I FABBISOGNI DI FORMAZIONE PERMANENTE IN PUGLIA: DALL INDIVIDUO AL SISTEMA-TERRITORIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I FABBISOGNI DI FORMAZIONE PERMANENTE IN PUGLIA: DALL INDIVIDUO AL SISTEMA-TERRITORIO"

Transcript

1 POR PUGLIA MISURA 3.8 AZ. C) COD. PROGETTO: POR06038c0001 I FABBISOGNI DI FORMAZIONE PERMANENTE IN PUGLIA: DALL INDIVIDUO AL SISTEMA-TERRITORIO Rapporto di Ricerca Finale Giugno 2008

2 Il presente rapporto è frutto della collaborazione tra l IPRES (soggetto capofila), l Associazione Studi Economici e T&D SpA. I gruppi di lavoro sono così composti: IPRES Dott. Gianfranco Gadaleta Dott.ssa Natalia Giampaolo Dott. Giovanni Menga Dott.ssa Nunzia Monsellato Sig. Fausto Cirrillo Coordinatore gruppo di lavoro Ass. Studi Economici Dott. Alessandro Desiderato Dott. Serge D Oria Dott. Vincenzo Deruvo Dott. Luciano Felice Marra Dott. Francesco Maiorano Coordinatore gruppo di lavoro T&D Dott. Maurizio De Fulgentiis Dott. Giampiero Bianchini Dott.ssa Maria Teresa Azzoni Coordinatore gruppo di lavoro

3 Indice Presentazione Pag 1 PARTE PRIMA: OBIETTIVI DELLA RICERCA, METODOLOGIA E STRUMENTI UTILIZZATI 1. Obiettivi Pag 4 2. L oggetto di indagine: definizioni 5 PARTE SECONDA: IL QUADRO DI RIFERIMENTO 3. La politica comunitaria e nazionale di formazione permanente Pag Il quadro di riferimento comunitario Modelli europei: il community learning Evoluzione delle politiche di educazione degli adulti in Italia: dall educazione popolare al sistema integrato di formazione permanente La Conferenza Unificata del 2000 e il modello italiano di formazione permanente Il modello di governance definito dalla Conferenza Unificata del Attuazione della Conferenza Unificata del 2000 nei sistemi regionali: limiti e prospettive L avanzamento verso gli obiettivi della Strategia di Lisbona Esperienze regionali: i casi delle regioni Campania ed Emilia - Romagna La Regione Campania La Regione Emilia - Romagna Il sistema di formazione permanente della Regione Puglia Il modello di governance Produzione normative dedicata La filiera EdA in Puglia La partecipazione degli over 18 anni ad attività di formazione formale (corsi di studio), non formale (corsi di formazione), informale (autoformazione) in Puglia La formazione permanente nel POR Puglia L analisi della programmazione attuativa per la Misura 3.8 del POR Puglia PARTE TERZA: LA DOMANDA DI FORMAZIONE PERMANENTE RILEVATA 6. Il metodo degli studi di caso: kit di intervista e strumento di rilevazione Pag Descrizione del campione Profilo individuale degli intervistati Formazione percepita e formazione richiesta Aziende e formazione: grande è più bello La formazione fatta e quella poco gradita La domanda di formazione permanente Per una formazione su misura 96 PARTE QUARTA: L OFFERTA DI OFRMAZIONE PERMANENTE RILEVATA E LE POSSIBILI STRATEGIE 14. I soggetti intervistati Pag Le organizzazioni intercettate L apprendistato professionalizzante e la formazione continua Tipologie di attività formative Le attività formative I partecipanti alle attività Gli scenari futuri Le criticità emerse Il modello di funzionamento del mercato della formazione permanente Le politiche possibili 134

4 Presentazione Il rapporto che segue è parte integrante della ricerca sui fabbisogni di formazione permanente nella Regione Puglia, finalizzata a fornire un supporto informativo ed operativo alla programmazione del FSE. In particolare, il rapporto qui presentato si riferisce alla Fase I della ricerca ed ha l obiettivo di ricostruire il quadro delle politiche comunitarie e nazionali della programmazione del lifelong learning, come base di partenza per la costruzione di un sistema di formazione permanente da sviluppare e consolidare nella regione Puglia. La formazione permanente, intesa sia nel senso di una politica di formazione per tutto l arco della vita e, nello specifico, come misura di policy finalizzata al rafforzamento delle competenze di base, trasversali e della cittadinanza attiva rivolta a tutti i segmenti della popolazione con diversi fabbisogni formativi, assume una forte centralità nella costruzione della società della conoscenza e nelle politiche di coesione nell ambito dell Unione europea allargata a 27 paesi. La necessità di strutturare in modo organico ed efficace le politiche relative alla formazione permanente, prevedendo meccanismi di concertazione locale e un forte livello di partecipazione da parte dei destinatari, presuppone un accurato lavoro di ricerca finalizzato alla individuazione ed analisi dei fabbisogni formativi dei diversi target che fanno riferimento alle possibili filiere formative afferenti alla formazione permanente. Questo lavoro vuole rappresentare un contributo in tal senso. Nel primo capitolo analizzeremo i principali impianti normativi e regolativi afferenti alla formazione permanente, con l obiettivo di enucleare i principi guida necessari alla programmazione delle relative azioni, e di elaborare una definizione del concetto di policy della formazione permanente in relazione alle altre policies del sistema integrato istruzione-formazione lavoro. Dopo una presentazione dei modelli di intervento sviluppati in altri paesi dell Unione Europea, configurabili come contributo alla messa a punto di buone prassi, l indagine si sofferma sulla ricognizione dei documenti strategici e di indirizzo a livello comunitario e nazionale, evidenziando i collegamenti con il quadro complessivo della strategia di Lisbona e, Pagina n. 1

5 in particolare, sulla rappresentazione dei modelli di intervento, analizzando il contesto nazionale anche alla luce delle ultime disposizioni normative. Nel secondo capitolo sono presentati due esempi regionali, uno del centro nord e uno del sud, per rilevare gli elementi, strategie, strumenti e modelli che contribuiscono alla costruzione di specifici sistemi regionali di formazione permanente, e valutarne nelle fasi successive della ricerca la loro trasferibilità nel contesto regionale pugliese. In fine nel terzo capitolo si rappresenta un quadro esauriente delle dinamiche della domanda e dell offerta di formazione permanente in Puglia, procedendo anche all analisi della programmazione regionale nel POR FSE , Asse risorse umane, misura 3.8 e del suo modello organizzativo e di programmazione. In questo contesto si procede all analisi dei bandi programmati nel periodo di riferimento, all analisi dei modelli di programmazione e del sistema di concertazione regionale, con l obiettivo di evidenziare i punti forti e i punti critici che avranno una diretta influenza sul periodo di programmazione 2007/2013. Pagina n. 2

6 PARTE PRIMA: OBIETTIVI DELLA RICERCA, METODOLOGIA E STRUMENTI UTILIZZATI Pagina n. 3

7 1. Obiettivi. Il progetto di ricerca I fabbisogni di formazione permanente in Puglia: dall individuo al sistema territorio ha la finalità di operare una mappatura dei fabbisogni professionali di formazione permanente degli individui e dei sistemi territoriali, al fine di fornire un input alla Regione Puglia per quanto riguarda la domanda di competenze dei target specifici - come previsti dalla misura 3.8 del POR Puglia - e, in aggiunta, fornire strumenti e modelli di intervento finalizzati alla programmazione delle attività sulla base di procedure di concertazione che creino valore aggiunto alle attività messe a bando attraverso la costruzione di consenso derivante dalla risposta ad esigenze chiaramente individuate. La struttura metodologica progettata partendo da una quadro di riferimento normativo e rilevando, successivamente, sul campo l offerta e la domanda della di formazione permanente è funzionale alla realizzazione di azioni di supporto nell ambito della nuova programmazione dei Fondi Strutturali ed in particolare risulta complementare ai percorsi di raggiungimento degli obiettivi Convergenza e Competitività regionale e occupazione, programmati dalla Regione Puglia nell ambito del nuovo regolamento di attuazione del Fondo Sociale Europeo. E necessario sottolineare - in fase di analisi preliminare - che alla base della programmazione delle attività formative e quindi dell evoluzione e sviluppo delle risorse umane nell educazione formale e non formale, l analisi dei fabbisogni formativi gioca un ruolo fondamentale. L attività di analisi della domanda e di offerta di formazione permanente nella nostra indagine - ha quindi come obiettivo quello di individuare da un lato, i potenziali fruitori di azioni di formazione permanente ed i relativi fabbisogni e dall altro, nel caso di lavoratori che abbiano già partecipato ad attività di formazione permanente, le ricadute delle competenze acquisite e il loro grado di spendibilità. Pagina n. 4

8 2. L'oggetto di indagine: definizioni. Per il contenuto della tematica che trattiamo, la natura e le caratteristiche dell'oggetto di indagine orientano sensibilmente la scelta degli strumenti ed il processo di rilevazione nell'articolazione delle sue fasi. Cercare di studiare i fabbisogni di formazione permanente in Puglia, ovvero gli orientamenti dei lavoratori e le loro esperienze più significative in termini di domanda di apprendimento professionale generale e particolare, in assenza di un quadro di sperimentazioni ed azioni pregresse sulla base delle quali tracciare una linea di processo, risulta sin da subito un'impresa ardua per la quale è necessario lavorare contemporaneamente sul processo definitorio e su quello di rilevazione. La scarsa esperienza in materia sia sul piano della riconoscibilità dell offerta che su quello della definizione standard della domanda - impedisce infatti di trarre da lavori precedenti di ricerca ed analisi una griglia di orientamento precisa sugli ambiti di indagine e sul livello definitorio di questi ultimi. Non essendoci dunque un quadro strutturale preciso, né tanto meno una popolazione di riferimento -matura ed a conoscenza della materia- a partire dalla quale sia possibile operare una selezione e/o un campionamento, il centro di selezione dell oggetto di indagine, avente gli obiettivi sopraindicati, è dunque rivolto a rivolto a comprendere: - quali sono le esperienze più rilevanti vissute dai soggetti intervistati in ambito; - quali le principali caratteristiche di tali esperienze sia in termini dinamici che statici (percorsi, risorse, valori, criticità ostacoli ecc.); - la griglia di fondo di un potenziale orientamento della domanda presente e futura realizzata sulla base dell età, sesso, funzione lavorativa, formazione, percorsi individuali, esperienze pregresse, dagli intervistati; - il quadro delle percezioni delle necessità professionali in termini di apprendimento specialistico o di genere; - la domanda strutturale rispetto alla tipologia delle esperienze lavorative di riferimento. Per cogliere quanto più possibile gli elementi caratteristici del quadro di insieme, si è deciso di dotarsi un apparato definitorio minimo che filtri ciò che emerge dalle tracce di domanda e risulti funzionale a definire uno scenario degli orientamenti culturali e degli atteggiamenti rispetto alla domanda di formazione permanente Pagina n. 5

9 espressi da un gruppo significativo e rappresentativo di lavoratori pugliesi. In tale direzione si è deciso di scegliere prioritariamente: 1. le unità di indagine (esperienze e persone); 2. le unità di rilevazione (esperienze); 3. le aree tematiche; 4. le caratteristiche essenziali dei casi selezionati; 5. gli elementi che compongono l'esperienza. Sul piano più specificatamente metodologico ed in particolare per ciò che riguarda il campione pre-scelto e lo strumento di rilevazione è necessario sottolineare che, le unità di indagine compongono l'oggetto della ricerca e possono essere sia oggetti complessi come le esperienze, che singoli individui. Le unità di rilevazione sono sempre singole persone che lavorano. Le aree tematiche rappresentano i campi di definizione progressiva della percezione della tematica che emerge nel corso della realizzazione dell intervista. Il campione, precisato in fase di progettazione ex ante sotto il suo aspetto quantitativo e degli strati di composizione generale, procede per selezione di esperienze e di intervista progressiva, sulla base sia delle aree tematiche individuate che delle unità di rilevazione successive. Pagina n. 6

10 PARTE SECONDA: IL QUADRO DI RIFERIMENTO Pagina n. 7

11 3. La politica comunitaria e nazionale di formazione permanente 3.1 Il quadro di riferimento comunitario A partire dal libro bianco di Jacques Delors 1 (Crescita, competitività occupazione, presentato nel dicembre 1993) per arrivare al Memorandum per l istruzione e la formazione permanente 2 della Commissione europea del 30 ottobre 2000, le politiche del lifelong learning hanno assunto una centralità nella programmazione comunitaria, che ha aperto nuovi spazi alla sperimentazione di modalità formative finalizzate in primo luogo alla promozione della cittadinanza attiva nella società della conoscenza e alla occupabilità nelle nuove prospettive dell economia. Ciò ha innescato una revisione delle politiche formative delle singole regioni, che hanno individuato risorse e modalità specifiche per raggiungere l obiettivo generale di contribuire ad accrescere l occupabilità della popolazione in età attiva e la qualificazione delle risorse umane, favorendo i processi di ammodernamento e innovazione dei sistemi di istruzione, formazione e lavoro. Nonostante, nell accezione più generale, il concetto di formazione permanente si configuri potenzialmente come spazio che riunisce in sé diversi ambiti della formazione, che vanno dalla formazione iniziale alla formazione continua, dall analisi della programmazione del Fondo Sociale europeo del periodo emerge una visione condivisa, che la fa coincidere con l educazione per l intero corso della vita e con l apprendimento che si acquisisce nei contesti formativi non formali e informali oltre che con quelli formali. Una prima riflessione organica sulla formazione permanente, strettamente collegata alla formazione degli adulti, è stata compiuta dalla Conferenza di Amburgo del Nella dichiarazione finale 3 sono evidenziate alcune finalità ed obiettivi che rappresentano un primo indirizzo per tutte le politiche sviluppate successivamente. 1 Crescita, competitività, occupazione - Le sfide e le vie da percorrere per entrare nel XXI secolo, COM(93) 700/F, dicembre Commissione delle Comunità Europee, memorandum europeo sull istruzione e la formazione permanente del 30 ottobre 2000, SEC (2000) 1832 DOC Dichiarazione finale della V Conferenza Internazionale sull educazione degli adulti. UNESCO, luglio 1997, in Pagina n. 8

12 In questo documento vengono ribaditi una serie di principi che possiamo così sintetizzare: La valorizzazione dell interazione tra sistema formativo e sistema sociale per sviluppare processi di partecipazione: l educazione degli adulti è il risultato di una consapevole appartenenza alla comunità e, al tempo stesso, la condizione per un attiva partecipazione sociale; la formazione si connota come uno strumento indispensabile per realizzare uno sviluppo che non turbi l equilibrio ambientale, per promuovere il valore della democrazia, della giustizia, dell uguaglianza fra persone diverse, per favorire il progresso scientifico, sociale ed economico, per costruire un mondo dove la cultura della pace e del dialogo sostituiscono la violenza. Il concetto di sviluppo socio-economico deve poter procedere di pari passo con la partecipazione sociale attiva dei cittadini nel pieno dei loro diritti in una società in formazione che punti sulla riorganizzazione dell apprendimento per integrare tutte le forme di educazione, superando la distinzione tra cultura generale e cultura tecnica. Il superamento della sequenzialità della formazione a favore di un apprendimento continuo che accompagna le varie fasi della vita nella logica dell adattamento individuale alle continue mutazioni di una società globalizzata. L obiettivo fondamentale della formazione permanente è quello di sviluppare nelle persone autonomia di pensiero e di comportamento sostenendo un processo di autoconsapevolezza che orienti l individuo in un mondo in continua trasformazione. Sostenere la centralità dell adattamento delle competenze in linea con le esigenze del mercato del lavoro. La promozione della partecipazione al lavoro e alla vita sociale di tutte le persone con difficoltà sociali, fisiche e psichiche con particolare attenzione alle dinamiche dell integrazione quale collante della società multietnica e multiculturale. Pagina n. 9

13 La centralità delle pari opportunità nel favorire l accesso ai percorsi formativi della componente femminile, sviluppando un ottica di genere per il superamento delle discriminazioni. Oltre ai principi precedentemente illustrati la Conferenza di Amburgo ha anche contribuito alla individuazione delle caratteristiche del sistema di lifelong learning, declinando alcuni obiettivi strategici e di orientamento per le politiche nazionali di formazione permanente. In primo luogo la realizzazione, nella messa a punto dei sistemi di educazione permanente, di nuovi metodi e approcci all educazione che favoriscano l effettiva collaborazione tra il sistema di governo locale e la collettività. Sotto il profilo dei contenuti vengono pertanto a delinearsi la priorità di promuovere e rinforzare le competenze di base con particolare attenzione alle nuove tecnologie, di sviluppare l educazione ambientale, la cultura della salute e le competenze sociali necessarie a migliorare le relazioni tra individui, e l attuazione di politiche di invecchiamento attivo capaci di valorizzare le esperienze delle generazioni precedenti. Nel solco di questa strategia, nel marzo del 2000 il Consiglio europeo di Lisbona segna una tappa decisiva nella messa a punto degli orientamenti comunitari in materia di istruzione e formazione. Nel vertice di Lisbona l obiettivo di fondare un economia basata sulla conoscenza viene coniugato allo sforzo politico e di innalzare la qualità, i saperi e le competenze dei cittadini europei. Tra i diversi obiettivi della Strategia di Lisbona, quello più coerente con il concetto di formazione permanente si individua nel garantire ai cittadini un livello di partecipazione ad attività formative che in nessun Paese deve scendere al di sotto del 10% della popolazione adulta. In tal senso si afferma che l impegno dei Paesi membri diventa quello di riorientare i sistemi formativi nella strategia del lifelong learning, per cui l apprendimento degli adulti diviene un processo permanente di saperi, di competenze e di autoconsapevolezza sociale 4. 4 Isfol, Formazione permanente: chi partecipa e chi ne è escluso, Primo rapporto nazionale sulla domanda, Roma, settembre Pagina n. 10

14 Il concetto di lifelong learning viene ulteriormente esplicitato dal Memorandum sull istruzione e la formazione permanente dell ottobre del che costituisce la risposta della Commissione alle richieste emerse dai Consigli Europei di Lisbona e di Feira e delinea il quadro di riferimento del sistema di formazione permanente europeo. Nel Memorandum si afferma che il buon esito della transizione ad un economia e una società basata sulla conoscenza deve essere accompagnata da un orientamento verso l istruzione e la formazione permanente, e che la stessa nozione di istruzione e formazione permanente non rappresenta più semplicemente un aspetto della formazione generale e professionale, ma deve diventare il principio informatore dell offerta e della domanda in tutti i contesti di apprendimento. Il memorandum individua 6 messaggi chiave e altrettanti obiettivi così strutturati. Messaggio chiave n. 1 Nuove competenze di base per tutti Obiettivo: garantire un accesso universale e permanente alle azioni di istruzione e formazione per consentire l acquisizione o l aggiornamento delle competenze necessarie alla partecipazione attiva ai progressi della società della conoscenza. Messaggio chiave 2: maggiori investimenti nelle risorse umane Obiettivo: assicurare una crescita visibile dell investimento nelle risorse umane per rendere prioritaria la più importante risorsa dell Europa la sua gente. Messaggio chiave N. 3. Innovazione nelle tecniche di insegnamento e di apprendimento Obiettivo: sviluppare contesti e metodi efficaci di insegnamento e apprendimento per un offerta ininterrotta di istruzione e di formazione lungo l intero arco della vita e in tutti i suoi aspetti. Messaggio chiave 4: valutazione dei risultati dell apprendimento Obiettivo: migliorare considerevolmente il modo in cui sono valutati e giudicati la partecipazione e i risultati delle azioni formative nel quadro dell apprendimento formale ed informale. Messaggio chiave n. 5: Ripensare l orientamento Obiettivo: garantire a tutti un facile accesso ad informazioni e ad un orientamento di qualità sulle opportunità di istruzione e formazione in tutta l Europa e durante tutta la vita. Messaggio chiave N. 6: un apprendimento sempre più vicino a casa 5 Commissione delle Comunità Europee, Memorandum europeo sull istruzione e la formazione permanente del 30 ottobre 2000, SEC (2000) 1832 DOC Pagina n. 11

15 Obiettivo: offrire opportunità di formazione permanente il più possibile vicine agli utenti della formazione, nell ambito della loro comunità con il sostegno, qualora opportuno, di infrastrutture basate sulle ICT (information and communication technologies). Si delineano pertanto le priorità che devono ispirare le politiche nazionali, ovvero la realizzazione di una società della conoscenza in cui l economia si basa sulla creazione e lo scambio di beni e servizi immateriali. In questo contesto l aggiornamento dell informazione, delle conoscenze e delle competenze riveste un ruolo cruciale. Lo sforzo dei paesi membri si deve indirizzare alla realizzazione di un istruzione di base di qualità per tutti attraverso una formazione costante o ad intervalli regolari (lifelong learning) combinandola anche con una formazione che abbraccia tutti gli aspetti della vita sottolineandone l estensione orizzontale che ha luogo in tutti gli ambiti e in qualsiasi fase della vita (lifewide learning). In tal senso si evidenzia la complementarietà dell apprendimento formale, non formale e informale. Da quanto sopra illustrato si può dedurre che: la formazione permanente viene concepita come elemento fondamentale nella costruzione di una cittadinanza attiva e nello sviluppo delle relazioni sociali; la formazione permanente è uno strumento importante per garantire l occupabilità concentrandosi però sul rafforzamento delle competenze di base ed accompagnando l individuo verso uno sviluppo professionale più individualizzato anche al di fuori della formazione aziendale in senso stretto. Pertanto nell indirizzo comunitario si presentano due piani di lettura della formazione permanente: in senso generale, il concetto di formazione permanente coincide con quello di apprendimento permanente e con il principio di lifelong learning: la formazione permanente è qui intesa come sistema di politiche che permette l accesso alla formazione connesso allo sviluppo della persona, allo sviluppo professionale, allo sviluppo sociale, lungo l arco della vita (dando luogo a diverse policy target oriented quali la formazione superiore, la formazione continua, ecc.); in senso specifico, la formazione permanente può declinarsi in interventi specifici che, pur ricadendo nell ambito della Strategia Europea per l Occupazione (SEO), risponde a diverse priorità generali quali l adattabilità, le Pagina n. 12

16 pari opportunità e l occupabilità anche attraverso l acquisizione di competenze per la cittadinanza attiva. Dato questo quadro generale l istruzione e la formazione permanente (lifelong learning) sono tuttora diversamente definite, a fini diversi, secondo il singolo contesto nazionale. Gli ultimi studi disponibili rivelano che le definizioni restano per lo più sul piano informale e pragmatico, e si riferiscono più alle azioni intraprese che a un concetto chiaro o a una nozione giuridica 6. Da quanto esposto si può affermare che l apprendimento o formazione permanente così come esplicitato nei documenti comunitari 7 presenta una connotazione ampia che contempla, più che una policy, un principio guida o un indirizzo politico finalizzato ad orientare le scelte del decisore pubblico nell adeguare le politiche formative al principio del lifelong learning. Tuttavia nei singoli contesti europei e in particolare in quello italiano, il dibattito e la conseguente programmazione delle politiche formative ha successivamente tentato di implementare questo principio attraverso specifici indirizzi del sistema di offerta di formazione che, come vedremo, connotano la formazione permanente come una misura con caratteristiche peculiari e caratterizzanti. 3.2 Modelli europei: il community learning Nel contesto europeo, i modelli di programmazione della formazione permanente trovano una loro realizzazione e modellizzazione in base alle politiche educative e alle organizzazioni sociali che, soprattutto al di fuori dei percorsi formali, si collegano ai processi di partecipazione alle attività sociali nell esercizio della cittadinanza attiva. Un modello che in questa sede ci interessa esplorare è quello del community learning. Sviluppato soprattutto nei paesi anglosassoni e scandinavi e successivamente diffuso anche nei paesi in via di sviluppo, pone l accento sulla organizzazione di attività educative progettate a partire dai fabbisogni delle comunità e degli individui che in essa vivono, con obiettivi di sviluppo sociale, pari 6 Commissione delle Comunità Europee, Memorandum sull istruzione e la formazione permanente, Bruxelles, 2000, p Strategia di Lisbona, Memorandum sull istruzione e la formazione permanente della Commissione (2000), Comunicazione della Commissione Realizzare uno spazio europeo dell apprendimento permanente (2001) e Risoluzione del Consiglio sull apprendimento permanente (2002). Pagina n. 13

17 opportunità e inclusione sociale. In questo modello, che assume connotazioni specifiche nei diversi luoghi e contesti in cui si sviluppa, si interpreta l apprendimento soprattutto per la sua dimensione sociale, mettendo al centro della programmazione formativa l individuo nel suo agire sociale. Mentre i processi educativi sono di solito collegati alla dimensione del capitale umano, il cui potenziamento ha un effetto diretto sull occupabilità e sul valore economico che la formazione assume nelle società a capitalismo avanzato, il community learning insiste sul valore sociale dell apprendimento e si collega alla dimensione delle relazioni sociali tra individui in un determinato contesto geografico. Si stabilisce così una prima demarcazione tra gli esiti diretti delle attività formative, che invece di insistere sui risultati legati al reddito e al miglioramento delle condizioni di lavoro si focalizzano sul tema della qualità sociale della vita degli individui. Questo approccio alla formazione fa sì che il community learning persegua l obiettivo di coinvolgere le persone che non partecipano di solito ai processi educativi formali, per creare le condizioni per lo sviluppo della comunità strettamente collegate alla dimensione dello sviluppo locale in cui essa diventa un laboratorio di apprendimento. Nei singoli contesti sociali il lifelong learning diventa principio organizzativo e bene sociale per favorire un processo di coinvolgimento diretto di tutti gli attori, istituzionali e non, per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo e di inclusione sociale. Tutti i soggetti sociali coinvolti nel processo diventano così protagonisti dei piani di sviluppo locali sviluppando un approccio bottom up che garantisce un alto livello di partecipazione dei destinatari ai processi di pianificazione e implementazione delle politiche pubbliche. La costruzione dei sistemi di community learning, seppur con le dovute differenze, si caratterizza per la presenza di tre concetti fondamentali: - la comunità, intesa come comunità geograficamente caratterizzata e come sistema di relazioni tra individui con interessi comuni; - il network, come sistemi di relazione tra associazioni di volontariato, aggregati sociali, gruppi di interesse e attori istituzionali che insieme costruiscono ed individuano le priorità di intervento; - il learning, inteso come processo di apprendimento che fonde educazione formale, non formale ed informale. Pagina n. 14

18 I processi di apprendimento nei diversi contesti sociali e nei diversi settori disciplinari contribuiscono così da un lato a potenziare le risorse specifiche delle persone, soprattutto dei soggetti a rischio di esclusione sociale tramite il rafforzamento delle competenze di base e, dall altro, a contribuire alla partecipazione diretta della comunità ai processi di sviluppo locale. Rispetto alle politiche europee della formazione per tutto l arco della vita, il community learning rappresenta un contributo essenziale ed originale che gioca un ruolo centrale per combattere l esclusione sociale. L apprendimento comunitario, interpretato come agente di cambiamento, contribuisce allo sviluppo individuale, sociale ed economico e più che come settore specifico dell educazione si configura come modalità di azione nei contesti locali. La capacità degli individui di tutte le età di partecipare attivamente all apprendimento è cruciale per la qualità della vita nel suo complesso. Attraverso l apprendimento gli individui possono trovare le soluzioni ai problemi sociali ed economici delle loro comunità contribuendo direttamente alla messa a punto di piani e programmi di azione. Il modello del community learning insiste fortemente sulla relazione dell apprendimento individuale nei contesti locali per la realizzazione delle strategie di sviluppo, con la finalità di creare una reale cittadinanza attiva per utilizzare le risorse di tutti i rappresentanti della comunità. Il sistema di relazioni e le caratteristiche del modello possono essere schematizzate nel grafico seguente. Pagina n. 15

19 Figura 1 : il modello del community learning Obiettivi: Miglioramento e consolidamento delle competenze di base e delle competenze sociali finalizzate ad una più efficace partecipazione degli individui alla vita comunitaria Aumentare la motivazione e l autostima dei soggetti più deboli Migliorare l efficacia e il raggio di azione delle organizzazioni all interno delle comunità Apprendimento per i giovani Apprendimento degli adulti Community learning e strategie di sviluppo Capacity building 3.3 Evoluzione delle politiche di educazione degli adulti in Italia: dall educazione popolare al sistema integrato di formazione permanente Il primo esempio di formazione permanente in Italia è rappresentato da una politica suppletiva di lotta all analfabetismo attraverso l educazione popolare avviata nel secondo dopoguerra. Tali attività sono affidate a circoli didattici (istruzione di Stato) e ad altri soggetti del privato sociale (Enti e associazioni, parrocchie, comitati di quartiere) in accordo con i Provveditorati agli Studi. Il conseguimento di un titolo di studio equipollente alla licenza di scuola media viene offerto attraverso i corsi di richiamo e aggiornamento culturale di istruzione secondaria istituiti presso scuole Pagina n. 16

20 elementari o medie. Negli anni 50 e 60 si assiste ad un forte sviluppo di interventi di educazione degli adulti realizzati in seno al movimento operaio e al volontariato, che progressivamente ampliano la precedente delimitazione dell educazione degli adulti legata a bisogni formativi aggiuntivi all alfabetizzazione. Nella cosiddetta lotta al fenomeno dell analfabetismo di ritorno si riconosce la necessità di interventi tesi al rafforzamento delle competenze di base e la funzione della formazione professionale in senso distintivo rispetto alla mera educazione degli adulti. Nel 1970 la legge n. 300 (Statuto dei Lavoratori) introduce il diritto ai congedi formativi finalizzati agli esami, che tre anni più tardi portò, attraverso un accordo tra le Parti Sociali, all istituto delle 150 ore per coloro che intendevano conseguire la licenza della scuola media. Si tratta di un istituto contrattuale che nasce e si realizza in ambito extra scolastico, e che assume le forme di un contratto sociale in cui lo Stato si impegna alla mera assunzione dei costi economici (per i servizi richiesti alla scuola statale dove si realizzavano i corsi). Nel 1977 si realizza, con il D.P.R. n. 616, l attribuzione delle competenze in materia di educazione permanente alle Regioni, dando luogo ad un modello in cui l educazione formale degli adulti è gestita dal Ministero della Pubblica Istruzione e l educazione non formale dalle Regioni. È di questo periodo l avvio dei corsi per il conseguimento della licenza elementare della durata di 350 ore annue. Nell arco di 20 anni questi corsi hanno avuto il merito di produrre un ampliamento della domanda di formazione, con la conseguenza di un ampliamento dell offerta di interventi, che vanno dall animazione culturale destinata a gruppi emarginati fino ai corsi per l alfabetizzazione degli immigrati. Nei primi anni 80, con la legge 270/82, si realizza una rilevante stabilizzazione del personale impiegato nel canale EDA, e si avviano le prime sperimentazioni all interno degli istituti scolastici di corsi rivolti ad anziani, giovani drop out, adulti disoccupati ed in mobilità ed immigrati, attraverso progetti che integrano formazione di base e formazione professionale. La novità di queste sperimentazioni può essere individuata nel coinvolgimento di attori legati al territorio (Enti Locali, agenzie formative, biblioteche, associazioni). Nel 1997 l Ordinanza Ministeriale n. 455 istituisce i nuovi Centri Territoriali Permanenti, che esprimono una rilevante varietà di interventi sperimentali riconosciuti a livello ministeriale, anche se caratterizzati da forti sproporzioni fra le Regioni. Le due più importanti innovazioni di questo periodo riguardano l apertura di corsi di istruzione nelle carceri italiane e la programmazione di corsi di Pagina n. 17

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI ALLEGATO B D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI 2 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI Le caratteristiche strutturali dei percorsi dell IFTS (modularità, unità capitalizzabili,

Dettagli

I CENTRI TERRITORIALI DI EDUCAZIONE PERMANENTE di Augusta Marconi

I CENTRI TERRITORIALI DI EDUCAZIONE PERMANENTE di Augusta Marconi I CENTRI TERRITORIALI DI EDUCAZIONE PERMANENTE di Augusta Marconi Se l offerta formativa integrata tra università, scuole ed agenzie di formazione professionale, favorita da Governo e Regioni, potrà rispondere

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

L analisi dei fabbisogni dell EDA nell area sub-provinciale di Roma. Risultati conseguiti dal progetto: guida alla consultazione

L analisi dei fabbisogni dell EDA nell area sub-provinciale di Roma. Risultati conseguiti dal progetto: guida alla consultazione BANDO PER L EDUCAZIONE PERMANENTE DEGLI ADULTI Delibera Giunta Regionale n. 30 dell 11/01/2001 (Pubblicato nel BUR Lazio n.5 del 20 febbraio 2002 Parte I e II) Misura di sistema: Ricerche e analisi finalizzate

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri CONFERENZA UNIFICATA (ex art. 8 del D.Lgs. 28 agosto 1997, n. 281) SEDUTA DEL 2 MARZO 2000 Repertorio Atti n. 221 del 2 marzo 2000 Oggetto: Accordo tra Governo, regioni,

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

INTERVENTO LE AZIONI DI SISTEMA TRA CAPACITY BUILDING E COOPERAZIONE A RETE (ROMA, 10 MAGGIO 2006)

INTERVENTO LE AZIONI DI SISTEMA TRA CAPACITY BUILDING E COOPERAZIONE A RETE (ROMA, 10 MAGGIO 2006) INTERVENTO LE AZIONI DI SISTEMA TRA CAPACITY BUILDING E COOPERAZIONE A RETE (ROMA, 10 MAGGIO 2006) Siamo nell ultimo anno di programmazione, per cui è normale fare un bilancio dell attività svolta e dell

Dettagli

La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari

La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari La validazione degli apprendimenti in Italia disegna un panorama molto variegato con differenze marcate

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale 1 1 1. Premessa La seguente proposta di modello nasce dopo un attività di confronto tra i rappresentanti

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro

La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Valentina Aprea

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado Istituto Comprensivo "San Giovanni Bosco" Naro ISTITUTO COMPRENSIVO "SAN GIOVANNI BOSCO" NARO Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado A.S.2015-16

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

Profilo dello studente della formazione professionale in esito al biennio dell obbligo di istruzione ed al terzo anno

Profilo dello studente della formazione professionale in esito al biennio dell obbligo di istruzione ed al terzo anno Profilo dello studente della formazione professionale in esito al biennio dell obbligo di istruzione ed al terzo anno Competenze storiche economiche e sociali 1 Le competenze storico-economiche e sociali:

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e ItaliaNostra onlus Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale VISTO

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Corso Serale I.G.E.A. LA FORMAZIONE TRA SCUOLA ED AZIENDA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 DIRIGENTE SCOLASTICO : Dott.ssa ADDOLORATA BRAMATO RESPONSABILE DEL PROGETTO :Prof.ssa LOREDANA CAROPPO REFERENTE SCUOLA

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato regionale del Lavoro, della Previdenza Sociale, della Formazione Professionale e dell Emigrazione Dipartimento regionale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA tra

PROTOCOLLO D INTESA tra PROTOCOLLO D INTESA tra la Regione Piemonte la Regione Sardegna il Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali VISTA la legge 17 maggio 1999 n.144,

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

La formazione in materia di sicurezza sul lavoro

La formazione in materia di sicurezza sul lavoro Maggio 2015, anno IX N. 5 La formazione in materia di sicurezza sul lavoro Fasi e ruoli specifici per pianificare, organizzare e gestire l attività formativa di Alessandro Cafiero 1 La sicurezza fra contesto

Dettagli

Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla Regione LOMBARDIA

Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla Regione LOMBARDIA Governance Regionale e sviluppo dei servizi per il lavoro Linea 2. Network degli operatori del mercato del lavoro Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile Azioni a carattere innovativo finanziate nel quadro dell'art. 6 del regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo, Linea di Bilancio B2-1630,"Strategie locali per l'occupazione e innovazione" Strategie

Dettagli

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE SICUREZZA E RISPETTO DELLE REGOLE FINALITA e OBIETTIVI DEL PROGETTO Le direttive comunitarie in tema di salute e sicurezza sul luogo di lavoro sottolineano la necessità

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE Il Centro per la formazione continua e l aggiornamento del personale insegnante cura iniziative

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRALISATION AND COORDINATION: THE TWIN CHALLENGES OF LABOUR

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO - VISTI gli articoli 4 e 14 del Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n.165, e successive modifiche ed integrazioni; - VISTA la Direttiva del Presidente del

Dettagli

Il nuovo sistema dell Istruzione degli adulti è legge di Simone Giusti

Il nuovo sistema dell Istruzione degli adulti è legge di Simone Giusti Idee e materiali Organizzazione Il nuovo sistema dell Istruzione degli adulti è legge di Simone Giusti Con l emanazione della circolare ministeriale 36 e con la pubblicazione delle Linee guida per il passaggio

Dettagli

STRATEGIE E METODI PER L INNOVAZIONE DIDATTICA E TERRITORIALE

STRATEGIE E METODI PER L INNOVAZIONE DIDATTICA E TERRITORIALE ISTITUTO SILONE San Ferdinando di Puglia STRATEGIE E METODI PER L INNOVAZIONE DIDATTICA E TERRITORIALE REPORT FINALE DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE Progetto di Ricerca finanziato da: REGIONE PUGLIA Assessorato

Dettagli

PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE

PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE OBIETTIVO GENERALE Il Progetto Lavoro e Formazione interviene specificamente sulla formazione e l inserimento lavorativo di persone in situazione di disagio economico e/o esistenziale.

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Il ruolo della valutazione e del sistema di governance delle pari opportunità nella programmazione 2007-2013

Il ruolo della valutazione e del sistema di governance delle pari opportunità nella programmazione 2007-2013 MELTING BOX - FIERA DEI DIRITTI E DELLE PARI OPPORTUNITA PER TUTTI TORINO Centro Congressi Lingotto, 22-24 ottobre 2007 Diritti e Pari Opportunità nella nuova programmazione comunitaria 2007-2013 Il ruolo

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE AUSER DI QUALITA DELLE UNIVERSITA POPOLARI e DEI CIRCOLI CULTURALI AFFILIATI

NUOVO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE AUSER DI QUALITA DELLE UNIVERSITA POPOLARI e DEI CIRCOLI CULTURALI AFFILIATI NUOVO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE AUSER DI QUALITA DELLE UNIVERSITA POPOLARI e DEI CIRCOLI CULTURALI AFFILIATI Il Comitato Direttivo dell AUSER nazionale riunito a Roma in data 24 giugno 2015 - valutando

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LOMBARDIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LOMBARDIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LOMBARDIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato A Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell apprendistato

Dettagli

EDUCAZIONE DEGLI ADULTI

EDUCAZIONE DEGLI ADULTI EDUCAZIONE DEGLI ADULTI La proposta EDA, al fine di consentire una personalizzazione ed una differenziazione dei percorsi, è stata costruita secondo una logica modulare e flessibile, strutturata su un

Dettagli

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità Intervento di Mariaelena Romanini 1 Nell ambito del seminario: L apprendistato

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA PROTOCOLLO D'INTESA RELATIVO AL SERVIZIO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO- CULTURALE NEGLI ISTITUTI COMPRENSIVI E DIREZIONI DIDATTICHE DELL UNIONE TERRE D ARGINE tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO,

Dettagli

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni PREMESSA La sperimentazione dei Piani Locali Giovani ha la finalità di sostenere l azione degli enti locali nel campo delle politiche

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

L agenda digitale europea

L agenda digitale europea Agenda digitale, alfabetizzazione e competenze digitali: verso un Piano nazionale per la cultura, la formazione e le competenze digitali Rosamaria Barrese * L agenda digitale europea L Agenda Digitale

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE COMPETENZE CHIAVE EUROPEE e COMPETENZE SPECIFICHE 1 PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE PROFILO Il Diplomato

Dettagli

PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica

PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica Scuola Secondaria di I grado Progetto realizzato con il contributo del Fondo Sociale Europeo - Programma Operativo Nazionale Competenze

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007 Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani AA. 2006-2007 PIANO e PIANIFICAZIONE 3 Pianificazione È il Processo con il quale un individuo, una impresa, una istituzione, una collettività territoriale

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani Valentina Curzi Garanzia Giovani (2013) Raccomandazione del Consiglio (22/4/2013) Entro 4 mesi i giovani < 25 anni devono ricevere un offerta qualitativamente

Dettagli

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica 2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica L educazione alla cittadinanza democratica (EDC) è il risultato di un dibattito che nasce da diverse problematiche: il basso livello di partecipazione alle

Dettagli

IL SISTEMA DI FORMAZIONE PERMANENTE DELLA REGIONE PIEMONTE Scheda informativa a cura dell Area Sistemi Formativi dell Isfol (marzo 2003)

IL SISTEMA DI FORMAZIONE PERMANENTE DELLA REGIONE PIEMONTE Scheda informativa a cura dell Area Sistemi Formativi dell Isfol (marzo 2003) IL SISTEMA DI FORMAZIONE PERMANENTE DELLA REGIONE PIEMONTE Scheda informativa a cura dell Area Sistemi Formativi dell Isfol (marzo 2003) 1. Le politiche regionali di istruzione e formazione permanente

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il Curricolo

Indicazioni Nazionali per il Curricolo Indicazioni Nazionali per il Curricolo Scuola dell infanzia e primo ciclo di istruzione Conferenza Stampa Mercoledì 6 Marzo 2013 MIUR- Sala della Comunicazione Ore 15:00-17:00 #InScuola Le nuove Indicazioni

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

Schema del PON Competenze per lo Sviluppo

Schema del PON Competenze per lo Sviluppo UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Dipartimento dell Istruzione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Uff. V PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

La costituzione degli Istituti Tecnici Superiori e la riorganizzazione del sistema dell IFTS

La costituzione degli Istituti Tecnici Superiori e la riorganizzazione del sistema dell IFTS Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle Regioni La costituzione degli

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No DOCENTE : FOGLI MAURIZIO BENVENUTI SERGIO MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE A.S.: 2014 / 2015 CLASSE: 4 AMS Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No Gli obiettivi disciplinari

Dettagli

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale In questa periodo sono un fase di sottoscrizione gli Accordi di Programma nei diversi ambiti territoriali nella Provincia di Cuneo. La ricerca

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal Progetto Comunitario Equal Pane e denti Problema di riferimento Nonostante il carattere strutturale assunto dalla presenza immigrata in Italia, l immigrazione viene percepita ancora come un problema piuttosto

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

Valorizzazione e valutazione della prestazione professionale: la rendicontazione del servizio, il contributo del singolo al risultato collettivo.

Valorizzazione e valutazione della prestazione professionale: la rendicontazione del servizio, il contributo del singolo al risultato collettivo. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca don Milani - Colombo Scuola Statale Secondaria di Primo Grado Salita Carbonara 51, Genova telefono: 0102512660-139 Fax 010 2512654 C.F. 95062060108

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA SCHEDA INFORMATIVA Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA Per l iniziativa ministeriale nazionale PON C3 LE(G)ALI AL SUD. UN PROGETTO PER LA LEGALITA IN OGNI SCUOLA moduli didattici: Ambientiamoci

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE LAZIO- DIREZIONE RAGIONALE POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE LAZIO- DIREZIONE RAGIONALE POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE LAZIO- DIREZIONE RAGIONALE POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO La Regione Lazio - Direzione Ragionale Politiche Sociali e Famiglia

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli