Settore Innovazione Tecnologie Informatiche. La rete d Ateneo: relazione del Siti-car dicembre 2009.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Settore Innovazione Tecnologie Informatiche. La rete d Ateneo: relazione del Siti-car dicembre 2009."

Transcript

1 Settore Innovazione Tecnologie Informatiche La rete d Ateneo: relazione del Siti-car dicembre

2 Introduzione. Questo documento riassume il bilancio dell attività effettuata dal Servizio Controllo Accessi alla rete (di seguito identificato come Siti-car) durante l anno 2009 e indica quali saranno, presumibilmente, le aree di maggior coinvolgimento per l anno In sintesu, a fianco della ordinaria attività di manutenzione ed assistenza che occupa buona parte del tempo del personale del Siti-car, gli eventi che hanno maggiormente caratterizzato il 2009 sono stati: Coordinamento e configurazione finalizzato alla installazione di circa 180 apparati HP mod forniti da Telecom in seguito all attivazione del bando Fonia Dati; La prosecuzione del dispiegamento della rete wireless raggiungendo un totale di 280 antenne installate; Migrazione di alcuni edifici del campus su una nuova architettura Hp Creazione di un sito per la documentazione dell architettura di rete Ottimizzazione della procedura di gestione degli utenti temporanei sul sistema wifi e gestione dei log; Dobbiamo putroppo ancora constatare che le attività sono svolte in condizioni molto lontane dall essere ottimali: si lamenta scarsità del personale addetto ed una sudddivisione dei compiti senza una adeguata organizzazione. Significativo a questo proposito l incidente accaduto all inizio di marzo del 2009 e relativo ad un presunto mancato intervento del Siti-car in seguito ad un guasto di un apparato alle segreterie di via Volturno. Per sopperire alla endemica mancanza di personale presso un altra struttura era stato chiesto un intervento al Siti-car sebbene le mansioni, cosi come sono esplicitate nei documenti dell organigramma, sono prevedono attività di questa natura. Il Siti-car è costituito da due unità di personale che non riescono nemmeno a garantire il presidio sull arco delle cinquanta ore settimanali (8:30 18:30 lun-ven). Alla costante carenza di personale si contrappone una sempre più marcata tendenza a veicolare sulla rete servizi strategici come servizi amministrativi, servizi all utenza, la telefonia ed il telecontrollo; il tutto aggravato anche dal fatto che ciascuno di questi aspetti è studiato e realizzato da gruppi distinti di persone, che operano in completa autonomia e qualche volta anche in netto contrasto con le potenzialità od opportunità offerte dalla rete. C è infine, sempre dal punto di osservazione del Siti-car, una scarsa progettazione dello sviluppo della rete, argomento che, a nostro avviso, richiederebbe una visione pluriennale con obiettivi chiari, definiti e noti. L esigenza di una accurata progettazione e gestione è tanto più sentita quanto è ormai evidente che l infrastuttura di rete è per qualsiasi azienda lo strumento strategico di sviluppo, il cui valore va ben oltre alla somma dei valori dei singoli apparati che la

3 compongono. Nel nostro caso invece le modifiche o gli sviluppi sembra che accadano più per effetto di cause esterne che per la determinazione di una crescita organica. La rete d Ateneo: dicembre La situazione contemporanea attraverso i numeri. L intero sistema della rete d Ateneo è contraddistinto da una notevole variabilità temporale legata ai ritmi delle presenze e delle attività di tutti i suoi utenti: per questa ragione non è possibile descriverla con dei numeri esatti. Qui di seguito sono pertanto riportati quindi dei valori indicativi. Intendendo con nodo un qualsiasi oggetto collegato alla rete, ci sono circa cinque mila nodi attivi durante i giorni feriali dei quali, circa 1500 rimangono attivi anche durante i giorni festivi e la notte. Il numero complessivo è ormai stabile da alcuni anni, segno che è stata raggiunta da tempo la massima espansione possibile. L unico apporto significativo alla crescita dei nodi e la progressiva installazione dei telefoni in tecnologia VoIP. La categoria di nodi sicuramente più numerosa è costituita da personal computer o workstation che sono circa La maggioranza sono computer ad uso personale mentre circa centocinquanta svolgono la funzione di server offrono cioè servizi per l intera comunità. Un altra categoria di nodi è costituita dagli apparati di rete. Essa è suddivisa in circa duecentoottanta apparati L2 (che svolgono la funzione di concentratori locali, consentendo cioè alla connessione fra uffici adiacenti) ed una trentina di apparati L3 con funzioni di connessione remota o intersede. Gli apparati di connessione alla rete sono distribuiti in circa 150 armadi di rete presso i quali sono attestati tutti i cavi che da qui si estendono fino agli uffici degli utenti. Gli apparati di rete, così come generalmente i server, sono in funzione 24 ore su 24. Si continua con circa 260 Access point che offrono il servizio di connessione senza fili.. Infine ci sono circa una cinquantina di dispositivi per il telecontrollo e la telesorveglianza (Rilevatori di presenze, telecontrollo allarmi e telecamere su IP). E probabile che nel prossimo futuro il numero di questi apparati sia destinato ad aumentare in quanto i fornitori convergono inesorabilmente verso l utilizzo della rete di trasmissione dati come veicolo per la trasmissione di informazioni abbandonando progressivamente l uso di infrastrutture proprietarie (cavi coassiali o altre reti specializzate).

4 Riassumendo dunque la situazione è la seguente: Numero complessivo di nodi 5000 Apparati di rete 300 Telefoni VoIP 300 Server d Ateneo 200 Access Point 300 Telecontrollo/telesorveglianza 50 Tabella 1: numerosità dei nodi di rete I nodi sono distribuiti in sedici plessi cittadini, tredici dei quali sono collegati fra loro in fibra ottica a 1 Gbit/sec con percorso ridondato mentre tre sedi minori sono collegate con tecnologia hdsl garantendo loro una velocità di 2 Mb/sec. (figura 4) Figura 4: Topologia della dorsale di rete dell Ateneo. Il collegamento fra la rete d Ateneo ed Internet. L Università di Parma si allaccia ad Internet tramite un consorzio denominato GARR (Gruppo Armonizzazione Reti per la Ricerca). Il consorzio gestisce la dorsale di collegamento fra gli enti accademici e culturali italiani le reti di ricerca europee, la rete commerciale e le reti internazionali. Il canale utilizzato e un ATM 155 Mb/s e l utilizzo medio è nell ordine del 90% con un andamento che risente sensibilmente dei ritmi giornalieri del lavoro. Le punte massime, che eccedono la capacita della banda, si verificano tipicamente fra le ore 10 e le 12 e fra le 13 e le 16 di ogni giorno lavorativo Da tempo il GARR ventila la necessità di aumentare la banda a disposizione dell Università ma essendo esso un processo condizionato dallo sviluppo a livello

5 nazionale i tempi di esecuzione sono piuttosto incerti ed è improbabile che l Universita di Parma (come singolo ente) possa in qualche modo influire o condizionare l evolversi della situazione. Per questa ragione è opportuno che, pur rimanendo in stato di attesa di una comunicazione del GARR medesimo, si rinnovi una sorta di preallarme (che dura per la verità da alcuni anni) che consenta l Amministrazione di effettuare le attività necessarie per una rapido aggiornamento nel momento in cui se ne presenterà l occasione.. Sul canale di comunicazione il protocollo più attivo è sicuramente l http, cioè i servizi web prevalgono nettamente su qualsiasi altro servizio come testimonia la figura 6 mentre la posta elettronica impegna la rete per una frazione inferiore al 10% Traffico: distribuzione fra i protocolli. Il ruolo del Siti-car. Definita a grandi linee la consistenza dell infrastruttura a cui ci riferiamo, descriveremo qui di seguito quale è stata l attività effettuata dal Siti-car nel 2009 andando ad espandere e commentare alcune voci che definiscono il profilo operativo del servizio all interno dell organigramma. 1) controllo dell accesso alla rete e ai servizi erogati in rete dalle strutture d Ateneo, sulla base delle leggi in vigore e dei regolamenti interni all Ateneo o di quanto stabilito da organi interni; In questo contesto rientrano le attività di gestione e manutenzione del firewall d Ateneo del Traffic shaper e delle access-list distribuite sui vari router di plesso. L attività già descritta in dettaglio nella relazione di fine anno 2008 non ci sono state variazioni di rilievo. Gli auspici manifestati in quel contesto di realizzare nel corso del 2009 un data-base per documentare le varie richieste di modifiche e aggiunte associandole opportunamente ad un responsabile sono andati disattesi in parte per ragioni di tempo ed in parte a causa di un incredibile disinteresse dell Amministrazione a discutere la proposta di aggiornamento del Regolamento di Accesso alla rete di Ateneo, presentata nel gennaio 2009, nella quale si proponeva un assetto formale ai ruoli e funzioni di tutti coloro che a vario titolo gestiscono la rete.

6 2) implementazione, gestione delle tecnologie per il controllo di accessi alla rete intranet e dell autenticazione degli utenti che si collegano da remoto; L attività sopra descritta consiste nell installare (quando assente), mantenere ed aggiornare ogni tipo di hardware o software che autorizza o controlla l accesso alla rete. La centralità di questa funzione diventa evidente quando ad esempio si pensa alla modalità d accesso alla rete wireless. La copertura radio di un comune access-point non è facilmente confinabile e definibile, ed è pertanto necessario effettuare dei controlli in modo da consentire gli accessi solo ai titolari di requisiti ben definiti e che, in ogni caso, abbiano un preciso rapporto con l università. Il processo è noto come processo di autenticazione, autorizzazione (ed accounting solitamente abbreviato con AAA). Nel corso del 2009 abbiamo perfezionato gli strumenti per la gestione di eventi occasionali quali ad esempio conferenze o attività con ospitalità temporanea e l integrazione al servizio Eduroam del Garr, volto a permettere il roaming wi-fi tra gli utenti appartenenti ad enti nazionali ed internazionali aderenti all iniziativa. Il sistema è da considerarsi dunque a regime e necessita solo di attività di ordinaria amministrazione. Nel controllo degli accessi in rete rientra l attività di gestione e manutenzione dell accesso tramite le VPN. Il servizio consente ad un computer esterno all Università di Parma di presentarsi come se appartenesse alla rete d Ateneo consentendo fruizione di tutte le risorse riservate al personale ed irraggiungibili da altre reti (es. banche dati). L utilizzo del servizio è soggetto ad un processo di autenticazione. L interesse per questa tecnologia è crescente in quanto, nel tempo, aumenta il numero di televoratori o utenti mobili. Il servizio si poggia su un apparato hardware installato nel 2006 e, nel corso del 2009, è stata fatta solo attività di ordinaria amministrazione e supporto degli utenti finali. L apparato ha chiuso il suo ciclo di vita ed il firmware non è più aggiornato ma la concomitanza con la commercializzazione di nuove versioni di sistemi operativi (Window 7 e Mac OS 10.6) suggeriscono necessita una rapida. 3) attività necessarie al funzionamento, all'aggiornamento e allo sviluppo della rete di trasmissione dati dell'ateneo, alcune delle quali svolte in collaborazione con il S.I.S.A. In quest ambito rientrano ad esempio le modifiche alla topologia della rete effettuate al Campus, in via Kennedy, in via Volturno ed in via Gramsci. A questo proposito sono stati installati circa duecento nuovi apparati rendendo la rete uniforme quasi completamente controllabile e gestibile da remoto. In virtù della omogeneità raggiunta è ora possibile mettere a punto servizi più sofisticati come l accesso wired subordinato all autenticazione ed il controllo di virus. E probabile che parte dell attività sarà svolta nel 2010

7 4) gestione del DNS (domain name-server) primario per la registrazione degli indirizzi di rete delle stazioni della rete d'ateneo (IP-address del dominio unipr.it) e coordinamento del piano di indirizzamento delle reti locali di tutti gli insediamenti (sottoreti); L attività e stata già descritta nel corso della relazione del 2008 e nel 2009 non presenta alcuna variazione sostanziale. Anche per il 2010 è prevista solo l attività di ordinaria amministrazione. 5) rapporto tecnico con il GARR; Il GARR, gestore della dorsale di comunicazione che collega le università italiane fra loro e con le altre comunità accademiche internazionali, opera in ambito locale con l ausilio di figure tecniche di riferimento denominate APM (Access Port Manager riferimento tecnico) e APA (Access Port Administrator riferimento amministrativo) che fungono da intermediari. Come già sopra anticipato è possibile che, nel corso del 2010, si debba effettuare una radicale modifica del collegamento dell Ateneo verso la rete Garr con un impegno temporale impossibile da definire a priori. 6) monitoraggio del traffico di rete e degli incidenti di sicurezza informatica quali intrusioni sui sistemi informatici, diffusione virus e abusi vari; Il monitoraggio del traffico di rete è spesso un attività legata al degrado ingiustificato delle prestazioni di rete d interi plessi, generalmente causato da virus o occasionali malfunzionamenti software/hardware. Gli eventi sono fortunatamente rari ma per la loro imprevedibilità e variabilità degli effetti sono di difficile diagnosi e possono richiedere molto tempo. In genere è effettuato con il supporto degli amministratori di rete locali (se presenti). Altro tipo di monitoraggio è quello continuo (24 ore su 24) effettuato su alcuni collegamenti strategici al fine di valutare lo stato di occupazione della banda e di effettuare delle registrazioni di traffico con lo scopo di fornire una documentazione a fronte di una indagine giudiziaria. La registrazione è effettuata sulla base delle indicazioni contenute nel Regolamento d Accesso ai servizi di Rete Per queste mansioni non si prevedono variazioni significative per l anno ) supporto alla gestione e segnalazione degli incidenti di sicurezza informatica per i gestori di sistemi di elaborazione di tutto l'ateneo; L attività viene svolta, in genere, sulla base di una segnalazione da parte del GARR di un evento fraudolento, generato da un computer d Ateneo ed avente come destinazione

8 uno o più computer che si trovano su reti internazionali. Classicamente sono relativi ad eventi di violazione dei diritti d autore o a diffusione di virus informatici. In seguito alla segnalazione si procede ad avvisare gli amministratori di rete (se esistenti) e a bloccare il nodo autore della violazione. La frequenza di questi eventi è quasi quotidiana. La procedura non è automatizzabile e, per evitare falsi positivi e disagi ad utenti incolpevoli, è anche piuttosto onerosa. Per questa ragione si è cercato di coinvolgere direttamente il Rettore in modo tale da rendere le raccomandazioni d uso dei servizi rete ancora più dissuasive nei confronti di tutte queste attività illecite o quantomeno non istituzionali. 8) diagnostica dei problemi di collegamento alla rete e relativa assistenza per tutto l'ateneo; E una attività ordinaria di manutenzione e supporto all utenza generica intendendo con questo termine tutta quella utenza che non ha mansioni amministrative (costoro si rivolgono direttamente al SISA) e che si trova in sedi senza personale informatico in servizio. Aumentando nel tempo la familiarità degli utenti con i software di rete ed avendo raggiunto un assetto che potremmo chiamare stazionario vale a dire senza installazioni di rilievo, il tempo dedicato all assistenza va progressivamente diminuendo. 9) partecipazione a progetti di sviluppo e aggiornamento della rete d'ateneo e all interconnessione con altre reti; Nell ambito dell aggiornamento della rete, con specifico riferimento alla rete wireless, nel corso del 2009 si è proceduto con la dislocazione delle antenne ed apparati di supporto (5 HP 5308 e 150 HP 2626 POE) raggiungendo alla fine dell anno 2009 una copertura completa per molti plessi. A dicembre 2009 sono escluse le sedi di Via Gramsci e la Centrale e via Kennedy principalmente a causa di mancanza di fondi e di difficoltà di approvvigionamento del materiale. La sede di via Kennedy/via D Azeglio ad esempio ha l infrastruttura pronta ma ci deve essere ancora recapitato il materiale ordinato a luglio 2009 Nel corso del 2009 è stato speso un po di tempo per valutare la fattibilità della interconnessione della rete di Ateneo con la costruenda rete del Conservatorio Musicale A. Boito e con la sede dell EFSA. In entrambe i casi siamo in attesa di evoluzioni dipendenti dagli enti citati. 10) gestione degli apparati di rete distribuiti negli insediamenti dell'ateneo, ivi comprese le nuove installazioni; L attività prevede il controllo e la gestione degli apparati al fine di garantire un buon funzionamento della rete. Si tratta talora di modificare le configurazioni al fine di accogliere nuove esigenze o riassetti organizzativi o la gestione dei guasti sia in caso di guasti bloccanti che nel caso di guasti di minore rilevanza.

9 Con l ammodernamento e l installazione degli apparati di cui sopra, si dispone ora per la prima volta di un cruscotto di facile interpretazione che riassume visivamente lo stato complessivo della rete. L esempio e riportato nella figura sottostante Cruscotto riassuntivo dello stato di rete. Per il 2010 si procederà a configurare sugli apparati delle funzionalità avanzate quali ad esempio le Vlan (con la distribuzione capillare della fonia o zone di servizio riservato) o servizi aggiornati quali l accesso alla rete autenticato o la soppressione automatica delle tempeste di virus. 11) sperimentazione di nuove tecnologie inerenti la rete; L incerto procedere del progetto WI-FI, concepito nel 2005 ed attuato nel biennio , fa si che l infrastruttura appena avviata sia già superata e fuori produzione. Le prossime evoluzioni saranno sviluppate su apparati nuovi rispetto a quelli ancora in via di installazione. Nel corso del 2010 il Siti-car deve iniziare a sperimentare le condizioni necessarie per procedere all aggiornamento architetturale senza intaccare l infrastruttura esistente. In conclusione, la distribuzione qualitativa del tempo sulle varie mansioni, sopra descritte,nel corso del 2009 è la seguente:

10 Suddivisione del tempo sulle varie mansioni. 14% 9% 8% 6% 4% 16% 4% 3% 19% 27% Attività necessarie al funzionamento rete 6% Gestione degli apparati di rete Controllo dell accesso alla rete Diagnostica dei problemi di collegamento Progetti di sviluppo e aggiornamento della rete Monitoraggio del traffico di rete Sperimentazione di nuove tecnologie Gestione del DNS e coordinamento del piano di indirizzamento Gestione e segnalazione degli incidenti Rapporto tecnico con il GARR

11 Progetti per l'anno 2010 Router di ateneo Descrizione del progetto Il router di ateneo e il dispositivo che consente alla rete aziendale di comunicare verso Internet tramite una dorsale gestita dal consorzio GARR. L apparato di rete e (secondo gli standard informatici) piuttosto obsoleto e superato. A questo si aggiunge anche qualche difficoltà a stipulare un contratto di manutenzione. Si prevede pertanto la sostituzione in concomitanza con l ampliamento della banda di accesso ad Internet. Il problema e sicuramente un problema aziendale, e la sua soluzione possa scaturire anche da progetti di altre strutture. Scopo del progetto Sostituzione di un apparato strategico ampiamente ammortizzato. Personale coinvolto Massimo Golinelli, Andrea Barontini Attività L'ipotesi che prevede l'acquisto di un nuovo apparato, ipotizza una spesa di 30 mila euro ed un investimento in tempo uomo, impiegato per attivare l apparato, può variare dai cinque ai trenta giorni lavorativi a seconda che il dispositivo abbia un sistema operativo noto e sul quale gli esecutori sono già in grado di operare (es. apparati Cisco) oppure sistemi operativi sconosciuti per i quali e necessario calcolare un tempo di apprendimento necessario per poter operare in sicurezza. Costi espliciti Circa trenta mila euro per l acquisto dell apparato e dieci mila euro per l acquisto di una licenza software per l ampliamento dell attività del trafic shaper.

12 Priorità: massima. IPS/IDS Descrizione del progetto Il firewall di ateneo opera come una griglia fissa, si determina cioè a priori ciò che deve passare e ciò che non può passare. E uno strumento indispensabile ma si può già intuire che non essendo basato su uno schema proattivo, non e in grado di intervenire autonomamente su eventi imprevisti come picchi di diffusione di virus, uso doloso o abuso di servizi consentiti. Questa nicchia di problemi e coperta da una classe di prodotti chiamati IPS/IDS Intrusion Prevention System. A luglio del 2006 e stato compiuto un test di inserimento in rete di un prodotto di questo tipo e se ne e verificata sul campo l effettiva utilità tanto da renderne auspicabile l acquisto. Scopo del progetto Prevenire tutte quelle situazioni non programmabili o prevedibili di rischio informatico e un uso non corretto della rete di Ateneo e del collegamento alla rete GARR Personale coinvolto Massimo Golinelli, Andrea Barontini Attività Il tempo necessario per la sua implementazione non può essere definito a priori in quanto i problemi sono completamente nuovi e non esistono competenze pregresse. Si può ragionevolmente ipotizzare da qualche giorno per la sua attivazione in una modalità elementare a più di un mese per il fine tuning. Costi espliciti Un prodotto di questo tipo ha un costo di circa mila euro Priorità: bassa.

13 Sostituzione degli apparati di dorsale del Campus. Descrizione del progetto I tre dispositivi HP sui quali sono attestate le palazzine del campus di Via Langhirano sono fuori produzione, non più aggiornabili ed espandibili. E pertanto necessario provvedere alla loro sostituzione. Scopo del progetto Normale avvicendamento di apparati. Personale coinvolto Massimo Golinelli, Andrea Barontini Attività I tempi d esecuzione sono nell ordine di 200 ore, procedendo comunque con cautela in quanto la massima priorità è data alla continuità di servizio. Costi espliciti IL costo previsto e di 75 mila euro gia impegnati sui fondi del Priorità: massima. Wi-Fi Descrizione del progetto. Completare la distribuzione presso i plessi di via Gramsci e la sede Centrale. Scopo del progetto Necessita dell Amministrazione di dotarsi di questa infrastruttura essenziale e qualificante.

14 Personale coinvolto Massimo Golinelli, Andrea Barontini Costi espliciti I plessi in questione sono ampi, complessi e con esigenze piuttosto articolate. Ragioni mediche presso la sede ospedaliera e di riservatezza presso la sede Centrale possono sconsigliare l installazione a tappeto del Wi-Fi. L inventario delle necessità, le misure di propagazione, interferenza ed assorbimento delle radiazioni richiedono un investimento in termini di tempo e strumentazione al di fuori della portata del SITI-CAR. Ritengo che una ditta esterna possa svolgere questa attività per un importo non inferiore ai 40 mila euro. Fatto l inventario ed individuata la distribuzione ottimale, si procede all acquisto di hardware il cui costo e stimabile in circa 600 euro per singola antenna installata. L importo complessivo però sfugge alla valutazione in quanto troppo dipendente dalle condizioni di cui sopra. IN conclusione la stima qualitativa e nell ordine dei 60 mila euro.. Priorità: bassa VPN Descrizione del progetto In breve esso consente ad un computer esterno all Università di Parma di presentarsi come se fosse dell Università consentendo quindi l accesso a tutte le risorse ad essa riservata ed irraggiungibili da altre reti (es. banche dati). L apparato attuale e in servizio dal 2006 ma deve essere sostituito in quanto non più in grado di essere compatibile con i nuovi sistemi operativi Window e MacOs Scopo del progetto Consentire l accesso remoto a dipendenti mobili e telelavoratori..

15 Personale coinvolto Massimo Golinelli, Andrea Barontini Costi espliciti Il costo dell operazione e di circa 10 mila euro. Attività L'impegno e ipotizzabile in ore. Priorità: massima. GARR CA E RA DI PARMA Il GARR ha istituito la certification autority per gli enti accademici. In breve consiste in un registro notarile di firme elettroniche di utenti o macchine. Per semplificare la raccolta delle firme e mantenere intatta la garanzia dell autenticità esso si avvale di una serie di autorità locali denominate Registration Authority. L autenticità viene garantita con il rispetto di un preciso codice di comportamento da parte dell RA. Scopo del progetto Introdurre con gradualità l'uso di firme elettroniche nei documenti amministrativi ed eventualmente anche fra Enti accademici che appartenenti al GARR. Personale coinvolto Massimo Golinelli, Andrea Barontini, Marco Panella Attività Inferiore alle 10 ore. Costi espliciti Non e previsto nessun costo

16 Priorità: alta Portale dati Realizzazione di un (mini)portale per la pubblicazione organica di tutto ciò che concerne la rete di ateneo. Scopo del progetto Esistono in ateneo parecchie basi dati attinenti ad aspetti di rete in generale. Ci riferiamo ad esempio a documentazione relativa alle mappe di rete, all occupazione degli indirizzi, all archivio delle configurazioni e all archivio dei log. Anche l accesso alle richieste di servizi e consulenze in questo momento richiedono l accesso a svariate risorse. Lo sviluppo di un progetto di un portale consentirebbe di raccogliere tutte queste informazioni sotto un singolo punto di fruizione agevolando l accesso anche a coloro che ci accedono saltuariamente. Potrebbe diventare anche uno strumento per erogare una nuova categoria di servizi (che potremmo definire Servizi over WiFi ) basati sulle peculiarità della rete WiFi di Ateneo rispetto alla analoghe della rete cosiddetta fissa. Le specifiche caratteristiche della rete wireless possono essere brevemente riassunte in:! Accesso immediato a tutti gli studenti subordinato ad un autenticazione fin dalle prime fasi della comunicazione (legge Pisanu e successive);! mobilità utenti;! dispositivi di accesso estremamente diversificati in termini di dimensioni (palmari,cellulari, netpc, notebook), capacità elaborative, autonomia operativa etc! variabilità della numerosità utenti per singolo access-point;! variabilità della qualità del collegamento. Si pensava pertanto di sviluppare servizi di: servizi di community come ad esempio.. servizi di geolocalizzazione attraverso Google Mas o altri servizi di mappe in rete; servizi di VoIP Mobile; servizi di integrazione fra la rete wi-fi cittadina e la rete universitaria previa definizione di un accurato protocollo d intesa. Personale coinvolto Massimo Golinelli, Andrea Barontini

17 Attività In assenza di precise richieste da parte dell amministrazione l attività sopra descritta sarà effettuata a margine di tutte le altre mansioni istituzionali. Non è pertanto valutabile il monte ore monte destinabile a questo scopo. Costi espliciti Allo stato delle conoscenze attuali non sono valutabili. Priorità: bassa. A causa della costante carenza di personale ci si auspica di realizzare il software in collaborazione con laureandi di ingegneria.

La rete d Ateneo: relazione del Servizio Gestione e controllo Rete di Trasmissione. giugno 2013.

La rete d Ateneo: relazione del Servizio Gestione e controllo Rete di Trasmissione. giugno 2013. Settore Informatica e Telecomunicazioni di Ateneo (S.I.T.A.) La rete d Ateneo: relazione del Servizio Gestione e controllo Rete di Trasmissione. giugno 2013. 1 Introduzione. Questo documento riassume il

Dettagli

Senza Fili - Tecnologie Wi-Fi per atenei con servizi più agili ed efficaci

Senza Fili - Tecnologie Wi-Fi per atenei con servizi più agili ed efficaci Senza Fili - Tecnologie Wi-Fi per atenei con servizi più agili ed efficaci 30 gennaio 2008 Fondazione CRUI Piazza Rondanini, 48 - Roma Rete wireless d Ateneo 30 Gennaio 2008 Luisella Sironi Università

Dettagli

UNIPR WiFi La rete WiFi dell Università di Parma

UNIPR WiFi La rete WiFi dell Università di Parma Università degli Studi di Parma UNIPR WiFi La rete WiFi dell Università di Parma Andrea Barontini Settore Innovazione Tecnologie Informatiche Servizio Gestione e Controllo Accessi in Rete - SITI-CAR (

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA. Area Informatica

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA. Area Informatica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Area Informatica REGOLAMENTO DI ACCESSO AI SERVIZI INFORMATICI E DI RETE Deliberato dal Consiglio di Amministrazione 25 Settembre 2007 pt. 02/04 O.d.g. Indice Art. 1 Oggetto

Dettagli

Università degli Studi di Udine. Modalità e limiti di utilizzo della rete telematica dell Università di Udine

Università degli Studi di Udine. Modalità e limiti di utilizzo della rete telematica dell Università di Udine Università degli Studi di Udine Modalità e limiti di utilizzo della rete telematica dell Università di Udine Gruppo di lavoro istituito il 16 aprile 2004 con decreto rettorale n. 281 Pier Luca Montessoro,

Dettagli

C O M U N E DI A S S E M I N I PROVINCIA DI CAGLIARI. ************* AREA DIREZIONALE Servizio SIC

C O M U N E DI A S S E M I N I PROVINCIA DI CAGLIARI. ************* AREA DIREZIONALE Servizio SIC allegato B C O M U N E DI A S S E M I N I PROVINCIA DI CAGLIARI ************* AREA DIREZIONALE Servizio SIC DISCIPLINARE TECNICO Per l espletamento del Servizio di assistenza alla rete informatica Comunale

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLO REGIONALE PROGETTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DELLA RETE DI COMUNICAZIONE

SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLO REGIONALE PROGETTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DELLA RETE DI COMUNICAZIONE S.I.A.R. SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLO REGIONALE PROGETTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DELLA RETE DI COMUNICAZIONE - Febbraio 2005 - --- Servizio Affari Generali e Amministrativi, Sistema Informativo

Dettagli

Documento Programmatico sulla Sicurezza Parte generale

Documento Programmatico sulla Sicurezza Parte generale Documento Programmatico sulla Sicurezza Parte generale SEZIONE A TRATTAMENTO DI DATI CON L AUSILIO DI STRUMENTI INFORMATICI Al fine di garantire la riservatezza e l integrità dei dati personali, sensibili

Dettagli

NORME ATTUATIVE. del Regolamento di Utilizzo dei Servizi Informatici e di Rete Università degli Studi di Brescia

NORME ATTUATIVE. del Regolamento di Utilizzo dei Servizi Informatici e di Rete Università degli Studi di Brescia NORME ATTUATIVE del Regolamento di Utilizzo dei Servizi Informatici e di Rete Università degli Studi di Brescia Sommario Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione... 2 Art. 2 - Definizioni... 2 Art. 3

Dettagli

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE Assessorato Lavori Pubblici e Infrastrutture - Trasporto e Mobilità - Patrimonio - Sport e Benessere - Personale - Polizia Municipale - Onoranze Funebri FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO

Dettagli

COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA. VII Reparto - Ufficio Telematica Servizio Telecomunicazioni CAPITOLATO TECNICO

COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA. VII Reparto - Ufficio Telematica Servizio Telecomunicazioni CAPITOLATO TECNICO COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA VII Reparto - Ufficio Telematica Servizio Telecomunicazioni CAPITOLATO TECNICO PER L AMMODERNAMENTO DEL SISTEMA DI COMUNICAZIONE del: - COMANDO GENERALE DELLA

Dettagli

Regolamento di utilizzo dei servizi di telefonia fissa e mobile

Regolamento di utilizzo dei servizi di telefonia fissa e mobile Regolamento di utilizzo dei servizi di telefonia fissa e mobile Estratto da "http://areatlc.uniroma3.it/" - Ultima modifica: 1 gennaio 2011. Indice 1 Obiettivo e ambito di applicazione 2 ACCESSO E UTILIZZO

Dettagli

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PRE REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSA ART. 1 Caratteri generali Il presente regolamento viene emanato in base al provvedimento

Dettagli

Dimensione geografica delle reti. Pan-Lan-Man-Wan-Gan-WLan-WMan-WPan. Pan-Lan-Man-Wan-Gan-WLan-WMan-WPan. Pan-Lan-Man-Wan-Gan-WLan-WMan-WPan

Dimensione geografica delle reti. Pan-Lan-Man-Wan-Gan-WLan-WMan-WPan. Pan-Lan-Man-Wan-Gan-WLan-WMan-WPan. Pan-Lan-Man-Wan-Gan-WLan-WMan-WPan Dimensione geografica delle reti Le reti possono essere più o meno vaste geograficamente. PAN LAN MAN GAN CABLATE (wired) SENZA FILI (wireless) infrarossi - onde radio WLAN WMAN WPAN MISTE (wired/wireless)

Dettagli

ALLEGATO 1 RETE D UNIVERSITA

ALLEGATO 1 RETE D UNIVERSITA ALLEGATO 1 RETE D UNIVERSITA INDICE - Rete dati - Descrizione fisica e logica. - Protocolli ed indirizzamento - Referenti informatici di struttura - Servizi: - Sicurezza - DNS - Posta elettronica d Ateneo

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA CONDUZIONE

Dettagli

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo SISTEMA DI TELECONTROLLO RILHEVA GPRS (CARATTERISTICHE DEL VETTORE GPRS E SICUREZZE ADOTTATE) Abstract: Sicurezza del Sistema di Telecontrollo Rilheva Xeo4 ha progettato e sviluppato il sistema di telecontrollo

Dettagli

Telecontrollo. Come poter controllare in remoto l efficienza del vostro impianto

Telecontrollo. Come poter controllare in remoto l efficienza del vostro impianto Telecontrollo Come poter controllare in remoto l efficienza del vostro impianto AUTORE: Andrea Borroni Weidmüller S.r.l. Tel. 0266068.1 Fax.026124945 aborroni@weidmuller.it www.weidmuller.it Ethernet nelle

Dettagli

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti 2015 Un sistema di sicurezza evoluto 01 LA VIDEOSORVEGLIANZA 02 A COSA SERVE? 03 PERCHE GLOBAL SISTEMI La videosorveglianza è un evoluto sistema di

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato Descrizione tecnico economica del sistema Indice INDICE... 2 1. OBIETTIVI... 3 2. DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI... 5 2.1.

Dettagli

Le VLAN dell Area di Ricerca di Bologna

Le VLAN dell Area di Ricerca di Bologna M.Nanni F.Tinarelli S.Tubertini Le VLAN dell Area di Ricerca di Bologna IRA 340/03 2 Introduzione La rete di trasmissione dati dell Area della Ricerca di Bologna e stata disegnata nei primi anni 90 partendo

Dettagli

SOLUZIONE AL TEMA DI SISTEMI PER L INDIRIZZO INFORMATICO (SPERIMENTAZIONE ABACUS)

SOLUZIONE AL TEMA DI SISTEMI PER L INDIRIZZO INFORMATICO (SPERIMENTAZIONE ABACUS) SOLUZIONE AL TEMA DI SISTEMI PER L INDIRIZZO INFORMATICO (SPERIMENTAZIONE ABACUS) Dovendo procedere alla realizzazione di un progetto di rete locale risulta indispensabile partire dall analisi della situazione

Dettagli

Allegato 5. Definizione delle procedure operative

Allegato 5. Definizione delle procedure operative Allegato 5 Definizione delle procedure operative 1 Procedura di controllo degli accessi Procedura Descrizione sintetica Politiche di sicurezza di riferimento Descrizione Ruoli e Competenze Ruolo Responsabili

Dettagli

Allegato tecnico. Premessa. Connettività

Allegato tecnico. Premessa. Connettività Allegato tecnico Premessa Allegato tecnico Il presente allegato tecnico descrive le modalità di accesso alla Rete Lepida, la rete a banda larga e ultralarga delle Pubbliche Amministrazioni. La Rete Lepida

Dettagli

RETI DI COMPUTER Reti Geografiche. (Sez. 9.8)

RETI DI COMPUTER Reti Geografiche. (Sez. 9.8) RETI DI COMPUTER Reti Geografiche (Sez. 9.8) Riepilogo Reti lez precedente reti locali o LAN (Local Area Network): connette fisicamente apparecchiature su brevi distanze Una LAN è solitamente interna a

Dettagli

CARTA dei SERVIZI. Servizi Informatici. di Dario Folli. Pagina 1 di 6 SERVIZI

CARTA dei SERVIZI. Servizi Informatici. di Dario Folli. Pagina 1 di 6 SERVIZI Pagina 1 di 6 CARTA dei? Pagina 2 di 6 per Hardware e Software di BASE Analisi, Progetto e Certificazione Sistema Informatico (HW e SW di base) Le attività di Analisi, Progetto e Certificazione del Sistema

Dettagli

Elenco revisioni. Rev. Data Autore Motivo 1 27/05/2014 Antonino Sanacori Prima Stesura. Linee guida per l erogazione Siti Web Istituzionali Rev.

Elenco revisioni. Rev. Data Autore Motivo 1 27/05/2014 Antonino Sanacori Prima Stesura. Linee guida per l erogazione Siti Web Istituzionali Rev. UAS Gestione portale Servizi ICT Pagina 1 di 7 Elenco revisioni Rev. Data Autore Motivo 1 27/05/2014 Antonino Sanacori Prima Stesura Indice Ambito di applicazione... 2 Definizioni... 2 Strumenti informatici...

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma)

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Appalto per l Affidamento del Servizio di MANUTENZIONE, MONITORAGGIO E CONDUZIONE DEI SERVIZI DI SERVER FARM dell Azienda Sanitaria Locale Roma H compresa la realizzazione di due progetti IT finalizzati

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE

CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE 1- Premessa 2- Tipologia della prestazione 3- Consistenza apparati di rete e macchine server 4- Luoghi di espletamento

Dettagli

DATACEN. Soluzioni informatiche. Soluzioni informatiche

DATACEN. Soluzioni informatiche. Soluzioni informatiche DATACEN DATACEN Chi siamo Datacen srl, un nuovo progetto che nasce nel 2012 dall esperienza decennale di Andrea Sistarelli. Ingegnere informatico, libero professionista nel settore dell Information Technology

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

Università Degli Studi dell Insubria. Centro Sistemi Informativi e Comunicazione (SIC) Rete Wireless di Ateneo UninsubriaWireless

Università Degli Studi dell Insubria. Centro Sistemi Informativi e Comunicazione (SIC) Rete Wireless di Ateneo UninsubriaWireless Università Degli Studi dell Insubria Centro Sistemi Informativi e Comunicazione (SIC) Rete Wireless di Ateneo UninsubriaWireless Istruzioni per l accesso alla rete WiFi INSUBRIA CAMPUS STUDENTI Configurazione

Dettagli

Obiettivi d esame HP ATA Networks

Obiettivi d esame HP ATA Networks Obiettivi d esame HP ATA Networks 1 Spiegare e riconoscere tecnologie di rete e le loro implicazioni per le esigenze del cliente. 1.1 Descrivere il modello OSI. 1.1.1 Identificare ogni livello e descrivere

Dettagli

Progetto sperimentale di telelavoro

Progetto sperimentale di telelavoro Allegato B) al decreto del direttore n. 80 del 7 luglio 2008 Progetto sperimentale di telelavoro Obiettivi L Agenzia intende sviluppare il ricorso a forme di telelavoro ampliando la sperimentazione anche

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

Documento Programmatico sulla Sicurezza delle Informazioni. Ver. 1.00

Documento Programmatico sulla Sicurezza delle Informazioni. Ver. 1.00 Documento Programmatico sulla Sicurezza delle Informazioni Ver. 1.00 20 Ottobre 1998 InfoCamere S.C.p.A. Documento Programmatico sulla Sicurezza delle Informazioni Indice 1. Introduzione...3 2. Principi

Dettagli

Capitolo 1: Architettura dei sistemi distribuiti Introduzione

Capitolo 1: Architettura dei sistemi distribuiti Introduzione Capitolo 1: Architettura dei sistemi distribuiti Introduzione Abbiamo visto come negli ultimi anni la crescita esponenziale del Web abbia in qualche modo portato allo sviluppo di servizi fortemente centralizzati,

Dettagli

IT for education. soluzioni avanzate per la gestione della rete informatica del tuo Istituto

IT for education. soluzioni avanzate per la gestione della rete informatica del tuo Istituto IT for education soluzioni avanzate per la gestione della rete informatica del tuo Istituto Gli Istituti Scolastici spesso non sono dotati di una struttura centralizzata ed efficiente dedicata alla gestione

Dettagli

UBIQUITY 6 e Server. Il documento descrive le novità introdotte con la versione 6 della piattaforma software ASEM Ubiquity.

UBIQUITY 6 e Server. Il documento descrive le novità introdotte con la versione 6 della piattaforma software ASEM Ubiquity. UBIQUITY 6 e Server Privato Introduzione Il documento descrive le novità introdotte con la versione 6 della piattaforma software ASEM Ubiquity. Versione Descrizione Data 1 Prima emissione 21/06/2015 Disclaimer

Dettagli

AREA SCIENCE PARK. I servizi ICT

AREA SCIENCE PARK. I servizi ICT I servizi ICT AREA Science Park mette a disposizione dei suoi insediati una rete telematica veloce e affidabile che connette tra loro e a Internet tutti gli edifici e i campus di Padriciano, Basovizza

Dettagli

Formazione TIC / Docenti e ATA. Percorso C1

Formazione TIC / Docenti e ATA. Percorso C1 Formazione TIC / Docenti e ATA Percorso C1 Percorso C1-10 moduli Per creare una figura in grado di gestire le reti delle scuole nel loro uso quotidiano: configurare le stazioni di lavoro, installare e

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA 3 AREA DIRIGENZIALE EDILIZIA U.A.S. EDILIZIA-DONELLI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA 3 AREA DIRIGENZIALE EDILIZIA U.A.S. EDILIZIA-DONELLI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA 3 AREA DIRIGENZIALE EDILIZIA U.A.S. EDILIZIA-DONELLI 1 Studio di fattibilità, preventivazione, progettazione di strutture edilizie nuove e per interventi di ristrutturazione,

Dettagli

Requisiti software (Capitolato Tecnico) per l implementazione di un software per la gestione della fatturazione passiva

Requisiti software (Capitolato Tecnico) per l implementazione di un software per la gestione della fatturazione passiva Requisiti software (Capitolato Tecnico) per l implementazione di un software per la gestione della fatturazione passiva Ing. Stefano Serra E-MAIL: stefano.serra@asppalermo.org 1 Informazioni sul documento

Dettagli

Documento Rif. Bando Prot.n. AOODGEFID/9035, Roma 13 luglio 2015 Data 22/09/2015

Documento Rif. Bando Prot.n. AOODGEFID/9035, Roma 13 luglio 2015 Data 22/09/2015 Secondo ciclo Convitto "Corso" in rete WLAN Avviso pubblico rivolto alle Istituzioni scolastiche statali per la realizzazione delle infrastrutture di rete LAN/WLAN. Documento Rif. Bando Prot.n. AOODGEFID/9035,

Dettagli

LA BANDA LARGA IN VAL SUSA È REALTÀ

LA BANDA LARGA IN VAL SUSA È REALTÀ LA BANDA LARGA IN VAL SUSA È REALTÀ PRESENTAZIONE DEI LAVORI DI FORNITURA E GESTIONE DI CONNETTIVITÀ IN BANDA LARGA PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DELLA VALLE DI SUSA La prima fase è terminata Rispettando

Dettagli

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL.1. Introduzione Legalmail è un servizio di posta elettronica che garantisce un elevato grado di affidabilità e sicurezza. Esso consente al Cliente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA Piazza dell Ateneo Nuovo, 1 20126 MILANO Ufficio Regolamenti ed Elezioni tel:02-64486151 fax:02-64486045

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA Piazza dell Ateneo Nuovo, 1 20126 MILANO Ufficio Regolamenti ed Elezioni tel:02-64486151 fax:02-64486045 RETE DATI Descrizione fisica e logica Per Rete di Ateneo si intende l infrastruttura che permette lo scambio di dati e l accesso ai servizi di rete internamente ed esternamente all Ateneo. La parte passiva

Dettagli

Manuale Helpdesk Ecube

Manuale Helpdesk Ecube 2013 Manuale Helpdesk Ecube Sede Legale e Operativa: Corso Vittorio Emanuele II, 225/C 10139 Torino Tel. +39 011 3999301 - Fax +39 011 3999309 www.ecubecenter.it - info@ecubecenter.it Codice Fiscale P.IVA

Dettagli

Realizzazione, ampliamento o adeguamento delle infrastrutture di rete LAN/WLAN

Realizzazione, ampliamento o adeguamento delle infrastrutture di rete LAN/WLAN Progetto Scuola Digitale PON Per la scuola - Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) Realizzazione, ampliamento o adeguamento delle infrastrutture di rete LAN/WLAN Introduzione Dal giorno 7 Settembre

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE. n. 24 del 22/07/2010 IL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE. n. 24 del 22/07/2010 IL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE n. 24 del 22/07/2010 Oggetto: Adozione progetto di telelavoro ed assegnazione di una postazione. IL DIRETTORE Vista la legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio

Dettagli

Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi

Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi Relatore Avv. Valentina Frediani La normativa vigente coinvolta Normativa civile e penale in materia di interferenze

Dettagli

Il progetto BABEL. come costruire e sviluppare un sistema di gestione documentale. ForumPA 25 Maggio 2016

Il progetto BABEL. come costruire e sviluppare un sistema di gestione documentale. ForumPA 25 Maggio 2016 Il progetto BABEL come costruire e sviluppare un sistema di gestione documentale ForumPA 25 Maggio 2016 LE MOTIVAZIONI BABEL è un sistema integrato per la gestione dell archivio corrente, sviluppato dall

Dettagli

HABITAT ITALIANA s.r.l. Via Serenissima, 7 25135 Brescia - Italy. Tel.+390302350081 fax+390303363050 www.habitatitaliana.it

HABITAT ITALIANA s.r.l. Via Serenissima, 7 25135 Brescia - Italy. Tel.+390302350081 fax+390303363050 www.habitatitaliana.it 1.1 INTRODUZIONE Scopo della presente offerta è la fornitura presso la casa di riposo del sistema di sorveglianza e controllo delle evasioni di ospiti non consapevoli con limitate capacità cognitive. 1.2

Dettagli

Città di Bassano del Grappa

Città di Bassano del Grappa PIANO TRIENNALE per l individuazione di misure finalizzate alla razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali Art 2 comma 594 e segg. L. 244/2007 Indice del documento 1. Premessa... 3 2.

Dettagli

LA SOLUZIONE INNOVATIVA PER GESTIRE LA TUA FLOTTA E PER ORGANIZZARE I TUOI SERVIZI

LA SOLUZIONE INNOVATIVA PER GESTIRE LA TUA FLOTTA E PER ORGANIZZARE I TUOI SERVIZI Sage Sistemi Srl Treviglio (BG) 24047 Via Caravaggio, 47 Tel. 0363 302828 Fax. 0363 305763 e-mail sage@sagesistemi.it portale web LA SOLUZIONE INNOVATIVA PER GESTIRE LA TUA FLOTTA E PER ORGANIZZARE I TUOI

Dettagli

Sicurezza Reti: Problematiche

Sicurezza Reti: Problematiche Problematiche LA SICUREZZA DELLE RETI: LE VULNERABILITA' 27 marzo 2007 Fondazione Ordine degli Ingegneri di Milano Corso Venezia Relatore Ing. Sommaruga Andrea Guido presentazione realizzata con OpenOffice

Dettagli

LE POSSIBILITA' DI ACCESSO DA REMOTO ALLE RETI DI CALCOLATORI

LE POSSIBILITA' DI ACCESSO DA REMOTO ALLE RETI DI CALCOLATORI VPN: VNC Virtual Network Computing VPN: RETI PRIVATE VIRTUALI LE POSSIBILITA' DI ACCESSO DA REMOTO ALLE RETI DI CALCOLATORI 14 marzo 2006 Fondazione Ordine degli Ingegneri di Milano Corso Venezia Relatore

Dettagli

Progetto NAC (Network Access Control) MARCO FAGIOLO

Progetto NAC (Network Access Control) MARCO FAGIOLO Progetto NAC (Network Access Control) MARCO FAGIOLO Introduzione Per sicurezza in ambito ICT si intende: Disponibilità dei servizi Prevenire la perdita delle informazioni Evitare il furto delle informazioni

Dettagli

ALLEGATO N. 4. Premessa

ALLEGATO N. 4. Premessa 1 ALLEGATO N. 4 PIANO DI SICUREZZA RELATIVO ALLA FORMAZIONE, ALLA GESTIONE, ALLA TRASMISSIONE, ALL INTERSCAMBIO, ALL ACCESSO, ALLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI Premessa Il presente piano di

Dettagli

STRUTTURA AZIENDALE PROVVEDITORATO ECONOMATO IL DIRIGENTE RESPONSABILE: DR. DAVIDE A. DAMANTI CAPITOLATO TECNICO

STRUTTURA AZIENDALE PROVVEDITORATO ECONOMATO IL DIRIGENTE RESPONSABILE: DR. DAVIDE A. DAMANTI CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI COTTIMO FIDUCIARIO AI SENSI DELL ART. 125 DEL D. LGS. 163/2006 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA E MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA HARDWARE E

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA

SCHEDA RIEPILOGATIVA Associazione fra i Comuni di Bergamasco, Borgoratto Alessandrino, Carentino, Frascaro, Fubine, Masio, Oviglio, Quargnento, Quattordio e Solero SCHEDA RIEPILOGATIVA DELLO STUDIO DI FATTIBILITA PROGETTO

Dettagli

QoS e Traffic Shaping. QoS e Traffic Shaping

QoS e Traffic Shaping. QoS e Traffic Shaping QoS e Traffic Shaping 1 Introduzione In questa mini-guida illustreremo come configurare il FRITZ!Box per sfruttare al massimo la banda di Internet, privilegiando tutte quelle applicazioni (o quei dispositivi)

Dettagli

Allegato A REGOLAMENTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DELLA RETE DATI

Allegato A REGOLAMENTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DELLA RETE DATI Allegato A REGOLAMENTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DELLA RETE DATI Art. 1 Definizioni...1 Art. 2 - Gestione delsistema Integrato di Reti d'ateneo... 1 Art. 3 -

Dettagli

ANALISI DELL INFRASTRUTTURA IT

ANALISI DELL INFRASTRUTTURA IT ITAS ANALISI DELL INFRASTRUTTURA IT Criticità di sicurezza Trento Hacking Team S.r.l. http://www.hackingteam.it Via della Moscova, 13 info@hackingteam.it 20121 MILANO (MI) - Italy Tel. +39.02.29060603

Dettagli

PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY

PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY Pagine 1 di 5 PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY PERCHE QUESTO AVVISO La presente Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori

Dettagli

il software disponibile in CLOUD COMPUTING... un salto nel futuro, con i fatti.

il software disponibile in CLOUD COMPUTING... un salto nel futuro, con i fatti. il software disponibile in CLOUD COMPUTING... un salto nel futuro, con i fatti. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO SHERPAWEB IN CLOUD COMPUTING Esakon per occuparsi al meglio di ICT (Information Communications Technology,

Dettagli

Oggetto: PROGETTO DI RETE FREE WIFI. APPROVAZIONE CONVENZIONE CON LA PROVINCIA DI FROSINONE. LA GIUNTA COMUNALE

Oggetto: PROGETTO DI RETE FREE WIFI. APPROVAZIONE CONVENZIONE CON LA PROVINCIA DI FROSINONE. LA GIUNTA COMUNALE Oggetto: PROGETTO DI RETE FREE WIFI. APPROVAZIONE CONVENZIONE CON LA PROVINCIA DI FROSINONE. LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che la Provincia di Frosinone ha avviato un percorso per la realizzazione di un

Dettagli

Allegato D Assistenza tecnica personalizzata Assistenza personalizzata

Allegato D Assistenza tecnica personalizzata Assistenza personalizzata Allegato D Assistenza tecnica personalizzata Il servizio di assistenza tecnica personalizzata consiste nel controllo centralizzato del sistema di fonia dell Università, attraverso la supervisione dello

Dettagli

Mausoleo COMUNE DI NUORO PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DEL CIMITERO MULTIMEDIALE. Arch.Marco Cerina Ing.Enrico Dini

Mausoleo COMUNE DI NUORO PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DEL CIMITERO MULTIMEDIALE. Arch.Marco Cerina Ing.Enrico Dini COMUNE DI NUORO D O C U M E N T O D I S P E C I F I C A P E R I L P R O D O T T O Mausoleo PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DEL CIMITERO MULTIMEDIALE Arch.Marco Cerina Ing.Enrico Dini Descrizione introduttiva

Dettagli

PON FSE - Competenze per lo sviluppo Asse II Capacità istituzionale - Obiettivo H

PON FSE - Competenze per lo sviluppo Asse II Capacità istituzionale - Obiettivo H PON FSE - Competenze per lo sviluppo Asse II Capacità istituzionale - Obiettivo H Percorso formativo su Semplificazione e nuovo Codice dell Amministrazione Digitale H - 4 - FSE - 2012-1 Obblighi Dal momento

Dettagli

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Massimo Petrini TERNA SpA Emiliano Casale TERNA SpA Maurizio Pareti SELTA SpA Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre

Dettagli

Guida al servizio wireless dell'univda

Guida al servizio wireless dell'univda Guida al servizio wireless dell'univda Versione 1.0 Autore Ufficio Sistemi Informativi di Ateneo Data 04/03/2013 Distribuito a: Studenti - Docenti - Amministrativi Sommario Introduzione... 1 1. Modalità

Dettagli

Installatore / Manutentore. di Personal Computer e Reti Locali

Installatore / Manutentore. di Personal Computer e Reti Locali IPSIA CAVOUR MARCONI PERUGIA 2008-2009 Corso di Terza Area per Installatore / Manutentore di Personal Computer e Reti Locali Premessa Nel progettare questo piano si richiede di mediare tra le istanze formative

Dettagli

Allegato Tecnico al Contratto di Servizio

Allegato Tecnico al Contratto di Servizio FatturaPA Fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione Allegato Tecnico al Contratto di Servizio Allegato Tecnico al Contratto di Servizio fattura PA Versione gennaio 20145 Pagina 1 di 7

Dettagli

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE 118 GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE IL PROGETTO DIADI La diffusione dell innovazione presso le piccole e medie imprese è una costante delle politiche dei Fondi Strutturali

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

NGN & WIFI PROMOSSI DALLA PA

NGN & WIFI PROMOSSI DALLA PA Il Trentino Territorio d innovazione Mario Groff mario.groff@trentinonetwork.it L infrastrutturazione in larga banda ed in fibra ottica sono elementi abilitanti allo sviluppo imprenditoriale, dei servizi

Dettagli

La sicurezza del VoIP

La sicurezza del VoIP La sicurezza del VoIP Dott. Ubaldo Bussotti Ufficio Servizi sicurezza e Certificazione Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione bussotti@cnipa.it Argomenti Costi e benefici La

Dettagli

Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione.

Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione. Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione. L evoluzione delle tecnologie informatiche negli ultimi decenni ha contribuito in maniera decisiva allo sviluppo del mondo aziendale, facendo

Dettagli

Progetto pilota Università Digitale - W@UAq

Progetto pilota Università Digitale - W@UAq Progetto pilota Università Digitale - W@UAq Con il progetto W@UAq, l Ateneo ha raggiunto i seguenti obiettivi: completare il ripristino della connettività di Ateneo, estendendo il nuovo backbone radio

Dettagli

ProCurve Manager Plus 2.2

ProCurve Manager Plus 2.2 ProCurve Manager Plus 2.2 ProCurve Manager Plus 2.2 è una piattaforma di gestione di rete basata su Windows sicura ed avanzata che consente agli amministratori di rete di configurare, aggiornare, monitorare

Dettagli

Regolamento relativo all uso della posta elettronica

Regolamento relativo all uso della posta elettronica Regolamento relativo all uso della posta elettronica Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina le modalità di utilizzo del servizio di posta elettronica fornito dall

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO PER L ANNO 2009

PROGRAMMA OPERATIVO PER L ANNO 2009 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO PER L ANNO 2009 UNITA COMPLESSA PER IL SISTEMA INFORMATIVO 127 SOMMARIO Scheda 1 GESTIONE E MANUTENZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO... 2 Scheda 2 MANUTENZIONE

Dettagli

Università Degli Studi dell Insubria. Centro Sistemi Informativi e Comunicazione (SIC) Rete Wireless di Ateneo UninsubriaWireless

Università Degli Studi dell Insubria. Centro Sistemi Informativi e Comunicazione (SIC) Rete Wireless di Ateneo UninsubriaWireless Università Degli Studi dell Insubria Centro Sistemi Informativi e Comunicazione (SIC) Rete Wireless di Ateneo UninsubriaWireless Istruzioni per l accesso alla rete WiFi INSUBRIA-CAMPUS-STUDENTI Configurazione

Dettagli

DATASHEET DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DISTINTIVE

DATASHEET DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DISTINTIVE DATASHEET DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DISTINTIVE Juicy iax è l innovativa soluzione plug&play per home&building automation progettata da Omniabit. Dal design compatto ed essenziale e progettato per supportare

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO WI-FI CGIL

ATTUAZIONE DEL PROGETTO WI-FI CGIL Seminario Nazionale ATTUAZIONE DEL PROGETTO WI-FI CGIL 10 luglio 2009 Sala Fernando Santi - CGIL nazionale - Corso d Italia 25 - Roma PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Wi-Fi CGIL All interno del Progetto nazionale

Dettagli

BOZZA D.P.S. Documento Programmatico sulla Sicurezza. Intestazione documento: Ragione sociale o denominazione del titolare Indirizzo Comune P.

BOZZA D.P.S. Documento Programmatico sulla Sicurezza. Intestazione documento: Ragione sociale o denominazione del titolare Indirizzo Comune P. BOZZA D.P.S. Intestazione documento: Ragione sociale o denominazione del titolare Indirizzo Comune P.iva Documento Programmatico sulla Sicurezza Indice finalità del documento inventario dei beni in dotazione

Dettagli

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE ARTICOLO 1 OGGETTO DEL CONTRATTO

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE ARTICOLO 1 OGGETTO DEL CONTRATTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio I.P.S.S.S. Edmondo De Amicis Sede Centrale: Via Galvani, 6 00153 Roma 065750889/559-065759838 www.edeamicis.com

Dettagli

Tecnologie Informatiche. security. Rete Aziendale Sicura

Tecnologie Informatiche. security. Rete Aziendale Sicura Tecnologie Informatiche security Rete Aziendale Sicura Neth Security è un sistema veloce, affidabile e potente per la gestione della sicurezza aziendale, la protezione della rete, l accesso a siti indesiderati

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA TELECOM ITALIA

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA TELECOM ITALIA PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA E TELECOM ITALIA per la realizzazione di agevolazioni per gli studenti nell ambito dell iniziativa IoStudio - La Carta

Dettagli

Percorso Formativo C1

Percorso Formativo C1 1 Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione Percorso Formativo C1 Modulo 1 Infrastrutture informatiche all'interno di un istituto scolastico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DEL TELELAVORO PER IL PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DEL TELELAVORO PER IL PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DEL TELELAVORO PER IL PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO Emanato con D.R. n. 38 del 29 gennaio 2015 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione... 2 Art. 2 - Definizione...

Dettagli

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Salvo Mura Coordinamento Area Didattica Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Il Coordinamento Area Didattica è stato costituito come unità organizzativa nel 2008 e le

Dettagli

Università degli Studi di Messina

Università degli Studi di Messina Università degli Studi di Messina Regolamento relativo all uso della posta elettronica (Ultima modificazione: D.R. n. 2901 del 20 Dicembre 2013) Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione Il presente regolamento

Dettagli

gli apparati necessari per fare e ricevere telefonate e fax, dal centralino al singolo telefono alla linea telefonica.

gli apparati necessari per fare e ricevere telefonate e fax, dal centralino al singolo telefono alla linea telefonica. PROGETTO Cosa è CHARDLINO Tutti siamo d accordo che il telefono sia ormai uno strumento irrinunciabile per qualsiasi attività lavorativa; qualsiasi Azienda non può più permettersi di non avere un telefono

Dettagli

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor Descrizione della piattaforma software MPS Monitor MPS Monitor è il più completo sistema di monitoraggio remoto e di gestione integrata ed automatizzata dei dati e degli allarmi relativi ai dispositivi

Dettagli

Cesare Pallucca Application Engineer Manager Omron Electronics Spa

Cesare Pallucca Application Engineer Manager Omron Electronics Spa Reti di telecontrollo per le acque: i vantaggi nella modernizzazione degli impianti Cesare Pallucca Application Engineer Manager Omron Electronics Spa Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma

Dettagli

InfoFACILITY. La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL. Agenzia PROFILO AZIENDA

InfoFACILITY. La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL. Agenzia PROFILO AZIENDA La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL - Case History ARPAL - Maggio 2014 L ottimizzazione del processo manutentivo, intesa come l aumento dell efficacia degli interventi ordinari,

Dettagli