I Facoltà di Medicina e Chirurgia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Facoltà di Medicina e Chirurgia"

Transcript

1 I Facoltà di Medicina e Chirurgia Master in Funzioni di Coordinamento nell Area Radiodiagnostica, Radioterapia e di Medicina Nucleare Direttore Prof. Giuseppe Potente EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Candidato Rosa Anna Maria Fiorentino Relatore Chiar.mo Dott. A. Fasciolo A/A2007/2008

2 INDICE Introduzione pag 1 I Capitolo: Comunicazione, direzione, supervisione Coordinamento pag 2 Comunicazione pag 3 Direzione pag 7 Leadership pag 8 Supervisione pag 11 Coordinamento pag 13 Tutoraggio pag 14 II Capitolo: L ingresso in azienda del personale...pag 21 Reclutamento pag 21 Selezione pag 22 Accoglimento pag 23 Inserimento pag 26 Raffreddamento delle conflittualità,counseling....pag 31 I

3 III Capitolo: La gestione delle risorse umane: la turistica.. pag 33 Fattori che influenzano la gestione dei turni.... pag 33 Classificazione dei turni pag 35 Stesura dei turni pag 36 Sistemi di progettazione e gestione dei turni....pag 37 IV Capitolo: Valutazione del personale.....pag 38 Valutazione dei meriti pag 40 Valutazione delle prestazioni......pag 41 Errori universali di valutazione......pag 43 V Capitolo: Il sistema premiante......pag 44 V I Capitolo: Lo sviluppo del personale....pag 46 VII Capitolo: Conclusioni pag 48 Bibliografia pag 49 Ringraziamenti pag 52 II

4 INTRODUZIONE Lo scopo di questo lavoro sarà quello di descrivere a grandi linee il ruolo del coordinatore/dirigente TSRM nella gestione delle risorse umane e soprattutto del suo modo di comunicare in seno ad una azienda sanitaria pubblica. La prima parte della trattazione sarà dedicata,ovviamente alla definizione prettamente letterale dei termini comunicare,dirigere,supervisionare e coordinare, cercando di ricavare un profilo professionale delle suddette figure e del loro modo di comunicare. Porremo inoltre attenzione al ruolo del tutor. Si passerà successivamente al delicato argomento della gestione delle risorse umane intendendolo come processo che inizia con il reclutamento e finisce con l archiviazione della pratica personale dopo la cessazione del rapporto di lavoro. Verranno dunque trattati argomenti riguardanti l ingresso in azienda con particolare riferimento al reclutamento, la selezione, l accoglimento, l inserimento; gli aspetti quantitativi della gestione delle risorse umane con particolare riferimento alla turistica ; la valutazione del personale; il sistema premiante e lo sviluppo del personale. In realtà il processo di gestione delle risorse umane inizia prima del reclutamento attraverso due fasi fondamentali: la prima rappresentata dalla definizione delle politiche sul personale nel piano strategico aziendale; la seconda consiste nell esplicitazione degli obiettivi annuali/triennali per la programmazione, di quelli di produzione ed il relativo fabbisogno. Questi ultimi due punti, benché di notevole importanza, non saranno oggetto di discussione in questo lavoro. 1

5 I - COMUNICAZIONE, DIREZIONE, SUPERVISIONE E COORDINAMENTO. Le decisioni che il dirigente assume da solo o in gruppo, in base all autorità che gli è riconosciuta, vanno a costituire quattro attività fondamentali: - Comunicazione; - la direzione; - la supervisione o controllo dell operato dei collaboratori; - il coordinamento, consistente nel portare a sintesi unitaria gli sforzi di più persone. Non si deve pensare che la direzione compete in esclusiva a chi riveste il ruolo di dirigente e il coordinamento a chi ha quello di coordinatore. Il buon funzionamento dell organizzazione richiede che le due attività, unitamente alla supervisione, siano svolte da entrambe le figure anche se in misura e in forme diverse. 2

6 Comunicazione Comunicare: Far partecipe, rendere comune ad altri, dividere insieme Rendere noto, palesare,conversare, manifestare, far comune i propri Sentimenti e pensieri, aver contatto,relazione N. Zingarelli, Vocabolario della lingua italiana Già a livello di semplice definizione ci rendiamo conto che l azione del comunicare non è un azione semplice ma più esattamente un processo di azioni diverse e correlate fra di loro. Non si tratta infatti solo di rendere noto qualcosa a qualcuno, ma anche di aver contatto, relazione con questo qualcuno. Il processo comunicativo avviene tra il trasmittente e il ricevente il quale,dopo aver decodificato e interpretato il messaggio ricevuto,fornisce una risposta,per far ciò si pone egli stesso come trasmittente,restituendo un messaggio. Quindi come espresso dal dizionario comunicare è trasmettere e ricevere informazioni (messaggi) strutturate in un codice attraverso un canale. Emittente Messaggio Ricevente Questo è dunque lo schema di base di ogni forma di comunicazione. Emittente e ricevente sono i soggetti del processo comunicativo. Il messaggio è l oggetto dello stesso processo ed è costituito da un insieme di informazioni di base ( 3

7 parole, immagini) che strutturate in un certo modo ( codice) formano i contenuti della comunicazione. Il processo di comunicazione prevede l esistenza di:in emittente che invia il messaggio;un mezzo che,nelle comunicazioni verbali,è la parola;un canale acustico o visivo;il codice del significato che il suono emesso ha per i due attori del processo;la percezione del segnale che corrisponde alla presa di coscienza del ricevente;la decodificazione del segnale,cioè l interpretazione del segnale in funzione di codice;il feedback,ovvero il controllo della corretta percezione e decodificazione del messaggio emesso. Il codice dunque può essere definito come la modalità di espressione del messaggio (lingua, gesti). Il codice svolge il compito di sintonizzazione tra emittente e ricevente: solo se entrambi i soggetti del processo di comunicazione sono a conoscenza del codice usato si rende possibile la decodifica del messaggio, quindi la realizzazione di un processo comunicativo completo. Ogni disciplina, ogni scienza, ogni cultura specifica ha un proprio codice. Quando parliamo di canale intendiamo il mezzo attraverso il quale inviamo il messaggio strutturato; per esempio, quando parliamo con qualcuno comunichiamo il nostro messaggio strutturato nel codice lingua italiana. Un elemento di fondamentale importanza nei processi di comunicazione è il feedback, cioè il nutrimento di ritorno o il rinforzo, quando nell analisi di un processo 4

8 Emittente messaggio ricevente si giunge a definire una dimensione circolare, dove non si è mai solo emittenti o riceventi, ma entrambi i soggetti contemporaneamente. MESSAGGIO EMITTENTE RICEVENTE FEEDBACK In effetti quando parliamo con qualcuno inviamo al nostro interlocutore una serie di stimoli (fisici e psichici) che provocano in lui una serie di reazioni (movimenti del corpo, espressioni del viso, richieste verbali, silenzi) che a loro volta si trasformano in ulteriori stimoli per noi, inducendoci a nuove reazioni e così via Questo processo circolare, per cui si è sempre nel medesimo tempo sia emittenti che riceventi, appare assolutamente evidente nei processi di comunicazione a due vie, quando cioè i due soggetti usano uno stesso canale comunicazionale nei due sensi (quando cioè è possibile il feedback); lo è meno nei processi di comunicazione ad una via dove chi emette un messaggio lo fa attraverso un 5

9 canale a senso unico che non permette al ricevente di poter inoltrare immediatamente le sue informazioni di ritorno ( per esempio, radio e TV non permettono agli ascoltatori di inserirsi direttamente nel processo di comunicazione, ma solo con un certo ritardo e attraverso canali diversi come il telefono, gli indici di ascolto e gradimento, lo share, ecc). L attività o l inattività,le parole o il silenzio,tutto ha valore di messaggio:non è possibile non comunicare. Che sia verbale(messaggio,tono della voce,timbro della voce,l intonazione,il ritmo..) o non verbale(gesto,sguardo,movimenti del corpo,distanza..) noi comunichiamo continuamente. Una squadra che comunica bene lavora con una qualità che produce risultati ottimali. Non è necessario che ognuno di noi diventi un comunicologo è importante sviluppare una cultura del confronto e della relazionalità. Fai in modo che il tuo discorso sia migliore del tuo silenzio (Dionigi il Vecchio). E possibile che il messaggio non arrivi a destinazione ma ciò non significa che sia inutile inoltrarlo (Segati). 6

10 Direzione Dirigere significa indicare e prescrivere ai collaboratori la via da percorrere in merito ai risultati da ottenere, ai fattori produttivi da impegnare e al modo in cui utilizzarli; significa anche fare in modo che i collaboratori agiscano secondo le direttive ricevute. Questa attività richiede da parte del dirigente una chiara visione degli scopi da realizzare, la conoscenza delle capacità e della motivazione dei collaboratori e la valutazione del costo (in tempo ed energie) della via prescritta. Gli strumenti con cui la direzione si esercita sono diversi; ordini, politiche, procedure, regole, standard e così via. Il leader dallo stile autocratico, specialmente se dirige un gruppo di collaboratori che hanno un atteggiamento dipendente, predilige gli strumenti più autoritari come gli ordini e le regole minuziose: a prescindere dallo stile i primi sono particolarmente adatti a situazioni di urgenza, le seconde a compiti abbastanza semplici da definire. Il leader tendenzialmente democratico che guida professionisti che apprezzano l autonomia preferisce altre forme di espressione della propria autorità (per es. linee guida), adatte specialmente se le attività e le situazioni sono complesse. Nelle odierne aziende sanitarie è opportuno, di norma, che i veri e propri ordini siano pochi; è di gran lunga preferibile un processo di informazione, comunicazione e scambio di idee che, in molti casi, può consentire di arrivare a conclusioni comuni. Un altra scelta consigliata di frequente è quella di definire in termini ampi alcune politiche, all interno delle quali un gruppo maturo ha un ampio spazio di autogestione. E comunque necessario non creare confusione nei collaboratori, i quali, se non sapessero a quali direttive ispirarsi potrebbero 7

11 sentirsi costretti ad analizzare ogni gesto e ogni parola del dirigente per capirne gli obiettivi, le intenzioni o addirittura l umore. Uno strumento di direzione è l ordine di servizio. Si tratta di un atto amministrativo mediante il quale un soggetto, sulla base di una propria potestà di supremazia, fa sorgere a carico di un altro soggetto obbligato un particolare dovere di condotta positiva (comando) o negativa (divieto). L inosservanza esporrebbe il soggetto obbligato, nell ambito dell ordinamento giuridico, alla consumazione di un infrazione disciplinare, con conseguente comunicazione di una sanzione. Leadership La Leadership è la capacità di stimolare gli altri nel tentativo di indirizzarli verso uno scopo o il cambiamento. La Leadership scaturisce dall efficacia nell attuare alcuni comportamenti accurati per rispondere ai bisogni che si evidenziano in una determinata situazione. Non esiste un unico modo migliore, o un insieme ottimale di comportamenti, per una leadership efficace. Sebbene certi tratti della personalità siano più comuni nei leder che in altri, non è stato trovato un singolo raggruppamento di aspetti che identificano un leader. Sebbene molti leader siano coraggiosi, ottimisti, assertivi, decisi, logici, riflessivi e innovativi, anche alcuni subordinati possiedono queste caratteristiche. L efficacia di un leader non dipende solo dalle sue caratteristiche, abilità e comportamenti, ma anche delle caratteristiche dei gregari, della relazione fra 8

12 leader e subordinati e da altri fattori legati alle situazioni,fra cui la condivisione degli scopi e degli obiettivi. I programmi o gli interventi messi in atto con le migliori intenzioni possono risultare inefficaci a causa dei costi imprevisto degli effetti secondari. I leader di successo hanno conoscenze sufficientemente approfondite degli aspetti economici dell assistenza sanitaria, così che le loro decisioni considerano una vasta gamma di conseguenze. Una leadership efficace si ha quando una persona con la migliore combinazione di caratteristiche della personalità e di abilità utilizza comportamenti appropriati per la circostanza. I leader sono spesso descritti attraverso lo stile di leadership che adottano in modo dominante. Gli stili di leadership descrivono come il leader interagisce con gli altri: ciò riflette i suoi tratti, i suoi valori, le sue abilità ed i suoi comportamenti. - LA LEADERSHIP DIRETTIVA descrive un leader che prende tutte le sue decisioni e poi le comunica ai subordinati che le eseguono. Il leader direttivo non coinvolge i subordinati nel problem solving, nelle discussioni o nel decision making. Questo tipo di leadership è chiamato anche autoritario o autocratico. - LA LEADERSHIP PARTECIPATIVA chiamata anche democratica è completamente opposta. Il leader partecipativo 9

13 coinvolge i suoi subordinati nella decisione degli obiettivi, nel problem solving e nel decision making. Questo coinvolgimento sancisce l importanza dei subordinati nel raggiungimento degli obiettivi e dell efficacia dell organizzazione, e promuovere un senso di controllo del singolo individuo sulla situazione. Per essere efficace, un leader partecipativo deve possedere anche una grande abilità nella gestione dei processi di gruppo. Leadership direttiva Leadership partecipativa USO DELL AUTORITA DA PATRE DEL LEADER AREA DI LIBERTA PER I SUBORDINATI Il leader prende decisioni e le annuncia, il leader presenta idee ed invita a fare domande, il leader propone decisioni suscettibili di cambiamenti, Il leader presenta problemi, riceve suggerimenti, prende decisioni, Il leader definisce i limiti; chiede al gruppo di prendere decisioni, Il leader permette ai subordinati di agire nei limiti definiti dal superiore. 10

14 Supervisione La supervisione si esplica attraverso il controllo del lavoro dei subordinati, del quale valuta l adeguatezza allo scopo di approvarlo o di correggerlo. Anche se può suscitare un certo livello di ansia in entrambi, una supervisione adeguata non mira a punire l operatore le cui prestazioni sono insoddisfacenti, bensì a correggerlo e a sviluppare la competenza. L intensità di questa attività sui dettagli del lavoro è variabile e dipende da fattori quali il n di persone che un dirigente è chiamato a controllare, il suo stile di leadership, le caratteristiche dei dipendenti, la complessità del lavoro, i rischi ai quali i clienti andrebbero incontro in caso di prestazioni inadeguate ecc. A titolo di esempio un tsrm all inizio della carriera richiede una supervisione assai più stretta di un tsrm esperto e consapevole della propria autonomia professionale; un gruppo di operatori che ha condiviso la predisposizione di standard e protocolli ha bisogno di un controllo meno diretto di un altro che è abituato a lavorare essenzialmente sulla base di disposizioni impartite momento per momento. Data la sua delicatezza e le difficoltà e i conflitti a cui può dare origine la supervisione non può essere esercitata in modo arbitrario ma sulla base di standard di prestazione il più possibile espliciti. L approccio alla supervisione oggi maggiormente raccomandato è quello dell allenatore (coach) che sviluppa le capacità del singolo in funzione della squadra e stimola i giocatori a livelli di prestazioni sempre più elevati. Un buon allenatore fornisce al tempo stesso obiettivi da raggiungere, motivazioni per perseguirli, regole a cui attenersi e supporto nella soddisfazione dei bisogni personali degli operatori. Egli conosce a fondo i propri collaboratori, sa quali 11

15 sono le leve per mantenere alto il loro morale e come aiutarli a esaminare le proprie carenze e sfruttare ogni opportunità di miglioramento. Le tecniche utilizzabili per la supervisione sono diverse: o lavorare insieme al subordinato qualche ora al giorno per alcuni giorni in modo da offrirgli dimostrazioni, guida e supporto; o osservare determinati comportamenti e poi discuterne con l interessato; controllare a intervalli regolari certe sue attività, per es. come provvedere alla documentazione dell assistenza. Tale processo deve essere caratterizzato dall equità e dalla trasparenza, le regole devono essere uguali per tutti e conosciute sin dall inizio. La correzione, quando occorre, deve far riferimento a fatti, circostanze e comportamenti definiti. Il dirigente deve spiegare direttamente all operatore in questione, sulla base di standard, linee guida, protocolli ecc., che cosa deve modificare nei suoi comportamenti e quali possono essere le conseguenze se non lo farà. E importante che il dirigente non fornisca solo correzioni e ammonizioni, ma che dimostri anche il proprio apprezzamento per il lavoro ben fatto, poiché questo contribuisce a mantenere elevata la motivazione dei collaboratori. L esercizio della supervisione può portare all individuazione di comportamenti che al tsrm dirigente appaiono violazioni di doveri potenzialmente passibili di sanzioni disciplinari: in casi del genere occorre rispettare rigorosamente la procedura prevista. Quando deve svolgere colloqui particolarmente delicati, anche dal punto di vista giuridico, occorre che il tsrm dirigente sia affiancato da un collega che all occorrenza possa testimoniare sulla correttezza del suo comportamento. Una 12

16 forma particolare di supervisione è rappresentata da una sistematica valutazione del personale, argomento che verrà trattato successivamente. Coordinamento Lo scopo di questa attività è di consentire ai membri di un gruppo di lavorare insieme in maniera armoniosa. Ha un valore essenziale perché, se l azione di tutti gli operatori non converge sugli stessi obiettivi istituzionali, i loro sforzi possono rischiare di disperdersi in direzioni differenti. Questa esigenza è particolarmente forte laddove l attività è complessa, la tecnologia è sofisticata e i professionisti sono altamente specializzati, poiché queste condizioni rendono più difficile la comunicazione reciproca e la consapevolezza di operare per finalità comuni. In una certa misura il coordinamento, così come la direzione, compete a tutte le figure manageriali. Coordinare significa a volte definire i confini dell attività di un professionista affinché non invada lo spazio di un altro; in altri casi implica la necessità di accelerare lo svolgimento di certe attività e di rallentare lo svolgimento di altre affinché tutte mantengano lo stesso passo; in altre situazioni ancora, consiste nel distribuire i compiti all interno di un gruppo. In linea generale il coordinamento si ottiene meglio assicurando informazione e partecipazione piuttosto che adottando un comportamento autoritario: gli strumenti tipici di questa attività non sono pertanto gli ordini, ma la conversazione faccia a faccia, le riunioni e le forme di comunicazione scritta come le proposte da discutere in gruppo, le relazioni, le linee guida, i protocolli e così via. 13

17 Tutoraggio Un altra figura è emersa nella nostra professione ed è quella del tutor,figura ancora poco conosciuta e della quale si stanno delineando pian piano i compiti. La parola tutor ha oggi molti significati che rimandano alla relazione di aiuto in ambito educativo e formativo. L interpretazione che spesso gli studenti danno è quella del personal trainer:una sorta di allenatore delle loro competenze cognitive e relazionali nella prospettiva di un miglioramento complessivo della loro performance in ambito accademico. Uno dei significati che meglio esprimono il ruolo e l attività di un tutor personale è quello che si riferisce alla specificità della relazione che mira A promuovere nello studente il pieno sviluppo della sua persona,aiutandolo ad investire nel miglior modo possibile le sue capacità,presentandogli numerose prospettive di sviluppo,insegnandogli a gestire i momenti di tensione e di stress,offrendogli nei momenti di crisi la possibilità di aprirsi con piena fiducia. Si tratta di un azione con caratteristiche di globalità e complessità,perché risponde non solo a obiettivi cognitivi e meta cognitivi,ma anche a obiettivi di natura affettiva ed emotiva,senza mai perdere di vista che lo studente deve imparare a risolvere autonomamente i suoi problemi,prendendo le opportune decisioni. Perchè una così ricca di implicazioni raggiunga almeno alcuni degli obiettivi che si propone,è necessario un periodo di reciproco adattamento tra tutor e tutorato per conoscersi e rispettarsi reciprocamente,per aver fiducia e per impegnarsi chiaramente e concretamente su obiettivi di una certa complessità che lo studente non è in grado di raggiungere da solo in un tempo ragionevolmente breve. Il tutor deve vedere nello studente 14

18 l ambizione positiva di chi vuol raggiungere mete ardue,e il tutorato deve riconoscere nel suo tutor la persona giusta,che gli consenta di realizzare ciò che desidera in modo consapevole. Dedicare spazio a creare questa relazione,a caratterizzarla in modo opportuno,è un impegno che tutor e tutorato condividono con piena responsabilità. Per uno studente potersi avvalere della collaborazione di un tutor è un opportunità di grande rilievo.la mentalità liceale,pur con le nuove caratteristiche legate a cambiamenti istituzionali e socioculturali,sollecita a studiare con scadenze a breve termine già fissate,mentre l ingresso lascia molti studenti in uno stato di libertà quanto a ritmi e a progetti di studio. La qualità di un tutor personale si misura dall efficacia della relazione che instaura con gli studenti di cui si occupa,ma la premessa essenziale e che sia un buon professionista,una figura da prendere come modello per una persona che muove i suoi primi passi nell ambito professionale.il tutor è una persona che si interessa degli altri,accessibile e disposta a farsi conoscere dal suo tutorato,grazie anche ad una buona dose di empatia che gli permette di apprezzare le differenze tra gli studenti,le loro motivazioni e i loro stili di vita. E capace di fare delle buone domande e di fornire delle buone risposte,cercando punti di contatto efficaci con il suo tutorato. Il tutor ha esperienza nella formazione degli studenti,per cui ne rispetta la libertà e ne apprezza la determinazione nel voler affrontare autonomamente i loro problemi,offrendo loro un costante feedback,ma senza cercare di sostituirsi o di manipolare i loro programmi e le loro decisioni. Non si scandalizza davanti a certi aspetti dell ignoranza degli studenti e ne approfitta per rilanciare programmi di life long learning habitus,che aiutino lo 15

19 studente a fare della studisitas uno stile di vita. Pensa molto ai suoi tutorati anche quando non è con loro,riflette sui loro problemi,cerca delle spiegazioni,formula delle ipotesi e condivide tutto ciò con ciascuno di loro,aspettando il momento migliore per farlo. Sa incoraggiare i suoi tutorati ad aiutarsi(to help them selves),ma anche a mettersi in gioco per aiutarsi tra di loro. Li stimola a creare una rete di aiuto reciproco,che inizialmente passa attraverso di lui,ma che gradatamente diventa sempre più autonoma e autogestita. Un buon tutor è consapevole che il miglior modo per formarsi e per imparare a fare il tutor è quello di supportare i suoi studenti,uno ad uno,ciascuno con le proprie peculiarità. Paradossalmente il miglior tutor di un tutor è lo studente stesso,che mettendo in evidenza i propri progetti e le proprie difficoltà,sollecita l aiuto del tutor, e mobilizza le sue migliori risorse:è ben difficile,infatti,sottrarsi alle richieste di un collega più giovane,nel quale è facile ritrovare un po delle proprie ansie e delle proprie preoccupazioni dei proprie sogni. Aiutando lo studente più giovane,il tutor è sollecitato a riflettere su se stesso,sul proprio percorso formativo,in un certo senso a prendere coscienza della strada fatta e ha fondare un nuovo senso di sicurezza personale,nella speranza di riuscire ad essere di aiuto al collega giovane. Sempre grazie all aiuto del suo tutor,lo studente,può anche imparare a trasferire nelle sua vita privata questo tipo di apprendimento essenziale per affrontare i problemi e le difficoltà con cui inevitabilmente deve confrontarsi giorno per giorno. Il feedback che il tutor offre al suo tutorato,pur essendo orientato ad incoraggiarlo e a rafforzare la sicurezza personale,deve essere il più onesto possibile,per non ingannarlo con false evidenze,che cederebbero alla prima 16

20 verifica dei fatti. IL tutor deve essere attendibile ed affidabile,soprattutto quando dice cose che non sono immediatamente chiare per lo studente. E proprio la sua esperienza che gli permette di vedere oltre e di anticipare possibile conseguenze,a cui è necessario provvedere prima possibile. Le richieste dello studente non sono mai stupide e banali:la risposta ai suoi interrogativi può essere fondamentale per lui,per la sua curiosità intellettuale e per lo sviluppo dei suoi interessi futuri. Pazienza e buon umore sono qualità che non dovrebbero mai mancare ad un buon tutor,che accetta di essere messo in discussione dal suo tutorato,tollerando anche un contraddittorio di un certo rilievo,senza dimenticare che la sua principale qualità è quella di essere un buon professionista in ogni situazione e circostanza. Da tutto ciò si evince quanto è complesso il ruolo del tutor,quindi è una figura importante per lo studente. l sistema tutoriale dovrebbe contare su 4 tipologie di servizi,con cui formare una vera e propria rete di aiuto per gli studenti,soprattutto quelli in difficoltà,cercando di prevenire il disagio o cercando di intervenire il più tempestivamente possibile. 1)Servizio di orientamento in ingresso: si tratta di qualcosa che va oltre alla più necessaria attività di promozione che ciascun studente cerca. Il tutor,dopo un accurato colloquio con lo studente,lo indirizza secondo le sue capacità a ciò per cui è portato. 2)Attività di segretariato didattico:non è soltanto una struttura burocratica che verifica la corretta applicazione degli aspetti normativi e conserva i curricula 17

21 accademici degli studenti,per garantire nel tempo la loro spendibilità, ma da anche indicazioni chiare sui decreti rettoriali e presidenziali. 3)Servizi didattici in generale: valendosi del supporto dei docenti e della rete informatica rendono accessibili a tutti gli studenti l uso dei materiali didattici(dispense,lucidi,bibliografie video,ecc) 4)Servizio di counseling :con la collaborazione di esperti della formazione,di psicologi,di psichiatri,se necessario,gli studenti debbono poter analizzare forme di disagio che per intensità e complessità vanno oltre il livello di competenza che può essere richiesta ad un tutor. Alla luce di quanto sopra detto si evince cosa non compete al tutor:non è promotore del corso e non svolge attività di orientamento;non da informazioni che sono facilmente reperibili in una segreteria didattica;non offre un servizio di competenza psicologica,il suo compito è semmai individuare il disagio e incoraggiare lo studente al servizio di counseling; non realizza attività didattiche aggiuntive(distribuzione di appunti dispense,ecc)non tocca a lui il recupero dei debiti formativi accumulati nel tempo. Il tutor cerca di stimolare le capacità dello studente stimolandone lo spirito di iniziativa e autonomia,incoraggiandolo a contattare tutti i servizi di cui ha bisogno. Il tutor può aiutare lo studente a verificare di volta in volta se abbia impiegato tutti i mezzi per venire a capo delle sue difficoltà,per imparare ciò di cui ha bisogno,rivolgendosi all interlocutore giusto. Alla luce di tutto quello sopra detto ne concludiamo che ogni tutor dovrebbe contemplare per la propria attività i seguenti requisiti: 18

22 1)motivazione:voler fare il tutor,voler imparerà ad essere un buon tutor,come espressione dello spirito universitario o altro di chi vuole fare scuola e vuol fare da talent scout nel mondo dei giovani. 2)competenza specifica:possedere le conoscenze necessarie per poter sostenere il lavoro di apprendimento dello studente in relazione a precisi percorsi di vita. 3)competenza pedagogica: possedere e saper trasmettere abilità di studio,di autodeterminazione e di autoregolazione,senza mai perdere di vista la specificità dello stile cognitivo dello studente. 4)competenza didattica:saper individuare e focalizzare i problemi dello studente nello studio 5)capacità di dialogo:sapersi porre come modello,non tanto per le soluzioni individuate e applicate dallo studente,quanto per l impegno costante nella ricerca della medesima. 6)intelligenza creativa:saper presentare soluzioni alternative sollecitare lo studente a verificare le sue scelte con argomentazioni sempre più attendibili 7)intelligenza sociale:saper utilizzare tutti i servizi disponibili e saper insegnare allo studente a fare altrettanto. 8)oggettività:sapersi auto valutare e saper insegnare allo studente a fare altrettanto,mantenendo un sano e realistico ottimismo,legato anche alla capacità di porsi mete e obiettivi. 9)integrità morale:mantenere viva nello studente la forza delle proprie motivazioni a livello personale,anche quando insorgono difficoltà concrete che potrebbero indurlo a cedere o a transigere. 19

23 10)essere in grado di incrementare i livelli di autonomia e di partecipazione,stimolando nello studente una positiva preoccupazione per il bene comune. Il ruolo del tutor non è facile,ma dalla relazione con lo studente il tutor ricava energie intellettuali,emotive,morali ed organizzative che lo sollecitano a mettersi in gioco nell ambito di un rapporto fondato sulla reciproca fiducia,sulla stima e su una certa naturale gratitudine, la qualità e l impegno con cui il tutor svolgerà il suo ruolo rimarranno comunque circoscritti nei confini di una relazione interpersonale con lo studente. Nessun indicatore,per quanto sofisticato e ben scelto, potrà mai descrivere in modo esauriente la ricchezza della relazione di aiuto su cui si fonda la dinamica tutoriale. Tocca allo studente alimentare continuamente questo circuito virtuoso se vuole approfittarne nel miglior modo possibile 20

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente LA SFIDA EDUCATIVA Kenneth J. Gergen La mia proposta è che la principale sfida del sistema educativo del nostro secolo sia quella di sostituire la tradizionale

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli