Moneta e Finanza MACRO 3 BIS. Sergio Vergalli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Moneta e Finanza MACRO 3 BIS. Sergio Vergalli"

Transcript

1 Moneta e Finanza MACRO 3 BIS Sergio Vergalli

2 DALTONS EQUILIBRIUM Vergalli - Lezione 4 2

3 Giocatore 1 G1 (sotto) G2 (sopra) GIALLO GIALLO 1000 euro BLU 3000 euro BLU 0 euro 2000 euro Vergalli - Lezione 4 3

4 Giocatore 2 G1 (sotto) G2 (sopra) GIALLO GIALLO 1000 euro BLU 0 euro BLU 3000 euro 2000 euro Vergalli - Lezione 4 4

5 Giocatore 1/2 G1 (sotto) G2 (sopra) GIALLO GIALLO 1000, 1000 BLU 3000, 0 BLU 0, , 2000 Vergalli - Lezione 4 5

6 ES 2 Giocatore 1 G1 (sotto) G2 (sopra) GIALLO GIALLO 1000 euro BLU 2000 euro BLU 2500 euro 500 euro Vergalli - Lezione 4 6

7 ES. 2 Giocatore 2 G1 (sotto) G2 (sopra) GIALLO GIALLO 1000 euro BLU 2500 euro BLU 2000 euro 500 euro Vergalli - Lezione 4 7

8 ES 2 G 1/2 G1 (sotto) G2 (sopra) GIALLO GIALLO 1000, 1000 BLU 2000,2500 BLU 2500, , 500 Vergalli - Lezione 4 8

9 COSA E LA MONETA? Vergalli - Lezione 4 9

10 Intro Se andate al ristorante e consumate un pasto, ricavate qualcosa che ha valore: la pancia piena. In cambio, date al ristoratore alcuni pezzi di carta ciancicata, decorati con disegni geometrici, scritte e ritratti di personaggi celebri morti da molto tempo; potreste dargli un altro pezzo di carta con stampato il nome di una banca e la vostra firma. In entrambi i casi il ristoratore è ben contento di soddisfare le vostre richieste.. (Mankiw, 2004).perchè è sicuro che nel futuro una terza persona acceterà quei pezzi di carta in cambio di qualcosa d altro.. Vergalli - Lezione 4 10

11 Intro Immaginiamoci ora che la moneta non esista. Come faccio ad andare al ristorante? Come pago????? Baratto! Potrei mangiare una pietanza offrendomi di lavare i piatti, sistemare l auto del ristoratore o dargli la segretissima ricetta del polpettone di Nonna Papera. Occorre pertanto: Vergalli - Lezione 4 11

12 Doppia coincidenza della volontà Cioè l improbabile simultaneo ricorrere, in due individui del desiderio di ciò che l altro ha da offrire. Con una molteplicità di agenti, e di beni e servizi, gli scambi risultano molto complicati ed impongono notevoli costi di transazione, dovuti alle attività di ricerca, di contrattazione, etc Con la moneta è tutto più semplice: il ristoratore accetta il vostro denaro e lo usa per pagare il cuoco, che lo spende per mandare i propri figli alla scuola materna, dove viene usato per pagare lo stipendio ad un insegnante che lo usa per pagarvi affinché gli falciate il prato. Vergalli - Lezione 4 12

13 Il denaro passa da un individuo all altro nell economia, facilitando la produzione ed il commercio, permettendo a ciascuno di specializzarsi in ciò che sa fare meglio e migliorando il tenore di vita di tutti. Mankiw, 2004 Vergalli - Lezione 4 13

14 Cosa è la moneta? L insieme dei valori che vengono utilizzati regolarmente dagli individui di un economia per acquistare beni e servizi da altri individui Che differenza c è fra un portafogli contenente banconote ed un portafogli contenente azioni? Vergalli - Lezione 4 14

15 Definizione funzionale 3 funzioni principali: Unità di conto Mezzo di scambio Deposito di valore Vergalli - Lezione 4 15

16 Unità di conto La moneta è un numerario: unità di misura E il parametro rispetto al quale si determinano i prezzi e si valutano i debiti Diverso dal concetto di mezzo di pagamento. Esempi: euro prima dell introduzione fisica delle banconote/monete, ECU. Vergalli - Lezione 4 16

17 Unità di conto Pane Matite Sigarette Pane 1 1/5 1/10 Matite 5 1 ½ Sigarette Vergalli - Lezione 4 17

18 Unità di conto Quanti valori di scambio o prezzi relativi? 9 ma sulla diagonale sono tutti 1 e dato un elemento so il suo simmetrico: a ij =1/a ji Quindi il valore effettivo dei valori di scambio è n(n-1)/2=elementi sopra o sotto la diagonale principale Vergalli - Lezione 4 18

19 Unità di conto Tuttavia, se scelgo un numerario, posso esprimere tutti i valori di scambio in termini di quel numerario Scelto un numerario ci sono solo (n-1) valori di scambio indipendenti. Tutti espressi RELATIVAMENTE al numerario di riferimento Vergalli - Lezione 4 19

20 Unità di conto Tuttavia: quando fate acquisti, notate che una camicia costa 20 euro ed un panino 2 euro. Sebbene sia corretto affermare che il prezzo di una camicia è 10 panini ed il prezzo di un panino è 1/10 di camicia, si usa la moneta come unità di conto. Vergalli - Lezione 4 20

21 Mezzo di scambio Ciò che il compratore corrisponde al venditore quando acquista un bene o servizio. Quando esiste un unità di conto, normalmente viene utilizzata come mezzo di scambio o intermediario degli scambi La moneta è mezzo di pagamento solo in quanto incorpora potere d acquistod Quindi deve essere un deposito di valore! Vergalli - Lezione 4 21

22 Mezzo di scambio Mezzo di scambio Riserva di valore Ma non il viceversa: Riserva di valore non Mezzo di scambio Vergalli - Lezione 4 22

23 Deposito di valore Ciò che gli individui possono utilizzare per trasferire potere di acquisto dal presente al futuro La moneta non è l unica riserva di valore: Azioni, obbligazioni, immobili, opere d arte, francobolli, collezionismo.. Cosa cambia rispetto a queste differenti riserve di valore?? Vergalli - Lezione 4 23

24 Liquidità La facilità con la quale una bene patrimoniale può essere convertito nel mezzo di scambio dell economia Essendo il mezzo di scambio la moneta, è il bene più liquido che esista. Le azioni e le obbligazioni sono facilmente vendibili sul mercato un quadro di Rembrandt, una casa o un francobollo da collezione???? Vergalli - Lezione 4 24

25 Liquidità o deposito di valore? Bisogna bilanciare la liquidità con la sua utilità in quanto deposito di valore. La moneta è il valore più liquido, ma se i prezzi aumentano, il potere d acquisto della moneta diminuisce. La moneta non è pertanto un buon deposito di valore! Vergalli - Lezione 4 25

26 Moneta-merce Una forma materiale di moneta dotata di valore intrinseco Un esempio è l oro, che ha un valore intrinseco perché viene utilizzato nell industria e nella produzione di gioielli ed è facile da trasportare, misurare e saggiare. Se un sistema economico utilizza l oro come moneta (o utilizza moneta cartacea che può essere convertita in oro su semplice richiesta) si dice che opera in regime aureo o gold standard. Vergalli - Lezione 4 26

27 Moneta-merce Sigarette: per i prigionieri durante la seconda guerra mondiale Sigarette: in Unione Sovietica alla fine degli anni 80. In entrambi i casi anche i non fumatori accettano le sigarette in quanto sanno che verranno accettate come mezzo di scambio Moneta dell isola di Yap: ruota di pietra (in tutta l isola ci sono solo 6600 ruote di pietra cosa implica???) Vergalli - Lezione 4 27

28 Moneta-merce (Jones, JME, 1976; Shapley/Shubik, JPE, 1977; Oh, JME, 1989) Quale moneta si afferma come monetamerce? p i = prob. che un soggetto voglia comprare/vendere il bene i; p i p j = prob. che un soggetto voglia scambiare i con j; incontri casuali in media devo effettuare 1/ p i p j incontri per il baratto diretto Vergalli - Lezione 4 28

29 Moneta-merce Caratteristiche: 1. Stabilità del valore 2. Trasportabilità 3. Indistruttibilità 4. Omogeneità 5. Divisibilità 6. Utilità (valore intrinseco) 7. Riconoscibilità Vergalli - Lezione 4 29

30 Moneta-Merce Pregio: riduce i costi di transazione degli scambi rispetto ad una situazione di baratto; Difetti: 1. La produzione distrae risorse da altri impieghi produttivi; 2. La quantità di moneta-merce presenta una elasticità pressoché nulla rispetto al livello di attività produttiva. L offerta pertanto è.. Vergalli - Lezione 4 30

31 Moneta-Merce O M O M Vergalli - Lezione 4 31

32 Moneta - Merce. Rigida. Pertanto, un aumento del livello di attività produttiva può essere, almeno in parte ostacolato dal fatto che la quantità di monetamerce è data; 3. Le variazioni della moneta-merce sono indipendenti dal ciclo produttivo e sono inoltre erratiche: se vengono trovati giacimenti di oro, ciò influenza il livello dei prezzi e, nel breve periodo, anche il ciclo produttivo! Vergalli - Lezione 4 32

33 Moneta a corso legale La moneta priva di valore intrinseco, detta anche moneta-credito o moneta-fiat, dove il termine fiat si riferisce ad un ordine, o un decreto. La moneta-fiat, pertanto, diventa moneta per decreto dello stato. Su ciascuna banconota è come se fosse scritto: pagabile a vista al portatore Vergalli - Lezione 4 33

34 Che differenza c è fra: Vergalli - Lezione 4 34

35 Moneta cartacea I costi di produzione della moneta cartacea a corso legale sono pressoché nulli Il controllo dell autorità di moneta sulla quantità di moneta a corso legale è assoluto Costi di informazione legati alla sua accettazione nulli Comodità d uso Impersonalità Vergalli - Lezione 4 35

36 Dove è tutta la moneta? Nel 2001 c erano 580 miliardi di dollari di banconote in circolazione; Nel 2001 c erano 212 milioni di abitanti al di sopra dei 16 anni; ciò implica che ogni abitante ha in media 2734 dollari Chi detiene tutti questi dollari in realtà? NB si parla di circolante!!!!!! Vergalli - Lezione 4 36

37 Dove è tutta la moneta? 1. Non residenti: in alcuni paesi stranieri che non hanno una moneta stabile, spesso si preferiscono i dollari alla moneta locale; 2. Trafficanti, evasori fiscali e criminali in genere (impersonalità). Vergalli - Lezione 4 37

38 Aggregati Monetari 1. Banconote e Monete in circolazione; 2. Depositi a vista: convertibili immediatamente in contante oppure utilizzabili per pagamenti scritturali; 3. Depositi con durata prestabilita fino a 2 anni; 4. Depositi rimborsabili con preavviso fino a 3 mesi. Tali depositi (3, 4) possono essere soggetti a talune restrizioni, come l obbligo di preavviso, penalità e commissioni; Vergalli - Lezione 4 38

39 Aggregati Monetari 4. Operazioni Pronti contro termine: operazione consistente in una doppia compravendita di titoli, cioè in una vendita (acquisto) a pronti contro acquisto (vendita) a termine a prezzo prefissato. La durata prevista è normalmente breve e il tasso di interesse corrispondente è dato dalla differenza fra i due prezzi, rapportati all anno. 5. Quote e partecipazione in fondi comuni monetari; 6. Titoli di debito con scadenza originaria fino a due anni. Vergalli - Lezione 4 39

40 Aggregati Monetari Vergalli - Lezione 4 40

41 M3-M1-M2=14% M1 = 42% M2-M1 = 44% Vergalli - Lezione 4 41

42 Offerta di Moneta Capitolo 5 Pittaluga. Le Banche Centrali, variando la quantità di base monetaria, possono determinare variazioni proporzionali delle quantità di moneta. L offerta di moneta è esogena o endogena? Vergalli - Lezione 4 42

43 L approccio del moltiplicatore La banca odierna, diversamente dai banchieri del lontano passato, non trattiene nelle sue casse l intera quantità di moneta che viene ad essa consegnata dai depositanti, ma solo una frazione di questa, quella cioè necessaria per fronteggiare eventuali richieste di rimborso. Vergalli - Lezione 4 43

44 Moltiplicatore (2) Si ipotizzi un sistema economico con una sola banca; 10% è la percentuale di riserva obbligatoria Si ipotizzi che un individuo depositi 100 in banca La banca può detenere 10 e prestare 90 ad un agente A Vergalli - Lezione 4 44

45 Moltiplicatore (3) Si ipotizzi che A ceda 90 ad un soggetto B e che questi depositi l ammontare in banca. La banca detiene 9 e presta 81 a C che li consegna a D che a sua volta Il processo di moltiplicazione continua finchè non si raggiunge un monte depositi complessivo di Vergalli - Lezione 4 45

46 Moltiplicatore (4) Si ipotizzi che A ceda 90 ad un soggetto B e che questi depositi l ammontare in banca. La banca detiene 9 e presta 81 a C che li consegna a D che a sua volta Banca A B C D Vergalli - Lezione 4 46

47 Moltiplicatore (5) Esiste un solo tipo di passività: i depositi Esistono due tipi di attività: conto di tesoreria presso la banca centrale, crediti verso clienti Il coefficiente di riserva obbligatoria (pari al tasso di liquidità) è uguale al 10% Il processo di moltiplicazione continua finché non si raggiunge un monte depositi complessivo di Vergalli - Lezione 4 47

48 Moltiplicatore (6) ATTIVO PASSIVO Depositi 100 Depositi presso la banca centrale 10 Prestiti 90 TOTALE 100 TOTALE 100 Vergalli - Lezione 4 48

49 Moltiplicatore (7) ATTIVO PASSIVO Depositi 100 Depositi presso la banca centrale 10 Nuovi Depositi in BC 9 Nuovi depositi (successivi) 90 Prestiti 90 Nuovi prestiti 81 TOTALE 190 TOTALE 190 Vergalli - Lezione 4 49

50 Moltiplicatore (8) Indicando con D l espansione dei depositi della banca e con R l incremento delle riserve di moneta legale e k l aliquota di riserva: D= R + R (1-θ)+ R (1- θ) R (1- θ) n (1) Poiché è una progressione geometrica di ragione 1- θ può essere riscritta come: D= ( R - R (1- θ) n+1 )/k (2) Vergalli - Lezione 4 50

51 Box matematico 1 Serie geometrica di ragione x, Sappiamo che se vale: D= R + R (1-θ)+ R (1- θ) R (1- θ) n Se chiamiamo (1-θ)=x, per n che tende a, allora: D = R (1+x+x 2 +x 3 + x ) (3) Se moltiplico per x, ottengo: x D = x R (1+x+x2+x3+ x ), cioè: x D = R (x+x2+x3+ x ) (4) Sottraendo la (4) dalla (3), si ottiene la: (1-x) D = R e sostituendo (1-θ)=x θ D = R D= (1/ θ) R (5) Vergalli - Lezione 4 51

52 Moltiplicatore (9) Quando n tende a infinito R (1- θ) n+1 tende a zero quindi la 2 diventa: D= (1/ θ) R (5) Finora le banche detengono solo riserve obbligatorie imposte dalla banca centrale, ROB. Le banche detengono anche altre riserve, fra queste le discrezionali (libere), denominate RL, per far fronte ad illiquidità (Northern Rock) impreviste. Vergalli - Lezione 4 52

53 Prestiti interbancari overnight: Glossario Consistono in scambi di fondi tra banche effettuati nella giornata di negoziazione con rientro nella giornata lavorativa successiva. La loro funzione è di consentire alle banche di compensare fra loro posizioni di deficit con posizioni di eccedenza di risorse liquide restanti a fine giornata. Le banche fanno proposte di offerta (lettera) e di domanda (denaro) da cui risulta il tasso di interesse di equilibrio. Pittaluga nota 5 pag. 121 Vergalli - Lezione 4 53

54 Equilibrio Md-Ms Vergalli - Lezione 4 54

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

IL SISTEMA MONETARIO. Harcourt Brace & Company

IL SISTEMA MONETARIO. Harcourt Brace & Company IL SISTEMA MONETARIO Il significato della moneta La moneta è l insieme dei valori che vengono utilizzati regolarmente dagli individui di un economia per acquistare beni e servizi da altri individui. Tre

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

I mercati finanziari

I mercati finanziari Lezione 6 (BAG cap. 4) I mercati finanziari Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia I mercati finanziari 1. La domanda di moneta 2. L offerta di moneta: il ruolo della Banca Centrale

Dettagli

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito Capitolo 13 Banca Centrale, moneta e credito La moneta: cosa sappiamo già (cap. 5) La moneta è un bene comunemente accettato come mezzo di scambio e pagamento. Deve avere come caratteristiche: facile trasferibilità,

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Dopo aver analizzato il mercato dei beni (i.e. i mercati reali) passiamo allo studio dei mercati finanziari. Ricordo che, proprio come nello studio del settore reale (IS), anche

Dettagli

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 1. La domanda di moneta La moneta può essere usata per transazioni, ma non paga interessi. In realtà ci sono due tipi di moneta: il circolante, la moneta metallica e cartacea,

Dettagli

L offerta di moneta. Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

L offerta di moneta. Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria L offerta di moneta Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Gli aggregati monetari dell area Euro

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 5

Economia monetaria e creditizia. Slide 5 Economia monetaria e creditizia Slide 5 Poiché le attività finanziarie sono sostituibili e le loro funzioni cambiano nel tempo non è facile dare una definizione univoca di moneta, ovvero di quali attività

Dettagli

7. Il mercato della moneta

7. Il mercato della moneta 7. Il mercato della moneta 7.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta un flusso

Dettagli

OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE

OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE 1. Offerta di moneta L offerta di moneta di un economia è controllata dalla sua banca centrale. La banca centrale regola direttamente la quantità

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

PROF. MATTIA LETTIERI

PROF. MATTIA LETTIERI LA DOMANDA DI MONETA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 LA MONETA ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 2 LA TEORIA QUANTITATIVA

Dettagli

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta Domande di ripasso 1. In un sistema a riserva frazionaria il sistema bancario crea moneta perché in genere le banche detengono come riserva solo una parte dei

Dettagli

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano)

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) La Moneta e i Mercati Monetari In questa lezione: Determiniamo le funzioni e l origine della moneta Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) Data

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6 Rimini, 6 ottobre 2015 Macroeconomia 140 La ripresa dell Italia Il Fondo Monetario internazionale ha alzato le stime

Dettagli

Capitolo 22. La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 22. La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 22 La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea In questa lezione La moneta e le sue funzioni: come si misurano gli aggregati monetari banche commerciali e creazione di moneta Il ruolo della

Dettagli

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VII IL SETTORE MONETARIO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAP. III LA MONETA

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAP. III LA MONETA APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAP. III LA MONETA 1. Origini e funzioni della moneta Nei moderni sistemi economici la maggioranza dei beni viene prodotta

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

4 IL SISTEMA BANCARIO

4 IL SISTEMA BANCARIO Capitolo IV 75 4 IL SISTEMA BANCARIO Nei capitoli precedenti abbiamo analizzato in dettaglio la formazione e l impiego di risparmio da parte dei settori residenti e non residenti. Per ognuno di questi

Dettagli

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse I mercati finanziari Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse Le attività finanziarie Due attività: Moneta non frutta interessi serve per le

Dettagli

PROF. MATTIA LETTIERI

PROF. MATTIA LETTIERI L OFFERTA DI MONETA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 LA BASE MONETARIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LA RISERVA OBBLIGATORIA -------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Lezione 6: La moneta e la scheda LM

Lezione 6: La moneta e la scheda LM Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 6: La moneta e la scheda LM Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Moneta DEFINIZIONE. In macroeconomia

Dettagli

Capitolo 16. Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria

Capitolo 16. Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria Capitolo 16 Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria La quantità di moneta in circolazione può influenzare l'andamento macroeconomico Che cosa si considera moneta? Tipicamente, la

Dettagli

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r. 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 4 1. In base all Articolo 105.2 del

Dettagli

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Determinare la liquidità bancaria se (come avviene con la BCE) la domanda di base monetaria delle famiglie è sempre soddisfatta dalla BC (H

Dettagli

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione Domande di ripasso 1. La moneta ha tre funzioni: riserva di valore, unità di conto e mezzo di scambio. In quanto riserva di valore, la moneta rappresenta un modo per

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 8

Economia Monetaria - Slide 8 Economia Monetaria - Slide 8 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

Lezione 27: L offerta di moneta e la LM

Lezione 27: L offerta di moneta e la LM Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 27: L offerta di moneta e la LM Facoltà di Economia Università di Roma Sapienza Offerta di moneta Offerta di moneta. È la quantità di mezzi di pagamento

Dettagli

La macroeconomia dei sistemi economici aperti

La macroeconomia dei sistemi economici aperti La macroeconomia dei sistemi economici aperti Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 31 Lo studio delle economie aperte Cosa si intende per economia

Dettagli

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana Il mercato dei beni Prof. Sartirana Gli scambi di beni economici avvengono tra soggetti che vengono definiti: soggetti economici I soggetti economici sono 4 ed ognuno di essi ha necessità diverse. I soggetti

Dettagli

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA Matilde Vassalli e-mail vassalli@eco.unibs.it 1 OBIETTIVO E SCHEMA DELLA LEZIONE Comprendere il ruolo della moneta e della politica monetaria in una economia aperta.

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

Capitolo 21 Problema 4 (p. 505)

Capitolo 21 Problema 4 (p. 505) Capitolo 21 Problema 4 (p. 505) Gli IRA (Individual Retirement Account, conti di rendita individuali) sono stati introdotti dal governo statunitense per incoraggiare gli individui a risparmiare. La parte

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA capitolo 12-1 OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA ECONOMIA MONETARIA CARATTERISTICA ESSENZIALE: SCAMBI ATTRAVERSO LA MONETA E NON ATTRAVERSO TUTTI GLI ALTRI BENI (BARATTO). LA MONETA, INIZIALMENTE

Dettagli

LE VARIABILI NOMINALI: LA MONETA, I PREZZI E L INFLAZIONE

LE VARIABILI NOMINALI: LA MONETA, I PREZZI E L INFLAZIONE LE VARIABILI NOMINALI: LA MONETA, I PREZZI E L INFLAZIONE 0 COSA IMPAREREMO La teoria classica dell inflazione cause effetti Costi sociali In che senso classica? Assumiamo che i prezzi siano flessibili

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA POLITICA (prof. C. Gnesutta) PARTE 5 La composizione degli stock finanziari: Capitolo 19: moneta e capitale.

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA POLITICA (prof. C. Gnesutta) PARTE 5 La composizione degli stock finanziari: Capitolo 19: moneta e capitale. Capitolo 19:. Tra le funzione delle istituzioni finanziarie vi è anche quella di accrescere il grado di liquidità di attività altrimenti illiquide. Tale funzione è svolta efficacemente da quegli intermediari

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

Gli strumenti della Banca Centrale Europea

Gli strumenti della Banca Centrale Europea Gli strumenti della Banca Centrale Europea Strumenti della BCE Operazioni di Politica Monetaria Tipologie di Transazioni Immissione di Liquidità Assorbimento di Liquidità Operazioni di Mercato Aperto Operazioni

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 20 I forward rate agreement

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 20 I forward rate agreement DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 20 I forward rate agreement Maggio 2003 I FORWARD RATE AGREEMENT DOCUMENTO ARISTEIA N. 20 I FORWARD RATE AGREEMENT SOMMARIO: 1. Introduzione 2. Aspetti generali sui Forward

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Aspettative, Produzione e Politica Economica

Aspettative, Produzione e Politica Economica Aspettative, Produzione e Politica Economica In questa lezione: Studiamo gli effetti delle aspettative sui livelli di spesa e produzione. Riformuliamo il modello IS-LM in un contesto con aspettative. Determiniamo

Dettagli

Modelli di comportamento delle banche

Modelli di comportamento delle banche Modelli di comportamento delle banche INTRODUZIONE Modelli del comportamento delle banche che tengano conto delle peculiarità dell attività bancaria Occorre incorporare l incertezza sui rendimenti delle

Dettagli

LA MONETA E L INFLAZIONE PARTE SECONDA

LA MONETA E L INFLAZIONE PARTE SECONDA LA MONETA E L INFLAZIONE PARTE SECONDA 0 Inflazione e tassi di interesse Tasso di interesse nominale, i non tiene conto dell inflazione Tasso di interesse reale, r invece tiene conto dell inflazione: r

Dettagli

Equivalenza economica

Equivalenza economica Equivalenza economica Calcolo dell equivalenza economica [Thuesen, Economia per ingegneri, capitolo 4] Negli studi tecnico-economici molti calcoli richiedono che le entrate e le uscite previste per due

Dettagli

questa somma infinita rappresenta una progressione geometrica di ragione 1/(1+i) il cui valore è:

questa somma infinita rappresenta una progressione geometrica di ragione 1/(1+i) il cui valore è: ' Mercato della moneta ' 1) Il prezzo dei titoli: A) non è influenzato dalle operazioni di mercato aperto della banca centrale *B) si riduce quando aumenta i C) sono vere sia A che B D) aumenta quando

Dettagli

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio Tassi di cambio e transazioni internazionali La domanda di attività denominate in valuta estera L equilibrio nel mercato valutario Tassi

Dettagli

1. CAPITOLO - Ruolo e origine della moneta

1. CAPITOLO - Ruolo e origine della moneta CORSO DI ECONOMIA MONETARIA A.A.2002/2003 Prof. M. Marini 1. CAPITOLO - Ruolo e origine della moneta Domande ed esercizi 1. Quali sono le funzioni principali svolte dalla moneta? Tali funzioni sono separabili?

Dettagli

Capitolo 13 Problema 6

Capitolo 13 Problema 6 Capitolo 13 Problema 6 In Italia il supermercato Emme Grande ha 2 casse e 4 dipendenti (tutti con le stesse competenze). Il proprietario del supermercato decide che in ogni corsia vi sia una persona alla

Dettagli

Tassi di cambio e mercati valutari

Tassi di cambio e mercati valutari Tassi di cambio e mercati valutari Anteprima Principi di base sui tassi di cambio Tassi di cambio e prezzi dei beni I mercati dei cambi La domanda di valuta e di altre attività Un modello dei mercati valutari

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

OIC 14 Disponibilità liquide Sintesi dei principali interventi

OIC 14 Disponibilità liquide Sintesi dei principali interventi OIC 14 Disponibilità liquide Sintesi dei principali interventi Nel quadro di una revisione complessiva del corpus dei principi contabili nazionali si è ritenuto che il principio OIC 14 fosse la sede più

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO Capitolo I 11 1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO I fenomeni macroeconomici si manifestano attraverso grandezze monetarie, registrate in appositi schemi contabili il cui insieme

Dettagli

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria. Supponete che la funzione di utilità di un agente sia u x. La remunerazione è rappresentata da un prospetto incerto, che prevede un reddito di 800 nel

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 4

Economia monetaria e creditizia. Slide 4 Economia monetaria e creditizia Slide 4 Le teorie diverse che spiegano come di determina la domanda di moneta possono essere ricondotte alle due funzioni di mezzo di pagamento e di riserva di valore la

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia Corso di Economia Politica (a.a. 007-8) Esercitazioni - Microeconomia Capitolo 6: Problemi 5, 6, 8, 9 Capitolo 7: Problemi 1,, 4 Capitolo 8: Problemi 3, 10 Capitolo 9: Problemi 3, 4, 7, 9 Capitolo 10:

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici Rischi in Finanza Rischi puri Rischi finanziari Rischi sistematici Rischi non sistematici Rischi non sistematici I rischi non sistematici sono rischi specifici Tipologie di rischi specifico più frequenti:

Dettagli

Dati in milioni di euro.

Dati in milioni di euro. Il debito pubblico è fortemente legato al Signoraggio Bancario, e senza fare complottismo, vediamo di capire se il debito è una truffa o no. Per rendere evidente il fatto che il signoraggio non è un argomento

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Capitolo 4 Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima Che cos è la

Dettagli

Economia e Politica Monetaria. La politica monetaria nella pratica delle banche centrali

Economia e Politica Monetaria. La politica monetaria nella pratica delle banche centrali Economia e Politica Monetaria La politica monetaria nella pratica delle banche centrali Obiettivi finali e intermedi Obiettivi finali:!stabilità dei prezzi, crescita reale, stabilità finanziaria!caratteristiche:

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Interventi della banca centrale e offerta di moneta Come la banca centrale tiene fisso il tasso di cambio Politiche di stabilizzazione con tassi

Dettagli

L economia con i più piccoli nell aula di matematica: dal baratto alle carte di credito

L economia con i più piccoli nell aula di matematica: dal baratto alle carte di credito A.A. 2011-2012 L economia con i più piccoli nell aula di matematica: dal baratto alle carte di credito di Daniela Pagliaroli Relatrice: Prof.ssa Ana Millán Gasca Supervisore: Dott.ssa Viviana Rossanese

Dettagli

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio Capitolo 3 Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima

Dettagli

Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore

Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore Capitolo 14 Indice degli argomenti 1. Obbligazioni 2. Valutazione delle obbligazioni

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

Il controllo dell offerta di moneta

Il controllo dell offerta di moneta Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il controllo dell offerta di moneta Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Fasi della politica monetaria

Dettagli

A cura di Giuseppe Gori e Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@unibo.it)

A cura di Giuseppe Gori e Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@unibo.it) Macroeconomia, Esercitazione 8 A cura di Giuseppe Gori e Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@unibo.it) 1 Esercizi 1.1 Moltiplicatore bancario Se il circolante ammonta a 400, le riserve bancarie

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Moneta e credito: la generazione dei mezzi di pagamento nel sistema economico

Moneta e credito: la generazione dei mezzi di pagamento nel sistema economico 7 Moneta e credito: la generazione dei mezzi di pagamento nel sistema economico Nel capitolo precedente abbiamo individuato nella funzione di mezzo di pagamento generalmente accettato la caratteristica

Dettagli

Macroeconomia, Esercitazione 7. 1 Esercizi. 1.1 Moltiplicatore bancario. 1.2 Moltiplicatore bancario, politica monetaria/1

Macroeconomia, Esercitazione 7. 1 Esercizi. 1.1 Moltiplicatore bancario. 1.2 Moltiplicatore bancario, politica monetaria/1 Macroeconomia, Esercitazione 7 A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi 1.1 Moltiplicatore bancario Se il circolante ammonta a 400, le riserve bancarie a 100 e i depositi bancari a 800,

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Capitolo 7 Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I Si propongono nel presente file alcuni esempi di domande estrapolate dagli esami assegnati negli anni accademici precedenti. Lo scopo di tali esemplificazioni non

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI Banca Popolare Commercio e Industria 12.06.09-12.06.11 tasso fisso 2,30% Welcome Edition ISIN IT0004493158 di seguito le Obbligazioni o i Titoli

Dettagli

(Roma, giovedì 27 novembre 2008 Scuola 2009 di Liberalismo) PIERO VERNAGLIONE Statalismo e mercato nei sistemi monetari

(Roma, giovedì 27 novembre 2008 Scuola 2009 di Liberalismo) PIERO VERNAGLIONE Statalismo e mercato nei sistemi monetari (Roma, giovedì 27 novembre 2008 Scuola 2009 di Liberalismo) PIERO VERNAGLIONE Statalismo e mercato nei sistemi monetari Oggetto di questa lezione è la moneta, esaminata in un ottica particolare, attraverso

Dettagli

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long)

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Curva di Phillips e aspettative R. Capolupo- Macro 2 1 Legame tra modello a prezzi vischiosi e quello a prezzi flessibili Il passaggio dal modello a prezzi vischiosi al

Dettagli

Produzione e Costi, Sistema Bancario Lezione n.5. Corso di Economia Applicata all Ingegneria Anno Accademico 2013-2014 Prof. Avv. Cristiano Di Giosa

Produzione e Costi, Sistema Bancario Lezione n.5. Corso di Economia Applicata all Ingegneria Anno Accademico 2013-2014 Prof. Avv. Cristiano Di Giosa Produzione e Costi, Sistema Bancario Lezione n.5 Corso di Economia Applicata all Ingegneria Anno Accademico 2013-2014 Prof. Avv. Cristiano Di Giosa Comportamento delle Imprese E necessario introdurre lo

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO... GUIDA SUI MUTUI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...7 MUTUO A DUE TIPI DI TASSO...8 MUTUO A TASSO

Dettagli

Moneta e Tasso di cambio

Moneta e Tasso di cambio Moneta e Tasso di cambio Come si forma il tasso di cambio? Determinanti del tasso di cambio nel breve periodo Determinanti del tasso di cambio nel lungo periodo Che cos è la moneta? Il controllo dell offerta

Dettagli

b. Che cosa succede alla frazione di reddito nazionale che viene risparmiata?

b. Che cosa succede alla frazione di reddito nazionale che viene risparmiata? Esercitazione 7 Domande 1. L investimento programmato è pari a 100. Le famiglie decidono di risparmiare una frazione maggiore del proprio reddito e la funzione del consumo passa da C = 0,8Y a C = 0,5Y.

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di liquidità 2 Le accezioni di liquidità Liquidità strutturale A medio lungo termine, attiene

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 10

Economia Monetaria - Slide 10 1 Economia Monetaria - Slide 10 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli