Il risk management e i suoi stakeholder *

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il risk management e i suoi stakeholder *"

Transcript

1 Il risk management e i suoi stakeholder * Giampaolo Gabbi In corso di pubblicazione su Bancaria, n. 3, Introduzione Tra i numerosi effetti della crisi finanziaria, il limite evidenziato dal risk management in ambito bancario ha concentrato l attenzione di autorità di vigilanza, operatori e studiosi. Il dibattito si è sviluppato intorno ad alcune domande decisive per individuare le soluzioni più efficaci. Una prima questione è relativa al dubbio se siano fallite le regole finanziarie o piuttosto se le metriche su cui si sono costruiti molti modelli di misurazione si siano rivelati incapaci di cogliere la complessità di alcuni portafogli finanziari (Stulz, 2008, Acharya et al., 2010). Con riferimento al primo aspetto, la risposta delle autorità di Vigilanza bancaria si è orientata verso un sistema di risposte nel segno comune di ridurre la probabilità di nuove crisi e la conseguente necessità di interventi di salvataggio soprattutto pubblici ( Nessuno vuole un altro programma TARP, Tarullo, 2011, p. 2). L interpretazione delle principali cause della crisi e dell incapacità delle regole esistenti di contenerne l effetto e la diffusione hanno sollecitato l introduzione di nuovi vincoli volti ad aumentare la qualità del capitale di base, ridurre la leva finanziaria, allentare l impatto pro ciclico delle valutazioni del merito creditizio, garantire una riserva di liquidità gestita mediante la detenzione di attività altamente liquide, sia pure condizionate dal rischio di evaporazione per effetto di fattori di rischio di credito e di mercato (Basel Committee on Banking Supervision, 2009). Relativamente alle metriche (peraltro già ampiamente criticate da molta letteratura teorica ed empirica: Acerbi e Tasche, 2001, e Sironi e Saita, 1999, Berkowitz e O'Brien, 2002), le proposte prudenziali non rivedono il precedente orientamento di consentire la costruzione di modelli interni per i rischi di primo pilastro (credito, mercato e operativi) ma introducendo lo stressed value at risk e l incremental risk charge ricalibrano l assorbimento patrimoniale delle posizioni di trading e riducono le opportunità di arbitraggio regolamentare con il banking book. * Questo articolo è una versione rielaborata della relazione Il risk management e i suoi stakeholder Le lezioni della crisi presentata al convegno ADEIMF Corporate governance e gestione dei rischi: gli insegnamenti della crisi presso l Università degli Studi di Milano il 3 febbraio 2012 e al convegno promosso nell ambito del Dottorato in Banca e Finanza dell Università di Roma Tor Vergata e da AIFIRM presso l Università degli Studi di Parma il 9 marzo Ringrazio Adalberto Alberici, Alessandro Carretta, Francesco Cesarini, Pierfrancesco Cocco, Paolo Mottura, Paola Musile Tanzi, Eugenio Pavarani, Paola Schwizer e Andrea Sironi per i preziosi commenti e le critiche alle proposte contenute nell articolo. Rimane mia la responsabilità per gli errori e le inesattezze eventualmente rimaste. 1

2 Una serie di interventi previsti ha attinenza con un approccio di natura strutturale che da tempo le autorità avevano sostanzialmente abbandonato. Si pensi in particolare alle misure concernenti l adeguatezza patrimoniale applicate alle banche di rilevanza sistemica globale (global systemically important banks, G-SIB) che presentano modelli di business maggiormente orientati sulle attività di negoziazione e le attività collegate ai mercati dei capitali, ossia le attività interessate più da vicino dalla migliore copertura dei rischi prevista dal nuovo schema di regolamentazione del patrimonio. [ ] L adozione di disposizioni aggiuntive per le G-SIB è motivata dalle esternalità negative che questi istituti creano a livello internazionale, esternalità che le attuali politiche di regolamentazione non affrontano compiutamente. Le esternalità negative associate a quegli istituti che, in ragione delle loro dimensioni, interconnessione, complessità, insostituibilità o operatività globale, si ritiene non possano essere lasciati fallire sono ampiamente riconosciute. [ ] I costi associati all azzardo morale vanno così a sommarsi agli eventuali costi diretti del sostegno pubblico che rischiano di ricadere sui contribuenti. (Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria, 2011). Qualsiasi soluzione in questo ambito rischia di alterare il principio di level the playing field che è un pilastro della regolamentazione prudenziale. Sempre di natura strutturale sono le proposte in tema di separazione fra attività di investment banking (ritenuta generalmente il principale originator dei rischi di dissesto) e di commercial banking. Gli interventi sulla struttura organizzativa (come il ring-fencing proposto dal rapporto Vickers, Independent Commission on Banking, 2011) e quelli sulla limitazione di determinate transazioni, in particolare sul proprietary trading e sui rapporti con gli hedge fund (come la sezione 619 del Dodd- Frank Act, nota come Volcker rule) contengono potenziali insidie per il modello prudenziale e per le opportunità di diversificazione dei portafogli in uno schema rischio-rendimento (Chesney, Stromberg, 2010 e Capizzi et al., 2012). La complessità e l eterogeneità degli interventi (sia come soluzioni sia come implementazione nazionale delle proposte internazionali) sollevano il dilemma, non nuovo ma ora più pressante, della possibilità di contemperare gli obiettivi delle autorità, liquidità e solvibilità bancaria, con quelli degli intermediari, redditività e valore (Aikman et al., 2009). Se alcuni studi robusti sono stati fatti sull impatto atteso a livello macro economico (Basel Committee on Banking Supervision 2010a, 2010b, Angelini et al., 2011), l effetto per le imprese bancarie rimane incerto. A questo proposito il problema sollevato nel giugno 2011 da Dimon (CEO di JPMorgan) a Bernanke 1 ("Qualcuno si è preoccupato di studiare l effetto complessivo di tutte queste nuove regole? [ ] Non teme, come temo io, che quando ci volteremo a considerarle nel loro insieme sarà trascorso troppo tempo per far ripartire le nostre banche, il nostro credito, i nostri business e, più importante di tutto, la nostra capacità di creare posti di lavoro?") riassume la preoccupazione dell industria. La risposta di Bernanke ( E probabile che ci voglia un po di tempo prima che si possa valutare se i costi abbiano superato i benefici, per consentirci gli aggiustamenti adeguati ) dimostra come la Vigilanza non sia in grado di prevedere gli effetti sull equilibrio complessivo del sistema bancario (Capizzi et al., 2012). 1 International Monetary Conference in Atlanta, Georgia, 7 giugno

3 Più recentemente le autorità di vigilanza hanno approfondito il problema del posizionamento del risk management all interno dell organigramma organizzativo per comprendere in quali termini la misura delle esposizioni ai rischi potesse risultare subalterno a decisioni superiori o comunque non in grado di condizionare le scelte exante. In questo articolo si cerca di approfondire il dibattito che vede un intervento apparentemente severo di internal governance per il risk management e valutare se le soluzioni introdotte possano risultare sostenibili ed efficaci. Nel secondo paragrafo si analizzano i rischi emersi con la crisi e la necessità di valutarli secondo un approccio di network per comprenderne le interrelazioni reciproche; nel terzo paragrafo si valuta la legittimità del risk management secondo il disegno emerso a seguito degli interventi di internal governance da parte delle autorità di vigilanza internazionali. Il quarto paragrafo è dedicato alla proposta di rendere il risk management maggiormente autonomo creando un riporto diretto con stakeholder esterni. Alcune considerazioni sulle implicazioni della proposta concludono l articolo. 2. Nuovi rischi e network risk management La comprensione del ruolo del risk management in banca impone l approfondimento di quanto sia stato sottovalutato prima della crisi in termini di misurazione e relativa gestione delle esposizioni. Una prima lezione è relativa all emergere di alcuni rischi considerati in termini marginali o per nulla misurati. Un secondo insegnamento attiene ad alcune interconnessioni fra rischi che si sono rivelate più significative e pericolose di quanto precedentemente ipotizzato. I rischi idiosincratici emergenti, in alcuni casi solo marginalmente misurati, possono essere ricondotti al rischio di liquidità (in particolare il funding liquidity risk), al rischio di controparte, al rischio di concentrazione (sia di mercato sia di credito) e al rischio sovrano. Oltre a questi si è aggiunta con prepotenza l attenzione per il rischio sistemico, estraneo al framework di vigilanza micro prudenziale. Il secondo aspetto rilevante nell ambito del perimetro di analisi del risk management emerso con la crisi è relativo alle interrelazioni fra rischi, non solo intese come correlazioni, ma come relazioni causali. Per la sua natura, ciò che è emerso a seguito della crisi finanziaria è la relazione esistente fra il rischio sistemico e rischi rispettivamente creditizi, di mercato e di liquidità. Le implicazioni più rilevanti delle analisi condotte è che per gestire queste interconnessioni le metriche che incorporano le correlazioni non sono sufficienti. Il limite dell approccio è che non si identificano le interconnessioni e l eventuale direzione causa-effetto. Il problema della causalità impone una significativa revisione delle soluzioni generalmente adottate nella risk integration bancaria, così come la possibile critica all assunzione di sub-additività delle metriche di value-at-risk (Artzner, Delbaen, Eber, Heath, 1999) e di possibile contagio fra esposizioni fortemente affini e connesse. L integrazione di misure di causalità, come i test di Granger (1969), per i rischi connessi con il credito e il mercato, e i diagrammi di Ishikawa (Kondo, 1994) per i rischi operativi e per quelli immateriali, quali reputazionali e strategici. 3

4 Ciò induce le autorità di vigilanza e i mercati a valutare l opportunità di individuare soluzioni organizzative quali sistemi di clearing dei rischi e il risk management a dotarsi di metodologie orientate al risk network management (Haldane, 2009). Le fasi del processo di risk network management sono la mappatura dei rischi e delle loro interconnessioni, la misurazione del rischio di portafoglio mediante l applicazione di metriche quali grado, forza, affinità, clustering, diametro (Iori et. al. 2008) e scenari che considerino la distribuzione del network (Stulz, 2008), per concludere con la gestione mediante approcci coerenti di copertura. Un esempio di mappatura dei rischi, includente fattori non finanziari, è quello stimato periodicamente dal World Economic Forum (figura 1). Figura 1. Mappa delle interconnessioni fra rischi globali (RIM). Anno 2011 Fonte: World Economic Forum, La rappresentazione dei rischi permette di evidenziare come fattori tipicamente bancari (per esempio il razionamento del credito e della liquidità, il crollo dei prezzi degli attivi, l incremento della volatilità di cambi e commodity) non possono prescindere dall interconnessione con altri fattori (per citare i più contigui, le dinamiche demografiche, le crisi fiscali, la disparità economica). 4

5 I due hub della rete, o centri della topologia di rete sostenute da alcune relazioni principali alle quali si collegano "a cascata" un diverso numero di link, sono la disparità economica (Rajan, 2010) e il fallimento della governance globale. Si tratta di variabili chiaramente esogene per qualsiasi soggetto bancario, ma che devono essere monitorate ad un livello strategico, con l obiettivo di collegare, anche in termini organizzativi, il risk management, l alta direzione e i membri del consiglio di amministrazione (Protiviti SDA Bocconi, 2012). A un primo livello, ciò che emerge è l interconnessione fra rischi strettamente bancari: il rischio di credito e rischio di liquidità da un lato, e rischio sovrano e di credito dall altro, si sono dimostrati come i fattori maggiormente interconnessi e come quelli che più di altri possono condizionare l equilibrio aziendale qualora affrontati indipendentemente dagli altri. All interconnessione fra rischi si aggiunge il rischio di contagio fra agenti finanziari. Maino e Tintchev (2012) mostrano come il capitale a rischio di una singola banca aumenta significativamente quando si stimano i legami fra rischi. Un secondo livello di analisi è il coinvolgimento dell internal governance. La legittimità organizzativa del risk management non può prescindere dalla coerenza dei sistema dei controlli e dal commitment del governo aziendale. Ciò rende, secondo Bhimani (2009) la funzione tecnica della misurazione dei rischi e gli organi di governo inestricabilmente interdipendenti. 3. Legittimità organizzativa del risk management e internal governance L indipendenza e la responsabilità della funzione di risk management rispetto al consiglio di amministrazione, senior management e audit sono principi argomentati sia in ambito regolamentare sia in letteratura (Landier, Sraer, Thesmar, 2009). La crisi finanziaria ha imposto una revisione delle precedenti soluzioni organizzative. Per quanto riguarda il dibattito in Italia, un intervento autorevole ha non solo ribadito la necessità dell indipendenza ma ha sottolineato il problema del ruolo organizzativo del responsabile del processo di risk management: Il Chief Risk Officer deve essere dotato di rango organizzativo e indipendenza tali da poter valutare exante gli effetti sulla rischiosità delle scelte aziendali, poter interagire regolarmente con il board ed avere un rapporto di parità dialettica sia con gli altri senior manager in particolare, con il direttore finanziario (CFO) sia con i responsabili commerciali (Tarantola, 2011). La posizione della Banca d Italia si inquadra in un processo internazionale che ha visto già nel febbraio 2010 l OCSE pubblicare una serie di raccomandazioni: la good practice indica che dovrebbe esserci un riporto diretto [del risk manager] al consiglio di amministrazione che impone un dirigente esecutivo indipendente dalle linee di business e, pertanto, per un certo verso indipendente dallo stesso CEO (OECD, 2010, raccomandazione n. 40). Riprendendo il tema, la Commissione Europea nel libro verde dedicato alla corporate governance nelle istituzioni finanziarie e alle politiche di remunerazione (2010), ha sottolineato come il fallimento del risk management sia dipeso anche da mancanza di autorità di questa funzione e a un sistema di comunicazione e informazione legato ai 5

6 rischi sostanzialmente povero. La Commissione ritiene quindi sia necessario rafforzare indipendenza e autorità agendo in particolare sullo status del CRO, ritenendo debba avere almeno lo stesso livello del CFO all interno dell organizzazione finanziaria e che possa riportare direttamente al Board e al Comitato rischi (European Commission, 2010). Una volta avviato il dibattito, da un livello politico esso si è spostato alle Autorità di Vigilanza. Il Comitato di Basilea ha pubblicato i nuovi principi sulla corporate governance nell ottobre 2010 raccomandando un presidio organizzativo per la funzione di risk management (CRO o equivalente) per le banche attive a livello internazionale, una funzione compliance e una funzione di internal audit, ciascuna con autorità sufficiente, statura, indipendenza, risorse e accesso al Board (Basel Committee on Banking Supervision, 2010c), aggiungendo come queste funzioni debbano attrezzarsi per cogliere la complessità e la sofisticazione dei rischi esistenti, compresi nel quadro dei rischi esterni, richiamando sostanzialmente il problema dell interconnessione con fattori esterni e non direttamente finanziari. Si introduce poi un elemento ulteriore rispetto a quanto già previsto dai documenti OCSE e Commissione Europea: la natura del canale di comunicazione fra CRO e Board: il CRO deve poter riportare al CEO, al Board, avere accesso diretto ai suoi comitati rischi senza impedimenti, interagire in modo regolare e documentato. Inoltre, i membri non esecutivi del Board dovrebbero avere il diritto di incontrare regolarmente il CRO, in assenza di senior manager. Con questa prospettiva si rende più completa la definizione del ruolo del Board come stakeholder diretto del risk manager, con una precisa responsabilità di cercare l informazione a un livello operativo che presuppone la possibilità di by-passare l alta direzione e in particolare il chief executive officer. Si conferma l importanza che il CRO non abbia responsabilità rispetto alle business line operative e alle altre funzioni orientate alla generazione di utili. Non si arriva a proporre, come invece faceva l OCSE, disposizioni volte a instaurare una practice per far sì che i dirigenti esecutivi avessero esperienza di CRO per diffondere in modo efficace la cultura del rischio in banca. Si raccomanda che il CRO sia di statura, autorità ed esperienza sufficiente per far valere le sue posizioni garantendo l esperienza (Basel Committee on Banking Supervision, 2010c, proposta 73). Il problema della reale efficacia di queste soluzioni: al di là della creazione della funzione, di un ruolo più elevato per il CRO e di un canale aperto con alta direzione e Board, la capacità di condizionare le scelte sulla base della sopportabilità dei rischi assunti e dello stesso risk appetite sono lasciate alla dinamica interna di ciascuna organizzazione. Il ruolo organizzativo, in ogni caso subalterno al CEO, solleva il dubbio che il conflitto insito fra funzioni commerciali e funzioni di controllo possa condizionare negativamente la dialettica interna. Il conflitto potrebbe anche risolversi con la rimozione del CRO dalla sua posizione. Questa conseguenza è prevista dal Comitato di Basilea: in questo caso si raccomanda che la decisione sia approvata dal Board e generalmente resa pubblica. Inoltre la banca dovrebbe discutere di questa decisione con il supervisore (Basel Committee on Banking Supervision, 2010c, proposta 74). Soluzione orientata a preservare la funzione, ma che se letta in un ottica individuale, 6

7 rende il risk manager sempre nella delicatissima posizione di responsabilità subalterna. In realtà, più complessa sembra essere la gestione per mezzo di regole del rischio di depotenziamento che si può determinare all interno di ogni organizzazione con il razionamento delle risorse a disposizione dei risk manager. A livello europeo, le proposte della Commissione sono state riprese dal Committee of European Banking Supervisors nell ottobre 2010 con un consultation paper. Alle caratteristiche del CRO di esperienza, capacità, indipendenza e seniorship, il CEBS aggiungeva (in parentesi), la possibilità di dare al CRO un potere di veto sulle decisioni che potessero condizionare l esposizione al rischio della banca (Committee of European Banking Supervisors, 2010, 144). In questi termini, il potere assunto dal CRO, sia pure in negativo, potrebbe condizionare tutto il business bancario, aumentando ulteriormente il conflitto già citato. L imposizione regolamentare del diritto di veto, peraltro, solleva alcuni dubbi di natura giuridica sottolineati nei feedback al documento, poiché in alcuni stati membri il diritto commerciale contiene principi con congrui con questa ipotesi. Nel documento finale, la European Banking Authority riafferma che il potere di veto rappresenta una possibilità data alla banca per rafforzare il ruolo del CRO ma non un obbligo. In ogni caso, le modalità di applicazione del principio dovrebbero essere lasciate alla definizione di ogni intermediario. Nella versione definitiva, le linee guida impongono alcune caratteristiche di adeguatezza per il ruolo del CRO, aggiungendo come un istituzione potrebbe considerare la possibilità di concedere il diritto di veto al CRO (European Banking Authority, 2011, linea guida 27.3), individuando, sia pure a titolo esemplificativo, nelle decisioni creditizie e di investimento o nella fissazione dei limiti, il perimetro delle decisioni cui concedere tale potere. Appare, a chi scrive, una soluzione complessa da realizzare senza il rischio che venga meno la necessità di individuare ruoli e organi apicali in grado di prendersi la responsabilità ultima di decisioni strategiche e gestionali. L approccio descritto mostra in ogni caso la grande attenzione e cura nel trattare il tema nell ambito dell internal governance, individuando nuove figure di stakeholder diretti per il risk management, in particolare Board e Comitati rischi. Non viene però risolto interamente il problema del conflitto fra soggetti che risultano in potenziale conflitto di agenzia, e che la crisi ha evidenziato in termini capaci da minare la stabilità delle singole istituzioni e dell intero sistema bancario. 4. Risk management e stakeholder esterni alla banca Per comprendere i limiti dell approccio è necessario richiamare la possibile definizione di stakeholder. Una prima possibilità è quella tradizionale di Freeman (1984), secondo cui gli stakeholder primari, ovvero gli stakeholder in senso stretto, sono tutti quegli individui e gruppi ben identificabili da cui l'impresa dipende per la sua sopravvivenza. L indicazione del problema della sopravvivenza costituisce il collegamento diretto con il problema dei salvataggi bancari e del ruolo del soggetto pubblico. Se si associa alla prima definizione quella proposta da Clarkson (1995) secondo cui gli stakeholder sono persone e organizzazioni che hanno pretese, titoli di proprietà, diritti, o interessi, relativi a un'impresa e alle sue attività, passate, presenti e 7

8 future si può valutare più compiutamente il dilemma della banca, fra external e internal governance. Un interpretazione del conflitto in un quadro di teoria dell agenzia chiarisce l instabilità organizzativa e l inefficacia di alcune delle soluzioni regolamentari precedentemente descritte. In un modello di agenzia il conflitto principal-agent può essere risolto mediante l introduzione di contratti e incentivi volti a modificare la funzione obiettivo dell agent e di catturare il comportamento verso finalità condivise dal principal. Nel caso della banca, la sopravvivenza della banca dipende non solo dal rispetto delle regole (diverse banche che hanno richiesto un intervento di salvataggio disponevano di un patrimonio di vigilanza ampiamente superiore all adeguatezza minima) ma anche da eventi di stress. Ciò significa che un sicuro stakeholder della banca è il soggetto esterno ad essa che può intervenire per un eventuale e futuro bail out. La teoria dell agenzia non riesce a suggerire un contratto stabile ed efficace quando si costruisce un sistema a più livelli, dove un principal delega un agent cha a sua volta risulta principal di un agent subalterno. Il rapporto fra CRO (agent) e Board (principal) è robusto se si assume un sistema di regole e di metriche assolutamente in grado di individuare i rischi e far fronte con adeguatezza patrimoniale. L incertezza che rimane di fronte a eventi non prevedibili impone la valutazione di uno scenario di intervento di un soggetto pubblico (principal) che si configura come un ulteriore conflitto di agenzia con il Board della banca (agent). Da ciò deriva l instabilità del desiderato equilibrio fra regole di governance interna e regolamentazione del sistema bancario. Ciò è reso evidente in base ad alcune considerazioni: a) la crisi ha evidenziato anche la fragilità delle metriche per il valore d impresa incorporate nel costo del capitale, evidenziando come lo stakeholder principale rimane l azionista (Kashyap, Rajan, Stein, 2008); b) l azionista detiene di fatto una call option che può abbandonare quando il valore scende sotto lo strike, lasciando senza ulteriori risorse l impresa, depauperando gli altri stakeholder; c) le soluzioni coerenti con la teoria dell agenzia sono (i) rendere il risk management giuridicamente indipendente dalla governance dell impresa e dipendente da un soggetto che incorpora gli interessi più ampi dell equilibrio del sistema bancario (come l Autorità di Vigilanza), oppure (ii) prevedere una cornice giuridica che permetta ad alcuni soggetti socializzati (si pensa alla visione keynesiana di enti distinti dagli organi di governo centrale come la Banca Centrale (Keynes , pp ) di poter intervenire nella governance, dominando quella privata dell impresa nel caso si ritenga a rischio il raggiungimento degli obiettivi del sistema finanziario (intrusive supervision). Lo schema del bail-in che permette alle Autorità di trasformare il debito subordinato e senior unsecured in caso di insolvenza tecnica. La creazione di un unità di risk management separata che risponda a un soggetto esterno come l Autorità di Vigilanza, intesa come soggetto che contiene le finalità pubbliche, è ritenuto sostenibile anche dalla letteratura più recente che si è occupata di internal governance (Brown, Steen, Foreman, 2009). 8

9 Rimane irrisolto il problema degli stakeholder potenziali (i soggetti futuri di Clarkson, 1995), che nel caso del bail out pubblico significa il Governo, rappresentato da Comitati tecnici che in alcuni schemi di salvataggio hanno continuato a monitorare direttamente con il risk management il processo di recovery della banca (Asset Protection Scheme inglese), riconducendo di fatto il Ministero dell Economia nel perimetro degli stakeholder primari. La proposta qui avanzata di riporto del risk management a un soggetto esterno alla banca avrebbe il vantaggio di ridurre la probabilità di interventi di salvataggio ex-post. 5. Conclusioni L esperienza recente e la possibilità teorica di scenari estremi non sostenibili (per quanto severi siano gli stress test) lascia aperta la possibilità di default (Jorion, 2009). L efficacia del risk management non riesce quindi a risolversi all interno di uno schema, per quanto severo, di internal governance, ignorando i soggetti che potenzialmente intervengono per la sopravvivenza, come gli stakeholder pubblici. A tal fine oltre al potenziamento dei piani di contingency anche per liquidità e solvibilità, e all introduzione di policy che diano potere formale al CRO secondo le linee guida dell EBA, si ritiene che risulti più efficace un progressivo trasferimento di una funzione di controllo che risponda a un soggetto di supervisione esterna. La proposta di trasformare le funzioni di risk management e controllo in unità esterne alla banca caratterizzato da un forte collegamento con l Autorità di Vigilanza sposta il problema della responsabilità della misurazione del rischio e la possibilità che il fallimento del risk management diventi il fallimento della vigilanza. Una soluzione più leggera che non risolve il problema del contratto multiprincipal e multi-agent, ma che risulta più fattibile in termini di implementazione - può essere individuata collegando anche funzionalmente il CRO al collegio sindacale che, a sua volta, relaziona all autorità di Vigilanza. Le implicazioni di questa proposta sono numerose: a) la revisione dei meccanismi di partecipazione al fondo interbancario di tutela dei depositanti che svolge un ruolo di potenziale intervento in caso di dissesto, prevedendo che l autorità sia in grado di incorporare anche queste finalità, riducendo in tal modo la probabilità di rischio sistemico; b) il modello descritto di intrusive supervision comporta una diversa composizione dei costi di regolamentazione (costi di agenzia) volti al raggiungimento di un contratto ottimo fra autorità (principal) e risk management (agent). La banca dovrà ripensare il meccanismo dei modelli di pricing dei servizi finanziari che incorporano i diversi rischi, le loro interrelazioni e i controlli interni ed esterni; c) l imposizione di modelli interni robusti, evitando che le banche di medie e grandi banche possano valutare l opportunità di utilizzo degli approcci standard attraverso una semplice logica di costi-benefici associati all assorbimento e al costo del capitale. Una soluzione che può perfezionare il ruolo di indipendenza del risk management è quella di assegnare al CRO la 9

10 responsabilità di una sezione del bilancio in aggiunta alla redazione del report di market discipline (pillar 3); d) la minimizzazione del rischio di pubblicizzazione degli intermediari insito nel modello di governance descritto, mediante una seria e robusta valutazione del processo di determinazione del risk appetite da parte degli organi aziendali preposti e di scelta delle politiche commerciali coerenti. Bibliografia Acerbi C., Tasche D., 2001, Expected Shortfall: a natural coherent alternative to Value at Risk, BIS Working Paper, May 9. Acharya V. V., Cooley T. F., Richardson M. P., Walter I., (2010), Regulating Wall Street The Dodd-Frank Act and the New Architecture of Global Finance, John Wiley & Sons, New York. Aikman D., Alessandri P., Eklund B., Gai P., 2009, Funding liquidity risk in a quantitative model of systemic stability, Working paper. Angelini P., Clerc L., Cúrdia V., Gambacorta L., Gerali A., Locarno A., Motto R., Roeger W., Van den Heuvel S., Vlcek J., 2011, BASEL III: Long-term impact on economic performance and fluctuations, BIS Working Papers No 338, February. Artzner, P., Delbaen, F., Eber, J., and Heath, D. (1999). Coherent measure of risk. Mathematical Finance, 9, n. 3, pp Basel Committee on Banking Supervision, 2009, Strengthening the resilience of the banking sector, December, Basel. Basel Committee on Banking Supervision, 2010a, An assessment of the long-term economic impact of stronger capital and liquidity requirements, Basel. Basel Committee on Banking Supervision, 2010b, Assessing the macroeconomic impact of the transition to stronger capital and liquidity requirements - Interim Report, Basel. Basel Committee on Banking Supervision, 2010c, Principles for enhancing corporate governance, October, Basel Basel Committee on Banking Supervision, 2011, Banche di rilevanza sistemica globale: metodologia di valutazione e requisito addizionale di assorbimento delle perdite, novembre. Basilea. Berkowitz J. and O'Brien J., 2002, How Accurate are Value-at-Risk Models at Commercial Banks, Journal of Finance, LVII, n. 3. Bhimani A., 2009, Risk management, corporate governance and management accounting: Emerging interdependencies, Management Accounting Research, 20, n. 1, pp. 2-5 Brown I., Steen A., Foreman J., 2009, Risk Management in Corporate Governance: A Review and Proposal, Corporate Governance: An International Review, 17, n. 5 pp Capizzi V., Caselli S., Di Antonio M., Filotto U., Gabbi G., Musile Tanzi P., Schwizer P., Zanotti G., 2012, The Evolution of Banking Groups after Basel III, SDA Bocconi Research, Milan. 10

11 Chesney M., Stromberg J., 2010, Risk-taking incentives, governance, and losses in the financial crisis, Swiss Finance Institute Working Paper. Clarkson M.B.E. 1995, A stakeholder framework for analyzing and evaluating corporate social performance. Academy of Management Review, 20, pp Committee of European Banking Supervisors, 2010, Consultation paper on the Guidebook on Internal Governance (CP 44), October, London. European Banking Authority, 2011, Guidelines on Internal Governance (GL 44), September, London European Commission, 2010, Green Paper Corporate governance in financial institutions and remuneration policies, Brussels. Freeman R. E., Strategic Management: A stakeholder approach. Boston, Pitman. Granger, C.W.J., Investigating causal relations by econometric models and crossspectral methods. Econometrica 37, n. 3, pp Haldane A.G., 2009, The Systemic Risk Implications of Originate and Distribute, in D. D. Evanoff, D. S. Hoelscher, G. G. Kaufman, Globalization and systemic risk, World Scientific Publishing. Singapore Independent Commission on Banking, 2011, Interim Report Consultation on Reform Options, April Iori G., de Masi G., Precup O., Gabbi G., Caldarelli G., A network analysis of the Italian Overnight Money Market, Journal of Economic Dynamics and Control 32, pp Jorion P., 2009, Risk Management Lessons from the Credit Crisis, European Financial Management, 15, n. 5, pp Kashyap A.K., Rajan R. G., Stein J. C., 2008, Rethinking Capital Regulation, Working paper, August Keynes J. M., , The Collected Writings of J. M. Keynes, vol. I-VI e IX- XXX, a cura di E. Johnson e D. E: Moggridge, Macmillan, London, Kondo Y, 1994, Kaoru Ishikawa: What He thought and Achieved, A Basis for Further Research, Quality Management Journal, July, pp Landier A., Sraer D., Thesmar D., 2009, Financial Risk Management: When Does Independence Fail?, American Economic Review, 99, n. 2, pp Maino R., Tintchev K., 2012, From Stress to CoStress: Stress Testing Interconnected Banking Systems, IMF Working Paper 12/53, Washington. OECD, 2010, Corporate Governance and the Financial Crisis, Paris, February Protiviti SDA Bocconi, 2012, Risk Outlook Report, Milan. Rajan R. G., 2010, Fault Lines: How Hidden Fractures Still Threaten the World Economy, Princeton University Press, Princeton. Sironi A., Saita F., 1999, Market Risk Management and Capital Regulation: An Empirical Evaluation of VaR Alternative Approaches, FMA International Conference, Barcelona, May. Stulz R., 2008, Risk Management Failures: What Are They and When Do They Happen?, Fisher College of Business Working Papers Series Tarantola A., 2011, Il ruolo del risk management per un efficace presidio dei rischi: le lezioni della crisi, Intervento alla CommunityCib SDA Bocconi, Milano, 10 novembre 11

12 Tarullo D. K., 2011, Regulating Systemically Important Financial Firms, June 3, Board of Governors of the Federal Reserve System, Washington. World Economic Forum, 2011, Global Risks, 2011 Sixth Edition. 12

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

Risk Management Basilea 3: aspetti operativi per i diversi profili professionali VII Edizione

Risk Management Basilea 3: aspetti operativi per i diversi profili professionali VII Edizione Risk Management Basilea 3: aspetti operativi per i diversi profili professionali VII Edizione Presentazione Negli ultimi anni il settore finanziario ha compreso come la gestione del rischio costituisca

Dettagli

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 15 aprile 2014 Prot. n. All.ti n. 1 51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Alle Imprese capogruppo

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Programma. Massimo Scolari, General Secretary, ASCOSIM and Member of Consultative Working Group - Investor Protection and Intermediaries, ESMA

Programma. Massimo Scolari, General Secretary, ASCOSIM and Member of Consultative Working Group - Investor Protection and Intermediaries, ESMA Programma 08:30 Registrazione e caffè di benvenuto 08:50 Osservazioni preliminari del presidente: Mauro Cesa, Technical Editor, RISK 09:10 DISCORSO DI APERTURA: Valutazione delle problematiche nazionali

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

POSITION PAPER. Novembre 2012

POSITION PAPER. Novembre 2012 Position Paper in risposta alla procedura di consultazione della Banca d Italia Sistema dei controlli interni, sistema informativo e continuità operativa Novembre 2012 POSITION PAPER Sommario Premessa...6

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione degli standard di Basilea

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione degli standard di Basilea Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione degli standard di Basilea Aprile 2014 La presente pubblicazione è consultabile sul sito internet della

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Principi fondamentali per un efficace vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Principi fondamentali per un efficace vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Principi fondamentali per un efficace vigilanza bancaria Settembre 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese. In caso di dubbio, si rimanda

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Documento di discussione Lo schema di regolamentazione: bilanciare sensibilità al rischio, semplicità e comparabilità Termine per la presentazione dei commenti:

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

The Supervisory Review Process

The Supervisory Review Process Studi e Note di Economia Anno XII, n. 2-2007, pagg. 283-303 The Supervisory Review Process EPIFANIO TOMMASO ZARBO* The new rules on Supervisory Review Process (SRP) are included into the title III of the

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

La transizione verso un sistema finanziario più stabile

La transizione verso un sistema finanziario più stabile Associazione per lo Sviluppo degli Studi di Banca e Borsa in collaborazione con l Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Le scelte strategiche per l industria bancaria italiana La transizione verso

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 PILLAR 3 Informativa al pubblico al 31/ /12/2010 INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Programma. Massimo Scolari, General Secretary, ASCOSIM and Member of Consultative Working Group - Investor Protection and Intermediaries, ESMA

Programma. Massimo Scolari, General Secretary, ASCOSIM and Member of Consultative Working Group - Investor Protection and Intermediaries, ESMA Programma 08:30 Registrazione e caffè di benvenuto 08:50 Osservazioni preliminari del presidente: Mauro Cesa, Technical Editor, RISK 09:10 DISCORSO DI APERTURA: Valutazione delle problematiche nazionali

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta Corporate Governance e sistema di controllo interno Enrico Parretta Corporate Governance La Corporate Governance è il sistema delle regole secondo le quali le imprese sono gestite e controllate, coniugando:

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto ai Ministri finanziari e ai Governatori delle banche centrali del G20 sull attuazione di Basilea 3 Ottobre 2012 Il presente documento è stato redatto

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto ai leader del G20 sul monitoraggio dell attuazione delle riforme di Basilea 3

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto ai leader del G20 sul monitoraggio dell attuazione delle riforme di Basilea 3 Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto ai leader del G20 sul monitoraggio dell attuazione delle riforme di Basilea 3 Agosto 2013 La presente pubblicazione è consultabile sul sito internet

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Board of the International Organization of Securities Commissions

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Board of the International Organization of Securities Commissions Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Board of the International Organization of Securities Commissions Requisiti di margine per i derivati non compensati centralmente Settembre 2013 Il presente

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Società bancarie di comodo ed entità puramente contabili

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Società bancarie di comodo ed entità puramente contabili Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Società bancarie di comodo ed entità puramente contabili Gennaio 2003 Membri del Gruppo di lavoro sull attività bancaria transfrontaliera Copresidenti: Charles

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

PROGRAMMA DELL ATTIVITÀ NORMATIVA DELL AREA VIGILANZA PER L ANNO 2011

PROGRAMMA DELL ATTIVITÀ NORMATIVA DELL AREA VIGILANZA PER L ANNO 2011 PROGRAMMA DELL ATTIVITÀ NORMATIVA DELL AREA VIGILANZA PER L ANNO 2011 Marzo 2011 Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 1. Perché un programma di attività normativa? Far

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Luglio 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Schema di regolamentazione internazionale per il rafforzamento delle banche e dei sistemi bancari Dicembre 2010 (aggiornamento al giugno 2011) Il

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità Gennaio 2013 Il presente documento è stato redatto in lingua

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa FEDERAZIONE DELLE COOPERATIVE RAIFFEISEN Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa Intervento di Carmelo Barbagallo Capo del Dipartimento di Vigilanza

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi La gestione del rischio Vademecum a uso dei confidi 1 Il presente lavoro è stato curato dall ufficio studi e comunicazione del Consorzio camerale per il credito e la finanza, nell'ambito della collaborazione

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

CURRICULUM VITAE MARIA CRISTINA ARCURI

CURRICULUM VITAE MARIA CRISTINA ARCURI CURRICULUM VITAE MARIA CRISTINA ARCURI DATI PERSONALI Luogo e data di nascita: Catanzaro 29/03/1984 Residenza/Domicilio: Viale G. Rustici, 52 43123 Parma (PR) Stato civile: Nubile POSIZIONE ATTUALE Assegnista

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Workshop. Small Business Act, Statuto delle imprese e condizionalità 2014-2020: AIR e Test PMI

Workshop. Small Business Act, Statuto delle imprese e condizionalità 2014-2020: AIR e Test PMI Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Servizio analisi e verifica dell impatto della regolamentazione Programma Operativo di Assistenza Tecnica alle

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance SALARY SURVEY 2015 Banking & Insurance Banking & Insurance Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it Banking & Insurance Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Salary Survey 2012 - Banking 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page, quale leader nella ricerca e selezione

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Cartella stampa 2014. Mangusta Risk Limited 132-134 Lots Road Chelsea, London, SW10 0RJ [UK] Tel. +44 20 7349 7013 www.mangustarisk.

Cartella stampa 2014. Mangusta Risk Limited 132-134 Lots Road Chelsea, London, SW10 0RJ [UK] Tel. +44 20 7349 7013 www.mangustarisk. Mangusta Risk Limited 132-134 Lots Road Chelsea, London, SW10 0RJ [UK] Tel. +44 20 7349 7013 www.mangustarisk.com Mangustarisk Italia s.r.l. Via Giulia, 4 00186, Roma (Italia) Tel. +39 06 45439400 Fax.

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli