Andrea Aurilia, Sales Executive J.P. Morgan Asset Management. Convention EFPA 2012, Sorrento 14 giugno 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Andrea Aurilia, Sales Executive J.P. Morgan Asset Management. Convention EFPA 2012, Sorrento 14 giugno 2012"

Transcript

1 Andrea Aurilia, Sales Executive J.P. Morgan Asset Management Convention EFPA 2012, Sorrento 14 giugno 2012

2 IL problema: il debito Canada UK Germania Russia Stati Uniti Francia Svizzera Italia Spagna India Cina Giappone Debito complessivo % del PIL, ultimo dato Brasile Oltre Fonte: JPMorgan Asset Management, McKinsey 1

3 Crescita: va meglio? Gli indicatori di direzione sono in rialzo Crescita sotto il trend Crescita sopra il trend Indicatori di direzione USA Indicatori di direzione G6 escl. USA Fonte: JPMorgan Asset Management, Bloomberg L occupazione negli Stati Uniti inizia a migliorare Variazione dei salari non agricoli, media a 4 mesi (sx) Richiesta di sussidi di disoccupazione, media a 4 mesi (dx) Fonte: JPMorgan Asset Management, Bloomberg 2

4 Europa: ancora un problema Finanza pubblica debole Alto debito Bassa crescita Downgrade dei rating Stress nell obbligazionario governativo Necessità di rifinanziamento Fonte: J.P. Morgan Asset Management Fragilità delle banche 3

5 Come sta rispondendo la BCE? LTRO* = Allentamento quantitativo mascherato (Bilancio delle Banche Centrali come % del PIL) 35% 32% 29% 26% 23% 20% 17% 14% 11% 8% 5% BCE Banca di Inghilterra Federal Reserve Banca del Giappone I rendimenti dell obbligazionario governativo segnalano la reazione del mercato % Jan 11 Apr 11 Jul 11 Oct 11 Jan 12 Apr 12 Spagna a 2 anni Italia a 2 anni Spagna a 10 anni Italia a 10 anni Fonte: J.P. Morgan Asset Management, Bloomberg, dati a marzo 2012 * Long-term refinancing operations Fonte: J.P. Morgan Asset Management, Bloomberg, dati a marzo

6 Alto debito e divergenza nella competitività avrebbero bisogno di un inversione di tendenza Alto debito (Debito totale come % del PIL) Competitività divergente (Costo unitario del lavoro, 1 trimestre 2000 = 100) % Germania Grecia Irlanda Francia Italia Spagna Fonte: J.P. Morgan Asset Management, OCSE, Datastream Fonte: J.P. Morgan Asset Management, OCSE, Datastream 5

7 Europa Competitività e crescita I driver strutturali della crisi: la periferia dell area Euro ha perso competitività nei confronti della Germania dall introduzione dell Euro. Come risultato, la produzione e le esportazioni ne hanno sofferto. Indici della produzione industriale 1998 = 100, sa Tasso di cambio dell euro fissato Germania Italia Indici del Costo del lavoro unitario Q = 100, sa Irlanda Francia Spagna Italia Germania Fonte: Bundesbank, Instituto Nazionale di Statistica, Ottobre 2011 Fonte: OCSE, Q

8 I dati demografici indicano un più lento trend della crescita I dati demografici ripetono il modello del Giappone Percentuale della popolazione, per fasce di età Percent Tasso di fertilità Stati Uniti Italia Germania Giappone 27% 19% 18% 17% Nota: Dati al 31 marzo, ordinati indicando per prima la dimensione del gruppo più giovane. Il tasso di fertilità totale è il numero medio di bambini per donna nell arco naturale della propria vita. Fonte: US Census Bureau, J.P. Morgan Asset Management. Ci si attende che la popolazione attiva diminuisca % variazione nel numero degli occupati Years Variazione occupati in Giappone (inizio: 1985) Variazione occupati negli Stati Uniti (inizio: 2000) Variazione occupati in Europa (inizio: 2000) Fonte: JPMorgan Asset Management,Datastream, Oxford Economics (i dati posteriori al 2010 sono previsionali) 7

9 Il Giappone può essere nel lungo periodo la nostra cartina stradale? Troppo debito nell economia Debito rispetto al PIL(%) : il Giappone perde la Aaa di Moody s : Gli Stati Uniti perdono la AAA di S&P Giappone Stati Uniti Regno Unito Fonte: J.P. Morgan Asset Management, FMI, settembre I dati posteriori al 2010 sono previsionali Il percorso della crescita più lenta e dei rendimenti % G4: Stati Uniti, Francia, Germania, Regno Unito Rendimenti G4 a 10 anni Pil tendenziale del Giappone PIL tendenziale del G4 Rendimenti Giappone a 10 anni Fonte: Bloomberg. I dati sul Giappone partono dal 31 dicembre Germania, Francia, Regno Unito e Stati Uniti partono dal 31 dicembre

10 E la decade perduta? Rendimenti dei Treasury % Reddito fisso: era un problema? Reddito fisso: la grande protezione? Reddito fisso: fonte di rendimento? Fonte: J.P. Morgan Asset Management, Datastream Rendimento dei Treasury a 10 anni 9

11 Liquidità vs. Obbligazionario governativo: alla ricerca del valore reale Liquidità: rendimenti reali negativi % Tassi base UE meno HICP* Tassi base USA meno CPI* Fonte: Bloomberg, 29 febbraio Nota: HICP = Harmonised Index of Consumer Prices ; CPI = Consumer Price Index, Indice dei prezzi al consumo Invidiosi dell Australia: un attraente investimento con AAA % Australia a 10 anni Stati Uniti a 10 anni Germania a 10 anni Fonte: Bloomberg, aprile

12 Settori: la liquidità è una sfida Le posizioni dei primary dealer continuano a scendere USD, mld 2,500 2,000 1,500 1,000 Il Bid/Offer europeo come % del prezzo delle obbligazioni 2.50% 2.00% 1.50% 1.00% % Posizioni sui titoli corporate dei primary dealer Fonte: Federal Reserve, dati a marzo % B/O (IG Non-Fin) B/O (IG Non-Fin) Fonte: Morgan Stanley, Markit iboxx, dati a gennaio

13 Covered bond: con il conforto dei collaterali La struttura del capitale di una banca Covered bond vs senior bond: un esempio Massima Più basso Punti base Priorità claim nel caso di insolvenza Covered bond Debito Senior Rischio relativo Debito subordinato 150 Minima Ibridi Azionario Più alto Mar 11 Jun 11 Sep 11 Dec 11 Barclays Covered Bond OAS Barclays Senior Bond OAS Fonte: Barclays Capital, marzo

14 Credito: la politica dei tassi a zero porta una vera e propria caccia al rendimento Obbligazioni Investment Grade: i benefici di un allocazione globale bps Obbligazioni High Yield: rischio vs. rendimento % % Apr 10 Oct 10 Apr 11 Oct 11 US OAS EURO OAS GBP OAS Fonte: Barclays Capital. Dati a marzo 2012 Fonte: J.P. Morgan. Dati a marzo US Govt Yield US High Yield Spread 0 13

15 Debito esterno dei Mercati Emergenti: chi ha la capacità di rifondere il debito? -12 Deficit fiscale 2011 (% del PIL) Russia India Spain Poland Venezuela South Africa Mexico Indonesia Brazil Argentina China United States United Kingdom France Germany Italy Greece 2 Korea Hungary Debito pubblico (% del PIL) Mercati sviluppati Mercati in via di sviluppo Fonte: FMI, Prospettive a settembre

16 % Mercati Emergenti: il capitale va alla ricerca della crescita Crescita stimata del PIL (variazione media annua, %) Avanzati America Latina Fonte: FMI, stime di crescita del Pil, media a 5 anni ( ). Previsioni a settembre Mostrato a soli scopi illlustrativi. Fonte: Bloomberg. Marzo ASIA Le valute emergenti si rafforzano vs G Si indebolisconon Si rafforzano Peso messicano Won coreano Rublo russo Dollaro di Singapore 15

17 I predatori della decade perduta 2006* 2012** 2014*** Contesto economico Deleveraging Primo stadio del deleveraging Tasso di rifinanziamento della BCE 2,78% 1,00% 1,00% Tasso Fed Funds 4,96% 0,25% 0,25% Bund a 10 anni 3,78% 1,84% 1-3% Treasury Stati Uniti a 10 anni 4,79% 2,18% 1-3% Deleveraging continuo IG Societario OAS (USD) HY Societario OAS (USD) Debito governativo emergente Liquidità ampia in calo ridotta Contesto regolamentare fiacco verso la stretta rigido Fonte: J.P. Morgan Asset Management * Media nell anno ** A marzo 2012 *** I dati relativi al 2014 sono ipotetici 16

18 Reddito fisso = l arca perduta! Debito in circolazione Tassi di interesse che restano fermi Il Giappone guida La sorpresa dei rendimenti obbligazionari Ripresa anemica Alla ricerca del rendimento Pressioni dei regolatori Analisi del credito al centro Opportunità globali HY, Australia, valute ME e debito ME Integrato globalmente. Guidato dalla ricerca. 17

19 JPMorgan Funds Global Strategic Bond Fund Disponibile ad accumulazione e a dividendo trimestrale

20 JPMorgan Funds - Global Strategic Bond Fund Caratteristiche principali Obiettivo di rischio e rendimento* Fondo obbligazionario globale di best ideas, attivamente gestito Portafoglio diversificato con ampia allocazione nei mercati obbligazionari globali e nei mercati valutari Gestione settoriale dinamica, che mira ad assumersi rischi solo quando le opportunità di investimento sono vantaggiose Rendimento: Duration: Qualità: Valuta: 3% sopra la liquidità 0-9 anni Massimo 50% al di sotto di Investment Grade Principalmente coperto dal rischio di cambio verso la valuta base (80%) *L'obiettivo di rendimento é al lordo di tutte le spese e delle commissioni di gestione. Tale obiettivo di rendimento é una stima del gestore é può variare. Non vi è garanzia che tale obiettivo sia raggiunto. Le indicazioni sopra riportate possono variare in base alle strategia di investimento e in conformità alle disposizioni contenute nel Prospetto. 19

21 JPMorgan Funds Global Strategic Bond Fund Caratteristiche Categoria Assogestioni Orizzonte temporale dell investitore Obbligazionario altre specializzazioni Minimo 3-5 anni Dimensione del Comparto al 30 aprile 2012 USD 937,1 m Benchmark Data di lancio European Overnight Index Average (EONIA)* Gestore del Comparto Nick Gartside Obiettivo di Investimento Parametri statistici Valuta di denominazione Esposizione valutaria ISIN Mira ad ottenere un rendimento superiore al benchmark sfruttando le opportunità di investimento presenti, tra l altro, sui mercati del reddito fisso e su quelli valutari, utilizzando strumenti derivati, ove opportuno. Volatilità (3 anni): n.d. Tracking error (3 anni): n.d. USD Classe di azioni in EUR con copertura del rischio di cambio Classe D (acc) EUR hedged: LU Classe D (div) EUR hedged: LU Gestore del comparto da gennaio 2011 Commissione annua di gestione** 2,00% (classe D) Dati aggiornati al 30 aprile 2012, salvo dove diversamente specificato. Per il profilo dell investitore tipo e il profilo di rischio vedasi la scheda al termine della presentazione. * Per le classi di azioni EUR Hedged **L investitore deve prevedere commissioni di entrata, oneri operativi e amministrativi, eventuali commissioni di rimborso e di performance laddove previste. Per ogni dettaglio sull aspetto commissionale consultare il Prospetto e il Modulo di Sottoscrizione in vigore in Italia. 20

22 JPMorgan Funds Global Strategic Bond Fund Posizionamento del portafoglio Caratteristiche Duration media 2,09 anni Rendimento a scadenza 4,72% Scadenza media 3,0 anni Rating medio BBB- Scomposizione per asset class Scomposizione per rating Fonte: J.P. Morgan Asset Management. Dati al 30 aprile I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. L asset allocation è soggetta a variazioni. Il rendimento medio del portafoglio coincide con la somma dei rendimenti di ciascuno strumento in portafoglio moltiplicato per il peso relativo

23 JPMorgan Funds Global Strategic Bond Fund Scomposizione per duration Fonte: J.P. Morgan Asset Management. Dati al 30 aprile

24 JPMorgan Funds Global Strategic Bond Fund Performance dal lancio Performance dal lancio (3 giugno 2010) al 5 giugno % Volatilità giornaliera a 1 anno: 3,48* 8,83% 8% 6% 4% 2,66% 2% 0% 1,78% 0,09% 0,20% 0,15% 1,33% -2% -0,76% 3 mesi 6 mesi Da inizio anno Dal lancio JPM Global Strategic Bond Benchmark (Indice EONIA) Fonte: Bloomberg. Andamento del NAV in EUR, classe A (acc) EUR Hedged. Dati giornalieri dal 3 giugno 2010 al 5 giugno I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. * Fonte: Bloomberg, dati al 1 giugno

25 JPMorgan Funds Global Strategic Bond Fund Dividendi distribuiti Dividendo Record-date Ex-date Pagabile Ammontare in EUR Rendimento trimestrale dividendo Rendimento annualizzato* Febbraio febbraio febbraio febbraio ,56 0,65% 2,63% Maggio maggio maggio maggio ,95 1,10% 4,48% Agosto agosto agosto agosto ,55 0,65% 2,64% Novembre novembre novembre novembre ,23 1,47% 5,86% Febbraio febbraio febbraio febbraio ,26 1,50% 6,13% Maggio maggio maggio maggio ,11 1,33% 5,42% Fonte: J.P. Morgan Asset Management. Rendimento per la classe D (div) EUR Hedged. Lo schema illustra i dividendi realmente distribuiti fino al 9 maggio A decorrere dal 7 novembre 2011, la descrizione della politica dei dividendi della Sicav JPMorgan Funds è stata modificata al fine di chiarire i fattori che determinano il valore del dividendo per ciascuna classe di azioni. Le modifiche non cambiano il modo in cui il valore del dividendo viene calcolato per ciascuna classe di azioni e lo status fiscale (ove applicabile) rimane invariato. A seguito di tale revisione la classe di azioni JPM Global Strategic Bond Fund D (inc) EUR Hedged é stata ridenominata in JPM Global Strategic Bond Fund D (div) EUR Hedged. *Questo valore rappresenta il rendimento su base annua, così come calcolato alla data dell ultimo dividendo, e pertanto soggetto a variazione nel corso dell anno. Si ricorda che la distribuzione del dividendo non è garantita. 24

26 Schede con Profilo dell Investitore tipo e Profilo di rischio di ciascun Comparto trattato nella presentazione

27 Il presente materiale è destinato ai Promotori Finanziari. E pertanto vietata la sua diffusione con qualsiasi mezzo presso il pubblico. JPMorgan Funds Global Strategic Bond Fund Obiettivo d Investimento Mira ad ottenere un rendimento superiore al benchmark sfruttando le opportunità di investimento presenti, tra l altro, sui mercati del reddito fisso e su quelli valutari, utilizzando strumenti derivati, ove opportuno. Profilo dell Investitore tipo Il Comparto è di tipo obbligazionario a rendimento assoluto (total return) pensato per gli investitori in cerca di un rendimento superiore al benchmark, che riduce al contempo le probabilità di perdita del capitale sul medio termine, attraverso un approccio multisettoriale flessibile e diversificato che punta ai rendimenti assoluti e alla creazione del valore a partire da molteplici fonti. Poiché il Comparto si indirizza verso l universo obbligazionario piuttosto che la volatilità a breve, gli investitori dovrebbero avere un orizzonte di investimento minimo di tre-cinque anni. Profilo di Rischio Il valore del vostro investimento può tanto diminuire quanto aumentare e potreste non recuperare interamente il capitale inizialmente investito. Il valore degli strumenti finanziari derivati può essere volatile e ciò può comportare perdite superiori all importo investito dal Comparto. Il valore dei titoli di debito può variare in misura significativa a seconda del contesto economico e dei tassi d interesse, nonché dell affidabilità creditizia dell emittente. Questi rischi sono di norma più elevati per i titoli di debito dei Mercati Emergenti e i titoli di debito con rating inferiore a investment grade. In aggiunta, i Mercati Emergenti possono essere caratterizzati da servizi di custodia e di regolamento delle operazioni meno sviluppati, da una maggiore volatilità e da una minore liquidità rispetto ai mercati non emergenti. Gli asset-backed securities e i titoli garantiti da ipoteche possono essere molto illiquidi, essere soggetti a variazioni sfavorevoli dei tassi d interesse e al rischio che non vengano onorati gli obblighi di pagamento relativi all attività sottostante. La vendita allo scoperto può essere soggetta a cambiamenti regolamentari e le perdite sulle posizioni corte possono essere illimitate. Le variazioni dei tassi di cambio possono avere un impatto negativo sul rendimento del vostro investimento. La copertura valutaria utilizzata per minimizzare l effetto di fluttuazioni valutarie potrebbe non essere sempre efficace. Gli investitori possono avere un esposizione a valute diverse dalla valuta della loro Classe di Azioni. Per ulteriori informazioni sui rischi consultare l "Allegato IV Fattori di Rischio" del Prospetto e il KIID, disponibile per ciascuna classe di Azioni. Il Comparto può concentrare i propri investimenti in un numero limitato di paesi, settori o emittenti e, di conseguenza, potrà risultare più volatile rispetto a fondi maggiormente diversificati. 26

28 J.P. Morgan Asset Management AVVERTENZA: Il presente materiale é destinato ai Soggetti Collocatori. E pertanto vietata la sua diffusione con qualsiasi mezzo presso il pubblico. Le informazioni contenute nel presente materiale sono fornite a mero scopo informativo, pertanto lo stesso non è da intendersi come un'offerta o una raccomandazione alla vendita o all'acquisto di strumenti finanziari, e non deve essere considerato come informazione esaustiva ai fini di qualsiasi decisione di investimento. Le informazioni contenute nel presente materiale sono ritenute attendibili, ma non se ne garantisce la precisione o la completezza. Le opinioni, le stime, le strategie e le idee d'investimento eventualmente espresse nel presente documento rappresentano il giudizio di J.P. Morgan Asset Management, se non altrimenti specificato, in base alle condizioni di mercato al momento della redazione e possono variare senza preavviso o comunicazione. Le previsioni di eventi futuri sono dell'autore, pertanto non vi è nessuna garanzia che si avverino. Il valore degli investimenti e i proventi da essi derivanti possono variare e l'investimento iniziale non è garantito. Le performance e i rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Le fluttuazioni dei tassi di cambio possono influire negativamente sul valore degli investimenti. Gli investimenti in aziende di piccole dimensioni possono comportare un maggiore livello di rischio essendo esse generalmente più sensibili alle fluttuazioni dei mercati. Gli investimenti nei mercati emergenti possono essere soggetti a maggiore volatilità rispetto ad altri mercati, comportando un grado di rischio. Si rende noto che le linee telefoniche di J.P. Morgan Asset Management potrebbero essere registrate. J.P.Morgan Asset Management è il nome commerciale della divisione di gestione del risparmio di JPMorgan Chase & Co. e delle sue affiliate nel mondo. Prima di effettuare qualsiasi investimento, gli investitori devono informarsi circa i regolamenti applicabili nel proprio paese, anche in materia fiscale e valutaria. Le azioni non possono essere offerte nè acquistate, direttamente o indirettamente, a soggetti statunitensi. Gli investimenti nei prodotti domiciliati in Lussemburgo devono essere basati sull ultima versione disponibile dei prospetti e dei KIID. Tale documentazione, assieme al bilancio annuale e semestrale e allo statuto, sono disponibili sul sito Materiale redatto a cura di JPMorgan Asset Management (Europe) S. à r.l., Via Catena 4, Milano. 27

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Jacob Gyntelberg Peter Hördahl jacob.gyntelberg@bis.org peter.hoerdahl@bis.org Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Fra inizio settembre e fine

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 Roma, 26 giugno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

Modulo di sottoscrizione

Modulo di sottoscrizione Modulo di sottoscrizione Il presente Modulo è l unico valido ai fini della sottoscrizione in Italia di azioni di JPMORGAN INVESTMENT FUNDS, SICAV di diritto lussemburghese a struttura multicomparto e multiclasse.

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015 CIO View I giganti asiatici Sfida tra modelli economici Nove Posizioni Le nostre previsioni Il crollo delle esportazioni

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema BRating Analysis 15/04/2015 Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. Per quanto riguarda il mercato azionario I protagonisti del mese sono stati i fondi che investono

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

VARIAZIONI DELLA GAMMA ishares Conferma di fusioni e altre modifiche dei fondi ishares 27 maggio 2015

VARIAZIONI DELLA GAMMA ishares Conferma di fusioni e altre modifiche dei fondi ishares 27 maggio 2015 AD USO ESCLUSIVO DEGLI INVESTITORI SVIZZERI VARIAZIONI DELLA GAMMA ishares Conferma di fusioni e altre modifiche dei fondi ishares 27 maggio 2015 1. Premesse Il 1 luglio 2013, BlackRock ha completato l'acquisizione

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 Roma, 23 giugno 2015 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

FONTEDIR. Selezione Gestori Finanziari. Milano, luglio 2007. Institutional Sales Manager

FONTEDIR. Selezione Gestori Finanziari. Milano, luglio 2007. Institutional Sales Manager FONTEDIR Selezione Gestori Finanziari Monica Basso Milano, luglio 2007 Institutional Sales Manager Agenda Struttura e esperienza del mercato dei Fondi pensione Filosofia e Processo di investimento Sistema

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

UBS CIO Monthly Letter

UBS CIO Monthly Letter ab CIO WM Ottobre 2012 UBS CIO Monthly Letter I banchieri centrali vestono il mantello dei supereroi Alexander S. Friedman CIO UBS WM Quando ero piccolo, mi piaceva guardare film come Superman. Oggi quei

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano 2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano Domenico Siniscalco 2.1 Premessa L Italia è un paese di grandi risparmiatori. Comunque la si misuri in rapporto al reddito disponibile

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

CIO View. Un pezzo dopo l altro. Verso l integrazione fiscale europea. Deutsche Asset & Wealth Management

CIO View. Un pezzo dopo l altro. Verso l integrazione fiscale europea. Deutsche Asset & Wealth Management Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Giugno 2015 CIO View Un pezzo dopo l altro Verso l integrazione fiscale europea Nove posizioni Le nostre previsioni L aumento

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short db x-trackers su indici daily short ETF su indici daily short: investire nei mercati orso L investimento in un ETF db x-trackers correlato ad indice daily short è destinato unicamente ad investitori sofisticati

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto Roma, 26 giugno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Le due facce dell investimento

Le due facce dell investimento Schroders Educational Rischio & Rendimento Le due facce dell investimento Per essere buoni investitori non basta essere buoni risparmiatori. La sfida del rendimento è tutta un altra storia. È un cammino

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E. La crisi globale del 2007-2009: cause e conseguenze Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.) Stiamo ancora

Dettagli

SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto

SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto Relazione semestrale SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto R.C.S. Luxembourg B 136 880 Non si accettano sottoscrizioni basate sul presente

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

ab Asset management research Ottobre 2012 L evoluzione dell Asset Manager

ab Asset management research Ottobre 2012 L evoluzione dell Asset Manager ab Asset management research Ottobre 2012 L evoluzione dell Asset Manager Soluzioni orientate ai risultati Obiettivo raggiunto L esperienza trentennale di UBS Global Asset Management nella gestione dei

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA CRESME RICERCHE SPA OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA Cantiermacchine-ASCOMAC Comamoter-FEDERUNACOMA Ucomesa-ANIMA NELL AMBITO DI FEDERCOSTRUZIONI

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Linea Investimento NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Contratto di Assicurazione caso morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli