Progetto. Guadagnare Salute

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto. Guadagnare Salute"

Transcript

1 Servizio Dipartimentale di Medicina dello Sport Comitato Provinciale di Perugia Progetto Guadagnare Salute Sport, movimento e non solo.. per ridurre la sedentarietà in età scolare

2 Premessa I fenomeni del sovrappeso e dell obesità sono sempre più diffusi in tutta la popolazione con percentuali preoccupanti, come hanno rilevato indagini svolte in ambito nazionale e su specifiche realtà territoriali. In particolare l obesità in età pediatrica è un dato allarmante, in quanto evidenze scientifiche riconoscono all obesità in età giovanile una forte capacità predittiva dello stato di obesità in età adulta con tutte le conseguenze negative che ne derivano. Fin dall età evolutiva lo sviluppo armonico dell organismo viene favorito da un attività fisica condotta con regolarità mentre la sedentarietà precoce crea i presupposti per l insorgenza della cosiddetta malattia ipocinetica. Con il termine di malattia ipocinetica deve intendersi quella patologia provocata dalla riduzione o assenza di attività fisica e caratterizzata da ipotrofia ed ipotono dei muscoli scheletrici, da alterazioni dell apparato locomotore, del sistema cardiorespiratorio, del sistema metabolico. Per quanto riguarda il sistema metabolico, ad esempio, spesso la poca o nulla attività fisica si accompagna ad errate abitudini alimentari. Ciò contribuisce all instaurarsi di un eccesso ponderale, con sfavorevole rapporto peso-statura, aumento della massa grassa e precoce comparsa di alterazioni a carico degli zuccheri e dei lipidi del sangue che può evolvere verso patologie quali il diabete alimentare, l ipertensione e, soprattutto, l obesità precoce. Quest ultima, unitamente alla perdita di tono-trofismo muscolare, aumentando la tendenza alla sedentarietà, dà il via all innesco di un circolo vizioso. Per evitare la malattia ipocinetica è fondamentale, fin dall età evolutiva, il rifiuto del sedentarismo ed una pratica motoria e sportiva regolare, la quale deve essere in primo luogo finalizzata a favorire una crescita sana e armonica della persona ed all acquisizione di corretti stili di vita. Fare attività motoria e sportiva è un diritto dei bambini, sia per le importanti implicazioni formative che essa riveste, sia perché rappresenta la migliore prevenzione contro numerose malattie dell età adulta. Sappiamo che in Italia poco più del 25% della popolazione di età superiore a quindici anni è sufficientemente attiva. Si rende così necessario promuovere l attività motoria con interventi diretti e intersettoriali. E noto infatti che interventi che mirano a modificare lo stile di vita vanno elaborati ed effettuati in un ottica di rete territoriale, attivando collaborazioni tra: Servizi Sanitari, Scuola, Sport, Amministrazioni Locali, mondo del lavoro, trasporti, urbanistica,. La Scuola dovrebbe fornire a bambini ed adolescenti maggiori e migliori opportunità di fare attività motoria, contribuendo, con un offerta differenziata per età, ai livelli raccomandati di attività fisica quotidiana. I giovani trascorrono la maggior parte del tempo al di fuori dalla scuola guardando programmi televisivi e navigando in Internet. Questo modo di trascorrere il tempo davanti ad uno schermo sembra destinato ad aumentare, in quanto Internet e i videogiochi stanno prendendo il posto di altri passatempi. I genitori poi, preoccupati per l incolumità dei figli, impiegano molto del loro tempo per accompagnare i propri ragazzi da un attività all altra, allontanando la possibilità di attività fisica per se stessi e per i propri figli. Tutto ciò premesso, l ASL n.2, il Comitato Provinciale del Coni Perugia e l Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria hanno elaborato e condiviso il presente Progetto.

3 Obiettivo generale Promuovere corretti stili di vita, in particolare aumentare la quantità/qualità del tempo dedicato alle attività motorie, sia in ambito scolastico che extrascolastico. Tale iniziativa si colloca in un ottica di educazione permanente e rappresenta un occasione di analisi e studio dei possibili strumenti utili alla costruzione di una cultura sempre attenta al benessere del cittadino e non solo nelle situazioni di emergenza. Essa può rappresentare il momento iniziale di un continuo monitoraggio, da parte delle istituzioni preposte, rispetto all evoluzione dei comportamenti individuali e collettivi connessi alla promozione della salute. Obiettivi specifici Sensibilizzare/informare insegnanti e genitori rispetto alla necessità di un attività fisica adeguata e di una corretta alimentazione Sensibilizzare/informare insegnanti e genitori sulla problematica della mobilità sostenibile e incidenti stradali Promuovere una corretta attività fisica e una alimentazione appropriata negli alunni, insegnanti e genitori Promuovere comportamenti adeguati rispetto all utilizzo della strada Ricercare soluzioni efficaci attraverso la collaborazione e la sinergia di genitori, medici e psicologi, insegnanti, operatori sportivi (tecnici e dirigenti) Team-progetto Il Team è costituito da una èquipe multidisciplinare, composta da medici dello sport, docenti e tecnici della Scuola Regionale dello Sport e da esperti nei vari settori del progetto. Target Insegnanti, genitori e alunni delle ultime tre classi della Scuola Primaria e delle tre classi della Scuola Secondaria di 1 grado. Implementazione del progetto Estendere l intervento in più scuole e in una fase successiva anche alle Scuole Secondarie di 2 grado.

4 Azioni previste Il Progetto prevede diverse tipologie di azioni, ognuna con una propria tempistica e metodologia. La concreta attuazione del Progetto, nelle scuole che ne faranno richiesta, sarà calibrata sulla progettazione condivisa con insegnanti e genitori interessati, poiché la loro partecipazione attiva e consapevole è ritenuta indispensabile per il conseguimento degli obiettivi previsti. Entro Maggio 2008, somministrazione di un questionario specifico agli insegnanti, ai genitori e ad un campione di alunni (delle scuole individuate come destinatarie del progetto) con lo scopo di raccogliere informazioni sulle abitudini alimentari, sull attività fisica, sulle modalità di spostamento nel tragitto casa-scuola, sull uso dei dispositivi di sicurezza individuali (casco e cintura), per poter calibrare meglio gli interventi e per avere una base di confronto (Pre-test). Le domande del questionario saranno orientate anche alla verifica di fattibilità del progetto Piedibus. Dopo una fase preparatoria organizzata dagli insegnanti, all inizio dell anno scolastico 2008/2009, inizieranno gli incontri con il Team-Progetto: con l utilizzo di diapositive e di un manichino a dimensioni reali che offre la possibilità di evidenziare organi e apparati, verranno evidenziate le modificazioni indotte dall attività fisica rispetto ad un soggetto sedentario; proiezione di un documentario realizzato dal servizio di medicina dello sport in collaborazione con l AFAS del comune di Perugia che mostra le varie attività motorie e situazioni di vita quotidiana, per mettere in risalto ciò che consegue ad una vita in movimento anche tramite l utilizzo di idonei accorgimenti urbanistici; effettuazione di alcuni semplici test di capacità motoria; costruzione di mappe del territorio circostante la scuola con l indicazione dei luoghi conosciuti dai giovani per la pratica di attività fisica e sportiva e dei luoghi che, pur adatti allo scopo, presentano delle problematiche da sottoporre all Amministrazione locale per un intervento risolutivo; Disegniamo..lo Sport : proporre agli studenti la realizzazione di un elaborato (disegno); i disegni realizzati potranno essere esposti in una mostra; 5 disegni, per ogni anno scolastico, verranno premiati con tessere di accesso gratis ai vari corsi sportivi (tennis, nuoto, palestra, pallavolo, basket.). Un disegno appositamente selezionato potrà divenire il logo del progetto Guadagnare Salute ; incontri con gli alunni di scuola secondaria di 1 grado: attività in palestra mirate a sviluppare la sensibilità, la percezione, l elaborazione consapevole di schemi motori incontri di informazione e sensibilizzazione presso le scuole aderenti al Progetto per: - informare sul fenomeno sedentarietà partendo dalla presentazione dei dati emersi da indagini conoscitive, svolte da diversi Enti (Ministero della Salute, Istituto Superiore della Sanità, Istat, CONI Comitato Regionale Umbro, ecc ); - dibattere sui temi e sugli argomenti proposti; - presentare e illustrare i progetti di Educazione Motoria e Sportiva: a) Il Giocosport, indirizzato agli alunni della Scuola Primaria, b) I Giochi della Gioventù, indirizzato agli alunni della Scuola Secondaria di 1 grado, c) I Giochi Sportivi Studenteschi, per gli studenti della Scuola secondaria di 1 e 2 grado. A Maggio 2009, verranno riproposti i questionari, per verificare se gli interventi effettuati hanno prodotto un cambiamento nelle conoscenze e/o nei comportamenti del target. Il Comitato Provinciale del CONI di Perugia, potrà intervenire, ove richiesto e secondo una pianificazione pluriennale, con un servizio di consulenza che supporti la didattica e la programmazione degli insegnanti di Scuola Primaria.

5 Iniziative collaterali - Una conferenza stampa di presentazione del progetto - Una conferenza stampa di presentazione dei risultati; vi prenderanno parte le scuole coinvolte. Ed ancora: - Iniziative di formazione/aggiornamento dei docenti di educazione motoria, di educazione fisica e di tecnici e operatori sportivi, su tematiche specifiche riguardanti i fenomeni oggetto dell intervento. - Disponibilità da parte dello Staff Tecnico Provinciale del CONI e dell Ufficio Educazione Fisica dell USP di Perugia a collaborare alla programmazione di iniziative educativo-didattiche da prendersi in ambito di educazione motoria e sportiva. Risorse necessarie La partecipazione al Progetto non prevede spese a carico delle Istituzioni Scolastiche. I costi del Progetto sono a carico di appositi finanziamenti previsti da parte della ASL 2 e del Comitato Provinciale CONI Perugia. Tempi Il progetto potrà svilupparsi per tre anni Valutazione di processo Rispetto dei tempi Valutazione di esito Pre-test/post-test Aspetti di qualità percepita Rilevazione del gradimento e della partecipazione di insegnanti e genitori.

LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE

LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE Dott.ssa Daniela Galeone 6 Corso Girolamo Mercuriale DARE ATTUAZIONE ALLA CARTA DI

Dettagli

DOTT.SSA DANIELA GALEONE. Dip. Prevenzione e Comunicazione, Ministero della Salute GUADAGNARE SALUTE

DOTT.SSA DANIELA GALEONE. Dip. Prevenzione e Comunicazione, Ministero della Salute GUADAGNARE SALUTE DOTT.SSA DANIELA GALEONE Dip. Prevenzione e Comunicazione, Ministero della Salute GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari è l obiettivo del programma Guadagnare salute, per prevenire le principali

Dettagli

Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione

Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione In collaborazione con il 2 Circolo Didattico Anno scolastico 2008 \ 2009 A cura del Prof. Piero Verdecchia Relazione IMC e Sport praticati. Anno

Dettagli

Presentazione del progetto

Presentazione del progetto Laboratorio di marketing sociale Presentazione del progetto Soggetto ideatore e organizzatore: Azienda Sanitaria Locale DEFINIZIONE DEL PROBLEMA Sovrappeso ed obesità in età infantile La nuova emergenza

Dettagli

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza.

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. Piano operativo Schede 1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. 3. Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i 2.9 Prevenzione e sorveglianza

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE ISTITUTO COMPRENSIVO GARIBALDI-LEONE TRINITAPOLI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Anno scolastico 2015/2016 La salute è creata e vissuta dalle persone all interno degli ambienti organizzati della vita quotidiana:

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA U.O. IGIENE E SANITÁ PUBBLICA ASP- Potenza EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA Percorsi per guadagnare salute 2015-2016 1 PREMESSA Il concetto della salute è un concetto che necessita di molteplici azioni

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI DOTT.SSA MARIA TERESA MENZANO Corso di formazione e aggiornamento per referenti ed operatori Diamoci una mossa e Pronti, partenza, via

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005 2007 (parte seconda) REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS : PUO FUNZIONARE?

PROGETTO PIEDIBUS : PUO FUNZIONARE? http://digilander.libero.it/riminisportmedicina riminisportmedicina@libero.it MEDICINA dello SPORT e PROMOZIONE dell ATTIVITA FISICA PROGETTO PIEDIBUS : PUO FUNZIONARE? dr. Eugenio Albini Tutte le più

Dettagli

Concorso: Viaggio nella Galassia degli Alimenti Ospedale Pediatrico Bambino Gesù Progetto Nutri-bus

Concorso: Viaggio nella Galassia degli Alimenti Ospedale Pediatrico Bambino Gesù Progetto Nutri-bus Concorso: Viaggio nella Galassia degli Alimenti Ospedale Pediatrico Progetto Nutri-bus Progetto Nutri-bus Le problematiche nutrizionali rappresentano un problema di salute che riguarda sempre più bambini

Dettagli

Regione Calabria ASP Reggio Calabria Dipartimento di Prevenzione

Regione Calabria ASP Reggio Calabria Dipartimento di Prevenzione U.O. EDUCAZIONE SANITARIA Responsabile: Dott.ssa Angela Epifanio Tel. 0964399905 Sede: via Dromo (ospedale vecchio) Siderno R.C. Segreteria: Tel/Fax 0964399908 - E mail promozionesaluterc@libero.it Mission:

Dettagli

DIPARTIMENTO DIPENDENZE

DIPARTIMENTO DIPENDENZE DIPARTIMENTO DIPENDENZE PIANO DI INTERVENTO TERRITORIALE SUL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO 2014 (Misura 1- DGR n.856/2013 Sensibilizzazione e informazione della popolazione) PREMESSA Il presente Piano recepisce

Dettagli

2 - gli esperti selezionati saranno appositamente formati per dare una corretta attuazione a tutti gli interventi previsti dal Programma

2 - gli esperti selezionati saranno appositamente formati per dare una corretta attuazione a tutti gli interventi previsti dal Programma 2 - gli esperti selezionati saranno appositamente formati per dare una corretta attuazione a tutti gli interventi previsti dal Programma 3 - il Programma intende coinvolgere tutte le classi prime di Scuola

Dettagli

Che cosa ci preoccupa tanto nell obesità dei giovanissimi? Vi è un filo che lega l obesità infantile alle malattie cardio-vascolari nell adulto.

Che cosa ci preoccupa tanto nell obesità dei giovanissimi? Vi è un filo che lega l obesità infantile alle malattie cardio-vascolari nell adulto. Ed ecco la quarta serie di diapositive tratte da alcune presentazioni sull obesità infantile e problemi correlati che ho illustrato durante incontri con i genitori di bambini ed adolescenti desiderosi

Dettagli

Mod. FP7 Rev. 0 del 19/02/2013 Pagina 1 di 5 PROGRAMMA di CORSO FAD

Mod. FP7 Rev. 0 del 19/02/2013 Pagina 1 di 5 PROGRAMMA di CORSO FAD Mod. FP7 Rev. 0 del 19/02/2013 Pagina 1 di 5 Terapie educative del sovrappeso e dell obesità in età evolutiva dal 15 aprile 2014 al 15 dicembre 2014 organizzato da ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ coorganizzato

Dettagli

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA

Dettagli

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 96 Servizio Epidemiologico e Prevenzione - Tel. 0824.308286-9 Fax 0824.308302 e-mail: sep@aslbenevento1.it Okkio alla salute Un indagine tra i bambini della

Dettagli

Francesca Russo Annarosa Pettenò. Verona, 12 gennaio 2011

Francesca Russo Annarosa Pettenò. Verona, 12 gennaio 2011 Francesca Russo Annarosa Pettenò Verona, 12 gennaio 2011 Determinanti della Salute McKeown (1976) dimostra che il ridursi della mortalità, osservato nel periodo 18701970, è da attribuirsi per il: - 40%

Dettagli

Il ruolo del Medico di Medicina Generale nella promozione dell'attività fisica

Il ruolo del Medico di Medicina Generale nella promozione dell'attività fisica Il ruolo del Medico di Medicina Generale nella promozione dell'attività fisica Dr. Mauro Somaschi - MMG ASL Lecco Aula Magna Azienda Ospedaliera Ospedale "A. Manzoni" REGIONE LOMBARDIA ASL Lecco Relazione

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA SOLARIA Società Cooperativa UFFICIO PUBBLICA ISTRUZIONE PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Premessa L alimentazione ha assunto nella società in cui viviamo oggi un ruolo fondamentale

Dettagli

OKkio alla SALUTE Promozione della salute e della crescita sana nei bambini della scuola primaria

OKkio alla SALUTE Promozione della salute e della crescita sana nei bambini della scuola primaria OKkio alla SALUTE Promozione della salute e della crescita sana nei bambini della scuola primaria M.La Rocca,V.Rocchino, F. Faragò, D. Mamone. UNITA OPERATIVA DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE-

Dettagli

HBSC: analisi dei bisogni di salute degli adolescenti Confronto 2010 2104

HBSC: analisi dei bisogni di salute degli adolescenti Confronto 2010 2104 Workshop «Crescere insieme con What s up?» 7-8 settembre 2015 Fondazione Carigo Gorizia HBSC: analisi dei bisogni di salute degli adolescenti Confronto 2010 2104 HEALTH PROMOTING HOSPITALS & HEALTH SERVICES

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi

Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi Angela Spinelli e Barbara De Mei Istituto Superiore di Sanità angela.spinelli@iss.it barbara.demei@iss.it OKkio alla SALUTE E

Dettagli

LA SALUTE IN MOVIMENTO

LA SALUTE IN MOVIMENTO PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) LA SALUTE IN MOVIMENTO

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute Dott.ssa M. Teresa Scotti Bologna, 15 ottobre 2009 La promozione della salute è il processo che

Dettagli

CONInforma Sport e corretti stili di vita

CONInforma Sport e corretti stili di vita Numero 2 del 17 febbraio 2014 A cura del Dott. Sergio Zita Responsabile sportello CONInforma ATTIVITA FISICA E SPORT IN ETA EVOLUTIVA L età di avviamento dei bambini alla pratica sportiva preoccupa non

Dettagli

LO SPORT FA MALE? Antonio Antonio Dal Monte Antonio Antonio Correra

LO SPORT FA MALE? Antonio Antonio Dal Monte Antonio Antonio Correra LO SPORT FA MALE? Antonio Antonio Dal Monte Antonio Antonio Correra Cosa fa il non sport Le macchine viventi si logorano se non si muovono al contrario delle macchine meccaniche che si logorano con l attivitl

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Prof. Alessandro Vienna Roma, 20.02.13 La Scuola come volàno per l Educazione alla Salute e al Benessere La scorretta alimentazione è stata

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. 148 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa dei Consiglieri Sandri, Bond, Caner, Lazzarini, Toscani, Cappon, Bozza, Corazzari, Tosato, Cenci,

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE

PROGETTO DI FORMAZIONE Progetto formativo PROGETTO DI FORMAZIONE A DISTANZA Obesità e sue comorbilità: diagnosi, prevenzione e trattamento Dalle Raccomandazioni Internazionali alla Pratica Clinica in Italia Responsabile Scientifico

Dettagli

Frutta Snack. Sintesi dei risultati del Monitoraggio Focus Group e Indagine con Questionario

Frutta Snack. Sintesi dei risultati del Monitoraggio Focus Group e Indagine con Questionario Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Università di Bologna Facoltà di Psicologia In collaborazione con: Università LUMSA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CERA, CIOCCHETTI, PISACANE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CERA, CIOCCHETTI, PISACANE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2290 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CERA, CIOCCHETTI, PISACANE Istituzione delle figure professionali di esperto in scienze delle

Dettagli

REGOLAMENTO 10.1.11. no PROTOCOLLO (data)

REGOLAMENTO 10.1.11. no PROTOCOLLO (data) definitivo (scheda basata sulla Relazione Finale) validata dal status scheda proponente Valdarno Inferiore - Società della salute PROPONENTE con i Comuni di San Miniato e Santa Croce PROVINCIA PI sull

Dettagli

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Alimentazione e stato nutrizionale

Dettagli

COMUNE DI SAN DONATO MILANESE

COMUNE DI SAN DONATO MILANESE COMUNE DI SAN DONATO MILANESE Prevalenza passata e futura del sovrappeso nel mondo (adulti e bambini) Reproduced from the Organization for Economic Co-operation and Development. Lancet 2011;378:815-25

Dettagli

DIPARTIMENTO INTEGRATO DELLA PREVENZIONE

DIPARTIMENTO INTEGRATO DELLA PREVENZIONE DIPARTIMENTO INTEGRATO DELLA PREVENZIONE 17 SSD Epidemiologia ed Educazione Sanitaria Alimentazione e attività Fisica - SASA (Scuola alimentazione sport aria aperta) Questo intervento è proposto alle scuole

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI 1 Premessa Il determinismo degli incidenti stradali risulta in una particolare

Dettagli

Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano

Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano Premesso che il PNP individua tra gli obiettivi di salute la promozione di uno stile di vita attivo da

Dettagli

Il progetto Cuore - Alimentazione - Attività Fisica nella scuola

Il progetto Cuore - Alimentazione - Attività Fisica nella scuola Il progetto Cuore - Alimentazione - Attività Fisica nella scuola Pier Luigi Temporelli Fondazione Italiana per la lotta alle Malattie Cardiovascolari - ONLUS Sviluppo dell aterosclerosi Adattato da Stary

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2010/20. Distretto 2 ASIAGO

SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2010/20. Distretto 2 ASIAGO SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2010/20 /2011 Distretto 2 ASIAGO INDICE Progetto 1 Pensasicuro Progetto 2 Mangio a Scuola e non solo - Miglioramento della qualità nella ristorazione collettiva scolastica

Dettagli

Progetto di introduzione nelle scuole superiori della figura del mobility manager studentesco

Progetto di introduzione nelle scuole superiori della figura del mobility manager studentesco Progetto di introduzione nelle scuole superiori della figura del mobility manager studentesco Ipotesi di lavoro Un progetto di Legambiente, Euromobility, Fiab e movimento #salvaiciclisti Presentazione

Dettagli

Mangiar bene conviene

Mangiar bene conviene Mangiar bene conviene per investire in salute! Campagna nazionale di educazione nutrizionale per le famiglie promossa dai pediatri italiani Le premesse L obesità è una patologia multifattoriale Un bambino

Dettagli

SANI STILI DI VITA: ALIMENTAZIONE E MOVIMENTO

SANI STILI DI VITA: ALIMENTAZIONE E MOVIMENTO SANI STILI DI VITA: ALIMENTAZIONE E MOVIMENTO Perché il progetto L OMS (Organizzazione mondiale della sanità) ha sottolineato come, specie nei paesi industrializzati, siano le cosiddette malattie croniche

Dettagli

Progetto. Primo Soccorso a Scuola. A Scuola di Primo Soccorso

Progetto. Primo Soccorso a Scuola. A Scuola di Primo Soccorso Progetto Primo Soccorso a Scuola. A Scuola di Primo Soccorso Introduzione all organizzazione del sistema dell emergenza e ai gesti del primo soccorso per i docenti e gli studenti delle scuole della Liguria.

Dettagli

Piani di Sorveglianza Nutrizionale: risultati e prospettive. I dati del sistema di sorveglianza Okkio e HBSC 2010. M. Fridel

Piani di Sorveglianza Nutrizionale: risultati e prospettive. I dati del sistema di sorveglianza Okkio e HBSC 2010. M. Fridel Piani di Sorveglianza Nutrizionale: risultati e prospettive. I dati del sistema di sorveglianza Okkio e HBSC 2010 M. Fridel Bologna, 18 novembre 2010 OKkio alla SALUTE: Obiettivi Implementare, nelle diverse

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

AREA Stili di vita e lotta all obesità

AREA Stili di vita e lotta all obesità Bando Oscar della Salute 2012 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO AREA Stili di vita e lotta all obesità Titolo del Ente proponente Riguardiamoci il cuore - III edizione

Dettagli

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA COMUNICATO STAMPA SANITA : OGGI GIORNATA MONDIALE DELLA SALUTE DEDICATA ALLA SICUREZZA ALIMENTARE. LE INIZIATIVE DELLA REGIONE. OBESO IL 10% DEI VENETI TRA 18 E 69 ANNI. NELLA MEDIA NAZIONALE. MOLTO MEGLIO

Dettagli

«Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in

«Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in «Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in settori diversi da quello sanitario. Pertanto, gli interventi

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI L UNEBA vuole sottolineare che l ambiente è sempre più al centro delle strategie di sviluppo della comunità

Dettagli

Orientamento dei consumi ed educazione alimentare:

Orientamento dei consumi ed educazione alimentare: Bruxelles, 23.11.2007 Orientamento dei consumi ed educazione alimentare: - una strada da percorrere - TRENTINI Luciano - presidente presidente AREFLH - direttore CSO 1 Il quadro di contesto 2 L Organizzazione

Dettagli

Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit. obesità. Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia

Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit. obesità. Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit obesità Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia PERCORSO Linee operative del Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie del Ministero

Dettagli

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Le principali indicazioni emerse dal Rapporto Paolo Bono Nomisma Mercoledì 30 settembre 2009 CONI Comitato Olimpico Nazionale Italiano IL MERCATO DEI

Dettagli

I fattori di rischio sanitario legati al traffico

I fattori di rischio sanitario legati al traffico POSSIBILI AZIONI COMUNI PER IL MIGLIORAMENTO DEI DETERMINANTI AMBIENTALI E SOCIALI DI SALUTE I fattori di rischio sanitario legati al traffico LA MOBILITA SOSTENIBILE costruzione delle competenze per rendere

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS. Io vado a piedibus. ad Arcore

PROGETTO PIEDIBUS. Io vado a piedibus. ad Arcore PROGETTO PIEDIBUS Io vado a piedibus ad Arcore PREMESSA Il progetto vuole inserirsi nella famiglia dei progetti che mirano a migliorare la qualità della vita nelle nostre città attraverso la mobilità sostenibile

Dettagli

Tre regole base sulle corrette abitudini alimentari per prevenire sovrappeso e obesità

Tre regole base sulle corrette abitudini alimentari per prevenire sovrappeso e obesità Servizio Igiene Provincia di Oristano Ufficio Scolastico Provinciale degli Alimenti e Nutrizione Assessorato alle Politiche Sociali di Oristano Ufficio studi Tre regole base sulle corrette abitudini alimentari

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV Da MARZO Progetto FORMIUR CAF per il Miglioramento delle performance delle Istituzioni scolastiche. Migliora organizzazione COSA FA

Dettagli

A cura di. Azienda Sanitaria Locale n. 2 dell Umbria

A cura di. Azienda Sanitaria Locale n. 2 dell Umbria I dati epidemiologici per guadagnare salute Stato nutrizionale, abitudini alimentari e attività fisica A cura di Carla Bietta - Marco Petrella Azienda Sanitaria Locale n. 2 dell Umbria Edizioni AUS - 2009

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari

GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari Protocollo di Intesa tra il Ministro della Salute e il Ministro per le Politiche giovanili e le attività sportive Le iniziative da finanziare nell ambito

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE II Parte

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE II Parte Regione Campania Assessorato alla Sanità PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE II Parte In attuazione dell intesa Stato Regioni del 23 marzo 2005, atr.4 comma 1, lett.e) Allegato 2 1 Regione Campania TITOLO

Dettagli

La magia del cibo, scopriamo quanto l alimentazione è importante per il benessere.

La magia del cibo, scopriamo quanto l alimentazione è importante per il benessere. Le sane abitudini alimentari Bologna 10 marzo 2014 La magia del cibo, scopriamo quanto l alimentazione è importante per il benessere. Emilia Guberti UO Igiene Alimenti e Nutrizione Az. USL Bologna Sicurezza

Dettagli

Sovrappeso ed obesità nei figli di donne straniere: diffusione del fenomeno, abitudini alimentari e percezione delle madri

Sovrappeso ed obesità nei figli di donne straniere: diffusione del fenomeno, abitudini alimentari e percezione delle madri 12 Congresso SIMM Viterbo 10-13 ottobre 2012 II sessione: Gli immigrati di seconda generazione Sovrappeso ed obesità nei figli di donne straniere: diffusione del fenomeno, abitudini alimentari e percezione

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PERCORSI SICURI CASA-SCUOLA E PEDIBUS PREMESSO CHE:

PROTOCOLLO D'INTESA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PERCORSI SICURI CASA-SCUOLA E PEDIBUS PREMESSO CHE: Allegato A PROTOCOLLO D'INTESA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PERCORSI SICURI CASA-SCUOLA E PEDIBUS PREMESSO CHE: - l Amministrazione Comunale di Carbonera da alcuni mesi sta collaborando con l'istituto

Dettagli

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 3 Piano nazionale della prevenzione 2005-2007 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 13 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche Con l avvio del Piano nazionale della prevenzione è emersa

Dettagli

Il progetto vuole essere una risposta concreta delle Istituzioni Scolastiche e del territorio alle richieste legislative degli ultimi anni.

Il progetto vuole essere una risposta concreta delle Istituzioni Scolastiche e del territorio alle richieste legislative degli ultimi anni. DSA 2 il progetto distrettuale Istituti Comprensivi di Castellarano, Casalgrande, Rubiera, Baiso Viano, Scandiano Boiardo,Scandiano Spallanzani ( R.E) Istituto Superiore Gobetti di Scandiano Progetto Crescere

Dettagli

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale A. PARTE DESCRITTIVA Si richiede la conferma / aggiornamento dei dati riportati nelle analoghe caselle della scheda di

Dettagli

proposta di legge n. 455

proposta di legge n. 455 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 455 a iniziativa dei Consiglieri Busilacchi, D Anna, Badiali, Bugaro, Camela, Comi, Eusebi, Natali, Perazzoli, Pieroni, Zinni presentata in data

Dettagli

Bambini a Torino: aggiornamento 2011-12

Bambini a Torino: aggiornamento 2011-12 Bambini a Torino: aggiornamento 211- Il numero di soggetti sottoposti a valutazione dello stato di salute e di efficienza fisica abbinata al rilascio di idoneità alla pratica sportiva non agonistica ed

Dettagli

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein 57 Dipartimento Patologia delle Dipendenze 2 C. Olievenstein Circoscrizioni 6 e 7 Unplugged È un programma scolastico di prevenzione delle dipendenze,

Dettagli

Educazione alimentare

Educazione alimentare Università degli Studi di Torino Azienda Ospedaliera San Luigi di Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Dietetica e Nutrizione Clinica Educazione alimentare Classificazione: entità Indice di massa

Dettagli

Gli obiettivi specifici che ci siamo proposti sono stati:

Gli obiettivi specifici che ci siamo proposti sono stati: Relazione funzione strumentale area 3 Progetto educazione alla salute Anno scolastico 2012-2013 Istituto comprensivo Lercara Friddi-Castronovo di sicilia Prof. Grazia Madonia- Prof. Maria Lino Durante

Dettagli

Nutrivending e Promozione della Salute a scuola

Nutrivending e Promozione della Salute a scuola MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE VENETO UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BELLUNO Dirigente dott. Domenico Martino Nutrivending e Promozione della Salute a scuola JOB&Orienta,

Dettagli

T A V O L O P E R M A N E N T E S U L L A P R E V E N Z I O N E D E L L E D I P E N D E N Z E

T A V O L O P E R M A N E N T E S U L L A P R E V E N Z I O N E D E L L E D I P E N D E N Z E COMUNE DI PAVIA Assessorato Istruzione e Politiche Giovanili T A V O L O P E R M A N E N T E S U L L A P R E V E N Z I O N E D E L L E D I P E N D E N Z E Premessa L Assessorato Istruzione e Politiche

Dettagli

IPOTESI DI COLLABORAZIONE FRA ANCI E LA RETE ITALIANA CITTA SANE OMS

IPOTESI DI COLLABORAZIONE FRA ANCI E LA RETE ITALIANA CITTA SANE OMS IPOTESI DI COLLABORAZIONE FRA ANCI E LA RETE ITALIANA CITTA SANE OMS L adesione della Rete Italiana delle Città Sane OMS all ANCI, formalizzata nel 2006, rappresenta il segno e l occasione di una positiva

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

PREMESSE TECNICI CENTRI FITNESS UTENTI CONCLUSIONI

PREMESSE TECNICI CENTRI FITNESS UTENTI CONCLUSIONI PREMESSE TECNICI CENTRI FITNESS UTENTI CONCLUSIONI PREMESSE L iniziativa si è prefissa di tracciare una mappa dettagliata del settore del fitness nella Provincia di Padova, individuando esigenze, disponibilità,

Dettagli

Il programma guadagnare salute

Il programma guadagnare salute Ministero della Salute Il programma guadagnare salute Donato Greco Roma 6 12 2007 STRATEGIE INTERNAZIONALI Convenzione Quadro OMS per il controllo del tabacco 2003 Strategia Globale dell OMS su Dieta,

Dettagli

FABIO VERLATO COMUNE DI PADOVA PADOVA MEETEEN- GRANDI SI DIVENTA PREMESSA

FABIO VERLATO COMUNE DI PADOVA PADOVA MEETEEN- GRANDI SI DIVENTA PREMESSA FABIO VERLATO COMUNE DI PADOVA PADOVA MEETEEN- GRANDI SI DIVENTA PREMESSA La partecipazione ad attività extrascolastiche strutturate (organizzazioni sportive, culturali, politiche, di volontariato, giovanili),

Dettagli

LA CARTA D ISEO INDIRIZZI METODOLOGICI DELLA RETE DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE. Febbraio 2013

LA CARTA D ISEO INDIRIZZI METODOLOGICI DELLA RETE DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE. Febbraio 2013 Nei giorni 19, 20 e 21 Novembre 2012, a Iseo (BS), si è tenuto il Laboratorio Costruire la rete, prima iniziativa di formazione dei Dirigenti delle Scuole lombarde capofila provinciali della Rete delle

Dettagli

PROGETTO PREVENZIONE

PROGETTO PREVENZIONE PROGETTO PREVENZIONE VALLE BREMBANA ANNO 2010-2012 Indice Introduzione...1 Metodi di lavoro...1 Obiettivi generali...2 Obiettivi specifici...3 Azioni...4 Valutazione del raggiungimento degli obiettivi

Dettagli

PROGETTO VELA PER DISABILI

PROGETTO VELA PER DISABILI 2006 VELA PER DISABILI Entrarono tutti nell onda..gli altri surfisti lo seguirono zigzagando L onda più perfetta che avesse mai visto, prese ad avvolgerli lentamente arrotolandosi intorno a loro fino ad

Dettagli

PROGETTO INTERMINISTERIALE SCUOLA E SALUTE

PROGETTO INTERMINISTERIALE SCUOLA E SALUTE PROVINCIA AUTONOMA BOLZANO ALTO ADIGE INTENDENZA SCOLASTICA IN LINGUA ITALIANA SERVIZIO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE PROGETTO INTERMINISTERIALE SCUOLA E SALUTE Roma 22 giugno 2010 RISORSE DI RETE Ass. Prov.

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana Il Piano di Coordinamento degli Orari (PCO) Città di Avigliana Il Piano Coordinamento degli di Orari (PCO) * Introduzione * Il percorso per l elaborazione del PCO * Le fasi di lavoro * I temi e le azioni

Dettagli

Saggio breve IV D a.s. 2011/12 Salute,benessere e attività fisica. GALVANI-IODI DI RE DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA Attività sportiva e salute.

Saggio breve IV D a.s. 2011/12 Salute,benessere e attività fisica. GALVANI-IODI DI RE DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA Attività sportiva e salute. Saggio breve IV D a.s. 2011/12 Salute,benessere e attività fisica Il benessere fisico ci consente di vivere una vita sana,serena e spesso felice. Oggi il progresso tecnologico ha reso l uomo sempre più

Dettagli

Ti M.U.O.V.I.? Mobilità Urbana autonoma per giovani e bambini. Ti M.u.O.v.I.? Mobilità Urbana autonoma per giovani e bambini

Ti M.U.O.V.I.? Mobilità Urbana autonoma per giovani e bambini. Ti M.u.O.v.I.? Mobilità Urbana autonoma per giovani e bambini CIRC. USR Prot. 10204/p/c32 - Torino 30/10/2006 ALLEGATO 2 Progetto Pluriennale Ti M.u.O.v.I.? Orientamento verso forme di mobilità alternative e prevenzione del rischio stradale Interventi di Educazione

Dettagli

Catalogo dell offerta dei progetti di promozione della salute dell ASL TO4

Catalogo dell offerta dei progetti di promozione della salute dell ASL TO4 Catalogo dell offerta dei progetti di promozione della salute dell ASL TO4 Introduzione In un momento in cui diventa sempre più difficile conciliare le crescenti richieste di servizi sanitari con le risorse

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

ALLEGATO 15. Percorso pluriennale della scuola per la prevenzione delle difficoltà di apprendimento e supporto per gli alunni con DSA

ALLEGATO 15. Percorso pluriennale della scuola per la prevenzione delle difficoltà di apprendimento e supporto per gli alunni con DSA ALLEGATO 15 Percorso pluriennale della scuola per la prevenzione delle difficoltà di apprendimento e supporto per gli alunni con DSA 1. Premessa Il DSA, Disturbo Specifico dell Apprendimento, è un disturbo

Dettagli

La Polisportiva "INSIEME per SPORT La Società Polisportiva "Insieme per Sport" è nata nel maggio del 1995 all interno del Dipartimento di Salute Mentale dell ASL 3 Genovese, dall iniziativa di un piccolo

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it MEMORIA PER AUDIZIONE ALLA XII COMMISSIONE PERMANENTE (IGIENE E SANITÀ ) DEL SENATO L autismo è una sindrome di carattere

Dettagli

ACCOGLIENZA PER BAMBINE e BAMBINI ADOTTATI NELLE SCUOLE

ACCOGLIENZA PER BAMBINE e BAMBINI ADOTTATI NELLE SCUOLE ACCOGLIENZA PER BAMBINE e BAMBINI ADOTTATI NELLE SCUOLE Linee guida per genitori ed insegnanti Conoscere per accogliere I minori adottati nella provincia di Bolzano 478 negli ultimi 10 anni 30 nuove adozioni

Dettagli