CLASSIFICAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI (CFI code)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLASSIFICAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI (CFI code)"

Transcript

1 Allegato A CLASSIFICAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI (CFI code) Il codice CFI (Classification of Financial Instruments) è uno standard internazionale di classificazione degli strumenti finanziari ed è strutturato su sei caratteri alfabetici (standard ISO 10962). Il primo carattere indica il livello più alto della classificazione e individua sei categorie di strumenti finanziari. Il secondo carattere indica specifici gruppi all interno di ciascuna categoria. Gli altri quattro caratteri indicano i più importanti attributi riscontrabili in ciascun gruppo. L ordine con cui sono riportate le categorie e i gruppi serve a classificare quegli strumenti finanziari per i quali più di una categoria o più di un gruppo potrebbero essere corretti. In questi casi la classificazione andrà effettuata fra la categoria o gruppo con la posizione più alta nella lista. Le sei categorie che rappresentano il primo carattere del codice sono espresse con le lettere elencate nel seguente ordine: E = Azioni -E-*-*-*-*-*- D = Strumenti di debito -D-*-*-*-*-*- R = Diritti -R-*-*-*-*-*- O = Options -O-*-*-*-*-*- F = Futures -F-*-*-*-*-*- M = Altro -M-*-*-*-*-*- Gli otto gruppi che rappresentano il secondo carattere del codice per la categoria E sono espressi con le lettere elencate nel seguente ordine: S = Azioni ordinarie -E-S-*-*-*-*- P = Azioni privilegiate (Preferred shares) -E-P-*-*-*-*- R = Azioni privilegiate (Preference shares) -E-R-*-*-*-*- C = Azioni convertibili -E-C-*-*-*-*- F = Azioni privilegiate convertibili (Preferred convertible shares) -E-F-*-*-*-*- V = Azioni privilegiate convertibili (Preference convertible shares) -E-V-*-*-*-*- U = Fondi comuni -E-U-*-*-*-*- M = Altro -E-M-*-*-*-*- Nel gruppo relativo alle Azioni ordinarie il primo attributo, rappresentato dal terzo carattere del codice, esprime l informazione sul diritto di voto in capo agli azionisti secondo il seguente elenco: V = Azione con diritto ad un solo voto -E-S-V-*-*-*- N = Azioni senza diritto di voto -E-S-N-*-*-*- R = Azioni con diritto di voto inferiore a uno -E-S-R-*-*-*- E = Azioni con diritto di voto superiore a uno -E-S-E-*-*-*- Sempre nel gruppo delle Azioni ordinarie il secondo attributo, rappresentato dal quarto carattere del codice, riguarda il possesso e/o il trasferimento del titolo e può assumere i seguenti valori: T = Presenza di restrizioni (il possesso e/o il trasferimento del titolo è soggetto a determinate condizioni) -E-S-*-T-*-*- 1

2 U = Non presenza di restrizioni (il possesso e/o il trasferimento del titolo non è soggetto ad alcuna condizione) -E-S-*-U-*-*- Ancora nel gruppo delle Azioni ordinarie il terzo attributo, rappresentato dal quinto carattere del codice, riguarda il capitale versato e può assumere i seguenti valori: O = Non versato -E-S-*-*-O-*- P = Parzialmente versato -E-S-*-*-P-*- F = Interamente versato -E-S-*-*-F-*- Sempre nel gruppo delle Azioni ordinarie il quarto attributo, rappresentato dal sesto carattere del codice, riguarda la forma del titolo e può assumere i seguenti valori: B = Al portatore -E-S-*-*-*-B- R = Nominativo -E-S-*-*-*-R- N = Al portatore/nominativo (identificate da un unico codice ISIN) -E-S-*-*-*-N- Z = Depository receipt al portatore -E-S-*-*-*-Z- A = Depository receipt nominativa -E-S-*-*-*-A- I quattro attributi del gruppo delle Azioni Privilegiate (Preferred shares) categoria E, gruppo P - possono assumere i seguenti valori: 1 attributo - diritto di voto V = Azione con diritto ad un solo voto -E-P-V-*-*-*- N = Azione senza diritto di voto -E-P-N-*-*-*- R = Azione con diritto di voto inferiore a uno -E-P-R-*-*-*- E = Azione con diritto di voto superiore a uno -E-P-E-*-*-*- 2 attributo - rimborso R = Azione redimibile -E-P-*-R-*-*- E = Azione prorogabile -E-P-*-E-*-*- T = Azione redimibile/prorogabile -E-P-*-T-*-*- - dividendo F = Azione che dà diritto periodicamente ad un dividendo prestabilito -E-P-*-*-F-*- C = Azione che dà diritto a dividendi prestabiliti e, per gli anni in cui non sono pagati, al recupero degli stessi in data -E-P-*-*-C-*- P = Azione che, in aggiunta al dividendo fisso, partecipa, con i possessori di azioni ordinarie, alla distribuzione di ulteriori dividendi e quote di capitale -E-P-*-*-P-*- Q = Azione che dà diritto a ulteriori dividendi, oltre a quello prestabilito, in presenza di specifiche condizioni. Per gli anni in cui non sono pagati, dà diritto al recupero degli stessi in data -E-P-*-*-Q-*- A = Azione che dà diritto ad un dividendo che varia in relazione a un certo rendimento -E-P-*-*-A-*- N = Azione che dà diritto allo stesso dividendo delle azioni ordinarie ma con altri privilegi in caso di scioglimento della società -E-P-*-*-N-*- 2

3 B = Al portatore -E-P-*-*-*-B- R = Nominativo -E-P-*-*-*-R- N = Al portatore/nominativo (identificate da un unico codice ISIN) -E-P-*-*-*-N- Z = Depository receipt al portatore -E-P-*-*-*-Z- A = Depository receipt nominativa -E-P-*-*-*-A- I quattro attributi del gruppo delle Azioni Privilegiate (Preference shares) categoria E, gruppo R - possono assumere i seguenti valori: (N.B. Le preferences shares hanno le stesse caratteristiche delle preferred shares, ma nel caso vi siano entrambe, le preferred shares hanno la precedenza rispetto alle preference shares sia riguardo ai dividendi sia alla distribuzione del capitale) 1 attributo - diritto di voto V = Azione con diritto ad un solo voto -E-R-V-*-*-*- N = Azione senza diritto di voto -E-R-N-*-*-*- R = Azione con diritto di voto inferiore a uno -E-R-R-*-*-*- E = Azione con diritto di voto superiore a uno -E-R-E-*-*-*- 2 attributo - rimborso R = Azione redimibile -E-R-*-R-*-*- E = Azione prorogabile -E-R-*-E-*-*- T = Azione redimibile/prorogabile -E-R-*-T-*-*- - dividendo F = Azione che dà diritto periodicamente ad un dividendo prestabilito -E-R-*-*-F-*- C = Azione che dà diritto a dividendi prestabiliti e, per gli anni in cui non sono pagati, al recupero degli stessi in data -E-R-*-*-C-*- P = Azione che, in aggiunta al dividendo fisso, partecipa, con i possessori di azioni ordinarie, alla distribuzione di ulteriori dividendi e quote di capitale -E-R-*-*-P-*- Q = Azione che dà diritto a ulteriori dividendi, oltre a quello prestabilito, in presenza di specifiche condizioni. Per gli anni in cui non sono pagati, dà diritto al recupero degli stessi in data -E-R-*-*-Q-*- A = Azione che dà diritto ad un dividendo che varia in relazione a un certo rendimento -E-R-*-*-A-*- N = Azione che dà diritto allo stesso dividendo delle azioni ordinarie ma con altri privilegi in caso di scioglimento della società -E-R-*-*-N-*- B = Al portatore -E-R-*-*-*-B- R = Nominativo -E-R-*-*-*-R- N = Al portatore/nominativo (identificate da un unico codice ISIN) -E-R-*-*-*-N- Z = Depository receipt al portatore -E-R-*-*-*-Z- A = Depository receipt nominativa -E-R-*-*-*-A- 3

4 I quattro attributi del gruppo delle Azioni Convertibili categoria E, gruppo C - possono assumere i seguenti valori: 2 attributo trasferimento del titolo T = Presenza di restrizioni (il possesso e/o il trasferimento del titolo è soggetto a determinate condizioni) U = Non presenza di restrizioni (il possesso e/o il trasferimento del titolo non è soggetto ad alcuna condizione) 1 attributo - diritto di voto V = Azione con diritto ad un solo voto -E-C-V-*-*-*- N = Azione senza diritto di voto -E-C-N-*-*-*- R = Azione con diritto di voto inferiore a uno -E-C-R-*-*-*- E = Azione con diritto di voto superiore a uno -E-C-E-*-*-*- -E-C-*-T-*-*- -E-C-*-U-*-*- - dividendo F = Azione che dà diritto periodicamente ad un dividendo prestabilito -E-C-*-*-F-*- C = Azione che dà diritto a dividendi prestabiliti e, per gli anni in cui non sono pagati, al recupero degli stessi in data -E-C-*-*-C-*- P = Azione che, in aggiunta al dividendo fisso, partecipa, con i possessori di azioni ordinarie, alla distribuzione di ulteriori dividendi e quote di capitale -E-C-*-*-P-*- Q = Azione che dà diritto a ulteriori dividendi, oltre a quello prestabilito, in presenza di specifiche condizioni. Per gli anni in cui non sono pagati, dà diritto al recupero degli stessi in data -E-C-*-*-Q-*- A = Azione che dà diritto ad un dividendo che varia in relazione a un certo rendimento -E-C-*-*-A-*- N = Azione che dà diritto allo stesso dividendo delle azioni ordinarie ma con altri privilegi in caso di scioglimento della società -E-C-*-*-N-*- B = Al portatore -E-C-*-*-*-B- R = Nominativo -E-C-*-*-*-R- N = Al portatore/nominativo (identificate da un unico codice ISIN) -E-C-*-*-*-N- Z = Depository receipt al portatore -E-C-*-*-*-Z- A = Depository receipt nominativa -E-C-*-*-*-A- I quattro attributi del gruppo delle Azioni Privilegiate Convertibili (Preferred Convertible Shares) categoria E, gruppo F - possono assumere i seguenti valori: 1 attributo - diritto di voto V = Azione con diritto ad un solo voto -E-F-V-*-*-*- N = Azione senza diritto di voto -E-F-N-*-*-*- R = Azione con diritto di voto inferiore a uno -E-F-R-*-*-*- E = Azione con diritto di voto superiore a uno -E-F-E-*-*-*- 4

5 2 attributo - rimborso R = Azione redimibile -E-F-*-R-*-*- E = Azione prorogabile -E-F-*-E-*-*- T = Azione redimibile/prorogabile -E-F-*-T-*-*- - dividendo F = Azione che dà diritto periodicamente ad un dividendo prestabilito -E-F-*-*-F-*- C = Azione che dà diritto a dividendi prestabiliti e, per gli anni in cui non sono pagati, al recupero degli stessi in data -E-F-*-*-C-*- P = Azione che, in aggiunta al dividendo fisso, partecipa, con i possessori di azioni ordinarie, alla distribuzione di ulteriori dividendi e quote di capitale -E-F-*-*-P-*- Q = Azione che dà diritto a ulteriori dividendi, oltre a quello prestabilito, in presenza di specifiche condizioni. Per gli anni in cui non sono pagati, dà diritto al recupero degli stessi in data -E-F-*-*-Q-*- A = Azione che dà diritto ad un dividendo che varia in relazione a un certo rendimento -E-F-*-*-A-*- N = Azione che dà diritto allo stesso dividendo delle azioni ordinarie ma con altri privilegi in caso di scioglimento della società -E-F-*-*-N-*- B = Al portatore -E-F-*-*-*-B- R = Nominativo -E-F-*-*-*-R- N = Al portatore/nominativo (identificate da un unico codice ISIN) -E-F-*-*-*-N- Z = Depository receipt al portatore -E-F-*-*-*-Z- A = Depository receipt nominativa -E-F-*-*-*-A- I quattro attributi del gruppo delle Azioni Privilegiate Convertibili (Preference Convertible Shares) categoria E, gruppo V - possono assumere i seguenti valori: 1 attributo - diritto di voto V = Azione con diritto ad un solo voto -E-V-V-*-*-*- N = Azione senza diritto di voto -E-V-N-*-*-*- R = Azione con diritto di voto inferiore a uno -E-V-R-*-*-*- E = Azione con diritto di voto superiore a uno -E-V-E-*-*-*- 2 attributo - rimborso R = Azione redimibile -E-V-*-R-*-*- E = Azione prorogabile -E-V-*-E-*-*- T = Azione redimibile/prorogabile -E-V-*-T-*-*- - dividendo F = Azione che dà diritto periodicamente ad un dividendo prestabilito -E-V-*-*-F-*- 5

6 C = Azione che dà diritto a dividendi prestabiliti e, per gli anni in cui non sono pagati, al recupero degli stessi in data P = Azione che, in aggiunta al dividendo fisso, partecipa, con i possessori di azioni ordinarie, alla distribuzione di ulteriori dividendi e quote di capitale Q = Azione che dà diritto a ulteriori dividendi, oltre a quello prestabilito, in presenza di specifiche condizioni. Per gli anni in cui non sono pagati, dà diritto al recupero degli stessi in data A = Azione che dà diritto ad un dividendo che varia in relazione a un certo rendimento N = Azione che dà diritto allo stesso dividendo delle azioni ordinarie ma con altri privilegi in caso di scioglimento della società -E-V-*-*-C-*- -E-V-*-*-P-*- -E-V-*-*-Q-*- -E-V-*-*-A-*- -E-V-*-*-N-*- B = Al portatore -E-V-*-*-*-B- R = Nominativo -E-V-*-*-*-R- N = Al portatore/nominativo (identificate da un unico codice ISIN) -E-V-*-*-*-N- Z = Depository receipt al portatore -E-V-*-*-*-Z- A = Depository receipt nominativa -E-V-*-*-*-A- I quattro attributi del gruppo dei Fondi Comuni di Investimento - categoria E, gruppo U - possono assumere i seguenti valori: 1 attributo aperti/chiusi C = Fondi chiusi -E-U-C-*-*-*- O = Fondi aperti -E-U-O-*-*-*- 2 attributo distribuzione degli utili I = Fondi che distribuiscono i profitti -E-U-*-I-*-*- G = Fondi che reinvestono i profitti -E-U-*-G-*-*- M = Fondi misti (profitti in parte distribuiti e in parte reinvestiti) -E-U-*-M-*-*- 3 attributo oggetto dell investimento R = Fondi che investono in beni immobiliari -E-U-*-*-R-*- S = Fondi che investono in strumenti finanziari -E-U-*-*-S-*- M = Fondi che investono in attività diverse -E-U-*-*-M-*- C = Fondi che investono esclusivamente in materie prime -E-U-*-*-C-*- D = Fondi che investono in strumenti derivati -E-U-*-*-D-*- B = Al portatore -E-U-*-*-*-B- R = Nominativo -E-U-*-*-*-R- N = Al portatore/nominativo (identificate da un unico codice ISIN) -E-U-*-*-*-N- Z = Depository receipt al portatore -E-U-*-*-*-Z- A = Depository receipt nominativa -E-U-*-*-*-A- 6

7 L ultimo gruppo delle Azioni categoria E, gruppo M è un gruppo residuale che accoglie tipologie di valori mobiliari misti (azioni, obbligazioni e warrant, azioni e obbligazioni, azioni e warrant, un numero di azioni) non assegnabili ad alcuno dei gruppi indicati precedentemente e i cui quattro attributi possono assumere i seguenti valori: 1 attributo X = Non applicabile/indefinito -E-M-X-*-*-*- 2 attributo X = Non applicabile/indefinito -E-M-*-X-*-*- X = Non applicabile/indefinito -E-M-*-*-X-*- B = Al portatore -E-M-*-*-*-B- R = Nominativo -E-M-*-*-*-R- N = Al portatore/nominativo (identificate da un unico codice ISIN) -E-M-*-*-*-N- Z = Depository receipt al portatore -E-M-*-*-*-Z- A = Depository receipt nominativa -E-M-*-*-*-A- La seconda categoria degli strumenti finanziari riguarda gli strumenti di debito identificati dalla lettera D del primo carattere del codice. I sei gruppi che rappresentano il secondo carattere del codice sono espressi con le lettere di seguito indicate: B = Obbligazioni -D-B-*-*-*-*- C = Obbligazioni convertibili -D-C-*-*-*-*- W = Obbligazioni cum warrant -D-W-*-*-*-*- T = Obbligazioni a medio termine -D-T-*-*-*-*- Y = Strumenti del mercato monetario -D-Y-*-*-*-*- M = Altri -D-M-*-*-*-*- I quattro attributi del gruppo delle Obbligazioni categoria D, gruppo B - possono assumere i seguenti valori: 1 attributo tipo tasso F = Tasso fisso -D-B-F-*-*-*- Z = Zero coupon -D-B-Z-*-*-*- V = Tasso variabile -D-B-V-*-*-*- 2 attributo tipo di garanzia T = Titoli garantiti dallo Stato -D-B-*-T-*-*- G = Titoli garantiti da soggetti diversi dall emittente e dallo Stato -D-B-*-G-*-*- S = Titoli garantiti da specifiche attività -D-B-*-S-*-*- U = Titoli con la sola garanzia dell emittente -D-B-*-U-*-*- - Rimborso F = A scadenza fissa -D-B-*-*-F-*- G = A scadenza fissa con opzione call -D-B-*-*-G-*- 7

8 C = A scadenza fissa con opzione put -D-B-*-*-C-*- D = A scadenza fissa con opzioni call e put -D-B-*-*-D-*- A = Con piano di ammortamento -D-B-*-*-A-*- B = Con piano di ammortamento e opzione call -D-B-*-*-B-*- T = Con piano di ammortamento e opzione put -D-B-*-*-T-*- L = Con piano di ammortamento e opzioni call e put -D-B-*-*-L-*- P = Titolo irredimibile -D-B-*-*-P-*- Q = Irredimibile con opzione call -D-B-*-*-Q-*- B = Al portatore -D-B-*-*-*-B- R = Nominativo -D-B-*-*-*-R- N = Al portatore/nominativo (identificate da un unico codice ISIN) -D-B-*-*-*-N- Z = Depository receipt al portatore -D-B-*-*-*-Z- A = Depository receipt nominativa -D-B-*-*-*-A- I quattro attributi del gruppo delle Obbligazioni convertibili categoria D, gruppo C - possono assumere i seguenti valori: 1 attributo tipo tasso F = Tasso fisso -D-C-F-*-*-*- Z = Zero coupon -D-C-Z-*-*-*- V = Tasso variabile -D-C-V-*-*-*- 2 attributo tipo di garanzia T = Titoli garantiti dallo Stato -D-C-*-T-*-*- G = Titoli garantiti da soggetti diversi dall emittente e dallo Stato -D-C-*-G-*-*- S = Titoli garantiti da specifiche attività -D-C-*-S-*-*- U = Titoli con la sola garanzia dell emittente -D-C-*-U-*-*- - Rimborso F = A scadenza fissa -D-C-*-*-F-*- G = A scadenza fissa con opzione call -D-C-*-*-G-*- C = A scadenza fissa con opzione put -D-C-*-*-C-*- D = A scadenza fissa con opzioni call e put -D-C-*-*-D-*- A = Con piano di ammortamento -D-C-*-*-A-*- B = Con piano di ammortamento e opzione call -D-C-*-*-B-*- T = Con piano di ammortamento e opzione put -D-C-*-*-T-*- L = Con piano di ammortamento e opzioni call e put -D-C-*-*-L-*- P = Titolo irredimibile -D-C-*-*-P-*- Q = Irredimibile con opzione call -D-C-*-*-Q-*- B = Al portatore -D-C-*-*-*-B- R = Nominativo -D-C-*-*-*-R- N = Al portatore/nominativo (identificate da un unico codice ISIN) -D-C-*-*-*-N- Z = Depository receipt al portatore -D-C-*-*-*-Z- A = Depository receipt nominativa -D-C-*-*-*-A- 8

9 I quattro attributi del gruppo delle Obbligazioni cum warrant categoria D, gruppo W - possono assumere i seguenti valori: 1 attributo tipo tasso F = Tasso fisso -D-W-F-*-*-*- Z = Zero coupon -D-W-Z-*-*-*- V = Tasso variabile -D-W-V-*-*-*- 2 attributo tipo di garanzia T = Titoli garantiti dallo Stato -D-W-*-T-*-*- G = Titoli garantiti da soggetti diversi dall emittente e dallo Stato -D-W-*-G-*-*- S = Titoli garantiti da specifiche attività -D-W-*-S-*-*- U = Titoli con la sola garanzia dell emittente -D-W-*-U-*-*- - Rimborso F = A scadenza fissa -D-W-*-*-F-*- G = A scadenza fissa con opzione call -D-W-*-*-G-*- C = A scadenza fissa con opzione put -D-W-*-*-C-*- D = A scadenza fissa con opzioni call e put -D-W-*-*-D-*- A = Con piano di ammortamento -D-W-*-*-A-*- B = Con piano di ammortamento e opzione call -D-W-*-*-B-*- T = Con piano di ammortamento e opzione put -D-W-*-*-T-*- L = Con piano di ammortamento e opzioni call e put -D-W-*-*-L-*- P = Titolo irredimibile -D-W-*-*-P-*- Q = Irredimibile con opzione call -D-W-*-*-Q-*- B = Al portatore -D-W-*-*-*-B- R = Nominativo -D-W-*-*-*-R- N = Al portatore/nominativo (identificate da un unico codice ISIN) -D-W-*-*-*-N- Z = Depository receipt al portatore -D-W-*-*-*-Z- A = Depository receipt nominativa -D-W-*-*-*-A- I quattro attributi del gruppo delle Obbligazioni a medio termine categoria D, gruppo T - possono assumere i seguenti valori: 1 attributo tipo tasso F = Tasso fisso -D-T-F-*-*-*- Z = Zero coupon -D-T-Z-*-*-*- V = Tasso variabile -D-T-V-*-*-*- 2 attributo tipo di garanzia T = Titoli garantiti dallo Stato -D-T-*-T-*-*- G = Titoli garantiti da soggetti diversi dall emittente e dallo Stato -D-T-*-G-*-*- S = Titoli garantiti da specifiche attività -D-T-*-S-*-*- U = Titoli con la sola garanzia dell emittente -D-T-*-U-*-*- 9

10 - Rimborso F = A scadenza fissa -D-T-*-*-F-*- G = A scadenza fissa con opzione call -D-T-*-*-G-*- C = A scadenza fissa con opzione put -D-T-*-*-C-*- D = A scadenza fissa con opzioni call e put -D-T-*-*-D-*- A = Con piano di ammortamento -D-T-*-*-A-*- B = Con piano di ammortamento e opzione call -D-T-*-*-B-*- T = Con piano di ammortamento e opzione put -D-T-*-*-T-*- L = Con piano di ammortamento e opzioni call e put -D-T-*-*-L-*- P = Titolo irredimibile -D-T-*-*-P-*- Q = Irredimibile con opzione call -D-T-*-*-Q-*- B = Al portatore -D-T-*-*-*-B- R = Nominativo -D-T-*-*-*-R- N = Al portatore/nominativo (identificate da un unico codice ISIN) -D-T-*-*-*-N- Z = Depository receipt al portatore -D-T-*-*-*-Z- A = Depository receipt nominativa -D-T-*-*-*-A- I quattro attributi del gruppo degli Strumenti del mercato monetario categoria D, gruppo Y - possono assumere i seguenti valori: 1 attributo tipo tasso F = Tasso fisso -D-Y-F-*-*-*- Z = Zero coupon -D-Y-Z-*-*-*- V = Tasso variabile -D-Y-V-*-*-*- 2 attributo tipo di garanzia T = Titoli garantiti dallo Stato -D-Y-*-T-*-*- G = Titoli garantiti da soggetti diversi dall emittente e dallo Stato -D-Y-*-G-*-*- S = Titoli garantiti da specifiche attività -D-Y-*-S-*-*- U = Titoli con la sola garanzia dell emittente -D-Y-*-U-*-*- X = Non applicabile/indefinito -D-Y-*-*-X-*- B = Al portatore -D-Y-*-*-*-B- R = Nominativo -D-Y-*-*-*-R- N = Al portatore/nominativo (identificate da un unico codice ISIN) -D-Y-*-*-*-N- Z = Depository receipt al portatore -D-Y-*-*-*-Z- A = Depository receipt nominativa -D-Y-*-*-*-A- 10

11 I quattro attributi del gruppo Altri strumenti di debito categoria D, gruppo M - possono assumere i seguenti valori: 1 attributo tipo tasso F = Tasso fisso -D-M-F-*-*-*- Z = Zero coupon -D-M-Z-*-*-*- V = Tasso variabile -D-M-V-*-*-*- 2 attributo tipo di garanzia T = Titoli garantiti dallo Stato -D-M-*-T-*-*- G = Titoli garantiti da soggetti diversi dall emittente e dallo Stato -D-M-*-G-*-*- S = Titoli garantiti da specifiche attività -D-M-*-S-*-*- U = Titoli con la sola garanzia dell emittente -D-M-*-U-*-*- - rimborso F = A scadenza fissa -D-M-*-*-F-*- G = A scadenza fissa con opzione call -D-M-*-*-G-*- C = A scadenza fissa con opzione put -D-M-*-*-C-*- D = A scadenza fissa con opzioni call e put -D-M-*-*-D-*- A = Con piano di ammortamento -D-M-*-*-A-*- B = Con piano di ammortamento e opzione call -D-M-*-*-B-*- T = Con piano di ammortamento e opzione put -D-M-*-*-T-*- L = Con piano di ammortamento e opzioni call e put -D-M-*-*-L-*- P = Titolo irredimibile -D-M-*-*-P-*- Q = Irredimibile con opzione call -D-M-*-*-Q-*- B = Al portatore -D-M-*-*-*-B- R = Nominativo -D-M-*-*-*-R- N = Al portatore/nominativo (identificate da un unico codice ISIN) -D-M-*-*-*-N- Z = Depository receipt al portatore -D-M-*-*-*-Z- A = Depository receipt nominativa -D-M-*-*-*-A- La terza categoria degli strumenti finanziari riguarda i diritti identificati dalla lettera R del primo carattere del codice. I cinque gruppi che rappresentano il secondo carattere del codice sono espressi con le lettere di seguito indicate: A = Diritti di assegnazione -R-A-*-*-*-*- S = Diritti di sottoscrizione -R-S-*-*-*-*- P = Diritti di acquisto -R-P-*-*-*-*- W = Warrants -R-W-*-*-*-*- M = Altri -R-M-*-*-*-*- I quattro attributi del gruppo Diritti di assegnazione categoria R, gruppo A - possono assumere i seguenti valori: 1 attributo X = Non applicabile/indefinito -R-A-X-*-*-*- 11

12 2 attributo X = Non applicabile/indefinito -R-A-*-X-*-*- X = Non applicabile/indefinito -R-A-*-*-X-*- B = Al portatore -R-A-*-*-*-B- R = Nominativo -R-A-*-*-*-R- N = Al portatore/nominativo (identificate da un unico codice ISIN) -R-A-*-*-*-N- Z = Depository receipt al portatore -R-A-*-*-*-Z- A = Depository receipt nominativa -R-A-*-*-*-A- I quattro attributi del gruppo Diritti di sottoscrizione categoria R, gruppo S - possono assumere i seguenti valori: 1 attributo strumento sottostante S = Azioni ordinarie -R-S-S-*-*-*- P = Azioni privilegiate (Preferred shares) -R-S-P-*-*-*- R = Azioni privilegiate (Preference shares) -R-S-R-*-*-*- F = Azioni privilegiate convertibili (Preferred convertible shares) -R-S-F-*-*-*- V = Azioni privilegiate convertibili (Preference convertible shares) -R-S-V-*-*-*- B = Obbligazioni -R-S-B-*-*-*- O = Altri -R-S-O-*-*-*- 2 attributo X = Non applicabile/indefinito -R-S-*-X-*-*- X = Non applicabile/indefinito -R-S-*-*-X-*- B = Al portatore -R-S-*-*-*-B- R = Nominativo -R-S-*-*-*-R- N = Al portatore/nominativo (identificate da un unico codice ISIN) -R-S-*-*-*-N- Z = Depository receipt al portatore -R-S-*-*-*-Z- A = Depository receipt nominativa -R-S-*-*-*-A- I quattro attributi del gruppo Diritti di acquisto categoria R, gruppo P - possono assumere i seguenti valori: 1 attributo strumento sottostante S = Azioni ordinarie -R-P-S-*-*-*- P = Azioni privilegiate (Preferred shares) -R-P-P-*-*-*- R = Azioni privilegiate (Preference shares) -R-P-R-*-*-*- F = Azioni privilegiate convertibili (Preferred convertible shares) -R-P-F-*-*-*- V = Azioni privilegiate convertibili (Preference convertible shares) -R-P-V-*-*-*- B = Obbligazioni -R-P-B-*-*-*- O = Altri -R-P-O-*-*-*- 12

13 2 attributo X = Non applicabile/indefinito -R-P-*-X-*-*- X = Non applicabile/indefinito -R-P-*-*-X-*- B = Al portatore -R-P-*-*-*-B- R = Nominativo -R-P-*-*-*-R- N = Al portatore/nominativo (identificate da un unico codice ISIN) -R-P-*-*-*-N- Z = Depository receipt al portatore -R-P-*-*-*-Z- A = Depository receipt nominativa -R-P-*-*-*-A- I quattro attributi del gruppo Warrants categoria R, gruppo W- possono assumere i seguenti valori: 1 attributo attività sottostante B = Paniere di attività -R-W-B-*-*-*- S = Azioni -R-W-S-*-*-*- D = Strumenti di debito -R-W-D-*-*-*- T = Merci -R-W-T-*-*-*- C = Valute -R-W-C-*-*-*- I = Indici -R-W-I-*-*-*- M = Altri -R-W-M-*-*-*- call/put C = Call P = Put 2 attributo - tipo T = Warrants (emessi dall emittente dello strumento sottostante) -R-W-*-T-*-*- N = Naked Warrants (emessi da soggetti terzi, che hanno attività sottostanti inferiori a quelle necessarie nel caso in cui tutti i warrants fossero esercitati) -R-W-*-N-*-*- C = Covered warrants (emessi da soggetti terzi, che hanno attività sottostanti pari a quelle necessarie nel caso in cui tutti i warrants fossero esercitati) -R-W-*-C-*-*- -R-W-*-*-C-*- -R-W-*-*-P-*- B = Al portatore -R-W-*-*-*-B- R = Nominativo -R-W-*-*-*-R- N = Al portatore/nominativo (identificate da un unico codice ISIN) -R-W-*-*-*-N- Z = Depository receipt al portatore -R-W-*-*-*-Z- A = Depository receipt nominativa -R-W-*-*-*-A- I quattro attributi del gruppo Altri categoria R, gruppo M- possono assumere i seguenti valori: 1 attributo X = Non applicabile/indefinito -R-M-X-*-*-*- 13

14 2 attributo X = Non applicabile/indefinito -R-M-*-X-*-*- X = Non applicabile/indefinito -R-M-*-*-X-*- B = Al portatore -R-M-*-*-*-B- R = Nominativo -R-M-*-*-*-R- N = Al portatore/nominativo (identificate da un unico codice ISIN) -R-M-*-*-*-N- Z = Depository receipt al portatore -R-M-*-*-*-Z- A = Depository receipt nominativa -R-M-*-*-*-A- La quarta categoria degli strumenti finanziari riguarda le Option identificate dalla lettera O del primo carattere del codice. I tre gruppi che rappresentano il secondo carattere del codice sono espressi con le lettere di seguito indicate: C = Call option -O-C-*-*-*-*- P = Put option -O-P-*-*-*-*- M = Altre -O-M-*-*-*-*- I quattro attributi del gruppo Call option categoria O, gruppo C - possono assumere i seguenti valori: 1 attributo - tipo A = American option -O-C-A-*-*-*- E = European option -O-C-E-*-*-*- 2 attributo attività sottostante B = Paniere di attività -O-C-*-B-*-*- S = Azioni -O-C-*-S-*-*- D = Strumenti di debito esistenti o nozionali con indicazione del tasso di interesse e scadenza -O-C-*-D-*-*- T = Merci -O-C-*-T-*-*- C = Valute -O-C-*-C-*-*- I = Indici -O-C-*-I-*-*- O = Options -O-C-*-O-*-*- F = Futures -O-C-*-F-*-*- W = Swaps -O-C-*-W-*-*- M = Altri strumenti -O-C-*-M-*-*- - consegna P = Con consegna materiale degli strumenti in caso di esercizio -O-C-*-*-P-*- C = Il regolamento avviene per cassa -O-C-*-*-C-*- 4 attributo standardizzate/non standardizzate S = Standardizzate -O-C-*-*-*-S- N = Non standardizzate -O-C-*-*-*-N- 14

15 I quattro attributi del gruppo Put option categoria O, gruppo P - possono assumere i seguenti valori: 1 attributo - tipo A = American option -O-P-A-*-*-*- E = European option -O-P-E-*-*-*- 2 attributo attività sottostante B = Paniere di attività -O-P-*-B-*-*- S = Azioni -O-P-*-S-*-*- D = Strumenti di debito esistenti o nozionali con indicazione del tasso di interesse e scadenza -O-P-*-D-*-*- T = Merci -O-P-*-T-*-*- C = Valute -O-P-*-C-*-*- I = Indici -O-P-*-I-*-*- O = Options -O-P-*-O-*-*- F = Futures -O-P-*-F-*-*- W = Swaps -O-P-*-W-*-*- M = Altri strumenti -O-P-*-M-*-*- - consegna P = Con consegna materiale degli strumenti in caso di esercizio -O-P-*-*-P-*- C = Il regolamento avviene per cassa -O-P-*-*-C-*- 4 attributo standardizzate/non standardizzate S = Standardizzate -O-P-*-*-*-S- N = Non standardizzate -O-P-*-*-*-N- I quattro attributi del gruppo Altre categoria O, gruppo M - possono assumere i seguenti valori: 1 attributo X = Non applicabile/indefinito -O-M-X-*-*-*- 2 attributo X = Non applicabile/indefinito -O-M-*-X-*-*- X = Non applicabile/indefinito -O-M-*-*-X-*- 4 attributo X = Non applicabile/indefinito -O-M-*-*-*-X- La quinta categoria degli strumenti finanziari riguarda i Futures identificati dalla lettera F del primo carattere del codice. I due gruppi che rappresentano il secondo carattere del codice sono espressi con le lettere di seguito indicate: F = Futures su strumenti finanziari -F-F-*-*-*-*- C = Futures su merci -F-C-*-*-*-*- 15

16 I quattro attributi del gruppo Futures categoria F, gruppo F - possono assumere i seguenti valori: 1 attributo attività sottostante B = Paniere di attività -F-F-B-*-*-*- S = Azioni -F-F-S-*-*-*- D = Strumenti di debito esistenti o nozionali con indicazione del tasso di interesse e scadenza -F-F-D-*-*-*- C = Valute -F-F-C-*-*-*- I = Indici -F-F-I-*-*-*- O = Options -F-F-O-*-*-*- F = Futures -F-F-F-*-*-*- W = Swaps -F-F-W-*-*-*- M = Altri strumenti -F-F-M-*-*-*- 2 attributo - consegna P = Con consegna materiale degli strumenti in caso di esercizio -F-F-*-P-*-*- C = Il regolamento avviene per cassa -F-F-*-C-*-*- standardizzate/non standardizzate S = Standardizzate -F-F-*-*-S-*- N = Non standardizzate -F-F-*-*-N-*- 4 attributo X = Non applicabile/indefinito -F-F-*-*-*-X- I quattro attributi del gruppo Futures categoria F, gruppo C - possono assumere i seguenti valori: 1 attributo attività sottostante E = Prodotti energetici, metalli preziosi e non -F-C-E-*-*-*- A = Agricoltura, foreste e pesca -F-C-A-*-*-*- I = Prodotti industriali -F-C-I-*-*-*- S = Servizi -F-C-S-*-*-*- 2 attributo - consegna P = Con consegna materiale degli strumenti in caso di esercizio -F-C-*-P-*-*- C = Il regolamento avviene per cassa -F-C-*-C-*-*- standardizzate/non standardizzate S = Standardizzate -F-C-*-*-S-*- N = Non standardizzate -F-C-*-*-N-*- 4 attributo X = Non applicabile/indefinito -F-C-*-*-*-X- La sesta ed ultima categoria degli strumenti finanziari riguarda gli Altri (categoria residuale non rientranti in alcuna delle precedenti prese in esame) identificati dalla lettera M del primo carattere del codice. I due gruppi che rappresentano il secondo carattere del codice sono espressi con le lettere di seguito indicate: R = Strumenti di riferimento -M-R-*-*-*-*- M = Altre attività (beni immobili, polizze di assicurazione ecc.) -M-M-*-*-*-*- 16

17 I quattro attributi del gruppo Strumenti di riferimento categoria M, gruppo R - possono assumere i seguenti valori: 1 attributo - attività C = Valute -M-R-C-*-*-*- T = Merci -M-R-T-*-*-*- R = Tassi di interesse -M-R-R-*-*-*- I = Indici -M-R-I-*-*-*- 2 attributo X = Non applicabile/indefinito -M-R-*-X-*-*- X = Non applicabile/indefinito -M-R-*-*-X-*- 4 attributo X = Non applicabile/indefinito -M-R-*-*-*-X- I quattro attributi del gruppo Altre attività categoria M, gruppo M - possono assumere i seguenti valori: 1 attributo - attività R = Atti su beni immobili -M-M-R-*-*-*- I = Polizze di assicurazione -M-M-I-*-*-*- E = Ricevute di deposito -M-M-E-*-*-*- F = Contratti a termine -M-M-F-*-*-*- P = Ricevute di metalli preziosi -M-M-P-*-*-*- M = Altre -M-M-M-*-*-*- 2 attributo X = Non applicabile/indefinito -M-M-*-X-*-*- X = Non applicabile/indefinito -M-M-*-*-X-*- 4 attributo X = Non applicabile/indefinito -M-M-*-*-*-X- 17

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

INTERNATIONAL SECURITIES IDENTIFICATION NUMBER(ISIN) CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI CODIFICA

INTERNATIONAL SECURITIES IDENTIFICATION NUMBER(ISIN) CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI CODIFICA SERVIZIO RILEVAZIONI STATISTICHE (839) Direzione Classificazione IX 5 1 INTERNATIONAL SECURITIES IDENTIFICATION NUMBER(ISIN) CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI CODIFICA 2 Pag. 1/8 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani

AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Le obbligazioni: definizioni e caratteristiche Particolari tipologie di obbligazioni La valutazione delle

Dettagli

Allegato B - Lettera Circolare n. 15901 del 5 aprile 2001

Allegato B - Lettera Circolare n. 15901 del 5 aprile 2001 Allegato B - Lettera Circolare n. 15901 del 5 aprile 2001 SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA EMISSIONE DEI TITOLI Anagrafe delle emissioni A N A G R A F E DELLE E M I S S I O N I 1 FILE: LRECL=606, BLKSIZE=6060,

Dettagli

prof.ssa S.Spallini RAGIONERIA GENERALE Il mercato dei capitali

prof.ssa S.Spallini RAGIONERIA GENERALE Il mercato dei capitali 1 RAGIONERIA GENERALE Il mercato dei capitali Il mercato dei capitali 2 E costituito dalla incontro tra domanda e offerta di capitali, in esso ha luogo la fissazione del prezzo dei capitali rappresentato

Dettagli

CODICE IN MATERIA DI NEGOZIAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI EMESSI DA ACQUE POTABILI S.P.A. ( INTERNAL DEALING )

CODICE IN MATERIA DI NEGOZIAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI EMESSI DA ACQUE POTABILI S.P.A. ( INTERNAL DEALING ) CODICE IN MATERIA DI NEGOZIAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI EMESSI DA ACQUE POTABILI S.P.A. ( INTERNAL DEALING ) 1. Premessa L art. 2.6.3, comma 1, del Regolamento dei mercati organizzati e gestiti dalla

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii Sommario Presentazione dell edizione italiana... xi Prefazione efazione... xiii Capitolo 1 Il lato oscuro o della valutazione... 1 Definizione di un impresa tecnologica... 2 La crescita del settore tecnologico...

Dettagli

02 Maggio 2014. Oggetto : RETTIFICA DI COVERED WARRANT EMESSI DA UNICREDIT S.P.A. A SEGUITO DI EVENTO DI NATURA STRAORDINARIA

02 Maggio 2014. Oggetto : RETTIFICA DI COVERED WARRANT EMESSI DA UNICREDIT S.P.A. A SEGUITO DI EVENTO DI NATURA STRAORDINARIA AVVISO n.7854 02 Maggio 2014 SeDeX - PLAIN VANILLA Mittente del comunicato : UNICREDIT Societa' oggetto dell'avviso : UNICREDIT Oggetto : RETTIFICA DI COVERED WARRANT EMESSI DA UNICREDIT S.P.A. A SEGUITO

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

LYXOR ETF COMMODITIES CRB NON-ENERGY (REUTERS/JEFFERIES CRB NON-ENERGY INDEX)

LYXOR ETF COMMODITIES CRB NON-ENERGY (REUTERS/JEFFERIES CRB NON-ENERGY INDEX) LYXOR ETF COMMODITIES CRB NONENERGY (REUTERS/JEFFERIES CRB NONENERGY INDEX) RAPPORTO DEL REVISORE SUI CONTI ANNUALI Esercizio chiuso il 30 giugno 2008 PriceWaterhouseCoopers RAPPORTO DEL REVISORE SUI CONTI

Dettagli

Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1

Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1 00_caparrelli 20-01-2004 13:10 Pagina VII Prefazione XIII Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1 Capitolo 1 I prodotti del mercato monetario 3 1.1 Introduzione al mercato monetario

Dettagli

Art. 3 Obblighi informativi e di comportamento

Art. 3 Obblighi informativi e di comportamento UNIONE DI BANCHE ITALIANE S.C.p.A. ( Internal Dealing ) Art. 114, 7 comma D.Lgs 58/98 e artt. 152 sexies, septies e octies del Regolamento adottato dalla Consob con Delibera n. 11971/99 e successive modifiche

Dettagli

Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato Mobiliare

Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato Mobiliare Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato Mobiliare Circolare n. 148 del 2 luglio 1991 11 aggiornamento del 29 novembre 2001 VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA

Dettagli

Codice Etico. Procedura in materia di market abuse. Allegato 8

Codice Etico. Procedura in materia di market abuse. Allegato 8 Codice Etico Procedura in materia di market abuse Allegato 8 Allegato 8 Schema di comunicazione ai sensi dell articolo 152-octies, comma 7 del Regolamento Emittenti contenuto nell Allegato 6 del Regolamento

Dettagli

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Nicola Meccheri (meccheri@ec.unipi.it) Facoltà di Economia Università di Pisa A.A. 2011/2012 ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI: ASPETTI INTRODUTTIVI

Dettagli

I titoli azionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli azionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli azionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Definizione I titoli azionari rappresentano quote di partecipazione nella società, sottoscrivendo i quali l investitore acquisisce lo status di socio dell

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

Il recepimento in Italia della direttiva UCITS IV e la nuova disciplina della gestione collettiva del risparmio

Il recepimento in Italia della direttiva UCITS IV e la nuova disciplina della gestione collettiva del risparmio FINANCIAL INSTITUTIONS ENERGY INFRASTRUCTURE, MINING AND COMMODITIES TRANSPORT TECHNOLOGY AND INNOVATION PHARMACEUTICALS AND LIFE SCIENCES Il recepimento in Italia della direttiva UCITS IV e la nuova disciplina

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004 Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale c Carmine Trecroci 2004 1 Tassi di cambio a pronti e a termine transazioni con consegna o regolamento immediati tasso di cambio a pronti (SR, spot exchange

Dettagli

IAS 32 Strumenti finanziari: esposizione nel bilancio d esercizio e informazione integrativa

IAS 32 Strumenti finanziari: esposizione nel bilancio d esercizio e informazione integrativa IAS 32 Strumenti finanziari: esposizione nel bilancio d esercizio e informazione integrativa SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE 1 FINALITA' LIABILITY

Dettagli

ACQUEDOTTO NICOLAY S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO per la disciplina degli obblighi informativi in materia di internal dealing

ACQUEDOTTO NICOLAY S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO per la disciplina degli obblighi informativi in materia di internal dealing ACQUEDOTTO NICOLAY S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO per la disciplina degli obblighi informativi in materia di internal dealing Consiglio di Amministrazione del 19 dicembre 2002 ARTICOLO 1 Finalità del Codice

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

Introduzione alle opzioni

Introduzione alle opzioni PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale 2) Opzioni 3) Valutazione delle aziende 4) Finanziamento tramite debiti 5) Risk management Introduzione alle opzioni 6) Temi speciali di finanza aziendale

Dettagli

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI 1 Indice Definizione di contratto finanziario Contratti finanziari bilaterali e multilaterali Contratto di debito Contratto di partecipazione Contratto assicurativo Contratto

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI OBBLIGAZIONI CARIGE SERIE 294 INFLATION BOND II Per conoscere il rendimento offerto

Dettagli

Fronteggiamento dei rischi della gestione

Fronteggiamento dei rischi della gestione Fronteggiamento dei rischi della gestione Prevenzione (rischi specifici) Impedire che un determinato evento si manifesti o limitare le conseguenze negative Assicurazione (rischi specifici) Trasferimento

Dettagli

1. I Tassi di interesse. Stefano Di Colli

1. I Tassi di interesse. Stefano Di Colli 1. I Tassi di interesse Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Strumenti (in generale) Un titolo rappresenta un diritto sui redditi futuri dell emittente o sulle sue attività Un

Dettagli

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 1. Ai sensi del dell art. 98, comma 2, del regolamento Consob n. 11522/1998,

Dettagli

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009 Strumenti finanziari e scelte di investimento Roma, 8 maggio 2009 IL MERCATO DEI CAPITALI Il MERCATO DEI CAPITALI è il luogo ideale dove si incontrano domanda e offerta di strumenti finanziari. Lo scopo

Dettagli

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO SETTORE TRIBUTARIO Dott.Comm. CARLO GARZIA Dott.Comm. ALESSANDRA NITTI Dott. STEFANO BARELLI Dott. SIMONE BOTTI SETTORE LEGALE Avvocato MARCO IMPELLUSO Avvocato ROBERTA SARA

Dettagli

Italcementi S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO - 1 -

Italcementi S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO - 1 - CODICE DI COMPORTAMENTO - 1 - INDICE Premessa pag. 3 1) Soggetti rilevanti 3 2) Operazioni soggette all obbligo di comunicazione 4 3) Soggetto preposto all attuazione del Codice di Comportamento 6 4) Obblighi

Dettagli

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets SeDeX, MOT ed EuroMOT Mauro Giangrande Borsa Italiana Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 2 Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 3 Mercato SeDeX SeDeX: il mercato telematico dei securitised derivatives SeDeX è il mercato

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

Metodologia di Rettifica dei contratti di opzione su azioni...

Metodologia di Rettifica dei contratti di opzione su azioni... . NUOVA VERSIONE Borsa Italiana S.p.A. Metodologia di Rettifica dei contratti di opzione su azioni.......... IDEM Mercato Italiano dei Derivati Sommario Sommario 2 Metodologia di rettifica dei contratti

Dettagli

DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE (Redatto ai sensi dell'art.54 della delibera Consob 11971/99)

DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE (Redatto ai sensi dell'art.54 della delibera Consob 11971/99) Società Cooperativa - Sede in Modena, Via San Carlo 8/20 Registro delle imprese di Modena e cod. fisc. n. 01153230360 Cap. soc. al 31 dicembre 2008 Euro 761.077.365 DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE (Redatto

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Le azioni e gli altri titoli di capitale

Le azioni e gli altri titoli di capitale Le azioni e gli altri titoli di capitale azioni Caratteristiche tecniche Categorie giuridiche ed economiche I titoli azionari L azione è un strumento finanziario che rappresenta una frazione del capitale

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 120 CODICE ISIN IT0003353429

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Attività e passività finanziarie Depositi e Titoli di Stato Le attività finanziarie Il primo degli elementi che compongono il sistema finanziario è rappresentato

Dettagli

FORME DI FINANZIAMENTO A MEDIO TERMINE CON POSSIBILITÀ DI ACCESSO AL CAPITALE:

FORME DI FINANZIAMENTO A MEDIO TERMINE CON POSSIBILITÀ DI ACCESSO AL CAPITALE: FORME DI FINANZIAMENTO A MEDIO TERMINE CON POSSIBILITÀ DI ACCESSO AL CAPITALE: IL MEZZANINE FINANCE Giuseppe G. Santorsola Università degli Studi di Napoli Parthenope Giuseppe G. Santorsola 1 IL MEZZANINE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FP ACTIONS EMERGENTES TITOLO 1 ATTIVO E QUOTE

REGOLAMENTO DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FP ACTIONS EMERGENTES TITOLO 1 ATTIVO E QUOTE REGOLAMENTO DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FP ACTIONS EMERGENTES ********************* TITOLO 1 ATTIVO E QUOTE Articolo 1 QUOTE DI COMPROPRIETA I diritti dei comproprietari sono espressi

Dettagli

Allegato n. 6 ALLEGATO 3F

Allegato n. 6 ALLEGATO 3F Allegato n. 6 ALLEGATO 3F Istruzioni per la comunicazione alla Consob e la diffusione al pubblico delle informazioni relative alle operazioni di compravendita delle azioni emesse dalle società emittenti

Dettagli

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6 focus modulo 3 lezione 45 Il mercato dei capitali e la Borsa valori Gli strumenti derivati: caratteristiche generali Alcune tipologie di strumenti derivati 1. Il future su Ftse Mib A seconda dello strumento

Dettagli

Struttura e organizzazione del mercato mobiliare. soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti

Struttura e organizzazione del mercato mobiliare. soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti Struttura e organizzazione del mercato mobiliare soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti Circuiti diretti e circuiti indiretti Mercati finanziari SF Circuito diretto Unità in

Dettagli

Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari

Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari Università degli Studi di Trieste Ragioneria Generale ed Applicata (corso magistrale) Modulo di Ragioneria Internazionale Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari di 1 Principi IFRS rilevanti

Dettagli

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 prof.ssa Sabrina

Dettagli

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA Società Cooperativa Sede Legale: 20841 Carate Brianza (MB) - Via Cusani, 6 Tel. 0362 9401 - Fax 0362 903634 Cod. Fiscale 01309550158

Dettagli

BIESSE S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2.6.3 E 2.6.4 DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

BIESSE S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2.6.3 E 2.6.4 DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. BIESSE S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2.6.3 E 2.6.4 DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PERSONE RILEVANTI * * * * 1.1 Ai sensi dell art.

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13. Lezione 7 1

I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13. Lezione 7 1 I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13 1 PUNTI PRINCIPALI DELLA LEZIONE Le categorie di azioni Principi e modelli di valutazione

Dettagli

Circolare n. 6. del 21 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di altre imposte indirette

Circolare n. 6. del 21 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di altre imposte indirette Circolare n. 6 del 21 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di altre imposte indirette INDICE 1 Premessa... 2 2 Nuova imposta sulle transazioni finanziarie (c.d. Tobin tax )... 2 2.1

Dettagli

NEL MODELLO MICROECONOMICO

NEL MODELLO MICROECONOMICO NEL MODELLO MICROECONOMICO 1 solo periodo Output: flusso Input: flusso Decisioni dell impresa: raffrontare ricavi correnti con costi correnti Questo si adatta bene ad alcuni fattori (il LAVORO) Meno soddisfacente

Dettagli

3. Copertura patrimoniale per il rischio di controparte

3. Copertura patrimoniale per il rischio di controparte 5) per gli strumenti finanziari derivati di cui alla lettera f) della premessa, all equivalente creditizio determinato secondo le modalità indicate nell Allegato E. Ai fini del calcolo delle differenze

Dettagli

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2)

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) Novembre 2011 Università della Terza Età 1 Le Obbligazioni Le obbligazioni sono titoli di credito autonomo, rappresentativi di prestiti contratti presso il pubblico

Dettagli

La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali

La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali Ufficio RM Versione 2.1 Indice Premessa... 3 a) Ambito... 3 b) Obiettivi... 3 1. Metodologia di calcolo

Dettagli

Testo vigente. Testo proposto Articolo 5 Capitale sociale. Articolo 5

Testo vigente. Testo proposto Articolo 5 Capitale sociale. Articolo 5 1. Proposta di eliminazione del valore nominale espresso delle azioni ordinarie e di risparmio in circolazione. Conseguenti modifiche dello statuto sociale. Deliberazioni inerenti e conseguenti. Signori

Dettagli

Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario, strumenti finanziari, operatività bancaria e costruzione del portafoglio

Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario, strumenti finanziari, operatività bancaria e costruzione del portafoglio Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario Nozioni di Matematica Finanziaria 51 Analisi si scenario 103 Piani di ammortamento Rendite Regimi di capitalizzazione semplice e composta Tassi equivalenti

Dettagli

NEW MILLENNIUM Multi Asset Opportunity

NEW MILLENNIUM Multi Asset Opportunity NEW MILLENNIUM Multi Asset Opportunity Obiettivo di investimento Il Comparto mira all'apprezzamento del capitale nel lungo termine attraverso un portafoglio diversificato in diverse classi di attività,

Dettagli

La struttura dell intervento

La struttura dell intervento Gli strumenti derivati: aspetti economicio c Pierpaolo Ferrari Brescia, 10 ottobre 2008 1 La struttura dell intervento 1) La definizione di strumenti derivati 2) Le tipologie di strumenti derivati 3) Le

Dettagli

La stipula del contratto di Deposito Titoli presuppone che il cliente abbia anche un conto corrente affidato.

La stipula del contratto di Deposito Titoli presuppone che il cliente abbia anche un conto corrente affidato. INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CORTINA D AMPEZZO E DELLE DOLOMITI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA Sede legale e amministrativa: Corso Italia, 80 32043 Cortina d Ampezzo BL

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI RISERVATO A PROMOTORI/AGENTI Cognome e nome Qualifica N. iscrizione albo.. FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI OBBLIGAZIONI

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE PA32. Internal Dealing

PROCEDURA AZIENDALE PA32. Internal Dealing PROCEDURA AZIENDALE PA32 Internal Dealing STATO DATA FIRMA REDATTO 14/03/2013 GIULIA DAL CORTIVO VERIFICATO 14/03/2013 FRANCESCO ROSSI APPROVATO 14/03/2013 GIAMPIETRO MAGNANI EVENTUALI PARERI PA32 14/03/2013

Dettagli

(D.M. Ministero economia e finanze 21/02/2013, G.U. 28/02/2013, n. 50)

(D.M. Ministero economia e finanze 21/02/2013, G.U. 28/02/2013, n. 50) Al via la Tobin tax sulle azioni Ipsoa.it Saverio Cinieri (D.M. Ministero economia e finanze 21/02/2013, G.U. 28/02/2013, n. 50) Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto attuativo del MEF,

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli

Le azioni e le obbligazioni

Le azioni e le obbligazioni Nome e Cognome... Classe... Data... autore MARIA RITA CATTANI materia Diritto commerciale destinazione Classe 4 a ITC SCELTA MULTIPLA Scegli la risposta corretta tra quelle che ti vengono proposte. 1.

Dettagli

LUXOTTICA GROUP S.P.A. * * * 2.2 controllo e/o controllante e/o controllata : ha il significato di cui all art. 93 TUF.

LUXOTTICA GROUP S.P.A. * * * 2.2 controllo e/o controllante e/o controllata : ha il significato di cui all art. 93 TUF. LUXOTTICA GROUP S.P.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING 1. PREMESSA La presente procedura è diretta a: (i) delineare gli obblighi previsti dall art. 114, comma 7, del decreto legislativo 24 febbraio

Dettagli

SERVIZIO DI CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI

SERVIZIO DI CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI FOGLIO INFORMATIVO relativo al SERVIZIO DI CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI INFORMAZIONI SULLA BANCA. Banca di Credito Cooperativo di Leverano Società Cooperativa Piazza Roma, 1-73045

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO Collocatore Pagina 1 di 12 A) SCHEDA IDENTIFICATIVA funzionamento. Denominazione, tipologia e durata del

Dettagli

Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate

Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate Variazioni della voce 100 Fondo per rischi bancari generali Saldo al 1.1.2002... 516 Variazione dell

Dettagli

Titoli obbligazionari

Titoli obbligazionari Titoli obbligazionari Tipologie e classificazione strumenti obbligazionari; Mercati di quotazione; Tipologie di rischio; Valutazione di un titolo obbligazionario; Determinazione misure di rendimento; Struttura

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0263-162-2015

Informazione Regolamentata n. 0263-162-2015 Informazione Regolamentata n. 0263-162-2015 Data/Ora Ricezione 22 Maggio 2015 17:37:25 MTA Societa' : UNICREDIT Identificativo Informazione Regolamentata : 58863 Nome utilizzatore : UNICREDITN11 - Turconi

Dettagli

Certificates Dollar Protection 2004 2006 6^ emissione Banca Aletti & C. S.p.A. IT0003732499

Certificates Dollar Protection 2004 2006 6^ emissione Banca Aletti & C. S.p.A. IT0003732499 FOGLIO INFORMATIVO (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA INMATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) Certificates Dollar Protection 2004 2006 6^ emissione Banca Aletti & C. S.p.A. ISIN

Dettagli

Documento per la consultazione SEGNALAZIONE A CARATTERE CONSUNTIVO DI CUI ALL ART. 129 DEL TUB RELATIVA ALL OFFERTA IN ITALIA DI STRUMENTI FINANZIARI

Documento per la consultazione SEGNALAZIONE A CARATTERE CONSUNTIVO DI CUI ALL ART. 129 DEL TUB RELATIVA ALL OFFERTA IN ITALIA DI STRUMENTI FINANZIARI Vigilanza bancaria e finanziaria Documento per la consultazione SEGNALAZIONE A CARATTERE CONSUNTIVO DI CUI ALL ART. 129 DEL TUB RELATIVA ALL OFFERTA IN ITALIA DI STRUMENTI FINANZIARI Il presente documento

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

GESTIELLE INVESTMENT SICAV Società d Investimento a Capitale Variabile 26, boulevard Royal L-2449 Lussemburgo R.C.S. Luxembourg B-63851

GESTIELLE INVESTMENT SICAV Società d Investimento a Capitale Variabile 26, boulevard Royal L-2449 Lussemburgo R.C.S. Luxembourg B-63851 GESTIELLE INVESTMENT SICAV Società d Investimento a Capitale Variabile 26, boulevard Royal L-2449 Lussemburgo R.C.S. Luxembourg B-63851 Prospetto semplificato datato dicembre 2011 ai sensi della Direttiva

Dettagli

Capitolo 13. Un esame preliminare delle decisioni di finanziamento. Principi di finanza aziendale

Capitolo 13. Un esame preliminare delle decisioni di finanziamento. Principi di finanza aziendale Principi di finanza aziendale Capitolo 13 IV Edizione Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri Un esame preliminare delle decisioni di finanziamento Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies,

Dettagli

FINANZA AZIENDALE AVANZATO

FINANZA AZIENDALE AVANZATO FINANZA AZIENDALE AVANZATO L impresa vista in termini di opzioni: le opzioni implicite Lezione 15 Università Ca' Foscari di Venezia Prof. Giorgio Bertinetti 1 Richiamo Le opzioni sono degli strumenti finanziari

Dettagli

Temi d esame di Matematica Finanziarie e Attuariale. Matematica Finanziaria ed Attuariale Prova scritta dell 8 aprile 2005

Temi d esame di Matematica Finanziarie e Attuariale. Matematica Finanziaria ed Attuariale Prova scritta dell 8 aprile 2005 Temi d esame di Matematica Finanziarie e Attuariale Matematica Finanziaria ed Attuariale Prova scritta dell 8 aprile 2005 1. 7 pti Una somma di denaro raddoppia dopo 10 anni: qual è il tasso di rendimento?

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA L 36/22 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 5.2.2009 BANCA CENTRALE EUROPEA DECISIONE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA dell 11 dicembre 2008 che modifica la decisione BCE/2006/17 sui conti annuali della

Dettagli

I metodi di valutazione di azienda

I metodi di valutazione di azienda I metodi di valutazione di azienda 2 parte A cura del prof. Michele Rutigliano 1 I metodi finanziari: logica sottostante I metodi finanziari sono generalmente ritenuti i più razionali ai fini della valutazione

Dettagli

CREDITO VALTELLINESE S.C. DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE AI SENSI DELL ART. 54 DELIBERA CONSOB 11971/1999 (REGOLAMENTO EMITTENTI)

CREDITO VALTELLINESE S.C. DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE AI SENSI DELL ART. 54 DELIBERA CONSOB 11971/1999 (REGOLAMENTO EMITTENTI) CREDITO VALTELLINESE S.C. DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE AI SENSI DELL ART. 54 DELIBERA CONSOB 11971/1999 (REGOLAMENTO EMITTENTI) Aggiornamento al 19 aprile 2010 Il documento contiene l elenco delle

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 1971/08

COMUNICATO UFFICIALE N. 1971/08 COMUNICATO UFFICIALE N. 1971/08 Data: 04/08/2008 Ora: 15.20 Mittente: TLX S.p.A. Società oggetto del comunicato: / Oggetto del comunicato: Ammissione alla quotazione di 9 strumenti finanziari emessi nell

Dettagli

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1 ISSIS DON MILANI LICEO Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA 1 NEL MERCATO FINANZIARIO SI NEGOZIANO TITOLI CON SCADENZA SUPERIORE A 18 MESI AZIONI OBBLIGAZIONI TITOLI DI STATO 2 VALORE DEI TITOLI VALORE

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE INVESTIMENTI IN TITOLI 1 GLI INVESTIMENTI IN TITOLI OPERAZIONI DI INVESTIMENTO FINANZIARIO 1. Operazioni di prestito attivo 2. Investimenti in immobilizzazioni non caratteristiche

Dettagli

Foglio Informativo IMPOSTE APPLICATE ALLA CLIENTELA secondo la Normativa Pro-Tempore vigente

Foglio Informativo IMPOSTE APPLICATE ALLA CLIENTELA secondo la Normativa Pro-Tempore vigente IM01 Foglio Informativo IMPOSTE APPLICATE ALLA CLIENTELA secondo la Normativa Pro-Tempore vigente in ottemperanza alle Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari (D.Lgs.n.385 del 1/9/1993

Dettagli

1. PREMESSE 2. OGGETTO DEL CODICE

1. PREMESSE 2. OGGETTO DEL CODICE CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI OPERAZIONI EFFETTUATE SU AZIONI DADA E STRUMENTI FINANZIARI AD ESSE COLLEGATI 1 1. PREMESSE Il presente Codice di Comportamento di DADA S.p.A. è adottato anche ai

Dettagli

Il materiale didattico di seguito riportato, disponibile online, sostituisce il paragrafo 23.5.2

Il materiale didattico di seguito riportato, disponibile online, sostituisce il paragrafo 23.5.2 Il materiale didattico di seguito riportato, disponibile online, sostituisce il paragrafo 23.5.2 Vaalore della call/azione al 15 marzo 2014 Ipotizziamo di aver acquistato 1 azione FIAT al prezzo di 5,5.

Dettagli

QUADRO RW E REDDITI ESTERI: CASI PRATICI DI COMPILAZIONE

QUADRO RW E REDDITI ESTERI: CASI PRATICI DI COMPILAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Adempimenti dichiarativi per i beni e le attività finanziarie detenute all'estero QUADRO RW E REDDITI ESTERI: CASI PRATICI DI COMPILAZIONE SANDRO BOTTICELLI

Dettagli

NOVARA AQUILONE SICAV Société d Investissement à Capital Variable 26, boulevard Royal, L-2449 Luxembourg R.C.S. Luxembourg B-63 851 (la Società )

NOVARA AQUILONE SICAV Société d Investissement à Capital Variable 26, boulevard Royal, L-2449 Luxembourg R.C.S. Luxembourg B-63 851 (la Società ) NOVARA AQUILONE SICAV Société d Investissement à Capital Variable 26, boulevard Royal, L-2449 Luxembourg R.C.S. Luxembourg B-63 851 (la Società ) Avviso agli Azionisti di Novara Aquilone Sicav Lussemburgo,

Dettagli

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Roma, 3 giugno 2015 Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine dicembre La Banca d Italia

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA 3 Novembre2015 Gli strumenti finanziari Eleonora Isaia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA Le esigenze finanziarie

Dettagli