Trattamento della pericardite acuta e recidivante. Cosa deve sapere il cardiologo clinico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trattamento della pericardite acuta e recidivante. Cosa deve sapere il cardiologo clinico"

Transcript

1 RASSEGNA Trattamento della pericardite acuta e recidivante. Cosa deve sapere il cardiologo clinico Massimo Imazio, Rita Trinchero Dipartimento di Cardiologia, Ospedale Maria Vittoria, Torino Key words: Pericarditis; Prognosis; Therapy. Pericarditis is a common clinical problem, above all in incessant and recurrent forms. Treatment should be targeted according to etiology, but this is often unfeasible with a conventional approach, because most cases are labeled as idiopathic in the majority of immunocompetent patients from developed countries. Clinical risk stratification of acute pericarditis may be useful to select patients who should be admitted to hospital, and in whom a complete evaluation should be performed to identify causes that require specific therapy. In idiopathic and viral pericarditis the mainstay of treatment is the use of aspirin or a nonsteroidal anti-inflammatory drug with the possible adjunct of colchicine to prevent recurrences, above all in recurrent pericarditis. Corticosteroids are too often considered and should be limited to rare, specific indications (definite rheumatologic disease, presumed autoimmune etiology, intolerance or contraindications to aspirin or non-steroidal anti-inflammatory drugs, pregnancy) being a clear risk factor for a prolonged and chronic course of the disease in idiopathic or viral forms. Despite the common fear of a possible evolution towards constrictive pericarditis, such complication is not recorded in acute and recurrent pericarditis of viral and idiopathic etiology. The prognosis is good in these cases and the risk of constriction is related to the presence of a specific etiology and not to the number of recurrences. (G Ital Cardiol 2008; 9 (12): ) 2008 AIM Publishing Srl Ricevuto il 15 aprile 2008; nuova stesura il 14 luglio 2008; accettato il 15 luglio Per la corrispondenza: Dr. Massimo Imazio Dipartimento di Cardiologia Ospedale Maria Vittoria Via Cibrario, Torino yahoo.it Introduzione La pericardite acuta o ricorrente è una patologia relativamente comune che spesso pone diversi interrogativi e problemi gestionali. In primo luogo il clinico è spesso preoccupato di non riuscire ad identificare una precisa eziologia e dal fatto che ad una mancata diagnosi possa seguire una terapia inappropriata. Un timore collegato è che le eventuali recidive possano essere una conseguenza della mancata identificazione di un eziologia specifica. La recidiva è spesso vissuta come un fallimento della terapia in corso ed è comune la ricerca di nuovi trattamenti che spesso vanno a sostituire il trattamento precedente e divengono sempre più complessi con il susseguirsi delle recidive. Medico e paziente sono poi accomunati dal timore che il ripetersi delle recidive possa comportare il rischio di complicanze sempre più gravi ed in particolare è diffuso il timore di una possibile evoluzione verso una forma costrittiva. La relativa mancanza di studi clinici controllati e di linee guida specifiche porta spesso a ricoveri ripetuti, reiterazioni di diagnostiche più o meno complesse, alla richiesta di consulenze ed alla ricerca di nuove terapie non sempre basate su di una solida evidenza scientifica. Scopo di questa rassegna è quello di rivedere in modo critico quali sono le attuali conoscenze sull eziologia, la diagnosi, la terapia e la prognosi della pericardite acuta e recidivante con la finalità di promuovere un approccio sempre più basato sull evidenza alla gestione di una malattia molto comune nella pratica clinica. Definizione e cause della pericardite La pericardite acuta, ossia l infiammazione del pericardio, può essere provocata da una causa infettiva (in genere virale), nella maggior parte dei casi, o non infettiva (in genere autoimmune 10-15% dei casi, se si includono anche le forme post-pericardiotomiche, o neoplastica nel 5% dei casi) 1,2. Benché qualsiasi agente infettivo possa provocare la pericardite acuta (Tabella 1), nei paesi occidentali a bassa prevalenza di tubercolosi ed infezione da HIV, la causa 826

2 M Imazio, R Trinchero - Trattamento della pericardite acuta e recidivante infettiva più comune è quella virale (enterovirus, adenovirus, Epstein-Barr virus, cytomegalovirus per citare gli agenti più comuni), meno comuni l eziologia tubercolare (4-5%), altre cause batteriche, molto rare le forme purulente (<1%) (Tabella 2) 3-5. La ricerca eziologica virologica basata su sierologia ed esami colturali è spesso poco proficua e gli esiti, quando raramente portano ad una definizione diagnostica più precisa, non hanno comunque una ricaduta terapeutica. Per tale ragione gran parte dei casi vengono etichettati come forme idiopatiche (80-85%) 1,5,6. Epidemiologia Punti Chiave La pericardite è una malattia intensamente infiammatoria che può essere provocata da una causa infettiva nella maggior parte dei casi (80-85%: in genere virale, più rara la forma tubercolare in circa il 5% dei casi), o non infettiva (in genere autoimmune 10-15% o neoplastica 5%). La diagnosi si basa su criteri clinici (sintomi, presenza di sfregamenti pericarditi, alterazioni elettrocardiografiche e/o versamento pericardico) ed una ricerca eziologica sistematica e il ricovero non sono richiesti nella maggior parte dei casi (casi a basso rischio). Anamnesi, esame fisico, esiti dei marker infiammatori (velocità di eritrosedimentazione, proteina C-reattiva), di lesione miocardica (creatinchinasi-mb, troponina) e dell ecocardiogramma consentono di eseguire un triage della pericardite identificando i casi a basso rischio e quelli ad alto rischio da ricoverare e studiare in modo estensivo. Sono predittori prognostici negativi associati all alto rischio: febbre >38 C, il decorso subacuto, la presenza di versamento grave e tamponamento cardiaco. I pazienti con elevazione dei marker di lesione miocardica vanno ricoverati per escludere una sindrome coronarica acuta, per osservazione e monitoraggio. Una miopericardite comporta in genera una buona prognosi. Cardine del trattamento convenzionale delle forme idiopatiche e virali è l aspirina o i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). L uso della colchicina è off-label nelle pericarditi ed è principalmente indicato per la prevenzione delle recidive nelle forme ricorrenti, mentre l utilità del suo impiego è più incerta nel primo attacco. L impiego dei corticosteroidi andrebbe limitato ai casi refrattari al trattamento con FANS, quando i FANS sono controindicati, e nei casi limitati in cui un trattamento corticosteroideo è indicato per il trattamento della malattia di base. La prognosi dipende dall eziologia: è ottima nelle forme idiopatiche e virali che non rischiano mai la costrizione pericardica malgrado anche numerose recidive. Tabella 1. Eziologia della pericardite acuta: una semplice classificazione basata sulla distinzione tra forme infettive (due terzi dei casi) e non infettive. Pericardite infettiva Virale (forme più comuni: Echovirus e Coxsackie [usuali], Influenza, Epstein-Barr virus, Cytomegalovirus, varicella, rosolia, parotite, epatite B, epatite C, HIV) Batterica (forme più comuni: tubercolare, altre batteriche sono rare: Coxiella, pneumococco, meningococco, gonococco, Haemophilus, borreliosi, Chlamydia, Treponema pallidum) Micotiche (rare: Candida, Histoplasma) Parassitarie (molto rare: Echinococco, Toxoplasma, Entameba histolytica) Pericardite non infettiva Autoimmune Sindromi da lesione pericardica (post-infartuale, post-pericardiotomica, post-traumatica) Pericardite in corso di malattie sistemiche immunoreumatologiche (forme più comuni: lupus eritematoso sistemico, artrite reumatoide, sindrome di Sjögren, sclerodermia, vasculiti sistemiche, sindrome di Behçet, febbre familiare mediterranea) Pericardite autoreattiva Neoplastica Primaria (rara, soprattutto mesotelioma pericardico) Secondaria (comune, soprattutto K polmone, mammella, linfomi) Metabolica (comune: uremia, mixedema, altre rare) Traumatica Trauma diretto (lesione toracica penetrante, perforazione esofagea) Trauma indiretto (lesione toracica non penetrante, lesione da radiazione) Altre (rare: farmaco-indotte, pericardite in malattie di organi contigui, pericarditi di incerta patogenesi) La malattia è relativamente comune, coinvolge spesso soggetti giovani non ancora immuni ai più comuni patogeni virali. Si stima che la pericardite acuta sia responsabile di circa il 5% degli accessi ai dipartimenti di emergenza per dolore toracico non ischemico. Uno studio prospettico relativo ad un area urbana ha rilevato un incidenza di 27.7 casi/ abitanti/anno con un concomitante coinvolgimento miocarditico (miopericardite) in circa il 15% dei casi 7. La pericardite acuta può recidivare in circa un terzo dei casi. Le recidive possono avere una genesi immunopatologica o infettiva virale, ma la percentuale esatta di tali meccanismi non è nota. Nell esperienza clinica di alcuni centri, ed in particolare nello studio dei versamenti pericardici recidivanti con tecniche di amplificazione del genoma virale, circa un terzo dei casi hanno un eziologia infettiva dovuta alla cronicizzazione di una precedente infezione virale, una reinfezione od una nuova infezione Gran parte dei casi (circa due terzi) potrebbe avere un eziopatogenesi immunopatologica. L evenienza di nuove recidive in un paziente con un primo episodio di pericardite recidivante è molto comune (fino al 50% dei casi) 11 e non deve pertanto essere considerata necessariamente come un fallimento della terapia. Caratteristiche cliniche La pericardite si caratterizza per un dolore toracico retrosternale con classica accentuazione inspiratoria e con 827

3 G Ital Cardiol Vol 9 Dicembre 2008 Tabella 2. Eziologia della pericardite acuta nelle maggiori casistiche pubblicate. Permanyer-Miralda et al. 3 Zayas et al. 4 Imazio et al. 5 (n=231) (n=100) (n=453) Idiopatica 199 (86.0%) 78 (78.0%) 377 (83.2%) Eziologia specifica 32 (14.0%) 22 (22.0%) 76 (16.8%) Neoplastica 13 (5.6%) 7 (7.0%) 23 (5.1%) Tubercolare 9 (3.9%) 4 (4.0%) 17 (3.8%) Autoimmune 4 (1.7%) 3 (3.0%) 33 (7.3%) Purulenta 2 (0.9%) 1 (1.0%) 3 (0.7%) il clinostatismo ed attenuazione con la posizione seduta a tronco inclinato in avanti. Può irradiarsi al trapezio e alla spalla o limitarsi a questa zona per irritazione del nervo frenico ed accentuarsi con la deglutizione. Il dolore è dovuto all aumentato attrito tra i foglietti pericardici provocato dalla fibrina, la cui espressione auscultatoria è lo sfregamento pericardico. L infiammazione può produrre un essudato con aumento del liquido pericardico che separa i foglietti pericardici producendo un versamento pericardico che è evidenziabile e quantificabile con l ecocardiografia. La presenza di versamento pericardico conferma il sospetto diagnostico ma non è indispensabile per la formulazione della diagnosi. Può coesistere un versamento pleurico (pleuropericardite) ed un concomitante coinvolgimento miocarditico (miopericardite), in quanto gli stessi virus responsabili della pericardite sono i principali agenti eziologici della miocardite 1,12,13. Si ritiene patognomonico della pericardite il sopraslivellamento diffuso del tratto ST (espressione in realtà di un coinvolgimento miocarditico subepicardico, visto che il pericardio è elettricamente silente). In realtà il primo segno patognomonico della pericardite è il sottoslivellamento del tratto PR, espressione di una corrente di lesione atriale, che è più precocemente rilevabile dato il minor spessore della parete atriale (Figura 1). Nelle forme idiopatiche e virali il decorso è acuto ed è presente febbricola o febbre <38 C, più elevata in caso di altre eziologie. Gli indici infiammatori (ad esempio velocità di eritrosedimentazione [VES], proteina C- reattiva) sono elevati e confermano la diagnosi. Nelle forme recidivanti la sintomatologia e le manifestazioni cliniche sono in genere meno marcate che nell episodio iniziale e tendono ad attenuarsi negli attacchi successivi in caso di recidive multiple. Diagnosi La diagnosi di pericardite acuta si basa sulla presenza di almeno due dei quattro criteri diagnostici: 1) dolore toracico pericarditico, 2) sfregamento pericardico, 3) alterazioni elettrocardiografiche caratteristiche, 4) versamento pericardico. Nella pericardite recidivante è necessaria la presenza di dolore pericarditico più almeno un evidenza obiettiva di attività della malattia: 1) sfregamento pericardico, 2) alterazioni elettrocardiografiche caratteristiche, 3) versamento pericardico, 4) elevazione della VES e/o proteina C-reattiva (Tabella 3) 1,10. Trattandosi di malattie intensamente infiammatorie la presenza di una normale proteina C-reattiva esclude il sospetto diagnostico iniziale di pericardite 14. Nella pratica clinica tuttavia non va dimenticato che nella fase iperacuta della malattia gli indici infiammatori possono ancora risultare normali per poi alterarsi nelle fasi successive. Se si sospetta un eziologia specifica è indicato il ri- Figura 1. Classico ECG precoce in corso di pericardite acuta: sottoslivellamento del tratto PR come segno più precoce e sopraslivellamento del tratto ST diffuso. Come in questo caso, le alterazioni del tratto ST possono essere più marcate in sede inferiore ed anterolaterale laddove più esteso è il rapporto tra pericardio e miocardio. 828

4 M Imazio, R Trinchero - Trattamento della pericardite acuta e recidivante Tabella 3. Criteri diagnostici per la pericardite acuta e recidivante. Pericardite acuta (almeno 2 su 4 criteri): 1. Dolore toracico pericarditico 2. Sfregamenti pericarditi 3. Alterazioni elettrocardiografiche diagnostiche 4. Versamento pericardico Pericardite recidivante: dolore toracico pericarditico ricorrente più almeno 1 dei seguenti: 1. Sfregamenti pericardici 2. Alterazioni elettrocardiografiche 3. Versamento pericardico 4. Elevazione dei marker infiammatori (VES e/o PCR) In tutti i casi gli indici infiammatori devono essere elevati (ad esempio PCR). PCR = proteina C-reattiva; VES = velocità di eritrosedimentazione. Figura 3. Ecocardiogramma bidimensionale in proiezione parasternale asse lungo con versamento pericardico (PE) di entità grave. È evidente la presenza di un concomitante versamento pleurico (PL) situato posteriormente rispetto all aorta toracica sezionata trasversalmente (AO). L ecocardiogramma consente di quantificare in modo semiquantitativo l entità del versamento. Per versamenti non saccati si misurano gli spazi ecoprivi anteriore e posteriore in telediastole: tale somma è <1 cm nei versamenti lievi, tra 1 e 2 cm nei versamenti moderati e >2 cm nei versamenti gravi. ASX = atrio sinistro; VSX = ventricolo sinistro. Figura 2. Radiografia del torace con cardiomegalia secondaria a cospicuo versamento pericardico. Una cardiomegalia è evidente alla radiografia in presenza di versamenti pericardici di entità almeno pari a ml. covero ed una ricerca eziologica mirata. Se invece non vi sono elementi per cui sospettare una causa specifica vale la pena di eseguire un triage della pericardite basandosi su anamnesi, esame fisico, esiti degli indici di flogosi, marker di lesione miocardica (troponina, creatinchinasi-mb), Rx torace (Figura 2) e risultati dell ecocardiogramma (Figura 3). Un elenco dettagliato degli esami di primo livello da eseguire in ogni caso di sospetta pericardite è riportato nella Tabella 4 15,16. Sono stati identificati alcuni elementi che alla presentazione possono predire un aumentato rischio di Tabella 4. Esami nella pericardite in accordo con le raccomandazioni delle linee guida europee sul trattamento delle malattie pericardiche 15. Esame Obbligatori (classe I) Auscultazione ECG Ecocardiogramma Esami ematici Radiografia del torace In relazione alla presentazione (classe II) Pericardiocentesi nel tamponamento cardiaco (classe I) Pericardiocentesi nel versamento grave/ricorrente senza chiara diagnosi (classe IIa) Pericardiocentesi nel versamento lieve persistente (classe IIb) Opzionali se malattia persistente e test iniziali inconclusivi (classe IIa): TAC RMN Pericardioscopia e biopsia pericardica Elementi da ricercare per la diagnosi Sfregamenti pericarditi Alterazioni PR e ST/T caratteristiche Versamento pericardico Indici infiammatori (VES, PCR), emocromo, creatinina, marker di lesione miocardica (troponina, CK-MB) Versamento pleurico, dimensioni cardiache, patologia pleuropolmonare concomitante Ricerca eziologica su liquido pericardico Ricerca di malattia associata (tubercolosi, neoplasia) Biopsia pericardica mirata CK = creatinchinasi; PCR = proteina C-reattiva; RMN = risonanza magnetica nucleare; TAC = tomografia assiale computerizzata; VES = velocità di eritrosedimentazione. 829

5 G Ital Cardiol Vol 9 Dicembre 2008 eziologia specifica o di complicazioni (indicatori prognostici negativi): febbre >38 C, decorso subacuto, terapia anticoagulante orale, immunodepressione, miopericardite, versamento pericardico grave, tamponamento cardiaco 17. All analisi multivariata sono risultati predittori indipendenti di una possibile eziologia specifica solo la febbre >38 C, il decorso subacuto, la presenza di versamento grave e tamponamento cardiaco, solo queste ultime due caratteristiche sono associate ad un aumentato rischio di complicazioni al follow-up 5. Un paziente con uno o più di questi elementi ha un alto rischio di complicarsi o di avere un eziologia specifica, va ricoverato e studiato. In assenza di questi fattori e se risponde all aspirina o altro farmaco antinfiammatorio non steroideo (FANS) è un paziente a basso rischio che può essere trattato in modo empirico senza ricovero e evitando inutili e costosi esami per la ricerca eziologica (Figura 4) 1,2,17,18. Quando si teme un eziologia specifica bisogna escludere soprattutto una forma tubercolare 19 (utili Rx torace, tomografia computerizzata del torace con mezzo di contrasto, intradermoreazione secondo Mantoux o meglio test QuantiFERON, esame su escreato ed urine con tecniche di amplificazione per la ricerca del genoma batterico, meglio se possibile una determinazione sul liquido pericardico ricercando anche l adenosina-deaminasi comune nella pericardite tubercolare, se è presente liquido pleurico le stesse analisi possono essere condotte su di questo), neoplastica (utili Rx torace, tomografia computerizzata del torace + addome con mezzo di contrasto, mammografia nella donna, esame citologico e marker tumorali sul liquido pericardico), od una collagenopatia (utili anamnesi ed esame fisico mirato, anticorpi antinucleo e fattore reumatoide come primo screening). La diagnosi di certezza di una pericardite tubercolare richiede la dimostrazione del micobatterio con esame batterioscopico, colturale o istologico. In assenza di questa dimostrazione la diagnosi è solo probabile se si dimostrano elevati livelli di adenosina-deaminasi nel liquido pericardico (ad esempio >40 U/l hanno una sensibilità dell 87% ed una specificità dell 89%) oppure se si dimostra la presenza di una forma tubercolare polmonare od extrapolmonare in corso di una pericardite. In paesi sviluppati, ove la tubercolosi non è endemica, non è più raccomandata e giustificabile la diagnosi exiuvantibus per la risposta alla terapia antitubercolare empirica. Tale terapia empirica viene invece spesso adottata nei paesi in via di sviluppo ove la tubercolosi è endemica e spesso associata all infezione da HIV. La diagnosi di pericardite tubercolare è divenuta più frequente in pazienti extracomunitari o provenienti dall Europa orientale, oltre che nei pazienti con infezione da HIV, mentre è poco usuale in soggetti immunocompetenti originari dell Europa occidentale o Stati Uniti e Canada. La pericardite neoplastica è in genere dovuta alla localizzazione secondaria di una neoplasia primitiva polmonare, mammaria o di un linfoma. Generalmente le neoplasie polmonari sono di più frequente riscontro clinico perché la propagazione per via linfatica del tumore rende più probabile la comparsa di versamento pericardico. Sono più rare le altre neoplasie, incluse quelle primitive del pericardio (per lo più il mesotelioma pericardico) 20. Terapia In tutti i casi di pericardite si raccomanda il riposo fino alla remissione con scomparsa dei sintomi e normalizzazione degli indici di flogosi. Nelle forme con concomitante coinvolgimento miocarditico si raccomanda un periodo di riposo di 4-6 settimane. L attività fisica precoce può contribuire alla ripresa dei sintomi e facilitare Eziologia specifica altamente sospetta? SÌ Ricovero, ricerca eziologica e trattamento mirato NO Indicatori prognostici negativi? SÌ PERICARDITE AD ALTO RISCHIO NO PERICARDITE A BASSO RISCHIO Ricovero, ricerca eziologica Trattamento empirico con ASA o FANS Trattamento ambulatoriale con ASA o FANS, Nessuna ricerca eziologica. Risposta alla terapia? NO PERICARDITE A RISCHIO MODERATO SÌ PERICARDITE A BASSO RISCHIO Ricovero. Ricerca eziologica e trattamento mirato Trattamento ambulatoriale Nessuna ricerca eziologica Figura 4. Triage della pericardite acuta. Sono predittori prognostici negativi associati all alto rischio: febbre >38 C, il decorso subacuto, la presenza di versamento grave e tamponamento cardiaco. L elevazione dei marker di lesione miocardica si associa a miopericardite e richiede il ricovero 1,2. ASA = aspirina; FANS = farmaci antinfiammatori non steroidei. 830

6 M Imazio, R Trinchero - Trattamento della pericardite acuta e recidivante l insorgenza delle recidive 10,13. Tale raccomandazione si basa sia su studi animali che hanno evidenziato che l attività fisica rallenta la clearance virale nella miocardite, sia sull opinione di esperti che suggeriscono di evitare attività fisica oltre le attività sedentarie nella fase acuta della malattia, e per la nostra esperienza clinica fino alla normalizzazione della proteina C-reattiva. La terapia di una forma ad eziologia specifica (ad esempio tubercolare) deve essere indirizzata al trattamento della malattia di base. Nei casi più comuni (forme idiopatiche o virali) non esiste un trattamento specifico da proporre ed il trattamento è sintomatico e si basa su aspirina o FANS (Tabella 5). Non è tanto importante quale FANS si utilizza, bensì che si usino adeguate dosi antinfiammatorie (ad esempio aspirina 2-4 g/die, indometacina mg/die, ibuprofene mg/die) 10,14. Nella nostra esperienza l aspirina è un farmaco economico ed efficace (ad esempio mg 3-4 volte/die per i primi 7-10 giorni e poi scalare la dose giornaliera di mg ogni 7 giorni) e va sicuramente preferita ai FANS nei pazienti che devono essere sottoposti a terapia antiaggregante 1,10. La colchicina a basse dosi (0.5 mg 2/die se peso >70 kg, 0.5 mg in monosomministrazione per pesi inferiori) si è dimostrata un utile aggiunta nell ottica di prevenire le recidive. Il farmaco è efficace in almeno il 60% dei soggetti e può dimezzare la frequenza di recidive 11,21. Nella nostra esperienza clinica dosi refratte più basse sono meglio tollerate di dosi da 1 mg. Il suo uso è off-label per questa indicazione (in Italia l unica indicazione riconosciuta è la gotta) e andrebbe pertanto richiesto il consenso informato. Il farmaco agisce anche a basse dosi concentrandosi nei globuli bianchi ed impedendo la polimerizzazione della tubulina, interferendo così con innumerevoli attività leucocitarie (ad esempio chemiotassi, fagocitosi, degranulazione) 22,23. Il principale effetto collaterale è l intolleranza gastrointestinale che si può manifestare con dolori addominali e diarrea (5-10% dei casi). L effetto è trattabile riducendo la posologia ed è prontamente reversibile con la sospensione del farmaco. Altri effetti collaterali meno comuni (<1%) devono essere considerati (alopecia, soppressione midollare, epatotossicità, miotossicità) 2,23. L insufficienza renale è il maggiore fattore di rischio per lo sviluppo di effetti collaterali provocando l incremento dei livelli sierici della colchicina. In aggiunta, va considerato che la colchicina è soggetta ad un intenso metabolismo epatico (CYP 3A4). Di conseguenza, farmaci (ad esempio ciclosporina, antifungini azolici, ciprofloxacina, claritromicina, diclofenac, doxiciclina, eritromicina, isoniazide, nicardipina, propofol, inibitori delle proteinasi, chinidina e verapamil) che interagiscono con il citocromo P450 possono provocare l aumento dei livelli sierici e quindi degli effetti della colchicina. La colchicina è anche substrato della glicoproteina P, un trasportatore coinvolto nell eliminazione di diversi farmaci. I macrolidi sono inibitori della glicoproteina P e degli enzimi dipendenti dal citocromo P450 e possono pertanto ridurre l escrezione della colchicina. La somministrazione simultanea di macrolidi e colchicina può pertanto portare alla ridotta eliminazione di quest ultima, un possibile eccesso del farmaco e quindi possibili effetti tossici soprattutto nell anziano e nei pazienti affetti da insufficienza renale 2,23. La colchicina va pertanto evitata od usata con particolare cautela nei pazienti che assumono macrolidi (è pertanto deprecabile la comune pratica di trattare la pericardite con una combinazione di antibiotici, antinfiammatori e colchicina, visto che la causa più comune è virale, ed in questo caso gli antibiotici sono inutili), in presenza di grave insufficienza epatica, renale od in presenza di patologie gastrointestinali ed ematologiche. È prudente ridurre la dose di mantenimento del 50% nei pazienti anziani (>70 anni) e quando il filtrato glomerulare è <50 ml/min. Un importante possibile interazione è quella con le statine: entrambi i farmaci Tabella 5. Terapia medica della pericardite acuta e recidivante secondo gli studi clinici e le linee guida pubblicate 15. Farmaco Pericardite acuta Pericardite recidivante Aspirina mg ogni 6-8 h per 7-10 giorni poi riduzione Idem della dose giornaliera di mg ogni 7 giorni Classe I Classe I FANS* Indometacina mg/die o ibuprofene Idem mg/die o nimesulide 200 mg/die Classe I Classe I Prednisone** mg/kg per 2-4 settimane poi tapering graduale mg/kg per 4 settimane poi tapering graduale ND Classe IIa Meglio: mg/kg/die Meglio: mg/kg/die Colchicina 1 mg/die (0.5 mg 2/die) per 3 mesi Idem per 6 mesi Classe IIa Classe I FANS = farmaci antinfiammatori non steroidei; ND = indicazione di classe non determinata dalle linee guida. *non è tanto importante quale FANS si usi, bensì che si usino adeguate dosi antinfiammatorie; **l uso di alte dosi di corticosteroidi comporta un rischio elevato di effetti collaterali maggiori (fino al 25% dei pazienti trattati), mentre dosi ridotte sono usualmente utilizzate nel trattamento delle sierositi acute nelle malattie reumatiche croniche con buoni risultati; non studiata in modo estensivo, dosi dimezzate (0.5 mg 2/die per le prime 24 h poi 0.5 mg/die come mantenimento) per i pazienti <70 kg possono aumentare la tollerabilità e la compliance così come evitare dosi di carico. 831

7 G Ital Cardiol Vol 9 Dicembre 2008 possono avere effetti miotossici ed in associazione possono più facilmente portare a questo effetto collaterale. L astenia può essere un primo aspecifico sintomo mentre il dosaggio della creatinchinasi può confermare il sospetto clinico. In ogni caso il profilo di sicurezza del farmaco sembra essere superiore a quello dei cortisonici o di altri immunosoppressori, per i quali l impiego è empirico e basato su una scarsa evidenza scientifica di reale utilità. In ogni caso è buona norma eseguire un monitoraggio degli effetti del farmaco su funzionalità epatica, renale, muscolo scheletrico e crasi ematica dosando le transaminasi, la creatinina, la creatinchinasi e l emocromo all inizio della terapia ed almeno 1 volta dopo 1 mese di terapia 2,23. La terapia corticosteroidea è ampiamente utilizzata per i rapidi risultati: in realtà si è dimostrata controproducente in quanto può rallentare la clearance dei virus e favorire quindi le recidive sia nella pericardite acuta sia in quella recidivante. Spesso la causa principale dell insuccesso di questa terapia è una breve durata della terapia con una troppo rapida riduzione della stessa 10,23. Benché spesso usati ad alte dosi (ad esempio prednisone mg/kg/die), i corticosteroidi sono spesso causa di gravi effetti collaterali fino al 25% dei casi. Non vi è motivo di ricorrere ad alte dosi, mentre l uso di dosi più basse (ad esempio prednisone 25 mg/die) può controllare l attività della malattia e ridurre il rischio di effetti collaterali, come è pratica usuale nel trattamento delle sierositi acute in corso di malattia sistemica immunoreumatologica 24,25. Raccomandazioni per un loro adeguato impiego dovrebbero includere: a) uso di dosi di attacco (non necessariamente alte dosi, ad esempio prednisone 25 mg in modo da controllare i sintomi) per 2-4 settimane, anche se la risposta è già evidente dopo pochi giorni; b) lenta riduzione della posologia da iniziare solo dopo normalizzazione della proteina C-reattiva (esempio 5-10 mg ogni 1-2 settimane fino a 25 mg di prednisone e poi ancora più lentamente, ad esempio 2.5 mg ogni 2-4 settimane); c) associare se possibile la colchicina fin dall inizio; d) considerare la possibile associazione con l aspirina o un FANS al di sotto di 25 mg/die di prednisone e nei casi di recidive multiple (Tabella 6). Nei pazienti in cui è prevista una terapia corticosteroidea vanno seguite le raccomandazioni sulla profilassi dell osteoporosi prescrivendo supplementi di calcio e vitamina D, ed oltre a questi bifosfonati negli uomini e nelle donne in menopausa. In conclusione l impiego dei corticosteroidi andrebbe perciò limitato ai casi refrattari al trattamento con FANS, quando i FANS sono controindicati, e nei casi limitati in cui un trattamento corticosteroideo è indicato per il trattamento della malattia di base Prognosi La prognosi è condizionata dalla malattia di base e non dal numero delle recidive. Possibili complicazioni (ad Tabella 6. Schema per la graduale riduzione della terapia corticosteroidea nella pericardite. Prednisone (dose giornaliera) Riduzione della dose >50 mg 10 mg/die ogni 1-2 settimane mg 5-10 mg/die ogni 1-2 settimane mg 2.5 mg/die ogni 2-4 settimane <10 mg mg/die ogni 2-4 settimane Ogni riduzione di prednisone deve avvenire solo a paziente asintomatico e con proteina C-reattiva normale, particolarmente al di sotto dei 25 mg/die. Nei pazienti in cui è prevista una terapia corticosteroidea vanno seguite le raccomandazioni sulla profilassi dell osteoporosi prescrivendo supplementi di calcio e vitamina D, ed oltre a questi bifosfonati negli uomini e nelle donne in menopausa. esempio evoluzione costrittiva) sono più comuni nelle forme ad eziologia specifica (tubercolare, neoplastica, autoimmune, post-attinica). Nella maggior parte dei casi si tratta però di forme virali o idiopatiche. Nonostante il comune timore di possibili complicazioni legate al susseguirsi delle recidive e alla mancanza di un eziologia definita, una volta esclusa un eziologia specifica al primo episodio o alla prima recidiva, la diagnosi di forma idiopatica comporta un ottima prognosi e deve essere motivo di rassicurazione. Infatti il rischio di pericardite costrittiva è nullo in questi pazienti (Tabella 7) 26. La malattia ha un andamento benigno ed autolimitantesi con una fase attiva iniziale di variabile durata a cui segue una progressiva riduzione del numero e gravità delle recidive. La colchicina ha dimostrato di dimezzare il numero delle recidive, migliorando la qualità di vita dei pazienti. In questi casi la rassicurazione è un importante elemento del trattamento della malattia. Prospettive future e conclusioni La stratificazione clinica e il triage della pericardite è uno strumento utile per selezionare i pazienti ad alto rischio di complicazioni o di eziologia specifica e che devono essere ricoverati. Gli altri casi a basso rischio possono essere seguiti ambulatoriamente evitando una ricerca eziologica in tutti i casi ma limitandosi ai casi che non rispondono al trattamento convenzionale con aspirina o FANS 1,2,6,18,27. Malgrado i recenti miglioramenti nella comprensione della patogenesi e nel trattamento della pericardite, ulteriori ricerche cliniche sono necessarie. Al momento attuale non sono disponibili che pochi trial randomizzati che possono guidare il trattamento della fase acuta e la prevenzione delle recidive. La colchicina sembra un farmaco economico, relativamente sicuro ed efficace da utilizzare in aggiunta al trattamento convenzionale per ridurre la frequenza delle recidive 28. Tuttavia il farmaco è efficace in circa il 60-70% dei casi, ma non nella totalità dei pazienti 8. I clinici sono spesso scettici sul suo impiego perché spesso 832

8 M Imazio, R Trinchero - Trattamento della pericardite acuta e recidivante Tabella 7. Prognosi della pericardite recidivante idiopatica nelle principali casistiche pubblicate 26. Studio Anno N. Età M/F Follow-up Uso Tamponamento Costrizione Disfunzione pazienti (anni) (mesi) steroidi VS Robinson (13-70) 13/7 ND 14/20 2/20 0/20 0/20 Clemency (22-67) 13/7 ND 13/20 2/20 0/20 0/20 Fowler (14-57) 13/ /24 0/24 0/24 0/24 Marcolongo (15-65) 5/ /9 0/9 0/9 0/9 Raatikka (7-16)0 5/ /8 0/8 0/8 0/8 Imazio (18-75) 13/ /36 0/36 0/36 0/36 CORE (18-79) 24/ /70 0/70 0/70 0/70 Brucato (19-75) 25/ /43 4/43* 0/43 0/43 Totale (7-79)0 111/ /230 8/230 0/230 0/230 (63.9%) (3.5%) (0.0%) (0.0%) F = femmine; M = maschi; ND = non disponibile; VS = ventricolare sinistra. *solo negli attacchi iniziali; 5 su 8 (62.5%) nell attacco iniziale. Tabella 8. Studi clinici randomizzati in corso sull impiego della colchicina nel trattamento e nella prevenzione della pericardite. Studio Pazienti da arruolare Bracci di trattamento Endpoint primario ICAP pazienti con pericardite Trattamento convenzionale + placebo vs Frequenza di recidiva a 18 mesi acuta trattamento convenzionale + colchicina CORP pazienti con prima recidiva Trattamento convenzionale + placebo vs Frequenza di recidiva a 18 mesi trattamento convenzionale + colchicina CORP pazienti con seconda o Trattamento convenzionale + placebo vs Frequenza di recidiva a 18 mesi successiva recidiva trattamento convenzionale + colchicina COPPS pazienti dopo intervento Placebo vs colchicina (prevenzione primaria cardiochirurgico della sindrome post-pericardiotomica) Sindrome post-pericardiotomica a 12 mesi osservano ancora recidive nei pazienti trattati. Spesso inoltre la utilizzano da sola o ad alte dosi (>1 mg/die), mentre è noto che il farmaco può dimezzare la frequenza delle recidive ma non annullarle, inoltre si è dimostrata efficace solo in presenza di indici infiammatori elevati (proteina C-reattiva elevata), in combinazione con un antinfiammatorio e non nei versamenti pericardici isolati 29. L aumento delle dosi comporta un aumento del rischio di effetti collaterali, soprattutto gastroenterici e riduce inevitabilmente la compliance e quindi la possibile efficacia. Dosi basse (0.5 mg/die) sono probabilmente più utili al fine di mantenere un adeguata compliance così come evitare dosi di attacco. Sono attualmente in corso alcuni trial randomizzati e in doppio cieco che forniranno risposte ulteriori, forse definitive, sulle raccomandazioni all impiego di questo farmaco nella pericardite acuta e recidivante (Tabella 8). La terapia corticosteroidea è ormai riconosciuta come un fattore di rischio per le recidive e la cronicizzazione nelle forme idiopatiche e virali ed è ormai sempre più chiaro che deve essere limitata a casi selezionati (intolleranza, allergia all aspirina e FANS, specifiche condizioni immunoreumatologiche, gravidanza). L impiego di alte dosi (1 mg/kg/die) è gravato spesso da effetti collaterali gravi e per questo motivo va preferito l utilizzo di dosi più basse (ad esempio prednisone 25 mg/die) come è prassi usuale nel trattamento delle sierositi acute nelle malattie immunoreumatologiche croniche. Ulteriori ricerche cliniche sono inoltre necessarie per stabilire l applicabilità e l utilità della diagnostica endoscopica invasiva (pericardioscopia) nella diagnosi e trattamento delle pericarditi refrattarie al trattamento antinfiammatorio convenzionale e nelle pericarditi ad eziologia specifica (tubercolare, purulenta e neoplastica). Riassunto La pericardite rappresenta un problema comune nella pratica clinica, soprattutto nelle forme incessanti o recidivanti. Il trattamento dovrebbe essere mirato alla causa, ma questa spesso non è identificata con un approccio diagnostico tradizionale, e la maggior parte dei casi nei soggetti immunocompetenti provenienti dai paesi occidentali rimane ad eziologia idiopatica. La stratificazione clinica può consentire di identificare i casi ad alto rischio di complicazioni o di eziologia specifica, che devono essere ricoverati e sottoposti ad una ricerca eziologica estensiva. Nelle forme idiopatiche o virali cardine del trattamento è l impiego dell aspirina o di un antinfiammatorio non steroideo con la possibile aggiunta dalla colchicina per prevenire le recidive, soprattutto nelle forme recidivanti. L impiego dei corticosteroidi è comune, ma questi dovrebbero essere limitati a rare e specifiche indicazioni (malattie reumatologiche definite, verosimile eziologia a patogenesi autoimmune, intolleranza o controindicazione all aspirina o ai farmaci antinfiammatori non steroidei, gravidanza), essendo un chiaro fattore di rischio per un decorso prolungato, ricorrente e cronico nelle forme idiopatiche o virali. 833

9 G Ital Cardiol Vol 9 Dicembre 2008 Nonostante il comune timore per una possibile evoluzione costrittiva, tale complicazione non è usualmente rilevata in forme ad eziologia idiopatica o virale. La prognosi della malattia è infatti buona in questi casi ed è più correlata all eziologia che non al numero delle recidive. Parole chiave: Pericardite; Prognosi; Terapia. Appendice Risorse disponibili su Internet - Imazio M. Evaluation and management of acute pericarditis; Imazio M. Patient information: pericarditis; Adler Y, Imazio M. Recurrent pericarditis. In: Rose BD, ed. UpToDate online. - Gruppo di Studio Cuore e Malattie Infettive dell Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri (ANMCO). - Gruppo Italiano per la Lotta contro la Pericardite (GILP). Bibliografia 1. Imazio M, Trinchero R. Triage and management of acute pericarditis. Int J Cardiol 2007; 118: Imazio M. Evaluation and management of acute pericarditis. In: Rose BD, ed. UpToDate online. com. 3. Permanyer-Miralda G, Sagristá-Sauleda J, Soler-Soler J. Primary acute pericardial disease: a prospective series of 231 consecutive patients. Am J Cardiol 1985; 56: Zayas R, Anguita M, Torres F, et al. Incidence of specific etiology and role of methods for specific etiologic diagnosis of primary acute pericarditis. Am J Cardiol 1995; 75: Imazio M, Cecchi E, Demichelis B, et al. Indicators of poor prognosis of acute pericarditis. Circulation 2007; 115: Little WC, Freeman GL. Pericardial disease. Circulation 2006; 113: Imazio M, Cecchi E, Demichelis B, et al. Myopericarditis versus viral or idiopathic acute pericarditis. Heart 2008; 94: Soler-Soler J, Sagristá-Sauleda J, Permanyer-Miralda G. Relapsing pericarditis. Heart 2004; 90: Maisch B. Recurrent pericarditis: mysterious or not so mysterious? Eur Heart J 2005; 26: Imazio M, Trinchero R, Shabetai R. Pathogenesis, management, and prevention of recurrent pericarditis. J Cardiovasc Med 2007; 8: Imazio M, Bobbio M, Cecchi E, et al. Colchicine as firstchoice therapy for recurrent pericarditis: results of the CORE (COlchicine for REcurrent pericarditis) trial. Arch Intern Med 2005; 165: Imazio M, Demichelis B, Cecchi E, et al. Cardiac troponin I in acute pericarditis. J Am Coll Cardiol 2003; 42: Imazio M, Trinchero R. Myopericarditis: etiology, management, and prognosis. Int J Cardiol 2008; 127: Brucato A, Brambilla G, Adler Y, Spodick DH, Canesi B. Therapy for recurrent acute pericarditis: a rheumatological solution? Clin Exp Rheumatol 2006; 24: Maisch B, Seferovic PM, Ristic AD, et al. Guidelines on the diagnosis and management of pericardial diseases: executive summary. The Task Force on the Diagnosis and Management of Pericardial Diseases of the European Society of Cardiology. Eur Heart J 2004; 25: Seferović PM, Ristić AD, Imazio M, et al. Management strategies in pericardial emergencies. Herz 2006; 31: Imazio M, Demichelis B, Parrini I, et al. Day-hospital treatment of acute pericarditis: a management program for outpatient therapy. J Am Coll Cardiol 2004; 43: Spodick DH. Risk prediction in pericarditis: who to keep in hospital? Heart 2008; 94: Mayosi BM, Burgess LJ, Doubell AF. Tuberculous pericarditis. Circulation 2005; 112: Imazio M, Demichelis B, Parrini I, et al. Relation of acute pericardial disease to malignancy. Am J Cardiol 2005; 95: Imazio M, Bobbio M, Cecchi E, et al. Colchicine in addition to conventional therapy for acute pericarditis: results of the COlchicine for acute PEricarditis (COPE) trial. Circulation 2005; 112: Adler Y, Finkelstein Y, Guindo J, et al. Colchicine treatment for recurrent pericarditis. A decade of experience. Circulation 1998; 97: Imazio M, Trinchero R. Current and future treatment of pericarditis. Future Cardiology 2007; 3: Imazio M, Brucato A, Trinchero R, Shabetai R, Spodick D, Adler Y. Corticosteroid therapy for pericarditis: a doubleedged sword. Nat Clin Pract Cardiovasc Med 2008; 5: Imazio M, Brucato A, Cumetti D, et al. Corticosteroids for recurrent pericarditis: high versus low doses: a nonrandomized observation. Circulation 2008; 118: Imazio M, Brucato A, Adler Y, et al. Prognosis of idiopathic recurrent pericarditis as determined from previously published reports. Am J Cardiol 2007; 100: Lange RA, Hillis LD. Acute pericarditis. N Engl J Med 2004; 351: Markel G, Imazio M, Brucato A, Adler Y. Colchicine for the prevention of recurrent pericarditis. Isr Med Assoc J 2008; 10: Brucato A, Brambilla G, Adler Y, Spodick DH. Colchicine for recurrent acute pericarditis. [letter] Arch Intern Med 2006; 166: Imazio M, Cecchi E, Ierna S, Trinchero R, on behalf of the ICAP Investigators. Investigation on Colchicine for Acute Pericarditis: a multicenter randomized placebo-controlled trial evaluating the clinical benefits of colchicine as adjunct to conventional therapy in the treatment and prevention of pericarditis; study design and rationale. J Cardiovasc Med 2007; 8: Imazio M, Cecchi E, Ierna S, Trinchero R, on behalf of the CORP Investigators. CORP (COlchicine for Recurrent Pericarditis) and CORP-2 trials: two randomized placebocontrolled trials evaluating the clinical benefits of colchicine as adjunct to conventional therapy in the treatment and prevention of recurrent pericarditis. Study design and rationale. J Cardiovasc Med 2007; 8: Imazio M, Cecchi E, Demichelis B, et al, on behalf of the COPPS Investigators. Rationale and design of the COPPS trial: a randomised, placebo-controlled, multicentre study on the use of colchicine for the primary prevention of postpericardiotomy syndrome. J Cardiovasc Med 2007; 8:

36 Pericardite e versamento pericardico

36 Pericardite e versamento pericardico 36 Pericardite e versamento pericardico Antonio Brucato, Massimo Imazio, Anna Maria De Biase PREMESSA La gestione e terapia delle pericarditi ha imboccato la strada della medicina basata sulle evidenze

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Sancta Maria Spes Nostra Ancilla Domini Sedes Sapientiae Ora Pro Nobis Dott. Carmelo Debilio

Sancta Maria Spes Nostra Ancilla Domini Sedes Sapientiae Ora Pro Nobis Dott. Carmelo Debilio Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de iva: indennizzo negato Polimialgia Reumatica

Dettagli

Pericardite e tamponamento cardiaco

Pericardite e tamponamento cardiaco Pericardite e tamponamento cardiaco Luigi Aronne Per pericardite s intende un processo infiammatorio a carico del pericardio con frequente formazione di un essudato che si riversa nella cavità pericardica.

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento Malattia di Behçet Cosa il paziente deve conoscere Sintomi,, Cause e Trattamento Che cosa è la Malattia di Behçet I sintomi di questa malattia sono stati descritti per la prima volta nel 500 prima di Cristo

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

INDICE. Premessa... Pag. 3. Cardiologia... Pag. 5. Pag. 15. Risonanza magnetica nucleare... Pag. 19. Tac... Pag. 25 - 2 - ...

INDICE. Premessa... Pag. 3. Cardiologia... Pag. 5. Pag. 15. Risonanza magnetica nucleare... Pag. 19. Tac... Pag. 25 - 2 - ... INDICE Premessa... Pag. 3 Cardiologia... Pag. 5 Risonanza magnetica nucleare... Pag. 15... Pag. 19 Tac... Pag. 25-2 - Premessa Con la D.G.R. n. 907 del 19/6/2006 è stato approvato il Piano Attuativo Regionale

Dettagli

a cura di M. Gilardi, M. Accorinti

a cura di M. Gilardi, M. Accorinti a cura di M. Gilardi, M. Accorinti La Bartonella henselae è un bacillo aerobio gram negativo e costituisce l agente patogeno della malattia da graffio di gatto. L infezione è ubiquitaria e può interessare

Dettagli

Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari?

Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari? Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari? Stefano Maria Zuccaro 12 GIUGNO 2015 18 marzo 2014 Cascata dell acido arachidonico CASCATA DELL ACIDO ARACHDONICO Il mismatch

Dettagli

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini L ECG: che fare oggi? Benche l Elettrocardiogramma abbia 100 anni e ancora al centro della Medicina cardiovascolare! A CONDIZIONE CHE L ECG VENGA COMPUTERIZZATO, LA SUA ANALISI VENGA CENTRALIZZATA E QUINDI

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

Febbre Mediterranea Familiare

Febbre Mediterranea Familiare Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Cos è? Febbre Mediterranea Familiare La febbre mediterranea familiare (FMF) è una malattia genetica. I pazienti affetti soffrono di ricorrenti attacchi

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it FEBBRE REUMATICA E ARTRITE REATTIVA DA STREPTOCOCCO.

www.pediatric-rheumathology.printo.it FEBBRE REUMATICA E ARTRITE REATTIVA DA STREPTOCOCCO. www.pediatric-rheumathology.printo.it FEBBRE REUMATICA E ARTRITE REATTIVA DA STREPTOCOCCO. Che cosa è? La febbre reumatica è una malattia scatenata da un infezione streptococcica. La malattia può causare

Dettagli

Quali sono le malattie reumatiche più importanti?

Quali sono le malattie reumatiche più importanti? Quali sono le malattie reumatiche più importanti? L ARTROSI, una patologia legata alla degenerazione delle cartilagini e del tessuto osseo nelle articolazioni, è la malattia reumatica più frequente. Il

Dettagli

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta LA RADIOTERAPIA E un metodo di cura conosciuto da più di 100 anni che prevede l utilizzo di radiazioni

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli Mentre un tempo la valutazione chirurgica degli angiomi epatici era limitata agli interventi in urgenza per

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE ACICLOVIR ABC 800 mg COMPRESSE ACICLOVIR ABC 400 mg/5 ml SOSPENSIONE ORALE 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Aciclovir

Dettagli

APPROPRIATEZZA della EGDS

APPROPRIATEZZA della EGDS APPROPRIATEZZA della EGDS Dr. P. Montalto U.O.C. Gastroenterologia OSPEDALE SAN JACOPO. GASTROENTEROLOGIA NELL ANZIANO Pisa, 28 settembre 2013 Totale: 60.626.442 abitanti ³65 anni: 12.301.537 abitanti

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

Jama, 2001, 285(19):2486-2496

Jama, 2001, 285(19):2486-2496 Sommariio esecutiivo delllle lliinee-guiida ATP-III per lla prevenziione delllle mallattiie coronariiche Jama, 2001, 285(19):2486-2496 FASE 1. DETERMINARE IL PROFILO LIPIDICO-LIPOPROTEICO NEL SOGGETTO

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

Follow-up del cardiopatico con Aritmie

Follow-up del cardiopatico con Aritmie Regione Friuli Venezia Giulia Follow-up del cardiopatico con Aritmie Documento di consenso regionale 2011 Hanno collaborato alla stesura del Documento di consenso: Dr. Massimo Zecchin; SOC Cardiologia,

Dettagli

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello vietati ai cardiopatici inducono dipendenza pericolosi per il cuore sostanze dopanti sono stati segnalati gravi eventi cardiovascolari, inclusi

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI MARAVIROC ATC J05AX09 (Celsentri ) Presentata da Commissione Terapeutica Provinciale Sassari In data novembre 2008 Per le seguenti motivazioni: Trattamento dell infezione

Dettagli

Oggi sappiamo che la sede dell infezione rappresenta un elemento essenziale nella genesi della malattia: la localizzazione deve essere faringea.

Oggi sappiamo che la sede dell infezione rappresenta un elemento essenziale nella genesi della malattia: la localizzazione deve essere faringea. Il nome malattia reumatica (MR) ha ormai sostituito in Italia la vecchia denominazione di reumatismo articolare acuto, abbandonata da molti anni, perché non corrispondente alla realtà dell affezione nel

Dettagli

Endoscopia nell anno successivo

Endoscopia nell anno successivo COLON FOLLOW-UP 01 Endoscopia nell anno successivo DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti sottoposti a endoscopia nei 12 mesi successivi all intervento 0-20 DISTRIBUZIONE SPAZIALE 21-40 41-60 61-80

Dettagli

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de LA SINDROME DA ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI La

Dettagli

Ustekinumab Vs Etanercept nella psoriasi: Risultati dello studio ACCEPT

Ustekinumab Vs Etanercept nella psoriasi: Risultati dello studio ACCEPT Ustekinumab Vs Etanercept nella psoriasi: Risultati dello studio ACCEPT I nuovi agenti biologici offrono un alternativa importante nel della psoriasi; spesso però, il profilo rischio-beneficio non è bene

Dettagli

NEOPLASIE BENIGNE DELL ESOFAGO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

NEOPLASIE BENIGNE DELL ESOFAGO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli NEOPLASIE BENIGNE DELL ESOFAGO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione Il recente aumento di diagnosi di tumori benigni (leiomiomi e GIST) dell esofago è dovuto in

Dettagli

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE Linee Guida ITT Istituto Toscano Tumori ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI e degli ODONTOIATRI della PROVINCIA di AREZZO 3 gennaio 2007 Ivano Archinucci UO di Pneumologia ASL 8 STADI DEL CARCINOMA POMONARE STADIO

Dettagli

METHOTREXATE. Vi raccomandiamo di leggere questo opuscolo con cura e di discuterne con il vostro medico curante.

METHOTREXATE. Vi raccomandiamo di leggere questo opuscolo con cura e di discuterne con il vostro medico curante. PATIENT INFORMATION ON Australian Rheumatology Association METHOTREXATE (Italian) (Brand names: Methoblastin) Questo opuscolo informativo èstato creato dall Associazione Remautologica Australiana per aiutarvi

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Roma, 6 Novembre 2012 HHV-7 ASSOCIATED MENINGOENCEPHALITIS: AN UNFORGETTABLE CLINICAL CASE Relatore: D.ssa Loria Bianchi

Dettagli

IL TITOLO ANTISTREPTOLISINICO (TAS): E SEMPRE UTILE RICHIEDERLO? Dott. Giuseppe Di Mauro Dott. Lorenzo Mariniello ASL CE/2 Regione Campania

IL TITOLO ANTISTREPTOLISINICO (TAS): E SEMPRE UTILE RICHIEDERLO? Dott. Giuseppe Di Mauro Dott. Lorenzo Mariniello ASL CE/2 Regione Campania IL TITOLO ANTISTREPTOLISINICO (TAS): E SEMPRE UTILE RICHIEDERLO? Dott. Giuseppe Di Mauro Dott. Lorenzo Mariniello ASL CE/2 Regione Campania Che cos è il TAS? Il TAS rappresenta la concentrazione nel siero

Dettagli

[Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto

[Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto [Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto Titolo originale: "Advising patients on dealing with acute chest pain" Autori: A Khavandi, K Potts

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

UNA STRANA MASSA ADDOMINALE

UNA STRANA MASSA ADDOMINALE UNA STRANA MASSA ADDOMINALE Uomo di 50 anni Altezza 1,70m Peso 88 kg Professione impiegato Coniugato Due figli Anamnesi patologica remota 1997 Ernioplastica ombelicale Obesita Ipertensione arteriosa bolderline

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it SPONDILOARTROPATIA GIOVANILE

www.pediatric-rheumathology.printo.it SPONDILOARTROPATIA GIOVANILE www.pediatric-rheumathology.printo.it SPONDILOARTROPATIA GIOVANILE Che cos è? La spondiloartropatia giovanile costituisce un gruppo di malattie infiammatorie croniche delle articolazioni (artrite) e dei

Dettagli

Il bambino con faringo-tonsilliti. Fabio Midulla Dipartimento di Pediatria

Il bambino con faringo-tonsilliti. Fabio Midulla Dipartimento di Pediatria Il bambino con faringo-tonsilliti Fabio Midulla Dipartimento di Pediatria Visite Pediatriche (n 27861) presso la UOC DEAp (1 Gennaio 2012 31 Dicembre 2012) 50,0% GASTROENTEROLOGIA RESPIRATORIO 40,0% MALATTIE

Dettagli

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE Italian Council of Cardiology Practice Varese, 20-21-22 giugno 2014 «CUORE E OLTRE NUOVE PROPOSTE DI DIAGNOSI E TERAPIA» Congresso Regionale e Nazionale Collegio Federativo di Cardiologia USO CONCOMITANTE

Dettagli

.E SE MI DEVO OPERARE?

.E SE MI DEVO OPERARE? Regione Lazio A cura di: U.O.C. Screening Oncologici dell ASL Roma C, via Monza2 U.O.C. Oncologia Medica Ospedale S. Eugenio.E SE MI DEVO OPERARE? Tel. 06.51008021 fax 06.51003771 email: screening.mammografico@aslrmc.it

Dettagli

a cura di Daniele De Geronimo, Massimo Accorinti

a cura di Daniele De Geronimo, Massimo Accorinti a cura di Daniele De Geronimo, Massimo Accorinti La malattia di Vogt-Koyanagi-Harada (VKH) è una malattia sistemica che interessa organi contenenti melanociti, ad etiopatogenesi sconosciuta. E caratterizzata

Dettagli

SINDROME NEFROSICA. Sindrome clinica caratterizzata da: - Edema (volto, piedi, mani) - Proteinuria (>3 g/die) - Ipoalbuminemia - Ipercolesterolemia

SINDROME NEFROSICA. Sindrome clinica caratterizzata da: - Edema (volto, piedi, mani) - Proteinuria (>3 g/die) - Ipoalbuminemia - Ipercolesterolemia SINDROME NEFROSICA SINDROME NEFROSICA Sindrome clinica caratterizzata da: - Edema (volto, piedi, mani) - Proteinuria (>3 g/die) - Ipoalbuminemia - Ipercolesterolemia SINDROME NEFROSICA - EPIDEMIOLOGIA

Dettagli

Marcatori classici. Colon. Mammella. Polmone. CEA Ca19-9. Ca15.3 CEA. CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma)

Marcatori classici. Colon. Mammella. Polmone. CEA Ca19-9. Ca15.3 CEA. CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma) Markers tumorali Colon CEA Ca199 Mammella Ca15.3 CEA Polmone CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma) Marcatori classici Problemi di interpretazione Bassa sensibilità Marcatore negativo

Dettagli

CARDIOVERTER. Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida. Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta.

CARDIOVERTER. Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida. Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta. CARDIOVERTER Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta Maggio 2003 ICD I componenti fondamentali del cardioverter- defibrillatore impiantabile

Dettagli

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione SINOSSI TITOLO Studio di fase I-II con Lapatinib in combinazione con capecitabina e vinorelbina come seconda linea di trattamento in pazienti con carcinoma mammario con iperespressione di ErbB2 localmente

Dettagli

0006 Artrite Reumatoide

0006 Artrite Reumatoide 0006 Artrite Reumatoide [ -714.0; 714.1; -714.2; 714.30; - 714.32; 714.33] 90.43.5 URATO [S/U/dU] 88.79.3 ECOGRAFIA MUSCOLO SCHELETRICA SEGMENTARIA DEL DISTRETTO INTERESSATO 90.38.4 PROTEINE (ELETTROFORESI

Dettagli

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL Meroni Unità di Allergologia, Immunologia Clinica & Reumatologia IRCCS Istituto Auxologico Italiano Dipartimento

Dettagli

ModiÞ cazione dell autorizzazione all immissione in commercio del medicinale per uso umano «Pentasa»

ModiÞ cazione dell autorizzazione all immissione in commercio del medicinale per uso umano «Pentasa» ModiÞ cazione dell autorizzazione all immissione in commercio del medicinale per uso umano «Pentasa» Estratto determinazione UVA/N/V n. 902 del 16 aprile 2010 Titolare AIC: FERRING S.P.A. (codice fiscale

Dettagli

Stratificazione del rischio delle sindromi coronariche acute

Stratificazione del rischio delle sindromi coronariche acute Stratificazione del rischio delle sindromi coronariche acute Filippo Ottani Unità di Ricerca Cardiovascolare, Fondazione Cardiologica Sacco, Forlì (G Ital Cardiol 2006; 7 (Suppl 2-12): 17S-21S) 2006 CEPI

Dettagli

CONNETTIVITI INDIFFERENZIATE PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE (elaborato nel mese di maggio 2013)

CONNETTIVITI INDIFFERENZIATE PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE (elaborato nel mese di maggio 2013) Policlinico Umberto I Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi e Terapia Connettiviti Indifferenziate Medico responsabile: Dott. Maurizio Carlesimo - tel. 06/4997090 - connettiviti@uniroma1.it Viale

Dettagli

la difficile diagnosi di endocardite infettiva

la difficile diagnosi di endocardite infettiva la difficile diagnosi di endocardite infettiva N.G. è un paziente di 68 anni, iperteso, ex fumatore Portatore di protesi valvolare biologica in sede aortica per insufficienza severa (febbraio 2011) Aneurismectomia

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN. U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V.

Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN. U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V. Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V. Minutolo Crohn nel 1932 definì ILEITE TERMINALE un affezione

Dettagli

-Sinossi del Protocollo-

-Sinossi del Protocollo- -Sinossi del Protocollo- CHEMIO-IMMUNOTERAPIA INTENSIVA PER IL TRATTAMENTO IN PRIMA LINEA DI PAZIENTI ADULTI CON LINFOMA NON HODGKIN A CELLULE T PERIFERICHE (PTCL) Studio Clinico A Tipo di studio Scopo

Dettagli

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA Documento approvato nella seduta della Commissione PTR del 18.04.07 assorbimento L assorbimento di alcuni farmaci può La ridotta acidità intragastrica Alterazioni

Dettagli

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne The Women s Health Study Razionale per l uso di bassi dosaggi di aspirina nella prevenzione primaria Nella prevenzione secondaria delle

Dettagli

Lupus eritematoso. Il trattamento nel lupus eritematoso va distinto in base alle tre forme esistenti: cronica,

Lupus eritematoso. Il trattamento nel lupus eritematoso va distinto in base alle tre forme esistenti: cronica, Lupus eritematoso Il trattamento nel lupus eritematoso va distinto in base alle tre forme esistenti: cronica, prevalentemente circoscritta alla cute, subacuta ed acuta, a carattere sistemico. Nel lupus

Dettagli

IL BAMBINO CON SOSPETTA MALATTIA REUMATOLOGICA

IL BAMBINO CON SOSPETTA MALATTIA REUMATOLOGICA IL BAMBINO CON SOSPETTA MALATTIA REUMATOLOGICA Dr.ssa Silvia Beretta 21 maggio 2011 Dolore osteo-articolare Approccio diagnostico differenziale dolore Sintomo prevalente della patologia osteo-articolare

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HBV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Modalità e vie di trasmissione... 2 Patogenesi... 3 Clinica... 4 Diagnosi...

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ FEBBRE REUMATICA

WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ FEBBRE REUMATICA WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ FEBBRE REUMATICA Febbre reumatica Malattia infiammatoria acuta sistemica che si manifesta 2-4 settimane dopo un'infezione faringea da streptococco b-emolitico del gruppo A E'

Dettagli

- Durante la gravidanza a causa di un aumento di ritenzione di liquidi può presentarsi una tenosinovite.

- Durante la gravidanza a causa di un aumento di ritenzione di liquidi può presentarsi una tenosinovite. LE TENOSINOVITI Rientrano nel capitolo delle infiammazioni extra articolari. Si tratta di infiammazioni dolorose che colpiscono le guaine tendinee ovvero il rivestimento sinoviale dei tendini, da qui la

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Sancta Maria Spes Nostra Ancilla Domini Sedes Sapientiae Ora Pro Nobis Dott. Carmelo Debilio

Sancta Maria Spes Nostra Ancilla Domini Sedes Sapientiae Ora Pro Nobis Dott. Carmelo Debilio Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de Le Vasculiti Gruppo eterogeneo di malattie

Dettagli

Imagine of the colon f r. izzello rizzello

Imagine of the colon f r. izzello rizzello Imagine of the colon f. rizzello 1 passo: quadro clinico Sintomi funzionali Stipsi Sintomi regionali dolore da rallentato transito organica da defecazione ostruita Diarrea acuta (< 2-3 sett) cronica (>

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro

ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica del ventricolo sinistro Le evidenze degli studi clinici Caratteristiche dei pazienti arruolati nei trial clinici Frazione

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale (PDTA) per il paziente con Scompenso Cardiaco

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale (PDTA) per il paziente con Scompenso Cardiaco e le Aziende Ospedaliere e IRCCS elencati nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale (PDTA) per il paziente con Scompenso Cardiaco Dicembre 2011 NB: le seguenti note

Dettagli

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SINOSSI DELLO STUDIO TITOLO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SPONSOR Sequenza ottimale di ormonoterapia in pazienti con carcinoma mammario metastatico ricadute dopo terapia

Dettagli

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 Appropriatezza prescrittiva nella terapia dell ipercolesterolemia RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 PREMESSE L'ipercolesterolemia è uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare e la sua riduzione

Dettagli

Una scossa al cuore!

Una scossa al cuore! Una scossa al cuore! Aritmie ad alto rischio: il punto di vista del cardiologo intensivista. Cosa è cambiato in Utic. Dott. Antonio Anastasia Aiuto cardiologo Utic Casa di cura Villa Verde Utic Unità

Dettagli

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo LO SCOMPENSO CARDIACO 1-2 % DELLA POPOLAZIONE 14.000.000 IN EUROPA 1.000.000 IN ITALIA LO SCOMPENSO CARDIACO CARDIOLOGIA ELEVATA COMPETENZA

Dettagli

Dr.ssa Chiara Bazzani, Dr.ssa Tamara Ziglioli, Dr. Matteo Filippini, Dr. Roberto Gorla

Dr.ssa Chiara Bazzani, Dr.ssa Tamara Ziglioli, Dr. Matteo Filippini, Dr. Roberto Gorla Una persona ben informata della sua malattia e del perché deve assumere dei farmaci, potrà meglio partecipare attivamente alla gestione della sua condizione di salute. Non ci stancheremo di ripetere che

Dettagli

PANCREATITE ACUTA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO MANIFESTAZIONI LOCALI E SISTEMICHE

PANCREATITE ACUTA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO MANIFESTAZIONI LOCALI E SISTEMICHE PANCREATITE ACUTA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO MANIFESTAZIONI LOCALI E SISTEMICHE COMPARSA 40/50 a.rapp.2/1 Femmine Maschi CALCOLOSI BILIARE(35/65%) / ERCP/ INTERVENTI / TRAUMI ALCOLISMO CRONICO(30%)

Dettagli

MIOCARDITE. Ottimizzazione dell uso degli antibiotici e dei chemioterapici antinfettivi Chivasso, 17 novembre 2012

MIOCARDITE. Ottimizzazione dell uso degli antibiotici e dei chemioterapici antinfettivi Chivasso, 17 novembre 2012 Ottimizzazione dell uso degli antibiotici e dei chemioterapici antinfettivi Chivasso, 17 novembre 2012 MIOCARDITE Dott.ssa Erica Franco SC Cardiologia, ospedale Civico di Chivasso Miocardite: definizione

Dettagli

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI Alcune malattie infettive ad eziologia virale e andamento benigno nei soggetti immunocompetenti, se sono contratte durante la gravidanza, possono rappresentare

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico IL LABORATORIO NELLE URGENZE ED EMERGENZE Roma, 2-3 Ottobre 2009 Riccardo Morgagni Cardiologia Università Tor Vergata Roma Contesto clinico Sindromi Coronariche

Dettagli

RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO E NELLA PREVENZIONE DELLE RECIDIVE

RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO E NELLA PREVENZIONE DELLE RECIDIVE Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.189 relativo a RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO

Dettagli

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it Corso nursing Ortopedico Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide DEFINIZIONE MALATTIA INFIAMMATORIA SU BASE IMMUNITARIA DEL TESSUTO CONNETTIVO,ESSENZIALMENTE POLIARTICOLARE AD EVOLUZIONE

Dettagli

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tossicita da chemioterapia e differenze di genere Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tumori e genere:quali dati? Pochi dati prospettici e da trials clinici

Dettagli

batteriche sono S. aureus e streptococco ß-emolitico di gruppo B. L agente eziologico dell artrite

batteriche sono S. aureus e streptococco ß-emolitico di gruppo B. L agente eziologico dell artrite ARTRITI SETTICHE Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus L artrite settica è una flogosi acuta causata dalla localizzazione di microrganismi a livello articolare che, nel 90% dei casi, colpisce un singolo

Dettagli

RETE DELLE GRAVI INSUFFICIENZE D ORGANO E TRAPIANTI DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA: FILIERA FEGATO

RETE DELLE GRAVI INSUFFICIENZE D ORGANO E TRAPIANTI DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA: FILIERA FEGATO RETE DELLE GRAVI INSUFFICIENZE D ORGANO E TRAPIANTI DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA: FILIERA FEGATO 1 Premessa Le malattie epatiche sono patologie cronico-degenerative che comprendono malattie diverse

Dettagli

Importanza della Riabilitazione Cardiologica

Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive Sessione II - Prevenzione, Terapia e Riabilitazione dello Scompenso Cardiaco Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive

Dettagli

Introduzione. Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Introduzione. Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HCV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Patogenesi... 2 Modalità e vie di trasmissione... 3 Sintomatologia ed evoluzione...

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO: Definizione quadro caratterizzato da persistente ostruzione al flusso aereo la riduzione del flusso è di solito

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone LINEE DI INDIRIZZO SUL RUOLO DEI NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI (NAO)

Dettagli

Trials clinici. Disegni di studio

Trials clinici. Disegni di studio Trials Clinici Dott.ssa Pamela Di Giovanni Studi descrittivi Disegni di studio Popolazioni Individui Studi analitici Osservazionali Sperimentali Studi di correlazione o ecologici Case report - Case series

Dettagli