ELIFIS. Requisiti Funzionali Piattaforma E_Learning

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELIFIS. Requisiti Funzionali Piattaforma E_Learning"

Transcript

1 Deliverable 5.1 Requisiti Funzionali Piattaforma E_Learning Preparato da: Andrea Zaccone ( Responsabile progetto del Comune di Terni) Ferrero Gabrielli - Maria Cristina Garofalo- Fabio Moriconi Roma, 7 Luglio 2009 Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 1

2 INDICE 1 DOCUMENTO Storia del Documento Registrazione Modifiche Lista di Distribuzione La Formazione in Rete Requisiti Piattaforma di e_learning Premessa Obbiettivi Metodologia La piattaforma di e-learning: caratteristiche Livelli di partecipazione Learning management system (LMS) L ambiente di authoring (Content Management) Archivio documentale (Learning Object Repository) Standard (Conformità allo standard ADL SCORM) Architettura concettuale Sistema di Access Management (AM) Sistema di Workflow (WF) Sistema di portale Sistema di Content Management (CM) Learning Management System (LMS) Collaborative Working (CW) Funzioni (Guida all utilizzo) Login Gestione utenti Gestione corsi Fruizione Corsi Area di Document Management Monitoraggio del corso Requisiti funzionali Instructional Collaborative Authoring Requisiti di installazione Allegato (Liferay)...39 Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 2

3 1. La Formazione in Rete Requisiti Piattaforma di e_learning 1.1 Premessa Il presente documento e volto a descrivere i requisiti della piattaforma di e_learnig proposta per completare, integrare, sostenere l intervento formativo in presenza e l immersione nell ambiente esperienziale dei soggetti coinvolti nel progetto Elifis ed Elicat. La struttura della piattaforma e la filosofia che la sottende sono volte ad enfatizzare e rendere evidenti le possibilità e potenzialità del supporto informatico per la costituzione di una comunita virtuale che sappia affrontare coerentemente e in modalita cooperativa, il cambiamento nella gestione ed amministrazione dei flussi di lavoro. Mai come in questo caso si evidenzia come il sostegno del gruppo, la condivisione delle problematiche e la possibilita di seguire e scegliere il proprio percorso formativo possano essere elementi cardine e per una stabilizzazione degli apprendimenti e delle relative prassi operative. La soluzione presentata ha, quindi, l obbiettivo di sfruttare appieno il paradigma della community learning attraverso il potenziamento degli strumenti collaborativi ed offrire un valore aggiunto determinato dalla definizione di un portale che garantisca il soddisfacimento dell altra conditio sine qua non di una proposta formativa di questa portata: l accesso alla documentazione di progetto: l aggiornabilita costante e d in tempo reale dei contenuti, la possibilita, in altre parole, di contestualizzare sempre e comunque il percorso individuale che si sta compiendo all interno del vasto quadro di riferimento. La possibilita di attribuzione di diversi livelli di partecipazione e gestione della piattaforma rende possibile una customizzazione delle funzioni corrispondenti ai ruoli reali che gli utenti svolgono all interno del progetto generale. La fidelizzazione dell utilizzatore sara garantita dalla realizzazione del portale della formazione che farà da premessa al sistema di e-learning vero e proprio e nel quale ognuno potrà trovare informazioni, news, aggiornamenti e linee guida contribuendo a rendere minima la barriera di ingresso e di confidenza con gli strumenti tecnologici a supporto della formazione. Il portale della formazione avrà anche la funzione di smistare l utenza nei vari sottomoduli previsti e specifici per categorie d utenza e già individuabili nelle seguenti voci: - Area formazione tecnica; - Area formazione dei formatori; - Area formazione operatori; - Area documentazione Obiettivo della proposta è, però, quello di estendere le prerogative del community learning sfruttando il portale della formazione per l erogazione di servizi a supporto della progettazione e realizzazione dell intero sistema attraverso strumenti di project community. In questo modo sia la Community Learning che la Project Community coesistono in un unico scenario che le porta a condividerne i contenuti e gli strumenti. Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 3

4 1.2 Obbiettivi Ponendo come premessa che in materia di innovazione e supporti tecnologici alla PA, si puo oggi affermare che si debba passare da una visione sostitutiva ad un integrativa nella gestione dei processi e dei flussi di lavoro, si ritiene di dover sottolineare il valore aggiunto che una proposta di e-learning da al quadro formativo tradizionale. Sinteticamente gli obbiettivi dell attivita : - progettazione e realizzazione di uno spazio virtuale dedicato all auto formazione on line - realizzazione di un repository documentale della documentazione tecnica e manualistica di progetto, con condivisione e trattamento documentale - realizzazione di un ambiente virtuale cooperativo che gestisca ed implementi le attivita di informazione ed i servizi di comunicazione - realizzare una Virtual Community Learning attraverso la quale costruire la rete delle esperienze - attività di formazione on-line a supporto della formazione tradizionale, gestione e tracciamento delle attività formative e di tutti gli eventi di progetto. - progettazione e realizzazione dello spazio virtuale dedicato alle attività di auto formazione on-line. - realizzare un ambiente virtuale di project community capace di far condividere tra gli attori del progetto informazioni e servizi di comunicazione. Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 4

5 1.3 Metodologia Le caratteristiche della piattaforma consentono di effettuare funzioni, non solo didattiche, ma anche organizzative all interno dello stesso ambiente. In tal senso si intende facilitare la comunicazione fra i diversi sistemi che partecipano al progetto, enfatizzando l aspetto virtuale che consente un fare cooperativo e sinergico real time. I presupposti di un efficace azione di e-learning afferiscono a 4 livelli fondamentali: - didattico (identificazione obiettivi, dosaggio percentuale on-line/presenza, progettazione contenuti ed attivita ) - organizzativo (definizione cronogrammi di durata, distribuzione, carico didattico ) - tecnologico (progettazione e definizione strumenti da utilizzare per supportare le sequenze formative e le diverse funzionalita, progettazione non lineare dei contenuti e ingegnerizzazione ) - comunicativo (elaborazione delle strategie di comunicazione delle informazioni/messaggio) Il flusso operativo del sistema formativo puo essere cosi sinteticamente rappresentato: L individuazione dei destinatari, del fabbisogno formativo, l aderenza alle caratteristiche dei progetti/protocolli attengono alla fase della Progettazione. La produzione e organizzazione dei materiali, contenuti, infrastrutture e tecnologie attiene alla fase Realizzazione. Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 5

6 Per l Erogazione ci si atterra al piano complessivo di formazione, alla tempistica concordata, ed alla percentuale definita di apprendimento a distanza. Monitoraggio e Valutazione sono relativi alla misurazione dell accrescimento delle competenze e delle abilita individuali. La Valutazione generale dei risultati attesi, incrocia con la corrispondenza alla programmazione e progettazione iniziali. I diversi livelli di partecipazione e gestione previsti dalla piattaforma, corrispondono ad altrettanti ruoli e possibilita di azione dei diversi attori che contribuiscono al processo formativo. La possibilita di tracciatura dei percorsi didattici, l archivio documentale e la possibilita di revisione documentale, la gestione di una segreteria on line, sono i punti di forza della proposta progettuale. L attribuzione dei vari ruoli con rispettive funzioni, determina gia a livello di gruppo una assunzione di responsibilita per la parte di competenza che, integrata alle altre, permette all intero sistema di funzionare e conseguire i risultati attesi. Dal docente che mette a disposizione i propri contenuti concettuali, all instructional design che li ingegnerizza e virtualizza per una coerente fruizione on line; dal tutor che aggiorna bacheca e blog, agli utenti che si registrano e customizzano il proprio spazio virtuale, fino a diventare attori essi stessi alla stregua degli altri di un processo che e cooperativo fin dall architetura strutturale su cui poggia. Si intende dire che essa e l esatta metafora/interfaccia delle funzioni che implementa a soddisfacimento dei requisiti di: - cooperativismo - condivisione - efficienza - efficacia - semplificazione - tracciabilita - riuso Le caratteristiche di maggior evidenza della piattaforma on line, garantiscono: - facilta di accesso a percorsi/documenti - coerenza nella metodologia con i percorsi in presenza - percorribilita individuale degli itinerari didattici con sostegno automotivazionale - customizzazione della tempistica di apprendimento - riduzione degli effetti di rumore nella comunicazione didattica e progettuale - maggiore possibilita di controllo di errori gestionali - controllo step by step dei flussi di lavoro e dell elaborazione documentale - gestione della registrazione degli utenti Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 6

7 2. La piattaforma di e-learning: caratteristiche E un Learning Management System orientato: - alla personalizzazione dei percorsi formativi - al riuso degli oggetti didattici (Reusable Learning Objects) - alla creazione di un ambiente Collaborativo, E centrato sull uso di Newsgroup tematici, biblioteche virtuali, sistemi di reportistica per l analisi dei risultati. E la soluzione integrata per l e-learning, in grado di erogare contenuti conformi a specifiche universalmente accettate, come XML, SCORM, IMS. in un'unica piattaforma unisce le funzionalità di un potente Learning Management System, di un Learning Content Management System, e di un Repository di oggetti didattici. Il suo utilizzo racchiude in sé tutte le fasi di progettazione, realizzazione e delivery di un progetto per la formazione a distanza. Consente l erogazione di contenuti attraverso supporti quali CD-ROM e DVD, permettendo la tracciabilità dei risultati sia off-line che on-line. E un ambiente integrabile con un vasto numero di sistemi ERP, CMS e HRMS. Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 7

8 2.1 Livelli di partecipazione La piattaforma si presenta come un Portale web, centrato sull utente, che puo personalizzarne molte parti La profilazione dell utente segue l organigramma di un progetto di formazione a distanza. Le figure coinvolte sono: - Studente (E il destinatario principale delle attività formative) - Assistente (si occupa della segreteria organizzativa, aggiorna le news, la bacheca e il blog, smista le iscrizioni. È il garante del livello del servizio di assistenza e tutoring per il progetto in cui è coinvolto. Fornisce valutazioni rispetto alle interazioni degli utenti nel percorso formativo. Gestisce il flusso delle scambiate fra allievi, docenti e tutor, cura tutta la reportistica riguardante il flusso dei contatti. Si interfaccia con gli utenti tramite chat, forum, e gli altri strumenti previsti.) - Insegnante (Tutor, Instructor) gestisce i corsi somministrazione contenuti e procedure metodologiche. Coordina e sovrintende al lavoro dello staff didattico, è il responsabile scientifico di ciascun modulo. Ha il compito di sovraintendere alla produzione di materiali didattici del modulo, di formare i tutor di processo, di presiedere alle sessioni di aula residenziale nei corsi blended e di correggere gli elaborati finali. Può svolgere anche attività comuni ai tutor di processo o agli esperti della materia (SME). - Amministratore (vede tutto, componenti e sistema piattaforma, attribuisce ruoli) - Instructional design (ingegnerizza contenuti ricevuti dai tutor) Le caratteristiche e le mansioni specifiche dei profili vengono definite dall amministratore e dal tutor in fase di configurazione iniziale del corso. Un utente può contemporaneamente ricoprire più ruoli all interno di un singolo corso. Ad esempio, un tutor può essere anche amministratore. E logicamente lo stesso utente può avere profili diversi in corsi diversi. Le autorizzazioni vengono assegnate per singola Feature 1. La piattaforma in oggetto e un sistema multi-feature si presenta come un applicazione aperta ai cambiamenti, alle evoluzioni, estremamente adattabile in situazioni assai diversi. 1 rappresenta un gruppo omogeneo di funzionalità all interno del software:la classe virtuale, la chatroom, la gestione degli utenti, sono chiari esempi di feature. Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 8

9 2.2 Learning management system (LMS) Il canale di accesso a tutte le funzionalità della piattaforma è il Portale della formazione, terminologia da distinguere rispetto al Learning Management System. Nel portale della formazione confluiscono tutti gli utenti partecipanti alle attività. E basato su una filosofia Building Blocks, in cui ogni mattoncino è costituito dalla singola Feature. La modalità di presentazione delle singole feature è stabilita dall amministratore. Quando le attività del portale vengono indirizzate alla fruizione delle risorse didattiche si parla invece di LMS o Learning Management System. Il suo scopo è l erogazione di un ambiente di runtime in grado di tracciare, analizzare e guidare lo studente all interno delle diverse attività didattiche. Le features sono aggregabili in categorie che soddisfino insiemi specifici di esigenze formative. Le due fondamentali proposte dal portale sono: - COLLABORATIVA, indirizzata verso offerte formative in cui l aspetto principale è la condivisione e la cooperazione tra utenti con le funzionalità di Community: - Forum - Chat - Blog - Wiki. - COMPLETA, in grado di soddisfare le esigenze di tutti i livelli partecipativi e di tutti gli attori del processo formativo. Comprende, oltre alla community, - la classe virtuale - l authoring dei contenuti - il repository di Learning Objects - l ambiente di runtime per la fruizione di Risorse didattiche Asincrone. Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 9

10 2.3 L ambiente di authoring (Content Management) Questo ambiente, integrato al portale della formazione come Feature distinta, si presenta come: 1) un modulo di web content management, basato su un ricco editor WYSIWYG, completo di tutte le funzionalità necessarie per pubblicare direttamente dal browser contenuti di alto livello. 2) un sistema in grado di comprendere, interpretare e pubblicare i contenuti per la formazione secondo le specifiche internazionali SCORM, in materia di Runtime, sequencing e tracciamento (vedere i documenti ufficiali ADL SCORM 2004 per approfondire i concetti di Runtime e Sequencing). 3) Un modulo di importazione di contenuti già esistenti sviluppati secondo le regole dello standard ADL SCORM. Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 10

11 2.4 Archivio documentale (Learning Object Repository) Gli oggetti didattici pubblicati nei diversi corsi vengono automaticamente storicizzati e pubblicati nel repository centrale, a disposizione delle figure autorizzate. Tutto ciò che è stato pubblicato, quindi, potrà essere riutilizzato in futuro in altre occasioni. Questa funzionalità implica una oculata analisi nelle fasi di sviluppo dei contenuti. A questo scopo si rende necessario il supporto della figura dell Instructional Designer. Nel repository vengono indicizzate tutte le informazioni di ogni singolo Learning Object, catalogate secondo uno schema di Meta-Dati, anche questo standardizzato dall ADL SCORM, sotto il nome di LOM (Learning Object Metadata). Essi forniscono agli utenti privilegiate chiavi di ricerca e di aggregazione dei contenuti didattici. 2.5 Standard (Conformità allo standard ADL SCORM) Il sistema dedica particolar attenzione alla conformità allo standard ADL SCORM, giunto oramai alla versione 1.3 (e relative release), maggiormente noto come SCORM La conformità con questa famiglia di specifiche non richiede semplicemente un rispetto delle regole sulla lettura e la pubblicazione dei contenuti, ma anche: - Il rispetto delle semantiche sui metadati (basate sul modello LOM Learning Object Metadata) - Il rispetto nell interpretazione e nella lettura di un pacchetto di contenuti (Package, definito nel modello SCORM CAM Content Aggregation Model) - L adeguata politica nel tracciamento in tempo reale del percorso formativo dell utente nel singolo contenuto (in questo caso si parla dello SCORM SSN - Simple Sequencing And Navigation) La piattaforma è stata testata in varie situazioni con gli strumenti di testing ufficialmente rilasciati dall ADL stesso. Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 11

12 3. Architettura concettuale Lo schema logico concettuale dell architettura generale del sistema offerto è quello indicato in figura basato su un unico sistema di portale capace di gestire tutti i siti/community di progetto che a loro volta possono essere divisi in siti/community di BackOffice e siti/community di Front Office. I siti di BackOffice sono riservati ai membri della Project Community per la produzione e condivisione dei contenuti di progetto e ai membri della Community Learning per la predisposizione del materiale della formazione mentre i siti di Frontoffice sono riservati per la divulgazione di contenuti informativi sui progetti e erogare la formazione a distanza. Il sistema di portale è basato su LifeRay sul quale è previsto lo sviluppo di una serie di portlet capaci di estenderne le possibilità e garantire tutte le funzionalità richieste. Sono previste portlet per integrare i sistemi di: CM (Content/ Web Content/ Document management) WFMS (Workflow Management Shark), LMS (Learning Management System DigiFad) CW (Collaborative Working) L integrazione dell architettura è completata a livello di Backend dove il sistema di Portale LifeRay, supporta tutte le funzionalità di gestione di documenti e contenuti e la loro lavorazione, permettendo la condivisione dell accesso ai dati attraverso un repository JCR-compliant (Java Content Repository). Nei paragrafi seguenti viene dato dettaglio delle componenti indicate. Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 12

13 Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 13

14 3.1 Sistema di Access Management (AM) Il sistema di acceso si basa sul prodotto open-source CAS (Central Authentication Service - che svolge le seguenti funzioni fondamentali. Autenticazione. Verifica le credenziali fornite dall utente e, se corrette, lo autentica. Single SignOn. Per mezzo dell uso di cookies rende persistente l autenticazione, evitando che l utente debba autenticarsi nuovamente se accede ad altre applicazioni. Gestisce il timeout della sessione, richiedendo nuovamente l autenticazione in caso di accesso dopo un periodo di inattività o comunque dopo un periodo massimo di tempo. Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 14

15 3.2 Sistema di Workflow (WF) Cuore del sistema proposto è il sistema di Workflow. La scelta tecnologica in offerta è quella di utilizzare le funzionalità interne d Liferay (vedi allegato). Il Workflow è la gestione dei processi nel senso della definizione, dell avvio, del sequenziamento e dell amministrazione. È costituito essenzialmente da un componente software detto motore di workflow (WF Engine) che essenzialmente è un middleware, ossia è pensato per essere integrato all interno di un ambito applicativo più ampio e ha il compito di gestire e interpretare la definizione dei vari flussi ed eseguire i singoli passi di cui si compongono. La lavorazione costituisce il prodotto del processo, ossia l obiettivo per il quale il flusso viene avviato. In generale si tratta della parte personalizzabile del sistema, cioè astratta rispetto al resto e personalizzabile in base alle esigenze. Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 15

16 3.3 Sistema di portale Il sistema di portale indicato in architettura è basato sul prodotto open-source Liferay (http://www.liferay.com), realizzato in piattaforma J2EE in grado di operare con tutti i principali Application Servers J2EE presenti sul mercato e tutti i principali databases relazionali disponibili. Dispone di un ricco set di portlet di uso comune per la gestione dei contenuti di un portale e per la produttività individuale. In figura è indicato un esempio dei servizi che nativamente espone. Tra queste portlet è possibile indicare: - Repository Documentale - Rubrica contatti - Motore di ricerca - Sistema di content management - Bacheca per messaggi - Calendario - Gestione attività e scadenze - Ricerca su web Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 16

17 - Amministrazione degli utenti - Gestione dei portlet - Gestione dei privilegi di accesso - Gestione dei gruppi - Gestione news - Gestione canali di notizie RSS - Rubrica bookmarks - Ricerca su Google - Utilities di rete (ftp, ssh, whois..) Nell architettura proposta Liferay rappresenta il punto d accesso per tutti i siti di FrontOffice e BackOffice e comunica con il resto dell architettura attraverso la costruzione di specifiche portlet. L integrazione a livello applicativo con il resto del sistema è prevista invece a livello di accesso ai dati attraverso l uso di JCR. In questo modo, come già esplicitato nel presente documento riguardo il componente di WorkFlow, si realizza una potente ed efficiente integrazione tra Portale, CM, e WF (Liferay) cardine dell architettura proposta. Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 17

18 3.4 Sistema di Content Management (CM) Il sistema di Content management è supportato dalle funzionalità Liferay e si riferisce alla possibilità di identificare, creare, rappresentare e distribuire la conoscenza proprie del sistema. Questo avviene mediante la disponibilità di features per: Spazi di lavoro per gruppi di utenti, Forum di discussione, sicurezza ad hoc nella gestione dei contenuti, gestione del versioning dei contenuti, gestione del voting dei contenuti, ricerche full text per il reperimento delle informazioni. Dal punto di vista architetturale il CM nel portale costituisce lo store di tutti i contenuti del portale garantendo funzionalità sia di Web Content Management, sia di Document management. È integrato con il resto del sistema in maniera duplice: attraverso una portlet rende disponibili i suoi servizi al sistema di portale Liferay e attraverso JCR condivide dati con il sistema di Workflow ed il portale stesso. Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 18

19 3.5 Learning Management System (LMS) Il sistema per la formazione a distanza è una soluzione integrata, che in un'unica piattaforma unisce le funzionalità di un potente Learning Management System, di un Learning Content Management System, e di un Repository di oggetti didattici. In questo modo racchiude in sé tutte le fasi di progettazione, realizzazione e delivery di un progetto per la formazione a distanza e soprattutto tutte le features della gestione di una community learning.. Le features sono aggregabili in categorie preconfezionate, in grado di soddisfare insieme specifiche esigenze formative. Il portale della piattaforma fornisce sin da subito due aggregazioni: - Un aggregazione COLLABORATIVA, indirizzata verso offerte formative in cui l aspetto principale è la collaborazione e la cooperazione tra gli utenti. Essa include tutte le funzionalità di Community quali Forum, Chat, Blog, Wiki. - Un aggregazione COMPLETA, in grado di soddisfare tutte le esigenze, che comprende, oltre alla community, la classe virtuale, l authoring dei contenuti, il repository di Learning Objects, l ambiente di runtime per la fruizione di Risorse didattiche Asincrone. L ambiente di authoring si presenta come un sistema in grado di comprendere, interpretare e pubblicare i contenuti per la formazione secondo le specifiche internazionali SCORM, in materia di Runtime, sequencing e tracciamento (vedere i documenti ufficiali ADL SCORM 2004 per approfondire i concetti di Runtime e Sequencing). Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 19

20 3.6 Collaborative Working (CW) L ambiente collaborativo sarà completato tramite l utilizzo della suite di Collaboration Open-Source denominata Zimbra Collaboration Suite Open Source Edition (http://www.zimbra.com). Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 20

21 3.7 Funzioni (Guida all utilizzo) 3.8 Login L utilizzo della piattaforma è semplice e immediato. Per accedere alla piattaforma è necessario inserire i dati di login. (Fig 1) Fig. 1 Digitati userid e password l utente verrà autenticato e riconosciuto dal sistema. (Fig. 2) Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 21

22 Fig. 2 A seconda del profilo utente assegnato, verrà visualizzato in alto un menu di navigazione che consentirà l accesso a diverse funzionalità (es. Corsi frequentati, Corsi disponibili, Gestione Parametri, Pagine, Gestione utenti, Gestione corsi). (Fig. 3) (Fig. 3) L utente in ogni momento ha la possibilità di modificare la password nonché i propri dati personali (Fig. 4) Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 22

23 Fig. 4 Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 23

24 4. Gestione utenti L attività di cancellazione e creazione degli utenti è assegnata esclusivamente all utente con il ruolo di amministratore. E possibile accedere a questa pagina cliccando sull apposita scritta Gestione Utenti. Da questa pagina si possono aggiungere o cancellare utenti. (Fig. 5) Fig. 5 Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 24

25 Per registrare un nuovo utente è sufficiente cliccare la scritta Nuovo utente e compilare l apposito form. Il sistema invierà automaticamente all indirizzo segnalato i dati di login per l accesso alla piattaforma. L utente viene registrato in un primo momento come Utente Generico (non può fare nulla all interno della piattaforma). Sarà sempre compito dell utente amministratore iscrivere l utente ad un corso, ed assegnargli uno o più ruoli. 4.1 Gestione corsi Nella sezione Gestione Corsi è possibile visualizzare la lista dei corsi presenti nella Piattaforma ed inserirne dei nuovi (Fig. 6). Fig. 6 Nel SUB MENU a sinistra cliccando la voce Iscrizioni è possibile iscrivere gli utenti al corso ed assegnare uno o più ruoli (tutor, mentor, studente etc..). (Fig. 7 8 ) Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 25

26 Fig. 7 Fig. 8 Si rende ora necessario iscrivere gli utenti nell aula virtuale. Ciò risponde a specifiche esigenze didattiche (Fig. 9-10) Fig. 9 Fig. 10 L'aula virtuale è il luogo in cui gli utenti frequentano i corsi e sostengono esercitazioni ed esami. Per rendere più semplice la frequenza delle lezioni, dall aula sono accessibili tutti gli strumenti di supporto: Indice delle lezioni, Forum, FAQ, esercitazioni ed esami, clip multimediali, filmati flash etc... Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 26

27 Cliccando la scritta Gestione menu (SUB-MENU) è possibile personalizzare il menu di navigazione in alto (feature) che si visualizza quando l utente entra in un corso relativamente al ruolo assegnato. (fig ) Fig. 11 Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 27

28 Fig. 12 Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 28

29 4.2 Fruizione Corsi Rappresenta il cuore della piattaforma il luogo virtuale in cui l utente (studente, tutor, mentor etc..) può effettuare la fruizione dei corsi. Dal menu in alto, cliccando la voce Corsi Frequentati viene visualizzata una pagina con l elenco dei corsi ai quali l utente è iscritto. (Fig. 13). Fig. 13 E possibile accedere alla fruizione di un corso con ruoli diversi cliccando semplicemente sul relativo tasto ENTRA. Entrando come studente è possibile fruire direttamente il corso strutturato per moduli, unità didattiche e lezioni. (Fig ) Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 29

30 Fig. 14 Fig. 15 Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 30

31 Area di Document Management Consente di inserire i vari contenuti all interno di un corso. (Fig. 16). E possibile accedere alla pagina cliccando la voce Authoring che compare nel menu in alto quando l utente entra in un corso con il ruolo di amministratore o di tutor. L Area di Document Management è divisa in: area personale area condivisa area lezioni. Fig. 16 E possibile creare la struttura del corso ed inserire i relativi contenuti semplicemente importando un oggetto SCORM 2004 (Fig. 17) cliccando sull apposita iconcina Nuovo oggetto didattico. Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 31

32 Fig. 17 L Area personale consente al tutor di importare un corso e verificare se ci sono eventuali errori. Con un semplice taglia e incolla (Fig. 18) delle varie unità didattiche nell Area Condivisa si potrà condividere il lavoro svolto ad altri utenti abilitati. Fig. 18 Infine si potrà pubblicare il tutto nell Area Lezioni ( da questo momento in poi il lavoro sarà visibile dagli studenti). L iconcina Nuovo oggetto didattico consente inoltre di inserire i test di verifica. (Fig ). E possibile stabile se consentire allo studente la fruizione delle varie unità didattiche indipendentemente dall esito dei vari test che l utente incontrerà durante percorso didattico. Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 32

33 Fig. 19 Fig. 20 Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 33

34 Fig. 21 Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 34

35 4.3 Monitoraggio del corso La piattaforma include potenti strumenti per il tracciamento dei dati relativi la fruizione di un corso. Il processo di tracciamento e monitoraggio si avvia quando un utente entra in un corso. Entrando come amministratore o tutor, verrà visualizzata l Aula virtuale con la lista degli utenti iscritti. Sarà possibile in qualsiasi momento visualizzare le statistiche relative ai vari utenti cliccando l apposita iconcina (lente di ingrandimento) in corrispondenza al singolo utente (Fig ). Fig. 22 Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 35

36 Fig. 23 Deliverable 5.1 FTEL Luglio 2009 Pag. 36

In homepage troverai una finestra per accedere, inserendo le tue credenziali (login e password), alla tua Area Riservata

In homepage troverai una finestra per accedere, inserendo le tue credenziali (login e password), alla tua Area Riservata Benvenuto, In homepage troverai una finestra per accedere, inserendo le tue credenziali (login e password), alla tua Area Riservata Una volta entrato nella tua area riservata avrai a disposizione, in alto,

Dettagli

Una piattaforma LMS open-source: Claroline a cura di G.Cagni (Irre Piemonte) http://www.claroline.net

Una piattaforma LMS open-source: Claroline a cura di G.Cagni (Irre Piemonte) http://www.claroline.net Una piattaforma LMS open-source: a cura di G.Cagni (Irre Piemonte) http://www.claroline.net I modelli di formazione in modalità e-learning richiedono necessariamente l utilizzo di una tecnologia per la

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

SOMMARIO. www.trustonline.org. 1. Introduzione 3. 2. Caratteristiche generali della piattaforma 3. 2.1. Amministrazione degli utenti 5

SOMMARIO. www.trustonline.org. 1. Introduzione 3. 2. Caratteristiche generali della piattaforma 3. 2.1. Amministrazione degli utenti 5 www.trustonline.org SOMMARIO 1. Introduzione 3 2. Caratteristiche generali della piattaforma 3 2.1. Amministrazione degli utenti 5 2.2. Caricamento dei corsi 5 2.3. Publishing 6 2.4. Navigazione del corso

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

ATTENZIONE il corso è evidenziabile sul catalogo interregionale ricercando l'id 11834

ATTENZIONE il corso è evidenziabile sul catalogo interregionale ricercando l'id 11834 corso GRATUITO: CHIEDI IL VOUCHER DI FORMAZIONE REGIONALE! Corso di specializzazione della durata di 450 ore: si svolgerà con una frequenza di 3/4 volte a settimana, in orario pomeridiano/serale (presumibilmente

Dettagli

Guida all utilizzo a cura di Francesco Lattari. Guida all utilizzo di moodle per studenti

Guida all utilizzo a cura di Francesco Lattari. Guida all utilizzo di moodle per studenti Guida all utilizzo a cura di Francesco Lattari Indice Introduzione p. 01 Come collegarsi p. 02 Come registrarsi p. 03 Come effettuare il login p. 04 La Home dello studente p. 05 Header e Funzionalità p.

Dettagli

Infinity Application Framework Una nuova e diversa interpretazione delle soluzioni applicative aziendali

Infinity Application Framework Una nuova e diversa interpretazione delle soluzioni applicative aziendali Infinity Application Framework Una nuova e diversa interpretazione delle soluzioni applicative aziendali Infinity Application Framework è la base di tutte le applicazioni della famiglia Infinity Project

Dettagli

STUDIUM.UniCT Tutorial per gli studenti

STUDIUM.UniCT Tutorial per gli studenti STUDIUM.UniCT Tutorial per gli studenti Studium.UniCT Tutorial Studenti v. 6 06/03/2014 Pagina 1 Sommario 1. COS È STUDIUM.UniCT... 3 2. COME ACCEDERE A STUDIUM.UniCT... 3 3. COME PERSONALIZZARE IL PROFILO...

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I INFINITY APPLICA A TION FRAMEWORK APPLICA

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I INFINITY APPLICA A TION FRAMEWORK APPLICA I N F I N I T Y Z U C C H E T T I INFINITY APPLICATION FRAMEWORK Infinity Application Framework Una nuova e diversa interpretazione delle soluzioni applicative aziendali Infinity Application Framework

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

GUIDA ALL USO DELLA PIATTAFORMA E-Learning DOCEBO

GUIDA ALL USO DELLA PIATTAFORMA E-Learning DOCEBO GUIDA ALL USO DELLA PIATTAFORMA E-Learning DOCEBO GUIDA A DOCEBO ACCESSO A DOCEBO L indirizzo di DOCEBO dell IPSSAR è il seguente: www.ipssarvieste.info/docebo. C è un apposito link nella parte bassa della

Dettagli

VADEMECUM PIATTAFORMA DOCEBO Operazioni del Docente Esperto

VADEMECUM PIATTAFORMA DOCEBO Operazioni del Docente Esperto VADEMECUM PIATTAFORMA DOCEBO Operazioni del Docente Esperto Indice Premessa Accesso alla piattaforma di gestione dei corsi I miei corsi Finestra di inizio lavoro Il menù di selezione Gestione sessioni

Dettagli

Titolo Perché scegliere Alfresco. Titolo1 ECM Alfresco

Titolo Perché scegliere Alfresco. Titolo1 ECM Alfresco Titolo Perché scegliere Alfresco Titolo1 ECM Alfresco 1 «1» Agenda Presentazione ECM Alfresco; Gli Strumenti di Alfresco; Le funzionalità messe a disposizione; Le caratteristiche Tecniche. 2 «2» ECM Alfresco

Dettagli

Comunità virtuale IRDAT fvg Guida utente

Comunità virtuale IRDAT fvg Guida utente Comunità virtuale IRDAT fvg Guida utente Community_IRDATfvg_ManualeUtente_Vers._1.1 1 INDICE 2. La Comunità virtuale IRDAT fvg...3 3. I servizi della Comunità...3 4. La struttura della Comunità...4 5.

Dettagli

Piattaforma per la realizzazione e distribuzione di corsi formativi in modalità e-learning

Piattaforma per la realizzazione e distribuzione di corsi formativi in modalità e-learning Piattaforma per la realizzazione e distribuzione di corsi formativi in modalità e-learning CNA FORMERETE COSA È L E-LEARNING è l'insieme delle attività didattiche svolte all'interno di un progetto educativo

Dettagli

LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE

LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE Edutech Vi Offre Un Ambiente Dedicato Per La Formazione A Distanza Cosa vi offre EduTech EduTech, grazie alla collaborazione con il Dipartimento

Dettagli

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation.

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation. Collaboration, content, people, innovation. The Need for a Learning Content Management System In un mercato in continua evoluzione, dominato da un crescente bisogno di efficienza, il capitale intellettuale

Dettagli

Guida Ariel Studenti

Guida Ariel Studenti TECNOLOGIE E LA DIDATTICA UNIVERSITARIA MULTIMEDIALE E A DISTANZA Guida Ariel Studenti La logica della piattaforma e i suoi strumenti 9 agosto 2012 CTU -CENTRO DI SERVIZIO PER LE Struttura ad albero Ogni

Dettagli

Lo strumento: dalla filosofia di Moodle, ai suoi aspetti tecnico/pratici Bologna, 27 marzo 2014

Lo strumento: dalla filosofia di Moodle, ai suoi aspetti tecnico/pratici Bologna, 27 marzo 2014 Lo strumento: dalla filosofia di Moodle, ai suoi aspetti tecnico/pratici Bologna, 27 marzo 2014 Le piattaforme Il concetto di ambiente di apprendimento riconduce storicamente a termini quali formazione

Dettagli

Linux@School. un progetto patrocinato da Fondazione IBM e MIUR

Linux@School. un progetto patrocinato da Fondazione IBM e MIUR Linux@School un progetto patrocinato da Fondazione IBM e MIUR Agenda Il progetto Linux@school Contenuti Ipotesi di lavoro Descrizione del progetto Descrizione del progetto 1/2 Obiettivi: diffondere la

Dettagli

EduCms: un ambiente autore per la formazione a distanza

EduCms: un ambiente autore per la formazione a distanza EduCms: un ambiente autore per la formazione a distanza A. Frascari, A. Pegoretti Anastasis, Bologna afrascari@anastasis.it Sommario EduCms è un servizio web accessibile per la produzione di unità didattiche

Dettagli

elearningforce SharePoint LMS

elearningforce SharePoint LMS elearningforce SharePoint LMS ElearningForce SharePoint LMS estende le funzionalità predefinite di Microsoft SharePoint per creare un ambiente dove insegnanti e studenti possono vivere una nuova esperienza

Dettagli

Piattaforma FaD Formazione a distanza. Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di. formazione a distanza di EFA srl

Piattaforma FaD Formazione a distanza. Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di. formazione a distanza di EFA srl Piattaforma FaD Formazione a distanza Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di formazione a distanza di EFA srl 1 Indice generale 1. Scopo del documento 2. Definizioni e abbreviazioni

Dettagli

Manuale Piattaforma Didattica

Manuale Piattaforma Didattica Manuale Piattaforma Didattica Ver. 1.2 Sommario Introduzione... 1 Accesso alla piattaforma... 1 Il profilo personale... 3 Struttura dei singoli insegnamenti... 4 I Forum... 5 I Messaggi... 7 I contenuti

Dettagli

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI 1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI Per implementare una piattaforma di e-learning occorre considerare diversi aspetti organizzativi, gestionali e tecnici legati essenzialmente

Dettagli

Strumenti E learning. Presentazione tecnica

Strumenti E learning. Presentazione tecnica Strumenti E learning Presentazione tecnica Luglio 2008 Grazie all esperienza del proprio management e alla propria struttura tecnologica, InterAteneo è riuscito a creare un sistema di integrazione, tra

Dettagli

CONTENT MANAGEMENT SYSTEM

CONTENT MANAGEMENT SYSTEM CONTENT MANAGEMENT SYSTEM P-2 PARLARE IN MULTICANALE Creare un portale complesso e ricco di informazioni continuamente aggiornate, disponibile su più canali (web, mobile, iphone, ipad) richiede competenze

Dettagli

EFFICIENZA E RIDUZIONE DEI COSTTI

EFFICIENZA E RIDUZIONE DEI COSTTI SCHEDA PRODOTTO TiOne Technology srl Via F. Rosselli, 27 Tel. 081-0108029 Startup innovativa Qualiano (NA), 80019 Fax 081-0107180 www.t1srl.it www.docincloud.it email: info@docincloud.it DocinCloud è la

Dettagli

IL VERO GESTIONALE 2.0 PER LE SCUOLE

IL VERO GESTIONALE 2.0 PER LE SCUOLE IL VERO GESTIONALE 2.0 PER LE SCUOLE PROTOMAIL REGISTRO ELETTRONICO VIAGGI E-LEARNING DOCUMENTI WEB PROTOCOLLO ACQUISTI QUESTIONARI PAGELLINE UN GESTIONALE INTEGRATO PER TUTTE LE ESIGENZE DELLA SCUOLA

Dettagli

LA SOLUZIONE PER LA GESTIONE DINAMICA DELLE INFORMAZIONI IN UN PORTALE

LA SOLUZIONE PER LA GESTIONE DINAMICA DELLE INFORMAZIONI IN UN PORTALE LA SOLUZIONE PER LA GESTIONE DINAMICA DELLE INFORMAZIONI IN UN PORTALE WEBVISION APPARTIENE ALLA FAMIGLIA DEI CONTENT MANAGEMENT SYSTEM PER LA GESTIONE DINAMICA DELLE INFORMAZIONI E DEL LORO LAYOUT ALL

Dettagli

VADEMECUM PIATTAFORMA DOCEBO Operazioni del Docente Corsista

VADEMECUM PIATTAFORMA DOCEBO Operazioni del Docente Corsista VADEMECUM PIATTAFORMA DOCEBO Operazioni del Docente Corsista Indice Premessa Accesso alla piattaforma di gestione dei corsi I miei corsi Finestra di inizio lavoro Il menù di selezione Gestione sessioni

Dettagli

La Community MiBAC è un applicazione web che sostituirà l attuale rete intranet del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

La Community MiBAC è un applicazione web che sostituirà l attuale rete intranet del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. La Community MiBAC è un applicazione web che sostituirà l attuale rete intranet del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. 17-20 Maggio 2010 FORUM PA 2 ORIENTATI AL PERSONALE DEL MINISTERO AUMENTARE

Dettagli

I VANTAGGI. Flessibilità

I VANTAGGI. Flessibilità E-LEARNING E-LEARNING La proposta E-Learning della suite Agorà di Dedagroup A CHI SI RIVOLGE L OFFERTA fornisce al cliente un sistema complementare di formazione a distanza sui prodotti della suite Agorà

Dettagli

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by LMS ERUDIO E-learning Formazione a distanza powered by SISTEMI 0 febbraio 01 Autore: L.albanese www.sgslweb.it Che cos è l E- Learning? L' e-learning sfrutta le potenzialità rese disponibili da Internet

Dettagli

Manuale d uso per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente)

Manuale d uso per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente) per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente) Indice Introduzione... 3 Requisiti minimi di sistema... 4 Modalità di accesso... 4 Accesso alla Piattaforma... 5 Pannello Utente... 6 Pannello Messaggi...

Dettagli

Gli strumenti attivati: il portale web ReteVIA

Gli strumenti attivati: il portale web ReteVIA Formazione ed accompagnamento a supporto del processo di conferimento di funzioni in materia di VIA alle Province avviato con la l.r. 5/2010 Milano, 5 dicembre 2012 SEMINARIO LA VIA A PIU' VOCI. A CHE

Dettagli

Piattaforma Moodle I.S.S.M. Tchaikovsky. Guida rapida per gli studenti

Piattaforma Moodle I.S.S.M. Tchaikovsky. Guida rapida per gli studenti Piattaforma Moodle I.S.S.M. Tchaikovsky (www.orientamusa.it/fad) Guida rapida per gli studenti Cos'è Moodle? In questa guida vengono esposte le conoscenze di base per poter navigare in una classe virtuale

Dettagli

formazione professionale continua a distanza

formazione professionale continua a distanza formazione professionale continua a distanza Piattaforma formativainnovaforma.com Moodle 2.7 Moodle (acronimo di Modular Object-Oriented Dynamic Learning Environment, ambiente per l apprendimento modulare,

Dettagli

Sistema di protocollo informatico e gestione documentale

Sistema di protocollo informatico e gestione documentale Sistema di protocollo informatico e gestione documentale Roma, 8 aprile 2002 Roberto Bettacchi Direttore Business Unit P.A. r.bettacchi@agora.it Scenario di riferimento I DIECI OBIETTIVI DEL GOVERNO PER

Dettagli

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004 Documento di programmazione del progetto denominato: Realizzazione della seconda fase di sviluppo di intranet: Dall Intranet istituzionale all Intranet per la gestione e condivisione delle conoscenze.

Dettagli

Antonio Brunetti, Mathias Galizia, Fabio Campanella

Antonio Brunetti, Mathias Galizia, Fabio Campanella Atti Progetto AQUATER, Bari, 31 ottobre 2007, 9-14 LA BANCA DATI DEI PROGETTI DI RICERCA E L ARCHIVIO DOCUMENTALE DEL CRA Antonio Brunetti, Mathias Galizia, Fabio Campanella Consiglio per la Ricerca e

Dettagli

E-learning con Docebo

E-learning con Docebo E-learning con Docebo Introduzione La suite Doceboè un progetto open source completamentegratuito che mette a disposizione: LMS (Learning Management System) CMS(Content Management System) Mydocebo( la

Dettagli

Manuale Operativo per l utilizzo della piattaforma E-Learning@AQ. Versione 1.1

Manuale Operativo per l utilizzo della piattaforma E-Learning@AQ. Versione 1.1 Manuale Operativo per l utilizzo della piattaforma E-Learning@AQ Versione 1.1 Autore Antonio Barbieri, antonio.barbieri@gmail.com Data inizio compilazione 11 maggio 2009 Data revisione 14 maggio 2009 Sommario

Dettagli

MODULO DI BASE (40 ore)

MODULO DI BASE (40 ore) CORSO ABILITAZIONE RISERVATA 28-29/12/1999 12, 14, 17, 18, 25/01/2000 MODULO DI BASE (40 ore) TEMATICHE GENERALI, METODOLOGIA E DIDATTICA INDICE DEI TEMI (CONTINUA) AGGIORNAMENTI.. IL NUOVO ESAME DI STATO.

Dettagli

Manuale utente Piattaforma e-learning UNICUSANO

Manuale utente Piattaforma e-learning UNICUSANO Manuale utente Piattaforma e-learning UNICUSANO Gentile studente, questo manuale è volto a fornirle indicazioni utili per l utilizzo della piattaforma e-learnig in modo da poter facilmente accedere alle

Dettagli

MANUALE DI UTILIZZO: INTRANET PROVINCIA DI POTENZA

MANUALE DI UTILIZZO: INTRANET PROVINCIA DI POTENZA MANUALE DI UTILIZZO: INTRANET PROVINCIA DI POTENZA Fornitore: Publisys Prodotto: Intranet Provincia di Potenza http://www.provincia.potenza.it/intranet Indice 1. Introduzione... 3 2. I servizi dell Intranet...

Dettagli

MANUALE www.logisticity.it. Copryright 2015 - All rights reserved Email: info@logisticity.it - P.IVA 04183950403

MANUALE www.logisticity.it. Copryright 2015 - All rights reserved Email: info@logisticity.it - P.IVA 04183950403 MANUALE www.logisticity.it Copryright 2015 - All rights reserved Email: info@logisticity.it - P.IVA 04183950403 INDICE Presentazione... pag. 02 Applicativo... pag. 03 Amministrazione...pag. 06 Licenza...pag.

Dettagli

PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE

PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE CAPITOLATO TECNICO DI GARA CIG 5302223CD3 SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura...

Dettagli

I servizi di e-government

I servizi di e-government I servizi di e-government La Community regionale Net-SIRV 14 dicembre 2009 Andrea Boer Dirigente Servizio Progettazione e Sviluppo Reseaux della Società dell informazione Un RESEAU è una rete permanente

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

CLS Citiemme Lotus Suite

CLS Citiemme Lotus Suite CLS Il pacchetto CLS v1.0 () è stato sviluppato da CITIEMME Informatica con tecnologia Lotus Notes 6.5 per andare incontro ad una serie di fabbisogni aziendali. E' composto da una serie di moduli alcuni

Dettagli

FONDAZIONE ANGELO COLOCCI [AREA RISERVATA - STUDENTI]

FONDAZIONE ANGELO COLOCCI [AREA RISERVATA - STUDENTI] 2014 FONDAZIONE ANGELO COLOCCI [AREA RISERVATA - STUDENTI] Cosa è. Il portale Docebo è una piattaforma E-Learning e un Content Management System Open Source che La Fondazione Angelo Colocci ha deciso di

Dettagli

SISTEMA E-LEARNING INeOUT

SISTEMA E-LEARNING INeOUT SISTEMA E-LEARNING INeOUT AMBIENTE OPERATIVO 1 Premesse metodologiche La complessità di un sistema informatico dipende dall aumento esponenziale degli stati possibili della sua architettura. Se è vero

Dettagli

PON 2009-2011 Innovazione e Crescita a Supporto dell Efficienza dei Servizi per il Lavoro

PON 2009-2011 Innovazione e Crescita a Supporto dell Efficienza dei Servizi per il Lavoro PON 2009-2011 Innovazione e Crescita a Supporto dell Efficienza dei Servizi per il Lavoro Requisiti tecnici per la produzione di moduli formativi destinati all offerta didattica del progetto INCREASE Allegato

Dettagli

C018 Corso di formazione per lavoratori IL RISCHIO ELETTRICO

C018 Corso di formazione per lavoratori IL RISCHIO ELETTRICO C018 Corso di formazione per lavoratori IL RISCHIO ELETTRICO durata 3 ore Artt. 36-37 del D.Lgs 81/2008 e s.m.i. Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 DESTINATARI DEL CORSO Il corso di formazione è destinato

Dettagli

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Pagina 1 di 8 Indice 1. Gli obiettivi del corso...3 2. I contenuti del corso...3 3. Il percorso didattico...4 3.1 Studio individuale...4

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE U Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un

Dettagli

Applicazione: Comuni in Rete della Provincia di Asti

Applicazione: Comuni in Rete della Provincia di Asti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Programmazione/Controllo Applicazione: Comuni in Rete della Provincia di Asti Amministrazione: Provincia di Asti Referente/i di progetto Nome e cognome:

Dettagli

TELESKILL PROGETTO E-LEARNING 2.0 PER LA FORMAZIONE E L'AGGIORNAMENTO CONTINUO

TELESKILL PROGETTO E-LEARNING 2.0 PER LA FORMAZIONE E L'AGGIORNAMENTO CONTINUO TELESKILL PROGETTO E-LEARNING 2.0 PER LA FORMAZIONE E L'AGGIORNAMENTO CONTINUO CARATTERISTICHE FUNZIONALI DELLA SOLUZIONE TECNOLOGICA DEDICATA ALLA FORMAZIONE E ALL'AGGIORNAMENTO A DISTANZA

Dettagli

L E-LEARNING ENTRA NELLA PA : IL CASO ARPA PUGLIA

L E-LEARNING ENTRA NELLA PA : IL CASO ARPA PUGLIA Luigi Barberini Studiodelta S.r.l. Bari /Italia l.barberini@studiodelta.it FULL PAPER Obiettivo principale del progetto è stato la formazione informatica di base per un numero di circa 0 dipendenti dell

Dettagli

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da Il nuovo servizio multimediale per la formazione e la didattica DESY è un applicazione web, dedicata a docenti e formatori, che consente, in

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

KPMG e-learning Solution La nostra offerta

KPMG e-learning Solution La nostra offerta KPMG e-learning Solution La nostra offerta BUSINESS PERFORMANCE SERVICES Aprile 2011 ADVISORY Agenda 1. Introduzione Il ruolo della tecnologia nella formazione Le opportunità offerte dall e-learning 2.

Dettagli

La ricerca delle informazioni nei siti web di Ateneo con Google Search Appliance Progetto, implementazione e sviluppi

La ricerca delle informazioni nei siti web di Ateneo con Google Search Appliance Progetto, implementazione e sviluppi La ricerca delle informazioni nei siti web di Ateneo con Google Search Appliance Progetto, implementazione e sviluppi Il progetto del sistema di ricerca delle informazioni L'esigenza del sistema di ricerca

Dettagli

Piattaforma di e-learning I.R.Fo.M

Piattaforma di e-learning I.R.Fo.M Piattaforma di e-learning I.R.Fo.M Manuale d'uso per l'utente Ver. 1.0 Maggio 2014 I.R.Fo.M. - Istituto di Ricerca e Formazione per il Mezzogiorno 1 Sommario 1. Introduzione...3 1.1 L'ambiente...3 1.2

Dettagli

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo 1. Elementi generali Le attività didattiche del Master

Dettagli

Guida rapida per i corsisti

Guida rapida per i corsisti Guida rapida per i corsisti Premessa La piattaforma utilizzata per le attività a distanza è Moodle, un software per la gestione di corsi online. Dal punto di vista dello studente, si presenta come un sito

Dettagli

MANUALE UTENTE. P.I.S.A. Progetto Informatico Sindaci Asl

MANUALE UTENTE. P.I.S.A. Progetto Informatico Sindaci Asl MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Ispettorato Generale di Finanza MANUALE UTENTE P.I.S.A. Progetto Informatico Sindaci Asl Versione 1.0 INDICE

Dettagli

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr.

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr. Minerva Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione dr. Augusto Pifferi Istituto di Cristallografia C.N.R. dr. Guido Righini Istituto di Struttura della Materia C.N.R. http://minerva.mlib.cnr.it

Dettagli

IPv6 dalla teoria alla pratica per gli amministratori di rete

IPv6 dalla teoria alla pratica per gli amministratori di rete IPv6 dalla teoria alla pratica per gli amministratori di rete Descrizione del corso Il protocollo IP è alla base del funzionamento di Internet. La naturale evoluzione della fine degli indirizzi IPv4 è

Dettagli

Retail L organizzazione innovativa del tuo punto vendita

Retail L organizzazione innovativa del tuo punto vendita fare Retail L organizzazione innovativa del tuo punto vendita fareretail è una soluzione di by www.fareretail.it fareretail fareretail è la soluzione definitiva per la Gestione dei Clienti e l Organizzazione

Dettagli

Gestione documentale. Arxivar datasheet del 30-09-2015 Pag. 1

Gestione documentale. Arxivar datasheet del 30-09-2015 Pag. 1 Gestione documentale Con ARXivar è possibile gestire tutta la documentazione e le informazioni aziendali, i documenti e le note, i log, gli allegati, le associazioni, i fascicoli, i promemoria, i protocolli,

Dettagli

*AGEFor. Applicativo GEstionale per le attività Formative

*AGEFor. Applicativo GEstionale per le attività Formative * Applicativo GEstionale per le attività Formative Semplice da utilizzare, completo nelle funzionalità, basato su una tecnologia solida ed affidabile Scopri di più... Flessibile, dinamico e facile da utilizzare,

Dettagli

Manuale di utilizzo della piattaforma e-learning

Manuale di utilizzo della piattaforma e-learning Manuale di utilizzo della piattaforma e-learning Rivolto ai discenti Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo Di Potenza Sommario 1. Cos è Moodle... 3 1.1. Accesso alla piattaforma Moodle... 4 1.2. Come

Dettagli

registroelettronico@otto.to.it

registroelettronico@otto.to.it registroelettronico@otto.to.it Registro Elettronico L adozione di un sistema di gestione computerizzata delle attività didattiche nel loro insieme, una questione oggi rimarcata anche a livello normativo,

Dettagli

Mattone 3 - Evoluzione del sistema DRG nazionale

Mattone 3 - Evoluzione del sistema DRG nazionale Mattone 3 - Evoluzione del sistema DRG nazionale Portale web e Corso FAD Roma 25 ottobre 2006 MATTONI SSN Nolan, Norton Italia Attività Portale web predisposto nell ambito delle Attività di Manutenzione

Dettagli

1.2.1 - REALIZZAZIONE LAN

1.2.1 - REALIZZAZIONE LAN 1 - CODICE PROGETTO 1.2.1 - REALIZZAZIONE LAN 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL Il progetto è riconducibile a quella che il Piano Provinciale del Lavoro definisce quale Area 1: organizzazione

Dettagli

Guida utilizzo e-care Pagina 1 di 13 E-CARE GUIDA UTENTE INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PREREQUISITI TECNICI... 2 3. COME ACCEDERE A E-CARE...

Guida utilizzo e-care Pagina 1 di 13 E-CARE GUIDA UTENTE INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PREREQUISITI TECNICI... 2 3. COME ACCEDERE A E-CARE... Direzione Formazione Guida utilizzo e-care Pagina 1 di 13 E-CARE GUIDA UTENTE INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PREREQUISITI TECNICI... 2 3. COME ACCEDERE A E-CARE... 3 4. LA STRUTTURA DELL AREA DI LAVORO

Dettagli

I valori di un prodotto disegnato da chi lo usa Vantaggi che garantiscono l'alta qualità del servizio

I valori di un prodotto disegnato da chi lo usa Vantaggi che garantiscono l'alta qualità del servizio Gestire, condividere e controllare le informazioni nei processi aziendali Dataexpert attraverso un evoluto sistema di Document Management, consente la gestione e la condivisione di flussi informativi aziendali

Dettagli

INVIO DEL REGISTRO GIORNALIERO DI PROTOCOLLO IN CONSERVAZIONE A NORMA

INVIO DEL REGISTRO GIORNALIERO DI PROTOCOLLO IN CONSERVAZIONE A NORMA INVIO DEL REGISTRO GIORNALIERO DI PROTOCOLLO IN CONSERVAZIONE A NORMA Il DPCM 3 Dicembre 2013 del Codice dell Amministrazione Digitale stabilisce l 11 Ottobre 2015 come termine ultimo per adeguare la segreteria

Dettagli

E.C.M. Educazione Continua in Medicina. MyEcm. Manuale utente

E.C.M. Educazione Continua in Medicina. MyEcm. Manuale utente E.C.M. Educazione Continua in Medicina MyEcm Manuale utente Versione 1.0 giugno 2013 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 3 1. Introduzione 4 2. Registrazione 5 3. Accesso a myecm 8 4. Home

Dettagli

Manuale Amministratore Legalmail Enterprise. Manuale ad uso degli Amministratori del Servizio Legalmail Enterprise

Manuale Amministratore Legalmail Enterprise. Manuale ad uso degli Amministratori del Servizio Legalmail Enterprise Manuale Amministratore Legalmail Enterprise Manuale ad uso degli Amministratori del Servizio Legalmail Enterprise Pagina 2 di 16 Manuale Amministratore Legalmail Enterprise Introduzione a Legalmail Enterprise...3

Dettagli

Per accedere all'applicativo è necessario inserire email e password impostati in fase di registrazione.

Per accedere all'applicativo è necessario inserire email e password impostati in fase di registrazione. Aula digitale Manuale di utilizzo Accesso all'applicativo Per accedere all'applicativo è necessario inserire email e password impostati in fase di registrazione. Se non si possiede ancora le credenziali

Dettagli

E-learning Guida pratica all utilizzo

E-learning Guida pratica all utilizzo E-learning Guida pratica all utilizzo Riccardo Picen 2014-2015 Sommario Cos è MOODLE?... 2 Come collegarsi alla pagina dei servizi... 2 PIATTAFORMA E-LEARNING... 3 1. Effettuare la registrazione (valida

Dettagli

Manuale Operativo OPEN DESK. Scrivania Virtuale COD. PRODOTTO D.9.3

Manuale Operativo OPEN DESK. Scrivania Virtuale COD. PRODOTTO D.9.3 Manuale Operativo OPEN DESK Scrivania Virtuale COD. PRODOTTO D.9.3 Indice Prodotto... 3 Contesto... 3 Caratteristiche Funzionali... 3 Parametrizzazione... 4 Profilazione... 4 Descrizione Funzionalità...

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Gara a procedura aperta n. 1/2007 per l appalto dei Servizi di rilevazione e valutazione sullo stato di attuazione della normativa vigente

Dettagli

13 Luglio 2010 ore 15,30 FIRENZE Grand Hotel Baglioni Piazza Unità Italiana, 6. A.Gori Il sito del Consorzio ed i relativi servizi 1

13 Luglio 2010 ore 15,30 FIRENZE Grand Hotel Baglioni Piazza Unità Italiana, 6. A.Gori Il sito del Consorzio ed i relativi servizi 1 13 Luglio 2010 ore 15,30 FIRENZE Grand Hotel Baglioni Piazza Unità Italiana, 6 A.Gori Il sito del Consorzio ed i relativi servizi 1 Il sito del Consorzio ed i relativi servizi 13 Luglio 2010 ore 15,30

Dettagli

Guida per gli utenti ASL AT. Posta Elettronica IBM Lotus inotes

Guida per gli utenti ASL AT. Posta Elettronica IBM Lotus inotes Guida per gli utenti ASL AT Posta Elettronica IBM Lotus inotes Indice generale Accesso alla posta elettronica aziendale.. 3 Posta Elettronica... 4 Invio mail 4 Ricevuta di ritorno.. 5 Inserire un allegato..

Dettagli

CORSO WET 462 Amministrazione di database SQL Server 2012

CORSO WET 462 Amministrazione di database SQL Server 2012 CORSO WET 462 Amministrazione di database SQL Server 2012 Struttura e durata del corso Scheda informativa Il corso ha la durata di 24 ore ed è distribuito nell arco di un mese: 6 incontri da 4 ore ciascuno.

Dettagli

Moodle per docenti. Indice:

Moodle per docenti. Indice: Abc Moodle per docenti Indice: 1. 2. 3. 4. ACCEDERE ALL INTERNO DELLA PIATTAFORMA MOODLE. pag 1 INSERIRE UN FILE (es. Piano di lavoro e Programmi finali)... pag 4 ORGANIZZARE UN CORSO DISCIPLINARE (inserire

Dettagli

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Uno strumento unico per risolvere i problemi di compatibilità tra le diverse lavagne interattive Non fermarti alla LIM, con

Dettagli

La struttura di IFSNetwork

La struttura di IFSNetwork COS È IFSNETWORK? La struttura di IFSNetwork Sensibilizzazione e orientamento Attivazione Gestione dell impresa Funzioni di servizio per i docenti IFSNetwork è l'ambiente unico on line per lo sviluppo

Dettagli

CLAROLINE DIDATTICA ONLINE MANUALE DELLO STUDENTE

CLAROLINE DIDATTICA ONLINE MANUALE DELLO STUDENTE CLAROLINE DIDATTICA ONLINE MANUALE DELLO STUDENTE Sommario 1. Introduzione... 3 2. Registrazione... 3 3. Accesso alla piattaforma (login)... 4 4. Uscita dalla piattaforma (logout)... 5 5. Iscriversi a

Dettagli

L offerta formativa della Scuola Master F.lli Pesenti per l A.A.2013/2014. Il Rinnovamento della Tradizione didattica

L offerta formativa della Scuola Master F.lli Pesenti per l A.A.2013/2014. Il Rinnovamento della Tradizione didattica Presidente Prof. Ing. Antonio Migliacci Direttore Prof.ssa Arch. Ing. Paola Ronca L offerta formativa della Scuola Master F.lli Pesenti per l A.A.2013/2014 Il Rinnovamento della Tradizione didattica Scuola

Dettagli

Manuale Utente. Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013. Compilazione del Business Plan ridotto. Versione A

Manuale Utente. Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013. Compilazione del Business Plan ridotto. Versione A Manuale Utente Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013 Compilazione del Business Plan ridotto Versione A Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 1 Storia del documento... 4 2 Introduzione... 5 2.1 Scopo

Dettagli

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 ESPLETAMENTO DI ATTIVITÀ PER L IMPLEMENTAZIONE DELLE COMPONENTI PREVISTE NELLA FASE 3 DEL PROGETTO DI E-GOVERNMENT INTEROPERABILITÀ DEI SISTEMI

Dettagli

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Comune di Padova Settore Servizi istituzionali e affari generali Servizio archivistico comunale Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Il sistema di gestione documentale dell

Dettagli

IRTUALW. Infinity Portal Infinite possibilità di farti raggiungere PORTAL FORNITORI CLIENTI PROTOCOLLAZIONE KNOWLEDGE BASE CLASSIFICAZIONE VERSIONING

IRTUALW. Infinity Portal Infinite possibilità di farti raggiungere PORTAL FORNITORI CLIENTI PROTOCOLLAZIONE KNOWLEDGE BASE CLASSIFICAZIONE VERSIONING I N F I N I T Y Z U C C H E T T I Infinity Portal Infinite possibilità di farti raggiungere MARKETING SALES SUPPORT CMS KNOWLEDGE BASE E COMMERCE B2B E COMMERCE B2C AD HOC INFINITY ACQUISIZIONE PROTOCOLLAZIONE

Dettagli

SCHEDA DI AUTORILEVAZIONE DELLE COMPETENZE:

SCHEDA DI AUTORILEVAZIONE DELLE COMPETENZE: SEZIONE 1: GENERALE NOME SCHEDA DI AUTORILEVAZIONE DELLE COMPETENZE: COGNOME ENTE /ORGANIZZAZIONE DI APPARTENENZA U.O. DI APPARTENENZA MANSIONE PER LA FORMAZIONE AZIENDALE (è possibile barrare più di una

Dettagli