PASSA IL TEST CON HOEPLI TEST PROVA DI AMMISSIONE PER I CORSI DI LAUREA A NUMERO CHIUSO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PASSA IL TEST CON HOEPLI TEST PROVA DI AMMISSIONE PER I CORSI DI LAUREA A NUMERO CHIUSO"

Transcript

1 PASSA IL TEST CON HOEPLI TEST PROVA DI AMMISSIONE PER I CORSI DI LAUREA A NUMERO CHIUSO AREA ECONOMICA EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO

2 PROVA AREA ECONOMICA PROVA AREA ECONOMICA SEZIONI DELLA PROVA Comprensione brani Logica Matematica Economia e Diritto Cultura generale SCHEDA PER LE RISPOSTE 2 Prova area economica Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

3 PROVA AREA ECONOMICA Sezione di Comprensione brani Leggere il brano seguente e rispondere alle domande da 1 a 5. Negli anni immediatamente successivi alla prima guerra mondiale, la Germania conobbe una grave crisi economica, dovuta in particolar modo alla pesante eredità del conflitto. I debiti di guerra risultarono essere ingentissimi e i vincitori, sebbene ne avessero tutto il diritto, presentarono una lista di richieste assolutamente impossibile da soddisfare per un Paese quasi allo stremo. L inflazione prese rapidamente a galoppare, raggiungendo livelli vertiginosi, tanto che nel novembre 1923 il cambio dollaro/marco era di 1 contro Il futuro non prometteva nulla di buono poiché, sempre a causa della sconfitta, la Germania aveva perso l intera flotta mercantile, i pescherecci d alto mare, il 25% della propria produzione di carbone e il 75% della produzione di minerali ferrosi. Nonostante questa pesante eredità, a partire dal 1923 si riuscì a stabilizzare la quotazione della moneta e la qualificata manodopera tedesca poté nuovamente iniziare a produrre con profitto, tanto che, nel giro di sei anni, venne ricostituita la flotta mercantile e intrapreso un piano di riassetto urbanistico che fece scuola nel mondo. Le ragioni della svolta del 1923 sono forse soprattutto di ordine psicologico: quando l inflazione raggiunse livelli praticamente fantascientifici, il pensiero dominante nelle coscienze tedesche divenne quello di considerare che le cose, peggio di così, non potevano andare e che tanto valeva, quindi, tentare di risollevare la situazione con i mezzi a disposizione. Vennero introdotti nuovi macchinari e nuovi metodi di lavoro; vennero investiti i capitali esteri, soprattutto statunitensi, che affluirono nuovamente nel Paese e l economia conobbe uno slancio poderoso, ma fragile. Fragile perché le risorse impiegate nel periodo del Wirtschaftswunder, il miracolo economico, erano pressoché interamente derivanti da prestiti stranieri a breve termine e come tali portavano dentro di loro quegli elementi di incertezza e instabilità, che non tardarono a produrre effetti. PROVA AREA ECONOMICA 1 2 Considerando quanto riportato nel brano, si può affermare che: A il primo capoverso tratta sinteticamente della condizione economica tedesca relativa al periodo B il secondo capoverso tratta della condizione politica tedesca nel periodo C il primo capoverso pone delle domande per le quali il secondo capoverso suggerisce delle possibili risposte D il secondo capoverso approfondisce e spiega i dati riportati nel primo capoverso E nessuna delle precedenti Stando a quanto espresso nel brano, individuare l affermazione che NON può essere dedotta dal testo. A B C All inizio degli anni 20, in Germania, l inflazione era già in continua ascesa La Germania alla fine della guerra era, dal punto di vista economico, in gravissime condizioni che furono ulteriormente aggravate dalla richiesta di ingenti danni di guerra da parte delle potenze vincitrici Nel 1923, per avere un dollaro un tedesco avrebbe dovuto pagare più di quattro milioni di marchi Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Prova area economica 3

4 PROVA AREA ECONOMICA D E La Germania, alla fine della guerra, si oppose senza successo alla richiesta da parte delle potenze vincitrici di danni di guerra tanto ingenti Nessuna delle precedenti Sulla base di quanto riferito nel brano, si può affermare che: A nel 1929 esisteva una flotta mercantile tedesca B nel 1923 esisteva una flotta mercantile tedesca C nel 1918 la produzione di carbone in Germania era pari al 25% di prima della guerra D all inizio del 1923 in Germania si toccò il culmine dell inflazione E nessuna delle precedenti In base a quanto scritto nel brano, quale tra le seguenti può essere individuata come condizione favorevole all avvio della ripresa economica della Germania? A Il riconoscimento di prestiti a breve termine da parte di Paesi stranieri B La ricostruzione di una flotta mercantile C L arresto del processo inflazionistico D L elaborazione e la realizzazione di un piano di riassetto urbanistico E Nessuna delle precedenti Secondo quanto scritto nel brano, il Wirtschaftswunder si può definire come: A la somma dei debiti di guerra che gravavano sulla Germania nel 1923 B l inizio del progressivo imporsi della Germania come potenza economica europea C il fattore psicologico che rese possibile la ripresa economica tedesca dal 1923 D un momento di ripresa economica, significativo ma non persistente E nessuna delle precedenti Leggere il brano seguente e rispondere alle domande da 6 a 10. Il tema dell equità e dell efficienza è tornato in questi anni a occupare l attenzione degli economisti. Era dagli anni Cinquanta, quando il dibattito fu introdotto nel contesto di una precisa rassegna critica delle diverse dottrine economiche da Kaldor e successivamente in un contesto empirico da Kutznets, che non si assisteva a una simile mole di lavori teorici ed empirici. Scopo di questo saggio è di riesaminare criticamente questi nuovi lavori, cercando di evidenziarne i limiti e gli elementi in comune, per poi proporre una teoria più generale che permetta di inquadrare con precisione la problematica tra equità ed efficienza. Il legame tra equità (intesa come redistribuzione volta a ridurre le disuguaglianze di reddito o ricchezza) ed efficienza (intesa come massima produzione ottenibile date le risorse a disposizione) è un tema di grande rilevanza nella teoria economica che viene oggi ad assumere un ancor più forte significato. Il capitalismo e l economia di mercato hanno forse vinto la sfida storica nei confronti dell economia pianificata e del socialismo reale, ma ciò non significa affatto l azzeramento del problema equità-efficienza. Al contrario, questo diventa il tema cruciale di tutte le moderne società industriali. Infatti, la domanda vera posta da molte parti è: quale capitalismo? Al di là delle varie formule, modelli, radici storiche, si tratta ancora una volta di combinare e coniugare la difficile equazione efficienza economica/giustizia sociale. Questo è ovviamente il tema portante che deve essere fronteggiato nelle politiche di privatizzazione e di rifondazione dei sistemi di welfare state introdotti nei vari Paesi industriali. Va infatti subito rilevato che l approccio tradizionale pone l obiettivo dell equità in netta contrapposizione con quello dell efficienza. Scopo di questo saggio è invece quello di investigare le condizioni storico-istituzionali interagenti con quelle tecnologiche, nelle quali si determina inve- 4 Prova area economica Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

5 ce una relazione sinergica che, attraverso una più equa distribuzione del reddito, determina migliori condizioni di sviluppo. 6 7 Sulla base del brano, individuare l affermazione corretta. A Solo dopo il 1950 ci si cominciò a interessare al tema dell equità e dell efficienza B Il brano è stato scritto prima del 1950 C Fino al 1950 nessuno si era interessato al tema dell equità e dell efficienza D Kaldor era uno studioso di dottrine economiche attivo intorno al 1950 E nessuna delle precedenti Secondo l autore del brano, equità ed efficienza: A si implicano reciprocamente e necessariamente B sono incompatibili C dovrebbero essere tra loro legate D coincidono E nessuna delle precedenti PROVA AREA ECONOMICA 8 9 Secondo quanto scritto nel brano, si può definire l equità come: A economia pianificata B l azione economica che mira alla massimizzazione della produzione per unità di reddito C efficienza economica D l azione economica che tende alla redistribuzione del reddito E nessuna delle precedenti Secondo il brano, affermare che un equa distribuzione del reddito determina migliori condizioni di sviluppo : A è una contraddizione logica B è un utopia, poiché l approccio tradizionale ha dimostrato che si tratta di due opzioni contrapposte C è possibile relativamente a certe condizioni D è una realtà E nessuna delle precedenti 10 Sulla base di quanto detto nel brano, completare correttamente la seguente proporzione. Capitalismo : X come Y : economica pianificata A X = efficienza; Y = economia di mercato B X = equità; Y = efficienza C X = equità; Y = socialismo reale D X = socialismo reale; Y = equità E X = economia di mercato; Y = socialismo reale Sezione di Logica 11 Due imbianchini devono tinteggiare le pareti di un appartamento per 300 metri quadrati totali di superficie. Si sa che il primo dei due, lavorando singolarmente, impiega 1 ora per tinteggiare 10 metri quadrati, mentre il secondo, lavorando singolarmente, impiega 1 ora per tinteggiare 15 Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Prova area economica 5

6 PROVA AREA ECONOMICA metri quadrati. In quanto tempo i due imbianchini tinteggeranno le pareti dell appartamento lavorando insieme? A 15 ore B 10 ore C 20 ore D 12 ore E 16 ore In una scuola di Brescia gli studenti studiano il tedesco, lo spagnolo o entrambe le lingue. Sapendo che il 75% di loro studia il tedesco e il 60% studia lo spagnolo, qual è la percentuale di studenti della scuola che studia entrambe le lingue? A 25% B 35% C 15% D 60% E 72% Lanciando contemporaneamente due dadi non truccati, con facce numerate da 1 a 6, qual è il numero più probabile che si può ottenere come somma dei risultati? A 2 B 6 C 8 D 12 E 7 Maurizio ama la caccia. Chi abita in campagna ama la caccia. Giuseppe abita in campagna. Se le affermazioni precedenti sono vere, quale delle seguenti è necessariamente vera? A Chi ama la caccia abita in campagna B Maurizio abita in campagna C Giuseppe ama la caccia D Chi non abita in campagna ama la pesca E Maurizio non abita in campagna In base all'informazione "tutti gli atleti sono forti", quale delle seguenti affermazioni è necessariamente vera? A È possibile che vi sia almeno un atleta debole B Tutte le persone forti sono atleti C È impossibile negare che tutti gli atleti sono deboli D Non esistono atleti deboli E Nessuna persona forte è un atleta Individuare l alternativa che completa correttamente la seguente proporzione tra parole. Temperatura : termometro = umidità : Y A Y = umidometro B Y = barometro 6 Prova area economica Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

7 17 C D E Y = igrometro Y = sismometro Y = metronomo Individuare l alternativa che completa correttamente la seguente proporzione tra parole. Louvre : X = La Fenice : Y A B C D E X = Parigi; Y = Napoli X = museo; Y = teatro X = Codice da Vinci; Y = Angeli e demoni X = Vincent Van Gogh ; Y = Alberto Sordi X = biblioteca; Y = museo Per ciascuno degli esercizi individuare il diagramma che soddisfa la relazione insiemistica esistente tra i tre termini dati. PROVA AREA ECONOMICA DIAGRAMMA 1 DIAGRAMMA 2 DIAGRAMMA 3 DIAGRAMMA 4 DIAGRAMMA 5 DIAGRAMMA Felini, animali domestici, elefanti A Diagramma 5 B Diagramma 1 C Diagramma 3 D Diagramma 2 E Diagramma 6 Persone alte, Attori, Diplomati A Diagramma 5 B Diagramma 3 C Diagramma 4 D Diagramma 6 E Diagramma 1 Svedesi, norvegesi, insegnanti A Diagramma 5 B Diagramma 4 C Diagramma 1 D Diagramma 3 E Diagramma 2 Da un questionario anonimo somministrato a 50 dirigenti e 2500 impiegati di un azienda sono emersi i risultati raccolti nella seguente tabella (NB: tutti hanno dato una sola risposta a ciascuna domanda). Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Prova area economica 7

8 PROVA AREA ECONOMICA Domanda Risposte Dirigenti Impiegati Consideri il tuo stipendio adeguato? Consideri gli incentivi adeguati? Molto 35% 15% Sufficientemente 45% 50% Poco 15% 30% Per niente 5% 5% TOTALE 100% 100% Sì 70% 25% No 30% 75% TOTALE 100% 100% Quanti sono gli impiegati che considerano gli incentivi adeguati? A 750 B 500 C 625 D 825 E Se e solo se ho schiacciato un pisolino, riprendo le forze. In base alla precedente informazione, quale delle seguenti affermazioni è certamente vera? A Se riprendo forze significa che ho schiacciato un pisolino B Quando riprendo forze non è detto che io abbia schiacciato un pisolino C A volte riprendo forze D A volte, anche se ho schiacciato un pisolino, non riprendo forze E Nessuna delle precedenti risposte è corretta Leggere il testo del seguente problema e rispondere alle domande da 23 a 25. Tre colleghi di lavoro (Marco, Stefano e Daniele) abitano in tre città diverse (Lecco, Monza e Bergamo), praticano tre sport diversi (tennis, basket e nuoto), possiedono tre moto di marca diversa (Ducati, Yamaha e Honda) e hanno in totale tre figli. Si sa che: Marco possiede una Ducati; Stefano abita a Bergamo; Daniele gioca a basket; colui che abita a Monza, gioca a tennis; colui che ha due figli, non possiede una Honda; Daniele ha più figli di Marco, ma meno di Stefano. 23 Chi dei tre colleghi abita a Lecco? A Stefano B Daniele C Marco D Nessuno dei tre E Non si può stabilire 8 Prova area economica Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

9 24 25 Chi dei tre colleghi possiede una Honda? A Daniele B Stefano C Marco D Nessuno E Non si può stabilire Quale delle seguenti affermazioni è falsa? A Daniele abita a Lecco e ha una Honda B Marco, Stefano e Daniele hanno un figlio ciascuno C Daniele gioca a basket e ha un figlio D Marco abita a Monza e non ha figli E Stefano possiede una Yamaha e ha due figli PROVA AREA ECONOMICA 26 A Biagi B Raffaello C Kafka D Svevo E Ariosto 27 A viola B rosa C ciclamino D petunia E azzurro 28 A limone B mirtillo C arancia D pompelmo E mandarino 29 A televisione B macchina Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Prova area economica 9

10 PROVA AREA ECONOMICA C lampada D radio E matita A sì B di C su D da E in A A.C.I. B U.S.L. C A.N.A.S. D B.N.L. E C.R.C.R.I. A marabù B otarda C stolone D simnoto E kiwi A Colombo B 1492 C Sant Andrea D Pinta E Indiani A Inter B Juventus C Sampdoria D Genova E Lazio A Roosevelt B Reagan C Bush D Churchill E Kennedy 10 Prova area economica Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

11 Sezione di Matematica Un numero naturale è divisibile per 5 se: A l ultima cifra del numero è un 5 B la somma delle sue cifre è dispari C l ultima cifra del numero è uno 0 oppure un 5 D la somma delle sue cifre è divisibile per 5 E la somma delle sue cifre è divisibile per 10 In un triangolo rettangolo i cateti misurano 11 cm e 22 cm. Quanto misura l ipotenusa? A B C D E 5 11 cm 11 5 cm 22 cm 33 cm 27 cm PROVA AREA ECONOMICA Individuare il valore di x che rende esatta la proporzione 2 : 11 = 16 : x A 66 B 44 C 22 D 88 E 176 In un gruppo di 96 persone si trovano 72 laureati. Quale percentuale di persone del gruppo è costituita da non laureati? A 20% B 15% C 75% D 30% E 25% Determinare i valori di k che verificano la disequazione: k k A k 3 B k 6 C k 3 D k 6 E k 6 41 Qual è il risultato della disequazione (x + 3)(x 3) < 0? A x < 9 B x < 3; x > 3 C 3 < x < 3 D x < 3 E x < 3 Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Prova area economica 11

12 PROVA AREA ECONOMICA 42 Quanti punti di intersezione possono avere una retta e una circonferenza, come minimo e come massimo rispettivamente? A 0 e 4 B 2 e 4 C 1 e 2 D 0 e 1 E 0 e 2 43 Posto a > 0 e diverso da 1, quanto vale log a a? A 1 B 0 C a D Non è definito E Nessuna delle altre alternative è corretta Data l equazione generica di secondo grado ax 2 + bx + c = 0, quale condizione deve essere verificata affinché essa abbia due soluzioni reali e distinte? A a + b + c > 0 B a 2 + b 2 + c 2 > 2 C a b c > 1 D b 2 4ac > 0 E a/b > 0 Quale delle seguenti terne di numeri può rappresentare la lunghezza dei lati di un triangolo rettangolo isoscele? A 5, 5, 5 B 3, 3, 3 3 C 1, 1, 2 D 7, 7, 14 E 2, 2. 4 La frazione algebrica 1/(x 8 4x 6 + 6x 4 4x 2 + 1) è definita per: A x ±2 B x ±4 C x = ±1 D x 0 E x ±1 Quanto vale il volume di un cubo il cui spigolo misura 5 dm? A 25 dm 3 B 250 dm 3 C 125 dm 3 D 100 dm 3 E 2500 dm 3 12 Prova area economica Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

13 48 49 Il valore del titolo POLYMAR del mercato azionario, inizialmente di euro 12,50, è dapprima cresciuto del 20%, poi ulteriormente cresciuto del 10% e infine diminuito del 30%. Qual è attualmente il valore del titolo? A 12,50 euro B 11,55 euro C 10,99 euro D 13,75 euro E 10,55 euro Razionalizzando il denominatore della frazione 6/(2 + _ 2) si ottiene: A 12 2 B C D E PROVA AREA ECONOMICA 50 Posti x > 0, y > 0 e z > 0 si conclude che log (16xyz) è uguale a: A xyz + log (16) B 4log (2) + log (x) + log (y) + log (z) C 16log(xyz) D 2log (4) log (x) log (y) log (z) E 4log (2) log (x) log (y) log (z) Sezione di Economia e Diritto BCE è l acronimo di: A Banca di Credito Europeo B Banca Centrale Europea C Borsa Centrale Europea D Banca Commerciale Europea E Banca del Commercio Estero Il tasso ufficiale di riferimento registrato nell area Euro nel mese di luglio 2007 è pari al: A 1% B 2% C 4% D 5% E 6,5% Secondo i dati presentati dal ministero dell Economia e delle Finanze, nel primo trimestre del 2007, rispetto allo stesso periodo del 2006, la crescita del prodotto interno lordo è stata pari a: A 0,2% B 2,1% C 3% D 4,4% E 5,1% Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Prova area economica 13

14 PROVA AREA ECONOMICA Nel corso del 2006 si è assistito a due vicende giudiziarie riguardanti due diversi gruppi bancari coinvolti in operazioni di acquisizioni bancarie. Quali tra i seguenti è il Governatore della Banca d Italia che si è dimesso a causa di tali vicende? A Mario Draghi B Antonio Fazio C Carlo Azeglio Ciampi D Lamberto Dini E Mario Monti Quale delle seguenti imposte è calcolata sul reddito prodotto da una persona fisica in un certo anno di riferimento? A IRPEF B IRES C IVA D ICI E Nessuna delle precedenti Secondo i dati ISTAT, nel periodo gennaio-marzo 2007 il valore delle esportazioni italiane, rispetto allo stesso periodo del 2006, ha registrato un aumento del: A 1% B 5% C 13% D 25% E 31% Secondo i dati rilevati nel primo semestre del 2007, il tasso di inflazione tendenziale annuo, per l anno 2007, si assesterà: A intorno allo zero B al di sotto del 2% C al di sopra del 6% D al di sopra del 8% E nessuna delle precedenti Che cosa si intende per indice di borsa S&P/MIB? A L indice delle maggiori azioni del mercato azionario statunitense B L indice delle 30 maggiori azioni del mercato obbligazionario italiano C L indice delle maggiori azioni del mercato obbligazionario italiano D L indice delle azioni del mercato azionario italiano a minore capitalizzazione E L indice delle maggiori azioni del mercato azionario italiano 59 Quale delle seguenti riforme è stata anticipata di un anno a gennaio 2007? A Riforma dei mercati finanziari o riforma Padoa Schioppa B Riforma del sistema previdenziale complementare o riforma Maroni C Riforma della tassazione delle rendite finanziarie o riforma Visco D Riforma dell imposta sul reddito delle società o riforma Tremonti E Riforma della tassazione delle rendite obbligazionarie o riforma Monti 14 Prova area economica Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

15 Quale delle seguenti fusioni ha portato nel primo semestre del 2007 alla creazione del maggior gruppo bancario italiano? A Intesa e Credit Agricole B Capitalia e Unicredit C Credit Agricole e Banca Nazionale del Lavoro D Gruppo Unipol e Banca Popolare Italiana E Gruppo Unipol e Unicredit Quale tra le seguenti affermazioni riguardanti le Blue Chips è corretta? A L acquisto di Blue Chips rappresenta un investimento finanziario ad alto rischio rispetto all acquisto di azioni ordinarie B Si tratta di obbligazioni emesse dal Ministero del Tesoro e il loro nome deriva dal gioco del poker in cui alle fiche di questo colore viene attribuito il valore più alto C Si tratta di un termine comunemente usato in Borsa per designare le società ad alta capitalizzazione, quelle cioè il cui capitale sociale è rappresentato da un cospicuo numero di azioni fruibili sul mercato D Per conoscere l andamento delle Blue Chips, occorre rifarsi all andamento di taluni indici azionari come il NASDAQ E Le Blue Chips sono una realtà esclusivamente italiana In Borsa A maggiore è la capitalizzazione di una società, maggiore è di solito la liquidità di un titolo B.capitalizzazione e liquidità sono due variabili indipendenti C la capitalizzazione fa riferimento al valore di mercato delle azioni di una società, il quale coincide con il suo valore nominale D il benchmark è uno strumento oggettivo atto a valutare la convenienza di un investimento e fa riferimento ad indici azionari elaborati dalle società a maggiore capitalizzazione E il cosiddetto flottante costituisce la parte di azioni di una società normalmente sottratta al libero scambio sul mercato Quale delle seguenti affermazioni sul tasso di interesse è corretta? A Le banche decidono sia i tassi di interessi nominali che quelli reali B Il tasso di interesse passivo è quello che deve pagare un soggetto che prende denaro a prestito da una banca C Le banche decidono solo i tassi di interesse nominali ma non quelli reali D Il tasso di interesse nominale viene ottenuto sottraendo al tasso reale il tasso di inflazione E Il tasso di interesse nominale viene ottenuto sottraendo al tasso reale il tasso di sconto La cosiddetta Moral Suasion A rappresenta una tattica persuasiva messa in atto da talune cariche pubbliche americane al fine di conferire ai meccanismi del mercato una qualche forma di eticità B rappresenta il tentativo di dare all azione del governo una svolta eticamente rilevante C rappresenta una modalità di contrattazione messa in atto dai sindacati nell ambito della normale negoziazione con i rappresentanti degli imprenditori, al fine di ottenere degli adeguamenti salariali PROVA AREA ECONOMICA Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Prova area economica 15

16 PROVA AREA ECONOMICA D rappresenta un atteggiamento messo in atto dai maggiori gruppi bancari al fine di influenzare l andamento del costo del denaro E rappresenta una sorta di tattica utilizzata da talune autorità pubbliche al fine di convincere il mondo finanziario a seguire delle specifiche linee guida I prestiti subprime A sono prestiti concessi a un soggetto meno abbiente che non può accedere ai tassi di interesse di mercato B sono essenzialmente mutui concessi sulla prima casa e si tratta di un fenomeno esclusivamente statunitense che, come tale, non ha ripercussioni in Europa C sono concessi solo a soggetti con una solida storia creditizia alle spalle D contemplano tassi di interesse a livello di mercato E sono fondi pensione riservati a soggetti insolventi La curva di Phillips A rappresenta una relazione di proporzionalità inversa tra tasso di occupazione e tasso di inflazione B rappresenta una relazione di proporzionalità diretta tra tasso di occupazione e tasso di inflazione C rappresenta una relazione di proporzionalità diretta tra tasso di disoccupazione e tasso di crescita del salario monetario D rappresenta una relazione di proporzionalità inversa tra tasso di disoccupazione e tasso di crescita del salario monetario E rappresenta una relazione di proporzionalità inversa tra tasso di disoccupazione e tasso di crescita del salario reale Il disavanzo pubblico A coincide con il debito pubblico B rappresenta un saldo negativo della bilancia dei pagamenti C in Italia è andato sempre diminuendo D coincide con il disavanzo primario E è andato in Italia aumentando progressivamente, in misura maggiore rispetto alla maggior parte dei paesi europei Per bolla speculativa si intende A il reato che si attua quando una persona divulga notizie false al fine di accrescere o diminuire il prezzo della merce o quello dei valori quotati in borsa B l acquisto e la rivendita, di solito in tempi successivi, di attività reali o finanziarie allo scopo di ricavare un utile C la divergenza tra il prezzo raggiunto in borsa da uno o più titoli e quello che gli stessi titoli avrebbero qualora gli operatori agissero solo in base alla conoscenza delle informazioni relative alla solidità patrimoniale dell impresa, alle prospettive di crescita del settore e alla redditività del titolo D il reato compiuto da chi nasconda o accumuli materie prime, generi alimentari di largo consumo o prodotti di prima necessità al fine di renderli difficilmente reperibili o alzarne il prezzo sul mercato E il comportamento messo in atto da chi possiede informazioni riservate relative a un impresa 16 Prova area economica Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

17 69 70 Il deflatore del PIL A.è dato dal prodotto tra PIL nominale e PIL reale B è dato dal rapporto tra PIL reale e PIL nominale C è dato dal rapporto tra PIL nominale e PIL reale D considera solo il PIL a prezzi correnti E considera solo il PIL a prezzi costanti L inflazione A comporta un aumento della quantità di moneta in circolazione B può essere causata dalla domanda aggregata o dai costi C nel breve periodo deprime i profitti D può essere stabilizzata con un aumento forzoso della quantità di moneta E può essere stabilizzata con un maggiore ricorso al credito PROVA AREA ECONOMICA Sezione di Cultura generale Nella frase A parere mio, la migliore mozzarella di bufala si produce a Battipaglia, quale funzione svolge A parere mio? A Complemento di paragone B Complemento di termine C Complemento di limitazione D Complemento di scopo E Complemento di modo L'imputato è assolto per non avere commesso il fatto. In questo periodo la proposizione per non avere commesso il fatto è una subordinata: A consecutiva B causale C oggettiva D finale E temporale Quale delle seguenti frasi contiene una proposizione temporale? A Ci alzammo da tavola che ormai la Luna era alta in cielo, stanchi ma soddisfatti dell'accordoraggiunto B Oggi è un giorno di festa, perciò chiudi i libri perché dobbiamo trascorrere tutto il pomeriggio con gli amici C Mai, in così breve tempo, abbiamo verificato tutte le domande di assunzione, mentre pensavo che avremmo fatto almeno mezzanotte D So che sei esperto in meteorologia, così se farò un viaggio ti interpellerò prima E Nessuna delle precedenti Quale tra i seguenti termini è al singolare? A Ferie B Macerie Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Prova area economica 17

18 PROVA AREA ECONOMICA C Bilance D Falange E Ossa In quale delle seguenti frasi è presente un aggettivo qualificativo di grado positivo? A La mia auto è più veloce di quella del mio vicino B Mario è meno simpatico di Luisa C Il cane di Paolo è il più fedele che abbia mai visto D Questo appartamento è in un quartiere di lusso E È veramente un bel bambino Quale delle seguenti alternative è corretta dal punto di vista grammaticale? A Vorrei mangiare un altra piadina prima di sera B Dopo avere espresso la sua opignone, si allontanò C Raccolta la penna, ripresi a scrivere D Se vedi Simona, dagli questa penna E Oggi piove a cantinelle Nella frase: Dei miei fratelli nessuno ama il campeggio, Dei miei fratelli è un complemento: A di paragone B di causa C partitivo D di specificazione E di termine Individuare fra i seguenti il sinonimo di prorompere : A prorogare B proporre C rompere D scoppiare E prorogare 79 Un contrario di "barlume" è: A abbondanza B bagliore C bagaglio D accenno E oscurità 80 Quale delle seguenti voci è la terza persona singolare del congiuntivo imperfetto attivo del verbo studiare? A Che egli studiasse B Che egli abbia studiato C Che egli studi D Che egli avesse studiato E Nessuna delle precedenti 18 Prova area economica Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

19 NUMERO DOMANDA RISPOSTE A B C D E SCHEDA PER LE RISPOSTE NUMERO DOMANDA RISPOSTE A B C D E NUMERO DOMANDA RISPOSTE A B C D E PROVA AREA ECONOMICA Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Prova area economica 19

26) Quando è entrato in vigore l euro, la moneta comune europea? A) Il 1 gennaio 1990 B) Il 1 gennaio 2001 C) Il 1 gennaio 1999 D) Il 1 gennaio 1995

26) Quando è entrato in vigore l euro, la moneta comune europea? A) Il 1 gennaio 1990 B) Il 1 gennaio 2001 C) Il 1 gennaio 1999 D) Il 1 gennaio 1995 Questo brano è seguito da alcuni quesiti riguardanti il suo contenuto. Per ciascun quesito, il candidato deve scegliere, tra le alternative proposte, quella che ritiene corretta (una sola è corretta).

Dettagli

AREA ECONOMICA: SOLUZIONI E COMMENTI DELLA PROVA

AREA ECONOMICA: SOLUZIONI E COMMENTI DELLA PROVA Area economica_risposte.qxd 1-03-2010 14:10 Pagina 1 AREA ECONOMICA: SOLUZIONI E COMMENTI DELLA PROVA 1 Risposta: A. Il brano comincia con Negli anni immediatamente successivi alla prima guerra mondiale,

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6 Rimini, 6 ottobre 2015 Macroeconomia 140 La ripresa dell Italia Il Fondo Monetario internazionale ha alzato le stime

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Modello keynesiano: il settore reale

Modello keynesiano: il settore reale Macro 4 Modello keynesiano: il settore reale La macroeconomia keynesiana La macroeconomia si occupa di studiare i meccanismi di determinazione delle grandezze economiche aggregate, così come definite dalla

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale.

Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale. SCHEDA STAMPA DATI Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale. È STATO MESSO A DURA PROVA IL BENE PIÙ AMATO DAGLI ITALIANI

Dettagli

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale.

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale. DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA PARTE I: I FONDAMENTI DELLA MACRO 1) Dopo aver spiegato la distinzione tra micro e macro economia, lo studente definisca e spieghi il concetto di Prodotto Interno

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009 Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 009 A.A. 008-009 Agenda 1. Introduzione ai concetti di rendimento e rischio. Il rendimento delle obbligazioni

Dettagli

8a+ Investimenti Sgr. Latemar

8a+ Investimenti Sgr. Latemar 8a+ Investimenti Sgr Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Latemar RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Sede Legale: Varese, Piazza Monte Grappa 4 Tel 0332-251411 Telefax 0332-251400 Capitale

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CLASSE 3 INDIRIZZO AFM UdA n. 1 Titolo: SISTEMA ECONOMICO E STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO Interpretare il modello di funzionamento del sistema economico attraverso le relazioni tra le categorie di soggetti

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Francesco Prota Piano della lezione Le funzioni della moneta La teoria quantitativa della moneta Inflazione La domanda di moneta Moneta, prezzi e inflazione I costi

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

PIL : produzione e reddito

PIL : produzione e reddito PIL : produzione e reddito La misura della produzione aggregata nella contabilità nazionale è il prodotto interno lordo o PIL. Dal lato della produzione : oppure 1) Il PIL è il valore dei beni e dei servizi

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia ha costituito quattro Fondi

Dettagli

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 12 gennaio 2015 1. (*) Spiega in che consiste la procedura di calcolo del deflatore implicito del PIL e se questo è più/meno attendibile di un qualunque deflatore a paniere fisso. 2. (*)

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo La legge del prezzo unico La parità del potere d acquisto (PPP) Un modello sui tassi di cambio di lungo periodo basato sulla PPP Problemi relativi

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p.

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p. Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p.

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

La notizia presentata come sintesi dello studio è stata che gli italiani risparmiano di

La notizia presentata come sintesi dello studio è stata che gli italiani risparmiano di 1 di 5 11/09/2011 14:52 LA RICCHEZZA DELLE FAMIGLIE ITALIANE A cura di Roberto Praderi. Come nelle elaborazioni precedenti ci siamo basati su documenti ufficiali, in questa facciamo riferimento allo 2

Dettagli

a) 1670 b) 2285 c) 4520 d) 1300 b a) 865000 b) 640000 c) 725000 d) 645000 d a) 1 b) 2 c) 3 d) Non è possibile calcolarlo

a) 1670 b) 2285 c) 4520 d) 1300 b a) 865000 b) 640000 c) 725000 d) 645000 d a) 1 b) 2 c) 3 d) Non è possibile calcolarlo RB00001 Una banca offre un interesse sui suoi conti correnti a) 1.5 euro b) 3 euro c) 150 euro d) 300 euro b dello 0.05% annuo in capitalizzazione semplice. Quanto si ottiene di interessi investendo per

Dettagli

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori Capitolo 7 La mobilità internazionale dei fattori preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Mobilità internazionale del lavoro Prestiti internazionali

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO

Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO LE DECISIONI DI INVESTIMENTO Cosa significa «Investimento»? L investimento è la seconda

Dettagli

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011 Macroeconomia Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Nuovo Orario Riassunto lezione precedente Definizione e misurazione: PIL

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 16 marzo 2015 S.A.F.

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Fallimenti macroeconomici del mercato

Fallimenti macroeconomici del mercato Fallimenti macroeconomici del mercato Fallimenti macroeconomici del mercato i. Disoccupazione ii. Inflazione iii. Sottosviluppo iv. Squilibri di bilancia dei pagamenti Costituiscono altrettanti fallimenti

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5.1 Il ruolo del mercato finanziario Il ruolo macroeconomico del sistema finanziario è quello di far affluire i fondi risparmiati ai soggetti che li spendono.

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 21. Rimini, 18 novembre 2014

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 21. Rimini, 18 novembre 2014 Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 21 Rimini, 18 novembre 2014 Macroeconomia 319 I mercati finanziari e reali in economia aperta Macroeconomia 320 1 I

Dettagli

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini Le operazioni di gestione Prof.ssa Paola Orlandini 1 La gestione è un sistema di operazioni economiche messe in atto dal soggetto conomico per il raggiungimento del fine aziendale 2 Come coordinazione

Dettagli

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione 1 PROBLEMI DI SCELTA Problemi di Scelta Campo di Scelta Funzione Obiettivo Modello Matematico Scelte in condizioni di Certezza Scelte in condizioni di Incertezza Effetti Immediati Effetti Differiti Effetti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli

19.4. La riserva di elasticità

19.4. La riserva di elasticità INTRODUZIONE ALLA FINANZA 1.OBIETTIVI AZIENDALI E COMPITI DELLA FINANZA, di M. Dallocchio e A. Salvi 1.1. Creazione di valore come idea-guida 1.2. Creazione di valori per l impresa o per gli azionisti?

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

FR0010222224 LU0613540185 FR0010344853 LU0533032859

FR0010222224 LU0613540185 FR0010344853 LU0533032859 Vediamo di aggiornare l Etf Portfolio in ottica di Investimento, che avevo introdotto a fine gennaio 2009. (a fondo articolo metto anche un portafoglio per chi inizia adesso, chiaramente con differenti

Dettagli

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: 1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: SUL PIANO GENERALE. in una fase storica mondiale di grandi cambiamenti e grandi tragedie. Pensiamo solo alla rapida evoluzione tecnologica,

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Lezione 1 Lezione 1 Economia Politica - Macroeconomia 1 Semplificazioni della macro Il livello di aggregazione è molto più spinto

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Gli aspetti economici di stima

Gli aspetti economici di stima Gli aspetti economici di stima Generalità Per aspetto economico o criterio di stima si intende il tipo di valore che si intende attribuire a un bene economico. Per tipo di valore si intende uno schema

Dettagli

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO Giuseppe Maria Pignataro * Nei programmi del governo (Legge di Stabilità e DEF), per fare scendere il debito

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Necessaria una moneta per regolare gli scambi internazionali Convertibilità (oro o moneta-chiave) Esportazioni: ingresso di valute estere Importazioni: uscita di valute estere

Dettagli

Verifica di fine modulo. Il credito e i calcoli finanziari

Verifica di fine modulo. Il credito e i calcoli finanziari ... Nome... Classe... Data... Verifica di fine modulo. Il credito e i calcoli finanziari Scelta multipla Indicare con una crocetta la risposta esatta. 1. Concorre al soddisfacimento del fabbisogno finanziario

Dettagli

Relazione Semestrale al 30.06.2012. Fondo Federico Re

Relazione Semestrale al 30.06.2012. Fondo Federico Re Relazione Semestrale al 30.06.2012 Fondo Federico Re Gesti-Re SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.500.000 i.v. Codice Fiscale, Partita

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Capitolo 22. La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 22. La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 22 La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea In questa lezione La moneta e le sue funzioni: come si misurano gli aggregati monetari banche commerciali e creazione di moneta Il ruolo della

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2014 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 2.200.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo

Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo Romilda Rizzo Scienza delle finanze 1 Il debito pubblico Evoluzione del debito pubblico in Italia; Natura del debito pubblico e suo ruolo in un economia

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare I prezzi relativi al mercato immobiliare residenziale, dopo un periodo di forte crescita (fig. 10.1), negli anni 90 hanno subito un decremento; poi, con la fine del decennio, la

Dettagli

Figli e denaro: verso il futuro

Figli e denaro: verso il futuro Educare al futuro: il ruolo dell educazione finanziaria Francesco Saita CAREFIN, Università Bocconi Figli e denaro: verso il futuro FAES PattiChiari, Milano, 12 ottobre 2013 1 Introduzione Parlare di educazione

Dettagli

Massimo A. De Francesco Dipartimento di Economia politica e statistica, Università di 1 Siena Introduzione

Massimo A. De Francesco Dipartimento di Economia politica e statistica, Università di 1 Siena Introduzione Valore dell impresa e decisioni di investimento. Irrilevanza della struttura patrimoniale in condizioni di certezza (prima versione, aprile 2013; versione aggiornata, aprile 2014) Massimo A. De Francesco

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

Economia Applicata all Ingegneria 1. Docente: Prof. Ing. Donato Morea. Lezione n. 13 del 22.11.2012. - Bilancio d impresa: terza parte. a.a.

Economia Applicata all Ingegneria 1. Docente: Prof. Ing. Donato Morea. Lezione n. 13 del 22.11.2012. - Bilancio d impresa: terza parte. a.a. Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria --------------------------------------------------------------------- --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta Capitolo VI. Il modello IS-LM in economia aperta 1. I mercati dei beni in economia aperta Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni

Dettagli

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Piano Economico Finanziario 2008 e previsioni anni 2009 e 2010 Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Indice Scenario & Previsioni PIANO ANNUALE 2008 1Fonti di finanziamento 2Impieghi 3Ricavi 4Costi

Dettagli

Tasso di interesse e capitalizzazione

Tasso di interesse e capitalizzazione Tasso di interesse e capitalizzazione Tasso di interesse = i = somma che devo restituire dopo un anno per aver preso a prestito un euro, in aggiunta alla restituzione dell euro iniziale Quindi: prendo

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Sapienza, Università di Roma. Ingegneria, Scienze M. F.N., Scienze Statistiche 11 settembre 2009

Sapienza, Università di Roma. Ingegneria, Scienze M. F.N., Scienze Statistiche 11 settembre 2009 Sapienza, Università di Roma Facoltà di Ingegneria, Scienze M. F.N., Scienze Statistiche 11 settembre 009 1. È data una sequenza di n numeri dispari consecutivi. etto M il maggiore della sequenza ed m

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

FARE SOLDI CON IL FOREX TRADING E LA LEVA FINANZIARIA

FARE SOLDI CON IL FOREX TRADING E LA LEVA FINANZIARIA Marco Calì FARE SOLDI CON IL FOREX TRADING E LA LEVA FINANZIARIA Edizione Gennaio 2008 Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta con alcun mezzo.

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Lezione 9 Macroeconomia: Le

Lezione 9 Macroeconomia: Le Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 9 Macroeconomia: Le regolarità empiriche Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Alcune domande Da che dipende la disoccupazione? Da che dipende

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta:

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta: Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 3 di 7) L inflazione. (di Marco Cavedon, postato l 11-02-2014). Esamineremo in questo capitolo uno dei più perniciosi falsi miti che l ideologia neoclassica

Dettagli

Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di risparmio più redditizia?

Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di risparmio più redditizia? Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 p. 2 p. 5 p. 6 Single di 30 anni: investimento di 10mila euro p.

Dettagli

Capitolo 4 Probabilità

Capitolo 4 Probabilità Levine, Krehbiel, Berenson Statistica II ed. 2006 Apogeo Capitolo 4 Probabilità Insegnamento: Statistica Corso di Laurea Triennale in Economia Facoltà di Economia, Università di Ferrara Docenti: Dott.

Dettagli

Moneta e Tasso di cambio

Moneta e Tasso di cambio Moneta e Tasso di cambio Come si forma il tasso di cambio? Determinanti del tasso di cambio nel breve periodo Determinanti del tasso di cambio nel lungo periodo Che cos è la moneta? Il controllo dell offerta

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

Capitolo 12. Produzione, reddito e occupazione

Capitolo 12. Produzione, reddito e occupazione Capitolo 12 Produzione, reddito e occupazione La produzione e il prodotto interno lordo (PIL) Definizione: PIL di una nazione è il valore complessivo di tutti i beni e servizi finali prodotti per il mercato

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli