pag Marketing Strategico 2. Ricerca e Sviluppo pag 67 pag 57 Analisi Strategica 1. Marketing Strategico 2. Ricerca e Sviluppo pag 67 pag 57

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "pag 57 1. Marketing Strategico 2. Ricerca e Sviluppo pag 67 pag 57 Analisi Strategica 1. Marketing Strategico 2. Ricerca e Sviluppo pag 67 pag 57"

Transcript

1 Davide Bruno QUESTIONE DI METODO ANALISI SINTESI TEORIE, ESEMPI SULLA METODOLOGIA PROGETTUALE

2 Prodotto Percorsi progettuali pag 57 pag 80 Product Design Analisi Strategica Trasporti Media Militare e Aerospaziale Moda Biotech Elettronica Ambiente e Società Food & Beverage Arredo Gestione Ambientale 1. Marketing Strategico Identificazione delle opportunità Strategia di prodotto Qualità Costo Tempo Sviluppo nuovo piattaforme tecnologiche Sviluppo nuove linee di prodotto 5. Engineering Analisi della Concorrenza Posizionamento di mercato Fattori di competitività Le fonti dei differenziali competitivi pag 76 Prezzo del prodotto Lo Stato patrimoniale Il Conto economico Interaction Design e Design Di Prodotto Bisogni dei Clienti Ricerche di mercato: Quadro Prodotto/Mercato Obiettivi di progetto Analisi Identificazione dei criteri di segmentazione Delineazione dei profili dei segmenti 2. Ricerca e Sviluppo Analisi elementi finiti (Fea) Calcolo e simulazione cinematica Progettazione meccanica Progettazione elettrotecnica Progettazione elettronica e software Progettazione illuminotecnica Ingegnerizzazione Simultaneous concurrent engineering Product process management Design for manufacturing Design for experiments Design and process review Value engineering 4. Design Human factor design Ecological factors e definizione dei materiali Analisi esperienze utente Studio interfaccia utente Ricerca di forma e colore Prototipizzazione Modelli funzionali ed estetici La Stereolitografia (SLA) Laser sintering (o sinterizzazione) 6. Industrializ pag 85 Sviluppo del Concept Che cos è il concept? Bisogni Probabili soluzioni pag 67 Definizione Critica 3. Concept Definizione del target Comunicazione valori Selezione Del Concept Analisi dei concept Studio di fattibilità del progetto Pianificazione del progetto Obiettivi di progetto WBS Diagramma di Gantt Pianificazione milestones Organizzazione del progetto pag 69 Comunicazione Percorsi progettuali pag 57 Analisi Strategica Trasporti Media Militare e Aerospaziale Moda Biotech Elettronica Ambiente e Società Food & Beverage Arredo Gestione Ambientale 1. Marketing Strategico Identificazione delle opportunità Strategia di prodotto Qualità Costo Tempo Sviluppo nuovo piattaforme tecnologiche Sviluppo nuove linee di prodotto 5. Engineering Analisi della Concorrenza Posizionamento di mercato Fattori di competitività Le fonti dei differenziali competitivi pag 76 Prezzo del prodotto Lo Stato patrimoniale Il Conto economico Interaction Design e Design Di Prodotto Bisogni dei Clienti Ricerche di mercato: Quadro Prodotto/Mercato Obiettivi di progetto Analisi Identificazione dei criteri di segmentazione Delineazione dei profili dei segmenti 2. Ricerca e Sviluppo 4. Design Human factor design Ecological factors e definizione dei materiali Analisi esperienze utente Studio interfaccia utente Ricerca di forma e colore Prototipizzazione Modelli funzionali ed estetici La Stereolitografia (SLA) Laser sintering (o sinterizzazione) 6. Industrializ pag 85 Sviluppo del Concept Che cos è il concept? Bisogni Probabili soluzioni pag 67 Definizione Critica 3. Concept Definizione del target Comunicazione valori Selezione Del Concept Analisi dei concept Studio di fattibilità del progetto Pianificazione del progetto Obiettivi di progetto WBS Diagramma di Gantt Pianificazione milestones Organizzazione del progetto pag 69 Servizio Percorsi progettuali pag 57 Analisi Strategica Trasporti Media Militare e Aerospaziale Moda Biotech Elettronica Ambiente e Società Food & Beverage Arredo Gestione Ambiente 1. Marketing Strategico Identificazione delle opportunità Strategia di prodotto Qualità Costo Tempo Sviluppo nuovo piattaforme tecnologiche Sviluppo nuove linee di prodotto 5. Engineering Analisi della Concorrenza Posizionamento di mercato Fattori di competitività Le fonti dei differenziali competitivi pag 76 Prezzo del prodotto Lo Stato patrimoniale Il Conto economico Interaction Design e Design Di Prodotto Bisogni dei Clienti Ricerche di mercato: Quadro Prodotto/Mercato Obiettivi di progetto Analisi Identificazione dei criteri di segmentazione Delineazione dei profili dei segmenti 2. Ricerca e Sviluppo 4. Design Human factor design Ecological factors e definizione dei materiali Analisi esperienze utente Studio interfaccia utente Ricerca di forma e colore Prototipizzazione Modelli funzionali ed estetici La Stereolitografia (SLA) Laser sintering (o sinterizzazione) 6. Industriali pag 85 Sviluppo del Concept Che cos è il concept? Bisogni Probabili soluzioni pag 67 Definizione Critica 3. Concept pag 69 Definizione del target Comunicazione valori Selezione Del Concept Analisi dei concept Studio di fattibilità del progetto Pianificazione del progetto Obiettivi di progetto WBS Diagramma di Gantt Pianificazione milestones Organizzazione del progetto

3 pag 91 Piano di Lancio Fea) cinematica ca cnica ca e software tecnica Piano di distribuzione Supporti commerciali Brand Design Brand Identity Vetrina Packaging Internet Web Web 2.0 Web design E-commerce Il web marketing 9. Comunicazione nt engineering gement ng pag 89 iew pag. 102 pag. 99 pag. 105 pag. 108 pag Industrializzazione Verifiche di Prodotto Test Di Mercato Processo Produttivo 8. Colse-out Identificazione della fase di close out e ciclo di problem solving Problem setting pag. 115 pag. 118 Preserie Verifica di produzione e assemblaggio del prodotto Verifica performance Approvazione del processo produttivo e dei costi definitivi Le curve di apprendimento pag 85 pag Virtual Factory pag. 123 pag. 126 pag 87 pag 91 Piano di Lancio Piano di distribuzione Supporti commerciali pag. 133 Brand Design Brand Identity 9. Comunicazione g pag 89 Vetrina pag. 130 pag. 140 Packaging Internet Web Web 2.0 Web design E-commerce Il web marketing pag. 144 pag Industrializzazione Verifiche di Prodotto Test Di Mercato Processo Produttivo 8. Colse-out Identificazione della fase di close out e ciclo di problem solving Problem setting pag. 152 pag. 155 pag 85 pag Virtual Factory pag. 162 pag. 165 pag 91 Percorsi progettuali Questa è un anteprima dello schema inserito a fine libro, tale schema vuole illustrare i percorsi progettuali 9. Comunicazione possibili da seguire nello sviluppo di un prodotto di una comunicazione o di un servizio. Vi consigliamo di consultare questo schema leggendo il capitolo 3, Strumenti. Piano di Lancio Piano di distribuzione Supporti commerciali pag. 171 Brand Design Brand Identity Vetrina pag. 167 Packaging g Internet Web Web 2.0 Web design E-commerce Il web marketing pag 89 pag. 174 pag Industrializzazione Verifiche di Prodotto Test Di Mercato Processo Produttivo 8. Colse-out Identificazione della fase di close out e ciclo di problem solving Problem setting pag. 178 pag. 180 pag 85 pag Virtual Factory pag. 186 pag. 189

4

5

6 indice introduzione Pag.16 L obiettivo del progettista contemporaneo Scenario attuale L ingresso del progettista Obiettivi progettuali capitolo 1 requisiti Pag.22 Cultura del progetto Qual è la forma del progetto Disciplina del design Il bello e la modernità Esperienza Relazione uomo-oggetto: relazione con il mercato Relazione uomo-ambiente: mondo esperienziale del mercato Design for experience: rapporto sistema-prodotto Cenni sulla cultura della progettazione nella filiera progetto/produzione Il Des-arch-ing Definizione (tra passato, presente e futuro) Architetto Ingegnere Il linguaggio del design Qualità Qualità come valore aggiunto Qualità come valore competitivo del design Definizione del significato moderno di qualità Specifica qualitativa come attenzione al consumatore Gli strumenti della qualità I mille volti della qualità Il Neo-lusso Definizione contemporanea di lusso Lusso come valore aggiunto Esempi di neo-lusso applicato, l avvento della kitchen plaza Relax e piccoli assaggi Pag.23 Pag. 30 Pag. 34 Pag. 40

7 capitolo 2 metodi Pag.44 Studio sulla metodologia della progettazione Analisi del valore Le origini dell analisi del valore Metodologia economica-organizzativa Metodologie classiche Metodi per il progetto di controllori non lineari Processo di retroazione Retroazione positiva Retroazione negativa Ritardi nell anello di retroazione Brainstorming Benchmarking Funzioni aziendali La classifica delle funzioni aziendali Piano operativo Pianificazione aziendale Il Piano Operativo La Mission La Vision Il Co-briefing La ricerca per la costruzione degli scenari Mappa geo-territoriale Mappa sinottica Mappa dei trend emergenti Mappa estetico funzionale Mappa tecnologica Mappa sociale Mappa sensoriale dei mood Pag.45 Pag. 52 Pag. 55 capitolo 3 strumenti Pag.62 Marketing strategico Analisi strategica Identificazione delle opportunità Strategia di prodotto Qualità Costi Tempo Sviluppo nuove piattaforme tecnologiche Pag. 63

8 Sviluppo nuove linee di processo Analisi della concorrenza Posizionamento Fattori di competitività Le fonti dei differenziali competitivi Prezzo del prodotto Lo Stato patrimoniale Il Conto economico Ricerca e sviluppo Bisogni dei clienti Ricerche di mercato Quadro prodotto/mercato Obiettivi di progetto Analisi Identificazione dei criteri di segmentazione Delineazione dei profili dei segmenti Concept Che cos è il concept? Bisogni Probabili soluzioni Definizione critica Definizione del target Comunicazione dei valori Selezione del concept Analisi dei concept Studio di fattibilità del progetto Pianificazione del progetto Obiettivi di progetto WBS Diagramma di Gantt Pianificazione milestones Organizzazione del progetto Pag. 74 Pag. 76 Design Human factor design Ecological factors e definizione dei materiali Analisi esperienze utente Studio interfaccia utente Ricerca di forma e colore Prototipizzazione Modelli funzionali ed estetici La stereolitografia (SLA) Laser sintering (o sinterizzazione) Engineering Product design Analisi agli elementi finiti (Fea) Calcolo e simulazione cinematica Progettazione meccanica Progettazione elettrotecnica Progettazione elettronica e software Pag.84 Pag. 88

9 Progettazione illuminotecnica Ingegnerizzazione Simultaneous concurrent engineering Product process management Design for manufacturing Design for experiments Design and process review Value engineering capitolo 4 case history Pag.98 Industrializzazione Verifiche di prodotto Test di mercato Processo produttivo Virtual factory Preserie Verifica di produzione e assemblaggio del prodotto Verifica performance Approvazione del processo produttivo e dei costi definitivi Le curve di apprendimento Close out Identificazione della fase di close out e ciclo di problem solving Problem setting Comunicazione Piano di lancio Piano di distribuzione Supporti commerciali Brand design Brand identity Vetrina Packaging Internet Web Web 2.0 Web design E-commerce Il web marketing Prodotto Environment ebook MarsCruiserOne Hussein Chalayan TableTalk Electric Kid Pag.93 Pag. 95 Pag. 97 Pag. 99 Pag. 108 Pag. 111 Pag. 114 Pag. 117 Pag. 121 Pag. 124

10 Gallon Jug Trongs, Finger Food Sedia Tonet Cloud Gate Comunicazione Progetto Alfabet per Alfa Mito Obama Social Media Marketing & Web Communication Strategy Cabina Boeing 787 Guerrilla Store di Berlino, Comme des Garçons Leica image Manager Home Smart Monitor Styx Valley protest structure Lavazza Sito Alias design Flagstore Louis Vuitton Servizio ULTra Il Sole 24 Ore: digital marketing H&M Changing Room Idratech Na.Wa. Biotech Carta di Credito Bike Sharing Tupperware Margherita 2000, Ariston Armani Store Hong Kong Pag. 127 Pag. 130 Pag. 132 Pag. 135 Pag. 139 Pag. 142 Pag. 149 Pag. 152 Pag. 155 Pag. 160 Pag. 163 Pag. 166 Pag. 170 Pag. 173 Pag. 176 Pag. 180 Pag. 183 Pag. 185 Pag. 187 Pag. 189 Pag. 193 Pag. 195 Pag. 198 CONCLUSIONI Pag.203 bibliografia Pag.211 Bibliografia Sitografia

11

12

13 PREFAZIONE Il testo nasce dalla necessità di sistematizzare una serie d intuizione e materiali che ho raccolto negli ultimi anni. Si tratta di questioni sulla cultura del progetto, la metodologia, le tematiche disciplinari che ruotano intorno al design e ai processi d innovazione culturali e merceologici. Il lavoro qui presentato è l esito di un confronto corale e sistematico con gli studenti del Corso di Controllo di qualità dei processi e prodotti industriali riguardo all urgenza di produrre una guida sull agire progettuale in un panorama reso complesso da stimoli, tecniche e problematiche che si accavallano in rapida sequenza. Lo scopo divulgativo impone alla stesura l imperativo della sintesi di fronte alla vastità dell argomento, guadagnando rapidità nella consultazione ed immediatezza nella scelta di una comunicazione dei contenuti attraverso la rappresentazione per immagini. L universalità del lessico figurativo si propone di incuriosire il pubblico dei non addetti e al contempo di stimolare la ricerca di un corretto approccio alla progettazione negli operatori così come negli studenti, questi ultimi in qualità di futuri professionisti che si troveranno ad affrontare un contesto industriale e competitivo rinnovato dagli stravolgimenti economici e sociali in atto. Un contesto in cui solidarietà, empatia e responsabilità sociale diverranno le nuove discriminanti nei contenuti e nei risultati della corretta progettazione. Una guida, quindi, ad una progettazione responsabile che coniughi metodica preparazione e predisposizione umanistica, aggiornamento tecnico e sensibilità ai temi sociali; un sostegno alla preparazione di progettisti chiamati ad affiancare nel prossimo futuro imprenditori in grado di realizzare profitti incrementando il benessere collettivo. Una guida che è un racconto dell iter progettuale, un suggeritore dei molteplici approcci al problem solving disseminati lungo il complesso tragitto della progettazione: un percorso finalizzato a individuare il successo di un progetto non tanto nella semplice messa in scena di una sequenza di attività ben organizzate nel tempo ma nella concretizzazione di una visione sistemica che rifletta la centralità di chi ne usufruirà e le modalità con cui ne farà uso. La trattazione delle metodologie si arricchisce, a questo scopo, della prassi di significative applicazioni estratte dalle discipline e dai contesti più disparati, traendone legittimazione e, nei casi più felici, preziose intuizioni per l aggiornamento delle metodologie stesse. Per la sua preziosa e paziente assistenza alla supervisione del materiale sistematizzato dagli Studenti, desidero esprimere particolare gratitudine a Paola Marincola, mia collaboratrice alla Facoltà del Design del Politecnico di Milano. Desidero anche ringraziare gli Studenti, dalla cui iniziativa questo libro ha preso forma e colleghi e amici con i quali ho avuto modo di confrontarmi su molti degli argomenti trattati. In particolare desidero ringraziare, Ivan Dauriz, Irene Distefano e Miriam Fortis che hanno contribuito alla definizione del progetto editoriale. Ringrazio Martina Stella, il cui contributo organizzativo e redazionale ha reso possibile la realizzazione dell opera. Davide Bruno Politecnico di Milano Questione di Metodo 15

14 INTRODUZIONE L obiettivo del progettista contemporaneo Questione di Metodo 16 Scenario attuale L attuale contesto economico-culturale globalizzato propone con rinnovata urgenza la necessità di un contributo multidisciplinare dell agire progettuale: al progettista contemporaneo si richiede la capacità di coniugare soluzioni tecniche con momenti di analisi e sintesi di più ampia portata, attraverso cui suggerire nuove gerarchie concettuali, nuovi modi d'uso, nuove visioni delle relazioni con gli altri. La progettualità assume oggi più che mai una connotazione sociale in cui tutte le componenti del contesto (economia, produzione, cultura, società) si combinano sinergicamente, si compensano, si interpretano e si realizzano nel progetto. L'obiettivo primo della progettazione deve essere quello di realizzare nel prodotto/servizio un compromesso tra il sistema di valori imprenditoriale e collettivo: solo la sensibilità umanistica che deve contraddistinguere il progettista consente di estrapolare dal contesto informazioni significative, codificarle e trasformarle in atti propositivi. Una siffatta azione taumaturgica è resa impellente da un modello di crescita globalizzato che, pur fondandosi su premesse costruttive, finalizzate ad offrire prospettive di progresso e prosperità per ogni Paese, si è purtroppo arenato di fronte al provincialismo di una cultura fondata sulla moltiplicazione dei diritti rispetto ai doveri, della perdita delle certezze associate al sentimento di appartenenza, dello smarrimento del valore della diversità a favore di un'omologazione apparentemente promotrice. Gli universi finanziari e industriali, vittime e artefici al tempo stesso di questa perdita di spirito critico, che amplifica i diritti e esautora le istituzioni, hanno smesso di esercitare la loro funzione originaria: gli imprenditori hanno smesso di investire nelle loro aziende preferendo i miraggi delle speculazioni finanziarie, la finanza ha smesso di operare su titoli rappresentativi di aziende e persone preferendoli a mucchi di carta da macero. È stato così creato un mondo delle apparenze, nel quale non importa più cosa si pensa, ma cosa ci viene suggerito di pensare: allo stesso modo non si acquista più un prodotto di cui si ha bisogno, ma uno di cui ci viene detto che abbiamo bisogno. Nelle società mature e benestanti non esistono più veri e propri bisogni primari, sostituiti da una sorta di mercato dei desideri. Insoddisfazione, mancanze e malesseri emotivi, uniti ad un disagio generalizzato e ad una difficoltà crescente nei rapporti interpersonali, hanno dato vita ad illusori ed artificiosi bisogni e a meccanismi compensativi di acquisto compulsivo. Tuttavia l'attuale crisi globale, frutto di queste degenerazioni, va vissuta in termini positivi non solo perché ha portato alla luce i vizi della globalizzazione ma soprattutto perché sta coincidendo con una presa di coscienza, collettiva e trasversale, di una profonda crisi morale: per quanto destabilizzante questo momento rappresenta un'opportunità per rivalutare nella giusta prospettiva (e confinare definitivamente) un sistema di vita fondato sulle dottrine del "voglio tutto e subito" o - meglio - del "prendi subito, e paga dopo". Sta infatti accadendo che l urgenza di una continuità in termini di inalterato tenore di vita stia divenendo pressante, spingendo ad esempio quella generazione, consacratasi per anni alla carriera professionale, ad affermare l urgenza di un rinnovato equilibrio tra sfera professionale e personale, recuperando un benessere forse troppo trascurato.

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Learning 4 All Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Autore/i Data Versione Reviewer Ferrari L., Lovece S. 12/10/2010 1.1 Luigi Guerra, Elena Pacetti, Manuela Fabbri, Enrico

Dettagli

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità.

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità. Studio Le tue aspettative, il nostro Totem. Nella tradizione indigena il tucano rappresenta la guida per la comunicazione tra la realtà ed il mondo dei sogni. Per Tòco è il simbolo della comunicazione

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano IO E PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Il diploma accademico di primo livello è equipollente alla laurea triennale. La scuola, a livello universitario, intende

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE te eti Vendita eting Strategico As nter Sviluppo Reti Vendita ting Operativo Marketing Strategic ssessment Center Sviluppo Reti Vendita M eti Vendita Marketing Operativo Marketing Strategic Marketing Strategico

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 presentazione FPA PROGETTI SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 1 1. DATI SOCIETÀ FPA PROGETTI SRL SEDE IN MILANO VIA PALMANOVA 24 20132 TEL.02/2360126 02/26681716

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Second Opinion. Business reliability and values creation. November 2013 Second Opinion. rel 2.0

Second Opinion. Business reliability and values creation. November 2013 Second Opinion. rel 2.0 Second Opinion Business reliability and values creation November 2013 Second Opinion. rel 2.0 A differenza e di altri documenti, ou i,pepaaii preparati in precedenza, pee e questo va inteso esclusivamente

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 sviluppo risorse per l azienda CISITA PARMA IMPRESE Executive TOOLS STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 IN COLLABORAZIONE CON Executive TOOLS Executive Tools - Strumenti

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli