Il risk management e i suoi stakeholder *

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il risk management e i suoi stakeholder *"

Transcript

1 Il risk management e i suoi stakeholder * Giampaolo Gabbi In corso di pubblicazione su Bancaria, n. 3, Introduzione Tra i numerosi effetti della crisi finanziaria, il limite evidenziato dal risk management in ambito bancario ha concentrato l attenzione di autorità di vigilanza, operatori e studiosi. Il dibattito si è sviluppato intorno ad alcune domande decisive per individuare le soluzioni più efficaci. Una prima questione è relativa al dubbio se siano fallite le regole finanziarie o piuttosto se le metriche su cui si sono costruiti molti modelli di misurazione si siano rivelati incapaci di cogliere la complessità di alcuni portafogli finanziari (Stulz, 2008, Acharya et al., 2010). Con riferimento al primo aspetto, la risposta delle autorità di Vigilanza bancaria si è orientata verso un sistema di risposte nel segno comune di ridurre la probabilità di nuove crisi e la conseguente necessità di interventi di salvataggio soprattutto pubblici ( Nessuno vuole un altro programma TARP, Tarullo, 2011, p. 2). L interpretazione delle principali cause della crisi e dell incapacità delle regole esistenti di contenerne l effetto e la diffusione hanno sollecitato l introduzione di nuovi vincoli volti ad aumentare la qualità del capitale di base, ridurre la leva finanziaria, allentare l impatto pro ciclico delle valutazioni del merito creditizio, garantire una riserva di liquidità gestita mediante la detenzione di attività altamente liquide, sia pure condizionate dal rischio di evaporazione per effetto di fattori di rischio di credito e di mercato (Basel Committee on Banking Supervision, 2009). Relativamente alle metriche (peraltro già ampiamente criticate da molta letteratura teorica ed empirica: Acerbi e Tasche, 2001, e Sironi e Saita, 1999, Berkowitz e O'Brien, 2002), le proposte prudenziali non rivedono il precedente orientamento di consentire la costruzione di modelli interni per i rischi di primo pilastro (credito, mercato e operativi) ma introducendo lo stressed value at risk e l incremental risk charge ricalibrano l assorbimento patrimoniale delle posizioni di trading e riducono le opportunità di arbitraggio regolamentare con il banking book. * Questo articolo è una versione rielaborata della relazione Il risk management e i suoi stakeholder Le lezioni della crisi presentata al convegno ADEIMF Corporate governance e gestione dei rischi: gli insegnamenti della crisi presso l Università degli Studi di Milano il 3 febbraio 2012 e al convegno promosso nell ambito del Dottorato in Banca e Finanza dell Università di Roma Tor Vergata e da AIFIRM presso l Università degli Studi di Parma il 9 marzo Ringrazio Adalberto Alberici, Alessandro Carretta, Francesco Cesarini, Pierfrancesco Cocco, Paolo Mottura, Paola Musile Tanzi, Eugenio Pavarani, Paola Schwizer e Andrea Sironi per i preziosi commenti e le critiche alle proposte contenute nell articolo. Rimane mia la responsabilità per gli errori e le inesattezze eventualmente rimaste. 1

2 Una serie di interventi previsti ha attinenza con un approccio di natura strutturale che da tempo le autorità avevano sostanzialmente abbandonato. Si pensi in particolare alle misure concernenti l adeguatezza patrimoniale applicate alle banche di rilevanza sistemica globale (global systemically important banks, G-SIB) che presentano modelli di business maggiormente orientati sulle attività di negoziazione e le attività collegate ai mercati dei capitali, ossia le attività interessate più da vicino dalla migliore copertura dei rischi prevista dal nuovo schema di regolamentazione del patrimonio. [ ] L adozione di disposizioni aggiuntive per le G-SIB è motivata dalle esternalità negative che questi istituti creano a livello internazionale, esternalità che le attuali politiche di regolamentazione non affrontano compiutamente. Le esternalità negative associate a quegli istituti che, in ragione delle loro dimensioni, interconnessione, complessità, insostituibilità o operatività globale, si ritiene non possano essere lasciati fallire sono ampiamente riconosciute. [ ] I costi associati all azzardo morale vanno così a sommarsi agli eventuali costi diretti del sostegno pubblico che rischiano di ricadere sui contribuenti. (Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria, 2011). Qualsiasi soluzione in questo ambito rischia di alterare il principio di level the playing field che è un pilastro della regolamentazione prudenziale. Sempre di natura strutturale sono le proposte in tema di separazione fra attività di investment banking (ritenuta generalmente il principale originator dei rischi di dissesto) e di commercial banking. Gli interventi sulla struttura organizzativa (come il ring-fencing proposto dal rapporto Vickers, Independent Commission on Banking, 2011) e quelli sulla limitazione di determinate transazioni, in particolare sul proprietary trading e sui rapporti con gli hedge fund (come la sezione 619 del Dodd- Frank Act, nota come Volcker rule) contengono potenziali insidie per il modello prudenziale e per le opportunità di diversificazione dei portafogli in uno schema rischio-rendimento (Chesney, Stromberg, 2010 e Capizzi et al., 2012). La complessità e l eterogeneità degli interventi (sia come soluzioni sia come implementazione nazionale delle proposte internazionali) sollevano il dilemma, non nuovo ma ora più pressante, della possibilità di contemperare gli obiettivi delle autorità, liquidità e solvibilità bancaria, con quelli degli intermediari, redditività e valore (Aikman et al., 2009). Se alcuni studi robusti sono stati fatti sull impatto atteso a livello macro economico (Basel Committee on Banking Supervision 2010a, 2010b, Angelini et al., 2011), l effetto per le imprese bancarie rimane incerto. A questo proposito il problema sollevato nel giugno 2011 da Dimon (CEO di JPMorgan) a Bernanke 1 ("Qualcuno si è preoccupato di studiare l effetto complessivo di tutte queste nuove regole? [ ] Non teme, come temo io, che quando ci volteremo a considerarle nel loro insieme sarà trascorso troppo tempo per far ripartire le nostre banche, il nostro credito, i nostri business e, più importante di tutto, la nostra capacità di creare posti di lavoro?") riassume la preoccupazione dell industria. La risposta di Bernanke ( E probabile che ci voglia un po di tempo prima che si possa valutare se i costi abbiano superato i benefici, per consentirci gli aggiustamenti adeguati ) dimostra come la Vigilanza non sia in grado di prevedere gli effetti sull equilibrio complessivo del sistema bancario (Capizzi et al., 2012). 1 International Monetary Conference in Atlanta, Georgia, 7 giugno

3 Più recentemente le autorità di vigilanza hanno approfondito il problema del posizionamento del risk management all interno dell organigramma organizzativo per comprendere in quali termini la misura delle esposizioni ai rischi potesse risultare subalterno a decisioni superiori o comunque non in grado di condizionare le scelte exante. In questo articolo si cerca di approfondire il dibattito che vede un intervento apparentemente severo di internal governance per il risk management e valutare se le soluzioni introdotte possano risultare sostenibili ed efficaci. Nel secondo paragrafo si analizzano i rischi emersi con la crisi e la necessità di valutarli secondo un approccio di network per comprenderne le interrelazioni reciproche; nel terzo paragrafo si valuta la legittimità del risk management secondo il disegno emerso a seguito degli interventi di internal governance da parte delle autorità di vigilanza internazionali. Il quarto paragrafo è dedicato alla proposta di rendere il risk management maggiormente autonomo creando un riporto diretto con stakeholder esterni. Alcune considerazioni sulle implicazioni della proposta concludono l articolo. 2. Nuovi rischi e network risk management La comprensione del ruolo del risk management in banca impone l approfondimento di quanto sia stato sottovalutato prima della crisi in termini di misurazione e relativa gestione delle esposizioni. Una prima lezione è relativa all emergere di alcuni rischi considerati in termini marginali o per nulla misurati. Un secondo insegnamento attiene ad alcune interconnessioni fra rischi che si sono rivelate più significative e pericolose di quanto precedentemente ipotizzato. I rischi idiosincratici emergenti, in alcuni casi solo marginalmente misurati, possono essere ricondotti al rischio di liquidità (in particolare il funding liquidity risk), al rischio di controparte, al rischio di concentrazione (sia di mercato sia di credito) e al rischio sovrano. Oltre a questi si è aggiunta con prepotenza l attenzione per il rischio sistemico, estraneo al framework di vigilanza micro prudenziale. Il secondo aspetto rilevante nell ambito del perimetro di analisi del risk management emerso con la crisi è relativo alle interrelazioni fra rischi, non solo intese come correlazioni, ma come relazioni causali. Per la sua natura, ciò che è emerso a seguito della crisi finanziaria è la relazione esistente fra il rischio sistemico e rischi rispettivamente creditizi, di mercato e di liquidità. Le implicazioni più rilevanti delle analisi condotte è che per gestire queste interconnessioni le metriche che incorporano le correlazioni non sono sufficienti. Il limite dell approccio è che non si identificano le interconnessioni e l eventuale direzione causa-effetto. Il problema della causalità impone una significativa revisione delle soluzioni generalmente adottate nella risk integration bancaria, così come la possibile critica all assunzione di sub-additività delle metriche di value-at-risk (Artzner, Delbaen, Eber, Heath, 1999) e di possibile contagio fra esposizioni fortemente affini e connesse. L integrazione di misure di causalità, come i test di Granger (1969), per i rischi connessi con il credito e il mercato, e i diagrammi di Ishikawa (Kondo, 1994) per i rischi operativi e per quelli immateriali, quali reputazionali e strategici. 3

4 Ciò induce le autorità di vigilanza e i mercati a valutare l opportunità di individuare soluzioni organizzative quali sistemi di clearing dei rischi e il risk management a dotarsi di metodologie orientate al risk network management (Haldane, 2009). Le fasi del processo di risk network management sono la mappatura dei rischi e delle loro interconnessioni, la misurazione del rischio di portafoglio mediante l applicazione di metriche quali grado, forza, affinità, clustering, diametro (Iori et. al. 2008) e scenari che considerino la distribuzione del network (Stulz, 2008), per concludere con la gestione mediante approcci coerenti di copertura. Un esempio di mappatura dei rischi, includente fattori non finanziari, è quello stimato periodicamente dal World Economic Forum (figura 1). Figura 1. Mappa delle interconnessioni fra rischi globali (RIM). Anno 2011 Fonte: World Economic Forum, La rappresentazione dei rischi permette di evidenziare come fattori tipicamente bancari (per esempio il razionamento del credito e della liquidità, il crollo dei prezzi degli attivi, l incremento della volatilità di cambi e commodity) non possono prescindere dall interconnessione con altri fattori (per citare i più contigui, le dinamiche demografiche, le crisi fiscali, la disparità economica). 4

5 I due hub della rete, o centri della topologia di rete sostenute da alcune relazioni principali alle quali si collegano "a cascata" un diverso numero di link, sono la disparità economica (Rajan, 2010) e il fallimento della governance globale. Si tratta di variabili chiaramente esogene per qualsiasi soggetto bancario, ma che devono essere monitorate ad un livello strategico, con l obiettivo di collegare, anche in termini organizzativi, il risk management, l alta direzione e i membri del consiglio di amministrazione (Protiviti SDA Bocconi, 2012). A un primo livello, ciò che emerge è l interconnessione fra rischi strettamente bancari: il rischio di credito e rischio di liquidità da un lato, e rischio sovrano e di credito dall altro, si sono dimostrati come i fattori maggiormente interconnessi e come quelli che più di altri possono condizionare l equilibrio aziendale qualora affrontati indipendentemente dagli altri. All interconnessione fra rischi si aggiunge il rischio di contagio fra agenti finanziari. Maino e Tintchev (2012) mostrano come il capitale a rischio di una singola banca aumenta significativamente quando si stimano i legami fra rischi. Un secondo livello di analisi è il coinvolgimento dell internal governance. La legittimità organizzativa del risk management non può prescindere dalla coerenza dei sistema dei controlli e dal commitment del governo aziendale. Ciò rende, secondo Bhimani (2009) la funzione tecnica della misurazione dei rischi e gli organi di governo inestricabilmente interdipendenti. 3. Legittimità organizzativa del risk management e internal governance L indipendenza e la responsabilità della funzione di risk management rispetto al consiglio di amministrazione, senior management e audit sono principi argomentati sia in ambito regolamentare sia in letteratura (Landier, Sraer, Thesmar, 2009). La crisi finanziaria ha imposto una revisione delle precedenti soluzioni organizzative. Per quanto riguarda il dibattito in Italia, un intervento autorevole ha non solo ribadito la necessità dell indipendenza ma ha sottolineato il problema del ruolo organizzativo del responsabile del processo di risk management: Il Chief Risk Officer deve essere dotato di rango organizzativo e indipendenza tali da poter valutare exante gli effetti sulla rischiosità delle scelte aziendali, poter interagire regolarmente con il board ed avere un rapporto di parità dialettica sia con gli altri senior manager in particolare, con il direttore finanziario (CFO) sia con i responsabili commerciali (Tarantola, 2011). La posizione della Banca d Italia si inquadra in un processo internazionale che ha visto già nel febbraio 2010 l OCSE pubblicare una serie di raccomandazioni: la good practice indica che dovrebbe esserci un riporto diretto [del risk manager] al consiglio di amministrazione che impone un dirigente esecutivo indipendente dalle linee di business e, pertanto, per un certo verso indipendente dallo stesso CEO (OECD, 2010, raccomandazione n. 40). Riprendendo il tema, la Commissione Europea nel libro verde dedicato alla corporate governance nelle istituzioni finanziarie e alle politiche di remunerazione (2010), ha sottolineato come il fallimento del risk management sia dipeso anche da mancanza di autorità di questa funzione e a un sistema di comunicazione e informazione legato ai 5

6 rischi sostanzialmente povero. La Commissione ritiene quindi sia necessario rafforzare indipendenza e autorità agendo in particolare sullo status del CRO, ritenendo debba avere almeno lo stesso livello del CFO all interno dell organizzazione finanziaria e che possa riportare direttamente al Board e al Comitato rischi (European Commission, 2010). Una volta avviato il dibattito, da un livello politico esso si è spostato alle Autorità di Vigilanza. Il Comitato di Basilea ha pubblicato i nuovi principi sulla corporate governance nell ottobre 2010 raccomandando un presidio organizzativo per la funzione di risk management (CRO o equivalente) per le banche attive a livello internazionale, una funzione compliance e una funzione di internal audit, ciascuna con autorità sufficiente, statura, indipendenza, risorse e accesso al Board (Basel Committee on Banking Supervision, 2010c), aggiungendo come queste funzioni debbano attrezzarsi per cogliere la complessità e la sofisticazione dei rischi esistenti, compresi nel quadro dei rischi esterni, richiamando sostanzialmente il problema dell interconnessione con fattori esterni e non direttamente finanziari. Si introduce poi un elemento ulteriore rispetto a quanto già previsto dai documenti OCSE e Commissione Europea: la natura del canale di comunicazione fra CRO e Board: il CRO deve poter riportare al CEO, al Board, avere accesso diretto ai suoi comitati rischi senza impedimenti, interagire in modo regolare e documentato. Inoltre, i membri non esecutivi del Board dovrebbero avere il diritto di incontrare regolarmente il CRO, in assenza di senior manager. Con questa prospettiva si rende più completa la definizione del ruolo del Board come stakeholder diretto del risk manager, con una precisa responsabilità di cercare l informazione a un livello operativo che presuppone la possibilità di by-passare l alta direzione e in particolare il chief executive officer. Si conferma l importanza che il CRO non abbia responsabilità rispetto alle business line operative e alle altre funzioni orientate alla generazione di utili. Non si arriva a proporre, come invece faceva l OCSE, disposizioni volte a instaurare una practice per far sì che i dirigenti esecutivi avessero esperienza di CRO per diffondere in modo efficace la cultura del rischio in banca. Si raccomanda che il CRO sia di statura, autorità ed esperienza sufficiente per far valere le sue posizioni garantendo l esperienza (Basel Committee on Banking Supervision, 2010c, proposta 73). Il problema della reale efficacia di queste soluzioni: al di là della creazione della funzione, di un ruolo più elevato per il CRO e di un canale aperto con alta direzione e Board, la capacità di condizionare le scelte sulla base della sopportabilità dei rischi assunti e dello stesso risk appetite sono lasciate alla dinamica interna di ciascuna organizzazione. Il ruolo organizzativo, in ogni caso subalterno al CEO, solleva il dubbio che il conflitto insito fra funzioni commerciali e funzioni di controllo possa condizionare negativamente la dialettica interna. Il conflitto potrebbe anche risolversi con la rimozione del CRO dalla sua posizione. Questa conseguenza è prevista dal Comitato di Basilea: in questo caso si raccomanda che la decisione sia approvata dal Board e generalmente resa pubblica. Inoltre la banca dovrebbe discutere di questa decisione con il supervisore (Basel Committee on Banking Supervision, 2010c, proposta 74). Soluzione orientata a preservare la funzione, ma che se letta in un ottica individuale, 6

7 rende il risk manager sempre nella delicatissima posizione di responsabilità subalterna. In realtà, più complessa sembra essere la gestione per mezzo di regole del rischio di depotenziamento che si può determinare all interno di ogni organizzazione con il razionamento delle risorse a disposizione dei risk manager. A livello europeo, le proposte della Commissione sono state riprese dal Committee of European Banking Supervisors nell ottobre 2010 con un consultation paper. Alle caratteristiche del CRO di esperienza, capacità, indipendenza e seniorship, il CEBS aggiungeva (in parentesi), la possibilità di dare al CRO un potere di veto sulle decisioni che potessero condizionare l esposizione al rischio della banca (Committee of European Banking Supervisors, 2010, 144). In questi termini, il potere assunto dal CRO, sia pure in negativo, potrebbe condizionare tutto il business bancario, aumentando ulteriormente il conflitto già citato. L imposizione regolamentare del diritto di veto, peraltro, solleva alcuni dubbi di natura giuridica sottolineati nei feedback al documento, poiché in alcuni stati membri il diritto commerciale contiene principi con congrui con questa ipotesi. Nel documento finale, la European Banking Authority riafferma che il potere di veto rappresenta una possibilità data alla banca per rafforzare il ruolo del CRO ma non un obbligo. In ogni caso, le modalità di applicazione del principio dovrebbero essere lasciate alla definizione di ogni intermediario. Nella versione definitiva, le linee guida impongono alcune caratteristiche di adeguatezza per il ruolo del CRO, aggiungendo come un istituzione potrebbe considerare la possibilità di concedere il diritto di veto al CRO (European Banking Authority, 2011, linea guida 27.3), individuando, sia pure a titolo esemplificativo, nelle decisioni creditizie e di investimento o nella fissazione dei limiti, il perimetro delle decisioni cui concedere tale potere. Appare, a chi scrive, una soluzione complessa da realizzare senza il rischio che venga meno la necessità di individuare ruoli e organi apicali in grado di prendersi la responsabilità ultima di decisioni strategiche e gestionali. L approccio descritto mostra in ogni caso la grande attenzione e cura nel trattare il tema nell ambito dell internal governance, individuando nuove figure di stakeholder diretti per il risk management, in particolare Board e Comitati rischi. Non viene però risolto interamente il problema del conflitto fra soggetti che risultano in potenziale conflitto di agenzia, e che la crisi ha evidenziato in termini capaci da minare la stabilità delle singole istituzioni e dell intero sistema bancario. 4. Risk management e stakeholder esterni alla banca Per comprendere i limiti dell approccio è necessario richiamare la possibile definizione di stakeholder. Una prima possibilità è quella tradizionale di Freeman (1984), secondo cui gli stakeholder primari, ovvero gli stakeholder in senso stretto, sono tutti quegli individui e gruppi ben identificabili da cui l'impresa dipende per la sua sopravvivenza. L indicazione del problema della sopravvivenza costituisce il collegamento diretto con il problema dei salvataggi bancari e del ruolo del soggetto pubblico. Se si associa alla prima definizione quella proposta da Clarkson (1995) secondo cui gli stakeholder sono persone e organizzazioni che hanno pretese, titoli di proprietà, diritti, o interessi, relativi a un'impresa e alle sue attività, passate, presenti e 7

8 future si può valutare più compiutamente il dilemma della banca, fra external e internal governance. Un interpretazione del conflitto in un quadro di teoria dell agenzia chiarisce l instabilità organizzativa e l inefficacia di alcune delle soluzioni regolamentari precedentemente descritte. In un modello di agenzia il conflitto principal-agent può essere risolto mediante l introduzione di contratti e incentivi volti a modificare la funzione obiettivo dell agent e di catturare il comportamento verso finalità condivise dal principal. Nel caso della banca, la sopravvivenza della banca dipende non solo dal rispetto delle regole (diverse banche che hanno richiesto un intervento di salvataggio disponevano di un patrimonio di vigilanza ampiamente superiore all adeguatezza minima) ma anche da eventi di stress. Ciò significa che un sicuro stakeholder della banca è il soggetto esterno ad essa che può intervenire per un eventuale e futuro bail out. La teoria dell agenzia non riesce a suggerire un contratto stabile ed efficace quando si costruisce un sistema a più livelli, dove un principal delega un agent cha a sua volta risulta principal di un agent subalterno. Il rapporto fra CRO (agent) e Board (principal) è robusto se si assume un sistema di regole e di metriche assolutamente in grado di individuare i rischi e far fronte con adeguatezza patrimoniale. L incertezza che rimane di fronte a eventi non prevedibili impone la valutazione di uno scenario di intervento di un soggetto pubblico (principal) che si configura come un ulteriore conflitto di agenzia con il Board della banca (agent). Da ciò deriva l instabilità del desiderato equilibrio fra regole di governance interna e regolamentazione del sistema bancario. Ciò è reso evidente in base ad alcune considerazioni: a) la crisi ha evidenziato anche la fragilità delle metriche per il valore d impresa incorporate nel costo del capitale, evidenziando come lo stakeholder principale rimane l azionista (Kashyap, Rajan, Stein, 2008); b) l azionista detiene di fatto una call option che può abbandonare quando il valore scende sotto lo strike, lasciando senza ulteriori risorse l impresa, depauperando gli altri stakeholder; c) le soluzioni coerenti con la teoria dell agenzia sono (i) rendere il risk management giuridicamente indipendente dalla governance dell impresa e dipendente da un soggetto che incorpora gli interessi più ampi dell equilibrio del sistema bancario (come l Autorità di Vigilanza), oppure (ii) prevedere una cornice giuridica che permetta ad alcuni soggetti socializzati (si pensa alla visione keynesiana di enti distinti dagli organi di governo centrale come la Banca Centrale (Keynes , pp ) di poter intervenire nella governance, dominando quella privata dell impresa nel caso si ritenga a rischio il raggiungimento degli obiettivi del sistema finanziario (intrusive supervision). Lo schema del bail-in che permette alle Autorità di trasformare il debito subordinato e senior unsecured in caso di insolvenza tecnica. La creazione di un unità di risk management separata che risponda a un soggetto esterno come l Autorità di Vigilanza, intesa come soggetto che contiene le finalità pubbliche, è ritenuto sostenibile anche dalla letteratura più recente che si è occupata di internal governance (Brown, Steen, Foreman, 2009). 8

9 Rimane irrisolto il problema degli stakeholder potenziali (i soggetti futuri di Clarkson, 1995), che nel caso del bail out pubblico significa il Governo, rappresentato da Comitati tecnici che in alcuni schemi di salvataggio hanno continuato a monitorare direttamente con il risk management il processo di recovery della banca (Asset Protection Scheme inglese), riconducendo di fatto il Ministero dell Economia nel perimetro degli stakeholder primari. La proposta qui avanzata di riporto del risk management a un soggetto esterno alla banca avrebbe il vantaggio di ridurre la probabilità di interventi di salvataggio ex-post. 5. Conclusioni L esperienza recente e la possibilità teorica di scenari estremi non sostenibili (per quanto severi siano gli stress test) lascia aperta la possibilità di default (Jorion, 2009). L efficacia del risk management non riesce quindi a risolversi all interno di uno schema, per quanto severo, di internal governance, ignorando i soggetti che potenzialmente intervengono per la sopravvivenza, come gli stakeholder pubblici. A tal fine oltre al potenziamento dei piani di contingency anche per liquidità e solvibilità, e all introduzione di policy che diano potere formale al CRO secondo le linee guida dell EBA, si ritiene che risulti più efficace un progressivo trasferimento di una funzione di controllo che risponda a un soggetto di supervisione esterna. La proposta di trasformare le funzioni di risk management e controllo in unità esterne alla banca caratterizzato da un forte collegamento con l Autorità di Vigilanza sposta il problema della responsabilità della misurazione del rischio e la possibilità che il fallimento del risk management diventi il fallimento della vigilanza. Una soluzione più leggera che non risolve il problema del contratto multiprincipal e multi-agent, ma che risulta più fattibile in termini di implementazione - può essere individuata collegando anche funzionalmente il CRO al collegio sindacale che, a sua volta, relaziona all autorità di Vigilanza. Le implicazioni di questa proposta sono numerose: a) la revisione dei meccanismi di partecipazione al fondo interbancario di tutela dei depositanti che svolge un ruolo di potenziale intervento in caso di dissesto, prevedendo che l autorità sia in grado di incorporare anche queste finalità, riducendo in tal modo la probabilità di rischio sistemico; b) il modello descritto di intrusive supervision comporta una diversa composizione dei costi di regolamentazione (costi di agenzia) volti al raggiungimento di un contratto ottimo fra autorità (principal) e risk management (agent). La banca dovrà ripensare il meccanismo dei modelli di pricing dei servizi finanziari che incorporano i diversi rischi, le loro interrelazioni e i controlli interni ed esterni; c) l imposizione di modelli interni robusti, evitando che le banche di medie e grandi banche possano valutare l opportunità di utilizzo degli approcci standard attraverso una semplice logica di costi-benefici associati all assorbimento e al costo del capitale. Una soluzione che può perfezionare il ruolo di indipendenza del risk management è quella di assegnare al CRO la 9

10 responsabilità di una sezione del bilancio in aggiunta alla redazione del report di market discipline (pillar 3); d) la minimizzazione del rischio di pubblicizzazione degli intermediari insito nel modello di governance descritto, mediante una seria e robusta valutazione del processo di determinazione del risk appetite da parte degli organi aziendali preposti e di scelta delle politiche commerciali coerenti. Bibliografia Acerbi C., Tasche D., 2001, Expected Shortfall: a natural coherent alternative to Value at Risk, BIS Working Paper, May 9. Acharya V. V., Cooley T. F., Richardson M. P., Walter I., (2010), Regulating Wall Street The Dodd-Frank Act and the New Architecture of Global Finance, John Wiley & Sons, New York. Aikman D., Alessandri P., Eklund B., Gai P., 2009, Funding liquidity risk in a quantitative model of systemic stability, Working paper. Angelini P., Clerc L., Cúrdia V., Gambacorta L., Gerali A., Locarno A., Motto R., Roeger W., Van den Heuvel S., Vlcek J., 2011, BASEL III: Long-term impact on economic performance and fluctuations, BIS Working Papers No 338, February. Artzner, P., Delbaen, F., Eber, J., and Heath, D. (1999). Coherent measure of risk. Mathematical Finance, 9, n. 3, pp Basel Committee on Banking Supervision, 2009, Strengthening the resilience of the banking sector, December, Basel. Basel Committee on Banking Supervision, 2010a, An assessment of the long-term economic impact of stronger capital and liquidity requirements, Basel. Basel Committee on Banking Supervision, 2010b, Assessing the macroeconomic impact of the transition to stronger capital and liquidity requirements - Interim Report, Basel. Basel Committee on Banking Supervision, 2010c, Principles for enhancing corporate governance, October, Basel Basel Committee on Banking Supervision, 2011, Banche di rilevanza sistemica globale: metodologia di valutazione e requisito addizionale di assorbimento delle perdite, novembre. Basilea. Berkowitz J. and O'Brien J., 2002, How Accurate are Value-at-Risk Models at Commercial Banks, Journal of Finance, LVII, n. 3. Bhimani A., 2009, Risk management, corporate governance and management accounting: Emerging interdependencies, Management Accounting Research, 20, n. 1, pp. 2-5 Brown I., Steen A., Foreman J., 2009, Risk Management in Corporate Governance: A Review and Proposal, Corporate Governance: An International Review, 17, n. 5 pp Capizzi V., Caselli S., Di Antonio M., Filotto U., Gabbi G., Musile Tanzi P., Schwizer P., Zanotti G., 2012, The Evolution of Banking Groups after Basel III, SDA Bocconi Research, Milan. 10

11 Chesney M., Stromberg J., 2010, Risk-taking incentives, governance, and losses in the financial crisis, Swiss Finance Institute Working Paper. Clarkson M.B.E. 1995, A stakeholder framework for analyzing and evaluating corporate social performance. Academy of Management Review, 20, pp Committee of European Banking Supervisors, 2010, Consultation paper on the Guidebook on Internal Governance (CP 44), October, London. European Banking Authority, 2011, Guidelines on Internal Governance (GL 44), September, London European Commission, 2010, Green Paper Corporate governance in financial institutions and remuneration policies, Brussels. Freeman R. E., Strategic Management: A stakeholder approach. Boston, Pitman. Granger, C.W.J., Investigating causal relations by econometric models and crossspectral methods. Econometrica 37, n. 3, pp Haldane A.G., 2009, The Systemic Risk Implications of Originate and Distribute, in D. D. Evanoff, D. S. Hoelscher, G. G. Kaufman, Globalization and systemic risk, World Scientific Publishing. Singapore Independent Commission on Banking, 2011, Interim Report Consultation on Reform Options, April Iori G., de Masi G., Precup O., Gabbi G., Caldarelli G., A network analysis of the Italian Overnight Money Market, Journal of Economic Dynamics and Control 32, pp Jorion P., 2009, Risk Management Lessons from the Credit Crisis, European Financial Management, 15, n. 5, pp Kashyap A.K., Rajan R. G., Stein J. C., 2008, Rethinking Capital Regulation, Working paper, August Keynes J. M., , The Collected Writings of J. M. Keynes, vol. I-VI e IX- XXX, a cura di E. Johnson e D. E: Moggridge, Macmillan, London, Kondo Y, 1994, Kaoru Ishikawa: What He thought and Achieved, A Basis for Further Research, Quality Management Journal, July, pp Landier A., Sraer D., Thesmar D., 2009, Financial Risk Management: When Does Independence Fail?, American Economic Review, 99, n. 2, pp Maino R., Tintchev K., 2012, From Stress to CoStress: Stress Testing Interconnected Banking Systems, IMF Working Paper 12/53, Washington. OECD, 2010, Corporate Governance and the Financial Crisis, Paris, February Protiviti SDA Bocconi, 2012, Risk Outlook Report, Milan. Rajan R. G., 2010, Fault Lines: How Hidden Fractures Still Threaten the World Economy, Princeton University Press, Princeton. Sironi A., Saita F., 1999, Market Risk Management and Capital Regulation: An Empirical Evaluation of VaR Alternative Approaches, FMA International Conference, Barcelona, May. Stulz R., 2008, Risk Management Failures: What Are They and When Do They Happen?, Fisher College of Business Working Papers Series Tarantola A., 2011, Il ruolo del risk management per un efficace presidio dei rischi: le lezioni della crisi, Intervento alla CommunityCib SDA Bocconi, Milano, 10 novembre 11

12 Tarullo D. K., 2011, Regulating Systemically Important Financial Firms, June 3, Board of Governors of the Federal Reserve System, Washington. World Economic Forum, 2011, Global Risks, 2011 Sixth Edition. 12

Il risk management e i suoi stakeholder Le lezioni della crisi

Il risk management e i suoi stakeholder Le lezioni della crisi Giampaolo Gabbi Università degli Studi di Siena Parma, 9 marzo 2012 Struttura della relazione 1. Introduzione 2. Il dominio del risk management a) I nuovi rischi b) Le nuove connessioni fra rischi 3. Il

Dettagli

Basilea 3, CRD4 e Banking Union

Basilea 3, CRD4 e Banking Union Basilea 3, CRD4 e Banking Union Dove siamo oggi, dove saremo domani? Rischio di Mercato: quali novità sul Trading Book I cambiamenti per le banche a Modello Interno Roma 4 Dicembre 2012 Rita Gnutti Head

Dettagli

26 e 27 giugno. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti

26 e 27 giugno. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 26 e 27 giugno Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 1 SCHEMA DI SINTESI MARTEDÌ 23 MATTINA (9.15 13.00) SESSIONE PLENARIA DI APERTURA SUPERVISIONE E RISCHI: DENTRO LA VIGILANZA UNICA Giovanni Sabatini,

Dettagli

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Paolo Palliola Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a. Roma, 28 giugno 2013 Agenda Cosa ci ha portato di nuovo Basilea

Dettagli

Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi?

Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Andrea Enria Banca d Italia Milano, 26 novembre 2009 Schema della presentazione Lezioni della crisi e riforma della regolamentazione Perimetro ampio

Dettagli

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager Chief Risk Officer La nuova agenda degli impegni per il risk manager Corrado Meglio Vice Presidente AIFIRM Responsabile Risk Management Banca di Credito Popolare Steering Committee PRMIA Italy 1 Le banche

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

CONVEGNO ABI BASILEA 3. Recovery and Resolution Plan: l esperienza UniCredito in fieri. Andrea Cremonino. UniCredit Banking Supervisory Relations

CONVEGNO ABI BASILEA 3. Recovery and Resolution Plan: l esperienza UniCredito in fieri. Andrea Cremonino. UniCredit Banking Supervisory Relations CONVEGNO ABI BASILEA 3 Recovery and Resolution Plan: l esperienza UniCredito in fieri Andrea Cremonino UniCredit Banking Supervisory Relations Roma, 21 giugno 2011 RRPs SOTTOLINEANO COME IL CAPITALE NON

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI, SISTEMA INFORMATIVO E CONTINUITÀ OPERATIVA Il presente documento contiene uno schema di

Dettagli

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane IX Convention ABI 29 e 30 novembre 2005 Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane Giampaolo Gabbi Università degli Studi di Siena SDA Bocconi 1 Le fasi dell ORM nei progetti in essere

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

Il ruolo del risk management per un efficace presidio dei rischi: le lezioni della crisi

Il ruolo del risk management per un efficace presidio dei rischi: le lezioni della crisi CommunityCib SDA BOCCONI Il ruolo del risk management per un efficace presidio dei rischi: le lezioni della crisi Intervento del Vice Direttore Generale della Banca d Italia Anna Maria Tarantola Milano,

Dettagli

Le ricerche del Laboratorio del 2010 e quelle in corso

Le ricerche del Laboratorio del 2010 e quelle in corso Le ricerche del Laboratorio del 2010 e quelle in corso Convegno di presentazione delle attività di ricerca e incontro con gli operatori Claudio Giannotti Direttore del Laboratorio Università LUM giannotti@lum.it

Dettagli

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Roma, 27 giugno 2012 Tullio Lucca Head of Risk Integration & Capital Adequacy Agenda Pillar II

Dettagli

Vittoria Cerasi. Università di Milano-Bicocca. Università Cattolica S. Cuore 16 Aprile 2010

Vittoria Cerasi. Università di Milano-Bicocca. Università Cattolica S. Cuore 16 Aprile 2010 Compensi dei manager: teoria e applicazione al settore bancario Vittoria Cerasi Università di Milano-Bicocca ECRIRE-Economia della CRIsi e della REgolamentazione - Università Cattolica S. Cuore 16 Aprile

Dettagli

26 e 27 giugno. Convegno Annuale

26 e 27 giugno. Convegno Annuale e 26 e 27 giugno Convegno Annuale 1 SCHEMA DI SINTESI MARTEDÌ 26 MATTINA SESSIONE PLENARIA DI APERTURA CAPITALE E REDDITIVITA : PROSPETTIVE PER IL SISTEMA BANCARIO Giovanni Sabatini, ABI MARTEDÌ 26 POMERIGGIO

Dettagli

La Supervisione bancaria nella

La Supervisione bancaria nella Incontri organizzati dal Sibc La Supervisione bancaria nella prospettiva della Banking Union Paola Petagna 28 gennaio 2015 L evoluzione del contesto esterno e la difesa della stabilità finanziaria difronte

Dettagli

Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità

Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità FLASH REPORT Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità Luglio 2013 Il 2 luglio 2013 la Banca d Italia, all esito dell attività di consultazione avviata nel mese di settembre

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO DA PARTE DEGLI ENTI AI SENSI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 575/2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO DA PARTE DEGLI ENTI AI SENSI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 575/2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO DA PARTE DEGLI ENTI AI SENSI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 575/2013 DATI DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 1 INDICE INTRODUZIONE... 3 OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO... 7

Dettagli

Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC. Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale

Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC. Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale Christian Mahlknecht Servizio Normativa e politiche di vigilanza Roma,

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione

Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione Basilea 2 e Crisi Finanziaria Roma, 4 giugno 2009 Giovanni Pepe Servizio Supervisione Gruppi Bancari Outline Cosa è capitato

Dettagli

Curriculum Vitae CLAUDIO GIANNOTTI. Posizione attuale

Curriculum Vitae CLAUDIO GIANNOTTI. Posizione attuale Curriculum Vitae CLAUDIO GIANNOTTI Nato a Roma l 11 dicembre 1969 Indirizzi e-mail: giannotti@economia.uniroma2.it giannotti@lum.it Posizione attuale Professore Ordinario di Economia degli intermediari

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale La nuova normativa di vigilanza prudenziale si basa, in linea con

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Insight. Modelli di gestione del rischio di liquidità (survey) Markets can remain irrational longer than you can remain solvent

Insight. Modelli di gestione del rischio di liquidità (survey) Markets can remain irrational longer than you can remain solvent Insight N. 39 Settembre 2012 Modelli di gestione del rischio di liquidità (survey) La liquidità a disposizione delle banche era considerata, fino al 2007, cost e risk free. Trovare fondi a basso costo

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

Il sistema dei rischi bancari

Il sistema dei rischi bancari Il sistema dei rischi bancari 1 Il rischio finanziario Rischi in Finanza Rischi puri Rischi finanziari Rischi sistematici Rischi non sistematici (specifici) 2 Il rischio finanziario Concetto connaturato

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

Un adeguato Sistema di Controllo Interno funzionale ad una buona Governance Aziendale

Un adeguato Sistema di Controllo Interno funzionale ad una buona Governance Aziendale Un adeguato Sistema di Controllo Interno funzionale ad una buona Governance Aziendale Roma, 17 Aprile 2015 Gianfranco Ruggiero Internal Audit Manager Obiettivo del presente lavoro è rappresentare con specifico

Dettagli

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza.

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza. Risk Management Il nuovo paradigma per fare banca Direzione Risk Management Direzione Risk Management 1 AGENDA I Rischi: cosa sono, quali sono, come si gestiscono La misurazione dei rischi: dall aritmetica

Dettagli

COME CAMBIA LA VALUTAZIONE DEL CREDITO IN OTTICA BASILEA IN UN CONTESTO DI CRISI

COME CAMBIA LA VALUTAZIONE DEL CREDITO IN OTTICA BASILEA IN UN CONTESTO DI CRISI COME CAMBIA LA VALUTAZIONE DEL CREDITO IN OTTICA BASILEA IN UN CONTESTO DI CRISI Mauro Senati Chief Risk Officer Gruppo UBI IX Convention AIFIRM, Milano 19 Novembre 2013 1 Agenda Il contesto Gli effetti

Dettagli

Massimo Matthias Professore a contratto - Università degli Studi di Siena Consulente Aziendale

Massimo Matthias Professore a contratto - Università degli Studi di Siena Consulente Aziendale Massimo Matthias Professore a contratto - Università degli Studi di Siena Consulente Aziendale CURRICULUM VITAE FORMAZIONE Laurea in Economia e Commercio conseguita presso l Università degli Studi La Sapienza

Dettagli

IL NUOVO ACCORDO SUL CAPITALE DELLE BANCHE (BASILEA 2)

IL NUOVO ACCORDO SUL CAPITALE DELLE BANCHE (BASILEA 2) IL NUOVO ACCORDO SUL CAPITALE DELLE BANCHE (BASILEA 2) Francesco Cannata Università RomaTre, aprile-maggio 2009 Agenda degli incontri 5 moduli: I) Da Basilea 1 a Basilea 2 (24 aprile) II) I rating delle

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Elenco completo periodici in abbonamento 20 giugno 2013 Ver. 1.0 Ministero dell Economia e delle Finanze Ufficio per il coordinamento tecnico logistico Biblioteca e ufficio di documentazione del DT Sommario

Dettagli

FLASH REPORT. Banking Union: come si devono preparare le banche italiane all Asset Quality Review? Quadro normativo. Ambito di applicazione

FLASH REPORT. Banking Union: come si devono preparare le banche italiane all Asset Quality Review? Quadro normativo. Ambito di applicazione FLASH REPORT Banking Union: come si devono preparare le banche italiane all Asset Quality Review? Novembre 2013 Quadro normativo Il Parlamento Europeo e il Consiglio Europeo hanno approvato il nuovo meccanismo

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione SDA Bocconi School of Management seconda edizione l obiettivo del progetto formativo Creare condivisione, costruire e rafforzare l alleanza tra management della banca e direttori di filiale, fondata sulla

Dettagli

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX Relazione introduttiva Gregorio De Felice, Presidente AIAF Napoli, 13 febbraio 2010 1 Signor Governatore, Autorità, Signori Delegati, sono ormai trascorsi quasi mille giorni

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

L. 262 and Sarbanes-Oxley Act

L. 262 and Sarbanes-Oxley Act L. 262 and Sarbanes-Oxley Act Sarbanes Oxley Act Law 262 Basel 2 IFRS\ IAS Law 231 From a system of REAL GUARANTEE To a system of PERSONNEL GUARANTEE L. 262 and Sarbanes-Oxley Act Sarbanes-Oxley Act and

Dettagli

XV Introduzione XXI Profili degli autori. 3 Parte prima - Profili istituzionali. 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri

XV Introduzione XXI Profili degli autori. 3 Parte prima - Profili istituzionali. 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri XV Introduzione XXI Profili degli autori 3 Parte prima - Profili istituzionali 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri 5 1.1 Premessa: l attività bancaria e il moltiplicatore

Dettagli

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito?

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Introduzione di Andrea Sironi SDA Bocconi Nell aprile 2003 il Comitato di Basilea ha reso pubbliche, nei tempi e nei modi originariamente

Dettagli

La crisi finanziaria Lezioni da trarre per la gestione dei rischi aziendali

La crisi finanziaria Lezioni da trarre per la gestione dei rischi aziendali 16 Convention APB 2009 La crisi finanziaria Lezioni da trarre per la gestione dei rischi aziendali Intervento del dr. Stefano Mieli Direttore Centrale per la Vigilanza Creditizia e Finanziaria Banca d

Dettagli

La gestione finanziaria delle piccole e medie imprese: le prospettive per il 2011 e oltre

La gestione finanziaria delle piccole e medie imprese: le prospettive per il 2011 e oltre La gestione finanziaria delle piccole e medie imprese: le prospettive per il 2011 e oltre Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti Contabili Bergamo, 11 febbraio 2011 PROF. MARIO COMANA Ordinario

Dettagli

normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI

normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI L esperienza ABI nell analisi di impatto economico della normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI Convegno Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo

Dettagli

2003 oggi Professore ordinario di Economia degli intermediari finanziari, Università di Parma.

2003 oggi Professore ordinario di Economia degli intermediari finanziari, Università di Parma. Paola Schwizer Curriculum Vitae Informazioni personali Formazione Nata il 30 maggio 1965 a Milano Nazionalità italiana Lingue: tedesco, inglese, francese 1989, Laurea in Economia Aziendale, Università

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013 Il rischio nei finanziamenti collateralizzati Convegno ABI BASILEA 3-2013 28 giugno 2013 Agenda 1. Il contesto 2. 3. Limiti e linee di sviluppo 2 Il contesto Cresce l utilizzo del collateral Il contesto

Dettagli

Sulle crisi bancarie s'è perso l approccio globale

Sulle crisi bancarie s'è perso l approccio globale Sulle crisi bancarie s'è perso l approccio globale Il meccanismo unico europeo per la risoluzione delle crisi ha avuto via libera, con l approvazione della normativa di riferimento e l 'istituzione di

Dettagli

Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 1 RISCHI DEL GRUPPO BANCARIO Il Gruppo Intesa Sanpaolo attribuisce una forte rilevanza alla gestione e al controllo dei rischi,

Dettagli

THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES

THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES Giovanni Dell Ariccia, Enrica Detragiache, Raghuram Rajan ECONOMIA MONETARIA INTERNAZIONALE Anno Accademico 2009/2010 Alessandro Paci Valentina Peruzzi Mariangela Scorrano

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2011-2012

Università degli Studi di Parma. Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2011-2012 Università degli Studi di Parma Corso di Risk management e creazione di valore Basilea 3 Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2011-2012 La crisi finanziaria del 2007- Prima della crisi Tassi di interesse

Dettagli

Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi

Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi Di Don Wilkinson, Vice-Presidente Deloitte Amministratori, fate un respiro profondo: gli impegni previsti in agenda

Dettagli

I rischi dell attività bancaria L ICAAP. Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009

I rischi dell attività bancaria L ICAAP. Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009 I rischi dell attività bancaria L ICAAP Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009 I limiti del primo Accordo di Basilea e il loro superamento La proposta di Direttiva di recepimento del nuovo Accordo di

Dettagli

UNIVERSITÀ: Politecnico di Milano. FACOLTÀ: Ingegneria dei Sistemi. CORSO DI STUDI: Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale

UNIVERSITÀ: Politecnico di Milano. FACOLTÀ: Ingegneria dei Sistemi. CORSO DI STUDI: Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale UNIVERSITÀ: Politecnico di Milano FACOLTÀ: Ingegneria dei Sistemi CORSO DI STUDI: Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale INSEGNAMENTO: Global Risk Management PROFESSORE: Marco Giorgino ANNO ACCADEMICO

Dettagli

Metodologia Rating di emissione

Metodologia Rating di emissione Metodologia Rating di emissione giugno 2014 SOMMARIO IL RATING - DEFINIZIONI...3 CERVED GROUP RATING... 3 IL RATING di emissione... 3 LA SCALA DI RATING...3 METODOLOGIA DI RATING DI EMISSIONE...5 Ambito

Dettagli

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2012 Introduzione Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo III, Capitolo 1), del 24 ottobre 2007, introduce

Dettagli

Università degli studi di Foggia Dipartimento di Economia

Università degli studi di Foggia Dipartimento di Economia Università degli studi di Foggia Dipartimento di Economia Il sistema dei controlli interni delle banche: il ruolo degli organi aziendali e delle funzioni aziendali di controllo Foggia, 20 Novembre 2012

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi

Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi 2007 SDA Bocconi School of Management Copyright SDA Bocconi Premessa La Normativa di

Dettagli

Compendio sulla normativa relativa ai compensi degli amministratori e dei manager aziendali

Compendio sulla normativa relativa ai compensi degli amministratori e dei manager aziendali Compendio sulla normativa relativa ai compensi degli amministratori e dei manager aziendali 2012 a cura di Guido Cutillo e Franco Fontana Copyright 2012 by FrancoAngeli s.r.l., Milano, Italy L opera,

Dettagli

Presentazione del laboratorio: Linguaggio e media per la finanza

Presentazione del laboratorio: Linguaggio e media per la finanza Università degli studi di Roma Tor vergata Dottorato di ricerca in Economia Aziendale Presentazione del laboratorio: Linguaggio e media per la finanza Roma, 21 Gennaio 2014 Obiettivi Il Laboratorio si

Dettagli

ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO

ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO GRUPPOM O N T EPASC H I C O N V E G N O A BI B ASI L E A 3 ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO A G E ND A Contesto di riferimento Riforma strutturale a livello U E K ey driver

Dettagli

Le implicazioni strategiche, gestionali e organizzative degli IFRS

Le implicazioni strategiche, gestionali e organizzative degli IFRS Fondo Interbancario di tutela dei depositi L introduzione degli International Financial Reporting Standards Le implicazioni strategiche, gestionali e organizzative degli IFRS claudio patalano Milano, 27

Dettagli

Cash management. Il rischio di liquidità: modelli di gestione e controllo. di Maurizio Vallino e Matteo Cagetti (*)

Cash management. Il rischio di liquidità: modelli di gestione e controllo. di Maurizio Vallino e Matteo Cagetti (*) Analisi Cash management Il rischio di liquidità: modelli di gestione e controllo di Maurizio Vallino e Matteo Cagetti (*) La recente turbolenza sui mercati finanziari ha evidenziato il ruolo centrale di

Dettagli

Camera dei Deputati - Senato della Repubblica Commissione Parlamentare di vigilanza sull anagrafe tributaria Organismo Italiano di Contabilità

Camera dei Deputati - Senato della Repubblica Commissione Parlamentare di vigilanza sull anagrafe tributaria Organismo Italiano di Contabilità Camera dei Deputati - Senato della Repubblica Commissione Parlamentare di vigilanza sull anagrafe tributaria Organismo Italiano di Contabilità CONVEGNO DI STUDI Crisi dei mercati finanziari e implicazioni,

Dettagli

Analisi della performance degli intermediari creditizi

Analisi della performance degli intermediari creditizi Analisi della performance degli intermediari creditizi Lezione 4 L analisi dei rischi e del patrimonio di vigilanza: il Terzo Pilastro di Basilea 2 Università di Bologna Facoltà di Economia, Forlì 11 dicembre

Dettagli

L evoluzione del sistema dei controlli nelle banche Contesto, supervisione e controlli interni

L evoluzione del sistema dei controlli nelle banche Contesto, supervisione e controlli interni L evoluzione del sistema dei controlli nelle banche Contesto, supervisione e controlli interni Siena, 17 novembre 2014 Chief Audit Executive Fabrizio Leandri Obiettivo del mio intervento è quello di analizzare

Dettagli

Le nuove regole di vigilanza: un analisi critica

Le nuove regole di vigilanza: un analisi critica Le nuove regole di vigilanza: un analisi critica Andrea Resti carefin@unibocconi.it The Regulatory Tsunami* Luglio 2009 Dicembre 2009 Rischi di mercato: stressed VaR e IR charge Nuove regole su (ri)cartolarizzazioni

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

Risk governance and risk-based internal control evaluation in international banks after the banking union. 5 febbraio 2015

Risk governance and risk-based internal control evaluation in international banks after the banking union. 5 febbraio 2015 Risk governance and risk-based internal control evaluation in international banks after the banking union 5 febbraio 2015 Agenda Le motivazioni e il perimetro di indagine Il campione I principali risultati

Dettagli

I potenziali impatti del nuovo IFRS 9 sul trading book. Roma, 4 dicembre 2012

I potenziali impatti del nuovo IFRS 9 sul trading book. Roma, 4 dicembre 2012 sul trading book Roma, 4 dicembre 2012 AGENDA I PROGETTI DI REVISIONE DELLO IAS 39 CLASSIFICAZIONE E MISURAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI NEL NUOVO IFRS9 LA REVISIONE DEL PERIMETRO DEL TRADING BOOK IN

Dettagli

L Enterprise Risk Management in Italia

L Enterprise Risk Management in Italia DISCUSSION PAPER L Enterprise Risk Management in Italia Risultati della survey condotta in collaborazione con l Osservatorio di Revisione della SDA Bocconi Seconda edizione Maggio 2012 kpmg.com/it 2 L

Dettagli

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012 ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo Via del Quirinale, 21 00187 Roma Roma, 15 giugno 2012 Commenti dell associazione Chief Risk Officer Forum Italia (CROFI)

Dettagli

IL RISCHIO DI SPREAD :

IL RISCHIO DI SPREAD : Corso tecnico/pratico Seconda Edizione IL RISCHIO DI SPREAD : MISURAZIONE E GESTIONE TRAMITE COSTRUZIONE IN AULA DI MODELLI IN EXCEL Milano, 26 e 27 novembre 2013 Hotel Four Points Sheraton Via Cardano

Dettagli

Marzo 2015. Fundamental Review of the Trading Book. Analisi d impatto sul nuovo metodo standard.

Marzo 2015. Fundamental Review of the Trading Book. Analisi d impatto sul nuovo metodo standard. Marzo 2015 Fundamental Review of the Trading Book. Analisi d impatto sul nuovo metodo standard. Alberto Capizzano, Senior Manager, Massimiliano Toto, Manager, Nicola Boscolo Berto, Senior Consultant, Valentina

Dettagli

Rischio operativo e rischio reputazionale: le lezioni impartite dai mercati. Simona Cosma Università del Salento

Rischio operativo e rischio reputazionale: le lezioni impartite dai mercati. Simona Cosma Università del Salento Rischio operativo e rischio reputazionale: le lezioni impartite dai mercati Simona Cosma Università del Salento 1 Contenuti Punti deboli di Basilea II e rischio operativo: quale Le responsabilità del rischio

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Indice Premessa e contesto normativo... 3 Valutazione della composizione qualitativa... 4 Profili generali... 4 Richiami normativi...

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL MERCATO

PILLAR III INFORMATIVA AL MERCATO PILLAR III INFORMATIVA AL MERCATO Sede Legale: Via Gramsci, 7 10121 Torino Capitale sociale 156.037.608 int. vers. Codice Azienda Bancaria n. 3043.7 Albo Banche n. 5319 Registro Imprese di Torino n. 02751170016

Dettagli

Evoluzione del SCI e del processo di gestione dei rischi nel Gruppo BPB

Evoluzione del SCI e del processo di gestione dei rischi nel Gruppo BPB Evoluzione del SCI e del processo di gestione dei rischi nel Gruppo BPB Antonio Zullo Chief Risk Officer Gruppo Banca Popolare di Bari 12 dicembre 2014 1 Il sistema dei controlli interni La nuova normativa

Dettagli

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 PRESENTAZIONE DEL CORSO RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 Informazioni generali LAUREA MAGISTRALE IN FINANZA E RISK MANAGEMENT Prof. Paola Schwizer Ufficio: Via J.K. Kennedy,

Dettagli

BANCA D ITALIA AIEA 2007. Relatore: Tullio Prà Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Banca d Italia

BANCA D ITALIA AIEA 2007. Relatore: Tullio Prà Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Banca d Italia XXI Convegno Nazionale Information Systems Auditing Accademia Navale di Livorno, 24-25 Maggio 2007 La Continuità operativa nel sistema bancario italiano Relatore: Tullio Prà Servizio Vigilanza sugli Enti

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

Corporate Governance - Oltre la compliance

Corporate Governance - Oltre la compliance Corporate Governance - Oltre la compliance Prof. Angelo Riccaboni Corso di Economia e Governo Aziendale Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici riccaboni@unisi.it www.disag.unisi.it Agenda L interesse

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

RISCHIO OPERATIVO. Gruppo di lavoro AIFIRM "Rischio operativo": oggetto, sfide e stato dell'arte

RISCHIO OPERATIVO. Gruppo di lavoro AIFIRM Rischio operativo: oggetto, sfide e stato dell'arte RISCHIO OPERATIVO Gruppo di lavoro AIFIRM "Rischio operativo": oggetto, sfide e stato dell'arte Davide Bazzarello Group Head Operational&Reputational Risk Unicredit Giampaolo Gabbi Università degli Studi

Dettagli

Politica di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari

Politica di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari Politica di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari BCC DI ARBOREA delibera CDA del 28/01/2011 modificata con delibera CDA del 15/02/2012 Indice Premessa...... 3 1. Politica di valutazione e

Dettagli

Resoconto degli interventi. Sessione Plenaria IV

Resoconto degli interventi. Sessione Plenaria IV Resoconto degli interventi Sessione Plenaria IV 1 Sessione plenaria IV La centralità delle risorse umane nella gestione del rischio di compliance 11 nov. 2011 ore 9.30 11.00 Chairman: Giancarlo Durante,

Dettagli

Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE

Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE Fase a distanza DA BASILEA 2 A BASILEA 3: COSA CAMBIA Fase in aula a Milano dal 29 al 31 ottobre

Dettagli

Enterprise Risk Management - ERM

Enterprise Risk Management - ERM Enterprise Risk Management - ERM ANALISI, VALUTAZIONE E GESTIONE DEI RISCHI La sopravvivenza di un azienda è assicurata dalla sua capacità di creare valore per i suoi stakeholders. Tutte le aziende devono

Dettagli

Convegno CAREFIN. Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager. Milano - 31 Gennaio 2013

Convegno CAREFIN. Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager. Milano - 31 Gennaio 2013 Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager Convegno CAREFIN Milano - 31 Gennaio 2013 Davide Alfonsi Resp. Direzione Risk Management, Intesa Sanpaolo Agenda

Dettagli

Esperienza MBG Il moto browniano geometrico. Proprietà teoriche e simulazione Monte Carlo

Esperienza MBG Il moto browniano geometrico. Proprietà teoriche e simulazione Monte Carlo Università degli Studi di Perugia Laurea specialistica in Finanza a.a. 2009-10 Corso di Laboratorio di calcolo finanziario prof. Franco Moriconi Esperienza MBG Il moto browniano geometrico. Proprietà teoriche

Dettagli

RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE

RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE Vigilanza Creditizia e Finanziaria RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE PROCESSO DI CONTROLLO PRUDENZIALE AI SENSI DEL SECONDO PILASTRO: DETERMINAZIONE DEL CAPITALE INTERNO

Dettagli

GRUPPO BANCA LEONARDO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014

GRUPPO BANCA LEONARDO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014 GRUPPO BANCA LEONARDO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014 pag. 1 di 81 INDICE 1. PREMESSA... 4 2. DEFINIZIONI... 4 3. ARTICOLO 435: OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO... 5 3.1 Rischio di mercato...

Dettagli

Sistema di Controllo Interno e Gestione Rischi

Sistema di Controllo Interno e Gestione Rischi Management System Guideline Sistema di Controllo Interno e Gestione Rischi 11 aprile 2013 1 Messaggio del CEO Il Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi (di seguito SCIGR) è considerato in eni

Dettagli

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche ROBERTO RIZZO 21 NOVEMBRE 2014 MILANO Agenda Premessa

Dettagli

Flessibilità dei modelli di business come antidoto alla crisi finanziaria. Gianfranco Torriero Direttore Centrale ABI

Flessibilità dei modelli di business come antidoto alla crisi finanziaria. Gianfranco Torriero Direttore Centrale ABI Flessibilità dei modelli di business come antidoto alla crisi finanziaria Gianfranco Torriero Direttore Centrale ABI Costi & Business 2009 Roma, 29-30 ottobre 2009 La Global financial stability map del

Dettagli

DISCORSO DI APERTURA:

DISCORSO DI APERTURA: 08:30 Registrazione e caffè di benvenuto 09:20 Osservazioni preliminari del presidente Programma 09:30 DISCORSO DI APERTURA: Valutazione delle problematiche nazionali e internazionali e di come esse trasformino

Dettagli