SCUOLA STATALE SECONDARIA DI 1 GRADO GIOVANNI BARTOLENA PIANO OFFERTA FORMATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCUOLA STATALE SECONDARIA DI 1 GRADO GIOVANNI BARTOLENA PIANO OFFERTA FORMATIVA"

Transcript

1 SCUOLA STATALE SECONDARIA DI 1 GRADO GIOVANNI BARTOLENA PIANO OFFERTA FORMATIVA Anno Scolastico 2013/14 -GIOVANNI BARTOLENA- SULLA SPIAGGIA 1

2 INDICE 1. PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA Notizie storiche Mappa plessi Orario Trasporti 2. IL POF. Il nostro POF La nostra Vision La nostra Mission Le finalità del POF 3. LA GESTIONE DIDATTICA E ORGANIZZATIVA Organigramma della scuola Staff di presidenza Il Collegio dei Docenti Il Consiglio di Istituto Le funzioni strumentali. Il Consiglio di Classe Le Commissioni I servizi amministrativi 4. ASSETTO ORDINAMENTALE ORGANIZZATIVO E DIDATTICO Criteri formazione classi Criteri inserimento alunni ripetenti La programmazione La programmazione educativa e didattica del C. dei D. La programmazione didattica dei Dipartimenti disciplinari La programmazione didattica dei C. di C La programmazione disciplinare dei singoli docenti 5. AMPLIAMENTO DELLOFFERTA FORMATIVA Educazione ambientale Educazione alla salute Educazione alla legalità Attività sportive Recupero motorio degli alunni diversamente abili Relazioni con Istituzioni culturali del territorio Relazioni con Istituzioni culturali fuori dal territorio Attività extracurricolari Progetti a.s. 2013/ CONTINUITÀ E ORIENTAMENTO Continuità con le scuole primarie di riferimento Orientamento pag 2 pag. 4 pag. 5 pag 5 pag. 6 pag. 7 pag. 8 pag. 9 pag. 10 pag. 11 pag. 12 pag. 13 pag. 13 pag. 14 pag. 15 pag. 15 pag. 16 pag. 17 pag. 17 pag. 19 pag. 19 pag. 19 pag. 20 pag. 20 pag. 20 pag. 21 pag. 21 pag. 22 pag. 22 pag. 22 pag. 23 pag. 24 pag. 25 pag. 25 pag. 26 pag. 26 pag. 27 pag. 27 pag. 29 pag. 29 pag. 29 2

3 7. INTERVENTI PER INTEGRAZIONE DI ALUNNI IN DIFFICOLTA Alunni con bisogni educativi speciali (BES) Alunni con disturbi specifici di apprendimento (DSA) Alunni stranieri 8. LA VALUTAZIONE Tabella indicatori di valutazione Criteri di valutazione per il comportamento Invalsi 9. INFORMAZIONI ALLE FAMIGLIE 10. PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEI DOCENTI pag. 30 pag. 31 pag. 31 pag. 32 Pag. 33 pag. 36 pag. 37 pag. 37 pag. 38 pag LE RISORSE DELLA SCUOLA 12. QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO 13. ALLEGATI AL POF IN VERSIONE DIGITALE pag. 39 pag. 41 pag. 41 3

4 Scuola Statale Secondaria di 1 grado - GIOVANNI BARTOLENA - Anno Scolastico 2013/ PRESENTAZIONE Denominazione Scuola Statale Secondaria di I grado G. Bartolena Indirizzo Via Michel, 8 Comune/provincia Livorno ( LI ) Telefono 0586 / Fax 0586 / Sito Internet Codice fiscale Codice M.P.I Banca Cassiera Banco Popolare ag.5, Via del Mare Ardenza -Livorno IBAN: IT 80 U LA SCUOLA È COSTITUITA DA QUATTRO PLESSI: Sede Centrale via E. Michel, 8 tel fax : La sede centrale di via Michel si trova nel quartiere La Rosa, è stata costruita nel 1965, ha una superficie lorda di mq e una superficie esterna di 400 mq. Oltre alle cinque classi ospita anche gli uffici amministrativi e l ufficio del Dirigente scolastico. Plesso di Banditella via D. Provenzal, 27 tel-fax : La sede di Banditella è situata nel quartiere omonimo, è stata costruita nel 1991 ha una superficie lorda di mq e una superficie esterna di mq. Attualmente accoglie sei classi. Plesso di S.Simone (ex Marconi) p.za S.Simone, 9 - tel-fax : La sede di S. Simone si trova nel quartiere Ardenza, è stata costruita nel 1964, ha una superficie lorda di 778 mq e una superficie esterna di mq. Attualmente accoglie undici classi. Plesso di via Bois ( ex XI maggio) via Bois, 14 - tel fax : La sede di via Bois si trova nel quartiere Fabbricotti è stata costruita nel 1976 ha una superficie lorda di mq. e una superficie esterna di mq. Ora accoglie quindici classi. 4

5 NOTIZIE STORICHE La scuola secondaria di primo grado G.Bartolena nasce dalla fusione di tre scuole medie: Nell a.s. 1997/98 si uniscono G. Marconi e L. Da Vinci sotto la dirigenza delle Marconi. L anno successivo gli uffici didattici amministrativi con l ufficio del dirigente scolastico si spostano a villa Letizia dove è situata la scuola media L. Da Vinci perché gli ambienti sono più ampi e permettono di lavorare più agevolmente. Nell anno scolastico 1999/00 un ulteriore fusione con le XI Maggio, in seguito alla razionalizzazione dovuta al D.P.R. n del 29/03/1999, ingrandisce l istituto. Inizialmente la nuova realtà scolastica è denominata Via Dei Pensieri facendo riferimento all ubicazione degli uffici di dirigenza. Nell anno scolastico 2002/03 viene deciso di dare una nuova denominazione alla scuola. Così dopo un ampia consultazione che coinvolge anche gli alunni, viene scelto il nome di Giovanni Bartolena pittore livornese autore di nature morte e paesaggi marini. LA MAPPA DEI PLESSI 5

6 ORARIO GIORNALIERO Nell'ambito della normativa vigente, la scuola è attualmente organizzata secondo il seguente orario: entrata ore 8.15 uscita ore Plesso di via Bois dall a.s. 2013/2014 classi prime: entrata ore 8.00 uscita ore (Delibera Consiglio d Istituto 14 giugno 2012) Entrata alle 8.00 uscita alle ore 14.00, con sabato libero Plesso di Banditella entrata alle 8.30 uscita alle ore entrata alle 8,00 - uscita alle ore 14,00 con sabato libero Sede San Simone entrata alle 8.30 uscita alle ore entrata alle 8.00 uscita alle ore 14.00, con sabato libero Sede Centrale entrata alle 8.00 uscita alle ore 14.00, con sabato libero entrata alle 8.00 uscita alle 13.00, compreso il sabato STRUTTURA ORARIO In applicazione del d.lgs n.112, convertito con modificazioni nella legge n.133, nell anno scolastico 2010/2011 l attività didattica è strutturata su un tempo orario di 30 ore settimanali. DISCIPLINE 30 ore Religione 1 ora Italiano 5+1 ore Storia 2 ore Geografia 2 ore Matematica 4 ore Scienze 2 ore Inglese 3 ore 2 Lingua 2 ore Tecnica 2 ore informatica Musica 2 ore Arte 2 ore Scienze motorie 2 ore 6

7 TRASPORTI Tenendo conto della flessibilità oraria e della vastità del territorio urbano abbracciato, la Scuola collabora con la CCT utilizzando il servizio di trasporto casa scuola detto Elefobus, che è usato solo per il plesso di S.Simone. INFORMAZIONI NECESSARIE La domanda di accesso al servizio deve essere presentata a CTT Nord (Via di Franco, 15) dal 2 Aprile al 30 Giugno di ogni anno. Successivamente a tale data e fino al 20 Luglio, le domande potranno essere inviate tramite raccomandata all "CTT Nord-Servizio Elefobus Via C.Meyer, Livorno" corredate della ricevuta di pagamento del contributo annuale. La domanda di esenzione deve essere presentata al Comune REQUISITI Sono esclusi dal pagamento dell'abbonamento annuale coloro la cui situazione ISEE rientra nelle fasce di esenzione previste dal disciplinare dei servizi di ristorazione scolastica e asili nido con apposita domanda da presentarsi entro il 30 Settembre. Fare riferimento al Disciplinare mensa DOVE RIVOLGERSI Ufficio Diritto allo studio, Via delle Acciughe 5, piano 2, tel , fax , Orario di ricevimento: LUN-.VEN 9-13 // MAR-GIO 15,30-17,30 ADEMPIMENTI DELL'UTENTE La domanda di accesso al servizio deve essere presentata a CTT Nord (Via di Franco, 15). Link per scaricare il modulo di richiesta del servizio 7

8 PIANO OFFERTA FORMATIVA 2.PREMESSA Il POF è il documento d'identità in cui la nostra scuola presenta in maniera trasparente la propria offerta formativa. POF Esprime le finalità educative didattiche e organizzative adottate Ufficializza l'impegno per migliorare e ampliare l offerta formativa Cura e promuove i rapporti con le altre agenzie del territorio implementandone l operosità. Rende trasparenti le regole del funzionamento e della gestione Considerando che la realtà nella quale si trova a operare è in continuo divenire, la scuola si pone come promotrice positiva di cambiamenti futuri. Per raggiungere tale obiettivo si ritengono indispensabili i seguenti percorsi: Analisi delle esigenze dell utenza e del territorio Valutazione e rielaborazione Riflessione sulle finalità educative dell'offerta formativa Elaborazione ed attuazione di proposte operative mirate 8

9 IL NOSTRO POF Si ispira su quanto dichiarato dall art. 3 del Regolamento attuativo dell autonomia scolastica (D.P.R , n. 275 Si fonda sulla seguente normativa: L , n. 59 art. 21 (Autonomia delle Istituzioni scolastiche); D.P.R , n. 297 (Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di istruzione) D.Lgs , n. 112 (Decentramento amministrativo) D.P.R , n. 233 (Dimensionamento delle Istituzioni scolastiche) D.P.R , n. 249 (Statuto delle studentesse e degli studenti) D.M , n. 179 (Sperimentazione dell autonomia) D.P.R , n.394 (disciplina dell immigrazione) L , n. 53 (Riforma degli Ordinamenti Scolastici) D. Lgs n 59 (Norme generali relative alla scuola dell'infanzia e al primo ciclo) D.M (Indicazioni per il Curricolo) D.P.R , n. 235 (Modifica Statuto delle studentesse e degli studenti) L , n. 18 (Diritti delle persone con disabilità) D.P.R , n. 81 (Revisione dell'assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell'infanzia e del primo ciclo di istruzione) D.P.R , n.122 (Valutazione alunni) Nota (Linee guida sull'integrazione scolastica degli alunni con disabilità) C.M , n. 2 (Integrazione alunni stranieri) L n.170 (Norme sui DSA) D.M (Linee guida sui DSA) Nota del (Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo) 9

10 LA NOSTRA VISION Con Il termine "VISION si intende la strategia per indicare la proiezione di uno scenario che il nostro Istituto vuole "immaginare" per il suo futuro e che rispecchia i suoi valori, i suoi ideali e le sue aspirazioni generali. La Vision non è, e non deve rimanere, un concetto astratto, ma essere concreto, calato, interagendoci, nella realtà che ci circonda. Deve rappresentare il Manifesto programmatico e ideale che guida con lungimiranza e coerenza le nostre azioni in un contesto socio-economico sempre più complesso. Deve essere inclusiva, aperta, trasparente, innovativa, favorire e guidare i processi di rapido cambiamento della società. Deve essere attenta alla formazione e alla crescita di tutti, nessuno deve essere lasciato indietro, favorire tutte le iniziative in grado di sviluppare processi di apprendimento attivo e critico. La VISION deve essere condivisa, chiara, accurata, deve essere il frutto della riflessione, dell esperienza e dal lavoro di tutta la comunità scuola. Deve rappresentare il sogno di una scuola etica, un modello valoriale in grado di governare e superare i propri deficit, comprendere la sua funzione di responsabilità sociale da cui deve discendere tutta la sua azione educativa e sociale. Comunità educativa, centro di innovazione metodologico-didattico che progetta, governa, organizza e pianifica nell ottica di una pedagogia per la persona proiettata verso un futuro di bene comune. Attenta alla formazione dei futuri cittadini d Europa favorendo un apprendimento attivo, critico ed efficace. Ogni sistema educativo deve essere giudicato non per ciò che concede ai pochi, ma per ciò che assicura ai molti, pur senza impedire ai pochi di andare anche più lontano. B. Bettelheim LA NOSTRA MISSION 10

11 La cultura plasma la mente e cioè ci fornisce l insieme di strumenti tramite i quali costruiamo la nostra concezione del mondo, di noi stessi e delle nostre capacità. J. Bruner La nostra scuola, in quanto ente formatore, si propone d coinvolgere gli studenti e le famiglie in un percorso di apprendimento cooperativo e funzionale che possa dare allo studente una prima conoscenza della società che lo circonda. Quindi, accanto alla trasmissione dei saperi tradizionali secondo, quanto riferito nelle indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione anno 2012, la nostra offerta formativa è rivolta anche a implementare l uso delle nuove tecnologie e a creare un clima di lavoro accogliente e organizzato. Nella sua azione specifica la Mission della nostra scuola sim articola principalmente in 5 punti: Mission Attenzione alla persona e al suo vissuto Accoglienza Condivisione Inclusione Trasparenza Regole chiare Trasmissione dei saperi 11

12 FINALITA DEL PIANO DI OFFERTA FORMATIVA Ispirandosi ai principi della Costituzione e alle nuove indicazioni nazionali per il curricolo, anno 2012, la Scuola deve offrire uguali opportunità a tutti gli alunni, senza differenza di sesso, etnia o religione. Intende creare le condizioni per favorire e rimuovere tutti gli ostacoli che possono impedire tale fruizione, individuando quale finalità generale, lo sviluppo armonico e integrale della persona, con il coinvolgimento attivo degli studenti e delle famiglie. Il piano dell offerta formativa, con le sue scelte educative e organizzative e i suoi criteri di utilizzazione delle risorse, costituisce un impegno dell intera comunità. La definizione e la realizzazione delle strategie educative e didattiche tengono conto della singolarità e complessità di ogni persona. FINALITA PRIORITARIE Piacere dell apprendere La Scuola si propone di creare un ambiente familiare, sicuro, amichevole e ben disciplinato in un atmosfera favorevole allo studio e al lavoro, motivando gli studenti al desiderio dell apprendimento. Essa incoraggia il rispetto reciproco, l integrità, l onestà, la lealtà, il lavoro assieme agli altri, lo spirito di gruppo. Per raggiungere questi obiettivi, si deve creare un forte spirito di collaborazione tra gli insegnanti, gli alunni e le famiglie. Potenziamento La Scuola s impegna ad aiutare i propri studenti a raggiungere il loro massimo potenziale in tutte le discipline, fornendo conoscenza, capacità e valori al fine di portarli ad un corretto inserimento nella società. Vengono quindi incoraggiati ad avere senso di responsabilità personale e sociale, una sana levatura morale, una giusta ambizione verso alte aspettative Qualificazione Un educazione di qualità in un ambiente in cui le aspettative siano alte e i risultati ottenuti siano valorizzati. La Scuola desidera sviluppare indipendenza di pensiero, auto-disciplina, sicurezza e motivazione, tenendo conto dei bisogni individuali, degli interessi e delle attitudini di ogni singolo alunno. Per ottenere questi risultati, la Scuola si propone di alzare continuamente il proprio standard, migliorando le tecniche d insegnamento e i livelli di apprendimento. OBIETTIVI GENERALI Il Collegio dei Docenti si propone di realizzare il piano dell offerta formativa tenendo conto di alcuni fondamentali presupposti pedagogici: Acquisire una mentalità aperta alla tolleranza e alla convivenza Acquisire una coscienza europea Promuovere le singole individualità degli alunni tramite l'offerta di opportunità "per tutti" con attenzione particolare per le situazioni di svantaggio Potenziare le capacità critiche per consentire ai ragazzi di selezionare in modo più opportuno le molteplici informazioni provenienti dalla realtà in cui vivono. Potenziare l'autonomia, l'efficacia del metodo di lavoro e dell'autovalutazione, finalizzate anche all'orientamento e al passaggio al successivo livello d istruzione. Tenendo conto di tali presupposti, sono stati individuati le seguenti necessità: 12

13 Sviluppare capacità relazionali Approfondire le conoscenze per leggere, interpretare, rappresentare la realtà Sviluppare la formazione globale Possedere strumenti di autonomia critica Tendere alla massima inclusività? Conoscere culture diverse. Sapersi orientare OBIETTIVI SPECIFICI Gli obiettivi specifici di apprendimento relativi a tali bisogni saranno: far conoscere e interagire i ragazzi nella classe e tra le classi sviluppare processi di comprensione e di produzione di tipologie comunicative ed espressive diverse (linguistiche, iconiche, gestuali, grafiche, multimediali) seguire i processi individuali legati ai diversi stili e ritmi di apprendimento degli alunni rendere gli alunni più consapevoli sui processi di apprendimento e sul tipo di collegamenti logici (più che sulle quantità di nozioni apprese) inserire attivamente nel contesto scolastico gli alunni portatori di handicap insegnare agli alunni a valutare correttamente le proprie qualità e capacità insegnare agli alunni a valorizzare le proprie radici culturali e a confrontarle con altre realtà presenti nel territorio. 3.LA GESTIONE DIDATTICA ED ORGANIZZATIVA ORGANIGRAMMA DELLA SCUOLA D I R I G E N T E S DIRIGENTE SCOLASTICO: PROF.SSA LOREDANA BILARDI è il responsabile della qualità del servizio dato dalla scuola. Coordina il progetto didattico educativo, ne garantisce le modalità operative, presiede il Collegio dei Docenti, i Consigli di Classe e le varie Commissioni. PRIMO COLLABORATORE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO: prof. ANTONIO SANTALENA SECONDO COLLABORATORE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO: prof.ssa LAURA GIANNETTI 13

14 STAFF DI PRESIDENZA Lo Staff di Presidenza è composto dal Dirigente Scolastico, da due collaboratori del dirigente, dai responsabili delle varie sedi e dagli insegnanti che ricoprono l incarico delle funzioni strumentali. Esso si riunisce periodicamente (in genere ogni mese) per organizzare, programmare e valutare le attività dell Istituzione scolastica. COMPONENTI DELLO STAFF DI PRESIDENZA Prof.Antonio Santalena Prof.ssa Laura Giannetti Prof.ssa Susanna Cappellini Prof.ssa Cecilia Cariello Prof.ssa Laura Menecucci Prof.ssa Reginalda Galano Prof.Cristiano Grasso Prof.ssa Patrizia Nannipieri Prof.ssa Lucia Esposito Prof.ssa Stefania Casu Prof.ssa Laura Bertagni Prof.ssa Laura Ferrario Prof.ssa Uccelli M. Letizia Prof Sergio Innocenti RESPONSABILI DI PLESSO: Prof. Antonio SANTALENA Sede Centrale Prof.ssa Susanna CAPPELLINI - Sede di Banditella Prof.ssa Laura GIANNETTI - Sede di S. Simone Prof.ssa Cecilia CARIELLO - Sede di via Bois IL COLLEGIO DEI DOCENTI E composto dal personale insegnante della scuola. I docenti, in organico di diritto,in servizio presso la scuola G. BARTOLENA nell anno scolastico 2013/2014 sono 69. Il collegio è presieduto da Dirigente Scolastico ed ha i seguenti compiti: - Cura la programmazione dell azione educativa. 14

15 - Formula proposte alla Dirigente per la formazione e composizione delle classi, per la formazione dell orario delle lezioni, comprese le iniziative di recupero, sostegno, continuità e orientamento scolastico - Favorisce il coordinamento interdisciplinare. -Provvede all adozione dei libri di testo e alla scelta dei sussidi didattici e che siano coerenti al POF - Adotta e programma iniziative sperimentali. - Promuove la ricerca educativa e l aggiornamento dei docenti. - Elegge i docenti con funzione Strumentale, i docenti del Comitato di Valutazione e i rappresentanti nel Consiglio d Istituto. IL CONSIGLIO D ISTITUTO E composto dalla Dirigente Scolastico, da otto rappresentanti dei docenti, otto rappresentanti dei genitori, due del personale non docente. Il Consiglio d istituto ha potere deliberante in materia di: Bilancio preventivo e consuntivo, impiego di mezzi finanziari per il funzionamento didattico ed amministrativo L adozione del regolamento d istituto, la decisione di partecipazione ad attività culturali, sportive, ricreative e allo svolgimento d iniziative assistenziali. Adotta il POF elaborato del Collegio Docenti. Inoltre indica i criteri generali relativi alla formazione delle classi, all assegnazione dei singoli docenti ed esercita le competenze in materia d uso delle attrezzature e degli edifici scolastici CONSIGLIO D ISTITUTO DIRIGENTE SCOLASTICO: LOREDANA BILARDI PRESIDENTE: DANIELE CIOCCA COMPONENTI DOCENTI 1. CARIELLO CECILIA 2. FRIGOLI MANUELA 3. ARGIOLAS MONICA 4. SANTALENA ANTONIO 5. ESPOSITO LUCIA 6. GIANNETTI LAURA 7. CECCARINI ANTONELLA COMPONENTI GENITORI SOMMATI ALESSANDRA BUSELLI CHIARA CIOCCA DANIELE GIUNTA ESECUTIVA Busnelli, Santalena, Patricelli Malizia, DS L. Bilardi, DSGA G. Ciao COMPONENTE ATA : PATRICELLI MALIZIA ANTONELLA - SALVATORE NADIA LE FUNZIONI STRUMENTALI Alla luce dell'esperienza dei precedenti anni scolastici e della programmazione elaborata, il Collegio dei Docenti individua i seguenti ambiti di competenza per ciascuna delle sei funzioni strumentali al piano dell offerta formativa elette a supporto dell'attività didattica e del funzionamento della scuola: 15

16 coordinamento delle attività di autonomia elaborazione POF e strategie per la sua attuazione nell ambito della riforma; riorganizzazione dell orario e del monte ore di ciascuna disciplina; organizzazione di corsi ed attività di formazione dei docenti, progetti Coordinamento e gestione delle attività di continuità (rapporti con le scuole elementari, con i genitori degli alunni delle classi quinte, eventuali progetti di accoglienza e continuità) Coordinamento dell'orientamento (attuazione di moduli di orientamento, informazione sulle opportunità di scelta dei vari indirizzi di formazione superiore) e dei rapporti con enti esterni alla scuola (rapporti con enti pubblici e associazioni, interventi di promozione della scuola) Coordinamento degli interventi per alunni diversamente abili e per alunni con problematiche legate all apprendimento e/o alla capacità di relazionarsi. Coordinamento delle attività extracurricolari (organizzazione e gestione delle attività integrative, di recupero e di potenziamento e dei viaggi d istruzione). Coordinamento delle attività inerenti lo svolgimento delle prove INVALSI (registrazione/accreditamento della scuola tramite invio on-line dei dati di tutte le classi coinvolte, organizzazione delle fasi di somministrazione/correzione e supporto ai colleghi per tutta la durata di espletamento, trasmissione del materiale da restituire, analisi e approfondimenti sui contenuti delle prove e sui risultati conseguiti dagli alunni) FUNZIONI STRUMENTALI Prof.ssa Laura MENICUCCI Elaborazione P.O.F. Prof.ssa Lucia ESPOSITO Elaborazione P.O.F. Prof.ssa Patrizia NANNIPIERI Continuità Prof. Cristiano GRASSO Continuità Prof.ssa Reginalda GALANO Sostegno Prof.ssa Stefania CASU Orientamento Prof.ssa Laura BERTAGNI Extracurricolari- viaggi istruzione-progetti Prof.ssa Laura FERRARIO Invalsi Prof,ssa Letizia UCCELLI Invalsi 16

17 IL CONSIGLIO DI CLASSE E presieduto dalla Dirigente Scolastico o da un insegnante delegato, è composto dai docenti d ogni singola classe e da quattro rappresentanti dei genitori. IL COORDINATORE DI CLASSE Coordina le attività didattiche - educative, in particolare fungendo da portavoce del Consiglio di classe nei rapporti scuola-famiglia. Controlla attraverso i registri di classe le assenze e le giustificazioni degli allievi. Supporta gli allievi nelle scelte per le attività opzionali. Presiede, in assenza del Dirigente scolastico, il Consiglio di classe. Controlla la regolarità e completezza della documentazione relativa agli atti del Consiglio di Classe. Consegna alle famiglie, insieme a tutto il Consiglio di classe, le schede di valutazione quadrimestrali e cura i rapporti con le famiglie. COORDINATORI DI CLASSE classe Docente classe Docente classe Docente 1A Innocenti 1F Ciampalini 1M Baldacci 2A Ercoli 2F Donatucci 2M Longo 3A Cuzzocrea 1G Corsolini 1N Giovanelli 1B Zanobini 2G Fiorentini 2N Tognotti 2B Giannetti 3G Bertagni 3N Bindi 3B Menicucci 1H D Onofrio 1O De Luca 1C Lanza 2H Nicolais 2O Monteleone 2C Provenzano 3H Celli 3O Beverelli 3C Cappellini 1I Domenici 2P Frigoli 1D Dini 2I Crestini 3I CeccariniA 3D Anelli 1L Bosco 1E Campo 2L Esposito 2E Andolfi 3L Ugolini 3E Nannipieri LE COMMISSIONI Commissione POF: gestione e attivazione del POF. Commissione Continuità: cura i rapporti con tutte le scuole elementari del territorio Commissione Orientamento: contatti con le scuole superiori del territorio Commissione Orario: elaborazione dell orario scolastico per le varie classi Commissione G.L.I.: cura l inserimento degli alunni diversamente abili e degli alunni stranieri. Commissione Extracurricolari, Progetti e Viaggi d istruzione: attuazione dei progetti esterni organizzazione dei viaggi di istruzione. Commissione Invalsi: gestione prove Invalsi. Commissione autovalutazione (G.A.U.S): individuazione aree e modalità di miglioramento dell azione educativa e didattica. Commissione Iscrizione: gestione nuove iscrizioni e formazione nuove classi. 17

18 REFERENTE DI COMMISSIONE: coordina le riunioni, sceglie il segretario verbalizzante, relaziona sull esito dei lavori della Commissione all Ufficio di Presidenza e al Collegio dei docenti. REFERENTI DELLE COMMISSIONI Elaborazione POF Prof.sse MENICUCCI ESPOSITO Continuità Proff. NANNIPIERI-GRASSO Orientamento Prof.ssa CASU Extracurricolari - Viaggi d istruzione Prof.ssa BERTAGNI Sostegno Prof.ssa GALANO Orario Prof. CECCARINI Sicurezza Prof. SANTALENA GRUPPO AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ( G.A.U.S.) GRUPPO DI LAVORO INTEGRAZIONE SCOLASTICA (G.L.I.) DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa LOREDANA BILARDI STAFF DI PRESIDENZA Prof.ssa BINDI Prof. MANNINI Un docente rappresentante di ciascun plesso : prof.ssa DINI prof.ssa CAMPO prof.ssa FIORENTINI prof.ssa GALANO Prof.ssa GIUNTI Prof. GRASSO Prof. INNOCENTI Prof. MANNINI Un rappresentante dei genitori degli alunni portatori di handicap. Un rappresentante dei genitori alunni con DSA Un rappresentante dei Servizi Territoriali. Responsabile del GOM ASL Livorno Un collaboratore scolastico Un RSU Il presidente del Consiglio di Istituto 18

19 I SERVIZI AMMINISTRATIVI Il termine servizi amministrativi indica le strutture organizzative atte allo svolgimento dell attività gestionale della scuola. I punti qualificanti sono: Trasparenza. Informazione sui servizi di segreteria. Flessibilità degli uffici a contatto con il pubblico. Orario d apertura dei quattro plessi: Dal lunedì al sabato dalle ore 7.30 alle ore Orario di ricevimento del Dirigente Scolastico: Il Dirigente Scolastico riceverà il pubblico nella sede Centrale di via Michel, tutte le mattine dal martedì al venerdì. Per l appuntamento, contattare la segreteria didattica. Orario d apertura al pubblico della segreteria didattica: La segreteria didattica rimane aperta tutti i giorni dalle ore alle ore Il rilascio di certificati e di documenti è effettuato nel normale orario d apertura al pubblico della segreteria entro un tempo massimo di cinque giorni lavorativi. L ufficio del personale riceve tutti i giorni (Lunedì mercoledì sabato) dalle ore alle ore Il martedì dalle ore alle ore Il DSGA riceve il personale secondo l orario stabilito ad inizio anno. COMPONENTI DEI SERVIZI AMMINISTRATIVI Sede Plesso di Plesso di Plesso di Centrale via Bois S.Simone Banditella D.S.G.A. 1 Add..Amministrativi 3 Add..Segret.Didattica 2 Collaboratori Scolastici ASSETTO ORDINAMENTALE ORGANIZZATIVO E DIDATTICO CRITERI FORMAZIONE CLASSI Per l assegnazione del plesso si terrà conto della residenza dell alunno. L assegnazione ai corsi sarà subordinata: (a) alla scelta della seconda lingua comunitaria (b) alla scelta del tempo-scuola (settimana corta o lunga). 19

20 Le classi saranno formate in modo il più possibile equivalente sia nel numero degli alunni che nella distribuzione delle abilità e competenze, in questo tenendo conto anche delle indicazioni degli insegnanti della scuola di provenienza. L inserimento degli alunni disabili avverrà secondo la vigente normativa. In caso di esubero delle domande d iscrizione rispetto alla ricettività delle aule, si procederà a stilare una graduatoria, in base ai seguenti requisiti: Residenza della famiglia; Condizioni di disabilità certificata; Presenza di fratelli/sorelle frequentanti l Istituto nell anno a cui si riferisce l iscrizione; Sede di lavoro dei genitori nel territorio di pertinenza della scuola; Alunni residenti in zone periferiche dove non risultano istituite scuole secondarie di 1 grado; Provenienza dalle scuole primarie del territorio (Carducci, Antignano, Natali, Cattaneo ) Per maggiori dettagli al riguardo si fa riferimento all allegato Regolamento su iscrizioni, alunni, classi e sezioni. CRITERI INSERIMENTO ALUNNI RIPETENTI Gli alunni ripetenti saranno inseriti nelle classi delle rispettive sezioni di appartenenza, a meno che non ci sia una motivata richiesta di cambiare sezione o plesso. Tale richiesta dovrà essere presentata alla Dirigente, che deciderà in merito dopo aver consultato il coordinatore del consiglio della classe di provenienza e quello di eventuale accoglienza. Di norma non si dovranno superare 3 ripetenti per classe. LA PROGRAMMAZIONE Il lavoro degli insegnanti in classe si svolge secondo criteri e contenuti conseguenti ad una precedente attività di programmazione. Il processo di programmazione si attua nelle seguenti fasi : Programmazione educativa e didattica del collegio dei docenti Programmazione didattica degli ambiti disciplinari Programmazione didattica dei consigli di classe Programmazione didattica disciplinare dei singoli docenti. LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA DEL COLLEGIO DEI DOCENTI Il POF è il documento, predisposto all inizio di ciascun anno scolastico con il contributo delle diverse componenti, con il quale si propone di coordinare tutte le attività educative e didattiche che sono alla base del funzionamento della vita scolastica. In particolare, con questo documento si vuole: Progettare i percorsi formativi correlati alle finalità e agli obiettivi delineati nei programmi Armonizzare l attività dei consigli di classe, individuando gli strumenti per la rilevazione della situazione iniziale e finale, nonché per la valutazione dei percorsi didattici Elaborare le attività riguardanti l orientamento, i corsi di recupero, gli interventi di sostegno Raccogliere i progetti elaborati nell ambito dei dipartimenti e delle commissioni di lavoro del collegio dei docenti. 20

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Guida pratica del rappresentante dei genitori a cura dell Associazione Per maggiori informazioni consultare il sito www.genitoriescuola.it

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli