Valutare il networking. Note di studio sul partenariato sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutare il networking. Note di studio sul partenariato sociale"

Transcript

1 TEORIA E METODI Valutare il networking. Note di studio sul partenariato sociale Davide Carbonai* Riassunto Le pratiche di partenariato si definiscono anche nell insieme delle relazioni che intercorrono tra attori sociali, nella condivisione di strategie di governance e nella collaborazione all interno di uno o più gruppi di lavoro; è anche attraverso le molte tecniche in uso nell analisi delle reti sociali che questa intensa attività relazionale networking è osservabile, misurabile, oggetto di valutazione. L utilizzo di queste tecniche contribuisce, nel suo complesso, a migliorare gli strumenti di valutazione delle pratiche di networking, monitorare le attività di un gruppo di lavoro (in itinere), la creazione e l estensione delle reti del partenariato, la loro sostenibilità nel tempo (ex post). Si discutono così i principali risultati di una serie di esperimenti condotti su cinque distinti gruppi di lavoro (per cinque diversi progetti di partenariato Equal). L obiettivo di questo studio è quello di fornire ai partenariati sociali alcuni spunti di riflessione, strumenti di monitoraggio e valutazione, soluzioni ed esperienze utili ad indirizzare la discussione sugli aspetti più concreti ed operativi (e, quindi, su soluzioni innovative). Parole chiave: analisi delle reti sociali, gruppo di lavoro, partenariato sociale, governance, studio di valutazione, sviluppo locale Abstract This article investigates the networking relations among social actors in five Italian partnership projects. It offers an empirical social network analysis trough brokerage measures, centrality and density index. It begins by showing that there are many levels to analyse a partnership project. Subsequently, the collected data have two distinctive features and aims; firstly, graph theory and social network analysis describes the team-working relations; secondly, empirical results suggest an action-research proposal. Key words: social network analysis, team-working, social partnership, governance, evaluation research, local development. * Davide Carbonai è dottore di ricerca in Sociologia economica; dal 2005 insegna Sociologia dell organizzazione presso l Università degli Studi di Teramo. Rassegna italiana di valutazione, a. XII, n. 43/44, 2008

2 16 DAVIDE CARBONAI 1. Un approccio relazionale per la valutazione Dei tanti modi di indagare l azione sociale, qui, piuttosto che l insieme delle caratteristiche ascritte ad un attore sociale, si sostiene l idea che il funzionamento del gruppo e quindi le opzioni di scelta del singolo derivi, in primo luogo, dalle norme e dai ruoli che la rete produce come risultato dell interazione tra attori, dai vincoli e dalle opportunità come esito del sistema delle relazioni sociali. Ed è proprio per valutarne gli effetti che è necessario ricostruirne compiutamente i principali tratti caratteristici: l intensità e la direzione di un legame, gli attori che compongono la rete, le forme che questa assume. L analisi delle reti «analisi dei reticoli» (Chiesi, 1999) o «social network analysis» (Scott, 1991) si presta bene per indagare queste dinamiche; mentre l indagine campionaria risponde allo scopo di individuare relazioni tra attributi o variabili, l approccio relazionale permette di indagare le attività di collaborazione e scambio, le linee di conflitto all interno di un gruppo: ovvero, tutto ciò che attiene alle relazioni che intercorrono tra attori sociali. Nelle analisi qui proposte, si discutono i principali risultati di uno studio sperimentale di valutazione condotto in due fasi; in una prima fase, i soggetti intervistati i responsabili di alcune organizzazioni inserite in alcuni progetti di partenariato sociale attribuiscono punteggi su quattro distinti items di valutazione (definiti in fase di disegno della ricerca); ciascun soggetto (Ego o origine del legame) attribuisce un punteggio riferito ad ogni singolo partner (Alters o vertice di destinazione) compreso in un gruppo di lavoro di un partenariato sociale, di quattro distinti progetti comunitari Equal. È possibile in questo modo derivare una serie di statistiche descrittive del sistema relazionale ed una valutazione complessiva e puntuale delle pratiche di networking 1. In questo tipo di studi è importante comprendere non solo le prime misure calcolate sui quattro tipi di items di valutazione ma anche la strutturazione complessiva dei legami (valutazioni) all interno della quale ciascun soggetto (vertice della rete) è inserito. Le scale di punteggio utilizzate nella prima fase di studio nonché ulteriori items di valutazione sono state successivamente modificate nella seconda (e testate su un quinto gruppo di lavoro). I risultati di questi studi, qui discussi, hanno promosso non solo un più compiuto strumento di valutazione per approccio relazionale e quindi utilizzando le tecniche di analisi delle reti ma anche un ulteriore strumento di monitoraggio disponibile on line e con finalità tipiche della ricerca-azione. 1. Una rete (reticolo sociale, network o rete sociale) si compone di un insieme di punti (vertici) uniti da linee (legami). Il sociogramma (grafo) è la rappresentazione grafica di una rete (reticolo). In via definitiva, tutte le volte che si procede ad analizzare un reticolo, se ne indicano i legami ed i vertici che definiscono il gruppo; per una disamina dei principali concetti e tecniche in uso nell analisi delle reti sociali cfr. Wasserman e Faust (1994), Chiesi (1980; 1981; 1999; 2003); sulla valutazione secondo approccio relazionale cfr. Boati et al. (2005).

3 TEORIA E METODI 17 Secondo un approccio di tipo reputazionale, si è inteso in questo modo calcolare alcune statistiche di rete «indici di centralità», misure di «brokerage» riferite ai cinque casi oggetto di studio 2. Tav. 1 Studi di caso (prima e seconda sperimentazione) Studi di caso (Partenariato sociale) Legami e scale di punteggio Prima 1. Liason Quattro tipi di legame; scale di sperimentazione 2. Smtp punteggio da (-5) a (+5); cfr. 3. Tecs tav Chance Seconda 5. Follow me Sei tipi di legame; scale di sperimentazione punteggio da (1) a (4) In questo tipo di studi, i dati raccolti attraverso la somministrazione di un questionario strutturato ad hoc per l analisi delle reti sociali sono successivamente organizzati in matrici quadrate asimmetriche: nelle righe e nelle colonne della matrice dei dati compaiono gli stessi vertici (matrice quadrata); in cella compare il valore del legame («pesato») che connette il vertice x i con il vertice x j. Ciascun vertice (origine del legame in riga) attribuisce, infatti, una serie di punteggi, riferiti a ciascuno degli altri vertici (in colonna) che compongono la rete (il partenariato sociale). È possibile in questo modo ricostruire la struttura complessiva del reticolo, derivarne delle statistiche di posizione riferite ad ogni singolo vertice (attore sociale) ed alcune statistiche di struttura riferite al reticolo, nel suo insieme come i punteggi medi di centralità, la «densità» della rete, la «frammentazione» del sistema relazionale. 2. Il reticolo del partenariato In questo paragrafo si presentano alcuni esempi ed esercizi applicativi dei concetti precedentemente discussi anche al fine di introdurre il lettore alle tecniche utilizzabili nella misurazione del networking, il tipo di analisi, i rischi ed i vantaggi 2. In particolare, le analisi qui discusse sono frutto della prima e seconda sperimentazione avviata nel febbraio 2007 all interno del Programma di iniziativa comunitaria Equal, Azione 3 denominato anche progetto Follow me (IT-S2-MDL-842). Ringrazio Domenico Paparella (Direttore del Cesos) per le idee ed i suggerimenti in fase di definizione del del questionario. I punteggi di valutazione sono assegnati dai responsabili di progetto di ciascun soggetto presente nel partenariato sociale (dopo la somministrazione face-to-face del questionario da parte di un intervistatore). Per preservare l anonimato degli intervistati, i nominativi reali sono sostituiti con nomi fittizi.

4 18 DAVIDE CARBONAI che occorrono ogniqualvolta si utilizzi l analisi delle reti sociali come strumento di misurazione e valutazione. La metodologia qui utilizzata è migliorata nella seconda fase di sperimentazione nonché nell implementazione di uno strumento di valutazione on line. Con la prima fase di sperimentazione si è inteso indagare quattro tipi di legami (cfr. tav. 2); i punteggi assegnati da Ego sono qui intesi alla stregua di una valutazione sull attività degli altri soggetti (Alters). La somma di questi punteggi restituisce un giudizio d insieme sull attività di ciascun membro del gruppo di lavoro; i punteggi assegnati intesi come giudizi/valutazioni sull operato di Alters sono probanti di un qualche legame tra Ego su Alters: e quindi, alla stregua di dati relazionali, l insieme dei dati è trattato con i principali strumenti e concetti in uso nell analisi delle reti sociali. Tav. 2 Quadro sinottico della tipologia di legame rilevato (prima fase di studio) Denominazione legame Collaborazione Apporto di competenze Efficacia Puntualità Caratteristiche del legame (dimensione indagata) Collaboratività degli attori sociali; scala di punteggio che varia da 5 («totale opposizione» o «concorrenza») a +5 («perfetta collaborazione»); si offre in questo modo una valutazione relativa alla attitudine di un soggetto a collaborare in maniera «partecipativa» o «oppositiva» con ciascuno degli altri vertici compresi nella rete. Apportare specifiche competenze al partenariato; scala di punteggio da 5 («scarso apporto di competenze al progetto») a +5 («notevole apporto di competenze»); il soggetto intervistato valuta la capacità di ciascun altro vertice (Alters o destinazione legame) di apportare specifiche competenze professionali al progetto. Efficacia/non efficacia delle attività di lavoro; in alcuni casi, il contributo apportato all attività di lavoro da parte di ogni singolo partner risulta efficace, in altri casi del tutto inefficace; il punteggio assegnato varia da 5 («scarse efficacia del contributo») a +5 («elevata efficacia del contributo»). Puntualità nello svolgimento dei compiti; a ciascun partner sono solitamente assegnati specifici compiti secondo scadenze predefinite; l origine del legame (soggetto intervistato) assegna punteggi di valutazione in relazione della «puntualità» degli Alters; scala di punteggio che varia da 5 («ritardo nell assolvimento dei compiti») a +5 («piena puntualità») Il networking di Liason L obiettivo di questo studio di caso è di disporre di alcune misure di valutazione derivate dalla attitudine alla «collaboratività» di ogni singolo vertice della rete.

5 TEORIA E METODI 19 Il partenariato Liason è composto da otto attori; ciascun soggetto (vertice della rete) assegna quindi sette punteggi sull items di valutazione «collaborazione». Si ottiene così una matrice quadrata in cui in sia in riga (origine del legame) che in colonna (destinazione del legame) compaiono i soggetti compresi nel partenariato. La matrice è asimmetrica poiché i punteggi assegnati da x i su x j sono solitamente diversi da quelli assegnati da x j su x i. Nel caso del legame di collaborazione la richiesta di attribuzione di punteggio è stata così introdotta: Tutte le volte che il partenariato si riunisce, ogni membro è chiamato a partecipare e confrontarsi con gli altri. Una collaborazione che prosegue nei giorni successivi. Al termine della riunione accade spesso di restare in contatto, per discutere del progetto, procedere alla stesura comune di un documento, confrontarsi, scambiarsi opinioni o saperi; in una sola parola: collaborare. Viene a crearsi così un rapporto di collaborazione, più o meno stretto, positivo o negativo [ ]. Si è poi chiesto di attribuire un punteggio: «Le chiedo di attribuire un punteggio su una scala che varia da 5 (totale opposizione o concorrenza) a +5 (perfetta collaborazione) relativamente a come lei collabora se bene o male con [ ]. Se lei collabora perfettamente con [ ] attribuirà +5 se invece collabora opponendosi attribuirà 5 [ ]. Che punteggio attribuisce su una scala che varia da 5 a +5?». Ego attribuisce così un punteggio per ogni singolo Alters. Un indicazione probante della diversità fra soggetto e soggetto del modo di concepire il continuum si ha, in genere, scorrendo dei questionari standard che contengono batterie di termometri riferiti agli oggetti più diversi. Alcuni soggetti usano tutto l arco di punteggi, altri preferiscono utilizzare punteggi alti, altri ancora evidenziano una tendenza nell attribuire indistintamente punteggi negativi oppure coincidenti con zero o positivi (Marradi, 1995, 58). Si è quindi tenuto conto del fatto che potrebbe sussistere una tendenza, a servirsi di un arco più o meno ampio di punteggi, rappresentata dalla deviazione standard dei punteggi attribuiti da i ed usata come denominatore della differenza tra ciascuno dei valori in cella e la media dei valori attribuiti. I valori in matrice di adiacenza sono stati così sostituiti con i corrispettivi z ij (operazione di deflazione). Inoltre, in questo tipo di studi le differenze nell attribuzione non sono dovute solamente al modo in cui i membri fissano gli estremi, o comunque sia alle loro caratteristiche psicologiche, bensì alle reticenze nell attribuire valori che in un qualche modo rivelano le caratteristiche della propria rete di relazioni, i vertici adiacenti, l intensità e la direzione di un legame: l operazione di deflazione attenua questa tendenza. Si è infine ottenuta una matrice quadrata asimmetrica (square matrix) composta di otto casi (vertici) presenti sia in riga che in colonna e n(n 1) legami, ovvero 56 valori. L indice più semplice che può essere ricavato da una matrice di adiacenza parte dall ipotesi che la centralità di un attore dipenda dalla numerosità e dal peso dei legami di collaborazione che egli intrattiene con gli altri vertici. È però importante distinguere tra InDegree di collaborazione («come e quanto» i vertici del partenariato collaborano con il vertice n i ) e OutDegree («come e quanto» n i collabora con gli altri vertici). La numerosità ed il peso degli InDegree indicherebbe allora i livelli di col-

6 20 DAVIDE CARBONAI laborazione l attitudine a collaborare efficacemente degli Alters con n i (Ego), mentre gli OutDegree «indicherebbero» come n i (Ego) collabori con gli altri vertici compresi nella rete. Ai fini interpretativi, è però opportuno prestare più attenzione agli InDegree piuttosto che agli OutDegree: gli InDegree restituiscono il risultato delle scelte di tutti i vertici della rete in riferimento alla specifica attitudine di Ego; gli OutDegree restituiscono, invece, il risultato delle sole scelte di Ego (rischiando di scontare un difetto di social desirability). È dunque preferibile concentrarsi sugli InDegree: fuor di metafora, risulta «più facile» descriversi come «buon collaboratore» che non essere descritti come «buoni collaboratori» dal gruppo. In questo caso, gli InDegree rappresentano una misura del grado di collaboratività ascritta a ciascun soggetto. I punteggi di InDegree si distribuiscono così da valore minimo (il vertice meno collaborativo) ad un massimo (il più collaborativo). In tav. 3 si presentano le tre prime statistiche calcolate sul legame di «collaborazione». Gli InDregree derivano dalla somma dei punteggi assegnati dagli Alters su Ego (dopo una procedura di deflazione, come discusso in precedenza). La statistica finale restituisce per alcuni una valutazione negativa, per altri positiva, per altri ancora marcatamente negativa. La statistica broker misura il numero di volte che Ego riesce a connettere due vertici altrimenti non raggiungibili. In questo caso, la statistica è calcolata su una matrice a valori binari contenente un informazione di «presenza/assenza» di un legame tra i due vertici: dopo la deflazione della prima matrice, i punteggi positivi diventano 1 ed i valori negativi 0 (si considerano quindi i soli rapporti «più collaborativi»). All agenzia formativa Cnos-FPA sono assegnati valori tendenzialmente più elevati 3 ; solitamente, nei casi qui analizzati, ad alti valori di InDegree corrispondono valori più elevati di broker e betweeness. Tav. 3 Valutazione sulla collaboratività; InDegree, broker e betweeness InDegree Broker Betweeness Associazione industriali -0,89 1 4,5 CNOS-FPA 8,99 6,5 5,5 Collocare 1, Comunità Montana -5, Cospes 1,69 2,5 0 CTR -0,88 0,5 0 Provincia di Cagliari -2, Università-Centro Studi RI -2, Note: 1. InDegree: calcolati come somma dei punteggi attribuiti dagli Alters dopo una operazione di deflazione; 2. Broker: numero di coppie non adiacenti che Ego connette; 3. Betweeness: numero di percorsi geodetici che Ego intercetta. 3. Come per il caso della betweeness, laddove i due vertici non direttamente raggiungibili (A e C) siano connessi da più di un broker (B 1, B 2 o B 3 ) la statistica si esprime con dei valori decimali: 1 se Ego ( B 1 ) è il solo broker, 0,5 se esiste un secondo broker (ad esempio B 2 ), 0,33 se esistono altri due broker.

7 TEORIA E METODI 21 Tra le molte statistiche disponibili, la betweeness misura la capacità dei vertici di intercettare ipotetici flussi informativi (rush) che percorrono il reticolo (collegando tra loro i vertici direttamente o indirettamente raggiungibili); la statistica misura la strategicità della posizione occupata da un vertice rispetto alla quantità complessiva di flussi. Un vertice dotato di elevata centralità in termini di rush è quel vertice attraverso cui passa il maggior numero di percorsi più brevi (geodesic path) che connettono tutti gli altri vertici del grafo (Chiesi, 1981, ) 4. Questo tipo di analisi può essere ripetuta per tutti e quattro gli items proposti; ad esempio, è possibile distinguere i vertici che «apportano maggiori contributi al partenariato» in termini di competenza ed esperienza pregressa, dai vertici che «apportano minori contributi» (secondo legame di valutazione) (cfr. tav. 2). Anche in questo caso all agenzia CNOS-FPA sono assegnati valori particolarmente elevati sia nelle statistiche di InDegree che di betweeness La densità delle relazioni in SMTP Oltre che alle statistiche di posizione calcolate sui singoli vertici è possibile derivare delle misure sul reticolo, inteso nel suo insieme. Ad esempio, oltre che per l ampiezza (il numero di vertici compreso nel reticolo), il networking può essere descritto anche per la densità della attività relazionale, così espressa: l d = nn ( -1) In questo caso, la densità del partenariato di SMTP risulta pari a 0,56: che deriva dal rapporto tra i 17 legami (legami maggiori di 0 dopo la procedura di deflazione) su di un totale di 30 (potenziali legami). L impiego della statistica di densità risulta particolarmente utile laddove si intendano comparare network definiti da legami diversi: e per così individuare su quali legami la struttura relazionale si riveli più o meno densa. Tendenzialmente i reticoli sono definiti da vertici che tendono comunque a raggiungersi, quantomeno indirettamente attraverso uno o più broker; in analisi delle reti, le sezioni del reticolo non raggiungibili sia direttamente che indirettamente sono definite anche componenti della rete. La presenza in un sistema relazionale di più componenti è indicativo della «frammentazione» del reticolo (e quindi del suo cattivo funzionamento). 4. Per percorso geodetico si intenda il percorso di connessione più breve tra due vertici raggiungibili (direttamente o indirettamente).

8 22 DAVIDE CARBONAI Fig. 1 Reticolo del partenariato Smtp (legame di collaborazione: punteggi maggiori di zero) 2.3. Un indice sintetico in TECS È inoltre possibile derivare un valore di sintesi tra i diversi indici di centralità attraverso il calcolo dei punteggi medi per legame. Allo stesso modo dell analisi survey (casi per variabili) è infatti possibile calcolare uno o più indici a partire da più variabili diversamente combinate tra loro. I legami qui utilizzati sono trattati come indicatori del concetto più denotativo di «funzionalità del partenariato sociale». È possibile calcolare una nuova variabile secondo modalità differenti di calcolo a partire dai quattro diversi legami. Le scienze sociali utilizzano differenti operazioni di riduzione di più variabili in indici; in questo caso, a titolo esemplificativo, ci limitiamo a combinare i diversi legami attraverso una semplice procedura di calcolo della media dei valori in matrice (senza procedura di deflazione). L indice qui calcolato può essere inteso alla stregua del concetto di relazione sociale: in un ottica improntata all analisi delle caratteristiche del network, una relazione sociale si compone, infatti, di più legami Secondo Chiesi (1999, 51) una relazione sociale può essere definita operativamente come «il fascio dei differenti legami che intercorrono tra coppie di soggetti i cui corsi di azione sono reciprocamente orientati».

9 TEORIA E METODI 23 Tav. 4 Valori medi degli InDegree per ciascun tipo di legame e InDegree medi Collaborazione Apporto di Efficacia Puntualità InDegree competenze Totali Ente locale 1 1,66 1,66 1,66 1,16 1,54 Ente locale 2 1,83 1,66 1,83 1,33 1,66 Ass. culturale 1 2,33 2,50 2,00 1,50 2,08 Consorzio locale 2,33 2,16 2,16 1,33 2,00 UNCI 3,83 3,33 3,00 2,16 3,08 Ass. culturale 2 2,83 3,16 2,50 1,83 2,58 Gruppo Spa 4,16 4,16 3,66 3,50 3, Attori e ruoli sociali Nell ipotesi che un partenariato sociale sia suddivisibile in gruppi secondo un qualche criterio di appartenenza, è possibile, inoltre, ipotizzare diversi tipi di «pattern relazionali» ruoli sociali specificatamente per ciascun vertice (Gould e Fernandez, 1989). Dato (G) un grafo, e (N) una partizione di nodi, l algoritmo Brokerage presente nei principali software di analisi delle reti consente di calcolare statistiche su cinque distinti tipi di ruoli sociali. Si denota una connessione di brokerage tutte le volte che, in una triade di vertici (A, B e C) il vertice A ha un legame con B, B ha un legame con C, ma A non ha legami di connessione diretta con C; in tal senso, A ha bisogno di B (il broker) per raggiungere C: A B C Nel caso in cui A, B, e C appartengano a gruppi differenti è possibile allora distinguere cinque tipologie di social roles (e derivarne cinque differenti statistiche): 1) Coordinator: conta il numero di volte in cui B è broker; in questo i vertici B, A e C appartengono allo stesso gruppo: il broker svolge quindi una funzione di coordinatore (all interno dello stesso gruppo). 2) Consultant: conta il numero di volte in cui B è broker; in questo caso, il broker appartiene ad un gruppo, ma gli altri due vertici appartengono ad un gruppo diverso da quello di B. 3) Gatekeeper: conta il numero di volte in cui B è broker; in questo caso il vertice di origine (A) appartiene ad un gruppo diverso da B e C. Il gruppo di A necessita di un gatekeeper (B) per entrare in contatto con il gruppo di B e C. 4) Representative: conta il numero di volte in cui B è broker; in questo caso il vertice di destinazione (C) appartiene ad un gruppo diverso da A e B. 5) Liasons: conta il numero di volte in cui B è broker; in questo caso, tutti e tre i vertici appartengono a tre gruppi diversi.

10 24 DAVIDE CARBONAI In alcuni studi di caso, si è distinto i soggetti presenti nel partenariato in più macro-gruppi; ad esempio: istituzioni pubbliche (gruppo 1), aziende private (gruppo 2), associazionismo (gruppo 3). Questo tipo di analisi permette di evidenziare quali pattern relazionali siano più associabili ad un tipo di gruppo piuttosto che ad un altro (Carbonai, 2009, ). 3. Scale di punteggio, legami I risultati della prima fase di sperimentazione hanno suggerito alcune modificazioni improntate al miglioramento complessivo dello strumento di valutazione. I risultati di alcuni focus group, condotti con gli stessi soggetti intervistati, hanno suggerito un miglioramento dei sistemi di rilevazione dei dati; in primo luogo le scale di punteggio: nella seconda sperimentazione si è preferito, infatti, utilizzare scale ad intervalli per quattro modalità di risposta (punteggio minimo 1 e punteggio massimo 4). L assenza di un valore intermedio nelle scale di punteggio favorisce la tendenza a posizionarsi su tutto l arco dei punteggi disponibili (piuttosto che non sui soli valori intermedi come osservato nella prima fase di sperimentazione) senza ricorrere a successive procedure di deflazione dei dati 6. I risultati dei focus group hanno poi suggerito ulteriori dimensioni di indagine, strategiche per la comprensione e la migliore valutazione dei partenariati sociali (Carbonai, 2009, ); resta comunque preferibile l utilizzo di domande custom made piuttosto che soluzioni ready made: sebbene l uso di domande standard permetta di comparare tra loro partenariati diversi non permette altresì un monitoraggio ad hoc e quindi più preciso delle dinamiche di networking. Occorre allora «calibrare» specificatamente le domande per ciascun caso di studio. In alcuni casi, la rilevazione dei dati condotta da un intervistatore eserciterebbe inoltre un condizionamento nell assegnazione di punteggi. Affinché sia promosso un miglior sistema di monitoraggio occorrerebbe poi ripetere le rilevazioni più volte e nel corso del tempo, evidenziando le modificazioni dei punteggi assegnati precedentemente e rispondere conseguentemente attraverso un riadattamento delle pratiche di partenariato. Queste considerazioni hanno contribuito alla definizione di un ulteriore strumento di rilevazione, tutt ora in fase di sperimentazione, con finalità tipiche della di ricerca-azione: l attività di valutazione ha infatti avuto effetti immediati nel ristabilire ri-equilibri e quindi maggiore partecipazione all interno dei diversi partenariati. Il progetto Equal Follow Me ha individuato in Ersilia (software per il monitoraggio delle reti di partenariato) un valido tentativo di dare attuazione alle indicazioni della sperimentazione di questi strumenti di valutazione. Il software Ersilia misura on line alcune statistiche di rete le più semplici e costruisce grafi ed istogrammi con il fine di informare i partenariati ed i singoli 6. Nella scala [1-4] non è presente un valore intermedio: le modalità 1. e 2. sono connotate negativamente; 3. e 4. positivamente.

11 TEORIA E METODI 25 partner relativamente ai punteggi assegnati (secondo le logiche precedentemente discusse). Si tratta di un software users friendly e quindi di facile usabilità che garantisce, tra le opzioni, l anonimato di ciascun singolo partner (compreso nel progetto di governance): in questo modo, ogni singolo responsabile di progetto visualizza i soli punteggi assegnati e le valutazioni degli Alters verso Ego (consentendogli comunque una comparazione con i valori medi calcolati sul gruppo) 7. Nel caso di Ersilia, il responsabile del progetto di partenariato definisce i legami da «indagare/valutare», sia attraverso un ampia selezione resa disponibile nelle impostazioni del software, sia dalla possibilità esistente di modificare alcuni legami e di crearne di nuovi. Ersilia consente di tradurre in automatico le matrici in indici di densità o di performance del partenariato; la rilevazione reiterata consente poi di confrontare la variazione degli indici nel tempo (e quindi individuare i periodi di criticità nella vita del partenariato). Il software prevede una serie di items standard di valutazione volti a calcolare i livelli di funzionamento complessivo del partenariato attraverso domande tipiche nelle analisi del clima organizzativo che possono essere confrontate con le statistiche di network. Si tratta quindi di una analisi congiunta delle statistiche di rete con tipici indicatori del clima organizzativo. La sperimentazione in Follow me ha poi prodotto una serie di indicatori legami di valutazione inseriti per default in Ersilia ed eventualmente modificabili dal responsabile di progetto di partenariato: in questo modo, gli items di valutazione sono ri-adattati alle specificità del singolo partenariato (tav. 5). La somministrazione del questionario on line permette altresì una più agevole compilazione. Come discusso, il software ha una doppia finalità di ricerca-azione; Ersilia segnala le sezioni più critiche del networking; chi ottiene valutazioni negative può comunque «ri-organizzare» la propria attività nel gruppo di lavoro e quindi caratterizzarla per un maggiore impegno sugli items più critici. L assegnazione reiterata di punteggi favorisce altresì un monitoraggio generale sulle attività di partenariato (la «tracciabilità» del networking), segnalandone i periodi più critici (ad esempio attraverso statistiche dei valori medi di InDegree o di densità). Si tratta comunque di uno strumento user friendly e di ausilio al partenariato che computa solo alcune statistiche di facile intuibilità e che permette altresì di ottenere una valutazione su base relazionale immediata. Riferimenti bibliografici Boati M., Bovina L., Lucciarini S., Mirabile M. (2005), La valutazione come strumento di integrazione delle politiche di sviluppo e di inclusione. L uso della network analysis per la valutazione delle reti locali del mercato del lavoro, Catania, marzo 2005, VIII Congresso Nazionale AIV (Associazione Italiana di Valutazione). Carbonai D. (2008), Piccoli mondi organizzativi. L uso dei legami come scambio e controllo, Teseo, Roma. 7. La versione beta di Ersilia è disponibile al seguente indirizzo: 85/login.aspx.

12 26 DAVIDE CARBONAI Chiesi A.M. (1980), L analisi dei reticoli sociali: teoria e metodi, in Rassegna italiana di sociologia, XII, pp Chiesi A.M. (1981), L analisi dei reticoli sociali. Un introduzione alle tecniche, in Rassegna italiana di sociologia, a. XXI, n. 2, aprile-giugno. Chiesi A.M. (1999), L analisi dei reticoli, FrancoAngeli, Milano. Chiesi A.M. (2003), Problemi di rilevazione empirica del capitale sociale, in Andreotti A., Barbieri P., a cura di, Reti e capitale sociale, numero monografico di Inchiesta, n. 139/2003, pp Gould J., Fernandez J. (1989), Structure of Mediation: a Formal Approach to Brokerage in Transaction Network, in Sociological Methodology, 89, 126. Marradi A. (1984), Concetti e metodo per la ricerca sociale, La Giuntina, Firenze. Scott J. (1991), Social Network Analysis: A Handbook, Newbury Park, CA, Sage Publications, tr. it., L analisi delle reti sociali, ed. italiana a cura di E. Amaturo, NIS, Roma (ed. it. 1997). Wasserman S., Faust K. (1994), Social Network Analysis: Methods and Applications, Cambridge University Press, Cambridge.

L ANALISI DELLE RETI SOCIALI. Obiettivi. Programma. Destinatari

L ANALISI DELLE RETI SOCIALI. Obiettivi. Programma. Destinatari L ANALISI DELLE RETI SOCIALI Obiettivi Il corso intende illustrare i principali aspetti teorici e metodologici relativi all analisi delle reti sociali (Social Network Analysis), fornendo conoscenze e competenze

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Ing. Gianluca Murgia. murgia@unisi.it. Milano 29/04/2009

Ing. Gianluca Murgia. murgia@unisi.it. Milano 29/04/2009 Ing. Gianluca Murgia murgia@unisi.it Milano 29/04/2009 Sommario Definizione di Social Network Analysis Tipologie di social network Costruzione di una social network Principali indicatori SNA Perché applicarla

Dettagli

PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA (E)

PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA (E) PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA (E) a cura di Domenico Cerasuolo, Manuela Furlan, Stefania Pizzini, Maria Giulia Sinigaglia INTRODUZIONE La valutazione interna riguarda la verifica della soddisfazione

Dettagli

Capitolo 2 Distribuzioni di frequenza

Capitolo 2 Distribuzioni di frequenza Edizioni Simone - Vol. 43/1 Compendio di statistica Capitolo 2 Distribuzioni di frequenza Sommario 1. Distribuzioni semplici. - 2. Distribuzioni doppie. - 3. Distribuzioni parziali: condizionate e marginali.

Dettagli

Il concetto di correlazione

Il concetto di correlazione SESTA UNITA Il concetto di correlazione Fino a questo momento ci siamo interessati alle varie statistiche che ci consentono di descrivere la distribuzione dei punteggi di una data variabile e di collegare

Dettagli

Tecniche di DM: Link analysis e Association discovery

Tecniche di DM: Link analysis e Association discovery Tecniche di DM: Link analysis e Association discovery Vincenzo Antonio Manganaro vincenzomang@virgilio.it, www.statistica.too.it Indice 1 Architettura di un generico algoritmo di DM. 2 2 Regole di associazione:

Dettagli

INVALSI English Language Test

INVALSI English Language Test INVALSI English Language Test Rapporto scuola Scuola secondaria di primo grado Settembrini - Roma Pretest 2012 APPENDICE 1. Risultati dei singoli studenti Introduzione Questo rapporto presenta i risultati

Dettagli

Glossario Project Cycle Management

Glossario Project Cycle Management Glossario Project Cycle Management Albero degli obiettivi Diagramma, utilizzato nell ambito dell Approccio del Quadro Logico, che permette di rappresentare, in un quadro unitario, ciò che si potrebbe osservare

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

http://users.dimi.uniud.it/~massimo.franceschet/te... Who Shall Survive? Misure di centralità su reti sociali

http://users.dimi.uniud.it/~massimo.franceschet/te... Who Shall Survive? Misure di centralità su reti sociali Who Shall Survive? Misure di centralità su reti sociali Una rete sociale (social network) è una struttura fatta di persone e relazioni tra le persone. I sociologi chiamano attori (actors) le persone della

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA

LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA 1 PROGRAMMA: La misura

Dettagli

Dispersion centrality: applicazione della dispersione in casi di studio reali

Dispersion centrality: applicazione della dispersione in casi di studio reali Dispersion centrality: applicazione della dispersione in casi di studio reali Amedeo Leo Alessio Petrozziello Simone Romano amedeo.leo92@gmail.com alessio92p@gmail.com s.romano1992@gmail.com Università

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP

RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore di Studi Penitenziari,

Dettagli

Legge 633 del 1941 e ss.mm.ii.

Legge 633 del 1941 e ss.mm.ii. Il Piano di Miglioramento (PdM) Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 633 del 1941 e ss.mm.ii. 1 Indice Introduzione SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi

Dettagli

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORATIVO IN ASS N 1 TRIESTINA 1 La valutazione del rischio stress lavoro-correlato PREMESSA Una delle rilevanti novità del Dlgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni,

Dettagli

Le Reti Sociali. Prof. Claudio Saita

Le Reti Sociali. Prof. Claudio Saita Le Reti Sociali Prof. Claudio Saita 1 La Scienza delle Reti La Teoria delle Reti si è sviluppata negli ultimi anni e si caratterizza per tre punti fondamentali: Focalizza le proprietà delle reti nel mondo

Dettagli

Situare la formazione dei docenti nel contesto della classe

Situare la formazione dei docenti nel contesto della classe Dove va la pedagogia? V EDIZIONE SUMMER SCHOOL TRENTO 2010 Situare la formazione dei docenti nel contesto della classe Struttura ed esiti del progetto Ambienti di apprendimento inclusivi e tecnologie digitali

Dettagli

Dalla teoria alla pratica: L intervento del T.O. nel progetto di reinserimento lavorativo

Dalla teoria alla pratica: L intervento del T.O. nel progetto di reinserimento lavorativo Terapia Occupazionale La cultura della professione Milano, 23 maggio 2009 Dalla teoria alla pratica: L intervento del T.O. nel progetto di reinserimento lavorativo T.O. Antonella Sartore A.O.U. Maggiore

Dettagli

Metodologia di rilevazione dei dati e analisi dei rischi

Metodologia di rilevazione dei dati e analisi dei rischi ALLEGATO 2 Metodologia di rilevazione dei dati e analisi dei rischi La fase di analisi e valutazione del rischio si è articolata in due sotto-fasi: a) la rilevazione delle informazioni e dei dati; b) la

Dettagli

RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD. Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da:

RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD. Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da: RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da: uso di tecniche standardizzate di rilevazione tecniche statistiche

Dettagli

INCHIESTA E INTERVISTA STRUTTURATA, LA NATURA QUALITATIVA DEL QUESTIONARIO E LA MATRICE DEI DATI

INCHIESTA E INTERVISTA STRUTTURATA, LA NATURA QUALITATIVA DEL QUESTIONARIO E LA MATRICE DEI DATI LA RICERCA BASATA SULLA MATRICE DI DATI PROF. LUCIANO GALLIANI Indice 1 INCHIESTA E INTERVISTA STRUTTURATA, LA NATURA QUALITATIVA DEL QUESTIONARIO E LA MATRICE DEI DATI --------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Progetto m@t.abel DIARIO DI BORDO E ANALISI DIDATTICA. Silvia Porretti e Nicoletta Oreggia. I.T.C.G. Ruffini Imperia 11/03/08 06/05/2008

Progetto m@t.abel DIARIO DI BORDO E ANALISI DIDATTICA. Silvia Porretti e Nicoletta Oreggia. I.T.C.G. Ruffini Imperia 11/03/08 06/05/2008 Progetto m@t.abel DIARIO DI BORDO E ANALISI DIDATTICA Titolo attività Pivot è bello Docenti Silvia Porretti e Nicoletta Oreggia classe scuola II A IGEA I.T.C.G. Ruffini Imperia Data inizio esperienza Data

Dettagli

Dalla valutazione al miglioramento: strumenti e modelli operativi sperimentati da INDIRE

Dalla valutazione al miglioramento: strumenti e modelli operativi sperimentati da INDIRE Dalla valutazione al miglioramento: strumenti e modelli operativi sperimentati da INDIRE Massimo Faggioli Dirigente di Ricerca Indire Milano 21 Novembre 2013 Il progetto VSQ Sperimentazione finalizzata

Dettagli

La qualità nella gestione dei partenariati strategici. Monitoraggio e valutazione dei progetti. Firenze, 26 novembre 2014

La qualità nella gestione dei partenariati strategici. Monitoraggio e valutazione dei progetti. Firenze, 26 novembre 2014 La qualità nella gestione dei partenariati strategici Monitoraggio e valutazione dei progetti Firenze, 26 novembre 2014 Monitoraggio vs. Valutazione Monitoraggio Controllo degli aspetti salienti del progetto

Dettagli

La sponsorizzazione e la sua pianificazione strategica. Abstract

La sponsorizzazione e la sua pianificazione strategica. Abstract Abstract L attuale ricerca di sempre nuove opportunità di comunicazione da parte delle imprese e la crescente richiesta di sponsorizzazione da parte delle organizzazioni sponsee rendono necessarie procedure

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

FORMAZIONE ESTERNA PER APPRENDISTI

FORMAZIONE ESTERNA PER APPRENDISTI FORMAZIONE ESTERNA PER APPRENDISTI Modello per la formazione dei tutor aziendali Allegato alla deliberazione della Giunta provinciale P.V. n. del /0/00 Il Rapporto CFP-imprese nella formazione esterna

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

Misure della dispersione o della variabilità

Misure della dispersione o della variabilità QUARTA UNITA Misure della dispersione o della variabilità Abbiamo visto che un punteggio di per sé non ha alcun significato e lo acquista solo quando è posto a confronto con altri punteggi o con una statistica.

Dettagli

Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo. Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione

Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo. Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione S.I.S.S.I.S. - Indirizzo 2 Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione Erasmo Modica erasmo@galois.it Giovanna

Dettagli

Progetto SINTESI. Dominio Provinciale. Modulo Applicativo: INCONTRO DOMANDA E OFFERTA

Progetto SINTESI. Dominio Provinciale. Modulo Applicativo: INCONTRO DOMANDA E OFFERTA Progetto SINTESI Dominio Provinciale Modulo Applicativo: INCONTRO DOMANDA E OFFERTA Manuale Operativo per operatore CPI Versione 1.00 (del 23-06-2006) 1 INDICE A) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 4 B) RIFERIMENTI

Dettagli

L EFFICACIA FORMATIVA DEL TEATRO SCIENTIFICO: UN ESPERIENZA NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EFFICACIA FORMATIVA DEL TEATRO SCIENTIFICO: UN ESPERIENZA NELLA SCUOLA PRIMARIA L EFFICACIA FORMATIVA DEL TEATRO SCIENTIFICO: UN ESPERIENZA NELLA SCUOLA PRIMARIA di Federica La Longa e Massimo Crescimbene psicologi del Laboratorio di Didattica e Divulgazione Scientifica INGV Roma

Dettagli

Data di avvio Data di conclusione. Durata (in mesi) 31/1/2010

Data di avvio Data di conclusione. Durata (in mesi) 31/1/2010 WP n.1 Titolo: Analisi dei bisogni e fattibilità Obiettivi: - Collegare le diverse analisi dei bisogni del gruppo target per individuare, definire e condividere le principali criticità registrate nei diversi

Dettagli

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento SCELTA DELL APPROCCIO A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento 1 SCELTA DELL APPROCCIO l approccio all autovalutazione diffusa può essere normale o semplificato, a seconda delle

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Controlla

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Controlla Corso introduttivo all utilizzo di TQ Controlla Le pagine che seguono introducono l utente all uso delle principali funzionalità di TQ Controlla mediante un corso organizzato in otto lezioni. Ogni lezione

Dettagli

Rapporto dal Questionari Insegnanti

Rapporto dal Questionari Insegnanti Rapporto dal Questionari Insegnanti SCUOLA CHIC81400N N. Docenti che hanno compilato il questionario: 60 Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il Questionario Insegnanti ha l obiettivo di rilevare la

Dettagli

Progetto Esecutivo. Analisi della struttura e dell'occupazione del settore dei Servizi Sociali

Progetto Esecutivo. Analisi della struttura e dell'occupazione del settore dei Servizi Sociali Progetto Esecutivo Analisi della struttura e dell'occupazione del settore dei Servizi INDICE SEZIONE I: INFORMAZIONI GENERALI...3 I.1 Anagrafica del progetto...3 SEZIONE II: ANALISI DEL CONTESTO... 4 II.1

Dettagli

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLE RETI COMPLESSE

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLE RETI COMPLESSE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLE RETI COMPLESSE Negli ultimi anni si è compreso che sistemi anche molto diversi tra loro possono essere efficacemente descritti in termini di cosiddetti "networks" o reti complesse.

Dettagli

BASI DI DATI. Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma e Gian Luca Pozzato, cui va il mio ringraziamento

BASI DI DATI. Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma e Gian Luca Pozzato, cui va il mio ringraziamento BASI DI DATI Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma e Gian Luca Pozzato, cui va il mio ringraziamento BASI DI DATI (DATABASE, DB) Una delle applicazioni informatiche più utilizzate,

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

DAL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE AL PIANO DI MIGLIORAMENTO I PARTE

DAL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE AL PIANO DI MIGLIORAMENTO I PARTE DAL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE AL PIANO DI MIGLIORAMENTO I PARTE Clara Alemani - Esperta del Centro Risorse CAF Imma Parolisi Responsabile Webinar ARGOMENTO DEL WEBINAR FORMATIVO 5: STEP 1 Wf STEP 2 Wf

Dettagli

Valutare l istituto scolastico: modelli e percorsi. Una introduzione. M. Castoldi e A.Vergani Workshop AIV, Milano Dicembre 2010

Valutare l istituto scolastico: modelli e percorsi. Una introduzione. M. Castoldi e A.Vergani Workshop AIV, Milano Dicembre 2010 Valutare l istituto scolastico: modelli e percorsi. Una introduzione M. Castoldi e A.Vergani Workshop AIV, Milano Dicembre 2010 Un indice di contenuti e di temi/questioni Valutazione, valutazione interna

Dettagli

Social Network & Social Network Analisys. Social media management Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015

Social Network & Social Network Analisys. Social media management Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015 Social Network & Social Network Analisys Social media management Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015 Rete? L insieme delle relazioni. esistenti tra entità Social Network, Social Network

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 11: valutazione costi diagramma di PERT Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Da ricordare:

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

Gruppo italiano di Meccanica Applicata. Istruzioni per la compilazione del modulo per il monitoraggio della didattica del gruppo GMA

Gruppo italiano di Meccanica Applicata. Istruzioni per la compilazione del modulo per il monitoraggio della didattica del gruppo GMA Gruppo italiano di Meccanica Applicata Istruzioni per la compilazione del modulo per il monitoraggio della didattica del gruppo GMA Maggio 2003 Indice del documento Pag. In generale 1 1 - Sezione 1 Informazioni

Dettagli

Facciamo qualche precisazione

Facciamo qualche precisazione Abbiamo introdotto alcuni indici statistici (di posizione, di variabilità e di forma) ottenibili da Excel con la funzione Riepilogo Statistiche Facciamo qualche precisazione Al fine della partecipazione

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - Oltre l esperimento - Parte quarta: L usabilità. L osservazione nell ingegneria dell usabilità

Ingegneria del Software Interattivo. - Oltre l esperimento - Parte quarta: L usabilità. L osservazione nell ingegneria dell usabilità Ingegneria del Software Interattivo - Oltre l esperimento - Docente: Daniela Fogli Parte quarta: L usabilità 1. L ingegneria dell usabilità 2. I metodi di valutazione di usabilità dei sistemi interattivi

Dettagli

SYNERGIA Sistemi di conoscenza e di gestione del cambiamento

SYNERGIA Sistemi di conoscenza e di gestione del cambiamento SYNERGIA Sistemi di conoscenza e di gestione del cambiamento PROGETTO TRANSNAZIONALE ESCAPE (European Street Children Anti-violence Programme and Exchange) Programma Anti-violenza Europeo per Bambini di

Dettagli

CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015. Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL

CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015. Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015 Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL CASI DI MALATTIA DA STRESS LAVORO CORRELATO 4000 denunce all INAIL negli ultimi

Dettagli

IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 4

IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 4 IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT UNA VOLTA CREATA LA WBS E, QUINDI, INDIVIDUATA CIASCUNA PARTE ELEMENTARE DEL PROJECT, SI PASSA ALLA SCHEDULAZIONE CHE CONSISTE NELL ASSEGNARE

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE città, data REPORT INDAGINE Nome ente RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO "XXXX" Strumento n 11: modello report di rilevazione della soddisfazione degli utenti

Dettagli

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CLIMA E DELLA MOTIVAZIONE La spinta motivazionale delle persone che operano in azienda è

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

7. Svolgimento del progetto

7. Svolgimento del progetto Allegato 4 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI ai sensi della l.r. n.1/08 Testo unico delle leggi regionali in materia di volontariato, cooperazione sociale, associazionismo e società

Dettagli

Fondamenti di Trasporti Analisi dell offerta di trasporto

Fondamenti di Trasporti Analisi dell offerta di trasporto Cartography Oakway Campus West Ave. City Hall Central Park EastAve. 74 Maple Blvd. Highway One-way Main Street Traffic light Street Corso di: Lezione: Fondamenti di Trasporti Corso di Laurea Ingegneria

Dettagli

Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose,

Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose, IL METODO DELPHI Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose, in ogni caso impegnative. L importanza

Dettagli

Altri metodi di indicizzazione

Altri metodi di indicizzazione Organizzazione a indici su più livelli Altri metodi di indicizzazione Al crescere della dimensione del file l organizzazione sequenziale a indice diventa inefficiente: in lettura a causa del crescere del

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

L'idea da cui è nata l iniziativa/progetto. Descrizione dell iniziativa/progetto:

L'idea da cui è nata l iniziativa/progetto. Descrizione dell iniziativa/progetto: Chi è dentro è dentro. Chi è fuori è fuori Indagine relativa agli effetti delle trasformazioni nella gestione dei servizi pubblici e del welfare locale sulle pari opportunità e sulle fasce deboli della

Dettagli

Matlab per applicazioni statistiche

Matlab per applicazioni statistiche Matlab per applicazioni statistiche Marco J. Lombardi 19 aprile 2005 1 Introduzione Il sistema Matlab è ormai uno standard per quanto riguarda le applicazioni ingegneristiche e scientifiche, ma non ha

Dettagli

Sondaggi OnLine. Documento Tecnico. Descrizione delle funzionalità del servizio

Sondaggi OnLine. Documento Tecnico. Descrizione delle funzionalità del servizio Documento Tecnico Sondaggi OnLine Descrizione delle funzionalità del servizio Prosa S.r.l. - www.prosa.com Versione documento: 1, del 30 Maggio 2005. Redatto da: Michela Michielan, michielan@prosa.com

Dettagli

Mining Positive and Negative Association Rules:

Mining Positive and Negative Association Rules: Mining Positive and Negative Association Rules: An Approach for Confined Rules Alessandro Boca Alessandro Cislaghi Premesse Le regole di associazione positive considerano solo gli item coinvolti in una

Dettagli

L INSERIMENTO DI GIOVANI RISORSE UMANE IN AZIENDA griglia per la conduzione di gruppi di lavoro con imprenditori e tutor aziendali

L INSERIMENTO DI GIOVANI RISORSE UMANE IN AZIENDA griglia per la conduzione di gruppi di lavoro con imprenditori e tutor aziendali La griglia si compone di due livelli: una parte "a testo libero", in cui si chiede di descrivere e rispondere in modo discorsivo; una parte codificata tramite una scala a punteggio (intervallo da 1 a 5)

Dettagli

UN SISTEMA DI INDICATORI DI QUALITA DEI SERVIZI SPERIMENTALI

UN SISTEMA DI INDICATORI DI QUALITA DEI SERVIZI SPERIMENTALI PROVINCIA DI BOLOGNA SERVIZI SOCIALI E SANITA UN SISTEMA DI INDICATORI DI QUALITA DEI SERVIZI SPERIMENTALI SOTTOGRUPPO PROGETTI SPERIMENTALI ANNO SCOLASTICO 2008/2009 COORDINAMENTO PEDAGOGICO PROVINCIALE

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

Sistemi Turistici Locali come Reti Sociali, il caso della Marca Fermana 1 Cristina Fabi 2

Sistemi Turistici Locali come Reti Sociali, il caso della Marca Fermana 1 Cristina Fabi 2 Sistemi Turistici Locali come Reti Sociali, il caso della Marca Fermana 1 Cristina Fabi 2 La rete e la rappresentazione nel territorio. L'album 3 è parte integrante del Working Paper: "Sistemi Turistici

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Testo revisionato e approvato dalla Commissione il 29/05/2013

Dettagli

"GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education"

GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education "GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education" SISTEMA DI VALUTAZIONE INDICE DEL DOCUMENTO 1. Linee guida per la valutazione.. pag. 2 2. Dimensioni e tempi della valutazione...

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Provincia di Pisa U.O. Politiche Giovanili e Sport 2) Codice regionale: RT S00171 2bis)

Dettagli

2) PARTENARIATO LOCALE

2) PARTENARIATO LOCALE 2) PARTENARIATO LOCALE Introduzione Questo documento è una analisi basata sulle presentazioni e sugli scambi di materiale raccolto durante il lavoro del gruppo tematico che è stato condotto all interno

Dettagli

STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE

STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE Italo Benedini Esperto del Centro Risorse CAF ARGOMENTO DEL WEBINAR FORMATIVO 3: STEP 1 Wf STEP 2 Wf STEP 3 Wf Decidere Come organizzare

Dettagli

Usabilità banca dati RisorsePerLaGiustizia.it

Usabilità banca dati RisorsePerLaGiustizia.it Usabilità banca dati RisorsePerLaGiustizia.it Analisi dei risultati del questionario sull usabilità della banca dati RisorsePerLaGiustizia.it Progetto Il Miglioramento delle Performance per la Giustizia

Dettagli

Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio

Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio SEMINARIO Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio Novara, 29 gennaio e 26 febbraio 2015 Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

Entrano poi in gioco due caratteristiche proprie dei contenuti del corso e della condizione dei corsisti:

Entrano poi in gioco due caratteristiche proprie dei contenuti del corso e della condizione dei corsisti: Progettazione di un corso in rete A.Calvani, Università di Firenze PREMESSA Si ringrazia M. Ranieri per l apporto arrecato nella revisione In questo laboratorio ci proponiamo di lavorare più analiticamente

Dettagli

Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14

Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14 Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14 Versione 26 dicembre 2013 Questa guida fornisce qualche consiglio di metodo per l impostazione e la stesura della tesi di laurea

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO

CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO 1 La declaratoria della classe di Laurea 39 prevede che il Curriculum del Corso di laurea, oltre a rispettare i minimi indicati dalla

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management Project Cycle Management I principali concetti del PCM Che cos è il Project Cycle Management Programmazione Linee guida Valutazione Identificazione Progettazione di massima Realizzazione Formulazione Progettazione

Dettagli

Esplorazione dei dati

Esplorazione dei dati Esplorazione dei dati Introduzione L analisi esplorativa dei dati evidenzia, tramite grafici ed indicatori sintetici, le caratteristiche di ciascun attributo presente in un dataset. Il processo di esplorazione

Dettagli

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE I SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE IMPRESE PER LA PARTECIPAZIONE AI BANDI Ludovico Monforte EURODESK Brussels

Dettagli

1. Domande mal poste 2. Respons set 3. Curvilinearità degli items 4. Inutilità del dato reperito

1. Domande mal poste 2. Respons set 3. Curvilinearità degli items 4. Inutilità del dato reperito Nota Metodologica IL QUESTIONARIO La stesura del questionario richiede una particolare attenzione nella scelta, nella compilazione e nella successione degli ITEMS che formano lo strumento d indagine. Per

Dettagli

USO DI EXCEL COME DATABASE

USO DI EXCEL COME DATABASE USO DI EXCEL COME DATABASE Le funzionalità di calcolo intrinseche di un foglio di lavoro ne fanno uno strumento eccellente per registrarvi pochi dati essenziali, elaborarli con formule di vario tipo e

Dettagli

LA PRIMA WEB APPLICATION PER REALIZZARE IL PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO

LA PRIMA WEB APPLICATION PER REALIZZARE IL PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO LA PRIMA WEB APPLICATION PER REALIZZARE IL PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 SW MOBILITY MANAGER MobilityManager permette di analizzare nel dettaglio le abitudini di mobilità dei dipendenti al fine di individuarne

Dettagli

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto 11 1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto Poiché ciascun progetto è un processo complesso ed esclusivo, una pianificazione organica ed accurata è indispensabile al fine di perseguire

Dettagli

Legge 808/85 Vademecum per la compilazione della domanda di finanziamento. Divisione VIII Industria dell'aerospazio e della difesa

Legge 808/85 Vademecum per la compilazione della domanda di finanziamento. Divisione VIII Industria dell'aerospazio e della difesa Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per l Impresa e l Internazionalizzazione Direzione generale per la politica industriale e la competitività Divisione VIII Industria dell'aerospazio e della

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2015/2016: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2015/2016: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2015/2016: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova Ing. Davide D Amico MIUR- DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE SCOLASTICO Dirigente Ufficio

Dettagli

Statistica descrittiva univariata

Statistica descrittiva univariata Statistica descrittiva univariata Elementi di statistica 2 1 Tavola di dati Una tavola (o tabella) di dati è l insieme dei caratteri osservati nel corso di un esperimento o di un rilievo. Solitamente si

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento Posizione e ruolo nell organizzazione: le cinque parti dell organizzazione ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili:

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili: Incertezze di misura Argomenti: classificazione delle incertezze; definizione di incertezza tipo e schemi di calcolo; schemi per il calcolo dell incertezza di grandezze combinate; confronto di misure affette

Dettagli