LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DEL DIABETE MELLITO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DEL DIABETE MELLITO"

Transcript

1 COOPERATIVA MEDICI DI MEDICINA GENERALE CASERTA 2 LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DEL DIABETE MELLITO Premessa Questo lavoro nasce dalla consapevolezza che una patologia cronica di così grande rilievo sociale, economico e sanitario necessita di un approccio complesso e integrato, del Medico di Medicina Generale, del Distretto Sanitario e del Centro Diabetologico, al fine del mantenimento dello stato di salute fisica, psicologica e sociale del soggetto diabetico. A tale scopo la prevenzione primaria, la diagnosi precoce, una corretta terapia che comprenda l educazione e la responsabilizzazione del diabetico, la prevenzione delle complicanze acute e croniche della malattia costituiscono i momenti e i punti di crisi e di integrazione delle varie componenti del SSN prima citate. Un miglioramento della comunicazione e una definizione degli strumenti di comunicazione tra le varie figure e i vari livelli del SSN che si occupano del cittadino diabetico, favorisce il miglioramento della qualità della assistenza e la riduzione degli sprechi. L attuale situazione nella nostra Regione è abbastanza confusa, e mentre in alcune aree geografiche e in alcuni Distretti Sanitari soggetti diabetici, affetti da diabete di tipo 1, con gravi complicanze, sono gestiti dal Medico di Medicina Generale, con la quasi assoluta assenza di attivazione del Centro Diabetologico; si constata al contrario che in altre aree geografiche e in altri Distretti Sanitari i Centri Diabetologici gestiscono soprattutto soggetti affetti da diabete di tipo 2, ben compensati e privi di complicanze. In questo caso viene del tutto bypassato il livello delle cure primarie e il secondo livello è letteralmente soffocato da una utenza impropria. E necessario in questa premessa aggiungere che le AA.SS.LL. e la Regione si facciano carico e diano direttive precise sulla standardizzazione della determinazione della emoglobina glicata, ritenuta un importante indicatore del compenso metabolico nel soggetto diabetico. Qualsiasi serio tentativo di verifica di risultati di una azione integrata sulla patologia diabetica, non può prescindere da tale propedeutica definizione e determinazione. Questo lavoro segue analoghi precedenti tentativi di sistematizzazione della materia, sia a livello nazionale (Linee guida SIMG AMD del 1995) che in altre regioni italiane Di tali contributi c è ampia traccia nel seguente elaborato: in particolare il testo La Gestione Del Paziente Diabetico In Medicina Generale, di Mattia Cioffi e Gerardo Medea, è rappresentato da estesissime citazioni e numerose tabelle. Epidemiologia. In Italia il numero di diabetici diagnosticati è di circa ; di questi 15 20% curati con insulina 30 50% curati con antidiabetici orali 20 25% curati con sola dieta Diabete mellito tipo 1: prevalenza 1 2 /1.000 abitanti Incidenza: /1.000/anno Diabete mellito tipo 2: prevalenza: 3 3,5% Incidenza: 3 6 /1.000/anno I casi di diabete mellito tipo 2 trattato con insulina per fallimento secondario degli antidiabetici orali è di circa il 15%

2 IGT (alterata tolleranza al glucosio): prevalenza; 2,5% Casi attesi di diabete mellito, IGT, e casi misconosciuti nella popolazione assistita da un MMG (prevalenza considerata: 3%) Pt Pt Diabete mellito tipo Diabete mellito tipo IGT NDDM Totale di cui, il % (6. 9 casi) trattati con insulina, per fallimento secondario degli antidiabetici orali Casi di diabete mellito non diagnosticati (solo tipo2); prevalenza 2.5% CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO Tipo 1 Tipo 2 Alterata Omeostasi Glicemica (IGH) Diabete Mellito Gestazionale (GDM) Altri tipi specifici Caratterizzato dalla distruzione delle beta-cellule, di solito porta ad una insulino-deficienza assoluta. ha due forme: Diabete Mellito Immuno-Mediato: risulta da una distruzione mediata autoimmune delle beta cellule del pancreas. Diabete Mellito Idiopatico: riferito a forme della malattia che non hanno eziologia conosciuta. Caratterizzato dalla insulino resistenza che di solito determina una relativa (anziché assoluta) insulinodeficienza. Può variare da insulino-resistenza predominante con una insulino-deficienza relativa ad una insulino-deficienza predominante con insulino resistenza. Stato metabolico intermedio tra omeostasi glicemica normale e diabete. Presenta rischio elevato per malattie cardiovascolari e successiva comparsa di diabete. Alterata Glicemia a Digiuno (IFG= Impaired Fasting Glucose): Glicemia a digiuno superiore alla norma, ma non patologica. Alterata Tolleranza al Glucosio (IGT= Impaired Glucose Tolerance): Glicemia superiore alla norma, ma non patologica, a seguito della somministrazioni di 75grammi di glucosio. Intolleranza al glucosio in gravidanza. Diabete causato da altre eziologie identificabili. 1. Difetti genetici della funzione delle cellule beta (MODY 1, 2, 3) 2. Difetti genetici dell'azione dell'insulina 3. Disturbi del pancreas esocrino (es. cancro del pancreas, cisti fibrosa, pancreatite) 4. Endocrinopatie (es. di Cushing) 5. Indotto da farmaci o agenti chimici (es. steroidi) 6. Infezione (es. rosolia, Coxsackie, CMV) 7. Forme non comuni di diabete immuno-correlato 8. Altre sindromi genetiche

3 PREVENZIONE CLASSI A RISCHIO STATISTICO DI SVILUPPARE UN DM TIPO 1 1. Storia di diabete mellito di tipo 1 nei familiari di primo grado (soprattutto gemelli omozigoti) 2. Malattie autoimmuni nel probando o nei familiari 3. Aplotipo HLA DR3, DR4 4. Aplotipo HLA DQb57 negativo per aspartato, Dqa52 positivo per arginina 5. Anticorpi anti insule pancreatiche 6. Anticorpi anti insula spontanei 7. Anticorpi anti glutammato deidrogenasi 8. Bassa risposta insulinemica allo stimolo con glucosio e.v. CLASSI A RISCHIO STATISTICO DI SVILUPPARE UN DM TIPO 2 1. Età senile 2. Dieta ipercalorica e iperlipidica 3. Scarsa attività fisica 4. Sovrappeso e obesità (soprattutto centrale e/o se BMI > 30) 5. Storia familiare di diabete mellito di tipo 2 6. Peso alla nascita > 4 Kg 7. Peso alla nascita < 2.5 Kg 8. Aborti spontanei, polidramnios, preeclampsia 9. Donne che sono state affette da diabete gestazionale 10. Dislipidemia 11. Iperuricemia 12. Ipertensione arteriosa 13. Soggetti con ridotta tolleranza al glucosio (IGT) 14. Insulinoresistenza 15. Bassa risposta precoce insulinemica allo stimolo con glucosio e.v. 16. Elevata risposta tardiva insulinemica al glucosio orale 17. Aterosclerosi precoce DIABETE MELLITO Il diabete mellito è caratterizzato da incremento cronico della glicemia, che può portare a complicanze sia acute (coma iperglicemico, chetoacidosi), che croniche. Queste ultime possono essere sia di tipo aspecifico (cardiovascolari, sepsi urinarie ricorrenti, dermatiti, ecc. ) oppure specifiche (nefropatia, neuropatia, retinopatia.) Nel diabete di tipo 1 vi è in genere una produzione d anticorpi contro le beta cellule ed è presente un deficit assoluto di insulina. Il diabete di tipo 2 si manifesta con predominante insulino resistenza e relativa insulinodeficienza, o predominante deficit secretorio con insulino resistenza. Sintomi di esordio del diabete di tipo 1 Sintomi maggiori Sintomi minori Chetoacidosi Polidipsia Crampi Nausea Poliuria Stipsi Vomito Calo ponderale Visione indistinta Sonnolenza Astenia Candidiasi Dolori addominali Polifagia Infezioni cutanee

4 Sintomi di esordio diabete di tipo 2 Sintomi di una complicanza Sintomi di scompenso metabolico: poliuria, polidipsia, polifagia, astenia, calo ponderale Disturbi trofici e/o infettivi cutanei; cute secca, anelastica e ruvida, prurito vulvare e/o anale, candidiasi dei genitali Iperglicemia e/o glicosuria riscontrati occasionalmente Criteri diagnostici 1. Per porre diagnosi di diabete mellito, in presenza di sintomi classici (poliuria, polidipsia, dimagramento) è sufficiente il rilievo di una glicemia >= 140 mg/dl 2. In assenza di sintomi è indispensabile il riscontro di una glicemia a digiuno >= 140 mg/dl in almeno due differenti misurazioni. Nel dubbio, cioè in pazienti con glicemia a digiuno compresa tra 110 e 140 mg/dl, può essere utile un test da carico orale con 75 gr di glucosio (OGTT). 3. In base ai criteri OMS, per glicemia alla 2 ora dopo una curva da carico di glucosio, superiore a 200 mg/dl, si pone diagnosi di diabete mellito, mentre per quelle comprese tra 140 e 199 mg/dl si pone diagnosi di ridotta tolleranza ai carboidrati (IGT Impaired Glucose Tolerance). 4. La glicemia postprandiale non deve essere utilizzata per la diagnosi di diabete mellito. Diagnosi differenziale TIPO 1 TIPO 2 Esordio Improvviso Insidioso Età < anni > anni Familiarità Modesta Importante Prevalenza assoluta 0.3 % 3 % Prevalenza relativa 15 % 85 % Obesità Assente Spesso presente Sintomi Presenti ed importanti Assenti sfumati Complicanze croniche Anni dopo l esordio Presenti spesso alla diagnosi Insulina circolante Ridotta o assente Ridotta, normale o aumentata Autoimmunità Presente Assente QUADRO SINOTTICO DEGLI ESAMI DI LABORATORIO NORMALITA Sangue capillare Plasma venoso Glicemia a digiuno (*) <= 100 <= 110 OGTT (75 gr) alla seconda ora < 140 < 140 (*) valori a digiuno tra 111 e 139 mg/dl (plasma venoso) suggeriscono di eseguire una OGTT IGT OGTT (75 gr) alla seconda ora DIABETE MELLITO (tranne diabete gestazionale) Glicemia a digiuno >= 120 >= 140 OGTT (75 gr) alla seconda ora >= 200 >= 200 DIABETE GESTAZIONALE Plasma venoso Minicurva (50 gr) dopo un ora >= 140 (in tal caso è necessaria una OGTT con 100 gr) OGTT (100 gr) Base 1 ora 2 ora 3 ora almeno 2 valori alterati >= 105 >= 190 >= 165 >= 145

5 EMOGLOBINA GLICATA - HBA1c (è un esame da prescrivere solo nel follow up) Si correla con i valori glicemici degli ultimi 2 3 mesi Valori normali metodo HPLC: MICROALBUMINURIA Si utilizza per la diagnosi precoce della nefropatia diabetica (reversibilità o arresto della progressione) GLICOSURIA Si utilizza nel monitoraggio del compenso metabolico (solo quando vi è difficoltà nell automonitoraggio della glicemia o, se eseguita a digiuno sulle prime urine del mattino, per svelare eventuali iperglicemie notturne CHETONURIA Si utilizza soprattutto nel diabete di tipo 1 per la diagnosi di chetoacidosi C PEPTIDE, ANTICORPI ANTIINSULINA E ANTICELLULE INSULARI, TIPIZZAZIONE HLA SONO ESAMI NON UTILIZZATI NELLA MEDICINA GENERALE. LA DETERMINAZIONE DELLA FRUTTOSAMINA, LA QUALE SI CORRELA AI VALORI GLICEMICI DEGLI ULTIMI 7 14 GIORNI, CON FLUTTUAZIONI IN SEGUITO ALLE VARIAZIONI DELLE PROTEINE SIERICHE, E UN ESAME CHE DA MENO INFORMAZIONI RISPETTO ALLA HBA1C. PERTANTO IL SUO USO E DA EVITARE DIETA La dieta del diabetico Carboidrati % Lipidi < 30 % Protidi 15 % (ridotto in caso di nefropatia) Fibre gr/die Colesterolo < 300 mg/die Saturi/mono/polinsaturi 1:1:1 Apporto calorico in kcal Quello necessario a raggiungere il peso corporeo normale È una dieta sovrapponibile a quella di un soggetto non diabetico. La dieta è il primo e fondamentale approccio al soggetto diabetico. Nel diabete di tipo 2 (3 pasti al dì con l assunzione del 20% delle kcal a colazione, del 40% a pranzo e a cena) spesso consente, insieme all esercizio fisico, un buon controllo metabolico. Nel diabete di tipo 1 la dieta deve essere adeguata alla terapia insulinica, sia per l orario dei pasti che per la quantità e qualità degli alimenti. In tal modo permette di ridurre le variazioni glicemiche e il fabbisogno di insulina. Il Medico di Medicina Generale dovrebbe fornire al soggetto diabetico dei consigli dietetici semplici e comprensibili, che riguardino le quantità e soprattutto la qualità delle fonti alimentari, provvedendo a scalfire quelle antiche ed errate convinzioni su ciò che è buono e ciò che è male nel diabete (la mela del diabetico, la pasta che fa male, le patate che sono meglio della pasta, mangiare leggero in bianco con burro ed evitare il pomodoro, le verdure, i legumi).i numeri che invece deve assolutamente registrare, calcolare e dare come informazione al soggetto diabetico, sono il BMI, il fabbisogno calorico: tali numeri richiedono la presenza nello studio di una bilancia e uno statimetro e la registrazione in cartella del tipo e quantità di attività fisica. La riduzione del peso corporeo deve essere ottenuta con gradualità. Enfatizzare l utilizzo dei carboidrati complessi e delle fibre, specie quelle idrosolubili, e scoraggiare l abuso di carboidrati semplici. Enfatizzare l importanza del contenimento del consumo di condimenti e del sale. L alcool va sconsigliato in presenza di eccesso ponderale, ipertrigliceridemia e epatopatie (in assenza delle predette situazioni un bicchiere di vino ai pasti principali è consentito). Consigliare la sostituzione dello zucchero con dolcificanti sintetici quali aspartame e saccarina. B.M.I.: Peso in kg diviso il quadrato dell altezza in metri B.M.I. < 20 sottopeso normopeso sovrappeso > 30 obesità Formula di Lorenz per il calcolo del peso ideale (altezza espressa in cm): uomo: altezza 100 [(altezza 150): 2)] donna: altezza 100 [(altezza 150): 4)]

6 ESERCIZIO FISICO Raccomandazioni generali Non iniziare programmi regolari di esercizio fisico senza uno screening delle complicanze (almeno un EC e il fundus oculi) in soggetti con Storia naturale di diabete > 15 anni Età > 30 anni per tipo 1 Età > 35 anni per tipo 2 Preferire l attività non agonistica rispetto a quella agonistica Far precedere sempre ogni esercizio da una fase di riscaldamento e una fase di raffreddamento (5 10 minuti di esercizi leggeri) Nei pazienti trattati con insulina, modulare dieta e terapia I pazienti con complicanze di organo devono effettuare solo attività fisica leggera e breve (< 60 minuti) Preferire gli sport con sforzi isotonici rispetto a quelli isometrici Intensità: quella che mantiene il battito cardiaco al % della sua frequenza massima possibile (220 Età del soggetto in anni) Durata: minuti Frequenza: anche giornaliera TERAPIA FARMACOLOGICA Dopo 2 3 e a volte 6 mesi di dietoterapia e di attività fisica, nel diabete di tipo 2, in assenza di un compenso glicometabolico ottimale o accettabile, si ricorre alla terapia farmacologica, che si avvale dei seguenti farmaci: Sulfaniluree. Biguanidi Inibitori dell alfa glucosidasi Insulina Nel diabete mellito di tipo 1 è naturalmente indispensabile e fondamentale l uso fin dal momento della diagnosi di insulina nelle sue varie formulazioni. SOLFANILUREE Indicazioni: soggetti diabetici tipo 2, che non presentano marcato sovrappeso. Meccanismo di azione Pancreatico: aumento secrezione insulina Extrapancreatico: aumento recettori insulina, riduzione uptake epatico insulina, inibizione neoglucogenesi epatica, riduzione produzione glucosio dal glicogeno epatico Effetti Collaterali: Disturbi gastrointestinali (vomito, nausea) Cutanei (rash. dermatiti esfoliative) Nervosi (astenia, vertigini, cefalea, flushing specie dopo assunzione di alcool, letargia) Ematici (agranulocitosi con clorpropamide) Ipoglicemia specie per quelle a lunga durata di azione e nei soggetti anziani Controindicazioni Diabete di tipo 1 Assolute: insufficienza epatica, renale, cardiocircolatoria, diabete da pancreopatie Temporanee: gravidanza, allattamento, gravi malattie intercorrenti, periodo perioperatorio.

7 Interazioni farmacologiche Riducono l effetto Diuretici tiazidici Glucocorticoidi Betabloccanti Clonidina Indometacina Estrogeni Difenilidantoina Clorpromazina Rifampicina Fenobarbital Potenziano l effetto Fibrati IMAO Sulfamidici Dicumarolici Alcool Salicilati Probenecid Cloramfenicolo Allopurinolo Trimetoprim H2 antagonisti BIGUANIDI Meccanismo di azione: aumentato utilizzo periferico del glucosio riduzione assorbimento del glucosio inibizione gluconeogenesi epatica Effetti collaterali Disturbi gastrointestinali: gusto metallico, algie addominali, meteorismo Cutanei: orticaria, rash Ematici: anemia da malassorbimento di acido folico e vit. B12 Acidosi lattica (soprattutto fenformina) Controindicazioni: insufficienza epatica, respiratoria, cardiaca e renale anemia grave stati febbrili acuti concomitante assunzione di barbiturici, fenotiazinici, salicilato, alcool complicanze micro e macroangiopatiche periodo perioperatorio gravidanza e allattamento Interazioni farmacologiche La metformina : potenzia l effetto degli anticoagulanti Riduce l assorbimento di vit. B12 La metformina va assunta dal paziente a stomaco pieno oppure insieme ai primi bocconi di cibo, per limitarne al massimo i disturbi gastrici. L indicazione principale della metformina è nel diabete tipo 2 con sovrappeso. INIBITORI DELL ALFA GLUCOSIDASI (ACARBOSE) Inibisce l alfa glucosidasi a livello della parete intestinale, rallentando la digestione e l assorbimento dei carboidrati Effetti clinici Riduzione picchi glicemici postprandiali indicato, pertanto, da solo od in associazione, con gli altri ipoglicemizzanti orali, nei pazienti con glicemia a digiuno non particolarmente elevata.

8 Effetti collaterali Flatulenza Meteorismo (incrementare gradualmente il dosaggio, dalla dose di 50 mg all inizio d ogni pasto, aumentabili a 100 mgx3 dopo qualche settimana se gli effetti collaterali gastrointestinali inevitabili, flatulenza e meteorismo, sono tollerati. Controindicazioni Gravidanza Allattamento Gastroresecati Grosse ernie Età < 18 anni Malattie da glutine Enteropatie croniche con disturbi dell assorbimento Ostruzioni o ulcerazioni intestinali Interazioni farmacologiche Riducono l efficacia: antiacidi colestiramina adsorbenti intestinali enzimi digestivi ASSOCIAZIONI ipoglicemizzanti orali Trovano indicazione nei casi di diabete di tipo 2 in cui la risposta al monofarmaco in dose massima non sia stata soddisfacente dopo un periodo di 6 8 settimane. Nei soggetti trattati con acarbosio è possibile associare una sulfanilurea Nei soggetti trattati con sulfanilurea è possibile associare acarbosio o metformina Nei soggetti trattati con metformina è possibile associare una sulfanilurea E sconsigliabile associare acarbosio e metformina per gli effetti gastrointestinali legati ad ambedue i farmaci. INSULINA Indicazioni Diabete mellito tipo 1 Coma diabetico Diabete mellito tipo 2 scompensato Diabete mellito tipo 2 in situazioni di stress e/o infezioni Diabete mellito tipo 2 con insufficienza renale o epatica Diabete gestazionale Diabete mellito tipo 2 in gravidanza Intolleranza agli ipoglicemizzanti orali Tipo d insulina Inizio d attività Picco Durata Insulina LisPro 15 minuti min 2 5 ore Insulina umana Regolare 30 minuti 1 2 ore 6 7 ore Insulina NPH (intermedia) 2 ore 6 8 ore ore Complicazioni ed effetti collaterali Ipoglicemia Lipodistrofia Allergia Insulino resistenza

9 Corretta modalità di somministrazione Sede periombelicale per la rapida (assorbimento più rapido); gli altri tipi in regione deltoidea; le cosce hanno l assorbimento più lento. L insulina LisPro va somministrata subito prima del pasto o eventualmente anche immediatamente dopo; le insuline rapide e le miscele devono essere somministrate 30 minuti prima dei pasti; le altre non hanno rapporto con i pasti Iniettare con angolo di 45 o perpendicolarmente se ago piccolo Non massaggiare Se si mescolano due tipi di insulina, aspirare prima la rapida Non mescolare insuline rapide con insuline legate a zinco (usare quelle legate a protamina) Ruotare la sede di iniezione (lipodistrofia) Il flacone di insulina utilizzato può essere conservato a temperatura ambiente per un mese, le scorte in frigorifero a 4 8 C Insulinoresistenza Bisogno di insulina > 200 UI die Cause: immunologiche, obesità, emocromatosi, cirrosi epatica, ipertiroidismo SCHEMI DI TERAPIA INSULINICA 1) Associazione ipoglicemizzanti orali più unica piccola dose ( unità/kg) d insulina NPH prima di coricarsi. 2) Variante a questo schema: si sostituisce l insulina NPH della tarda serata con unica somministrazione di premiscelata 50/50 mezz ora prima di cena. In questo caso si può far praticare uno spuntino prima di coricarsi e/o si può controllare la glicemia a mezzanotte. 3) Modello ottimale a quattro somministrazioni: dosi iniziali UI/kg/die in tre somministrazioni d insulina regolare mezz ora prima dei pasti ed una di NPH alle ore per coprire il fabbisogno notturno. 4) Variante dello schema precedente, a tre somministrazioni, molto utilizzata per motivi di compliance : regolare mezz ora prima di colazione e pranzo e premiscelata mezz ora prima di cena 5) Schema a due somministrazioni: premiscelata mezz ora prima di colazione e mezz ora prima di cena. In questo caso il pranzo deve essere leggero sia in calorie sia in quota di carboidrati, e bisogna far praticare uno spuntino in tarda mattinata, cioè nel momento di sovrapposizione dei picchi d attività dell insulina pronta e della NPH, ed eventualmente un altro spuntino prima di coricarsi. Con questo schema, in linea di massima, i 2/3 della dose totale d insulina vanno praticati con la premiscelata della colazione ed il rimanente 1/3 con la premiscelata prima di cena. Algoritmo per l adeguamento del dosaggio di insulina, per pazienti che ricevono due volte al giorno insulina pronta e intermedia Se la glicemia risulta troppo elevata per 2 o più giorni Prima di colazione Prima di pranzo Prima di cena Prima di coricarsi Aumentare Aumentare Aumentare Aumentare l insulina l insulina pronta al l insulina protratta l insulina pronta la intermedia la sera mattino al mattino sera Se la glicemia risulta troppo bassa per 2 o più giorni Prima di colazione Prima di pranzo Prima di cena Prima di coricarsi Ridurre l insulina Ridurre l insulina Ridurre l insulina Ridurre l insulina protratta la sera pronta al mattino protratta al mattino pronta la sera

10 SCHEMA DEL TRATTAMENTO DEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 Terapia non farmacologica: Terapia farmacologica (Paz. Normopeso). (Paz. Sovrappeso) 1) Dieta + Attività fisica 2) Monoterapia *sulfanilurea *Metformina (Iperglicemia prevalentemente post-prandiale) *Acarbose 3) Associazioni di Antidiabetici orali 4) Associazione ipoglicemizzanti orali più Insulina 5) Insulina La terapia non farmacologica non deve essere mai interrotta, bensì proseguita anche quando si ricorra a farmaci. Il passaggio da un gradino terapeutico al successivo è motivato dal mancato compenso glicometabolico in un adeguato periodo (mesi).il nuovo farmaco va impiegato a partire dalla dose minima e va progressivamente incrementato (1-2 mesi), fino a raggiungere la dose massima. Ove esistano controindicazioni all uso degli ipoglicemizzanti orali si deve utilizzare l insulina, passando direttamente dal 1 al 5 gradino. Nei pazienti con complicanze macroangiopatiche, e quindi a rischio di sviluppare eventi cardiovascolari (infarto del miocardio ed ictus), bisogna evitare episodi ipoglicemici. PREVENZIONE DELLE COMPLICANZE Le complicanze del diabete mellito rappresentano un problema clinico, sociale, economico di enorme rilevanza. Esse difatti abbassano drasticamente la qualità di vita dei soggetti affetti da diabete, favoriscono l insorgenza di invalidità, con costi rilevanti a carico del SSN. Per tale motivo un buon controllo metabolico, e la diagnosi precoce delle complicanze (prevenzione terziaria) rallenta in modo significativo l evoluzione sfavorevole delle stesse. Le complicanze acute sono la chetoacidosi, l acidosi lattica e l ipoglicemia Le complicanze croniche: microangiopatiche, legate direttamente al compenso glicemico nefropatia: circa ¼ dei soggetti affetti da insufficienza renale cronica che esita in uremia è diabetico (microalbuminuria da praticare annualmente, PA ogni 3 4 mesi, es. urine ogni 3 4 mesi, creatininemia annualmente, istruzioni al paziente sulla dieta, soprattutto circa l apporto proteico e il cloruro di sodio). Retinopatia: il 90% dei soggetti con diabete di tipo 1 e il 65% di quelli con diabete di tipo 2 sviluppano la retinopatia entro 10 anni dalla diagnosi di diabete (fundus oculi ogni 1 2 anni) La neuropatia: ad etiologia complessa, con l intervento di alterazioni microangiopatiche. Prevalenza tra il 28 e il 37% nel diabete di tipo 1 e circa il 32% per il diabete di tipo 2 (polineuropatia distale simmetrica neuropatia focale neuropatia autonomica) macroangiopatiche: bisogna non solo ottenere un compenso glicemico ottimale, ma anche identificare e trattare in maniera efficace gli altri fattori di rischio (iperlipemia, fumo, ipertensione, ecc.). Il piede diabetico: espressione della macroangiopatia, della neuropatia con la frequente sovrapposizione di infezioni alle quali il diabetico è particolarmente suscettibile. Le procedure di amputazione delle estremità inferiori sono 15 volte più frequenti nei diabetici rispetto ai soggetti non diabetici. Per le complicanze quindi è fondamentale la diagnosi precoce, attivando, quando necessaria, la consulenza specialistica e\o del centro diabetologico. Nei casi di competenza del Medico di Medicina Generale, egli deve altresì impostare la terapia delle complicanze del diabete mellito, mantenendo in ogni caso una stretta collaborazione con il centro di secondo livello.

11 GESTIONE INTEGRATA DEL DIABETE COMPITI DEL MMG 1. Effettuare lo screening della popolazione per individuare: casi di diabete non diagnosticati gravide a rischio e casi di diabete gestazionale casi di IGT 2. Effettuare l educazione sanitaria e il follow.up dei soggetti a rischio per diabete mellito 3. Diagnosticare la malattia diabetica 4. Effettuare l educazione sanitaria e il counselling del paziente diabetico e dei suoi familiari (singolarmente o in piccoli gruppi) 5. Correggere i comportamenti alimentari errati dei pazienti diabetici e gestire la dieta prescritta dal CD 6. Impostare la corretta terapia farmacologica 7. Sorvegliare su effetti collaterali e interferenze della terapia ipoglicemizzante 8. Gestire il follow-up del paziente diabetico, in collaborazione con il CD e gli specialisti 9. Sospettare e diagnosticare precocemente le complicanze della malattia diabetica 10. Attivare il CD per l inquadramento dei diabetici neodiagnosticati e le visite periodiche (in genere 1 2 volte l anno, a seconda delle esigenze clinico terapeutiche nel diabete di tipo 2; 6 12 volte l anno, a seconda delle esigenze clinico terapeutiche, nel diabete di tipo 1) nonché nelle situazioni che, a giudizio del MMG lo richiedono, per consulenze specialistiche, esami strumentali che richiedono avanzata tecnologia e condizioni cliniche di particolare impegno 11. Organizzare il proprio studio (accessi, attrezzature, personale) per una gestione ottimale dei pazienti diabetici 12. Raccogliere i dati clinici dei pazienti diabetici in maniera omogenea con il CD di riferimento, mediante apposite cartelle cliniche cartacee o computerizzate orientate per problemi 13. Collaborare, se disponibile con i centri specialistici per la ricerca in campo diabetologico COMPITI DEL CENTRO DIABETOLOGICO La struttura diabetologica è il punto di riferimento specialistico per il paziente diabetico. Il Servizio Diabetologico ha carattere di struttura specialistica ed effettua prestazioni ai diabetici inviati dai medici di medicina generale e necessitanti di una valutazione di ordine metabolico e clinico. Il servizio, dotato di necessario organico medico e non medico, di adeguata tecnologia laboratoristica e strumentale, con l integrazione di consulenze specialistiche e di supporti ospedalieri preferibilmente in regime di day-hospital, effettuerà un azione di tipo diagnostico preventivo per la ricerca ed il controllo periodico di eventuali complicanze secondarie nei confronti di tutti i diabetici, secondo un programma concordato con i medici di medicina generale. L accesso alla struttura da parte del paziente diabetico dovrà, di regola, avvenire su richiesta motivata del medico di medicina generale. Quindi il Centro Diabetologico 1. Valuta periodicamente i diabetici di tipo 2 2. Gestisce, per l aspetto metabolico e clinico relativo alla malattia di base, i diabetici di tipo 1 3. Inquadra i diabetici neodiagnosticati 4. Prende in carico temporaneamente i diabetici gestiti dal MMG in situazioni cliniche particolari

12 5. Valuta le abitudini alimentari del diabetico e imposta il programma dietetico 6. Organizza una terapia educazionale (singola e in gruppo) 7. Attua lo screening e il follow up delle complicanze 8. Tratta il piede diabetico 9. Coordina l attività clinica, epidemiologica e gestionale in diabetologia QUANDO E PERCHE INVIARE UN PAZIENTE ALLE STRUTTURE DI 2 E 3 LIVELLO EMERGENZA ASSOLUTA Coma ipo iperglicemico Coma chetoacidosico Coma iperosmolare VISITE NON PROGRAMMATE PRESSO IL CD Ogni volta che a giudizio del MMG è necessaria una consulenza per: inadeguato compenso metabolico complicanze neurologiche, renali, oculari, vascolari, piede diabetico (incipienti o in atto) ESEMPI: (casi non vincolanti per il MMG) 1. Ripetuti episodi d ipoglicemia 2. Glicemia >= 400 mg/dl (emergenza) 3. Glicemia tra 300 mg/dl e 400 mg/dl con (emergenza) o senza (urgenza) chetonuria 4. Glicemia ripetute postprandiali >= 300 mg/dl 5. Glicemie ripetute a digiuno >= 200 mg/dl 6. Ripetuti episodi infettivi (es. urine) 7. Modificazioni del visus 8. Neuropatie periferiche 9. Incontinenza, ritenzione urinaria 10. Impotenza 11. Piorrea 12. Comparsa d ipertensione arteriosa 13. Gravi segni di disidratazione 14. Comparsa d alterazioni della funzionalità renale 15. Prima di richiedere esami strumentali invasivi 16. Dopo ricovero ospedaliero di qualsiasi natura 17. Riscontro di Dislipidemie non note 18. Lesioni trofiche iniziali del piede VISITE PROGRAMMATE PRESSO IL CD Al momento della diagnosi Una o due volte l anno secondo le esigenze clinico - terapeutiche per i diabetici di tipo 2 Sei dodici volte l anno secondo le esigenze clinico - terapeutiche per i diabetici di tipo 1

13 COMUNICAZIONE MMG CD Si suggerisce l adozione di un libretto personale in cui siano presenti, oltre ai dati anagrafici e sanitari del diabetico e ai dati riguardanti il Medico Curante e il Centro Diabetologico di riferimento, spazi ove sia possibile registrare i controlli periodici presso il MMG e CD, la sintesi degli esami strumentali, e le visite di eventuali visite specialistiche. ALLEGATI SCREENING DEI SOGGETTI A RISCHIO A) NELLE GRAVIDE Consigliata a tutte le donne gravide tra la 24 e la 28 settimana di gravidanza l esecuzione di un mini test da carico (Minicurva) con 50 gr di glucosio; se le donne sono ad alto rischio(tabella), il test deve essere anticipato alla 18 settimana. Se la glicemia a 60 min è >= 140 mg/dl passare al punto successivo -OGTT con 100 gr di zucchero (3 ore) se minicurva alterata. Tabella alto rischio Obesità >90 kg Eccessivo aumento di peso in gravidanza Macrosomia fetale o idramnios Glicosuria ripetuta a digiuno Precedente parto di neonato con peso > 4 kg Precedente diabete gestazionale Parente di 1 grado con DM Secondo le raccomandazioni dall ADA (American Diabetes Association) del giugno 1997, lo screening del diabete gestazionale con minicurva non è necessario nelle gravide che rispondono a tutti i seguenti criteri: Tabella assenza di rischio Età < 25 anni Normopeso Assenza di familiarità di 1 grado per DM Non appartenenza a gruppi etnici a rischio(americani, ispanici, afro-americani, asiatici). B) NEI SOGGETTI A RISCHIO, SENZA IGT OGTT ogni 2 anni (da valutare caso per caso). C) NEI SOGGETTI CON IGT: Ogni 6 mesi: Glicemia (pre e post prandiale) Peso corporeo Pressione arteriosa Ogni anno: Quadro lipidico (Colesterolo totale, HDL, LDL, Trigliceridi) Ogni 2 anni: Visita diabetologica (a giudizio del Medico di Medicina Generale)

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Molti diabetici dichiarano con soddisfazione di non avere nessun

Molti diabetici dichiarano con soddisfazione di non avere nessun SORVEGLIARE L ANDAMENTO DEL DIABETE Molti diabetici dichiarano con soddisfazione di non avere nessun disturbo anche quando la glicemia è alta. Hanno l aria di sentirsi privilegiati: è come se la natura

Dettagli

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 7. alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 53 7. Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata 1. DEFINIZIONE DI UNITÀ ALCOLICA (U.A.) Una Unità Alcolica (U.A.) corrisponde

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI Flavia Lombardo (a), Stefania Spila Alegiani (a), Marina Maggini (a), Roberto Raschetti (a), Angelo Avogaro

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età

Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età Beata vecchiaia. Nel nostro paese è in corso una grande sfida: trasformare la vecchiaia in un periodo della vita

Dettagli

MANUALE QUALITA Doc. 13 Preparazione del paziente al prelievo venoso e raccomandazioni per la raccolta dei campioni biologici

MANUALE QUALITA Doc. 13 Preparazione del paziente al prelievo venoso e raccomandazioni per la raccolta dei campioni biologici Indice!"#$"%!&$'!(!""$'!)$%&*$%+, $'!(!""$'!)$%&*$%+, $'!$!"$'+, $-+$./ " 0/ *!'# 1 ( #2 / 3 1 3 2 $ 3 + 4 -(4 -( 5 5 6-6 - # 7 78 '7 Prelievo venoso 1) PREPARAZIONE DEL PAZIENTE PRIMA DEL PRELIEVO E importante

Dettagli

Conta con il leone. Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti. con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno

Conta con il leone. Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti. con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno Conta con il leone Guida all uso del conteggio dei carboidrati, e non solo! Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno Conta

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO SONO DOVUTE A ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE CON ERITROBLASTOLISI INTRAMIDOLLARE IL MIDOLLO E RICCHISSIMO DI ERITROBLASTI CHE NON RIESCONO A MATURARE E MUOIONO NEL MIDOLLO

Dettagli

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE Ad ogni donazione, dovunque venga fatta, il sangue prelevato viene sottoposto ad analisi dal Centro Trasfusionale dell Ospedale San Michele ( Brotzu ) ed i relativi risultati

Dettagli

GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELL UTENTE ALLA COLONSCOPIA

GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELL UTENTE ALLA COLONSCOPIA GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELL UTENTE ALLA COLONSCOPIA LA COLONSCOPIA: CHE COS È E PERCHÉ VIENE ESEGUITA La colonscopia è un esame che permette di visualizzare l intestino ed individuare o escludere la

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa 50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa Gruppi di N Domanda Risposta argomenti Sintomi 1. Ho 52 anni e sono iperteso. Ultimamente vedo meno bene e l ottico mi ha prescritto degli occhiali.

Dettagli

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC SOC REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) TOTALE PERC Esami diagnostici Pressione arteriosa ridotta 1 0.2% Patologie cardiache Cianosi 2 0.4% Bradicardia 1 0.2% Tachicardia 9 1.9% Extrasistoli

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti Gruppo Mangiarsano Germinal Book prodotti Il Gruppo MangiarsanoGerminal opera nel mercato dei prodotti biologici e salutistici con un unica missione: prendersi cura della salute dell uomo e dell ambiente.

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Aggiornamenti in Medicina Generale Modena, 20 02 2010 Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Dott. Giulio Malmusi - Nefrologo www.malmusi.it Parliamo di: Come la funzione dei reni influenza

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

Carta del rischio cardiovascolare

Carta del rischio cardiovascolare donne diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. donne non diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. uomini

Dettagli

Obiettivi per chi legge:

Obiettivi per chi legge: 3 LE COMPRESSE Obiettivi per chi legge: Conoscere i cardini della cura del diabete tipo 2. Sapere quando sono utili le compresse ipoglicemizzanti e come funzionano. Prendere le compresse solo quando servono

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli