Guida la tua crescita professionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida la tua crescita professionale"

Transcript

1 Guida la tua crescita professionale FORMAzione 2015

2

3 Quello che tutte le organizzazioni cercano è l uomo già formato e competente, una persona che sia già stata ben formata da altri. Ma è solo quando realizzeremo che è un nostro dovere, oltre che un opportunità, collaborare per formare chi lavora con noi e renderlo sempre più competente invece di cercarlo già formato, che avremo imboccato la strada della vera efficienza (Anonimo) Organizzazioni più complesse, stakeholder più esigenti, competizione più intensa. La crisi ha cambiato lo scenario economico di riferimento delineando la necessità di un assestamento strutturale che coinvolge le professioni impegnate nella gestione del rischio, nella sua accezione più ampia. Ciò costituisce un importante sfida anche per gli Internal Auditors. L evoluzione in atto ha cambiato anche il profilo e il ruolo dell Internal Auditor, un professionista oggi sempre più organicamente inserito nei meccanismi di governo aziendale, divenuto il punto di riferimento della control governance. In questo contesto, AIIA si sente investita della responsabilità di supportare i professionisti ad ampliare le proprie competenze di base (management, sistemi informativi, contabilità avanzata) e specialistiche, e promuovere la capacità dell Internal Auditor di costruire e gestire relazioni in organizzazioni complesse.

4 INDICE generale Pag. AIIA: storia e VISIONE DELLA CRESCITA PROFESSIONALE... 6 ITER FORMATIVI... 8 FORMAZIONE A CATALOGO... 9 INDICE TEMATICO CALENDARIO CORSI 1 SEMESTRE CALENDARIO CORSI 2 SEMESTRE CALENDARIO CORSI ROMA 1 SEMESTRE CALENDARIO CORSI ROMA 2 SEMESTRE I NOSTRI CORSI I NOSTRI ITER formativi CALENDARIO ITER FORMATIVI STRUMENTI E COMPETENZE PER L INTERNAL AUDITOR (LIVELLO BASE) STRUMENTI E COMPETENZE PER L INTERNAL AUDITOR (LIVELLO AVANZATO) FOCUS SUL FRAUD Auditing FOCUS SUL RISK MANAGEMENT FOCUS SULLA QUALITY ASSURANCE FOCUS SULL IT-Auditing FORMAZIONE SPECIALISTICA DIPLOMA IN CONTROLLO E INTERNAL Auditing PERCORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER RESPONSABILI DELLA VIGILANZA EX D.Lgs. 231/ CORSO PER L ACCREDITAMENTO DELLA QUALIFICA DI EXTERNAL ASSESSOR/VALIDATOR (QAR) CERTIFICAZIONI INTERNAZIONALI CALENDARIO CORSI DI SUPPORTO PER LA PREPARAZIONE ALL ESAME CIA REVIEW COURSE PART I - CIA REVIEW COURSE PART II - CIA REVIEW COURSE PART III CCSA CORSO DI ADDESTRAMENTO ALLA FACILITATION CFSA REVIEW COURSE CRMA REVIEW COURSE Audit Tutoring FORMAZIONE SU MISURA INFORMAZIONI GENERALI MODALITA DI PARTECIPAZIONE AI CORSI COME RAGGIUNGERCI

5 5

6 AIIA: STORIA E visione della crescita professionale AIIA, Associazione Italiana Internal Auditors, associazione senza fini di lucro, nasce a Milano nel In questi decenni di attività, AIIA ha contribuito a migliorare i sistemi di governo, di gestione del rischio e di controllo delle organizzazioni attraverso la valorizzazione della funzione di Internal Audit. Inserita in un contesto internazionale, AIIA è ufficialmente riconosciuta come affiliazione italiana dell Institute of Internal Auditors (The IIA), the global voice of the internal Audit profession. The IIA, costituitosi nel 1941, conta più di membri in 190 paesi e centinaia tra affiliates e chapters locali e rappresenta, grazie alla varietà di servizi e prodotti come gli standard professionali, le certificazioni, i progetti formativi e, più in generale, il knowledge, il punto di riferimento, a livello globale, per gli Internal Auditors. AIIA aderisce anche alla European Confederation of Institutes of Internal Auditing (ECIIA), organizzazione che si pone l obiettivo di promuovere il valore della Professione in Europa e di consolidare il network a livello sovranazionale. In oltre 40 anni di formazione, studi e confronto con istituzioni, professionisti e imprese, AIIA ha fortemente contribuito all evoluzione dei modelli di control governance verso i migliori Standard Internazionali e all affermazione del ruolo e della professionalità dell Internal Auditor. Con oltre soci in rappresentanza di più di 900 tra gruppi e aziende, l Associazione rappresenta oggi il primo punto di riferimento per le tematiche di Corporate Governance e Controllo in Italia. AIIA attribuisce un valore fondamentale all estensione delle competenze e all aggiornamento professionale. Per la delicatezza del ruolo svolto nei sistemi di governo e le numerose valutazioni che è chiamato a esprimere, un professionista dell Internal Auditing deve oggi disporre di competenze specialistiche e manageriali, unite alla capacità di costruire e gestire le relazioni all interno delle organizzazioni. La costruzione dei programmi formativi è, infatti, l esito di un processo rigoroso che prevede il monitoraggio delle esigenze di mercato, il contributo scientifico dei comitati tematici e l elaborazione di flussi informativi internazionali. Rafforzare, ampliare e innovare costantemente l offerta formativa allo scopo di supportare l Internal Auditor nell affrontare le scelte formative e affiancarlo nel suo percorso di crescita professionale, è una delle attività cardine dell Associazione, unitamente allo sviluppo e all aggiornamento costante delle competenze. 6

7 AIIA presenta quindi una nuova offerta, riprogettata sulla base di una puntuale ricognizione dei fabbisogni formativi e di una forte riflessione sugli hot topics della Professione e sul ruolo dell Internal Auditor, sviluppata attraverso: FORMAZIONE A CATALOGO per guidare la tua crescita professionale FORMAZIONE SPECIALISTICA...per valorizzare la tua crescita professionale CERTIFICAZIONI INTERNAZIONALI per qualificare la tua crescita professionale Audit Tutoring per favorire lo sviluppo della funzione di Internal Audit FORMAZIONE SU MISURA per progettare la crescita della funzione di Internal Audit Al fine di riorganizzare i contenuti in maniera più sistematica e approfondire temi sempre più specifici e di taglio pratico, i corsi a catalogo sono stati raggruppati in 7 aree: aree Governance e sistema di controllo interno Competenze e strumenti per la professione Governo della Funzione Compliance normativa Presidio dei rischi competenze relazionali Competenze settoriali 7

8 iter formativi Inoltre, per affiancare e supportare il professionista sia nell individuazione delle proprie esigenze che nella scelta delle attività formative da seguire, AIIA introduce e propone 6 iter formativi, ovvero raggruppamenti di corsi, che suggeriscono un indirizzo specifico per lo sviluppo di competenze di base, avanzate e legate a specifici ambiti tematici come il Fraud Auditing, il Risk Management, la Quality Assurance e l IT Auditing. STRUMENTI E COMPETENZE PER L INTERNAL AUDITOR (LIVELLO BASE) STRUMENTI E COMPETENZE PER L INTERNAL AUDITOR (LIVELLO AVANZATO) FOCUS SUL FRAUD Auditing FOCUS SUL RISK MANAGEMENT FOCUS SULLA QUALITY ASSURANCE FOCUS SULL IT-Auditing docenti Il parco docenti di AIIA è da sempre estremamente qualificato e costituito da: Autorevoli esponenti del mondo aziendale: Chief Audit Executive (CAE) e Responsabili della funzione Internal Audit Professionisti del Controllo Interno Consulenti di Direzione e membri di Organismi di Vigilanza Autorevoli esponenti del mondo accademico Tutti i professionisti sopra elencati sono riconosciuti per capacità e competenze e sono in grado di trasferire in aula l esperienza professionale acquisita sul campo e nel corso degli anni. L albo docenti è interamente consultabile sul sito all interno del quale è possibile trovare un breve estratto del curriculum vitae di ogni singolo docente AIIA. iso I contenuti dei corsi sono costantemente aggiornati per rispondere al meglio alle esigenze formative delle organizzazioni e la formula interaziendale consente il confronto in aula tra professionisti e manager di differenti settori. L interazione tra partecipanti aventi diversi background favorisce lo scambio di esperienze professionali e best practice aziendali. L Associazione Italiana Internal Auditors ha adeguato le procedure operative agli standard fissati dagli organismi di certificazione di livello internazionale, ottenendo la certificazione di qualità UNI EN ISO 9001:2008 per il settore EA 37: istruzione per la progettazione ed erogazione di servizi formativi in ambito professionale. La certificazione permette alle aziende di utilizzare i Fondi Paritetici Interprofessionali per accedere a tutti i corsi di formazione AIIA, organizzati in modalità interaziendale, aziendale e Tutoring, e usufruire dei finanziamenti previsti per la Formazione Continua dei professionisti del settore Auditing. 8

9 FORMAZIONE A CATALOGO...per guidare la tua crescita professionale 9

10 INDICE tematico Governance e sistema di controllo interno!!! la Corporate Governance La Governance ed i controlli interni: approccio secondo gli Standard internazionali dell IIA... La Control Governance, i diversi sistemi di controllo interno e gli organi di controllo L integrazione dei sistemi di controllo... i Framework di riferimento Progettazione dei Sistemi di controllo interno secondo i Framework di riferimento ERM: sviluppo di un Sistema di Risk Management Il framework Cobit... Coso Report: un framework di riferimento... I processi amministrativi e contabili e l analisi di bilancio Pag !!!! Accounting & Finance Risks per Internal Auditors... Financial Auditing: l approccio per voci di bilancio e cicli operativi Analisi e mappatura dei processi amministrativi e contabili e principi contabili Analisi del Bilancio d esercizio e del Bilancio consolidato, KPI e misurazione della performance La rendicontazione delle performance aziendali non economiche: analisi dell informazione integrata 26 Competenze e strumenti per la professione! Gli strumenti e le tecniche di Audit Strumenti e tecniche per la professione di IA: le fasi dell attività e le carte di lavoro... Strumenti e tecniche per la professione di IA: gestire gli Audit complessi e gli strumenti avanzati Mappare i processi e intervenire sull organizzazione degli stessi... It per non It Auditors... Le metodologie e i tool a supporto dell attività ! Valutazione del Sistema di Controllo Interno per la governance aziendale... Metodologia di valutazione del Sistema di Controllo Interno... Strumenti statistici per l IA... I sistemi informatici per il controllo Continuous Auditing e Continuous Monitoring... Project management: strumenti e tecniche di supporto per l Internal Auditor... Data Audit & analytics tools La conduzione della funzione Governo della Funzione Governo e conduzione della funzione Internal Audit... La funzione IA nelle aziende quotate: requisiti richiesti e adeguamento... IL piano di Audit e la QAIP Il piano di Audit Risk based e integrato... Audit report writing... Le raccomandazioni di Audit: monitoraggio delle azioni correttive e follow-up... Quality Assurance & Improvement program (QAIP); disegno ed implementazione... Marketing della funzione IA Compliance normativa Il D.Lgs. 231/01 e la normativa di impatto generale! Costruzione del Modello Organizzazione e Controllo ai fini 231 Recente giurisprudenza ed implicazioni sui Modelli Organizzativi e sulle condotte degli Organismi di Vigilanza... Frodi e reati 231 : dalla fattispecie legale al rischio in azienda... Internal Auditing e i processi dati in outsorcing: efficacia, efficienza e particolari attenzioni in ottica 231/01... Adempimenti e verifiche richieste dal D. Lgs. 81/08... Verifiche e Regolamento UE in materia di privacy... La normativa di impatto settoriale ! La legge Anticorruzione (L. 190/2012) nella PA: adempimenti opportunità e ruolo dell IA... Gestire i rapporti con Banca d Italia, Ivass e Consob... Circolare Banca D Italia

11 l ApprocCio risk based PAG! Control risk self-assessment - CRSA... Assurance sul Risk management... Le aree di rischio e l analytical review: rilevazione e analisi delle variabili di rischio... Risk based Auditing: accrescere il valore aggiunto dell IA... Il Risk assessment e le diverse metodologie Gli strumenti statistici per il Risk assessment la gestione delle diverse tipologie di rischio Presidio dei rischi! Individuazione del rischio frode e Fraud Governance secondo le normative vigenti... Strumenti per l attività di fraud management: prevenzione, rilevazione, investigazione... Costituzione di un Fraud Risk Management Program... La gestione dei rischi negli Enti Municipalizzati... Gestione del rischio nel controllo delle parti terze... ICT e globalizzazione: approcci metodologici di Audit cloud,e-commerce e cybercrime... Assessment dell Internal Audit sul Risk Appetite Framework... L Auditing dei sistemi ICT Audit della funzione Risorse Umane l impatto dei rischi emergenti al media & Reputational Risk... Reati ambientali e gestione del rischio... Business Continuity Management La gestione dei rapporti durante l attività di Audit Tecniche di gestione e conduzione delle interviste nell IA... Tecniche di negoziazione e gestione dei conflitti nell IA competenze relazionali la gestione dei rapporti interni ed esterni alla funzione La gestione e la motivazione dei propri collaboratori... Time Management... La comunicazione efficace verso gli altri organi di controllo e la comunicazione dei dati sensibili al board il settore assicurativo!! Le frodi in campo assicurativo - Ramo danni RCA... Le frodi in campo assicurativo - Ramo danni no RCA Il processo di adeguamento a Solvency II: impatti sulle organizzazioni 74 il settore finanziario Competenze settoriali!! Audit sul processo del credito... Internal Auditing per il settore finanziario (corso avanzato)... Le verifiche ispettive di Banca d Italia: finalità, strutturazione e documentazione richiesta... il settore manifatturiero e il settore dei servizi L Audit dei processi di Approvvigionamento e Appalti Il Fraud Auditing nel settore manifatturiero/telco/servizi Mergers & Acquisitions: quali rischi e quale ruolo per l Internal Auditor !! il settore della pubblica amministrazione Start-up della funzione Internal Audit nelle Amministrazioni Pubbliche... D. Lgs. 33/2013: obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni Le aziende partecipate: peculiarità e caratteristiche del Sistema dei controlli 79! Corso nuovo Corso in finalizzazione - a breve disponibili contenuti di dettaglio. 11

12 CALENDARIO CORSI (1 semestre) GEN FEB Verifiche e Regolamento UE in materia di privacy Risk based Auditing: accrescere il valore aggiunto dell IA La Governance ed i controlli interni: approccio secondo gli Standard internazionali di IIA Accounting & Finance Risks per Internal Auditors Mergers & Acquisitions: quali rischi e quale ruolo per l Internal Auditor Gestire i rapporti con Banca d Italia, Ivass e Consob MAR Il piano di Audit Risk based e integrato Le aree di rischio e l analytical review: rilevazione e analisi delle variabili di rischio La Control Governance, i diversi sistemi di controllo interno e gli organi di controllo Assessment dell Internal Audit sul Risk Appetite Framework Strumenti e tecniche per la professione di IA: le fasi dell attività e le carte di lavoro Internal Auditing e i processi dati in outsorcing: efficacia, efficienza e particolari attenzioni in ottica 231/01 Reati ambientali e gestione del rischio Internal Auditing per il settore finanziario (corso avanzato) Le frodi in campo assicurativo - Ramo danni RCA APR Le frodi in campo assicurativo - Ramo danni no RCA Governo e conduzione della funzione IA Individuazione del rischio frode e Fraud Governance secondo le normative vigenti Costruzione del Modello Organizzazione e Controllo ai fini 231 Strumenti e tecniche per la professione di IA: gestire gli Audit complessi e gli strumenti avanzati MAG Recente giurisprudenza ed implicazioni sui Modelli Organizzativi e sulle condotte degli Organismi di Vigilanza Audit sul processo del credito Tecniche di gestione e conduzione delle interviste nell IA Continuos Auditing e continous monitoring Le raccomandazioni di Audit: monitoraggio delle azioni correttive e follow-up Il Risk assessment e le diverse metodologie Progettazione dei Sistemi di controllo interno secondo i Framework di riferimento Strumenti per l attività di fraud management: prevenzione, rilevazione, investigazione Business Continuity Management 12 GIU Costituzione di un Fraud Risk Management Program Financial Auditing: l approccio per voci di bilancio e cicli operativi Metodologia di valutazione del Sistema di Controllo Interno Strumenti statistici per il risk assessment Tecniche di negoziazione e gestione dei conflitti nell IA Il Fraud Auditing nel settore manifatturiero/telco/servizi Assurance sul Risk management

13 GEN FEB MAR APR MAG GIU

14 CALENDARIO CORSI (2 semestre) LUG La gestione dei rischi negli Enti Municipalizzati La funzione IA nelle aziende quotate: requisiti richiesti e adeguamento SET Quality assurance e improvement program (QAIP): disegno e implementazione Audit della funzione Risorse Umane IT per non IT Auditors Coso Report: un framework di riferimento Le verifiche ispettive di Banca d'italia: finalità, strutturazione e documentazione richiesta Audit Report Writing L'Auditing dei sistemi ICT Control risk self-assessment - CRSA Circolare Banca D'Italia OTT Strumenti e tecniche per la professione di IA: le fasi dell'attività e le carte di lavoro Analisi del Bilancio d'esercizio e del Bilancio consolidato, KPI e misurazione della performance Il framework Cobit Mappare i processi e intervenire sull'organizzazione degli stessi Analisi e mappatura dei processi amministrativi e contabili e principi contabili Project Management: strumenti e tecniche di supporto per l'internal Auditor NOV ERM: sviluppo di un Sistema di Risk Management ICT e globalizzazione: sviluppi tecnici recenti e approcci metodologici : Cloud, E-commerce e Cybercrime Frodi e reati 231 : dalla fattispecie legale al rischio in azienda Adempimenti e verifiche richieste dal D. Lgs. 81/08 Valutazione del Sistema di Controllo Interno per la governance aziendale La rendicontazione delle performance aziendali non economiche: analisi dell'informazione integrata Marketing della funzione IA Le aziende partecipate: peculiarità e caratteristiche del Sistema dei controlli al media & Reputational Risk Strumenti statistici per l'internal Auditing L'integrazione dei sistemi di controllo DIC Data Audit & analytics tools I sistemi informatici per il controllo 14

15 LUG AGO SET OTT NOV DIC

16 CALENDARIO CORSI Roma (1 semestre) FEB Time management MAR Start-up della funzione Internal Audit nelle Amministrazioni Pubbliche Gestione del rischio nel controllo delle parti terze APR Strumenti e tecniche per la professione di IA: le fasi dell attività e le carte di lavoro La legge Anticorruzione (L. 190/2012) nella PA: adempimenti opportunità e ruolo dell IA Coso Report: un framework di riferimento La Control Governance, i diversi sistemi di controllo interno e gli organi di controllo Mappare i processi e intervenire sull organizzazione degli stessi MAG Quality Assurance & Improvement program (QAIP); disegno ed implementazione La gestione e la motivazione dei propri collaboratori Strumenti e tecniche per la professione di IA: gestire gli Audit complessi e gli strumenti avanzati GIU Audit Report writing D. Lgs. 33/2013: obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni 16

17 GEN FEB MAR APR MAG GIU

18 CALENDARIO CORSI roma (2 semestre) LUG Strumenti statistici per l Internal Auditing Progettazione dei Sistemi di controllo interno secondo i Framework di riferimento SET Risk Based Auditing: accrescere il valore aggiunto dell'ia Individuazione del rischio frode e Fraud Governance secondo le normative vigenti Assessment dell Internal Audit sul Risk Appetite Framework Marketing della funzione IA Il piano di Audit risk-based e integrato Gli strumenti statistici per il Risk assessment OTT Le aree di rischio e l analytical review: rilevazione e analisi delle variabili di rischio Strumenti per l'attività di fraud management: prevenzione, detection, investigazione La Governance ed i controlli interni: approccio secondo gli Standard internazionali dell IIA Tecniche di gestione e conduzione delle interviste nell' IA Il processo di adeguamento a Solvency II: impatti sulle organizzazioni L'Audit dei processi di Approvvigionamento e Appalti Metodologia di Valutazione del Sistema di Controllo Interno Accounting e finance risks per internal Auditors Strumenti e tecniche per la professione di IA: le fasi dell'attività e le carte di lavoro NOV La gestione dei rischi negli Enti Municipalizzati Internal Auditing per il settore finanziario (corso avanzato) Tecniche di negoziazione e gestione dei conflitti nell' IA Le raccomandazioni di Audit: monitoraggio delle azioni correttive e follow-up Costituzione di un Fraud Risk Management Program Assurance sul risk management (CRMA mod.2) DIC La comunicazione efficace verso gli altri organi di controllo e la comunicazione dei dati sensibili al board 18

19 LUG AGO SET OTT NOV DIC

20 20

21 I NOSTRI CORSI 21

22 Governance e sistema di controllo interno LA GOVERNANCE ED I CONTROLLI INTERNI: APPROCCIO SECONDO GLI STANDARD INTERNAZIONALI Dell IIA ROMA Non 13 febbraio 7 ottobre 600 Euro Euro 1 giorno Il corso si rivolge a Internal Auditors di nuova o recente assunzione. La Corporate Governance è il sistema delle regole secondo le quali le imprese sono gestite e controllate, coniugando il raggiungimento degli obiettivi, un comportamento coerente alle aspettative e la trasparenza nei confronti di azionisti e stakeholder. La conoscenza delle possibili relazioni tra la funzioni di Internal Audit e gli altri attori della governance, alla luce degli standard professionali internazionali, diventa quindi necessaria per svolgere quotidianamente l attività di Audit con l obiettivo di generare valore aggiunto nei processi di controllo, di gestione dei rischi e di corporate governance. Sulla base di queste premesse, il programma intende fornire le conoscenze su: la Corporate Governance il Sistema di Controllo Interno il Framework della Professione di Internal Auditor le relazioni tra l IA e gli altri attori della Governance Il corso si svolge con lezioni frontali. Ai partecipanti verrà, inoltre, fornita una bibliografia completa per l eventuale successivo approfondimento delle tematiche trattate. La Corporate Governance Le fonti legislative e i regolamenti in materia di Corporate Governance Gli attori della Governance nelle diverse tipologie di organizzazioni aziendali Il ruolo della funzione Internal Audit e le aspettative del management Il Sistema di Controllo Interno Gli elementi del SCI La Best Practices nazionali e internazionali per la valutazione del SCI I tre livelli di controllo e l Internal Audit La gestione dei rischi I controlli e la loro implementazione Il Framework della Professione di Internal Auditor Il framework internazionale della Professione di Internal Auditor Gli standard di connotazione e di prestazione Le attività di assurance e di consulenza Gli ambiti, le competenze e le specializzazioni degli Internal Auditors Le relazioni tra l Internal Audit e gli altri attori della Governance Le attività del risk management I controlli interni nel sistema della qualità Le funzioni di compliance Le finalità del controllo di gestione Le relazioni periodiche al vertice aziendale I rapporti con la società di revisione Il supporto all Organismo di Vigilanza ex. D.Lgs. 231/2001 L interazione con il management nello svolgimento degli interventi di Audit 22

23 L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI DI CONTROLLO L integrazione dei sistemi di controllo è diventata una necessità per tutte le società che attualmente si trovano ad affrontare una maggiore complessità sia in termini di aree da presidiare e control framework da applicare sia in termini di soggetti coinvolti. Ciò implica l esigenza di disporre di avanzati sistemi di coordinamento tra gli Organi e le Funzioni aziendali preposte al controllo, nonché della messa a sistema dei perimetri, delle metodologie e degli obiettivi degli interventi di Audit. Il corso ha l obiettivo di: identificare e condividere metodologie integrate di esecuzione e/o raccordo delle verifiche, che permettano alle Funzioni di controllo l utilizzo dei delivery e/o flussi informativi delle altre Funzioni di controllo disegnare delle modalità di coordinamento e flussi informativi utilizzabili in ottica di integrazione definire degli strumenti condivisi tra le funzioni di controllo Programmare l integrazione Gli attori del controllo e il loro coordinamento I perimetri di possibile integrazione L. 262/05, SOX e controlli sul financial reporting D. Lgs. 231/01 e controlli in materia di responsabilità amministrativa D. Lgs. 81/08 e controlli in materia di sicurezza e salute sui luoghi di lavoro D. Lgs. 152/06 e controlli in materia ambientale D. Lgs. 196/03 e controlli in materia di privacy e trattamento dei dati Perimetri definiti dal programma di Internal Auditing Codici e regolamentazione di settore Cosa integrare e cosa non integrare Limiti alle logiche di integrazione; Necessità di mantenere flussi di reporting distinti per i diversi attori del controllo Gestione integrata del rischio (esempi concreti di mappature di rischio integrate) Criteri di definizione delle priorità di intervento in logica olistica Audit program coordinati a copertura dei diversi perimetri (esempi concreti) Ottimizzazione degli interventi di Audit su più legal entity in logica di Gruppo Struttura dei flussi di reporting Gestione del reporting a livello local e corporate Gestire l integrazione (tutti i punti saranno accompagnati da esempi concreti) Pianificazione dei cicli di Audit integrati Gestione degli interventi di Audit in logica coordinata Criteri di selezione dei campioni secondo un approccio integrato Impostazione delle carte di lavoro Predisposizione degli Audit report Criteri di classificazione, archiviazione e tracciabilità Dalla operatività ordinaria alla gestione delle emergenze Ridefinizione continua delle priorità e formalizzazione delle stesse Gestione delle segnalazioni e degli special Audit Gestione delle emergenze e impostazione del Crisis Management (cenni) Non 26 novembre 600 Euro Euro 1 giorno Il corso si rivolge ai Responsabili e team della funzione Internal Auditing, Legal & Compliance Officer, CEO & CFO, Responsabili Funzioni Sicurezza e Ambiente, Responsabili Privacy, Componenti Organismi di Vigilanza ex D. Lgs. 231/01. Il corso si svolge con lezioni frontali. Dato il taglio estremamente operativo del corso, verranno forniti esempi di mappature di rischio, Audit plan e Audit report sviluppati in logica integrata e orientati al cost saving. 23

24 Governance e sistema di controllo interno IL FRAMEWORK COBIT 20 ottobre Oggi gran parte delle informazioni inerenti il Business viene prodotta attraverso l uso di sistemi informatici. Non 600 Euro Euro 1 giorno Il corso si rivolge a Internal Auditors di aziende altamente strutturate che vogliono acquisire le competenze necessarie per affrontare in modo adeguato le attività di Audit dei Sistemi Informativi ed anche a Risk Managers e Controllers che desiderino acquisire e migliorare le competenze relative ai controlli e all attività di Auditing. L efficace gestione dell informazione e dell Information Technology (IT) è di fondamentale importanza per la sopravvivenza ed il successo di un organizzazione. Il Framework COBIT 5 costituisce la generazione più recente di linee guida di ISACA per la Governance e il Management dell IT. Obiettivo dichiarato del Framework è quello di aiutare le organizzazioni a ottenere dall IT il valore ottimale garantendo il mantenimento del necessario equilibrio tra la generazione di benefici per l organizzazione, utilizzando al meglio i sistemi informatici, e l ottimizzazione dei livelli di rischio e di impiego delle risorse. Il corso ha l obiettivo di: istruire i partecipanti sul funzionamento del modello COBIT quale framework di riferimento per la gestione dell Information and Communication Technology fornire le informazioni necessarie per valutare la maturità dei processi di IT Governance secondo criteri di: - allineamento strategico dell IT al Business - gestione strategica del portafoglio di progetti IT - gestione del rischio IT - gestione delle performance Il corso si svolge con lezioni frontali. Saranno previsti case study ed esercitazioni pratiche. Ai partecipanti verrà, inoltre, fornita una bibliografia completa per l eventuale successivo approfondimento delle tematiche trattate. 24 Perché ragionare in termini di rischi e controlli: Ridurre i rischi legati all Information Technology al fine di supportare le aziende nel raggiungimento dei loro obiettivi strategici ed operativi attraverso il mantenimento di elevati standard qualitativi. Definizione del framework per IT Governance: Esplicitare come i vari framework, best practice e standard per il governo dell IT (Val IT, ITIL, ISO27001, etc.) possono essere approcciati in un unico modo consolidato e sinergico. Principi fondamentali del COBIT 5: Creare valore per gli stakeholder; Coprire l intera organizzazione aziendale; Utilizzare un unico framework integrato; Facilitare approccio interdisciplinare per l implementazione dei sistemi di IT Governance e IT Management; Separare Governance e Management. Struttura del Cobit 5: Evaluate, Direct and Monitor (EDM); Align, Plan and Organize (APO); Build, Acquire and Implement (BAI); Deliver, Service and Support (DSS); Monitor, Evaluate and Assess (MEA).

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta Corporate Governance e sistema di controllo interno Enrico Parretta Corporate Governance La Corporate Governance è il sistema delle regole secondo le quali le imprese sono gestite e controllate, coniugando:

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l.

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l. Balance GRC Referenze di Progetto Settembre 2013 Pag 1 di 18 Vers. 1.0 Project Management Anno: 2012 Cliente: ACEA SpA Roma Durata: 1 anno Intervento: Gestione dei progetti riguardanti l implementazione

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 15 aprile 2014 Prot. n. All.ti n. 1 51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Alle Imprese capogruppo

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli