MASTER DI NUTRIZIONE MOLECOLARE. dalla DIETA IPOCALORICA al METODO di ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE. Prof. Dr. Pier Luigi Rossi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MASTER DI NUTRIZIONE MOLECOLARE. dalla DIETA IPOCALORICA al METODO di ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE. Prof. Dr. Pier Luigi Rossi"

Transcript

1 ALICONS SCUOLA DI ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE P R E S E N T A N O MASTER DI NUTRIZIONE MOLECOLARE dalla DIETA IPOCALORICA al METODO di ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE Prof. Dr. Pier Luigi Rossi PROGRAMMA 25 CREDITI ECM 48 ORE di LEZIONE 6 GIORNATE in TRE MESI 2 LEZIONI al MESE BOLOGNA CREDITI FORMATIVI ECM Per Medici - Farmacisti Biologi - Dietisti I NOSTRI SPONSOR

2 INTRODUZIONE Pier Luigi Rossi Il Master di Nutrizione Clinica ha lo scopo di introdurre il profilo scientifico e professionale del metodo molecolare di alimentazione consapevole dalle calorie alle molecole e di realizzare un modello didattico innovativo in Nutrizione Clinica e al tempo stesso indicare un metodo di nutrizione pratica e professionale attraverso la conoscenza delle analisi emato- cliniche e diagnostiche correlate alle principali patologie e obesità e l applicazione di un specifico software del metodo dieta molecolare personalizzata. Il Corso vuole favorire il passaggio clinico-terapeutico dal metodo basato sulle Calorie giornaliere alla conoscenza delle molecole- nutrienti contenute negli alimenti, del loro destino metabolico all interno dell organismo umano, capace di condizionare la biochimica, il profilo ormonale, la espressione genica nonché il metabolismo cellulare, il peso corporeo di una persona. Dalla dieta ipocalorica, limitata ad un periodo temporale, ad un metodo di alimentazione consapevole valido per vivere in salute. Il cibo è una scelta di medicina preventiva e di piacere quotidiano. Il metodo molecolare parte dalla valutazione che il cibo nella sua composizione nutrizionale è uguale per tutti sulla tavola, mentre ciascuna persona ha il suo IO BIOLOGICO. Prima conoscere il proprio corpo. Poi scegliere il cibo più adatto. La clinica e lo stato di salute della persona è il punto di partenza del metodo molecolare. Nel metodo molecolare la centralità è occupata dal corpo biologico, non dal cibo. Il Master di Nutrizione Clinica si fonda sulla biochimica e fisiopatologia applicate alla nutrizione. Il corpo umano è un sistema biologico complesso, aperto attraversato dal cibo, aria, acqua, cultura. Sta a noi recuperare le più attuali ricerche scientifiche per applicarle al vitale rapporto tra nutrizione e salute. Il Master di Nutrizione Clinica prevede lezioni specifiche del ruolo della alimentazione nella etiopatogenesi, nella prevenzione e terapia epigenetica delle principali patologie degenerative, neoplastiche, di decadenza funzionale ed estetica di una persona. Un filosofo dei secoli passati ha lasciato scritto: Non abbiamo paura delle idee nuove. Abbiamo paura di lasciare le idee vecchie. Pier Luigi Rossi medico

3 PRESENTAZIONE DEL MASTER La Scienza della alimentazione trae dalla attuale ricerca scientifica nuovi impulsi e un nuovo ruolo. Il rapido progresso di ricerca nel campo della biologia molecolare sta conducendo la nutrizione, come altre scienze mediche, ad una rivoluzione copernicana : Al centro del sistema biologico umano non ci sono più le Calorie, ma le Molecole nutrienti introdotte con la alimentazione giornaliera. La Nutrizione Molecolare studia il contenuto delle molecole nutrienti contenute negli alimenti e il loro destino metabolico, ormonale, epigenetico all interno del corpo umano, unico e diverso dall altro. La qualità molecolare dei singoli alimenti, cioè la loro diversa composizione in principi nutritivi e nutrienti, condiziona il profilo metabolico, ormonale, epigenetico di un corpo umano ad ogni età e sesso. PRESSIONE OBESIOGENA SUL DNA e CALORIE Il controllo del solo introito energetico giornaliero non è sufficiente a dimagrire! L epidemia di obesita negli ultimi decenni, in particolare nell infanzia, e imputabile ad un cambiamento nelle condizioni ambientali piuttosto che nei sistemi di controllo del bilancio energetico. I sistemi biologici di gestione della energia chimica e calore metabolico sono immutati nel tempo. Sono cambiati i fattori ambientali e culturali legati al cibo e alla produzione - consumo degli alimenti. Più si è ridotta la biodiversità agraria e alimentare e più è aumentata la obesità e il sovrappeso. Il cibo e le sue qualità nutrizionali condizionano il patrimonio genetico, il DNA dei componenti della famiglia. Ogni famiglia ha una sua storia di salute e di malattie. Il cibo è il principale mediatore tra l ambiente e il patrimonio genetico trasmesso all interno di una linea familiare. Gran parte delle malattie sono il frutto dei comportamenti alimentari e degli stili di vita vissuti all interno della famiglia. La produzione agro-alimentare intensiva ed estensiva, la tecnologia alimentare, nonché la commercializzazione degli alimenti, i tempi, i ritmi, i comportamenti alimentari soggettivi, la regressione sensoriale per lo più governata dalla chimica (addittivi) accompagnata dall incremento artificiale dell appetibilità e riduzione del senso di sazietà dei cibi..esercitano una netta pressione obesiogena. A questo complesso quadro obesiogeno si è tentato di rispondere con il semplice calcolo giornaliero delle Calorie! Alla complessità metabolica, genetica e ormonale della obesità e sovrappeso si è risposto con il calcolo giornaliero delle calorie!

4 DALLE CALORIE ALLE MOLECOLE La ripartizione dei principi nutritivi formulata su base giornaliera : il 50-65% delle Calorie proveniente dai carboidrati, il 10-15% dalle proteine ed il % lipidi sta emergendo come un artefatto scientifico. Negli ultimi decenni si è arrivati a consumare più carboidrati e meno grassi, avvicinandosi alle ripartizioni caloriche giornaliere raccomandate, ma poco è cambiato sulla evoluzione di malattie e dei disordini metabolici, sovrappeso e obesità. Le raccomandazioni indicate si sono quindi rivelate poco esaurienti. L equivoco delle Calorie nasce dal credere che il potere calorifico di una biomassa alimentare o di un cibo sia in grado di fornire lo stesso numero di Calorie all interno dell organismo umano! Ritenere che il corpo umano possa ricavare dall alimento lo stesso numero di Calorie, letto nel display del calorimetro, è un errore scientifico. Considerare il sovrappeso e la obesità come il risultato fisiopatologico derivato solo dall eccesso di entrata giornaliera di Calorie è riduttivo e non completo nella sua eziopatogenesi. Il corpo umano è un sistema biologico complesso che non procede in modo lineare! Le Calorie rappresentano l energia termica (il calore) ottenuta dalla ossidazione di un alimento in toto all interno di un Calorimetro o bomba calorimetrica. Il singolo alimento è una biomassa capace di liberare energia termica, quando esposto ad ossidazione. Non è scientificamente corretto ritenere uguale il calore generato da un alimento intero (in toto) all interno di un calorimetro rispetto alla energia chimica (ATP: AdenosinTriFosfato) che lo stesso alimento può generare all interno della cellula umana. Le tabelle delle Calorie alimentari forniscono una idea approssimativa, esterna all organismo umano, sull effettivo contenuto energetico degli alimenti. Le Calorie esistono solo fuori dal corpo umano, quando il cibo è sulla tavola oppure sugli scaffali commerciali. Le calorie indicano il potere calorifico posseduto da un alimento bruciato all interno di un calorimetro, al di fuori dell organismo umano. Le tabelle delle Calorie alimentari forniscono una idea approssimativa sull effettivo contenute energetico degli alimenti. Per un uso concreto, individuale le Calorie tabellari non sono utilizzabili, perché inaffidabili. Una porzione di pasta, una porzione di formaggio o di un altro alimento possono contenere lo stesso numero di Calorie, ma contengono molecole diverse. La pasta contiene in prevalenza carboidrati. Il formaggio contiene proteine e lipidi in prevalenza e non contiene carboidrati. Il profilo metabolico e ormonale è diverso dopo aver ingerito un piatto di pasta oppure una porzione di formaggio perché è diversa la qualità molecolare degli alimenti. Il corpo umano non utilizza il calore per ricavarne lavoro fisiologico. Non c è alcuna corrispondenza tra il potere calorifico degli alimenti con la effettiva utilizzazione di energia chimica all interno di un organismo umano. L utilizzo della energia chimica per ottenere il lavoro metabolico è una realtà fisiologica diversa dal calore metabolico.

5 Il calore metabolico, cioè la temperatura corporea, è generato solo nei mitocondri degli adipociti bruni del tessuto adiposo, attraverso la beta ossidazione completa degli acidi grassi saturi. Proteine, carboidrati, fibra alimentare, vitamine, minerali, molecole ad azione epigenetica.. non partecipano alla produzione di calore metabolico! La ripartizione delle Calorie, effettuata con riferimento alla giornata alimentare, non è scientificamente accettabile perché ogni singolo atto alimentare modifica l assetto metabolico, biochimico, epigenetico rispetto al prima. La conoscenza dei modulatori metabolici post prandiali: glicemia, insulinemia, lipemia ha un ruolo primario nel condizionare peso corporeo, accumulo di massa adiposa e stato di salute. DAL CIBO AL DNA: NUTRIGENOMICA La Nutrizione Molecolare porta alla Nutrizione Genetica, alla nutrigenomica. Nessuna Caloria agisce sul DNA e non esercita alcuna azione epigenetica condizionante la espressione genica e il fenotipo corpo umano. Solo le molecole hanno la azione di modulatori metabolici ed epigenetici. I principali modulatori metabolici post prandiali sono: glicemia, lipemia, insulinemia, in grado di modulare i processi biochimici cellulari. I modulatori epigenetici sono molecole in grado di agire sul DNA cellulare. Alimenti di origine vegetale, animale possono esercitare azioni epigenetiche positive o negative nel metabolismo cellulare. Ossigeno e agenti biofisici possono svolgere una loro azione epigenetica sul DNA. La biofisica : luce solare, temperatura, massaggio, attività motoria si può trasformare in biochimica ed epigenetica. Ogni azione epigenetica interviene sul DNA, interferendo sui sistemi biologici di resistenza al sovrappeso e obesità, attivando una espressione genica con produzione di enzimi in grado di gestire e condizionare il metabolismo glucidico, lipidico, protidico delle cellule. La espressione genica è il processo attraverso cui l informazione contenuta in un gene viene convertita in una macromolecola funzionale (tipicamente una proteina, un enzima con proprie specifiche funzioni metaboliche ed ormonali). Garantire una espressione genica in grado di fornire enzimi attivi sul metabolismo glucidico, lipidico, protidico è possibile attraverso la assunzione alimentare di epicomposti, in grado sostenere e potenziare i sistemi biologici contro l accumulo di massa grassa, controllando la proliferazione e la differenziazione degli adipociti bianchi. Solo le molecole intervengono sul DNA, condizionando la sua espressione genica e generando il fenotipo soggettivo. Nessuna Caloria interviene sul DNA! La Nutrizione Molecolare si incardina sulla nutrigenomica: scienza che studia come le molecole contenute negli alimenti sono in grado di intervenire sul DNA, attivando alcuni geni o al contrario regolandoli negativamente (up- o - down regulation).

6 Avere una carenza di modulatori epigenetici genera una alterazione della efficienza metabolica e ormonale nell intero organismo, favorendo sovrappeso e obesità. Le molecole alimentari esercitano precise azioni sul DNA (genotipo) ottenendo una loro specifica espressione genica (fenotipo). La obesità è una patologia fenotipica. Il variare delle molecole nutrienti alimentari genera un fenotipo con un determinato profilo ormonale, metabolico, epigenetico. Il cibo con le sue molecole è il principale mediatore tra l ambiente esterno al corpo umano e il patrimonio genetico di ogni persona. L obesità è soprattutto una lesione biochimica e fisiopatologica, è uno stato fenotipico generato da una espressione genica condizionata da nutrienti introdotti con la alimentazione. E una patologia epigenetica generata da eccesso di acidi grassi saturi, carboidrati, glucosio e da una carenza di epicomposti vegetali e marini, da una carenza di fibra alimentare in particolare idrosolubile con i suoi salutari effetti metabolici. La qualità molecolare dei singoli alimenti, cioè la loro diversa composizione in principi nutritivi e nutrienti, condiziona il profilo metabolico, ormonale, epigenetico di un corpo umano ad ogni età e sesso. Il controllo del solo introito energetico giornaliero non è sufficiente a dimagrire. Gli adipociti bianchi sono sensibili a molecole alimentari capaci di attivare e sostenere i loro sistemi biologici per eliminare trigliceridi dal loro interno, consentendo di dimagrire! Queste molecole sono dette modulatori epigenetici perché intervengono sul DNA degli adipociti, condizionando la loro espressione genica. Il controllo della sola entrata energetica (calcolo e ripartizione delle Calorie giornaliere) è riduttivo e parziale. Mirare al solo controllo del bilancio energetico giornaliero per recuperare peso forma, ridurre sovrappeso e obesità si è dimostrato non sufficiente per arginare la epidemia di obesità, sindrome metabolica, tumori e decadenza funzionale ed estetica. Occorre apportare fattori nutrizionali, definiti come modulatori epigenetici in grado di modulare la espressione genica del DNA e potenziare i meccanismi biologici di protezione dai fattori ambientali che promuovono la obesità.

7 OBIETTIVI FORMATIVI Approfondire la conoscenza su : Il corpo umano come sistema biologico complesso, aperto. Recuperare l attuale sapere scientifico su metabolismo, rapporto causa-effetto alimentazione e fisiopatologia, per arrivare a interventi diagnostici emato-clinici e strumentali in grado di formulare una diagnosi nutrizionale su persona che si trova in sovrappeso / obesità, su persona che necessita di terapia nutrizionale finalizzata al recupero del peso forma e/o della sua patologia accertata. Il Master ha una linea prioritaria dedicata alla biochimica, fisiopatologia, alla clinica e terapia nutrizionale di specifiche patologie metaboliche, endocrine, organiche. Conoscenza analisi emato-cliniche e diagnostiche correlate alla obesità, sovrappeso, patologie croniche degenerative e dismetaboliche Eventi biologici e patologici che possono influire sullo stato di nutrizione. Metodologie necessarie ad effettuare una corretta valutazione nutrizionale. Tecniche per l elaborazione di schemi alimentari personalizzati in relazione alle diverse patologie e mirati ad interventi di educazione nutrizionale alla persona. ORGANIZZAZIONE MASTER Il Master si sviluppa in 6 giornate, dal mese di settembre al mese di dicembre Il Master avrà sede in Bologna. Il Master avrà luogo la domenica dalle ore 9.30 alle ore e dalle ore alle ore L organizzazione è affidata ad Omeomedia Sas di Pietro Patria & C. Per tutti i particolari tecnici rimandiamo all allegato INFORMAZIONI TECNICHE PARTE PRATICA I partecipanti al Master saranno guidati alla concreta, pratica realizzazione del metodo molecolare, con la formulazione dei moduli dietetici giornalieri / degli equivalenti molecolari. Saranno introdotti innovativi e specifici indicatori biologici e nutrizionali di qualità molecolare. Le lezioni saranno integrate con esercitazioni di applicazioni di strumentazioni diagnostiche atte alla conoscenza della composizione corporea, metabolismo corporeo e dei principali parametri biochimici, fisiopatologici. Sarà dedicato sufficiente spazio e tempo per la applicazione pratica del programma informatico dedicato alla realizzazione del metodo molecolare giornaliero e degli equivalenti molecolari.

8 DESTINATARI DEL CORSO Laureati in Medicina e Chirurgia, Biologia, Dietistica,Farmacia/Chimica e Tecnologie Farmaceutiche, Scienze della Nutrizione Umana, Scienze e Tecnologie Alimentari, Scienze motorie. *Si precisa che la frequenza al Corso non comporta la possibilità di prescrivere ed elaborare diete, qualora non lo preveda il titolo di studio dell iscritto secondo la normativa vigente. Inoltre la frequenza al corso attribuisce crediti formativi nella misura concessa da ciascun ordine professionale. FREQUENZA Il corso avrà luogo la domenica dalle ore 9.30 alle ore e dalle ore alle ore Numero partecipanti minimo 30, massimo 60 allievi. Al di sotto dei 30 partecipanti il corso non avrà luogo. Al fine del conseguimento dei crediti ECM è ammessa l assenza ad una sola lezione. *Il corso potrà subire variazioni di programma solo per motivi organizzativi o tecnici. In caso di cancellazione dell iscrizione si può chiedere la restituzione dell importo versato entro 15 giorni prima dell inizio del corso con la detrazione delle spese amministrative (pari al 30%). Una volta che le lezioni hanno avuto inizio non sarà riconosciuto nessun rimborso. ATTESTATO FINALE Attestato di frequenza del Master di nutrizione clinica Metodo Molecolare di alimentazione consapevole verrà rilasciato ai partecipanti al termine dei 6 incontri, verificata la regolare frequenza delle lezioni (è ammessa l assenza ad una sola lezione). CREDITI FORMATIVI Il Certificato dei Crediti Formativi ECM (Educazione Continua in Medicina) rilasciati dal Ministero della Salute verranno conferiti agli iscritti, previa ammissione e superamento del test finale di verifica dell apprendimento. Saranno ammessi al test di verifica solamente gli iscritti che avranno seguito le lezioni con regolare frequenza (è ammessa l assenza ad una sola lezione). *Si precisa che il corso non equivale ai Master o corsi di perfezionamento universitari, e di conseguenza, la sua frequenza non dà titolo all esonero dei crediti formativi Ecm.

9 CALENDARIO PRIMA LEZIONE DOMENICA 22 SETTEMBRE 2013 SECONDA LEZIONE DALLE CALORIE ALLE MOLECOLE. EPIGENETICA E NUTRIGENOMICA ANTI OBESIOGENA LA MODULAZIONE GENICA. DOMENICA 06 OTTOBRE 2013 ORGANO ADIPOSO IL METODO MOLECOLARE. TERZA LEZIONE DOMENICA 20 OTTOBRE 2013 QUARTA LEZIONE QUINTA LEZIONE STRESS OSSIDATIVO GLICAZIONE PROTEICA NUTRIZIONE DERMATOLOGICA ALIMENTAZIONE ALCALINIZZANTE E ANTI OSSIDANTE DOMENICA 03 NOVEMBRE 2013 SALUTE e BENESSERE INTESTINALE La salute nasce dall intestino Terapia nutrizionale DOMENICA 17 NOVEMBRE 2013 FEGATO REGISTA METABOLISMO CORPOREO PATOLOGIE DISLIPIDEMICHE PATOLOGIE CARDIO VASCOLARI terapia nutrizionale SESTA LEZIONE DOMENICA 01 DICEMBRE 2013 SISTEMA ENDOCRINO TIROIDE VITAMINA D PSICONEUROENDOCRINO IMMUNOLOGIA (PNEI) terapia nutrizionale

10 CALENDARIO E PROGRAMMA 1 DALLE PRIMA LEZIONE DOMENICA 22 SETTEMBRE 2013 CALORIE ALLE MOLECOLE. EPIGENETICA E NUTRIGENOMICA ANTI OBESIOGENA LA MODULAZIONE GENICA. - Introduzione al Master : il corpo sistema biologico complesso, aperto. - dalle CALORIE alle MOLECOLE 1 - dal CIBO al CORPO 2 - dalla BILANCIA al METRO 3 - dal PESO alla COMPOSIZIONE CORPOREA 4 - dalle CALORIE alle MOLECOLE 5 - dal CIBO al GENE (DNA nutri genomica - epigenetica) 6 dalla GIORNATA ALIMENTARE all ATTO ALIMENTARE - OBESITA PATOLOGIA FENOTIPICA EPIGENETICA - MODULATORI METABOLICI (glicemia insulinemia lipemia) le basi fisiopatologiche del sovrappeso e obesità, intestino e peso corporeo, insulino resistenza, diabete mellito tipo 2 - MODULATORI EPIGENETICI - NUTRIGENOMICA PARTE PRATICA (glicemia insulinemia lipemia) le basi fisiopatologiche del sovrappeso e obesità, intestino e peso corporeo, insulino resistenza, diabete mellito tipo 2 DIAGNOSTICA EMATO CLINICA e STRUMENTALE Indicazione analisi emato-cliniche, diagnostiche e loro lettura clinica in casi clinici più frequenti nella nostra pratica professionale, prima e nel corso di una terapia dietetica.

11 CALENDARIO E PROGRAMMA 2 ORGANO SECONDA LEZIONE DOMENICA 06 OTTOBRE 2013 ADIPOSO IL METODO MOLECOLARE ANATOMIA FUNZIONALE ORGANO ADIPOSO FISIOPATOLOGIA ORGANO ADIPOSO: ipertrofia, iperplasia, infiammazione tessuto adiposo bianco. FASE di CARICO e di SCARICO ADIPOCITA BIANCO NUTRIGENOMICA (glicemia insulinemia lipemia) le basi fisiopatologiche del sovrappeso e obesità, intestino e peso corporeo, insulino resistenza, diabete mellito tipo 2 CHETOSI e CHETOACIDOSI IL METODO MOLECOLARE principi nutrizionali del metodo, il modulo dei giorni con pasti proteici e il giorno glucidico, articolazione e schemi dietetici giornalieri. Esercitazione di applicazione metodo molecolare. PARTE PRATICA Presentazione e applicazione software metodo dieta molecolare

12 3 STRESS CALENDARIO E PROGRAMMA TERZA LEZIONE DOMENICA 20 OTTOBRE 2013 OSSIDATIVO GLICAZIONE PROTEICA NUTRIZIONE DERMATOLOGICA ALIMENTAZIONE ALCALINIZZANTE E ANTI OSSIDANTE BIOCHIMICA DELLA ENERGIA (ATP) E DELLA TEMPERATURA CORPOREA (ruolo dei mitocondri, perossisomi e biochimica del calore metabolico) ph ALIMENTAZIONE ALCALINIZZANTE GLICAZIONE PROTEINE - PATOLOGIA TESSUTO CONNETTIVO NUTRIZIONE DERMATOLOGICA RADICALI LIBERI OSSIGENO STRESS OSSIDATIVO ALIMENTAZIONE ANTI OSSIDANTE PARTE PRATICA Applicazione software metodo dieta molecolare, conoscenza pratica degli indicatori molecolari emergenti in ogni giornata alimentare ottenuta da programma informatico al fine di rapportare il modello dietetico prescritto alla persona con le sue condizioni cliniche.

13 CALENDARIO E PROGRAMMA 4 SALUTE QUARTA LEZIONE DOMENICA 03 NOVEMBRE 2013 e BENESSERE INTESTINALE La salute nasce dall intestino Terapia nutrizionale CHEPCK-UP INTESTINO DIGESTIONE ENZIMATICA MICROBIOTA (digestione biologica) - The second meal effect : intestine e obesità DISTURBI FUNZIONALI INTESTINALI reflusso gastro esofageo stipsi - meteorismo - disbiosi intestinali LINEE GUIDA NUTRIZIONE MOLECOLARE IGIENE E BENESSERE INTESTINALE PARTE PRATICA Applicazione software metodo dieta molecolare, conoscenza pratica degli indicatori molecolari emergenti in ogni giornata alimentare ottenuta da programma informatico al fine di rapportare il modello dietetico prescritto alla persona con le sue condizioni cliniche.

14 CALENDARIO E PROGRAMMA 5 FEGATO QUINTA LEZIONE DOMENICA 17 NOVEMBRE 2013 REGISTA METABOLISMO COR- POREO PATOLOGIE DISLIPIDEMICHE PATOLOGIE CARDIO VASCOLARI terapia nutrizionale FEGATO STEATOSI EPATICA (diagnosi e terapia nutrizionale - metodo molecolare) e obesità SINDROME METABOLICA dalla COMPLESSITA dei SEGNI-SINTOMI CLINICI alla UNITA CAUSALE TERAPIA NUTRIZIONALE EPIGENETICA GLICEMIA COLESTEROLO TRIGLICERIDI MIDOLLO OSSEO SANGUE ENDOTELIO PATOLOGIE CARDIO VASCOLARI ATEROSCLEROSI NUTRIZIONE PRESSIONE ARTERIOSA PARTE PRATICA Applicazione software metodo dieta molecolare, conoscenza pratica degli indicatori molecolari emergenti in ogni giornata alimentare ottenuta da programma informatico al fine di rapportare il modello dietetico prescritto alla persona con le sue condizioni cliniche.

15 CALENDARIO E PROGRAMMA 6 SISTEMA SESTA LEZIONE DOMENICA 01 DICEMBRE 2013 ENDOCRINO TIROIDE VITAMINA D PSICONEUROENDOCRINO IMMUNOLO- GIA (PNEI) terapia nutrizionale SISTEMA ENDOCRINO E NUTRIZIONE TIROIDE e NUTRIZIONE CLINICA VITAMINA D ORMONE OSTEOPOROSI e PATOLOGIE EXTRA SCHELETRICHE PSICONEUROENDOCRINO IMMUNOLOGIA (PNEI) RIFLESSIONI CONCLUSIONI MASTER PARTE PRATICA Applicazione software metodo dieta molecolare, conoscenza pratica degli indicatori molecolari emergenti in ogni giornata alimentare ottenuta da programma informatico al fine di rapportare il modello dietetico prescritto alla persona con le sue condizioni cliniche

16 IL DOCENTE Prof. Dr. Pier Luigi Rossi

17

18

19

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA All. A al bando di ammissione pubblicato in data 31/07/2012 Art. 1 Tipologia L Università degli Studi di Pavia attiva, per l a.a. 2012/2013, presso la Facoltà di Scienze MMFFN, Dipartimento di Biologia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. A al bando di ammissione pubblicato in data 15/09/2014 Art. 1 Tipologia: Master universitario di II livello in Nutrizione Umana L Università degli Studi di Pavia attiva per l a.a. 2014/2015 il master

Dettagli

Applied Nutritional Medicine

Applied Nutritional Medicine Glossario del corso di Medicina Nutrizionale Acidi Grassi: sono delle molecole a catena lunga che formano la quasi totalità dei lipidi complessi e dei grassi sia animali e vegetali. Se non attaccati ad

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELL UOMO

ALIMENTAZIONE NELL UOMO ALIMENTAZIONE NELL UOMO Alimentazione e Nutrizione Corpo umano come macchina chimica che utilizza l energia chimica degli alimenti (quando si spezzano i legami chimici tra gli atomi che formano le macromolecole

Dettagli

Fisiologia della Nutrizione e Metabolismo Energetico

Fisiologia della Nutrizione e Metabolismo Energetico Fisiologia della Nutrizione e Metabolismo Energetico Processo di Organicazione del Carbonio Il metabolismo cellulare e corporeo Processo di rinnovamento e ricambio della materia vivente. Insieme di tutte

Dettagli

IS.FOR.D.D. Istituto Formativo Disabili Disadattati Sociali

IS.FOR.D.D. Istituto Formativo Disabili Disadattati Sociali PIANO DI STUDIO E ORGANIZZAZIONE DIDATTICA PER IL CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN BIOTECNOLOGIE PER LA SALUTE PER GLI STUDENTI ISCRITTI ANNO FORMATIVO 2012 1 Premessa Il corso di specializzazione in Biotecnologie

Dettagli

CLASSE 57/A - SCIENZA DEGLI ALIMENTI. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 57/A - SCIENZA DEGLI ALIMENTI. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 57/A - SCIENZA DEGLI ALIMENTI Programma d'esame CLASSE 57/A - SCIENZA DEGLI ALIMENTI Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 57/A - SCIENZA DEGLI ALIMENTI Programma d'esame Classe 57/A

Dettagli

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

DIETETICA, PSICO-NUTRIZIONE E TECNICHE DI NUTRIZIONE INTEGRATA MENTE-CORPO

DIETETICA, PSICO-NUTRIZIONE E TECNICHE DI NUTRIZIONE INTEGRATA MENTE-CORPO Scheda del Master di I livello in DIETETICA, PSICO-NUTRIZIONE E TECNICHE DI NUTRIZIONE INTEGRATA MENTE-CORPO INDICE 1. PREMESSA... 2 2. OBIETTIVI E FINALITÀ... 2 3. CONTENUTI... 3 4. DESTINATARI... 4 5.

Dettagli

Alimentazione e nutrizione umana

Alimentazione e nutrizione umana Alimentazione e nutrizione umana Docente: Dipartimento: Indirizzo: Prof. Anna Tagliabue Sanità Pubblica, Medicina Sperimentale e Forense Via Bassi, 21 20124 Pavia Telefono: 0382 987868/69 E-mail: Ricevimento:

Dettagli

STEATOSI EPATICA: malattia emergente CORSO ECM

STEATOSI EPATICA: malattia emergente CORSO ECM 10 MAGGIO 2014, ore 08:30 Centro Analisi Monza MONZA (MB) STEATOSI EPATICA: malattia emergente CORSO ECM Specialista in Medicina Interna Numero pazienti esaminati 340 15,88 84,12 Maschi Femmine Analisi

Dettagli

NUTRIGENOMICA :foresight bio-tecnologico Paolo Manzelli pmanzelli@gmail.com : www.egocreanet.it ; www.edscuola.it/lre.html

NUTRIGENOMICA :foresight bio-tecnologico Paolo Manzelli pmanzelli@gmail.com : www.egocreanet.it ; www.edscuola.it/lre.html NUTRIGENOMICA :foresight bio-tecnologico Paolo Manzelli pmanzelli@gmail.com : www.egocreanet.it ; www.edscuola.it/lre.html http://www.medicinalive.com/wp-content/uploads/2008/07/nutrigenomica.jpg Ippocrate

Dettagli

NUTRI-GENOKIT FUNZIONE GENE POLIMORFISMO RISULTATO EFFETTO. BsmI. TaqIB. FokI. ApaI C677T A1298C. BsmI. TaqI. ApaI. rs9939609.

NUTRI-GENOKIT FUNZIONE GENE POLIMORFISMO RISULTATO EFFETTO. BsmI. TaqIB. FokI. ApaI C677T A1298C. BsmI. TaqI. ApaI. rs9939609. REPORT TECNICO: RISULTATI DELL ANALISI Nella tabella vengono indicati tutti i parametri ed i geni che vengono studiati facendo il test NUTRI-GENOKIT : una guida completa verso l alimentazione personalizzata.

Dettagli

Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse.

Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse. ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 7 PANCREAS Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse. Isole del Langherans Contengono da poche centinaia

Dettagli

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la Dott.ssa Ventriglia. Potrai ricevere una dieta personalizzata e bilanciata con i consigli per dimagrire

Dettagli

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA ESITO TEST: Cod. ID: 123456 Data: 10/01/2011 Paziente: ROSSI MARIO ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA Glicemia Insulinemia Indice HOMA ANALITA DESCRIZIONE

Dettagli

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro. ANUPSA VERONA «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.» Circolo Ufficiali di Castelvecchio 13 febbraio 2014 1 Dott.ssa F. Dopo gli

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze.

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze. I L I P I D I ASPETTI GENERALI I Lipidi o grassi sono la riserva energetica del nostro organismo; nel corpo umano costituiscono mediamente il 17% del peso corporeo dove formano il tessuto adiposo. In generale

Dettagli

ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA. Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo

ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA. Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo La situazione nutrizionale e le abitudini alimentari hanno un impatto

Dettagli

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI)

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) Sono i composti chimici dei viventi. Sono formate da Carbonio (C), Idrogeno (H), Ossigeno (O), Azoto (N), Fosforo (P) e Zolfo (S).

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

OBESITA. 11 Aprile 2013

OBESITA. 11 Aprile 2013 OBESITA 11 Aprile 2013 L obesità è una patologia cronica caratterizzata dall eccessivo accumulo di tessuto adiposo nell organismo ed è causata da fattori ereditari e non ereditari che determinano un introito

Dettagli

Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione

Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione Indice VII Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione XIII XV XVII parte prima Alimentazione, benessere e salute 1. Le regole fondamentali 3 Perché bisogna

Dettagli

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA?

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Cernusco Lombardone 11-05-2013 L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Dott Ivano Baragetti Divisione di Nefrologia e Dialisi Ospedale Bassini, Cinisello Balsamo Azienda Ospedaliera ICP Milano IN UN

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Il pediatra e il nutrizionista

Il pediatra e il nutrizionista Milano, 17 Ottobre 2015 Il pediatra e il nutrizionista Dott. ssa Sophie Guez UOSD Pediatria ad Alta Intensità di Cura Fondazione IRCCS Ca Granda Ospedale Maggiore Policlinico Milano Bisogni energetici

Dettagli

centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo

centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico, nè in difetto nè in eccesso, avremmo

Dettagli

Il ciclo nutrizione / digiuno

Il ciclo nutrizione / digiuno Il ciclo nutrizione / digiuno Aspetti generali La fase di assorbimento è il periodo che va dalle 2 alle 4 ore successive all assunzione di un pasto. Durante questo intervallo si verifica un transitorio

Dettagli

Corso di formazione per. Operatori. Una competenza fondamentale per il futuro del Benessere L EDUCAZIONE ALIMENTARE. Mangia InForma...

Corso di formazione per. Operatori. Una competenza fondamentale per il futuro del Benessere L EDUCAZIONE ALIMENTARE. Mangia InForma... Corso di formazione per Operatori Una competenza fondamentale per il futuro del Benessere L EDUCAZIONE ALIMENTARE L EDUCATORE ALIMENTARE Punta a rendere consapevole la persona e cerca di trasmettere la

Dettagli

7 Minutes Project Manager

7 Minutes Project Manager 7 Minutes Project Manager Alimentazione 7 regole d oro per un alimentazione corretta Un alimentazione corretta è la base per far si che tutta l attività motoria svolta da un soggetto si traduca in reali

Dettagli

1. Effetti benefici di una alimentazione equilibrata

1. Effetti benefici di una alimentazione equilibrata Dipartimento delle Professioni Sanitarie Guida al percorso di assistenza nutrizionale in riabilitazione cardiologica Servizio Dietetico Responsabile: Dr.ssa Maria Luisa Masini 1. Effetti benefici di una

Dettagli

in convenzione con Master Universitario di I livello in

in convenzione con Master Universitario di I livello in in convenzione con Master Universitario di I livello in NUTRIZIONE CLINICA Anno Accademico 0/0 II sessione ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano attiva in convenzione con l Accademia Internazionale

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Tisanoreica - Il Progetto Genomech - Integratori su misura del vostro DNA

Tisanoreica - Il Progetto Genomech - Integratori su misura del vostro DNA Il Sistema Genomech offre un sussidio importante per la nutrizione, perchè se è vero che noi siamo ciò che mangiamo, è anche vero che le variazioni genetiche da individuo a individuo determinano significative

Dettagli

FACOLTÀ di FARMACIA E MEDICINA

FACOLTÀ di FARMACIA E MEDICINA FACOLTÀ di FARMACIA E MEDICINA BANDO DI CONCORSO ANNO ACCADEMICO 2014/2015 MASTER DI II LIVELLO IN STRESS, SPORT, NUTRIZIONE: NUOVI APPROCCI DIAGNOSTICI E TERAPEUTICI PER WELLNESS,FITNESS, PREVENZIONE

Dettagli

METODOLOGIE E RUOLI PROFESSIONALI

METODOLOGIE E RUOLI PROFESSIONALI IAF-Istituto di Alta Formazione Roma Pescara in collaborazione con il Centro PsicA di Pescara e il Centro Regionale di Fisiopatologia della Nutrizione Regione Abruzzo Presidio Sanitario di Giulianova ASL

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

La Nutrizione. I principi nutritivi, gli alimenti

La Nutrizione. I principi nutritivi, gli alimenti La Nutrizione I principi nutritivi, gli alimenti PERCHÈ MANGIAMO? Prima di rispondere alla domanda proviamo a pensare al corpo umano come ad una meravigliosa macchina. Il nostro organismo, proprio come

Dettagli

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale DIABETE MELLITO Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica Patologia multisistemica e multifattoriale Parametri clinici: iperglicemia glicosuria - poliuria - polidipsia cheto-acidosi

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista DALLA PREISTORIA AD OGGI: STILI DI VITA DIVERSI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DALLA PREISTORIA

Dettagli

Non solo la quantità fa la differenza. Scelte consapevoli per una alimentazione corretta

Non solo la quantità fa la differenza. Scelte consapevoli per una alimentazione corretta Non solo la quantità fa la differenza. Scelte consapevoli per una alimentazione corretta Percorso integrato 2 biennio scuola secondaria di secondo grado Liceo Scientifico Martino Filetico Ceccano A cura

Dettagli

Capitolo 4 I menu per ritrovare la linea in 14 giorni 95. Capitolo 5 Cucinare con i cibi che non alzano la glicemia 115

Capitolo 4 I menu per ritrovare la linea in 14 giorni 95. Capitolo 5 Cucinare con i cibi che non alzano la glicemia 115 Sommario Introduzione Conosci l indice glicemico e perdi peso senza sacrifici 7 Capitolo 1 La glicemia dei cibi e i meccanismi che fanno ingrassare 13 Capitolo 2 L importanza dell indice glicemico 33 Capitolo

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

C A R D I O P A T I A I S C H E M I C A : R I D U R R E I L R I S C H I O. Riassunto

C A R D I O P A T I A I S C H E M I C A : R I D U R R E I L R I S C H I O. Riassunto Riassunto 1 Introduzione 1.1 Premessa 1.2 Spesa sanitaria e cardiopatia ischemica 1.3 Fattori di rischio coronarico come causa di cardiopatia ischemica 1.3.1 Prospettive future 1.3.2 Nutrizione e malattie

Dettagli

MeMo SYSTEM DIMAGRIRE E UNA COSA SERIA

MeMo SYSTEM DIMAGRIRE E UNA COSA SERIA MeMo SYSTEM DIMAGRIRE E UNA COSA SERIA Meno Peso Molto Benessere Un emergenza che non ha stagione, quella dei chili in eccesso. In Europa sono ben 130 milioni le persone obese, mentre il 53% della popolazione

Dettagli

FAME, APPETITO E SAZIETA

FAME, APPETITO E SAZIETA FAME, APPETITO E SAZIETA 1 FAME Necessità di un organismo ad assumere cibo Nel sistema nervoso centrale, a livello ipotalamico, si distinguono due zone il centro della fame il centro della sazietà La prima

Dettagli

La termoregolazione. I processi vitali avvengono in condizioni ottimali solo in ambito di temperature molto ristrette (circa 37 c.).

La termoregolazione. I processi vitali avvengono in condizioni ottimali solo in ambito di temperature molto ristrette (circa 37 c.). Indice La termoregolazione Il metabolismo energetico Lo stress metabolico: significato e possibili conseguenze La corretta alimentazione ed idratazione dello sportivo Il doping Esigenze nutrizionali PRIMA

Dettagli

TEST GENOMICO: Anticipare il futuro partendo dal presente.

TEST GENOMICO: Anticipare il futuro partendo dal presente. TEST GENOMICO: Anticipare il futuro partendo dal presente. Il passaggio dalla Medicina della Malattia alla Medicina Preventiva e Predittiva si configura come una sorta di rivoluzione copernicana della

Dettagli

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale L energia introdotta con gli alimenti è utilizzata dall organismo e restituita all ambiente sotto forma di calore (soprattutto)

Dettagli

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE È considerato lattante un individuo fra 0 e 1 anno di età. Le esigenze e quindi gli apporti nutrizionali in questa fase della crescita sono correlati a caratteristiche

Dettagli

Cosa è il diabete mellito

Cosa è il diabete mellito Cosa è il diabete mellito Il diabete mellito è una malattia a carico del metabolismo. L'origine del nome diabete mellito è greca, e fa riferimento alla caratteristica del miele di essere particolarmente

Dettagli

Alimenti e alimentazione

Alimenti e alimentazione Tracce per la seconda prova d esame di Alimenti e alimentazione Prof. Amedeo Serra Indirizzo: Tecnico dei servizi della ristorazione Tema di: Alimenti e alimentazione Durata massima della prova: 6 ore

Dettagli

Concimi chimici, raffinazione industriale, inquinamento, cibi in scatola ecc.. sottopongono il nostro corpo ad uno stress fisico notevole

Concimi chimici, raffinazione industriale, inquinamento, cibi in scatola ecc.. sottopongono il nostro corpo ad uno stress fisico notevole ALIMENTAZIONE BENESSERE BELLESSERE Le proprietà farmacologiche, salutistiche, estetiche del cibo La mancanza di equilibrio tipica dell alimentazione moderna è spesso correlata al determinismo di molte

Dettagli

Nel periodo successivo al dopoguerra si assistette ad ulteriori importanti cambiamenti legati alle abitudini alimentari, tra cui:

Nel periodo successivo al dopoguerra si assistette ad ulteriori importanti cambiamenti legati alle abitudini alimentari, tra cui: EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA DEL CIBO E POSSIBILI CAUSE CORRELATE ALLE PATOLOGIE CRONICHE DEGENERATIVE: IL RUOLO DELL INDUSTRIA DEL BIOLOGICO NELLA RISCOPERTA DEI CIBI PERDUTI Il boom delle industrie alimentari

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE 1-2 e 8-9 maggio 2010 GUIDA PER UNO stile di vita SALUTARE ATTIVITÁ FISICA QUOTIDIANA Ogni giorno almeno 6 volte a settimana: 30 minuti di PASSEGGIATA Per migliorare lo stile di vita: parcheggiare più

Dettagli

ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto tra acidi grassi omega6 e omega3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA

ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto tra acidi grassi omega6 e omega3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA ESITO TEST: Cod. ID: 123456 CCV: 574 Data: 01/01/2013 Paziente: Rossi Mario Referto a cura di: NatrixLab Via Cavallotti, 16 42122 Reggio Emilia Aut.n. 67 del 26.01.10 Direttore Sanitario Dott. Michele

Dettagli

ASSOCIAZIONE BIOLOGI JONICI

ASSOCIAZIONE BIOLOGI JONICI ASSOCIAZIONE BIOLOGI JONICI CORSO DI AGGIORNAMENTO LA SINDROME METABOLICA: ASPETTI NUTRIZIONALI, CLINICI, DIAGNOSTICI e STILI DI VITA Riferimento evento RES n. 15425 Crediti formativi 43,5 dal 14 ottobre

Dettagli

Nuovi interventi terapeutici nel trattamento di sovrappeso e obesità: dal picco glicemico all infiammazione dell organo adiposo

Nuovi interventi terapeutici nel trattamento di sovrappeso e obesità: dal picco glicemico all infiammazione dell organo adiposo Pier Luigi Rossi - Anna Maidecchi - Marinella Pescari - Vitalia Murgia Nuovi interventi terapeutici nel trattamento di sovrappeso e obesità: dal picco glicemico all infiammazione dell organo adiposo L

Dettagli

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE LE CAUSE DELL OBESITÀ Dall interazione di fattori

Dettagli

FIBRA ALIMENTARE. 2) miglioramento della funzionalità intestinale e dei disturbi ad essa associati (stipsi, diverticolosi);

FIBRA ALIMENTARE. 2) miglioramento della funzionalità intestinale e dei disturbi ad essa associati (stipsi, diverticolosi); FIBRA ALIMENTARE Pur non potendosi considerare un nutriente, la fibra alimentare esercita effetti di tipo funzionale e metabolico che la fanno ritenere una importante componente della dieta umana. 1) aumento

Dettagli

Cosa sono i grassi o lipidi?

Cosa sono i grassi o lipidi? Cosa sono i grassi o lipidi? Lipidi da LIPOS = grasso Sostanze organiche di diversa natura con una caratteristica comune: sono insolubili in acqua Importanti costituenti dei tessuti vegetali e animali

Dettagli

Malnutrizione in Eccesso e in Difetto

Malnutrizione in Eccesso e in Difetto Malnutrizione in Eccesso e in Difetto BMI Peso in KG (Altezza) 2 in m 1 2 3 Whitlock G, Lewington S, Sherliker P, et al. (marzo 2009). Body-mass index and cause-specific mortality in 900 000 adults: collaborative

Dettagli

21 novembre 2013 CENTRO SOCIALE ONCOLOGICO TRIESTE Perché non ingrassare

21 novembre 2013 CENTRO SOCIALE ONCOLOGICO TRIESTE Perché non ingrassare PROGETTO GUADAGNARE IN SALUTE SEMPRE 21 novembre 2013 CENTRO SOCIALE ONCOLOGICO TRIESTE Perché non ingrassare Dott. Paola Sbisà Medico Specialista in Scienza dell Alimentazione indirizzo Dietetico Trieste

Dettagli

I NUTRIENTI E L ENERGIA

I NUTRIENTI E L ENERGIA I NUTRIENTI E L ENERGIA Carboidrati, proteine, lipidi, vitamine, minerali ma cosa sono? E, soprattutto, quanti ce ne servono? Vediamo un po nel dettaglio. Gli alimenti sono sostanze assunte dagli organismi

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE

EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE Dott.ssa Luce Ghigo Medico Chirurgo Convenzionato S.S.N. Medicina di Gruppo - Medico di R.S.A. Piani Alimentari e Terapia del Sovrappeso 1 Se è vero che le esigenze nutrizionali

Dettagli

Educazione alimentare

Educazione alimentare Università degli Studi di Torino Azienda Ospedaliera San Luigi di Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Dietetica e Nutrizione Clinica Educazione alimentare Classificazione: entità Indice di massa

Dettagli

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA Il SERVIZIO DI DIETOLOGIA AIED offre: Visite mediche specialistiche Elaborazione diete computerizzate personalizzate

Dettagli

Cibo e salute. Marisa Porrini DiSTAM Università degli Studi di Milano

Cibo e salute. Marisa Porrini DiSTAM Università degli Studi di Milano Cibo e salute tra innovazione e tradizione Marisa Porrini DiSTAM Università degli Studi di Milano il cibo è salute sostentamento della vita prevenzione delle malattie da carenza ottimizzazione delle funzioni

Dettagli

Università degli Studi di FIRENZE. Laurea Magistrale in SCIENZE DELL'ALIMENTAZIONE

Università degli Studi di FIRENZE. Laurea Magistrale in SCIENZE DELL'ALIMENTAZIONE Università degli Studi di FIRENZE Laurea Magistrale in SCIENZE DELL'ALIMENTAZIONE attivato ai sensi del D.M. 22/10/2004, n. 270 valido a partire dall anno accademico 2012/2013 1 Premessa Denominazione

Dettagli

UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet. La soluzione!

UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet. La soluzione! UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet La soluzione! Conviene far studi sui regimi (alimentari) più opportuni per gli uomini ancora in salute. Ippocrate Il secondo millennio

Dettagli

METODOLOGIE E RUOLI PROFESSIONALI

METODOLOGIE E RUOLI PROFESSIONALI III EDIZIONE Aggiornamento Tecnico-Professionale in Dietologia e Nutrizione Clinica CORSO/MASTER IN METODOLOGIE E RUOLI PROFESSIONALI NELL'APPROCCIO MULTIDIMENSIONALE ALLE PATOLOGIE ALIMENTARI Sala Convegni

Dettagli

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

IL RETTORE DECRETA. Corso di Master di II livello in Guida alla nutrizione umana: dalla teoria alla pratica (A.A. 2015/2016)

IL RETTORE DECRETA. Corso di Master di II livello in Guida alla nutrizione umana: dalla teoria alla pratica (A.A. 2015/2016) DIVISIONE PRODOTTI SETTORE ALTA FORMAZIONE Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 228 431 Fax 0161 210 289 progetti.didattica@uniupo.it Decreto del Rettore Repertorio n. 901/2015 Prot. n. 19561 del 22/12/2015

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

PREVENZIONE. Il rischio cardio-oncologico: ecco le armi per contrastarlo

PREVENZIONE. Il rischio cardio-oncologico: ecco le armi per contrastarlo PREVENZIONE Il rischio cardio-oncologico: ecco le armi per contrastarlo Uno stile di vita salutare, prevenendo le malattie cardiovascolari e oncologiche, abbassa il rischio cardio-oncologico e realizza

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

.Morire di fatica e di fame

.Morire di fatica e di fame .Morire di fatica e di fame cause di mortalità indigenza malattie infettive ed epidemie morti per parto e guerre Il cancro era raro e si pensava che l origine fosse genetico o virale e si rapportasse poco

Dettagli

Da quanto appena detto è evidente come la TERAPIA NUTRIZIONALE rappresenti uno dei cardini principali della terapia del diabete mellito.

Da quanto appena detto è evidente come la TERAPIA NUTRIZIONALE rappresenti uno dei cardini principali della terapia del diabete mellito. LA CONTA DEI CARBOIDRATI (CHO) La conta dei CHO è un metodo consigliabile a tutti i pz diabetici di tipo 1 e 2. E particolarmente utile per i pz in terapia insulinica (multiiniettiva o con il microinfusore)

Dettagli

UOSD NUCLI Unità Operativa Semplice Dipartimentale Servizio di Nutrizione Clinica, Terapia Parenterale e Anoressia Nervosa

UOSD NUCLI Unità Operativa Semplice Dipartimentale Servizio di Nutrizione Clinica, Terapia Parenterale e Anoressia Nervosa Pagina 1 di 9 I SERVIZI SPECIALISTICI DIAGNOSTICI E TERAPEUTICI COME TROVARCI IL PERSONALE IL SERVIZIO AMBULATORIALE L ASCOLTO DEI PAZIENTI PER MIGLIORARE IL SERVIZIO Causale preparazione / modifica documento:

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

La Nutrizione: principi base e fondamenti

La Nutrizione: principi base e fondamenti La Nutrizione: principi base e fondamenti 16/17 marzo 6/7 e 20/21 aprile 11/12 maggio 22/23 giugno seguibile interamente in videoconferenza Logistica SEDE CORSO Jolly NH Hotel Cavalieri Piazza della stazione

Dettagli

CORSO: ALIMENTAZIONE. ALIMENTI FUNZIONALI - NUTRACEUTICI- PREBIOTICI e PROBIOTICI NELLA SALUTE UMANA - NUTRIGENOMICA e NUTRIGENETICA

CORSO: ALIMENTAZIONE. ALIMENTI FUNZIONALI - NUTRACEUTICI- PREBIOTICI e PROBIOTICI NELLA SALUTE UMANA - NUTRIGENOMICA e NUTRIGENETICA PRESENTAZIONE CORSO ECM FAD CORSO: ALIMENTAZIONE ALIMENTI FUNZIONALI - NUTRACEUTICI- PREBIOTICI e PROBIOTICI NELLA SALUTE UMANA - NUTRIGENOMICA e NUTRIGENETICA a cura dell ISTITUTO DI SCIENZE DELL ALIMENTAZIONE

Dettagli

La nutrizione nello sport

La nutrizione nello sport La nutrizione nello sport Una corretta alimentazione deve coprire in modo ottimale il fabbisogno energetico e plastico di un individuo, tenendo conto della fase di accrescimento, dell attività muscolare

Dettagli

Siamo quello che mangiamo

Siamo quello che mangiamo Siamo quello che mangiamo Una sana alimentazione rappresenta il primo intervento di prevenzione a tutela della salute e dell armonia psico-fisica organismo è una macchina biochimica che consuma carburante

Dettagli

Biosintesi dei triacilgliceroli

Biosintesi dei triacilgliceroli Biosintesi dei triacilgliceroli Destino della maggior parte degli acidi grassi sintetizzati o ingeriti: Ø triacilgliceroli (riserva) Ø fosfolipidi (membrane) in base alle necessità metaboliche I triacilgliceroli

Dettagli

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi.

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Le proteine Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Per avere un idea più precisa, basti pensare che tutti i muscoli del nostro corpo sono composti da filamenti di proteine

Dettagli