Valutare il networking. Note di studio sul partenariato sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutare il networking. Note di studio sul partenariato sociale"

Transcript

1 TEORIA E METODI Valutare il networking. Note di studio sul partenariato sociale Davide Carbonai* Riassunto Le pratiche di partenariato si definiscono anche nell insieme delle relazioni che intercorrono tra attori sociali, nella condivisione di strategie di governance e nella collaborazione all interno di uno o più gruppi di lavoro; è anche attraverso le molte tecniche in uso nell analisi delle reti sociali che questa intensa attività relazionale networking è osservabile, misurabile, oggetto di valutazione. L utilizzo di queste tecniche contribuisce, nel suo complesso, a migliorare gli strumenti di valutazione delle pratiche di networking, monitorare le attività di un gruppo di lavoro (in itinere), la creazione e l estensione delle reti del partenariato, la loro sostenibilità nel tempo (ex post). Si discutono così i principali risultati di una serie di esperimenti condotti su cinque distinti gruppi di lavoro (per cinque diversi progetti di partenariato Equal). L obiettivo di questo studio è quello di fornire ai partenariati sociali alcuni spunti di riflessione, strumenti di monitoraggio e valutazione, soluzioni ed esperienze utili ad indirizzare la discussione sugli aspetti più concreti ed operativi (e, quindi, su soluzioni innovative). Parole chiave: analisi delle reti sociali, gruppo di lavoro, partenariato sociale, governance, studio di valutazione, sviluppo locale Abstract This article investigates the networking relations among social actors in five Italian partnership projects. It offers an empirical social network analysis trough brokerage measures, centrality and density index. It begins by showing that there are many levels to analyse a partnership project. Subsequently, the collected data have two distinctive features and aims; firstly, graph theory and social network analysis describes the team-working relations; secondly, empirical results suggest an action-research proposal. Key words: social network analysis, team-working, social partnership, governance, evaluation research, local development. * Davide Carbonai è dottore di ricerca in Sociologia economica; dal 2005 insegna Sociologia dell organizzazione presso l Università degli Studi di Teramo. Rassegna italiana di valutazione, a. XII, n. 43/44, 2008

2 16 DAVIDE CARBONAI 1. Un approccio relazionale per la valutazione Dei tanti modi di indagare l azione sociale, qui, piuttosto che l insieme delle caratteristiche ascritte ad un attore sociale, si sostiene l idea che il funzionamento del gruppo e quindi le opzioni di scelta del singolo derivi, in primo luogo, dalle norme e dai ruoli che la rete produce come risultato dell interazione tra attori, dai vincoli e dalle opportunità come esito del sistema delle relazioni sociali. Ed è proprio per valutarne gli effetti che è necessario ricostruirne compiutamente i principali tratti caratteristici: l intensità e la direzione di un legame, gli attori che compongono la rete, le forme che questa assume. L analisi delle reti «analisi dei reticoli» (Chiesi, 1999) o «social network analysis» (Scott, 1991) si presta bene per indagare queste dinamiche; mentre l indagine campionaria risponde allo scopo di individuare relazioni tra attributi o variabili, l approccio relazionale permette di indagare le attività di collaborazione e scambio, le linee di conflitto all interno di un gruppo: ovvero, tutto ciò che attiene alle relazioni che intercorrono tra attori sociali. Nelle analisi qui proposte, si discutono i principali risultati di uno studio sperimentale di valutazione condotto in due fasi; in una prima fase, i soggetti intervistati i responsabili di alcune organizzazioni inserite in alcuni progetti di partenariato sociale attribuiscono punteggi su quattro distinti items di valutazione (definiti in fase di disegno della ricerca); ciascun soggetto (Ego o origine del legame) attribuisce un punteggio riferito ad ogni singolo partner (Alters o vertice di destinazione) compreso in un gruppo di lavoro di un partenariato sociale, di quattro distinti progetti comunitari Equal. È possibile in questo modo derivare una serie di statistiche descrittive del sistema relazionale ed una valutazione complessiva e puntuale delle pratiche di networking 1. In questo tipo di studi è importante comprendere non solo le prime misure calcolate sui quattro tipi di items di valutazione ma anche la strutturazione complessiva dei legami (valutazioni) all interno della quale ciascun soggetto (vertice della rete) è inserito. Le scale di punteggio utilizzate nella prima fase di studio nonché ulteriori items di valutazione sono state successivamente modificate nella seconda (e testate su un quinto gruppo di lavoro). I risultati di questi studi, qui discussi, hanno promosso non solo un più compiuto strumento di valutazione per approccio relazionale e quindi utilizzando le tecniche di analisi delle reti ma anche un ulteriore strumento di monitoraggio disponibile on line e con finalità tipiche della ricerca-azione. 1. Una rete (reticolo sociale, network o rete sociale) si compone di un insieme di punti (vertici) uniti da linee (legami). Il sociogramma (grafo) è la rappresentazione grafica di una rete (reticolo). In via definitiva, tutte le volte che si procede ad analizzare un reticolo, se ne indicano i legami ed i vertici che definiscono il gruppo; per una disamina dei principali concetti e tecniche in uso nell analisi delle reti sociali cfr. Wasserman e Faust (1994), Chiesi (1980; 1981; 1999; 2003); sulla valutazione secondo approccio relazionale cfr. Boati et al. (2005).

3 TEORIA E METODI 17 Secondo un approccio di tipo reputazionale, si è inteso in questo modo calcolare alcune statistiche di rete «indici di centralità», misure di «brokerage» riferite ai cinque casi oggetto di studio 2. Tav. 1 Studi di caso (prima e seconda sperimentazione) Studi di caso (Partenariato sociale) Legami e scale di punteggio Prima 1. Liason Quattro tipi di legame; scale di sperimentazione 2. Smtp punteggio da (-5) a (+5); cfr. 3. Tecs tav Chance Seconda 5. Follow me Sei tipi di legame; scale di sperimentazione punteggio da (1) a (4) In questo tipo di studi, i dati raccolti attraverso la somministrazione di un questionario strutturato ad hoc per l analisi delle reti sociali sono successivamente organizzati in matrici quadrate asimmetriche: nelle righe e nelle colonne della matrice dei dati compaiono gli stessi vertici (matrice quadrata); in cella compare il valore del legame («pesato») che connette il vertice x i con il vertice x j. Ciascun vertice (origine del legame in riga) attribuisce, infatti, una serie di punteggi, riferiti a ciascuno degli altri vertici (in colonna) che compongono la rete (il partenariato sociale). È possibile in questo modo ricostruire la struttura complessiva del reticolo, derivarne delle statistiche di posizione riferite ad ogni singolo vertice (attore sociale) ed alcune statistiche di struttura riferite al reticolo, nel suo insieme come i punteggi medi di centralità, la «densità» della rete, la «frammentazione» del sistema relazionale. 2. Il reticolo del partenariato In questo paragrafo si presentano alcuni esempi ed esercizi applicativi dei concetti precedentemente discussi anche al fine di introdurre il lettore alle tecniche utilizzabili nella misurazione del networking, il tipo di analisi, i rischi ed i vantaggi 2. In particolare, le analisi qui discusse sono frutto della prima e seconda sperimentazione avviata nel febbraio 2007 all interno del Programma di iniziativa comunitaria Equal, Azione 3 denominato anche progetto Follow me (IT-S2-MDL-842). Ringrazio Domenico Paparella (Direttore del Cesos) per le idee ed i suggerimenti in fase di definizione del del questionario. I punteggi di valutazione sono assegnati dai responsabili di progetto di ciascun soggetto presente nel partenariato sociale (dopo la somministrazione face-to-face del questionario da parte di un intervistatore). Per preservare l anonimato degli intervistati, i nominativi reali sono sostituiti con nomi fittizi.

4 18 DAVIDE CARBONAI che occorrono ogniqualvolta si utilizzi l analisi delle reti sociali come strumento di misurazione e valutazione. La metodologia qui utilizzata è migliorata nella seconda fase di sperimentazione nonché nell implementazione di uno strumento di valutazione on line. Con la prima fase di sperimentazione si è inteso indagare quattro tipi di legami (cfr. tav. 2); i punteggi assegnati da Ego sono qui intesi alla stregua di una valutazione sull attività degli altri soggetti (Alters). La somma di questi punteggi restituisce un giudizio d insieme sull attività di ciascun membro del gruppo di lavoro; i punteggi assegnati intesi come giudizi/valutazioni sull operato di Alters sono probanti di un qualche legame tra Ego su Alters: e quindi, alla stregua di dati relazionali, l insieme dei dati è trattato con i principali strumenti e concetti in uso nell analisi delle reti sociali. Tav. 2 Quadro sinottico della tipologia di legame rilevato (prima fase di studio) Denominazione legame Collaborazione Apporto di competenze Efficacia Puntualità Caratteristiche del legame (dimensione indagata) Collaboratività degli attori sociali; scala di punteggio che varia da 5 («totale opposizione» o «concorrenza») a +5 («perfetta collaborazione»); si offre in questo modo una valutazione relativa alla attitudine di un soggetto a collaborare in maniera «partecipativa» o «oppositiva» con ciascuno degli altri vertici compresi nella rete. Apportare specifiche competenze al partenariato; scala di punteggio da 5 («scarso apporto di competenze al progetto») a +5 («notevole apporto di competenze»); il soggetto intervistato valuta la capacità di ciascun altro vertice (Alters o destinazione legame) di apportare specifiche competenze professionali al progetto. Efficacia/non efficacia delle attività di lavoro; in alcuni casi, il contributo apportato all attività di lavoro da parte di ogni singolo partner risulta efficace, in altri casi del tutto inefficace; il punteggio assegnato varia da 5 («scarse efficacia del contributo») a +5 («elevata efficacia del contributo»). Puntualità nello svolgimento dei compiti; a ciascun partner sono solitamente assegnati specifici compiti secondo scadenze predefinite; l origine del legame (soggetto intervistato) assegna punteggi di valutazione in relazione della «puntualità» degli Alters; scala di punteggio che varia da 5 («ritardo nell assolvimento dei compiti») a +5 («piena puntualità») Il networking di Liason L obiettivo di questo studio di caso è di disporre di alcune misure di valutazione derivate dalla attitudine alla «collaboratività» di ogni singolo vertice della rete.

5 TEORIA E METODI 19 Il partenariato Liason è composto da otto attori; ciascun soggetto (vertice della rete) assegna quindi sette punteggi sull items di valutazione «collaborazione». Si ottiene così una matrice quadrata in cui in sia in riga (origine del legame) che in colonna (destinazione del legame) compaiono i soggetti compresi nel partenariato. La matrice è asimmetrica poiché i punteggi assegnati da x i su x j sono solitamente diversi da quelli assegnati da x j su x i. Nel caso del legame di collaborazione la richiesta di attribuzione di punteggio è stata così introdotta: Tutte le volte che il partenariato si riunisce, ogni membro è chiamato a partecipare e confrontarsi con gli altri. Una collaborazione che prosegue nei giorni successivi. Al termine della riunione accade spesso di restare in contatto, per discutere del progetto, procedere alla stesura comune di un documento, confrontarsi, scambiarsi opinioni o saperi; in una sola parola: collaborare. Viene a crearsi così un rapporto di collaborazione, più o meno stretto, positivo o negativo [ ]. Si è poi chiesto di attribuire un punteggio: «Le chiedo di attribuire un punteggio su una scala che varia da 5 (totale opposizione o concorrenza) a +5 (perfetta collaborazione) relativamente a come lei collabora se bene o male con [ ]. Se lei collabora perfettamente con [ ] attribuirà +5 se invece collabora opponendosi attribuirà 5 [ ]. Che punteggio attribuisce su una scala che varia da 5 a +5?». Ego attribuisce così un punteggio per ogni singolo Alters. Un indicazione probante della diversità fra soggetto e soggetto del modo di concepire il continuum si ha, in genere, scorrendo dei questionari standard che contengono batterie di termometri riferiti agli oggetti più diversi. Alcuni soggetti usano tutto l arco di punteggi, altri preferiscono utilizzare punteggi alti, altri ancora evidenziano una tendenza nell attribuire indistintamente punteggi negativi oppure coincidenti con zero o positivi (Marradi, 1995, 58). Si è quindi tenuto conto del fatto che potrebbe sussistere una tendenza, a servirsi di un arco più o meno ampio di punteggi, rappresentata dalla deviazione standard dei punteggi attribuiti da i ed usata come denominatore della differenza tra ciascuno dei valori in cella e la media dei valori attribuiti. I valori in matrice di adiacenza sono stati così sostituiti con i corrispettivi z ij (operazione di deflazione). Inoltre, in questo tipo di studi le differenze nell attribuzione non sono dovute solamente al modo in cui i membri fissano gli estremi, o comunque sia alle loro caratteristiche psicologiche, bensì alle reticenze nell attribuire valori che in un qualche modo rivelano le caratteristiche della propria rete di relazioni, i vertici adiacenti, l intensità e la direzione di un legame: l operazione di deflazione attenua questa tendenza. Si è infine ottenuta una matrice quadrata asimmetrica (square matrix) composta di otto casi (vertici) presenti sia in riga che in colonna e n(n 1) legami, ovvero 56 valori. L indice più semplice che può essere ricavato da una matrice di adiacenza parte dall ipotesi che la centralità di un attore dipenda dalla numerosità e dal peso dei legami di collaborazione che egli intrattiene con gli altri vertici. È però importante distinguere tra InDegree di collaborazione («come e quanto» i vertici del partenariato collaborano con il vertice n i ) e OutDegree («come e quanto» n i collabora con gli altri vertici). La numerosità ed il peso degli InDegree indicherebbe allora i livelli di col-

6 20 DAVIDE CARBONAI laborazione l attitudine a collaborare efficacemente degli Alters con n i (Ego), mentre gli OutDegree «indicherebbero» come n i (Ego) collabori con gli altri vertici compresi nella rete. Ai fini interpretativi, è però opportuno prestare più attenzione agli InDegree piuttosto che agli OutDegree: gli InDegree restituiscono il risultato delle scelte di tutti i vertici della rete in riferimento alla specifica attitudine di Ego; gli OutDegree restituiscono, invece, il risultato delle sole scelte di Ego (rischiando di scontare un difetto di social desirability). È dunque preferibile concentrarsi sugli InDegree: fuor di metafora, risulta «più facile» descriversi come «buon collaboratore» che non essere descritti come «buoni collaboratori» dal gruppo. In questo caso, gli InDegree rappresentano una misura del grado di collaboratività ascritta a ciascun soggetto. I punteggi di InDegree si distribuiscono così da valore minimo (il vertice meno collaborativo) ad un massimo (il più collaborativo). In tav. 3 si presentano le tre prime statistiche calcolate sul legame di «collaborazione». Gli InDregree derivano dalla somma dei punteggi assegnati dagli Alters su Ego (dopo una procedura di deflazione, come discusso in precedenza). La statistica finale restituisce per alcuni una valutazione negativa, per altri positiva, per altri ancora marcatamente negativa. La statistica broker misura il numero di volte che Ego riesce a connettere due vertici altrimenti non raggiungibili. In questo caso, la statistica è calcolata su una matrice a valori binari contenente un informazione di «presenza/assenza» di un legame tra i due vertici: dopo la deflazione della prima matrice, i punteggi positivi diventano 1 ed i valori negativi 0 (si considerano quindi i soli rapporti «più collaborativi»). All agenzia formativa Cnos-FPA sono assegnati valori tendenzialmente più elevati 3 ; solitamente, nei casi qui analizzati, ad alti valori di InDegree corrispondono valori più elevati di broker e betweeness. Tav. 3 Valutazione sulla collaboratività; InDegree, broker e betweeness InDegree Broker Betweeness Associazione industriali -0,89 1 4,5 CNOS-FPA 8,99 6,5 5,5 Collocare 1, Comunità Montana -5, Cospes 1,69 2,5 0 CTR -0,88 0,5 0 Provincia di Cagliari -2, Università-Centro Studi RI -2, Note: 1. InDegree: calcolati come somma dei punteggi attribuiti dagli Alters dopo una operazione di deflazione; 2. Broker: numero di coppie non adiacenti che Ego connette; 3. Betweeness: numero di percorsi geodetici che Ego intercetta. 3. Come per il caso della betweeness, laddove i due vertici non direttamente raggiungibili (A e C) siano connessi da più di un broker (B 1, B 2 o B 3 ) la statistica si esprime con dei valori decimali: 1 se Ego ( B 1 ) è il solo broker, 0,5 se esiste un secondo broker (ad esempio B 2 ), 0,33 se esistono altri due broker.

7 TEORIA E METODI 21 Tra le molte statistiche disponibili, la betweeness misura la capacità dei vertici di intercettare ipotetici flussi informativi (rush) che percorrono il reticolo (collegando tra loro i vertici direttamente o indirettamente raggiungibili); la statistica misura la strategicità della posizione occupata da un vertice rispetto alla quantità complessiva di flussi. Un vertice dotato di elevata centralità in termini di rush è quel vertice attraverso cui passa il maggior numero di percorsi più brevi (geodesic path) che connettono tutti gli altri vertici del grafo (Chiesi, 1981, ) 4. Questo tipo di analisi può essere ripetuta per tutti e quattro gli items proposti; ad esempio, è possibile distinguere i vertici che «apportano maggiori contributi al partenariato» in termini di competenza ed esperienza pregressa, dai vertici che «apportano minori contributi» (secondo legame di valutazione) (cfr. tav. 2). Anche in questo caso all agenzia CNOS-FPA sono assegnati valori particolarmente elevati sia nelle statistiche di InDegree che di betweeness La densità delle relazioni in SMTP Oltre che alle statistiche di posizione calcolate sui singoli vertici è possibile derivare delle misure sul reticolo, inteso nel suo insieme. Ad esempio, oltre che per l ampiezza (il numero di vertici compreso nel reticolo), il networking può essere descritto anche per la densità della attività relazionale, così espressa: l d = nn ( -1) In questo caso, la densità del partenariato di SMTP risulta pari a 0,56: che deriva dal rapporto tra i 17 legami (legami maggiori di 0 dopo la procedura di deflazione) su di un totale di 30 (potenziali legami). L impiego della statistica di densità risulta particolarmente utile laddove si intendano comparare network definiti da legami diversi: e per così individuare su quali legami la struttura relazionale si riveli più o meno densa. Tendenzialmente i reticoli sono definiti da vertici che tendono comunque a raggiungersi, quantomeno indirettamente attraverso uno o più broker; in analisi delle reti, le sezioni del reticolo non raggiungibili sia direttamente che indirettamente sono definite anche componenti della rete. La presenza in un sistema relazionale di più componenti è indicativo della «frammentazione» del reticolo (e quindi del suo cattivo funzionamento). 4. Per percorso geodetico si intenda il percorso di connessione più breve tra due vertici raggiungibili (direttamente o indirettamente).

8 22 DAVIDE CARBONAI Fig. 1 Reticolo del partenariato Smtp (legame di collaborazione: punteggi maggiori di zero) 2.3. Un indice sintetico in TECS È inoltre possibile derivare un valore di sintesi tra i diversi indici di centralità attraverso il calcolo dei punteggi medi per legame. Allo stesso modo dell analisi survey (casi per variabili) è infatti possibile calcolare uno o più indici a partire da più variabili diversamente combinate tra loro. I legami qui utilizzati sono trattati come indicatori del concetto più denotativo di «funzionalità del partenariato sociale». È possibile calcolare una nuova variabile secondo modalità differenti di calcolo a partire dai quattro diversi legami. Le scienze sociali utilizzano differenti operazioni di riduzione di più variabili in indici; in questo caso, a titolo esemplificativo, ci limitiamo a combinare i diversi legami attraverso una semplice procedura di calcolo della media dei valori in matrice (senza procedura di deflazione). L indice qui calcolato può essere inteso alla stregua del concetto di relazione sociale: in un ottica improntata all analisi delle caratteristiche del network, una relazione sociale si compone, infatti, di più legami Secondo Chiesi (1999, 51) una relazione sociale può essere definita operativamente come «il fascio dei differenti legami che intercorrono tra coppie di soggetti i cui corsi di azione sono reciprocamente orientati».

9 TEORIA E METODI 23 Tav. 4 Valori medi degli InDegree per ciascun tipo di legame e InDegree medi Collaborazione Apporto di Efficacia Puntualità InDegree competenze Totali Ente locale 1 1,66 1,66 1,66 1,16 1,54 Ente locale 2 1,83 1,66 1,83 1,33 1,66 Ass. culturale 1 2,33 2,50 2,00 1,50 2,08 Consorzio locale 2,33 2,16 2,16 1,33 2,00 UNCI 3,83 3,33 3,00 2,16 3,08 Ass. culturale 2 2,83 3,16 2,50 1,83 2,58 Gruppo Spa 4,16 4,16 3,66 3,50 3, Attori e ruoli sociali Nell ipotesi che un partenariato sociale sia suddivisibile in gruppi secondo un qualche criterio di appartenenza, è possibile, inoltre, ipotizzare diversi tipi di «pattern relazionali» ruoli sociali specificatamente per ciascun vertice (Gould e Fernandez, 1989). Dato (G) un grafo, e (N) una partizione di nodi, l algoritmo Brokerage presente nei principali software di analisi delle reti consente di calcolare statistiche su cinque distinti tipi di ruoli sociali. Si denota una connessione di brokerage tutte le volte che, in una triade di vertici (A, B e C) il vertice A ha un legame con B, B ha un legame con C, ma A non ha legami di connessione diretta con C; in tal senso, A ha bisogno di B (il broker) per raggiungere C: A B C Nel caso in cui A, B, e C appartengano a gruppi differenti è possibile allora distinguere cinque tipologie di social roles (e derivarne cinque differenti statistiche): 1) Coordinator: conta il numero di volte in cui B è broker; in questo i vertici B, A e C appartengono allo stesso gruppo: il broker svolge quindi una funzione di coordinatore (all interno dello stesso gruppo). 2) Consultant: conta il numero di volte in cui B è broker; in questo caso, il broker appartiene ad un gruppo, ma gli altri due vertici appartengono ad un gruppo diverso da quello di B. 3) Gatekeeper: conta il numero di volte in cui B è broker; in questo caso il vertice di origine (A) appartiene ad un gruppo diverso da B e C. Il gruppo di A necessita di un gatekeeper (B) per entrare in contatto con il gruppo di B e C. 4) Representative: conta il numero di volte in cui B è broker; in questo caso il vertice di destinazione (C) appartiene ad un gruppo diverso da A e B. 5) Liasons: conta il numero di volte in cui B è broker; in questo caso, tutti e tre i vertici appartengono a tre gruppi diversi.

10 24 DAVIDE CARBONAI In alcuni studi di caso, si è distinto i soggetti presenti nel partenariato in più macro-gruppi; ad esempio: istituzioni pubbliche (gruppo 1), aziende private (gruppo 2), associazionismo (gruppo 3). Questo tipo di analisi permette di evidenziare quali pattern relazionali siano più associabili ad un tipo di gruppo piuttosto che ad un altro (Carbonai, 2009, ). 3. Scale di punteggio, legami I risultati della prima fase di sperimentazione hanno suggerito alcune modificazioni improntate al miglioramento complessivo dello strumento di valutazione. I risultati di alcuni focus group, condotti con gli stessi soggetti intervistati, hanno suggerito un miglioramento dei sistemi di rilevazione dei dati; in primo luogo le scale di punteggio: nella seconda sperimentazione si è preferito, infatti, utilizzare scale ad intervalli per quattro modalità di risposta (punteggio minimo 1 e punteggio massimo 4). L assenza di un valore intermedio nelle scale di punteggio favorisce la tendenza a posizionarsi su tutto l arco dei punteggi disponibili (piuttosto che non sui soli valori intermedi come osservato nella prima fase di sperimentazione) senza ricorrere a successive procedure di deflazione dei dati 6. I risultati dei focus group hanno poi suggerito ulteriori dimensioni di indagine, strategiche per la comprensione e la migliore valutazione dei partenariati sociali (Carbonai, 2009, ); resta comunque preferibile l utilizzo di domande custom made piuttosto che soluzioni ready made: sebbene l uso di domande standard permetta di comparare tra loro partenariati diversi non permette altresì un monitoraggio ad hoc e quindi più preciso delle dinamiche di networking. Occorre allora «calibrare» specificatamente le domande per ciascun caso di studio. In alcuni casi, la rilevazione dei dati condotta da un intervistatore eserciterebbe inoltre un condizionamento nell assegnazione di punteggi. Affinché sia promosso un miglior sistema di monitoraggio occorrerebbe poi ripetere le rilevazioni più volte e nel corso del tempo, evidenziando le modificazioni dei punteggi assegnati precedentemente e rispondere conseguentemente attraverso un riadattamento delle pratiche di partenariato. Queste considerazioni hanno contribuito alla definizione di un ulteriore strumento di rilevazione, tutt ora in fase di sperimentazione, con finalità tipiche della di ricerca-azione: l attività di valutazione ha infatti avuto effetti immediati nel ristabilire ri-equilibri e quindi maggiore partecipazione all interno dei diversi partenariati. Il progetto Equal Follow Me ha individuato in Ersilia (software per il monitoraggio delle reti di partenariato) un valido tentativo di dare attuazione alle indicazioni della sperimentazione di questi strumenti di valutazione. Il software Ersilia misura on line alcune statistiche di rete le più semplici e costruisce grafi ed istogrammi con il fine di informare i partenariati ed i singoli 6. Nella scala [1-4] non è presente un valore intermedio: le modalità 1. e 2. sono connotate negativamente; 3. e 4. positivamente.

11 TEORIA E METODI 25 partner relativamente ai punteggi assegnati (secondo le logiche precedentemente discusse). Si tratta di un software users friendly e quindi di facile usabilità che garantisce, tra le opzioni, l anonimato di ciascun singolo partner (compreso nel progetto di governance): in questo modo, ogni singolo responsabile di progetto visualizza i soli punteggi assegnati e le valutazioni degli Alters verso Ego (consentendogli comunque una comparazione con i valori medi calcolati sul gruppo) 7. Nel caso di Ersilia, il responsabile del progetto di partenariato definisce i legami da «indagare/valutare», sia attraverso un ampia selezione resa disponibile nelle impostazioni del software, sia dalla possibilità esistente di modificare alcuni legami e di crearne di nuovi. Ersilia consente di tradurre in automatico le matrici in indici di densità o di performance del partenariato; la rilevazione reiterata consente poi di confrontare la variazione degli indici nel tempo (e quindi individuare i periodi di criticità nella vita del partenariato). Il software prevede una serie di items standard di valutazione volti a calcolare i livelli di funzionamento complessivo del partenariato attraverso domande tipiche nelle analisi del clima organizzativo che possono essere confrontate con le statistiche di network. Si tratta quindi di una analisi congiunta delle statistiche di rete con tipici indicatori del clima organizzativo. La sperimentazione in Follow me ha poi prodotto una serie di indicatori legami di valutazione inseriti per default in Ersilia ed eventualmente modificabili dal responsabile di progetto di partenariato: in questo modo, gli items di valutazione sono ri-adattati alle specificità del singolo partenariato (tav. 5). La somministrazione del questionario on line permette altresì una più agevole compilazione. Come discusso, il software ha una doppia finalità di ricerca-azione; Ersilia segnala le sezioni più critiche del networking; chi ottiene valutazioni negative può comunque «ri-organizzare» la propria attività nel gruppo di lavoro e quindi caratterizzarla per un maggiore impegno sugli items più critici. L assegnazione reiterata di punteggi favorisce altresì un monitoraggio generale sulle attività di partenariato (la «tracciabilità» del networking), segnalandone i periodi più critici (ad esempio attraverso statistiche dei valori medi di InDegree o di densità). Si tratta comunque di uno strumento user friendly e di ausilio al partenariato che computa solo alcune statistiche di facile intuibilità e che permette altresì di ottenere una valutazione su base relazionale immediata. Riferimenti bibliografici Boati M., Bovina L., Lucciarini S., Mirabile M. (2005), La valutazione come strumento di integrazione delle politiche di sviluppo e di inclusione. L uso della network analysis per la valutazione delle reti locali del mercato del lavoro, Catania, marzo 2005, VIII Congresso Nazionale AIV (Associazione Italiana di Valutazione). Carbonai D. (2008), Piccoli mondi organizzativi. L uso dei legami come scambio e controllo, Teseo, Roma. 7. La versione beta di Ersilia è disponibile al seguente indirizzo: 85/login.aspx.

12 26 DAVIDE CARBONAI Chiesi A.M. (1980), L analisi dei reticoli sociali: teoria e metodi, in Rassegna italiana di sociologia, XII, pp Chiesi A.M. (1981), L analisi dei reticoli sociali. Un introduzione alle tecniche, in Rassegna italiana di sociologia, a. XXI, n. 2, aprile-giugno. Chiesi A.M. (1999), L analisi dei reticoli, FrancoAngeli, Milano. Chiesi A.M. (2003), Problemi di rilevazione empirica del capitale sociale, in Andreotti A., Barbieri P., a cura di, Reti e capitale sociale, numero monografico di Inchiesta, n. 139/2003, pp Gould J., Fernandez J. (1989), Structure of Mediation: a Formal Approach to Brokerage in Transaction Network, in Sociological Methodology, 89, 126. Marradi A. (1984), Concetti e metodo per la ricerca sociale, La Giuntina, Firenze. Scott J. (1991), Social Network Analysis: A Handbook, Newbury Park, CA, Sage Publications, tr. it., L analisi delle reti sociali, ed. italiana a cura di E. Amaturo, NIS, Roma (ed. it. 1997). Wasserman S., Faust K. (1994), Social Network Analysis: Methods and Applications, Cambridge University Press, Cambridge.

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Principal Component Analysis

Principal Component Analysis Principal Component Analysis Alessandro Rezzani Abstract L articolo descrive una delle tecniche di riduzione della dimensionalità del data set: il metodo dell analisi delle componenti principali (Principal

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro

Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro Master in Politiche della cittadinanza e welfare locale Anno 2005-2006 Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro Dott.a Monica Ruffa Relatore: Chiar.mo Prof. Giovanni Moro Indice Introduzione 3 Cap.

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

Stima per intervalli Nei metodi di stima puntuale è sempre presente un ^ errore θ θ dovuto al fatto che la stima di θ in genere non coincide con il parametro θ. Sorge quindi l esigenza di determinare una

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

The Directed Closure Process in Hybrid Social-Information Networks

The Directed Closure Process in Hybrid Social-Information Networks The Directed Closure Process in Hybrid Social-Information Networks with an Analysis of Link Formation on Twitter Dario Nardi Seminario Sistemi Complessi 15 Aprile 2014 Dario Nardi (CAS) 15/4/14 1 / 20

Dettagli

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN:

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: 88-8453-208-6 (print) ISBN: 88-8453-207-8 (online), Firenze

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Dott.ssa Caterina Gurrieri

Dott.ssa Caterina Gurrieri Dott.ssa Caterina Gurrieri Le relazioni tra caratteri Data una tabella a doppia entrata, grande importanza riveste il misurare se e in che misura le variabili in essa riportata sono in qualche modo

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10 Lecture 20: 28 Maggio 2010 Cycle Monotonicity Docente: Vincenzo Auletta Note redatte da: Annibale Panichella Abstract In questa lezione

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

MODI, TONALITA E SCALE

MODI, TONALITA E SCALE Teoria musicale - 2 MODI, TONALITA E SCALE MODO MAGGIORE E MODO MINORE Parafrasando il titolo di un celebre libro di Thomas Merton, No man is an island - Nessun uomo è un isola, mi piace affermare subito

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse Cos è Excel Uno spreadsheet : un foglio elettronico è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse I dati contenuti nelle celle possono essere elaborati ponendo

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLì-CESENA

PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLì-CESENA Servizio Istruzione, Formazione e Politiche del Lavoro Ufficio Pianificazione Azioni di sistema, formazione per utenze svantaggiate e femminili PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II*

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* Indice 1. Informazioni generali 2. Parte I: obiettivi, gestione e risorse del Dipartimento

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1 UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA Filippo Romano 1 1. Introduzione 2. Analisi Multicriteri o Multiobiettivi 2.1 Formule per l attribuzione del

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento -

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Nota preliminare La presente guida, da considerarsi quale mera indicazione di massima fornita a titolo esemplificativo,

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Test d ipotesi sul valor medio e test χ 2 di adattamento Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Si supponga che il diametro degli anelli metallici prodotti

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Allegato sub. 1) SISTEMA DI DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE, DEL PERSONALE E DEL SEGRETARIO COMUNALE* informato ai principi di cui all art 9 cc.

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Il problema del massimo flusso. Preflow-push e augmenting path: un approccio unificante

Il problema del massimo flusso. Preflow-push e augmenting path: un approccio unificante Introduzione Il problema del massimo flusso. Preflow-push e augmenting path: un approccio unificante Il problema del massimo flusso è uno dei fondamentali problemi nell ottimizzazione su rete. Esso è presente

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli