SCUOLA STATALE SECONDARIA DI 1 GRADO GIOVANNI BARTOLENA PIANO OFFERTA FORMATIVA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCUOLA STATALE SECONDARIA DI 1 GRADO GIOVANNI BARTOLENA PIANO OFFERTA FORMATIVA"

Transcript

1 SCUOLA STATALE SECONDARIA DI 1 GRADO GIOVANNI BARTOLENA PIANO OFFERTA FORMATIVA Anno Scolastico 2013/14 -GIOVANNI BARTOLENA- SULLA SPIAGGIA 1

2 INDICE 1. PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA Notizie storiche Mappa plessi Orario Trasporti 2. IL POF. Il nostro POF La nostra Vision La nostra Mission Le finalità del POF 3. LA GESTIONE DIDATTICA E ORGANIZZATIVA Organigramma della scuola Staff di presidenza Il Collegio dei Docenti Il Consiglio di Istituto Le funzioni strumentali. Il Consiglio di Classe Le Commissioni I servizi amministrativi 4. ASSETTO ORDINAMENTALE ORGANIZZATIVO E DIDATTICO Criteri formazione classi Criteri inserimento alunni ripetenti La programmazione La programmazione educativa e didattica del C. dei D. La programmazione didattica dei Dipartimenti disciplinari La programmazione didattica dei C. di C La programmazione disciplinare dei singoli docenti 5. AMPLIAMENTO DELLOFFERTA FORMATIVA Educazione ambientale Educazione alla salute Educazione alla legalità Attività sportive Recupero motorio degli alunni diversamente abili Relazioni con Istituzioni culturali del territorio Relazioni con Istituzioni culturali fuori dal territorio Attività extracurricolari Progetti a.s. 2013/ CONTINUITÀ E ORIENTAMENTO Continuità con le scuole primarie di riferimento Orientamento pag 2 pag. 4 pag. 5 pag 5 pag. 6 pag. 7 pag. 8 pag. 9 pag. 10 pag. 11 pag. 12 pag. 13 pag. 13 pag. 14 pag. 15 pag. 15 pag. 16 pag. 17 pag. 17 pag. 19 pag. 19 pag. 19 pag. 20 pag. 20 pag. 20 pag. 21 pag. 21 pag. 22 pag. 22 pag. 22 pag. 23 pag. 24 pag. 25 pag. 25 pag. 26 pag. 26 pag. 27 pag. 27 pag. 29 pag. 29 pag. 29 2

3 7. INTERVENTI PER INTEGRAZIONE DI ALUNNI IN DIFFICOLTA Alunni con bisogni educativi speciali (BES) Alunni con disturbi specifici di apprendimento (DSA) Alunni stranieri 8. LA VALUTAZIONE Tabella indicatori di valutazione Criteri di valutazione per il comportamento Invalsi 9. INFORMAZIONI ALLE FAMIGLIE 10. PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEI DOCENTI pag. 30 pag. 31 pag. 31 pag. 32 Pag. 33 pag. 36 pag. 37 pag. 37 pag. 38 pag LE RISORSE DELLA SCUOLA 12. QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO 13. ALLEGATI AL POF IN VERSIONE DIGITALE pag. 39 pag. 41 pag. 41 3

4 Scuola Statale Secondaria di 1 grado - GIOVANNI BARTOLENA - Anno Scolastico 2013/ PRESENTAZIONE Denominazione Scuola Statale Secondaria di I grado G. Bartolena Indirizzo Via Michel, 8 Comune/provincia Livorno ( LI ) Telefono 0586 / Fax 0586 / Sito Internet Codice fiscale Codice M.P.I Banca Cassiera Banco Popolare ag.5, Via del Mare Ardenza -Livorno IBAN: IT 80 U LA SCUOLA È COSTITUITA DA QUATTRO PLESSI: Sede Centrale via E. Michel, 8 tel fax : La sede centrale di via Michel si trova nel quartiere La Rosa, è stata costruita nel 1965, ha una superficie lorda di mq e una superficie esterna di 400 mq. Oltre alle cinque classi ospita anche gli uffici amministrativi e l ufficio del Dirigente scolastico. Plesso di Banditella via D. Provenzal, 27 tel-fax : La sede di Banditella è situata nel quartiere omonimo, è stata costruita nel 1991 ha una superficie lorda di mq e una superficie esterna di mq. Attualmente accoglie sei classi. Plesso di S.Simone (ex Marconi) p.za S.Simone, 9 - tel-fax : La sede di S. Simone si trova nel quartiere Ardenza, è stata costruita nel 1964, ha una superficie lorda di 778 mq e una superficie esterna di mq. Attualmente accoglie undici classi. Plesso di via Bois ( ex XI maggio) via Bois, 14 - tel fax : La sede di via Bois si trova nel quartiere Fabbricotti è stata costruita nel 1976 ha una superficie lorda di mq. e una superficie esterna di mq. Ora accoglie quindici classi. 4

5 NOTIZIE STORICHE La scuola secondaria di primo grado G.Bartolena nasce dalla fusione di tre scuole medie: Nell a.s. 1997/98 si uniscono G. Marconi e L. Da Vinci sotto la dirigenza delle Marconi. L anno successivo gli uffici didattici amministrativi con l ufficio del dirigente scolastico si spostano a villa Letizia dove è situata la scuola media L. Da Vinci perché gli ambienti sono più ampi e permettono di lavorare più agevolmente. Nell anno scolastico 1999/00 un ulteriore fusione con le XI Maggio, in seguito alla razionalizzazione dovuta al D.P.R. n del 29/03/1999, ingrandisce l istituto. Inizialmente la nuova realtà scolastica è denominata Via Dei Pensieri facendo riferimento all ubicazione degli uffici di dirigenza. Nell anno scolastico 2002/03 viene deciso di dare una nuova denominazione alla scuola. Così dopo un ampia consultazione che coinvolge anche gli alunni, viene scelto il nome di Giovanni Bartolena pittore livornese autore di nature morte e paesaggi marini. LA MAPPA DEI PLESSI 5

6 ORARIO GIORNALIERO Nell'ambito della normativa vigente, la scuola è attualmente organizzata secondo il seguente orario: entrata ore 8.15 uscita ore Plesso di via Bois dall a.s. 2013/2014 classi prime: entrata ore 8.00 uscita ore (Delibera Consiglio d Istituto 14 giugno 2012) Entrata alle 8.00 uscita alle ore 14.00, con sabato libero Plesso di Banditella entrata alle 8.30 uscita alle ore entrata alle 8,00 - uscita alle ore 14,00 con sabato libero Sede San Simone entrata alle 8.30 uscita alle ore entrata alle 8.00 uscita alle ore 14.00, con sabato libero Sede Centrale entrata alle 8.00 uscita alle ore 14.00, con sabato libero entrata alle 8.00 uscita alle 13.00, compreso il sabato STRUTTURA ORARIO In applicazione del d.lgs n.112, convertito con modificazioni nella legge n.133, nell anno scolastico 2010/2011 l attività didattica è strutturata su un tempo orario di 30 ore settimanali. DISCIPLINE 30 ore Religione 1 ora Italiano 5+1 ore Storia 2 ore Geografia 2 ore Matematica 4 ore Scienze 2 ore Inglese 3 ore 2 Lingua 2 ore Tecnica 2 ore informatica Musica 2 ore Arte 2 ore Scienze motorie 2 ore 6

7 TRASPORTI Tenendo conto della flessibilità oraria e della vastità del territorio urbano abbracciato, la Scuola collabora con la CCT utilizzando il servizio di trasporto casa scuola detto Elefobus, che è usato solo per il plesso di S.Simone. INFORMAZIONI NECESSARIE La domanda di accesso al servizio deve essere presentata a CTT Nord (Via di Franco, 15) dal 2 Aprile al 30 Giugno di ogni anno. Successivamente a tale data e fino al 20 Luglio, le domande potranno essere inviate tramite raccomandata all "CTT Nord-Servizio Elefobus Via C.Meyer, Livorno" corredate della ricevuta di pagamento del contributo annuale. La domanda di esenzione deve essere presentata al Comune REQUISITI Sono esclusi dal pagamento dell'abbonamento annuale coloro la cui situazione ISEE rientra nelle fasce di esenzione previste dal disciplinare dei servizi di ristorazione scolastica e asili nido con apposita domanda da presentarsi entro il 30 Settembre. Fare riferimento al Disciplinare mensa DOVE RIVOLGERSI Ufficio Diritto allo studio, Via delle Acciughe 5, piano 2, tel , fax , Orario di ricevimento: LUN-.VEN 9-13 // MAR-GIO 15,30-17,30 ADEMPIMENTI DELL'UTENTE La domanda di accesso al servizio deve essere presentata a CTT Nord (Via di Franco, 15). Link per scaricare il modulo di richiesta del servizio 7

8 PIANO OFFERTA FORMATIVA 2.PREMESSA Il POF è il documento d'identità in cui la nostra scuola presenta in maniera trasparente la propria offerta formativa. POF Esprime le finalità educative didattiche e organizzative adottate Ufficializza l'impegno per migliorare e ampliare l offerta formativa Cura e promuove i rapporti con le altre agenzie del territorio implementandone l operosità. Rende trasparenti le regole del funzionamento e della gestione Considerando che la realtà nella quale si trova a operare è in continuo divenire, la scuola si pone come promotrice positiva di cambiamenti futuri. Per raggiungere tale obiettivo si ritengono indispensabili i seguenti percorsi: Analisi delle esigenze dell utenza e del territorio Valutazione e rielaborazione Riflessione sulle finalità educative dell'offerta formativa Elaborazione ed attuazione di proposte operative mirate 8

9 IL NOSTRO POF Si ispira su quanto dichiarato dall art. 3 del Regolamento attuativo dell autonomia scolastica (D.P.R , n. 275 Si fonda sulla seguente normativa: L , n. 59 art. 21 (Autonomia delle Istituzioni scolastiche); D.P.R , n. 297 (Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di istruzione) D.Lgs , n. 112 (Decentramento amministrativo) D.P.R , n. 233 (Dimensionamento delle Istituzioni scolastiche) D.P.R , n. 249 (Statuto delle studentesse e degli studenti) D.M , n. 179 (Sperimentazione dell autonomia) D.P.R , n.394 (disciplina dell immigrazione) L , n. 53 (Riforma degli Ordinamenti Scolastici) D. Lgs n 59 (Norme generali relative alla scuola dell'infanzia e al primo ciclo) D.M (Indicazioni per il Curricolo) D.P.R , n. 235 (Modifica Statuto delle studentesse e degli studenti) L , n. 18 (Diritti delle persone con disabilità) D.P.R , n. 81 (Revisione dell'assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell'infanzia e del primo ciclo di istruzione) D.P.R , n.122 (Valutazione alunni) Nota (Linee guida sull'integrazione scolastica degli alunni con disabilità) C.M , n. 2 (Integrazione alunni stranieri) L n.170 (Norme sui DSA) D.M (Linee guida sui DSA) Nota del (Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo) 9

10 LA NOSTRA VISION Con Il termine "VISION si intende la strategia per indicare la proiezione di uno scenario che il nostro Istituto vuole "immaginare" per il suo futuro e che rispecchia i suoi valori, i suoi ideali e le sue aspirazioni generali. La Vision non è, e non deve rimanere, un concetto astratto, ma essere concreto, calato, interagendoci, nella realtà che ci circonda. Deve rappresentare il Manifesto programmatico e ideale che guida con lungimiranza e coerenza le nostre azioni in un contesto socio-economico sempre più complesso. Deve essere inclusiva, aperta, trasparente, innovativa, favorire e guidare i processi di rapido cambiamento della società. Deve essere attenta alla formazione e alla crescita di tutti, nessuno deve essere lasciato indietro, favorire tutte le iniziative in grado di sviluppare processi di apprendimento attivo e critico. La VISION deve essere condivisa, chiara, accurata, deve essere il frutto della riflessione, dell esperienza e dal lavoro di tutta la comunità scuola. Deve rappresentare il sogno di una scuola etica, un modello valoriale in grado di governare e superare i propri deficit, comprendere la sua funzione di responsabilità sociale da cui deve discendere tutta la sua azione educativa e sociale. Comunità educativa, centro di innovazione metodologico-didattico che progetta, governa, organizza e pianifica nell ottica di una pedagogia per la persona proiettata verso un futuro di bene comune. Attenta alla formazione dei futuri cittadini d Europa favorendo un apprendimento attivo, critico ed efficace. Ogni sistema educativo deve essere giudicato non per ciò che concede ai pochi, ma per ciò che assicura ai molti, pur senza impedire ai pochi di andare anche più lontano. B. Bettelheim LA NOSTRA MISSION 10

11 La cultura plasma la mente e cioè ci fornisce l insieme di strumenti tramite i quali costruiamo la nostra concezione del mondo, di noi stessi e delle nostre capacità. J. Bruner La nostra scuola, in quanto ente formatore, si propone d coinvolgere gli studenti e le famiglie in un percorso di apprendimento cooperativo e funzionale che possa dare allo studente una prima conoscenza della società che lo circonda. Quindi, accanto alla trasmissione dei saperi tradizionali secondo, quanto riferito nelle indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione anno 2012, la nostra offerta formativa è rivolta anche a implementare l uso delle nuove tecnologie e a creare un clima di lavoro accogliente e organizzato. Nella sua azione specifica la Mission della nostra scuola sim articola principalmente in 5 punti: Mission Attenzione alla persona e al suo vissuto Accoglienza Condivisione Inclusione Trasparenza Regole chiare Trasmissione dei saperi 11

12 FINALITA DEL PIANO DI OFFERTA FORMATIVA Ispirandosi ai principi della Costituzione e alle nuove indicazioni nazionali per il curricolo, anno 2012, la Scuola deve offrire uguali opportunità a tutti gli alunni, senza differenza di sesso, etnia o religione. Intende creare le condizioni per favorire e rimuovere tutti gli ostacoli che possono impedire tale fruizione, individuando quale finalità generale, lo sviluppo armonico e integrale della persona, con il coinvolgimento attivo degli studenti e delle famiglie. Il piano dell offerta formativa, con le sue scelte educative e organizzative e i suoi criteri di utilizzazione delle risorse, costituisce un impegno dell intera comunità. La definizione e la realizzazione delle strategie educative e didattiche tengono conto della singolarità e complessità di ogni persona. FINALITA PRIORITARIE Piacere dell apprendere La Scuola si propone di creare un ambiente familiare, sicuro, amichevole e ben disciplinato in un atmosfera favorevole allo studio e al lavoro, motivando gli studenti al desiderio dell apprendimento. Essa incoraggia il rispetto reciproco, l integrità, l onestà, la lealtà, il lavoro assieme agli altri, lo spirito di gruppo. Per raggiungere questi obiettivi, si deve creare un forte spirito di collaborazione tra gli insegnanti, gli alunni e le famiglie. Potenziamento La Scuola s impegna ad aiutare i propri studenti a raggiungere il loro massimo potenziale in tutte le discipline, fornendo conoscenza, capacità e valori al fine di portarli ad un corretto inserimento nella società. Vengono quindi incoraggiati ad avere senso di responsabilità personale e sociale, una sana levatura morale, una giusta ambizione verso alte aspettative Qualificazione Un educazione di qualità in un ambiente in cui le aspettative siano alte e i risultati ottenuti siano valorizzati. La Scuola desidera sviluppare indipendenza di pensiero, auto-disciplina, sicurezza e motivazione, tenendo conto dei bisogni individuali, degli interessi e delle attitudini di ogni singolo alunno. Per ottenere questi risultati, la Scuola si propone di alzare continuamente il proprio standard, migliorando le tecniche d insegnamento e i livelli di apprendimento. OBIETTIVI GENERALI Il Collegio dei Docenti si propone di realizzare il piano dell offerta formativa tenendo conto di alcuni fondamentali presupposti pedagogici: Acquisire una mentalità aperta alla tolleranza e alla convivenza Acquisire una coscienza europea Promuovere le singole individualità degli alunni tramite l'offerta di opportunità "per tutti" con attenzione particolare per le situazioni di svantaggio Potenziare le capacità critiche per consentire ai ragazzi di selezionare in modo più opportuno le molteplici informazioni provenienti dalla realtà in cui vivono. Potenziare l'autonomia, l'efficacia del metodo di lavoro e dell'autovalutazione, finalizzate anche all'orientamento e al passaggio al successivo livello d istruzione. Tenendo conto di tali presupposti, sono stati individuati le seguenti necessità: 12

13 Sviluppare capacità relazionali Approfondire le conoscenze per leggere, interpretare, rappresentare la realtà Sviluppare la formazione globale Possedere strumenti di autonomia critica Tendere alla massima inclusività? Conoscere culture diverse. Sapersi orientare OBIETTIVI SPECIFICI Gli obiettivi specifici di apprendimento relativi a tali bisogni saranno: far conoscere e interagire i ragazzi nella classe e tra le classi sviluppare processi di comprensione e di produzione di tipologie comunicative ed espressive diverse (linguistiche, iconiche, gestuali, grafiche, multimediali) seguire i processi individuali legati ai diversi stili e ritmi di apprendimento degli alunni rendere gli alunni più consapevoli sui processi di apprendimento e sul tipo di collegamenti logici (più che sulle quantità di nozioni apprese) inserire attivamente nel contesto scolastico gli alunni portatori di handicap insegnare agli alunni a valutare correttamente le proprie qualità e capacità insegnare agli alunni a valorizzare le proprie radici culturali e a confrontarle con altre realtà presenti nel territorio. 3.LA GESTIONE DIDATTICA ED ORGANIZZATIVA ORGANIGRAMMA DELLA SCUOLA D I R I G E N T E S DIRIGENTE SCOLASTICO: PROF.SSA LOREDANA BILARDI è il responsabile della qualità del servizio dato dalla scuola. Coordina il progetto didattico educativo, ne garantisce le modalità operative, presiede il Collegio dei Docenti, i Consigli di Classe e le varie Commissioni. PRIMO COLLABORATORE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO: prof. ANTONIO SANTALENA SECONDO COLLABORATORE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO: prof.ssa LAURA GIANNETTI 13

14 STAFF DI PRESIDENZA Lo Staff di Presidenza è composto dal Dirigente Scolastico, da due collaboratori del dirigente, dai responsabili delle varie sedi e dagli insegnanti che ricoprono l incarico delle funzioni strumentali. Esso si riunisce periodicamente (in genere ogni mese) per organizzare, programmare e valutare le attività dell Istituzione scolastica. COMPONENTI DELLO STAFF DI PRESIDENZA Prof.Antonio Santalena Prof.ssa Laura Giannetti Prof.ssa Susanna Cappellini Prof.ssa Cecilia Cariello Prof.ssa Laura Menecucci Prof.ssa Reginalda Galano Prof.Cristiano Grasso Prof.ssa Patrizia Nannipieri Prof.ssa Lucia Esposito Prof.ssa Stefania Casu Prof.ssa Laura Bertagni Prof.ssa Laura Ferrario Prof.ssa Uccelli M. Letizia Prof Sergio Innocenti RESPONSABILI DI PLESSO: Prof. Antonio SANTALENA Sede Centrale Prof.ssa Susanna CAPPELLINI - Sede di Banditella Prof.ssa Laura GIANNETTI - Sede di S. Simone Prof.ssa Cecilia CARIELLO - Sede di via Bois IL COLLEGIO DEI DOCENTI E composto dal personale insegnante della scuola. I docenti, in organico di diritto,in servizio presso la scuola G. BARTOLENA nell anno scolastico 2013/2014 sono 69. Il collegio è presieduto da Dirigente Scolastico ed ha i seguenti compiti: - Cura la programmazione dell azione educativa. 14

15 - Formula proposte alla Dirigente per la formazione e composizione delle classi, per la formazione dell orario delle lezioni, comprese le iniziative di recupero, sostegno, continuità e orientamento scolastico - Favorisce il coordinamento interdisciplinare. -Provvede all adozione dei libri di testo e alla scelta dei sussidi didattici e che siano coerenti al POF - Adotta e programma iniziative sperimentali. - Promuove la ricerca educativa e l aggiornamento dei docenti. - Elegge i docenti con funzione Strumentale, i docenti del Comitato di Valutazione e i rappresentanti nel Consiglio d Istituto. IL CONSIGLIO D ISTITUTO E composto dalla Dirigente Scolastico, da otto rappresentanti dei docenti, otto rappresentanti dei genitori, due del personale non docente. Il Consiglio d istituto ha potere deliberante in materia di: Bilancio preventivo e consuntivo, impiego di mezzi finanziari per il funzionamento didattico ed amministrativo L adozione del regolamento d istituto, la decisione di partecipazione ad attività culturali, sportive, ricreative e allo svolgimento d iniziative assistenziali. Adotta il POF elaborato del Collegio Docenti. Inoltre indica i criteri generali relativi alla formazione delle classi, all assegnazione dei singoli docenti ed esercita le competenze in materia d uso delle attrezzature e degli edifici scolastici CONSIGLIO D ISTITUTO DIRIGENTE SCOLASTICO: LOREDANA BILARDI PRESIDENTE: DANIELE CIOCCA COMPONENTI DOCENTI 1. CARIELLO CECILIA 2. FRIGOLI MANUELA 3. ARGIOLAS MONICA 4. SANTALENA ANTONIO 5. ESPOSITO LUCIA 6. GIANNETTI LAURA 7. CECCARINI ANTONELLA COMPONENTI GENITORI SOMMATI ALESSANDRA BUSELLI CHIARA CIOCCA DANIELE GIUNTA ESECUTIVA Busnelli, Santalena, Patricelli Malizia, DS L. Bilardi, DSGA G. Ciao COMPONENTE ATA : PATRICELLI MALIZIA ANTONELLA - SALVATORE NADIA LE FUNZIONI STRUMENTALI Alla luce dell'esperienza dei precedenti anni scolastici e della programmazione elaborata, il Collegio dei Docenti individua i seguenti ambiti di competenza per ciascuna delle sei funzioni strumentali al piano dell offerta formativa elette a supporto dell'attività didattica e del funzionamento della scuola: 15

16 coordinamento delle attività di autonomia elaborazione POF e strategie per la sua attuazione nell ambito della riforma; riorganizzazione dell orario e del monte ore di ciascuna disciplina; organizzazione di corsi ed attività di formazione dei docenti, progetti Coordinamento e gestione delle attività di continuità (rapporti con le scuole elementari, con i genitori degli alunni delle classi quinte, eventuali progetti di accoglienza e continuità) Coordinamento dell'orientamento (attuazione di moduli di orientamento, informazione sulle opportunità di scelta dei vari indirizzi di formazione superiore) e dei rapporti con enti esterni alla scuola (rapporti con enti pubblici e associazioni, interventi di promozione della scuola) Coordinamento degli interventi per alunni diversamente abili e per alunni con problematiche legate all apprendimento e/o alla capacità di relazionarsi. Coordinamento delle attività extracurricolari (organizzazione e gestione delle attività integrative, di recupero e di potenziamento e dei viaggi d istruzione). Coordinamento delle attività inerenti lo svolgimento delle prove INVALSI (registrazione/accreditamento della scuola tramite invio on-line dei dati di tutte le classi coinvolte, organizzazione delle fasi di somministrazione/correzione e supporto ai colleghi per tutta la durata di espletamento, trasmissione del materiale da restituire, analisi e approfondimenti sui contenuti delle prove e sui risultati conseguiti dagli alunni) FUNZIONI STRUMENTALI Prof.ssa Laura MENICUCCI Elaborazione P.O.F. Prof.ssa Lucia ESPOSITO Elaborazione P.O.F. Prof.ssa Patrizia NANNIPIERI Continuità Prof. Cristiano GRASSO Continuità Prof.ssa Reginalda GALANO Sostegno Prof.ssa Stefania CASU Orientamento Prof.ssa Laura BERTAGNI Extracurricolari- viaggi istruzione-progetti Prof.ssa Laura FERRARIO Invalsi Prof,ssa Letizia UCCELLI Invalsi 16

17 IL CONSIGLIO DI CLASSE E presieduto dalla Dirigente Scolastico o da un insegnante delegato, è composto dai docenti d ogni singola classe e da quattro rappresentanti dei genitori. IL COORDINATORE DI CLASSE Coordina le attività didattiche - educative, in particolare fungendo da portavoce del Consiglio di classe nei rapporti scuola-famiglia. Controlla attraverso i registri di classe le assenze e le giustificazioni degli allievi. Supporta gli allievi nelle scelte per le attività opzionali. Presiede, in assenza del Dirigente scolastico, il Consiglio di classe. Controlla la regolarità e completezza della documentazione relativa agli atti del Consiglio di Classe. Consegna alle famiglie, insieme a tutto il Consiglio di classe, le schede di valutazione quadrimestrali e cura i rapporti con le famiglie. COORDINATORI DI CLASSE classe Docente classe Docente classe Docente 1A Innocenti 1F Ciampalini 1M Baldacci 2A Ercoli 2F Donatucci 2M Longo 3A Cuzzocrea 1G Corsolini 1N Giovanelli 1B Zanobini 2G Fiorentini 2N Tognotti 2B Giannetti 3G Bertagni 3N Bindi 3B Menicucci 1H D Onofrio 1O De Luca 1C Lanza 2H Nicolais 2O Monteleone 2C Provenzano 3H Celli 3O Beverelli 3C Cappellini 1I Domenici 2P Frigoli 1D Dini 2I Crestini 3I CeccariniA 3D Anelli 1L Bosco 1E Campo 2L Esposito 2E Andolfi 3L Ugolini 3E Nannipieri LE COMMISSIONI Commissione POF: gestione e attivazione del POF. Commissione Continuità: cura i rapporti con tutte le scuole elementari del territorio Commissione Orientamento: contatti con le scuole superiori del territorio Commissione Orario: elaborazione dell orario scolastico per le varie classi Commissione G.L.I.: cura l inserimento degli alunni diversamente abili e degli alunni stranieri. Commissione Extracurricolari, Progetti e Viaggi d istruzione: attuazione dei progetti esterni organizzazione dei viaggi di istruzione. Commissione Invalsi: gestione prove Invalsi. Commissione autovalutazione (G.A.U.S): individuazione aree e modalità di miglioramento dell azione educativa e didattica. Commissione Iscrizione: gestione nuove iscrizioni e formazione nuove classi. 17

18 REFERENTE DI COMMISSIONE: coordina le riunioni, sceglie il segretario verbalizzante, relaziona sull esito dei lavori della Commissione all Ufficio di Presidenza e al Collegio dei docenti. REFERENTI DELLE COMMISSIONI Elaborazione POF Prof.sse MENICUCCI ESPOSITO Continuità Proff. NANNIPIERI-GRASSO Orientamento Prof.ssa CASU Extracurricolari - Viaggi d istruzione Prof.ssa BERTAGNI Sostegno Prof.ssa GALANO Orario Prof. CECCARINI Sicurezza Prof. SANTALENA GRUPPO AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ( G.A.U.S.) GRUPPO DI LAVORO INTEGRAZIONE SCOLASTICA (G.L.I.) DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa LOREDANA BILARDI STAFF DI PRESIDENZA Prof.ssa BINDI Prof. MANNINI Un docente rappresentante di ciascun plesso : prof.ssa DINI prof.ssa CAMPO prof.ssa FIORENTINI prof.ssa GALANO Prof.ssa GIUNTI Prof. GRASSO Prof. INNOCENTI Prof. MANNINI Un rappresentante dei genitori degli alunni portatori di handicap. Un rappresentante dei genitori alunni con DSA Un rappresentante dei Servizi Territoriali. Responsabile del GOM ASL Livorno Un collaboratore scolastico Un RSU Il presidente del Consiglio di Istituto 18

19 I SERVIZI AMMINISTRATIVI Il termine servizi amministrativi indica le strutture organizzative atte allo svolgimento dell attività gestionale della scuola. I punti qualificanti sono: Trasparenza. Informazione sui servizi di segreteria. Flessibilità degli uffici a contatto con il pubblico. Orario d apertura dei quattro plessi: Dal lunedì al sabato dalle ore 7.30 alle ore Orario di ricevimento del Dirigente Scolastico: Il Dirigente Scolastico riceverà il pubblico nella sede Centrale di via Michel, tutte le mattine dal martedì al venerdì. Per l appuntamento, contattare la segreteria didattica. Orario d apertura al pubblico della segreteria didattica: La segreteria didattica rimane aperta tutti i giorni dalle ore alle ore Il rilascio di certificati e di documenti è effettuato nel normale orario d apertura al pubblico della segreteria entro un tempo massimo di cinque giorni lavorativi. L ufficio del personale riceve tutti i giorni (Lunedì mercoledì sabato) dalle ore alle ore Il martedì dalle ore alle ore Il DSGA riceve il personale secondo l orario stabilito ad inizio anno. COMPONENTI DEI SERVIZI AMMINISTRATIVI Sede Plesso di Plesso di Plesso di Centrale via Bois S.Simone Banditella D.S.G.A. 1 Add..Amministrativi 3 Add..Segret.Didattica 2 Collaboratori Scolastici ASSETTO ORDINAMENTALE ORGANIZZATIVO E DIDATTICO CRITERI FORMAZIONE CLASSI Per l assegnazione del plesso si terrà conto della residenza dell alunno. L assegnazione ai corsi sarà subordinata: (a) alla scelta della seconda lingua comunitaria (b) alla scelta del tempo-scuola (settimana corta o lunga). 19

20 Le classi saranno formate in modo il più possibile equivalente sia nel numero degli alunni che nella distribuzione delle abilità e competenze, in questo tenendo conto anche delle indicazioni degli insegnanti della scuola di provenienza. L inserimento degli alunni disabili avverrà secondo la vigente normativa. In caso di esubero delle domande d iscrizione rispetto alla ricettività delle aule, si procederà a stilare una graduatoria, in base ai seguenti requisiti: Residenza della famiglia; Condizioni di disabilità certificata; Presenza di fratelli/sorelle frequentanti l Istituto nell anno a cui si riferisce l iscrizione; Sede di lavoro dei genitori nel territorio di pertinenza della scuola; Alunni residenti in zone periferiche dove non risultano istituite scuole secondarie di 1 grado; Provenienza dalle scuole primarie del territorio (Carducci, Antignano, Natali, Cattaneo ) Per maggiori dettagli al riguardo si fa riferimento all allegato Regolamento su iscrizioni, alunni, classi e sezioni. CRITERI INSERIMENTO ALUNNI RIPETENTI Gli alunni ripetenti saranno inseriti nelle classi delle rispettive sezioni di appartenenza, a meno che non ci sia una motivata richiesta di cambiare sezione o plesso. Tale richiesta dovrà essere presentata alla Dirigente, che deciderà in merito dopo aver consultato il coordinatore del consiglio della classe di provenienza e quello di eventuale accoglienza. Di norma non si dovranno superare 3 ripetenti per classe. LA PROGRAMMAZIONE Il lavoro degli insegnanti in classe si svolge secondo criteri e contenuti conseguenti ad una precedente attività di programmazione. Il processo di programmazione si attua nelle seguenti fasi : Programmazione educativa e didattica del collegio dei docenti Programmazione didattica degli ambiti disciplinari Programmazione didattica dei consigli di classe Programmazione didattica disciplinare dei singoli docenti. LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA DEL COLLEGIO DEI DOCENTI Il POF è il documento, predisposto all inizio di ciascun anno scolastico con il contributo delle diverse componenti, con il quale si propone di coordinare tutte le attività educative e didattiche che sono alla base del funzionamento della vita scolastica. In particolare, con questo documento si vuole: Progettare i percorsi formativi correlati alle finalità e agli obiettivi delineati nei programmi Armonizzare l attività dei consigli di classe, individuando gli strumenti per la rilevazione della situazione iniziale e finale, nonché per la valutazione dei percorsi didattici Elaborare le attività riguardanti l orientamento, i corsi di recupero, gli interventi di sostegno Raccogliere i progetti elaborati nell ambito dei dipartimenti e delle commissioni di lavoro del collegio dei docenti. 20

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga,

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze.... Sempre devi avere in mente Itaca raggiungerla

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO SCUOLA SECONDARIA di CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA Estratto Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2015-2016 L OFFERTA FORMATIVA comune a tutti

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Finalità del percorso scolastico

Finalità del percorso scolastico Finalità del percorso scolastico Mettere ciascuno in condizione di raggiungere la piena realizzazione di sé, di acquisire la cultura e i valori necessari per vivere da cittadini responsabili; nessuno deve

Dettagli

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta Accoglienza come riconoscimento delle diverse abilità Accogliere è riconoscere le persone nella loro completezza,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO SCHEDA PROGETTO POF ARTICOLAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO DI ISTITUTO DELLA SEZ. /PLESSO DI DELLA/E CLASSE/I Anno Scolastico

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 MOTIVAZIONE La continuità didattica è parte determinante del processo

Dettagli

DISCIPLINE INSEGNATE MONTE ORE SETTIMANALE PER DISCIPLINA ITALIANO - STORIA - GEOGRAFIA - LATINO

DISCIPLINE INSEGNATE MONTE ORE SETTIMANALE PER DISCIPLINA ITALIANO - STORIA - GEOGRAFIA - LATINO OFFERTA FORMATIVA La Scuola Secondaria di 1 Grado - nel rispetto del Regolamento relativo all assetto ordinamentale, organizzativo e didattico art. 64 D.L. 25 giugno 2008 n. 112, convertito dalla Legge

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana Collegio dei docenti Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria Approvato nella seduta del Collegio del 17 gennaio 2013 Prima

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA I tre ordini di scuola, in accordo fra loro per garantire una continuità dalla scuola dell Infanzia alla scuola Superiore

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

Piano Offerta Formativa

Piano Offerta Formativa Piano Offerta Formativa ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via Venezia,15 San Giovanni Teatino Chieti I plessi Scuola dell'infanzia Dragonara Scuola

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Corso Serale I.G.E.A. LA FORMAZIONE TRA SCUOLA ED AZIENDA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 DIRIGENTE SCOLASTICO : Dott.ssa ADDOLORATA BRAMATO RESPONSABILE DEL PROGETTO :Prof.ssa LOREDANA CAROPPO REFERENTE SCUOLA

Dettagli

Indicazioni nazionali per il curricolo

Indicazioni nazionali per il curricolo Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione a cura di Valentina Urgu per l I.C. Monastir L ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO Indicazioni quadro di riferimento

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

OPEN DAY. Istituto Comprensivo Luigi Settembrini via Sebenico. Sito web: luigisettembrini.gov.it E-Mail: rmic8ea00r@istruzione.it

OPEN DAY. Istituto Comprensivo Luigi Settembrini via Sebenico. Sito web: luigisettembrini.gov.it E-Mail: rmic8ea00r@istruzione.it Istituto Comprensivo Luigi Settembrini via Sebenico OPEN DAY Sito web: luigisettembrini.gov.it E-Mail: rmic8ea00r@istruzione.it 1 Sede Operativa per la Formazione Continua e Superiore Attività conformi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

Scuola dell infanzia di Ponte Ronca via Risorgimento 217

Scuola dell infanzia di Ponte Ronca via Risorgimento 217 ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA segreteria: Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it Pec : boic86400n@pec.istruzione.it sito

Dettagli

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ TRASVERSALI Sviluppa autostima Sviluppa competenze disciplinari e trasversali Impara a cooperare e vivere in gruppo Impara a superare ansie e difficoltà Impara a conoscere

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

Sintesi del Piano dell Offerta Formativa

Sintesi del Piano dell Offerta Formativa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale «ALESSANDRO VOLTA» Sintesi del Piano dell Offerta Formativa SCUOLA PRIMARIA Dirigente Scolastico Prof. Incoronata

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA 5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE L autovalutazione delle attività progettuali previste nel POF viene attuata tramite la somministrazione di questionari rivolti agli alunni, ai genitori e agli insegnanti

Dettagli

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo Piano dell offerta formativa Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo I PROGETTI DIDATTICI INDIRIZZI GENERALI DELLA SCUOLA LE STRUTTURE IL CURRICOLO P.O.F

Dettagli

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA 7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA Via San Giovanni Bosco, 171 - Modena tel. 059.223752 / fax 059.4391420 VADEMECUM IMPEGNI DI RECIPROCITA NEI RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA Premessa Dal POF 2009/2010 del 7 Circolo

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016 Bisogni 1 Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione 4 Riflettere sugli esiti degli apprendimenti, sulla valutazione e certificazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Scuola primaria di Ponchiera Istituto Comprensivo Paesi Retici Sondrio PREMESSA : CORPO - CUORE contemporanea MENTE PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Lo sviluppo delle

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: Infa Prim Med 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi 1 e 3) N.n. 7 14. Ø

Dettagli

SECONDARIA "L. VERGA"

SECONDARIA L. VERGA SECONDARIA "L. VERGA" SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LUIGI VERGA Via Trino 32, Tel. 0161-215814, E-mail vergadocenti@tiscali.it CLASSI ALUNNI INSEGNANTI 16 334 38 10 DI SOSTEGNO 1 DI RELIGIONE COLLABORATRICI

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. "Ma qual è la pietra che sostiene il ponte?" - chiede Kublai Kan. "Il ponte non è sostenuto da

Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. Ma qual è la pietra che sostiene il ponte? - chiede Kublai Kan. Il ponte non è sostenuto da LA CONCRETEZZA DELL'INVISIBILE Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. "Ma qual è la pietra che sostiene il ponte?" - chiede Kublai Kan. "Il ponte non è sostenuto da questa o quella pietra, -

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 Giovanni XXIII 73043 COPERTINO - Via Mogadiscio, 45 - Tel. 0832.947164 Fax 0832.934582 e-mail: leic865009@istruzione.it Allegato al Regolamento d Istituto PROTOCOLLO per l ACCOGLIENZA

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Ogni docente è libero di attuare le pratiche educative che ritiene più efficaci. Le lezioni si svolgono alternando metodologie didattiche tradizionali come lezione frontale, a

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità

Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità ISTITUTO COMPRENVO STATALE POLO EST LUMEZZANE a. s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: Infanzia Primaria Sec.I grado

Dettagli

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 L alunno al centro RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO CURA DELLE RELAZIONI

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22 Al Collegio dei Docenti E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Oggetto : Pubblicazione Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

5.2. DESCRIZIONE DEGLI ORGANISMI COLLEGIALI

5.2. DESCRIZIONE DEGLI ORGANISMI COLLEGIALI 5.2. DESCRIZIONE DEGLI ORGANISMI COLLEGIALI Famiglia e scuola devono collaborare per favorire insieme il processo di educazione dei ragazzi, nel reciproco rispetto di ruoli e compiti. La scuola non può

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA Estratto del POF La scuola, come ambiente educativo di apprendimento, luogo di convivenza democratica, deve offrire un clima sociale positivo ed essere

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Statale James Joyce

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Statale James Joyce Premessa (SCAMBI EDUCATIVI INDIVIDUALI) ESPERIENZE EDUCATIVE ALL ESTERO Le norme che regolano le Esperienze educative all Estero (gli scambi scolastici) sono poche e, in ogni caso, la premessa da tener

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Sintesi del Piano Dell offerta Formativa A.S. 2014-2015 16 gennaio 2015: presentazione delle scelte educativo-didattiche ai genitori (ore 18.00) 17 gennaio 2015: scuola

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore CREMONA con sezioni associate L.S.S. L. CREMONA e ITE G. ZAPPA

Istituto di Istruzione Superiore CREMONA con sezioni associate L.S.S. L. CREMONA e ITE G. ZAPPA Istituto di Istruzione Superiore CREMONA con sezioni associate L.S.S. L. CREMONA e ITE G. ZAPPA Liceo Scientifico Luigi Cremona Metro Il Liceo Scientifico Cremona è facilmente raggiungibile MM3 Zara Maciachini

Dettagli

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro RAV Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro fotografia); individuazione dei punti di forza e di

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere PROGETTO CONTINUITÀ Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini [Plesso di Arbostella, Plesso di Fuorni, Plesso di Mariconda, Plesso di Mercatello] Una scuola da scoprire e da vivere icritalevimontalcini.gov.it

Dettagli

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili INCLUSIVITÀ a Integrazione del disagio Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili Il POF d istituto riconosce pienamente il modello d istruzione italiano in termini

Dettagli

alunni stranieri speciali sostegni servizi al suo interno laboratori didattici Situazione della scuola 3 Finalità del progetto 4.

alunni stranieri speciali sostegni servizi al suo interno laboratori didattici Situazione della scuola 3 Finalità del progetto 4. Istituto Omnicomprensivo Statale Beato Simone Fidati Scuola d Infanzia, Primaria, Secondaria primo grado e Secondaria Superiore (IPSIA) Località La Stella - 06043 Cascia (PG) 074376203 0743751017 074376180

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell infanzia-scuola primaria-scuola secondaria di 1 a indirizzo musicale BOER-VERONA TRENTO Via XXIV Maggio,

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX 5544315 e-mail:gveronese@legalmail.it

Dettagli

Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO

Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO NUOVI ORIZZONTI NON SEMPRE TUTTI I DOCENTI SVOLGONO CON REGOLARITÀ DURANTE L A. S. L EDUCAZIONE MOTORIA. NON SEMPRE LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA Anno scolastico 2014-2015 LE NOSTRE SCUOLE scuola dell infanzia FUTURA scuola primaria GIOVANNI XXIII scuola secondaria 1^ grado GIUSEPPE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S. ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S. 2012/201 87 CURRICOLO SCIENZE MOTORIE Ambito disciplinare SCIENZE MOTORIE

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

ISCRIZIONI a.s. 2014/15

ISCRIZIONI a.s. 2014/15 - 0652209322 ISCRIZIONI a.s. 2014/15 27/01/2014 ISCRIZIONI entro il 28 febbraio SCUOLA SECONDARIA I grado: on line 27/01/2014 Adempimenti delle famiglie - individuare la scuola d interesse (anche attraverso

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a. s. 2012-2013

PIANO DI LAVORO ANNUALE a. s. 2012-2013 Istituto comprensivo Como-Prestino-Breccia Scuola secondaria di primo grado A.Moro Prestino Consiglio della classe 3 a B PIANO DI LAVORO ANNUALE a. s. 2012-2013 Presentazione della classe La classe 3 a

Dettagli

PROGETTO "Diversità e inclusione"

PROGETTO Diversità e inclusione MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO CERVARO Corso della Repubblica, 23 (Fr) Tel. 0776/367013 - Fax 0776366759 - e-mail:fric843003@istruzione.it

Dettagli

I.C. DE AMICIS - Busto Arsizio

I.C. DE AMICIS - Busto Arsizio I.C. DE AMICIS - Busto Arsizio http://www.icdeamicis.gov.it Secondaria di 1 Grado E. De Amicis Anno scolastico 2016/2017 Piano Triennale dell Offerta Formativa (ex. L. 107 cd. «Buona scuola») La carta

Dettagli

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015 I S T I T U T O O M N I C O M P R E N S I V O SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822

Dettagli

PROGETTI SCUOLA PRIMARIA SOLBIATE A.S. 2015-2016

PROGETTI SCUOLA PRIMARIA SOLBIATE A.S. 2015-2016 PROGETTI SCUOLA PRIMARIA SOLBIATE A.S. 2015-2016 PROGETTO SPORT Classi prima seconda terza quinta Il progetto di avvale della consulenza e collaborazione di esperti di Educazione motoria della Polisportiva

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA ALLEGATO A Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA 1. Titolo del progetto NON DIMENTICHIAMO! 2. Dati della scuola Denominazione: ISTITUTO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e ItaliaNostra onlus Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale VISTO

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO Il progetto nasce dall' esigenza di garantire all'alunno un percorso formativo organico e completo, cercando di prevenire eventuali difficoltà che potrebbero insorgere

Dettagli

Scuola Secondaria di primo grado "Dante Arfelli" Via Sozzi 6-47042 Cesenatico (FC)

Scuola Secondaria di primo grado Dante Arfelli Via Sozzi 6-47042 Cesenatico (FC) Scuola Secondaria di primo grado "Dante Arfelli" Via Sozzi 6-47042 Cesenatico (FC) Tel. 0547 80309 Fax 0547 672888 e-mail: fomm08900a@istruzione.it www.smcesenatico.net PIANO dell'offerta FORMATIVA S I

Dettagli

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Anno Scolastico 2012/2013 [[[Nessun bambino può essere considerato straniero, laddove ci si occupa di educazione, di trasmissione di valori, di conoscenze

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado.

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado. Offerta formativa L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado Vi operano Il dirigente scolastico La collaboratrice del

Dettagli