Istruzioni per l'uso. Famiglia Dynal AllSet + e CombiSet + SSP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istruzioni per l'uso. Famiglia Dynal AllSet + e CombiSet + SSP"

Transcript

1 Istruzioni per l'uso Famiglia Dynal AllSet + e CombiSet + SSP 0088

2 SOMMARIO Pagina USO PREVISTO.. 3 RIEPILOGO E SPIEGAZIONE PRINCIPI DELLA PROCEDURA REAGENTI... 4 Reagenti inclusi nel kit di tipizzazione Conservazione... 4 AVVERTENZE E PRECAUZIONI 5 MATERIALE RICHIESTO NON FORNITO DA DYNAL BIOTECH.. 5 PROCEDURA Raccolta e Preparazione dei Campioni Preparazione dei Reagenti per la PCR Amplificazione Analisi delle reazioni di PCR mediante elettroforesi su gel di agarosio... 9 LIMITAZIONI DELLA PROCEDURA RISULTATI ATTESI. 10 Controllo di Qualità Controllo Interno Interpretazione dei Risultati Interpretazione mediante Dynal SSPTool GUIDA ALLA RISOLUZIONE DEI PROBLEMI BIBLIOGRAFIA GARANZIA.. 14 MARCHI DI FABBRICA UTILIZZATI NEL PRESENTE DOCUMENTO/PRODOTTO 14 BREVETTI UTILIZZATI NEL PRESENTE DOCUMENTO/PRODOTTO CONTATTI Pagina 2 di 15

3 Per uso diagnostico in vitro USO PREVISTO Tipizzazione del DNA degli alleli HLA di Classe I o Classe II. RISOLUZIONE Kit a bassa risoluzione: La tipizzazione degli alleli viene eseguita a livello generico, o del gruppo allelico, che in genere corrisponde alle specificità definite sierologicamente. Kit ad alta risoluzione: O kit di subtipizzazione, forniscono una genotipizzazione ad alta risoluzione o a livello di allele. RIEPILOGO E SPIEGAZIONE Quasi tutte le metodiche di tipizzazione tissutale basate sul DNA utilizzano la tecnica PCR 1 per l'amplificazione del locus HLA da analizzare. Nella maggior parte delle metodiche per la tipizzazione tissutale basate sul DNA la tecnica di PCR è impiegata per la fase di amplificazione, prima cioè della tipizzazione effettiva, con lo scopo di aumentare la quantità di DNA bersaglio. Il processo di tipizzazione HLA richiede quindi una fase di post-amplificazione finalizzata alla discriminazione allelica. A differenza di altri metodi basati sulla PCR, la tecnica SSP 2,3,4,5 utilizzata da Dynal Biotech Ltd per gli AllSet + e CombiSet + SSP discrimina i diversi alleli nel corso del processo stesso della PCR. Ciò consente di abbreviare il tempo di analisi dei risultati post-amplificazione riducendolo ad una semplice fase di rivelazione mediante gel-elettroforesi. PRINCIPI DELLA PROCEDURA Il metodo SPP Dynal è una tecnica basata sulla PCR che impiega Sequence Specific Primers (SSP), cioè Primer Sequenza Specifici, per la tipizzazione tissutale basata sul DNA. I prodotti Dynal SSP sono costituiti da miscele diverse di primer, in cui ciascuna miscela contiene una o più coppie specifiche di primer, vale a dire i primer specifici per un allele e/o un gruppo allelico, oltre ad una coppia di primer di controllo per le sequenze non alleliche nel campione. La coppia di primer di controllo ha la funzione di controllo interno della PCR e quindi di verifica dell'efficienza delle amplificazioni. Il metodo Dynal SSP si basa sul principio che un primer perfettamente corrispondente potrà essere utilizzato con maggiore efficienza nella reazione PCR rispetto ad un primer che presenta uno o più mismatch all'estremità 3. La specificità della tipizzazione rientra nella fase di amplificazione e il processo di elaborazione dei risultati dopo l amplificazione è ridotto al minimo. L'assegnazione degli alleli consiste semplicemente nel constatare se si è verificata o meno l'amplificazione, cioè nel visualizzare l'amplificazione mediante elettroforesi su gel di agarosio. La tecnica PCR-SSP assicura un elevato grado di risoluzione, in quanto ciascuna coppia di primer identifica due siti polimorfici in cis. Il metodo ha un livello elevato di sensibilità, specificità e riproducibilità. Pagina 3 di 15

4 REAGENTI Reagenti inclusi in tutti i kit Dynal AllSet + SSP o CombiSet + SSP Articolo 1. Vassoi PCR con miscele di primer SSP disidratati pre- aliquotati Descrizione Ciascuna provetta del vassoio per la PCR contiene una miscela disidratata di SSP composta da primer specifici per un allele e/o un gruppo allelico e una coppia di primer di controllo per le sequenze non alleliche. La coppia di primer di controllo amplifica un gene presente in tutti i campioni. 2. Tappi Tappi per la chiusura ermetica dei vassoi per la PCR 3. Master Mix (il numero di flaconi compresi nei kit dipende dal numero di reazioni di PCR per test ved. tabella corrispondente) N. di reazioni di PCR per No. di flaconi di Master Mix inclusi nei kit (tutti da 1,8 ml) Concentrazione 1x pronta all'uso. La Master Mix è stata ottimizzata per l'impiego con la DNA polimerasi AmpliTaq (Roche Molecular Systems, Inc.) Informazioni sulla formulazione sono disponibili all'indirizzo 4. Istruzioni per l'uso del prodotto/opuscolo informativo sul lotto specifico del prodotto Istruzioni per l'uso e opuscolo informativo sul lotto specifico del prodotto (BSPI). 5. Foglio di Lavoro per Interpretazione Modulo di registrazione delle reazioni positive ottenute con le diverse miscele di primer. Conservazione 1. I vassoi per la PCR e la Master Mix devono essere conservati a 2-8 C. 2. Non congelare i reagenti 3. Se conservati in modo corretto, reagenti e miscele di primer sono stabili fino alla data di scadenza indicata nell'opuscolo informativo allegato ad ogni prodotto. Pagina 4 di 15

5 AVVERTENZE E PRECAUZIONI 1. Per uso diagnostico in vitro 2. Per l esecuzione dei test con i kit Dynal AllSet + e CombiSet + SSP è necessario attenersi alle Buone Pratiche di Laboratorio e alle linee guida stabilite ad es. negli standard EFI, nelle direttive CPA o in altre direttive locali. 3. Avvertenza - Rischio biologico: Manipolare tutti i campioni come potenzialmente in grado di trasmettere malattie. Eseguire tutte le operazioni indossando guanti e protezioni adeguate. 4. Avvertenza - Rischio biologico: Per la preparazione dei campioni utilizzare sempre provette con tappo a vite, al fine di evitare fuoriuscite e potenziali casi di contaminazione. 5. Avvertenza - Rischio biologico: Tutti i campioni devono essere manipolati come potenzialmente infettivi utilizzando procedure di laboratorio sicure come quelle indicate in Biosafety in Microbiological and Biomedical Laboratories 6 e nel documento NCCLS M29-T 7. Pulire e disinfettare con cura tutte le superfici di lavoro utilizzando candeggina (NaClO) all'1%. Sterilizzare in autoclave qualsiasi apparecchiatura o materiale che sia entrato in contatto con campioni clinici prima di procedere allo smaltimento. 6. Avvertenza - Rischio biologico: Il bromuro di etidio utilizzato per la colorazione del DNA è un potenziale agente cancerogeno. Durante l'impiego di gel colorati e bromuro di etidio, indossare sempre guanti in nitrile. 7. Cautela: Indossare una protezione anti-uv per gli occhi e non guardare direttamente la fonte di luce UV a occhio nudo durante l'analisi o la fotografia dei gel. 8. Cautela: Le pipette utilizzate per le operazioni post-pcr non devono essere utilizzate per le operazioni pre-pcr. 9. Cautela - Contaminazione: Evitare la contaminazione batterica dei reagenti durante il prelievo di aliquote dalle provette dei reagenti. Indossare sempre i guanti per evitare qualsiasi rischio di contaminazione dei campioni. Si consiglia di utilizzare pipette e puntali con filtro monouso e sterili. Non utilizzare reagenti con evidenti tracce di torbidità o contaminazione batterica. 10. Cautela - Smaltimento: Smaltire i reagenti non utilizzati e le sostanze di scarto in conformità con le normative comunitarie, nazionali, regionali e locali. 11. La scheda dei dati di sicurezza dei materiali (MSDS) è disponibile per il download all'indirizzo oppure su richiesta presso il rappresentante locale di Dynal Biotech (Ved. i numeri di telefono elencati nell'ultima pagina del presente inserto.) MATERIALE RICHIESTO NON FORNITO DA DYNAL BIOTECH: 1. Pipette calibrate per uso manuale (ad es. Eppendorf, Gilson) 2. Puntali con filtro per pipette sopra indicate 3. Vortex 4. Microcentrifuga 5. Vassoio per la conservazione delle microprovette di PCR 6. Perkin-Elmer GeneAmp 9600 o 9700 o qualsiasi altro amplificatore approvato con specifiche equivalenti 7. Piastra scaldante/forno a microonde per la preparazione dei gel di agarosio 8. Apparecchiatura per elettroforesi (ad es. ABgene Electro-Fast Stretch 108 Complete, AB- 0708) 9. Transilluminatore UV 10. Sistema di documentazione per immagini/macchina fotografica per i gel 11. Taq polimerasi ricombinante (Dynal raccomanda AmpliTaq ) 12. Agarosio per gel 13. Bromuro di etidio Pagina 5 di 15

6 PROCEDURA NOTA: Questa procedura deve essere eseguita in due aree distinte del laboratorio (pre-amplificazione e post-amplificazione) come indicato nelle istruzioni seguenti. RACCOLTA E PREPARAZIONE DEI CAMPIONI Attenzione: Manipolare tutti i campioni come potenzialmente in grado di trasmettere agenti infettivi. a) NON UTILIZZARE SANGUE IN EPARINA 8 b) Il DNA può essere estratto da cellule nucleate umane utilizzando il metodo di preferenza c) Per ottenere risultati ottimali di amplificazione e di tipizzazione utilizzare DNA con un elevato grado di purezza (rapporto OD 260:280 compreso tra 1,6 e 1,8). d) La concentrazione finale del DNA prima della PCR deve essere di circa 50 ng/µl e) Il DNA estratto deve essere diluito in dh 2 0 f) Il DNA può essere conservato a -20 C o a temperature inferiori per periodi più prolungati (> 1 anno) senza influire sulla qualità dei risultati. Se conservato a +4 per lunghi periodi il DNA si degrada, dando luogo ad una maggiore quantità di artefatti, come ad esempio amplificazioni non specifiche. PREPARAZIONE DEI REAGENTI PER LA PCR (eseguita nell'area di pre-amplificazione) Per eseguire una singola tipizzazione preparare la seguente miscela di PCR. Per i volumi necessari (in funzione del numero di reazioni di PCR per test), consultare la tabella riportata nella pagina seguente. Master Mix DNA del campione (50 ng/µl) AmpliTaq DNA polimerasi (5 u.i./µl ) Miscelare accuratamente Dispensare 10 µl della miscela PCR in ciascuna provetta della piastra Dynal AllSet + o CombiSet + SSP Apporre i tappi e chiudere accuratamente in modo da sigillare perfettamente le provette. Si possono utilizzare chiudiprovette appositi. È inoltre possibile utilizzare le apposite pellicole sigillanti. I campioni sono ora pronti per l'amplificazione. Conservare i reagenti del kit di tipizzazione non utilizzati a 2-8 C Pagina 6 di 15

7 Tabella per la Preparazione della Miscela di PCR: Reazioni di PCR per test Master Mix (µl ) DNA (µl ) AmpliTaq (µl ) NOTA: Le reazioni di PCR in numero dispari non vengono riportate nella tabella, fare riferimento al numero pari successivo (ad es., nel caso di un test con 13 reazioni di PCR fare riferimento ai volumi indicati per 14 reazioni di PCR). Pagina 7 di 15

8 CONFIGURAZIONE DEL VASSOIO L orientamento corretto del vassoio è assicurato dalla miscela di primer della provetta numero uno (identificata anche dalla presenza di un colorante blu), contrassegnata dal numero di lotto stampato di lato e.g HLA-X QUALSIASI ALTRO NUMERO STAMPATO SUL VASSOIO IN PLASTICA, AD ES. 1, 2, 3, DEVE ESSERE IGNORATO AMPLIFICAZIONE (eseguita nell'area di post-amplificazione) 1. Collocare il vassoio AllSet + o CombiSet + SSP nel termociclatore Impostare i seguenti parametri: Fasi Temperatura Tempo Azione ( C) (sec.) Denaturazione Denaturazione 10 cicli cicli Denaturazione Allineamento Estensione Denaturazione Allineamento Estensione Per informazioni specifiche sul termociclatore fare riferimento al manuale del produttore 2. Dare inizio al programma 3. A programma ultimato togliere i campioni dal termociclatore NOTA: Non portare il DNA amplificato nell'area di pre-amplificazione. Pagina 8 di 15

9 ANALISI DELLE REAZIONI DI PCR MEDIANTE ELETTROFORESI SU GEL DI AGAROSIO Nota: Si raccomanda di utilizzare lo stesso tampone per la preparazione del gel e del tampone di corsa; ciò significa che se si utilizza TBE 0.5x per il gel è necessario utilizzare TBE 0.5x anche come tampone di corsa. 1. Preparare un gel di agarosio al 2% (p/v) (ad es.abgene MultiABgarose, AG-0100c) in tampone TBE 0.5x a) Far sciogliere l'agarosio (2 g/100 ml di tampone TBE 0.5x) mediante ebollizione nel forno a microonde fino al completo scioglimento Lasciarlo raffreddare a 60 C. Aggiungere bromuro di etidio alla concentrazione finale di 0.5 µg/ml di gel b) Versare il gel nell apposito vassoio in modo da ottenere 3-4 mm di spessore e pozzetti profondi 3 mm. Lasciare solidificare per almeno 15 minuti. 2. a) Trasferire il gel di agarosio nella cella elettroforetica. Il gel deve essere coperto da TBE 0.5x per almeno 1-2 mm. Rimuovere con cautela il pettine Caricare in sequenza tutto l amplificato di ogni reazione in ogni pozzetto del gel 3. Far correre i gel nel tampone TBE 0.5X Far correre i minigel (gel con una distanza <10 cm tra i due elettrodi) per 10 minuti a 15 V/cm, i gel più grandi per 15 minuti a 10 V/cm. Per calcolare il voltaggio misurare la distanza (in centimetri) tra gli ELETTRODI della cella elettroforetica (la lunghezza del gel NON È IMPORTANTE). 4. Esaminare il gel al transilluminatore UV e scattare la fotografia. 1. Lo stesso tampone TBE 0.5x può essere utilizzato più volte anche se l'impiego del tampone fresco aumenta la nitidezza dei segnali. AVVERTENZA: Il bromuro di etidio è un potente agente mutageno. Indossare guanti in nitrile e proteggere adeguatamente gli occhi durante la manipolazione dei gel o delle soluzioni contenenti bromuro di etidio. Pagina 9 di 15

10 LIMITAZIONI DELLA PROCEDURA 1. L'elevata sensibilità analitica della PCR rende necessario procedere con estrema cautela al fine di preservare la purezza dei reagenti del kit o delle miscele di amplificazione. Assicurarsi che il flusso di lavoro all'interno del laboratorio sia unidirezionale e che gli ampliconi della PCR non vengano portati nell'area di preparazione dei reagenti per la PCR. La purezza dei reagenti può essere preservata solo attenendosi alle Buone Pratiche di Laboratorio. I risultati attesi possono essere garantiti se si osservano rigorosamente le procedure descritte nel presente inserto. 2. I prodotti Dynal AllSet + e CombiSet + sono stati sviluppati utilizzando esclusivamente campioni di sangue intero non eparinato o campioni di DNA purificati. Non sono stati valutati risultati con altre tipologie di campioni. 3. Il campione di DNA costituisce lo stampo per il processo di amplificazione e la sua qualità deve rientrare nei valori indicati sia in termini di purezza che di concentrazione. 4. Con questi prodotti è possibile utilizzare qualsiasi termociclatore approvato, a condizione che le specifiche dello strumento siano equivalenti a quelle dello strumento Perkin-Elmer GeneAmp PCR 9600 o Verificare che tutti gli strumenti e le apparecchiature siano calibrati in base alle specifiche del produttore. RISULTATI ATTESI Controllo di Qualità Il Controllo di Qualità e l'aggiornamento dei prodotti per la tipizzazione tissutale basata sul DNA sono estremamente importanti. Gli oligonucleotidi di sintesi devono essere sottoposti a numerosi test con DNA di linee cellulari note. Le soluzioni dei primer devono essere testate con DNA positivi e negativi con sequenze molto simili. La procedura del controllo di qualità si svolge nel modo seguente: Test dei primer sintetizzati con un pannello di DNA di linee cellulari ben caratterizzate Test di una soluzione di primer specifica con un pannello di DNA positivi e negativi Test del set di SSP completo Test del prodotto finale Controllo Interno La coppia dei primer di controllo 9 viene inserito per verificare l'efficienza della reazione PCR. La sua presenza conferma che la mancanza di un'amplificazione specifica in una determinata reazione è effettivamente dovuta all'assenza di quel polimorfismo nel campione di DNA e non al fallimento della reazione di PCR. A causa delle diverse concentrazioni e delle differenti temperature di ibridazione della coppia di primer specifici rispetto alla coppia di primer di controllo: - L'intensità della banda di controllo spesso diminuisce in presenza di un'amplificazione specifica e - I primer del controllo interno sono più sensibili a condizioni di PCR non ottimali e possono essere utilizzati per monitorare l'efficienza della PCR. L assenza di amplificazione del controllo interno in reazioni senza amplificazioni specifiche deve essere interpretata come segno che il sistema in cui si opera non è in condizioni ottimali. Per l identificazione delle possibili cause e delle azioni correttive da eseguire fare riferimento alla Guida alla risoluzione dei problemi. Le informazioni specifiche riguardanti il Controllo Positivo Interno sono contenute nell'opuscolo informativo che accompagna ogni kit. Pagina 10 di 15

11 INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI L'assegnazione degli alleli viene eseguita in base alla presenza di uno specifico prodotto di PCR. Un'amplificazione specifica indica che i campioni di DNA contengono l'allele, oppure uno degli alleli del gruppo definito dalla coppia di primer in quella determinata reazione di PCR. La tabella di interpretazione fornita con ciascun lotto può essere utilizzata per assegnare l'allele o il gruppo di alleli identificato dalle rispettive soluzioni di primer. Nella maggior parte dei kit Dynal AllSet + o CombiSet + SSP, non in tutti, ciascun allele o gruppo di alleli è amplificato da più di una soluzione di primer. È importante verificare che tutte le soluzioni dei primer che dovrebbero risultare positive in quanto portatrici di quell'allele o gruppo di alleli lo siano effettivamente. Sebbene gli alleli vengano assegnati in base alla presenza del prodotto di PCR, le dimensioni relative dei prodotti di PCR possono essere di aiuto nell'interpretazione delle tipizzazioni mediante SSP. Le dimensioni approssimative dei prodotti di PCR specifici possono essere utilizzate per distinguere un'amplificazione positiva vera e propria da: - artefatti di oligomeri (primer dimer) - carry over da pozzetti adiacenti - amplificazioni non specifiche Nella tabella di interpretazione fornita con ciascun kit Dynal AllSet + e CombiSet + SSP viene indicata la sequenza dei tre nucleotidi terminali, che determinano la specificità dell'estremità 3 sia del primer forward che del primer reverse. Per i prodotti HLA di Classe I viene indicata la posizione del nucleotide negli esoni 2, 3 o 4 corrispondente all'estremità 3 dei primer. Per i kit HLA AllSet + SSP di Classe II, viene indicata la posizione del codone corrispondente all'estremità 3 dei primer. Se si dispone della sequenza di un nuovo allele non elencato nella tabella di interpretazione, le informazioni sulla sequenza del primer possono essere utilizzate per scoprire il pattern di amplificazione del nuovo allele. In questo caso si prega di contattare il Servizio Tecnico via o via fax: Interpretazione mediante Dynal SSPTool Dynal SSPTool è un software appositamente concepito come supporto nell'interpretazione dei risultati. Le tabelle di interpretazione di ogni lotto specifico dei kit AllSet + e CombiSet + SSP vengono inserite nel database del software. Il database viene aggiornato in concomitanza con la produzione di nuovi lotti. Per qualsiasi richiesta di assistenza e di informazioni riguardanti l'inserimento dei risultati e l'utilizzo del software fare riferimento alla sezione Help del programma SSPTool. Per ordinare una copia gratuita del Dynal SSPTool (codice prodotto ), rivolgersi al rappresentante locale di Dynal Biotech. Pagina 11 di 15

12 GUIDA ALLA RISOLUZIONE DEI PROBLEMI PROBLEMA CAUSA AZIONE Amplificazione assente (né amplificazione del controllo interno, né amplificazione specifica) Quantità insufficiente del DNA Il DNA contiene inibitori della PCR, ad es. proteine, etanolo (dalle fasi di precipitazione). Il DNA è stato estratto da sangue eparinato Controllare che il volume e la concentrazione del DNA siano corretti. Determinare la qualità del DNA. Seguire esattamente il metodo di estrazione del DNA indicato dai fornitori. Provare un metodo alternativo per l'estrazione del DNA. Ripetere l'estrazione del DNA Utilizzare sangue non eparinato, oppure provare il trattamento con eparinasi (ved. rif. 8) Il DNA è sospeso in tampone contenente EDTA Ripetere l'estrazione del DNA e sospenderlo in acqua sterile I tappi delle provette di PCR non chiusi ermeticamente sono Accertarsi che tutti i tappi siano chiusi ermeticamente. Episodi casuali di mancata causa di evaporazione e successivo fallimento Utilizzare gli appositi chiudiprovette amplificazione dell amplificazione Controllare che siano stati caricati correttamente i pozzetti e che Errori di caricamento del gel ciascuno contenga una quantità simile di miscela di PCR Calibrare regolarmente tutte le pipette in base alle indicazioni dei Utilizzo di pipette non calibrate fornitori Errori di pipettamento Eseguire con maggiore attenzione il pipettamento Il DNA, la Taq polimerasi o la miscela di PCR non sono Miscelare brevemente mediante vortex miscelati adeguatamente prima dell'impiego Determinare la qualità del DNA. Ripetere l'estrazione del DNA Controlli Interni deboli DNA impuro con soluzioni appena preparate. Amplificazione non specifica (ladder o smear) Quantità di DNA insufficiente Temperatura di ibridazione eccessiva, il termociclatore non è calibrato Quantità insufficiente di DNA polimerasi termostabile DNA polimerasi termostabile di bassa qualità DNA non pulito (Alcune miscele di primer presentano una maggiore tendenza a dare luogo ad amplificazione non specifica, ved. note a piè di pagina delle Tabelle di Specificità) Determinare la concentrazione del DNA e diluirlo a 50 ng/µl Calibrare il termociclatore e controllare il programma di PCR. Un termociclatore utilizzato di routine per PCR-SSP deve essere calibrato ogni 6 mesi. Utilizzare una quantità maggiore di enzima nelle reazioni di PCR Utilizzare Amplitaq Perkin-Elmer Tutti i frammenti di dimensioni maggiori rispetto al controllo interno possono essere ignorati Controllare la qualità del DNA Ripetere l'estrazione del DNA L'assenza di DNA può anche causare smear Preparare una nuova soluzione di bromuro di etidio in modo tale da ottenere una migliore colorazione del gel. Segnali di amplificazione La soluzione di etidio bromuro per la colorazione del gel di progressivamente più deboli agarosio è vecchia Una delle lampade UV è rotta Controllare l'apparecchiatura di illuminazione UV. Amplificazioni false-negative Amplificazioni false-positive Pattern di amplificazione anomalo Temperatura di ibridazione eccessiva, il termociclatore non è calibrato Potrebbero essere causate da contaminazione DNA non pulito Temperatura di ibridazione troppo bassa Il termociclatore non è calibrato È stata utilizzata la tabella di interpretazione sbagliata Il pattern di amplificazione contiene un "falso-positivo" Nuovo allele, non compreso nella tabella di interpretazione Calibrare il termociclatore e controllare il programma di PCR impostato. Un termociclatore utilizzato di routine per PCR-SSP deve essere calibrato ogni 6 mesi. Utilizzare guanti, puntali con filtro, eseguire le operazioni di pre e post-pcr in aree separate. Manipolare con cura i campioni in tutte le fasi. Controllare l'eventuale contaminazione utilizzando primer per il controllo della contaminazione Dynal (codice prodotto ) Determinare la qualità del DNA. Ripetere l'estrazione del DNA con soluzioni appena preparate. Calibrare il termociclatore e controllare il programma di PCR impostato. Un termociclatore utilizzato di routine per PCR-SSP deve essere calibrato ogni 6 mesi. Controllare che il numero di lotto del prodotto utilizzato corrisponda a quello della tabella di interpretazione. Controllare che tutte le amplificazioni siano delle dimensioni corrette o se un artefatto (carry-over, dimero) è stato erroneamente interpretato come un'amplificazione Ripetere la tipizzazione. Se il nuovo pattern di amplificazione è riproducibile, si prega di contattare il rappresentante locale Dynal Biotech per informazioni sul pattern di amplificazione di alleli di recente descrizione. Utilizzare il tampone TBE consigliato. Far correre il gel ad un voltaggio inferiore Bande sfocate e indistinte Il tampone di elettroforesi può essere caldo Il pettine utilizzato ha i denti troppo spessi Utilizzare pettini con denti sottili (4 x1mm) Corsa non adeguata dell'amplicone Il tampone di corsa e il tampone utilizzati presentano una concentrazione differente Tampone di corsa non compatibile con l'amplicone Bolle d'aria nella pipetta Utilizzare lo stesso tampone per il gel e per il tampone di corsa Si consiglia TBE 0.5x Pipettare adeguatamente Pagina 12 di 15

13 BIBLIOGRAFIA 1) Saiki RK, Scharf S, Faloona F, Mullis KB, Horn GT, Erlich HA, Arnheim N. Enzymatic amplification of beta-globin genomic sequences and restriction site analysis for diagnosis of sickle cell anemia. Science. 20 dic. 1985;230(4732): ) Wu, D. Y., Ugozzoli, L., Pal, B. K. e Wallace, R. B. (1989). Allele-specific enzymatic amplification of beta-globin genomic DNA for diagnosis of sickle cell anemia. Proc Natl Acad Sci U S A 86(8), ) Newton, C. R., Graham, A., Heptinstall, L. E., Powell, S. J., Summers, C., Kalsheker, N., Smith, J. C. & Markham, A. F. (1989). Analysis of any point mutation in DNA. The amplification refractory mutation system (ARMS). Nucleic Acids Res 17(7), ) Olerup, O. & Zetterquist, H. (1992). HLA-DR typing by PCR amplification with sequence-specific primers (PCR-SSP) in 2 hours: an alternative to serological DR typing in clinical practice including donor-recipient matching in cadaveric transplantation [ved. commenti]. Tissue Antigens 39(5), ) Bunce, M., O'Neill, C. M., Barnardo, M. C. N. M., Krausa, P., Browning, M. J., Morris, P. J. e Welsh, K. I. (1995b). Phototyping: Comprehensive DNA typing for HLA-A, B, C, DRB1, DRB3, DRB4, DRB5 & DQB1 by PCR with 144 primer mixes utilising sequence-specific primers (PCR-SSP). Tissue Antigens 46(5), ) Richmond, Y. e McKinney, W. (ed.) Biosafety in microbiological and biomedical laboratories. HHS Publication N. (CDC) ) National Committee for Clinical Laboratory Standards. Protection of Laboratory Workers from Infectious Disease Transmitted by Blood, Body Fluids and Tissue. Tentative Guideline. NCCLS Document M29-T Villanova, PA:NCCLS, ) Satsangi J, Jewell DP, Welsh K, Bunce M, Bell JI.Effect of heparin on polymerase chain reaction. Lancet. 11 giugno 1994;343(8911): ) Bein G, Glaser R, Kirchner H. Rapid HLA-DRB1 genotyping by nested PCR amplification. Tissue Antigens. feb. 1992;39(2):68-73 Pagina 13 di 15

14 GARANZIA I prodotti sono garantiti per l'acquirente originale solo per essere conformi alla quantità e al contenuto indicati sul flacone o sulle etichette esterne per la durata indicata. L'obbligo di Dynal Biotech e l'unico risarcimento per l'acquirente previsti dalla presente garanzia si limitano alla sostituzione, a spese di Dynal Biotech, di qualsiasi prodotto che presenti difetti di produzione e che sia restituito a Dynal con pagamento anticipato del trasporto, o a discrezione di Dynal Biotech, al rimborso del prezzo di acquisto. I reclami per merci danneggiate durante il trasporto devono essere presentati allo spedizioniere. La presente garanzia non verrà applicata a prodotti che abbiano subito alterazioni al di fuori di Dynal Biotech, né a prodotti sottoposti a uso improprio o cattivo uso. TUTTE LE ALTRE GARANZIE, ESPRESSE, IMPLICITE O LEGALI, SONO SPECIFICATAMENTE ESCLUSE, INCLUSE MA NON LIMITATAMENTE AD ESSE, LE GARANZIE DI COMMERCIABILITÀ O IDONEITÀ A SCOPI PARTICOLARI. La responsabilità massima di Dynal Biotech è limitata in ogni caso al prezzo dei prodotti venduti da Dynal Biotech. IN NESSUN CASO DYNAL BIOTECH SARA RESPONSABILE PER DANNI PARTICOLARI, INCIDENTALI O DIRETTI. Alcuni stati non pongono limiti a garanzie o risarcimenti in caso di violazioni in determinate transazioni. In tali stati, i limiti di cui sopra potrebbero non essere applicati. Il presente prodotto non può essere in alcun modo reimballato, riformulato o rivenduto senza il consenso scritto di Dynal Biotech Ltd, UK. MARCHI DI FABBRICA UTILIZZATI NEL PRESENTE DOCUMENTO/ PRODOTTO Dynal è un marchio registrato di DYNAL BIOTECH A.S.A, Oslo, Norvegia AllSet e AllSet + sono marchi registrati di DYNAL BIOTECH A.S.A, Oslo, Norvegia DynaMix è un marchio di DYNAL BIOTECH Ltd., U.K. CombiSet e CombiSet + sono marchi di DYNAL BIOTECH., U.K. SSPTool è un marchio di DYNAL BIOTECH A.S.A, Oslo, Norvegia AmpliTaq è un marchio registrato di Roche Molecular Systems, Inc. USA. Electro-Fast è un marchio registrato di Advanced Biotechnologies Ltd (ABgene ) GeneAmp è un marchio di Roche Molecular Systems, Inc. USA BREVETTI UTILIZZATI NEL PRESENTE DOCUMENTO/PRODOTTO * I prodotti Dynal SPP sono venduti sul licenza concessa da ZENECA Ltd. ARMS in base al brevetto europeo N e dei corrispondenti brevetti internazionali. ARMS è un marchio registrato di ZENECA Ltd. ** Questo prodotto è STATO ottimizzato per l'impiego nel processo di reazione a catena della polimerasi (PCR ) protetto da brevetti di proprietà di Roche Molecular Systems Inc. e F. Hoffmann-La Roche Ltd (Roche ). Con l'acquisto di questo prodotto, all'acquirente non viene concessa alcuna licenza espressa o implicita di utilizzo del processo di PCR coperto da tali brevetti. Per ulteriori informazioni sull'acquisto di licenze per l utilizzo del processo di PCR, contattare il Director of Licensing presso Roche Molecular Systems,, Inc.,1145 Atlantic Avenue, Alameda, California, 94501, per quanto riguarda gli Stati Uniti e il PCR Licensing Manager, F. Hoffman-La Roche Ltd, Grenzacherstr. 124, DH-4070 Basilea, Svizzera, per gli altri paesi. Prodotto da Dynal Biotech Ltd.,U.K. Sviluppato da Dynal Biotech Ltd.,U.K. Pagina 14 di 15

15 CONTATTI Dynal Biotech Ltd., 11 Bassendale Road, Croft Business Park, Bromborough, Wirral, CH62 3QL, U.K. Tel: , Fax: Internet: Dynal Biotech A.S.A DYNAL BIOTECH GmbH PO Box 114 Smestad, Bramfelder Chaussee 41 N-0309, Oslo, Norvegia Hamburg, Germania Tel: Tel: Fax: Fax: Internet: Dynal Biotech Inc. Dynal Biotech A.S.A HLA Diagnostics Division Centre de Transfert de I'U.T.C., 555 Andorra Glen Court 66 Avenue de Landshut Suite 5 Lafayette Hill, PA 19444, USA Compiègne, Francia Toll Free: DYNAL TT ( ) Tel: Tel: Fax: Fax: Dynal Biotech Pty PO Box 204, Carlton South, Victoria 3053, Australia Tel: Tel: Fax: Numero verde NZ: Per informazioni sui distributori Dynal a livello mondiale, contattare Dynal Biotech Ltd. Copyright 2003 Dynal Biotech Ltd., U.K. Tutti i diritti riservati Stampato Rev. 000 Pagina 15 di 15

Istruzioni d uso. BAG Cycler Check. REF 7104 (10 test) REF 71044 (4 test) Kit per la validazione dell uniformità della temperatura nei termociclatori

Istruzioni d uso. BAG Cycler Check. REF 7104 (10 test) REF 71044 (4 test) Kit per la validazione dell uniformità della temperatura nei termociclatori Istruzioni d uso BAG Cycler Check REF 7104 (10 test) REF 71044 (4 test) Kit per la validazione dell uniformità della temperatura nei termociclatori pronto all uso, prealiquotato Indice 1. Descrizione del

Dettagli

Kit per la determinazione di contaminazioni in biologia molecolare REF 7091. 40 Reazioni

Kit per la determinazione di contaminazioni in biologia molecolare REF 7091. 40 Reazioni IT Istruzioni d uso Wipe test Controllo di contaminazione Kit per la determinazione di contaminazioni in biologia molecolare REF 7091 40 Reazioni 1. Descrizione del prodotto Per impedire le contaminazioni

Dettagli

Istruzioni d uso HISTO TYPE SSP Kits Bassa risoluzione

Istruzioni d uso HISTO TYPE SSP Kits Bassa risoluzione Istruzioni d uso HISTO TYPE SSP Kits Bassa risoluzione 0123 Kits per la tipizzazione tissutale degli alleli HLA (Classe I: HLA-A, B, C e Classe II: HLA-DR, DQ) in biologia molecolare IVD 20 tipizzazioni

Dettagli

C V C. Istruzioni per l'uso del Biofortuna SSPGo TM HLA No Template Control Kit BF-40-02. Revisione 2. Luglio 2014

C V C. Istruzioni per l'uso del Biofortuna SSPGo TM HLA No Template Control Kit BF-40-02. Revisione 2. Luglio 2014 DOT136v1 Instructions for Use Biofortuna SSPGo TM HLA No Template Control Kit BF-40-02 Pagina 1 di 7 Istruzioni per l'uso del Biofortuna SSPGo TM HLA No Template Control Kit BF-40-02 Revisione 2 Luglio

Dettagli

Protocollo Crime Scene Investigation

Protocollo Crime Scene Investigation Protocollo Crime Scene Investigation Precauzioni da adottare in laboratorio: - non mangiare o bere - indossare sempre i guanti quando si maneggiano i tubini, i gel, le micropipette - nel dubbio, chiedere!

Dettagli

C V C. Istruzioni per l'uso del Biofortuna SSPGo TM HLA Wipe Test BF-40-01. Revisione 3. Luglio 2014

C V C. Istruzioni per l'uso del Biofortuna SSPGo TM HLA Wipe Test BF-40-01. Revisione 3. Luglio 2014 Dot152v1 Instructions for Use for Biofortuna SSPGo TM HLA Wipe Test BF-40-01 Pagina 1 di 8 Istruzioni per l'uso del Biofortuna SSPGo TM HLA Wipe Test BF-40-01 Revisione 3 Luglio 2014 Dot152v1 Instructions

Dettagli

Identificazione dei microrganismi mediante tecniche di biologia molecolare Esercitazione n 3. Criteri di identificazione

Identificazione dei microrganismi mediante tecniche di biologia molecolare Esercitazione n 3. Criteri di identificazione Identificazione dei microrganismi mediante tecniche di biologia molecolare Esercitazione n 3 Criteri di identificazione Tradizionale (fenotipo) Tecniche di biologia molecolare Il livello di risoluzione

Dettagli

LIFECODES HLA EZ Type test (A/B/C Low, DR/DQ Low)

LIFECODES HLA EZ Type test (A/B/C Low, DR/DQ Low) ISTRUZIONI PER L USO LIFECODES HLA EZ Type test (A/B/C Low, DR/DQ Low) REF LR-ABC, LR-DRDQ IVD 0843 Reagenti: ABC (303371) E-Gels (303370) DR/DQ (303372) ELENCO DEL CONTENUTO USO... 2 RIASSUNTO E SPIEGAZIONE...

Dettagli

Esperienza 10: la PCR

Esperienza 10: la PCR Esperienza 10: la PCR La tecnica della polimerizzazione a catena (in inglese polymerase chain reaction) o PCR, permette di amplificare milioni di volte un unico frammento di DNA. Questo metodo è diventato

Dettagli

Pellet cellulare. Vortexare per 10-30 sec. Riscaldare il campione in un termoblocco per 10 min a 100 C

Pellet cellulare. Vortexare per 10-30 sec. Riscaldare il campione in un termoblocco per 10 min a 100 C PrepMan Ultra Sample Preparation Reagent Guida Rapida Per informazioni sulla sicurezza far riferimento alla sezione Safety del PrepMan Ultra Sample Preparation Reagent Protocol (PN 4367554). Per tutti

Dettagli

Olerup SSP Istruzioni per l'uso

Olerup SSP Istruzioni per l'uso Olerup SSP Foglio illustrativo Pagina 1 di 28 Olerup SSP USO PREVISTO I kit di tipizzazione HLA Olerup SSP sono kit diagnostici qualitativi in vitro per la tipizzazione del DNA degli alleli HLA di Classe

Dettagli

REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI. ( PCR =Polymerase Chain Reaction)

REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI. ( PCR =Polymerase Chain Reaction) REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI ( PCR =Polymerase Chain Reaction) Verso la metà degli anni 80, il biochimico Kary Mullis mise a punto un metodo estremamente rapido e semplice per produrre una quantità

Dettagli

Materiali e Metodi MATERIALI E METODI

Materiali e Metodi MATERIALI E METODI MATERIALI E METODI 62 1. Pazienti con IBS Per eseguire l analisi del polimorfismo 5HTTLPR è stato necessario ottenere campioni di sangue intero o saliva dai quali estrarre il DNA genomico. A tal fine è

Dettagli

PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale. Esercizio. Tipizzazione del gene PV92

PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale. Esercizio. Tipizzazione del gene PV92 PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale Esercizio Tipizzazione del gene PV92 Elementi trasponibili Che cosa sono gli elementi trasponibili? Sono segmenti di DNA che sono in grado di trasferirsi in

Dettagli

Istruzioni per l uso GenDx SBTexcellerator

Istruzioni per l uso GenDx SBTexcellerator Ottavo edizione Luglio 2011 Istruzioni per l uso GenDx SBTexcellerator Sequence-based typing (SBT) per HLA ad alta risoluzione Genome Diagnostics B.V. Telefono: +31 302 523 799 e-mail: info@gendx.com Web:

Dettagli

HISTO SPOT On-Call Typing Kit

HISTO SPOT On-Call Typing Kit Istruzioni per l uso HISTO SPOT On-Call Typing Kit REF 726070 Kit per test di tipizzazione tissutale HLA in biologia molecolare 10 test per HLA-A, B, C, DRB1, DRB3/4/5, DQ, DPB1 IVD 0123 Versione: 03/2014

Dettagli

DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING

DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING SCOPO DELL'ATTIVITÀ Ciascuno studente estrae il proprio DNA da cellule della mucosa boccale. Quindi, mediante PCR, vengono amplificati frammenti corrispondenti

Dettagli

Kit didattico Edvotek: la Tecnica del DNA fingerprinting

Kit didattico Edvotek: la Tecnica del DNA fingerprinting International pbi S.p.A. Milano Copyright pbi MARZO 2003 Kit didattico Edvotek: la Tecnica del DNA fingerprinting Introduzione L analisi del profilo di restrizione del DNA, detto anche DNA fingerprinting,

Dettagli

PROGETTO DNA chiavi in mano. Le Biotecnologie in classe e in laboratorio 11/03/2015 Prof.ssa Paola Cazzani I.T.E. A. Bassi - Lodi

PROGETTO DNA chiavi in mano. Le Biotecnologie in classe e in laboratorio 11/03/2015 Prof.ssa Paola Cazzani I.T.E. A. Bassi - Lodi PROGETTO DNA chiavi in mano Le Biotecnologie in classe e in laboratorio 11/03/2015 Prof.ssa Paola Cazzani I.T.E. A. Bassi - Lodi PROGETTO DNA chiavi in mano PROGETTO DNA chiavi in mano IFOM PROGETTO DNA

Dettagli

ThromboType test (HPA 1-6, 15)

ThromboType test (HPA 1-6, 15) ISTRUZIONI PER L USO ThromboType test (HPA 1-6, 15) REF THROMBOTYPE IVD ThromboType Reagenti E-Gel 48 INDICE USO... 2 RIASSUNTO E SPIEGAZIONE... 2 PRINCIPIO... 2 REAGENTI... 2 AVVERTENZE... 3 PRECAUZIONI...

Dettagli

PCR. (Reazione a catena della polimerasi) ESTRAZIONE del DNA da gel di AGAROSIO. Corso di INGEGNERIA GENETICA, Prof. Renato Fani,

PCR. (Reazione a catena della polimerasi) ESTRAZIONE del DNA da gel di AGAROSIO. Corso di INGEGNERIA GENETICA, Prof. Renato Fani, PCR (Reazione a catena della polimerasi) & ESTRAZIONE del DNA da gel di AGAROSIO Corso di INGEGNERIA GENETICA, Prof. Renato Fani, ESERCITAZIONE DI LAB. N.2 La PCR (Polymerase Chain Reaction) è una tecnica

Dettagli

Metodiche Molecolari

Metodiche Molecolari Metodiche Molecolari La rivelazione degli acidi nucleici virali è un altro saggio che può essere utilizzato sia per verificare la presenza di un virus in un determinato campione biologico, sia per studiare

Dettagli

Orga Bio Human S.r.l. DIREZIONE E UFFICI: Via Amsterdam 75, 00144 Roma Tel/fax: 06 99701675

Orga Bio Human S.r.l. DIREZIONE E UFFICI: Via Amsterdam 75, 00144 Roma Tel/fax: 06 99701675 Orga Bio Human S.r.l. DIREZIONE E UFFICI: Via Amsterdam 75, 00144 Roma Tel/fax: 06 99701675 SEDE LEGALE: Via Helsinki 21, 00144 Roma Tel. 06 97998273; Fax 06 52246148 e-mail: orgabiohuman@fastwebnet.it

Dettagli

III giorno: Da questo punto in poi, per entrambe le tipologie di campioni, si segue un protocollo comune:

III giorno: Da questo punto in poi, per entrambe le tipologie di campioni, si segue un protocollo comune: III giorno: 1) Estrazione del DNA genomico da campioni SECCHI e da coltura liquida 2) Preparazione del gel di agarosio 3) Corsa del DNA genomico in gel di agarosio e sua visualizzazione 4) PCR del DNA

Dettagli

1. DESCRIZIONE DEL PRODOTTO

1. DESCRIZIONE DEL PRODOTTO Istruzioni per l uso HISTO SPOT SSO Kit Kit per test di tipizzazione tissutale HLA in biologia molecolare 96 Tipizzazioni IVD 0123 REF 726010: HISTO SPOT A 4D (96 test) Versione: 11/2013 REF 726020: HISTO

Dettagli

U.O.C. di Epatologia Clinica e Biomolecolare. Unità di misura. Repertorio. 200 ml 10.000 U. 500 test

U.O.C. di Epatologia Clinica e Biomolecolare. Unità di misura. Repertorio. 200 ml 10.000 U. 500 test U.O.C. di Epatologia Clinica e Biomolecolare Lotto N. DESCRIZIONE PRODOTTO Quantità annua richiesta Unità di misura Repertorio CND Codice Prodotto, Confezione Offerta e nome commerciale Prezzo unitario

Dettagli

Istruzioni per l uso HISTO SPOT SSO Kit

Istruzioni per l uso HISTO SPOT SSO Kit Istruzioni per l uso HISTO SPOT SSO Kit Kit per test di tipizzazione tissutale HLA in biologia molecolare 96 Tipizzazioni IVD 0123 REF 726010: HISTO SPOT A Versione: 05/2012 REF 726020: HISTO SPOT B REF

Dettagli

Elettroforesi degli acidi nucleici

Elettroforesi degli acidi nucleici Elettroforesi degli acidi nucleici Una volta che i frammenti del DNA o del RNA da analizzare sono stati amplificati con la reazione PCR è necessario separarli ed identificarli. A tale scopo si utilizza

Dettagli

HLA SSP Kits. [IVD] For In Vitro Diagnostic Use

HLA SSP Kits. [IVD] For In Vitro Diagnostic Use [IT] HLA SSP Kits SSP-Reagenzienkit für die HLA-Typisierung auf DNA-Basis Ready to use SSP reagent kit for DNA based HLA typing Trousse de réactifs SSP pour le typage HLA, basé sur l ADN Kit di reagenti

Dettagli

Isolamento e purificazione di DNA e RNA. -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine)

Isolamento e purificazione di DNA e RNA. -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine) Isolamento e purificazione di DNA e RNA -Rompere la membrana cellulare -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine) -Separare gli acidi nucleici tra loro -Rompere la membrana

Dettagli

Esercitazione di Laboratorio corso Prof Tuberosa Biotecnologie genetiche agrarie Laurea in Biotecnologie (terzo anno).

Esercitazione di Laboratorio corso Prof Tuberosa Biotecnologie genetiche agrarie Laurea in Biotecnologie (terzo anno). Esercitazione di Laboratorio corso Prof Tuberosa Biotecnologie genetiche agrarie Laurea in Biotecnologie (terzo anno). Programma: Giorno 1Preparazione di DNA genomico da foglie 2 - Controllo qualità DNA

Dettagli

Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni

Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni Preparazione dei campioni: (Estrazione del DNA o dell RNA dal tessuto di interesse) Analisi delle mutazioni: SSCP DHPLC Dot blot - Southern - PCR (ARMS

Dettagli

PROGETTO DNA CHIAVI IN MANO

PROGETTO DNA CHIAVI IN MANO PROGETTO DNA CHIAVI IN MANO La collaborazione con il Virgilio e il progetto dell IFOM Il progetto DNA chiavi in mano è un percorso pensato dal Centro di Ricerca internazionale IFOM per avvicinare i ragazzi

Dettagli

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica Maria Antonietta Lepore Principali tecniche di biologia molecolare clinica Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 a/b 00173 Roma (06)

Dettagli

TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE. LA REAZIONE POLIMERASICA A CATENA Principi teorici e aspetti pratici

TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE. LA REAZIONE POLIMERASICA A CATENA Principi teorici e aspetti pratici TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE LA REAZIONE POLIMERASICA A CATENA Principi teorici e aspetti pratici POLYMERASE CHAIN REACTION (PCR) 1955 A. Kronembreg e coll. (Stanford University) scoprono la DNA-polimerasi

Dettagli

PCR (Polymerase Chain Reaction)

PCR (Polymerase Chain Reaction) PCR (Polymerase Chain Reaction) Metodo enzimatico estremamente rapido e semplice per produrre una quantità illimitata di copie della sequenza di un singolo gene Sometime a good idea comes to yow when you

Dettagli

La reazione a catena della polimerasi (PCR) di Ofelia Leone e Vincenzo Mandarino

La reazione a catena della polimerasi (PCR) di Ofelia Leone e Vincenzo Mandarino La reazione a catena della polimerasi (PCR) di Ofelia Leone e Vincenzo Mandarino La Polymerase Chain Reaction (PCR) o reazione di amplificazione a catena è una tecnica che permette di amplificare una specifica

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER DIAGNOSTICI PER TIPIZZAZIONE MOLECOLARE DA DESTINARSI AL LABORATORIO DI GENETICA MOLECOLARE-MEDICINA LEGALE P.O.

CAPITOLATO TECNICO PER DIAGNOSTICI PER TIPIZZAZIONE MOLECOLARE DA DESTINARSI AL LABORATORIO DI GENETICA MOLECOLARE-MEDICINA LEGALE P.O. ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO PER DIAGNOSTICI PER TIPIZZAZIONE MOLECOLARE DA DESTINARSI AL LABORATORIO DI GENETICA MOLECOLARE-MEDICINA LEGALE P.O. MONSERRATO Durata della fornitura: 1 anno + 1 rinnovabile

Dettagli

Sfrutta subito i Vantaggi! Validità 1 Aprile 30 Giugno 2005. Scopri la qualità e il risparmio!

Sfrutta subito i Vantaggi! Validità 1 Aprile 30 Giugno 2005. Scopri la qualità e il risparmio! www.eppendorf.com/advantage/32 Get Eppendorf quality today! Validità 1 Aprile 30 Giugno 2005 Sfrutta subito i Vantaggi! Scopri la qualità e il risparmio! www.eppendorf.com/advantage/32 Get Eppendorf quality

Dettagli

AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR)

AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR) AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR) PCR: reazione polimerasica a catena Inventata da Kary Mullis negli anni 80 (premio Nobel 1993) Serve per ottenere una grande quantita

Dettagli

PCR - Polymerase Chain Reaction

PCR - Polymerase Chain Reaction PCR - Polymerase Chain Reaction ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). Questa tecnica, utilizzando i principi della duplicazione del DNA,

Dettagli

Maxwell 16 Blood DNA Purification System

Maxwell 16 Blood DNA Purification System Manuale Tecnico Maxwell 16 Blood DNA Purification System Attenzione maneggiare le cartucce con attenzione, le estremità dei sigilli possono essere taglienti. 2800 Woods Hollow Rd. Madison, WI USA Dispositivo

Dettagli

ESTRAZIONE del DNA da gel di AGAROSIO

ESTRAZIONE del DNA da gel di AGAROSIO (Reazione a catena della polimerasi) & ESTRAZIONE del DNA da gel di AGAROSIO Corso di Ingegneria Genetica e Microbiologa Applicata Prof. Renato Fani Percorso1: Analisi della variabilità genetica di popolazioni

Dettagli

Istruzioni d'uso. Amplificazione e sequenziamento mediante PCR dei loci HLA di classe I e II. Versione n.: 13.0 Data di pubblicazione: luglio 2013

Istruzioni d'uso. Amplificazione e sequenziamento mediante PCR dei loci HLA di classe I e II. Versione n.: 13.0 Data di pubblicazione: luglio 2013 Istruzioni d'uso Amplificazione e sequenziamento mediante PCR dei loci HLA di classe I e II Versione n.: 13.0 Data di pubblicazione: luglio 2013 EC REP Conexio Genomics Pty Ltd Qarad bvba 8/31 Pakenham

Dettagli

IVD. pronti all uso e prealiquotati

IVD. pronti all uso e prealiquotati IT Istruzioni d uso BAGene DNA-SSP Kits Kit per la determinazione dei gruppi del sangue ABO, genotipi RH, sistemi Kell, Kidd e Duffy, MNS, sistemi gruppoematici rari e specificità HPA ed HNA in biologia

Dettagli

Lezione XLI-XLII martedì 17-1-2012

Lezione XLI-XLII martedì 17-1-2012 Lezione XLI-XLII martedì 17-1-2012 corso di genomica aula 8 orario : Martedì ore 14.00-16.00 Giovedì ore 13.00-15.00 Esami 31- gennaio 2012 7- febbraio 2012 28 - febbraio 2012 D. Frezza Esercitazione II

Dettagli

Metodi di analisi mutazionale

Metodi di analisi mutazionale Metodi di analisi mutazionale I metodi impiegati per l analisi di mutazioni o polimorfismi nel DNA genomico possono essere suddivise in due principali categorie: (1) metodi per individuare mutazioni note,

Dettagli

Metodiche di analisi del DNA (cenni) (Ingegneria genetica)

Metodiche di analisi del DNA (cenni) (Ingegneria genetica) DNA Metodiche di analisi del DNA (cenni) (Ingegneria genetica) Principali tecniche di base Enzimi di restrizione (Endonucleasi) Gel elettroforesi Ibridizzazione PCR (Polymerase Chain Reaction) Sequenziamento

Dettagli

Analisi di polimorfismi usati per la caratterizzazione di profili genetici in campioni di. DNA umano. 22-26 giugno 2009

Analisi di polimorfismi usati per la caratterizzazione di profili genetici in campioni di. DNA umano. 22-26 giugno 2009 Analisi di polimorfismi usati per la caratterizzazione di profili genetici in campioni di 22-26 giugno 2009 DNA umano 1 GENETICA FORENSE La genetica forense applica tecniche di biologia molecolare al fine

Dettagli

Lo screening dell aplotiplo nella diagnosi della celiachia

Lo screening dell aplotiplo nella diagnosi della celiachia Martedì 7 giugno 2011 Lo screening dell aplotiplo nella diagnosi della celiachia Dott.ssa Lucia Terzuoli Dipartimento di Medicina Interna, Scienze Endocrino-Metaboliche e Biochimica Università degli Studi

Dettagli

Preparazione dei campioni da inviare per il sequenziamento

Preparazione dei campioni da inviare per il sequenziamento Preparazione dei campioni da inviare per il sequenziamento PCR preparativa Buffer 10x dntp 2mM Taq polimerasi Oligonucleotidi up e down 100 ng/ul Volume finale 2 ul/campione 2 ul/campione 0,5 U/campione

Dettagli

di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro

di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro Polymerase Chain Reaction Inventata a metà degli anni 80 da Kary Mullis, è a tutt oggi uno strumento

Dettagli

Tecniche molecolari per lo studio degli acidi nucleici

Tecniche molecolari per lo studio degli acidi nucleici Tecniche molecolari per lo studio degli acidi nucleici Prof.ssa Flavia Frabetti aa. 2010-11 Estrazione acidi nucleici (DNA o RNA) Verifica tramite elettroforesi su gel di agarosio Amplificazione o clonaggio

Dettagli

Verifiche qualitative dell RNA e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme. Massimo Degan, CRO Aviano (PN)

Verifiche qualitative dell RNA e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme. Massimo Degan, CRO Aviano (PN) e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme Massimo Degan, CRO Aviano (PN) perchè è importante verificare l RNA La verifica della qualità dell RNA nei saggi diagnostico-molecolari

Dettagli

Dott.ssa Quintarelli Concetta

Dott.ssa Quintarelli Concetta Dott.ssa Quintarelli Concetta Estrazione e quantizzazione degli acidi nucleici Pre-PCR Accetazione Post-PCR Refertazione Area PCR GUANTI MONOUSO PUNTALI CON FILTRO CESTELLO PER GHIACCIO TUBINI PCR Materiale

Dettagli

Metodica fu ideata nel 1983

Metodica fu ideata nel 1983 Metodica fu ideata nel 1983 PCR - Polymerase Chain Reaction ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). Questa tecnica, utilizzando i principi

Dettagli

1 Finalità d uso. 5 Stabilità e modalità di conservazione. 2 Principio del test. 6 Materiali e strumenti addizionali richiesti e non forniti

1 Finalità d uso. 5 Stabilità e modalità di conservazione. 2 Principio del test. 6 Materiali e strumenti addizionali richiesti e non forniti MYCHLE v.3 1 Finalità d uso RealCycler MYCHLE è un kit di reagenti che permette la rilevazione qualitativa per Real-time PCR del DNA di Mycoplasma pneumoniae, Chlamydophila pneumoniae spp. in campioni

Dettagli

Il primer utilizzato può essere specifico per il gene che si intende amplificare oppure aspecifico (oligo (dt) oppure random esameri).

Il primer utilizzato può essere specifico per il gene che si intende amplificare oppure aspecifico (oligo (dt) oppure random esameri). Retrotrascrizione l mrna viene convertito in cdna per mezzo dell enzima trascrittasi inversa (DNA polimerasi RNAdipendenti ricavate dai virus della mieloblastosi aviaria AMV o della leucemia murina di

Dettagli

Indice. Informazioni sulla sicurezza 2. Pulizia e smaltimento 4. Specifiche 4. Informazioni per gli ordinativi del sistema FlashGel 33

Indice. Informazioni sulla sicurezza 2. Pulizia e smaltimento 4. Specifiche 4. Informazioni per gli ordinativi del sistema FlashGel 33 Sistema FlashGel Lonza Rockland, Inc. www.lonza.com scientific.support@lonza.com Supporto scientifico: 00 32 87 321 611 Servizio clienti: 0039 0363 45710 Rockland, ME 04841 Indice Informazioni sulla sicurezza

Dettagli

PCR. PCR o reazione di polimerizzazione a catena. Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte

PCR. PCR o reazione di polimerizzazione a catena. Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte PCR Prof.ssa Flavia Frabetti PCR o reazione di polimerizzazione a catena Fine anni 80 Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte Permette di estrarre

Dettagli

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca LA SICUREZZA IN LABORATORIO di F. Luca IN LABORATORIO NORME DI COMPORTAMENTO X. NON correre. NON ingombrare con gli zaini lo spazio intorno ai banconi di lavoro o in prossimità delle uscite X. NON mangiare

Dettagli

100bp DNA Ladder H3 RTU

100bp DNA Ladder H3 RTU 100bp DNA Ladder H3 RTU Elettroforesi Una combinazione unica di prodotti di PCR e una serie di plasmidi proprietarie digerito con enzimi di restrizione appropriati per produrre frammenti 12, adatto per

Dettagli

Biologia molecolare clinica. Organizzazione del laboratorio di biologia molecolare clinica

Biologia molecolare clinica. Organizzazione del laboratorio di biologia molecolare clinica Biologia molecolare clinica Organizzazione del laboratorio di biologia molecolare clinica Le tecniche di biologia molecolare negli ultimi anni si sono diffuse nei laboratori di diagnostica clinica dove

Dettagli

Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare

Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare Il crescente interesse nella biologia molecolare applicata alla diagnostica è il risultato dei profondi progressi ottenuti nelle conoscenze scientifiche

Dettagli

Organizzazione, controllo di qualità e flussi di lavoro in medicina molecolare L.Collini. Pordenone, 5 maggio 2012

Organizzazione, controllo di qualità e flussi di lavoro in medicina molecolare L.Collini. Pordenone, 5 maggio 2012 Organizzazione, controllo di qualità e flussi di lavoro in medicina molecolare L.Collini Pordenone, 5 maggio 2012 Cosa è la medicina molecolare La medicina molecolare è un nuovo modo di visualizzare la

Dettagli

I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali. Dott.ssa Chiara Targhetta

I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali. Dott.ssa Chiara Targhetta I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali Dott.ssa Chiara Targhetta LOCUS localizzazione genomica unica all interno di un cromosoma; permette di definire la posizione di un gene

Dettagli

Test per il rilevamento o la quantificazione tramite PCR in real-time di Legionella spp. e Legionella pneumophila nei campioni di acqua

Test per il rilevamento o la quantificazione tramite PCR in real-time di Legionella spp. e Legionella pneumophila nei campioni di acqua iq-check Screen Legionella spp. Kit Codice #: 357-8104 iq-check Quanti Legionella spp. Kit Codice #: 357-8102 iq-check Screen L. pneumophila Kit Codice #: 357-8105 iq-check Quanti L. pneumophila Kit Codice

Dettagli

IL TECNICO DI LABORATORIO E LA GESTIONE DEL CAMPIONE E DELL ESAME ESAME IN MEDICINA MOLECOLARE. A. Forlin ULSS 13 Mirano (VE)

IL TECNICO DI LABORATORIO E LA GESTIONE DEL CAMPIONE E DELL ESAME ESAME IN MEDICINA MOLECOLARE. A. Forlin ULSS 13 Mirano (VE) IL TECNICO DI LABORATORIO E LA GESTIONE DEL CAMPIONE E DELL ESAME ESAME IN MEDICINA MOLECOLARE A. Forlin ULSS 13 Mirano (VE) PREMESSE La Biologia Molecolare e l applicazione l delle sue tecnologie, in

Dettagli

Esperienza 2: gli enzimi di restrizione

Esperienza 2: gli enzimi di restrizione Esperienza 2: gli enzimi di restrizione Gli enzimi di restrizione sono delle proteine sintetizzate dai batteri per proteggersi dalle infezioni virali (batteriofagi). Questi enzimi tagliano il DNA virale

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. n. ID GARA14D064 PER LA FORNITURA DI REAGENTI PER TIPIZZAZIONE HLA SIEROLOGICA E MOLECOLARE PER IL FABBISOGNO DELLA

CAPITOLATO SPECIALE. n. ID GARA14D064 PER LA FORNITURA DI REAGENTI PER TIPIZZAZIONE HLA SIEROLOGICA E MOLECOLARE PER IL FABBISOGNO DELLA Regione del Veneto AZIENDA OSPEDALIERA - PADOVA via Giustiniani, 1 35128 PADOVA Cod.Fisc./P.IVA 00349040287 CAPITOLATO SPECIALE n. ID GARA14D064 PER LA FORNITURA DI REAGENTI PER TIPIZZAZIONE HLA SIEROLOGICA

Dettagli

Corso di: GESTIONE FAUNISTICA. Prof. Bernardino Ragni

Corso di: GESTIONE FAUNISTICA. Prof. Bernardino Ragni Corso di: GESTIONE FAUNISTICA Prof. Bernardino Ragni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche Naturali Corso di laurea in Scienze Naturali LAUREA MAGISTRALE Caso di studio:

Dettagli

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno Editoriale n.10 Newsletter aprile 2013 Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo alla realtà di ogni giorno Identificare la specie, un obiettivo fondamentale quando

Dettagli

12-05-2010 ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI

12-05-2010 ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI Il primo passaggio per la maggior parte delle procedure che verranno trattate in questo corso consiste nell estrazione del DNA (e dell RNA) da materiale biologico, e nella sua purificazione mediante separazione

Dettagli

PCR - Polymerase Chain Reaction. ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993).

PCR - Polymerase Chain Reaction. ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). End point PCR vs quantitative Real-Time PCR PCR - Polymerase Chain Reaction ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). Questa tecnica, utilizzando

Dettagli

Soluzioni e tamponi utilizzati per la PCR, senza DNA

Soluzioni e tamponi utilizzati per la PCR, senza DNA Materiali biologici In questo file sono elencati, capitolo per capitolo, i materiali biologici da richiedere al CusMiBio (o centro simile) per realizzare gli esperimenti che abbiamo illustrato (www.cusmibio.unimi.it).

Dettagli

Sistemi per Elettroforesi Celle orizzontali, verticali, alimentatori e transilluminatori

Sistemi per Elettroforesi Celle orizzontali, verticali, alimentatori e transilluminatori Sistemi per Elettroforesi Celle orizzontali, verticali, alimentatori e transilluminatori APPARATI ORIZZONTALI: caratteristiche principali Costruzione per stampaggio ad iniezione ad alta qualità (Injection

Dettagli

Analisi mutazionale di K-RAS metodiche a confronto

Analisi mutazionale di K-RAS metodiche a confronto Analisi mutazionale di K-RAS metodiche a confronto Aula Magna Villa Sironi Gallarate 16 ottobre Dott. Carmelo Lupo Coordinatore Tecnico Anatomia Patologica e Patologia Molecolare Oncologica PERCHÉ K-RAS

Dettagli

Elettroforesi in gel di Agarosio

Elettroforesi in gel di Agarosio Elettroforesi in gel di Agarosio Le molecole di DNA possono essere separate in base alla loro dimensione, facendole migrare attraverso una matrice polimerica sotto l attrazione di un campo elettrico 1

Dettagli

SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO AUTOMATICO

SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO AUTOMATICO REPARTO GENOMICA LABORATORIO ANALISI GENOMICHE SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO AUTOMATICO DOCUMENTO ILLUSTRATIVO DEL SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO ACIDI NUCLEICI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Dettagli

Manuale del test digene HPV Genotyping LQ, kit di amplificazione

Manuale del test digene HPV Genotyping LQ, kit di amplificazione Aprile 2010 Manuale del test digene HPV Genotyping LQ, kit di amplificazione 96 Versione 1 Per l amplificazione dei genotipi di papilloma virus umano (HPV) ad alto rischio 613215 1057457IT QIAGEN GmbH,

Dettagli

GENEQUALITY TAS QF-PCR v.2.0

GENEQUALITY TAS QF-PCR v.2.0 MANUALE D USO GENEQUALITY TAS QF-PCR v.2.0 cod. 04-25R-25B Sistema per la diagnosi di trisomie dei cromosomi 13-18-21 e di aneuploidie dei cromosomi sessuali GQ-TAS_QF-PCR_v.2.0_manuale_i20130911.docx

Dettagli

I marcatori molecolari. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Corso di Genetica Agraria Giovanna Attene

I marcatori molecolari. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Corso di Genetica Agraria Giovanna Attene I marcatori molecolari Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Corso di Genetica Agraria Giovanna Attene Marcatori molecolari del DNA I marcatori molecolari sono sequenze di DNA

Dettagli

Detergente enzimi (es. preparato per ammorbidire la

Detergente enzimi (es. preparato per ammorbidire la LABORATORIO 2: ESTRAZIONE ED ANALISI ELETTROFORETICA DI DNA GENOMICO Come fare? Seguiamo 3 semplici passaggi: Detergente enzimi (es. preparato per ammorbidire la carne) Alcol Cooome?? E' così facile??

Dettagli

Corso di aggiornamento

Corso di aggiornamento I n t r o d u z i o n e a l l e t e c n i c h e d i bi o l o g i a m o l e c o l a r e e l o r o a p p l i c a z i o n i ne l L a b o r a t o r i o C l i n i c o Corso di aggiornamento Milano - Sabato

Dettagli

Analisi molecolare dei geni

Analisi molecolare dei geni Analisi molecolare dei geni Denaturazione e rinaturazione di una molecola di DNA Si rompono i legami idrogeno 100 C Denaturazione del DNA Rinaturazione per riassociazione delle sequenze complementari Ogni

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO. Art. n. 1 Oggetto e quantità della fornitura

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO. Art. n. 1 Oggetto e quantità della fornitura ALLEGATO A GARA PER LA FORNITURA IN SERVICE DI SISTEMI PER LA PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI E PER L ALLESTIMENTO DI REAZIONI DI PRE-PCR E POST-PCR SU PIATTAFORMA ROBOTIZZATA Azienda Ospedaliera di Padova

Dettagli

7900003 24 test Circulating Tumor Cell Control Kit

7900003 24 test Circulating Tumor Cell Control Kit 7900003 24 test Circulating Tumor Cell Control Kit 1 IMPIEGO PREVISTO Per uso diagnostico in vitro Il Kit CELLSEARCH Circulating Tumor Cell Control è stato formulato per essere utilizzato come controllo

Dettagli

AlphaReal BREAST Scheda Tecnica

AlphaReal BREAST Scheda Tecnica AlphaReal BREAST Scheda Tecnica A3 DS RT 607 ARBreast_01_2015.doc Pag. 1 di 5 Rev. 01 del Gennaio 2015 Prodotto: AlphaReal BREAST Codice prodotto: RT-607.05.20 / RT-607.10.20 N Tests: 5/10 tests Destinazione

Dettagli

GenoType MTBC VER 1.X. Deutsch: S. 2-14 English: p. 15-26 Français : p. 27-39 Italiano: p. 40-52 Español: p. 53-65 Português: p. 66-78 Česky: s.

GenoType MTBC VER 1.X. Deutsch: S. 2-14 English: p. 15-26 Français : p. 27-39 Italiano: p. 40-52 Español: p. 53-65 Português: p. 66-78 Česky: s. GenoType MTBC VER 1.X Deutsch: S. 2-14 English: p. 15-26 Français : p. 27-39 Italiano: p. 40-52 Español: p. 53-65 Português: p. 66-78 Česky: s. 79-91 04/2006 GenoType MTBC Test genetico molecolare per

Dettagli

ZytoLight SPEC ERG Dual Color Break Apart Probe

ZytoLight SPEC ERG Dual Color Break Apart Probe ZytoLight SPEC ERG Dual Color Break Apart Probe IVD Dispositivo medico-diagnostico in vitro Produttore: ZytoVision GmbH Codice: Z-2138-200 (0.2ml).. Per l identificazione della traslocazione che coinvolge

Dettagli

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 POS VIR 003 INT rev. 0 del 05/02/2008 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): TERMINATORE NOS

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 POS VIR 003 INT rev. 0 del 05/02/2008 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): TERMINATORE NOS BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 Redatto: U.Marchesi Verificato Responsabile Struttura Semplice: I.M.Ciabatti Verificato RQ: M.Guarducci Approvato Responsabile di Struttura Complessa: D.amaddeo BIOTECNOLOGIE

Dettagli

Note Tecniche al LightCycler Selezione di sonde di ibridazione per LightCycler. Olfert Landt e Andreas Nitsche, TIB MOLBIOL, Berlino

Note Tecniche al LightCycler Selezione di sonde di ibridazione per LightCycler. Olfert Landt e Andreas Nitsche, TIB MOLBIOL, Berlino Note Tecniche al LightCycler Selezione di sonde di ibridazione per LightCycler Olfert Landt e Andreas Nitsche, TIB MOLBIOL, Berlino 1. Introduzione Scopo di questa nota La detezione di amplicon specifici

Dettagli

DNA footprinting. Interazioni DNA-proteine. Il promotore è la regione di DNA al 5 di un gene, dove si lega la RNA polimerasi.

DNA footprinting. Interazioni DNA-proteine. Il promotore è la regione di DNA al 5 di un gene, dove si lega la RNA polimerasi. Interazioni DNA-proteine Il promotore è la regione di DNA al 5 di un gene, dove si lega la RNA polimerasi. L analisi della sequenza dei primi promotori nei batteri non rivelò, come atteso, la stessa sequenza

Dettagli

Progetto della classe II C

Progetto della classe II C Progetto della classe II C Preparazione allo svolgimento dell esperienza La II C è preparata all esperienza presso il centro di ricerca E.B.R.I. iniziando un intenso lavoro di approfondimento sulla genetica

Dettagli

Polimorfismi LEZIONE 6. By NA 1

Polimorfismi LEZIONE 6. By NA 1 Polimorfismi LEZIONE 6 By NA 1 * Polimorfismo Variazione presente nella popolazione con una frequenza superiore a 1% Variazioni nell aspetto By NA 2 Polimorfismo proteico Variazione presente nella popolazione

Dettagli

Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione

Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione Per la purificazione del DNA genomico proveniente dai kit di prelievo Oragene e ORAcollect. Per le istruzioni

Dettagli

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici 1. L Analisi di restrizione di frammenti o RFLP (Restriction Fragment Lenght Polymorphism) di DNA comporta lo studio delle dimensioni dei frammenti di DNA

Dettagli