Pellet cellulare. Vortexare per sec. Riscaldare il campione in un termoblocco per 10 min a 100 C

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pellet cellulare. Vortexare per 10-30 sec. Riscaldare il campione in un termoblocco per 10 min a 100 C"

Transcript

1 PrepMan Ultra Sample Preparation Reagent Guida Rapida Per informazioni sulla sicurezza far riferimento alla sezione Safety del PrepMan Ultra Sample Preparation Reagent Protocol (PN ). Per tutti i reagenti in grassetto, leggere le MSDS e seguire le relative istruzioni di sicurezza. Indossare occhiali, camici e guanti protettivi. Per una lista dell equipaggiamento richiesto e raccomandato, materiali di consumo e reagenti, far riferimento a PrepMan Ultra Sample Preparation Reagent Protocol. Da una coltura in piastra Da una brodocoltura Selezionare una piccola ansata di cellule o il bordo di una colonia di fungo filamentoso da una piastra di coltura Sospendere le cellule in 100 µl di PrepMan Ultra Sample Preparation Reagent in una provetta da 2,0-ml, per microcentrifuga Pellet cellulare Vortexare per sec Riscaldare il campione in un termoblocco per 10 min a 100 C Centrifugare il campione per 3 min in una microcentrifuga alla velocità massima Trasferire il supernatante in una nuova provetta da microcentrifuga Il supernatante è pronto per la PCR Pipettare 1 ml di brodo di coltura contenente i batteri o i funghi in una provetta da 2,0-ml per microcentrifuga Centrifugare il campione per 3 min in una microcentrifuga alla velocità massima Aspirare e decantare il supernatante Aggiungere 100 µl di PrepMan Ultra Sample Preparation Reagent e lisare Il pellet pipettando su e giù. Chiudere bene il tappo Possibile stopping point, (conservare at 4 C)

2 Per informazioni sulla sicurezza fare riferimento alla sezione Safety nella prefazione a Microseq S rdna Bacterial Identification Kits Protocol (PN ). Per tutte lo sostanze chimiche in grassetto, leggere le norme di sicurezza e seguire le istruzioni di uso. Indossare idonei occhiali, camici e guanti. Summary I due kit componenti Microseq S rdna Bacterial Identification Kit includono tutti i reagenti necessari per il sequenziamento delle prime 500 paia di basi del gene batterico per il RNA ribosomiale 16S (16S rdna). La sequenza di DNA che ne risulta viene analizzata e confrontata con un database di sequenze geniche batteriche di 16S rdna, utilizzando il software Microseq ID Analysis. Questa Quick Reference Card contiene procedure semplificate per l uso dei kit Microseq 500. Il Protocollo del kit Microseq S rdna Bacterial Identification (PN ) contiene procedure dettagliate. Contenuto dei kit Il sistema Microseq 500 comprende il kit di PCR (PN ) ed il kit di Sequenziamento (PN ). La tabella seguente descrive i componenti di ciascun kit. Kit Componenti Descrizione Microseq S rdna Bacterial Identification PCR Kit (PN ) Master mix per PCR Una provetta contenente PCR Master Mix 2X che è destinata all amplificazione di sequenze geniche del gene del rrna 16S a partire da DNA genomico batterico. Questa provetta contiene una quantità di Master Mix sufficiente per 50 amplificazioni in PCR, 5 controlli negativi e 5 controlli positivi DNA, controllo positivo Una provetta di DNA, controllo positivo (E. coli), a 1 ng/µl, sufficiente per effettuare 10 controlli positivi Controllo negativo (acqua) Una provetta di controllo negativo Microseq S rdna Bacterial Identification Sequencing Kit (PN Master mix per il sequenziamento forward ) Master mix per il sequenziamento reverse Due provette contenenti ciascuna mix sufficiente per 50 reazioni (50 di sequenziamento e 5 di controllo) Due provette contenenti ciascuna mix sufficiente per 50 reazioni (50 di sequenziamento e 5 di controllo)

3 indica i possibili punti di interruzione Estrarre il DNA genomico del batterio usando PrepMan TM Ultra Sample Preparation Reagent (PN ) Conservare il supernatante a 20 C Far riferimento al PrepMan TM Ultra Sample Preparation Reagent Protocol (PN ) o al di Microseq S rdna Bacterial Identification Kits Protocol (PN ) per informazioni più dettagliate a. Pipettare 495 µl di acqua nuclease-free (Ambion PN 9937) in una provettina da microcentrifuga da 1,5-mL b. Utilizzare 5 µl del supernatante del campione estratto con PrepMan Ultra, per ottenere una diluizione 1:100 c. Vortexare per miscelare la soluzione d. Conservare il supernatante batterico rimanente a 20 C La PCR è ottimizzata per l uso con circa 25 ng di DNA genomico Per preparare... Mescolare... Controlli negativi 15 µl del modulo PCR 15 µl di acqua nuclease-free Controlli positivi 15 µl del modulo PCR 15 µl di DNA di controllo. E. coli positivo Campioni 15 µl del modulo PCR 15 µl di soluzione di lavoro Tappare le provettine o sigillare la micropiastra a 96 pozzetti e inserirli nel termociclatore. a. Programmare il termociclatore 9600 in modalità emulazione 9600, come segue: Step Per 30 cicli** Estensione Step iniziale* Melt Anneal Estensione finale finale HOLD CICLI HOLD HOLD 90 C 10 min 95 C 30 sec 60 C 30 sec 72 C 45 sec 72 C 10 min 4 C * è necessario un riscaldamento iniziale per 10 min a 95 C per l attivazione della AmpliTaq Gold DNA Polymerase ** è possibile aumentare il numero dei cicli per aumentare la resa della PCR, questo può però causare un aumento del background del controllo negativo b. Tarare il volume di reazione a 30 µl e far partire l amplificazione c. Conservare il prodotto di PCR a 15/25 C fino al momento dell uso

4 Verificare la presenza del prodotto di PCR facendolo correre su gel di agarosio al 2%. 10 µl di prodotto di PCR per corsia sono sufficienti per rilevare la presenza di DNA amplificato dopo colorazione con bromuro di etidio Nota: L uso di E-gel al 2% (Invitrogen G ) permette una verifica rapida della presenza del prodotto di PCR. Leggere le norme di sicurezza fornite dal produttore prima di stoccare, manipolare o lavorare con materiali pericolosi Il controllo positivo ed i campioni dovrebbero presentare un prodotto di PCR compreso fra pb, a seconda della specie batterica. Il controllo negativo non deve presentare alcun prodotto di PCR Dopo la corsa su gel rimangono 20 µl di prodotto di PCR. Rimuovere dal prodotto di PCR i dntp non usati ed i primer usando uno dei prodotti seguenti: ExoSap-IT (USB PN 78200; Leggere le norme di sicurezza fornite dal produttore prima di stoccare, manipolare o lavorare con materiali pericolosi Montage PCR Filter Unit (Millipore PNUFC7 PCR50) Seguire accuratamente le indicazioni del produttore relative al volume di partenza per la purificazione a. In una provetta da microcentrifuga da 0,2 ml, o in un pozzetto di una piastra microtiter miscelare: 7 µl di prodotto di PCR purificato 13 µl di Sequencing Module b. Tappare le provette o sigillare la piastra e introdurli nel termociclatore a. Programmare il termociclatore 9600 in modalità emulazione 9600, usando le condizioni seguenti: Per 25 cicli Melt Anneal Estensione CICLI 96 C 50 C 60 C 10 sec 5 sec 4 min Step finale HOLD 4 C b. Tarare il volume di reazione a 20 µl e far partire l amplificazione c. Conservare i prodotti di amplificazione a 4 C overnight o a 20 C per non più di una settimana

5 Dopo i cicli di sequenziamento togliere i dye terminator ed i primer in eccesso utilizzando uno dei seguenti prodotti: Se la PCR è stata eseguita in... Usare... Provette da microcentrifuga DyeEx TM 2.0 Spin Kit (Qiagen PN 63204) Piastra a 96 pozzetti DyeEx 96 Kit (Qiagen PN 63181) Seguire le istruzioni allegate al kit a. accertarsi che lo strumento sia configurato secondo i parametri contenuti nella tabella seguente: Strumento Filtro Run Module Basecaller* DyeSet/Primer (Mobility File) 310 E Seq POP6 (1mL)E KB.bcp DTPOP6{BD}. mob Avant E StdSeq50_ POP6 KB.bcp KB_3100_POP6 (BD)v2.mob xl E LongSeq50_ POP7_1 KB.bcp KB_3730_POP7_ BDTv1.mob * Applied Biosystems raccomanda di usare, per basecaller e mobility file, i nomi elencati nella tabella con il software Data Collection 2.0(DC 2.0). Alcuni basecaller e mobility file destinati a precedenti versioni del software sono compatibili con il software DC 2.0. Essi sono elencati nell Appendice A del Microseq S rdna Bacterial Identification Kit Protocol (PN ) IMPORTANTE! E necessari usare l array dei capillari da 50 cm indipendentemente dallo strumento usato b. Spin down le provette da microcentrifuga contenenti i prodotti di PCR purificati c. Risospendere il DNA in 15 µl HI-DI TM Formamide (PN ) d. Eseguire la corsa di sequenziamento e. Trasferire i file al software Microseq Analysis Nota: La risospensione in formamide è procedura di caricamento raccomandata. In alternativa è possibile caricare direttamente sullo strumento da 10 a 20 µl dei prodotti di PCR. Questa procedura può tuttavia necessitare di essere ottimizzata. Per esempio, può essere necessario modificare il tempo di iniezione se il segnale è troppo alto

6 Per informazioni sulla sicurezza fare riferimento alla sezione Safety nella prefazione di Microseq Full Gene 16S rdna Bacterial Identification Kits Protocol (PN ). Per tutte lo sostanze chimiche in grassetto, leggere le norme di sicurezza e seguire le istruzioni di uso. Indossare idonei occhiali, camici e guanti. Summary Microseq Full Gene 16S rdna Bacterial Identification PCR Kit (PN ) e Microseq Full Gene 16S rdna Bacterial Identification Sequencing Kit (PN ) includono tutti i reagenti necessari per il sequenziamento del gene per il RNA ribosomiale 16S (16S rdna). La sequenza di DNA che ne risulta viene analizzata e confrontata con un database di sequenze geniche batteriche di 16S rdna, utilizzando il software Microseq ID Analysis. La Quick Reference Card contiene procedure semplificate per l uso dei kit Microseq Full Gene 16S rdna Bacterial Identification. Il Protocollo del kit Microseq Full Gene 16S rdna Bacterial Identification contiene procedure dettagliate. Contenuto dei kit Il sistema Microseq Full Gene 16S rdna Bacterial Identification comprende due kit: PCR e Sequenziamento. La tabella seguente descrive i componenti di ciascun kit. Kit Componenti Descrizione Microseq Full Gene 16S rdna Bacterial Identification PCR Kit (PN ) Master mix per PCR Tre differenti provette contenenti PCR Master Mix 2X. Ciascuna provetta è destinata all amplificazione di una specifica porzione del gene del rrna 16S a partire da DNA genomico batterico. Ciascuna provetta contiene una quantità di Master Mix sufficiente per 10 amplificazioni, 5 controlli negativi e 5 controlli positivi DNA, controllo positivo Una provetta di DNA, controllo positivo, a 1 ng/µl Controllo negativo (acqua) Una provetta di controllo negativo Microseq Full Gene 16S rdna Bacterial Identification Sequencing Kit (PN ) Master mix per il sequenziamento forward Master mix per il sequenziamento reverse Tre provette distinte contenenti mix sufficiente per 15 reazioni (10 di sequenziamento e 5 di controllo) Ciascuna provetta corrisponde ad una provetta di PCR Master Mix del kit PCR Tre provette distinte contenenti mix sufficiente per 15 reazioni (10 di sequenziamento e 5 di controllo) Ciascuna provetta corrisponde ad una provetta di PCR Master Mix del kit PCR

7 Indica i possibili punti di interruzione Estrarre il DNA genomico del batterio usando PrepMan TM Ultra Sample Preparation Reagent (PN ) Conservare il supernatante a 20 C Far riferimento al PrepMan TM Ultra Sample Preparation Reagent Protocol (PN ) o al di Microseq Full Gene 16S rdna Bacterial Identification Kits Protocol (PN ) per informazioni più dettagliate a. Pipettare 495 µl di acqua nuclease-free (Ambion PN 9937) in una provettina da microcentrifuga da 1,5-mL b. Aggiungere 5 µl di supernatante di PrepMan Ultra, ottenendo una diluizione 1:100 c. Vortexare per miscelare la soluzione d. Conservare il supernatante batterico rimanente a 20 C Il kit PCR è ottimizzato per l uso con circa 25 ng di DNA genomico batterico Nota: Se necessario fare altre diluizioni della soluzione di lavoro prima di eseguire la PCR per minimizzare l effetto degli inibitori della PCR Per preparare... Mescolare... Controlli negativi 15 µl Master Mix PCR 2x 15 µl di acqua nuclease-free Controlli positivi 15 µl Master Mix PCR 2x 15 µl di DNA di controllo. E. coli positivo Campioni 15 µl Master Mix PCR 2x 15 µl di soluzione di lavoro (diluizione:100) Nota: dovrebbero aversi tre provette per ciascun campione, uno per ciascuna delle tre PCR Master Mix del kit Microseq Full Gene PCR Tappare le provettine o sigillare la micropiastra a 96 pozzetti e inserirli nel termociclatore.

8 a. Programmare il termociclatore 9600 in modalità emulazione 9600, come segue: Step Per 30 cicli** Estensione Step iniziale* Melt Anneal Estensione finale finale HOLD CICLI HOLD HOLD 95 C 10 min 95 C 30 sec 60 C 30 sec 72 C 45 sec 72 C 10 min 4 C * è necessario un riscaldamento iniziale per 10 min a 95 C per l attivazione della AmpliTaq Gold DNA Polymerase ** è possibile aumentare il numero dei cicli per aumentare la resa della PCR, questo può però causare un aumento del background del controllo negativo b. Tarare il volume di reazione a 30 µl e far partire l amplificazione c. Conservare il prodotto di PCR a 15/25 C fino al momento dell uso Verificare la presenza del prodotto di PCR facendo correre 10 µl di campione su gel di agarosio al 2%. 10 µl di prodotto di PCR sono sufficienti per rilevare la presenza di DNA amplificato dopo colorazione con bromuro di etidio In alternativa usare E-gel al 2% (Invitrogen G ). Leggere le norme di sicurezza fornite dal produttore Il controllo positivo ed i campioni dovrebbero presentare 3 prodotti di PCR: 1 banda di pb e 2 bande di pb. Le dimensioni del prodotto possono variare a seconda della specie batterica. Il controllo negativo non deve presentare alcun prodotto di PCR Nota: se non si evidenziano prodotti di PCR la causa più probabile sono gli inibitori della PCR. Per ulteriori informazioni consultare la sezione Troubleshooting del protocollo Microseq Full Gene 16S rdna Bacterial Identification Kits

9 Dopo la corsa su gel rimangono 20 µl di prodotto di PCR. Rimuovere dal prodotto di PCR i dntp non usati ed i primer usando uno dei metodi seguenti consigliati da Applied Biosystems: ExoSap-IT (USB PN 78200; Seguire le istruzioni del produttore Montage PCR Filter Unit (Millipore PNUFC7 PCR50) Seguire accuratamente le indicazioni del produttore relative al volume di partenza per la purificazione a. In 2 provette da microcentrifuga da 0,2 ml, o in 2 pozzetti di una piastra microtiter miscelare: 7µL di prodotto di PCR purificato e 13µL della master mix forward di sequenziamento 7µL di prodotto di PCR purificato e 13µL della master mix reverse di sequenziamento b. Tappare le provette o sigillare la piastra e introdurli nel termociclatore IMPORTANTE! Aver cura di usare le master mix di sequenziamento forward e reverse corrispondenti alle master mix di PCR usate in precedenza Nota: dopo lo step di amplificazione si avevano 3 provette per campione (una per ciascuna delle 3 master mix di PCR). Adesso, preparando una reazione di sequenziamento forward ed una reverse, il numero totale delle provette sale a sei

10 a. Programmare il termociclatore 9600 in modalità emulazione 9600, usando le condizioni seguenti: Per 25 cicli Melt Anneal Estensione CICLI 96 C 50 C 60 C 10 sec 5 sec 4 min Step finale HOLD 4 C b. Tarare il volume di reazione a 20 µl e far partire l amplificazione c. Conservare i prodotti di amplificazione a 4 C overnight o a 20 C per non più di una settimana Dopo i cicli di sequenziamento togliere i dye terminator ed i primer in eccesso utilizzando uno dei seguenti prodotti: Se la PCR è stata eseguita in... Applied Biosystems raccomanda l uso di... Provette da microcentrifuga DyeEx TM 2.0 Spin Kit (Qiagen PN 63204) Piastra a 96 pozzetti DyeEx 96 Kit (Qiagen PN 63181) Seguire le istruzioni allegate al kit a. accertarsi che lo strumento sia configurato secondo i parametri contenuti nella tabella seguente: Strumento Filtro Run Module Basecaller* DyeSet/Primer (Mobility File) 310 E Seq POP6 (1mL)E KB.bcp KB_310_POP6_ BDTv1_ 50Std.mob 3100 E StdSeq50_ KB.bcp KB_3100_POP6_ 3100-Avant xl E POP6_1 LongSeq50_ POP7 KB.bcp BDTv1.mob KB_3730_POP7_ BDTv1.mob * Applied Biosystems raccomanda di usare, per basecaller e mobility file, i nomi elencati nella tabella con il software Data Collection 2.0(DC 2.0). Alcuni basecaller e mobility file destinati a precedenti versioni del software sono compatibili con il software DC 2.0. Far riferimento a Microseq ID Analysis Software Online help per maggiori informazioni riguardo alle convenzioni relativi ai nomi di basecaller e mobility file IMPORTANTE! E necessari usare l array dei capillari da 50 cm indipendentemente dallo strumento usato (prosegue nella pagina successiva)

11 b. Spin down le provette da microcentrifuga contenenti i prodotti di PCR purificati c. Risospendere il DNA in 15 µl di HI-DI TM Formamide (PN ) d. Eseguire la corsa di sequenziamento e. Trasferire i file al software Microseq ID Analysis IMPORTANTE! La risospensione in formamide è procedura di caricamento raccomandata. In alternativa è possibile caricare direttamente sullo strumento da 10 a 20 µl dei prodotti di PCR. Questa procedura può tuttavia necessitare di essere ottimizzata. Per esempio, può essere necessario modificare il tempo di iniezione se il segnale è troppo alto

SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO AUTOMATICO

SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO AUTOMATICO REPARTO GENOMICA LABORATORIO ANALISI GENOMICHE SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO AUTOMATICO DOCUMENTO ILLUSTRATIVO DEL SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO ACIDI NUCLEICI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Dettagli

DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING

DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING SCOPO DELL'ATTIVITÀ Ciascuno studente estrae il proprio DNA da cellule della mucosa boccale. Quindi, mediante PCR, vengono amplificati frammenti corrispondenti

Dettagli

Istruzioni d uso. BAG Cycler Check. REF 7104 (10 test) REF 71044 (4 test) Kit per la validazione dell uniformità della temperatura nei termociclatori

Istruzioni d uso. BAG Cycler Check. REF 7104 (10 test) REF 71044 (4 test) Kit per la validazione dell uniformità della temperatura nei termociclatori Istruzioni d uso BAG Cycler Check REF 7104 (10 test) REF 71044 (4 test) Kit per la validazione dell uniformità della temperatura nei termociclatori pronto all uso, prealiquotato Indice 1. Descrizione del

Dettagli

Protocollo Crime Scene Investigation

Protocollo Crime Scene Investigation Protocollo Crime Scene Investigation Precauzioni da adottare in laboratorio: - non mangiare o bere - indossare sempre i guanti quando si maneggiano i tubini, i gel, le micropipette - nel dubbio, chiedere!

Dettagli

Orga Bio Human S.r.l. DIREZIONE E UFFICI: Via Amsterdam 75, 00144 Roma Tel/fax: 06 99701675

Orga Bio Human S.r.l. DIREZIONE E UFFICI: Via Amsterdam 75, 00144 Roma Tel/fax: 06 99701675 Orga Bio Human S.r.l. DIREZIONE E UFFICI: Via Amsterdam 75, 00144 Roma Tel/fax: 06 99701675 SEDE LEGALE: Via Helsinki 21, 00144 Roma Tel. 06 97998273; Fax 06 52246148 e-mail: orgabiohuman@fastwebnet.it

Dettagli

Soluzioni e tamponi utilizzati per la PCR, senza DNA

Soluzioni e tamponi utilizzati per la PCR, senza DNA Materiali biologici In questo file sono elencati, capitolo per capitolo, i materiali biologici da richiedere al CusMiBio (o centro simile) per realizzare gli esperimenti che abbiamo illustrato (www.cusmibio.unimi.it).

Dettagli

Esercitazione di Laboratorio corso Prof Tuberosa Biotecnologie genetiche agrarie Laurea in Biotecnologie (terzo anno).

Esercitazione di Laboratorio corso Prof Tuberosa Biotecnologie genetiche agrarie Laurea in Biotecnologie (terzo anno). Esercitazione di Laboratorio corso Prof Tuberosa Biotecnologie genetiche agrarie Laurea in Biotecnologie (terzo anno). Programma: Giorno 1Preparazione di DNA genomico da foglie 2 - Controllo qualità DNA

Dettagli

Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione

Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione Per la purificazione del DNA genomico proveniente dai kit di prelievo Oragene e ORAcollect. Per le istruzioni

Dettagli

Verifiche qualitative dell RNA e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme. Massimo Degan, CRO Aviano (PN)

Verifiche qualitative dell RNA e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme. Massimo Degan, CRO Aviano (PN) e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme Massimo Degan, CRO Aviano (PN) perchè è importante verificare l RNA La verifica della qualità dell RNA nei saggi diagnostico-molecolari

Dettagli

Istruzioni d'uso. Amplificazione e sequenziamento mediante PCR dei loci HLA di classe I e II. Versione n.: 13.0 Data di pubblicazione: luglio 2013

Istruzioni d'uso. Amplificazione e sequenziamento mediante PCR dei loci HLA di classe I e II. Versione n.: 13.0 Data di pubblicazione: luglio 2013 Istruzioni d'uso Amplificazione e sequenziamento mediante PCR dei loci HLA di classe I e II Versione n.: 13.0 Data di pubblicazione: luglio 2013 EC REP Conexio Genomics Pty Ltd Qarad bvba 8/31 Pakenham

Dettagli

ESTRAZIONE del DNA da gel di AGAROSIO

ESTRAZIONE del DNA da gel di AGAROSIO (Reazione a catena della polimerasi) & ESTRAZIONE del DNA da gel di AGAROSIO Corso di Ingegneria Genetica e Microbiologa Applicata Prof. Renato Fani Percorso1: Analisi della variabilità genetica di popolazioni

Dettagli

Esperienza 10: la PCR

Esperienza 10: la PCR Esperienza 10: la PCR La tecnica della polimerizzazione a catena (in inglese polymerase chain reaction) o PCR, permette di amplificare milioni di volte un unico frammento di DNA. Questo metodo è diventato

Dettagli

PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale. Esercizio. Tipizzazione del gene PV92

PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale. Esercizio. Tipizzazione del gene PV92 PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale Esercizio Tipizzazione del gene PV92 Elementi trasponibili Che cosa sono gli elementi trasponibili? Sono segmenti di DNA che sono in grado di trasferirsi in

Dettagli

Materiali e Metodi MATERIALI E METODI

Materiali e Metodi MATERIALI E METODI MATERIALI E METODI 62 1. Pazienti con IBS Per eseguire l analisi del polimorfismo 5HTTLPR è stato necessario ottenere campioni di sangue intero o saliva dai quali estrarre il DNA genomico. A tal fine è

Dettagli

C V C. Istruzioni per l'uso del Biofortuna SSPGo TM HLA No Template Control Kit BF-40-02. Revisione 2. Luglio 2014

C V C. Istruzioni per l'uso del Biofortuna SSPGo TM HLA No Template Control Kit BF-40-02. Revisione 2. Luglio 2014 DOT136v1 Instructions for Use Biofortuna SSPGo TM HLA No Template Control Kit BF-40-02 Pagina 1 di 7 Istruzioni per l'uso del Biofortuna SSPGo TM HLA No Template Control Kit BF-40-02 Revisione 2 Luglio

Dettagli

Progetto della classe II C

Progetto della classe II C Progetto della classe II C Preparazione allo svolgimento dell esperienza La II C è preparata all esperienza presso il centro di ricerca E.B.R.I. iniziando un intenso lavoro di approfondimento sulla genetica

Dettagli

PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b)

PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b) PRINCIPALI TIPI DI PCR a) RT-PCR: serve a valutare l espressione di un gene tramite l amplificazione dell mrna da esso trascritto PCR COMPETITIVA: serve a valutare la concentrazione iniziale di DNA o RNA

Dettagli

1 Finalità d uso. 5 Stabilità e modalità di conservazione. 2 Principio del test. 6 Materiali e strumenti addizionali richiesti e non forniti

1 Finalità d uso. 5 Stabilità e modalità di conservazione. 2 Principio del test. 6 Materiali e strumenti addizionali richiesti e non forniti MYCHLE v.3 1 Finalità d uso RealCycler MYCHLE è un kit di reagenti che permette la rilevazione qualitativa per Real-time PCR del DNA di Mycoplasma pneumoniae, Chlamydophila pneumoniae spp. in campioni

Dettagli

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 POS VIR 017 INT rev. 1 del 19/06/2009 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): MONITOR PCR LECTINA

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 POS VIR 017 INT rev. 1 del 19/06/2009 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): MONITOR PCR LECTINA BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 Redatto: F.Gatto Verificato Responsabile Struttura Semplice: I.Ciabatti Verificato RQ: M.Guarducci Approvato Responsabile di Struttura Complessa: D.Amaddeo BIOTECNOLOGIE pag 2

Dettagli

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 12 POS VIR 001 INT rev. 0 del 05/02/2008 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): MONITOR PCR HMG

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 12 POS VIR 001 INT rev. 0 del 05/02/2008 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): MONITOR PCR HMG BIOTECNOLOGIE pag 1 di 12 Redatto: F.Gatto Verificato Responsabile Struttura Semplice: I.M.Ciabatti Verificato RQ: M.Guarducci Approvato Responsabile di Struttura Complessa: D.Amaddeo BIOTECNOLOGIE pag

Dettagli

PROGETTO DNA chiavi in mano. Le Biotecnologie in classe e in laboratorio 11/03/2015 Prof.ssa Paola Cazzani I.T.E. A. Bassi - Lodi

PROGETTO DNA chiavi in mano. Le Biotecnologie in classe e in laboratorio 11/03/2015 Prof.ssa Paola Cazzani I.T.E. A. Bassi - Lodi PROGETTO DNA chiavi in mano Le Biotecnologie in classe e in laboratorio 11/03/2015 Prof.ssa Paola Cazzani I.T.E. A. Bassi - Lodi PROGETTO DNA chiavi in mano PROGETTO DNA chiavi in mano IFOM PROGETTO DNA

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO. Art. n. 1 Oggetto e quantità della fornitura

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO. Art. n. 1 Oggetto e quantità della fornitura ALLEGATO A GARA PER LA FORNITURA IN SERVICE DI SISTEMI PER LA PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI E PER L ALLESTIMENTO DI REAZIONI DI PRE-PCR E POST-PCR SU PIATTAFORMA ROBOTIZZATA Azienda Ospedaliera di Padova

Dettagli

Maxwell 16 Blood DNA Purification System

Maxwell 16 Blood DNA Purification System Manuale Tecnico Maxwell 16 Blood DNA Purification System Attenzione maneggiare le cartucce con attenzione, le estremità dei sigilli possono essere taglienti. 2800 Woods Hollow Rd. Madison, WI USA Dispositivo

Dettagli

ThromboType test (HPA 1-6, 15)

ThromboType test (HPA 1-6, 15) ISTRUZIONI PER L USO ThromboType test (HPA 1-6, 15) REF THROMBOTYPE IVD ThromboType Reagenti E-Gel 48 INDICE USO... 2 RIASSUNTO E SPIEGAZIONE... 2 PRINCIPIO... 2 REAGENTI... 2 AVVERTENZE... 3 PRECAUZIONI...

Dettagli

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 POS VIR 003 INT rev. 0 del 05/02/2008 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): TERMINATORE NOS

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 POS VIR 003 INT rev. 0 del 05/02/2008 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): TERMINATORE NOS BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 Redatto: U.Marchesi Verificato Responsabile Struttura Semplice: I.M.Ciabatti Verificato RQ: M.Guarducci Approvato Responsabile di Struttura Complessa: D.amaddeo BIOTECNOLOGIE

Dettagli

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica Maria Antonietta Lepore Principali tecniche di biologia molecolare clinica Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 a/b 00173 Roma (06)

Dettagli

PROGETTO DNA CHIAVI IN MANO

PROGETTO DNA CHIAVI IN MANO PROGETTO DNA CHIAVI IN MANO La collaborazione con il Virgilio e il progetto dell IFOM Il progetto DNA chiavi in mano è un percorso pensato dal Centro di Ricerca internazionale IFOM per avvicinare i ragazzi

Dettagli

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE)

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) SALVATORE GIRLANDO LABORATORIO PATOLOGIA MOLECOLARE ANATOMIA PATOLOGICA

Dettagli

SEQUENZIAMENTO DEL DNA

SEQUENZIAMENTO DEL DNA SEQUENZIAMENTO DEL DNA Il metodo di Sanger per determinare la sequenza del DNA Il metodo manuale La reazione enzimatica Elettroforesi in gel denaturante di poliacrilammide Autoradiografia Il metodo automatico

Dettagli

HISTO SPOT On-Call Typing Kit

HISTO SPOT On-Call Typing Kit Istruzioni per l uso HISTO SPOT On-Call Typing Kit REF 726070 Kit per test di tipizzazione tissutale HLA in biologia molecolare 10 test per HLA-A, B, C, DRB1, DRB3/4/5, DQ, DPB1 IVD 0123 Versione: 03/2014

Dettagli

TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE. LA REAZIONE POLIMERASICA A CATENA Principi teorici e aspetti pratici

TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE. LA REAZIONE POLIMERASICA A CATENA Principi teorici e aspetti pratici TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE LA REAZIONE POLIMERASICA A CATENA Principi teorici e aspetti pratici POLYMERASE CHAIN REACTION (PCR) 1955 A. Kronembreg e coll. (Stanford University) scoprono la DNA-polimerasi

Dettagli

Quantificazione di. legionella pneumophila. mediante metodo biomolecolare

Quantificazione di. legionella pneumophila. mediante metodo biomolecolare Quantificazione di legionella pneumophila mediante metodo biomolecolare Laboratorio di Epidemiologia Genetica e Genomica di Sanità Pubblica Istituto di Igiene LABORATORIO DI EPIDEMIOLOGIA GENETICA: ATTIVITA

Dettagli

Detergente enzimi (es. preparato per ammorbidire la

Detergente enzimi (es. preparato per ammorbidire la LABORATORIO 2: ESTRAZIONE ED ANALISI ELETTROFORETICA DI DNA GENOMICO Come fare? Seguiamo 3 semplici passaggi: Detergente enzimi (es. preparato per ammorbidire la carne) Alcol Cooome?? E' così facile??

Dettagli

Analisi mutazionale di K-RAS metodiche a confronto

Analisi mutazionale di K-RAS metodiche a confronto Analisi mutazionale di K-RAS metodiche a confronto Aula Magna Villa Sironi Gallarate 16 ottobre Dott. Carmelo Lupo Coordinatore Tecnico Anatomia Patologica e Patologia Molecolare Oncologica PERCHÉ K-RAS

Dettagli

Il primer utilizzato può essere specifico per il gene che si intende amplificare oppure aspecifico (oligo (dt) oppure random esameri).

Il primer utilizzato può essere specifico per il gene che si intende amplificare oppure aspecifico (oligo (dt) oppure random esameri). Retrotrascrizione l mrna viene convertito in cdna per mezzo dell enzima trascrittasi inversa (DNA polimerasi RNAdipendenti ricavate dai virus della mieloblastosi aviaria AMV o della leucemia murina di

Dettagli

1 Finalità d uso. 4 Contenuti. 2 Principio del test. 5 Stabilità e modalità di conservazione

1 Finalità d uso. 4 Contenuti. 2 Principio del test. 5 Stabilità e modalità di conservazione HERPLX v.2 1 Finalità d uso RealCycler HERPLX è un kit di reagenti che permette la rilevazione qualitativa per Real-time PCR del DNA di Herpesvirus tipo 1 (HSV1), Herpesvirus tipo 2 (HSV2), virus Varicella-Zoster

Dettagli

MycXtra Kit di estrazione per DNA fungino

MycXtra Kit di estrazione per DNA fungino Per uso diagnostico in vitro: MycXtra MycXtra Kit di estrazione per DNA fungino REF 080-005 Uso previsto Il kit di estrazione per DNA fungino MycXtra è studiato per isolare e purificare il DNA fungino

Dettagli

Metodiche Molecolari

Metodiche Molecolari Metodiche Molecolari La rivelazione degli acidi nucleici virali è un altro saggio che può essere utilizzato sia per verificare la presenza di un virus in un determinato campione biologico, sia per studiare

Dettagli

Studio delle popolazioni microbiche riguardanti processi di fermentazione anaerobica in condizioni di mesofilia

Studio delle popolazioni microbiche riguardanti processi di fermentazione anaerobica in condizioni di mesofilia Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l nergia e lo Sviluppo conomico Sostenibile RICRCA DI SISTMA LTTRICO Studio delle popolazioni microbiche riguardanti processi di fermentazione anaerobica in condizioni

Dettagli

V Giornata di Genetica Forense Roma, 5 giugno 2013 INDAGINI GENETICHE SU REPERTI OSSEI MEDIANTE POWERPLEX FUSION SYSTEM: RISULTATI PRELIMINARI

V Giornata di Genetica Forense Roma, 5 giugno 2013 INDAGINI GENETICHE SU REPERTI OSSEI MEDIANTE POWERPLEX FUSION SYSTEM: RISULTATI PRELIMINARI V Giornata di Genetica Forense Roma, 5 giugno 2013 INDAGINI GENETICHE SU REPERTI OSSEI MEDIANTE POWERPLEX FUSION SYSTEM: RISULTATI PRELIMINARI Silvia Zoppis, Manuela Rosini, Carla Vecchiotti Università

Dettagli

U.O.C. di Epatologia Clinica e Biomolecolare. Unità di misura. Repertorio. 200 ml 10.000 U. 500 test

U.O.C. di Epatologia Clinica e Biomolecolare. Unità di misura. Repertorio. 200 ml 10.000 U. 500 test U.O.C. di Epatologia Clinica e Biomolecolare Lotto N. DESCRIZIONE PRODOTTO Quantità annua richiesta Unità di misura Repertorio CND Codice Prodotto, Confezione Offerta e nome commerciale Prezzo unitario

Dettagli

Scheda tecnica TRI118

Scheda tecnica TRI118 TRI REAGENT - RNA / DNA / PROTEIN ISOLATION REAGENT Cat. No. TR 118/50 Cat. No. TR 118/100 Cat. No. TR 118/200 Produttore: Molecular Research Center Distributore: Bio-Optica Conservare a 4-25 C DESCRIZIONE

Dettagli

13. Life Sciences Sommario

13. Life Sciences Sommario GENERAL CATALOGUE EDITION 8. Life Sciences Sommario Genomica 6 PCR 6 DNA-Elettroforesi 9 Gel-Documentation Filtrazione, Concentrazione 8 Proteomica ELISA Proteine-Elettroforesi 60 Blotting 6 Purificazione

Dettagli

T V A. Il processo analitico è costituito da tre fasi distinte: a) Estrazione - arricchimento b) Retrotrascrizione c) Amplificazione Real Time TM

T V A. Il processo analitico è costituito da tre fasi distinte: a) Estrazione - arricchimento b) Retrotrascrizione c) Amplificazione Real Time TM genedia DIVISIONE BIOMOLECOLARE DETERMINAZIONE QUANTITATIVA DI RNA HCV MEDIANTE HPA (HIGH PERFORMANCE AMPLIFICATION) T V A L HPA è un protocollo d amplificazione che coniuga le conoscenze acquisite con

Dettagli

PRINCIPALI APPLICAZIONI DELLA PCR. PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b) PRINCIPALI TIPI DI PCR a)

PRINCIPALI APPLICAZIONI DELLA PCR. PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b) PRINCIPALI TIPI DI PCR a) EAZIONE A CATENA DELLA POLIMEASI (PC) PINCIPALI APPLICAZIONI DELLA PC UPPE primer LOWE primer GENE X 1. Identificazione di agenti patogeni nell uomo, negli animali o negli alimenti (batteri e virus) 2.

Dettagli

Tutti i reagenti vengono forniti in miscele preallestite a cui aggiungere gli enzimi ed i primer per l esecuzione della reazione.

Tutti i reagenti vengono forniti in miscele preallestite a cui aggiungere gli enzimi ed i primer per l esecuzione della reazione. DESCRIZIONE DEL KIT SOTTOPOSTO A VALUTAZIONE GD228 TRI-NAT ASSAY (PRODOTTO DA GENEDIA S.R.L.) REAGENTI FORNITI IN MISCELE PREALLESTITE N TEST 150 I prodotti oggetto della valutazione sono dedicati alla

Dettagli

Analisi di sequenziamento degli acidi nucleici

Analisi di sequenziamento degli acidi nucleici Analisi di sequenziamento degli acidi nucleici In questa lezione darò qualche breve cenno sui metodi di sequenziamento del DNA e specialmente quelli con marcatura fluorescente che attualmente vengono effettuati

Dettagli

Metodi: CEN/TC275/WG6/TAG4

Metodi: CEN/TC275/WG6/TAG4 Determinazione di HAV e Norovirus in molluschi bivalvi mediante Real time PCR Elisabetta Suffredini Istituto Superiore di Sanità Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Ancona

Dettagli

Genomica Servizio Sequenziamento DNA

Genomica Servizio Sequenziamento DNA Genomica Servizio Sequenziamento DNA Listino prezzi 1 maggio 2005 Value Read Codice Descrizione Prezzo / Lettura 1001-000000 Tubi 13,50 1001-000010 Tubi con etichetta codice a barre 12,00 1094-000050 Etichette

Dettagli

Analisi di polimorfismi usati per la caratterizzazione di profili genetici in campioni di. DNA umano. 22-26 giugno 2009

Analisi di polimorfismi usati per la caratterizzazione di profili genetici in campioni di. DNA umano. 22-26 giugno 2009 Analisi di polimorfismi usati per la caratterizzazione di profili genetici in campioni di 22-26 giugno 2009 DNA umano 1 GENETICA FORENSE La genetica forense applica tecniche di biologia molecolare al fine

Dettagli

Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare

Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare Il crescente interesse nella biologia molecolare applicata alla diagnostica è il risultato dei profondi progressi ottenuti nelle conoscenze scientifiche

Dettagli

Protocollo di Real-Time RT-PCR per la diagnosi del fitoplasma della Moria del Pero. Claudio Ratti, Chiara Lanzoni e Carlo Poggi Pollini

Protocollo di Real-Time RT-PCR per la diagnosi del fitoplasma della Moria del Pero. Claudio Ratti, Chiara Lanzoni e Carlo Poggi Pollini Protocollo di Real-Time RT-PCR per la diagnosi del fitoplasma della Moria del Pero Claudio Ratti, Chiara Lanzoni e Carlo Poggi Pollini Moria del pero (Candidatus Phytoplasma pyri) Fitoplasmi: Microrganismi

Dettagli

CARLO ERBA Reagents. Biologia Cellulare Biologia Molecolare Labware Chemicals

CARLO ERBA Reagents. Biologia Cellulare Biologia Molecolare Labware Chemicals CARLO ERBA Reagents Biologia Cellulare Biologia Molecolare Labware Chemicals CARLO ERBA Reagents Una nuova realtà per il laboratorio e l industria DASIT GROUP, con l acquisizione di CARLO ERBA Reagents,

Dettagli

1. DESCRIZIONE DEL PRODOTTO

1. DESCRIZIONE DEL PRODOTTO Istruzioni per l uso HISTO SPOT SSO Kit Kit per test di tipizzazione tissutale HLA in biologia molecolare 96 Tipizzazioni IVD 0123 REF 726010: HISTO SPOT A 4D (96 test) Versione: 11/2013 REF 726020: HISTO

Dettagli

Protocollo diagnostico per Candidatus Phytoplasma prunorum

Protocollo diagnostico per Candidatus Phytoplasma prunorum Protocollo diagnostico per Candidatus Phytoplasma prunorum 2 Descrizione della malattia Agente causale Tassonomia Candidatus Phytoplasma prunorum Classe: Mollicutes Gruppo ribosomico: 16SrX (AP - Apple

Dettagli

ZytoLight SPEC ERG Dual Color Break Apart Probe

ZytoLight SPEC ERG Dual Color Break Apart Probe ZytoLight SPEC ERG Dual Color Break Apart Probe IVD Dispositivo medico-diagnostico in vitro Produttore: ZytoVision GmbH Codice: Z-2138-200 (0.2ml).. Per l identificazione della traslocazione che coinvolge

Dettagli

12-05-2010 ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI

12-05-2010 ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI Il primo passaggio per la maggior parte delle procedure che verranno trattate in questo corso consiste nell estrazione del DNA (e dell RNA) da materiale biologico, e nella sua purificazione mediante separazione

Dettagli

Relazione conclusiva delle esperienze di laboratorio

Relazione conclusiva delle esperienze di laboratorio Relazione conclusiva delle esperienze di laboratorio Emiliano Giovanni Vavassori e.vavassori@sssup.it Allievo Ordinario Settore di Agraria Scuola Superiore di Studi Universitari e di Perfezionamento Sant

Dettagli

Report tecnico sull esecuzione di RT-PCR per rilevazione contaminanti pro-infiammatori. Committente: Titanmed srl

Report tecnico sull esecuzione di RT-PCR per rilevazione contaminanti pro-infiammatori. Committente: Titanmed srl Report tecnico sull esecuzione di RT-PCR per rilevazione contaminanti pro-infiammatori Committente: Titanmed srl D O C U M E N T O R I S E R V A T O Scopo Lo scopo del lavoro era misurare l espressione,

Dettagli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica Pier Sandro Cocconcelli Istituto di Microbiologia Centro Ricerche Biotecnologiche Università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza-Cremona

Dettagli

Sfrutta subito i Vantaggi! Validità 1 Aprile 30 Giugno 2005. Scopri la qualità e il risparmio!

Sfrutta subito i Vantaggi! Validità 1 Aprile 30 Giugno 2005. Scopri la qualità e il risparmio! www.eppendorf.com/advantage/32 Get Eppendorf quality today! Validità 1 Aprile 30 Giugno 2005 Sfrutta subito i Vantaggi! Scopri la qualità e il risparmio! www.eppendorf.com/advantage/32 Get Eppendorf quality

Dettagli

Metodi di laboratorio nel controllo microbiologico degli alimenti: classici ed innovativi

Metodi di laboratorio nel controllo microbiologico degli alimenti: classici ed innovativi Metodi di laboratorio nel controllo microbiologico degli alimenti: classici ed innovativi Torino, 10-11 Giugno 2013 S.S. Laboratorio Controllo Alimenti fabio.zuccon@izsto.it 1 Aspetti normativi Cosa tratteremo

Dettagli

di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro

di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro Polymerase Chain Reaction Inventata a metà degli anni 80 da Kary Mullis, è a tutt oggi uno strumento

Dettagli

INFINITI Fattore II Metodica

INFINITI Fattore II Metodica INFINITI Fattore II Metodica Per Uso Diagnostico In Vitro Solo per l'esportazione Prodotto da AutoGenomics, Inc., 2980 Scott Street, Vista, CA USA 92081 Rappresentante EU Autorizzato: BÜHLMANN Laboratories

Dettagli

Università degli Studi di Torino Dipartimento di Anatomia, Farmacologia e Medicina Legale Laboratorio di Scienze Criminalistiche.

Università degli Studi di Torino Dipartimento di Anatomia, Farmacologia e Medicina Legale Laboratorio di Scienze Criminalistiche. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Anatomia, Farmacologia e Medicina Legale Laboratorio di Scienze Criminalistiche Genetica Forense Sarah Gino SAL (STATO AVANZAMENTO LAVORI) Informazioni

Dettagli

LIFECODES HLA EZ Type test (A/B/C Low, DR/DQ Low)

LIFECODES HLA EZ Type test (A/B/C Low, DR/DQ Low) ISTRUZIONI PER L USO LIFECODES HLA EZ Type test (A/B/C Low, DR/DQ Low) REF LR-ABC, LR-DRDQ IVD 0843 Reagenti: ABC (303371) E-Gels (303370) DR/DQ (303372) ELENCO DEL CONTENUTO USO... 2 RIASSUNTO E SPIEGAZIONE...

Dettagli

Saggio MiSeqDx Cystic Fibrosis Clinical Sequencing Guida di consultazione

Saggio MiSeqDx Cystic Fibrosis Clinical Sequencing Guida di consultazione Saggio MiSeqDx Cystic Fibrosis Clinical Sequencing Guida di consultazione PER USO DIAGNOSTICO IN VITRO Introduzione 3 Informazioni preliminari 7 Flusso di lavoro del saggio 20 Preparazione del foglio campioni

Dettagli

Talenti multipli. Sistemi di termostatizzazione e miscelazione Eppendorf

Talenti multipli. Sistemi di termostatizzazione e miscelazione Eppendorf Talenti multipli Sistemi di termostatizzazione e miscelazione Eppendorf »I sistemi di termostatizzazione e miscelazione Eppendorf superano ogni aspettativa.«eppendorf offre una gamma di pregiati e affidabili

Dettagli

Corso di: GESTIONE FAUNISTICA. Prof. Bernardino Ragni

Corso di: GESTIONE FAUNISTICA. Prof. Bernardino Ragni Corso di: GESTIONE FAUNISTICA Prof. Bernardino Ragni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche Naturali Corso di laurea in Scienze Naturali LAUREA MAGISTRALE Caso di studio:

Dettagli

Dopo aver effettuato la PCR, all interno della soluzione oltre al tratto amplificato sono presenti: primers, dntps, Taq polimerasi e tampone di

Dopo aver effettuato la PCR, all interno della soluzione oltre al tratto amplificato sono presenti: primers, dntps, Taq polimerasi e tampone di Dopo aver effettuato la PCR, all interno della soluzione oltre al tratto amplificato sono presenti: primers, dntps, Taq polimerasi e tampone di reazione Inizialmente i 20 µl dell amplificato vengono

Dettagli

Elettroforesi in gel di Agarosio

Elettroforesi in gel di Agarosio Elettroforesi in gel di Agarosio Le molecole di DNA possono essere separate in base alla loro dimensione, facendole migrare attraverso una matrice polimerica sotto l attrazione di un campo elettrico 1

Dettagli

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici 1. L Analisi di restrizione di frammenti o RFLP (Restriction Fragment Lenght Polymorphism) di DNA comporta lo studio delle dimensioni dei frammenti di DNA

Dettagli

La reazione a catena della polimerasi (PCR) di Ofelia Leone e Vincenzo Mandarino

La reazione a catena della polimerasi (PCR) di Ofelia Leone e Vincenzo Mandarino La reazione a catena della polimerasi (PCR) di Ofelia Leone e Vincenzo Mandarino La Polymerase Chain Reaction (PCR) o reazione di amplificazione a catena è una tecnica che permette di amplificare una specifica

Dettagli

Metodi di analisi mutazionale

Metodi di analisi mutazionale Metodi di analisi mutazionale I metodi impiegati per l analisi di mutazioni o polimorfismi nel DNA genomico possono essere suddivise in due principali categorie: (1) metodi per individuare mutazioni note,

Dettagli

DOMANDA FREQUENTE: QUALE E LA FUNZIONE DI UNA CERTA PROTEINA? SI AUMENTA O SI DIMINUISCE L ESPRESSIONE DELLA PROTEINA

DOMANDA FREQUENTE: QUALE E LA FUNZIONE DI UNA CERTA PROTEINA? SI AUMENTA O SI DIMINUISCE L ESPRESSIONE DELLA PROTEINA DOMANDA FREQUENTE: QUALE E LA FUNZIONE DI UNA CERTA PROTEINA? OVERESPRESSIONE DELLA PROTEINA ESPRESSIONE ECTOPICA CON UN VETTORE DI ESPRESSIONE ABOLIZIONE DELLA ESPRESSIONE DELLA PROTEINA INTERFERENZA

Dettagli

PCR - Polymerase Chain Reaction. ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993).

PCR - Polymerase Chain Reaction. ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). End point PCR vs quantitative Real-Time PCR PCR - Polymerase Chain Reaction ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). Questa tecnica, utilizzando

Dettagli

Prodotti Elucigene QST*R Istruzioni per l uso

Prodotti Elucigene QST*R Istruzioni per l uso Prodotti Elucigene QST*R Istruzioni per l uso Prodotto Quantità Codice catalogo Elucigene QST*Rplusv2 50 test AN0PLB2 Elucigene QST*R 50 test AN003B2 Elucigene QST*R-XYv2 50 test AN0XYB2 Elucigene QST*R-13

Dettagli

Manuale PAXgene Blood RNA Kit

Manuale PAXgene Blood RNA Kit Manuale PAXgene Blood RNA Kit Versione 2 Il sistema PAXgene Blood RNA è costituito da una provetta per il prelievo ematico (PAXgene Blood RNA Tube) e dal kit per l estrazione acidonucleica (PAXgene Blood

Dettagli

Y Chromosome AZF Analysis System

Y Chromosome AZF Analysis System TECHNICAL MANUAL Y Chromosome AZF Analysis System 2800 Woods Hollow Rd. Madison, WI USA Dispositivo medico diagnostico in vitro MDSS GmbH Schiffgraben 41 30175 Hanover, Germania ISTRUZIONI PER L USO DEL

Dettagli

Linfoma a cellule B: Paragone tra due metodiche di Biologia Molecolare per una diagnosi più efficace

Linfoma a cellule B: Paragone tra due metodiche di Biologia Molecolare per una diagnosi più efficace Linfoma a cellule B: Paragone tra due metodiche di Biologia Molecolare per una diagnosi più efficace Linda Olsson Scuola Superiore Medico Tecnica Locarno Anno 2008/ 09 Lavoro di Diploma eseguito presso:

Dettagli

Immagine di una sequenza ben riuscita. Sequences troubleshooting

Immagine di una sequenza ben riuscita. Sequences troubleshooting Immagine di una sequenza ben riuscita. Sequences troubleshooting Sequenza fallita Reazione fallita: non presenta picchi definiti e ha un alto rumore di fondo. il primer non trova sito di annealing il DNA

Dettagli

AlphaReal BREAST Scheda Tecnica

AlphaReal BREAST Scheda Tecnica AlphaReal BREAST Scheda Tecnica A3 DS RT 607 ARBreast_01_2015.doc Pag. 1 di 5 Rev. 01 del Gennaio 2015 Prodotto: AlphaReal BREAST Codice prodotto: RT-607.05.20 / RT-607.10.20 N Tests: 5/10 tests Destinazione

Dettagli

ZytoLight SPEC ALK Dual Color Break Apart Probe

ZytoLight SPEC ALK Dual Color Break Apart Probe ZytoLight SPEC ALK Dual Color Break Apart Probe Z-2124-200 20 (0.2 ml) Z-2124-50 5 (0.05 ml) Per la rilevazione della traslocazione che coinvolge il gene ALK a 2p23 mediante ibridazione in situ fluorescente

Dettagli

LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR. Dott. Paolo Cascio

LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR. Dott. Paolo Cascio LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR Dott. Paolo Cascio Tecnica della reazione a catena della DNA polimerasi o PCR (Polymerase Chain Reaction) 1) Introdotta da Kary Mullis alla metà degli anni

Dettagli

Scegli il tuo abbinamento

Scegli il tuo abbinamento Scegli il tuo abbinamento Prodotti di consumo Eppendorf per PCR e qpcr »La professionalità richiede versatilità, specialmente nell uso della ragione.«prodotti di consumo per PCR di Eppendorf Ogni ricercatore

Dettagli

Dati di Validazione ring-test Clavibacter michiganensis subsp. michiganensis

Dati di Validazione ring-test Clavibacter michiganensis subsp. michiganensis Dati di Validazione ring-test Clavibacter michiganensis subsp. michiganensis Febbraio 2014 1 1 Metodi I metodi scelti per la validazione dei protocolli sono i seguenti: Tipo di saggio Metodi validati Componente

Dettagli

TheraScreen : K-RAS Mutation Kit Per la determinazione di 7 mutazioni nel gene K-RAS

TheraScreen : K-RAS Mutation Kit Per la determinazione di 7 mutazioni nel gene K-RAS Per la determinazione di 7 mutazioni nel gene K-RAS Destinato all'uso con Roche LightCycler 480 Real-Time PCR (Instrument II) (n. di catalogo: 05015278001) e con Applied BioSystems 7500 Real-Time PCR System

Dettagli

METODO DI PROVA INTERNO PER LA RICERCA DEL VIRUS DELL EPATITE A IN ALIMENTI, ACQUA E CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE seminested PCR

METODO DI PROVA INTERNO PER LA RICERCA DEL VIRUS DELL EPATITE A IN ALIMENTI, ACQUA E CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE seminested PCR Pag. 1 di 14 B. Bertasi M.N. Losio A. Petteni G. Varisco Correzione refusi: - range di temperatura termoblocchi, - preparazione del campione Prodotti vegetali (esclusi frutti di bosco) Inserimento molarità

Dettagli

VERBALE DI DETERMINA

VERBALE DI DETERMINA ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA SARDEGNA "G. Pegreffi" SASSARI VERBALE DI DETERMINA N. 834 del 23/09/2013 OGGETTO: Acquisto di un sistema PCR Real Time per il Laboratorio Microbiologia degli

Dettagli

Servizio colture primarie. Istruzioni per l uso di cellule epiteliali bronchiali umane

Servizio colture primarie. Istruzioni per l uso di cellule epiteliali bronchiali umane Servizio colture primarie Istruzioni per l uso di cellule epiteliali bronchiali umane Riassunto del procedimento Il metodo di coltura è basato su due fasi distinte: 1) Espansione del numero di cellule:

Dettagli

QUADERNO DI LABORATORIO PER GLI STUDENTI ESPERIMENTO A: NANOMATERIALI NATURALI

QUADERNO DI LABORATORIO PER GLI STUDENTI ESPERIMENTO A: NANOMATERIALI NATURALI QUADERNO DI LABORATORIO PER GLI STUDENTI ESPERIMENTO A: Nome dello studente: Data:.. NANOMATERIALI NATURALI OBIETTIVO: - Apprendere nozioni sui nanomateriali naturali - Interazione della luce con i colloidi

Dettagli

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca LA SICUREZZA IN LABORATORIO di F. Luca IN LABORATORIO NORME DI COMPORTAMENTO X. NON correre. NON ingombrare con gli zaini lo spazio intorno ai banconi di lavoro o in prossimità delle uscite X. NON mangiare

Dettagli

Saggio MiSeqDx Cystic Fibrosis Clinical Sequencing

Saggio MiSeqDx Cystic Fibrosis Clinical Sequencing PER USO DIAGNOSTICO IN VITRO N. di catalogo DX-102-1001: 6 corse, fino a 48 campioni per kit Uso previsto Il saggio MiSeqDx Cystic Fibrosis Clinical Sequencing Illumina è un sistema diagnostico in vitro

Dettagli

ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe

ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe Z-2015-200 Z-2015-50 20 (0.2 ml) 5 (0.05 ml) Per la rilevazione del gene umano HER2 e degli alfa-satelliti del cromosoma 17 mediante ibridazione in situ fluorescente

Dettagli

Analizzatore genetico ABI PRISM 3100. Guida per la preparazione del sito di installazione e per la sicurezza

Analizzatore genetico ABI PRISM 3100. Guida per la preparazione del sito di installazione e per la sicurezza Analizzatore genetico ABI PRISM 3100 Guida per la preparazione del sito di installazione e per la sicurezza Copyright 2001, Applied Biosystems For Research Use Only. Not for use in diagnostic procedures.

Dettagli

RT-PCR PER RICERCA DI VIRUS IFLUENZALI A

RT-PCR PER RICERCA DI VIRUS IFLUENZALI A METODO NAZIONALE STANDARD RT-PCR PER RICERCA DI VIRUS IFLUENZALI A VSOP 42 Emesso da Standards Unit, Department for Evaluations, Standards and Training Centre for Infections Revisione no: 1.2 Data di revisione

Dettagli

LOTTO 1 (indivisibile)

LOTTO 1 (indivisibile) LOTTO 1 (indivisibile) SISTEMA MACCHINA REATTIVI PER LA DIAGNOSI MOLECOLARE DI VIRUS, BATTERI E FUNGHI IN REAL TIME PCR 1. Obiettivi organizzativi del laboratorio: Gli obiettivi di organizzazione che il

Dettagli

III Esercitazione 14-15 gennaio 2015. Tampone buccale Estrazione DNA. Preparazione di gel di agarosio Elettroforesi

III Esercitazione 14-15 gennaio 2015. Tampone buccale Estrazione DNA. Preparazione di gel di agarosio Elettroforesi Corso di Laurea in Ottica e Optometria, Università di Padova Insegnamento di Biologia Dr. Stefania Bortoluzzi, Prof. David Baroni, Dr. Francesca Boaretto III Esercitazione 14-15 gennaio 2015 Sommario schematico

Dettagli

Metodi per il rilevamento degli OGM in matrici alimentari: principi ed i metodi di analisi basati sulla ricerca del DNA e delle proteine

Metodi per il rilevamento degli OGM in matrici alimentari: principi ed i metodi di analisi basati sulla ricerca del DNA e delle proteine Università degli Studi del Piemonte Orientale A. Avogadro CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN LEGISLAZIONE ALIMENTARE Metodi per il rilevamento degli OGM in matrici alimentari: principi ed i metodi di analisi

Dettagli

Tecniche Diagnostiche molecolari

Tecniche Diagnostiche molecolari Tecniche Diagnostiche molecolari Tecniche di Biologia Molecolare La scoperta che il DNA è alla base di tutte le funzioni della cellula ha aperto la strada allo sviluppo di una disciplina denominata biologia

Dettagli