Indice. 1 Nascita delle tecnologie didattiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. 1 Nascita delle tecnologie didattiche. ------------------------------------------------------------------- 3"

Transcript

1 LEZIONE LE TECNOLOGIE DIDATTICHE PROF. GIUSEPPE DE SIMONE

2 Indice 1 Nascita delle tecnologie didattiche Tecnologie di processo e tecnologie di prodotto Le tecnologie per la didattica La comunicazione mediata dal computer (CMC) Il posto della tecnologia nella formazione Bibliografia di 18

3 1 Nascita delle tecnologie didattiche. Le tecnologie dell informazione e della comunicazione hanno dato l avvio a numerosi e repentini cambiamenti all interno dei processi di acquisizione, produzione e trasmissione del sapere. Trasformazioni che hanno indotto le istituzioni scolastiche e formative a riorganizzarsi per essere in grado di formare le nuove generazioni, con il chiaro compito di istruirle per permettere loro di muoversi all interno di una nuova società della conoscenza e della comunicazione, che è in continuo evolversi: il sistema educativo, dunque, si trova di fronte a nuove sfide imposte da questi continui cambiamenti. Le prime macchine per insegnare vengono fatte risalire agli anni 20, ad opera di Sidney Pressey, uno psicologo americano, presso l Ohio University; anche se la nascita delle tecnologie didattiche (o educative) può essere ricondotta al 1954, anno in cui Skinner 1 pubblicò il suo articolo The science of learning and the art of teaching 2, definito come atto di nascita della Tecnologia dell Educazione, in cui proponeva un parallellismo tra gli studi di laboratorio sulle modifiche del comportamento degli animali e le pratiche che avrebbero potuto migliorare l educazione. «L istruzione programmata di Skinner, basata sulle leggi dell apprendimento di Torndike e Watson, oltre che sulle macchine per insegnare di Pressey, anticipa culturalmente l innovazione tecnologica del computer» 3. La ricerca tecnologica sul computer incrocia il sentiero della ricerca pedagogica e psicologica: prima teoria di riferimento è il comportamentismo, nato dalle ricerche sul condizionamento, considerato un componente della condotta umana che interagisce con le condotte intellettive. L idea di base era che l apprendimento consistesse nella modifica del comportamento di chi apprende. Ad esempio: imparare a svolgere un esercizio significava passare da un comportamento definibile fallimentare ad un comportamento che può essere definito corretto. Secondo Skinner, tale comportamento corretto è ottenibile fornendo opportuni stimoli; elemento fondamentale affinché ci sia un apprendimento è la presenza di un rinforzo (feedback) 1 Skinner, fu docente di psicologia comportamentale all Università di Harvard, ebbe molta influenza sui tecnologi didattici statunitensi, quasi tutti aderenti al comportamentismo. 2 Cfr. Skinner B. F., The science of learning and the art of teaching, Harvard Education Review, vol 24, Spring Galliani L., Tecnologie didattiche, educazione e società, in Galliani L. (a cura di), Tecnologie informatiche e telematiche, Pensa Multimedia, Lecce 2002, pag di 18

4 positivo; a questo rinforzo deve fare seguito un nuovo stimolo ed una nuova risposta da parte dello studente, fino ad ottenere i comportamenti desiderati. Un simile processo didattico, che non tenga conto delle possibili risposte errate, corrisponde ad una Istruzione Programmata Lineare (IPL). Schema poi sostituito con una Istruzione Programmata Ramificata (IPR), tesa a rendere il processo didattico individualizzato (ossia capace di tenere conto delle diverse risposte) e meno frammentario. Con l introduzione del computer fu facile per gli studiosi presentare l informazione, analizzarne la risposta e selezionare una successiva informazione sulla base della precedente risposta. Questo segnò l inizio del rapporto tra didattica e computer. A partire da questo momento il settore disciplinare vede un rapido sviluppo soprattutto in Inghilterra, dove venne identificato con il termine educational technology, «che inizialmente individuava il complesso di apparecchiature e strumenti utilizzabili a fini formativi in situazioni controllate di insegnamento/apprendimento e, in seguito, anche i materiali strutturati di conoscenza necessari per far funzionare i mezzi tecnici» 4. Una seconda teoria è quella del cognitivismo, secondo cui il cervello è da considerarsi quale elaboratore formale di simboli, alla stregua appunto di un computer. Non è un caso, quindi, che tale prospettiva abbia iniziato a svilupparsi contemporaneamente alla comparsa dei primi elaboratori elettronici, i quali hanno ispirato diverse metafore che ponevano l uomo sul piano della macchina e la mente su quello del software. «Secondo i cognitivisti, tutti i processi mentali possono essere descritti in termini di computazione di rappresentazioni simboliche, così come statuito dalla celebre teoria rappresentazionale della mente (RTM, Representational Theory of Mind). In altre parole, l attività mentale equivale all esecuzione di un algoritmo. Di conseguenza, se ciò che fa il cervello non è altro che elaborare simboli, diventa chiaro come sia di cruciale importanza, nel cognitivismo, il ruolo delle rappresentazioni simboliche» 5. 4 Ivi, pag Ruini F., Un po di storia del cognitivismo e dell intelligenza artificiale, pubblicato sul sito 4 di 18

5 Negli anni 50 i cognitivisti presero a collaborare con i ricercatori dell intelligenza artificiale, che approfondivano le ricerche iniziate da Touring 6, il quale aveva teorizzato la possibilità di costruire una macchina in grado di computare qualsiasi funzione matematica. La nascita dell informatica, quindi, diede modo agli studiosi del cognitivismo di capire e ricreare artificialmente la mente umana. Un ulteriore teoria a cui si può fare riferimento è quella denominata costruttivismo, sviluppatasi intorno agli anni 70 a partire dal cognitivismo definito di seconda generazione, per soddisfare soprattutto l esigenza di superare il cognitivismo HIP (Human Information Processing) che ha considerato l uomo e i suoi processi cognitivi attraverso la metafora del computer, quale semplice sistema di elaborazione di informazioni. Il costruttivismo pone maggiore enfasi alle strutture regolative del processo di apprendimento, a un utilizzo più strutturato e flessibile delle risorse, alle tecnologie come mezzo per introdurre nuove modalità di apprendimento, alla metacognizione. Verso la fine degli anni 70, l Association for Educational Communication and Technology (USA) ha dato la seguente definizione delle tecnologie didattiche: esse hanno come oggetto processi complessi ed integrati che coinvolgono persone, procedure, idee, mezzi ed organizzazione per l analisi di problemi relativi all apprendimento e per l elaborazione, l implementazione, la valutazione e il controllo di soluzioni a quei problemi in situazioni in cui l apprendimento è finalizzato e controllato. In Italia, l interesse per tale settore si sviluppa molto più tardi, all inizio degli anni 70, crescendo in maniera esponenziale negli ultimi quarant anni, ad opera di Rinaldo Sanna, ideatore e fondatore dell attuale Istituto per le Tecnologie Didattiche del CNR di Genova 7. Infatti, è solo negli anni 90 che si sono avute le prime cattedre di Tecnologia dell Istruzione presso alcune università italiane. Una prima introduzione dei personal computer a scuola si è avuta negli anni 80 8, periodo in cui partirono i piani per attrezzare tutte le istituzioni educative e formative in molti Paesi d Europa: si stava affermando il ruolo formativo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione. 6 Turing è autore di ricerche estremamente raffinate e molto profonde sul concetto logico-matematico di calcolabilità: la strumento che egli ha proposto per affrontare il problema è noto oggi col nome di macchina di Turing. Preso da Internet URL: 7 Durante i primi anni 80 fonda la prima biblioteca italiana del software didattico, che raccoglie e rende disponibile i vari pacchetti software, soprattutto quelli in lingua inglese, che sono prevalentemente di tre tipi: 1) i programmi tutoriali; 2) i programmi di tipo esercitativo come drill & practice; 3) il Logo. 5 di 18

6 Con i programmi di videoscrittura, gli spreadsheet e la familiarizzazione con gli elementi di base dell informatica si andava così affermando il ruolo formativo delle tecnologie dell istruzione e della comunicazione. Negli anni 90, con l avvento dell ipertestualità e della multimedialità, a seguito del secondo Piano Nazionale Informatica, si ha una grande svolta: il computer diventa lo strumento multimediale per eccellenza, rivoluzionando così la metodologia dell insegnamento e superando il modello classico della lezione frontale. Dal 2000 ad oggi, le Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione hanno avuto un espansione capillare in tutti gli ambiti del sistema scolastico e formativo italiano. I programmi maggiormente utilizzati nella scuola italiana, riguardano gli strumenti di produttività personale come Word ed Excel, oltre che strumenti più complessi come le applicazioni di connessione di rete, le opere multimediali su CD-ROM, i software per la realizzazione di pagine web dinamiche e le avanguardie scolastiche portate da Linux e dal software open source. La scuola, dunque, deve farsi carico di dare una sufficiente formazione in riferimento alle competenze linguistiche ed informatiche, considerando il fatto che tali competenze costituiscono validi strumenti anche per un migliore apprendimento di altre discipline. Questo può avvenire se si mettono a disposizione dei discenti nozioni approfondite degli aspetti strumentali, sul computer, su internet, sulle differenze tra ambienti di programmazione, sui sistemi per la gestione dei dati, ecc. «Sul piano dei concetti e delle metodologie la formazione potrebbe girare intorno a quelle che sono le funzioni dello strumento tecnologico: - organizzare informazioni, dati e conoscenze; - calcolare e risolvere algoritmicamente problemi; - comunicare e creare nuove forme di comunicazione; - esplorare domini di conoscenze e favorire la produzione di congetture. 8 Nel nelle scuole italiane ci sono circa computer, di cui oltre nella scuola superiore; in particolare quelle ad indirizzo tecnico o professionale, più ricche, cominciano ad adibire le aule a laboratori informatici. Una diffusione massiccia è impedita anche dai requisiti troppo tecnici che i primi computer richiedono. Per questo cominciano ad essere organizzati i primi corsi di alfabetizzazione informatica per docenti, soprattutto di discipline tecnico-scientifiche. Corsi volti a far comprendere che cosa sia un computer attraverso la conoscenza della sua struttura interna, il funzionamento del suo sistema operativo e il modo in cui può essere realizzato un programma per mezzo di un linguaggio di programmazione, come ad esempio il linguaggio Basic e quello Pascal. (www.wikiartpedia.org) 6 di 18

7 L articolazione nelle quattro aree consente di sviluppare consapevolezza sia della forte interazione tra conoscenze dichiarative e procedurali, sia delle azioni di tipo esperienziale improntate alla manualità e alla manipolazione di oggetti materiali o digitali, sia dei processi di astrazione, concettualizzazione e modellizzazione» 9. L ICT, non è da considerarsi soltanto quale semplice materia di apprendimento, ma soprattutto come mezzo per costruire metodi innovativi di insegnamento e apprendimento. Sul piano legislativo sono stati adottati vari provvedimenti al fine di regolamentare la disciplina del settore didattico-tecnologico: il decreto Moratti-Stanca del 17 aprile 2003, il quale istituisce le università telematiche, definendo le procedure e i criteri di accreditamento dei corsi di studio a distanza; la legge 296 del 27 dicembre 2006, la quale prevede l istituzione dell Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell Autonomia Scolastica, definendo funzioni e articolazione della struttura, con sede a Firenze, assegnandole i ruoli prima detenuti dall Istituto Nazionale di Documentazione per la Ricerca Educativa (Indire) e dagli Istituti Regionaliu di Ricerca Educativa (Irre). 9 Tagliagambe S., L introduzione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nell insegnamento scolastico, TDmagazine, n 3, Edizioni Menabò, Ortona 2001, pp di 18

8 2 Tecnologie di processo e tecnologie di prodotto10. «Una delle più importanti sfide, oltre che chance, della scuola è quella di partecipare direttamente attraverso le Tecnologie dell Informazione (che trattano conoscenze e saperi) e della Comunicazione (che trattano linguaggi e relazioni sociali) ai processi di produzione della cultura e non solo della sua trasmissione alle nuove generazioni. Due diversi paradigmi culturali e scientifici, uno informazionale e uno relazionale, reggono rispettivamente le tecnologie dell Informazione, in quanto tecnologie di prodotto, e le tecnologie della Comunicazione in quanto tecnologie di processo, e ne spiegano lo sviluppo attraverso le metamorfosi della multimedialità, dell interattività e della loro amplificazione sociale attraverso Internet (virtualità). Educazione e istruzione si traducono in azioni formative finalizzate (strategie, metodi, tecniche) ad aiutare i soggetti ad organizzare, sviluppare, riflettere sul proprio apprendimento. Gli ambienti formativi integrati sono segnati dalle dinamiche didattiche che relazionano i processi di informazione (organizzazione scientifico-disciplinare dei saperi) con i processi di conoscenza (ricezione, esplorazione, contestualizzazione) e con i processi dell apprendimento (paradigmi: cognitivista, interazionista, costruttivista)» 11. Le tecnologie di processo possono essere classificate rispetto a sei categorie di discorsiazioni pedagogico-educative che qualificano i processi di insegnamento-apprendimento, ma tale classificazione può essere soltanto descrittiva delle dinamiche di uso. «Le sei categorie sono le seguenti: 1. Analisi delle organizzazioni formative, in quanto sistemi, e delle loro interrelazioni con i più ampi sistemi socio-politici ed economico-produttivi, per una esaustiva determinazione dei fini educativi e dei bisogni formativi e delle qualità dei servizi erogati; 10 Cfr.Galliani L., Tecnologie informatiche e telematiche, op. cit., pp Cfr. Galliani L., Metodologie integrate (in aula, in rete, sul campo) per la formazione continua degli insegnanti, 8 di 18

9 2. Progettazione didattica e programmazione educativa, per una definizione sistematica degli obiettivi formativi e dei curricoli di studio, per una pianificazione delle risorse umane e materiali; 3. Produzione dei materiali-media didattici necessari alla costruzione-realizzazione di esperienze di apprendimento nelle loro varie fasi o momenti funzionali (motivazione, informazione, esercitazioni, ricerca, ecc.) sia da parte dei docenti che degli allievi; 4. Gestione o conduzione delle dinamiche comunicative, secondo diversi metodi di interazione e di tecniche di animazione, con particolare riferimento agli stili di direzione (atti linguistici performativi soprattutto di natura assertiva) e alle differenziazioni individuali degli stili cognitivi e di apprendimento; 5. Valutazione come dimensione formale nella rappresentazione dei processi e nei flussi dei comportamenti dell insegnare e dell apprendere, secondo criteri di giudizio interni (rapporto mezzi-risultati in termini di conoscenze-abilità-competenze) ed esterni (rapporto finalità del sistema-risultati) e secondo strumenti differenziati di rilevazione, elaborazione, interpretazione, comunicazione delle informazioni; 6. Sviluppo e quindi ricerca, sperimentazione, implementazione di nuovi modelli educativi e di nuovi ambienti formativi, con evidenziazione dei criteri e delle procedure di trasferibilità dai livelli progettuali e prototipali ai livelli diffusivi su larga scala.» 12 Tale classificazione risulta, dunque, essere semplicemente descrittiva, rinviando alle scienze pedagogiche i criteri normativi. La classificazione delle tecnologie di prodotto, diversamente, «risulta essere flessibile rispetto alla morfologia dell hardware e dipendente dalle configurazioni applicative che le tecnologie assumono nei vasti contesti produttivi, sociali e culturali» 13. Questo perché, basandosi su un criterio tecnologico, non è possibile stabilire delle rigide tipologie e tantomeno delle classi di prodotti, in quanto sarebbero resi superati in tempi brevi dalla continua innovazione. Innovazione che rende praticamente inutile la produzione di griglie. 12 Galliani L., Tecnologie informatiche e telematiche, op. cit., pag Ivi, pag di 18

10 Le tecnologie di prodotto devono, tuttavia, rispondere a criteri di classificazione normativa e non solo descrittiva, ma in questo caso ad essere valutato è il software. Dunque, «per costruire una classificazione di significanza pedagogica, occorre costruire un sistema che relazioni la variabile tecnologica (riferita ai media) con la variabile comunicativa (riferita ai linguaggi) e con la variabile funzionale (riferita ai metodi o strategie didatti che)» 14. È possibile evidenziare cinque tipologie di tecnologie di prodotto: 1. Tipografiche, per la realizzazione di materiale cartaceo; 2. Audiovisive, per l elaborazione di prodotti statici, di registrazione, dinamiche; 3. Informatiche, per la produzione e l utilizzo di software; 4. Multimediali, per la lavorazione e l utilizzo di CD-Rom, con software di sviluppo iper-mediale; 5. Telematiche, per l interazione a distanza, attraverso la comunicazione in rete. La distinzione tra tecnologie di processo e tecnologie di prodotto vanno a costituire due versanti, uno più interno, rappresentato dal sistema delle istituzioni formative e delle sue attività, e l altro più esterno, rappresentato dal più ampio sistema socio-culturale, le cui componenti sono molto diverse per strutture, funzioni e finalità, ma la cui interfaccia risiede nelle stesse attività educative. 14 Ibidem. 10 di 18

11 3 Le tecnologie per la didattica. Il termine tecnologie per la didattica, molto diverso dal termine tecnologie didattiche che si riferiscono ad un settore interdisciplinare centrato sui processi didattici, si riferisce a tutte quelle tecnologie che sono, o possono essere, utilizzate nella didattica con una accezione prevalentemente tecnologica, cioè tutti quegli strumenti, hardware o software, che possono essere impiegati per facilitare l'apprendimento da parte degli studenti e l'insegnamento da parte dei professori. «Qualsiasi processo di apprendimento si serve di qualche tecnologia, di qualche strumento didattico. La semplice penna, la scrittura, il libro, la stampa, la lavagna, o anche le tavolette di cera, ecc., sono degli strumenti didattici. Quando parliamo di tecnologie per la didattica, quindi, non dovremmo pensare solo, per esempio, al videoregistratore o al computer» 15. Le tecnologie per la didattica possono essere classificate in base a diversi criteri: un criterio cronologico,elencandoli in ordine di invenzione o introduzione nei processi educativi, distinguendo perciò tra: a) strumenti tradizionali, che includono i quaderni, la lavagna, i libri, le carte geografiche, ecc.; b) strumenti più recenti, non usati molto spesso nei normali processi educativi, quali televisione, cinema, registratori video o audio, proiettori di lucidi o diapositive, ecc.; c) strumenti digitali, computer, CD, reti telematiche, ecc., mezzi sia hardware sia software che la rivoluzione digitale ha introdotto nella nostra vita e che stanno faticosamente entrando anche ora nelle aule scolastiche; un criterio di maggiore o minore diffusione all interno dei processi educativi; un criterio riferito all età dei soggetti che ne dispongono;o un criterio basato sulla loro capacità di accompagnare in modo "naturale" e "graduale" lo sviluppo cognitivo del bambino. «Potremmo allora dividere gli strumenti didattici in quattro gruppi in base ad una progressione logica della comunicazione didattica: 1. il gruppo dei mezzi per comunicazione che prevedono scene cinetiche; 2. il gruppo dei mezzi per comunicazione che prevedono immagini statiche; 3. il gruppo dei mezzi per comunicazione che prevedono testi orali e scritti; 4. il gruppo dei mezzi multimediali. 15 Cfr. Colasanti L., Le Nuove Tecnologie per la Didattica, 11 di 18

12 Questa progressione è dettata dall'ipotesi che la conoscenza proceda dal particolare al generale, dal concreto all'astratto, dal semplice al complesso, dalla cinetica alla statica, dagli eventi alle idee. Nel primo gruppo, troviamo quelle tecnologie, come il cinema e la televisione, che riproducono le scene cinetiche dal vivo in tempo reale. In questo gruppo possiamo elencare: televisori, video-registratori, video-proiettori, video-cassette, cine-proiettori, film, documentari, ecc. Sembra che questi mezzi di comunicazione siano quelli che meglio colgano la realtà, le relazioni spazio-temporali tra gli eventi. Ma a ben vedere non sempre sono adatti a riprodurre le idee, le relazioni logiche tra i fatti, a farci comprendere a fondo quello a cui stiamo assistendo. Il secondo gruppo comprende le tecnologie che riproducono in modo statico la realtà. In questo gruppo possiamo inserire i proiettori di diapositive, il disegno, la pittura, la lavagna luminosa, la lavagna d'ardesia, ecc. Ma anche all'interno di questo gruppo possiamo stabilire una progressione dal concreto all'astratto. Al primo posto ci sono le fotografie, poi i disegni dal vero, i quadri, poi il disegno industriale, architettonico, infine gli schemi, i diagrammi. Man mano che andiamo avanti la realtà viene riprodotta in maniera sempre più astratta, vengono messe in luce sempre di più solo le caratteristiche che stanno a cuore al comunicante. Il disegno ideografico ci fa rapidamente entrare nel terzo gruppo quello delle tecnologie che riproducono il linguaggio orale e scritto. Qui il rapporto con la realtà è solo convenzionale, dipendente interamente dalla cultura, è un modo di comunicare molto astratto e sofisticato. In questo gruppo troviamo la lavagna, il libro, il quaderno, i registratori audio, ecc. Nel quarto gruppo ci sono le tecnologie digitali e multimediali, quelle tecnologie che sono in grado, grazie alla codificazione binaria di numeri, testi, immagini, suoni, filmati, di utilizzare in un unico formato tutte le modalità di comunicazione viste finora. In questo gruppo troviamo i computer, i CD, gli ipertesti, le reti telematiche e i vari software» 16. Le nuove tecnologie digitali, dunque, offrono la possibilità di costruire, per i nostri bambini, degli ambienti di apprendimento multimediali e multisensoriali in cui essi possono addestrarsi in una progressiva astrazione. Ambienti in cui le varie modalità di comunicazione possono essere integrate tra loro, producendo qualcosa che non è la semplice somma delle parti. 16 Ibidem. 12 di 18

13 4 La comunicazione mediata dal computer (CMC). Lo sviluppo tecnologico nel campo delle trasmissioni elettroniche ha scaturito una vera e propria rivoluzione nel campo delle comunicazioni. La trasmissione dei dati in formato digitale è riuscita ad abbattere alcuni dei vincoli della comunicazione tradizionale, si parla per questo di Comunicazione Mediata dal Computer (CMC). La CMC è una branca di studi che si occupa di tecnologie, comprendendo tutte le forme di comunicazione rese possibili tramite l utilizzo e, quindi, la mediazione del personal computer (inteso qui nella sua accezione di terminale della rete e punto di accesso alla stessa). Con la Comunicazione Mediata dal Computer cadono alcuni vincoli tradizionali, tra cui quello della compresenza fisica degli attori, per cui si può comunicare indipendentemente dalla condivisione di uno spazio fisico; anche la variabile tempo viene ad essere stravolta: due o più soggetti possono comunicare senza i limiti della simultaneità; inoltre, vengono meno tutti gli aspetti legati alla gestualità, alla postura, alla mimica, al para-verbale, che hanno sempre arricchito la comunicazione verbale dando un notevole contributo alla definizione del senso. L indipendenza dai vincoli spaziali e temporali aumenta le possibilità di fruizione dei servizi informativi, la partecipazione a gruppi di lavoro, la frequenza di corsi, e tanto altro ancora. «La CMC, rispetto a tutte le altre forme di comunicazione, per la prima volta ci mette di fronte a una comunicazione che non avviene in un luogo o tra luoghi diversi, ma che si propone essa stessa come luogo del suo accedere» 17. Da qui, è possibile affermare che le comunità virtuali sono definibili come «comunità di territorio»: i gruppi di persone diventano tali quando interagiscono e stanno insieme abbastanza a lungo da dare vita ad abitudini, usi e convenzioni condivise, in cui ogni singolo membro vive una relazione di interdipendenza per la realizzazione di determinati scopi. La CMC si è tradizionalmente occupata di comunicazione asincrona e sincrona, testuale e grafica mediante i computer connessi alla rete telematica. 17 Cfr. RivoltellaP. C., Costruttivismo e pragmatica della comunicazione on line. Socialità e didattica in Internet, Erickson, Trento di 18

14 La CMC asincrona studia le interazioni poste in essere attraverso l impiego della posta elettronica, dei newsgroup e delle mailing list, ovvero di tutte quelle forme di comunicazione mediata dal computer caratterizzate dal linguaggio testuale, uno ad uno, uno a molti, di carattere privato, semiprivato, pubblico, in assenza di vincoli spaziali e temporali fra gli interlocutori, che avvengono in modalità non simultanea. La CMC sincrona si occupa, invece, delle interazioni che si realizzano attraverso i canali IRC (Internet Relay Chat), l'istant messaging e i MUD, cioè quelle forme di comunicazione mediata dal computer caratterizzate da un linguaggio simile a quello della comunicazione asincrona, ma con la presenza simultanea degli interlocutori. «Inoltre, la CMC studia anche la comunicazione visuale/testuale delle homepage personali, dei siti Internet, dei giochi online. Si interessa, quindi, anche della comunicazione grafica, multimediale, interattiva, ipertestuale e ipermediale che combina elementi testuali del linguaggio verbale e del linguaggio dei segni, i pittogrammi, gli ideogrammi e i simboli grafici, coniugati al linguaggio dei media, e quindi le immagini, fisse e in movimento, i fonogrammi. Per questo, oggi, oltre che le tecnologie e gli ambienti elettronici citati, la CMC si occupa anche delle tecnologie ibride che consentono una comunicazione ad ampia larghezza di banda fra due o più interlocutori. Il focus degli studi più recenti riguarda le forme prevalenti della comunicazione tramite il protocollo TCP/IP, quello della rete Internet, e i protocolli complementari che ne gestiscono i servizi di base, (Http, Ftp, Smtp, Pop3, Imap, Telnet, ecc.), ma anche le forme comunicative di cui il web costituisce un'interfaccia privilegiata, e cioè il blogging, il wiki-writing, i social networks, il social broadcasting, ecc.» Definizione presa dal sito: 14 di 18

15 5 Il posto della tecnologia nella formazione. Il modello classico della trasmissione del sapere sta subendo profondi cambiamenti, un mutamento, definibile come epocale, a cui risponde l'uso educativo delle nuove tecnologie. «La crisi della gerarchia dei saperi, la complessità della conoscenza e l'emergere dell'apprendimento interattivo, il venir meno della centralità del docente come unico mediatore culturale, l'uso quotidiano dei computers e di Internet da parte delle nuove generazioni, l'approccio multimediale alla conoscenza, rappresentano tutti fattori che favoriscono questa nuova interazione tra tecnologia e formazione» 19. Dunque, le tecnologie dell informazione e della comunicazione plasmano la società tutta; la digitalizzazione e la diffusione delle reti globali cambiano i modi in cui la società crea, acquisisce e gestisce le informazioni: le ICT diventano sempre più parte integrante del quotidiano oltre che un importante e indispensabile strumento di lavoro. Le tecnologie non sono più soltanto materia di studio, ma diventano anche mezzo per costruire metodi innovativi di insegnamento e apprendimento. L impiego delle ICT nelle scuole va da un utilizzo come semplice ausilio nell insegnamento/apprendimento, ad uno in cui i media sono tutti collegati in rete dove l apprendimento avviene in ambienti virtuali che superano i normali confini della disciplina. I cambiamenti cui è sottoposta la società e i nuovi ambiti di conoscenza esprimono la forte richiesta di sempre nuove competenze ed abilità, mentre il sistema educativo, sulla cui trasformazione le ICT svolgono un ruolo importante, si concentra su questioni inerenti la motivazione, l autostima, i metodi di apprendimento e le competenze sociali. «Applicare la tecnologia ai sistemi formativi significa introdurre criteri di progettazione, di gestione e di valutazione nei processi di insegnamento-apprendimento, utilizzando i media dell informazione e della comunicazione. 19 Cfr. Stanca L., La formazione e le nuove tecnologie della comunicazione, 26 marzo 2002, Puntata realizzata con gli studenti del Liceo Classico "Orazio" di Roma. 15 di 18

16 Le tre innovazioni didattiche, a cui sono state progressivamente sottoposti i sistemi formativi a causa dell introduzione del computer o dell utilizzo di Internet, risiedono: - nella costruzione sociale off-line e on-line di ambienti didattici tecnologici che, rapportandosi direttamente con gli allievi, propongono una nuova dimensione dell interattività, non più legata alla tradizionale comunicazione interpersonale/bilaterale insegnante-allievo o mediatizzata audiovisivo/allievo; - nell utilizzazione integrata di linguaggi analogici e digitali (testuali, orali, grafici, iconici, musicali, audiovisivi) e di media scripto-audio-video-matici nella progettazionegestione-valutazione dei processi istruttivi e nella costruzione di messaggi-testi comunicativi ed espressivi; - nell accesso alle informazioni e ai contenuti del sapere in tempo reale, attraverso percorsi differenziati e autonomi, resi possibili dalle scelte individuali fra i siti e i links dell organizzazione reticolare» 20. Sulla base di quanto detto, anche il computer e internet vanno smitizzati, superando la convinzione secondo cui senza di essi non sembra possibile si possa più comunicare né studiare né lavorare, finanche amare e vivere. 20 Cfr. Galliani L., Tecnologie informatiche e telematiche, op. cit., pag di 18

17 Bibliografia AECT Task Force, The definition of Educational Technology, Association For Educational Communications and Technology, D.C Bonaiuto, M. (a cura di), Conversazioni virtuali. Come le nuove tecnologie cambiano il nostro modo di comunicare con gli altri, Guerini e Associati, Calvani A., Rete, comunità e conoscenza, Erickson, Trento Ciotti F., Tecnologia e trasmissione del sapere: verso la biblioteca digitale, Intervento tenuto al Convegno «Internet: Ricerca e/o Didattica», Bologna, Dipartimento di Italianistica, 27 novembre 1996; rivisto dall'autore nel Ferraris M., Olimpo G., L evoluzione delle tecnologie didattiche, La Scuola Se, vol. 3, n 2, Fragnito R., La rete della didattica, Pensa Multimedia, Lecce Galliani L., Metodologie integrate (in aula, in rete, sul campo) per la formazione continua degli insegnanti, Galliani L., Tecnologie didattiche, educazione e società, in Galliani L. (a cura di), Tecnologie informatiche e telematiche, Pensa Multimedia, Lecce Greenfield P., Mente e media, Armando Edizioni, Roma Hokanson B., Hooper S., Computers as cognitive media: examining the potential of computers in education, Computers in human behavior, September 2000, Vol 16, n 5. Maragliano R., Tecnologie e saperi, TDmagazine, n 1, Edizioni Menabò, Ortona Margiotta U., Educazione e formazione nella società della conoscenza, TDmagazine, n 1, Edizioni Menabò, Ortona Midoro V., Il museo delle Tecnologie Didattiche, in Midoro V. G. Olimpo e Persico D. (a cura di), TDmagazine, Edizioni Menabò, Ortona Olimpo G., Nascita e sviluppo delle Tecnologie Didattiche, TDmagazine Pressey S., A Simple Apparatus which gives tests and scores and teaches in Teaching Machines and Programmed Learning, Lumsdane A.A. and Glaser R. eds, N.E.A. Washington di 18

18 RivoltellaP. C., Costruttivismo e pragmatica della comunicazione on line. Socialità e didattica in Internet, Erickson, Trento Rotta M., Ranieri M., E-Tutor: identità e competenze, Erickson, Trento Roversi, A. "Introduzione alla comunicazione mediata dal computer", Il Mulino, Saettler P., A history of Instructional Technology, McGraw Hill, New York Sanna R., Bozzo E., Gemma A., PROMIX 2, An Audiovisual Display System for Educational Purposes, Rapporto Tecnico CNR-ITD, Genova Skinner B. F., The science of learning and the art of teaching, Harvard Education Review, vol 24, Spring Stanca L., La formazione e le nuove tecnologie della comunicazione, 26 marzo 2002, Puntata realizzata con gli studenti del Liceo Classico "Orazio" di Roma. Tagliagambe S., L introduzione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nell insegnamento scolastico, TDmagazine Il concetto di Pedagogia. 18 di 18

Dall istruzione programmata all e-learning

Dall istruzione programmata all e-learning Dall istruzione programmata all e-learning L ausilio delle tecnologie informatiche e dell intelligenza artificiale per l insegnamento degli allievi è un binomio che ha visto un progressivo sviluppo di

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq LE NUOVE TECNOLOGIE DIDATTICHE wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui BONAFEDE

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

IL RUOLO DELLA TELEVISIONE NEI PROCESSI DI INSEGNAMENTO E DI APPRENDIMENTO 1. di Maria Amata Garito

IL RUOLO DELLA TELEVISIONE NEI PROCESSI DI INSEGNAMENTO E DI APPRENDIMENTO 1. di Maria Amata Garito IL RUOLO DELLA TELEVISIONE NEI PROCESSI DI INSEGNAMENTO E DI APPRENDIMENTO 1 di Maria Amata Garito Introduzione La comunicazione bidirezionale e unidirezionale Dagli studi compiuti finora in ambito didattico

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life

Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life Form@re, ISSN 1825-7321 Edizioni Erickson, www.erickson.it Questo articolo è ripubblicato per gentile concessione della casa editrice Edizioni Erickson. Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

L'ACQUISIZIONE DI UNA LINGUA SECONDA NELL'ERA DIGITALE. LA MULTIMEDIALITÀ APPLICATA AL PROGETTO

L'ACQUISIZIONE DI UNA LINGUA SECONDA NELL'ERA DIGITALE. LA MULTIMEDIALITÀ APPLICATA AL PROGETTO L'ACQUISIZIONE DI UNA LINGUA SECONDA NELL'ERA DIGITALE. LA MULTIMEDIALITÀ APPLICATA AL PROGETTO SOCRATES.. Katerin Katerinov - Università per Stranieri di Perugia La trasformazione radicale che l avvento

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

WEBCONFERENCE. La lezione a casa

WEBCONFERENCE. La lezione a casa WEBCONFERENCE La lezione a casa Fabio Biscaro @ www.oggiimparoio.it capovolgereibes.net 2 Valutazione dei video (1) 1. Video corti 2. Focus su un unico argomento 3. Essere chiari e non dare nulla per scontato

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

3. NUOVE TECNOLOGIE DIDATTICHE E CONOSCENZA

3. NUOVE TECNOLOGIE DIDATTICHE E CONOSCENZA 3. NUOVE TECNOLOGIE DIDATTICHE E CONOSCENZA 3.1 Le nuove tecnologie didattiche Con il termine nuove tecnologie didattiche si intende tradurre la sigla americana ICT (Information and Communication Technologies),

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE LEZIONE: DAI SAPERI ALLE COMPETENZE PROF.SSA ANGELA ELIA Indice 1 DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE ----------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE COMPETENZE

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Learning 4 All Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Autore/i Data Versione Reviewer Ferrari L., Lovece S. 12/10/2010 1.1 Luigi Guerra, Elena Pacetti, Manuela Fabbri, Enrico

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA

IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA UFFICIO FORMAZIONE E ECM IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA Mod. -0701-08 a Rev. 02 Del 10/07/2011 LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: STRATEGIE E STRUMENTI LOW ED HIGH TECH PER LA COMUNICAZIONE,

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli