Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 Psichiatria e Psicoterapia (2011) 30, 4, UN CONTRIBUTO ALLA RICERCA SULLA DIFFERENZIAZIONE DEL SÉ E ALLE SUE IMPLICAZIONI IN AMBITO CLINICO Antonello Viola Introduzione Nell ambito del counselling psicologico e delle psicoterapie nel corso degli ultimi decenni si è creato un interesse crescente intorno all applicazione teorica e pratica della terapia dei sistemi familiari (Schneider et al. 1988). Secondo la cornice teorica dei sistemi familiari (Bowen 1976, Kerr e Bowen 1988, Minuchin 1984) gli individui si differenziano psicologicamente e funzionano in un contesto globale non isolato, bensì caratterizzato da relazioni significative con la famiglia, gli amici e altre figure relazionalmente importanti, che assumono un ruolo cruciale nel processo di strutturazione psicologica e di definizione del sé. Le stesse teorie sistemiche enfatizzano la natura socio-relazionale della vita psicologica individuale, e forniscono utili cornici concettuali esplicative per la comprensione del funzionamento psichico in una varietà di contesti culturali (Carter e McGoldrick 1999, Gushue 1993, McGoldrick et al. 1996, Neville e Mobley 2001). Tra i teorici dei sistemi familiari Bowen (1978) si è distinto per aver formulato una teoria sistemica intergenerazionale che tenta di spiegare il funzionamento individuale, rimarcando la funzione fondamentale e necessaria svolta congiuntamente e sinergicamente dalle capacità di autonomia e di legame emotivo per lo sviluppo della maturità psicologica e di un ottimale livello di adattamento personale (Carter e McGoldrick 1999, Kerr e Bowen 1988). In particolare, nella sua teoria, Bowen (1978) ha sviluppato e posto particolare enfasi sul concetto di Differenziazione del sé, concepita come dialettico anello di congiunzione tra due forze vitali, cioè comunanza/ connessione (o gregarietà) e indipendenza/autonomia, e in particolare come capacità matura di bilanciare il proprio funzionamento intellettivo ed emotivo, l intimità e l autonomia in contesti relazionalmente significativi. Lo stesso Bowen ha definito la differenziazione del sé come la facoltà di raggiungere un senso autonomo del sé armonicamente bilanciato, col mantenimento contestuale di legami stretti con altri significativi, e in particolar modo con la propria famiglia (Bowen 1978, Skowron 2004). A un livello intrapsichico, ma su un piano interpersonale, una matura differenziazione del sé comporta la capacità di regolare le proprie emozioni, confrontarsi costruttivamente con l esame attento delle situazioni, di sentirsi a proprio agio con i propri sentimenti, saper distinguere tra pensieri e sentimenti ed essere in grado di preservare la propria autonomia nel contesto di una profonda intimità con altri significativi (Bowen 1976, 1978; Skowron e Dendy 2004). Specificamente, sul piano intrapsichico una maggiore differenziazione del sé rende capaci di assumere una convinta Posizione dell Io nelle relazioni (ovvero, raggiungere la padronanza dei propri pensieri e sentimenti mantenendo una coerenza interiore) e di disporre di una completa consapevolezza delle proprie emozioni con una loro adeguata modulazione, apprezzando nel contempo l intimità e il legame con gli altri (Bowen 1978, Tuason e Friedlander 2000). Gli adulti più differenziati, a un livello fondamentalmente intrapsichico sono ritenuti essere maggiormente capaci di riflettere logicamente quando le circostanze lo richiedono, di percepire consapevolmente e modulare flessibilmente le loro emozioni, di fronteggiare più adattivamente l incertezza e l ambiguità, e di mantenere la calma nelle relazioni intime e anche in risposta all emotività degli altri (Bowen 1978, Kerr e Bowen 1988). Conseguentemente, maggiore è il SOTTOMESSO MAGGIO 2011, ACCETTATO LUGLIO

2 Antonello Viola livello di differenziazione del sé e più elevata sarà la capacità di distinguere tra processi di pensiero e quelli affettivo-emotivi, di modulare le emozioni forti e di ragionare chiaramente sotto stress (Bowen 1978, Skowron e Dendy 2004). Contrariamente, gli individui con una scarsa differenziazione del sé sono emotivamente reattivi, avendo notevole difficoltà a mantenere la calma in risposta all emotività degli altri (Bowen 1976, Kerr e Bowen 1988), e nelle situazioni di stress o d ansia pervasiva tendono ricorrentemente a dinamiche fusionali o alla chiusura emotiva con gli altri (Skowron e Friedlander 1998), data la difficoltà a mantenere un solido senso del sé nelle relazioni strette. Su un piano interpersonale una più elevata differenziazione del sé determina lo sviluppo di un senso del sé autonomo nel contesto di relazioni ad alta valenza emotiva. Gli individui meno differenziati spesso ricorrono a meccanismi interpersonali di regolazione della distanza e di distanziamento per gestire l ansia, mentre le persone più differenziate solitamente si sentono a proprio agio nell intimità e non ricorrono a manovre fusionali o di chiusura emotiva allo scopo di regolare la loro tensione interna (Kerr 1988, Skowron e Dendy 2004). Secondo il modello teorico di Bowen (1978) gli individui scarsamente differenziati che fanno ricorso a manovre fusionali con gli altri, spesso sono soverchiati dall ansia legata alla percezione reale o immaginaria della separazione da altri significativi, mentre coloro che ricorrono a meccanismi di chiusura emotiva tendono a reagire ansiosamente quando si trovino coinvolti in situazioni di intimità emotiva. In particolare la teoria dei sistemi familiari di Bowen (1978) sostiene che la famiglia ben differenziata consente ai suoi componenti il raggiungimento di più elevati livelli di differenziazione del sé, che a loro volta sarebbero legati a più bassi livelli d ansia e di sintomi di disagio psicologico, enfatizzando pertanto una forte correlazione positiva tra il livello di differenziazione del sé e il benessere psicologico. Negli ultimi decenni numerosi studi hanno verificato la validità di molti dei concetti e assunti della teoria di Bowen. Nell ambito della sua teoria egli inizialmente indicò quale unico sistema di misura della differenziazione il colloquio clinico approfondito e protratto per mesi e l interazione terapeuta-paziente, e l utilizzo di una scala di differenziazione del sé con intervallo di misura da 0 a 100, di cui comunque fornì poche linee guida che potessero aiutare i clinici a quantificare accuratamente questo costrutto psicologico. Per questo motivo la scala di differenziazione del sé di Bowen è sempre stata considerata uno strumento essenzialmente teorico (Miller et al. 2004). Da allora sono stati compiuti numerosi sforzi per sviluppare e validare strumenti adeguati di misura che potessero costituire un punto di riferimento sia nella ricerca che nella clinica: tra questi il Personal Authority in the Family System Questionnaire PAFS-Q (Bray et al. 1987) ha costituito un primo strumento statisticamente validato e largamente utilizzato nella ricerca per la verifica degli assunti della teoria di Bowen, pur tuttavia restando comunque uno strumento il cui utilizzo consente di misurare solo per via indiretta il livello di differenziazione del sé. Strumenti di misura più specifici e diretti per questo costrutto sono invece rappresentati dalla Haber s Level of Differentiation of Self Scale (1993) e il Differentiation of Self Inventory-DSI (Skowron e Friedlander 1998): il loro utilizzo è sfociato in un considerevole numero di studi che hanno testato molti dei concetti chiave del modello teorico di Bowen. In particolare, la ricerca empirica degli ultimi decenni ha evidenziato significative correlazioni tra i deficit nel processo di differenziazione del sé e il livello di disagio psicologico, confermando l ipotesi teorica di Bowen per cui gli individui maggiormente differenziati godrebbero di un più elevato adattamento psicologico e avrebbero meno problemi legati alla sfera della salute psicologica e fisiologica (Harvey et al. 1991, Peleg-Popko 2002, Skowron e Friedlander 1998, Tuason e Friedlander 2000, Skowron et al. 2003, Nancy et al. 2004). Le ricerche sulla differenziazione del sé hanno inoltre riscontrato associazioni significative di questo costrutto con deficit nelle abilità di coping e problem solving (Murdock et al. 1998, Nancy et al. 2004), correlazioni positive con la capacità di adattamento e negative con il livello di stress percepito (Nancy et al. 2004, 234

3 Differenziazione del sé e alle sue implicazioni in ambito clinico Skowron et al. 2004), correlazioni positive con l intelligenza emotiva (Gomes 2005), correlazioni negative con le difficoltà nelle capacità decisionali di carriera (Larson 1995, Larson e Wilson 1998), con il grado di conflitto coniugale (Kosek 1998, Skowron 2000), con le difficoltà di controllo volitivo (Skowron e Dendy 2004) e persino con un rischio potenziale d abuso fisico sui bambini (Skowron 2001, Skowron e Platt 2005). Per quanto concerne l ambito più specifico di verifica degli assunti teorici del modello di Bowen, la maggiore delle proposizioni teoriche secondo la quale la differenziazione del sé correlerebbe negativamente con l ansia cronica (Kerr e Bowen 1988) ha ricevuto una sostanziale validazione empirica (Haber 1993, Griffin e Apostal 1993, Maynard 1997, Skowron e Friedlander 1998, Tuason e Friedlander 2000): gli studi hanno altresì evidenziato un associazione significativa tra differenziazione-ansia e adattamento psicologico e soddisfazione coniugale (Haber 1984, Richards 1989, Skowron e Friedlander 1998, Skowron 2000, Lal 2007). Knauth et al. (2006), hanno condotto uno studio su un campione multiculturale di 161 studenti adolescenti, ottenendo risultati che supportano il modello teorico boweniano e che mostrano che la differenziazione del sé costituisce un importante fattore cognitivo che consente agli adolescenti di gestire l ansia cronica e li rende più forti nell utilizzo di strategie di problem solving, determinando così un minore coinvolgimento in comportamenti a rischio e aumentando il coinvolgimento scolastico. Alcuni studi di Peleg (2002, 2005) hanno riscontrato una correlazione negativa tra il livello di differenziazione del sé familiare e l ansia sociale dei suoi componenti, e tra il livello di differenziazione dei genitori e il livello d ansia sociale dei figli. In particolare, recentemente Peleg et al. (2006) hanno condotto un interessante ricerca riscontrando una significativa correlazione negativa tra il livello di differenziazione del sé di un campione di madri e il grado d ansia da separazione esibita dai loro bambini nel processo d adattamento alla scuola materna. Inoltre, la ricerca empirica ha generalmente sostenuto l ipotesi boweniana del legame tra differenziazione e benessere psicologico e fisiologico, riscontrando correlazioni significative tra la diffenziazione del sé, disfunzioni comportamentali e benessere psicologico su campioni di soggetti adulti (Bowen 1976, 1978; Kerr e Bowen 1988; Haber 1993; Bohlander 1995, 1999). In particolare Skowron e Friedlander (1998) hanno riscontrato una relazione significativa tra il livello di differenziazione e la sintomatologia psicologica, con risultati di differenziazione (misurati con la scala DSI, Differentiation of Self Inventory di Skowron e Friedlander) che spiegavano il 42% della varianza dello stress psicologico sul campione in studio. Analogamente in un altro studio Tuason e Friedlander (2000) riscontrarono una correlazione significativa tra DSI e livelli di disagio psicologico, valutati con il Global Severity Index della scala SCL-90 (Symptom Check List-90, di Derogatis), su un campione di 306 soggetti filippini adulti: gli autori hanno altresì riscontrato l applicabilità transculturale del concetto di differenziazione del sé (supportando l ipotesi di universalità della teoria di Bowen) e una sensibile correlazione negativa tra differenziazione e disagio psicologico. Elieson e Rubin (2001) hanno trovato una correlazione significativa (-0,51) tra DSI e depressione, valutata con il Beck Depression Inventory, su un campione di 301 soggetti adulti, apportando ulteriore sostegno alla teoria di Bowen. Successivamente Skowron et al. (2003) hanno confermato la correlazione tra la differenziazione e la condizione di benessere psicologico, valutata con il Life Satisfaction Index, su un campione di 221 soggetti adulti, con una correlazione valida per ambo i sessi. In un loro studio su un campione di 279 studenti, Johnson e Buboltz (2000) hanno riscontrato che bassi livelli di individuazione dalla famiglia di origine, valutati attraverso il grado di differenziazione (misurato con il PAFSQ, Personal Authority in the Family System Questionnaire, di Bray et al. 1984) erano predittori di elevati livelli di reattività psicologica (valutata con QMPR, The Questionnaire for the Measurement of Psychological Reactance, di Merz 1983): secondo tali risultati gli autori inferiscono che i giovani adulti meno capaci di funzionare in modo autonomo e autodeterminato sono altamente reattivi in relazione alle restri- 235

4 Antonello Viola zioni delle loro libertà. Un studio di Jenkins et al. (2005) ha rilevato una correlazione significativa tra i livelli di differenziazione del sé (misurati con il DSI) e quelli di sviluppo psicosociale (misurati con MPD, Measure of Psychosocial Development, di Hawley 1988), da un lato confermando ulteriormente i risultati correlazionali ottenuti da Johnson e Buboltz (2000) tra differenziazione e reattività psicologica: dai risultati ottenuti gli autori hanno rilevato una sensibile correlazione positiva tra due scale del DSI (posizione dell Io-IP e Chiusura Emotiva-EC) e il livello di sviluppo psicosociale, e inoltre hanno inferito che gli individui rispondenti agli stimoli ambientali con un sensibile livello di labilità emotiva e ipersensibilità tendono a essere meno fiduciosi nelle loro capacità e hanno un identità meno stabile. Questi risultati, che supportano uno dei più importanti assunti della teoria di Bowen, riguardante il legame tra il livello di differenziazione del sé e la condizione di benessere psicologico, confermano ulteriormente i risultati già ottenuti da Skowron et al. (2003) indicanti che un livello minore di chiusura emotiva (misurato dalla scala EC del DSI) era predittivo di maggiori livelli di benessere psicologico su soggetti maschi e femmine adulti. In un recentissimo studio condotto da Hollander (2008) su un campione di soggetti in fase di età adulta emergente, i risultati hanno confermato la valenza predittiva del livello di maturità psicosociale rispetto al grado di differenziazione del sé, e alcune associazioni significative tra le dimensioni dell attaccamento (ansia ed evitamento) con alcune dimensioni del DSI, già riscontrate precedentemente da altri studi (Skowron 2004, Vick 2006) che rendevano conto della correlazione tra l attaccamento sicuro e una buona differenziazione del sé. Pertanto, in generale il corpus delle ricerche condotte fino a oggi intorno alla validità degli assunti della teoria di Bowen, ha dato maggiore e più ampia validazione all ipotesi dell associazione tra il livello di differenziazione del sé e l ansia cronica (che sarebbe tanto più alta quanto più basso sarebbe il grado di differenziazione), tra differenziazione e livello di benessere e adattamento psicologico, e con il grado di conflitto-soddisfazione coniugale. Altri importanti assunti teorici boweniani hanno invece trovato minore sostegno empirico, come l ipotesi della trasmissione intergenerazionale dei processi emotivi, che non è stata ancora empiricamente confermata (Miller et al. 2004). Finora, anche l ipotesi dell universalità della teoria non è stata sufficientemente confermata: tuttavia alcuni studi recenti hanno prodotto risultati che convergono a supporto della solidità di questa ipotesi (Skowron 2004, Chung e Gale 2006) e che si aggiungono a quelli già precedentemente ottenuti (Yang 1999, Tuason e Friedlander 2000). In particolare, Tuason e Friedlander (2000) hanno condotto uno studio tra due campioni di soggetti rispettivamente statunitensi e filippini, riscontrando una correlazione significativa tra i livello di differenziazione del sé e la condizione di benessere psicologico e l ansia. Successivamente Skowron (2004) ha ulteriormente indagato sulla validità trans-culturale del concetto di differenziazione della teoria boweniana con uno studio condotto su un campione multiculturalmente eterogeneo costituito da 61 soggetti di colore residenti in USA, evidenziando una correlazione significativa del livello di differenziazione del sé, adattamento psicologico e capacità di problem solving in ambito sociale. Un altro recentissimo studio trans-culturale di Chung e Gale (2006) ha indagato sulla validità dell assunto di universalità della teoria di Bowen, valutando su un campione di 427 studenti coreani e 375 studenti statunitensi d origine europea rispettivamente residenti nei paesi d origine, le differenze nella relazione tra livello di differenziazione del sé e benessere psicologico, testandone specificamente due indici, cioè l autostima e il livello depressivo. Questo studio ha fornito un ulteriore supporto alla validità dell assunto di universalità della teoria di Bowen, confermando la correlazione significativa tra il livello di differenziazione del sé e il benessere psicologico, rilevando una correlazione positiva tra DSI e autostima, e negativa tra DSI e livello depressivo: questa ricerca ha comunque evidenziato che le componenti strutturali della differenziazione del sé (reattività emotiva, chiusura emotiva, posizione dell io e fusionalità) spie- 236

5 Differenziazione del sé e alle sue implicazioni in ambito clinico gano la varianza dei due indici di benessere psicologico (autostima e livello depressivo) in misura diversa, in relazione alla connotazione individualistica e collettivistica che caratterizza rispettivamente la cultura statunitense e coreana, determinando una maggiore forza dell associazione tra DSI e benessere psicologico nel campione americano piuttosto che in quello coreano. Alla luce della rassegna sulla principale produzione bibliografica precedentemente presentata, è evidente che il numero di ricerche sulla differenziazione del sé e l effettiva produzione di dati empirici in un contesto essenzialmente clinico è del tutto esiguo. Fanno eccezione pochissimi studi, fra i quali spicca la ricerca condotta da Bartle-Haring e Prost (2004) incentrata sulla reattività emozionale e il distress psicologico in un campione clinico, la quale comunque indagava sul livello di differenziazione del Sé per valutazione indiretta, attraverso l Adult Behavioral and Emotional Reactivity Index (Bartle-Haring et al. 1997), e comunque su un campione di soggetti in un contesto di sostegno psicologico pubblico (università, struttura clinica). Finora, non sono stati prodotti sufficienti risultati clinici che evidenzino l impatto del livello di differenziazione del sé e delle sue implicazioni sul funzionamento psicologico (intrapsichico e interpersonale) di individui che sperimentino una palese condizione di disagio psichico e che siano coinvolti in un processo terapeutico (di consulenza o psicoterapico). Di conseguenza ancora non si dispone di sufficienti dati comparativi (tra campioni di soggetti non clinici e clinici) che testimonino della portata dell incidenza degli assunti del modello teorico di Bowen su campioni di soggetti clinici, e tanto meno si dispone di dati che possano indicare quali possano essere gli effetti terapeutici di un intervento che tenga conto di un eventuale deficit nel livello della differenziazione del sé dei pazienti, e che per questo sia rivolto al recupero e al consolidamento di un sano livello di funzionamento intrapsichico e interpersonale basandosi proprio sulle implicazioni cliniche del costrutto Differenziazione del sé, e su di esse incentrando l intervento terapeutico. L obiettivo di questo studio è stato propriamente quello di fornire, a un primo livello, una valutazione diretta e dati comparativi sulla connotazione del grado di differenziazione del sé e delle sue correlazioni con la condizione di benessere e adattamento psicologico (valutando il tenore del disagio, della presenza di sintomi, del livello di autostima personale e la qualità del prototipo d attaccamento adulto), su un campione di pazienti in ingresso al counseling psicologico professionale. La ricerca è stata svolta a un livello d indagine microdimensionale su un campione di 25 soggetti: tuttavia i dati apportati da questo studio costituiscono a oggi, una fonte unica di risultati comparativi sulla connotazione della differenziazione del sé e delle sue correlazioni con indici salienti della condizione di disagio psicologico in un contesto essenzialmente clinico di consulenza psicologica, fornendo in quest ambito un ulteriore verifica di alcuni assunti della teoria di Bowen e della centralità del concetto di differenziazione del Sé in relazione alla condizione globale di benessere psicologico. Metodo Partecipanti Lo studio è stato condotto su un campione costituito da 25 pazienti adulti in ingresso al processo di consulenza psicologica, richiesta in relazione a una gamma varia di condizioni psicologiche disfunzionali: tale campione era costituito da un 60 % di donne e il restante 40 % di uomini (del campione globale un 8 % aveva un identificazione di genere dichiaratamente omosessuale, e un 8 % un identificazione bisessuale), con un età media del campione di 35,6 (Deviazione Standard, DS = 9,8). Il campione era costituito per lo più da soggetti con livello evolutivo di organizzazione della personalità di tipo nevrotico, e in parte da soggetti di livello 237

6 Antonello Viola borderline (Kernberg 1975), la cui classificazione psicodiagnostica di tipo psicodinamicoevolutivo è stata effettuata attraverso l intervista strutturale di Kernberg (1981, 1984) e la SWAP- 200 (Westen et al. 2003). Nella tabella seguente sono riassunti i dati socioanagrafici salienti del campione. Tabella 1. Composizione del campione per dati socioanagrafici GENERE SESSUALE Maschi Femmine 40 % 60% ETA MEDIA Deviazione Standard Campione globale 35,6 9,8 Maschi 34,5 9,4 Femmine 36,4 10,3 COINVOLGIMENTO IN REALAZIONI AFFETTIVE INTIME E STATO CIVILE Coinvolti in relazioni 72,0 % Coniugati 36,0 % Separati/Divorziati 12,0 % Single 28,0 % GRADO DI ISTRUZIONE Diploma Scuola media 28,0 % Diploma Scuola media 52,0 % inferiore superiore Laurea 20,0 % IMPIEGO IN ATTIVITA LAVORATIVE STABILI Impiego stabile 52,0 % Impiego periodico 20,0 % Disoccupati/Pensione 28,0 % PRECEDENTI ESPERIENZE COUNSELING/PSICOTERAPIA Soggetti con precedenti esperienze 56 % di counseling o psicoterapia 238

7 Differenziazione del sé e alle sue implicazioni in ambito clinico Strumenti Symptom Checklist-90-R (SCL-90-R). Questa scala è costituita da 90 item che valutano nove dimensioni primarie della sintomatologia: somatizzazione, ossessività-compulsione, sensibilità ai rapporti interpersonali, depressione, ansia, ostilità, ansia fobica, ideazione paranoide e psicoticismo (Derogatis et al. 1973). L indice generale di severità (General Severity Index, GSI) della SCL-90 fornisce un indicazione globale della sintomatologia presente, e costituisce un eccellente sommario nella misura del numero dei sintomi nelle diverse aree e dell intensità del livello di distress psicologico (Derogatis 1994). Ciascun item del questionario viene valutato in termini di livello di distress sperimentato negli ultimi 7 giorni, su una scala a 5 punti in cui 0 = per niente, 4 = moltissimo. Il Symptom Checklist-90-R è stato scelto in quanto ha costituito uno strumento di valutazione di riferimento in altri importanti studi sulla differenziazione del Sé, tra i quali la ricerca su vasta scala condotta da Tuason e Friedlander (2000), e nella forma ridotta (Brief Symptom Inventory, BSI; Derogatis 1993) da Nancy et al. (2004). Minnesota Multiphasic Personality Inventory-2 (MMPI-2, Butcher et al. 1989). Questo questionario, è ampiamente utilizzato quale oggettivo strumento di misura ad autosomministrazione per la valutazione della personalità generale, e costituisce inoltre uno strumento empiricamente derivato per la valutazione dei livelli generali di psicopatologia. Il MMPI-2 è costituito da 567 item a risposta vero-falso, e fornisce 10 scale cliniche sintomatologiche che valutano vari elementi della psicopatologia e dell adattamento emotivo negli aspetti più significativi della personalità: Scala 1, Ipocondria (Hs); Scala 2, Depressione (D); Scala 3, Isteria (Hy); Scala 4, Deviazione Psicopatica (Pd); Scala 5, Mascolinità Femminilità, (Mf); Scala 6, Paranoia (Pa); Scala 7: Psicastenia (Pt); Scala 8, Schizofrenia, (Sc); Scala 9, Mania (Ma); Scala 10, Introversione Sociale (Si). Il MMPI-2 contiene inoltre 6 scale di validità (L, F, K, Fb, VRIN, TRIN) volte ad accertare con quale accuratezza e sincerità il soggetto ha compilato il questionario, 15 scale di contenuto e 16 scale supplementari che rispettivamente approfondiscono la trattazione dei problemi clinici e dei vari disturbi e permettono di descrivere diverse variabili di personalità. In questo studio sono state utilizzate sia le scale cliniche che quelle supplementari e di contenuto, che hanno permesso di raccogliere un quadro definito e strutturato degli aspetti fondamentali della personalità dei pazienti e della portata dei fattori psicologici disfunzionali presenti, in aggiunta al SCL-90 contestualmente somministrato. The Experiences in Close Relationships Scale (ECR; Brennan et al. 1998). Il questionario ECR è un inventario dell attaccamento adulto ad autosomministrazione, costituito da 36 item, sviluppato sulla base di altri 14 strumenti di valutazione dell attaccamento esistenti, e composto da due scale d ordine superiore che misurano l ansia d attaccamento e l evitamento d attaccamento. La scala dell Ansia valuta il livello di preoccupazione nelle relazioni, la paura del rifiuto e il desiderio di fusione con gli altri. La scala dell Evitamento contiene item che misurano il grado di disagio nelle condizioni di vicinanza e di dipendenza, la negazione dei bisogni d attaccamento e la fiducia compulsiva in sé. Ciascun item viene valutato sulla base di come generalmente ci si sente nelle relazioni, su una scala da 1 (fortemente in disaccordo) a 7 (fortemente d accordo). I punteggi più alti indicano maggiori livelli d ansia o di evitamento con riferimento alle rispettive scale. The Relationships Questionnaire-RQ (Bartholomew e Horowitz 1991). Il questionario RQ è uno strumento ad autosomministrazione che valuta l attaccamento adulto secondo le quattro categorie configurate nella cornice teorica di Bartholomew (1990): gli stili A e B corrispondono rispettivamente ai prototipi d attaccamento sicuro e timoroso-evitante; gli stili C e D corrispondono rispettivamente ai prototipi d attaccamento preoccupato e distanziante-evitante. Ciascuno stile viene valutato su una scala da 1 (per niente come me) a 7 (moltissimo come me). Come 239

8 Antonello Viola mostrato da Brennan et al. (1991), gli stili A, B e C, corrispondono rispettivamente agli stili Sicuro, Evitante e Ansioso/Ambivalente così come classificati da Hazan e Shaver (1987, 1990). Il RQ di Bartholomew aggiunge allo strumento di valutazione una quarta categoria, la distanzianteevitante, già precedentemente considerata nell ambito della Adult Attachment Interview-AAI (Main e Goldwyn 1989). The Differentiation of Self Inventory-DSI-R (Skowron e Friedlander 1998, Skowron e Schmitt 2003). Il DSI-R è un questionario ad autosomministrazione costituito da 46 item che valuta il livello di differenziazione del Sé negli adulti, focalizzandosi sulle loro relazioni significative e le loro attuali relazioni con la famiglia d origine. Gli item si distribuiscono in 4 sottoscale e vengono valutati su una scala da 1 (per niente vero nel mio caso) a 6 (moltissimo vero nel mio caso). In particolare il questionario comprende una sottoscala di Reattività Emozionale (ER) costituita da 11 item, che descrive il grado di responsività indotta da incontenibili ondate emozionali e il livello di labilità emotiva e/o ipersensibilità; una sottoscala di Chiusura Emotiva (EC) costituita da 12 item che riflettono le paure di intimità e/o sensazioni di minaccia nell intimità, o sensazioni di oppressione e fagocitazione nelle relazioni e le concomitanti difese comportamentali contro queste paure; una sottoscala di Fusione con gli Altri (FO) costituita da 12 item che riflettono l iper-coinvolgimento emotivo con altri significativi e l iper-identificazione coi propri genitori nell assunzione dei valori genitoriali, credenze e aspettative senza porli in questione; una sottoscala di Posizione dell Io (IP) costituita da 11 item che riflettono un senso chiaramente definito di sé e la capacità di aderire sollecitamente alle proprie convinzioni, persino quando pressati a fare altrimenti. In particolare, i fattori ER e IP rappresentano le dimensioni intrapsichiche della differenziazione del sé, mentre EC e FO ne costituiscono le dimensioni interpersonali. Sia i punteggi delle sottoscale che della scala globale possono variare da 1 a 6: i valori maggiori corrispondono ai più alti livelli di differenziazione del Sé. Rosenberg Self-Esteem Scale-RSES (Rosenberg 1965). Questo questionario, costituito da 10 item valutati su una scala a 6 punti, con un campo di variazione da 1 (fortemente in disaccordo) a 6 (fortemente d accordo), misura il livello di autostima individuale. Lo strumento comprende 5 item che esprimono un autopercezione positiva, e i restanti 5 che esprimono un autopercezione negativa. Procedura Sui pazienti in ingresso al processo di consulenza psicologica, da tutto principio è stata effettuata una valutazione della condizione di adattamento e benessere psicologico attraverso la somministrazione della lista di controllo dei sintomi (Symptom Checklist-90-R) e il Minnesota Multiphasic Personality Inventory-2 (MMPI-2), e contestualmente una misura del livello generale di autostima e dei prototipi d attaccamento adulto, insieme a una valutazione del livello di differenziazione del Sé. Risultati e discussione Nella tabella 2 vengono riassunti i valori medi e di dispersione dei risultati ottenuti sul campione in relazione al livello di differenziazione del Sé e delle sue 4 componenti, al grado di autostima, al livello d attaccamento ansioso ed evitante e ai prototipi d attaccamento adulto. Per quanto concerne il livello globale di differenziazione del Sé, come dati di riferimento sono stati assunti i risultati ottenuti in 4 degli studi su vasta scala maggiormente rappresentativi in 240

9 Differenziazione del sé e alle sue implicazioni in ambito clinico Tabella 2. Risultati descrittivi nelle dimensioni attaccamento evitante e ansioso (EVIT-ECR; ANS-ECR), nei prototipi d attaccamento adulto (SIC, TIM, PREOC, DIST), autostima, e differenziazione del Sé (DS) con le sue componenti (ER, EC, IP, FO) 1YDOLGL 0HGLD 0LQLPR 0DVVLPR 'HY6WG (9,7(&5 $16(&5 6,&54 7,054 35(2&54 ',6754 $87267,0$ (5,3 (& )2 '6 (9,7(&5 GLPHQVLRQHHYLWDPHQWR([SHULHQFHVLQ&ORVH5HODWLRQVKLSV6FDOH $16(&5 GLPHQVLRQHDQVLD([SHULHQFHVLQ&ORVH5HODWLRQVKLSV6FDOH 6,&54 SURWRWLSRG DWWDFFDPHQWRDGXOWRVLFXUR5HODWLRQVKLSV4XHVWLRQQDLUH 7,054 SURWRWLSRG DWWDFFDPHQWRDGXOWRWLPRURVR5HODWLRQVKLSV4XHVWLRQQDLUH 35(2&54 SURWRWLSRG DWWDFFDPHQWRDGXOWRSUHRFFXSDWR5HODWLRQVKLSV4XHVWLRQQDLUH ',6754 SURWRWLSRG DWWDFFDPHQWRDGXOWRGLVWDQ]LDQWH5HODWLRQVKLSV4XHVWLRQQDLUH '6 'LIIHUHQ]LD]LRQHGHO6p(5 5HDWWLYLWj(PRWLYD,3 3RVL]LRQHGHOO,R (& &KLXVXUD(PRWLYD)2 )XVLRQHFRQJOLDOWUL quest ambito di ricerca (vedi tabella 3): uno dei campioni normativi utilizzati da Skowron e Friedlander (1998) con un età media di 42,23, costituito dal 41,7% di uomini e il 58,3 di donne; il campione di Skowron et al. (2003) con età media di 51,46, composto dal 39 % di uomini e il 61 % di donne; il campione di Chung e Gale (2006) con età media di 21,13 costituito dal 25,6 % di uomini e il 74,4 % di donne, il campione di Tuason e Friedlander (2000) con età media di 47,8, composto dal 46,1 % di uomini e il 53,9 % di donne. Non essendo disponibili risultati relativi a campioni di soggetti essenzialmente clinici, i dati relativi ai suddetti campioni attualmente si possono considerare (nonostante la consistente differenza in termini di numerosità e pertanto di rappresentatività statistico-descrittiva rispetto al campione di questo studio) quelli più significativi ai fini di un analisi statistica esplorativa, che in questo caso specifico si configura nei termini di un indagine pilota. Dall analisi comparativa risulta immediatamente evidente che il dato medio del livello globale di differenziazione del Sé sul campione di soggetti clinici di questa ricerca, risulti inferiore rispetto a quello degli altri tre studi condotti su popolazioni di soggetti non clinici (-6,8 % rispetto al dato medio dei tre campioni di riferimento): in particolare sembrerebbe che nei soggetti clinici 3 dei fattori costitutivi del grado di differenziazione del sé risultino deteriorati in ragione di circa il 12,5 % (EC -12,4 %; ER 241

10 Antonello Viola Tabella 3. Campioni di riferimento e relativi dati di differenziazione del Sé e sue componenti in ricerche su vasta scala su popolazione di soggetti statunitensi e filippini Campione USA Campione USA Campione USA Campione filippino Media Skowron e Friedlander 1998 Skowron et al Chung e Gale (2006) Tuason e Friedlander (2000) dei 3 campioni N = 127 N = 221 N = 375 N = 306 DS 3,74 (,60) 3,93 * 3,86 (,51) 3,78 (0,53) 3,83 ER 3,37 (,94) 3,81 (,82) 3,49 (,86) 3,62 (0,96) 3,57 EC 4,53 (,79) 4,35 (,61) 4,75 (,82) 4,18 (0,74) 4,45 IP 4,08 (,85) 4,55 (,68) 4,10 (,68) 4,31 (0,75) 4,26 FO 2,92 (,85) 3,0 (,73) 3,27 (,62) 2,80 (0,94) 2,99 ( ) deviazione standard * dato di deviazione standard mancante in letteratura DS= punteggio totale differenziazione del sé ER= reattività Emotiva EC= chiusura Emotiva IP= posizione dell Io FO= fusione con gli altri -12,2 %; IP -12,8 % rispetto al dato medio di riferimento). Pertanto questi risultati sembrano suggerire che in un campione clinico la capacità di aprirsi emotivamente e di raggiungere un buon grado di intimità emotiva, insieme a quella di autoregolazione emozionale e di sostenere assertivamente la propria posizione dell Io, sia sensibilmente inferiore rispetto a quella di una popolazione non clinica. Contrariamente invece, spicca il dato relativo alla dimensione Fusione con gli altri, risultante parimenti superiore (ma inversamente rispetto alle altre tre dimensioni) in confronto al dato medio ottenuto negli altri tre studi (+13,6 %): questo interessante risultato sembrerebbe suggerire che in una condizione psicologica genericamente disadattiva, comunque caratterizzata da un deterioramento nello sviluppo individuativo della differenziazione del Sé, la tendenza iperidentificativa e il coinvolgimento emotivo con altri significativi sia generalmente inferiore. Tenendo conto della globalità dei risultati ottenuti sulle 4 scale, questo dato potrebbe forse indicare la sussistenza di un probabile disimpegno relazionale, oltremodo verificato contestualmente dal livello sensibilmente superiore di chiusura emotiva EC, oppure potrebbe essere legato a uno slittamento dei valori di FO riconducibile a fattori che attengono al contesto socioculturale. Comunque, il dato medio di DS sembra suggerire una conferma di una delle maggiori ipotesi della teoria boweniana, secondo la quale a un minor grado di differenziazione del sé corrisponderebbe un maggior grado di distress psicologico: i risultati di questo studio infatti, a un livello esplorativo evidenziano che il livello medio globale di DS in un campione di soggetti clinici è inferiore rispetto a quello delle popolazioni di riferimento di soggetti non clinici. Per quanto riguarda la valutazione del livello di autostima, che certamente fornisce un importante indicatore in merito al livello di benessere psicologico e coesione del sé, pur rientrando il dato medio di autostima rilevato (16,6) all interno dell intervallo di normalità (15-25; Rosenberg 1965), tuttavia ricadendo poco al di sopra del limite inferiore di normalità, il 44 % dei soggetti del nostro campione ha comunque riportato un livello insufficiente di autostima. I risultati raccolti in merito ai prototipi d attaccamento adulto, suggeriscono che nei soggetti clinici è soprattutto elevata l ansia relazionale d attaccamento: i dati medi più elevati sono quelli relativi al livello d ansia (4,16; strumento ECR) e al prototipo d attaccamento Timoroso (esso corrisponde al modello d attaccamento altrimenti chiamato Ansioso-ambivalente ). L analisi della tipologia dei prototipi d attaccamento adulto condotta sulla base dell incrocio dei livelli d ansia e di evitamento riscontrati attraverso lo strumento ECR (strumento maggiormente analitico del RQ), 242

11 Differenziazione del sé e alle sue implicazioni in ambito clinico ha evidenziato la presenza di un prototipo d attaccamento Preoccupato nel 48 % dei casi, di un prototipo Timoroso nel 16 % dei casi, e di un prototipo d attaccamento Distanziante nel 12 % dei casi: pertanto il 76% dei soggetti del campione era caratterizzato da un prototipo d attaccamento insicuro, di cui il 64 % aveva strutturato un prototipo d attaccamento adulto improntato a un elevato livello d ansia. L analisi correlazionale (tabella 9) ha evidenziato un associazione statisticamente significativa (coefficiente di correlazione lineare di Pearson, r = 0,53; p= 0.007) tra il livello d ansia stimato con il ECR e il punteggio assegnato al prototipo Timoroso mediante il RQ : questo risultato suggerisce che all aumentare dell ansia relazionale d attaccamento corrisponde un aumento della negatività del modello rappresentazionale del Sé e degli Altri significativi (negatività rappresentazionale che caratterizza il prototipo Timoroso ). Questo studio ha voluto inoltre indagare sulle correlazioni esistenti tra la natura della sintomatologia e del distress psicologico e le dimensioni del costrutto Differenziazione del sé. A tale scopo è stata condotta un analisi correlazionale sui risultati prodotti dal campione, che riassumiamo nelle tabelle seguenti, differenziando tra correlazioni esistenti tra la Differenziazione del sé (DS) e la sintomatologia presente (SCL-90-R) (tabella 4), quindi tra la DS e le scale cliniche, di contenuto e supplementari del MMPI-2 (tabella 6, 7, 8), e infine tra la DS, l autostima e la connotazione dei prototipi d attaccamento adulto (tabella 9). Dall analisi correlazionale risulta immediatamente evidente che il livello globale di differenziazione del sé correla negativamente (r= -0,55, p=0,005) con l indice globale di severità sintomatologica, confermando pertanto l ipotesi boweniana secondo la quale a un livello inferiore di differenziazione del sé corrisponde un maggior grado di distress psicologico, assunto già verificato in altri studi su popolazioni di soggetti non clinici (Haber 1993; Bohlander 1995, 1999; Skowron e Friedlander 1998; Tuason e Friedlander 2000; Skowron 2004): questo risultato conferma oltremodo l ipotesi di universalità della teoria di Bowen, in quanto si riferisce a una popolazione di soggetti italiani, ampliando pertanto la solidità della validità esterna di questo impor- Tabella 4. Matrice di correlazione lineare (r di Pearson) tra i punteggi prodotti dal campione (N=25) nelle scale sintomatologiche del SCL-90-R e la Differenziazione del sé nelle sue dimensioni intrapsichiche e interpersonali. Tutti i coefficienti di correlazione con specificazione del livello p sono risultati statisticamente significativi (p< 0,05) 620 2&,6 '(3 $1; % 3$5 36< *6, ', (5 S S S S S S S S S S,3 S S (& S S S )2 S S S S S S S S S '6 S S S S S S S S S S (5 UHDWWLYLWjHPRWLYD,3 SRVL]LRQHGHOO,R(& FKLXVXUDHPRWLYD)2 IXVLRQHFRQJOLDOWUL'6 OLYHOORJOREDOHGLGLIIHUHQ]LD]LRQHGHOVp 620 VRPDWL]]D]LRQH2& RVVHVVLYLWjFRPSXOVLYLWj,6 VHQVLELOLWjDLUDSSRUWLLQWHUSHUVRQDOL'(3 GHSUHVVLRQH$1; DQVLD +26 RVWLOLWj3+2% DQVLDIRELFD3$5 LGHD]LRQHSDUDQRLGH36< SVLFRWLFLVPR*6, JOREDOVHYHULW\LQGH[LQGLFHJOREDOHGLVHYHULWj 36', SRVLWLYHV\PSWRPGLVWUHVVLQGH[LQGLFHGHOGLVWUHVVQHLVLQWRPLSRVLWLYL367 SRVLWLYHV\PSWRPWRWDOWRWDOHQHLVLQWRPLSRVLWLYL 243

12 Antonello Viola tante assunto teorico. La stessa significatività di correlazione inversa è stata riscontrata sugli altri due indici generali, che testimoniano dell associazione tra il basso grado di DS e l ampiezza di diffusione dei sintomi (PST: r= -0,59; p= 0,02) e la gravità dei sintomi positivi (PSDI: r= -0,49; p= 0,012). Andando più in dettaglio nell analisi della matrici di correlazione, è evidente che la forza della correlazione negativa del livello di differenziazione del sé è maggiore rispetto ai sintomi relativi alla Sensibilità ai rapporti interpersonali (IS: r= -0,73) e alla Deviazione paranoide (PAR: r= -0,68): questi risultati suggeriscono che tanto minore é lo sviluppo individuativo nella differenziazione del sé, quanto maggiore è il livello disadattivo e il senso di inadeguatezza nelle dinamiche coinvolte nelle relazioni interpersonali, insieme alla tendenza proiettiva nell ideazione paranoide. Il grado di differenziazione del sé correla negativamente a un livello statisticamente significativo anche coi sintomi di ostilità (legati all emozione della rabbia, all aggressività, l irritabilità e il risentimento), con i sintomi relativi all area psicotica (nel campione erano presenti anche soggetti con livello evolutivo di organizzazione della personalità di tipo borderline; Kernberg, 1975), con la sintomatologia ossessivo-compulsiva, e con quella depressiva e ansiosa. Dall analisi correlazionale emerge altresì con chiara evidenza, che i fattori della differenziazione del sé che presentano un numero maggiore di correlazioni statisticamente significative con le dimensioni sintomatologiche sono la Reattività emotiva (ER) e la Fusione con gli altri (FO): questi risultati suggeriscono quindi, che una minore capacità autoregolativa di modulazione emotiva e una maggiore tendenza iperidentificativa e fusionale nelle relazioni (a una maggiore differenziazione del sé corrisponde un minor grado di FO) sono generalmente associate a un maggior livello di distress psicologico. L analisi statistica non ha evidenziato correlazioni statisticamente significative tra i fattori socioanagrafici presi in considerazione e le dimensioni della differenziazione del sé, e neppure sono emerse differenze statisticamente significative per genere sessuale. A un livello successivo è stata condotta una regressione multipla (tabella 5) per verificare il livello di variabilità che i quattro fattori della differenziazione del sé riescono a spiegare sulle dimensioni sintomatologiche (SCL-90), e il relativo grado di significatività. Da tale analisi è emerso che i 4 fattori della DS utilizzati insieme come predittori spiegano il 65% (F= 9,18; p< 0,001) della variabilità della sintomatologia nella scala IS (sensibilità ai rapporti interpersonali), il 53% della variabilità della sintomatologia sulla scala PAR di ideazione paranoide (F= 5,71; p< 0,01), e il 42% della variabilità della sintomatologia di natura psicotica nella scala PSY (F= 3,65; p< 0,05). Dalla successiva analisi dei coefficienti b nelle equazioni di regressione del modello utilizzato è emerso che l importanza predittiva maggiore è detenuta a un livello statisticamente significativo dal fattore Chiusura emotiva : pertanto, maggiori livelli di chiusura emotiva predicono un più elevato livello di sintomi nell area IS dei rapporti interpersonali (b= 0,59; t= -4,36; p< 0,001), un maggiore ricorso all ideazione paranoide (PAR) coi relativi meccanismi proiettivi (b= 0,43; t= -2,79; p< 0,05) e una maggiore presenza di sintomatologia di natura psicotica PSY (b= 0,44; t= -2,53; p< 0,05). Il valore predittivo del fattore EC si pone oltremodo a conferma dei risultati già ottenuti da Skowron et al. (2003): alla luce dei risultati ricavati se ne potrebbe desumere che il fattore specifico Chiusura emotiva della differenziazione del sé, che in un Sé scarsamente differenziato indica una marcata tendenza al distanziamento emozionale (sostenuto da un timore radicato di fagocitazione nelle relazioni e dall incapacità di entrare in un autentica intimità), a un livello marcatamente deteriorato potrebbe costituire un indicatore abbastanza importante di una personalità che si è organizzata a un livello evolutivo tendenzialmente borderline (Kernberg 1975), o nei casi estremi tendenzialmente psicotico, a seconda della gravità della sintomatologia presente. L analisi di correlazione tra le scale del Minnesota Multiphasic Personality Inventory (MMPI- 2) e la Differenziazione del sé, per semplicità è stata limitata alla scala globale della DS, che 244

13 Differenziazione del sé e alle sue implicazioni in ambito clinico Tabella 5. Risultati delle analisi di regressione multipla sulla sintomatologia nelle scale Sensibilità ai rapporti interpersonali, IS, Ideazione paranoide, ID, e Psicoticismo, PSY,6 3$5 36< 3UHGLWWRUL % E % E % E (5,3 (& )2 6WDWLVWLFKH GHOPRGHOOR ) ) ) S S SWHQGHDOODVLJQLILFDWLYLWj(5 UHDWWLYLWjHPRWLYD,3 SRVL]LRQHGHOO,R (& FKLXVXUDHPRWLYD)2 IXVLRQHFRQJOLDOWUL riassume il livello globale individuativo nel processo di differenziazione del Sé: i risultati vengono riportati nelle tabelle seguenti (tabella 6, 7, 8), che sintetizzano separatamente le correlazioni tra la DS e rispettivamente le scale cliniche di base, le scale supplementari e infine quelle di contenuto. Dall analisi riferita alle scale cliniche di base emergono correlazioni negative e statisticamente significative con tutte e 3 le scale dell area psicotica (paranoia, psicastenia, schizofrenia: Pa, Pt, Sc), con la scala nevrotica dei correlati psicopatologici della depressione D (risultato che conferma i dati raccolti da Elieson e Rubin, 2001), con quella di Deviazione psicopatica (Pd), e infine con la scala di Introversione sociale (Si). In particolare, la correlazione è particolarmente elevata nel caso dei correlati psicopatologici della paranoia e della depressione, confermando pertanto i risultati precedentemente illustrati e ottenuti con il SCL-90. La globalità delle associazioni rilevate suggerisce che tanto minore è il livello individuativo nella Tabella 6. Matrice di correlazione lineare (r di Pearson) tra i punteggi prodotti nelle scale cliniche di base del MMPI-2 e il livello globale di Differenziazione del sé (N=25). Tutti i coefficienti di correlazione con specificazione del livello p sono risultati statisticamente significativi (p< 0,05) 003,6&$/(&/,1,&+(',%$6( +V ' +\ 3G 0I 3D 3W 6F 0D 6L '6 S S S S S S +V LSRFRQGULD' GHSUHVVLRQH+\ LVWHULD3G GHYLD]LRQHSVLFRSDWLFD0I PDVFROLQLWjIHPPLQLOLWj 3D SDUDQRLD3W SVLFDVWHQLD6F VFKL]RIUHQLD0D LSRPDQLD6L LQWURYHUVLRQHVRFLDOH'6 GLIIHUHQ]LD]LRQHGHOVp 245

14 Antonello Viola differenziazione del sé, quanto maggiore è l emersione di componenti strutturali psicopatologiche dell area psicotica e borderline (in particolare l ideazione paranoide), di tratti nevrotici depressivi, sociopatici e di chiusura alle relazioni interpersonali. Estendendo l analisi correlazionale alle scale supplementari (tabella 7), subito rileviamo che la correlazione negativa più elevata (r= -0,81) si riscontra tra il livello della DS e i correlati psicopatologici dell ansia nella scala A, risultato ulteriormente confermato dalla correlazione negativa tra la DS e il gruppo dei sintomi interni ansiogeni nella scala di contenuto Anx (r= - 0,60): questo dato conferma la maggiore delle proposizioni teoriche della teoria di Bowen, secondo la quale la differenziazione del sé correlerebbe negativamente con l ansia cronica (Kerr e Bowen 1988), aggiungendosi pertanto al corpus dei risultati già ottenuti a sostegno di questo assunto fondamentale (Haber 1993, Griffin e Apostal 1993, Maynard 1997, Skowron e Friedlander 1998, Tuason e Friedlander 2000). Inoltre, il livello di differenziazione del sé correla positivamente (r= 0,60) con la scala supplementare relativa alla forza dell Io (Es), indicandoci quindi che tanto minore è il livello di differenziazione del sé quanto minore è la funzionalità dell istanza psichica dell Io, rilevabile in termini di capacità adattiva e di fronteggiare lo stress, di capacità di recupero, di stabilità emotiva e di salute psicologica generale. Questo dato si pone a sostegno dell associazione tra livello di differenziazione del sé nel processo individuativo ed emersione di un quadro di organizzazione della personalità di tipo borderline o psicotico: i risultati sembrerebbero indicare che tanto minore sia il livello di differenziazione del sé, quanto minore risulti lo sviluppo della forza dell io nelle sue funzioni di adattamento alla realtà, senso ed esame di realtà (McWilliams 1999), quanto minore la conseguente coesione del Sé nella capacità individuale di far fronte alle difficoltà della vita in modo adattabile e realistico. La stessa correlazione inversa tra differenziazione del sé e capacità di adattamento viene riscontrata anche sulla scala Mt di disadattamento universitario-scolastico (r= -0,68). Nelle scale supplementari il dato emergente di forte correlazione negativa (r= -0,68) tra il livello individuativo di DS e la scala di disagio coniugale (Mds) si pone a conferma dei risultati precedentemente ottenuti da Kosek (1998) e Skowron (2000), indicando che un più basso livello di DS si associa a maggiori problematiche relazionali nel contesto del sistema coniugale. È interessante anche la forte correlazione negativa emersa tra il livello di DS e la scala del disturbo post traumatico da stress (r= -0,64): questo risultato potrebbe indicare che tanto minore è livello di DS, quanto maggiore la probabilità che le risorse disponibili non consentano di fronteggiare funzionalmente e adattivamente l impatto di importanti stressor, la cui risonanza potrebbe pertanto condurre all insorgenza di una serie di sintomi Tabella 7. Matrice di correlazione lineare (r di Pearson) tra i punteggi prodotti nelle scale supplementari del MMPI-2 e il livello globale di Differenziazione del sé (N=25). Tutti i coefficienti di correlazione con specificazione del livello p sono risultati statisticamente significativi (p< 0,05) 003,6&$/(6833/(0(17$5, $ 5 (6 0$&5 2+ 'R 5H 0W *P *I 3V3N 0GV $SV $DV '6 S S S S S S S $ DQVLHWj5 UHSUHVVLRQH(6 IRU]DGHOO,R0$&5 VFDOD0DF$QGUHZGLDOFROLVPR2+ RVWLOLWjLSHUFRQWUROODWD'R GRPLQDQ]D 5H UHVSRQVDELOLWjVRFLDOH0W GLVDGDWWDPHQWRXQLYHUVLWDULR*P VFDODGLUXRORGHOJHQHUHPDVFKLOH*I VFDODGLUXRORGHOJHQHUHIHPPLQLOH3V3N VFDODGLGLVWXUERSRVWWUDXPDWLFRGDVWUHVV0GV VFDODGLGLVDJLRFRQLXJDOH$SV VFDODGLWRVVLFRGLSHQGHQ]DSRWHQ]LDOH $DV VFDODGLDPPLVVLRQHGLGLSHQGHQ]D'6 GLIIHUHQ]LD]LRQHGHOVp 246

15 Differenziazione del sé e alle sue implicazioni in ambito clinico che configurano il disturbo post-traumatico da stress. Nella matrice di correlazione relativa alle scale di contenuto del MMPI-2 (Tabella 8) del Gruppo dei sintomi interni rileviamo la forte correlazione negativa (-0,72) tra il livello di DS e l ossessività (Obs), l ansia (r= -0,60), la depressione (r= -0,63) e l ideazione bizzarra (r= -0,57). Nelle scale di contenuto relative al Gruppo delle tendenze aggressive esterne, riscontriamo una significativa correlazione negativa (r= -0,51) tra il livello di DS e i sintomi di rabbia incontrollata (Ang), e una discreta correlazione negativa con il cinismo-tendenza misantropica (Cyn, r= -0,45) e la struttura sintomatologica del Tipo A (Tpa, r= -0,41). Riteniamo che questi ultimi risultati confermino il dato di correlazione negativa già ottenuto sulla scala dei sintomi di ostilità (HOS) già illustrato nel quadro dati del SCL-90. Di rilevanza maggiore è certamente la concordanza negativa (r= -0,68) che si è riscontrata tra il livello di DS e il grado di autopercezione negativa (Lse): questo risultato ci suggerisce che a un minor grado di differenziazione del sé si associa un livello inferiore di autostima (a un maggior punteggio sulla scala Lse corrisponde un minor grado di autostima). Procedendo con l analisi correlazionale sulle scale di contenuto relative al Gruppo dei problemi generali, spicca la forte concordanza negativa (-0,68) tra il livello di DS e il grado di disagio e stress nell ambito lavorativo (Wrk) e con la scala Trt (-0,69) indicante il rischio potenziale di insorgenza di difficoltà di trattamento nel contesto psicoterapico. Risultano significative anche le moderate correlazioni negative riscontrate tra la DS e il livello di conflittualità e di disagio nel contesto familiare (Fam, r= -0,47) e il livello di disagio sociale (Sod, r= -0,44). Le correlazioni negative riscontrate sulle scale di contenuto dei problemi generali (Sod, Fam, Wrk, Trt) insieme a quelle sulle scale Mds e Mt, sembrano sostenere la validità dei risultati correlazionali ottenuti tra il livello di DS e il gruppo dei sintomi sulla scala di Sensibilità ai rapporti interpersonali (IS) del SCL-90, poiché i dati ricavati indicano ulteriormente che a un Sé scarsamente differenziato si associa un maggior grado di disagio in ambito relazionale coniugale, familiare, lavorativo e sociale. Questo studio ha voluto indagare altresì sulle correlazioni esistenti tra il livello individuativo della differenziazione del sé e la qualità del prototipo d attaccamento adulto (Bowlby 1969, 1973, 1980; Ainsworth et al. 1978; Hazan e Shaver 1987; Main e Goldwyn 1989; Bartholomew e Horowitz 1991; Brennan et al. 1998) caratterizzante il campione di soggetti clinici, valutando l eventuale sussistenza di condizioni di significatività statistica. Come precedentemente osservato, emerge una forte correlazione positiva significativa tra la dimensione Ansia rilevata sul ECR e il punteggio assegnato alla scala del prototipo d attaccamento Timoroso (r= 0,53; p= 0,007): questo risultato suggerisce che tanto più elevata è l ansia relazionale d attaccamento, Tabella 8. Matrice di correlazione lineare (r di Pearson) tra i punteggi prodotti nelle scale di contenuto del MMPI-2 e il livello globale di Differenziazione del sé (N=25). Tutti i coefficienti di correlazione con specificazione del livello p sono risultati statisticamente significativi (p< 0,05) 003,6&$/(',&217(1872 $Q[ )UV 2EV 'HS +HD %L] $QJ &\Q $VS 7SD /VH 6RG )DP :UN 7UW '6 S S S S S S S S S S S S S $Q[ DQVLD)UV SDXUHIRELH2EV RVVHVVLYLWj'HS GHSUHVVLRQH+HD SUHRFFXSD]LRQLSHUODVDOXWH%L] LGHD]LRQHEL]]DUUD$QJ UDEELD&\Q FLQLVPR $VS FRPSRUWDPHQWLDQWLVRFLDOL7SD WLSR$/VH EDVVDDXWRVWLPD6RG GLVDJLRVRFLDOH)DP SUREOHPLIDPLOLDUL :UN GLIILFROWjVXOODYRUR7UW LQGLFDWRULGLGLIILFROWjGLWUDWWDPHQWR'6 GLIIHUHQ]LD]LRQHGHOVp 247

16 Antonello Viola quanto più i modelli rappresentazionali del Sé e degli Altri significativi avranno una connotazione negativa, condizione quest ultima che caratterizza questo specifico modello d attaccamento (Bartholomew e Horowitz 1991). Inoltre, il costrutto globale Differenziazione del sé esibisce una forte correlazione negativa (r= -0,52; p= 0,008) con l ansia d attaccamento (ECR) e il punteggio assegnato alla scala RQ del prototipo d attaccamento Timoroso (r= -0,53: p= 0,006), e contestualmente una correlazione moderatamente negativa (r= -0,43; p= 0,034) con il punteggio assegnato alla scala RQ del prototipo d attaccamento Preoccupato. Questi risultati suggeriscono che a un basso livello individuativo di differenziazione del sé generalmente si accompagna la strutturazione di un prototipo d attaccamento adulto insicuro, caratterizzato da un elevata ansia e da un modello rappresentazionale del Sé negativo (il quale caratterizza sia l attaccamento insicuro di tipo Preoccupato che quello Timoroso ). Esaminando più analiticamente la matrice di correlazione nei fattori della differenziazione del sé, emerge la forte correlazione negativa (r= -0,59; p= 0,002) tra la reattività emotiva ER (a un basso punteggio sulla scala ER corrisponde un alta reattività emozionale) e l ansia relazionale d attaccamento ECR (il risultato conferma il dato già ottenuto da Skowron e Dandy 2004), e con il punteggio sulla scala RQ del prototipo d attaccamento insicuro Preoccupato (r= -0,56; p= 0,004), e infine una moderata correlazione negativa (r= -0,40; p= 0,048) con il punteggio sulla scala RQ del prototipo d attaccamento insicuro Timoroso. Allo stesso modo, il fattore Fusione con gli altri (FO) esibisce una forte correlazione negativa (r= -0,54; p= 0,006) con l ansia relazionale d attaccamento ECR (anche questo risultato conferma il dato già ottenuto da Skowron e Dandy 2004), e una correlazione inversa moderata con il punteggio sulla scala RQ del prototipo d attaccamento insicuro Timoroso (r= -0,47; p= 0,019). Questi risultati mostrano che i prototipi d attaccamento insicuri di tipo ansioso (preoccupato e timoroso) si accompagnano a un elevata reattività emotiva, caratterizzata da scarsa capacità autoregolativa di modulazione dei propri stati emotivi, e a un elevato tenore di fusionalità caratterizzata da un ipercoinvolgimento emotivo e da un alta iperidentificazione con Altri significativi. Da un punto di vista clinico, questa osservazione suggerisce l esigenza e l adeguatezza di lavorare psicoterapicamente sui processi autoregolativi di modulazione emozionale, su una maggiore definizione della coesione e dei confini del Sé e sul senso d identità individuale, al fine di apportare un miglioramento ai modelli operativi interni del prototipo d attaccamento, e quindi di conseguenza alle dinamiche delle relazioni interpersonali significative. Inoltre, tra i dati di correlazione spicca la forte correlazione negativa (r= -0,59; p= 0,002) esibita dal fattore chiusura emotiva EC (tanto minore è il punteggio sulla scala quanto maggiore la chiusura emotiva) e l evitamento relazione d attaccamento (ECR), anche in questo caso confermando il dato già precedentemente ottenuto da Skowron e Dandy (2004). Questo risultato indica che a un Sé scarsamente differenziato, particolarmente caratterizzato da un alto timore di intimità e di fagocitazione nelle relazioni, si associa la strutturazione di un prototipo d attaccamento di tipo evitante: a un livello clinico questo suggerisce la necessità di lavorare psicoterapicamente sui timori e sulle distorsioni cognitivo-affettive che sostengono le paure d intimità e lo stile inibente di regolazione emozionale che caratterizza gli individui con attaccamento evitante, al fine di apportare cambiamenti migliorativi e maggiormente adattivi ai relativi modelli operativi interni dell attaccamento e contestualmente produrre una maggiore differenziazione del Sé. Per completare l analisi correlazionale sono state valutate le correlazioni tra le dimensioni della Differenziazione del sé e l autostima: questo ulteriore livello d indagine offre informazioni molto importanti, poiché il costrutto autostima rappresenta un indice importante del benessere psicologico globale di un individuo, costituendo essa l autovalutazione cognitivo-emotiva del valore percepito di una persona e rappresentando un bisogno e una motivazione umana di base (Branden 1969, 2001; Maslow 1987; Mruk 2006). Dalla matrice di correlazione emerge 248

17 Differenziazione del sé e alle sue implicazioni in ambito clinico Tabella 9. Matrice di correlazione lineare (r di Pearson) tra i punteggi prodotti dal campione (N=25) nelle scale di evitamento e d ansia d attaccamento (ECR), nelle scale dei prototipi d attaccamento sicuro, timoroso, preoccupato e distanziante (RQ) e nella scala d autostima (RSES) e la Differenziazione del sé nelle sue dimensioni intrapsichiche e interpersonali. Tutti i coefficienti di correlazione con specificazione del livello p sono risultati statisticamente significativi (p< 0,05) (9,7(&5 $16(&5 6,&54 7,054 35(2&54 ',6754 $87267,0$ (9,7(&5 S $16(&5 S S 6,&54 S 7,054 S S 35(2&54 S ',6754 S $87267,0$ S (5 S S S S,3 S (& S S S S )2 S S S S '6 S S S S S WHQGHDOODVLJQLILFDWLYLWjVWDWLVWLFD(5 UHDWWLYLWjHPRWLYD,3 SRVL]LRQHGHOO,R(& FKLXVXUDHPRWLYD )2 IXVLRQHFRQJOLDOWUL'6 OLYHOORJOREDOHGLGLIIHUHQ]LD]LRQHGHOVp (9,7(&5 GLPHQVLRQHHYLWDPHQWR([SHULHQFHVLQ&ORVH5HODWLRQVKLSV6FDOH $16(&5 GLPHQVLRQHDQVLD([SHULHQFHVLQ&ORVH5HODWLRQVKLSV6FDOH 6,&54 SURWRWLSRG DWWDFFDPHQWRDGXOWRVLFXUR5HODWLRQVKLSV4XHVWLRQQDLUH 7,054 SURWRWLSRG DWWDFFDPHQWRDGXOWRWLPRURVR5HODWLRQVKLSV4XHVWLRQQDLUH 35(2&54 SURWRWLSRG DWWDFFDPHQWRDGXOWRSUHRFFXSDWR5HODWLRQVKLSV4XHVWLRQQDLUH ',6754 SURWRWLSRG DWWDFFDPHQWRDGXOWRGLVWDQ]LDQWH5HODWLRQVKLSV4XHVWLRQQDLUH 249

18 Antonello Viola chiaramente l elevata correlazione tra il livello globale individuativo di differenziazione del sé e l autostima (r= 0,72; p< 0,001), e altresì correlazioni molto alte tra i fattori della DS, in particolare tra la Posizione dell Io, IP (r=0,65; p< 0,001), la Reattività emotiva, ER (r= 0,56; p= 0,004), la Fusione dell Io, FO (r= 0,52; p= 0,008) e l autostima. Ovviamente questi risultati suggeriscono che tanto maggiore è il livello individuativo della differenziazione del sé quanto maggiore il livello di autostima individuale, e pertanto il grado di autopercezione positiva della persona, il quale si inquadra nell ampio contesto del benessere psicologico individuale. Inoltre, questo dato supporta ulteriormente il risultato di correlazione ottenuto sulla scala di contenuto dell autostima Lse (r= 0,68) del MMPI-2 (tabella 8) e i risultati precedentemente ottenuti da Chung e Gale (2006) in una loro ricerca su campioni di soggetti koreani e statunitensi, confermando pertanto l ipotesi di universalità della teoria di Bowen e sostenendo l assunto per cui il livello di differenziazione del sé si accompagna a un buon livello di benessere psicologico, pertanto correlando positivamente con esso. Peraltro, anche i risultati ottenuti da Chung e Gale (2006) evidenziarono una correlazione maggiormente elevata tra il fattore IP e l autostima, chiaramente emersa anche in questa ricerca. Per concludere l analisi dei dati, questo studio ha indagato sul piano statistico inferenziale per verificare la presenza di differenze statisticamente significative in relazione al diverso livello individuativo di differenziazione del sé raggiunto dai soggetti del campione. A tale scopo il campione è stato ripartito in due gruppi (tabella 10), caratterizzati rispettivamente da un livello medio-basso (1-3,5) e un livello medio-alto (3,6 6) di Differenziazione del sé, e verificando successivamente se al test t di Student per campioni indipendenti (α = 0,05) emergevano differenze statisticamente significative (tabella 11) in relazione alla presenza di sintomatologia (global severity index, GSI), al prototipo d attaccamento (livelli d ansia ed evitamento ECR, scale dei prototipi d attaccamento adulto RQ) e al grado d autostima (RSES). Nella seguente tabella vengono riassunti i dati descrittivi dei due gruppi in relazione al livello di DS. In effetti la statistica inferenziale ha evidenziato alcune differenze statisticamente significative molto interessanti: il gruppo di pazienti con livello di differenziazione del sé medio-alto presenta un livello di benessere psicologico medio, in termini di presenza di sintomatologia (GSI) e di autostima, decisamente superiore rispetto al gruppo dei pazienti con livello di DS mediobasso. In particolare il gruppo con DS medio-alta presenta un indice globale di severità sintomatologica medio (GSI) di grado basso (che indica una presenza sintomatologica molto limitata) contro un GSI medio di grado moderato del gruppo con DS medio-bassa (p= 0,034), il quale pertanto presenta la sussistenza di una gravità sintomatologica già considerevole. Inoltre Tabella 10. Valori medi e deviazioni standard della DS nei due gruppi '6 0HGLD 1 '6 'HY6WG *UXSSR *UXSSR 7XWWL *UXSSR VRJJHWWLFRQGLIIHUHQ]LD]LRQHGHOVpPHGLREDVVD *UXSSR VRJJHWWLFRQGLIIHUHQ]LD]LRQHGHOVpPHGLRDOWD 250

19 Differenziazione del sé e alle sue implicazioni in ambito clinico Tabella 11. Risultati della statistica con il test per campioni indipendenti (p< 0,05) tra i due gruppi con livello di differenziazione del sé medio-basso e medio-alto 0HGLD JUXSSR 0HGLD JUXSSR 9DORUHW JGO S *UXSSR VRJJHWWLFRQGLIIHUHQ]LD]LRQHGHOVpPHGLREDVVD *UXSSR VRJJHWWLFRQGLIIHUHQ]LD]LRQHGHOVpPHGLRDOWD 1 JUXSSR 1 JUXSSR 'HY6WG JUXSSR 'HY6WG JUXSSR 5DSS) YDULDQ]H *6, 7,054 $87267,0$ nel gruppo 2 (DS medio-alta) la media esibita sulla scala del prototipo d attaccamento timoroso (caratterizzato da modelli rappresentazionali del sé e dell altro negativi, e dalla presenza di un notevole livello d ansia ed evitamento relazionale) è di grado basso, contro un livello nettamente superiore (moderato-alto) esibito invece dal gruppo 1 con DS medio-bassa(p= 0,021): pertanto, inferenzialmente questo risultato indica che gli individui con un Sé maggiormente differenziato presentano meno problematiche ansiose ed evitanti nel contesto di relazioni ad alta valenza affettiva. Per quanto concerne il tenore d autostima, il gruppo di pazienti con DS medio-alta ha esibito un livello medio nella normalità, mentre il gruppo con DS medio-bassa era caratterizzato da un autostima media di livello decisamente inferiore e di grado un poco al di sotto dell intervallo di normalità (p= 0,001). Inferenzialmente anche questi risultati confermano la validità e l universalità dell ipotesi boweniana secondo la quale gli individui che non hanno raggiunto un sano livello individuativo di differenziazione del sé sono caratterizzati da un grado di distress psicologico più elevato, che si estrinseca nella presenza di un notevole tenore di sintomatologia psicopatologica, con un livello carente di autopercezione positiva e la presenza di un più elevato grado d ansia ed evitamento nelle relazioni affettivamente significative. Conclusioni Il concetto di differenziazione del sé è nato e si è inizialmente sviluppato nel contesto della teoria dei sistemi familiari. Tuttavia la ricerca empirica ha evidenziato un numero consistente di correlazioni significative con una sensibile quantità di costrutti psicodinamici, che ne hanno fatto emergere l importanza quale indice potenziale della dinamica del processo evolutivo della psiche: pertanto, possiamo considerare un livello sufficiente o elevato di differenziazione del Sé come uno dei prodotti del processo di sviluppo e strutturazione psicologica sufficientemente sano ed equilibrato. I dati emergenti di questo studio dimostrano come il costrutto differenziazione del sé rappresenti una componente del Sé globale dell individuo adulto il cui sviluppo deficitario correla con una condizione di malessere psicologico riflessa dalla presenza di un corteo di sintomi, dal deficit di autostima e dalla strutturazione di modelli operativi interni insicuri dell attaccamento adulto. Quindi, data l associazione significativa del fattore Differenziazione del sé con una notevole quantità di elementi psicodinamici, esso può essere considerato come un utile costrutto per la valutazione integrata della condizione di benessere psicologico dell individuo. Per questa ragione la valutazione della differenziazione del sé con le sue componenti psicologi- 251

20 Antonello Viola che intrapsichiche e interpersonali in un individuo adulto, può rappresentare una importante componente di analisi il cui utilizzo può essere psicoterapicamente orientato nella risoluzione della condizione disadattiva del paziente. Infatti, agire psicoterapicamente sugli elementi psicologici che determinano un livello disfunzionale di chiusura emotiva (EC), o di eccessiva fusione emotiva e/o iperidentificativa con altri significativi, o un carente livello di affermazione del proprio Sé e della propria identità in ambito intrapsichico e interpersonale, oppure un grado deficitario di modulazione degli stati emotivi (ER), può comportare una sensibile riduzione della sintomatologia, un viraggio positivo dei modelli operativi interni dell attaccamento adulto, e un recupero o un rafforzamento di un sano livello di autostima individuale, rendendo l individuo a una condizione maggiormente adattiva e di sufficiente benessere psicologico. Pertanto, l accurata valutazione del livello di differenziazione del sé può consentire di individuare quelle specifiche componenti strutturali che esibiscono uno sviluppo carente, e conseguentemente orientare selettivamente e costruttivamente l intervento psicoterapico focalizzando il processo proprio sugli elementi psicodinamici connessi, la cui riarmonizzazione può favorire una canalizzazione più veloce di cambiamenti positivi verso una maggiore forza dell Io e una più elevata coesione del Sé, o anche verso una proficua compensazione del livello evolutivo di organizzazione della personalità. Riassunto Questo studio fornisce una panoramica sulle principali ricerche realizzate in merito alla Differenziazione del Sé, e un corpus di dati che presentano a un primo livello esplorativo e inferenziale le correlazioni tra le componenti psicologiche di questo importante costrutto psicologico e il livello generale di adattamento e benessere psicologico valutati attraverso la presenza di sintomatologia psicopatologica, il livello di autostima e gli elementi disfunzionali dei prototipi d attaccamento in un campione di 25 soggetti adulti nell ambito di un contesto essenzialmente clinico di consulenza psicologica e psicoterapia. I dati prodotti apportano un contributo clinico finora unico alla verifica degli assunti della teoria di Bowen, a sostegno della centralità e dell importanza trasversale del costrutto della differenziazione del Sé nell ambito della psicoterapia e della consulenza psicologica. I risultati mostrano inoltre come il costrutto differenziazione del sé rappresenti un importante componente del Sé globale dell individuo adulto, il cui sviluppo deficitario correla con una condizione di malessere psicologico riflessa dalla presenza di un corteo di sintomi, dal deficit di autostima e dalla strutturazione di modelli operativi interni insicuri dell attaccamento adulto. A RESEARCH CONTRIBUTION ON DIFFERENTIATION OF SELF AND ITS CLINICAL IMPLICATIONS Abstract Key Words: differentiation of self, psychological wellbeing, adult attachment prototypes, self-esteem This study provides a general review of the main researches developed on the Differentiation of self, and a corpus of data which show, at a first descriptive and inferential level, the correlation between the components of this important psychological construct and the global level of psychological adjustment and wellbeing evaluated through the presence of psychopathological symptoms, the self-esteem entity and the dysfunctional elements of the adult attachment prototypes, in a sample of 25 adult subjects supported by a context of psychological counselling and psychotherapy. Data yielded by this research supply with a unique and original clinical contribution the test of Bowen theory assumptions, confirming the centrality and the 252

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dr.ssa Mara Cristofori FASE O VALUTARE ASPETTATIVE

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

cognitivismo clinico

cognitivismo clinico Giugno 2013 Volume 10, numero 1 cognitivismo clinico indice Funzioni metacognitive, stili di attaccamento e dimensioni patologiche Uberta Ganucci Cancellieri, Giovanna Castaldo, Antonia Pitasi, Maurizio

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

LA STRUCTURED INTERVIEW OF PERSONALITY ORGANIZATION (STIPO). LA VALUTAZIONE DELLA PERSONALITÀ SECONDO IL MODELLO DI OTTO KERNBERG

LA STRUCTURED INTERVIEW OF PERSONALITY ORGANIZATION (STIPO). LA VALUTAZIONE DELLA PERSONALITÀ SECONDO IL MODELLO DI OTTO KERNBERG Psichiatria e Psicoterapia (2012) 31, 3, 149-169 LA STRUCTURED INTERVIEW OF PERSONALITY ORGANIZATION (STIPO). LA VALUTAZIONE DELLA PERSONALITÀ SECONDO IL MODELLO DI OTTO KERNBERG Emanuele Preti, Irene

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Sensibilizzazione dei genitori

Sensibilizzazione dei genitori Sensibilizzazione dei genitori Precisione e chiarezza Quando si vogliono comunicare ai genitori le difficoltà del bambino, delle quali andrebbero valutate la natura, la gravità e le modalità di intervento,

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

VIOLENZA TRA GENITORI: UN TRAUMA PER L INFANZIA ANCORA SOTTOVALUTATO

VIOLENZA TRA GENITORI: UN TRAUMA PER L INFANZIA ANCORA SOTTOVALUTATO VIOLENZA TRA GENITORI: UN TRAUMA PER L INFANZIA ANCORA SOTTOVALUTATO Silvia Mazzoni 1, Brunella De Stefano 2 Introduzione Gli studi dei ricercatori e dei clinici sugli effetti della conflittualità dei

Dettagli

Sindromi da scarso Sé 1

Sindromi da scarso Sé 1 Roberto Carlo Russo* Sindromi da scarso Sé 1 È frequente il riscontro, di norma all inizio delle elementari, di segnalazioni da parte degli insegnanti di bambini timidi, particolarmente riservati, richiedenti

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Assessorato Politiche per la Salute Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Dicembre 2014 Servizio Sanità Pubblica Direzione Generale Sanità e Politiche sociali Agenzia Sanitaria e

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

Un indagine empirica sul vissuto dei giovani pazienti e dei loro genitori

Un indagine empirica sul vissuto dei giovani pazienti e dei loro genitori Il bambino con diabete nella vita quotidiana Un indagine empirica sul vissuto dei giovani pazienti e dei loro genitori a cura di Monica Azzolini In collaborazione con Il bambino con diabete nella vita

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Introduzione. di Fabio Veglia

Introduzione. di Fabio Veglia INTRODUZIONE 13 21 Introduzione di Fabio Veglia Non so perché gli sto antipatico. Ho provato a fare tutto quello che posso, ma loro non mi lasceranno mai in pace e non saranno mai miei amici. Mi chiamano

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

manuale e protocollo bêta boeken & federserd manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2.

manuale e protocollo bêta boeken & federserd manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2. manuale e protocollo manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2.1 gerard schippers theo broekman angela buchholz edizione italiana giorgio nespoli emanuele

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta

Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta Parte prima: Attaccamento andato male I Capitolo: Un caso di violenza Ci sono genitori che non possono attingere come

Dettagli

Corso formazione genitori - FISDE

Corso formazione genitori - FISDE Corso formazione genitori - FISDE FISDE Tutti i diritti sono riservati E vietata la riproduzione diretta o indiretta, totale o parziale, temporanea o permanente. che cosa fa di un problema un problema?

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

Codice etico dell AIP

Codice etico dell AIP Codice etico dell AIP Premessa Questo Codice fa parte integrante del Regolamento dell'aip e si propone di regolamentare gli aspetti etici dell'attività di ricerca e di insegnamento della psicologia. Le

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Droga: ma il problema dov è?

Droga: ma il problema dov è? DROGA: MA IL PROBLEMA DOV È? 7 1 Droga: ma il problema dov è? 1.1 Un problema complesso È noto come il fenomeno dell uso e della diffusione di sostanze stupefacenti soprattutto nella fascia d età che tradizionalmente

Dettagli