula per l ametropia (Eq.5.10) sapendo che la lunghezza diottrica è standard perché l ipermetropia è refrattiva: K 0 =K+F e = K=K 0 -F e = 60-56,5=+3,5 Quindi: k=n/k k=1/3,5=28,57cm Es.5.16: Calcolare il potere di un occhio con miopia refrattiva di 4,00D. Se un oggetto di 10mm e posto sul punto remoto, quale sarà la grandezza dell immagine retinica? Come nell esercizio precedente si userà la formula per l ipermetropia (Eq.5.10) sapendo che la lunghezza diottrica è standard perché la miopia è refrattiva: F e =K 0 -K= 60+4=64,0D Viene poi calcolato l ingrandimento attraverso l Eq.5.17: I T =K/K 0 =-4/60=-0,066 E con la Eq.5.15 viene calcolata la grandezza dell immagine retinica h = I T h=10-0,066=-0,666mm Es.5.17: Calcolare la grandezza dell immagine retinica di un oggetto alto 1 cm, posto sul punto remoto di un occhio miope, situato a 20 cm dalla superficie ridotta. Eseguire il calcolo per una miopia assiale e una refrattiva. Si calcola per prima cosa l ametropia: K=1/-0,20=-5,00D Nel caso della miopia refrattiva la Eq.5.17 sarà:

7 I T =K/K 0 =-5/60=-0,083 Quindi: h = I T h=1-0,083=-0,0833 cm Nel caso della miopia assiale la Eq.5.17 sarà: I T =K/K = K =K+F 0 =-5,0+60=+55,0D I T =-5/55=-0,090 h = I T h=1-0,090=-0,0909 cm Es.5.18: Costruire un diagramma cartesiano con in ascissa l ametropia K e in ordinata la lunghezza assiale k. Indicare nel grafico la lunghezza assiale corrispondente alle ametropie assiali comprese tra +5,00 e -10,00 (in passi di 1 D). Es.5.19: Calcolare la grandezza dell immagine retinica di base che si forma quando un oggetto sottende un angolo di 30 alla superficie ridotta di un occhio con ametropia assiale di K=+5,00D. Ripetere il calcolo per un ametropia refrattiva dello stesso valore. Si utilizza l Eq.5.8: h =-k ¾ tan w Nel caso dell ametropia assiale (iperemetropia) K =K+F o =5+60=65,0D k =n /K =4/3 / 65= 20,51mm h =-0,02051 ¾ tan 0,5 =-134 µm Nel caso dell ametropia refrattiva (iperemetropia) k o =22,22mm h =-0,0222 ¾ tan 0,5 =-145 µm Es.5.20: Calcolare la grandezza dell immagine retinica di base che si forma quando un oggetto sottende un angolo di 30 alla superficie ridotta di un occhio con ametropia assiale di K=-5,00D. Ripetere il calcolo per un ametropia refrattiva dello stesso valore. Come nell esercizio precedente si utilizza l Eq.5.8: h =-k ¾ tan w Nel caso dell ametropia assiale (miopia) K =K+F o =-5+60=55,0D k =n /K = 4/3 /55= 24,24mm h =-0,02424 ¾ tan 0,5 =-158 µm Nel caso dell ametropia refrattiva (miopia) k o =22,22mm h =-0,0222 ¾ tan 0,5 =-145 µm

8 Es.5.21: Calcolare la grandezza dell immagine retinica di base che si forma quando un oggetto sottende un angolo di 40 alla superficie ridotta di un occhio con un ametropia assiale il cui punto remoto si trova a 10 cm davanti alla superficie ridotta. Come nell esercizio precedente si utilizza l Eq.5.8: h =-k ¾ tan w La lunghezza oculare si calcolerà a partire dalla lunghezza diottrica calcolata con l Eq.5.10: K =K+F o = Dove: K=n/k= 1/-0,10=-10,00D K =K+F o =-10,0+60,0=+50,0D k =n /K = (4/3) /50= 26,66mm w=40 =0,011 h =-0,02666 ¾ tan 0,011 =-3,8 µm Es.5.22: Inserire su un diagramma cartesiano la grandezza dell immagine retinica di base (ordinata) in funzione delle ametropie (ascissa) assiali e refrattive comprese tra +5,00 e -10,00 (in step di 1 D) per un oggetto che sottende un angolo di 1 alla superficie ridotta. Es.5.23: Calcolare la grandezza del cerchio di confusione che si forma sulla retina di un occhio con ipermetropia assiale con k =21 mm e diametro pupillare di 2 mm relativa ad un punto oggetto che si trova all infinito. Attraverso la formula dei punti coniugati (Eq.5.11): L =L+F 0 L=0 e F 0 =60D; quindi: L =60; l =(4/3)/60=22,22mm Attraverso la Eq.5.19: j= Ø P (l -k ) / l j=2 (22,22-21)/22,22=0,11mm Es.5.24: Calcolare la grandezza del cerchio di confusione che si forma sulla retina di un occhio con ipermetropia assiale con k =21 mm e diametro pupillare di 6 mm relativa ad un punto oggetto che si trova all infinito. Come nell esercizio precedente L =L+F 0 L =60; l =(4/3)/60=22,22mm j= Ø P (l -k ) / l j=6 (22,22-21)/22,22=0,32 mm

9 Es.5.25: Un occhio ridotto miope di 6,00D guarda un punto oggetto a 2 metri di fronte ad esso. Calcolare la grandezza del cerchio di confusione retinico quando il diametro pupillare e di 6 mm e l ametropia e assiale. Attraverso la formula dei punti coniugati (Eq.5.11) deve essere ricavata la vergenza immagine: L =L+Fe; La vergenza oggetto sarà: L=n/l= 1/-2=-0,50D Essendo l ametropia assiale F 0 =60D; quindi: L =60+(-0,50)= 59,50D; Si ricava la distanza immagine: l =(4/3)/59,50=22,4mm Si ricava a questo punto la lunghezza assiale: K =K+F 0 =-6+60=+54D; k =4/3/54=24,7 Attraverso la Eq.5.19: j= Ø P (k l ) / l j=6 (24,7-22,4)/22,4=0,61mm Es.5.26: Un punto oggetto e posto a 25 cm di fronte ad un occhio ridotto con ametropia assiale e k =21mm. Calcolare la grandezza del cerchio di confusione retinico quando il diametro pupillare e di 6 mm. Analogamente all esercizio precedente: L =L+F 0 ; L=n/l= 1/-0,25=-4,0D L =60+(-4)= 56; l =(4/3)/56=22,4mm j= Ø P (l -k ) / l J=6 (23,8-21)/23,8=0,71mm Es.5.27: L ametropia oculare di un occhio ridotto con miopia assiale e di 10,D. Calcolare la correzione necessaria per una distanza al vertice di 14mm. Viene per prima cosa trovata la distanza k. k=n/k=1/-10=-0,1d E poi possibile la focale della lente correttrice posta alla distanza d attraverso la Eq.5.23: f lo = k + d v f lo =-0,10+0,014=-0,086m Il potere della lente correttrice sarà: F lo =1/f lo =1/-0,086=-11,62D Es.5.28: Un paziente usa una lente a contatto di -34,0D che lo emmetropizza. Quale potere dovrebbe avere un occhiale usato a 14mm per avere lo stesso effetto correttivo? Usare per il calcolo il metodo step along.

10 Es.5.29: L ametropia oculare di un occhio ridotto con ipermetropia assiale e di 10,D. Calcolare la correzione necessaria per una distanza al vertice di 14mm. Viene per prima cosa trovata la distanza k. k=n/k=1/10=0,1d E poi possibile la focale della lente correttrice posta alla distanza d attraverso la Eq.5.23: f lo = k + d v f lo =0,10+0,014=0,114m Il potere della lente correttrice sarà: F lo =1/f lo =1/0,114=+8,77D Capitolo 13 Es.13.1: Trasforma un acuità visiva di 20/40 in decimale, in decimi, MAR e in log MAR. ND=20/40=0,5; Decimi=0,5*10/10= 5/10; MAR=1/ND=1/0,5=2 ; logmar=0,3 Es.13.2: Trasforma un acuità visiva di -0,2 logmar in MAR, notazione decimale, decimi e frazione di Snellen sapendo che l esame è stato eseguito a 6 metri. MAR=antilog(-0,2)=0,63; ND=1/MAR=1/0,63=1,58; Decimi=1,58*10/10=15,8/10; frazione di Snellen=6/(6*0,63)=6/3,78 Es.13.3: Trasforma un acuità visiva di 1/10 in notazione decimale, frazione di Snellen (sia per una distanza di 20 feet che 6 m), MAR, e logmar. ND=1/10=0,1; MAR=1/0,1=10 ; logmar=log10=1; frazione di Snellen(6 m)=6/(6*10)=6/60; frazione di Snellen (20 ft)=20/(20*10)=20/200. Es.13.4: Calcola l altezza di una lettera di 10/10 inserita in un ottotipo utilizzato ad una distanza di 4 m. Si calcola per prima cosa il MAR, sapendo che il MAR è il reciproco della notazione decimale. 10/10 in ND=1 MAR=1/1=1 α=1 ; l angolo va trasformato in gradi α=1/60=0,0167 h d =tg 0,016 4=0,00116m h L =h d *5= 0,0058m

11 Es.13.5: Calcola l altezza di una lettera di 6/60. Anche in questo caso si calcola il MAR, sapendo che il MAR è il reciproco della notazione decimale. Si riduce la frazione di Snellen alla notazione decimale: 6/60 in ND=0,1 MAR=1/0,1=10 α=10 ; l angolo va trasformato in gradi α=10/60=0,167 La distanza d esame è specificata dal numeratore della frazione di Snellen (6 m). h d =tg 0,167 6=0,017m h L =h d 5= 0,087 m Es.13.6: Calcola il valore in notazione M. di un testo per lettura scritto in corpo 10. L altezza-x può essere trovata moltiplicano 0,175 per i punti del carattere. Quindi Altezza-x=0,175x10: 1,75mm Il punto M equivale alla distanza a cui la lettera sottende 5. Quindi d=altezza-x/tg5 = 0,00175/tg0,08 = 1,2 M Appendice II Es. A.II.1: Calcolare l angolo di convergenza per due persone che hanno una distanza interpupillare rispettivamente di 56 mm e 62 mm mentre fissano un oggetto posto, sulla linea mediana tra i due occhi, a 50 cm dal piano tangente alle superfici corneali. (si consideri una distanza tra piano corneale e centro di rotazione di 13 mm). In entrambi i casi si applicherà la Eq. A.II.4: Dove d sarà uguale alla somma tra la distanza dell oggetto al piano tangente alle superfici corneali e la distanza tra piano corneale e centro di rotazione (d c ): d=0,50+0,013=0,513 m Per la prima persona con dp di 56 mm il calcolo è il seguente: φ= 2 tg -1 [(0,056/2)0,513]=6,25 Per la seconda persona con dp di 62 mm analogamente: φ= 2 tg -1 [(0,062/2)0,513]=6,92 Es. A.II.2: Ripetere l esercizio A.II.1 portando la distanza di fissazione a 25 cm. In questo caso d sarà uguale a: d=0,25+0,013=0,263 m Analogamente a quanto effettuato nell Es.A.II.1 per la prima persona con dp di 56 mm il calcolo è il seguente: φ= 2 tg -1 [(0,056/2)0,263]=12,15 Per la seconda persona con dp di 62 mm analogamente: φ= 2 tg -1 [(0,062/2)0,263]=13,44

12 Es.A.II.3: Confrontando i risultati degli esercizi A.II.1 e A.II.2 verifica che le modifiche all angolo di convergenza in funzione della diversa distanza interpupillare e distanza di fissazione siano concordi a quanto illustrato in Fig.A.II.12 I risultati sono coerenti infatti l angolo di convergenza aumenta all aumentare della distanza interpupillare e al diminuire della distanza di fissazione. Es.A.II.4: Calcola l angolo di convergenza in angoli metrici nel caso di due persone, la prima con una distanza interpupillare di 56 mm la seconda di 62 mm, che fissano un oggetto posto sulla linea mediana tra i due occhi, a 50 cm dal piano tangente alle superfici corneali. (si consideri una distanza tra piano corneale e centro di rotazione di 13 mm). L angolo di convergenza in angoli metrici si calcola con l Eq. A.II.5 e quindi non dipende dalla distanza interpupillare. Se calcolato al centro di rotazione sarà semplicemente uguale al reciproco della distanza d calcolata così: d=0,50+0,013=0,263 m φ(am)=1/0,263=3,802 Es.A.II.5: Calcola l angolo di convergenza in diottrie prismatiche nel caso delle due persone dell Es.A.II.4. L angolo di convergenza in diottrie prismatiche si calcola con l Eq.A.II.6. Quindi : Per la prima persona φ ( )= 3,8 56=21,29 Per la seconda persona φ ( )= 3,8 62= 23,57 Es.A.II.6: Il punto prossimo di convergenza di un bambino con distanza interpupillare di 54 mm è a 7 cm dal piano passante per i centri di rotazione oculari. Calcolare l angolo di convergenza al punto prossimo di convergenza in gradi, angoli metrici e diottrie prismatiche. Come per l Es.A.II.1 si applica l Eq. A.II.4 per calcolare l angolo di convergenza in gradi: Se anche in questo caso si considera una d c di 13mm: d=0,07+0,013=0,083 m e quindi: φ= 2 tg -1 [(0,054/2)0,083]=37,28 L angolo di convergenza in angoli metrici si calcola con l Eq. A.II.5: φ(am)=1/0,083=12,05 L angolo di convergenza in diottrie prismatiche si calcola con l Eq.A.II.6. Quindi : φ ( )= 12,048 5,4=65,06

1.Visione_01 Ottica geometrica. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona

1.Visione_01 Ottica geometrica. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona 1.Visione_01 Ottica geometrica Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona Obiettivi Principi di refrazione delle lenti, indice di refrazione

Dettagli

I VIZI DI REFRAZIONE EMMETROPIA ACCOMODAZIONE. Occhio: sistema diottrico con potere refrattivo 60 D

I VIZI DI REFRAZIONE EMMETROPIA ACCOMODAZIONE. Occhio: sistema diottrico con potere refrattivo 60 D I VIZI DI REFRAZIONE Dr. Umberto Benelli U.O. Oculistica Universitaria EMMETROPIA Occhio: sistema diottrico con potere refrattivo 60 D Emmetropia: quando ad accomodazione rilasciata i raggi luminosi vanno

Dettagli

4. LA CORREZIONE OFTALMICA

4. LA CORREZIONE OFTALMICA Capitolo 4 4. A COEZIOE OFTAMICA DEE AMETOPIE 1. GEEAITÀ a correzione ottica delle ametropie avviene ponendo davanti all occhio ametrope una lente correttiva di grado adeguato e nella posizione adeguata,

Dettagli

2. OTTICA FISIOLOGICA

2. OTTICA FISIOLOGICA 2. OTTICA FISIOLOGICA 1. MODELLI DELL OCCHIO L occhio è costituito da una serie di diottri con curvature non propriamente sferiche. Gli indici di rifrazione sono diversi tra individuo e individuo e molto

Dettagli

Ottica geometrica. L ottica geometrica tratta i. propagazione in linea retta e dei. rifrazione della luce.

Ottica geometrica. L ottica geometrica tratta i. propagazione in linea retta e dei. rifrazione della luce. Ottica geometrica L ottica geometrica tratta i fenomeni che si possono descrivere per mezzo della propagazione in linea retta e dei fenomeni di riflessione e la rifrazione della luce. L ottica geometrica

Dettagli

Condizione oculare in cui la potenza refrattiva dell occhio non è proporzionata alla distanza fra l apice corneale e la retina (lunghezza assiale)

Condizione oculare in cui la potenza refrattiva dell occhio non è proporzionata alla distanza fra l apice corneale e la retina (lunghezza assiale) Ovvero le ametropie che possiamo riscontrare nell occhio Ametropia Condizione oculare in cui la potenza refrattiva dell occhio non è proporzionata alla distanza fra l apice corneale e la retina (lunghezza

Dettagli

OTTICA DELLA VISIONE. Disegno schematico dell occhio umano

OTTICA DELLA VISIONE. Disegno schematico dell occhio umano OTTICA DELLA VISIONE Disegno schematico dell occhio umano OTTICA DELLA VISIONE Parametri fisici Raggio di curvatura (cm) Cornea 0.8 Anteriore del cristallino Posteriore del cristallino.0 0.6 Indice di

Dettagli

OTTICA DELLA VISIONE Mauro Zuppardo 2015

OTTICA DELLA VISIONE Mauro Zuppardo 2015 OTTICA DELLA VISIONE OTTICA DELLA VISIONE STIGMATICO ASTIGMATICO OTTICA DELLA VISIONE 90 SUPERFICIE TOROIDALE Disco di Minima Confusione Intervallo di Sturm Asso O=co OTTICA DELLA VISIONE Disco di Minima

Dettagli

Lenti sottili: Definizione

Lenti sottili: Definizione Lenti sottili: Definizione La lente è un sistema ottico costituito da un pezzo di materiale trasparente omogeneo (vetro, policarbonato, quarzo, fluorite,...) limitato da due calotte sferiche (o, più generalmente,

Dettagli

Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica

Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica Università degli Studi di Palermo Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica Progetto Lauree Scientifiche Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica Antonio Maggio

Dettagli

- Formazione delle immagini per riflessione: specchio sferico

- Formazione delle immagini per riflessione: specchio sferico Ottica geometrica: - condizione di validità: o occorre conrontare la lunghezza d onda λ della luce e le dimensioni degli oggetti su cui la luce incide. Se λ è MINORE, valgono le leggi dell ottica geometrica.

Dettagli

Lenti sottili/1. Menisco convergente. Menisco divergente. Piano convessa. Piano concava. Biconcava. Biconvessa. G. Costabile

Lenti sottili/1. Menisco convergente. Menisco divergente. Piano convessa. Piano concava. Biconcava. Biconvessa. G. Costabile Lenti sottili/1 La lente è un sistema ottico costituito da un pezzo di materiale trasparente omogeneo (vetro, policarbonato, quarzo, fluorite,...) limitato da due calotte sferiche (o, più generalmente,

Dettagli

VISIONE_01 OTTICA GEOMETRICA. FGE aa

VISIONE_01 OTTICA GEOMETRICA. FGE aa VISIONE_01 OTTICA GEOMETRICA FGE aa.2015-16 OBIETTIVI Principi di refrazione delle lenti, indice di refrazione Lenti biconcave e lenti biconvesse, fuoco principale e distanza focale Potere refrattivo di

Dettagli

Argomenti di diottrica oculare

Argomenti di diottrica oculare 0303_Oftalmologia_cap03:Layout 1 23-01-2013 11:49 Pagina 51 CAPITOLO 3 Argomenti di diottrica oculare Giampaolo Lucarini 3.1 INTRODUZIONE ALLʼOTTICA PARASSIALE Il compito dell ottica geometrica è sostanzialmente

Dettagli

Ottica fisiopatologica

Ottica fisiopatologica Ottica fisiopatologica Introduzione La visione è una funzione complessa che dipende da FATTORI AMBIENTALI interazione luce-materia FATTORI ANATOMO-FISIOLOGICI oculari sistema nervoso centrale L occhio

Dettagli

Ottica visuale. Corso di laurea in Ottica ed Optometria. Facoltà di Scienze M.F.N. Università del Salento Vincenzo Martella optometrista

Ottica visuale. Corso di laurea in Ottica ed Optometria. Facoltà di Scienze M.F.N. Università del Salento Vincenzo Martella optometrista Ottica visuale Parte 4 Le ametropie e la loro correzione Corso di laurea in Ottica ed Optometria Facoltà di Scienze M.F.N. Università del Salento Vincenzo Martella optometrista Contatti: 0833/541063 392

Dettagli

Ottica della Contattologia I. Ottica delle lac. Differenze ottiche nella clinica della visione

Ottica della Contattologia I. Ottica delle lac. Differenze ottiche nella clinica della visione Ottica della Cotattologia I Ottica delle LAC Ottica delle lac 1.Le differeze ottiche tra lac e occhiali ell ambito della cliica della visioe 2.Le lac dal puto di vista ottico Dr. Fabrizio Zeri zeri@fis.uiroma3.it

Dettagli

LENTE A CONTATTO VS CORREZIONE OFTALMICA:

LENTE A CONTATTO VS CORREZIONE OFTALMICA: PLATFORM optic REVIEW PROFESSIONAL IN COLLABORAZIONE CON SOPTI - SOCIETÀ OPTOMETRICA ITALIANA LENTE A CONTATTO VS CORREZIONE OFTALMICA: implicazioni refrattive, accomodative e binoculari PARTE 1: IMPLICAZIONI

Dettagli

Ottica fisiologica (2)

Ottica fisiologica (2) Ottica fisiologica (2) Corso di Principi e Modelli della Percezione Prof. Giuseppe Boccignone Dipartimento di Scienze dell Informazione Università di Milano boccignone@dsi.unimi.it http://homes.dsi.unimi.it/~boccignone/giuseppeboccignone_webpage/modelli_percezione.html

Dettagli

La Cheratocoagulazione Radiale

La Cheratocoagulazione Radiale La Cheratocoagulazione Radiale Author: Marco Abbondanza La Stampa Medica Europea, vol. 8, no. 2. 1988 RIASSUNTO L autore illustra una nuova metodica di chirurgia refrattiva, la cheratocoagulazione capace

Dettagli

4.6 Lenti Capitolo 4 Ottica

4.6 Lenti Capitolo 4 Ottica 4.6 Lenti Esercizio 04 Due lenti biconvesse sono posizionate lungo il cammino ottico di un fascio di luce, separate da una distanza d. Il fascio di luce è parallelo e esce parallelo dopo le due lenti.

Dettagli

PRINCIPIO ESPLICATIVO DEL FUNZIONAMENTO DEI CILINDRI CROCIATI Prof. Luciano Pietropaolo

PRINCIPIO ESPLICATIVO DEL FUNZIONAMENTO DEI CILINDRI CROCIATI Prof. Luciano Pietropaolo PRINCIPIO ESPLICATIVO DEL FUNZIONAMENTO DEI CILINDRI CROCIATI Prof. Luciano Pietropaolo Viene esposto il principio su cui si basa il funzionamento dei cilindri crociati, per l analisi dell astigmatismo

Dettagli

OTTICA, OTTICA APPLICATA

OTTICA, OTTICA APPLICATA OTTICA, OTTICA APPLICATA PROGRAMMAZIONE INIZIALE ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 INSEGNANTE: DACCA ADRIANA BENEDUCE LUCIA CLASSE: IIIB Ott SETTORE: Servizi INDIRIZZO: Servizi Socio Sanitari articolazione Ottici

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA LA MIOPIA Si parla di miopia quando la vista da lontano è ridotta. Il miope vede bene a distanza ravvicinata, mentre le immagini lontane appaiono sfuocate. La ragione

Dettagli

1. Come funziona l occhio normale? Cosa caratterizza i difetti della vista? Come correggerli? Prova ad osservare con le diverse lenti

1. Come funziona l occhio normale? Cosa caratterizza i difetti della vista? Come correggerli? Prova ad osservare con le diverse lenti L occhio MPZ 1. Come funziona l occhio normale? Cosa caratterizza i difetti della vista? Come correggerli? Prova ad osservare con le diverse lenti retina muscolo cornea iride pupilla cristallino nervo

Dettagli

Classificazione Semplificata dei gradi di ipovisione, vista fragile e relativi ausili più idonei per lontano

Classificazione Semplificata dei gradi di ipovisione, vista fragile e relativi ausili più idonei per lontano Lenti prismatiche ingrandenti ed altri ausili ottici innovativi per lontano Dr. Biagio Jurilli Ottico optometrista Centro Ipovisione Optics International FIRENZE, 19 gennaio 2014 Stazione di Santa Maria

Dettagli

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio SEZIONE O «ONDE Cornea Umore acqueo Muscolo ciliare Retina Nervo ottico A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio umano. La luce entra nell'occhio attraverso la cornea e il cristallino. Viene fecalizzata

Dettagli

IL MICROSCOPIO OTTICO. DOWNLOAD Il pdf di questa lezione (microscopio2.pdf) è scaricabile dal sito http://www.ge.infn.it/ calvini/fistrum/ 09/03/2011

IL MICROSCOPIO OTTICO. DOWNLOAD Il pdf di questa lezione (microscopio2.pdf) è scaricabile dal sito http://www.ge.infn.it/ calvini/fistrum/ 09/03/2011 IL MICROSCOPIO OTTICO DOWNLOAD Il pdf di questa lezione (microscopio2.pdf) è scaricabile dal sito http://www.ge.infn.it/ calvini/fistrum/ 09/03/2011 Lo scopo di questi appunti è la descrizione dei principi

Dettagli

CHIRURGIA REFRATTIVA

CHIRURGIA REFRATTIVA CHIRURGIA REFRATTIVA Responsabile: Dott. Marco Tavolato Perché un immagine possa essere vista, una complessa catena di eventi deve avvenire nell occhio. La luce entra nell occhio attraversando cornea,

Dettagli

Il microscopio ottico. La parola microscopio è stata coniata dai membri dell Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche Galileo Galilei

Il microscopio ottico. La parola microscopio è stata coniata dai membri dell Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche Galileo Galilei Il microscopio ottico La parola microscopio è stata coniata dai membri dell Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche Galileo Galilei Ingrandimento Un oggetto può essere visto a fuoco se posizionato

Dettagli

LA FASE MONOCULARE DELL ESAME VISIVO. Relatore: Silvio Maffioletti

LA FASE MONOCULARE DELL ESAME VISIVO. Relatore: Silvio Maffioletti LA FASE MONOCULARE DELL ESAME VISIVO Relatore: Silvio Maffioletti La fase monoculare Sistemare il forottero davanti al soggetto Metterlo in bolla Regolare la distanza interpupillare Controllare la distanza

Dettagli

Codice Fiscale dell'utente in esame: Cognome: Nome: Codice Fiscale: Telefono fisso e/o cellulare: Email:

Codice Fiscale dell'utente in esame: Cognome: Nome: Codice Fiscale: Telefono fisso e/o cellulare: Email: Analisi della funzione visiva secondo il Data: Professionista rilevatore: Raccolta dati Utente Dati Aagnrafici dell'utente in esame Cognome: Nome: Codice Fiscale: Telefono fisso e/o cellulare: Email: Dichiarazioni

Dettagli

Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica

Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica Università degli Studi di Palermo Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica Progetto Lauree Scientifiche Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica Antonio Maggio

Dettagli

3. LE AMETROPIE VISIVE

3. LE AMETROPIE VISIVE 3. LE METROPIE VISIVE. CLSSIFICZIOE Si definisce ametropia la condizione oculare in cui la potenza del sistema diottrico dell occhio non è proporzionata alla distanza che separa il piano principale dal

Dettagli

La parola microscopio è stata coniata dai membri dell Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche Galileo Galilei

La parola microscopio è stata coniata dai membri dell Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche Galileo Galilei La parola microscopio è stata coniata dai membri dell Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche Galileo Galilei La microscopia ottica è una tecnica di osservazione capace di produrre immagini ingrandite

Dettagli

Fisica II - CdL Chimica. Formazione immagini Superfici rifrangenti Lenti sottili Strumenti ottici

Fisica II - CdL Chimica. Formazione immagini Superfici rifrangenti Lenti sottili Strumenti ottici Formazione immagini Superfici rifrangenti Lenti sottili Strumenti ottici Ottica geometrica In ottica geometrica si analizza la formazione di immagini assumendo che la luce si propaghi in modo rettilineo

Dettagli

Si definisce astigmatico l occhio che con l accomodazione completamente

Si definisce astigmatico l occhio che con l accomodazione completamente ASTIGMATISMO Si definisce astigmatico l occhio che con l accomodazione completamente rilassata focalizzerà l immagine di un punto posto ipoteticamente all infinito in due focali rappresentate da due linee

Dettagli

Ipermetropia e Lenti a Contatto. Fabio Casalboni

Ipermetropia e Lenti a Contatto. Fabio Casalboni Ipermetropia e Lenti a Contatto Fabio Casalboni Ci eravamo lasciati I vantaggi delle lenti a contatto Estetici/Psicologici Funzionali - Riduzione Aberrazioni - Movimenti oculari - Visione prossimale -

Dettagli

MANUALE DI OTTICA. per il secondo biennio dell'indirizzo di ottica (professionale) (Ottica geometrica) a cura dei docenti dell'iis G.

MANUALE DI OTTICA. per il secondo biennio dell'indirizzo di ottica (professionale) (Ottica geometrica) a cura dei docenti dell'iis G. - C. - MANUALE DI OTTICA per il secondo biennio dell'indirizzo di ottica (professionale) (Ottica geometrica) a cura dei docenti dell'iis G.Galilei - Milano Luglio 0 - C. - INTRODUZIONE Lo studio dell'ottica

Dettagli

Gli strumenti ottici. Capitolo. Concetti da rivedere 22.1 I SISTEMI DI LENTI

Gli strumenti ottici. Capitolo. Concetti da rivedere 22.1 I SISTEMI DI LENTI 22txtI:GIAMBATTISTA 4-2-2007 2:03 Pagina 865 Capitolo 22 Gli strumenti ottici La distinzione tra immagini reali e virtuali (Paragrafo 2.6) L ingrandimento (Paragrafo 2.8) La rifrazione (Paragrafo 2.3)

Dettagli

L'occhio umano e le malattie

L'occhio umano e le malattie Calonghi Giovanna - L'occhio umano e le malattie 1 / 7 Elaborato per l'esame " Didattica e Laboratorio di Fisica, classe 59" Prof. Miranda Pilo, Dott. Maria Teresa Tuccio Specializzanda: Calonghi Giovanna

Dettagli

LENTI SOTTILI. Le lenti sottili sono gli strumenti ottici più importanti tra quelli più semplici.

LENTI SOTTILI. Le lenti sottili sono gli strumenti ottici più importanti tra quelli più semplici. LENTI SOTTILI Chiamiamo lente un qualsiasi corpo trasparente limitato da due superfici curve o da una superficie piana ed una curva, in grado di trasmettere un fascio di luce focalizzandolo in modo da

Dettagli

Interazione & Multimedia 1

Interazione & Multimedia 1 Il nostro viaggio nell image processing deve iniziare con lo studio di come l occhio umano percepisce una immagine e come la elabora. Ci interessa capire quali sono i limiti della visione umana al fine

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LATTARI

PROGRAMMAZIONE LATTARI PROGRAMMAZIONE LATTARI 1T ESERCITAZIONE DI LENTI OFTALMICHE Modulo 1: cenni di anatomia oculare: Unità didattica 1: le tre tonache che rivestono il bulbo oculare Unità didattica 2: gli organi accessori

Dettagli

LE LENTI E L OCCHIO UMANO Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LE LENTI E L OCCHIO UMANO Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LE LENTI E L OCCHIO UMANO Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LE LENTI E LE LORO PROPRIETÀ Una lente è uno strumento costituito da un mezzo trasparente delimitato da due superfici curve, oppure da una

Dettagli

Occorre semplificare

Occorre semplificare i concetti dell ottica applicati al nostro occhio il nostro occhio è troppo complesso Le sue dimensioni e caratteristiche variano da soggetto a soggetto Le sue funzioni variano al variare dell età e della

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz Semeiotica della funzione visiva - I

www.fisiokinesiterapia.biz Semeiotica della funzione visiva - I www.fisiokinesiterapia.biz Semeiotica della funzione visiva - I APPROCCIO RAZIONALE AL PAZIENTE OCULISTICO AMBULATORIALE CARTELLA ANAMNESI ESAME OBBIETTIVO ESAME FUNZIONALE ACCERTAMENTI SUPPLEMENTARI PRESCRIZIONE

Dettagli

ACUVUE OASYS for PRESBYOPIA. Regalate ai vostri clienti la libertà di portare più a lungo le lenti a contatto.

ACUVUE OASYS for PRESBYOPIA. Regalate ai vostri clienti la libertà di portare più a lungo le lenti a contatto. ACUVUE OASYS for PRESBYOPIA Regalate ai vostri clienti la libertà di portare più a lungo le lenti a contatto. Consentite ora anche ai vostri clienti affetti da presbiopia di scoprire la libertà regalata

Dettagli

OTTICA. Ottica geometrica. Riflessione e rifrazione

OTTICA. Ottica geometrica. Riflessione e rifrazione Ottica geometrica OTTICA Sappiamo che la luce è un onda elettromagnetica. Essa perciò può non propagarsi in linea retta, analogamente alle altre onde (p. es. quelle sonore). Però, come avviene per tutte

Dettagli

La Refrazione Dr. U. Benelli

La Refrazione Dr. U. Benelli La Refrazione Dr. U. Benelli Occhio: sistema diottrico con potere refrattivo 60 D Emmetropia: quando ad accomodazione rilasciata i raggi luminosi vanno a fuoco sulla retina DIPENDE DA Curvatura Superfici

Dettagli

Lenti progressive opto in. Informazioni e trattamenti specifici sulla presbiopia.

Lenti progressive opto in. Informazioni e trattamenti specifici sulla presbiopia. Lenti progressive opto in. Informazioni e trattamenti specifici sulla presbiopia. LA PRESBIOPIA La presbiopia è una modificazione fisiologica, di tipo funzionale, di una struttura oculare: il cristallino.

Dettagli

! L occhio come sistema ottico complesso. Corso di Principi e Modelli della Percezione. ! Prof. Giuseppe Boccignone!

! L occhio come sistema ottico complesso. Corso di Principi e Modelli della Percezione. ! Prof. Giuseppe Boccignone! L occhio come sistema ottico comlesso Corso di Princii e Modelli della Percezione Prof. Giusee Boccignone Diartimento di Scienze dell Informazione Università di Milano boccignone@dsi.unimi.it htt://homes.dsi.unimi.it/~boccignone/giuseeboccignone_webage/modelli_percezione.html

Dettagli

1 p. 1 q 1 R. altrimenti se il mezzo circostante ha un indice di rifrazione n 0. , al posto di n si deve usare

1 p. 1 q 1 R. altrimenti se il mezzo circostante ha un indice di rifrazione n 0. , al posto di n si deve usare 2 Lenti Le lenti sono costituite da un mezzo rifrangente, di indice di rifrazione n, omogeneo, delimitato da superfici sferiche nel caso in cui il mezzo circostante é l aria: l equazione delle lenti é

Dettagli

L Importanza della Pupilla in Chirurgia Refrattiva

L Importanza della Pupilla in Chirurgia Refrattiva L Importanza della Pupilla in Chirurgia Refrattiva Fabrizio I. Camesasca 1 Paolo Vinciguerra 1, 2 1 UOC di Oculistica, Istituto Clinico Humanitas 2 Columbus, Ohio State University Pupilla e Chirurgia Refrattiva:

Dettagli

La rifrazione della luce: le lenti e gli strumenti ottici

La rifrazione della luce: le lenti e gli strumenti ottici CPITOLO 4 La rifrazione della luce: le lenti e gli strumenti ottici Una fibra ottica è una specie di filo di vetro in grado di trasmettere impulsi luminosi a grandi distanze dalla sorgente che li ha generati.

Dettagli

I vizi di refrazione (miopia, ipermetropia e astigmatismo)

I vizi di refrazione (miopia, ipermetropia e astigmatismo) I vizi di refrazione (miopia, ipermetropia e astigmatismo) Cerchiamo innanzitutto pur sommariamente, di capire come si realizza il meccanismo della visione. La luce, dopo aver attraversato cornea, pupilla,

Dettagli

L OCCHIO L OCCHIO : STRUTTURA E FUNZIONAMENTO MIOPIA, IMPERMETROPIA, ASTIGMATISMO I DECIMI LE DIOTTRIE IL CRISTALLINO IL CAMPO VISIVO

L OCCHIO L OCCHIO : STRUTTURA E FUNZIONAMENTO MIOPIA, IMPERMETROPIA, ASTIGMATISMO I DECIMI LE DIOTTRIE IL CRISTALLINO IL CAMPO VISIVO L OCCHIO L OCCHIO : STRUTTURA E FUNZIONAMENTO MIOPIA, IMPERMETROPIA, ASTIGMATISMO I DECIMI LE DIOTTRIE IL CRISTALLINO IL CAMPO VISIVO L ESAME DEL FONDO OCULARE ESAME OCULISTICO DEL BAMBINO 1 L OCCHIO 2

Dettagli

Laboratorio per il corso Scienza dei Materiali II

Laboratorio per il corso Scienza dei Materiali II UNIVERSITÀ DI CAMERINO Corso di Laurea Triennale in Fisica Indirizzo Tecnologie per l Innovazione Laboratorio per il corso Scienza dei Materiali II a.a. 2009-2010 Docente: E-mail: Euro Sampaolesi eurosampaoesi@alice.it

Dettagli

Il Microscopio. Il microscopio, dal greco micron (piccolo) e. skopein (guardare), è uno strumento che. permette di ottenere un immagine ingrandita

Il Microscopio. Il microscopio, dal greco micron (piccolo) e. skopein (guardare), è uno strumento che. permette di ottenere un immagine ingrandita Il Microscopio Il Microscopio Il microscopio, dal greco micron (piccolo) e skopein (guardare), è uno strumento che permette di ottenere un immagine ingrandita degli oggetti osservati. Unità di misura Unità

Dettagli

Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn. Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico

Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn. Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico Parte teorica Fenomenologia di base La luce che attraversa una finestra, un foro, una fenditura,

Dettagli

Ottica visuale. Corso di laurea in Ottica ed Optometria. Facoltà di Scienze M.F.N. Università del Salento Vincenzo Martella optometrista

Ottica visuale. Corso di laurea in Ottica ed Optometria. Facoltà di Scienze M.F.N. Università del Salento Vincenzo Martella optometrista Ottica visuale Parte 3 Il percorso della luce nell occhio Corso di laurea in Ottica ed Optometria Facoltà di Scienze M.F.N. Università del Salento Vincenzo Martella optometrista Contatti: 0833/541063 392

Dettagli

Secondo biennio e quinto anno

Secondo biennio e quinto anno Attività e insegnamenti dell indirizzo Sociosanitario articolazione: Arti ausiliarie delle professioni sanitarie - Ottico Disciplina: DISCIPLINE SANITARIE (ANATOMIA, FISIOPATOLOGIA OCULARE E IGIENE) Il

Dettagli

Corso di Laurea in Ottica e Optometria Laboratorio di Ottica Geometrica

Corso di Laurea in Ottica e Optometria Laboratorio di Ottica Geometrica Corso di Laurea in Ottica e Optometria Laboratorio di Ottica Geometrica Richiami teorici Equazione della lente sottile in approssimazione parassiale: p + q = () f dove: p = distanza oggetto-lente q = distanza

Dettagli

OFTALMOLOGIA. Dott. Francesco Laurelli (laurelli@tin.it - www.ofta.it) L'occhio: una macchina fotografica

OFTALMOLOGIA. Dott. Francesco Laurelli (laurelli@tin.it - www.ofta.it) L'occhio: una macchina fotografica OFTALMOLOGIA Dott. Francesco Laurelli (laurelli@tin.it - www.ofta.it) a cura di L'occhio: una macchina fotografica L'occhio funziona come una macchina fotografica; possiede lenti, diaframma e pellicola.

Dettagli

Ottica geometrica. Superfici rifrangenti e lenti

Ottica geometrica. Superfici rifrangenti e lenti Nome ile d:\scuola\corsi\corso isica\ottica\lenti.doc Creato il 09/05/003 0.33 Dimensione ile: 48640 byte Andrea Zucchini Elaborato il 8/05/003 alle ore.54, salvato il 8/05/03 0.54 stampato il 8/05/003.54

Dettagli

ELASTICITA CORNEO-SCLERALE IN CONDIZIONE DI IPOBARISMO (18-25000 piedi) IN PILOTI MILITARI

ELASTICITA CORNEO-SCLERALE IN CONDIZIONE DI IPOBARISMO (18-25000 piedi) IN PILOTI MILITARI Nicola Pescosolido Barbara Imperatrice Alessandro Carboni Silvia Conflitti Marco Borgia Dario Di Blasio STUDIO DELL ELASTICITA ELASTICITA CORNEO-SCLERALE IN CONDIZIONE DI IPOBARISMO (18-25000 piedi) IN

Dettagli

occhio e visione L occhio ossia la macchina fotografica umana

occhio e visione L occhio ossia la macchina fotografica umana occhio e visione L occhio ossia la macchina fotografica umana La meraviglia della visione umana Ogni secondo i nostri occhi mandano circa un miliardo di dati al cervello; essi possono percepire 10 milioni

Dettagli

Martedì della salute Torino, 2 dicembre 2014

Martedì della salute Torino, 2 dicembre 2014 Bruno Oldani, Direttore SC Oculistica, AO Mauriziano Umberto I di Torino Cinzia Orlandi, Ortottica e Assistenza Oftalmologica Martedì della salute Torino, 2 dicembre 2014 SVILUPPO DELLA VISTA NEL BAMBINO

Dettagli

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D)

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D) ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI () Una immagine (digitale) permette di percepire solo una rappresentazione 2D del mondo La visione 3D si pone lo scopo di percepire il mondo per come è in 3 dimensioni

Dettagli

L Astigmatismo DEFINIZIONE CONOIDE DI STURM CLASSIFICAZIONE

L Astigmatismo DEFINIZIONE CONOIDE DI STURM CLASSIFICAZIONE DEFINIZIONE L Astigmatismo Roberto VOLPE roberto.volpe@unifi.it ASTIGMATISMO è un Ametropia molto frequente Il nome deriva dal Greco ove stígma indica punto e a è inteso come elemento privativo, e si traduce

Dettagli

Lenti, Cannocchiali e Telescopi

Lenti, Cannocchiali e Telescopi tradizione e rivoluzione nell insegnamento delle scienze Istruzioni dettagliate per gli esperimenti mostrati nel video Lenti, Cannocchiali e Telescopi prodotto da Reinventore con il contributo del MIUR

Dettagli

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ;

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; Primo anno Secondo anno Terzo anno Primo anno MATEMATICA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; legge

Dettagli

MITI DA SFATARE, CERTEZZE DA CONFERMARE OSPEDALE V.BUZZI, MILANO

MITI DA SFATARE, CERTEZZE DA CONFERMARE OSPEDALE V.BUZZI, MILANO MITI DA SFATARE, CERTEZZE DA CONFERMARE OSPEDALE V.BUZZI, MILANO DOTT.SSA LUCIANA SOMAZZI DIRETTORE STRUTTURA SEMPLICE UO OCULISTICA OSPEDALE BASSINI, CINISELLO BALSAMO PRIMARIO DOTT. STEFANO GAMBARO PRODUZIONE

Dettagli

- B.1 - MANUALE DI OTTICA. per la classe seconda (professionale) a cura dei docenti dell'iis G.Galilei - Milano

- B.1 - MANUALE DI OTTICA. per la classe seconda (professionale) a cura dei docenti dell'iis G.Galilei - Milano - B.1 - MANUALE DI OTTICA per la classe seconda (professionale) a cura dei docenti dell'iis G.Galilei - Milano Agosto 2010 - B.2 - - B.3-1. Diottri sferici e specchi sferici La curvatura di una superficie

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA 1) Operare con i numeri nel calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali. Per riconoscere e risolvere problemi di vario genere, individuando

Dettagli

MULTIFOCALI LENTI A CONTATTO INTRODUZIONE

MULTIFOCALI LENTI A CONTATTO INTRODUZIONE Mario Giovanzana Milano 15dicembre 00 LENTI A CONTATTO MULTIFOCALI INTRODUZIONE Nell ambito della mia professione nel corso degli anni ho sviluppato la progettazione delle lenti a contatto, che gestisco

Dettagli

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 La vista 28/3/2006

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 La vista 28/3/2006 a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 La vista 28/3/2006 Visione della luce La luce è una forma di energia elettromagnetica siamo soliti definire "luce visibile" una radiazione

Dettagli

L occhio è simile ad una sfera di circa 2.5 cm. di diametro.

L occhio è simile ad una sfera di circa 2.5 cm. di diametro. L occhio e la visione - Richiami anatomici Lo studio della funzione visiva è molto complesso in quanto si basa su conoscenze diverse: - fisica: lo stimolo specifico è la luce visibile, - anatomia e fisiologia

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio Ottica geometrica Sommario 1) Cos è la luce

Dettagli

Definizione di lente. Tipi di lenti

Definizione di lente. Tipi di lenti LENTI Sommario Definizione di lente... 2 Tipi di lenti... 2 Punti e piani principali... 5 Punti e piani nodali... 10 Terminologia... 12 Focale, distanze coniugate ed ingrandimento... 19 Immagine generata

Dettagli

QUOTATURA. Introduzione

QUOTATURA. Introduzione QUOTATURA 182 Introduzione Per quotatura si intende l insieme delle norme che permettono l indicazione esplicita delle dimensioni(lineari ed angolari) dell oggetto rappresentato. Poiché a ciascun disegno

Dettagli

Moltiplicazione TUTORIAL SUL REGOLO CALCOLATORE - 1. Introduzione

Moltiplicazione TUTORIAL SUL REGOLO CALCOLATORE - 1. Introduzione TUTORIAL SUL REGOLO CALCOLATORE - 1 Introduzione Questo non è realmente un tutorial, è più una demo auto-guidata. Questa pagina fornisce esempi numerici dei calcoli di base che un regolo calcolatore può

Dettagli

PON C1 L invisibile intorno a noi

PON C1 L invisibile intorno a noi Scuola Secondaria di I Grado MICHELANGELO - Bari PON C1 L invisibile intorno a noi Prof.ssa Anna Maria D Orazio Il MICROSCOPIO e uno strumento che consente di osservare oggetti di dimensioni tali da non

Dettagli

4 La Polarizzazione della Luce

4 La Polarizzazione della Luce 4 La Polarizzazione della Luce Per comprendere il fenomeno della polarizzazione è necessario tenere conto del fatto che il campo elettromagnetico, la cui variazione nel tempo e nello spazio provoca le

Dettagli

Strumenti ottici Gli strumenti ottici sono sistemi ottici progettati allo scopo di aumentare il potere risolutivo dell'occhio. Trattiamo per primo,

Strumenti ottici Gli strumenti ottici sono sistemi ottici progettati allo scopo di aumentare il potere risolutivo dell'occhio. Trattiamo per primo, Strumenti ottici Gli strumenti ottici sono sistemi ottici progettati allo scopo di aumentare il potere risolutivo dell'occhio. Trattiamo per primo, come strumento ottico proprio l occhio. Schema dell occhio

Dettagli

Urano il Dobsnon dell' AAAV

Urano il Dobsnon dell' AAAV La base di partenza per il telescopio che ho costruito, in gran parte in economia, e che ho chiamato telescopio URANO, è da ricercare nella probabile sorte che, qualche tempo fa, sarebbe toccata al vecchio

Dettagli

Specchio parabolico: MIRASCOPE. a cura di Pietro Pozzoli

Specchio parabolico: MIRASCOPE. a cura di Pietro Pozzoli Specchio parabolico: MIRASCOPE Proprietà coinvolte: Rifrazione dei raggi partenti dal fuoco lungo rette parallele all asse Focalizzazione dei raggi paralleli all asse sul fuoco PUNTO DI VISTA FISICO: Quali

Dettagli

Definizioni riguardo alle lenti sferiche Una lente è un mezzo trasparente limitato da due superfici di cui almeno una curva.

Definizioni riguardo alle lenti sferiche Una lente è un mezzo trasparente limitato da due superfici di cui almeno una curva. 1 Le lenti Definizioni riguardo alle lenti sferiche Una lente è un mezzo trasparente limitato da due superfici di cui almeno una curva. Si chiama asse ottico della lente la retta che congiunge i centri

Dettagli

STUDI OFTALMICI VERONA oculistica e diagnostica oculare

STUDI OFTALMICI VERONA oculistica e diagnostica oculare Simposio SiCom- Sibdo CONTATTOLOGIA PRATICA ciò che è necessario sapere sulle lenti a contatto 91 Congresso Nazionale Milano, 23-2626 novembre 2011 E possibile correggere con LAC morbide le aberrazioni

Dettagli

Urun VrrA. OccHrALr SENZA. SUt TRATTAMENTO CHIRURGICO DEI DIFETTI DELLA VISTA GUIDA INFORMATIVA

Urun VrrA. OccHrALr SENZA. SUt TRATTAMENTO CHIRURGICO DEI DIFETTI DELLA VISTA GUIDA INFORMATIVA Urun VrrA SENZA OccHrALr GUIDA INFORMATIVA SUt TRATTAMENTO CHIRURGICO DEI DIFETTI DELLA VISTA I difetti visivi piü comuni ln un occhio normale i raggi di luce vengono messi a fuoco dalla cornea e dal cristallino

Dettagli

VISITA DI PREVENZIONE OFTALMOLOGICA PROMOSSA DALL ASSOCIAZIONE PER L ASSISTENZA SANITARIA

VISITA DI PREVENZIONE OFTALMOLOGICA PROMOSSA DALL ASSOCIAZIONE PER L ASSISTENZA SANITARIA MEDICO SPECIALISTA IN OFTALMOLOGIA DOTT.: Luogo Visita: Data: / / VISITA DI PREVENZIONE OFTALMOLOGICA PROMOSSA DALL ASSOCIAZIONE PER L ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA AI LAVORATORI DELLE AZIENDE DEL GRUPPO

Dettagli

VISIONE. Acuità visiva Campo visivo Senso cromatico Senso luminoso

VISIONE. Acuità visiva Campo visivo Senso cromatico Senso luminoso VISIONE Acuità visiva Campo visivo Senso cromatico Senso luminoso Acuità visiva normale: percezione di un oggetto che sottende un angolo di 5 ed i particolari quello di 1 L accomodazione accomodazione

Dettagli

O 12 - L OCCHIO. Fig. 195 - Sezione schematica dell occhio

O 12 - L OCCHIO. Fig. 195 - Sezione schematica dell occhio O 12 - L OCCHIO In quest articolo vogliamo illustrare l occhio umano dal punto di vista strettamente ottico, considerandolo cioè come uno strumento ottico, senza occuparci troppo della sua anatomia e della

Dettagli

Metodologia del rilevamento delle misure di un soggetto

Metodologia del rilevamento delle misure di un soggetto Cap. II LE MISURE La realizzazione di un capo confezionato si basa sulla conoscenza delle misure del soggetto a cui è destinato e, in funzione del sistema produttivo, potranno essere rilevate direttamente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA CLASSE PRIMA

PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA 1.NUMERI CLASSE PRIMA Comprende il significato Comprendere il significato Insiemi numerici NQZ Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico e algebrico rappresentandole

Dettagli

COS E LA MIOPIA? QUALI SONO I SINTOMI? COME CORREGGERLA?

COS E LA MIOPIA? QUALI SONO I SINTOMI? COME CORREGGERLA? COS E LA MIOPIA? QUALI SONO I SINTOMI? COME CORREGGERLA? La miopia è un'anomalia rifrattiva, a causa della quale i raggi luminosi che provengono dall infinito non si concentrano sulla retina, ma davanti

Dettagli

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO REALTÀ E MDELLI SCHEDA DI LAVR 1 La mansarda Per ultimare l edificazione di una villetta occorre costruire il tetto a due spioventi sopra la mansarda Come dato di progetto è noto quanto segue: considerata

Dettagli

GEOMETRIA CLASSE TERZA

GEOMETRIA CLASSE TERZA GEOMETRIA CLASSE TERZA Le principali figure geometriche del piano e dello spazio. Rette incidenti, perpendicolari e parallele. Introduzione del concetto di angolo a partire da contesti concreti. Introduzione

Dettagli

La lente Internal viene costruita con le nuove tecnologie,lavorando la superficie interna puntopunto.

La lente Internal viene costruita con le nuove tecnologie,lavorando la superficie interna puntopunto. Panoramica 3D L Addizione Interna La lente Internal viene costruita con le nuove tecnologie,lavorando la superficie interna puntopunto. Questa Tipologia di lavorazione è detta Lavorazione FreeForm Il Multifocale

Dettagli