STAZIONE CONCORDIA CONCORDIA STATION

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STAZIONE CONCORDIA CONCORDIA STATION"

Transcript

1 PROGRAMMA NAZIONALE DI RICERCHE IN ANTARTIDE STAZIONE CONCORDIA Rapporto sulla Campagna Antartica Inverno Australe 2010 CONCORDIA STATION Activity Report on the Antarctic Campaign Winter 2010 DC-06 ANT 11/03

2

3 INDICE Introduzione... 3 Winterover Concordia 2010 (DC-06), Jean François Vanacker... 5 Rapporto medico, Rosa Forgittoni Glaciologia, Daniele Karlicek Osservatorio Meteo-climatico e Fisica dell Atmosfera, Lorenzo Moggio IPEV Program #903 - DC Chimie IPEV Programs #905 - MAGNE and #906 - SISMO, Jean François Vanacker IPEV Program #908 - AstroConcordia IPEV Program # ASTEP IPEV Program # GEOWAVES The ESA Projects in Concordia, Ales Rybka... 63

4

5 Introduzione Introduzione Il presente rapporto si riferisce alle attività condotte presso la Stazione scientifica Concordia nel corso dell inverno australe Com è noto Concordia è una stazione scientifica realizzata e gestita congiuntamente dal Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (PNRA) italiano e dall Institut Polaire Paul Emile Victor (IPEV) francese. La collocazione sull altipiano glaciale antartico a S e E, ad oltre 1000 km dalla costa e ad una quota di 3230 metri s.l.m. rende il sito della Stazione uno dei più remoti ed inospitali del pianeta ed al tempo stesso luogo ambito per talune ricerche scientifiche, osservazioni meteorologiche ed astronomiche. La Stazione è stata aperta nel 2005 e da allora è rimasta ininterrottamente operativa estate ed inverno. Mentre nei mesi dell inverno australe l equipaggio della Stazione vive in completo isolamento, nei mesi estivi, tra novembre e i primi di febbraio, si ha una sovrapposizione dell equipaggio che lascia la Stazione dopo avervi trascorso un inverno e dell equipaggio che va a prendere in consegna la Stazione per l inverno seguente. A tali gruppi si sommano i ricercatori e i logistici che lavorano a Concordia e nelle installazioni circostanti (denominate nel loro complesso Campo estivo di Dome C) nel corso dell estate australe. Mentre le attività relative al periodo estivo trovano la loro descrizione all interno del cosiddetto Rapporto di Spedizione, quelle relative al periodo invernale sono raccolte in una serie separata di rapporti di cui il presente Rapporto è il sesto da quando la Stazione è operativa. La campagna invernale oggetto del presente Rapporto, denominata DC-06, ha avuto inizio il 6 febbraio 2010 ed ha avuto termine il 17 novembre Cenni generali sull andamento della Campagna possono essere trovati nella relazione del Capo spedizione, J.F. Vanacker. L equipaggio era composto di 13 persone. Nominativi, qualifiche ed affiliazioni dell equipaggio possono essere trovati nella relazione del medico di spedizione, R. Forgittoni. Le attività scientifiche formano l oggetto di relazioni separate e sono descritte talvolta direttamente dal responsabile della ricerca, talvolta da chi, opportunamente istruito, ha condotto in campo serie di operazioni e misure previste da altri. Come riportato nella pagine seguenti, le relazioni sono state lasciate nella lingua originale, vale a dire l italiano, il francese o l inglese, ciò che riflette l internazionalità della Stazione. Rimane anche una certa disomogeneità nelle relazioni scientifiche, in quanto alcuni dei relatori si sono premurati di illustrare sinteticamente al non specialista lo scopo e i risultati della ricerca svolta, altri hanno piuttosto dato alla propria relazione il carattere di resoconto di azioni compiute. In un caso e nell altro si ritiene che le informazioni contenute complessivamente nel presente Rapporto siano preziose e lo saranno ancora di più a distanza di tempo. Le ricerche condotte durante DC-06 hanno costituito per lo più la continuazione di ricerche precedenti ed hanno riguardato principalmente la glaciologia, la fisica dell atmosfera, il campo magnetico terrestre e le perturbazioni del campo magnetico indotte dal flusso solare, e l astronomia. Le complesse interazioni tra l atmosfera ed il manto nevoso (vedi relazione di D. Karlicek) permettono di ricavare molte informazioni di natura glaciologica e climatologia; in particolare contribuiscono ad una migliore interpretazione delle analisi delle carote di ghiaccio del progetto EPICA. L astronomia, come è noto, si avvale delle condizioni atmosferiche eccezionalmente favorevoli esistenti a Dome C. Giunta praticamente alla sua fase terminale la qualificazione del sito (v. relazione di K. Agabi), le misure astronomiche vere e proprie hanno cominciato a dare i primi risultati interessanti quali l osservazione di stelle pulsanti e la rivelazione, per ora preliminare, di pianeti al di fuori del sistema solare. Come già in passato, la piccola comunità di esseri umani costretta a vivere negli spazi ristretti di Concordia, circondata dal buio e dal gelo invernale, e con ridotte interazioni con l esterno, si è prestata ad uno studio a sé, con numerosi aspetti fisiologici e psicologici possibilmente estendibili a missioni spaziali (vedi relazione di A. Rybka). Dal punto di vista climatico, l inverno è stato particolarmente rigido ed è stata toccata la temperatura minima di -84,7 C (14 agosto 2010, 00:35 LT); questo valore rappresenta un record da quando vengono misurate le temperature a Dome C, ossia dal 1982, quando già operava sul sito una stazione meteo automatica USA. Quasi in concomitanza con il minimo di temperatura, anche la pressione atmosferica di Dome C ha toccato un minimo: 607,7 hpa (13 agosto), che pure rappresenta un record dal In sostanza la campagna DC-06 non si è scostata di molto dallo schema delle precedenti e non si sono dovuti registrare fatti di particolare rilevanza. Dalle relazioni individuali si ricava la sensazione che il personale abbia trascorso l inverno 2010 senza incontrare grosse difficoltà e con molte soddisfazioni.

6 I partecipanti alla Campagna invernale 2010 (DC-06) - Foto di Rosa Forgittoni Introduzione

7 Winterover Concordia 2010 (DC-06) WINTEROVER CONCORDIA 2010 (DC-06) Jean François Vanacker, IPEV Prologue Pour la seconde fois en l espace de trois années j ai eu le privilège de diriger la Base de Concordia. Dans mon précédent rapport j énonçais le rôle et les devoirs du chef de station tels que je les percevais. C était la ligne de conduite que je m étais fixée en 2008 et à laquelle je n ai pas dérogé en Si les missions se suivent, en revanche elles ne se ressemblent absolument pas. Cette théorie, un peu simpliste, a pu être vérifiée cette année encore. Sans ces principes de base, que je me suis astreint à respecter, la mission eut pu être bien différente. La Mission Après une autre campagne d été bien chargée, la dernière équipe des campagnards quitta Concordia le samedi 6 février. Cette date marqua officiellement le début du sixième hivernage. À peine une semaine plus tard Djamel Mekarnia fit un malaise qui nous mit dans l embarras. Le diagnostique médical de nos deux médecins étant plutôt pessimiste, il fallait réagir très vite. Je pris donc la résolution de contacter les deux Directeurs et de demander un rapatriement sanitaire vers l Australie. Par chance l Australian Antarctic Division disposait encore sur le continent d avions prêts à décoller pour l Australie. Après quelques tractations téléphoniques, les australiens rééquipèrent un de leurs appareils qu ils mirent à notre disposition pour l évacuation de notre collègue. Un autre problème se vérifia en juillet quand des premiers symptômes de défaillance des moteurs apparurent. Plus nous avancions dans le temps et plus nous découvrions de problèmes, tant que pratiquement tous les moteurs étaient concernés. Les problèmes d énergie nous amenèrent à faire du quart à la centrale durant quelques jours. La situation redevint quasiment nominale en couplant deux moteurs. Vint ensuite le moment de préparer la Station pour la campagne d été. Je pris en charge la planification de toutes les tâches afin d être certain de tenir le calendrier. Malgré des vents violents en fin d hivernage nous avons mené à bien cet agenda. Il ne nous restait plus qu à attendre l arrivée des premiers campagnards. Conseils Il apparut clairement cette année que le talon d Achille de la Station était la centrale électrique. Nous eûmes à déplorer pas moins de 43 blackouts au cours de l hivernage et une consommation excessive de fuel. Il y a deux raisons à cela, des températures extrêmement basses sur de longues périodes et des programmes scientifiques plus nombreux. Si nous ne pouvons pas faire grand-chose pour pallier au premier problème, en revanche nous sommes tout à fait capables d obvier au second. Les groupes arrivant en limite de leur capacité, un remplacement par de plus puissants s impose. Je pense que la politique de distribution d énergie doit être parallèlement revue. À ce jour, nous disposons de trois groupes à la centrale plus un groupe de secours. Chacun des moteurs de la centrale alimente la Station ainsi que la science (principalement les divers abris scientifiques). En cas de panne sur les trois moteurs, comme cela faillit se produire cet hiver, nous basculons sur le groupe de secours. Ce dernier ne pouvant alimenter que la Station, nous sommes alors contraints de stopper les programmes scientifiques. Je crois qu il serait bon de dédier un groupe à la science et un à la Station. Le tout en gardant la possibilité de pouvoir alimenter science et Station avec un seul et même groupe en cas de situation extrême. Evidemment la consommation excessive liée à ce genre de solution reste un handicap. Nous pouvons peut-être envisager de développer en parallèle l énergie solaire à Concordia. L expérience des stations sismiques disposées à l extérieur de la base montre que cette solution est pérenne. Avec de bonnes batteries et malgré la période de non ensoleillement ces stations ne restent inactives que 82 jours. Le second point que j aimerais aborder ne représente pas un gros investissement et est plutôt d ordre pratique. Le nettoyage de la Station n est pas toujours chose très simple. Surtout lorsqu il s agit des toits des containers sur lesquels sont entreposés câbles et matériel de ce genre. Un hangar ouvert aux vents, couvert et sur pilotis pour l entrepôt des matériaux lourds serait une solution idéale à nos problèmes. Le troisième point concerne les cuisiniers. Nous accueillons de plus en plus de personnes durant les campagnes d été, ce qui rend la tâche de nos chefs de plus en plus lourde. La présence de trois cuisiniers durant cette période, du moins jusqu à la première semaine de janvier serait la bienvenue. Enfin il serait bon d éviter d avoir en hivernage du personnel ayant un régime alimentaire particulier. Cela pose de gros problèmes pour le cuisinier. Enfin le dernier point concerne la chaine de diffusion des messages et les contacts entre les permanents des deux Directions et le personnel hivernant. Il est impératif que le chef de Station soit informé de tout, 5

8 Winterover Concordia 2010 (DC-06) comme sur un navire. Cela évite d être confronté à des situations du type de celle rencontrée au Bureau Technique (BT) cette année. Epilogue Malgré les problèmes relationnels rencontrés au sein de l équipe technique, l hivernage fut une réussite parce que les difficultés du BT sont restées internes à l équipe. J ai été une fois de plus entouré par une majorité de gens extraordinaires. Ensemble nous avons traversé des périodes difficiles et partagé des moments inoubliables. Pour ces raisons DC-06 restera gravé à jamais dans les mémoires de certains. Je veux saluer les deux Directeurs pour leur prise de décision rapide lors du rapatriement de Djamel Mekarnia et pour le soutien qu ils m ont apporté dans cette affaire. Je tiens à remercier les Directions du PNRA et de l IPEV de m avoir, pour la seconde fois, accordé leur confiance et permis de vivre une aventure merveilleuse avec des gens exceptionnels. Enfin je leur sais gré de m avoir permis de garder mes fonctions de Station Leader durant la campagne d été. Cette seconde expérience à Concordia ayant été pour moi plus que positive, je reste disponible pour un troisième hivernage ou une campagne d été si besoin est. 6

9 Winterover Concordia 2010 (DC-06) Annexe A : Suivi météorologique 7

10 Winterover Concordia 2010 (DC-06) Annexe B : Suivi consommations d eau de fuel et de la puissance consommée 8

11 9 Winterover Concordia 2010 (DC-06)

12 10 Winterover Concordia 2010 (DC-06)

13 11 Winterover Concordia 2010 (DC-06)

14 12 Winterover Concordia 2010 (DC-06)

15 13 Winterover Concordia 2010 (DC-06)

16 14 Winterover Concordia 2010 (DC-06)

17 Rapporto medico RAPPORTO MEDICO Rosa Forgittoni La campagna invernale ha avuto ufficialmente inizio il 7 febbraio 2010 ed è terminata con l arrivo del primo volo, avvenuto il 17 novembre L equipe degli invernanti è formata da 13 persone, di cui 12 maschi e una femmina, sei italiani, sei francesi, uno proveniente dalla Repubblica Ceca. Di questi, 6 sono ricercatori e 7 hanno funzioni di supporto logistico. Il previsto 14 componente, francese, Mekarnia Djamel, è stato rimpatriato all inizio della campagna invernale, per un emergenza sanitaria, esattamente il 16 febbraio. Componenti della spedizione dell inverno 2010 (DC-06) Nome Qualifica Età Datore di Nazione lavoro Agabi Karim Astronomo 46 IPEV Francia Bambini Alessandro Elettricista 58 PNRA Italia Deidda Giorgio Cuoco 32 PNRA Italia Forgittoni Rosa Medico 61 PNRA Italia Karlicek Daniele Glaciologo 38 PNRA Italia Lafont Sylvain Fisico dell'atmosfera 24 IPEV Francia Leforestier Arthur Capo tecnico 29 IPEV Francia Moggio Lorenzo Fisico dell'atmosfera 26 PNRA Italia Moysan Jean-Marie Idraulico 25 IPEV Francia Padovan Boris Informatico 35 PNRA Italia Rouy Christophe meccanico dei mezzi 41 IPEV Francia Rybka Ales Medico ESA 29 ESA IPEV Repubblica Ceca Vanacker Jean-François Capo spedizione 51 IPEV Francia ATTIVITÀ MEDICA Visite Di tutti i partecipanti era disponibile una cartella clinica completa di anamnesi ed esami clinici di laboratorio e psico-attitudinali, effettuati prima della partenza. Ad ognuno è stato effettuato un controllo mensile degli esami ematochimi ed emocromocitometrici. L apparecchio in dotazione, utilizzato per eseguire tali analisi è il Reflotron, che permette una loro facile e veloce esecuzione. L uso periodico delle strisce reattive per attività di monitoraggio dello stato di salute del personale ne ha comportato un consumo superiore rispetto alla dotazione prevista. Si è, pertanto, dovuto ricorrere all uso di strisce scadute anche in considerazione della verifica di sufficiente attendibilità effettuata dal Dott. Rainis durante l inverno DC4. I controlli sistematici dei parametri vitali (PA, FC, po2, peso corporeo) hanno permesso di monitorizzare l andamento ponderale di ogni individuo, ognuno dei quali ha raggiunto e conservato un adeguato peso forma. Alcuni soggetti con un esuberanza iniziale di peso, hanno realizzato un notevole calo (20 kg), fino al raggiungimento di un ottimo peso forma. All inizio e alla fine della stagione è stato eseguito, per ognuno, un esame ECGrafico, risultato per tutti nei limiti della normalità. Disturbi del sonno, che hanno accompagnato la maggior parte dei soggetti durante tutta la stagione, sono stati ovviati per la maggior parte dall assunzione di scorte personali di Melatonina; solo sporadicamente si è ricorso alla somministrare di bassi dosaggi di benzodiazepine. Il ritmo sonno-veglia è stato per lo più mantenuto dall osservanza degli orari dei pasti, rispettati da tutti per l intero periodo, a eccezione di una persona che, per esigenze di lavoro, era costretta a espletare il suo lavoro durante le ore notturne. Le 4 lampade EnergyLight (Philips), simulanti la luce del giorno, sono state utilizzate solo da alcuni, nei propri laboratori o nelle proprie stanze, non essendo gradito, dalla maggior parte, il loro posizionamento nei luoghi comuni. A livello psico-comportamentale, non si sono avuti problemi tali da compromettere i rapporti interpersonali e l armonia del gruppo che, con grande tolleranza e intelligenza ha saputo affrontare e superare i momenti di conflitto, inevitabilmente presenti. Durante tutto il periodo di isolamento non si sono presentate malattie, né incidenti gravi; l incidenza di patologie è stata la seguente: 15

18 Rapporto medico Visite effettuate dal 7 febbraio all 16 novembre 2010 Afta gengivale 1 Cefalea 2 Colite spastica 1 Congestione nasale 3 Congiuntivite 2 Disidratazione 1 Faringite 1 Ferite 2 Frostbites e ustioni da freddo 3 Gastroenterite 1 Gengivite 1 Gonalgia 1 Insonnia 4 Mialgia dorsale 1 Odontoiatrico 2 Otite 1 Lombosciatalgia 3 Perdita di coscienza (anemia-evacuazione) 1 Pubalgia 1 Trauma spalla * 1 Ulcera interdigitale piede 1 * Il trauma della spalla, avvenuto il 4 febbraio 2010, alla fine della stagione estiva, ha necessitato di un referto tardivo per la recrudescenza della sintomatologia, sottovalutata dallo stesso infortunato al momento dell evento, e che in seguito ha dimostrato esiti dolorosi e di limitazione funzionale. Non è stato mai necessario ospedalizzare alcuno, né eseguire alcun intervento chirurgico. Farmaci La maggior parte dei farmaci e presidi scaduti sono stati confezionati, catalogati e spediti al macero, alla fine della precedente stagione estiva. Una cassa sigillata con farmaci e materiale sanitario di scorta per eventuali emergenze, debitamente controllata e aggiornata durante la stagione estiva precedente, è rimasta collocata nella centrale radio del campo estivo. Farmaci utilizzati dal 7 febbraio all 16 novembre 2010 Acetilcisteina 2 Analgesici (Metamizolo Novalgina) 3 Antiacidi (Magnesio Idrossido - Maalox) 14 Antibiotici os 16 Antidiarroici (Loperamide Imodium) 8 Anti H2 (Antra, Ranidil, Zantac) 10 Antisettici cavo orale (Benagol) 3 Antispastici (Joscina butilbromuro Buscopan) 1 ASA (Aspirina) 1 Colliri vari 2 Elettrolitica 500ml 6 FANS 19 Integratori (Polase) 8 scat. Lormetazepan (Minias) 1 sc. Miorilassanti (Tiocolchisoside Muscoril) 12 Mucolitici (Bromexina cloridrato - Bisolvon) 1 Paracetamolo 2 Pomate antireumatiche varie 5 Rinobalsamici 9 Vitaminici (Cebion) 21 16

19 Rapporto medico Telemedicina All inizio della stagione invernale è stato contattato il seguente indirizzo chiedendo collaborazione per eventuale supporto medico: Ci è stata garantita totale disponibilità ma non è mai stato necessario ricorrervi. Inventario Nel mese di giugno 2010 è stato redatto e inviato un inventario completo dei farmaci e dei presidi, riveduto, aggiornato e inviato nel mese di settembre Elettromedicali e presidi - Dalla esauriente relazione compilata dal Dr. Rainis, medico del DC04, si era evidenziato come l apparecchio di anestesia, pur molto sofisticato, mal si adatta all alta quota di Dome C e si rappresenta la necessità di acquistare un apparecchio elettrico. - L apparecchjo monitor defibrillatore è stato trovato ed è risultato perfettamente funzionante. - Un nuovo apparecchio radiologico è stato acquistato e consente l acquisizione di immagini radiografiche in assoluta sicurezza. - I due pulsiossimetri in dotazione sono funzionanti. - Il manipolo dell ultrasuono della sedia dentistica non è stato funzionante per tutta la stagione invernale; la sua sostituzione è avvenuta con l arrivo del primo aereo, in data 17 novembre Alla stessa relazione si fa riferimento per ciò che concerne i lavori strutturali suggeriti, al fine di rendere gli ambienti della zona sanitaria più conformi e agevoli. Formazione e attività di ricerca La formazione per l addestramento al primo soccorso è stato eseguito con impegno e regolarità, anche con l aiuto di un manichino fornito dall Università di Mainz, per le ricerche assegnate al Dr. Ales Rybka (ESA), con il quale si è avuta una collaborazione completa e costante anche nell esecuzione dei programmi di ricerca a lui affidati (allegato - relazione del Dr. Rybka). All inizio del programma di formazione è stata costituita un equipe con l affidamento di compiti specifici. Gli argomenti trattati, di natura teorica e pratica, supportati anche dalla visione di filmati, sono stati: - Basic Life Support (BLS). - Sala operatoria: strumenti e loro utilizzo: - principi di asepsi, - lavaggio delle mani, - abbigliamento, - preparazione sterile del tavolo operatorio. - Conoscenza delle autoclavi (Andromeda, Klasse B): - sterilizzazione degli strumenti. - Patologie da freddo: - ipotermie, geloni. - Ustioni. - Defibrillazione elettrica. A causa delle basse temperature del luogo, e anche avvalendosi dell esperienza dei colleghi che hanno effettuato le precedenti stagioni invernali, non si è ritenuto opportuno effettuare simulazioni di pronto soccorso all esterno della Base. Considerato il più grave e imminente pericolo di ipotermia, la sola raccomandazione utile è stata quella di provvedere al veloce trasferimento all interno dell eventuale infortunato. Alimentazione Per tutto il periodo invernale l alimentazione è stata varia e completa; attraverso un opportuno trattamento di conservazione di ortaggi, legumi e frutta, si è potuto usufruire degli stessi per l intera stagione, senza necessità di compensare con complessi vitaminici o integratori di alcun genere. Soltanto alcuni soggetti, che dedicavano molte ore settimanali ad attività fisica, hanno richiesto l apporto di integratori, gli unici disponibili: Polase e Vitamina C. L inventario delle derrate alimentari, poste nei locali del campo estivo (non riscaldati durante l inverno) e nei container esterni, di fronte alla Base, è risultato lungo e difficoltoso, sia a causa del buio che delle temperature a cui si era costretti a lavorare. Da sottolineare che pressoché tutti i contenitori degli alimenti da inventariare si presentavano aperti e manipolati, rimaneggiamento probabilmente avvenuto durante il periodo estivo, con il semplice intento di curiosare. Sarebbe pertanto opportuno un controllo più adeguato, al fine di impedire l accesso ai depositi alimentari ai non preposti e facilitare così il compito, già di per sé ostile, degli addetti. 17

20 Rapporto medico Durante tutto l inverno non c è stato abuso di alcool, ma solo modico uso di vino e birra durante i pasti, soprattutto in occasione di cene a tema o ricorrenze di compleanni. La presenza di soli tre fumatori, non ha disturbato eccessivamente l ambiente. Una nota a parte, anche se non dovuta, riguarda l eccessivo consumo di alcol e il grande inquinamento da fumo di sigarette durante la stagione estiva. L insufficiente potenza della pompa di aspirazione del work shop, unico locale in cui sia permesso fumare, non consente un'emissione completa del fumo, che pertanto si espande per tutti i locali della Base, con grave disappunto e insofferenza tra il personale non fumatore. Sarebbe opportuno il divieto totale, a salvaguardia della salute e dell ambiente. Nel corso della permanenza invernale non vi è stato abuso di bevande alcoliche, dato evidenziato anche nel corso dell inverno precedente, al punto che si è verificato un accumulo delle dotazioni che al momento riempiono un intera stanza del magazzino della Base. Igiene Per tutto il periodo, con l osservanza dei turni di pulizia giornalieri e settimanali, si sono mantenuti puliti e in ordine tutti i locali comuni. Ognuno ha provveduto al riassetto della propria stanza, secondo abitudini, capacità e preferenze. Progetto scuole Nell ambito del progetto AUSDA (Adotta Una Scuola Dall Antartide), organizzato dal PNRA, è stato adottato il Liceo scientifico Paolo Ruffini di Viterbo che ha scelto come tema di ricerca L'Antartide come ecosistema. Prima della partenza è stata fatta una visita nella suddetta scuola, al fine di presentare l attività del PNRA e l ambiente antartico. In seguito, attraverso contatti , si è risposto alle domande degli studenti, apportando documentazioni scientifiche concernenti il tema in questione. Purtroppo il progetto non è stato realizzato appieno, non avendo ricevuto risposte, né alcun tipo di riscontro dell attività svolta da parte della scuola. Videoconferenze e Teleconferenze Sono state effettuate: - una videoconferenza con la Presidenza della Repubblica, in occasione del 25 della fondazione del PNRA; - due videoconferenze, con una scuola di Amalfi e una scuola di Venosa (Potenza); - una videoconferenza con l Istituto Nazionale di Geofisica; - una teleconferenza con una scuola di Desenzano del Garda; - una teleconferenza con l ESA. I risultati di tali collegamenti non sono stati sempre soddisfacenti, soprattutto là dove la lungaggine di inutili discorsi da parte degli organizzatori e di alcune autorità presenti non ha permesso un dialogo utile e costruttivo con gli alunni delle scuole che avrebbe invece dovuto essere lo scopo effettivo del collegamento. Utile e produttivo è stato il collegamento telefonico con la scuola di Desenzano del Garda: gli alunni hanno potuto rivolgere domande a tutti i componenti e il dialogo si è svolto in un clima di grande interesse e cordialità, con estrema soddisfazione di entrambe le parti intervenute. 18

21 Glaciologia GLACIOLOGIA Daniele Karlicek, Dip. di Geoscienze Università di Trieste Introduzione L attività condotta durante l inverno a Dome C (febbraio novembre 2010) si inserisce nell ambito di una collaborazione tra i settori di Glaciologia (avente come progetti di riferimento il 1181 AIR GLACS e il 1144 MAPME-DOMEX) e di Fisica dell Atmosfera ed ha come scopo principale lo studio delle interazioni atmosfera-neve, attraverso il campionamento e la caratterizzazione chimica di aerosol, neve superficiale ed hoar. Le variazioni delle concentrazioni atmosferiche, della composizione chimica e dei parametri fisici (dimensione e struttura delle particelle) dell aerosol che raggiunge le aree interne dell Antartide, infatti, fornisce importanti informazioni sulle principali fonti naturali primarie (es. erosione crostale, spray marino) e secondarie (es. emissioni biogeniche oceaniche, reazioni fotochimiche nell atmosfera), sui meccanismi di trasporto a scala regionale, sulle reazioni di trasformazione troposferica e sui processi di dilavamento e scavenging (wet e dry deposition) del particolato atmosferico. Inoltre, gli studi paleo-climatici e paleoambientali condotti attraverso l analisi di carote di ghiaccio, con particolare riguardo alle perforazioni di EPICA, richiedono una buona conoscenza degli odierni processi di produzione e trasporto di aerosol atmosferici e dei processi che avvengono all interfaccia aria-neve per poter ricostruire in maniera affidabile la composizione delle paleo-atmosfere e per identificare e comprendere le risposte dei sistemi ambientali (ciclo idrologico delle aree continentali, produttività biologica marina, sistemi di circolazione atmosferica ed oceanica) alle forzature climatiche. La caratterizzazione fisico-morfologica dei cristalli di precipitazione atmosferica e del manto nevoso, inoltre, costituisce un importante complementarità ed una fonte di completezza per quanto riguarda i dati provenienti da misure satellitari e strumentali (albedo, emissione IR, assorbimento UV, ecc.), oltre a costituire un parametro fondamentale per la comprensione dei processi che avvengono all interfaccia neve-atmosfera e per una corretta interpretazione dei record paleo climatici. Qui di seguito, sono dettagliatamente descritte le diverse attività condotte durante l inverno Campionamento di aerosol atmosferico I campionamenti di aerosol atmosferico sono stati condotti con la strumentazione installata nello shelter Glacio, posto a 800 metri in direzione sud-ovest dalla Base Concordia, sopra a vento rispetto alla direzione dei venti dominanti, così da minimizzare la contaminazione dei filtri da parte di masse d aria provenienti dalle attività antropiche della Base. I filtri in Teflon per la raccolta dell aerosol sono stati sottoposti ad un lavaggio con acqua ultrapura prima dell esposizione. Dopo ogni ciclo di campionamento, anche i vari supporti porta-filtro sono stati lavati con acqua ultrapura. I filtri, dopo il campionamento, sono stati riposti in capsule Petri, opportunamente lavate con acqua ultrapura, sigillati in buste di polietilene, catalogati e stoccati in casse coibentate in un container all esterno della Base, in attesa della spedizione agli istituti di competenza per essere analizzati. In particolare, sono state effettuate le seguenti tipologie di campionamento: PM 10 con frequenza giornaliera Il PM 10 (Particulate Matter lower than 10 µm) è stato raccolto su filtri in Teflon da 47 mm (efficienza > 99.6% per particelle con diametro aerodinamico equivalente di 0.3 µm), ad un flusso d aspirazione costante di 38,3 L/min. Il tempo di campionamento è stato di 24 ore per ogni filtro. L elevata risoluzione temporale permetterà di evidenziare processi di trasporto atmosferico rapido di marker chimici di particolato proveniente da erosione crostale, spray marino e attività biologica oceanica. Il campionatore utilizzato è un Echo PM Tecora, con una pompa a palette di grafite. Nel periodo febbraio-novembre 2010 sono stati effettuati 293 campionamenti di PM10 giornaliero PM 10 con frequenza di 4 giorni Anche per questo tipo di campionamento sono stati usati filtri in teflon da 47 mm e un flusso di aspirazione costante di 38,3 l/min, ma il tempo di campionamento di ciascun filtro è stato aumentato a 96 ore. La maggiore quantità di particolato raccolto, grazie al più lungo periodo di campionamento, potrà permettere la caratterizzazione chimica completa dei componenti presenti nell aerosol atmosferico di Dome C, anche a livello di tracce. Il campionatore utilizzato è un Echo PM Tecora, con una pompa a palette di grafite. Nel periodo febbraio-novembre 2010 sono stati effettuati 76 campionamenti di PM10 4-giorni Aerosol atmosferico su 4 classi dimensionali (Dekati) L aerosol è stato raccolto su filtri montati in serie in un impattore inerziale a 4 stadi Dekati. Sfruttando la particolare geometria del sistema di campionamento, è possibile suddividere il particolato atmosferico in funzione del diametro aerodinamico equivalente delle particelle, in quattro classi dimensionali: 1. particolato con diametro aerodinamico equivalente maggiore di 10 µm; 19

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Fisica dell Atmosfera e del Clima Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Dettagli

LE CAPPE DI SICUREZZA BIOLOGICHE

LE CAPPE DI SICUREZZA BIOLOGICHE LE CAPPE DI SICUREZZA BIOLOGICHE USO IN SICUREZZA, VERIFICHE E MANUTENZIONI PERIODICHE Incontro con il Dipartimento di Medicina Sperimentale 24 aprile 2008 Settore Prevenzione e Protezione Classificazione

Dettagli

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 Macchina o insieme di macchine asservite nella manipolazione del materiale o nell esecuzione delle lavorazioni

Dettagli

ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO

ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO FONDAZIONE PER IL CLIMA E LA SOSTENIBILITA 1 Ver. 1.1 ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO Gaetano Zipoli Firenze, Luglio

Dettagli

Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: sezbo@arpa.emr.

Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: sezbo@arpa.emr. Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: sezbo@arpa.emr.it Servizio Sistemi Ambientali Bologna Area Monitoraggio

Dettagli

Rapporto N. H.0611.S.393.EMCP-Produzione

Rapporto N. H.0611.S.393.EMCP-Produzione INTRODUZIONE Da alcuni anni si è diffusa l abitudine di riscaldare fabbricati industriali con i pannelli radianti a pavimento. La nostra associazione EMCP di produttori di pannelli radianti a soffitto

Dettagli

Anti-frammischiamento nel settore Farmaceutico

Anti-frammischiamento nel settore Farmaceutico Anti-frammischiamento nel settore Farmaceutico Premessa L industria ha la necessità di identificare e rintracciare i prodotti finiti ed i propri componenti. Questa esigenza è in continua crescita ed è

Dettagli

RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine

RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine Descrizione Generale del Sito L allevamento è situato in zona a destinazione agricola (vedere classificazione

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

Caratterizzazione morfologica e chimica di polveri fini in alcune realtà umbre

Caratterizzazione morfologica e chimica di polveri fini in alcune realtà umbre Caratterizzazione morfologica e chimica di polveri fini in alcune realtà umbre Progetto Ottobre 2007 1 Pag / indice 03 / INTRODUZIONE 03 / OBIETTIVI DEL PROGETTO 04 / PROGRAMMA ATTIVITÀ Gruppo di Lavoro

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

7.2 Controlli e prove

7.2 Controlli e prove 7.2 Controlli e prove Lo scopo dei controlli e delle verifiche è quello di: assicurare che l ascensore sia stato installato in modo corretto e che il suo utilizzo avvenga in modo sicuro; tenere sotto controllo

Dettagli

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl Serie CF3q < Apparecchiatura di controllo di fiamma > SAITEK srl www.saitek.it info@saitek.it Casalgrande (RE) ITALY Tel. +39 0522 848211 Fax +39 0522 849070 CONTROLLO DI FIAMMA SERIE C F 3 Q pag. 1 di

Dettagli

Le Basi Scientifiche. Mappa delle basi di ricerca in Antartide (fonte COMNAP) Un campo remoto

Le Basi Scientifiche. Mappa delle basi di ricerca in Antartide (fonte COMNAP) Un campo remoto L Antartide non ha abitanti indigeni; remoto e inospitale è stato l ultimo continente ad essere scoperto. Ad oggi gli unici esseri umani che vi si recano sono i turisti e gli equipaggi dei pescherecci

Dettagli

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG )

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG ) Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE Sito di monitoraggio: Lucera ( FG ) Periodo di osservazione: 5/2/21-11/3/21

Dettagli

Galileo Assistenza & Post Vendita

Galileo Assistenza & Post Vendita Galileo Assistenza & Post Vendita SOMMARIO PRESENTAZIONE... 2 AREE DI INTERESSE... 2 PUNTI DI FORZA... 2 Caratteristiche... 3 Funzioni Svolte... 4 ESEMPI.7-1 - PRESENTAZIONE Sempre più spesso ci si riferisce

Dettagli

TALIA GREEN HYBRID. Il comfort di una caldaia e l efficienza energetica di una pompa di calore.

TALIA GREEN HYBRID. Il comfort di una caldaia e l efficienza energetica di una pompa di calore. sistema ibrido caldaia a condensazione e pompa di calore TALIA GREEN HYBRID Il comfort di una caldaia e l efficienza energetica di una pompa di calore. Chaffoteaux presenta Talia Green Hybrid, un sistema

Dettagli

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO SAUNA FINLANDESE

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO SAUNA FINLANDESE ISTRUZIONI DI MONTAGGIO SAUNA FINLANDESE 1 Gentile cliente: Con lo scopo di aiutarla a conoscere meglio e ad usare in modo appropriato la nostra sauna, la preghiamo di leggere attentamente il manuale seguente.

Dettagli

Recupero, esame critico, omogeneizzazione ed analisi di serie storiche secolari italiane di dati meteorologici

Recupero, esame critico, omogeneizzazione ed analisi di serie storiche secolari italiane di dati meteorologici Recupero, esame critico, omogeneizzazione ed analisi di serie storiche secolari italiane di dati meteorologici M. Maugeri 1, M. Brunetti 2, L. Buffoni 3, F. Mangianti 4, F. Monti 1, T. Nanni 2, R. Pastorelli

Dettagli

LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE

LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE La norma CEI 64 8 per impianti elettrici utilizzatori prevede che prima di

Dettagli

BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000. Istruzioni operative

BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000. Istruzioni operative BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000 Istruzioni operative A.B.ENERGY S.r.l. Versione 001 www.abenergy.it Caratteristiche principali ABE_1000 analizzatore per Metano (CH4), Anidride

Dettagli

PREVENZIONE E GESTIONE EMERGENZE

PREVENZIONE E GESTIONE EMERGENZE Cava Medicea Inferiore e Cava Medicea Superiore PREVENZIONE E GESTIONE EMERGENZE Edizione numero 1 emessa nel mese di settembre 2015 Copia Nr.: CONTROLLATA NON CONTROLLATA Assegnata a Questa Procedura

Dettagli

MODULO PER LA GESTIONE DEI RESI

MODULO PER LA GESTIONE DEI RESI MODULO PER LA GESTIONE DEI RESI Clienti, prodotti, categorie merceologiche e stabilimenti di produzione. Difetti, tipologia difetti, test ed esiti finali di verifica. Raggruppamento dei test loro in schede

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino

Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino Antonella Pannocchia Arpa Piemonte La provincia di Torino nel contesto territoriale della pianura padana La provincia di Torino è

Dettagli

SIMT-POS 035 REV 1 TRASPORTO EMC

SIMT-POS 035 REV 1 TRASPORTO EMC 1 SIMT POS 035 REV 1 Trasporto EMC Prima Stesura 16/12/2014 Revisione 1 20102015 Redattori: Gasbarri, Rizzo SIMTPOS 035 REV 1 TRASPORTO EMC Indice 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI

Dettagli

Osservatorio Meteorologico Rifugio Fiori del Baldo 1850 metri - Monte Baldo Verona

Osservatorio Meteorologico Rifugio Fiori del Baldo 1850 metri - Monte Baldo Verona Osservatorio Meteorologico Rifugio Fiori del Baldo 1850 metri - Monte Baldo Verona La sicurezza viene dal cielo www.meteomontebaldo.it L Osservatorio meteorologico Rifugio Fiori del Baldo é situato a 1850

Dettagli

Lo Stabilimento di Ravenna

Lo Stabilimento di Ravenna Lo Stabilimento di Ravenna LE NOSTRE RISORSE Sin dalla costituzione EniPower ha adottato strutture organizzative snelle nell ottica di semplificare i processi operativi. Tutto il personale è stato coinvolto

Dettagli

SISTEMA DI ALLARME. Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0

SISTEMA DI ALLARME. Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0 SISTEMA DI ALLARME Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0 i s o p l u s IPS-DIGITAL-CU IPS-DIGITAL-NiCr IPS-DIGITAL-Software IPS-DIGITAL-Mobil IPS-DIGITAL isoplus Support

Dettagli

DESTRATIFICATORE INDUSTRIALE

DESTRATIFICATORE INDUSTRIALE Via della Repubblica, 1/c - 40057 Granarolo dell Emilia (BO) Tel. 051-6066593 - 6056846 - Fax. 051-761367 info@klimasistem.it - www.klimasiem.it DESTRATIFICATORE INDUSTRIALE L uso dei destratificatori

Dettagli

Un caso di bonifica acustica in ambiente industriale Andrea Cerniglia hilbert@venus.it

Un caso di bonifica acustica in ambiente industriale Andrea Cerniglia hilbert@venus.it Un caso di bonifica acustica in ambiente industriale Andrea Cerniglia hilbert@venus.it (Estratto da Antinquinamento, anno V N. 3, settembre 1998, Tecniche Nuove) Una traccia che mostra come sia possibile

Dettagli

NORMATIVE ISO 8573-1 DETERMINAZIONE DELLE CLASSI DEI CONTAMINANTI DELL ARIA COMPRESSA

NORMATIVE ISO 8573-1 DETERMINAZIONE DELLE CLASSI DEI CONTAMINANTI DELL ARIA COMPRESSA NORMATIVE ISO 8573- DETERMINAZIONE DELLE CLASSI DEI CONTAMINANTI DELL ARIA COMPRESSA La nostra azienda, al fine di dare un contributo a coloro che progettano o utilizzano sistemi pneumatici, vi propone

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL GRUPPO 2. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) ELETTROGENO PORTATILE

1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL GRUPPO 2. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) ELETTROGENO PORTATILE Unione 1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL GRUPPO ELETTROGENO PORTATILE La seguente scheda mostra le norme di sicurezza che deve seguire l operatore di un GRUPPO ELETTROGENO PORTATILE. Le norme qui di seguito

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

CAPITOLO 6 MISURE ORGANIZZATIVE

CAPITOLO 6 MISURE ORGANIZZATIVE Pagina 1 di 9 CAPITOLO 6 MISURE ORGANIZZATIVE Organizzazione del lavoro Contratti d appalto e contratti d opera Analisi, pianificazione e controllo Formazione ed informazione Partecipazione Documentazione

Dettagli

La ventilazione del traforo Internazionale del Gran San Bernardo Risultati delle verifiche prestazionali del sistema di ventilazione

La ventilazione del traforo Internazionale del Gran San Bernardo Risultati delle verifiche prestazionali del sistema di ventilazione GALLERIE E GRANDI OPERE SOTTERRANEE La ventilazione del traforo Internazionale del Gran San Bernardo Risultati delle verifiche prestazionali del sistema di ventilazione Roberto ARDITI SINA Luc DARBELLAY

Dettagli

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile 10.07.2015-10.11.2015 ARPA Puglia Centro Regionale Aria Ufficio Qualità dell Aria di Bari Corso Trieste 27 Bari 1. Contenuto del

Dettagli

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA CHE COS È IL TELERISCALDAMENTO Gruppo Società Gas Rimini - SGR Servizi S.p.A. 47924 Rimini Via Chiabrera 34 b Tel. 0541 303030 Fax 0541 380344 e-mail

Dettagli

LOTTO N 6. N 1 PORTATILE DI RADIOGRAFIA PER ESAMI A POSTO LETTO per il P.O. San Martino di Oristano. SPECIFICHE TECNICHE

LOTTO N 6. N 1 PORTATILE DI RADIOGRAFIA PER ESAMI A POSTO LETTO per il P.O. San Martino di Oristano. SPECIFICHE TECNICHE LOTTO N 6 N 1 PORTATILE DI RADIOGRAFIA PER ESAMI A POSTO LETTO per il P.O. San Martino di Oristano. SPECIFICHE TECNICHE L apparecchiatura in oggetto dovrà essere caratterizzata da prestazioni di altissimo

Dettagli

Riunione agenti 2015

Riunione agenti 2015 Riunione agenti 2015 2. Dielle Carinci Progetto stufe a pellet 2. Filosofia Dielle Dielle è ricerca, innovazione, rispetto della natura, miglioramento continuo, per una totale soddisfazione del cliente.

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Radarmeteo srl a socio unico Via Mezzavia, 115/5 35020 Due Carrare (PD) Italia tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2011 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale ARPAM di Ancona La rete di monitoraggio Il Comune

Dettagli

Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi

Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi Gianni Bettini Vicenza, 25 giugno 2005 1di 24 Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi Di quali centrali termiche stiamo parlando?

Dettagli

DATI TECNICI (vedi anche Figura 1 e Figura 2)

DATI TECNICI (vedi anche Figura 1 e Figura 2) Applicazione: Riscaldamento dellêaria e dei Gas Figura 1: Schema tipico di una batteria riscaldante a canale CARATTERISTICHE GENERALI Le batterie elettriche riscaldanti sono state concepite per soddisfare

Dettagli

Sonde di rilevazione gas serie UR20S

Sonde di rilevazione gas serie UR20S Sonde di rilevazione gas serie UR20S Caratteristiche principali - Tre modelli per Metano, Gpl e Monossido di Carbonio. - Logica proporzionale o a soglie. - Uscita analogica 4 20 ma - Protezione IP55 -

Dettagli

Problematiche metrologiche nella misura della concentrazione delle polveri

Problematiche metrologiche nella misura della concentrazione delle polveri Il Progetto MetA La Metrologia dell Ambiente Problematiche metrologiche nella misura della concentrazione delle polveri Ing. Agostino Viola Università degli Studi di Cassino Facoltà di ingegneria DiMSAT

Dettagli

Crio Stabilità tartarica nei vini. presentazione

Crio Stabilità tartarica nei vini. presentazione Crio Stabilità tartarica nei vini presentazione La stabilità tartarica Un notevole rischio per i produttori di vino è imbottigliare un prodotto non stabile che, per effetto di particolari condizioni ambientali

Dettagli

CAMINI E CANNE FUMARIE EMISSIONI IN AMBIENTE. Convegno ANIC a Fiera di Primiero

CAMINI E CANNE FUMARIE EMISSIONI IN AMBIENTE. Convegno ANIC a Fiera di Primiero CAMINI E CANNE FUMARIE EMISSIONI IN AMBIENTE Convegno ANIC a Fiera di Primiero Lotta all inquinamento atmosferico L Italia deve ridurre le emissioni del gas ad effetto serra CO 2 e vincere anche la lotta

Dettagli

Collettore Solare Tipo Integrato MANUALE ISTRUZIONI

Collettore Solare Tipo Integrato MANUALE ISTRUZIONI Collettore Solare Tipo Integrato SISTEMA NON PRESSURIZZATO MANUALE ISTRUZIONI Serie S-CN-58 COLLETTORE SOLARE TIPO INTEGRATO SISTEMA NON PRESSURIZZATO Grazie per aver scelto un prodotto Laminox! L apparecchio

Dettagli

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione 4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione D.Lgs 81/08 - TITOLO II LUOGHI DI LAVORO Articolo 63- Requisiti di salute e sicurezza Allegato IV Luoghi di di

Dettagli

Istruzioni D Uso Tau Steril 2000 Automatic

Istruzioni D Uso Tau Steril 2000 Automatic Pag. 1 di 6 Istruzioni D Uso Tau Steril 2000 Automatic CEE 0426 DIRETTICTIVA 93/42 DISPOSITIVI MEDICI Pag. 2 di 6 INDICE Numero Titolo Pagina 1 Avvertenze 3 2 Introduzione 3 2.1 Riferimenti Normativi 3

Dettagli

Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009

Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009 Prot. int. n UFVG2009/46 Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009 Daniele Armando Randazzo, T. Caltabiano, G. G. Salerno, F.

Dettagli

Numero 2 /2014 I rischi per la salute nel settore della stampa industriale

Numero 2 /2014 I rischi per la salute nel settore della stampa industriale Numero 2 /2014 I rischi per la salute nel settore della stampa industriale Nell ultimo numero della rivista ISL è stato pubblicato un approfondimento dedicato al settore della stampa. Da questo interessante

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

ARES Condensing 32 Caldaia a basamento, a condensazione, per solo riscaldamento

ARES Condensing 32 Caldaia a basamento, a condensazione, per solo riscaldamento 66 ARES Condensing 32 Caldaia a basamento, a condensazione, per solo riscaldamento VANTAGGI E CARATTERISTICHE GENERALI PREDISPOSTA PER FUNZIONAMENTO INDIPENDENTE O IN CASCATA ARES Condensing 32 può essere

Dettagli

ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 2014-2015

ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 2014-2015 Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 214-215 Dipartimento Protezione Civile Servizio Prevenzione Rischi Ufficio Previsioni e Pianificazione Via Vannetti, 41-381

Dettagli

PROCEMEX TWIN. Integrated Web Monitoring & Web Inspection System

PROCEMEX TWIN. Integrated Web Monitoring & Web Inspection System Procemex TWIN è l eccezionale punto d incontro tra le nostre competenze in ambito di monitoraggio rotture carta e ricerca difetti, e le reali richieste da parte del cliente per una soluzione più semplice,

Dettagli

Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi

Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi Gli strumenti per la misura di temperatura negli impianti industriali sono soggetti

Dettagli

LE CAPPE CHIMICHE USO IN SICUREZZA, VERIFICHE E MANUTENZIONI PERIODICHE

LE CAPPE CHIMICHE USO IN SICUREZZA, VERIFICHE E MANUTENZIONI PERIODICHE LE CAPPE CHIMICHE USO IN SICUREZZA, VERIFICHE E MANUTENZIONI PERIODICHE Incontro con il Dipartimento di Medicina Sperimentale 24 aprile 2008 Settore Prevenzione e Protezione L uso in sicurezza delle Un

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10 SCHEMA per la certificazione dei tubi di acciaio per il convogliamento di acqua e di altri liquidi acquosi, di cui alla norma UNI EN 10224 - Ed. Marzo 2006 Il presente documento è stato approvato dalla

Dettagli

CONFRONTO TRA ELETTRODOTTO IN CAVO ED AEREO.

CONFRONTO TRA ELETTRODOTTO IN CAVO ED AEREO. CONFRONTO TRA ELETTRODOTTO IN CAVO ED AEREO. E luogo comune sostenere che un elettrodotto in cavo sia preferibile ad uno aereo: non è sempre vero. Parametro determinante a tal fine è la tensione nominale

Dettagli

Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto»

Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto» Amianto Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto» (artt. da 246 a 265). Fermo restando quanto previsto dalla

Dettagli

ALLEGATO 1 A Configurazione e caratteristiche tecniche, operative e funzionali minime dei dispositivi medici richiesti.

ALLEGATO 1 A Configurazione e caratteristiche tecniche, operative e funzionali minime dei dispositivi medici richiesti. ALLEGATO 1 A Configurazione e caratteristiche tecniche, operative e funzionali minime dei dispositivi medici richiesti. LOTTO N. 6 ARTICOLO N. 1 AGITATORE-INCUBATORE PIASTRINICO LINEARE Importo a base

Dettagli

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Milano, Gennaio 2012 NORMA UNI 11224 GIUGNO 2011 CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Gà la norma UNI 9795/2010 Sistemi fissi automatici di rivelazione, di segnalazione

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

sistema SOLARE TERMICO PLUS DI PRODOTTO VANTAGGI PER L INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE Produzione acqua calda sanitaria a circolazione naturale

sistema SOLARE TERMICO PLUS DI PRODOTTO VANTAGGI PER L INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE Produzione acqua calda sanitaria a circolazione naturale SOLARE TERMICO 9.11 2.2008 sistema Produzione acqua calda sanitaria a circolazione naturale Sistema CSN 20 PLUS 150 P (parallelo) Sistema CSN 20 PLUS 150 45 (45 inclinazione) Sistema CSN 20 PLUS 300 P

Dettagli

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone LO STABILIMENTO Lo stabilimento, ubicato nel Comune di Ferrera Erbognone (Pavia) nelle adiacenze della Raffineria Eni Divisione R&M di Sannazzaro de Burgondi, è il

Dettagli

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Prescrizione: La responsabilità della corretta prescrizione è attribuita a: Medici di Medicina Generale che svolgono le visite domiciliari

Dettagli

VICTRIX ZEUS 26 KW CALDAIA MURALE COMPATTA A CONDENSAZIONE CON BOILER INOX

VICTRIX ZEUS 26 KW CALDAIA MURALE COMPATTA A CONDENSAZIONE CON BOILER INOX VICTRIX ZEUS 26 KW CALDAIA MURALE COMPATTA A CONDENSAZIONE CON BOILER INOX VICTRIX Zeus 26 kw Caldaia murale ecologica a condensazione con boiler Inox da 45 litri Vantaggi modello: VICTRIX Zeus 26 kw Ideale

Dettagli

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità 1 VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità Ing. Luca Barbieri Product manager Hoval 2 Definizione ventilazione meccanica controllata «I sistemi di ventilazione meccanica controllata (VMC) sono

Dettagli

L energia geotermica

L energia geotermica Sistemi geotermici: l'energia naturale 20156 MILANO - Via B. De Rolandi, 7 Tel. 02.39273134-39200007 Fax 02.39200007 - E-mail: soildata@soildata.it - C.F. e P.IVA 11425920151 L energia geotermica Per il

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D INFORMAZIONI GENERALI Questo manuale e parte integrante del depuratore-disoleatore per lubrorefrigeranti e liquidi di macchine lavaggio sgrassaggio pezzi

Dettagli

HRC 70 POMPE DI CALORE AD ALTISSIMA EFFICIENZA ANCHE PER IMPIANTI AD ALTA TEMPERATURA

HRC 70 POMPE DI CALORE AD ALTISSIMA EFFICIENZA ANCHE PER IMPIANTI AD ALTA TEMPERATURA HRC 70 POMPE DI CALORE AD ALTISSIMA EFFICIENZA ANCHE PER IMPIANTI AD ALTA TEMPERATURA 2 POMPE DI CALORE AD ALTISSIMA EFFICIENZA HRC 70 IL RISCALDAMENTO GARANTITO ANCHE CON I GRANDI FREDDI PROPRIO QUANDO

Dettagli

Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317

Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317 PIANO HACCP FARMACIE LISTA DI CONTROLLO Commento: DATI IDENTIFICATIVI : DENOMINAZIONE RAGIONE SOCIALE Legale Rappresentante Sede Generalità E presente l intestazione? SI/_/ (nella pagina di copertina deve

Dettagli

2.2.5 Dispositivi di sicurezza

2.2.5 Dispositivi di sicurezza 2. Sicurezza 2. Sicurezza generale delle macchine 2.2.5 Dispositivi di sicurezza I dispositivi di sicurezza hanno la funzione di eliminare o ridurre un rischio autonomamente o in associazione a ripari.

Dettagli

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011 Qualità dell aria La rilevanza del fenomeno dell accumulo di biossido di azoto nella Pianura Padana rilevato da misure satellitari Concentrazione di biossido di azoto sull Europa tra Gennaio 2003 e Giugno

Dettagli

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software Meteonorm 7.0 Meteonorm è un database di informazioni meteorologiche, che prevede dati sempre aggiornati e procedure di calcolo per le località prive di dati statistici. - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

CAPO III PROTEZIONE DAI RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE ALL AMIANTO Sezione I Disposizioni generali Art. 246.

CAPO III PROTEZIONE DAI RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE ALL AMIANTO Sezione I Disposizioni generali Art. 246. CAPO III PROTEZIONE DAI RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE ALL AMIANTO Sezione I Disposizioni generali Art. 246. Campo di applicazione 1. Fermo restando quanto previsto dalla legge 27 marzo 1992, n. 257,

Dettagli

Guida per esperienze di laboratorio con misure raccolte dalle stazioni meteo

Guida per esperienze di laboratorio con misure raccolte dalle stazioni meteo Guida per esperienze di laboratorio con misure raccolte dalle stazioni meteo 1. Misure di Vento Obiettivi caratterizzazione degli anemometri installati sulle stazioni meteo DAVIS del DIFA stabilire la

Dettagli

SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...2 2. DESCRIZIONE SINTETICA DELLE ATTREZZATURE E DEI SISTEMI PREVISTI PER LA GESTIONE E MANUTENZIONE DELLE OPERE..

SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...2 2. DESCRIZIONE SINTETICA DELLE ATTREZZATURE E DEI SISTEMI PREVISTI PER LA GESTIONE E MANUTENZIONE DELLE OPERE.. SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...2 2. DESCRIZIONE SINTETICA DELLE ATTREZZATURE E DEI SISTEMI PREVISTI PER LA GESTIONE E MANUTENZIONE DELLE OPERE..2 3. MODALITÀ DI USO CORRETTO DELLE OPERE...4 4. LIVELLO MINIMO

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione UNI 10683/2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione Regione Lombardia D.G.R.1118 La UNI 10683 è la norma per l installazione,

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO PER I CITTADINI IN CASO DI EVENTO NEVOSO

NORME DI COMPORTAMENTO PER I CITTADINI IN CASO DI EVENTO NEVOSO NORME DI COMPORTAMENTO PER I CITTADINI IN CASO DI EVENTO NEVOSO Le precipitazioni nevose sono eventi atmosferici, non sempre prevedibili, che per le loro caratteristiche provocano disagi e difficoltà su

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

PREMIO CESARE BONACINI

PREMIO CESARE BONACINI PREMIO CESARE BONACINI Anno Scolastico 2004-2005 Esperimenti quantitativi su lavoro, potenza, trasferimenti di energia nelle macchine e in noi studenti. Quanto si spende? Quanto si ottiene? 2 Premio ex-aequo

Dettagli

AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1

AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1 Controllo del comportamento termoigrometrico nelle chiusure verticali opache AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1 Approfondimenti tecnici prestazione termoigrometrica spunti progettuali analisi ed esempi applicativi

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

OPPORTUNITA E CRITICITA PER LE AZIENDE NEL GESTIRE LA MISURA DEL CALORE Ugo Pagani A2A Servizi alla Distribuzione Spa

OPPORTUNITA E CRITICITA PER LE AZIENDE NEL GESTIRE LA MISURA DEL CALORE Ugo Pagani A2A Servizi alla Distribuzione Spa OPPORTUNITA E CRITICITA PER LE AZIENDE NEL GESTIRE LA MISURA DEL CALORE Ugo Pagani A2A Servizi alla Distribuzione Spa Sei mesi fa è stato pubblicato il Decreto nr. 155 del 30 ottobre 2013 relativo ai controlli

Dettagli

40 anni di esperienza in tecnologie ambientali

40 anni di esperienza in tecnologie ambientali LSI LASTEM s.r.l. 40 anni di esperienza in tecnologie ambientali Dal 1972 LSI LASTEM di Milano (Italia) sviluppa, produce e commercializza una gamma completa di sistemi per misure ambientali per il monitoraggio

Dettagli

MISURE DI VELOCITA OTTICHE

MISURE DI VELOCITA OTTICHE MISURE DI VELOCITA OTTICHE SOMMARIO VISUALIZZAZIONI ANALISI DI IMMAGINI 1) METODO DELLA SOGLIA 2) PARTICLE TRACKING VELOCIMETRY (PTV) 3) PARTICLE IMAGE VELOCIMETRY (PIV) 2 VISUALIZZAZIONI 1. INIEZIONE

Dettagli

Banco di assemblaggio e collaudo cilindri Compact BAT-H 15

Banco di assemblaggio e collaudo cilindri Compact BAT-H 15 Banco di assemblaggio e collaudo cilindri Compact BAT-H 15 Sistemi per automazione industriale Banco di assemblaggio e collaudo cilindri Compact BAT-H 15 Banco di assemblaggio e collaudo cilindri Compact

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Marcon Viale Don Sturzo, San Liberale Periodo di attuazione: 1 gennaio 31 dicembre 2014 RELAZIONE TECNICA ARPAV Dipartimento Provinciale di Venezia

Dettagli

MODULO ACS 35 DESCRIZIONE DEL KIT

MODULO ACS 35 DESCRIZIONE DEL KIT MODULO ACS 35 Questa istruzione deve essere considerata insieme all istruzione dell accumulo solare abbinato nell impianto, al quale si rimanda per le AVVERTENZE GENERALI e per le REGOLE FONDAMENTALI DI

Dettagli

Centralina di regolazione con gestione a distanza

Centralina di regolazione con gestione a distanza Centralina di regolazione con gestione a distanza L apparecchio regola la temperatura dell acqua di mandata dell impianto di riscaldamento. Adatte per tutti i tipi di impianti di riscaldamento di condomini,

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA 1. INTRODUZIONE Il Radon ( 222 Rn) è un gas radioattivo monoatomico presente nell atmosfera e generato

Dettagli

Milano, 19 e 20 ottobre 2011 IL RIPRISTINO POST DANNO E LA PREVENZIONE ATTRAVERSO IL DRP. Dott. Ing. Alberto Lagi Presidente per spa

Milano, 19 e 20 ottobre 2011 IL RIPRISTINO POST DANNO E LA PREVENZIONE ATTRAVERSO IL DRP. Dott. Ing. Alberto Lagi Presidente per spa IL RIPRISTINO POST DANNO E LA PREVENZIONE ATTRAVERSO IL DRP Dott. Ing. Alberto Lagi Presidente per spa PROGRAMMA I vantaggi del ripristino produttivo: minor fermo di produzione e minori costi di ripartenza

Dettagli

Soltigua presenta PTM, il concentratore solare parabolico per applicazioni diffuse sul territorio.

Soltigua presenta PTM, il concentratore solare parabolico per applicazioni diffuse sul territorio. Soltigua presenta PTM, il concentratore solare parabolico per applicazioni diffuse sul territorio. Produrre energia pulita, evitare emissioni di gas serra in atmosfera e salvaguardare l ambiente: con

Dettagli