collana di ambiente e ingegneria idraulica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "collana di ambiente e ingegneria idraulica"

Transcript

1 QaNAT collana di ambiente e ingegneria idraulica 1

2 Direttore Alessandro Peruginelli Università di Pisa Comitato scientifico Rudy Gargano Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Valerio Milano Università di Pisa Giuseppe Oliveto Università degli Studi della Basilicata Stefano Pagliara Università di Pisa

3 QaNAT collana di ambiente e ingegneria idraulica La collana accoglie sia lavori teorici che di carattere sperimentale condotti a termine in Laboratori Universitari, che vertono sulla tematica delle Sistemazioni Idrauliche e sulla progettazione e realizzazione di Manufatti Idraulici.

4

5 Alessandro Peruginelli Idrologia dei bacini urbani

6 Copyright MMXIV ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A B Roma (06) isbn I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: settembre 2014

7 a mia moglie

8

9 Indice 11 Capitolo I Generalità 27 Capitolo II Modelli idrologici 35 Capitolo III Ciclo idrologico 40 Capitolo IV Bilancio idrologico 45 Capitolo V Precipitazioni 72 Capitolo VI Deflussi superficiali e perdite idrologiche 77 Capitolo VII Correlazioni afflussi-deflussi 80 Capitolo VIII Idrogrammi 91 Capitolo IX Indice di infiltrazione 99 Capitolo X Tempo di corrivazione 121 Capitolo XI Metodo razionale 157 Capitolo XII Metodo SCS 188 Capitolo XIII Idrogramma unitario 246 Bibliografia 247 Problemi

10

11 3 Capitolo 1 Capitolo 1 Generalità Generalità 1-1 Introduzione 1-2 Fasi storiche dell Idrologia 1-3 Finalità di uno studio idrologico 1-4 Processo di urbanizzazione 1-1 Introduzione L Idrologia, letteralmente scienza dell acqua, può essere considerata (adottando la definizione che ne dà il Chow) come la disciplina scientifica che tratta ed indaga fenomeni e processi fisici essenzialmente naturali, quali il movimento, la distribuzione, la circolazione, la trasformazione, la raccolta e le variazioni chimico fisiche che subiscono le acque atmosferiche; quindi in particolare si interessa delle diverse fasi che caratterizzano l intero ciclo idrologico, ovvero il susseguirsi dei fenomeni dinamici che, nella pratica, prende in esame la complessa e multiforme modalità con la quale le precipitazioni sulla terra scorrono lungo gli alvei, si raccolgono nelle depressioni superficiali e negli invasi, si infiltrano nel sottosuolo e raggiungono gli acquiferi, arrivano a laghi ed oceani, per successivamente evaporare, condensare, precipitare e quindi rinnovare nuovamente il processo sopra sintetizzato. L idrologia è quindi una scienza interdisciplinare di carattere essenzialmente ambientale; spazia in vari settori, quali la idrometeorologia, la geologia, l idrogeologia e le acque sotterranee, i deflussi superficiali, i sistemi di drenaggio di un bacino, la potabilità delle acque di un sistema idraulico, le proprietà chimicofisiche delle acque, la statistica, la fluido meccanica. I tecnici che si interessano di idrologia sono ingegneri, geologi, informatici, statistici, architetti, agronomi, ambientalisti, naturalisti, e sono impegnati in attività quali la modellazione idraulica, la ricerca operativa, l ecologia, la progettazione di sistemi di smaltimento delle acque, la difesa dalle piene, la protezione dei litorali, la salvaguardia del territorio, l utilizzazione delle risorse idriche superficiali e sotterranee e le relative strategie di ottimizzazione, la gestione integrata della qualità e della quantità delle acque di drenaggio, i sistemi di impianti idraulici per la produzione di energia. In realtà l idrologia si interessa di fenomeni molto complessi, nei quali compaiono numerosi fattori e parametri legati tra di loro da correlazioni e connessioni logiche; per la comprensione di tali correlazioni si deve sovente fare ricorso a procedimenti di interpretazione e di simulazione mediante algoritmi, i quali, a loro volta, in numerosi casi possono essere esaminati e trattati solamente se si fa ricorso a teorie, tecniche e procedure matematiche avanzate e sofisticate. In ogni caso uno studio idrologico sarà ovviamente tanto più affidabile e conforme agli obiettivi da raggiungere quanto più correttamente e fedelmente viene rappresentato il fenomeno fisico da comprendere, esaminare e controllare. Occorre peraltro osservare e sottolineare che proprio la molteplicità e la varietà dei fenomeni idrologici rendono difficoltoso e problematico operare attraverso ragionamenti deduttivi rigorosi; inoltre l idrologia è una tipica scienza per la quale è indispensabile la osservazione, la raccolta, la classificazione, e l analisi dei dati storici, che è necessario elaborare ed interpretare caso per caso, dato che in generale ogni sito, studiato in termini idrologici, è unico per le sue specifiche e peculiari caratteristiche. Purtroppo, in genere, ogni analisi idrologica ha una valenza di natura solamente approssimata, che non può certificare ed assicurare una soluzione esatta del problema indagato; per esempio il processo di trasformazione afflussi-deflussi si basa su avvenimenti e fenomeni assai articolati ed in genere il suo esame è fondato, purtroppo, sulla elaborazione di dati disponibili poco numerosi e spesso fallaci, relativi a pochi casi indagati, per i quali è possibile fissare le correlazioni operative solamente con alcuni tra tutti i numerosi fattori che influenzano la trasformazione stessa. 11

12 4 In termini sommari la disciplina dell idrologia può essere affrontata da due diversi punti di vista: Ø ottica teorico-accademica (scientific hydrology); si tratta dell aspetto teorico dell idrologia, che, sulla base dei dati misurati e raccolti, sviluppa teorie esplicative dei fenomeni naturali esaminati; Ø ottica pratico-applicativa (engineering hydrology); si tratta dell aspetto attuativo e funzionale che si prefigge, sovente sulla base di considerazioni empiriche e anche sulla base delle teorie formulate nella fase teorica, di portare a soluzione i problemi pratici che si incontrano nella realtà. Il progettista ed il tecnico, che devono occuparsi di problemi idrologici, prendono in genere in esame l ottica pratico-applicativa e l analisi condotta a termine nel presente libro si prefigge fondamentalmente di sottolineare quali sono gli aspetti di natura ingegneristica della idrologia, soprattutto nell ambito specifico dei drenaggi urbani. Peraltro si deve notare che le problematiche, che si devono affrontare nella idrologia applicata, presentano, in termini molto schematici, un duplice aspetto, potendo assumere o un carattere progettuale o un carattere di esercizio; nella maggior parte dei casi i due aspetti si trovano combinati, dato che uno studio volto a fornire indicazioni di progetto e di dimensionamento relative, per esempio, allo studio ed alla realizzazione di un manufatto idraulico, è successivamente anche utile per controllare il funzionamento e l esercizio del manufatto stesso sotto le più varie condizioni operative. In ogni caso la progettazione idraulica e statica di numerose strutture di ingegneria civile da realizzare per raccogliere, convogliare, invasare, regolare, utilizzare le risorse idriche sia di superficie che sotterranee deve necessariamente prevedere un preliminare indispensabile studio idrologico; pertanto le reti di fognatura e di bonifica, i sistemi di drenaggio del territorio, i manufatti di invaso quali le dighe, le opere di regolarizzazione dei corsi d acqua quali le arginature, le traverse, i canali scolmatori, le difese di sponda, le vasche di laminazione vanno progettate e dimensionate solamente dopo che i valori critici dei parametri idraulici di proporzionamento sono stati definiti e valutati quantitativamente in seguito ad una indagine idrologica quanto più approfondita possibile. Quanto sopra osservato chiarisce che l idrologia tecnica non può limitarsi ad una analisi di tipo qualitativo, ma si deve prefiggere sia di fornire un strumento per valutare la fattibilità tecnico economica di opere spesso indispensabili per la salvaguardia del territorio, sia di ottenere soprattutto risultati di tipo quantitativo attraverso la misura e la valutazione di parametri quali portate, altezze di precipitazioni, velocità di deflusso, tiranti d acqua, tempi di corrivazione. In particolare, come meglio sarà sottolineato in seguito, assai spesso è chiamata a rispondere a domande connesse con l influenza e le ripercussioni che le attività umane e gli interventi sul territorio hanno sul ciclo idrologico, prendendo in considerazione gli eventi estremi e valutandone la frequenza di manifestazione o i relativi tempi di ritorno. 1-2 Fasi storiche dell Idrologia Nella pratica applicazione, per quanto sopra accennato, l idrologia è una scienza legata a molte differenti discipline, la quale si è sensibilmente evoluta nel tempo così da essere in grado di fare fronte ai problemi che sono insorti soprattutto come conseguenza dello sviluppo della urbanizzazione e dei processi di industrializzazione condotti a termine sul territorio. Il Chow (tecnico che ha dato un gran contributo alle scienze idrauliche in generale ed alla idrologia in particolare) ha cercato di sintetizzare in otto successive fasi lo sviluppo storico dell idrologia: fase di speculazione dalla antichità fino al 1400, lungo periodo nel corso del quale l idrologia non era certo una scienza, ma una interpretazione quasi di carattere filosofico e sciamanico della realtà e ci si interessava solamente dell aspetto pratico per realizzare manufatti in grado di sfruttare le risorse idriche, (peraltro già Teofrasto [300 A.C.] aveva intuito, anche se in maniera sommaria, la natura del ciclo idrologico e l architetto romano Vitruvio [100 B.C.] già asseriva che le falde erano alimentate dalle acque di pioggia, constatazione d altra parte non ovvia per un lungo periodo di tempo), 12

13 5 fase di osservazione, dal 1400 al 1600 circa, durante la quale, soprattutto con Leonardo, si cercava di esaminare e comprendere l essenza dei processi naturali, prendendo in considerazione ciò che si poteva constatare osservando i fenomeni spontanei, fase di misurazione dal 1600 al 1700 (soprattutto con Bernoulli e Chezy) nel corso della quale si è iniziato a rilevare dati in termini quantitativi, anche se con strumentazioni e macchinari molto grossolani e poco precisi, fase di sperimentazione dal 1700 al 1800 nel corso della quale l idrologia ha cominciato ad avere le caratteristiche di una disciplina scientifica in senso moderno, basata sulla ricerca e sulla sperimentazione, fase di modernizzazione dal 1800 al 1900 (soprattutto con studiosi come Hagen, Poiseuille, Darcy, Manning) nel corso della quale l idrologia ha iniziato a divenire una vera e propria scienza moderna basata e descritta da algoritmi matematici, fase di empirismo dal 1900 mal 1930 nel corso della quale (per opera di ricercatori come Green, Ampt, Hazen, Sherman) l idrologia ha iniziato a dare risposte di tipo quantitativo alla correlazione esistente tra afflussi e deflussi, fase di razionalizzazione dal 1930 al 1960 nella quale si è iniziato a cercare una sintesi tra l approccio matematico-scientifico derivato dalla fluidomeccanica classica e l approccio sperimentale ed empirico, fase di specializzazione e teorizzazione dal 1960 ad oggi; nel corso di tale fase, grazie all uso di computer con elevate capacità di memoria, al controllo satellitare, alla avanzata strumentazione elettronica e meccanica, alla facilità di accesso a strumentazioni informatiche, l idrologia ha potuto operare su larga scala giovandosi di precise metodologie di raccolta, tabulazione, memorizzazione, elaborazione dati. Ciò, in particolare, ha consentito la realizzazione di modelli matematici molto avanzati e sofisticati, in grado di descrivere sia in termini globali che per celle diffuse e capillari, la stragrande maggioranza dei fenomeni naturali connessi con il ciclo dell acqua ed in particolare ha permesso di calcolare le caratteristiche proprie degli idrogrammi di piena. 1-3 Finalità di uno studio idrologico Le finalità di uno studio idrologico sono, invero, molteplici ed assai varie; comunque si può in via preliminare osservare che gli scopi principali e di maggiore valenza, specialmente in un settore applicativo come quello dei drenaggi urbani, sono in genere i seguenti: determinazione della portata maxima di un bacino ed eventuale ricostruzione dell idrogramma di piena in corrispondenza della sua sezione terminale di chiusura, stima della frequenza e di conseguenza del relativo tempo di ritorno [T r ] del pluviogramma di progetto e della maxima intensità degli eventi meteorici, individuazione dei parametri indispensabili per la progettazione dei sistemi di smaltimento e allontanamento delle acque meteoriche e per il dimensionamento dei manufatti idraulici di drenaggio, regolazione e controllo, individuazione della natura e delle caratteristiche delle falde sotterranee e comprensione del ruolo che le acque sotterranee hanno sul ciclo idrologico, valutazione della potenzialità delle risorse idriche di un bacino ed indagine sulla loro eventuale pericolosità, previsione dell influenza che i processi di urbanizzazione hanno sulla qualità delle acque di un bacino. In termini molto semplificati l idrologia tecnica, che studia i deflussi urbani, è una disciplina che si basa su tre distinti gradini di conoscenza: v caratteristiche fisiografiche del bacino (forma, area ed estensione dei bacini, pendenza dei versanti, uso del suolo, permeabilità dei terreni ), 13

14 6 v caratteristiche pluviometriche degli eventi di pioggia (durata, intensità, distribuzione spaziotemporale), v leggi idrauliche di deflusso lungo superfici, depressioni, canali, collettori, alvei a pelo libero. Tali conoscenze fanno sì che, partendo dai dati di pioggia in INPUT e quindi in particolare dagli ietogrammi, grazie ad una funzione di trasferimento e trasformazione, che è legata alle caratteristiche del bacino ed alle leggi fisiche di formazione, propagazione ed invaso delle acque, si arriva a valutare in OUTPUT l idrogramma di piena. La funzione di trasferimento, che in sintesi consente di passare dallo ietogramma all idrogramma, è intimamente legata alle caratteristiche del bacino, le quali possono essere raggruppate in tre categorie: o o o caratteristiche geologiche e litologiche: intervengono sul fenomeno del trasporto solido, sulla infiltrazione, sullo scorrimento sotterraneo; caratteristiche della copertura vegetale: giocano sulla entità delle infiltrazioni (che aumenta con la vegetazione), sulla evapotraspirazione, sulla suddivisione tra scorrimento superficiale e scorrimento sotterraneo, sulla resistenza ai fenomeni erosivi; caratteristiche geografiche: pesano sul regime delle piogge, sulla entità della evaporazione e della evapotraspirazione, sul clima. Onde meglio fissare le idee sulla natura dell Idrologia è opportuno specificare alcune definizioni preliminari che verranno utilizzate nelle successive indagini idrologiche: Ø bacino di drenaggio: superficie complessiva, delimitata dalla linea spartiacque, che convoglia le acque di precipitazione in corrispondenza di una unica sezione terminale di chiusura, Ø evapotraspirazione: passaggio di fase dal liquido al vapore in corrispondenza delle superfici liquide degli invasi e fenomeno di traspirazione dalla vegetazione, Figura Ø frequenza di un evento: numero di volte che un particolare evento può probabilisticamente verificarsi in un prefissato intervallo di tempo (l inverso è detto tempo di ritorno [T r ] ), Ø idrogramma: rappresentazione grafica dell andamento delle portate defluenti in funzione del tempo (sulla Figura è indicato il tipico andamento di un idrogramma di piena, e sono messe in evi- denza le sue principali caratteristiche, Ø idrogramma unitario: idrogramma di volume unitario conseguente ad un evento pluviometrico di prefissata distribuzione temporale e spaziale, Ø ietogramma: diagramma che fornisce le altezze [h] o le intensità di poggia [i] in funzione del tempo [t], Ø infiltrazione: quota parte delle precipitazione che si infiltra nel terreno (in genere tale definizione è utilizzata in alternativa a percolazione), Ø intercettazione: acqua di precipitazione trattenuta dalla vegetazione, Ø invaso di depressione: spontaneo immagazzinamento dell acqua di precipitazione nelle cavità naturali o artificiali presenti sulla superficie del bacino, Ø perdite o sottrazioni: convenzionalmente si tratta delle acque di pioggia che non si trasformano in deflussi superficiali, ma si infiltrano nel sottosuolo, evaporano nella atmosfera e vengono intercettate dalla vegetazione, 14

15 7 Ø portata di base: parte dell idrogramma di piena, in genere nettamente individuabile, non riconducibile ai deflussi effettivi o diretti e quindi in genere corrispondente ai deflussi relativi a precipitazioni precedenti ed al regime di esaurimento del bacino, Ø pioggia effettiva o diretta: parte della precipitazione che si trasforma in deflussi, dopo che si è manifestata l intercettazione, l infiltrazione, gli invasi e l evapotraspirazione, Ø portata di picco: valore maximo della portata defluente nella sezione di indagine, Ø portata di progetto: portata maxima introdotta a base dei calcoli di proporzionamento dei vari manufatti idraulici di un reticolo di drenaggio (in genere tale portata deve essere contraddistinta da una frequenza ovvero da un tempo di ritorno), Ø saturazione del suolo: condizione di umidità del suolo all inizio dell evento di pioggia, in grado di condizionare i volumi di deflusso generati da un evento pluviometrico, Ø sezione di chiusura: sezione terminale dell alveo principale di drenaggio di un bacino dove si raccolgono i deflussi di monte, Ø sottobacino : parte interna e praticamente omogenea di un bacino più grande, Ø tempo di corrivazione (o di concentrazione): tempo necessario perché l acqua raggiunga la sezione terminale di chiusura dal punto del bacino idraulicamente più lontano; una ulteriore definizione (Figura 1-3-1) è quella che considera tale tempo come l intervallo di tempo compreso tra la fine dello ietogramma ed il punto di inflessione (dove cambia la pendenza) lungo la fase di recessione dell onda, Ø tempo di ritardo: tempo compreso tra il baricentro delle piogge effettive ed il colmo dell onda di piena, Ø tempo di sfasamento: tempo compreso tra il baricentro delle piogge effettive ed il baricentro della onda di piena, Ø volume di deflusso: area al di sotto dell idrogramma dopo la elminazione della portata di base. 1-4 Processo di urbanizzazione Nel corso degli ultimi due secoli il processo di urbanizzazione dei territori ha subito una brusca accelerazione, soprattutto in seguito alla Rivoluzione Industriale; se infatti nel 1800 solamente il 2% della popolazione mondiale viveva nelle città, tale percentuale diventava pari al 12 % nel 1900, fino a pervenire a valori superiori al 47 % nel 2000, e continua ad aumentare. Tale incremento ha avuto e continua ad avere sensibili ripercussioni ed influenze sul ciclo dell acqua e produce una forte sollecitazione sulle risorse idriche dell intero pianeta. Si deve inoltre sottolineare che in generale è proprio lo sviluppo dei piccoli bacini urbani che necessita di una specifica ed attenta indagine idrologica; in effetti, pur essendo assai numerosi gli studi volti ad esaminare il comportamento di tali bacini e pur essendo proprio tali bacini ad avere tratto i maggiori vantaggi dai progressi fatti dalla scienza idrologica nel corso della attuale fase di sviluppo e di specializzazione, si deve constatare che le catastrofi ed i disastri, conseguenti ad eventi di pioggia eccezionali di breve durata e forte intensità, che si susseguono nelle aree densamente abitate e industrializzate sono sempre più frequenti e più drammatici. Proprio il desiderio di studiare e comprendere il comportamento dei bacini urbani e la volontà di prevedere gli scenari futuri relativi alle potenziali condizioni di drenaggio di un territorio interessato dalla urbanizzazione hanno favorito e praticamente imposto lo sviluppo di una specifica branca dell Idrologia, che va sotto la generica denominazione di Idrologia dei deflussi urbani. Si sono così sviluppati specifici modelli concettuali in grado sia di valutare l impatto che l urbanizzazione ha sul reticolo di drenaggio di un territorio, sia di determinare la risposta che un bacino idrografico ha (in termini idraulici, geomorfologici, ambientali, ecologici, gestionali) quando viene sollecitato da interventi dell uomo altamente dirompenti. Lo spopolamento delle campagne, la migrazione dalle zone rurali alle aree metropolitane, le modifiche socio-economiche ed il sempre più marcato ed inevitabile sviluppo delle aree industriali, commerciali ed urbane sono tutti fattori che hanno avuto ed hanno tuttora una notevole influenza sul meccanismo del ciclo idrologico e sulle sue differenti componenti e contribuiscono in maniera assai pronunciata e radicale a variare la reazione con la quale i bacini idrografici rispondono agli eventi atmosferici; inoltre si deve tenere presente che le trasformazioni conseguenti ad un diverso uso del suolo colpiscono aree, ben al di fuori delle stesse zone urbanizzate, ubicate soprattutto a valle e purtroppo, nella grande maggioranza dei casi, è assai limitato o manca del tutto un attento monitoraggio, che sia in grado di rilevare quali siano i cambiamenti che un territorio subisce in conseguenza degli interventi umani. I tecnici hanno potuto constatare quanto siano preoccupanti, potenzialmente dannosi e spesso difficilmente prevedibili i cambiamenti delle caratteristiche naturali di un intero bacino in conseguenza di alterazioni e 15

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Comune di Potenza ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Task 3.3. Programma di formazione sullo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili 1 Indice

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Ingegneri & Geologi Associati

Ingegneri & Geologi Associati MODELLI IDRAULICI MONODIMENSIONALI Si riportano gli output forniti dal codice di calcolo Hec-Ras relativi al modello dello stato attuale e allo stato di progetto: per il primo si allegano La tabella con

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974)

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633 (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) Istruzioni per la progettazione delle fognature e degli impianti di trattamento delle acque

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava Ordine dei Geologi della Toscana Commissione Terre e rocce da scavo Firenze 09/12/2008 ORIGINE impianti di lavaggio degli inerti di

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI Dalla tecnica PSInSAR al nuovo algoritmo SqueeSAR : Principi, approfondimenti e applicazioni 30 Novembre - 1 Dicembre 2010 Milano Il corso è accreditato

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo Provincia di Torino Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria Servizio Pianificazione Risorse Idriche Regione Piemonte Direzione Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Economia Montana e Foreste Settore Pianificazione

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL TAVOLO TECNICO STATO REGIONI INDIRIZZI OPERATIVI

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE Pasquale DI DONATO Cos è il Metodo Speditivo? Controllo di attività comportanti rischi di incidente rilevante è regolato da:

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

REGIMAZIONE DELLE ACQUE IN ECCESSO

REGIMAZIONE DELLE ACQUE IN ECCESSO REGIMAZIONE DELLE ACQUE IN ECCESSO Interventi tecnici per regolare il deflusso della massa idrica eccedente (senza compromettere la costituzione di adeguate riserve idriche) Problemi In pianura: flussi

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino L esperienza di lavoro intorno ai fiumi, ed in particolare nel caso

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO Giovedì 25 Novembre 2010 Ex Infermeria dell Abbazia di Fossanova, Priverno (LT) Indicatori geomorfologici per la caratterizzazione

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

COMUNE DI MASSAFRA. Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti

COMUNE DI MASSAFRA. Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti COMUNE DI MASSAFRA Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti II Parte Tratto di monte del Patemisco e Gravine Madonna della Scala, Colombato e San Marco

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

MELFI. Città di Melfi

MELFI. Città di Melfi Comune di REGIONE BASILICATA PROVINCIA DI POTENZA MELFI Progetto per la realizzazione di una discarica per rifiuti speciali non pericolosi ed annesso impianto di trattamento da ubicarsi nel Comune di Melfi

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli