PASSA IL TEST CON HOEPLI TEST PROVA DI AMMISSIONE PER I CORSI DI LAUREA A NUMERO CHIUSO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PASSA IL TEST CON HOEPLI TEST PROVA DI AMMISSIONE PER I CORSI DI LAUREA A NUMERO CHIUSO"

Transcript

1 PASSA IL TEST CON HOEPLI TEST PROVA DI AMMISSIONE PER I CORSI DI LAUREA A NUMERO CHIUSO AREA ECONOMICA EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO

2 PROVA AREA ECONOMICA PROVA AREA ECONOMICA SEZIONI DELLA PROVA Comprensione brani Logica Matematica Economia e Diritto Cultura generale SCHEDA PER LE RISPOSTE 2 Prova area economica Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

3 PROVA AREA ECONOMICA Sezione di Comprensione brani Leggere il brano seguente e rispondere alle domande da 1 a 5. Negli anni immediatamente successivi alla prima guerra mondiale, la Germania conobbe una grave crisi economica, dovuta in particolar modo alla pesante eredità del conflitto. I debiti di guerra risultarono essere ingentissimi e i vincitori, sebbene ne avessero tutto il diritto, presentarono una lista di richieste assolutamente impossibile da soddisfare per un Paese quasi allo stremo. L inflazione prese rapidamente a galoppare, raggiungendo livelli vertiginosi, tanto che nel novembre 1923 il cambio dollaro/marco era di 1 contro Il futuro non prometteva nulla di buono poiché, sempre a causa della sconfitta, la Germania aveva perso l intera flotta mercantile, i pescherecci d alto mare, il 25% della propria produzione di carbone e il 75% della produzione di minerali ferrosi. Nonostante questa pesante eredità, a partire dal 1923 si riuscì a stabilizzare la quotazione della moneta e la qualificata manodopera tedesca poté nuovamente iniziare a produrre con profitto, tanto che, nel giro di sei anni, venne ricostituita la flotta mercantile e intrapreso un piano di riassetto urbanistico che fece scuola nel mondo. Le ragioni della svolta del 1923 sono forse soprattutto di ordine psicologico: quando l inflazione raggiunse livelli praticamente fantascientifici, il pensiero dominante nelle coscienze tedesche divenne quello di considerare che le cose, peggio di così, non potevano andare e che tanto valeva, quindi, tentare di risollevare la situazione con i mezzi a disposizione. Vennero introdotti nuovi macchinari e nuovi metodi di lavoro; vennero investiti i capitali esteri, soprattutto statunitensi, che affluirono nuovamente nel Paese e l economia conobbe uno slancio poderoso, ma fragile. Fragile perché le risorse impiegate nel periodo del Wirtschaftswunder, il miracolo economico, erano pressoché interamente derivanti da prestiti stranieri a breve termine e come tali portavano dentro di loro quegli elementi di incertezza e instabilità, che non tardarono a produrre effetti. PROVA AREA ECONOMICA 1 2 Considerando quanto riportato nel brano, si può affermare che: A il primo capoverso tratta sinteticamente della condizione economica tedesca relativa al periodo B il secondo capoverso tratta della condizione politica tedesca nel periodo C il primo capoverso pone delle domande per le quali il secondo capoverso suggerisce delle possibili risposte D il secondo capoverso approfondisce e spiega i dati riportati nel primo capoverso E nessuna delle precedenti Stando a quanto espresso nel brano, individuare l affermazione che NON può essere dedotta dal testo. A B C All inizio degli anni 20, in Germania, l inflazione era già in continua ascesa La Germania alla fine della guerra era, dal punto di vista economico, in gravissime condizioni che furono ulteriormente aggravate dalla richiesta di ingenti danni di guerra da parte delle potenze vincitrici Nel 1923, per avere un dollaro un tedesco avrebbe dovuto pagare più di quattro milioni di marchi Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Prova area economica 3

4 PROVA AREA ECONOMICA D E La Germania, alla fine della guerra, si oppose senza successo alla richiesta da parte delle potenze vincitrici di danni di guerra tanto ingenti Nessuna delle precedenti Sulla base di quanto riferito nel brano, si può affermare che: A nel 1929 esisteva una flotta mercantile tedesca B nel 1923 esisteva una flotta mercantile tedesca C nel 1918 la produzione di carbone in Germania era pari al 25% di prima della guerra D all inizio del 1923 in Germania si toccò il culmine dell inflazione E nessuna delle precedenti In base a quanto scritto nel brano, quale tra le seguenti può essere individuata come condizione favorevole all avvio della ripresa economica della Germania? A Il riconoscimento di prestiti a breve termine da parte di Paesi stranieri B La ricostruzione di una flotta mercantile C L arresto del processo inflazionistico D L elaborazione e la realizzazione di un piano di riassetto urbanistico E Nessuna delle precedenti Secondo quanto scritto nel brano, il Wirtschaftswunder si può definire come: A la somma dei debiti di guerra che gravavano sulla Germania nel 1923 B l inizio del progressivo imporsi della Germania come potenza economica europea C il fattore psicologico che rese possibile la ripresa economica tedesca dal 1923 D un momento di ripresa economica, significativo ma non persistente E nessuna delle precedenti Leggere il brano seguente e rispondere alle domande da 6 a 10. Il tema dell equità e dell efficienza è tornato in questi anni a occupare l attenzione degli economisti. Era dagli anni Cinquanta, quando il dibattito fu introdotto nel contesto di una precisa rassegna critica delle diverse dottrine economiche da Kaldor e successivamente in un contesto empirico da Kutznets, che non si assisteva a una simile mole di lavori teorici ed empirici. Scopo di questo saggio è di riesaminare criticamente questi nuovi lavori, cercando di evidenziarne i limiti e gli elementi in comune, per poi proporre una teoria più generale che permetta di inquadrare con precisione la problematica tra equità ed efficienza. Il legame tra equità (intesa come redistribuzione volta a ridurre le disuguaglianze di reddito o ricchezza) ed efficienza (intesa come massima produzione ottenibile date le risorse a disposizione) è un tema di grande rilevanza nella teoria economica che viene oggi ad assumere un ancor più forte significato. Il capitalismo e l economia di mercato hanno forse vinto la sfida storica nei confronti dell economia pianificata e del socialismo reale, ma ciò non significa affatto l azzeramento del problema equità-efficienza. Al contrario, questo diventa il tema cruciale di tutte le moderne società industriali. Infatti, la domanda vera posta da molte parti è: quale capitalismo? Al di là delle varie formule, modelli, radici storiche, si tratta ancora una volta di combinare e coniugare la difficile equazione efficienza economica/giustizia sociale. Questo è ovviamente il tema portante che deve essere fronteggiato nelle politiche di privatizzazione e di rifondazione dei sistemi di welfare state introdotti nei vari Paesi industriali. Va infatti subito rilevato che l approccio tradizionale pone l obiettivo dell equità in netta contrapposizione con quello dell efficienza. Scopo di questo saggio è invece quello di investigare le condizioni storico-istituzionali interagenti con quelle tecnologiche, nelle quali si determina inve- 4 Prova area economica Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

5 ce una relazione sinergica che, attraverso una più equa distribuzione del reddito, determina migliori condizioni di sviluppo. 6 7 Sulla base del brano, individuare l affermazione corretta. A Solo dopo il 1950 ci si cominciò a interessare al tema dell equità e dell efficienza B Il brano è stato scritto prima del 1950 C Fino al 1950 nessuno si era interessato al tema dell equità e dell efficienza D Kaldor era uno studioso di dottrine economiche attivo intorno al 1950 E nessuna delle precedenti Secondo l autore del brano, equità ed efficienza: A si implicano reciprocamente e necessariamente B sono incompatibili C dovrebbero essere tra loro legate D coincidono E nessuna delle precedenti PROVA AREA ECONOMICA 8 9 Secondo quanto scritto nel brano, si può definire l equità come: A economia pianificata B l azione economica che mira alla massimizzazione della produzione per unità di reddito C efficienza economica D l azione economica che tende alla redistribuzione del reddito E nessuna delle precedenti Secondo il brano, affermare che un equa distribuzione del reddito determina migliori condizioni di sviluppo : A è una contraddizione logica B è un utopia, poiché l approccio tradizionale ha dimostrato che si tratta di due opzioni contrapposte C è possibile relativamente a certe condizioni D è una realtà E nessuna delle precedenti 10 Sulla base di quanto detto nel brano, completare correttamente la seguente proporzione. Capitalismo : X come Y : economica pianificata A X = efficienza; Y = economia di mercato B X = equità; Y = efficienza C X = equità; Y = socialismo reale D X = socialismo reale; Y = equità E X = economia di mercato; Y = socialismo reale Sezione di Logica 11 Due imbianchini devono tinteggiare le pareti di un appartamento per 300 metri quadrati totali di superficie. Si sa che il primo dei due, lavorando singolarmente, impiega 1 ora per tinteggiare 10 metri quadrati, mentre il secondo, lavorando singolarmente, impiega 1 ora per tinteggiare 15 Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Prova area economica 5

6 PROVA AREA ECONOMICA metri quadrati. In quanto tempo i due imbianchini tinteggeranno le pareti dell appartamento lavorando insieme? A 15 ore B 10 ore C 20 ore D 12 ore E 16 ore In una scuola di Brescia gli studenti studiano il tedesco, lo spagnolo o entrambe le lingue. Sapendo che il 75% di loro studia il tedesco e il 60% studia lo spagnolo, qual è la percentuale di studenti della scuola che studia entrambe le lingue? A 25% B 35% C 15% D 60% E 72% Lanciando contemporaneamente due dadi non truccati, con facce numerate da 1 a 6, qual è il numero più probabile che si può ottenere come somma dei risultati? A 2 B 6 C 8 D 12 E 7 Maurizio ama la caccia. Chi abita in campagna ama la caccia. Giuseppe abita in campagna. Se le affermazioni precedenti sono vere, quale delle seguenti è necessariamente vera? A Chi ama la caccia abita in campagna B Maurizio abita in campagna C Giuseppe ama la caccia D Chi non abita in campagna ama la pesca E Maurizio non abita in campagna In base all'informazione "tutti gli atleti sono forti", quale delle seguenti affermazioni è necessariamente vera? A È possibile che vi sia almeno un atleta debole B Tutte le persone forti sono atleti C È impossibile negare che tutti gli atleti sono deboli D Non esistono atleti deboli E Nessuna persona forte è un atleta Individuare l alternativa che completa correttamente la seguente proporzione tra parole. Temperatura : termometro = umidità : Y A Y = umidometro B Y = barometro 6 Prova area economica Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

7 17 C D E Y = igrometro Y = sismometro Y = metronomo Individuare l alternativa che completa correttamente la seguente proporzione tra parole. Louvre : X = La Fenice : Y A B C D E X = Parigi; Y = Napoli X = museo; Y = teatro X = Codice da Vinci; Y = Angeli e demoni X = Vincent Van Gogh ; Y = Alberto Sordi X = biblioteca; Y = museo Per ciascuno degli esercizi individuare il diagramma che soddisfa la relazione insiemistica esistente tra i tre termini dati. PROVA AREA ECONOMICA DIAGRAMMA 1 DIAGRAMMA 2 DIAGRAMMA 3 DIAGRAMMA 4 DIAGRAMMA 5 DIAGRAMMA Felini, animali domestici, elefanti A Diagramma 5 B Diagramma 1 C Diagramma 3 D Diagramma 2 E Diagramma 6 Persone alte, Attori, Diplomati A Diagramma 5 B Diagramma 3 C Diagramma 4 D Diagramma 6 E Diagramma 1 Svedesi, norvegesi, insegnanti A Diagramma 5 B Diagramma 4 C Diagramma 1 D Diagramma 3 E Diagramma 2 Da un questionario anonimo somministrato a 50 dirigenti e 2500 impiegati di un azienda sono emersi i risultati raccolti nella seguente tabella (NB: tutti hanno dato una sola risposta a ciascuna domanda). Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Prova area economica 7

8 PROVA AREA ECONOMICA Domanda Risposte Dirigenti Impiegati Consideri il tuo stipendio adeguato? Consideri gli incentivi adeguati? Molto 35% 15% Sufficientemente 45% 50% Poco 15% 30% Per niente 5% 5% TOTALE 100% 100% Sì 70% 25% No 30% 75% TOTALE 100% 100% Quanti sono gli impiegati che considerano gli incentivi adeguati? A 750 B 500 C 625 D 825 E Se e solo se ho schiacciato un pisolino, riprendo le forze. In base alla precedente informazione, quale delle seguenti affermazioni è certamente vera? A Se riprendo forze significa che ho schiacciato un pisolino B Quando riprendo forze non è detto che io abbia schiacciato un pisolino C A volte riprendo forze D A volte, anche se ho schiacciato un pisolino, non riprendo forze E Nessuna delle precedenti risposte è corretta Leggere il testo del seguente problema e rispondere alle domande da 23 a 25. Tre colleghi di lavoro (Marco, Stefano e Daniele) abitano in tre città diverse (Lecco, Monza e Bergamo), praticano tre sport diversi (tennis, basket e nuoto), possiedono tre moto di marca diversa (Ducati, Yamaha e Honda) e hanno in totale tre figli. Si sa che: Marco possiede una Ducati; Stefano abita a Bergamo; Daniele gioca a basket; colui che abita a Monza, gioca a tennis; colui che ha due figli, non possiede una Honda; Daniele ha più figli di Marco, ma meno di Stefano. 23 Chi dei tre colleghi abita a Lecco? A Stefano B Daniele C Marco D Nessuno dei tre E Non si può stabilire 8 Prova area economica Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

9 24 25 Chi dei tre colleghi possiede una Honda? A Daniele B Stefano C Marco D Nessuno E Non si può stabilire Quale delle seguenti affermazioni è falsa? A Daniele abita a Lecco e ha una Honda B Marco, Stefano e Daniele hanno un figlio ciascuno C Daniele gioca a basket e ha un figlio D Marco abita a Monza e non ha figli E Stefano possiede una Yamaha e ha due figli PROVA AREA ECONOMICA 26 A Biagi B Raffaello C Kafka D Svevo E Ariosto 27 A viola B rosa C ciclamino D petunia E azzurro 28 A limone B mirtillo C arancia D pompelmo E mandarino 29 A televisione B macchina Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Prova area economica 9

10 PROVA AREA ECONOMICA C lampada D radio E matita A sì B di C su D da E in A A.C.I. B U.S.L. C A.N.A.S. D B.N.L. E C.R.C.R.I. A marabù B otarda C stolone D simnoto E kiwi A Colombo B 1492 C Sant Andrea D Pinta E Indiani A Inter B Juventus C Sampdoria D Genova E Lazio A Roosevelt B Reagan C Bush D Churchill E Kennedy 10 Prova area economica Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

11 Sezione di Matematica Un numero naturale è divisibile per 5 se: A l ultima cifra del numero è un 5 B la somma delle sue cifre è dispari C l ultima cifra del numero è uno 0 oppure un 5 D la somma delle sue cifre è divisibile per 5 E la somma delle sue cifre è divisibile per 10 In un triangolo rettangolo i cateti misurano 11 cm e 22 cm. Quanto misura l ipotenusa? A B C D E 5 11 cm 11 5 cm 22 cm 33 cm 27 cm PROVA AREA ECONOMICA Individuare il valore di x che rende esatta la proporzione 2 : 11 = 16 : x A 66 B 44 C 22 D 88 E 176 In un gruppo di 96 persone si trovano 72 laureati. Quale percentuale di persone del gruppo è costituita da non laureati? A 20% B 15% C 75% D 30% E 25% Determinare i valori di k che verificano la disequazione: k k A k 3 B k 6 C k 3 D k 6 E k 6 41 Qual è il risultato della disequazione (x + 3)(x 3) < 0? A x < 9 B x < 3; x > 3 C 3 < x < 3 D x < 3 E x < 3 Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Prova area economica 11

12 PROVA AREA ECONOMICA 42 Quanti punti di intersezione possono avere una retta e una circonferenza, come minimo e come massimo rispettivamente? A 0 e 4 B 2 e 4 C 1 e 2 D 0 e 1 E 0 e 2 43 Posto a > 0 e diverso da 1, quanto vale log a a? A 1 B 0 C a D Non è definito E Nessuna delle altre alternative è corretta Data l equazione generica di secondo grado ax 2 + bx + c = 0, quale condizione deve essere verificata affinché essa abbia due soluzioni reali e distinte? A a + b + c > 0 B a 2 + b 2 + c 2 > 2 C a b c > 1 D b 2 4ac > 0 E a/b > 0 Quale delle seguenti terne di numeri può rappresentare la lunghezza dei lati di un triangolo rettangolo isoscele? A 5, 5, 5 B 3, 3, 3 3 C 1, 1, 2 D 7, 7, 14 E 2, 2. 4 La frazione algebrica 1/(x 8 4x 6 + 6x 4 4x 2 + 1) è definita per: A x ±2 B x ±4 C x = ±1 D x 0 E x ±1 Quanto vale il volume di un cubo il cui spigolo misura 5 dm? A 25 dm 3 B 250 dm 3 C 125 dm 3 D 100 dm 3 E 2500 dm 3 12 Prova area economica Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

13 48 49 Il valore del titolo POLYMAR del mercato azionario, inizialmente di euro 12,50, è dapprima cresciuto del 20%, poi ulteriormente cresciuto del 10% e infine diminuito del 30%. Qual è attualmente il valore del titolo? A 12,50 euro B 11,55 euro C 10,99 euro D 13,75 euro E 10,55 euro Razionalizzando il denominatore della frazione 6/(2 + _ 2) si ottiene: A 12 2 B C D E PROVA AREA ECONOMICA 50 Posti x > 0, y > 0 e z > 0 si conclude che log (16xyz) è uguale a: A xyz + log (16) B 4log (2) + log (x) + log (y) + log (z) C 16log(xyz) D 2log (4) log (x) log (y) log (z) E 4log (2) log (x) log (y) log (z) Sezione di Economia e Diritto BCE è l acronimo di: A Banca di Credito Europeo B Banca Centrale Europea C Borsa Centrale Europea D Banca Commerciale Europea E Banca del Commercio Estero Il tasso ufficiale di riferimento registrato nell area Euro nel mese di luglio 2007 è pari al: A 1% B 2% C 4% D 5% E 6,5% Secondo i dati presentati dal ministero dell Economia e delle Finanze, nel primo trimestre del 2007, rispetto allo stesso periodo del 2006, la crescita del prodotto interno lordo è stata pari a: A 0,2% B 2,1% C 3% D 4,4% E 5,1% Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Prova area economica 13

14 PROVA AREA ECONOMICA Nel corso del 2006 si è assistito a due vicende giudiziarie riguardanti due diversi gruppi bancari coinvolti in operazioni di acquisizioni bancarie. Quali tra i seguenti è il Governatore della Banca d Italia che si è dimesso a causa di tali vicende? A Mario Draghi B Antonio Fazio C Carlo Azeglio Ciampi D Lamberto Dini E Mario Monti Quale delle seguenti imposte è calcolata sul reddito prodotto da una persona fisica in un certo anno di riferimento? A IRPEF B IRES C IVA D ICI E Nessuna delle precedenti Secondo i dati ISTAT, nel periodo gennaio-marzo 2007 il valore delle esportazioni italiane, rispetto allo stesso periodo del 2006, ha registrato un aumento del: A 1% B 5% C 13% D 25% E 31% Secondo i dati rilevati nel primo semestre del 2007, il tasso di inflazione tendenziale annuo, per l anno 2007, si assesterà: A intorno allo zero B al di sotto del 2% C al di sopra del 6% D al di sopra del 8% E nessuna delle precedenti Che cosa si intende per indice di borsa S&P/MIB? A L indice delle maggiori azioni del mercato azionario statunitense B L indice delle 30 maggiori azioni del mercato obbligazionario italiano C L indice delle maggiori azioni del mercato obbligazionario italiano D L indice delle azioni del mercato azionario italiano a minore capitalizzazione E L indice delle maggiori azioni del mercato azionario italiano 59 Quale delle seguenti riforme è stata anticipata di un anno a gennaio 2007? A Riforma dei mercati finanziari o riforma Padoa Schioppa B Riforma del sistema previdenziale complementare o riforma Maroni C Riforma della tassazione delle rendite finanziarie o riforma Visco D Riforma dell imposta sul reddito delle società o riforma Tremonti E Riforma della tassazione delle rendite obbligazionarie o riforma Monti 14 Prova area economica Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

15 Quale delle seguenti fusioni ha portato nel primo semestre del 2007 alla creazione del maggior gruppo bancario italiano? A Intesa e Credit Agricole B Capitalia e Unicredit C Credit Agricole e Banca Nazionale del Lavoro D Gruppo Unipol e Banca Popolare Italiana E Gruppo Unipol e Unicredit Quale tra le seguenti affermazioni riguardanti le Blue Chips è corretta? A L acquisto di Blue Chips rappresenta un investimento finanziario ad alto rischio rispetto all acquisto di azioni ordinarie B Si tratta di obbligazioni emesse dal Ministero del Tesoro e il loro nome deriva dal gioco del poker in cui alle fiche di questo colore viene attribuito il valore più alto C Si tratta di un termine comunemente usato in Borsa per designare le società ad alta capitalizzazione, quelle cioè il cui capitale sociale è rappresentato da un cospicuo numero di azioni fruibili sul mercato D Per conoscere l andamento delle Blue Chips, occorre rifarsi all andamento di taluni indici azionari come il NASDAQ E Le Blue Chips sono una realtà esclusivamente italiana In Borsa A maggiore è la capitalizzazione di una società, maggiore è di solito la liquidità di un titolo B.capitalizzazione e liquidità sono due variabili indipendenti C la capitalizzazione fa riferimento al valore di mercato delle azioni di una società, il quale coincide con il suo valore nominale D il benchmark è uno strumento oggettivo atto a valutare la convenienza di un investimento e fa riferimento ad indici azionari elaborati dalle società a maggiore capitalizzazione E il cosiddetto flottante costituisce la parte di azioni di una società normalmente sottratta al libero scambio sul mercato Quale delle seguenti affermazioni sul tasso di interesse è corretta? A Le banche decidono sia i tassi di interessi nominali che quelli reali B Il tasso di interesse passivo è quello che deve pagare un soggetto che prende denaro a prestito da una banca C Le banche decidono solo i tassi di interesse nominali ma non quelli reali D Il tasso di interesse nominale viene ottenuto sottraendo al tasso reale il tasso di inflazione E Il tasso di interesse nominale viene ottenuto sottraendo al tasso reale il tasso di sconto La cosiddetta Moral Suasion A rappresenta una tattica persuasiva messa in atto da talune cariche pubbliche americane al fine di conferire ai meccanismi del mercato una qualche forma di eticità B rappresenta il tentativo di dare all azione del governo una svolta eticamente rilevante C rappresenta una modalità di contrattazione messa in atto dai sindacati nell ambito della normale negoziazione con i rappresentanti degli imprenditori, al fine di ottenere degli adeguamenti salariali PROVA AREA ECONOMICA Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Prova area economica 15

16 PROVA AREA ECONOMICA D rappresenta un atteggiamento messo in atto dai maggiori gruppi bancari al fine di influenzare l andamento del costo del denaro E rappresenta una sorta di tattica utilizzata da talune autorità pubbliche al fine di convincere il mondo finanziario a seguire delle specifiche linee guida I prestiti subprime A sono prestiti concessi a un soggetto meno abbiente che non può accedere ai tassi di interesse di mercato B sono essenzialmente mutui concessi sulla prima casa e si tratta di un fenomeno esclusivamente statunitense che, come tale, non ha ripercussioni in Europa C sono concessi solo a soggetti con una solida storia creditizia alle spalle D contemplano tassi di interesse a livello di mercato E sono fondi pensione riservati a soggetti insolventi La curva di Phillips A rappresenta una relazione di proporzionalità inversa tra tasso di occupazione e tasso di inflazione B rappresenta una relazione di proporzionalità diretta tra tasso di occupazione e tasso di inflazione C rappresenta una relazione di proporzionalità diretta tra tasso di disoccupazione e tasso di crescita del salario monetario D rappresenta una relazione di proporzionalità inversa tra tasso di disoccupazione e tasso di crescita del salario monetario E rappresenta una relazione di proporzionalità inversa tra tasso di disoccupazione e tasso di crescita del salario reale Il disavanzo pubblico A coincide con il debito pubblico B rappresenta un saldo negativo della bilancia dei pagamenti C in Italia è andato sempre diminuendo D coincide con il disavanzo primario E è andato in Italia aumentando progressivamente, in misura maggiore rispetto alla maggior parte dei paesi europei Per bolla speculativa si intende A il reato che si attua quando una persona divulga notizie false al fine di accrescere o diminuire il prezzo della merce o quello dei valori quotati in borsa B l acquisto e la rivendita, di solito in tempi successivi, di attività reali o finanziarie allo scopo di ricavare un utile C la divergenza tra il prezzo raggiunto in borsa da uno o più titoli e quello che gli stessi titoli avrebbero qualora gli operatori agissero solo in base alla conoscenza delle informazioni relative alla solidità patrimoniale dell impresa, alle prospettive di crescita del settore e alla redditività del titolo D il reato compiuto da chi nasconda o accumuli materie prime, generi alimentari di largo consumo o prodotti di prima necessità al fine di renderli difficilmente reperibili o alzarne il prezzo sul mercato E il comportamento messo in atto da chi possiede informazioni riservate relative a un impresa 16 Prova area economica Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

17 69 70 Il deflatore del PIL A.è dato dal prodotto tra PIL nominale e PIL reale B è dato dal rapporto tra PIL reale e PIL nominale C è dato dal rapporto tra PIL nominale e PIL reale D considera solo il PIL a prezzi correnti E considera solo il PIL a prezzi costanti L inflazione A comporta un aumento della quantità di moneta in circolazione B può essere causata dalla domanda aggregata o dai costi C nel breve periodo deprime i profitti D può essere stabilizzata con un aumento forzoso della quantità di moneta E può essere stabilizzata con un maggiore ricorso al credito PROVA AREA ECONOMICA Sezione di Cultura generale Nella frase A parere mio, la migliore mozzarella di bufala si produce a Battipaglia, quale funzione svolge A parere mio? A Complemento di paragone B Complemento di termine C Complemento di limitazione D Complemento di scopo E Complemento di modo L'imputato è assolto per non avere commesso il fatto. In questo periodo la proposizione per non avere commesso il fatto è una subordinata: A consecutiva B causale C oggettiva D finale E temporale Quale delle seguenti frasi contiene una proposizione temporale? A Ci alzammo da tavola che ormai la Luna era alta in cielo, stanchi ma soddisfatti dell'accordoraggiunto B Oggi è un giorno di festa, perciò chiudi i libri perché dobbiamo trascorrere tutto il pomeriggio con gli amici C Mai, in così breve tempo, abbiamo verificato tutte le domande di assunzione, mentre pensavo che avremmo fatto almeno mezzanotte D So che sei esperto in meteorologia, così se farò un viaggio ti interpellerò prima E Nessuna delle precedenti Quale tra i seguenti termini è al singolare? A Ferie B Macerie Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Prova area economica 17

18 PROVA AREA ECONOMICA C Bilance D Falange E Ossa In quale delle seguenti frasi è presente un aggettivo qualificativo di grado positivo? A La mia auto è più veloce di quella del mio vicino B Mario è meno simpatico di Luisa C Il cane di Paolo è il più fedele che abbia mai visto D Questo appartamento è in un quartiere di lusso E È veramente un bel bambino Quale delle seguenti alternative è corretta dal punto di vista grammaticale? A Vorrei mangiare un altra piadina prima di sera B Dopo avere espresso la sua opignone, si allontanò C Raccolta la penna, ripresi a scrivere D Se vedi Simona, dagli questa penna E Oggi piove a cantinelle Nella frase: Dei miei fratelli nessuno ama il campeggio, Dei miei fratelli è un complemento: A di paragone B di causa C partitivo D di specificazione E di termine Individuare fra i seguenti il sinonimo di prorompere : A prorogare B proporre C rompere D scoppiare E prorogare 79 Un contrario di "barlume" è: A abbondanza B bagliore C bagaglio D accenno E oscurità 80 Quale delle seguenti voci è la terza persona singolare del congiuntivo imperfetto attivo del verbo studiare? A Che egli studiasse B Che egli abbia studiato C Che egli studi D Che egli avesse studiato E Nessuna delle precedenti 18 Prova area economica Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

19 NUMERO DOMANDA RISPOSTE A B C D E SCHEDA PER LE RISPOSTE NUMERO DOMANDA RISPOSTE A B C D E NUMERO DOMANDA RISPOSTE A B C D E PROVA AREA ECONOMICA Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Prova area economica 19

AREA ECONOMICA: SOLUZIONI E COMMENTI DELLA PROVA

AREA ECONOMICA: SOLUZIONI E COMMENTI DELLA PROVA Area economica_risposte.qxd 1-03-2010 14:10 Pagina 1 AREA ECONOMICA: SOLUZIONI E COMMENTI DELLA PROVA 1 Risposta: A. Il brano comincia con Negli anni immediatamente successivi alla prima guerra mondiale,

Dettagli

26) Quando è entrato in vigore l euro, la moneta comune europea? A) Il 1 gennaio 1990 B) Il 1 gennaio 2001 C) Il 1 gennaio 1999 D) Il 1 gennaio 1995

26) Quando è entrato in vigore l euro, la moneta comune europea? A) Il 1 gennaio 1990 B) Il 1 gennaio 2001 C) Il 1 gennaio 1999 D) Il 1 gennaio 1995 Questo brano è seguito da alcuni quesiti riguardanti il suo contenuto. Per ciascun quesito, il candidato deve scegliere, tra le alternative proposte, quella che ritiene corretta (una sola è corretta).

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di II grado - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di II grado - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di II grado - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Seconda Spazio per

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 2 Logica delle proposizioni

Dettagli

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet LA CRISI DEL 29 La crisi del 1929 rappresenta un periodo della storia economica del Novecento durante il quale si ridussero su scala mondiale: Produzione Occupazione Redditi Salari Consumi Investimenti

Dettagli

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta:

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta: Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 3 di 7) L inflazione. (di Marco Cavedon, postato l 11-02-2014). Esamineremo in questo capitolo uno dei più perniciosi falsi miti che l ideologia neoclassica

Dettagli

Modello keynesiano: il settore reale

Modello keynesiano: il settore reale Macro 4 Modello keynesiano: il settore reale La macroeconomia keynesiana La macroeconomia si occupa di studiare i meccanismi di determinazione delle grandezze economiche aggregate, così come definite dalla

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

La spesa per investimenti

La spesa per investimenti 14 La spesa per investimenti Problemi teorici 1. Sebbene l economia abbia raggiunto lo stock desiderato di capitale, è comunque necessario effettuare investimenti (lordi) per mantenere lo stock di capitale

Dettagli

Macroeconomia I a parte

Macroeconomia I a parte Macroeconomia I a parte Prof. Ing.. Giovanni Perrone Production Engineering Research WorkGROUP Agenda Perché studiare macroeconomia ; Risparmio ed Investimento; La determinazione del Reddito; # 2 1 Perché

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Debito pubblico, perché no?

Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Paolo Palazzi Come un aumento generalizzato della spesa pubblica finanziata da un aumento del debito pubblico può farci uscire dall'intreccio letale

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Capitolo Quinto: L interesse

Capitolo Quinto: L interesse Capitolo Quinto: L interesse 95 Capitolo Quinto L interesse L interesse può essere definito come il prezzo che si paga per l uso del risparmio altrui: esso viene corrisposto a chi dispone di capitale finanziario

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo La legge del prezzo unico La parità del potere d acquisto (PPP) Un modello sui tassi di cambio di lungo periodo basato sulla PPP Problemi relativi

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Lezione 1 Lezione 1 Economia Politica - Macroeconomia 1 Semplificazioni della macro Il livello di aggregazione è molto più spinto

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 15 marzo 2007 Categoria Student Per studenti di quarta o quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 15 marzo 2007 Categoria Student Per studenti di quarta o quinta della secondaria di secondo grado Testi_07.qxp 6-04-2007 2:07 Pagina 28 Kangourou Italia Gara del 5 marzo 2007 Categoria Student Per studenti di quarta o quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. al N. 0 valgono 3 punti

Dettagli

Dati in milioni di euro.

Dati in milioni di euro. Il debito pubblico è fortemente legato al Signoraggio Bancario, e senza fare complottismo, vediamo di capire se il debito è una truffa o no. Per rendere evidente il fatto che il signoraggio non è un argomento

Dettagli

Fallimenti macroeconomici del mercato

Fallimenti macroeconomici del mercato Fallimenti macroeconomici del mercato Fallimenti macroeconomici del mercato i. Disoccupazione ii. Inflazione iii. Sottosviluppo iv. Squilibri di bilancia dei pagamenti Costituiscono altrettanti fallimenti

Dettagli

INVALSI. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

INVALSI. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca X MATEMATICA_COP_Layout 1 15/03/11 08:51 Pagina 2 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 12 gennaio 2015 1. (*) Spiega in che consiste la procedura di calcolo del deflatore implicito del PIL e se questo è più/meno attendibile di un qualunque deflatore a paniere fisso. 2. (*)

Dettagli

ECONOMIA POLITICA. R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010

ECONOMIA POLITICA. R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010 ECONOMIA POLITICA TESTO R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010 (capp. 2,3,4,5,6,7,8,9,12,13,14,16,17,20,23) introduzione alla

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

a) 1670 b) 2285 c) 4520 d) 1300 b a) 865000 b) 640000 c) 725000 d) 645000 d a) 1 b) 2 c) 3 d) Non è possibile calcolarlo

a) 1670 b) 2285 c) 4520 d) 1300 b a) 865000 b) 640000 c) 725000 d) 645000 d a) 1 b) 2 c) 3 d) Non è possibile calcolarlo RB00001 Una banca offre un interesse sui suoi conti correnti a) 1.5 euro b) 3 euro c) 150 euro d) 300 euro b dello 0.05% annuo in capitalizzazione semplice. Quanto si ottiene di interessi investendo per

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Numeri della crisi Salari, inflazione e produttività: in 15 anni 6.738 euro lasciati al fisco

Numeri della crisi Salari, inflazione e produttività: in 15 anni 6.738 euro lasciati al fisco Numeri della crisi Salari, inflazione e produttività: in 15 anni 6.738 euro lasciati al fisco Nei passati 15 anni i lavoratori dipendenti hanno lasciato al fisco 6.738 euro cumulati di potere d acquisto

Dettagli

PILLOLE DI LOGICA. Piccolo manuale per affrontare gli esercizi di logica delle Olimpiadi di Matematica. Liceo Scientifico A.

PILLOLE DI LOGICA. Piccolo manuale per affrontare gli esercizi di logica delle Olimpiadi di Matematica. Liceo Scientifico A. PILLOLE DI LOGICA Piccolo manuale per affrontare gli esercizi di logica delle Olimpiadi di Matematica Liceo Scientifico A.Righi Cesena Le basi della logica formale La logica formale è un indagine sul ragionare

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6 Rimini, 6 ottobre 2015 Macroeconomia 140 La ripresa dell Italia Il Fondo Monetario internazionale ha alzato le stime

Dettagli

LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA

LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA In un unione monetaria la politica fiscale è il principale strumento a disposizione per affrontare shock asimmetrici ❶ con bilancio pubblico centralizzato: stabilizzatori

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Necessaria una moneta per regolare gli scambi internazionali Convertibilità (oro o moneta-chiave) Esportazioni: ingresso di valute estere Importazioni: uscita di valute estere

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 Art.1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, l Impresa ha costituito

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Esercizi di calcolo combinatorio e probabilità Svolgimento a cura di Mattia Puddu

Esercizi di calcolo combinatorio e probabilità Svolgimento a cura di Mattia Puddu Esercizi di calcolo combinatorio e probabilità Svolgimento a cura di Mattia Puddu 1. Gli interi da 1 a 9 sono scritti nelle 9 caselle di una scacchiera 3x3, ogni intero in ogni casella diversa, in modo

Dettagli

Capitolo 33: Beni Pubblici

Capitolo 33: Beni Pubblici Capitolo 33: Beni Pubblici 33.1: Introduzione In questo capitolo discutiamo le problematiche connesse alla fornitura privata dei beni pubblici, concludendo per l opportunità dell intervento pubblico in

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011)

TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011) TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011) D1. Nella tabella che vedi sono riportati i dati relativi alla distribuzione di alunni e insegnanti nella scuola secondaria di primo grado

Dettagli

IGiochidiArchimede--Soluzionitriennio

IGiochidiArchimede--Soluzionitriennio PROGETTO OLIMPIADI DI MATEMATICA U.M.I. UNIONE MATEMATICA ITALIANA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE SCUOLA NORMALE SUPERIORE IGiochidiArchimede--Soluzionitriennio 18 novembre 2009 Griglia delle risposte

Dettagli

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo. acroeconomia, Esercitazione 2. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi. 1.1 oneta/1 Sapendo che il PIL reale nel 2008 è pari a 50.000 euro e nel 2009 a 60.000 euro, che dal 2008 al

Dettagli

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E).

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E). MATEMATICA 2001 66. Quale fra le seguenti affermazioni è sbagliata? A) Tutte le funzioni ammettono la funzione inversa B) Una funzione dispari è simmetrica rispetto all origine C) Una funzione pari è simmetrica

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale.

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale. DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA PARTE I: I FONDAMENTI DELLA MACRO 1) Dopo aver spiegato la distinzione tra micro e macro economia, lo studente definisca e spieghi il concetto di Prodotto Interno

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

ECONOMIA POLITICA. Modulo 1. Modulo 3. Modulo 4. Modulo 2. Il sistema economico. Il mercato. La moneta, le banche e i titoli di credito

ECONOMIA POLITICA. Modulo 1. Modulo 3. Modulo 4. Modulo 2. Il sistema economico. Il mercato. La moneta, le banche e i titoli di credito Indice IV ECONOMIA POLITICA Il sistema economico Le basi dell economia 1 La scienza economica 3 2 Evoluzione del pensiero economico 4 U.D. 2 Gli elementi del sistema economico 1 Lo scambio 11 2 I beni

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

Richiami di microeconomia

Richiami di microeconomia Capitolo 5 Richiami di microeconomia 5. Le preferenze e l utilità Nell analisi microeconomica si può decidere di descrivere ogni soggetto attraverso una funzione di utilità oppure attraverso le sue preferenze.

Dettagli

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5.1 Il ruolo del mercato finanziario Il ruolo macroeconomico del sistema finanziario è quello di far affluire i fondi risparmiati ai soggetti che li spendono.

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Dopo aver analizzato il mercato dei beni (i.e. i mercati reali) passiamo allo studio dei mercati finanziari. Ricordo che, proprio come nello studio del settore reale (IS), anche

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

La crisi del 29. Il boom degli anni Venti

La crisi del 29. Il boom degli anni Venti Nel primo dopoguerra l'economia degli Stati Uniti ebbe un forte incremento, trainata soprattutto dal settore automobilistico. Infatti, in America dal 1922 al 1929, la produzione industriale aumentò del

Dettagli

Esempio di test di ingresso per i Corsi di Laurea della classe L-31 Scienze e tecnologie informatiche

Esempio di test di ingresso per i Corsi di Laurea della classe L-31 Scienze e tecnologie informatiche Esempio di test di ingresso per i Corsi di Laurea della classe L-31 Scienze e tecnologie informatiche Il tempo a disposizione per la risoluzione dei quesiti è di 90 minuti. Il test si ritiene superato

Dettagli

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione Domande di ripasso 1. In questo capitolo abbiamo esaminato tre modelli della curva di offerta aggregata di

Dettagli

8a+ Investimenti Sgr. Latemar

8a+ Investimenti Sgr. Latemar 8a+ Investimenti Sgr Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Latemar RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Sede Legale: Varese, Piazza Monte Grappa 4 Tel 0332-251411 Telefax 0332-251400 Capitale

Dettagli

Parte 1^ Di Angelo Fiori

Parte 1^ Di Angelo Fiori Relazioni fra tempo e denaro Alcuni concetti, regole ed esempi per cominciare ad orientarsi nelle relazioni fra tempo e denaro, utilizzando anche le funzionalità del foglio di calcolo di microsoft excel

Dettagli

Prestiti per studenti condizionati al reddito: Finanza pericolosa o gioco a somma positiva?

Prestiti per studenti condizionati al reddito: Finanza pericolosa o gioco a somma positiva? Prestiti per studenti condizionati al reddito: Finanza pericolosa o gioco a somma positiva? Andrea Ichino università di bologna Daniele Terlizzese eief e banca d italia 29 febbraio 2012 1 Gli obiettivi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future

Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future Marco Passarella Fine della corsa Fine di un epoca storica, iniziata in occidente dopo la Seconda

Dettagli

UN Po DI TEORIA. Daniela fantozzi fantozzi@istat.it. 18/04/2009 Esercitazione 1 Economia Politica - Terracina

UN Po DI TEORIA. Daniela fantozzi fantozzi@istat.it. 18/04/2009 Esercitazione 1 Economia Politica - Terracina UN Po DI TEORIA Daniela fantozzi fantozzi@istat.it 1 Il Prodotto interno lordo (PIL) misura la produzione finale di beni e servizi, prodotta nell anno su un determinato territorio Il PIL è definito ai

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009 Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 009 A.A. 008-009 Agenda 1. Introduzione ai concetti di rendimento e rischio. Il rendimento delle obbligazioni

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

BILANCI DELLE FAMIGLIE

BILANCI DELLE FAMIGLIE Il bilancio della famiglia Marzo 2010 BILANCI DELLE FAMIGLIE Marzo 2010 Introduzione Lo studio pone l accento sull analisi dei bilanci delle famiglie negli ultimi anni, che sono prese come fulcro e che

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 18 Le crisi valutarie Hill, cap. 11, molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

Massimo A. De Francesco Dipartimento di Economia politica e statistica, Università di 1 Siena Introduzione

Massimo A. De Francesco Dipartimento di Economia politica e statistica, Università di 1 Siena Introduzione Valore dell impresa e decisioni di investimento. Irrilevanza della struttura patrimoniale in condizioni di certezza (prima versione, aprile 2013; versione aggiornata, aprile 2014) Massimo A. De Francesco

Dettagli

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO Giuseppe Maria Pignataro * Nei programmi del governo (Legge di Stabilità e DEF), per fare scendere il debito

Dettagli

Banca Veneta 1896 Credito Cooperativo delle province di Verona e Rovigo

Banca Veneta 1896 Credito Cooperativo delle province di Verona e Rovigo ALLEGATO 2C - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI STEP UP/STEP DOWN Banca Veneta 1896 Credito Cooperativo delle province di Verona e Rovigo Sede sociale: Largo Don Quirino Maestrello, 12 Carpi

Dettagli

La Tigre Celtica dagli artigli spuntati continua a ruggire

La Tigre Celtica dagli artigli spuntati continua a ruggire La Tigre Celtica dagli artigli spuntati continua a ruggire Lo strano caso della ripresa economica irlandese 27/04/2014 Centro di Sviluppo Politico e Sociale CSPS Relatore: Presidente del CSPS, Dott. Diego

Dettagli

CAP 11 LA GRANDE CRISI

CAP 11 LA GRANDE CRISI CAP 11 LA GRANDE CRISI Alcuni richiami teorici Alla fine degli anni Venti si sviluppa nei paesi capitalistici occidentali una crisi di proporzioni mai viste rispetto alla quale esistono tre scuole di pensiero

Dettagli

Sapienza, Università di Roma. Ingegneria, Scienze M. F.N., Scienze Statistiche 11 settembre 2009

Sapienza, Università di Roma. Ingegneria, Scienze M. F.N., Scienze Statistiche 11 settembre 2009 Sapienza, Università di Roma Facoltà di Ingegneria, Scienze M. F.N., Scienze Statistiche 11 settembre 009 1. È data una sequenza di n numeri dispari consecutivi. etto M il maggiore della sequenza ed m

Dettagli

Introdurre la materia macroeconomica 1 CAPITOLO 1 - Variabili macroeconomiche. Contabilità nazionale ed equilibrio tra risparmio e investimento

Introdurre la materia macroeconomica 1 CAPITOLO 1 - Variabili macroeconomiche. Contabilità nazionale ed equilibrio tra risparmio e investimento INDICE XVII 1 2 4 5 Introdurre la materia macroeconomica 1 CAPITOLO 1 - Variabili macroeconomiche. Contabilità nazionale ed equilibrio tra risparmio e investimento 1.1 1.2 1.3 1.4 L'oggetto della macroeconomia

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 16 marzo 2015 S.A.F.

Dettagli

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO 80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO INTERVENTO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA DOTT. ANTONIO FAZIO Sommario 1. La congiuntura internazionale 1 2. La condizione dei mercati finanziari 3 3. La congiuntura

Dettagli

ESAME DI STATO PROVA NAZIONALE. Prova di Matematica Scuola Secondaria di primo grado. Classe Terza. Fascicolo 5. Anno Scolastico 2013 2014

ESAME DI STATO PROVA NAZIONALE. Prova di Matematica Scuola Secondaria di primo grado. Classe Terza. Fascicolo 5. Anno Scolastico 2013 2014 ESAME DI STATO Anno Scolastico 2013 2014 Prova di Matematica - Fascicolo 5 PROVA NAZIONALE Prova di Matematica Scuola Secondaria di primo grado Classe Terza Fascicolo 5 ISTRUZIONI Troverai nel fascicolo

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Banca Veneta 1896 Credito Cooperativo delle province di Verona e Rovigo

Banca Veneta 1896 Credito Cooperativo delle province di Verona e Rovigo ALLEGATO 2C - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI STEP UP/STEP DOWN Banca Veneta 1896 Credito Cooperativo delle province di Verona e Rovigo Sede sociale: Largo Don Quirino Maestrello, 12 Carpi

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione 1 PROBLEMI DI SCELTA Problemi di Scelta Campo di Scelta Funzione Obiettivo Modello Matematico Scelte in condizioni di Certezza Scelte in condizioni di Incertezza Effetti Immediati Effetti Differiti Effetti

Dettagli

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta Capitolo VI. Il modello IS-LM in economia aperta 1. I mercati dei beni in economia aperta Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni

Dettagli