ESERCIZI 1. IL PUNTO MATERIALE E IL CORPO RIGIDO 2. L EQUILIBRIO DEL PUNTO MATERIALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESERCIZI 1. IL PUNTO MATERIALE E IL CORPO RIGIDO 2. L EQUILIBRIO DEL PUNTO MATERIALE"

Transcript

1 ESERCIZI 1. IL PUNTO MATERIALE E IL CORPO RIGIDO 1 Associa a ciascun modello le sue caratteristiche. MODELLO SI SPOSTA RUOTA CAMBIA FORMA Punto materiale Corpo rigido Corpo deformabile 2 Completa la tabella. Quale modello devi scegliere in ciascuna di queste situazioni per descrivere il moto di un automobile? SITUAZIONE Frenata con testa-coda Viaggio in autostrada a velocità costante Parcheggio Tamponamento Moto in rettilineo con aumento di velocità X PUNTO MATERIALE CORPO RIGIDO X CAMBIA FORMA 3 Completa la tabella. Quale modello devi scegliere per studiare il pianeta Terra in ciascuna di queste situazioni? Vero o falso? a. Le forze vincolari diventano più piccole se diminuisce la forza attiva. V F b. Il valore delle forze vincolari dipende dal materiale di cui è fatto il vincolo. V F c. Un punto materiale che non risente di forze vincolari non può essere in equilibrio. V F 6 Completa la tabella. Ecco un elenco di corpi vincolati. Sai specificare l oggetto o gli oggetti che si comportano da vincoli? CORPO VINCOLATO Quadro appeso alla parete Ruota di bicicletta Albero Lampadario Equilibrista che cammina su una fune OGGETTO O OGGETTI CHE COSTITUISCONO I VINCOLI Chiodo 7 Due ragazzi trasportano una valigia. Le frecce rosse rappresentano le forze esercitate da ciascun ragazzo. La valigia è in equilibrio e può essere considerata un punto materiale. SITUAZIONE Urto da parte di un meteorite PUNTO MATERIALE CORPO RIGIDO CAMBIA FORMA X Alternanza del giorno e della notte Moto intorno al Sole Produzione delle maree 2. L EQUILIBRIO DEL PUNTO MATERIALE 4 Quesito. Cancella l affermazione sbagliata scritta in parentesi: F 3 F 1 O «il punto materiale O (è/non è) in equilibrio.» F 2 AM ES Fig.I4.08 Determina graficamente la freccia che rappresenta la forza-peso sulla valigia. 8 Traccia un disegno schematico che rappresenti due oggetti di diverse dimensioni sul piano di un tavolo. Indica per ciascun oggetto, con opportuni vettori, la forza-peso e la forza di reazione vincolare del tavolo. 9 Un lampadario di massa 3, kg è in equilibrio appeso al soffitto. Disegna i vettori-forza che agiscono sul lampadario. Calcola il modulo di tutte le forze disegnate. [34 N; 34 N] 127

2 Misure e statica 10 Una pallina di massa 20 g è in equilibrio, appesa verticalmente a una molla fissata al soffitto. La molla è allungata di 4,20 cm rispetto alla sua lunghezza a riposo. Disegna uno schema della situazione indicando le forze che agiscono sulla pallina. Calcola il peso della pallina (usa g = 9,80 N/kg). Individua il modulo della forza elastica esercitata dalla molla. Determina il valore della costante elastica della molla. 11 PROBLEMA SVOLTO [2,4 N; 2,4 N; 8,3 N/m] Forza elastica e forza di attrito Una molla, disposta in orizzontale, ha un estremità fissata a una parete e l altra attaccata a una cassa, come nella figura. La costante elastica della molla è di 6,0 # 10 2 N/m, il suo allungamento è di 21 cm, la massa della cassa vale 20 kg e il valore del coefficiente di attrito radente statico tra la cassa e il pavimento è 0,7. Quanto vale la forza esercitata dalla molla sulla cassa? Qual è il massimo valore della forza di attrito statico tra la cassa e il pavimento? In queste condizioni, la forza elastica fa muovere la cassa? fragile Dati e incognite GRANDEZZE SIMBOLI VALORI COMMENTI Costante elastica della molla k 6,0 # 10 2 N/m DATI Allungamento della molla x 21 cm Massa della cassa m 20 kg Coefficiente di attrito statico ns 0,7 Tra la cassa e il pavimento INCOGNITE Intensità della forza elastica F e? Massimo valore della forza di attrito F s? Ragionamento La cassa è sottoposta a quattro forze (figura a lato): la sua forzapeso F P rivolta verso il basso, la reazione vincolare F V esercitata verso l alto dal pavimento sulla cassa, la forza elastica F e rivolta verso sinistra e la forza di attrito radente statico F a rivolta verso destra. F V e F P hanno automaticamente la stessa direzione, versi opposti e moduli uguali; così la loro somma vettoriale è nulla e la cassa è sempre in equilibrio verticale (non tende a salire in alto, né a sprofondare nel pavimento). Per quanto riguarda le forze orizzontali, se la forza elastica ha un valore minore della forza di attrito statico al distacco, la cassa rimarrà ferma; altrimenti si muoverà. Nella formula Fs = ns F=, la forza premente F = è il peso della cassa. F e F v fragile F a F p 128

3 Risoluzione Il modulo di F e si trova con la legge di Hooke (considerata con il segno più: Occorre trovare il valore della forza-peso F P della cassa: 2 N 2 Fe = kx = b6, 0# 10 l# (0,21 m) = 1,3# m N 2 FP = mg = (20 kg) # d9, 8 n= 2,0# kg 2 2 Così si può calcolare la forza di attrito al distacco: F = n F = n F = 0,7# 2,0# = 1,# s s = s P Controllo del risultato La forza elastica (1,3 # 10 2 N) risulta minore del valore massimo della forza di attrito radente (1, # 10 2 N); quindi la cassa rimane ferma. Il valore della forza di attrito F a che si esercita tra la cassa e il pavimento è uguale a quello di F e. In questo modo anche le due forze orizzontali della figura precedente sono uguali e opposte, e la cassa è in equilibrio. Nella risoluzione del problema la cassa, pur essendo grande, è stata considerata come un punto materiale perché essa può spostarsi verso sinistra ma non ruotare. 12 Una molla, disposta in orizzontale, ha un estremo fissato al muro e l altra estremità legata a un mattone che pesa 27 N. La costante elastica della molla è k = 180 N/m e il coefficiente di attrito radente statico tra il mattone e il pavimento vale 0,90. Con la mano afferri il mattone e lo fai strisciare sul pavimento fino ad allungare la molla di 20 cm. Quali sono i moduli delle forza elastica e della forza al distacco tra mattone e pavimento? Se lasci andare il mattone, questo si mette in moto? [36 N; 24 N] tamente proporzionale: (più di una risposta è giusta) A alla forza-peso. B all altezza del piano. C alla lunghezza del piano. D alla pendenza del piano. E alla forza di reazione vincolare del piano. 1 Quesito. Il disegno mostra una palla appoggiata appoggiata su tre diversi piani inclinati. È indicato il vettore forza-peso della palla. 13 Considera i dati dell esercizio 11. Qual è il massimo allungamento della molla, per il quale la cassa continua a rimanere in equilibrio? [2 cm] 3. L EQUILIBRIO SU UN PIANO INCLINATO 14 Test. La forza equilibrante per tenere in equilibrio un oggetto su un piano inclinato è diret- In ciascun caso, disegna la forza di reazione vincolare del piano e la forza equilibrante necessaria. 16 PROBLEMA SVOLTO Forza equilibrante F E =? Uno scivolo di un parco giochi è alto 1,8 m e lungo 4, m. Su di esso si trova un bimbo che ha una massa m = 28 kg. Con quale forza si deve afferrare al bordo dello scivolo per rimanere fermo? Trascuriamo l attrito del bimbo con lo scivolo. h = 1,8 m l = 4, m m = 28 kg F F P 129

4 Misure e statica Dati e incognite GRANDEZZE SIMBOLI VALORI COMMENTI Altezza del piano inclinato h 1,8 m DATI Lunghezza del piano inclinato l 4, m Massa del bimbo m 28 kg INCOGNITE Forza equilibrante F E? Ragionamento h La forza equilibrante si calcola con la formula F = F. l E Risoluzione N 2 Conviene calcolare prima il peso F P del bambino: FP = mg = ( 28 kg) # d9, 8 n= 2, 7# kg h 2 1,8 m 2 Ora si sostituiscono i valori numerici nella formula: FE = FP = (2,7# ) # = 1,1# l 4, m Controllo del risultato Per rimanere fermo sullo scivolo il bambino deve applicare una forza equilibrante di circa 1, decisamente minore del suo peso, che è circa 270 N. P Un automobile è ferma su una strada in discesa, con il freno a mano tirato. La pendenza della strada è del 10% (la strada sale di 10 m ogni 100 m di percorso). La massa dell automobile è di 840 kg. 10% Qual è il valore della forza di attrito sugli pneumatici che tiene ferma l automobile? [8,2 # 10 2 N] 18 Per tenere in equilibrio un carrello della spesa su un piano inclinato lungo 4,00 m e alto 0,7 m è necessaria una forza di 92 N. Qual è il valore della forza-peso del carrello? [4,9 # 10 2 N] 19 La rampa di carico di un magazzino permette di superare un dislivello di 1, m. Su di essa è fermo un carrello, la cui massa è di 130 kg. Per trattenere il carrello occorre esercitare una forza, parallela alla rampa, di 91 N. Qual è la lunghezza della rampa? [21 m] 20 Un facchino sta tenendo ferma una cassa di 33, kg, appoggiata su una passerella inclinata alta 2,40 m e lunga 10,0 m. Qual è il valore della forza equilibrante necessaria a tenere la cassa in equilibrio? (Usa g = 9,80 N/kg.) Quali sono i moduli della forza premente sul piano inclinato (in direzione perpendicolare a esso) e della forza di reazione vincolare del piano? [78,8 N; 318 N; 318 N] 21 Riconsidera i dati dell esercizio 20. Il coefficiente di attrito radente statico tra la cassa e la passerella è 0,10. Quali sono la direzione e il verso della forza di attrito statico? Disegna uno schema delle forze che agiscono sulla cassa. Determina il modulo della forza di attrito statico. Calcola la forza che deve essere esercitata dal facchino per tenere la cassa in equilibrio. [47,7 N; 31,1 N]

5 4. L EFFETTO DI PIÙ FORZE SU UN CORPO RIGIDO 22 Completa la tabella. A quale dei casi studiati nel testo corrisponde ciascuno dei seguenti esempi? ESEMPI Due bambini che tirano una corda per le estremità, in versi opposti Le due mani che impugnano un volante e lo fanno ruotare Una persona c e solleva una grossa pentola afferrandola per i manici L azione delle funi del paracadute da parapendio sul paracadutista FORZE CONCORRENTI FORZE CHE AGISCONO SULLA STESSA RETTA FORZE PARALLELE E CONCORDI FORZE PARALLELE E DISCORDI 23 Test. Se due forze parallele F 1 e F 2 applicate in punti diversi di un corpo rigido sono discordi, il punto P a cui è applicata la somma delle due forze è: A esterno a F 1 e F 2 dalla parte della forza maggiore. B esterno a F 1 e F 2 dalla parte della forza minore. C compreso fra le forze F 1 e F 2. D esterno o compreso tra le forze F 1 e F 2 a seconda del loro valore. 24 Un uomo e un bambino spingono un divano co me nel disegno. La forza esercitata dall uomo ha un intensità doppia rispetto a quella esercitata dal bambino. l altra estremità. L asse è lunga 1, m e, rispetto a Sara, ha una massa trascurabile. Quale ragazzo esercita una forza maggiore? Quanto è più grande questa forza di quella esercitata dall altro? 27 Due operai devono trasportare una cassa del peso di 1000 N, appoggiata su un asta lunga 2,0 m e di peso trascurabile. La cassa dista 80 cm da uno dei due operai. Quanto valgono le intensità delle forze che devono applicare gli operai per poterla sostenere? Quale dei due operai deve applicare la forza di intensità maggiore? [400 N; 600 N]. IL MOMENTO DELLE FORZE Determina graficamente il punto di applicazione della forza ri sultante e l intensità di tale forza. 2 Considera la figura dell esercizio precedente. I valori delle forze sono F 2 = 200 N e F 1 = 100 N. Inoltre, la distanza fra il punto di applicazione della risultante e quello della forza F 2 è d 2 = 0,60 m. A quale distanza dalla forza F 1 risulta applicata la forza risultante? [1,2 m] 26 Marco e Gianni portano Sara seduta su un asse. Sara è seduta a 0 cm da Marco e Gianni tiene 28 Test. Da quali dei seguenti fattori dipende il valore del momento di una forza? (Più di una risposta è giusta.) A Intensità della forza. B Punto rispetto al quale si calcola il braccio. C Lunghezza del braccio. D Retta d azione della forza. 29 Test. Una coppia di forze è formata da: A due forze comunque assegnate. B due forze uguali e opposte, applicate nello stesso punto. C due forze uguali e opposte, applicate a una certa distanza l una dall altra. D due forze uguali, applicate nello stesso punto e aventi la stessa direzione e lo stesso verso. 30 Un asta lunga 120 cm è fatta ruotare intorno a uno dei suoi estremi per mezzo di una forza di intensità pari a 2 N, applicata all altro estremo e perpendicolare all asta. 131

6 Misure e statica Quanto vale il momento della forza applicata rispetto al punto intorno al quale avviene la rotazione? [30 N m] 31 Per svitare un bullone da una ruota di automobile occorre applicare un momento di 10 N m. La persona che deve svitare il bullone può esercitare una forza di 300 N all estremità di una chiave inglese. Quanto deve essere lunga la chiave, in modo da ottenere il momento richiesto? 32 Two men are moving a box. Trace the distance between the two forces exerted on the box. [0,00 m] 33 Nel caso della figura dell esercizio precedente, il valore delle due forze è di 300 N, mentre la distanza tra di esse è di 1,40 m. Qual è il valore del momento della coppia? 34 Una coppia di forze, ognuna di valore 0,0 N, è applicata agli estremi di un asta O lunga 80,0 cm, vincolata nel centro. 60 Calcola il valore del momento della coppia di forze. F Qual è il verso di rotazione dell asta? [420 N m] F 60 [34,6 N m] 6. L EQUILIBRIO DI UN CORPO RIGIDO 3 Test. Qual è la prima delle due condizioni di equilibrio per un corpo rigido? A Le forze agenti sul corpo rigido devono essere tutte uguali. B La somma delle forze agenti sul corpo rigido deve essere nulla. C Le forze agenti sul corpo rigido devono essere tutte uguali a zero. D Per ogni forza agente sul corpo rigido deve essercene un altra uguale e opposta. 36 Test. Qual è la seconda delle due condizioni di equilibrio per un corpo rigido? A Ogni forza applicata deve avere un momento pari a zero. B I momenti delle forze applicate devono essere tutti uguali e opposti. C La somma dei momenti delle forze applicate deve essere uguale a zero. D La somma dei momenti delle forze applicate deve essere una somma vettoriale. 37 Caccia all errore. «Un corpo che non può traslare nello spazio è senz altro fermo.» 38 Pensa come un fisico. Perché due forze uguali ed opposte, applicate al centro di un disco rigido, non producono alcun effetto, mentre se sono applicate agli estremi di un diametro lo mettono in movimento? 7. LE LEVE 39 Quesito. Abbina ogni genere di leva alla corretta definizione. A Leva di primo genere 1 La forza motrice è tra il fulcro e la forza resistente B Leva di secondo genere 2 Il fulcro è tra la forza motrice e la forza resistente C Leva di terzo genere 3 La forza resistente è tra il fulcro e la forza motrice 40 Pensa come un fisico. La figura a lato rappresenta una leva con un gancio applicato nel fulcro. Le due forze indicate non sono né uguali né opposte, eppure la leva si trova in equilibrio. Come puoi spiegarlo? 132

7 41 Quesito. Hai tre leve di diverso genere. Completa i disegni scrivendo M nel punto di applicazione della forza motrice, R nel punto di applicazione della forza resistente e F nel fulcro. leva di primo genere leva di secondo genere leva di terzo genere 42 PROBLEMA SVOLTO Calcolo della forza motrice Un bambino è seduto a uno dei due estremi di un altalena a 2,12 m dal fulcro centrale. Il padre lo fa giocare premendo l altro braccio dell altalena a 1,6 m dal centro. Il peso del bambino è pari a 170 N. Quale forza deve esercitare il padre, in direzione perpendicolare all altalena, per fare in modo che questa rimanga in posizione orizzontale e non ruoti? F R =170N b R =2,12 m F M =1,6 m F M =? Dati e incognite GRANDEZZE SIMBOLI VALORI COMMENTI Distanza del bambino dal fulcro b R 2,12 m È il braccio della forza resistente DATI Distanza del padre dal fulcro b M 1,6 m È il braccio della forza motrice Peso del bambino F R 170 N È la forza motrice INCOGNITE Forza motrice F R? Ragionamento Questa altalena è una leva di primo genere. La forza resistente è data dal peso del bambino. Per le leve vale la relazione F : F = b : b M R R M Risoluzione b Conviene isolare F M nella relazione delle leve: F = F b Poi si sostituiscono nel risultato i valori numerici: br 2,12 m FM = FR = 170 N# = 231 N b 1,6 m M R R M M Controllo del risultato Visto che, rispetto al punto in cui è seduto il bambino, il padre si trova più vicino al fulcro dell altalena, egli deve esercitare una forza maggiore del peso del bambino. 133

8 Misure e statica 43 In una leva di primo genere, i bracci della forza motrice e della forza resistente sono rispettivamente di 2,0 m e 0,80 m. È applicata una forza motrice di intensità pari a 1 N. Quale forza resistente è possibile equilibrare con questa leva? [47 N] 44 In una leva di terzo genere i due bracci misurano 80 mm e mm. La leva è in equilibrio sotto l azione di una forza resistente di,7 N. Qual è l intensità della forza motrice? [8,3 N] 4 L apribottiglie della figura è utilizzato per togliere un tappo a corona, che oppone una forza resistente di 120 N. 46 Nella figura è rappresentata una leva sottoposta all azione di una forza resistente di 12 N. F 32 cm 8,0 cm fulcro F r = 12 N Quanto vale l intensità della forza motrice in grado di equilibrare la forza resistente? Di che genere è la leva? È vantaggiosa o svantaggiosa? [2,4 N] 8. IL BARICENTRO 47 Quesito. Abbina a ogni genere di equilibrio (A, B, C) la condizione corrispondente (1, 2, 3), nel caso di un oggetto vincolato a muoversi intorno a un punto Q. A Equilibrio stabile B Equilibrio instabile C Equilibrio indifferente Di che tipo di leva si tratta? Quale forza motrice serve per equilibrare la forza resistente? Che cosa succede se applichiamo una forza motrice maggiore di quella appena calcolata? 1 Il baricentro si trova sulla retta verticale passante per Q e al di sopra del punto Q 2 Il baricentro coincide con il punto Q 3 Il baricentro si trova sulla retta verticale passante per Q e al di sotto del punto Q 48 Hai un corpo rigido omogeneo rettangolare. Disegna con un punto dove applicheresti un vincolo per avere le seguenti condizioni. equilibrio stabile equilibrio instabile assenza di equilibrio equilibrio indifferente 49 Nella figura è rappresentata una torre pendente in equilibrio. Il suo baricentro è in un punto della linea rossa. Indica la massima altezza da terra alla quale può trovarsi il baricentro. 134

9 0 Quattro cubetti identici vengono sovrapposti a forma di parallelepipedo. I cubetti hanno una forza-peso che puoi rappresentare con un vettore lungo 0, cm. Nel disegno grande, traccia il vettore forzapeso di ciascuna parte, applicato al centro della parte stessa; poi somma i quattro vettori. Cosa rappresenta questo nuovo vettore? Cosa rappresenta il suo punto di applicazione? 1 Un corpo è formato da un asta cilindrica omogenea, lunga 1,0 cm, e da una sfera omogenea, di raggio pari a 2,0 cm, attaccata a un estremità dell asta. Le masse dell asta e della sfera sono rispettivamente di 11 g e 32 g. Quanto è lontano il baricentro della sfera dal baricentro dell asta? Il baricentro del sistema è più vicino al baricentro della sfera o dell asta? [9, cm] PROBLEMI GENERALI 1 Un palo è caduto di traverso alla strada. Per tentare di farlo ruotare e portarlo a essere parallelo alla strada, due persone lo spingono ai suoi due estremi, esercitando due forze parallele e discordi. I valori delle due forze applicate sono F 1 = 200 N e F 2 = 300 N. La somma delle due forze è applicata in un punto P che dista 13, m dal punto di applicazione della forza più piccola. Traccia uno schema della situazione e rispondi alle domande. Quanto misura la distanza tra P e il punto di applicazione della forza più grande? Quanto è lungo il palo? [9,0 m] [4,0 m] 2 In order to open a door by pushing on a point 0 mm from the hinges we need a force 16 times greater than that required if we push at the extremity of the door near the handle. What is the width of the door? [0.80 m] 3 Per far ruotare un bicchiere su se stesso applichiamo con le dita di una mano due forze uguali e opposte sull orlo, in punti diametralmente opposti e in modo che le due forze siano tangenti all orlo stesso. Il raggio del bicchiere è di 36 mm e ciascuna delle forze ha un intensità di 1, N. Traccia uno schema della situazione e determina il momento della coppia applicata al bicchiere. [0,11 N m] 4 Nella scena di un film un malvivente cerca di bloccare una porta semiaperta, per impedire al poliziotto di aprirla. Il malvivente preme sulla porta a 62 cm dai cardini, con una forza di intensità 740 N. Il poliziotto spinge dall altra parte, a 78 cm dai cardini, con una forza di 620 N. Quanto vale, rispetto ai cardini, il momento della forza esercitata dal malvivente? [4,6 # 10 2 N m] Quanto vale, rispetto ai cardini, il momento della forza esercitata dal poliziotto? Da che parte gira la porta? [4,8 # 10 2 N m] Un naufrago è issato a bordo di un elicottero di soccorso me diante un cavo che si avvolge sul cilindro di un verricello. Il raggio del cilindro è di 7, cm e la massa del naufrago è di 83 kg. Quanto vale il momento del la forza-peso del naufrago rispetto al centro del verricello? Quanto vale il mo mento esercitato dal motore che aziona il verricello? [61 N m; 2 61 N m] F P 13

La Statica. La statica è una parte della meccanica che studia l equilibrio dei corpi. Prof Giovanni Ianne

La Statica. La statica è una parte della meccanica che studia l equilibrio dei corpi. Prof Giovanni Ianne La Statica La statica è una parte della meccanica che studia l equilibrio dei corpi. Sistemi rigidi ed equilibrio Un corpo è in equilibrio quando è fermo e continua a restare fermo. Il punto materiale

Dettagli

L equilibrio dei corpi solidi

L equilibrio dei corpi solidi 1 L equilibrio dei corpi Quando un corpo è fermo e rimane fermo al trascorrere del tempo, diciamo che quel corpo è in equilibrio. Si definisce corpo rigido un corpo che non si deforma nonostante su di

Dettagli

Le grandezze vettoriali e le Forze

Le grandezze vettoriali e le Forze Fisica: lezioni e problemi Le grandezze vettoriali e le Forze 1. Gli spostamenti e i vettori 2. La scomposizione di un vettore 3. Le forze 4. Gli allungamenti elastici 5. Le operazioni sulle forze 6. Le

Dettagli

VERIFICA L equilibrio dei corpi e le macchine semplici

VERIFICA L equilibrio dei corpi e le macchine semplici ERIICA L equilibrio dei corpi e le macchine semplici Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? Se un corpo è immobile si trova in una situazione di equilibrio Un corpo appoggiato su un piano può restare

Dettagli

1) Fare il diagramma delle forze, cioè rappresentare graficamente tutte le forze agenti sul corpo o sui corpi considerati.

1) Fare il diagramma delle forze, cioè rappresentare graficamente tutte le forze agenti sul corpo o sui corpi considerati. Suggerimenti per la risoluzione di un problema di dinamica: 1) Fare il diagramma delle forze, cioè rappresentare graficamente tutte le forze agenti sul corpo o sui corpi considerati. Forza peso nero) Forza

Dettagli

m = 53, g L = 1,4 m r = 25 cm

m = 53, g L = 1,4 m r = 25 cm Un pendolo conico è formato da un sassolino di 53 g attaccato ad un filo lungo 1,4 m. Il sassolino gira lungo una circonferenza di raggio uguale 25 cm. Qual è: (a) la velocità del sassolino; (b) la sua

Dettagli

Soluzione = , =60 38,2 =21,8. dove = 1 2 = 1 2 = = = 91 = 91

Soluzione = , =60 38,2 =21,8. dove = 1 2 = 1 2 = = = 91 = 91 EQUILIBRIO SU UN PIANO INCLINATO Esercizi Esempio 1 Un corpo di peso 200 è in equilibrio su un piano inclinato privo di attrito avente altezza h=3 e lunghezza =10. Determina il modulo della forza parallela

Dettagli

Esercizio 1 L/3. mg CM Mg. La sommatoria delle forze e dei momenti deve essere uguale a 0 M A. ω è il verso di rotazione con cui studio il sistema

Esercizio 1 L/3. mg CM Mg. La sommatoria delle forze e dei momenti deve essere uguale a 0 M A. ω è il verso di rotazione con cui studio il sistema Esercizio 1 Una trave omogenea di lunghezza L e di massa M è appoggiata in posizione orizzontale su due fulcri lisci posti alle sue estremità. Una massa m è appoggiata sulla trave ad una distanza L/3 da

Dettagli

La slitta trainata con due corde somma di forze perpendicolari

La slitta trainata con due corde somma di forze perpendicolari La slitta trainata con due corde somma di forze perpendicolari Due persone trainano una slitta con due corde, camminando ad una certa distanza tra loro; le corde si dispongono a formare tra loro un angolo

Dettagli

L EQUILIBRIO DEL PUNTO MATERIALE

L EQUILIBRIO DEL PUNTO MATERIALE 1 L EQUILIBRIO DEL PUNTO MATERIALE La statica studia l equilibrio dei corpi. Un corpo è in equilibrio se è fermo e persevera nel suo stato di quiete al trascorrere del tempo. Un modello è la semplificazione

Dettagli

Dinamica del punto materiale: problemi con gli oscillatori.

Dinamica del punto materiale: problemi con gli oscillatori. Dinamica del punto materiale: problemi con gli oscillatori. Problema: Una molla ideale di costante elastica k = 300 Nm 1 e lunghezza a riposo l 0 = 1 m pende verticalmente avendo un estremità fissata ad

Dettagli

La Forza. Quando sei al banco, una forza chiamata gravità ti mantiene seduto sulla sedia.

La Forza. Quando sei al banco, una forza chiamata gravità ti mantiene seduto sulla sedia. Le Forze La Forza Quando sei al banco, una forza chiamata gravità ti mantiene seduto sulla sedia. La Forza Le gocce d acqua sono tenute insieme da una forza detta tensione superficiale. La Forza L attrito

Dettagli

La Forza. Quando sei al banco, una forza chiamata gravità ti mantiene seduto sulla sedia.

La Forza. Quando sei al banco, una forza chiamata gravità ti mantiene seduto sulla sedia. Le Forze La Forza Quando sei al banco, una forza chiamata gravità ti mantiene seduto sulla sedia. La Forza Le gocce d acqua sono tenute insieme da una forza detta tensione superficiale. La Forza L attrito

Dettagli

Laboratorio FISICA. La direzione della forza di gravità. Hai bisogno di: filo a piombo; asta di sostegno; cartoncino.

Laboratorio FISICA. La direzione della forza di gravità. Hai bisogno di: filo a piombo; asta di sostegno; cartoncino. La direzione della forza di gravità Hai bisogno di: filo a piombo; asta di sostegno; cartoncino. la forza di gravità è diretta verso il centro della Terra; il filo a piombo si dispone secondo la verticale

Dettagli

Esercizi di Statica. Esercitazioni di Fisica per ingegneri - A.A

Esercizi di Statica. Esercitazioni di Fisica per ingegneri - A.A Esercizio 1 Esercizi di Statica Esercitazioni di Fisica per ingegneri - A.A. 2011-2012 Un punto materiale di massa m = 0.1 kg (vedi FIG.1) è situato all estremità di una sbarretta indeformabile di peso

Dettagli

Compito di Fisica I A geometri 18/12/2008

Compito di Fisica I A geometri 18/12/2008 1.Una trave lunga 120 cm appoggia su di un fulcro posto a 40 cm da un suo estremo sul quale agisce una forza resistente del peso di 300 N. Quale forza deve essere applicata all altro estremo per equilibrare

Dettagli

GRANDEZZE SCALARI E VETTORIALI

GRANDEZZE SCALARI E VETTORIALI GRANDEZZE SCALARI E VETTORIALI Una grandezza scalare è definita da un numero reale con dimensioni. (es.: massa, tempo, densità,...) Una grandezza vettoriale è definita da un modulo (numero reale non negativo

Dettagli

LE FORZE. Il mondo che ci circonda è costituito da oggetti che esercitano azioni gli uni sugli altri Queste azioni sono dette forze

LE FORZE. Il mondo che ci circonda è costituito da oggetti che esercitano azioni gli uni sugli altri Queste azioni sono dette forze LE FORZE Il mondo che ci circonda è costituito da oggetti che esercitano azioni gli uni sugli altri Queste azioni sono dette forze Le forze possono agire: Per contatto a distanza Effetto delle forze Le

Dettagli

Compito di Fisica Generale (Meccanica) 25/01/2011

Compito di Fisica Generale (Meccanica) 25/01/2011 Compito di Fisica Generale (Meccanica) 25/01/2011 1) Un punto materiale di massa m è vincolato a muoversi su di una guida orizzontale. Il punto è attaccato ad una molla di costante elastica k. La guida

Dettagli

Il segno del momento è positivo perché il corpo ruota in senso antiorario.

Il segno del momento è positivo perché il corpo ruota in senso antiorario. MOMENTO DI UNA FORZA E DI UNA COPPIA DI FORZE Esercizi Esempio 1 Calcola il momento della forza con cui si apre una porta, ruotando in verso antiorario, nell'ipotesi che l'intensità della forza applicata

Dettagli

Modulo B Unità 2 L'equilibrio dei sistemi rigidi. Equilibrio di un punto materiale

Modulo B Unità 2 L'equilibrio dei sistemi rigidi. Equilibrio di un punto materiale 1 Equilirio di un punto materiale Per punto materiale intendiamo un qualsiasi corpo dotato di massa le cui dimensioni sono trascuraili rispetto a quelle dello spazio circostante. Il corpo rigido è un oggetto

Dettagli

GRANDEZZE SCALARI E VETTORIALI

GRANDEZZE SCALARI E VETTORIALI GRANDEZZE SCALARI E VETTORIALI Una grandezza scalare è definita da un numero reale con dimensioni (es.: massa, tempo, densità,...) Una grandezza vettoriale è definita da un modulo (numero reale non negativo

Dettagli

sfera omogenea di massa M e raggio R il momento d inerzia rispetto ad un asse passante per il suo centro di massa vale I = 2 5 MR2 ).

sfera omogenea di massa M e raggio R il momento d inerzia rispetto ad un asse passante per il suo centro di massa vale I = 2 5 MR2 ). ESERCIZI 1) Un razzo viene lanciato verticalmente dalla Terra e sale con accelerazione a = 20 m/s 2. Dopo 100 s il combustibile si esaurisce e il razzo continua a salire fino ad un altezza massima h. a)

Dettagli

Le condizioni di equilibrio di un punto materiale Giuseppe Frangiamore con la collaborazione di Daniele Alessi

Le condizioni di equilibrio di un punto materiale Giuseppe Frangiamore con la collaborazione di Daniele Alessi Le condizioni di equilibrio di un punto materiale Giuseppe Frangiamore con la collaborazione di Daniele Alessi Un punto materiale soggetto a più forze rimane in equilibrio se il vettore risultante (R)

Dettagli

Esercizi di Statica - Moti Relativi

Esercizi di Statica - Moti Relativi Esercizio 1 Esercizi di Statica - Moti Relativi Esercitazioni di Fisica LA per ingegneri - A.A. 2004-2005 Un punto materiale di massa m = 0.1 kg (vedi sotto a sinistra)é situato all estremitá di una sbarretta

Dettagli

Compito di Fisica Generale (Meccanica) 13/01/2014

Compito di Fisica Generale (Meccanica) 13/01/2014 Compito di Fisica Generale (Meccanica) 13/01/2014 1) Un punto materiale inizialmente in moto rettilineo uniforme è soggetto alla sola forza di Coriolis. Supponendo che il punto si trovi inizialmente nella

Dettagli

Studia le condizioni di equilibrio dei corpi. Caso particolare della dinamica: forze presenti, ma nessuna variazione di movimento.

Studia le condizioni di equilibrio dei corpi. Caso particolare della dinamica: forze presenti, ma nessuna variazione di movimento. Studia le condizioni di equilibrio dei corpi. Caso particolare della dinamica: forze presenti, ma nessuna variazione di movimento. Massa: misura della quantità di materia di un corpo, ha la proprietà dell

Dettagli

Esame di Fisica con Laboratorio Corso di Laurea in Scienze dell Architettura Università degli Studi di Udine 29 gennaio 2010 Mario Paolo Giordani

Esame di Fisica con Laboratorio Corso di Laurea in Scienze dell Architettura Università degli Studi di Udine 29 gennaio 2010 Mario Paolo Giordani Esame di Fisica con Laboratorio Corso di Laurea in Scienze dell Architettura Università degli Studi di Udine 29 gennaio 2010 Mario Paolo Giordani Soluzioni Teoria Enunciare sinteticamente chiarendo il

Dettagli

Equilibrio dei corpi rigidi e dei fluidi 1

Equilibrio dei corpi rigidi e dei fluidi 1 Equilibrio dei corpi rigidi e dei fluidi 1 2 Modulo 4 Modulo 4 Equilibrio dei corpi rigidi e dei fluidi 4.1. Momento di una forza 4.2. Equilibrio dei corpi rigidi 4.3. La pressione 4.4. Equilibrio dei

Dettagli

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Visione d insieme DMANDE E RISPSTE SULL UNITÀ Come si sommano gli spostamenti? Lo spostamento è una grandezza vettoriale: due o più spostamenti consecutivi si sommano algebricamente se sono sulla stessa

Dettagli

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Visione d insieme DMANDE E RISPSTE SULL UNITÀ Come si sommano gli spostamenti? Lo spostamento è una grandezza vettoriale: due o più spostamenti consecutivi si sommano algebricamente se sono sulla stessa

Dettagli

ESERCIZI PER L ATTIVITA DI RECUPERO CLASSE III FISICA

ESERCIZI PER L ATTIVITA DI RECUPERO CLASSE III FISICA ESERCIZI PER L ATTIVITA DI RECUPERO CLASSE III FISICA 1) Descrivi, per quanto possibile, il moto rappresentato in ciascuno dei seguenti grafici: s a v t t t S(m) 2) Il moto di un punto è rappresentato

Dettagli

Compito di Fisica Generale (Meccanica) 16/01/2015

Compito di Fisica Generale (Meccanica) 16/01/2015 Compito di Fisica Generale (Meccanica) 16/01/2015 1) Un cannone spara un proiettile di massa m con un alzo pari a. Si calcoli in funzione dell angolo ed in presenza dell attrito dell aria ( schematizzato

Dettagli

Esercizi sul corpo rigido.

Esercizi sul corpo rigido. Esercizi sul corpo rigido. Precisazioni: tutte le figure geometriche si intendono omogenee, se non è specificato diversamente tutti i vincoli si intendono lisci salvo diversamente specificato. Abbreviazioni:

Dettagli

Fisica dei Materiali A.A Dinamica III. P.A. Tipler, "Invito alla Fisica", volume 1, Zanichelli 2001, 5.2, 5.3, 6.5

Fisica dei Materiali A.A Dinamica III. P.A. Tipler, Invito alla Fisica, volume 1, Zanichelli 2001, 5.2, 5.3, 6.5 Dinamica III.A. Tipler, "Invito alla isica", volume 1, Zanichelli 2001, 5.2, 5.3, 6.5 A.A. 2003-2004 isica dei Materiali 71 Equilibrio statico di un corpo esteso La statica è quella parte della dinamica

Dettagli

Corsi di Laurea per le Professioni Sanitarie. Cognome Nome Corso di Laurea Data

Corsi di Laurea per le Professioni Sanitarie. Cognome Nome Corso di Laurea Data CLPS12006 Corsi di Laurea per le Professioni Sanitarie Cognome Nome Corso di Laurea Data 1) Essendo la densità di un materiale 10.22 g cm -3, 40 mm 3 di quel materiale pesano a) 4*10-3 N b) 4 N c) 0.25

Dettagli

Le forze. Cos è una forza? in quiete. in moto

Le forze. Cos è una forza? in quiete. in moto Le forze Ricorda che quando parli di: - corpo: ti stai riferendo all oggetto che stai studiando; - deformazione. significa che il corpo che stai studiando cambia forma (come quando pesti una scatola di

Dettagli

Fondamenti di Meccanica Esame del

Fondamenti di Meccanica Esame del Politecnico di Milano Fondamenti di Meccanica Esame del 0.02.2009. In un piano verticale un asta omogenea AB, di lunghezza l e massa m, ha l estremo A vincolato a scorrere senza attrito su una guida verticale.

Dettagli

ESERCIZI PER IL RECUPERO DEL DEBITO di FISICA CLASSI PRIME Prof.ssa CAMOZZI FEDERICA

ESERCIZI PER IL RECUPERO DEL DEBITO di FISICA CLASSI PRIME Prof.ssa CAMOZZI FEDERICA ESERCIZI PER IL RECUPERO DEL DEBITO di FISICA CLASSI PRIME Prof.ssa CAMOZZI FEDERICA NOTAZIONE ESPONENZIALE 1. Scrivi i seguenti numeri usando la notazione scientifica esponenziale 147 25,42 0,0001 0,00326

Dettagli

l'attrito dinamico di ciascuno dei tre blocchi sia pari a.

l'attrito dinamico di ciascuno dei tre blocchi sia pari a. Esercizio 1 Tre blocchi di massa rispettivamente Kg, Kg e Kg poggiano su un piano orizzontale e sono uniti da due funi (vedi figura). Sul blocco agisce una forza orizzontale pari a N. Si determini l'accelerazione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO ELISABETTA RENZI Via Montello 42, Bologna. Compiti di Fisica per le vacanze estive a.s. 2016/2017 Classe I

LICEO SCIENTIFICO ELISABETTA RENZI Via Montello 42, Bologna. Compiti di Fisica per le vacanze estive a.s. 2016/2017 Classe I Indicazioni per lo svolgimento dei compiti estivi: LICEO SCIENTIFICO ELISABETTA RENZI Via Montello 42, Bologna Compiti di Fisica per le vacanze estive a.s. 2016/2017 Classe I Prima di svolgere gli esercizi

Dettagli

Esempio prova di esonero Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica

Esempio prova di esonero Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Esempio prova di esonero Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Nome: N.M.: 1. Se il caffè costa 4000 /kg (lire al chilogrammo), quanto costa all incirca alla libbra? (a) 1800 ; (b) 8700 ; (c) 18000

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE E LA PREPARAZIONE PER LA VERIFICA DELLA SOSPENSIONE DEL GIUDIZIO. CLASSE 1 BL3 Anno scolastico

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE E LA PREPARAZIONE PER LA VERIFICA DELLA SOSPENSIONE DEL GIUDIZIO. CLASSE 1 BL3 Anno scolastico COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE E LA PREPARAZIONE PER LA VERIFICA DELLA SOSPENSIONE DEL GIUDIZIO DOCENTE: Galizia Rocco MATERIA: Fisica CONTENUTI Teoria CLASSE 1 BL3 Anno scolastico 2015-2016 INTRODUZIONE

Dettagli

3. Si dica per quali valori di p e q la seguente legge e` dimensionalmente corretta:

3. Si dica per quali valori di p e q la seguente legge e` dimensionalmente corretta: Esercizi su analisi dimensionale: 1. La legge oraria del moto di una particella e` x(t)=a t 2 +b t 4, dove x e` la posizione della particella e t il tempo. Si determini le dimensioni delle costanti a e

Dettagli

Momento. Si può definire il momento rispetto ad un punto. in è possibile riassumere questa definizione nella formula

Momento. Si può definire il momento rispetto ad un punto. in è possibile riassumere questa definizione nella formula Momento di una forza rispetto a un punto Si può definire il momento rispetto ad un punto 1 Il suo modulo è il prodotto della forza per la distanza del punto dall asse di applicazione di questa 2 La direzione

Dettagli

Momento delle forze e equilibrio di un corpo rigido

Momento delle forze e equilibrio di un corpo rigido Momento delle forze e equilibrio di un corpo rigido F r r F + F = 0 Equilibrio? NO Il corpo può ruotare F Perche un corpo esteso sia in equilibrio non basta imporre che la somma delle forze che agiscono

Dettagli

L Unità didattica in breve

L Unità didattica in breve L Unità didattica in breve Una macchina semplice è un dispositivo utilizzato per equilibrare o vincere una forza resistente (resistenza) mediante una forza motrice (po tenza) avente caratteristiche diverse.

Dettagli

Don Bosco 2014/15, Classe 3B - Primo compito in classe di Fisica

Don Bosco 2014/15, Classe 3B - Primo compito in classe di Fisica Don Bosco 014/15, Classe B - Primo compito in classe di Fisica 1. Enuncia il Teorema dell Energia Cinetica. Soluzione. Il lavoro della risultante delle forze agenti su un corpo che si sposta lungo una

Dettagli

Esame di Meccanica Razionale (Dinamica) Allievi Ing. Edile II Anno Prova intermedia del 23 novembre 2012 durata della prova: 2h

Esame di Meccanica Razionale (Dinamica) Allievi Ing. Edile II Anno Prova intermedia del 23 novembre 2012 durata della prova: 2h Prova intermedia del 23 novembre 2012 durata della prova: 2h CINEMTIC E CLCL DI QUNTITÀ MECCNICHE Nelsistemadifiguraildiscodicentro ruoy ta intorno al suo centro; il secondo disco rotola senza strisciare

Dettagli

Lavoro. Esempio. Definizione di lavoro. Lavoro motore e lavoro resistente. Lavoro compiuto da più forze ENERGIA, LAVORO E PRINCIPI DI CONSERVAZIONE

Lavoro. Esempio. Definizione di lavoro. Lavoro motore e lavoro resistente. Lavoro compiuto da più forze ENERGIA, LAVORO E PRINCIPI DI CONSERVAZIONE Lavoro ENERGIA, LAVORO E PRINCIPI DI CONSERVAZIONE Cos è il lavoro? Il lavoro è la grandezza fisica che mette in relazione spostamento e forza. Il lavoro dipende sia dalla direzione della forza sia dalla

Dettagli

Equilibrio di un punto materiale su un piano

Equilibrio di un punto materiale su un piano 1 Equilirio di un punto materiale su un piano no inclinato Se un corpo si trova su un piano inclinato, possiamo scomporre il suo peso in due componenti: una parallela al piano, l'altra perpendicolare.

Dettagli

Appunti di fisica per le 1 classi

Appunti di fisica per le 1 classi I.P.I.A. A. Leone Nola - (NA) Appunti di fisica per le 1 classi Modulo n 2 L equilibrio dei corpi Le macchine semplici - Tel. 081/5222888 E-mail pasgiard@tin.it - Prof. Giardiello 1 INTRODUZIONE La ricerca

Dettagli

FISICA: Le Forze. Giancarlo Zancanella (2014)

FISICA: Le Forze. Giancarlo Zancanella (2014) FISICA: Le Forze Giancarlo Zancanella (2014) 1 Cos è una forza 2 Il Principio D inerzia Un corpo mantiene inalterato il suo stato di quiete o di moto fino a quando non si gli applica una forza che ne cambia

Dettagli

Le macchine semplici. Leve Carrucole Paranco Verricello Argano Piano Inclinato Vite

Le macchine semplici. Leve Carrucole Paranco Verricello Argano Piano Inclinato Vite Le macchine semplici Leve Carrucole Paranco Verricello Argano Piano Inclinato Vite Le macchine semplici Le macchine semplici sono chiamate così perché non si possono scomporre in macchine ancora più elementari.

Dettagli

I concetti fondamentali

I concetti fondamentali I concetti fondamentali Completa le seguenti frasi 1. Una grandezza è una quantità che può essere con uno. 2. Misurare una grandezza significa dire quante volte è nella grandezza. 3. Il Sistema Internazionale

Dettagli

COMPITI VACANZE DI FISICA CLASSE I

COMPITI VACANZE DI FISICA CLASSE I COMPITI VACANZE DI FISICA CLASSE I Le gr andezze fisi che: not azione scientif ica, ordine di grandezza, equi val enze, f orm ule invers e 1. Determina la notazione scientifica dei seguenti numeri: 0,04

Dettagli

Massa, temperatura, volume, densità sono grandezze scalari. La forza è una grandezza vettoriale

Massa, temperatura, volume, densità sono grandezze scalari. La forza è una grandezza vettoriale Le forze (2 a parte) Massa, temperatura, volume, densità sono grandezze scalari La forza è una grandezza vettoriale Scalari e vettori Si definiscono SCALARI le grandezze fisiche che sono del tutto caratterizzate

Dettagli

VII ESERCITAZIONE - 29 Novembre 2013

VII ESERCITAZIONE - 29 Novembre 2013 VII ESERCITAZIONE - 9 Novembre 013 I. MOMENTO DI INERZIA DEL CONO Calcolare il momento di inerzia di un cono omogeneo massiccio, di altezza H, angolo al vertice α e massa M, rispetto al suo asse di simmetria.

Dettagli

Esame di Meccanica Razionale. Allievi Ing. MAT Appello del 6 luglio 2007

Esame di Meccanica Razionale. Allievi Ing. MAT Appello del 6 luglio 2007 Esame di Meccanica Razionale. Allievi Ing. MAT Appello del 6 luglio 2007 y Nel sistema di figura posto in un piano verticale il carrello A scorre con vinco- q, R M lo liscio lungo l asse verticale. Il

Dettagli

Lezione 18: la meccanica dei corpi rigidi

Lezione 18: la meccanica dei corpi rigidi Lezione 18 - pag.1 Lezione 18: la meccanica dei corpi rigidi 18.1. Corpi estesi e punti materiali Pur senza mai dirlo apertamente, fin qui abbiamo parlato di corpi puntiformi, ovvero, come si dice abitualmente,

Dettagli

LAVORO ESTIVO DI FISICA 3 BS

LAVORO ESTIVO DI FISICA 3 BS LAVORO ESTIVO DI FISICA 3 BS Per gli studenti con recupero a settembre e consigliato per gli studenti che hanno raggiunto la sufficienza con difficoltà: Studiare gli argomenti affrontati durante l anno

Dettagli

LE CAUSE DEL MOTO 1. I PRINCIPI DELLA DINAMICA. La dinamica. Il primo principio della dinamica (o principio di inerzia)

LE CAUSE DEL MOTO 1. I PRINCIPI DELLA DINAMICA. La dinamica. Il primo principio della dinamica (o principio di inerzia) LE CAUSE DEL MOTO 1. I PRINCIPI DELLA DINAMICA La dinamica La dinamica è la parte della fisica che studia come si muovono i corpi per effetto delle forze che agiscono su di essi. I principi della dinamica.

Dettagli

Lavoro estivo per studenti con giudizio sospeso. Libro di Testo: Parodi Ostili, Fisica Misure e Statica, LINX

Lavoro estivo per studenti con giudizio sospeso. Libro di Testo: Parodi Ostili, Fisica Misure e Statica, LINX ISO 9001 CERTIFIED ORGANISATION ISTITUTO Di ISTRUZIONE SUPERIORE MINISTERO dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE Carlo Alberto Dalla Chiesa 1018 Sesto Calende

Dettagli

Secondo Appello Estivo del corso di Fisica del

Secondo Appello Estivo del corso di Fisica del Secondo Appello Estivo del corso di Fisica del 25.7.2012 Corso di laurea in Informatica A.A. 2011-2012 (Prof. Paolo Camarri) Cognome: Nome: Matricola: Anno di immatricolazione: Problema n.1 Una semisfera

Dettagli

4 FORZE FONDAMENTALI

4 FORZE FONDAMENTALI FORZA 4! QUANTE FORZE? IN NATURA POSSONO ESSERE OSSERVATE TANTE TIPOLOGIE DI FORZE DIVERSE: GRAVITA' O PESO, LA FORZA CHE SI ESERCITA TRA DUE MAGNETI O TRA DUE CORPI CARICHI, LA FORZA DEL VENTO O DELL'ACQUA

Dettagli

[3] Un asta omogenea di sezione trascurabile, di massa M = 2.0 kg e lunghezza l = 50 cm, può ruotare senza attrito in un piano verticale x y attorno a

[3] Un asta omogenea di sezione trascurabile, di massa M = 2.0 kg e lunghezza l = 50 cm, può ruotare senza attrito in un piano verticale x y attorno a [1] Un asta rigida omogenea di lunghezza l = 1.20 m e massa m = 2.5 kg reca ai due estremi due corpi puntiformi di massa pari a 0.2 kg ciascuno. Tale sistema è in rotazione in un piano orizzontale attorno

Dettagli

Esercizio 1 Meccanica del Punto

Esercizio 1 Meccanica del Punto Esercizio 1 Meccanica del Punto Una molla di costante elastica k e lunghezza a riposo L 0 è appesa al soffitto di una stanza di altezza H. All altra estremità della molla è attaccata una pallina di massa

Dettagli

Statica. Equilibrio dei corpi Corpo rigido Momento di una forza Condizione di equilbrio Leve

Statica. Equilibrio dei corpi Corpo rigido Momento di una forza Condizione di equilbrio Leve Statica Equilibrio dei corpi Corpo rigido Momento di una forza Condizione di equilbrio Leve Statica La statica è la parte della meccanica che studia l equilibrio di un corpo materiale, ovvero le condizioni

Dettagli

Anno Accademico Fisica I 12 CFU Esercitazione n.8: Dinamica dei corpi rigidi

Anno Accademico Fisica I 12 CFU Esercitazione n.8: Dinamica dei corpi rigidi Anno Accademico 2015-2016 Fisica I 12 CFU Esercitazione n.8: Dinamica dei corpi rigidi Esercizio n.1 Una carrucola, costituita da due dischi sovrapposti e solidali fra loro di massa M = 20 kg e m = 15

Dettagli

CLASSE 3 D. CORSO DI FISICA prof. Calogero Contrino IL QUADERNO DELL ESTATE

CLASSE 3 D. CORSO DI FISICA prof. Calogero Contrino IL QUADERNO DELL ESTATE LICEO SCIENTIFICO GIUDICI SAETTA E LIVATINO RAVANUSA ANNO SCOLASTICO 2013-2014 CLASSE 3 D CORSO DI FISICA prof. Calogero Contrino IL QUADERNO DELL ESTATE 20 esercizi per restare in forma 1) Un corpo di

Dettagli

ESERCIZIO 1. 5N 2Kg 1Kg

ESERCIZIO 1. 5N 2Kg 1Kg ESERCIZIO 1 Una mano spinge due corpi su una superficie orizzontale priva di attrito, come mostrato in figura. Le masse dei corpi sono Kg e 1 Kg. La mano esercita la forza di 5 N sul corpo di Kg. 5N Kg

Dettagli

I vettori e forze. Prof. Roma Carmelo

I vettori e forze. Prof. Roma Carmelo I vettori e forze 1. Grandezze scalari e grandezze vettoriali 2. La massa 3. Relazione tra massa e forza-peso 4. Gli spostamenti e i vettori 5. La scomposizione di un vettore 6. Le forze 7. Gli allungamenti

Dettagli

196 L Fs cos cos J 0,98. cos30 135,8 F F// F , N. mv mv

196 L Fs cos cos J 0,98. cos30 135,8 F F// F , N. mv mv Problemi sul lavoro Problema Un corpo di massa 50 kg viene trascinato a velocità costante per 0 m lungo un piano orizzontale da una forza inclinata di 45 rispetto all orizzontale, come in figura. Sapendo

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 IIS VENTURI (MODENA) PROGRAMMA SVOLTO PER FISICA E LABORATORIO (INDIRIZZO PROFESSIONALE GRAFICA)

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 IIS VENTURI (MODENA) PROGRAMMA SVOLTO PER FISICA E LABORATORIO (INDIRIZZO PROFESSIONALE GRAFICA) ANNO SCOLASTICO 2015/2016 IIS VENTURI (MODENA) PROGRAMMA SVOLTO PER FISICA E LABORATORIO (INDIRIZZO PROFESSIONALE GRAFICA) CLASSE 1N Prof.ssa Chiara Papotti e prof. Giuseppe Serafini (ITP) Libro di testo:

Dettagli

Le forze. Isabella Soletta Liceo Scientifico Fermi Anno scolastico 2011/2012. Documento riadattato da MyZanichelli.it

Le forze. Isabella Soletta Liceo Scientifico Fermi Anno scolastico 2011/2012. Documento riadattato da MyZanichelli.it Le forze Isabella Soletta Liceo Scientifico Fermi Anno scolastico 2011/2012 Documento riadattato da MyZanichelli.it Questo simbolo significa che l esperimento si può realizzare con materiali o strumenti

Dettagli

!!!! E quella parte della meccanica che studia il movimento di un corpo indagandone le cause che l hanno prodotto

!!!! E quella parte della meccanica che studia il movimento di un corpo indagandone le cause che l hanno prodotto E quella parte della meccanica che studia il movimento di un corpo indagandone le cause che l hanno prodotto La dinamica è fondata su tre princìpi fondamentali: Il PRIMO PRINCIPIO, o principio di inerzia;

Dettagli

Verifica sommativa di Fisica Cognome...Nome... Data

Verifica sommativa di Fisica Cognome...Nome... Data ISTITUZIONE SCOLASTICA Via Tuscolana, 208 - Roma Sede Associata Liceo "B.Russell" Verifica sommativa di Fisica Cognome........Nome..... Data Classe 4B Questionario a risposta multipla Prova di uscita di

Dettagli

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Che cos è il lavoro di una forza? Una forza F compie lavoro quando produce uno spostamento e ha una componente non nulla nella direzione dello spostamento.

Dettagli

L ENERGIA E LA QUANTITÀ DI MOTO

L ENERGIA E LA QUANTITÀ DI MOTO L ENERGIA E LA QUANTITÀ DI MOTO Il lavoro In tutte le macchine vi sono forze che producono spostamenti. Il lavoro di una forza misura l effetto utile della combinazione di una forza con uno spostamento.

Dettagli

MECCANICA Prof. Roberto Corradi Allievi informatici AA Prova del Problema N.1

MECCANICA Prof. Roberto Corradi Allievi informatici AA Prova del Problema N.1 MECCANICA Prof. Roberto Corradi Allievi informatici AA.2009-2010 Prova del 29-06-2010 1 Problema N.1 AC=140mm M=0.5 kg J G =0.005 kg m 2 M C =1 kg f d =0.3 v C =10m/s a C =25m/s 2 Il sistema articolato

Dettagli

Esercizi sulla Dinamica del punto materiale. I. Leggi di Newton, ovvero equazioni del moto

Esercizi sulla Dinamica del punto materiale. I. Leggi di Newton, ovvero equazioni del moto Esercizi sulla Dinamica del punto materiale. I. Leggi di Newton, ovvero equazioni del moto Principi della dinamica. Aspetti generali 1. Un aereo di massa 25. 10 3 kg viaggia orizzontalmente ad una velocità

Dettagli

La situazione è rappresentabile così:

La situazione è rappresentabile così: Forze Equivalenti Quando viene applicata una forza ad un corpo rigido è importante definire il punto di applicazione La stessa forza applicata a punti diversi del corpo può produrre effetti diversi! Con

Dettagli

circostanze che lo determinano e lo modificano. Secondo alcuni studi portati avanti da Galileo GALILEI e Isac

circostanze che lo determinano e lo modificano. Secondo alcuni studi portati avanti da Galileo GALILEI e Isac La DINAMICA è il ramo della meccanica che si occupa dello studio del moto dei corpi e delle sue cause o delle circostanze che lo determinano e lo modificano. Secondo alcuni studi portati avanti da Galileo

Dettagli

Problemi di dinamica del punto materiale

Problemi di dinamica del punto materiale Problemi di dinamica del punto materiale 1. Un corpo di massa M = 200 kg viene lanciato con velocità v 0 = 36 km/ora su un piano inclinato di un angolo θ = 30 o rispetto all orizzontale. Nel salire, il

Dettagli

Meccanica Applicata alle Macchine

Meccanica Applicata alle Macchine Meccanica Applicata alle Macchine 06-11-013 TEMA A 1. Un cilindro ed una sfera omogenei di uguale massa m ed uguale raggio r sono collegati tra loro da un telaio di massa trascurabile mediante coppie rotoidali

Dettagli

l 1 l 2 Uncorpo viene lanciato su per un piano scabro inclinato di 45 rispetto all orizzontale

l 1 l 2 Uncorpo viene lanciato su per un piano scabro inclinato di 45 rispetto all orizzontale 1. Uncorpo viene lanciato su per un piano scabro inclinato di 45 rispetto all orizzontale (µ d = 1/2). Detto T S il tempo necessario al punto per raggiungere la quota massima e T D il tempo che, a partire

Dettagli

FISICA GENERALE Ingegneria edile/architettura

FISICA GENERALE Ingegneria edile/architettura FISICA GENERALE Ingegneria edile/architettura Tutor: Enrico Arnone Dipartimento di Chimica Fisica e Inorganica arnone@fci.unibo.it http://www2.fci.unibo.it/~arnone/teaching/teaching.html Bologna 3 Giugno

Dettagli

Meccanica del punto materiale

Meccanica del punto materiale Meccanica del punto materiale Princìpi della dinamica. Forze. Momento angolare. Antonio Pierro @antonio_pierro_ (https://twitter.com/antonio_pierro_) Per consigli, suggerimenti, eventuali errori o altro

Dettagli

Corso Meccanica Anno Accademico 2016/17 Scritto del 24/07/2017

Corso Meccanica Anno Accademico 2016/17 Scritto del 24/07/2017 Esercizio n. 1 Un punto materiale di massa m è vincolato a muoversi sotto l azione della gravità su un vincolo bilaterale (vedi figura) formato da un arco di circonferenza, AB, sotteso ad un angolo di

Dettagli

Riassunto. Moto di caduta libera 2D: moto di un proiettile Moto relativo 1 / 68

Riassunto. Moto di caduta libera 2D: moto di un proiettile Moto relativo 1 / 68 Riassunto Moto di caduta libera 2D: moto di un proiettile Moto relativo 1 / 68 Moto di caduta libera: Accelerazione di gravità: Equazioni del moto: g = 9.8 m/s 2 y = y 0 + v 0 t 1 2 gt2 v = v 0 gt 2 /

Dettagli

Liceo Scientifico Marconi Delpino. Classi 1^ Materia: Fisica

Liceo Scientifico Marconi Delpino. Classi 1^ Materia: Fisica Liceo Scientifico Marconi Delpino Classi 1^ Materia: Fisica Compiti per le vacanze estive Gli alunni promossi devono svolgere soltanto gli esercizi del libro di testo, gli alunni con sospensione del giudizio

Dettagli

ESERCIZI Lavoro Potenza - Energia cinetica - Teorema delle forze vive.

ESERCIZI Lavoro Potenza - Energia cinetica - Teorema delle forze vive. ESERCIZI Lavoro Potenza - Energia cinetica - Teorema delle forze vive. 1) Un uomo pulisce un pavimento con l aspirapolvere con una forza di intensità 50 N la cui direzione forma un angolo di 30 con l orizzontale.

Dettagli

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton La Dinamica studia il moto dei corpi in relazione il moto con le sue cause: perché e come gli oggetti si muovono. La causa del moto è individuata nella presenza

Dettagli

Università Politecnica delle Marche, Facoltà di Agraria. C.d.L. Scienze Forestali e Ambientali, A.A. 2009/2010, Fisica 1

Università Politecnica delle Marche, Facoltà di Agraria. C.d.L. Scienze Forestali e Ambientali, A.A. 2009/2010, Fisica 1 C.d.L. Scienze Forestali e Ambientali, A.A. 2009/2010, Fisica 1 Unità di misura - misurare oggetti - grandezze fisiche: fondamentali: lunghezza, tempo, massa, intensità di corrente, temperatura assoluta,

Dettagli

Lavoro estivo per studenti con giudizio sospeso. Libro di Testo: Parodi Ostili, Fisica Cinematica e Dinamica, LINX

Lavoro estivo per studenti con giudizio sospeso. Libro di Testo: Parodi Ostili, Fisica Cinematica e Dinamica, LINX ISO 9001 CERTIFIED ORGANISATION ISTITUTO Di ISTRUZIONE SUPERIORE MINISTERO dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE Carlo Alberto Dalla Chiesa 21018 Sesto Calende

Dettagli

M p. θ max. P v P. Esercizi di Meccanica (M6) Consegna: giovedì 3 giugno.

M p. θ max. P v P. Esercizi di Meccanica (M6) Consegna: giovedì 3 giugno. Esercizi di Meccanica (M6) Consegna: giovedì 3 giugno. Problema 1: Si consideri un corpo rigido formato da una sfera omogenea di raggio R e massa M 1 e da una sbarretta omogenea di lunghezza L, massa M

Dettagli

SCIENZE: Compiti delle vacanze Estate 2013

SCIENZE: Compiti delle vacanze Estate 2013 SCIENZE: Compiti delle vacanze Estate 2013 Classe II a Per agevolare lo svolgimento degli esercizi ho realizzato questa breve dispensa che, se ben utilizzata, ti permetterà di ripassare gli argomenti svolti

Dettagli

FORZE E MOTO esercizi risolti Classi seconde e terze L.S.

FORZE E MOTO esercizi risolti Classi seconde e terze L.S. FORZE E MOTO esercizi risolti Classi seconde e terze L.S. In questa dispensa verrà riportato lo svolgimento di alcuni esercizi inerenti la dinamica dei sistemi materiali, nei quali vengono discusse le

Dettagli

4. LE FORZE E LA LORO MISURA

4. LE FORZE E LA LORO MISURA 4. LE FORZE E LA LORO MISURA 4.1 - Le forze e i loro effetti Tante azioni che facciamo o vediamo non sono altro che il risultato di una o più forze. Le forze non si vedono e ci accorgiamo della loro presenza

Dettagli